IN PRIMO PIANO. A dicembre la Lega del Filo d Oro compirà cinquant anni: nessuno prima aveva creduto che si potesse uscire dal buio e dal silenzio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IN PRIMO PIANO. A dicembre la Lega del Filo d Oro compirà cinquant anni: nessuno prima aveva creduto che si potesse uscire dal buio e dal silenzio"

Transcript

1 NUMERO 1 Trilli nell Azzurro Notiziario ufficiale della Lega del Filo d Oro Da 50 anni, la voce di chi non vede e non sente EDITORIALE Un nuovo Trilli per festeggiare i cinquant anni di Rossano Bartoli Cari amici, l anno da poco iniziato segna il cinquantesimo anniversario della Lega del Filo d Oro: un evento importante, che sarà l occasione per alcune sorprese e tante nuove iniziative, eventi istituzionali, di carattere tecnico scientifico, di sensibilizzazione e di raccolta fondi. Abbiamo cominciato, come vedete, dando una nuove veste grafica al nostro giornale, che ci accompagna fin dal Lo volle Sabina Santilli, che mise nel titolo uno dei suoi ricordi più vividi: il trillo gioioso di un uccellino che volava libero nel cielo, «debole ma pieno di vitalità», per dire a tutti che «per lo spirito non ci sono limiti di orizzonti nell infinito». Trilli nell Azzurro è stato arricchito da interviste a chi opera all interno dell Associazione, con l obiettivo di raccontare meglio quel che facciamo ogni giorno. Trovate anche un nuovo logo, ideato per l anniversario e selezionato tramite un concorso. Guardando al mezzo secolo trascorso, possiamo vedere tante sfide vinte, traguardi raggiunti, difficoltà superate: siamo nati come una piccola associazione e siamo arrivati ad avere Centri residenziali e servizi territoriali in sette regioni d Italia. Ma il nostro cammino non si arresta e il 2014 sarà soprattutto caratterizzato dall impegno assunto con il Progetto Linguetta, per la realizzazione della nuova sede di Osimo: una nuova casa, strutture più adeguate e una capacità operativa significativamente aumentata per andare incontro alle esigenze di un numero sempre maggiore di famiglie. Quanto realizzato finora è uno stimolo a proseguire in questo percorso di sviluppo, confidando sempre nella preziosa collaborazione di tutti coloro che hanno a cuore la Lega del Filo d Oro, i bambini, i giovani, gli adulti sordociechi e le loro famiglie, nella vicinanza dei volontari e di quanti in tutti questi anni ci hanno sostenuto e che, ne siamo certi, continueranno a sostenerci. PER CONTATTARE LA LEGA DEL FILO D ORO SEDE via Montecerno, Osimo (AN) TELEFONO FAX INTERNET Siamo anche su: QUEL FILO SOTTILE CHE HA TESSUTO LA STORIA IN PRIMO PIANO. A dicembre la Lega del Filo d Oro compirà cinquant anni: nessuno prima aveva creduto che si potesse uscire dal buio e dal silenzio Il nome, Lega del Filo d Oro, Sabina Santilli lo aveva scelto nel suo cuore da molti anni, quando ancora i sordociechi vivevano chiusi nell isolamento. Per loro sognava un associazione che non esisteva in Italia. Il filo d oro indicava l amicizia: quella che permette a chi non vede e non sente di aprirsi al mondo e quella dei tanti che erano disposti a dar loro aiuto. Da cinquant anni la Lega del Filo d Oro è la storia di uomini e donne che si mobilitano per rispondere a un bisogno: con esperienza, professionalità e passione. PAGINA 3 LA STORIA Con quindici barchette Alberto ha preso il largo PAGINA 4 NESSUNO È AUTORIZZATO A RISCUOTERE CONTRIBUTI in nome o per conto della Lega del Filo d Oro. Chi intende effettuare donazioni può farlo mediante il c/c postale intestato a: Lega del Filo d Oro - Osimo (AN)

2 2 FILO DIRETTO 50 ANNI D ORO. PASSIONE E METODO Lo sguardo lungo di Sabina Era il 20 dicembre 1964: Sabina Santilli, don Dino Marabini e altri otto amici si presentarono davanti a un notaio di Loreto per fondare la Lega del Filo d Oro. I sordociechi italiani trovarono per la prima volta un riferimento. Sabina, a sua volta sordocieca, fu scelta come presidente: anche quello fu un primato, dato che all epoca la legge considerava le persone sordocieche incapaci di intendere e di volere. Lo scopo della nuova associazione era «collegare i sordociechi fra loro e con gli amici, assicurare un aiuto, diffondere la conoscenza delle possibilità di recupero di una vita normale per le persone prive della vista e dell udito». Trilli nell Azzurro, stampato in nero e in braille, è fin dall inizio il giornale ufficiale dell Associazione, nonché «prezioso strumento di collegamento e di dibattito fra noi sordociechi». OGGI E DOMANI. Alla Conferenza mondiale Barbara ha 30 anni e come membro del Comitato dei sordociechi della Lega del Filo d Oro, ha rappresentato l Italia alla Conferenza Mondiale della World Federation of DeafBlind, nelle Filippine: «Esperienza indimenticabile». Magic Block: la tecnologia entra a scuola Il progetto europeo si chiama Magic Block e la Lega del Filo d Oro ne è stata co-partner insieme al Cnr e a istituzioni di Spagna, Grecia e Germania. Si è verificato che, con l aggiunta di tecnologia e di attenzioni educative specifiche, i blocchetti colorati con cui i bambini si avvicinano alla matematica migliorano le capacità di apprendimento anche degli alunni con pluridisabilità. CON FILO D ORO PERCHÉ... «Ogni ragazzino va visto nella sua interezza. Tutti hanno una loro interiorità, che devi rispettare» L insegnante. La mia tecnica accompagna i bimbi alla ricerca della felicità Rosina fa un sorriso dolce e dice: «Se Dio si facesse conoscere solo dagli intelligenti, farebbe un grande torto. Io credo che Dio parli anche attraverso il cuore». Rosina lavora alla Lega del Filo d Oro dal 1972: è un insegnante e fra le altre cose segue la preparazione ai sacramenti dei bambini dell Istituto di Osimo. È un percorso in più, per le famiglie che ne fanno richiesta, che dice molto di come all interno della Lega del Filo d Oro si guarda agli utenti: «Ogni ragazzino è una persona e va visto nella sua interezza. Ognuno, per quanto grave, ha una sua interiorità, in cui io posso entrare ma solo con delicatezza, senza invaderla, senza pretendere di sfondare chissà cosa. Puoi chiedere tante cose ai ragazzi, porre loro tante mete, ma prima di tutto devi creare un rapporto con loro, anche quando inizialmente sembra impossibile. Questo è ciò che amo, il motivo per cui dopo quarant anni continuo a dire che il lavoro che faccio è meraviglioso». Rosina ricorda uno per uno i tanti bambini che ha visto crescere: «Le possibilità di comunicazione con questi ragazzi sono molte, bisogna saperle trovare», dice. «È una relazione che non è fatta di concetti, ma comunque c è una circolarità, qualcosa che ci unisce. E quando non siamo più soli, la vita diventa bella». A Rosina non piace lo sguardo di chi vede solo sofferenza nella disabilità: «I miei ragazzi sorridono perché sono felici e amano la vita. A me non interessa che facciano una cosa perché io gli ho insegnato uno schema, che sia farsi la doccia o far partire la musica con uno switch: non sono piccoli robot da istruire. Io metto tutta la mia tecnica a servizio della persona che ho davanti, perché loro, anche grazie alle cose che io gli ho insegnato, siano felici». SI PUÒ FARE Specialisti. Non è facile immaginare come si possa entrare in relazione con chi non vede e non sente, attraversando un guscio di silenzio che sembra impenetrabile. Guarda il video in cui Assunta spiega come, con il suo lavoro, riesce ad accendere una scintilla in ogni bambino. donazioni.legadelfilod oro.it/?perché_donare In ogni momento della giornata ci prendiamo cura di loro. Ogni mattina... Ogni sera... Ogni pomeriggio... Ogni notte... Con una donazione periodica, anche tu puoi. on on vede e no donazione do periodica La a sente. favore di non chi e non vede Con noi, ogni giorno. n no hi n e ch t sen e. nte di v avore ca a f ona n azio z ione period odi ic

3 IN PRIMO PIANO Un associazione tutta nuova, da mezzo secolo Un traguardo da festeggiare con un grazie ai tanti amici che ci hanno sostenuto. I ricordi e i progetti futuri La testimonianza. Mario, primo allievo dell Istituto di Osimo Arrivò a Osimo da Bolzano nell ottobre 1967, quando la Lega del Filo d Oro iniziò a lavorare con i bambini. «Era la preistoria, noi genitori non sapevamo cosa fare né dove chiedere aiuto», ricorda mamma Nerina. Restò poco più di un anno: «Hanno avuto un grande coraggio, ma erano davvero pionieri». Tornò nel 1985 e da allora vive in Istituto: «La Lega oggi ha un esperienza unica», spiega la signora Nerina. «Io sono serena perché Mario è in buone mani e di me non ha più bisogno». Il nome, Lega del Filo d Oro, Sabina Santilli lo aveva scelto nel suo cuore da molti anni, quando ancora i sordociechi erano i «grandi sconosciuti» e vivevano chiusi nella solitudine delle loro case o degli istituti. Sabina conosceva bene quella condizione perché era la sua, da quando aveva sette anni: per questo volle creare un associazione che si occupasse in maniera specifica dei bisogni di chi non vede e non sente, qualcosa che non esisteva in Italia. Il filo d oro indicava l amicizia: quella che permette di uscire dall isolamento e quella dei tanti sostenitori disposti a dare il loro aiuto. Il sogno divenne realtà il 20 dicembre 1964, quando nacque la Lega del Filo d Oro. Dino Marabini è uno dei fondatori, l uomo che diede gambe al desiderio di Sabina: oggi ha 84 anni e quel giorno lo ricorda perfettamente. «Noi consiglieri speravamo che l associazione diventasse punto di riferimento vitale per tanti sordociechi: lo è stata», dice. «Guardando lo sviluppo straordinario della Lega, penso che quel filo sottile è diventato un tessuto. Le faccio due auguri: che cresca ulteriormente, perché ci sono ancora persone che hanno bisogno, e che al suo interno, accanto alla tecnica, ci sia sempre la corrente dell amore». La centralità della persona è da sempre l impronta caratteristica della Lega del Filo d Oro: «L intuizione che abbiamo avuto è stata il credere che tutti dovessero avere un opportunità di riabilitazione, a cominciare dai bambini, anche in presenza di una disabilità gravissima. Ci ha sempre distinto il disegnare il servizio a partire dai bisogni della persona, andando a cercare presso i privati le risorse per coprire i costi più elevati che la qualità comporta», sintetizza Gigi Giacco, per decenni direttore pedagogico dell istituto per la riabilitazione di bambini sordociechi e pluriminorati psicosensoriali che la Lega aprì nel «Nessuno sapeva come fare», ricorda: «Alla dimensione solidale dell inizio si è subito aggiunta quella tecnica, scientifica, metodologica». Questi cinquant anni sono stati sempre in dinamismo, animati dalla sfida che ogni ospite porta con sé: «Dinanzi alle difficoltà, ci mettiamo sempre nella prospettiva che siamo noi a non essere riusciti a trovare la strada giusta. È questo lo stimolo a non rassegnarsi mai nel processo riabilitativo», spiega. La parola Riabilitare i più gravi Pionieri. Quando la Lega del Filo d Oro nacque non esistevano progetti riabilitativi per i disabili gravissimi. La Lega è stata la prima a credere in loro e a mettere a punto un metodo educativo-riabilitativo specifico. Ancora oggi, la Lega del Filo d Oro si sente in cammino. Francesco Marchesi, il presidente, per il 2014 annuncia un anno di «cambiamento nella continuità». Cambiamento perché «vogliamo crescere ancora, la richiesta di servizi aumenta e vogliamo dare ulteriori risposte, facendo investimenti per il futuro. Oggi siamo una realtà importante ben oltre Osimo, per questo ci siamo dotati di una struttura organizzativa più adeguata alla nostra dimensione nazionale», dice. Continuità perché «non verrà mai meno il riferimento ai valori iniziali, alla centralità della persona, alla qualità del servizio. Noi ci saremo, certo non senza grandi sforzi: la volontà è quella di dare più servizi senza abbassare la qualità». Per i 25 anni della Lega del Filo d Oro, Sabina Santilli le augurò di diventare «un istituzione altamente specializzata, di grande valore scientifico e sociale». Quell augurio si è realizzato e la sorella di Sabina, Loda, dice che «sembrava impossibile che la vita dei sordociechi sarebbe cambiata tanto. Penso che Sabina, in cielo, abbia il sorrisetto soddisfatto di quando tutto andava come lei voleva». Sabina. Guarda con il tuo smartphone il video in cui Sabina Santilli, nel 1993, racconta in tv la sua esperienza. «Il coraggio di vivere per me è dare un po di gioia agli altri», disse. Il cantiere della Linguetta. Da noi le famiglie sono sempre a casa Il nuovo Centro Diagnostico avrà più posti per i bambini alla prima visita e per le loro famiglie Gli scavi sono ben avviati, le prime due gru sono montate e funzionanti: il cantiere per realizzare la nuova struttura della Lega del Filo d Oro, a Osimo, è entrato nel vivo. Il primo lotto dei lavori comprende anche la nuova palazzina del Centro Diagnostico, vent anni dopo la nascita di questo nucleo dedicato alla presa in carico precoce dei piccolissimi. «Sarà uno spazio più grande e organizzato, i bambini accolti saliranno da 4 a 8, gli operatori lavoreranno ancora meglio. L esperienza maturata in vent anni è servita», spiega Patrizia Ceccarani, direttore educativo-riabilitativo del Centro. Lavorare meglio ad esempio significa che in futuro ci sarà un aula per ogni bambino, poiché «i ragazzini hanno la necessità di non avere distrazioni, in modo che noi possiamo capire al meglio le loro potenzialità», dice Ceccarani. Resta confermata anche la grande importanza che la Lega del Filo d Oro dà all accoglienza delle famiglie, con la foresteria all interno della struttura del Centro Diagnostico. «Avere un ambiente informale, dove la famiglia possa mantenere le proprie abitudini di vita, garantisce la tranquillità del bambino», dice Laura Gambelli, una delle assistenti sociali della Lega del Filo d Oro, il primo contatto con le nuove famiglie. «Allo stesso tempo il genitore, che è molto coinvolto, osserva in prima persona le metodologie, e così sarà in grado di mettere in pratica, a casa, le indicazioni che gli verranno date». Ogni famiglia avrà, come adesso, la sua camera con bagno mentre la cucina e la zona giorno saranno comuni: «Spesso nasce spontaneamente un clima di amicizia», spiega Laura, con le famiglie che uniscono i tavoli e mangiano insieme, mentre alcune poi vanno a trovarsi a casa o organizzano vacanze congiunte. «Un esito molto bello e importante di Cantiere. I lavori procedono all interno del cantiere della Linguetta questa vicinanza è l incontro tra i genitori di bambini piccolissimi e quelli di ragazzi più grandi. Questi ultimi diventano figure rassicuranti, seppur nella fatica, per chi solo è all inizio di un percorso», conclude Laura.

4 4 LA STORIA CON FILO D ORO PERCHÉ... «Non so come sarebbe stata la nostra vita se Alberto non fosse così, ma sono un uomo contento» Osimo. Quindici barchette e la vita di Alberto ha preso il largo Suo padre faceva il marittimo, così per Alberto inventarono un calendario fatto di barchette. Ogni giorno ne toglieva una: quando sarebbero finite, sapeva che avrebbe riabbracciato papà. Così, sereno, poteva imparare La nostra è «una storia dentro la storia della Lega del Filo d Oro»: Gianfranco e Daniela iniziano così a raccontare i loro trentadue anni a Osimo, trapiantati qui dall Elba. Alberto, loro figlio, sta per compiere 40 anni: «Faremo una grande festa», dice la mamma, «perché da quel che ci avevano detto i medici, non pensavamo di arrivarci». Alberto è idrocefalo, a pochi mesi ebbe una meningite virale, da cui «iniziò il calvario». «Aveva un virus purulento dentro il liquor. Tentarono una cura, avvertendoci che poteva diventare sordo, ma non servì a nulla», ricorda papà Gianfranco. A sette anni e mezzo, dopo sessanta operazioni, Alberto passò dalla chirurgia alla pediatria, dove avrebbero dovuto «assisterlo per la morte»: lì invece trovarono una cura. La vista e l udito erano persi, ma di interventi chirurgici non ne servirono più: «Ce l hanno ridato», dice Daniela. «Lui si è adattato alla situazione, la voglia di essere al mondo non l ha persa mai». A parlare loro della Lega del Filo d Oro fu l insegnante di ortofonia: «Avevamo contattato vari istituti, ma dalle domande che ci facevano capivamo che non erano i posti giusti per noi», ricorda la mamma. Con la Lega del Filo d Oro, dice il papà, fu diverso: «Abbiamo preso la cartina, le cartelle mediche e ci siamo presentati qui, senza avvisare. Non si riusciva più a comunicare con Alberto, ricordo che lui voleva dirmi qualcosa e io non capivo, così lui mi fece un gesto come per dire ma vattene. Mi voltai, diedi un pugno alla porta e la sfondai». Cartelle cliniche e persone Il giorno in cui giunsero a Osimo, Gianfranco lo racconta così: «Arrivi con Attività occupazionali. In laboratorio per essere adulti C è la cestineria, il telaio o i pon pon: tutti i Centri della Lega del Filo d Oro hanno i loro laboratori, che gli utenti frequentano più volte alla settimana. Le attività occupazionali sono la messa in opera funzionale delle abilità apprese in aula e consentono di fare un esperienza simile al lavoro che marca l età adulta. Alcuni sordociechi di Osimo hanno insegnato il midollino pure ai detenuti del carcere di Ancona. il cuore pesante, hai tutte le strade chiuse, sali sulla collina e senti che in questo posto risolverai il tuo problema». Era il Le cartelle cliniche di Alberto dicevano il contrario, ma qui «guardarono Alberto, videro che un po con me comunicava e pensarono che qualcosa si poteva fare. Perché un conto è la cartella, un conto la persona», dice la mamma. Daniela e Gianfranco si fidarono, anche se - dicono - «alla prima visita gli fecero fare un percorso e alla fine gli diedero un cioccolatino. A noi sembrò come dare una nocciolina a una scimmia. Invece sbagliavamo noi, bastava vedere i progressi di Alberto: ci sembrava un miracolo». Se la Lega del Filo d Oro ha cambiato la vita di Alberto, lui di converso ha segnato alcune tappe della storia dell Associazione. Per lui fu inventato il primo calendario tattile, quindici barchette in compensato e quindici casette per misurare il tempo che papà passava in mare, così che Alberto capisse che papà partiva, non scompariva. Fu anche protagonista del primo spot della Lega del Filo d Oro, quando essa avviò (pioniere anche in questo campo) una comunicazione rivolta alla raccolta fondi: «Non c erano soldi, si rischiava di chiudere. La mia prima intervista l ho fatta allora, poi sono venuti Maurizio Costanzo, Mike Bongiorno, lo spot con Renzo Arbore...», ride Gianfranco. «Parlare del nostro privato è faticoso, ma la gente non poteva capire senza conoscere la nostra vita. La nostra è una testimonianza, è ancora un modo per aiutare i nostri figli, perché senza la Lega non so cosa sarebbe stato di noi». Mettere radici altrove A Osimo Alberto è diventato un uomo. Frequentando il Centro in diurno ha imparato a mangiare da solo, a lavarsi, a vestirsi: «Gli hanno insegnato tutto, a lui e a noi», dicono Daniela e Gianfranco. Soprattutto sono riusciti a sviluppare il suo linguaggio gestuale, così «in un attimo gli dici le cose, anche se chi non lo conosce bene fa fatica perché i gesti di Alberto sono solo suoi». Con le sue insegnanti è andato in Danimarca, in Germania, in Portogallo. Da molti anni, grazie alla disponibilità di un imprenditore della zona, fa una piccola esperienza di lavoro : «Non è un lavoro vero, ma lui esce di casa, si relaziona con persone al di fuori della famiglia e del Centro, capisce cosa sia la vita di un adulto», spiega il papà. Da quando sua sorella si è sposata, pure Alberto ha voluto una casa sua, così i

5 PORTE APERTE 5 Osimo Lesmo. Segreti di bellezza scovati nelle valli valdesi Grande successo per il nuovo laboratorio di saponette scrub: un idea portata a Lesmo dalle volontarie dell Ecomuseo Crumiére di Villar Pedice Ci vogliono una saponetta, della lana grezza variopinta e una calza di nylon: materiali di uso quotidiano, che però bastano a creare un dono bello e profumato. Le saponette scrub sono il nuovo e originale prodotto realizzato all interno del laboratorio occupazionale del centro di Lesmo (MB): già una trentina, fra ospiti del centro e utenti del servizio territoriale, si sono cimentati con questa nuova esperienza sensoriale. «L idea non è nostra», ammette Luigina Carella, responsabile educativo-riabilitativo del centro di Lesmo. «Dobbiamo dire grazie a Barbara, la direttrice dell Ecomuseo Feltrificio Crumiére di Villar Pellice: l abbiamo conosciuta durante un convegno sulle attività manuali per i non vedenti che il museo ospitava. Loro propongono questa attività ai bambini, ma hanno pensato subito che poteva essere interessante anche per le persone sordocieche, perché la lavorazione prevista è facile e dà moltissime stimolazioni sensoriali». Barbara e altre due volontarie sono scese dalle valli piemontesi fino a Lesmo, con il camper carico del materiale necessario. «È stata molto bella questa integrazione con una realtà lontana, che si occupa di tutt altro», sottolinea Luigina. L esperienza è piaciuta moltissimo alle persone sordocieche che SI PUÒ FARE Mani d oro. Fare nuove esperienze sensoriali è un occasione preziosa. Se hai l hobby del faida-te, scrivici per suggerirci qualche semplice lavoretto da fare con i nostri ospiti: l hanno provata: «è stato un pomeriggio ricco di stimoli tattili e olfattivi: il profumo della saponetta, l odore acre della lana grezza bagnata, l acqua calda, la sensazione molle del sapone che si scioglie È un esperienza che abbiamo già ripetuto nel nostro centro e che diffonderemo tra i colleghi». Qualcun altro, magari, potrà copiarla. Antonio Mola genitori gli hanno sistemato una stanza al piano di sotto: «Non è in grado di vivere da solo, ma ogni tanto scende, ci invita a cena da lui Che meraviglia!», raccontano Daniela e Gianfranco, orgogliosi e felici. «Di centri ce ne sono tanti, ma questo non ha paragoni. Per l esperienza, per il metodo, per la mentalità. Non guardano il disabile, cercano la persona che c è dentro. E lavorano su tutta la famiglia, perché quando succede una cosa così, la vita di tutta la famiglia deve cercare un altra direzione». Oggi Alberto inizia a non riuscire più a fare alcune cose. Non cammina più bene, non riesce più a leggere il Braille, le mani iniziano a tremargli. «Ma farà altre cose, altrettanto belle. È coraggioso, ha una forza di volontà incredibile. È in gamba mio figlio», dice Daniela. E Gianfranco aggiunge: «Io ne sono innamorato. Non so come sarebbe stata la mia vita se Alberto non fosse stato così, ma sono un uomo contento». Ospite in tv. Alberto è stato invitato a Voyager con la sua insegnante Nicoletta e Renzo Arbore. Rivedi l intervista con il tuo smartphone. Modena. Week-end speciale a Molfetta Alessandro, Gianna e Adele, che frequentano la sede territoriale di Modena, a novembre hanno trascorso alcuni giorni presso la sede di Molfetta, accompagnati da tre volontari. «Il progetto vuole dare l opportunità ai sordociechi di sperimentare la loro autonomia in un ambiente nuovo», spiega Viviana De Angelis, assistente sociale del Centro di Modena. Dopo il viaggio in treno e la presentazione della sede di Molfetta, c è stata la visita alla città e a Bari, un momento di festa in una sagra, la conoscenza di volontari e ospiti della sede pugliese. «Come trasferta per noi è stata la prima esperienza, che vorremmo ripetere. A Modena invece abbiamo già accolto alcuni sordociechi della sede di Osimo». Diventa Amico d Oro Registrati nell area riservata del nostro sito. Tanti i vantaggi per te! area personale dati o resoconti newsletter e attività username e password SEGUICI ANCHE SU Osimo. Maestro di rilegatoria, che soddisfazione Da Venezia a Osimo per aggiornare le tecniche di legatoria e di fabbricazione della carta apprese nel 1997 e insegnarle ad altre persone con disabilità. Per alcuni giorni il Centro di Osimo ha accolto Giorgio, 60 anni, ex odontotecnico, che qui aveva già frequentato per un anno il laboratorio di legatoria, all interno del programma europeo Horizon. «In rete con i servizi sociali di Venezia stiamo cercando un centro diurno dove Giorgio, un paio di volte alla settimana, possa insegnare ad altri le sue abilità», spiega Cristina Alippi, educatrice del servizio territoriale di Lesmo. È un progetto che valorizza le competenze di Giorgio, per «alimentarne l autostima, cosa preziosa ma difficile da fare».

6 6 COME AIUTARCI IN BREVE. Osimo Solidarietà senza fine. Testamento solidale, le piccole gocce che fanno gli oceani Sport. Corri con noi la Milano City Marathon I lasciti testamentari sono la risorsa fondamentale per aprire nuove strutture e garantire la qualità del servizio offerto: due cose che, in modo diverso, rimangono per sempre Il 6 aprile torna la maratona di Milano con il suo Charity Program. Chi si iscriverà alla gara abbinando il proprio nome alla Lega del Filo d Oro destinerà a noi parte della quota di iscrizione, che andrà a sostegno della riabilitazione in acqua; correrà con il nostro logo sul pettorale e potrà diventare personal fundraiser. L organizzazione donerà il pettorale a chi raccoglierà almeno 200 euro. Iscrizioni e info: Radio e tv. Più idroterapia grazie ai vostri sms Dal 26 gennaio al 16 febbraio la Lega del Filo d Oro ha lanciato una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite SMS solidale. Anche quest anno diverse trasmissioni radio e tv ci hanno dato spazio per presentare le nostre attività, con il supporto di Renzo Arbore. La raccolta contribuirà a garantire un anno di fisioterapia e di idroterapia al Centro di Osimo. Grazie a quanti ci hanno sostenuto. Trilli nell Azzurro Notiziario ufficiale della Lega del Filo d Oro ONLUS Associazione Nazionale riconosciuta con D.P.R. n. 516 del Via Montecerno, Osimo (AN) tel fax c/c postale WEB Direttore editoriale Francesco Marchesi Direttore responsabile Rossano Bartoli Comitato di redazione Maria Giulia Agostinelli, Chiara Ambrogini, Anna Maria Catena, Gianluca de Tollis, Alessandra Piccioni, Maria Laura Volpini Coordinamento editoriale a cura di Vita Società Editoriale S.p.A. Sara De Carli (redazione), Sergio De Marini (coordinamento), Antonio Mola (progetto grafico) Stampa Tecnostampa s.r.l. - Loreto (AN) Questo numero è stato chiuso in redazione il 28 gennaio 2014 ed è stato tirato in copie. Autorizzazione del Tribunale di Ancona n.15. Bimestrale - Poste Italiane SpA - Spedizione in A.P. D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art.1, comma 2 - DCB Milano Per garantire la privacy I dati sono trattati per le attività di raccolta fondi, sia in formato cartaceo che elettronico, da Responsabili ed incaricati a ciò preposti e possono essere comunicati a società di marketing diretto che effettuano l invio di nostro materiale. Per esercitare i diritti di cui all articolo 7 del D. Lgs. 196/2003 (tra cui modificare o cancellare i dati) scrivere al Responsabile Comunicazione e Raccolta Fondi (Responsabile del trattamento) presso Lega del Filo d Oro Onlus Via Montecerno, Osimo - AN (Titolare del trattamento). Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana Per il signor Mario il suo ultimo gesto segnava così in profondità la sua vita che nel testamento ha chiesto una targhetta da mettere sulla lapide, che lo ricordasse come benefattore della Lega del Filo d Oro. «Non è retorica, il testamento solidale è una scelta di grandissima generosità che gratifica chi la fa, anche se non c è più. Chi fa un testamento solidale continua a vivere nella gratitudine di tanti»: a parlare così è Luigi De Rosa, direttore dell Ufficio Affari Generali della Lega del Filo d Oro. Insieme al suo team segue le pratiche testamentarie in cui la Lega è citata come beneficiaria e dà supporto tecnico-legale a chi volesse lasciare all Ente una parte dei propri beni. «Fare testamento è il modo per pianificare il futuro ed essere certi che le proprie volontà saranno rispettate. All interno di questa pianificazione chiunque può ricordarsi di chi ha più bisogno, qualunque sia il patrimonio di cui dispone: le gocce creano gli oceani», dice De Rosa. Così ricorda la signora Grazia, per tanti anni sostenitrice dell Associazione, che poi le ha lasciato tutto il suo patrimonio. O Giuseppe, sposato ma senza figli, che ha dato alla Lega del Filo d Oro la nuda proprietà della sua casa, garantendo l usufrutto alla moglie. E Giorgio, che nel suo testamento accanto alla moglie e ai tre figli ha citato la Lega con un legato di 500 euro. La Lega del Filo d Oro è impegnata da molti anni nel sensibilizzare su questa forma di solidarietà: «I lasciti sono la condizione per PARLA CON ME Il numero 7 REGIONI Oggi la Lega del Filo d Oro è presente in sette regioni d Italia e vuole raggiungere ancora più persone: questa diffusione sul territorio è possibile proprio grazie ai lasciti testamentari lo sviluppo di nuovi servizi e grazie ad essi abbiamo potuto pianificare e realizzare investimenti importanti, a cominciare dall apertura di nuove strutture. Per i prossimi anni i lasciti andranno a finanziare in particolare la costruzione del nuovo Centro di Osimo, alla Linguetta», spiega il segretario generale Rossano Bartoli. I lasciti non servono solo a creare nuove strutture, ma sono preziosissimi anche per garantire la qualità del servizio offerto ogni giorno nei nostri Centri: le abilità e i traguardi che i ragazzi raggiungono restano per sempre, proprio come il gesto di generosità che li ha resi possibili. Info: lasciti.legadelfilodoro.it - tel Scopri tutti i modi per comunicare. Il Malossi Dicono che attraverso il Malossi la mano diventi «l antenna dell intelligenza e del cuore». Dalla A alla O si batte, dalla P alla Z si pizzica: ogni lettera ha il proprio posto sul palmo della mano, che diventa una tastiera. Il Malossi è il modo più semplice e rapido per comunicare con una persona sordocieca, a patto che questa sappia scrivere. Lo inventò un sordocieco italiano, Eugenio Malossi: piace perché le parole corrono velocissime sulla punta delle dita. Esiste un trucco per far parlare il Malossi anche a chi non lo conosce: si scrivono le lettere su un guanto bianco, con due colori diversi per distinguere quelle da pizzicare e quelle da battere, la persona sordocieca si infila il guanto e chiunque, così, è immediatamente in grado di dialogare con lei.

7 IN AZIONE 7 VISTI DA VICINO BUONE IDEE. CON FILO D ORO PERCHÉ... «Ho calcato scene importanti, ma mi sento un niente davanti agli operatori della Lega» Valter Matassoli, 60 anni, direttore tecnico della Pallavolo Osimo. La nostra forza in campo è lo sponsor che indossiamo Bomboniere solidali. È vera, per questo abbiamo detto sì Ha giocato nella nazionale italiana di pallavolo, in serie A. Da una decina d anni Valter Matassoli, 60 anni e insegnante di educazione motoria, si dedica a far crescere i giovanissimi di Osimo attraverso lo sport, con due società - la Volley Libertas e la Volley Young - che coinvolgono 180 ragazzi dai 6 ai 30 anni. Lui lo chiama «l oratorio del volley», per dire di «un luogo aperto a tutti, accogliente: tante società che si rivolgono ai ragazzi sono invece realtà chiuse». Ma anche per sottolineare «che nello sport c è una dimensione ludica, di valori e di educazione». Matassoli corregge chi lo chiama presidente : «Se lo fossi dovrei rinunciare ad essere allenatore, a stare con i ragazzi», rivela. Gli atleti della Pallavolo Osimo da tre stagioni portano sulle divise il logo della Lega del Filo d Oro: per Matassoli «è un segno di ammirazione e un modo per ringraziare chi ogni giorno si occupa di persone meno fortunate. Ho calcato scene importanti, ma quando vedo gli operatori e i volontari della Lega, mi sento un niente». Matassoli ha visto crescere la Lega del Filo d Oro, fin dagli esordi: «La Lega con la sua tenacia è un esempio per chi fa sport: quando un ragazzino mi dice non ce la faccio, io rispondo andiamo a Santo Stefano (la frazione dove ha sede la Lega del Filo d Oro, ndr), così vedi cosa vuol dire farcela». Basta quello, non servono tante prediche, «un nostro allenatore lavora lì, queste cose passano in ciò che si fa ogni giorno». Sport e solidarietà si rafforzano a vicenda, Matassoli ne è certo: «La Lega del Filo d Oro è un nome prestigioso, è un onore averlo come sponsor etico. E la forza che dà alla squadra, in termini di appartenenza e di responsabilità, ha un valore inestimabile». SI PUÒ FARE Fai squadra con noi. La Lega del Filo d Oro è già sponsor etico di molte società sportive, dalla pallavolo al basket al ciclismo. Se anche tu vuoi aiutarci a far conoscere la Lega del Filo d Oro, mettendo il nostro logo sulle maglie della tua squadra, scrivi a: Le classiche bomboniere non le volevano e avevano deciso che il loro giorno più bello doveva essere bello per tutti. Michela e Stefano, una coppia della provincia di Pavia, non riuscivano però a decidersi fra le tante proposte fatte da ong e associazioni: «Mi sembravano tutte uguali, lontane, non reali», ricorda Michela. Una sera passò in tv lo spot della Lega del Filo d Oro e scattò qualcosa: «Mi colpirono le immagini, autentiche, vere, che parlavano di sofferenza ma trasmettevano gioia e positività. Dissi a Stefano: È questa! È in Italia, ha una sede vicino a noi, possiamo anche andare a conoscerla. Per di più mio suocero era stato per anni un suo sostenitore». Michela e Stefano si sono sposati nell aprile 2013 e con inviti, partecipazioni e bomboniere hanno sostenuto la Lega del Filo d Oro. In visita al Centro di Lesmo non ci sono ancora andati, ma Michela l ha segnato nell agenda: «Da allora riceviamo Trilli nell Azzurro e leggendolo quella prima impressione positiva si è confermata», spiega Michela, che da qualche mese è diventata sostenitrice della Lega con una donazione periodica. E confessa: «Ho scoperto che si può fare volontariato ai soggiorni estivi. Abbiamo otto cani e non li lascerei mai per andare al mare, ma per un esperienza così mi è venuta voglia di organizzarmi!». momenti.legadelfilodoro.it Aziende. Chep, un giorno da volontari per cinquanta dipendenti L incontro è nato dal basso: una dipendente dell azienda è volontaria della Lega del Filo d Oro. È stata lei a proporre una giornata di volontariato aziendale al Centro di Lesmo. La Chep si occupa di imballaggi riciclabili, restituibili e gestiti e lo scorso 17 dicembre cinquanta dipendenti di Chep Italia, fra cui la country manager e la responsabile del personale, hanno trascorso il pomeriggio al Centro di Lesmo, in compagnia di operatori e utenti. Grandissimo il coinvolgimento, con una ventina di persone che hanno accettato di vivere per qualche ora senza vista e udito. La Chep, impegnata nella sostenibilità ambientale, ha fatto anche una donazione alla Lega, destinandole una cifra per ogni pallet recuperato nel mese precedente la giornata di volontariato. Musica. Come si organizza un concerto di successo Oltre 250 persone il 28 dicembre hanno gremito il Teatro dei Vigilanti di Portoferraio, per il concerto che l associazione Officina della Musica ha organizzato in nostro favore. «Ho avuto l idea perché un mio cugino è seguito dalla Lega», spiega Sergio, maestro di musica. Maestri, allievi e amici dell Associazione hanno proposto brani di vari cantautori, per mostrare come ciascuno interpretasse alcune parolechiave: l amore, la diversità, la solidarietà. «Nell organizzazione di un evento è fondamentale avere un idea-guida, non basta l esibizione», spiega Sergio. La solidarietà è certo un valore aggiunto: all inizio della serata è stato proiettato un video di presentazione della Lega del Filo d Oro: «Sono immagini che toccano, ho visto le persone molto coinvolte». Mercatini. Solidarietà nelle Cantine del borgo di Collalto «È stata un esperienza faticosa, ma che mi ha fatto conoscere l animo di tante persone»: così la signora Maria, mamma di una ragazza seguita dal Settore Ricerca, racconta i suoi sei week end alla Cantine della Solidarietà. Si tratta di uno spazio per far conoscere la Lega del Filo d Oro e la sua mission all interno dei Mercatini delle Cantine del Borgo, organizzati dalla Pro Loco nelle case private del borgo di Collalto Sabino (Ri) dal 6 dicembre al 6 gennaio. «Da noi la gente non entrava per comprare, ma perché voleva conoscere una così bella realtà». I fondi raccolti saranno devoluti al Settore Ricerca. GRAZIE A TUTTI Siete davvero in tanti. Grazie a tutte le persone, le associazioni e le aziende che nei più diversi luoghi d Italia hanno organizzato manifestazioni in nostro favore.

8 8 FRA DI NOI PUOI AIUTARCI IN TANTI MODI CC POSTALE n intestato a Lega del Filo d Oro Onlus BONIFICO BANCARIO intestato a Lega del Filo d Oro Onlus presso UniCredit S.p.A. IBAN IT05K CARTA DI CREDITO numero verde oppure con coupon nel bollettino allegato al giornale DONAZIONI ON LINE sul sito donazioni.legadelfilodoro.it DONAZIONI PERIODICHE con Carta di credito o Conto Corrente bancario telefona al numero verde o vai sul sito donazioni.legadelfilodoro.it PIÙ DONI, MENO VERSI Le agevolazioni fiscali (Lg. n.80 del 14/05/05) per chiunque, azienda o privato, faccia una donazione a una Onlus crescono con l importo della donazione. IL PARTICOLARE Il nostro calendario fa molto più che mettere in fila i giorni Tenere il tempo. Molte persone sordocieche o con disabilità psiconsensoriali non hanno modo di percepire lo scorrere del tempo, a volte nemmeno nel semplice alternarsi di giorno e notte. Vivere in un perenne presente però è faticoso e destabilizzante: il non sapere cosa aspettarsi dopo genera ansia, il ripetersi indistinto dei giorni fa perdere la voglia di alzarsi, il non poter distinguere fra l assenza per qualche giorno di una persona cara e la sua scomparsa getta nello sconforto. Alla Lega del Filo d Oro ogni persona e ogni ambiente ha il suo calendario personalizzato, con le attività del giorno o della settimana spiegate con piccoli oggetti riconoscibili al tatto. Questo dà serenità e tranquillità per vivere in pienezza ogni azione della giornata. Renzo Arbore e Mario, la loro parola vale Carissimi, per cinquant anni ho viaggiato per lavoro e mi è capitato di passare da Osimo, un tesoro di cittadina. Oggi che sono pensionato mi ritrovo a parlare con passione di questo luogo ai miei amici, perché ho scoperto questa grande iniziativa sostenuta da Renzo Arbore che con il nostro contributo aiuta i bambini sordi e ciechi. Una cosa eccezionale. Nonno Mario, Firenze Caro Mario, il suo passaparola per noi è prezioso. Il riferimento che lei fa a Renzo Arbore, attraverso cui ci ha scoperti, è l occasione per dire a questo grande artista un enorme grazie perché da 25 anni ci aiuta a far conoscere la nostra attività. Orgoglioso di sostenervi, vorrei fare di più Carissimi, grazie per avermi inviato la carta di sostenitore della vostra associazione: la porterò sempre con me! Il periodo non è facile, anzi, ma spero quest anno di riuscire ad aumentare le mie donazioni, perché è doveroso dare un aiuto a queste creature e a voi. Alessandro B., mail Grazie a lei per il suo sostegno: tante piccole gocce come la sua hanno fatto una storia lunga già cinquant anni. Mi fai un autografo? Non ti costa nulla. Pensaci! LA POSTA. Scrivete le vostre lettere a Lega del Filo d Oro - Via Montecerno, Osimo (AN) Potete inviare un fax al numero o una a Quante belle risate grazie alla vostra benda Carissimi, grazie per il bel regalo. Quando abbiamo aperto la lettera e trovato la benda e i tappi e letto l esperienza sensoriale che proponevate, mi sono fatta un sacco di risate insieme a mio marito. Sapete perché? Io sono una non vedente. Naturalmente voi non potevate saperlo e l iniziativa è ottima: chissà, forse le altre persone capiranno le nostre difficoltà. Auguri! Maria Grazia P., Salerno Grazie a lei Maria Grazia per la sua simpatia: alle prime righe siamo impalliditi perché temevamo di aver fatto una gaffe. Siamo felici che abbia compreso il senso profondo della nostra proposta, siamo certi che provare sulla propria pelle cosa significa non poter contare su vista e udito sia il modo migliore per avvicinare le persone alla realtà dei nostri ospiti. Firma per 5 il mille alla Lega del Filo d Oro. Io l ho già fatto! La lezione di una bimba sulla disabilità Caro filodoro, sono Aurora, ho 9 anni, ho letto a casa di mio nonno le storie dei vostri bambini. Mi sono piaciute molto e vorrei tanto che quei bambini diventassero come me, che ci vedo e ci sento, senza le prese in giro di alcuni, grandi e piccini, che non riescono a capire cosa si prova nella loro situazione. Io capisco perché i miei famigliari me lo hanno spiegato e perché ho una zia cieca, ma molto simpatica! Salutatemi le famiglie con figli come mia zia, ciao ciao. Aurora, Roma Cara Aurora, hai proprio ragione: le persone a volte trattano con cattiveria chi è diverso, ma in realtà il problema è che non conoscono la diversità e ne hanno un po paura. Tu sei fortunata ad avere dei genitori che ti insegnano a vedere i bisogni speciali di alcune persone, cerca di spiegarlo anche tu ai tuoi amici. Un abbraccio anche alla tua simpatica zia. Sono una non vedente e quando mio marito mi ha detto della benda e dell esperienza sensoriale che proponevate siamo scoppiati a ridere. Ottima iniziativa! Il 5 per mille è un gesto semplice e gratuito, ma, soprattutto, un segno importante di solidarietà. Oltre a donare il tuo 5 per mille alla Lega del Filo d Oro, suggerisci a parenti e amici di fare lo stesso. Non ti costa nulla, ma per tante persone sordocieche significa un futuro di speranza. SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL CINQUE PER MILLE DELL IRPEF Il nostro codice fiscale

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

ANNIVERSARIO IN ARRIVO?

ANNIVERSARIO IN ARRIVO? ANNIVERSARIO IN ARRIVO? Scopri chi può aiutarti a sorprenderla! 1 CON QUESTA GUIDA SCOPRIRAI: > Perché festeggiare un anniversario di nozze > Quali sono le coppie più felici > I momenti che ricorderai

Dettagli

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 COPIA OMAGGIO 1 Noi come Voi è un associazione che accoglie tutti i giorni mol ti giovani con disabilità

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Un gesto che vive per sempre

Un gesto che vive per sempre Un gesto che vive per sempre Nel Suo testamento si ricordi delle persone sordocieche della Lega del Filo d Oro. Lega del Filo d Oro Onlus Via Montecerno, 1-60027 Osimo (AN) Tel. 071.72451 - fax 071.717102

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

UNA RETE DI SOSTEGNO PER I BAMBINI AMMALATI E PER LE LORO FAMIGLIE

UNA RETE DI SOSTEGNO PER I BAMBINI AMMALATI E PER LE LORO FAMIGLIE UNA RETE DI SOSTEGNO PER I BAMBINI AMMALATI E PER LE LORO FAMIGLIE Mi chiamo claudia e sono la mamma di due splendidi bambini, Federico ed Andrea. Federico oggi avrebbe i capelli biondi ed un simpatico

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 Buona estate!! INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO UN RIGRAZIAMENTO PER LE DONAZIONI RICEVUTE ALISOLIDALI AUGURA A TUTTI UNA BUONA ESTATE

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

Corri con la tua Azienda la maratona della solidarietà con la Lilt!

Corri con la tua Azienda la maratona della solidarietà con la Lilt! Domenica 12 aprile 2015 Corri, dona, vinci Corri con LILT la Milano Marathon Trasforma una passione in una Missione Solidale Corri con la tua Azienda la maratona della solidarietà con la Lilt! Il 12 aprile

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 IN GIRO PER ACQUISTI Signora Rossi: Voglio vedere una camicia per mio figlio. Commessa : Di che colore? Signora Rossi: Non so.. Commessa : Le consiglio il colore rosa. Se Suo figlio segue la moda, gli

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

CARLOS E SARA VANNO A BASKET

CARLOS E SARA VANNO A BASKET CARLOS E SARA VANNO A BASKET Io comincio subito a fare i compiti perché storia, per me, è un po difficile Ciao Fatima, dove vai? Vado a casa a studiare. E tu? Io e Carlos andiamo a giocare a basket. Lui

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Questa non è una lezione

Questa non è una lezione Questa non è una lezione Sono appunti, idee su Internet tra rischi e opportunità. Che vuol dire non dobbiamo stare a guardare? È il Web 2.0... i cui attori siete voi Chi vi ha insegnato ad attraversare

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

n questo documento troverete le domande che spesso ci vengono poste, relative al servizio fotografico di un matrimonio.

n questo documento troverete le domande che spesso ci vengono poste, relative al servizio fotografico di un matrimonio. Cari Sposi, n questo documento troverete le domande che spesso ci vengono poste, relative al servizio fotografico di un matrimonio. E importante che le leggiate perché vi daranno alcune informazioni molto

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

unità 9: la casa lezione 17: Comprare casa 1. Leggi e abbina gli annunci a 2 delle foto sopra.

unità 9: la casa lezione 17: Comprare casa 1. Leggi e abbina gli annunci a 2 delle foto sopra. 3 unità 9: la casa lezione 17: Comprare casa 1. Leggi e abbina gli annunci a 2 delle foto sopra. Casa indipendente nel verde Bellissimo appartamento in Borgo dei Mulini Stupenda casa in campagna a 10 chilometri

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Testimonianze dei Pazienti

Testimonianze dei Pazienti Testimonianze dei Pazienti Ho scritto una lettera Al mio donatore Per dire grazie a lui E a quanti nel mondo Si rendono disponibili A donare il midollo Per salvare la vita Di un fratello Che non conoscono

Dettagli

Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta

Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta IL GUSTO DI CRESCERE INSIEME NELLA GIOIA. Per l anno educativo 2014/15 proponiamo ai bambini un viaggio nel mondo dell alimentazione: partendo dalla

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

www.progetto-vita.eu

www.progetto-vita.eu www.progetto-vita.eu Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa. Vigor

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ.

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ. Μάθημα: ΙΣΑΛΙΚΑ ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012 Ημεπομηνία και ώπα εξέτασηρ : Δεςτέπα, 21 Μαϊος 2012 11:00π.μ. 14:15π.μ. ΣΟ

Dettagli

LETTERA AI MIEI FIGLI...

LETTERA AI MIEI FIGLI... 26 aprile 2012 LETTERA AI MIEI FIGLI... Cari bambini Greta e Tommaso, in futuro spero di avervi come figli. Ho molti desideri per voi, uno di questi è che completiate gli studi fino all Università e che

Dettagli

www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista Marina Osnaghi Business Coaching: Leadership & Obiettivi

www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista Marina Osnaghi Business Coaching: Leadership & Obiettivi www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista Marina Osnaghi Business Coaching: Leadership & Obiettivi Ciao a tutti e benvenuti in Business Tribe, il blog che tratta argomenti di business per aumentare

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Abbiamo cercato di costruire una rete significativa di riferimenti con il mondo al quale la nostra scuola appartiene.

Abbiamo cercato di costruire una rete significativa di riferimenti con il mondo al quale la nostra scuola appartiene. Tracce d opera Esserci insieme Scuola d Infanzia comunale Marc Chagall di Via Cecchi, 2 in collaborazione con la Redazione del Centro Multimediale di Documentazione Pedagogica della Città di Torino Introduzione

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI

GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI http://www.creatoridibusiness.net Ciao e grazie per aver scaricato questo

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e l idea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero

delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e l idea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero DIVENTARE GRANDI: LA CONQUISTA DELL AUTONOMIA Anna Contardi annacontardi@aipd.it Associazione Italiana Persone Down Viale delle Milizie 106-00192- Roma - Italy In Italia 1 bambino ogni 1200 nasce con la

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli