Sperimenta la pace. Materiali e aggiornamenti:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sperimenta la pace. www.montagnadipace.altervista.org. Materiali e aggiornamenti:"

Transcript

1 Sperimenta la pace Occorre educare il mondo ad amare la pace, a costruirla, a difenderla. (Paolo VI, 1 gennaio 1978) Il messaggio che ci lascia Paolo VI è estremamente indicativo di quello che è il fine del Mese e della Festa della Pace, soprattutto per quest anno: la pace occorre costruirla, comunicarla, assemblarla. La pace è vita, perché porta la vita. Nel 2015, anno ancora segnato da guerre e distruzioni, c è ancora più bisogno di lavorare con i ragazzi dell ACR per far crescere in loro quel sentimento di carità che li aiuti a crescere e a essere responsabili del mondo in cui viviamo. In particolare, in questa seconda fase del cammino, i ragazzi riflettono sul metodo per assemblare la pace e sono invitati a riconoscere le situazioni di pace e di non-pace che ci sono in tutto il mondo, ma anche nella loro quotidianità, e cercare di agire in concreto, mettendoci ognuno un po del suo. Come possono fare questo? I possono imparare un metodo attraverso Mese della Pace che è articolato in tre punti: studio (conoscenza della realtà), animazione (testimonianza e sensibilizzazione della comunità), servizio (agire concreto, spendersi con le proprie forze e idee). Siamo così invitati come gruppo/associazione a conoscere una situazione, da cui partire per agire e che può coinvolgere altri soggetti del territorio, così da attivare un servizio che metta in gioco le capacità stesse dei ragazzi. L ACR di Parma ha un occasione in più per costruire la Pace; oltre all appoggio che vogliamo dare al Burkina Faso, da cui parte l iniziativa nazionale per la Festa della Pace, vorremmo che i ragazzi conoscano il nostro territorio, colpito dall alluvione, e che attivino quel sentimento di solidarietà e carità anche qui: della pace ce n è bisogno anche a pochi passi da noi, senza dover viaggiare per mari e continenti. Per i gruppi di IC: La Festa della Pace ha una caratteristica che la rende in uscita come dice il nostro Papa Francesco: è aperta a tutti e ci apre al mondo. Allarga il panorama dei gruppi ACR e dei gruppi di iniziazione cristiana presenti nelle parrocchie, facendoli sentire parte di quella grande famiglia che è la Chiesa Diocesana e manifesta la sua apertura al mondo. L ACR, come l iniziazione cristiana, fa parte della comunità e cresce in essa; è quindi necessaria una collaborazione tra i gruppi per essere tutti più consapevoli che più persone si chiamano più abbiamo la possibilità di costruire le fondamenta della casa della pace. Il Mese della Pace è una tappa del cammino ACR, ma è anche un occasione in cui altri gruppi della catechesi di iniziazione cristiana si attivano e riconoscono che la pace è di tutti e che tutti possono costruirla. Da tanti anni molti gruppi del catechismo inserendo nel loro cammino il Mese della Pace hanno l occasione di conoscere realtà nuove e portare alla Festa esperienze significative del loro cammino. E opportuno quindi, secondo noi, che questa proposta sia allargata a tutti. E opportuno che ogni bambino, ragazzo veda e conosca questa festa e l impegno che viene dal dire: Ci impegniamo per gli altri!. E opportuno che la pace sia una festa, in cui i ragazzi danno vita a sentimenti di carità, di solidarietà e di missione. Mai un Azione Cattolica ferma per favore!, ci ha detto Papa Francesco all assemblea nazionale lo scorso maggio. Un monito che deve essere esteso a tutti i ragazzi di ACR ma anche a tutti i gruppi che vedono nella pace uno strumento per rendere più bello il mondo in cui viviamo. A cura dell Equipe Diocesana Acr Parma, 23 Dicembre 2014 Info: Marco ; Emanuela ; Materiali e aggiornamenti: 1

2 Festa della Pace La Pace, che invenzione! Costruttori di Pace 8 febbraio 2015 Istituto La Salle v. A. Berzioli 22 Occorrente per la Festa: Appunti per la Festa della Pace I ragazzi nelle parrocchie dovranno pensare a un progetto di una macchina della pace, che serva a rendere migliore l ambiente in cui viviamo e a costruire la pace. Il progetto dovrà essere rappresentato su un cartellone che i ragazzi porteranno alla Festa. Se si ha tempo si può anche creare qualcosa di più: costruire concretamente la propria macchina della pace utilizzando i materiali che si preferiscono. Note: - è importante per l equipe diocesana che organizza la Festa ricevere in anticipo adesioni/bisogni/ richieste/collaborazioni da parte delle parrocchie e dei gruppi. - il materiale prodotto dovrebbe essere a impatto ecologico basso, con materiale riciclato o povero, per educare a un rispetto concreto delle risorse a disposizione. - sabato 7 febbraio allestiremo la Festa: ci sarà di grande aiuto la vostra disponibilità a darci una mano (o più!). Programma di massima della Festa Accoglienza registrazione gruppi: ore 9-9,30 Momento di preghiera e animazione Pranzo al sacco Cammino nel quartiere Montanara (portiamo con noi i progetti) S. Messa alla parrocchia delle Stimmate Conclusione: ore 16,30 Per la fase di accoglienza Gli educatori che accompagnano i ragazzi sono invitati all arrivo a fornire in segreteria il numero preciso dei ragazzi loro affidati, divisi elementari e medie, e a raccogliere prima (e non sul momento) la quota di partecipazione da versare, in modo da agevolare l ingresso dei ragazzi alla Festa e la successiva divisione in gruppi. Canta la festa L Acr è fatta anche di bans e inni che vengono scritti ogni anno. Vi scriviamo già da ora quali sono quelli che abbiamo scelto per la Festa della Pace 2015 così che possiate impararli con i ragazzi fin da ora: Tutto da scoprire, Non c è gioco senza te, La festa entrerà (bans); In cerca d autore, Tutti in scena (bans), Punta in alto, Superstrada con te, Siamo in onda, C è di più, Ceddippiù (bans), Insieme c è più festa (di tutti questi, ed di altri, trovi sul sito i testi, le musiche e i video con gesti Inoltre ci sono quelle classiche: Eo Ti Eo, Una tavola più grande, il Ciccia Ciccia, La Polka degli infestati 2

3 Proposte per il cammino DA SAPERE: L obiettivo è divenire costruttori di pace: è la fase dell assemblaggio nel cammino dell anno. I ragazzi allargano lo sguardo al mondo circostante per interrogarsi sul modo in cui l intelligenza e la tecnica vengono messe a servizio della pace. Superando la tentazione della resa di fronte alle difficoltà ci apriamo a una logica costruttiva che cerca di mettere i pezzi al posto giusto. I ragazzi sanno bene che le cose montate in maniera sbagliata non funzionano: che cosa manca? qual è il posto giusto per ciascun elemento? cosa posso fare? Il percorso prevede il classico schema IN 3 FASI: - Studio: osservare la realtà e saper distinguere quando la tecnologia viene utilizzata per la non pace facendo scoprire e trovare ai ragazzi il metodo per assemblare la Pace che non è facile da realizzare (consigliamo incontro Che invenzione è? dei 9-11) - Animazione: i ragazzi si fanno ricercatori e scienziati che non abbandonano il proprio laboratorio alle prime difficoltà, ma perseverano nel loro lavoro affinché ogni pezzo trovi il giusto posto per il suo utilizzo - Servizio: i ragazzi comprendono che per accendere il motore della carità è essenziale il loro impegno in prima linea (colletta per gli alluvionati e iniziativa nazionale). Nella programmazione è importante tenere presente cosa occorre per la Festa, in modo da poter gestire al meglio i tempi e riuscire a preparare i materiali necessari per la buona riuscita della Festa. Le 3 fasi non necessariamente devono essere tutte fatte a gennaio, anzi è bene che il progetto prosegua nei mesi successivi. Iniziativa di carità diocesana: Quest anno oltre all iniziativa di carità nazionale (vedi sotto), vorremmo porre un attenzione al nostro territorio cercando di impegnarci in un segno di pace rivolto alle parrocchie colpite dall alluvione di Ottobre (Famiglia di Nazareth, Stimmate, San Pellegrino) e alle strutture delle Piccole Figlie. La S. Messa celebrata nel pomeriggio nella Parrocchia delle Stimmate sarà l occasione per portare il nostro segno di pace e di solidarietà a queste realtà. Diamo alcune idee per prepararci a questo momento e che possono integrarsi col cammino del Mese. 1) Nella fase di studio si può incontrare/intervistare un angelo del fango, magari un giovane o un adulto della vostra parrocchia che ha vissuto l esperienza dell alluvione da volontario. Si può adattare per l incontro la proposta Tecnico per consulenza a pag. 10. In occasione dell alluvione si è attivata una vera e propria macchina di pace si può anche riflettere come accanto alla tecnologia è necessario l impegno personale e comunitario. 2) Si può attivare in parrocchia un iniziativa diretta alla raccolta fondi da destinare alle realtà colpite dall alluvione. Il ricavato lo si può portare alla Festa oppure versare sul conto corrente intestato a: Sos Alluvione Parma, con codice iban IT88G Iniziativa di carità nazionale: Dai vita alla pace Per il mese della pace 2015, l Azione Cattolica ha scelto di sostenere il lavoro, che da oltre 40 anni, i Fratelli della Sacra Famiglia svolgono nelle loro missioni in Burkina Faso. Questo ordine religioso ha attivato nel 1982 la campagna Acqua per il Sahel, con la quale si sono realizzate perforazioni di pozzi e installazioni di pompe, tra cui la Pompa Volanta. 3

4 Il simbolo di questo Mese della Pace è la matita sprout (gadget per la vendita e la raccolta fondi): una matita dalla cui estremità inferiore possono nascere rigogliose piantine aromatiche, fiori e piccoli ortaggi. La scelta del gadget per il Mese della Pace, deriva direttamente dall immagine della vita. L idea che da qualcosa che normalmente buttiamo via una volta finita, rinasca qualcos altro, sotto forma di piantina, che da una seconda vita e una seconda utilità a un oggetto. Il costo sarà di 4 euro. Per approfondire l iniziativa di pace vai sul sito dell Acr nazionale e sfoglia il sussidio per il mese della Pace 2015 Dai vita alla PACE : PER I GRUPPI DI IC Incontro zero Obiettivo: introdurre i ragazzi nel linguaggio ACR attraverso la presentazione dell ambientazione dell anno (il laboratorio dell inventore) e la conoscenza dell inno Tutto da scoprire per non trovarsi disorientati alla Festa. Attività Presenta la locandina dell anno (chiedila in sede oppure scaricala da internet inserendo in google: locandina acr ): fai parlare l immagine e i simboli contenuti in essa (può esserti utile leggere le slide della presentazione dell anno che trovi sempre sul sito nazionale ACR nel link Tutto da scoprire ) per far emergere il valore interpretativo della nostra vita contenuto nel valore della scoperta. Consegna il testo dell inno dell anno, ascoltandone la musica o vedendone il video (li trovi sempre sul sito nazionale), e interpretane con i ragazzi il senso. Se c è tempo si possono imparare gli altri inni e bans dell ACR. 6-8 STUDIO I bambini guardano alle invenzioni (famiglia, gruppo di amici, sport, parrocchia, Acr) che fanno parte della loro vita e cercano il segreto del loro assemblaggio. HO TROVATO! Si propone ai bambini di improvvisarsi come inventori-riparatori a cui spetta il compito di sistemare alcune invenzioni montate male. Divisi in più squadre di gioco, devono riuscire a individuare il problema delle invenzioni presentate. Per guadagnare il diritto di dare la risposta, le squadre possono superare un percorso a ostacoli o semplicemente prenotare nel più breve tempo possibile la possibilità di giocare. A ogni manche si presenta ai bambini un invenzione (o un immagine) che loro usano quotidianamente. Può trattarsi di giocattoli (bicicletta, bambola, pallone), strumenti tecnologici (cellulare, tv, tablet), oggetti scolastici (libri, penne, righelli). Dopo averli riconosciuti e descritto l uso che ne fanno, i bambini sono invitati a dare un occhiata più attenta, per verificare che gli oggetti siano stati montati per bene. Si accorgono quindi che c è qualcosa che non va: la bicicletta è senza freni, la tv ha lo schermo al rovescio, i righelli sono ondulati e così via. Infine, sempre all interno del gioco, si mostrano delle immagini che ritraggono alcune scene in cui manca la pace: un litigio in famiglia, due amici che fanno a botte, un bambino che è escluso dal gioco, una persona che ha bisogno di cure ecc. Così come hanno fatto per le invenzioni precedenti, i bambini sono invitati a fare una diagnosi della situazione e a dire cosa serve per mettere le cose a posto. Infine i bambini sono invitati a comprendere qual è il nesso fra il primo gruppo di oggetti e le ultime immagini mostrate. Anche la famiglia, la scuola e gli amici sono come delle invenzioni che talvolta sono assemblate male : un gruppo che esclude qualcuno è incompleto perché manca un pezzo; una comunità in cui qualcuno ha bisogno, è montata male perché ci sono pezzi più affaticati di altri. 4

5 ANIMAZIONE I bambini cercano con la comunità i modi e le istruzioni per assemblare insieme tutti i pezzi della società e costruire così la pace. RECLAMA LA PACE Il gruppo che ha ormai iniziato la sua attività di messa a punto delle invenzioni ; decide di aprire uno sportello dei reclami per raccogliere i problemi e le denunce di cattivo funzionamento che la comunità ha da presentare. Per raggiungere, quante più persone possibili, allestiscono un vero e proprio servizio telefonico, con un numero verde che l educatore ha fornito in.precedenza ai diversi membri della comunità, cercando di raggiungere le realtà più disparate (accompagnatori delle famiglie, operatori Caritas ecc.). Ai bambini vengono fornite delle Schede di segnalazione strutturate indicativamente nel seguente modo: - ambito del problema: famiglia, amici, parrocchia, scuola ecc. (rappresentati da un icona); - persone coinvolte: mamma, papà, amici, colleghi ecc.(rappresentati da immagini); - tipo di problema:espressioni facciali che indicano le emozioni o simboli che descrivono la situazione. AI momento opportuno iniziano ad arrivare le chiamate (il gruppo avrà affisso sulla porta della stanza un cartello con gli orari per eventuali visite) e chi risponde, da vero professionista, saluta con la formula: «Ufficio Reclami di Pace, buon pomeriggio. Come possiamo aiutarla?». È importante che non manchi, nelle telefonate, chi presenta i problemi della società più ampia arrivando a lamentare anche quelli del mondo. Per questo motivo non dovrà mancare la telefonata che giunge (virtualmente) dal Paese che l Acr vuole aiutare con l iniziativa di solidarietà del Mese della Pace Al termine dell attività i bambini raccolgono tutte le schede e iniziano a fare una prima sintesi della loro indagine, individuando alcuni ambiti di intervento che rappresentano le sezioni che costituiscono il manuale di Istruzioni di pace che verrà concluso nell incontro successivo. Sul sito nazionale nella sezione /I cammino dell anno trovi un esempio della scheda da compilare. SERVIZIO I bambini annunciano che lo stile di Gesù è il segreto della pace. ISTRUZIONI DI PACE Dopo aver compreso quali sono i segreti di un buon assemblaggio per le invenzioni della nostra società, i bambini si cimentano nella preparazione della versione definitiva del loro manuale di Istruzioni di pace. Sulla base di quanto hanno raccolto, si confrontano con la Parola per cercare le soluzioni che in essa sono suggerite. Per ognuno degli ambiti individuati e dei relativi problemi di funzionamento, guardano le pagine del cic/1 o pagina 76 del cic/2 e riprendono alcune frasi significative che sembrano un adeguata soluzione. Riportano la frase in calce a ognuna delle situazioni annotate sul manuale, aggiungendo a piaci mento un commento che integri o spieghi meglio quella proposta. Il manuale di Istruzioni di pace viene consegnato ai membri della comunità, in particolare a quelli coinvolti nell attività di animazione. Con l aiuto dell educatore, dei genitori e delle persone che hanno incontrato e accolto l invito, i bambini tornano nel luogo che - possiamo dire - hanno adottato. I più grandi, muniti di grembiuli,guanti, scope e di tutto il materiale necessario, si occupano di pulire, riparare e mettere a nuovo; i più piccoli sistemano in giro i cartelli con le regole condivise. Indispensabili, per la realizzazione di questo incontro, sono l informazione e la collaborazione degli organi competenti STUDIO I ragazzi approfondiscono la conoscenza di alcune importanti invenzioni dell uomo e si rendono conto che, nate dall intuizione buona dei loro inventori, possono divenire armi contro l uomo stesso, se non sono sostenute dalla logica dell amore. 5

6 CHE INVENZIONE È? La stanza dell incontro viene preparata predisponendo su un tavolo o in uno spazio preciso (scaffale, angolo ecc.) alcune invenzioni tecnologiche che hanno segnato il progresso. Possono essere oggetti reali, fotografie, prototipi o riproduzioni di strumenti che l uomo ha progettato nel corso della storia e che oggi sono di uso comune o molto noti (es. il pc, il telefono cellulare, l automobile, la radio, la lavatrice, la lampadina, strumenti elettrici o piccoli elettrodomestici ecc.). I ragazzi divisi in due o più squadre sono invitati ad associare correttamente alcune caratteristiche proposte dall educatore,alle invenzioni che comunemente utilizzano o osservano nella vita quotidiana. Chi guida l incontro deve avere cura di preparare per ogni invenzione un cartellone con gli indizi, riportati verticalmente in sequenza, dal più generico al più specifico, e coprirli con una striscia di carta. Gli indizi sono rivelati uno per volta, come in una reazione a catena : si inizia dall alto, con l informazione più generica e si attende che una delle squadre riesca a individuare l oggetto. In caso negativo, si passa all indizio successivo. Ogni squadra si confronta, cerca di individuare lo strumento tecnologico e si prenota per la risposta, riproducendo un suono particolare (ad esempio: lo squillo del telefono, il rumore di un automobile ecc.). Grazie alle notizie poco note, simpatiche o stravaganti, che gli educatori riescono a trovare, il gioco suscita la curiosità dei ragazzi verso alcune invenzioni e oggetti diventati di uso comune e che, spesso, consideriamo scontati nella nostra quotidianità ma che, invece, hanno segnato il percorso della civiltà (ved. allegato disponibile sul sito nella sezione Il cammino dell anno). Dopo questo momento introduttivo che si propone di incuriosire i ragazzi, si analizza l uso distorto che le invenzioni hanno subito a causa di un cattivo assemblaggio di strumenti, dettato da finalità non orientate al bene comune. Riuniti attorno a un tavolo sul quale è posto un mazzo di carte realizzato dagli educatori, con le immagini di alcune invenzioni, i ragazzi sono invitati, a turno, a prendere una carta e indicare un aspetto positivo e negativo dell invenzione. Gli altri provano a riconoscerla attraverso le sue diverse applicazioni. Si possono utilizzare le stesse invenzioni utilizzate per la prima attività. Alcune proposte possono essere: treno: positivo mezzo di locomozione e trasporto; negativo mezzo utilizzato per il trasporto degli ebrei durante la seconda guerra mondiale; televisione: positivo mezzo di comunicazione e divulgazione; negativo mezzo a volte usato come una baby-sitter; cellulare: positivo mezzo di comunicazione rapido e istantaneo, per raggiungere persone anche lontane; negativo mezzo che allontana persone riunite nella stessa stanza. Riconosciute le possibili distorsioni degli strumenti nell utilizzo, attraverso domande provocatorie, sequenze scelte di film o eventi di cronaca tratti dalla vita quotidiana, si aiutano i ragazzi a individuare le situazioni in cui loro stessi usano queste invenzioni in modo utilitaristico, non corretto. ANIMAZIONE Nei diversi ambiti della loro quotidianità, i ragazzi sono portavoce di un etica funzionale di alcuni strumenti tecnologici che maggiormente condizionano la vita delle persone che vivono accanto a loro. CORRECT TECHNOLOGY Guidati dalle sollecitazioni e riflessioni emerse nel corso della fase di studio, i ragazzi realizzano un breve questionario per comprendere quali oggetti tecnologici influenzano maggiormente la quotidianità delle persone (ved. allegato 4 disponibile sul sito nella sezione cammino dell anno). Al termine della celebrazione domenicale e durante la settimana, somministrano il test in altri ambiti di vita:a scuola, in famiglia,dove fanno sport. È consiglia bile fornire fogli di colore diverso per poter differenziare i contesti. Ad esempio: fogli gialli/comunità parrocchiale; azzurri/famiglia, verdi/scuola. Emerge così che a seconda degli ambiti e dei destinatari a cui si pongono le domande, le risposte si differenziano. Per analizzare il tipo di utilizzo, sperimentano un secondo canale d indagine: l intervista diretta. Come ricercatori sul campo, muniti di penne, videocamera o macchina fotografica per registrare le risposte 6

7 particolarmente significative, i ragazzi si mettono in moto nel territorio parrocchiale,divisi in coppie o in piccoli gruppi guidati da un educatore o da un adulto. Raccolti i dati attraverso i questionari e le interviste, i ragazzi si dividono in quattro gruppi (parrocchia, scuola, famiglia, tempo libero) e suddividono le risposte in base ad alcune categorie, al fine di stilare una statistica: - Quale strumento tecnologico è stato maggiormente nominato? - Per quanto tempo in media viene usato durante il giorno? - Quale motivazione spinge la gente a usare questo strumento? (segnare le tre risposte più frequenti). Facendosi aiutare da una persona competente, i ragazzi fanno uno studio statistico inserendo i dati nel pc e scelgono la modalità di rappresentazione: grafici a barre, a torta, ideogrammi, tabelle. Al termine, ogni gruppo condivide l analisi dei propri dati con gli amici del gruppo. SERVIZIO Il gruppo si impegna a condividere con la comunità quanto emerso dalla ricerca e,alla luce della Parola, propone un modo etico e responsabile di utilizzo di alcuni strumenti tecnologici. MANUALE DELLA PACE: ISTRUZIONI PER L USO! I ragazzi riprendono le valutazioni emerse negli incontri precedenti e, partendo da una riflessione sulla bontà che guida le azioni degli uomini, rileggono i dati emersi dalla ricerca per impegnarsi a scrivere un Manuale delle istruzioni di pace, in cui propongono, alla luce della Parola, alcune proposte concrete per un uso responsabile degli strumenti tecnologici. Predispongono una griglia in cui riportano: le invenzioni, le motivazioni che spingono la gente a usarlo per il bene, o ad abusarne anche contro il prossimo e la natura, e cercano nella Parola le regole che rivoluzionino e portino pace, attraverso un uso etico. Ad esempio, se per i ragazzi il cellulare è lo strumento fondamentale per divertirsi e comunicare con gli amici, dal gruppo può emergere che è bene usarlo solo quando si è a distanza, così da favorire incontri reali in cui il telefonino occupa un ruolo secondario e silenzioso. Se per gli adulti il computer è fondamentale per lavorare, si ricorda che anche il Signore si è riposato dopo la creazione: «Dio, nel settimo giorno, portò a compimento il lavoro che aveva fatto e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro che aveva fatto. Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò, perché in esso aveva cessato da ogni lavoro che egli aveva fatto creando» (Gen 2,2-3). Per aiutare i ragazzi a confrontarsi con la Parola o con i testi del Magistero, è importante che l educatore prepari alcune frasi, brevi testi, citazioni da cui il gruppo può partire per la realizzazione del manuale (vedi l esempio). Immagine dell invenzione analizzata Esempio: ISTRUZIONI DI PACE: riportare il versetto, il brano o il testo del Magistero Ciò che i ragazzi hanno rilevato Ciò che i ragazzi propongono come uso alternativo ed etico dell invenzione «I media possono costituire un valido aiuto per far crescere la comunione della famiglia umana e l ethos delle società, quando diventano strumenti di promozione dell universale partecipazione nella comune ricerca di ciò che è giusto». (Papa Benedetto, Caritas in Veritate, 73) I bambini guardano spesso la Tv da soli - Mamma e papà scelgono insieme ai bambini cosa guardare. - La sera guardano insieme commentando, riflettendo e ridono delle situazioni proposte in Tv. Identificati 4 o 5 strumenti e preparato lo schema, i ragazzi creano il Manuale che consegnano alla comunità al termine della celebrazione eucaristica domenicale. Allestiscono una mostra dei risultati, le tendenze tecnologiche della società, mostrando i cartelloni preparati con le analisi statistiche emerse dai diversi ambiti di vita. 7

8 12-14 PISTA A Sperimentarsi significa mettere alla prova la propria vita, e non sempre i risultati sono quelli attesi: imprevisti e ostacoli fanno temere di non farcela, scoraggiano e rallentano il cammino. Il Signore ci accompagna, invitandoci a sfruttare ogni occasione per mettere un altro piccolo mattoncino di quella vita bella e piena alla quale siamo chiamati. Nel Mese della pace, partendo dalla propria storia e dai propri ambienti di vita, i ragazzi scoprono che per costruire un buon progetto occorre fare delle scelte, con coraggio e fiducia. SULLE TRACCE DEI RAGAZZI I ragazzi si interrogano sui piccoli successi e fallimenti di ogni giorno, osservandosi nei propri ambienti di vita. In che misura questi esiti quotidiani definiscono ciò che sono e ciò che potrebbero essere? SILENZIO, GENIO AL LAVORO! Quanti sono i piccoli successi e i fallimenti che riempiono il nostro quotidiano! Troppe volte ne siamo avvolti non dando il giusto tempo per analizzare le caratteristiche di queste situazioni, ma è proprio prendendo spunto dalla propria storia che è finalmente possibile chiamare per nome quegli elementi indispensabili per la buona riuscita del nostro progetto. Ai ragazzi si propone di rimanere un po in silenzio, per imparare a parlare con se stessi e scoprire quali sono le fatiche che incontrano nel tentativo di riuscire in ciò che fanno. Spesso il successo, nelle grandi come nelle piccole cose, viene misurato sulla base di una percezione soggettiva condizionata dalla propria età,dalle circostanze, dalle persone che si hanno intorno. Per questo la domanda «Ci riesco?» non è scontata o astratta, ma estremamente concreta perché legata alle aspettative, alla soddisfazione, alla delusione di ciascuno. I ragazzi sono invitati a riflettere su questa domanda in modo più analitico, provando a calare l espressione di uso comune nella quotidianità, alla ricerca del significato che può avere per la propria vita. È possibile riuscire in qualcosa? Che caratteristiche dobbiamo possedere e quali circostanze si devono presentare perché una cosa si possa dire riuscita? Quali sono le caratteristiche di una vita riuscita, bella e piena? La possibilità di rispondere alle domande, per conto proprio e in silenzio, è un elemento fondamentale. È consigliabile suggerire ai ragazzi di scrivere i loro pensieri, per conservare la concentrazione, vivendo questo piccolo tempo di silenzio con se stessi. Come un inventore traccia sulla propria lavagna i risultati dei propri calcoli ed esperimenti, così i ragazzi sono invitati a tracciare sulla loro lavagna personale - rappresentata da un foglio piuttosto grande - quattro equazioni, abbinate ad altrettanti ambiti della vita: la scuola, la famiglia, gli amici, il rapporto con il Signore. Per farlo ogni ragazzo compila una tabella. In un primo momento scrivono senza pensarci troppo un elenco di situazioni, circostanze, condizioni in ciascuna delle otto caselle (due per ogni ambito). Nel passaggio successivo, nella colonna celeste, i ragazzi indicano il segno + o - a seconda che riescano o non riescano nell attività. Accanto al segno di operazione, nella colonna arancione, i ragazzi attribuiscono un valore numerico all attività in base a quanto la ritengono importante. Nell ultima colonna riportano i totali. Una volta completate le equazioni vengono condivise con gli altri membri del gruppo,confrontandosi sul valore matematico assegnato dagli altri alle medesime circostanze e sul risultato numerico. Potrebbe essere interessante concentrarsi su alcuni aspetti, in base ai quali stimolare anche un piccolo dibattito: il valore assegnato dai ragazzi alle medesime circostanze probabilmente non è lo stesso per tutti. Quali sono le ragioni di queste disparità? Sono stati più numerosi i risultati positivi o quelli negativi? Quali potrebbero essere le motivazioni di questo esito?. Qualcuno,rendendosi conto in corso d opera di un inesorabile esito negativo della propria equazione, ha provato a eseguire il calcolo sopravvalutando o sottovalutando certi aspetti? Perché? Cosa spaventa del fatto di non riuscire? 8

9 IN ASCOLTO DELLA PAROLA Tanto il successo quanto il fallimento costituiscono importanti opportunità di discernimento e di crescita. Ripercorrendo la storia di Pietro, i ragazzi comprendono che ciò che conta non è riuscire, ma continuare a camminare con la consapevolezza che il Signore è sempre alloro fianco. UN AMICO A RAGGI X I ragazzi, muniti di un Vangelo o di una Bibbia, sono chiamati a fare una piccola analisi di laboratorio sulla storia di Pietro. Grazie all aiuto di alcuni brani, scoprono che il tempo che Pietro ha trascorso accanto a Gesù è stato caratterizzato da molte incomprensioni: Pietro ha sempre desiderato fare una buona impressione con il Maestro, prendendo però, pur con grande entusiasmo, posizioni che non sempre seguono la logica di Gesù. Ai ragazzi si consegnano i riferimenti di tre brani evangelici, invitandoli a evidenziare in ciascuno di essi l elemento che denota l entusiasmo e le buone intenzioni di Pietro da un lato, e le sue relative debolezze e fragilità dall altro. Di seguito i passi che vengono proposti ai ragazzi, con alcuni suggerimenti circa gli aspetti da evidenziare. Si propone una riflessione in tre passaggi successivi, che rispondono a tre domande importanti: chi è Dio? Quale rapporto abbiamo con lui? In che modo testimoniamo la nostra scelta di seguirlo? Queste sono domande che valgono tanto per Pietro quanto per ciascun cristiano. Riprendendo la lavagna dell attività precedente, i ragazzi sono invitati a ripetere l esercizio appena fatto utilizzando come addendi dell equazione gli aspetti appena individuati all interno del brano, assegnando il segno + alle dimostrazioni di entusiasmo e il segno - alle fragilità. Ai fini del calcolo cosa pesa di più? Qual è il risultato finale? Pietro è uno dei personaggi più celebri della Bibbia, la pietra con cui Gesù ha voluto iniziare la costruzione della Chiesa, eppure ha mostrato molte fragilità nel proprio percorso alla sequela del Maestro! Non si è tuttavia lasciato scoraggiare, continuando a camminare su quella che aveva capito essere la via migliore per la propria vita. I ragazzi comprendono come il cammino del discepolo alla sequela del Maestro non possa essere valutato con un semplice calcolo matematico. L equazione non considera un fattore fondamentale: l amore di Gesù che, nonostante le nostre difficoltà a capire veramente chi egli sia, non si stanca di lasciarsi incontrare e conoscere. Come con Pietro, il Signore aiuta ciascuno a trasformare le fatiche e gli ostacoli incontrati in opportunità preziose di discernimento e crescita personale. Sta a noi scegliere di intraprendere con convinzione questo cammino di relazione profonda, personale e autentica. RIFERIMENTO BIBLICO ENTUSIASMO/BUONE INTENZIONI DEBOLEZZE/FRAGILITÀ E IO? COSA DICO? L IMMAGINE DI DIO Mc 8,27-33 «Tu sei il Cristo» «Va dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini» Chi è Gesù per noi? Come lo immaginiamo, come vorremmo che fosse? IL RAPPORTO CON DIO Mc 9,2-8 «Facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia» «Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati» Vogliamo Dio soltanto per noi? Desideriamo custodirlo per invocarlo all occorrenza? IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Mc 14,26-31 «Anche se tutti si scandalizzeranno, io no» «Proprio tu, oggi, questa notte, prima che due volte il gallo canti, tre volte mi rinnegherai» In che modo testimoniamo il nostro essere cristiani? La sequela per noi è un cammino quotidiano o straordinario? 9

10 PER DIVENTARE ESPERIENZA E IMPEGNO I ragazzi, alla luce di una testimonianza di vita, sono chiamati a guardare oltre le proprie difficoltà per mettersi a servizio di quelli che sembrano aver smarrito la strada ed essersi arresi di fronte agli ostacoli. TECNICO PER CONSULENZA! Il gruppo incontra una realtà che si occupa di supporto a persone che hanno vissuto o vivono momenti di difficoltà e che hanno reagito arrendendosi a esse (centri di ascolto, di recupero dalle dipendenze, ex detenuti ecc.). Il testimone può essere una persona impegnata nel servizio ma anche di qualcuno che è stato aiutato attraverso la realtà scelta. Il racconto dell esperienza può partire da alcune domande: Quali tipi di problemi hanno in comune le persone che si rivolgono alla realtà? Davanti a questi problemi, come reagiscono? Perché sono convinti di non riuscire? Chi si mette loro accanto, con quali mezzi riesce a fargli capire che possono riuscire? Nel mettersi al servizio degli altri in situazioni difficili, arrivano mai momenti di sconforto in cui si crede di non farcela? Qual è il valore aggiunto che questa esperienza dà alla propria vita? Per rendere più dinamico il momento della testimonianza,gli ospiti svelano man mano delle immagini precedentemente realizzate su un cartellone. In base al tipo di testimonianza le immagini possono essere mostrate in ordine diverso da quello riportato. Lente: caratterizza l ambito della scoperta, il momento della vita in cui il testimone ha scoperto che «il vero potere è il servizio» (FRANCESCO, Meditazioni nelle messe quotidiane celebrate nella cappella della Domus Sanctae Marthae, 21 maggio 2013). Foglio con dei progetti disegnati: caratterizza la storia che ha da raccontare, l esperienza di aiuto che il testimone è riuscito concretamente ad attuare. Segnale di alert con una persona disegnata: permette al testimone di indicare lo stile che i ragazzi possono attuare di fronte alle loro difficoltà della vita alla luce della sua personale esperienza. Segnale di alert con più persone disegnate: permette al testimone di indicare lo stile che i ragazzi possono mettere in pratica di fronte alle difficoltà incontrate dai propri amici alla luce della sua personale esperienza. Segue un breve momento di confronto tra i ragazzi in quattro piccoli gruppi, a ciascuno dei quali viene affidata la riflessione su uno degli aspetti citati. Ciascun gruppo è incaricato di pensare alcune domande che verranno poste al testimone, in forma di intervista, da un portavoce per ogni gruppo PISTA B Il Mese della Pace vede tutti impegnati in prima fila come veri costruttori di pace! Questo è il momento nel quale ognuno cerca di sperimentare quello che è, valuta i propri tentativi ed entra in contatto con chi è un vero testimone di pace. Sperimentare il proprio progetto di vita permette di confrontarsi con gli altri e questa è lo giusta strada per crescere come testimoni di speranza. SULLE TRACCE DEI RAGAZZI I grandi scienziati si sono sempre distinti per aver perseguito con convinzione obiettivi grandi e ambiziosi. I ragazzi sono chiamati a riflettere sul proprio desiderio di farcela, di riuscire a fare qualcosa di importante. Cosa li spinge e in che direzione li conduce? ELEMENTI BASICI DA MESCOLARE Viene chiesto ai ragazzi di concentrarsi su quello che considerano un obiettivo importante per la propria vita e lo riportano nella parte alta di un foglio a quadretti. 10

11 Su un altro foglio, diviso in due colonne, sono invitati a riportare gli acceleratori e i freni di cui dispongono per raggiungere il loro obiettivo, come descritto nella tabella che segue. Per ogni voce elencata, assegnano un punteggio da uno a dieci che rappresenti il peso di quella risorsa o di quell ostacolo:valore dato dall impegno che comporta o dal danno che provoca, dalla spinta che offre o dalla demotivazione che procura ecc. I ragazzi fanno poi un bilancio delle due colonne, assegnando un punteggio con segno positivo a ogni azione costruttiva annotata, e negativo per ogni ostacolo. Il numero risultante sarà il numero di mattoni che potranno rappresentare sul primo foglio (a ogni mattone viene assegnata una dimensione grafica in quadretti) e che,sovrapposti potranno permettere di raggiungere la propria meta in cima al foglio (vedi immagine a pagina successiva). È probabile che il numero di mattoni ottenuti non consenta nemmeno di avvicinarsi all obiettivo fissato, generando quello che, in termini puramente matematici, si definirebbe un fallimento. Le scelte a questo punto sono due: punti ACCELERATORI punti FRENI Le azioni che stanno Le situazioni che frenano il compiendo e gli impegni che si raggiungimento di questo stanno prendendo per obiettivo, ridimensionando la perseguire il proprio obiettivo portata dei gesti scritti nella prima colonna 1. abbassare il livello dell obiettivo, portarlo più in basso scegliendo una meta diversa o ridimensionando le proprie aspettative; 2. alzare la torre di mattoni costruita per raggiungerlo, facendo pendere il bilancio del secondo foglio dalla parte del segno positivo a discapito del segno negativo. I ragazzi sono invitati a riflettere su quale sarebbe la strada che sceglierebbero di percorrere, ma non in generale, in astratto, guardando invece con attenzione e valutando seriamente ciò che hanno scritto su entrambi i fogli. Questo esercizio di verifica potrebbe essere condotto lungo quattro direttrici in particolare: è determinante per il risultato del nostro gioco quanto valore diamo a ciò che possiamo fare; non sempre le difficoltà che incontriamo sono semplici ostacoli da saltare o schivare, ma anche opportunità da cogliere e occasioni di verifica da sfruttare in modo costruttivo; attenzione all illusione ottica che ci fa pensare alle nostre mete come a punti unici e fissi, troppo in alto sulla nostra testa, che si possono dire semplicemente raggiunti o mancati. Non è così, anzi. Si tratta di traguardi che vengono perseguiti nel tempo con un grande numero di scelte, molto più di quante potremo mai scriverne; nel nostro schema non abbiamo considerato le altre persone. Non possiamo pensare di formulare obiettivi, elaborare motivazioni, costruire torri indipendentemente dalla nostra relazione con loro, con le loro ragioni, le loro scelte, i loro comportamenti. IN ASCOLTO DELLA PAROLA Mettersi alla sequela di Gesù significa seguire il vero Maestro, che con il suo stile e i suoi insegnamenti ci indica la strada da percorrere, segnando il cammino. Seguire le leggi dell amore è l invito che viene fatto a tutti ed è la strada giusta per provare il nostro progetto. ELEMENTI NUOVI, PER UNA FORMULA NUOVA È dal quarto punto dell analisi appena fatta con i ragazzi che nasce lo spunto per una riflessione più ricca e approfondita, illuminata dalla Parola. I ragazzi vengono aiutati nella riflessione dal brano del Vangelo di Luca che ha per protagonista il buon samaritano (Lc 10,25-37), un personaggio che: - Non ha ambizioni di successo. Compie un gesto spontaneo senza alcuna ambizione o finalità ulteriore. Sceglie di fare ciò che altri non hanno fatto. - Non fa bilanci. Agisce soltanto per il bene di un altro, lasciando da parte ogni altra considerazione. 11

12 - Si assicura che il proprio gesto non sia vano. Avere fatto qualcosa di importante richiama la responsabilità di fare in modo che non si tratti di un semplice gesto fine a se stesso, ma vada oltre, assicurando il bene del fratello. Quello che Gesù ci chiama a maturare, sull esempio del samaritano, è uno stile di vita che rende superflua la schematizzazione vista nell attività precedente: non possiamo prevedere con esattezza nulla di ciò che sarà, né in quale misura, in quale modo e in quanto tempo le nostre aspettative saranno soddisfatte. Ciò che siamo chiamati a fare è vivere in pienezza ogni momento, scoprendo nei fratelli, nelle loro ricchezze e nei loro bisogni - che sono anche i nostri - i mattoni che possono costruire un edificio solido. Come si legge a pagina 98 del cic/4 «Misericordia, umiltà, pazienza, perdono:sono atteggiamenti propri di persone forti nello Spirito. Richiedono un esercizio tenace nelle piccole occasioni di ogni giorno». Riprendendo la costruzione dell attività precedente, viene mostrato ai ragazzi come quei mattoni di dimensione fissa che hanno appena utilizzato possano in realtà essere estendibili :ogni impegno preso, ogni scelta costruttiva compiuta, può contare sulla forza dello Spirito che consente a quel piccolo mattone di raddoppiare o triplicare la propria altezza. lnsieme all educatore i ragazzi traggono spunto dalla verifica dell attività precedente per riflettere insieme sui casi in cui i mattoni disegnati valgono molto più di quanto loro stessi avessero immaginato. Su un nuovo foglio i ragazzi sono guidati a costruire un altra torre con i nuovi mattoni che hanno scoperto. PER DIVENTARE ESPERIENZA E IMPEGNO il Non bisogna aver paura dei fallimenti dei propri esperimenti, ma trovare la forza di alzarsi e dedicare tempo per cercare di andare incontro a chi si sente solo e intrappolato nei fallimenti. I ragazzi incontrano chi, sull esempio di Gesù, ha cercato di fare questo, sporcandosi le mani e continuando a sperimentare. L ESPERIMENTO PIÙ BELLO? FARSI DONO Le tappe vissute hanno aiutato i ragazzi a capire che sono la presenza di Dio e la sua Parola a rendere nuova la nostra vita, la nostra fede, e la nostra presenza nel mondo. Ancora, è lo Spirito Santo che ci dà la forza e ci spinge all annuncio, alla missione e alla testimonianza, insieme: solo così si possono superare i fallimenti e il progetto potrà funzionare ed essere utile. I ragazzi guardano il documentario Questo non è un film di Stefano Maria Palombi, Lux Video 2012 (visibile anche sul sito che può dare un esempio di quante realtà ci siano intorno a loro, situazioni che attendono di essere prese in considerazione, attendono mani e cuori generosi, attendono idee e proposte. È un modo per indicare ai ragazzi che non basta fare del bene una volta ogni tanto ma occorre impostare uno stile di amore che ci faccia agire nella carità con continuità, nonostante gli errori. Si può pensare a una raccolta di fondi per un gesto di carità. Per raccogliere il segno dei sacrifici dei ragazzi. Si possono invitare e impegnare i ragazzi a raccogliere due monete al giorno (non importa di che valore), invitandoli a conservarle. A fine settimana i ragazzi le portano al gruppo per devolvere il ricavato a una realtà della propria comunità (casa famiglia, mensa della Caritas, centri di accoglienza, dormitori ecc.). L impegno dei ragazzi, nel caso in cui si presentasse la possibilità, potrebbe essere più concreto: trascorrere un pomeriggio di servizio presso la realtà scelta, ascoltando la testimonianza dei volontari e le storie, le speranze e i desideri delle persone che lì vivono. L impegno può essere pensato in modo più assiduo e costante nel tempo, più quotidiano, anche organizzando i ragazzi a piccoli gruppi. Troverai aggiornamenti su: Tra cui Il cinema che costruisce la pace con la recensione dei film: - Robots (Durata: 91 ); Giudizio ACEC: Raccomandabile/poetico** - Si alza il vento (Durata: 126 ); Giudizio ACEC: Consigliabile/poetico * 12

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Il percorso dell educatore

Il percorso dell educatore Il percorso dell educatore 1. IL RUOLO DELL EDUCATORE Il servizio educativo è innanzitutto una vocazione, una chiamata da parte del Signore alla quale ognuno di noi ha scelto di rispondere sì; un si libero,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO SPAZIO DEL PRESENTE Come si percepiscono i Capi e le Comunità Capi. Una serie di pensieri emersi dalle chiacchierate fatte nelle Zone e nelle CoCa. [siamo in emergenza

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA Questa è una programmazione di una scuola d infanzia statale. Un ora e mezza alla settimana i bambini hanno un insegnante specifica

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO S.M. Causa Pia d'adda di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Seguro di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Segrate (MI) S.M.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete. PARROCCHIE DI S. BARTOLOMEO CAPREZZO S. BRIZIO COSSOGNO E S. PIETRO - TROBASO Parroco: Micotti don Adriano Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.it

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:primaria@consolatricemilano.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Siamo un cambiamento in cammino

Siamo un cambiamento in cammino Scuola Primaria Paritaria Sacra Famiglia PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE 2013 2014 Siamo un cambiamento in cammino Uno di fianco all altro, uno di fronte all altro Il percorso educativo di quest anno ci mette

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona

PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona Introduzione alla nuova edizione - Non ha Dio come padre chi non ha la Chiesa come madre. La celebre intuizione di san Cipriano

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Mercoledì 15 aprile 2009

Mercoledì 15 aprile 2009 Mercoledì 15 aprile 2009 EVANGELIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO - Uno dei problemi maggiori non è tanto evangelizzare, quanto fare in modo che le persone che hanno accettato Gesù come personale Salvatore rimangano

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono A BRACCIA APERTE Unità di apprendimento IRC sul Natale Anno scolastico 2013-2014 MOTIVAZIONI L esperienza personale intorno alla quale ruota tutto il percorso

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE CIRCOLO DIDATTICO STATALE DON L. MILANI RANDAZZO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

PROGETTAZIONE ANNUALE CIRCOLO DIDATTICO STATALE DON L. MILANI RANDAZZO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE ANNUALE CIRCOLO DIDATTICO STATALE DON L. MILANI RANDAZZO 1 TEMPI COMPETENZE CHIAVE EUROPEE SETTEMBRE Competenze sociali consapevolezza ed culturale. tecnologia COMPETENZE

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN PANCRAZIO SALENTINO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN PANCRAZIO SALENTINO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN PANCRAZIO SALENTINO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI 2 anni e1/2-3-4-5 ANNI Numero sezioni: 11 ANNO

Dettagli

IN PRINCIPIO: La scelta (IO), la chiamata (DIO) e la comunità (GLI ALTRI) LE COMPETENZE: La formazione pedagogica e la preparazione (IO)

IN PRINCIPIO: La scelta (IO), la chiamata (DIO) e la comunità (GLI ALTRI) LE COMPETENZE: La formazione pedagogica e la preparazione (IO) PROPOSTA FORMATIVA La Cooperativa AnimaGiovane e l'associazione Altresì lavorano assieme da anni nell'ambito della formazione e dell'educazione in diversi settori: scuole, oratori, centri aggregativi,

Dettagli

Modulo 2. A Caccia di Risorse

Modulo 2. A Caccia di Risorse Modulo 2 A Caccia di Risorse FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di sviluppare negli studenti la capacità di analizzare le situazioni critiche della vita quotidiana al fine di renderli consapevoli

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

VERIFICA PARROCCHIALE DEL 9 GIUGNO GRUPPO 1

VERIFICA PARROCCHIALE DEL 9 GIUGNO GRUPPO 1 VERIFICA PARROCCHIALE DEL 9 GIUGNO GRUPPO 1 Presenti: Lucia, Emma, Gabriella, Nadia, Fabrizia, Anna, Gabriele, Vittorio, Mauro, Alberto, Massimo, Anna, Valeria, Elisa. 1. Si ritiene necessaria e importante

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale)

RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale) RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale) OBIETTIVI DI DIO E L UOMO -Imparare a rispettare la propria e l altrui individualità per costruire

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Per voi sono Vescovo con Voi sono cristiano (S. Agostino) Parti della Lettera Prima Parte: CHIESA di LUCCA

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA Anno scolastico 2012-2013 Presentazione Si riparte! L inizio di un nuovo anno scolastico è un momento impegnativo per i bambini e per i genitori che iniziano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli