PROGRESSI DELLA SCIENZA CHE STUDIA IL CERVELLO Aggiornamento 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRESSI DELLA SCIENZA CHE STUDIA IL CERVELLO Aggiornamento 2008"

Transcript

1 PROGRESSI DELLA SCIENZA CHE STUDIA IL CERVELLO Aggiornamento 2008 Introduzione di Eve Marder, PhD La relazione tra arte e cognizione Saggio di Michael S. Gazzaniga, PhD La stimolazione cerebrale profonda: nuovi sviluppi di Mahlon R. DeLong, MD, e Thomas Wichmann, MD

2 PROGRESSI DELLA SCIENZA CHE STUDIA IL CERVELLO Introduzione di Eve Marder, PhD La relazione tra arte e cognizione Saggio di Michael S. Gazzaniga, PhD La stimolazione cerebrale profonda: nuovi sviluppi di Mahlon R. DeLong, MD, e Thomas Wichmann, MD Aggiornamento 2008

3 THE EUROPEAN DANA ALLIANCE FOR THE BRAIN EXECUTIVE COMMITTEE William Safire, Chairman Edward F. Rover, President Colin Blakemore, PhD, ScD, FRS, Vice Chairman Pierre J. Magistretti, MD, PhD, Vice Chairman Carlos Belmonte, MD, PhD Anders Björklund, MD, PhD Joël Bockaert, PhD Albert Gjedde, MD, FRSC Sten Grillner, MD, PhD Malgorzata Kossut, MSc, PhD Richard Morris, Dphil, FRSE, FRS Dominique Poulain, MD, DSc Wolf Singer, MD, PhD Piergiorgio Strata, MD, PhD Eva Syková, MD, PhD, DSc Executive Committee Barbara E. Gill, Executive Director La European Dana Alliance for the Brain (EDAB) riunisce circa 183 tra i più grandi specialisti delle neuroscienze di 27 paesi, compresi 5 premi Nobel, che si sono dati come obbiettivo di sensibilizzare il pubblico sull importanza della ricerca sul cervello. Fondata nel 1997, questa organizzazione è attiva a vari livelli dal laboratorio di ricerca fino al pubblico. Per ulteriori informazioni: The European Dana Alliance for the Brain Dr. essa Béatrice Roth, PhD Centre de Neurosciences Psychiatriques Site de Cery 1008 Prilly / Lausanne Copertina: Keystone

4 PROGRESSI DELLA SCIENZA CHE STUDIA IL CERVELLO Aggiornamento 2008 La relazione tra arte e cognizione 5 Introduzione di Eve Marder, PhD Presidente della Society for Neuroscience 11 La relazione tra arte e cognizione di Michael S. Gazzaniga, PhD 17 La stimolazione cerebrale profonda: nuovi sviluppi di Mahlon R. DeLong, MD, e Thomas Wichmann, MD I progressi della ricerca sul cervello nel Le patologie che appaiono nel corso dell infanzia 33 I disturbi del movimento 41 Le lesioni del sistema nervoso 49 Neuroetica 57 Le malattie neuroimmunologiche 65 Il dolore 71 I disturbi psichiatrici, del comportamento e le dipendenze 81 I disturbi sensoriali e delle funzioni corporee 89 Cellule staminali e neurogenesi 97 I disturbi del pensiero e della memoria 107 Referenze 117 Immaginate un mondo...

5

6 Introduzione di Eve Marder, PhD Presidente della Society for Neuroscience È in veste di ricercatrice fondamentale senza preconcetti che affronto senza remore questo aggiornamento. Esso riassume i recenti progressi nel campo delle neuroscienze che sono di primaria importanza per noi e per le nostre famiglie, per il nostro presente e il nostro futuro. Come scienziata ho avuto il privilegio di occuparmi dei problemi fondamentali delle neuroscienze, come ad esempio la regolazione omeostatica, cioè il mantenimento costante della funzione neuronale nel corso della vita. In questo contesto ho capito l utilità che il mio lavoro poteva avere per i ricercatori che si occupano di problemi clinici come ad esempio l epilessia 1, 2. Come figlia ho potuto osservare, con immenso stupore, mio padre recuperare la salute dopo un trauma cerebrale causato da un incidente stradale. È incredibile come si sia ricostituito il suo cervello di 76 anni. Dopo sette anni una persona che lo incontra per la prima volta non immaginerebbe mai le gravi lesioni che ha subito. Il suo ristabilimento testimonia la straordinaria abilità del cervello umano di recuperare, ma evidenzia anche le grandi competenze del chirurgo. Restano invece misteriosi le ragioni e i meccanismi del suo completo risana mento. Sapendo quanto sono limitate le nostre conoscenze, non c è nulla di più sconcertante per un neuroscienziato che vedere un amico o un famigliare colpito da trauma o da una malattia del cervello. Tutti i progressi descritti in questo aggiornamento sono quindi per me un piccolo segno di speranza. Come scienziata ricercatrice all università mi occupo tra l altro di un corso sui fondamenti delle neuroscienze di base e delle loro applicazioni sia sulle questioni cliniche e sia sui problemi quotidiani. Come insegnante trovo molto soddisfacente il numero di volte in cui dei dettagli apparentemente 5

7 oscuri studiati dalla ricerca fondamentale preparano il terreno ai progressi clinici. Mi rallegrano molto anche i numerosi casi in cui lavori perseguiti a lungo da ricercatori fondamentali concretizzano dei progressi portando un beneficio reale ai pazienti. Le neuroscienze possono trovare delle applicazioni agli ambiti più disparati del nostro quotidiano. Prendiamo un esempio semplice: perché degli individui che crescono in famiglie diverse diventano pittori, musicisti o ballerini? Tutti abbiamo notato una specie di predisposizione che si potrebbe qualificare come «eredità familiare» in relazione all arte. È una questione di geni, di immersione precoce e di esercizio o di entrambi? Si ritiene che i matematici e i fisici siano dotati per la musica. Esiste veramente una relazione tra le aree corticali che permettono di formulare dei pensieri astratti e la musica? Educando i nostri figli all arte favoriamo lo sviluppo di altre competenze cognitive? Questi esempi molto concreti sono stati discussi da un gruppo di persone all interno del consorzio Arte e Cognizione della Dana. Ma le neuroscienze cercano anche risposte a numerose malattie, come le patologie che colpiscono i bambini. L autismo, il disturbo da deficit di attenzione e iperattività, il ritardo mentale, ecc., sono tra le malattie neurologiche più strazianti. Sono devastanti anche le patologie neurodegenerative che colpiscono l adulto, come la corea di Huntington, il morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer. Recenti studi dimostrano l importanza della genetica nella comprensione delle cause di alcune di queste malattie. Decenni di lavoro sui meccanismi genetici di base forniscono ai ricercatori gli strumenti che permettono di studiare le interazioni tra la moltitudine di geni che intervengono nelle complesse malattie dell uomo. Lo stesso messaggio emerge dai recenti lavori sui tumori cerebrali: lo studio delle vie cellulari di segnalazione che controllano la crescita e la proliferazione di numerosi tipi di cancro, compresi i tumori cerebrali, permette di intravedere nuovi trattamenti per i gliomi e per altri tipi di tumori cerebrali. 6 Grazie alla rapidità dell intervento chirurgico, il cervello di mio padre ha recuperato. I recenti progressi elencati in questo aggiornamento, realizzati nell ambito degli incidenti cerebrovascolari, dimostrano che la rapidità dell intervento è decisiva per la protezione di un cervello che ha subito sia un incidente cerebrovascolare sia un attacco ischemico transitorio che apparentemente ha minori conseguenze neurologiche. Gli interventi rapidi realizzati dopo un incidente ischemico transitorio, infatti, riducono il rischio di

8 ulteriori e più importanti ictus nelle settimane che seguono i primi segnali di un evento ischemico neurologico. Nelle patologie che riguardano l uomo, può essere particolarmente difficile trasporre le intuizioni e le scoperte realizzate sui modelli animali alla pratica clinica. Garantire la qualità e il rigore dei test clinici è talvolta difficile. A questo scopo l International Campaign for Cures of Spinal Cord Paralysis ha elaborato nuovi criteri di inclusione e di valutazione per i test clinici di trattamento delle lesioni midollari. L importanza di questi criteri è altrettanto rilevante quando si tratta di valutare un qualsiasi trattamento neurologico o psichiatrico per l uomo. Introduzione Nel corso del 2007 c è stata un esplosione d interesse per le domande nate da una giovane disciplina, la neuroetica, alla quale l American Journal of Bioethics consacra tre numeri l anno. Quattro soggetti hanno sollevato particolare attenzione: la commercializzazione di dispositivi basati sulle conoscenze del cervello in grado di identificare se una persona dice la verità, la stimolazione profonda del cervello nel trattamento della depressione, lo studio genetico della dipendenza e l imaging cerebrale. In questi ambiti siamo confrontati con le conseguenze impreviste e spinose dello sviluppo di tecnologie che in prima analisi erano destinate alla diagnosi e al trattamento dei disturbi cerebrali. Problemi di questo tipo sorgono contemporaneamente ai notevoli progressi della biologia delle cellule staminali, che forse un giorno ci solleveranno dalle controversie sull uso delle cellule staminali embrionali. Le interazioni tra il sistema immunitario e il sistema nervoso diventano sempre più tangibili. Un interazione particolarmente evidente si osserva nella sclerosi multipla. In questa malattia i fattori genetici e ambientali favoriscono l attacco da parte del sistema immunitario della guaina di mielina che avvolge le cellule neuronali. Recenti studi hanno dimostrato un legame tra diversi geni del sistema immunitario e il rischio di sviluppare la sclerosi multipla. Affascinanti scoperte suggeriscono anche l importante nesso tra la vitamina D, l esposizione al sole (che aumenta la sintesi di questa vitamina), il sistema immunitario e la sclerosi multipla. Il sistema immunitario sembra svolgere un ruolo anche in certe sindromi di dolori cronici. I meccanismi che provocano le sindromi di dolori cronici sono spesso misteriosi, essi possono includere una risposta al dolore inadeguata che si prolunga oltre l evento iniziale. Dato che un intenso dolore cronico è molto 7

9 debilitante, è spesso difficile curarlo con successo. Occorrono quindi nuove conoscenze sull organizzazione e sulle funzioni delle vie del dolore, così come nuovi tipi di trattamento. Sono inoltre necessarie nuove terapie che possano offrire un alternativa all uso prolungato di oppiacei di cui si conosce l effetto additivo. Tra i nuovi trattamenti attualmente allo studio, il più promettente è la neurostimolazione, che consiste nell impiantare degli elettrodi nelle vicinanze del midollo spinale o più in periferia. Tale metodo tende a utilizzare la stimolazione diretta per bloccare i segnali nocicettivi prima che raggiungano il cervello. In questo aggiornamento, si potranno leggere anche affascinanti nuovi studi sul modo in cui il cervello produce la febbre in caso d infezione 3. Queste nuove scoperte si basano sulle conoscenze dei meccanismi di segnalazione cellulare di base e sono state possibili grazie alla nostra capacità di manipolare geneticamente tali meccanismi nel modello animale. Le grandi patologie psichiatriche come la schizofrenia, la depressione, la dipendenza si manifestano spesso per la prima volta nell adolescente o nel giovane adulto, un età in cui la persona dovrebbe essere pronta a dare il suo contributo alla società. Le ricerche effettuate nel 2007 annunciano un cambiamento di paradigma nella comprensione di queste malattie. Per molto tempo gli scienziati hanno cercato le cause delle patologie psichiatriche in disfunzioni biochimiche o molecolari, oggi sembra invece che i disturbi del pensiero e dell umore potrebbero essere la conseguenza di una connettività difettosa dei circuiti cerebrali, anche se i singoli neuroni funzionano normalmente. Nuove tecniche di imaging e di manipolazione genetica permettono di affinare la ricerca di geni da cui dipendono la creazione e il mantenimento dell architettura dei circuiti cerebrali atti a resistere ai cambiamenti dell ambiente. Il cambiamento di paradigma dovrebbe favorire un supporto all analisi di nuovi trattamenti e permettere di comprendere meglio i disturbi cognitivi che sono la con - seguenza della perdita di specifici componenti dei circuiti neurali, ad esempio i neuroni persi nelle patologie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer. 8 Tra le maggiori difficoltà nel trattamento delle patologie psichiatriche c è l estrema eterogeneità della popolazione. Una delle più grandi speranze per il futuro è disporre di farmaci o altri trattamenti in base alla costituzione genetica del paziente e che hanno quindi più opportunità di essere efficaci.

10 Molti giovani scienziati scelgono le neuroscienze perché attratti dalle «grandi» questioni: la natura della coscienza, la struttura del pensiero umano, la capacità dell uomo di usare il linguaggio, la capacità di apprezzare la musica, l interesse per i propri simili. Il lavoro svolto nel 2007 ci avvicina al momento in cui comprenderemo veramente cosa accade in un cervello composto di circuiti neuronali, durante lo svolgimento di un atto cognitivo complesso. Introduzione Nonostante le straordinarie conoscenze che abbiamo sul cervello sano e malato, ad ogni passo avanti intuiamo un po meglio quel che resta da capire. Per esempio, tutti abbiamo sperimentato la fatica psichica, eppure non abbiamo la minima idea del suo correlato biologico. Sappiamo che ogni cervello è unico, che ciascuno di noi ha ricordi propri e che il modo con cui ce ne serviamo per interagire con gli altri è senza uguali. Allo stesso tempo siamo convinti che le regole essenziali secondo le quali il cervello funziona appartengano non solamente al genere umano ma anche al regno animale. Concepirsi come individui nel contesto dei meccanismi biochimici, molecolari e genetici condivisi, è la più grande sfida dei prossimi anni di lavoro. 9

11

12 La relazione tra arte e cognizione di Michael S. Gazzaniga, PhD Nel 2004 il consorzio Arte e Cognizione della Dana ha riunito un gruppo di neuroscienziati cognitivi provenienti da sette università statunitensi, per cercare di comprendere il rapporto tra educazione artistica e capacità cognitive. In particolare il gruppo ha cercato di esplorare in quale modo l educazione artistica sia associata a delle migliori prestazioni negli studi accademici. Sono le persone con delle spiccate capacità cognitive ad essere attratte dalle attività artistiche (musica, danza, teatro) oppure praticare un arte fin dalla più giovane età induce dei cambiamenti cerebrali favorevoli allo sviluppo di altri aspetti importanti della cognizione? Questo consorzio potrebbe fornire dei risultati che permetterebbero di comprendere meglio le relazioni esistenti tra l educazione artistica e l appren dimento in altri ambiti cognitivi. La ricerca offrirà sicuramente anche nuovi elementi che permettono di valutare le conseguenze della formazione artistica e getterà le basi utili per successivi studi. Le conclusioni preliminari ottenute in quest ambito saranno vantaggiose non solamente per i genitori, gli studenti, gli insegnanti e i neuroscienziati, ma anche per i politici e i responsabili di decisioni con ricadute istituzionali. Il rapporto del gruppo di esperti, che può essere scaricato dal sito presenta il programma di ricerca dettagliato di ciascuno dei partecipanti allo studio. Ecco una sintesi delle conclusioni dei neuroscienziati: 1. L interesse verso le arti sceniche induce un alta «motivazione» che a sua volta genera la «concentrazione necessaria» al miglioramento della prestazione stessa ma anche ad altri ambiti cognitivi. 11

13 2. Alcuni studi genetici evidenziano l esistenza di possibili geni che potrebbero spiegare le differenze individuali nell interesse per l arte. 3. Esistono dei nessi tra la formazione musicale ad alto livello e la capacità di elaborare le informazioni nella memoria a corto e a lungo termine: queste correlazioni oltrepassano l ambito musicale. 4. Nel bambino sembra esistere un legame specifico tra la pratica della musica e le competenze nella rappresentazione geometrica, ma non nelle altre forme di rappresentazione numerica. 5. Esistono delle correlazioni tra l educazione musicale e l acquisizione sia della lettura, sia dell apprendimento sequenziale. La conoscenza fonologica, uno degli indicatori centrali dell acquisizione precoce della lettura e della scrittura, è correlata con la pratica musicale e con lo sviluppo di una specifica via cerebrale. 6. Il teatro sembra rinforzare la memoria, il giovane attore sviluppa, infatti, la capacità generale di manipolare le informazioni semantiche. 7. L interesse che un adulto prova per l estetica è in relazione con una componente di apertura mentale, che a sua volta è influenzata da geni collegati alla dopamina. 8. Imparare a ballare osservando dei passi di danza è simile all impararli eseguendoli fisicamente, sia a livello di risultati sia nell attivazione dei substrati neurali che supportano lo svolgimento di azioni complesse. L apprendimento attraverso l osservazione è applicabile anche all acquisizione di altre competenze cognitive. Per la prima volta le neuroscienze cercano di capire se un attività artistica può modellare il cervello amplificando le competenze cognitive generali. La questione è di tale portata che, come per alcune patologie organiche, non mancheranno speculazioni esagerate e affermazioni fantasiose, ma come spesso accade, se non saranno fondate di sicuro esse si rivolteranno come un boomerang contro i loro autori. 12 Esiste una difficoltà particolare nelle correlazioni. Proprio la povertà e il carattere dubbioso di certi studi correlativi hanno motivato la creazione del consorzio. Non bisogna quindi dimenticare che la «correlazione», sempre

14 interessante da osservare, accompagna, confronta, e completa dei risultati, ma è la comprensione dei meccanismi che fa progredire e cambiare le cose. Sebbene gli scienziati debbano ricordare costantemente la necessità di distinguere tra correlazione e causalità, è importante evidenziare che nell ambito delle neuroscienze spesso si parte da una correlazione. Per esempio spesso si osserva che una specifica attività cerebrale può essere connessa a un particolare comportamento. Quando si tratta di decidere quale sarà la ricerca più produttiva però, è importante sapere quanto queste correlazioni siano forti oppure deboli. Molti degli studi menzionati in questo rapporto contengono delle correlazioni già rilevate in lavori precedenti, essi pongono quindi le basi per altri studi che fondandosi sulle conoscenze dei meccanismi biologici e cerebrali che sottendono queste relazioni, permetteranno di spiegarne veramente le cause. La relazione tra arte e cognizione Così come una correlazione può essere stretta o debole, anche il nesso di casualità può essere forte o debole. Si potrebbe teoricamente ammettere una causalità generale del tipo «fumare provoca il cancro», con degli studi prospettici randomizzati che dimostrano che i bambini con un attività artistica realizzano dei risultati cognitivi migliori degli altri. Per un risultato così netto, la causalità sarebbe debole, infatti la ricerca non ha ancora scoperto nemmeno uno dei meccanismi cerebrali dell apprendimento che permettono di «comprendere» in quale modo ottimizzare l educazione artistica. Non si conoscono nemmeno meccanismi generali dell apprendimento cerebrale, né gli stadi di sviluppo ai quali il cervello è particolarmente sensibile a determinate esperienze. Tra la correlazione stretta e la causalità pura, si estende un vasto e prezioso ambito di ricerca: le questioni basate sulla teoria che utilizzando i metodi delle neuroscienze cognitive, prevedono delle esperienze che dimostrano come i cambiamenti cerebrali prodotti da un attività artistica arricchiscano la vita e come questo profitto si trasponga agli ambiti che favoriscono le acquisizioni accademiche. Pur non essendo svolti a livello cellulare o molecolare, questi studi incrementano in modo significativo le nostre conoscenze. Un buon esempio in questo senso è il lavoro del consorzio a proposito della danza. Le ricerche dimostrano, infatti, che l allievo ballerino diventa un eccellente osservatore e che può imparare anche solo guardando. A 13

15 livello neuronale questo è da attribuire alla notevole sovrapposizione tra le regioni del cervello che usiamo per osservare e quelle per muoverci. Tali substrati neuronali condivisi sono più importanti quando si tratta di organizzare un azione complessa in una serie ordinata di movimenti. In futuro sarà possibile stabilire se è immaginabile trasferire le competenze di osservazione ad altri ambiti puramente accademici. Tuttavia non è una questione da poco identificare un meccanismo causale in un ambito complesso come quello dei circuiti cerebrali. Gli studi sull arte e la cognizione realizzati dal consorzio della Dana nel corso degli ultimi tre anni, hanno posto delle basi sufficientemente solide per successivi lavori. Una nuova dimensione sta aprendosi nelle neuroscienze. Scoprire come la prestazione e l apprezzamento dell arte amplifichino le competenze cognitive, permetterà di imparare meglio, di vivere più serenamente e di essere più produttivi. Ecco qualche idea per estendere gli studi presentati in questo rapporto: 1. Studi realizzati in precedenza hanno dimostrato che la musica, le arti visive, le arti drammatiche e la danza, implicano circuiti neuronali diversi. Future ricerche dovrebbero esaminare in che misura questi circuiti si distinguono e in quale si sovrappongono. 2. Sarebbe interessante scoprire per quale ragione i cambiamenti delle reti neuronali coinvolte in una determinata attività artistica, sono più rapidi quando la motivazione è elevata e mostrare in quale misura essi influenzano altre forme cognitive. 3. Attraverso recenti tecniche d imaging è possibile esplorare nel dettaglio i nessi tra la musica e le arti visive, oltre che certi aspetti della matematica, come la geometria. 4. Il collegamento tra la motivazione intrinseca per una specifica forma d arte e l attenzione continua alle mansioni che sottendono quella determinata espressione artistica, deve essere esplorato con l aiuto di metodi che vertono sul comportamento e con le tecniche di imaging così da dimostrare che i cambiamenti in certe vie sono più importanti se la motivazione è alta La ricerca di specifici indicatori dell interesse e l influenza dell educazione artistica, dovrebbe continuare combinando appropriati questionari

16 di ricerca, l uso di potenziali geni già identificati e le esplorazioni del - l intero genoma. Altre questioni potrebbero essere esplorate in futuro: 1. In quale misura è causale il nesso tra l educazione musicale, la lettura e l apprendimento sequenziale? Se è causale, sono modificate le connessioni tra le regioni del cervello implicate? 2. È causale anche il nesso tra la pratica della musica o del teatro e i metodi di memorizzazione? Se sì, l imaging cerebrale può evidenziarne il meccanismo? 3. Nelle arti connesse allo spettacolo, qual è il ruolo dell osservazione e dell imitazione? È possibile preparare il sistema motorio a complessi passi di danza semplicemente osservando e immaginando il movimento da eseguire? La disciplina e le competenze cognitive necessarie si trasferiscono anche ad altri ambiti? La relazione tra arte e cognizione Su iniziativa del consorzio, alcuni tra gli eminenti neuroscienziati cognitivi del mondo hanno analizzato le correlazioni sulle arti e la cognizione e hanno cominciato ad affrontare la questione della causalità. Le scoperte e i progressi realizzati in quest occasione hanno chiarito il seguito da dare al progetto. Le proposte di analisi appena elencate sono tratte direttamente dal progetto, il loro scopo è di permettere di approfondire il nuovo ambito di analisi. Questo progetto ha permesso d identificare dei geni potenzialmente implicati nella predisposizione all arte e di mostrare che il miglioramento delle capacità cognitive potrebbe estendersi a specifiche competenze intellettive, come il ragionamento geometrico. Si potrebbero identificare delle vie cerebrali specifiche e osservarne il cambiamento quando una persona esegue un attività artistica. Talvolta non è il cambiamento a livello strut turale del cervello, ma piuttosto la variazione di strategia cognitiva che permette di risolvere un problema. Una formazione musicale precoce e mirata migliora le competenze cognitive attraverso un meccanismo non ancora delucidato. Tutte queste sono scoperte importanti e soprattutto avvincenti. 15

17

18 La stimolazione cerebrale profonda: nuovi sviluppi di Mahlon R. DeLong, MD, e Thomas Wichmann, MD Introduzione Nel corso del secolo scorso a causa del - l assenza di trattamenti efficaci che potessero aiutare i pazienti affetti da forme gravi del morbo di Parkinson, di tremiti e di altri di - sturbi motori, i neurochirurghi hanno cercato di alleviare i sintomi di questi disturbi inter - venendo chirurgicamente in diverse aree cerebrali. Queste pratiche hanno raggiunto l apogeo durante gli anni 1950 e Nello stesso periodo ci sono stati molti interventi chirurgici che avevano come obiettivo i di - sturbi psichiatrici e le anomalie del com - portamento. Questi interventi estremi che potremmo definire di psicochirurgia, sono stati negli anni 60 molto ridotti sia in seguito all introduzione della levodopa per il trattamento del morbo di Parkinson, sia per le numerose proteste dell opinione pubblica contro gli abusi di queste pratiche. Potrebbe quindi sorprendere il ritorno ai trattamenti neurochirurgici per i disturbi neuro - logici e psichiatrici negli ultimi dieci anni. La nuova tendenza è stata indotta dai grandi progressi della ricerca fondamentale sulla comprensione del l organizzazione del sistema motorio, ma anche dalla comprensione delle basi neurobiologiche delle affezioni come il morbo di Parkinson. Gli studi sui primati, hanno dimostrato che i disturbi motori di tipo parkinsoniano sono generati da un anormale attività in diversi circuiti del cervello. Con un intervento chirurgico è possibile modulare l attività in diversi punti nodali di questi circuiti, alleviando efficacemente i sintomi della malattia 1. 17

19 L approccio chirurgico è favorito da diversi fattori: i farmaci attuali non permettono di trattare con efficacia tutti i sintomi presenti allo stadio avanzato di numerose affezioni neuropsichiatriche croniche e talvolta generano effetti collaterali inaccettabili. Gli individui, inoltre, sono più coscienti del peso che queste malattie rappresentano per i pazienti e le persone che se ne fanno carico. In ogni caso l approccio chirurgico per i disturbi psichiatrici così come per altri interventi, si basa sul consenso informato del paziente che ne garantisce i diritti. La maggior parte delle misure neurochirurgiche funzionali usate oggi, hanno come obiettivo un insieme di strutture cerebrali sottocorticali denominate nuclei della base. Queste strutture costituiscono parte di un gruppo di circuiti cerebrali ben distinto dal punto di vista anatomico che comprende anche la corteccia cerebrale e il talamo. Tali circuiti partecipano ad alcuni aspetti del comportamento motorio (circuito motorio) delle funzioni cognitive e comportamentali (circuito associativo) così come delle emozioni e della motivazione (circuito limbico). I disturbi motori osservati nel morbo di Parkinson sono prodotti da un anormale attività dei neuroni del circuito motorio. Una parte dei sintomi e dei segni di malattie neuropsichiatriche può avere come causa delle anomalie del sistema limbico o associativo. L obiettivo degli interventi chirurgici sarà quindi diverso se una persona soffre di disturbi motori o di disturbi neuropsichiatrici. Tra gli approcci chirurgici di nuova generazione, la stimolazione cerebrale profonda (DBS, dall inglese «Deep Brain Stimulation») si distingue per la sua capacità di modificare l attività di certi circuiti cerebrali. La DBS è stata sperimentata verso la fine degli anni 70 per il trattamento dei tremori; poi con il tempo è stata evidenziata l enorme efficacia che poteva avere per il trattamento del morbo di Parkinson e di altri disturbi motori. Contrariamente alle conseguenze dei trattamenti lesivi, la DBS non altera in modo permanente il cervello, i cambiamenti ottenuti grazie all applicazione di una corrente elettrica sono modulabili e reversibili. 18 La DBS consiste nell impiantare in specifiche regioni cerebrali dei micro - elettrodi muniti di quattro contatti diversi, diretti da un generatore d impulsi programmabile, posto sotto la clavicola come un pacemaker cardiaco. Il generatore d impulsi è programmato così da liberare una stimolazione continua con una frequenza, un ampiezza e una durata

20 ottimale nella zona cerebrale determinata. La stimolazione è regolabile e reversibile, ed è proprio questo uno dei maggiori vantaggi della DBS. La somministrazione della corrente elettrica è molto precisa e riduce gli effetti collaterali osservati con i farmaci che esercitano al contrario un effetto globale sul cervello. La stimolazione profonda del cervello offre notevoli benefici ai pazienti che presentano dei disturbi motori o altre affezioni in stato avanzato, ma non se ne conosce ancora il funzionamento. In principio gli scienziati ritenevano che essa imitasse gli effetti degli interventi lesivi, recenti studi realizzati sull attività cerebrale dell uomo e dell animale sembrano tuttavia indicare che essa modifica le reti cerebrali più lontane ma associate alle regioni da essa stimolate, attivando gli assoni che entrano o escono da queste aree. I disturbi motori L applicazione più frequente della DBS è lo stadio avanzato del morbo di Parkinson, una patologia progressiva caratterizzata dalla lentezza dei movimenti, tremito e rigidità muscolare. I sintomi sono secondari alla carenza di dopamina nei nuclei della base, che limita fortemente l attività neurale dell insieme del circuito motorio. La stimolazione cerebrale profonda: nuovi sviluppi La terapia farmacologica è efficace all inizio della malattia, mostra però dei limiti agli stati più avanzati. I farmaci con il tempo provocano dei movi - menti involontari (discinesie) e il loro effetto scompare rapidamente. Ap - plicata alla porzione motoria dei due nuclei dei ganglioni della base, il nucleo sottotalamico e il segmento interno del globo pallido, la DBS elimina buona parte dei disturbi motori generati dal morbo di Parkinson, oltre eviden temente agli effetti collaterali dei farmaci 2, 3. Le complicazioni chirur giche gravi si limitano all 1-2% dei pazienti e i benefici a lungo termine sono sostanziali. Il nucleo sottotalamico e il globo pallido non sono i soli obiettivi della DBS; sono allo studio anche la stimolazione del nucleo peduncolopontino, che sembra utile nei casi gravi del morbo di Parkinson con disturbi della locomozione e dell equilibrio resistenti al trattamento. La DBS è usata con successo anche nei pazienti che presentano altri disturbi del movimento. Sono allo studio dei test con la DBS che possono quindi ridare speranza alle persone poco sensibili ai farmaci per diverse forme di distonia, una malattia estremamente fluttuante, caratterizzata da movimenti involontari di torsione e da anomalie della postura 4. 19

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

È incredibile! Calcola il tempo. che impieghi per risolvere correttamente la seguente moltiplicazione: 25 x 20 x 52 x 12 x 365 x 0 =?

È incredibile! Calcola il tempo. che impieghi per risolvere correttamente la seguente moltiplicazione: 25 x 20 x 52 x 12 x 365 x 0 =? In un bar rumoroso le tue orecchie trasmettono al cervello un carico eccessivo di segnali. Com è possibile che tu riesca ad udire il tuo nome usato in una conversazione (non diretta a te) dall altra parte

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12 SOMMARIO Editoriale 5 Messaggio del Direttore Generale 10 Schema del rapporto 12 1. La salute mentale come parte della salute pubblica 17 Introduzione 17 Comprensione della salute mentale 19 I progressi

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI

I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI ( )Il progetto del Dott. Jay Giedd, alla divisione di psichiatria infantile del National Institute of Mental Health di Bethesda, Maryland ha lo scopo di determinare

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli