Anno XIII - Numero 1 Dicembre 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno XIII - Numero 1 Dicembre 2010"

Transcript

1 II Istituto Comprensivo Ardigò - Sede G.Pascoli - via G. Galilei, 36 Padova. Anno XIII - Numero 1 Dicembre 2010 F R A N C E S C O S T O C C O 1 D FESTA DELL ACCOGLIENZA

2 Giacomelli Elisabetta 1A

3 Pagina 3 Avventura nella nuova scuola Lunedì 13 settembre è cominciata la mia avventura nella nuova scuola. Quando sono entrato nel cortile ero molto agitato e nervoso. Dopo qualche minuto sono giunti altri bambini e ho rivisto i miei vecchi amici, poi lo spazio antistante l istituto ha cominciato a riempirsi e c era molta confusione. Quando la Preside ha iniziato a chiamare le classi la tensione era grande, ma poi tutto si è calmato. Mi sembrava tutto un po strano e, all inizio, ho avuto difficoltà ad abituarmi. Dopo qualche giorno la situazione è cambiata: tutto era più bello e divertente, i professori, i compagni, l aula. Ho cominciato anche a farmi dei nuovi amici. Gli argomenti sono molto interessanti, anche se alcuni mi piacciono di più rispetto ad altri. Anche le feste, i giochi e l organizzazione sembrano molto divertenti (per esempio, ho sentito parlare in modo estremamente positivo della festa di carnevale). Sono molto felice di essere in questa scuola. E una bellissima esperienza, mi sto divertendo veramente ed ogni giorno è sempre più interessante. Spero di continuare così. Edoardo Haymar 1D Usi e funzioni del diario scolastico I diari all esterno sembrano un semplice strumento scolastico, ma appena li apri ti si spalanca un nuovo mondo pieno di colori, di foto, di cartoline, di scritte sui giorni più importanti, di disegniche fai o che ti fanno i compagni quando si è annoiati. Ma tutto parte dalla scelta. Come si fa a scegliere un diario? Credo che nessuno lo scelga dicendo: Prendo questo perché è pratico o perché occupa meno spazio in cartella. No, non ci credo. Penso che tutti lo prendano perché ha delle barzellette, perché è raffigurato il tuo personaggio preferito o anche perché esteriormente ti attrae. Poi, fatta la scelta, devi almeno scriverci qualcosa per differenziarlo da tutti i comuni diari. Come? Allora ognuno ha un suo metodo. I più pratici scrivono solo nome, cognome, classe, sezione, anno scolastico, telefono e e- mail; invece gli altri, oltre a fare lo stesso dei primi, ci scrivono frasi personali, ci disegnano, attaccano fotografie fino a che tutto settembre è già occupato da disegnini che potrebbero sembrare inutili e infantili, mentre secondo me sono una nostra forma per esprimerci. Ora il tuo diario è solo tuo e non può essere scambiato con quello di nessun altro, ma come farai a ricordarti i compleanni di amici, amiche, nonni e nonne? E di tutte le festività? Semplice, vai al giorno giusto e occupi tutta la pagina con la scritta: Buon Compleanno oppure Finalmente è festa e poi lo contorni disegnando con tutti i colori che hai nell astuccio. Perfetto, adesso ti ricorderai di tutto. Da ora in poi dovrai solo stare attento che nessuno te lo rovini. E così piano piano inizi a diventare geloso del tuo diario, appena uno si avvicina solo un millimetro di più, tu vai su tutte le furie e gli urli contro con tutto il fiato che hai in gola. Poi inizi a nasconderlo sotto il banco o in cartella e hai paura di portarlo a scuola. Ma purtroppo ci sarà il momento di distrazione, solo un millesimo di secondo ed ecco la mano lesta che te lo prende e a tuo malincuore inizia a sfogliarlo, a leggertelo e, nel peggiore dei casi, a scarabocchiartelo e da quel momento in poi il tuo diario, il tuo, diventa di tutti e tutti ne approfittano. Poi finalmente arriva al cinema il nuovo film che aspettavi con tanta ansia e così diventi pazzo e anche le poche ultime pagine rimaste bianche si colorano con le foto di tutto il cast del film e con i tuoi attori preferiti e ci rifletti tutto il tempo, giorno e notte, a scuola e a casa e pensi: Come sarà il film? Sarà diverso dal libro? (perché ovviamente hai già letto il libro almeno quindici volte). Poi arrivano le cartoline da amici e parenti e allora per attaccarle sei costretto a rinunciare a qualcosa, anche se piuttosto preferiresti morire. Ma alla fine dell anno scolastico il tuo diario, che inizialmente era solo un semplice strumento scolastico come tutti gli altri, tra disegni, foto, cartoline, compleanni e festività e insomma tutto quanto, è diventato unico nel suo genere e nessuno potrà averne uno simile al tuo. Ed è per questo che per me il diario è lo strumento scolastico più bello, più bizzarro e originale, perché rappresenta ciascuno di noi. Camilla Mazzucato 2 D

4 Pagina 4 Lettera aperta a PASCOLIAMO Cari lettori del Pascoliamo, è a voi che indirizzo le mie riflessioni. Spesso gli adulti dicono che l adolescenza è un età felice e spensierata, ma questo non è sempre vero. Nell adolescenza ci sono sicuramente meno responsabilità rispetto all età adulta, però noi adolescenti stiamo imparando a muoverci nel mondo dei grandi. In noi tutto sta cambiando, sia il fisico che il carattere, e ogni giorno che passa ci sentiamo diversi dal giorno prima. A volte più grandi, a volte più piccoli. A volte più tristi, a volte più felici. Sicuramente sempre molto confusi. Il bello di questa età è quello di avere degli amici, degli amici veri, che in questo momento ogni tanto sostituiscono i genitori, con i quali iniziamo ad avere qualche momento di incomprensione. Non siamo sempre felici forse perché siamo molto sensibili e cerchiamo di uniformarci al gruppo per essere accettati, ma nello stesso tempo sappiamo che ognuno di noi ha delle cose positive che lo rendono diverso. La difficoltà è proprio quella di vedere queste cose positive come un valore da coltivare per diventare una persona adulta. Credo che la fiducia in se stessi e l amore/presenza della famiglia, ci aiuteranno a superare questo periodo con successo. E voi che cosa ne pensate? Francesco Maria Soprana 3A Una giustificazione alquanto paradossale Volevo chiederle scusa per il mio ritardo, professoressa, ma stamattina ho avuto molti disguidi. Mia madre mi stava accompagnando a scuola con l' auto, quando un'altra vettura ci ha tamponato. Arriva il carro attrezzi, si porta via la macchina e noi siamo costretti a prendere l' autobus che, però, arriva in ritardo alla fermata. Saliamo, ma solo mia madre ha il biglietto e, si dà il caso che proprio quella mattina ci fossero i controllori. Siccome non mi andava di pagare la multa, fuggo dall' autobus sfondando l'uscita. Dopo un breve inseguimento dei controllori, fortunatamente scampo al pericolo, ma mi infilo in stradine sconosciute e mi perdo. Chiedo allora un passaggio alla prima auto che capita a tiro e mi faccio accompagnare a scuola. Salgo le scale ma, improvvisamente, mi accorgo che non era quella la mia scuola. Scendendo dalle scale, inciampo e mi procuro una brutta e dolorosissima storta alla caviglia. Mi portano al pronto soccorso e mi ritrovo con un gambaletto in gesso fino al ginocchio. Bene o male, anche se con due stampelle, riesco a portarmi avanti, ma un teppistello scherzoso e bello me ne ruba una. Zampettando, giungo fino alle strisce pedonali: il semaforo è bloccato e il traffico altrettanto, non riesco a passare. Allora sono costretto a prendere una strada molto più lunga e tortuosa. Non ce la faccio più, sono esausto e così decido di fermarmi a fare colazione. E ora, cara professoressa, che sono finalmente arrivato, lei mi dice che le lezioni sono già finite da un pezzo?! Luca Di Dio 2A

5 Pagina 5 CONTROLLO DELLA VOCE Fra gli studenti è molto diffusa da qualche tempo la malattia Vociorum Vocis ; ne sono particolarmente affetti i ragazzi della classe 2 B della scuola media Giovanni Pascoli di Padova, il che è facilmente spiegabile pensando al fatto che la malattia è provocata dal troppo sforzo delle corde vocali in momenti non idonei perché in questi casi la voce esce poco sicura e provoca un tremolio delle corde vocali che non fa bene alla salute, uno dei più comuni esempi sono le chiacchiere in classe e bisogna dire che quegli alunni sono proprio dei gran chiacchieroni... Adesso vi spiegherò i terribili danni di questa malattia: chi ne è affetto presenta come sintomo uno stato confusionario delle corde vocali, ad esempio, se un ragazzo contagiato, durante una verifica, vorrebbe sussurrare ad un compagno:- Ehi, mi spieghi l esercizio cinque?- potrebbe urlarlo a tutta la classe. Per evitare questi terribili inconvenienti (anche se a volte rivelatori per gli insegnanti) è bene trovare un antidoto per non perdere del tutto il controllo della voce. Mariasole Zagnoni 2B Cari ragazzi di prima, sicuramente avrete già trovato molti nuovi amici qui alla Pascoli con cui trascorrerete tre anni fantastici, ma il tempo che passate con loro non si limita solo all anno scolastico perché anche durante le vacanze estive potrete vivere emozioni insieme. Alcuni docenti, infatti, accompagnano gli alunni interessati, fuori Padova o addirittura fuori dall Italia! L anno scorso per esempio la prof.ssa Berio ha organizzato una vacanza-studio in Inghilterra e più precisamente in una cittadina vicino a Londra di nome Sevenoaks La mattina del sei di Luglio, siamo partiti dall aeroporto di Verona, alla volta della Gran Bretagna, in compagnia di molti compagni di scuola. Arrivati al college ci hanno divisi tra ragazzi e ragazze, ci hanno accompagnati nei rispettivi alloggi e ci hanno presentati alla nostra guardiana di casa di nome Guen: simpatica (a volte), gentile (quasi mai) ma un po rompi (sempre). Il primo giorno ci hanno sottoposto tutti a un test in modo da dividerci per classi in base alla nostra conoscenza della lingua inglese così il giorno dopo abbiamo conosciuto i nostri nuovi compagni di diverse nazionalità. Ogni giorno ci svegliavamo alle 7:00 per fare colazione; le lezioni erano molto divertenti.questo grazie agli insegnanti che, oltre ad averci proposto esercizi scritti ed orali, ci hanno fatto svolgere dei giochi e navigare in rete. All ora di pranzo ci spostavamo in una grande sala allestita per la mensa, l unico imprevisto era la coda chilometrica che si formava all entrata; esisteva però un mitico bigliettino (il q- jump ) che veniva consegnato dagli insegnanti ai ragazzi che si comportavano bene, e permetteva loro di saltare la fila. Dopo il pranzo ci si iscriveva alle attività pomeridiane, si tornava nelle case per cambiarsi e ci si recava allo sport centre (centro sportivo) per restarci tre ore svolgendo, uno dopo l altro, tre diversi sport. Se non si desiderava prendere parte alle attività sportive ci si poteva dedicare ad altri passatempi come la fotografia, l arte o down town (shopping a volontà), o ancora, nei giorni più soleggiati, caccia al tesoro, scivoli d acqua, mini olimpiadi (alle quali modestamente la nostra classe ha vinto) e la sera la discoteca ed il karaoke. Durante i week end si visitavano le città più importanti della nostra zona, come Canterbury, Cambridge, Brighton e naturalmente la mitica Londra! Le tappe più interessanti sono state: il British Museum, la cattedrale di Canterbury, l università di Cambridge e poi Harrods, la famigerata Abercrombie e il dolcissimo Starbucks!! Che tristezza la partenza!!! :( Purtroppo il diciannove mattina, dopo qualche foto ricordo, ci siamo avviati all aeroporto e siamo tornati a Padova. È stata un esperienza irripetibile per cui, se avete qualche dubbio, sappiate che di sicuro con i ragazzi della Pascoli non vi annoierete e non avrete mai nostalgia di casa!! Giulia Cardin e Anna Vittoria Peracin 3B

6 Pagina 6 Per i ragazzi della nostra età l amicizia è il rapporto più sentito e più cercato; per questo abbiamo provato ad esprimere la nostra idea di amicizia e a raccogliere le nostre frasi più significative: Non è facile trovare un amico vero, riconoscere tra le molte persone che incontriamo nelle varie occasioni (scuola, sport, patronato ) qualcuno con cui creare un rapporto di affetto reciproco, un rapporto stretto e sincero, speciale con cui condividere paure, dubbi ma anche con cui scambiarsi opinioni e segreti. Gli amici vanno scelti bene perchè sono quelli che ti accompagneranno nel tuo cammino di crescita. Per me gli amici sono importantissimi, sono l unico motivo per cui vengo a scuola (anche per altre cose, s intende!). Non mi piace prendere in giro le persone isolate e senza amici perché posso capire che cosa provano. Io mi ritengo fortunato perché sono un ragazzo socievole e cerco sempre di coinvolgere tutti. Io penso di non avere problemi a farmi degli amici, anzi sono riconoscente per avere degli amici onesti, gentili e così inclini al perdono anche quando, per i miei modi insistenti, divento irrispettoso nei loro riguardi. Fin da piccolo ho avuto tanti amici diversi, in qualsiasi posto ho fatto nuove amicizie e ogni anno se ne aggiungono di nuove. Senza amici credo che mi sentirei solo, non saprei cosa fare, non saprei a chi chiedere aiuto nel momento del bisogno. L amicizia è la cosa più bella che mi sia capitata nella vita, per questo ho paura di perdere i miei amici dopo la terza media ma mi impegnerò per mantenere il rapporto con loro. A me è capitato di confondere il significato di amicizia; ero convinto che far parte di un gruppo forte a cui era permesso fare tutto (anche emarginare i più deboli) volesse dire essere amici: tutto sbagliato!attraverso un percorso faticoso ho capito, invece, che il rapporto andava rovesciato, che dovevo essere io di aiuto a coloro che ne avevano bisogno e a considerarli amici di cui fidarsi. L amicizia è un sentimento che non puoi comprare ma nasce da un giorno all altro, spontaneamente. L amicizia è un emozione che parte dal cuore e ti spinge a fare di tutto per il tuo amico. E un sentimento che non si può descrivere a parole ma si deve vivere, è qualcosa che si sente col cuore. Il sacrificio, l aiuto, il sostegno all amico addolorato e triste, questi sono i valori su cui si fonda la vera amicizia e nulla può scalfire questo sentimento così forte ma fragile, così trasparente ma opaco quando arriva a nascondere l amico vero. Vogliamo ora unire alle nostre modeste considerazioni quelle di famosi scrittori e cantautori che, proprio sull amicizia, ci hanno lasciato delle frasi memorabili: A. Frank, Il diario: Ho dei cari genitori e una sorella di 16 anni conosco una trentina di ragazzi e ragazze, alcune delle quali potreste dire che sono mie amiche, ho un corteo di adoratori no, apparentemente non mi manca nulla, SALVO L AMICA e farò del diario l amica lungamente attesa. F. Uhlman, L amico ritrovato: Nella mia classe non c era nessuno che potesse rispondere all idea romantica che avevo dell amicizia, nessuno che ammirassi davvero o che fosse in grado di comprendere il mio bisogno di fiducia, di lealtà e di abnegazione, nessuno per cui avrei dato volentieri la vita. A. De Saint Exupery, Il piccolo principe: Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi, ma se tu mi addomestichi (leggi: entri in relazione con me), noi avremo bisogno l uno dell altro, tu sarai per me l unico al mondo e io sarò per te l unica al mondo. Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. D. Baldan Bembo, L amico è: L amico è una persona schietta come te, che non fa prediche e non ti giudica, fra lui e te divisa in due la stessa anima. Però lui sa, l amico sa il gusto amaro della verità ma sa nasconderla e per difenderti un vero amico anche bugiardo è. L amico è qualcosa che più ce n è meglio è, è un silenzio che può diventare musica. La classe 2 A

7 Pagina 7 Esperienze personali La chitarra Di solito guardiamo i cantanti e pensiamo alle belle note che i chitarristi, con le loro dita, fanno scaturire dal loro strumento. Ma a cosa ci serve suonare? Suonare è una forma d arte, quella di combinare suoni e di formare una melodia di nostro gradimento. Io seguo un corso di chitarra qui, alla Scuola Pascoli, con il mio amico Alberto, il mercoledì, insieme al nostro maestro. Per ora non sappiamo fare un granché, però ci divertiamo. La bellezza di strimpellare, per me, è tenere questo strumento di forma oblunga in mano e, con le dita, suonare. La difficoltà consiste nel pizzicare bene e con giusto tempismo la corda desiderata. Certo, forse è uno degli strumenti più complessi, anche se a vederlo non sembra. La chitarra è uno strumento a corde di nylon realizzato in legno, inventato da Antonio da Torres, un liutaio spagnolo. Quella elettrica, invece, non ha un vero e proprio padre fondatore. Nasce nel XX secolo, quando la gente voleva uno strumento con un suono più forte. Per la chitarra classica servono un piedistallo, una chitarra, naturalmente, grande esperienza. Il piedistallo si usa perché lo strumento si suona da seduti e la cosiddetta curva, posta a metà della chitarra, non è altro che uno spazio predisposto per il ginocchio. La chitarra classica si mantiene fedele al colore e alla forma originaria, mentre quella elettrica è disponibile in moltissime varianti e colori. Carlo Megighian I D La mia giornata La sveglia è alle 6.30: mi alzo e, ancora un po assonnata, mi preparo per affrontare una giornata impegnativa. Indosso pantaloni, maglia e felpa e per le 6.50 sono pronta. H. 6.50: faccio colazione con latte e cereali, un pieno di energia! Esco alle Mi metto il giubbotto e, senza fare rumore per non svegliare i vicini, esco di casa con mia mamma (non mi lascia ancora andare da sola). Alle 7 e mezza prendo il tram che è sempre stra- stra pieno e spiaccicandomi come una zanzara tra due mani (anzi peggio), entro e arrivo a scuola in circa tredici, quindici minuti. Arrivo a scuola alle 7 e 52, poco prima delle otto, chiacchiero un po con gli amici ed entro in classe appena suona la campanella. Alle esco da scuola chiacchierando, saluto mia mamma e insieme ci avviamo verso la fermata del tram. Verso l una e mezza il tram non è molto affollato e quindi si entra con più facilità. Dopo pranzo, alle tre del pomeriggio, sono di nuovo fuori, pronta per andare a lezione di danza classica. E un attività che svolgo da quattro anni e mi piace molto. Verso le cinque mi metto a studiare; continuo fino alle sei e mezza circa e passo dei minuti interminabili! Dalle 18 e 30 in poi, esauriti gli impegni posso rilassarmi e concludere la giornata. Attenzione! Non sempre le mie giornate sono così; a volte non vado a danza, oppure non riesco a giocare perché studio di più. Clara Miccolis I D

8 Pagina 8 Flash del passato Della mia infanzia ho vari ricordi, alcuni belli, alcuni brutti, alcuni felici, alcuni tristi. Ma ce ne sono alcuni, nascosti nella mia mente, che ogni tanto salgono alla superficie dei miei pensieri e che mi sorprendono per la loro chiarezza. Per esempio, il mio primo Natale con la neve, quando avevo quattro anni, a New York. Anche se non mi ricordo neanche cos'ho avuto per pranzo ieri, mi ricordo perfettamente ogni dettaglio di quella scena, otto anni fa. Era la sera del giorno prima di Natale e mia mamma mi stava portando a fare un po' di shopping natalizio. Ero annoiatissima. Ma poi è successo qualcosa, è iniziata a cadere dal cielo una sostanza bianca. Era fredda. Mamma, cos'è? E' neve. Neve. Quell'unica parola mi è rimasta impressa nella mente, mi sono innamorata subito. Quel momento nella strada di New York, con la neve che cadeva sulle mie spalle, non me lo dimenticherò mai. C'era silenzio, tranne per il battito del mio cuore. Era magico. Questo sì che era Natale. Non so perché ricordo così bene questo momento, magari è per via della mia felicità, magari è per puro caso. Ma c'è una cosa che so di sicuro, quel momento è stato uno dei più felici della mia vita. Questo è soltanto uno dei numerosi ricordi della mia infanzia e ce ne sono tanti altri di belli, ma anche tanti altri di brutti. Nessun'infanzia è perfetta, ma ci sono sempre quei ricordi perfetti che ti aiutano a superare i tempi difficili. Questo è uno di quei ricordi. Un altro ricordo che continua a seguirmi dappertutto (purtroppo) è uno un po' meno piacevole. E' il ricordo della morte di mia nonna, sei anni fa, anche questo a Natale. Ci stavamo divertendo un mondo con i nuovi regali, quando mia mamma ha ricevuto una chiamata. La nonna era caduta giù per le scale ed era in ospedale. Siamo corsi subito a vederla, ma era troppo tardi. Quando siamo arrivati, la nonna era morta. Non ho smesso di piangere per il resto della giornata, perché non era soltanto una nonna, ma era anche un'amica che mi aiutava sempre nei tempi difficili, e adesso che era morta non sapevo più cosa fare. A volte questo ricordo mi appare nella mente quando sono molto contenta, come per ricordarmi che il mondo non è perfetto. Ed è vero. Il mondo non è perfetto, ma se continui a sperare e a ricordare, potrai superare qualunque cosa, anche i momenti più brutti, perché i ricordi sono importantissimi. Senza di loro non avresti un passato, un presente o un futuro. Senza i ricordi non saresti niente. Silvia Linton 2D Ogni anno, la mattina del 25 dicembre, quando vedo i regali mi viene in mente il giorno di Natale del E stato uno dei giorni più belli della mia vita. Adesso lo racconterò brevemente. Mi alzo, saluto i miei genitori e i miei nonni con la manina e subito mi fiondo sui pacchi colorati situati sotto l albero. Come sempre parto dal più piccolo, lo apro e trovo delle pile. Penso subito che siano un regalo bruttissimo, ma poi il nonno mi dice che le pile sono molto utili. Allora, d impulso, comincio a scartare uno dei regali più nascosti e scopro che dentro c è una macchina della Polizia con tanto di telecomando per farla muovere. Dopo tanti minuti, visto che non sapevo mettere le pile e non volevo farmi aiutare, la macchina cominciò a muoversi. Che gioia! Ogni Natale, quando penso quanto ho fatto andare quell oggetto quel giorno, il morale mi va alle stelle. Non so perché quel regalo mi è restato così impresso, visto che ho ricevuto doni molto più belli e costosi di una macchina della Polizia radiocomandata che tuttavia, a distanza di nove anni, per me ha ancora un valore inestimabile. Altri due flash di cui vorrei parlare sono legati a mio nonno Aldo. A casa nostra, quando mangiava con noi, io e lui sedevamo a capotavola, e ogni volta non ci riuscivamo più a vedere perché c era una bottiglia di plastica verde della marca Vera, proprio al centro del tavolo. Quando mi viene in mente, la scena è sempre la stessa: io muovo la testa per vederlo e lui la muove dall altra parte per farmi uno scherzo e viceversa, fino a quando ci mettiamo a ridere tutti e due e ci abbracciamo con affetto. Altro flash legato a mio nonno riaffiora ogni volta che vado a Sottomarina. Nel ricordo vedo io e mio padre seduti sulla sabbia che giochiamo con palette, formine e secchielli, mia madre che prende il sole, e mio nonno seduto su una sdraio, che legge quello che chiamavo il giornale rosa ( La Gazzetta dello Sport ), nel bagno Granso Stanco di Sottomarina. I due flash legati a mio nonno per me sono molto importanti perché, oltre alle foto, sono gli unici ricordi vivi che ho di lui. Cerco di farmeli venire in mente molto spesso perché non voglio dimenticarmi di lui. Il primo ha soprattutto un valore di affetto tra me, il nipote,e lui, il nonno. Ricordo ogni minimo particolare e quando, al momento in cui ci abbracciamo, capisco che lui è sempre vicino a me. Il secondo ricordo, invece, è importante per un solo motivo, La Gazzetta dello Sport che è davvero un elemento in comune che c è tra mio nonno, mio padre e me, tutti e tre seguiamo e abbiamo seguito le vicissitudini riguardanti il Milan sul giornale rosa. E così che ogni giorno, quando sfoglio quelle pagine rosa, penso al mio caro nonno. Giacomo Fabris 2D

9 Pagina 9 Caro Diario l ultimo giorno d estate è terminato e noi ragazzi ci siamo ritrovati in piedi alle 7.30 della mattina, per andare a scuola e ricominciare la nostra vita normale. L estate, la nostra magica estate, è terminata e io ancora ora mi sento strana, come se un vuoto nell anima richiamasse più attenzione: è quella parte del mio cuore che è rimasta al mare, tra le emozioni di una spiaggia che mi ha regalato uno dei mesi più belli della mia vita. Ma ora sono nella mia aula, a riflettere su gli ultimi mesi trascorsi e sull estate che se n è appena andata. Mi ricordo, come se fosse ieri, quel 15 Settembre 2008, il giorno in cui, per la prima volta, ho varcato il famoso portone della Pascoli; ricordo i ragazzi più grandi che non ci degnavano di uno sguardo, troppo immedesimati nella loro parte di adulti, ma che, dopo una settimana, hanno incominciato a chiacchierare con noi, bambini inesperti e insicuri. Ricordo la festa dell Accoglienza, dove i bigliettini spiritosi delle classi terze mi hanno spaventata, perché non sapevo cosa mi aspettava Ricordo quando ci hanno mostrato la scuola e le varie attività e subito mi è parsa innovativa e piena di vita. Ma soprattutto ricordo quando, alle elementari, ci hanno dato un foglio, quello per l iscrizione alle medie, ed io, tutta orgogliosa, ho fatto una gran croce sulla casellina Pascoli: quella scelta poi si è rivelata giusta e saggia. Ora sono in terza, ho visto quelli che mi avevano accolta andarsene, ho perso alcuni amici più grandi, ma me ne sono fatta di nuovi, più piccoli. Adesso è bello vedere che i primini ci guardano con rispetto, che non osano chiederci nulla, che per loro siamo dei miti. Alla festa dell Accoglienza, noi di terza abbiamo presentato la Pascoli ai ragazzi nuovi e li abbiamo preparati, sempre scherzosamente, alla vita di questa scuola speciale. Ho visto i loro occhi, come i miei due anni fa, riempirsi di stupore e meraviglia, perché la Pascoli riesce a rendere speciale anche la più piccola attività, perché ogni cosa è fatta con il cuore!!! Ora mancano meno di otto mesi alla fine di tutto e all inizio dei famosi esami, e sono felice e spaventata al tempo stesso. Ricordo quando, l ultimo giorno di scuola dell anno scorso, abbiamo fatto il tunnel umano a quelli di terza, che poi hanno preso un simbolico diploma, con gli occhi lucidi pronti per prendere in mano le redini della loro vita. Sono già triste al pensiero di lasciare i miei compagni, se potessi ritornerei indietro, ma, nonostante tutto, questo è l anno più bello ed emozionante. Rispetto alla prima sono maturata e ho preso consapevolezza di me stessa, dei miei limiti, che cerco sempre di superare, dei miei punti forti, dei miei pregi e dei miei difetti. Quando due anni fa entravo nell aula, lo facevo con timore, per paura che durante la lezione potessi fare brutta figura; ora sono più tranquilla, quando l insegnante entra non sono più ansiosa, anzi sono felice di poter comprendere argomenti nuovi, anche perché qui alla Pascoli, il professore, mentre spiega, ride e scherza e, anche se succede solo per cinque minuti, ciò riesce a rallegrare l atmosfera e, caro diario, ti assicuro che anche l algebra diventa divertente. Varcare, il 13 Settembre 2010, il portone della Pascoli e rivedere i miei compagni, mi ha procurato un grande senso di nostalgia e un grande senso di appartenenza alla mia classe, dato che, superati i momenti di rancore e tristezza, dove ognuno si sente solo e odiato dagli altri, ci siamo ritrovati più uniti che mai, pronti per affrontare l ultimo anno tutti insieme e compatti. Quando in classe guardo le facce dei miei compagni, leggo la consapevolezza che il nostro cammino si sta facendo sempre più arduo e in salita e tutti, per non cedere, si pongono degli obbiettivi: il mio è uscire con un bel voto finale, anche se non penso ancora a quale sarà, per paura di rimanere delusa. Intanto penso a godermi questi ultimi mesi di spensieratezza,dato che le miei preoccupazioni sono ancora lontane, o così mi illudo. Dopo due anni, proprio ora che ho conosciuto tutti i lati nascosti dei miei compagni, devo pensare a quando dovrò ricominciare tutto daccapo, in una nuova classe, al liceo. È vero, le medie volano e, quando non sembra passato nemmeno un anno, ci si ritrova a dover scegliere la nuova scuola e non si fa neanche a tempo ad abituarsi alle nuove responsabilità, che ci si ritrova a dovere decidere della propria vita, come un adulto, anche se non ci si sente in grado di farlo. Già temo il suono dell ultima campanella, suono sempre così desiderato, ma che quando sancisce la fine dell ultimo anno, non si vorrebbe mai sentire, perché non si è pronti a dire addio a quella che per gli ultimi anni è stata una seconda casa. Marella Marassi 3B

10 Pagina 10 Benvenuti al Sud Benvenuti al Sud è una fantastica commedia che da ottobre spopola nelle multisale italiane. La storia che in sé non è complicata, ma comunque ben chiara, trae lo spunto tra le differenze negli usi e nei modi di fare tra gente del Nord e gente del Sud. E stato ispirato dal film francese Giù al Nord che tratta analoghe questioni. Il protagonista, un milanese come Claudio Bisio, si ritrova a lavorare in una località del napoletano e rimane spaesato in questa nuova realtà. Con il tempo impara ad adattarsi e finisce per innamorarsi di quei luoghi, coinvolgendo anche la moglie, prima piuttosto diffidente e prevenuta nei confronti del Sud. Questo film è stato per me emozionante e divertente, soprattutto per le comiche gag tra il protagonista Claudio Bisio e i suoi colleghi napoletani, episodi in cui si evidenzia quanto sia difficile per un nordista comprendere le espressioni dialettali del Sud e quanto il Meridione appaia più svagato e spensierato rispetto a un Nord ordinato e perfettino. Di questa commedia mi è rimasta impressa una frase pronunciata da Alessandro Siani, interprete del collega napoletano del protagonista: Qui al Sud piangi due volte; quando arrivi e quando riparti. Secondo me, mai frase fu più vera di questa, perché per quanto un settentrionale sia rispettoso dell ordine, in qualche momento si lascia comunque andare e si svaga e per questo rimpiange quel Sud che prima valutava negativamente. Alberto Oliveri 3C LETTO PER VOI: ANNA DAI CAPELLI ROSSI Vorrei consigliarvi un libro che ho preso in prestito dalla biblioteca di classe e che mi e piaciuto molto: si intitola Anna dai capelli rossi di Lucy Maud Montgomary. Anna, una bambina orfana sui dieci anni, viene affidata, per errore, a due anziani fratelli, Marilla e Matthew Cuthbert. Alta, magra, capelli rosso carota, lentiggini, Anna apparentemente sembra una ragazza piuttosto bruttina ed antipatica, in realtà si rivela una sognatrice dalla parlantina facile, che trovera in Avonlea, o meglio in Green Gables, la villa dove abita, un posto favoloso, dove vivere, insieme all inseparabile amica Diana Barry, mille avventure indimenticabili. Sognerà ad occhi aperti le cose piu belle ed inimmaginabili del mondo. Alla scuola media, poi troverà tante amiche, come Jane e Ruby, ma anche acerrimi rivali, come Gilbert Blythe, un ragazzo piuttosto carino, che però prende in giro Anna, chiamandola Pel di carota!!!!!! Ma.. Basta! Vi ho detto troppo! Leggetelo e troverete in questo libro la storia di una ragazza diversa da tutte le altre, che vi coinvolgerà, con la sua fantasia, nelle fantastiche avventure della sua vita! E pensate che è stato scritto nel 1908! Pare impossibile che, cento anni dopo, piaccia ancora! Anna Zuin IA

11 Pagina 11 Gli appassionati dei film di animazione, quest estate saranno di certo accorsi al cinema per vedere gli ultimi episodi delle saghe animate Toy Story e Shrek Io non potevo assolutamente perdermi Toy Story 3 : dovevo scoprire cos altro sarebbe successo ai giocattoli di Andy il protagonista della saga. In questo film Andy è ormai un ragazzo: deve andare al college e, per lasciare libera la sua camera alla sorella, fa ordine tra i giocattoli. Invece di finire in soffitta come ricordi, Baz, Wody e i loro amici si ritrovano in mezzo ad altri giocattoli in un asilo e qui verranno coinvolti in un avventura mozzafiato. Quando realizzano di non essere stati conservati in soffitta, si sentono abbandonati e traditi: sono stati sempre fedeli compagni per Andy ed ora lui sembra essersi dimenticato di loro. Giunti in mezzo ad altri giocattoli e tra molti altri bambini, pensano di aver trovato nuovi amici e per un po dimenticano il loro dolore. Presto, però, scopriranno la verità: questi nuovi giocattoli vogliono solo approfittare di loro lasciandoli con i bambini più violenti e agitati. La forte amicizia che lega Wody e gli altri li aiuterà ad affrontare tutte le cattiverie che la banda di Lotzo (capo dei giocattoli dell asilo) ha in serbo per loro. È proprio la collaborazione tra gli amici, in cui ognuno dà il suo contributo, che permetterà loro di salvarsi e di tornare da Andy. Ma Andy ormai è veramente troppo grande per aver tempo da trascorrere con i suoi amici giocattoli! Quale soluzione migliore se non affidarli ad una dolcissima bambina che avrà sicuramente cura di loro? Solo così potranno riacquistare la felicità e avere di nuovo una famiglia. Questo film mi ha fatto ripensare a tutti quei giocattoli con cui giocavo fino a poco tempo fa. Ora sono in prima media e sto crescendo: sono molto impegnato con lo studio, il rugby e gli amici e per giocare non ho più tempo, ma quando la sera vado a letto e ritrovo il mio gattino di peluche, provo un grande senso di tenerezza e rivivo, anche se per pochi istanti, la gioia dei giochi che ho sempre fatto con lui. Toy story: un cartone animato che ci insegna il valore dei nostri amici giocattoli, per non dimenticare di essere stati bambini e che farà di certo commuovere. Ludovico Gioi IA RACCONTI MITOLOGICI Uno speciale dono di pace Era una sera di fine estate e sul Monte Olimpo due potenti dei erano in attesa di essere ricevuti da Zeus: sua figlia Artemide, dea della caccia, e suo figlio Ares, dio della guerra. Importanti questioni dovevano essere definite. Ognuno dei due affermava di essere arrivato per primo e di avere il diritto di essere per primo ascoltato. Cominciarono a litigare violentemente, tanto che Zeus si alzò dal trono e tuonò con impeto contro di loro. Su tutta la terra iniziò un forte temporale. Durante questo alterco Ares, come al solito bellicoso e possente, scagliò l arco di Artemide in aria che, ricadendo, si spezzò rovinosamente. Ares, scorgendo la disperazione negli occhi di Artemide, provò pietà; temeva anche l ira di Zeus e i rimproveri di sua madre Era. Chiese allora aiuto ad Efesto che gli forgiò un arco speciale capace di riflettere ogni raggio emesso dal cocchio di Apollo. Artemide accettò con entusiasmo quel dono di pace e lo alzò in alto con una tale veemente gioia da far comparire nel cielo della Terra, ancora grigio di pioggia, uno speciale, splendente arco multi-colore. Ancor oggi, ogni tanto, Ares e Artemide litigano, ma poco dopo, in segno di pace, Artemide lancia verso l alto il suo arco. Così noi, sulla Terra, ammiriamo l ARCOBALENO. Giovanni Battista Poci I A

12 Pagina 12 PERCY JACKSON E e GLI g l i DEI d ei DELL OLIMPO d el l ' o l impo RECENSIONE Il film "Percy Jackson e gli dei dell'olimpo" è adatto alle persone amanti della mitologia greca. Percy, è un ragazzo dislessico che vive a New York con la madre e scopre che Poseidone, re del mare, fratello di Zeus e di Ade, è suo padre. Percy viene accusato di aver rubato la folgore di Zeus e dovrà ritrovarla entro il solstizio d'estate, altrimenti scoppierà una guerra tra i due mondi. Dovrà affrontare dei nemici insieme al suo migliore amico Grover, il fauno, e Annabeth, figlia di Atena. Dovrà trovare tre perle che gli serviranno per tornare dagli inferi. Il mio giudizio è molto positivo perchè questo film mi ha fatto pensare alla bellezza della Grecia antica. Non vi anticipo altro. Buona visione!! Francesca Rondinone IC Lo scioglimento dei ghiacciai è un fenomeno molto rischioso per la terra, la vita dell uomo e degli animali. Ciò avviene a causa dell effetto serra, che permette a parte del calore irradiato dai raggi del sole di rimanere sulla terra; questo nel corso degli ultimi secoli è aumentato di molto. Ciò porta al catastrofico aumento della temperatura, dannoso in particolare per le maggiori risorse di acqua dolce presenti sulla terra: i ghiacciai. Il calore sulla terra è maggiore poiché l uomo inquina di più l ambiente e produce maggiore anidride carbonica che, di conseguenza, non permette a parte dell energia solare di fuoriuscire dal pianeta. Ciò porta ad un innalzamento del livello del mare, il quale nel corso degli anni, se non si fa qualcosa, potrebbe sommergere alcune zone costiere. Inoltre alcuni animali, come orsi bianchi, foche e trichechi (ma non solo), stanno perdendo il loro habitat naturale e ciò li porta ad estinguersi e di conseguenza a diventare specie protette per evitare che spariscano definitivamente. L uomo, onde evitare questo, ha messo in pratica delle iniziative: in Europa sono state istituite le eco-tasse che colpiscono le industrie più inquinanti, sono stati messi in vendita prodotti con il marchio ecologico (inquinano meno), ma di sicuro il progetto più importante è il riciclaggio, che permette ad alcune industrie di riutilizzare materie scartate da altre. Tutte queste iniziative fanno parte del sistema eco-sostenibile, che è un obbiettivo insieme politico, economico e culturale che permetterebbe anche alle generazioni future di usufruire delle risorse naturali. A contribuire alla messa in atto di questi progetti è stato il protocollo di Kyòto firmato dagli stati più inquinanti nel 2004 ad eccezione, purtroppo, del Giappone e degli USA. Lorenzo Boschini 2C

13 Pagina 13 BARZELLETTE SCOLASTICHE NEURONI Professoressa: Allora per le vacanze scrivete il tema Studente: prof che ne dice di Che ti ha portato Babbo Natale? Professoressa: un neurone perché l unico che avevi è scaduto! NON CI CREDO Un ragazzo: un signore mi ha detto che noi ragazzi non crediamo più a niente L altro: NON CI CREDO!! LEOPARDI Professoressa: ragazzi oggi da voi vorrei sentire dei versi di Leopardi Studenti: GRRRR!!ROARR!!RRRR!! Professoressa: chissà se al prof di filosofia avanza un po di cicuta FENOMENI Studente: siamo una generazione di fenomeni. Professoressa: Si, l unico problema è che vi hanno rinchiuso qui dentro. Caterina Ostini I B

14 Pagina 14 Lettera aperta al Ministro della Pubblica Istruzione Egregio ed illustrissimo Ministro della Repubblica Italiana, Maria Stella (o Mary Star come la chiama Luciana Littizzetto) Gelmini, di recente sono state mosse molte critiche contro di lei e le sue riforme. Su questo vorrei intervenire riassumendo un opuscolo consegnato alla mia ignara nonna, durante un giorno di sciopero in suo onore, perché, Signor Ministro, deve sapere che tutti gli scioperi compiuti dai ragazzi delle superiori sono solo un motivo per festeggiare il suo magnifico operato. Che credeva! Comunque, tornando all opuscolo, esso riporta i seguenti dati: - il governo ha tagliato il 60% dei fondi della scuola pubblica; - ha ridotto del 10,5% lo stipendio dei docenti; - ha scoraggiato la ricerca e demotivato i ricercatori. Sinceramente, Signor Ministro, ritengo che per gestire il debito pubblico del nostro Paese sia sì necessario qualche taglio, ma sono dell idea che si possa risparmiare bilanciando i fondi scolastici con le spese relative ad altri settori, ad esempio lo stipendio dei politici. Che ne pensa? La invito, inoltre, a visitare la mia scuola (Giovanni Pascoli di Padova), come esempio, così si accorgerebbe che presenta qualche problemino di manutenzione. Concludo dicendo che, sicuramente non sono abbastanza maturo per dare un giudizio sull operato di chi ci governa, tuttavia sono convinto che anche noi ragazzi tredicenni dobbiamo iniziare a farci delle opinioni anche in ambiti che richiedono una certa competenza poiché, in fondo, siamo proprio noi ragazzi il futuro del nostro paese. Sergio Pellegrino 3A Quanti avvisi di sciopero quest anno!! Quest anno ci dettano molto spesso avvisi di sciopero anche se, purtroppo, quasi nessun professore aderisce. Abbiamo sempre l illusione di fare festa, invece, ogni volta ci dicono che le lezioni si svolgeranno regolarmente ed allora i nostri sogni svaniscono Nel mondo della scuola c è tanta agitazione per la riforma che sembra non piacere a nessuno, ma soprattutto per il fatto che pare che molti insegnanti perderanno il lavoro. Io non capisco molto i cambiamenti che stanno avvenendo, ma, sentendo cosa ne dicono i professori, mi sembra di capire che la scuola sta peggiorando e che i nostri diplomi futuri varranno sempre meno. Io ho fiducia in quello che pensano e dicono i nostri professori perciò mi chiedo: Perché, signora Gelmini, non ascolta un po quello che pensano le persone che lavorano nella scuola?. Pietro Faggion 3A

15 Pagina 15 Ora un po di robotica... ROBOT HRP-4 DIVA Una sera, con mio zio, ho visto su Internet il video di un robot davvero interessante. Ciò che mi ha colpito di più è stata la naturalezza dei suoi movimenti e della voce. Allora, incuriosita, sono andata a cercare qualche notizia in più. Il nuovo robot inventato dalla tecnologia giapponese si chiama HRP-4: ha l'aspetto di una ragazza asiatica e il suo soprannome, diva-bot, ne definisce lo scopo. HRP-4 è un robot progettato per cantare, regolato da un software che imita una cantante umana in un modo più naturale ed espressivo di tutti i robot-cantanti precedenti. Il modello di cantante utilizzato è stato quello di una tipica pop star giapponese, il cui volto è stato ricreato e mappato sul robot. La tecnologia su cui si basa il robot è anche in grado di ottenere movimenti che lo rendono più realistico: pause per la respirazione e la vocalizzazione dei rumori che provoca il respiro di una cantante che prende fiato. Ma oltre a cantare, diva-bot riesce ad assumere espressioni facciali umane e movimenti del corpo umani. HRP-4 è frutto del lavoro di un team del National Institute of Advanced Industrial Science and Technology di Tokyo. Masataka Goto, a capo del team di ricerca e scienziato che si dedica allo studio della tecnologia applicata alla musica, sostiene che se i robot dovessero essere diffusi su larga scala nella nostra società, avranno bisogno di diffondersi inizialmente nell'industria dell'intrattenimento, in modo che vengano conosciuti dalla gente. Io penso che la tecnologia di oggi sia molto avanzata e mi sembra incredibile che sia arrivata a questi livelli. Credo però che sia molto importante l utilizzo che l uomo ne fa, in questo caso credo che l arte e quindi anche la musica e il canto debbano rimanere un espressione dell uomo e non di una macchina. Mi sembrerebbe più utile usare diva-bot per lavorare nelle industrie o per aiutare le persone. Elisabetta Pavan I A

16 Pagina 16 Mio zio Filippo è astrofisico all'osservatorio di Arcetri a Firenze. Il 14 di ottobre su Nature, una delle riviste scientifiche più note al mondo, è apparso un risultato di alcune sue recenti ricerche. La notizia è stata poi ripresa anche dai principali giornali nazionali. Le sue osservazioni hanno per la prima volta fornito una prova diretta del fatto che le galassie giovani possono crescere ingerendo il freddo gas che le circonda, utilizzandolo come combustibile per la formazione di nuove stelle. Capire come le galassie siano cresciute nei primi miliardi di anni dopo il Big Bang è uno dei più dibattuti quesiti dell'astrofisica moderna. L'Universo aveva meno di un miliardo di anni quando le prime galassie si sono formate; esse erano molto più piccole rispetto ai sistemi giganti che vediamo oggi, come ad esempio la nostra Via Lattea. Spesso per formare sistemi più grandi, le galassie si scontrano e si fondono: si tratta certamente di un meccanismo di crescita importante. Un team di astronomi europeo, di cui fa parte anche zio Filippo, ha utilizzato il Very Large Telescope per verificare che le galassie giovani possono crescere anche aspirando idrogeno ed elio freddi, materiali che riempivano l'universo primordiale, formando da questi nuove stelle. Proprio come una società commerciale può espandersi grazie ad una fusione con altre società o assumendo più personale, le galassie giovani possono crescere tramite la fusione con altre galassie o per accrescimento di materiale. La scoperta avrà un grande impatto sulla nostra comprensione dell'evoluzione dell'universo dal Big Bang ai giorni nostri. Molte teorie sulla formazione delle galassie e sulla loro evoluzione potrebbero dover essere riscritte. Se siete curiosi, consultate il sito dell'eso (http://www.eso.org) che è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e l'osservatorio astronomico più produttivo al mondo. Tommaso Tonolo 3A Vi presento il Cao de agua La storia comincia oltre sette secoli fa con le parole di un monaco che, avendo assistito al salvataggio di un pescatore nel sud delle coste portoghesi, volle lasciare la descrizione dell eroico salvatore: «un cane con lungo pelo nero rasato fino all ultima costola, con un ciuffo di peli sulla punta della coda, quattro zampe bianche e un ciuffo bianco sul muso». Ancora oggi queste parole datate 1297 sono considerate la più accurata descrizione di un moderno Cao de Agua ed il primo rapporto ufficiale sulla razza. La storia prosegue nei secoli e, per sintetizzare, si può dire che per molto tempo la regione portoghese dell Algarve ha utilizzato gli esemplari di questa razza come cani pescatori, affidando loro importanti compiti per il buon esito dell uscita in mare. Ci si attendeva da questo cane cose semplicemente incredibili: viaggiava sulla prua della barca, in mezzo all oceano agitato, per sorvegliare il mare e segnalare la presenza di banchi di pesci; in caso di pericolo svolgeva la funzione di «allarme»: in presenza degli squali metteva in guardia i pescatori nascondendosi nella barca e lamentandosi si rifiutava di compiere il lavoro; in condizioni tranquille invece si manteneva pronto a tuffarsi per aiutare a piazzare le reti e ritirarle; spesso riusciva a catturare i pesci che scappavano dalla rete; era corriere di messaggi, cibo, acqua ecc., dimostrando quindi capacità di nuoto su grandi distanze e su correnti freddi e gelate; recuperava oggetti caduti in mare; era in grado di ritrovare la cima sott acqua per il traino della barca in porto. Oggi sono cambiate le tecniche di pesca e l «assistente al pescatore» è stato quasi del tutto messo in pensione, ma le sue particolari caratteristiche si sono mantenute nei secoli e, grazie soprattutto al suo carattere docile e allegro, il Cao comincia a farsi conoscere come cane da compagnia. Nella descrizione della razza fissata dal suo paese di origine, il Portogallo, si legge: «cane per la famiglia ed ausiliario alla pesca».

17 Pagina 17 Il suo atteggiamento disponibile nei confronti degli uomini ha dato il via ad altre possibilità di utilizzo della razza sulle quali si sta molto impegnando il Cao de Agua club, indirizzate ad attività quali la pet-therapy (utilizzo del cane come aiuto di persone disabili) o l addestramento per la protezione civile. Nonostante il manto molto lungo e folto, questo cane non perde pelo ed ha quindi meno possibilità di sviluppare allergeni in persone sensibili. Proprio per questo un cucciolo nero di Cao, chiamato Boh, è stato recentemente adottato dal presidente americano Barack Obama, il quale ha una figlia allergica ai cani. A proposito di pelo, la tosatura descritta dal monaco ( tosato fino all ultima vertebra ) è ancora oggi usata negli esemplari che lavorano in acqua: consente ai cani di avere le zampe posteriori libere e di nuotare più facilmente. Voglio infine concludere dicendo che il mio Cao, Hagrid, si è molto impegnato per perfezionare una caratteristica personale da aggiungere a tutte quelle elencate sino a qui: è diventato uno straordinario Cao de sofá! Per saperne di più: Alberta Cattozzo IB Accaniti lettori del Pascoliamo, oggi vorrei parlarvi di un argomento alquanto interessante: le invenzioni, ovvero le idee che hanno rivoluzionato il mondo ed il nostro modo di vivere. Queste scoperte, elaborate dai più grandi uomini esistiti nel passato, hanno permesso al genere umano di soddisfare i propri bisogni ed esigenze, ma anche di migliorare le proprie condizioni di vita. Abbiamo invenzioni applicate in svariati campi, tra cui quelle attuate per vivere meglio e quelle per giocare e comunicare. Esempi del primo caso sono: l'invenzione del primo calcolatore aritmetico universale (la calcolatrice) e il frigorifero. Pensate, la prima calcolatrice mai esistita fu messa in funzione dal fisico Howard Aiken all'università di Harvard (Boston) il 1 agosto del Mark 1, questo era il suo nome, era composto da dispositivi meccanici collegati tra loro da 800 km di cavi. Pesava 5 tonnellate, era lungo 20 m e alto 3. Poteva moltiplicare 2 numeri di 23 cifre in 6 secondi! Un vero record! In quanto al frigorifero, esso fu inventato nel Era un apparecchio che comprimeva e decomprimeva l'etere (aria) per assorbire calore dall'ambiente. Nel 1858, invece, un tale di nome Ferdiand Carrè, francese, ne costruì uno che usava ammoniaca, ma solo nel 1921 due americani, Copeland e Wales, disponendo dell'energia elettrica, realizzarono un contenitore con pareti isolate termicamente che produceva e tratteneva il freddo. Fu chiamato Kelvinator. Sono state fatte scoperte anche in ambito naturalistico e scientifico, come l'aver scoperto l'intelligenza delle megattere o i virus. Nel primo esempio, due ricercatori dell'università di New York, Patrick Hof ed Estel van der Gucht, nel 2006 hanno condotto uno studio sul cervello delle megattere, scoprendo la presenza di un tipo di neuroni esistente solo nel cervello degli esseri umani, delle grandi scimmie e di altri cetacei evoluti, come i delfini e le orche. Anche se non è ancora del tutto chiara la funzione di questi neuroni, i ricercatori pensano che sia legata ai processi di apprendimento e di memorizzazione. La scoperta spiegherebbe la complessa vita sociale delle megattere. Nel secondo esempio, invece, un botanico russo di nome Dimitri Ivanovsky, scoprì che nel 1892 l'esistenza di organismi incredibilmente piccoli in grado di provocare malattie. Ivanovsky stava studiando una malattia che colpisce le piante di tabacco. All'inizio pensava fosse provocata da batteri, poi con sua grande sorpresa si accorse che si trattava di organismi ancora più piccoli. Solo con l'invenzione del microscopio elettronico fu possibile osservare i virus e rilevare che erano completamente diversi da tutti gli altri organismi. Ma queste sono soltanto alcune delle miriadi di invenzioni e scoperte fatte dall'uomo e chissà quante ancora se ne faranno per migliorare il progresso dell'umanità. Oliviero Zorzetto 3B

18 Pagina 18 Triste attualita L'ALLUVIONE Domenica 31 ottobre ritornavamo dalla montagna per andare a salutare la nonna che abita a Schio, una città vicina a Vicenza. Mentre andavamo, abbiamo visto tantissima acqua che scendeva dalle montagne e che andava sempre più velocemente nel fiume. Io ero molto spaventato, anche perchè c'erano tante frane e molti alberi che, a causa dell'acqua, cadevano; mi dispiaceva per chi abitava in quei posti, perchè le loro case erano in pericolo. A casa della nonna ho acceso subito la televisione ed ho sentito che le cose andavano ancora peggio di quello che pensavo. Il fiume Bacchiglione era in piena e stava distruggendo tutto quello che trovava davanti. Eravamo tutti preoccupati perchè dovevamo ritornare a Padova e molte strade erano chiuse. Il giorno dopo abbiamo saputo che il fiume era straripato ed aveva allagato interi paesi, e poi la stessa città di Vicenza, che ha vissuto certamente un giorno molto difficile. Giovanni Ometto 2C Martedì 2 novembre, tornando da scuola, ho visto che tra la superficie dell'acqua e il ponte del Bassanello c'erano al massimo venti centimetri; il terrazzo della Canottieri era caduto nel fiume e si era diretto verso il ponte, rischiando di chiuderlo e di provocare un allagamento: la cosa che mi fa più rabbia è che nessuno (o quasi) ne ha parlato! I telegiornali raccontano di politici, di scandali, di spazzatura, e si curano molto poco di quanto è accaduto nella nostra città: persone che hanno perso la casa, il lavoro, la fabbrica, il negozio... Anche la mia professoressa ha vissuto questa brutta esperienza e, quando la penso, mi dispiace dal profondo del cuore. Ma alla fine qualcosa di buono c'è stato nell'alluvione: si è potuto constatare che le disgrazie uniscono. Infatti tutti gli abitanti dei paesi allagati si sono aiutati a vicenda per salvare se stessi e gli altri. E anche gli stranieri, di cui sempre si diffida, si sono mostrati generosi e disponibili. Alessandra Cortellazzo 2C

19 Pagina 19 POVERA SARAH!! Il fenomeno mediatico di quest'ultimo periodo è il delitto di Sarah Scazzi, la quindicenne di Avetrana scomparsa quest'estate e ritrovata dopo circa un mese grazie alla confessione dello zio, Michele Misseri, che inizialmente si era autoaccusato dell'omicidio (apparendo subito come un mostro e portando l'orrore di tutti al massimo). La madre di Sarah ricevette la notizia in diretta durante la trasmissione Chi l'ha visto?, a cui era ricorsa nella disperata speranza di ritrovare la figlia, che si pensava fosse semplicemente fuggita di casa (cosa pensare infatti di una adolescente carina, che affidava al suo diario le sue insoddisfazioni?). Questo fatto fece piovere severissime accuse sui media, che sfruttavano (e sfruttano tuttora) la tragedia per fare audience. Si sono susseguiti continui colpi di scena, fino ad oggi, quando lo zio accusa la figlia Sabrina di aver ucciso la cugina in un impeto di gelosia. E' molto probabile che sia andata così, ed è una tragedia che si somma alla tragedia. Ritengo che i giornali e la televisione stavolta abbiano veramente esagerato; tutti vogliono sapere chi è stato, come è andata, come fosse un libro giallo, ma nei romanzi è tutta una finzione. Non dimentichiamo che una giovanissima vita, reale, è stata spezzata in modo crudele ; e intanto sogni giovanili sono stati infranti, un così bel sorriso è spento per sempre, solo per una irrefrenabile gelosia...ciò dimostra la violenza e la debolezza umane, che non fanno differenze tra parenti, amici e sconosciuti. E pure ci fa comprendere che la vita di oggi è dominata dall'egoismo, dalla voglia di avere sempre e subito tutto; molti giovani non accettano la sconfitta, non ammettono di dover rinunciare a qualcosa, vogliono essere sempre vincenti, secondo quei falsi modelli che la società di oggi ci propone. Virginia Scapolo 2C Gli sms e noi ragazzi Gli sms (acronimo dall inglese short message service ) sono brevi messaggi inviati da un cellulare all altro. Il primo sms della storia è stato nel 1992 e il testo del messaggio era Merry Christmas. L utilizzo di questo strumento di comunicazione si è sviluppato, però, soprattutto negli ultimi dieci anni e piace principalmente a noi ragazzi. Oggi non scriviamo più lettere cartacee, ma solo sms ed perché velocemente e comodamente possiamo comunicare con la massima efficienza un messaggio, appunto con lo scopo di produrre un effetto di qualche tipo su colui che lo riceve. Nello spazio di pochi caratteri trasmettiamo richieste, informazioni, accordi di qualsiasi tipo, espressioni di affetto, sicuri che l altro riceverà velocemente il messaggio in qualsiasi luogo e situazione si trovi. Credo che sia proprio la facilità di fare questo, che gli sms oggi hanno rivoluzionato il modo di comunicare tra le persone e, per noi adolescenti, che abbiamo vissuto in pieno il linguaggio multimediale, essi sono entrati talmente nella nostra vita da non poterne fare più a meno. Portare con noi il telefonino è come portarsi appresso un pezzetto di casa: ci si sente più sicuri, meno soli nell affrontare il mondo, ma è anche un modo per sentirci più vicine le persone a cui siamo legati e questo utilizzando soprattutto gli sms, più economici rispetto a una telefonata e più discreti perché l altro potrà leggerli in un qualsiasi momento della giornata. Gli sms sono diventati così uno strumento per socializzare più facilmente e soprattutto i più timidi ne traggono vantaggio. E molto più facile, infatti, entrare nel gruppo mandando un messaggino che prendere la cornetta del telefono o recarsi fisicamente a trovare qualcuno. E più facile rompere il ghiaccio con un amico inviando pochi caratteri che affrontarlo di persona magari arrossendo. Tutto questo poi avviene nel più assoluto silenzio, senza che nessuno ascolti, in maniera intimistica. Uno dei motivi per cui li utilizziamo è la possibilità di inviare il messaggio, una volta scritto, a tutti quelli che fanno parte del gruppo con un solo clic. C è da dire, però, che così facendo ricorriamo sempre più al linguaggio non verbale. Anche le emozioni viaggiano attraverso abbreviazioni e acronimi in maniera veloce. Non sappiamo ancora se questo è un bene o un male, ma sicuramente questa forma di comunicazione ostacola quel comunicare faccia a faccia che, in fondo, per me è il più vero. Ho assistito più di una volta a situazioni in cui, in un gruppo non sapendo cosa dire, tutti erano intenti a mandare un sms a qualcun altro. Gli sms forse sono diventati quasi una mania e anche il linguaggio si è modificato: le parole si abbreviano, le frasi sono prive di verbi, si usano codici, acronimi e simboli smileys e ognuno cerca di essere a suo modo creativo. Io credo che gli sms siano un invenzione importante per noi ragazzi, ma penso anche che non dovremmo rinunciare del tutto alla bellezza di scrivere una lettera ad un amico per poi aspettare di ricevere la sua. Marianna Lacognata 2A

20 Pagina 20 Mode giovanili CELLULARE,CELLULARE CELLULARE... Il cellulare tra i ragazzi è ormai sempre più diffuso,sempre più usato non solo da quelli delle medie, ma anche dai bambini delle elementari. L'altroieri, chiedendo a più o meno venti degli alunni della Pascoli se avevano il cellulare, tutti hanno risposto di sì. Dopo aver fatto alcune ricerche sono riuscito a verificare che il tasso di ragazzi che comprano o si fanno prendere un telefonino è aumentato di un numero spropositato in un solo anno. MA QUESTO OGGETTO CI RENDERA' DIPENDENTI O E' SOLO UNA MODA? Per avere la risposta a questa domanda ho dovuto visitare vari siti di attualità, ma alla fine non ho trovato una vera risposta. Alcuni ricercatori stanno studiando il fenomeno e non hanno ancora tratto delle conclusioni; quindi si possono fare solo delle ipotesi. Certo, da quello che ho visto di persona, il cellulare è una specie di droga giovanile. Per fare un esempio, si potrebbe pensare alla sorella di un mio amico che, in un certo periodo della sua vita, era diventata schiava del cellulare. Quando uscivamo fuori a cena lei si portava il suo telefonino e spediva continuamente messaggi alle sue amiche. Per fortuna, adesso ha superato questa fase ed il cellulare lo usa sempre più di rado. Io vi do un consiglio, ragazzi: per non ridurvi come questa mia amica, per conoscere la gente uscite fuori di casa e, che ne so, fatevi una bella passeggiata con gli amici, ma non barricatevi in stanza per messaggiare! Luca Piccolella 1C

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora Gli anziani in realtà vengono considerati i soggetti più esposti al rischio della solitudine; sia perché

Dettagli