IN PRIMO PIANO. A dicembre la Lega del Filo d Oro compirà cinquant anni: nessuno prima aveva creduto che si potesse uscire dal buio e dal silenzio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IN PRIMO PIANO. A dicembre la Lega del Filo d Oro compirà cinquant anni: nessuno prima aveva creduto che si potesse uscire dal buio e dal silenzio"

Transcript

1 NUMERO 1 Trilli nell Azzurro Notiziario ufficiale della Lega del Filo d Oro Da 50 anni, la voce di chi non vede e non sente EDITORIALE Un nuovo Trilli per festeggiare i cinquant anni di Rossano Bartoli Cari amici, l anno da poco iniziato segna il cinquantesimo anniversario della Lega del Filo d Oro: un evento importante, che sarà l occasione per alcune sorprese e tante nuove iniziative, eventi istituzionali, di carattere tecnico scientifico, di sensibilizzazione e di raccolta fondi. Abbiamo cominciato, come vedete, dando una nuove veste grafica al nostro giornale, che ci accompagna fin dal Lo volle Sabina Santilli, che mise nel titolo uno dei suoi ricordi più vividi: il trillo gioioso di un uccellino che volava libero nel cielo, «debole ma pieno di vitalità», per dire a tutti che «per lo spirito non ci sono limiti di orizzonti nell infinito». Trilli nell Azzurro è stato arricchito da interviste a chi opera all interno dell Associazione, con l obiettivo di raccontare meglio quel che facciamo ogni giorno. Trovate anche un nuovo logo, ideato per l anniversario e selezionato tramite un concorso. Guardando al mezzo secolo trascorso, possiamo vedere tante sfide vinte, traguardi raggiunti, difficoltà superate: siamo nati come una piccola associazione e siamo arrivati ad avere Centri residenziali e servizi territoriali in sette regioni d Italia. Ma il nostro cammino non si arresta e il 2014 sarà soprattutto caratterizzato dall impegno assunto con il Progetto Linguetta, per la realizzazione della nuova sede di Osimo: una nuova casa, strutture più adeguate e una capacità operativa significativamente aumentata per andare incontro alle esigenze di un numero sempre maggiore di famiglie. Quanto realizzato finora è uno stimolo a proseguire in questo percorso di sviluppo, confidando sempre nella preziosa collaborazione di tutti coloro che hanno a cuore la Lega del Filo d Oro, i bambini, i giovani, gli adulti sordociechi e le loro famiglie, nella vicinanza dei volontari e di quanti in tutti questi anni ci hanno sostenuto e che, ne siamo certi, continueranno a sostenerci. PER CONTATTARE LA LEGA DEL FILO D ORO SEDE via Montecerno, Osimo (AN) TELEFONO FAX INTERNET Siamo anche su: QUEL FILO SOTTILE CHE HA TESSUTO LA STORIA IN PRIMO PIANO. A dicembre la Lega del Filo d Oro compirà cinquant anni: nessuno prima aveva creduto che si potesse uscire dal buio e dal silenzio Il nome, Lega del Filo d Oro, Sabina Santilli lo aveva scelto nel suo cuore da molti anni, quando ancora i sordociechi vivevano chiusi nell isolamento. Per loro sognava un associazione che non esisteva in Italia. Il filo d oro indicava l amicizia: quella che permette a chi non vede e non sente di aprirsi al mondo e quella dei tanti che erano disposti a dar loro aiuto. Da cinquant anni la Lega del Filo d Oro è la storia di uomini e donne che si mobilitano per rispondere a un bisogno: con esperienza, professionalità e passione. PAGINA 3 LA STORIA Con quindici barchette Alberto ha preso il largo PAGINA 4 NESSUNO È AUTORIZZATO A RISCUOTERE CONTRIBUTI in nome o per conto della Lega del Filo d Oro. Chi intende effettuare donazioni può farlo mediante il c/c postale intestato a: Lega del Filo d Oro - Osimo (AN)

2 2 FILO DIRETTO 50 ANNI D ORO. PASSIONE E METODO Lo sguardo lungo di Sabina Era il 20 dicembre 1964: Sabina Santilli, don Dino Marabini e altri otto amici si presentarono davanti a un notaio di Loreto per fondare la Lega del Filo d Oro. I sordociechi italiani trovarono per la prima volta un riferimento. Sabina, a sua volta sordocieca, fu scelta come presidente: anche quello fu un primato, dato che all epoca la legge considerava le persone sordocieche incapaci di intendere e di volere. Lo scopo della nuova associazione era «collegare i sordociechi fra loro e con gli amici, assicurare un aiuto, diffondere la conoscenza delle possibilità di recupero di una vita normale per le persone prive della vista e dell udito». Trilli nell Azzurro, stampato in nero e in braille, è fin dall inizio il giornale ufficiale dell Associazione, nonché «prezioso strumento di collegamento e di dibattito fra noi sordociechi». OGGI E DOMANI. Alla Conferenza mondiale Barbara ha 30 anni e come membro del Comitato dei sordociechi della Lega del Filo d Oro, ha rappresentato l Italia alla Conferenza Mondiale della World Federation of DeafBlind, nelle Filippine: «Esperienza indimenticabile». Magic Block: la tecnologia entra a scuola Il progetto europeo si chiama Magic Block e la Lega del Filo d Oro ne è stata co-partner insieme al Cnr e a istituzioni di Spagna, Grecia e Germania. Si è verificato che, con l aggiunta di tecnologia e di attenzioni educative specifiche, i blocchetti colorati con cui i bambini si avvicinano alla matematica migliorano le capacità di apprendimento anche degli alunni con pluridisabilità. CON FILO D ORO PERCHÉ... «Ogni ragazzino va visto nella sua interezza. Tutti hanno una loro interiorità, che devi rispettare» L insegnante. La mia tecnica accompagna i bimbi alla ricerca della felicità Rosina fa un sorriso dolce e dice: «Se Dio si facesse conoscere solo dagli intelligenti, farebbe un grande torto. Io credo che Dio parli anche attraverso il cuore». Rosina lavora alla Lega del Filo d Oro dal 1972: è un insegnante e fra le altre cose segue la preparazione ai sacramenti dei bambini dell Istituto di Osimo. È un percorso in più, per le famiglie che ne fanno richiesta, che dice molto di come all interno della Lega del Filo d Oro si guarda agli utenti: «Ogni ragazzino è una persona e va visto nella sua interezza. Ognuno, per quanto grave, ha una sua interiorità, in cui io posso entrare ma solo con delicatezza, senza invaderla, senza pretendere di sfondare chissà cosa. Puoi chiedere tante cose ai ragazzi, porre loro tante mete, ma prima di tutto devi creare un rapporto con loro, anche quando inizialmente sembra impossibile. Questo è ciò che amo, il motivo per cui dopo quarant anni continuo a dire che il lavoro che faccio è meraviglioso». Rosina ricorda uno per uno i tanti bambini che ha visto crescere: «Le possibilità di comunicazione con questi ragazzi sono molte, bisogna saperle trovare», dice. «È una relazione che non è fatta di concetti, ma comunque c è una circolarità, qualcosa che ci unisce. E quando non siamo più soli, la vita diventa bella». A Rosina non piace lo sguardo di chi vede solo sofferenza nella disabilità: «I miei ragazzi sorridono perché sono felici e amano la vita. A me non interessa che facciano una cosa perché io gli ho insegnato uno schema, che sia farsi la doccia o far partire la musica con uno switch: non sono piccoli robot da istruire. Io metto tutta la mia tecnica a servizio della persona che ho davanti, perché loro, anche grazie alle cose che io gli ho insegnato, siano felici». SI PUÒ FARE Specialisti. Non è facile immaginare come si possa entrare in relazione con chi non vede e non sente, attraversando un guscio di silenzio che sembra impenetrabile. Guarda il video in cui Assunta spiega come, con il suo lavoro, riesce ad accendere una scintilla in ogni bambino. donazioni.legadelfilod oro.it/?perché_donare In ogni momento della giornata ci prendiamo cura di loro. Ogni mattina... Ogni sera... Ogni pomeriggio... Ogni notte... Con una donazione periodica, anche tu puoi. on on vede e no donazione do periodica La a sente. favore di non chi e non vede Con noi, ogni giorno. n no hi n e ch t sen e. nte di v avore ca a f ona n azio z ione period odi ic

3 IN PRIMO PIANO Un associazione tutta nuova, da mezzo secolo Un traguardo da festeggiare con un grazie ai tanti amici che ci hanno sostenuto. I ricordi e i progetti futuri La testimonianza. Mario, primo allievo dell Istituto di Osimo Arrivò a Osimo da Bolzano nell ottobre 1967, quando la Lega del Filo d Oro iniziò a lavorare con i bambini. «Era la preistoria, noi genitori non sapevamo cosa fare né dove chiedere aiuto», ricorda mamma Nerina. Restò poco più di un anno: «Hanno avuto un grande coraggio, ma erano davvero pionieri». Tornò nel 1985 e da allora vive in Istituto: «La Lega oggi ha un esperienza unica», spiega la signora Nerina. «Io sono serena perché Mario è in buone mani e di me non ha più bisogno». Il nome, Lega del Filo d Oro, Sabina Santilli lo aveva scelto nel suo cuore da molti anni, quando ancora i sordociechi erano i «grandi sconosciuti» e vivevano chiusi nella solitudine delle loro case o degli istituti. Sabina conosceva bene quella condizione perché era la sua, da quando aveva sette anni: per questo volle creare un associazione che si occupasse in maniera specifica dei bisogni di chi non vede e non sente, qualcosa che non esisteva in Italia. Il filo d oro indicava l amicizia: quella che permette di uscire dall isolamento e quella dei tanti sostenitori disposti a dare il loro aiuto. Il sogno divenne realtà il 20 dicembre 1964, quando nacque la Lega del Filo d Oro. Dino Marabini è uno dei fondatori, l uomo che diede gambe al desiderio di Sabina: oggi ha 84 anni e quel giorno lo ricorda perfettamente. «Noi consiglieri speravamo che l associazione diventasse punto di riferimento vitale per tanti sordociechi: lo è stata», dice. «Guardando lo sviluppo straordinario della Lega, penso che quel filo sottile è diventato un tessuto. Le faccio due auguri: che cresca ulteriormente, perché ci sono ancora persone che hanno bisogno, e che al suo interno, accanto alla tecnica, ci sia sempre la corrente dell amore». La centralità della persona è da sempre l impronta caratteristica della Lega del Filo d Oro: «L intuizione che abbiamo avuto è stata il credere che tutti dovessero avere un opportunità di riabilitazione, a cominciare dai bambini, anche in presenza di una disabilità gravissima. Ci ha sempre distinto il disegnare il servizio a partire dai bisogni della persona, andando a cercare presso i privati le risorse per coprire i costi più elevati che la qualità comporta», sintetizza Gigi Giacco, per decenni direttore pedagogico dell istituto per la riabilitazione di bambini sordociechi e pluriminorati psicosensoriali che la Lega aprì nel «Nessuno sapeva come fare», ricorda: «Alla dimensione solidale dell inizio si è subito aggiunta quella tecnica, scientifica, metodologica». Questi cinquant anni sono stati sempre in dinamismo, animati dalla sfida che ogni ospite porta con sé: «Dinanzi alle difficoltà, ci mettiamo sempre nella prospettiva che siamo noi a non essere riusciti a trovare la strada giusta. È questo lo stimolo a non rassegnarsi mai nel processo riabilitativo», spiega. La parola Riabilitare i più gravi Pionieri. Quando la Lega del Filo d Oro nacque non esistevano progetti riabilitativi per i disabili gravissimi. La Lega è stata la prima a credere in loro e a mettere a punto un metodo educativo-riabilitativo specifico. Ancora oggi, la Lega del Filo d Oro si sente in cammino. Francesco Marchesi, il presidente, per il 2014 annuncia un anno di «cambiamento nella continuità». Cambiamento perché «vogliamo crescere ancora, la richiesta di servizi aumenta e vogliamo dare ulteriori risposte, facendo investimenti per il futuro. Oggi siamo una realtà importante ben oltre Osimo, per questo ci siamo dotati di una struttura organizzativa più adeguata alla nostra dimensione nazionale», dice. Continuità perché «non verrà mai meno il riferimento ai valori iniziali, alla centralità della persona, alla qualità del servizio. Noi ci saremo, certo non senza grandi sforzi: la volontà è quella di dare più servizi senza abbassare la qualità». Per i 25 anni della Lega del Filo d Oro, Sabina Santilli le augurò di diventare «un istituzione altamente specializzata, di grande valore scientifico e sociale». Quell augurio si è realizzato e la sorella di Sabina, Loda, dice che «sembrava impossibile che la vita dei sordociechi sarebbe cambiata tanto. Penso che Sabina, in cielo, abbia il sorrisetto soddisfatto di quando tutto andava come lei voleva». Sabina. Guarda con il tuo smartphone il video in cui Sabina Santilli, nel 1993, racconta in tv la sua esperienza. «Il coraggio di vivere per me è dare un po di gioia agli altri», disse. Il cantiere della Linguetta. Da noi le famiglie sono sempre a casa Il nuovo Centro Diagnostico avrà più posti per i bambini alla prima visita e per le loro famiglie Gli scavi sono ben avviati, le prime due gru sono montate e funzionanti: il cantiere per realizzare la nuova struttura della Lega del Filo d Oro, a Osimo, è entrato nel vivo. Il primo lotto dei lavori comprende anche la nuova palazzina del Centro Diagnostico, vent anni dopo la nascita di questo nucleo dedicato alla presa in carico precoce dei piccolissimi. «Sarà uno spazio più grande e organizzato, i bambini accolti saliranno da 4 a 8, gli operatori lavoreranno ancora meglio. L esperienza maturata in vent anni è servita», spiega Patrizia Ceccarani, direttore educativo-riabilitativo del Centro. Lavorare meglio ad esempio significa che in futuro ci sarà un aula per ogni bambino, poiché «i ragazzini hanno la necessità di non avere distrazioni, in modo che noi possiamo capire al meglio le loro potenzialità», dice Ceccarani. Resta confermata anche la grande importanza che la Lega del Filo d Oro dà all accoglienza delle famiglie, con la foresteria all interno della struttura del Centro Diagnostico. «Avere un ambiente informale, dove la famiglia possa mantenere le proprie abitudini di vita, garantisce la tranquillità del bambino», dice Laura Gambelli, una delle assistenti sociali della Lega del Filo d Oro, il primo contatto con le nuove famiglie. «Allo stesso tempo il genitore, che è molto coinvolto, osserva in prima persona le metodologie, e così sarà in grado di mettere in pratica, a casa, le indicazioni che gli verranno date». Ogni famiglia avrà, come adesso, la sua camera con bagno mentre la cucina e la zona giorno saranno comuni: «Spesso nasce spontaneamente un clima di amicizia», spiega Laura, con le famiglie che uniscono i tavoli e mangiano insieme, mentre alcune poi vanno a trovarsi a casa o organizzano vacanze congiunte. «Un esito molto bello e importante di Cantiere. I lavori procedono all interno del cantiere della Linguetta questa vicinanza è l incontro tra i genitori di bambini piccolissimi e quelli di ragazzi più grandi. Questi ultimi diventano figure rassicuranti, seppur nella fatica, per chi solo è all inizio di un percorso», conclude Laura.

4 4 LA STORIA CON FILO D ORO PERCHÉ... «Non so come sarebbe stata la nostra vita se Alberto non fosse così, ma sono un uomo contento» Osimo. Quindici barchette e la vita di Alberto ha preso il largo Suo padre faceva il marittimo, così per Alberto inventarono un calendario fatto di barchette. Ogni giorno ne toglieva una: quando sarebbero finite, sapeva che avrebbe riabbracciato papà. Così, sereno, poteva imparare La nostra è «una storia dentro la storia della Lega del Filo d Oro»: Gianfranco e Daniela iniziano così a raccontare i loro trentadue anni a Osimo, trapiantati qui dall Elba. Alberto, loro figlio, sta per compiere 40 anni: «Faremo una grande festa», dice la mamma, «perché da quel che ci avevano detto i medici, non pensavamo di arrivarci». Alberto è idrocefalo, a pochi mesi ebbe una meningite virale, da cui «iniziò il calvario». «Aveva un virus purulento dentro il liquor. Tentarono una cura, avvertendoci che poteva diventare sordo, ma non servì a nulla», ricorda papà Gianfranco. A sette anni e mezzo, dopo sessanta operazioni, Alberto passò dalla chirurgia alla pediatria, dove avrebbero dovuto «assisterlo per la morte»: lì invece trovarono una cura. La vista e l udito erano persi, ma di interventi chirurgici non ne servirono più: «Ce l hanno ridato», dice Daniela. «Lui si è adattato alla situazione, la voglia di essere al mondo non l ha persa mai». A parlare loro della Lega del Filo d Oro fu l insegnante di ortofonia: «Avevamo contattato vari istituti, ma dalle domande che ci facevano capivamo che non erano i posti giusti per noi», ricorda la mamma. Con la Lega del Filo d Oro, dice il papà, fu diverso: «Abbiamo preso la cartina, le cartelle mediche e ci siamo presentati qui, senza avvisare. Non si riusciva più a comunicare con Alberto, ricordo che lui voleva dirmi qualcosa e io non capivo, così lui mi fece un gesto come per dire ma vattene. Mi voltai, diedi un pugno alla porta e la sfondai». Cartelle cliniche e persone Il giorno in cui giunsero a Osimo, Gianfranco lo racconta così: «Arrivi con Attività occupazionali. In laboratorio per essere adulti C è la cestineria, il telaio o i pon pon: tutti i Centri della Lega del Filo d Oro hanno i loro laboratori, che gli utenti frequentano più volte alla settimana. Le attività occupazionali sono la messa in opera funzionale delle abilità apprese in aula e consentono di fare un esperienza simile al lavoro che marca l età adulta. Alcuni sordociechi di Osimo hanno insegnato il midollino pure ai detenuti del carcere di Ancona. il cuore pesante, hai tutte le strade chiuse, sali sulla collina e senti che in questo posto risolverai il tuo problema». Era il Le cartelle cliniche di Alberto dicevano il contrario, ma qui «guardarono Alberto, videro che un po con me comunicava e pensarono che qualcosa si poteva fare. Perché un conto è la cartella, un conto la persona», dice la mamma. Daniela e Gianfranco si fidarono, anche se - dicono - «alla prima visita gli fecero fare un percorso e alla fine gli diedero un cioccolatino. A noi sembrò come dare una nocciolina a una scimmia. Invece sbagliavamo noi, bastava vedere i progressi di Alberto: ci sembrava un miracolo». Se la Lega del Filo d Oro ha cambiato la vita di Alberto, lui di converso ha segnato alcune tappe della storia dell Associazione. Per lui fu inventato il primo calendario tattile, quindici barchette in compensato e quindici casette per misurare il tempo che papà passava in mare, così che Alberto capisse che papà partiva, non scompariva. Fu anche protagonista del primo spot della Lega del Filo d Oro, quando essa avviò (pioniere anche in questo campo) una comunicazione rivolta alla raccolta fondi: «Non c erano soldi, si rischiava di chiudere. La mia prima intervista l ho fatta allora, poi sono venuti Maurizio Costanzo, Mike Bongiorno, lo spot con Renzo Arbore...», ride Gianfranco. «Parlare del nostro privato è faticoso, ma la gente non poteva capire senza conoscere la nostra vita. La nostra è una testimonianza, è ancora un modo per aiutare i nostri figli, perché senza la Lega non so cosa sarebbe stato di noi». Mettere radici altrove A Osimo Alberto è diventato un uomo. Frequentando il Centro in diurno ha imparato a mangiare da solo, a lavarsi, a vestirsi: «Gli hanno insegnato tutto, a lui e a noi», dicono Daniela e Gianfranco. Soprattutto sono riusciti a sviluppare il suo linguaggio gestuale, così «in un attimo gli dici le cose, anche se chi non lo conosce bene fa fatica perché i gesti di Alberto sono solo suoi». Con le sue insegnanti è andato in Danimarca, in Germania, in Portogallo. Da molti anni, grazie alla disponibilità di un imprenditore della zona, fa una piccola esperienza di lavoro : «Non è un lavoro vero, ma lui esce di casa, si relaziona con persone al di fuori della famiglia e del Centro, capisce cosa sia la vita di un adulto», spiega il papà. Da quando sua sorella si è sposata, pure Alberto ha voluto una casa sua, così i

5 PORTE APERTE 5 Osimo Lesmo. Segreti di bellezza scovati nelle valli valdesi Grande successo per il nuovo laboratorio di saponette scrub: un idea portata a Lesmo dalle volontarie dell Ecomuseo Crumiére di Villar Pedice Ci vogliono una saponetta, della lana grezza variopinta e una calza di nylon: materiali di uso quotidiano, che però bastano a creare un dono bello e profumato. Le saponette scrub sono il nuovo e originale prodotto realizzato all interno del laboratorio occupazionale del centro di Lesmo (MB): già una trentina, fra ospiti del centro e utenti del servizio territoriale, si sono cimentati con questa nuova esperienza sensoriale. «L idea non è nostra», ammette Luigina Carella, responsabile educativo-riabilitativo del centro di Lesmo. «Dobbiamo dire grazie a Barbara, la direttrice dell Ecomuseo Feltrificio Crumiére di Villar Pellice: l abbiamo conosciuta durante un convegno sulle attività manuali per i non vedenti che il museo ospitava. Loro propongono questa attività ai bambini, ma hanno pensato subito che poteva essere interessante anche per le persone sordocieche, perché la lavorazione prevista è facile e dà moltissime stimolazioni sensoriali». Barbara e altre due volontarie sono scese dalle valli piemontesi fino a Lesmo, con il camper carico del materiale necessario. «È stata molto bella questa integrazione con una realtà lontana, che si occupa di tutt altro», sottolinea Luigina. L esperienza è piaciuta moltissimo alle persone sordocieche che SI PUÒ FARE Mani d oro. Fare nuove esperienze sensoriali è un occasione preziosa. Se hai l hobby del faida-te, scrivici per suggerirci qualche semplice lavoretto da fare con i nostri ospiti: l hanno provata: «è stato un pomeriggio ricco di stimoli tattili e olfattivi: il profumo della saponetta, l odore acre della lana grezza bagnata, l acqua calda, la sensazione molle del sapone che si scioglie È un esperienza che abbiamo già ripetuto nel nostro centro e che diffonderemo tra i colleghi». Qualcun altro, magari, potrà copiarla. Antonio Mola genitori gli hanno sistemato una stanza al piano di sotto: «Non è in grado di vivere da solo, ma ogni tanto scende, ci invita a cena da lui Che meraviglia!», raccontano Daniela e Gianfranco, orgogliosi e felici. «Di centri ce ne sono tanti, ma questo non ha paragoni. Per l esperienza, per il metodo, per la mentalità. Non guardano il disabile, cercano la persona che c è dentro. E lavorano su tutta la famiglia, perché quando succede una cosa così, la vita di tutta la famiglia deve cercare un altra direzione». Oggi Alberto inizia a non riuscire più a fare alcune cose. Non cammina più bene, non riesce più a leggere il Braille, le mani iniziano a tremargli. «Ma farà altre cose, altrettanto belle. È coraggioso, ha una forza di volontà incredibile. È in gamba mio figlio», dice Daniela. E Gianfranco aggiunge: «Io ne sono innamorato. Non so come sarebbe stata la mia vita se Alberto non fosse stato così, ma sono un uomo contento». Ospite in tv. Alberto è stato invitato a Voyager con la sua insegnante Nicoletta e Renzo Arbore. Rivedi l intervista con il tuo smartphone. Modena. Week-end speciale a Molfetta Alessandro, Gianna e Adele, che frequentano la sede territoriale di Modena, a novembre hanno trascorso alcuni giorni presso la sede di Molfetta, accompagnati da tre volontari. «Il progetto vuole dare l opportunità ai sordociechi di sperimentare la loro autonomia in un ambiente nuovo», spiega Viviana De Angelis, assistente sociale del Centro di Modena. Dopo il viaggio in treno e la presentazione della sede di Molfetta, c è stata la visita alla città e a Bari, un momento di festa in una sagra, la conoscenza di volontari e ospiti della sede pugliese. «Come trasferta per noi è stata la prima esperienza, che vorremmo ripetere. A Modena invece abbiamo già accolto alcuni sordociechi della sede di Osimo». Diventa Amico d Oro Registrati nell area riservata del nostro sito. Tanti i vantaggi per te! area personale dati o resoconti newsletter e attività username e password SEGUICI ANCHE SU Osimo. Maestro di rilegatoria, che soddisfazione Da Venezia a Osimo per aggiornare le tecniche di legatoria e di fabbricazione della carta apprese nel 1997 e insegnarle ad altre persone con disabilità. Per alcuni giorni il Centro di Osimo ha accolto Giorgio, 60 anni, ex odontotecnico, che qui aveva già frequentato per un anno il laboratorio di legatoria, all interno del programma europeo Horizon. «In rete con i servizi sociali di Venezia stiamo cercando un centro diurno dove Giorgio, un paio di volte alla settimana, possa insegnare ad altri le sue abilità», spiega Cristina Alippi, educatrice del servizio territoriale di Lesmo. È un progetto che valorizza le competenze di Giorgio, per «alimentarne l autostima, cosa preziosa ma difficile da fare».

6 6 COME AIUTARCI IN BREVE. Osimo Solidarietà senza fine. Testamento solidale, le piccole gocce che fanno gli oceani Sport. Corri con noi la Milano City Marathon I lasciti testamentari sono la risorsa fondamentale per aprire nuove strutture e garantire la qualità del servizio offerto: due cose che, in modo diverso, rimangono per sempre Il 6 aprile torna la maratona di Milano con il suo Charity Program. Chi si iscriverà alla gara abbinando il proprio nome alla Lega del Filo d Oro destinerà a noi parte della quota di iscrizione, che andrà a sostegno della riabilitazione in acqua; correrà con il nostro logo sul pettorale e potrà diventare personal fundraiser. L organizzazione donerà il pettorale a chi raccoglierà almeno 200 euro. Iscrizioni e info: Radio e tv. Più idroterapia grazie ai vostri sms Dal 26 gennaio al 16 febbraio la Lega del Filo d Oro ha lanciato una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite SMS solidale. Anche quest anno diverse trasmissioni radio e tv ci hanno dato spazio per presentare le nostre attività, con il supporto di Renzo Arbore. La raccolta contribuirà a garantire un anno di fisioterapia e di idroterapia al Centro di Osimo. Grazie a quanti ci hanno sostenuto. Trilli nell Azzurro Notiziario ufficiale della Lega del Filo d Oro ONLUS Associazione Nazionale riconosciuta con D.P.R. n. 516 del Via Montecerno, Osimo (AN) tel fax c/c postale WEB Direttore editoriale Francesco Marchesi Direttore responsabile Rossano Bartoli Comitato di redazione Maria Giulia Agostinelli, Chiara Ambrogini, Anna Maria Catena, Gianluca de Tollis, Alessandra Piccioni, Maria Laura Volpini Coordinamento editoriale a cura di Vita Società Editoriale S.p.A. Sara De Carli (redazione), Sergio De Marini (coordinamento), Antonio Mola (progetto grafico) Stampa Tecnostampa s.r.l. - Loreto (AN) Questo numero è stato chiuso in redazione il 28 gennaio 2014 ed è stato tirato in copie. Autorizzazione del Tribunale di Ancona n.15. Bimestrale - Poste Italiane SpA - Spedizione in A.P. D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art.1, comma 2 - DCB Milano Per garantire la privacy I dati sono trattati per le attività di raccolta fondi, sia in formato cartaceo che elettronico, da Responsabili ed incaricati a ciò preposti e possono essere comunicati a società di marketing diretto che effettuano l invio di nostro materiale. Per esercitare i diritti di cui all articolo 7 del D. Lgs. 196/2003 (tra cui modificare o cancellare i dati) scrivere al Responsabile Comunicazione e Raccolta Fondi (Responsabile del trattamento) presso Lega del Filo d Oro Onlus Via Montecerno, Osimo - AN (Titolare del trattamento). Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana Per il signor Mario il suo ultimo gesto segnava così in profondità la sua vita che nel testamento ha chiesto una targhetta da mettere sulla lapide, che lo ricordasse come benefattore della Lega del Filo d Oro. «Non è retorica, il testamento solidale è una scelta di grandissima generosità che gratifica chi la fa, anche se non c è più. Chi fa un testamento solidale continua a vivere nella gratitudine di tanti»: a parlare così è Luigi De Rosa, direttore dell Ufficio Affari Generali della Lega del Filo d Oro. Insieme al suo team segue le pratiche testamentarie in cui la Lega è citata come beneficiaria e dà supporto tecnico-legale a chi volesse lasciare all Ente una parte dei propri beni. «Fare testamento è il modo per pianificare il futuro ed essere certi che le proprie volontà saranno rispettate. All interno di questa pianificazione chiunque può ricordarsi di chi ha più bisogno, qualunque sia il patrimonio di cui dispone: le gocce creano gli oceani», dice De Rosa. Così ricorda la signora Grazia, per tanti anni sostenitrice dell Associazione, che poi le ha lasciato tutto il suo patrimonio. O Giuseppe, sposato ma senza figli, che ha dato alla Lega del Filo d Oro la nuda proprietà della sua casa, garantendo l usufrutto alla moglie. E Giorgio, che nel suo testamento accanto alla moglie e ai tre figli ha citato la Lega con un legato di 500 euro. La Lega del Filo d Oro è impegnata da molti anni nel sensibilizzare su questa forma di solidarietà: «I lasciti sono la condizione per PARLA CON ME Il numero 7 REGIONI Oggi la Lega del Filo d Oro è presente in sette regioni d Italia e vuole raggiungere ancora più persone: questa diffusione sul territorio è possibile proprio grazie ai lasciti testamentari lo sviluppo di nuovi servizi e grazie ad essi abbiamo potuto pianificare e realizzare investimenti importanti, a cominciare dall apertura di nuove strutture. Per i prossimi anni i lasciti andranno a finanziare in particolare la costruzione del nuovo Centro di Osimo, alla Linguetta», spiega il segretario generale Rossano Bartoli. I lasciti non servono solo a creare nuove strutture, ma sono preziosissimi anche per garantire la qualità del servizio offerto ogni giorno nei nostri Centri: le abilità e i traguardi che i ragazzi raggiungono restano per sempre, proprio come il gesto di generosità che li ha resi possibili. Info: lasciti.legadelfilodoro.it - tel Scopri tutti i modi per comunicare. Il Malossi Dicono che attraverso il Malossi la mano diventi «l antenna dell intelligenza e del cuore». Dalla A alla O si batte, dalla P alla Z si pizzica: ogni lettera ha il proprio posto sul palmo della mano, che diventa una tastiera. Il Malossi è il modo più semplice e rapido per comunicare con una persona sordocieca, a patto che questa sappia scrivere. Lo inventò un sordocieco italiano, Eugenio Malossi: piace perché le parole corrono velocissime sulla punta delle dita. Esiste un trucco per far parlare il Malossi anche a chi non lo conosce: si scrivono le lettere su un guanto bianco, con due colori diversi per distinguere quelle da pizzicare e quelle da battere, la persona sordocieca si infila il guanto e chiunque, così, è immediatamente in grado di dialogare con lei.

7 IN AZIONE 7 VISTI DA VICINO BUONE IDEE. CON FILO D ORO PERCHÉ... «Ho calcato scene importanti, ma mi sento un niente davanti agli operatori della Lega» Valter Matassoli, 60 anni, direttore tecnico della Pallavolo Osimo. La nostra forza in campo è lo sponsor che indossiamo Bomboniere solidali. È vera, per questo abbiamo detto sì Ha giocato nella nazionale italiana di pallavolo, in serie A. Da una decina d anni Valter Matassoli, 60 anni e insegnante di educazione motoria, si dedica a far crescere i giovanissimi di Osimo attraverso lo sport, con due società - la Volley Libertas e la Volley Young - che coinvolgono 180 ragazzi dai 6 ai 30 anni. Lui lo chiama «l oratorio del volley», per dire di «un luogo aperto a tutti, accogliente: tante società che si rivolgono ai ragazzi sono invece realtà chiuse». Ma anche per sottolineare «che nello sport c è una dimensione ludica, di valori e di educazione». Matassoli corregge chi lo chiama presidente : «Se lo fossi dovrei rinunciare ad essere allenatore, a stare con i ragazzi», rivela. Gli atleti della Pallavolo Osimo da tre stagioni portano sulle divise il logo della Lega del Filo d Oro: per Matassoli «è un segno di ammirazione e un modo per ringraziare chi ogni giorno si occupa di persone meno fortunate. Ho calcato scene importanti, ma quando vedo gli operatori e i volontari della Lega, mi sento un niente». Matassoli ha visto crescere la Lega del Filo d Oro, fin dagli esordi: «La Lega con la sua tenacia è un esempio per chi fa sport: quando un ragazzino mi dice non ce la faccio, io rispondo andiamo a Santo Stefano (la frazione dove ha sede la Lega del Filo d Oro, ndr), così vedi cosa vuol dire farcela». Basta quello, non servono tante prediche, «un nostro allenatore lavora lì, queste cose passano in ciò che si fa ogni giorno». Sport e solidarietà si rafforzano a vicenda, Matassoli ne è certo: «La Lega del Filo d Oro è un nome prestigioso, è un onore averlo come sponsor etico. E la forza che dà alla squadra, in termini di appartenenza e di responsabilità, ha un valore inestimabile». SI PUÒ FARE Fai squadra con noi. La Lega del Filo d Oro è già sponsor etico di molte società sportive, dalla pallavolo al basket al ciclismo. Se anche tu vuoi aiutarci a far conoscere la Lega del Filo d Oro, mettendo il nostro logo sulle maglie della tua squadra, scrivi a: Le classiche bomboniere non le volevano e avevano deciso che il loro giorno più bello doveva essere bello per tutti. Michela e Stefano, una coppia della provincia di Pavia, non riuscivano però a decidersi fra le tante proposte fatte da ong e associazioni: «Mi sembravano tutte uguali, lontane, non reali», ricorda Michela. Una sera passò in tv lo spot della Lega del Filo d Oro e scattò qualcosa: «Mi colpirono le immagini, autentiche, vere, che parlavano di sofferenza ma trasmettevano gioia e positività. Dissi a Stefano: È questa! È in Italia, ha una sede vicino a noi, possiamo anche andare a conoscerla. Per di più mio suocero era stato per anni un suo sostenitore». Michela e Stefano si sono sposati nell aprile 2013 e con inviti, partecipazioni e bomboniere hanno sostenuto la Lega del Filo d Oro. In visita al Centro di Lesmo non ci sono ancora andati, ma Michela l ha segnato nell agenda: «Da allora riceviamo Trilli nell Azzurro e leggendolo quella prima impressione positiva si è confermata», spiega Michela, che da qualche mese è diventata sostenitrice della Lega con una donazione periodica. E confessa: «Ho scoperto che si può fare volontariato ai soggiorni estivi. Abbiamo otto cani e non li lascerei mai per andare al mare, ma per un esperienza così mi è venuta voglia di organizzarmi!». momenti.legadelfilodoro.it Aziende. Chep, un giorno da volontari per cinquanta dipendenti L incontro è nato dal basso: una dipendente dell azienda è volontaria della Lega del Filo d Oro. È stata lei a proporre una giornata di volontariato aziendale al Centro di Lesmo. La Chep si occupa di imballaggi riciclabili, restituibili e gestiti e lo scorso 17 dicembre cinquanta dipendenti di Chep Italia, fra cui la country manager e la responsabile del personale, hanno trascorso il pomeriggio al Centro di Lesmo, in compagnia di operatori e utenti. Grandissimo il coinvolgimento, con una ventina di persone che hanno accettato di vivere per qualche ora senza vista e udito. La Chep, impegnata nella sostenibilità ambientale, ha fatto anche una donazione alla Lega, destinandole una cifra per ogni pallet recuperato nel mese precedente la giornata di volontariato. Musica. Come si organizza un concerto di successo Oltre 250 persone il 28 dicembre hanno gremito il Teatro dei Vigilanti di Portoferraio, per il concerto che l associazione Officina della Musica ha organizzato in nostro favore. «Ho avuto l idea perché un mio cugino è seguito dalla Lega», spiega Sergio, maestro di musica. Maestri, allievi e amici dell Associazione hanno proposto brani di vari cantautori, per mostrare come ciascuno interpretasse alcune parolechiave: l amore, la diversità, la solidarietà. «Nell organizzazione di un evento è fondamentale avere un idea-guida, non basta l esibizione», spiega Sergio. La solidarietà è certo un valore aggiunto: all inizio della serata è stato proiettato un video di presentazione della Lega del Filo d Oro: «Sono immagini che toccano, ho visto le persone molto coinvolte». Mercatini. Solidarietà nelle Cantine del borgo di Collalto «È stata un esperienza faticosa, ma che mi ha fatto conoscere l animo di tante persone»: così la signora Maria, mamma di una ragazza seguita dal Settore Ricerca, racconta i suoi sei week end alla Cantine della Solidarietà. Si tratta di uno spazio per far conoscere la Lega del Filo d Oro e la sua mission all interno dei Mercatini delle Cantine del Borgo, organizzati dalla Pro Loco nelle case private del borgo di Collalto Sabino (Ri) dal 6 dicembre al 6 gennaio. «Da noi la gente non entrava per comprare, ma perché voleva conoscere una così bella realtà». I fondi raccolti saranno devoluti al Settore Ricerca. GRAZIE A TUTTI Siete davvero in tanti. Grazie a tutte le persone, le associazioni e le aziende che nei più diversi luoghi d Italia hanno organizzato manifestazioni in nostro favore.

8 8 FRA DI NOI PUOI AIUTARCI IN TANTI MODI CC POSTALE n intestato a Lega del Filo d Oro Onlus BONIFICO BANCARIO intestato a Lega del Filo d Oro Onlus presso UniCredit S.p.A. IBAN IT05K CARTA DI CREDITO numero verde oppure con coupon nel bollettino allegato al giornale DONAZIONI ON LINE sul sito donazioni.legadelfilodoro.it DONAZIONI PERIODICHE con Carta di credito o Conto Corrente bancario telefona al numero verde o vai sul sito donazioni.legadelfilodoro.it PIÙ DONI, MENO VERSI Le agevolazioni fiscali (Lg. n.80 del 14/05/05) per chiunque, azienda o privato, faccia una donazione a una Onlus crescono con l importo della donazione. IL PARTICOLARE Il nostro calendario fa molto più che mettere in fila i giorni Tenere il tempo. Molte persone sordocieche o con disabilità psiconsensoriali non hanno modo di percepire lo scorrere del tempo, a volte nemmeno nel semplice alternarsi di giorno e notte. Vivere in un perenne presente però è faticoso e destabilizzante: il non sapere cosa aspettarsi dopo genera ansia, il ripetersi indistinto dei giorni fa perdere la voglia di alzarsi, il non poter distinguere fra l assenza per qualche giorno di una persona cara e la sua scomparsa getta nello sconforto. Alla Lega del Filo d Oro ogni persona e ogni ambiente ha il suo calendario personalizzato, con le attività del giorno o della settimana spiegate con piccoli oggetti riconoscibili al tatto. Questo dà serenità e tranquillità per vivere in pienezza ogni azione della giornata. Renzo Arbore e Mario, la loro parola vale Carissimi, per cinquant anni ho viaggiato per lavoro e mi è capitato di passare da Osimo, un tesoro di cittadina. Oggi che sono pensionato mi ritrovo a parlare con passione di questo luogo ai miei amici, perché ho scoperto questa grande iniziativa sostenuta da Renzo Arbore che con il nostro contributo aiuta i bambini sordi e ciechi. Una cosa eccezionale. Nonno Mario, Firenze Caro Mario, il suo passaparola per noi è prezioso. Il riferimento che lei fa a Renzo Arbore, attraverso cui ci ha scoperti, è l occasione per dire a questo grande artista un enorme grazie perché da 25 anni ci aiuta a far conoscere la nostra attività. Orgoglioso di sostenervi, vorrei fare di più Carissimi, grazie per avermi inviato la carta di sostenitore della vostra associazione: la porterò sempre con me! Il periodo non è facile, anzi, ma spero quest anno di riuscire ad aumentare le mie donazioni, perché è doveroso dare un aiuto a queste creature e a voi. Alessandro B., mail Grazie a lei per il suo sostegno: tante piccole gocce come la sua hanno fatto una storia lunga già cinquant anni. Mi fai un autografo? Non ti costa nulla. Pensaci! LA POSTA. Scrivete le vostre lettere a Lega del Filo d Oro - Via Montecerno, Osimo (AN) Potete inviare un fax al numero o una a Quante belle risate grazie alla vostra benda Carissimi, grazie per il bel regalo. Quando abbiamo aperto la lettera e trovato la benda e i tappi e letto l esperienza sensoriale che proponevate, mi sono fatta un sacco di risate insieme a mio marito. Sapete perché? Io sono una non vedente. Naturalmente voi non potevate saperlo e l iniziativa è ottima: chissà, forse le altre persone capiranno le nostre difficoltà. Auguri! Maria Grazia P., Salerno Grazie a lei Maria Grazia per la sua simpatia: alle prime righe siamo impalliditi perché temevamo di aver fatto una gaffe. Siamo felici che abbia compreso il senso profondo della nostra proposta, siamo certi che provare sulla propria pelle cosa significa non poter contare su vista e udito sia il modo migliore per avvicinare le persone alla realtà dei nostri ospiti. Firma per 5 il mille alla Lega del Filo d Oro. Io l ho già fatto! La lezione di una bimba sulla disabilità Caro filodoro, sono Aurora, ho 9 anni, ho letto a casa di mio nonno le storie dei vostri bambini. Mi sono piaciute molto e vorrei tanto che quei bambini diventassero come me, che ci vedo e ci sento, senza le prese in giro di alcuni, grandi e piccini, che non riescono a capire cosa si prova nella loro situazione. Io capisco perché i miei famigliari me lo hanno spiegato e perché ho una zia cieca, ma molto simpatica! Salutatemi le famiglie con figli come mia zia, ciao ciao. Aurora, Roma Cara Aurora, hai proprio ragione: le persone a volte trattano con cattiveria chi è diverso, ma in realtà il problema è che non conoscono la diversità e ne hanno un po paura. Tu sei fortunata ad avere dei genitori che ti insegnano a vedere i bisogni speciali di alcune persone, cerca di spiegarlo anche tu ai tuoi amici. Un abbraccio anche alla tua simpatica zia. Sono una non vedente e quando mio marito mi ha detto della benda e dell esperienza sensoriale che proponevate siamo scoppiati a ridere. Ottima iniziativa! Il 5 per mille è un gesto semplice e gratuito, ma, soprattutto, un segno importante di solidarietà. Oltre a donare il tuo 5 per mille alla Lega del Filo d Oro, suggerisci a parenti e amici di fare lo stesso. Non ti costa nulla, ma per tante persone sordocieche significa un futuro di speranza. SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL CINQUE PER MILLE DELL IRPEF Il nostro codice fiscale

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per i tuoi regali di Natale scegli di essere al fianco del WFP: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Scegli i tuoi regali aziendali

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

in primo luogo a Zanzibar

in primo luogo a Zanzibar ...... Se fai il bene diranno che lo fai per fini egoistici...non importa fa il bene S. Teresa di Calcutta cosa ci ha riservato questo 2014 come abbiamo speso questi 365 giorni... è stato certamente un

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408

Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408 Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408 Quaderni di spiritualità 1. Liberare la santità di Piccotti Mariano e Vissani

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli