PREVENZIONE DEL TABAGISMO NOTE PER I DOCENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVENZIONE DEL TABAGISMO NOTE PER I DOCENTI"

Transcript

1 PREVENZIONE DEL TABAGISMO NOTE PER I DOCENTI Tabacco: pianta della famiglia delle solanacee, comprendente specie commestibili (patate, pomodori, peperoni, melanzane), specie medicinali (stramonio, belladonna) e specie ornamentali (petunia). Cresce in climi tropicali o caldo temperati, è originaria dell America Centro-Meridionale. Storia: arriva in Europa a fine 500, precisamente nel 1495 d.c., con la seconda spedizione di Cristoforo Colombo: al suo ritorno, il frate Romano Pane descrive l usanza rituale dei capi religiosi indios di fumare lunghe pipe contenenti le foglie secche della pianta. La sigaretta viene inventata dai Turchi alla metà dell 800, quando durante la prima guerra contro l Egitto utilizzano le cartucce dei fucili per riempirle di polvere di tabacco pressata avvolta in una cartina. La produzione industriale di sigarette è di fine 800, con la fabbricazione a macchina. Fisica: Il fumo di sigaretta è una miscela gassosa, contenente microscopici corpuscoli in sospensione, di diametro 2,5 micron (PM 2,5 = particolato specifico per il fumo). Le polveri totali sospese misurabili nell atmosfera delle nostre città (inquinamento da traffico veicolare) vengono distinte in classi dimensionali corrispondenti alla capacità di penetrazione nelle vie respiratorie: le polveri sottili PM10 hanno diametro minore di 10 micron e sono dette inalabili, in quanto in grado di penetrare nel tratto superiore dell apparato respiratorio (dal naso alla laringe); le polveri PM 2,5 hanno diametro inferiore a 2,5 micron e vengono definite respirabili, in quanto capaci di penetrare nel tratto inferiore dell apparato respiratorio, fino agli alveoli. L intensità degli effetti nocivi è inversamente proporzionale alle dimensioni delle particelle: la correlazione tra la presenza di polveri fini e le patologie dell apparato respiratorio e cardiovascolare è stata confermata da più di uno studio. Nel Decreto Ministeriale n.60 del 2/4/2002 il valore limite per il materiale particolato PM10 è stato fissato a 50 microgrammi/mc.(soglia massima consentita, da non superare più di 35 volte per anno civile). Al fine di esemplificare l impatto del fumo di sigaretta sull aria respirata, si riportano alcuni dati quantitativi riguardanti il livello di polveri sottili rilevato in differenti misurazioni ambientali eseguite a Milano. In una piazza a traffico intenso si registra un valore di PM10 pari a 147 mcg/mc; 151 mcg/mc all interno di abitazioni prospicienti arterie ad elevata circolazione; 559 mcg/mc in una stanza in cui si è fumata una sigaretta, mcg/mc in locale pubblico in cui sia consentito fumare, mcg/mc nell abitacolo di un autovettura dopo una sola sigaretta fumata. L inquinamento da emissioni autoveicolari, industriali e da riscaldamento urbano,sommate, risulta pertanto di 1

2 un ordine di grandezza quasi 100 volte minore rispetto all inquinamento da fumo passivo. In Italia si stimano in 3.500/anno le morti causate da concentrazioni di PM10>30 mcg/mc nelle 8 maggiori città italiane (dati 1998); il traffico pesante (autocarri motori diesel) è il maggior responsabile dell aumento di incidenza di asma e bronchite nei bambini esposti. Il particolato ultrafine del fumo di tabacco (PM 2,5) penetra più profondamente nell albero respiratorio, veicolando sostanze nocive rapidamente assorbibili. In Italia si stimano in /anno le morti evitabili causate dal tabagismo. Chimica : Analisi delle sostanze contenute in una sigaretta e loro meccanismo d azione. Una sigaretta contiene più di 4000 sostanze chimiche diverse in miscela, di cui più di 50 riconosciute cancerogene. Alcune si trovano allo stato gassoso, altre come microscopici corpuscoli in sospensione, costituenti il particolato ultrafine. Tra le prime troviamo: il monossido di carbonio (CO), l acido idrocianidrico, l acroleina,la formaldeide, l ammoniaca (NH4+ = ione ammonio), la nitrosamina; tra le seconde troviamo: la nicotina, gli idrocarburi aromatici policiclici, il catrame, il 3-4 benzopirene. Agiscono provocando danni all organismo con tre modalità differenti: 1) azione irritante: propria di acroleina, formaldeide, ammoniaca. Effetto acuto sulle vie respiratorie, di tipo infiammatorio : si manifesta con tosse ed espettorato. Per esposizione ripetuta le sostanze gassose provocano riduzione di motilità delle ciglia vibratili sino alla loro distruzione, riduzione dei macrofagi alveolari e dei globuli bianchi con effetto immunosoppressore: ne deriva una maggiore suscettibilità alle infezioni. Lo stato di infiammazione continua dei bronchi (bronchite cronica) comporta una riduzione della capacità respiratoria, che può condurre all enfisema polmonare, irreversibile. 2) azione tossica: - immediata: propria del monossido di carbonio, rilevabile nel respiro, e dell acido idrocianidrico (cianuri). Il monossido di carbonio interferisce con gli scambi gassosi a livello alveolare, avendo maggior affinità per l emoglobina rispetto all ossigeno, si lega ad essa con formazione di carbossiemoglobina, causa di tossicità sistemica (v. esalazioni da scaldabagni a gas difettosi). La ridotta ossigenazione del sangue, insieme alla riduzione della capacità respiratoria, è alla base del calo nella performance sportiva, uno dei primi effetti del fumo di tabacco. - ritardata: dovuta alla nicotina, per effetto cumulativo, da esposizione al fumo di tabacco prolungata nel tempo. La nicotina aumenta la frequenza cardiaca ed essendo dotata di proprietà vasocostrittrici, anche la pressione arteriosa: valori pressori pur modestamente elevati sono causa di danno vascolare precoce; alle lesioni dell endotelio vascolare si associano aumenti del livello di fibrinogeno e dell aggregabilità piastrinica, pure dovuti alla nicotina, che favoriscono la progressione dell aterosclerosi, elevando il rischio di trombosi. 2

3 Le manifestazioni compaiono in età media (40-50 anni), per insorgenza di fenomeni trombotici all interno dei vasi, a livello periferico (tromboangioite obliterante degli arti inferiori), a livello cardiaco (insufficienza coronarica, infarto), a livello cerebrale (TIA, ictus). La nicotina inoltre determina un aumento di secrezioni e motilità del tratto gastroenterico per stimolazione vagale diretta: può favorire la comparsa di gastrite e ulcera gastroduodenale. 3) azione cancerogena: effetto tardivo, dopo anni di esposizione, con manifestazioni a comparsa in età più avanzata (50-60 anni). Ne sono responsabili sostanze quali la nitrosamina, gli idrocarburi aromatici policiclici, il catrame e il benzopirene, in grado di indurre mutazioni del DNA contenuto nel nucleo cellulare. I tumori correlati al fumo sono l 85% dei tumori polmonari (carcinoma broncogeno) e il 35% di quelli extrapolmonari, comprendenti carcinomi del cavo orale, della faringe, dell esofago, della laringe, della vescica. Dipendenza: la nicotina viene assorbita dalla mucosa del cavo orale ed invece degradata dai succhi gastrici. L assorbimento sistemico è di 1 mg. per sigaretta; nelle urine viene dosato il suo metabolita, la cotinina. A livello cerebrale stimola recettori specifici di nuclei paleoencefalici (nucleus accumbens, locus coeruleus), determinando una attivazione dopaminergica, che crea dipendenza psichica: gli effetti che ne risultano - euforia e rilassamento - funzionali a contenere l ansia e migliorare il tono dell umore, sono quelli che mantengono l abitudine al fumo di tabacco ( piacevole ). Occorrono 2 anni per ridurre l affinità dei recettori cerebrali per la nicotina: il tabagismo è infatti considerato tra le malattie psichiatriche da dipendenza. Epidemiologia: il tabagismo è la principale causa prevenibile di morte nei paesi sviluppati. La prevalenza totale di fumatori nel mondo è del 29%. Le malattie con rapporto causale o concausale dimostrato con il tabacco sono: - tumori - broncopneumopatie croniche ostruttive (bronchite cronica, asma,enfisema) - malattie vascolari (infarto, trombosi cerebrale, arteriopatia periferica) Complessivamente 1 morte su 5 è attribuibile al fumo di tabacco: morti / anno in Italia, morti / giorno nel mondo. Il primo apparato ad essere interessato dal fumo è l apparato respiratorio, con effetto immediato: il fumo è causa dell 85% delle bronchiti croniche. In età media compaiono i danni all apparato vascolare: il fumo è causa del 30-40% delle patologie coronariche e cardiovascolari. In età più avanzata si sviluppano i tumori: il fumo è causa dell 85% dei tumori polmonari, del 75% di quelli del cavo orale, della faringe, della laringe, dell esofago, del 35% dei tumori della vescica, della mammella, della prostata. La riduzione nell aspettativa di vita è di 7,5 anni per i fumatori, di 10 anni per i forti fumatori. Il tasso di cessazione spontanea è basso (2-5%): solo per cessazione prima dei 45 anni, si ha un effetto positivo sull aspettativa di vita. Il rischio di tumore si riduce del 30-50% dopo 10 anni di cessazione. 3

4 Incidenza e prevalenza: I fumatori in Italia sono 10 milioni e 925 mila, pari al 21,7% della popolazione di 14 anni e più. Sono il 27,5% dei maschi e il 16,3% delle femmine (dati Istat 2005). nella popolazione italiana la fascia di età a maggiore prevalenza di fumatori è quella compresa trai 20 e i 54 anni, con valori del 29-30% sul totale dei soggetti di pari età Gli adolescenti e i giovani iniziano a fumare più precocemente di cinque anni fa; il 7,8% dei giovani di anni ha iniziato a fumare prima dei 14 anni. Rispetto al la quota di quanti iniziano a fumare prima dei 14 anni aumenta solo per i maschi (+60%). Per entrambi i sessi, sale invece la quota di giovani di anni che riferisce di avere iniziato a fumare tra i 14 e i 17 anni, passando dal 57,8% nel al 65,6% con un incremento del 13,5%. In Italia il 21,6% della popolazione di 14 anni e più è ex fumatore, il 29,2% degli uomini e il 14,5% delle donne. La strada principale per smettere di fumare è l autodeterminazione: ben il 93,8% degli ex-fumatori riferisce di avere smesso da solo. Oltre il 50% degli exfumatori ha smesso di fumare da oltre 10 anni e il 18,8% da 2-5 anni. Si smette intorno ai 40 anni; la decisione di smettere di fumare matura mediamente dopo 22 anni di abitudine. Si riduce la quota di donne che fuma in gravidanza dal 9,2% al 6,5%. Abitudini tabagiche dei giovani lombardi: nell anno scolastico 2005/2006 Regione Lombardia in collaborazione con ASL e scuole lombarde ha effettuato uno studio di sorveglianza sulle abitudini tabagiche dei giovani lombardi che ha interessato circa studenti di tre fasce di età (13, 15 e 18 anni) frequentanti rispettivamente la classe 3 della scuola secondaria di primo grado, la classe 2 e 5 della scuola secondaria di secondo grado. I risultati hanno evidenziato che nella classe 3 della scuola secondaria di primo grado la prevalenza di fumatori abituali (almeno 1 sigaretta alla settimana) è risultata del 6,6% per i maschi e del 5,4% per le femmine (M+F = 6%). Il numero medio di sigarette fumate alla settimana è di 9 sigarette ed il 43% dei ragazzi fumatori fuma ogni giorno. Nella classe 2 della scuola secondaria di secondo grado la prevalenza di fumatori aumenta considerevolmente, raggiungendo il 26,5% (26,9% M e 26,3% F) con una media di 8 sigarette fumate ogni giorno. L 80% di questi giovani fumatori fuma tutti i giorni. In 5 la prevalenza aumenta ulteriormente fino al 33,2% (33,9% M e 32,7% F). Il numero medio di sigarette fumate ogni giorno è sovrapponibile a quello degli studenti di seconda e l 84,4% dei fumatori asserisce di fumare tutti i giorni. Fumo passivo: si calcola che l effetto sulla salute sia pari a 1/3 di quello dovuto al fumo attivo. Le concentrazioni di CO e cancerogeni sono maggiori nel fumo passivo: l esposizione aumenta il rischio di ammalarsi di tumore e malattie cardiovascolari del 25% circa. Nei bambini esposti si registra un aumento delle infezioni delle vie respiratorie (laringiti,tracheiti,bronchiti) del 35%, delle infezioni dell orecchio medio (otiti) del 48%, delle crisi asmatiche del 21%. La misurazione del PM10 in ambiente chiuso in cui sono state fumate 2 sigarette dà valori 10 volte superiori alla soglia di allarme di 50 mcg/mc (inquinamento indoor). 4

5 Fumo e apparato riproduttivo: il tabagismo diminuisce la fertilità nel maschio per azione tossica diretta sugli spermatozoi e determina un calo della potenza sessuale legato al danno vascolare cronico. Nella donna gravida aumenta il rischio di aborto, ritarda l accrescimento del feto e il suo sviluppo cerebrale e polmonare, aumenta la mortalità neonatale e la nascita di neonati sottopeso. Anticipa l età del climaterio. Fumo e cavo orale: il tabagismo è causa di gengiviti del cavo orale, per diminuzione delle difese immunitarie nei confronti della placca batterica: queste, se persistono nel tempo, determinano perdita di supporto osseo e di attacco parodontale, con caduta prematura di elementi dentari (piorrea). Esiste una relazione dose dipendente tra fumo e prevalenza e gravità delle infezioni parodontali. Anche la terapia è destinata ad avere minor successo, nel paziente tabagico. La guarigione delle ferite dopo chirurgia orale (estrazioni) è più lenta, il rischio di sanguinamento maggiore, la percentuale di fallimento della terapia implantare (successo iniziale e a lungo termine di un impianto dentale) è raddoppiata. Il fumo inoltre esercita un effetto cancerogeno diretto sulle cellule epiteliali della mucosa orale: è il maggior fattore di rischio per il carcinoma a cellule squamose e per le precancerosi del cavo orale (leucoplachie), 6 volte più frequenti nei fumatori. Altera la sensibilità del gusto e dell olfatto, riducendole, e provoca alitosi. Fumo ed estetica: Il catrame contenuto nelle sigarette ingiallisce lo smalto dei denti, così come i polpastrelli delle dita. L ipossia tissutale periferica, causata dall azione tossica del monossido di carbonio, si manifesta invece, a seguito di esposizione al fumo prolungata con la precoce comparsa di rughe e con un aspetto particolare delle unghie a vetrino di orologio. Il normale processo di invecchiamento della pelle viene pertanto accelerato dal fumo di tabacco. Fumo e apparato scheletrico: il tabagismo è noto fattore di rischio per osteoporosi, termine con il quale si intende una riduzione di densità minerale del tessuto osseo, che conserva normale struttura. Nei fumatori si verifica una più rapida perdita di massa ossea, che risulta ridotta del 5-10% rispetto ai non fumatori, in particolare a livello delle anche. Gli effetti maggiori interessano gli uomini anziani e sono dose dipendenti. Si stima che il fumo aumenti il rischio di fratture vertebrali del 13% nelle donne e del 32% nell uomo, di fratture dell anca del 32% nelle donne e del 40% nell uomo. La cessazione influisce positivamente sulla densità dell osso, abbattendo parzialmente il rischio di fratture. Pare che l azione del fumo sull osso possa ricondursi ad alterata produzione ormonale: nelle fumatrici è infatti dimostrato un rischio maggiore di patologie legate alla deficienza di estrogeni, così come di ipertiroidismo. E peraltro noto l effetto anabolizzante sull osso del testosterone (stimola la sintesi di nuova matrice organica da parte degli osteoblasti) e l effetto inibitorio degli estrogeni sull attività osteoclastica di riassorbimento osseo; gli ormoni tiroidei da parte loro agiscono sull osso aumentando la velocità di riassorbimento, con contemporanea riduzione del calcio disponibile per diminuito assorbimento intestinale. Peraltro è probabile che la tossicità vascolare sistemica da nicotina determini una riduzione locale di flusso anche a livello dell osso, con diminuito rifornimento di ossigeno e 5

6 substrati esogeni (glucosio, aminoacidi, calcio, fosforo) necessari per la deposizione di nuovo tessuto. Anche i dischi intervertebrali non ricevono nutrimento sufficiente, degenerano e diventano lentamente più sottili. Fumo e apparato visivo: L infiammazione della congiuntiva è la manifestazione più frequente di irritazione oculare da fumo di tabacco. Per effetto tossico diretto la nicotina è fattore di rischio di tromboembolia vascolare anche a livello retinico. Il tabagismo inoltre raddoppia il rischio di sviluppare cataratta nonchè di incorrere nella degenerazione maculare senile della retina, principale causa di cecità negli anziani (sopra i 60 anni provoca offuscamento della visione centrale, con perdita della capacità di mettere a fuoco le immagini). Il fumo in gravidanza raddoppia il rischio di strabismo nel bambino; in caso di ipertiroidismo aumenta di 8 volte il rischio di oftalmopatia (esoftalmo). Ringraziamenti Si ringrazia la dr.ssa Chiara Astolfi del Servizio Medicina Preventiva di Comunità dell ASL Città di Milano per il contributo offerto nella redazione di questa nota. 6

7 Elenco indirizzi di rete contenenti materiale didattico di prevenzione tabagismo 1. vi si trova un videogioco dal titolo Oranges and Lemons proponibile ad alunni di V classe della scuola primaria o I classe della Secondaria di I grado. 2. vi si trova un videoclip prodotto da Le jene sui valori di PM10 in differenti situazioni (ambienti chiusi-auto-traffico-fumo), proponibile ad alunni della scuola Secondaria di I e II grado. 3. E possibile richiedere gratuitamente all Istituto Superiore di Sanità Osservatorio Fumo, Alcool e Droga da parte dei docenti delle scuole Secondarie di II grado il kit Venditori di fumo *, percorso multimediale interattivo contenente la riproduzione del film Insider : dietro la verità, con relativa guida didattica, e un CD Web in fumo, con indirizzi di rete utili. La visione del film è consigliata ad alunni di IV -V della scuola Secondaria di II grado. *Kit Fumo: "Venditori di fumo" Venditori di fumo - percorso multimediale interattivo Manuale per l attuazione del lavoro di ricerca nel suo complesso, con l indicazione di un percorso flessibile e personalizzabile da parte di ogni insegnante. Il film Insider Film del E la prima aperta denuncia all industria del tabacco e alla connivenza del mondo dell informazione. Nel progetto Venditori di fumo il film vuole essere l elemento che stimola la discussione e introduce gli alunni al complesso tema del tabagismo. Insider - dietro la verità Guida didattica alla visione del film, ne integra i contenuti e ne facilita la comprensione con una serie di documenti; suggerisce inoltre un percorso ben articolato per una discussione ampia sui temi affrontati nella pellicola. CD Web in fumo Supporto informatico che contiene: o il manuale Venditori di fumo ; o la guida didattica Insider: dietro la verità ; o il materiale per le ricerche riversato dai siti internet consigliati nel manuale. Il CD consente di avere accesso a quanto contenuto nei siti anche a chi non potesse collegarsi ad internet e di duplicare e stampare tutti i materiali nelle copie necessarie per effettuare le varie ricerche. Gli indirizzi dei siti riportati nel menu consentono, a chi è collegato, di entrare direttamente in rete, mentre le voci sottostanti danno la possibilità di accedere al contenuto del CD. Osservatorio Fumo, Alcol e Droga Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena, Roma (I) Telefono: Fax:

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte Le malattie fumo correlate Dott. Paolo Monte Fumo come fattore di rischio di malattia Il fumo costituisce il principale fattore di rischio evitabile per le principali malattie causa di mortalità ed invalidità

Dettagli

E D U C A Z I O N E A L L A S A L U T E TA B A G I S M O

E D U C A Z I O N E A L L A S A L U T E TA B A G I S M O E D U C A Z I O N E A L L A S A L U T E TA B A G I S M O 1 MORTI PER FUMO IN ITALIA 90.000 MORTI ALL ANNO 40% PER TUMORE 30% PER ENFISEMA 30% PER MALATTIE CARDIOVASCOLARI LA VITA DEL FUMATORE SI ACCORCIA

Dettagli

CERVELLO. Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento.

CERVELLO. Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento. Gruppo 2 M. f. g. CERVELLO Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento. Nervo ottico Diminuzione della vista e della sensibilità ai colori GOLA Cancro della laringe e della faringe

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

EFFETTI DEL TABAGISMO SULLA SALUTE Malattie e danni provocati

EFFETTI DEL TABAGISMO SULLA SALUTE Malattie e danni provocati EFFETTI DEL TABAGISMO SULLA SALUTE Malattie e danni provocati Cancro Ictus Bronchite Malattie provocate Danni provocati All apparato respiratorio All apparato cardiovascolare All apparato digerente All

Dettagli

Progetto pilota Prevenzione giovanile al tabagismo

Progetto pilota Prevenzione giovanile al tabagismo Progetto pilota Prevenzione giovanile al tabagismo Giorgio Merlani Ufficio del medico cantonale Servizio promozione e valutazione sanitaria & Fondazione idée:sport Principali sostanze contenute nel fumo

Dettagli

Fumo di tabacco al microscopio

Fumo di tabacco al microscopio Fumo di tabacco al microscopio Fumo di tabacco: dati di fatto Il fumo di una sigaretta contiene più di 7 000 sostanze chimiche. Centinaia di queste sono tossiche e almeno 70 direttamente cancerogene. La

Dettagli

RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE

RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE VINCENZO SCOLA MMG CENTRO DI MEDICINA GENERALE DANIELE GIRALDI BOVOLONE (VR) DANNI

Dettagli

PERCHE SMETTERE DI FUMARE E SALVACUORE

PERCHE SMETTERE DI FUMARE E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE SMETTERE DI FUMARE E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

NON FUMARE IN GRAVIDANZA E DAVANTI AL BAMBINO Elisabetta Caielli, Dipartimento di Prevenzione

NON FUMARE IN GRAVIDANZA E DAVANTI AL BAMBINO Elisabetta Caielli, Dipartimento di Prevenzione PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA Programma Regionale GenitoriPiù quali novità? NON FUMARE IN GRAVIDANZA E DAVANTI AL BAMBINO Elisabetta Caielli, Dipartimento di Prevenzione REGIONE VENETO -

Dettagli

Fumo e benessere riproduttivo

Fumo e benessere riproduttivo Fumo e benessere riproduttivo Cosa c è in una sigaretta? Più di 4000 sostanze tossiche sono contenute nel fumo di tabacco. - Nicotina: crea dipendenza - Monossido di carbonio: ostacola l'azione dei muscoli

Dettagli

www.coolandclean.ch Circuito del tabacco Schede informative

www.coolandclean.ch Circuito del tabacco Schede informative www.coolandclean.ch Circuito del tabacco Schede informative Foto: UFSPO / Ulrich Känzig 1 Il tabacco è tossico corretta Il tabacco contiene nicotina, una sostanza presente soprattutto nella pianta di tabacco

Dettagli

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015 ESERCITAZIONE CdL Fisioterapia e Podologia 25 novembre 2015 Epidemiologia Domanda 1 Le neoplasie gastriche sono: a. diminuite in tutta Europa b. diminuite fino agli anni 80, poi stabili c. aumentate in

Dettagli

Il fumo è il prodotto della combustione del tabacco e della carta che costituiscono la sigaretta. Il fumo contiene circa 4.000 sostanze nocive:

Il fumo è il prodotto della combustione del tabacco e della carta che costituiscono la sigaretta. Il fumo contiene circa 4.000 sostanze nocive: Piano Regionale della Prevenzione 2010-2012 Pagina 1 Il fumo è il prodotto della combustione del tabacco e della carta che costituiscono la sigaretta. Il fumo contiene circa 4.000 sostanze nocive: nicotina,

Dettagli

Asl8_AW_Fumo:Layout 1 10/07/12 18.44 Pagina 1

Asl8_AW_Fumo:Layout 1 10/07/12 18.44 Pagina 1 Asl8_AW_Fumo:Layout 1 10/07/12 18.44 Pagina 1 Asl8_AW_Fumo:Layout 1 10/07/12 18.44 Pagina 2 2 non è facile, ma è possibile La maggior parte dei fumatori ci riesce soltanto dopo alcuni tentativi. Tu puoi

Dettagli

Ciao! Parliamo di fumo?

Ciao! Parliamo di fumo? Ciao! Parliamo di fumo? www.cedostar.it DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Cosa c è in una sigaretta? Il fumo di tabacco è un aerosol micidiale di sostanze nocive. Contiene oltre 4000 sostanze: idrocarburi

Dettagli

TUMORE VESCICALE & FATTORI DI RISCHIO AMBIENTALE

TUMORE VESCICALE & FATTORI DI RISCHIO AMBIENTALE FONDAZIONE GRUPPO STUDIO TUMORI UROLOGICI TUMORE VESCICALE & FATTORI DI RISCHIO AMBIENTALE Giornata informativa del paziente EPIDEMIOLOGIA Maschi Incidenza in Italia 57.5/100.000 ab/anno Mortalità 4193/anno

Dettagli

inquinamento salute ambiente Di cosa parliamo quando parliamo di

inquinamento salute ambiente Di cosa parliamo quando parliamo di Di cosa parliamo quando parliamo di inquinamento salute ambiente A cura di Andrea Colombo, Coordinatore Commissione Ambiente e Mobilità del Quartiere San Vitale Di cosa parliamo quando parliamo di inquinamento

Dettagli

Università degli studi di Roma La Sapienza. Tabagismo e Patologie del Cavo Orale

Università degli studi di Roma La Sapienza. Tabagismo e Patologie del Cavo Orale Università degli studi di Roma La Sapienza Tabagismo e Patologie del Cavo Orale Tabagismo Termine con cui si indica l abitudine a fumare tabacco e la forma di intossicazione cronica derivante da tale pratica.

Dettagli

I dati di fatto più importanti sul fumo

I dati di fatto più importanti sul fumo I dati di fatto più importanti sul fumo sul fumo passivo sull industria del tabacco I dati di fatto più importanti sul fumo lucido 2 Quante persone fumano? Nel 2008 fumava occasionalmente o ogni giorno

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

Sezione Provinciale di Biella - Onlus. Attaccati. allavita, staccati. dalla sigaretta.

Sezione Provinciale di Biella - Onlus. Attaccati. allavita, staccati. dalla sigaretta. Sezione Provinciale di Biella - Onlus Attaccati allavita, staccati dalla sigaretta. E-book informativo a cura di LILT Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Biella - Onlus Fonte:

Dettagli

Il fumo di sigaretta e la patologia polmonare: l esperienza del centro anti-tabagismo tabagismo dell ASL 4 Chiavarese

Il fumo di sigaretta e la patologia polmonare: l esperienza del centro anti-tabagismo tabagismo dell ASL 4 Chiavarese Il fumo di sigaretta e la patologia polmonare: l esperienza del centro anti-tabagismo tabagismo dell ASL 4 Chiavarese Carlo Campodonico S.C. Pneumologia ASL 4 Dimensione del problema fumo 1 miliardo e

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE Monitoraggio degli effetti dell inquinamento atmosferico sui bambini a supporto delle politiche di sanità pubblica Monitoring Air Pollution Effects on Children for supporting

Dettagli

Funzioni dell apparato respiratorio

Funzioni dell apparato respiratorio Funzioni dell apparato respiratorio -Scambi di O2 e CO2 -Regolazione ph -Protezione da patogeni inalati -Vocalizzazione respirazione Ventilazione Scambi gassosi polmonari Trasporto dei gas respiratori

Dettagli

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA ANZIANI E TUMORI L invecchiamento è un fattore determinante nello sviluppo del cancro. Con l avanzare dell età, infatti, viene meno la capacità di riparazione cellulare dell organismo. Nell anziano (over

Dettagli

Fumo non ridurre la vita. in cenere. la lotta al cancro non ha colore. insieme. contro il cancro

Fumo non ridurre la vita. in cenere. la lotta al cancro non ha colore. insieme. contro il cancro la lotta al cancro non ha colore la lotta al cancro non ha colore Fumo non ridurre la vita in cenere insieme contro il cancro Perché questo opuscolo? Il consumo di sigarette nel mondo è raddoppiato dagli

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

Il fumo di tabacco: un costo individuale e di tutta la collettività Dott. Gaetano Bianchi Il 10 Gennaio 2005 rappresenta la data fatidica dalla quale non si può più fumare nei ristoranti, bar, caffè, luoghi

Dettagli

GIACOMO GRANATIERO. La mappa segreta per smettere di fumare

GIACOMO GRANATIERO. La mappa segreta per smettere di fumare GIACOMO GRANATIERO La mappa segreta per smettere di fumare www.miniebook.it Il portale degli e-book informativi più economici del web Scopri tutti gli indizi che ti permetteranno di arrivare al tesoro

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

Legge sui prodotti del tabacco Scheda informativa sui prodotti del tabacco. Nicotina. Sguardo puntato sulla dipendenza

Legge sui prodotti del tabacco Scheda informativa sui prodotti del tabacco. Nicotina. Sguardo puntato sulla dipendenza Arbeitsgemeinschaft Tabakprävention Schweiz Association suisse pour la prévention du tabagisme Associazione svizzera per la prevenzione del tabagismo Haslerstr. 30, 3008 Bern Tel 031 599 10 20, Fax 031

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

Guida al benessere IL FUMO

Guida al benessere IL FUMO Guida al benessere IL FUMO Introduzione "Abbi chiaro in mente che non stai rinunciando a nulla. Non vi è alcun vero piacere o sostegno nel fumare. È solo un'illusione, come se si picchiasse la testa contro

Dettagli

Cause di malattia Genetiche:

Cause di malattia Genetiche: omeostasi Cause di malattia Genetiche: relativamente poche e derivano da alterazioni a carico di uno o più geni. Esempio: sindrome di Down (dovuta a trisomia del cromosoma 21); sindrome di Turner (dovuta

Dettagli

Le iniziative e il Centro antifumo

Le iniziative e il Centro antifumo SEZIONE PROVINCIALE DI PARMA Conferenza Stampa 31 maggio 2008 Giornata mondiale senza tabacco Le iniziative e il Centro antifumo mercoledì 28 maggio 2008 - ore 11 sala riunioni AUSL di Parma Alla Conferenza

Dettagli

Qualche spunto per parlare di fumo, sigarette,

Qualche spunto per parlare di fumo, sigarette, Have you got a light? Qualche spunto per parlare di fumo, sigarette, nicotina,salute.. La lunga storia del tabacco Prevalenza dei fumatori secondo le indagini DOXA condotte tra il 1957 ed il 2005 70,0

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

Fattori di rischio del carcinoma orale

Fattori di rischio del carcinoma orale Fattori di rischio del carcinoma orale Elisabetta MERIGO AMBULATORIO DI PATOLOGIA E CHIRURGIA ORALE LASER UNIVERSITA DI PARMA 1 mercoledì 12 febbraio 14 Fattore di rischio mercoledì 12 febbraio 14 Agente

Dettagli

NON fumare. è la scelta migliore che puoi fare

NON fumare. è la scelta migliore che puoi fare Il programma GUADAGNARE SALUTE, promosso dal Ministero della Salute e dall Istituto Superiore di Sanità, con le Regioni e gli Enti locali, si propone di contrastare i 4 rischi fondamentali per la salute,

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli

MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Principale causa di morte Responsabili di morbosità e invalidità permanente

MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Principale causa di morte Responsabili di morbosità e invalidità permanente MALATTIE CARDIOVASCOLARI Principale causa di morte Responsabili di morbosità e invalidità permanente Forme principali -cardiopatia ischemica -ipertensione arteriosa -malattie circolatorie dell encefalo

Dettagli

dal materiale liberiamolaria Regione Emilia Romagna

dal materiale liberiamolaria Regione Emilia Romagna dal materiale liberiamolaria Regione Emilia Romagna L aria che respiriamo L aria che respiriamo è costituita per il 78.9% da azoto (N 2 ) per il 20,9% da ossigeno (O 2 ) e per lo 0,2% da anidride carbonica

Dettagli

Fumo di tabacco. Tutto quello che devi sapere per proteggere la tua salute. Fonte: IARC

Fumo di tabacco. Tutto quello che devi sapere per proteggere la tua salute. Fonte: IARC Fumo di tabacco Tutto quello che devi sapere per proteggere la tua salute. Fonte: IARC LILT Sezione Provinciale di Biella Via Belletti Bona 20, 13900 Biella Tel. 015 8352111 - info@liltbiella.it www.liltbiella.it

Dettagli

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015 CLASSIFICAZIONE E CARATTERISTICHE DEI RIFIUTI A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 Guida alla classificazione dei rifiuti Se un rifiuto è classificato con codice CER pericoloso assoluto, esso è pericoloso senza

Dettagli

Libretto informativo sui rischi legati all uso del tabacco e sui vantaggi di una vita libera dal fumo.

Libretto informativo sui rischi legati all uso del tabacco e sui vantaggi di una vita libera dal fumo. Libretto informativo sui rischi legati all uso del tabacco e sui vantaggi di una vita libera dal fumo. Introduzione 2 Il fumo di tabacco è attualmente la principale causa di morbosità e mortalità prevenibile

Dettagli

TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI PERICOLOSI

TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI PERICOLOSI TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI SI DESCRIZIONE LIMITI CE DESCRIZIONE LIMITI CE 1 Esplosivo sostanze e preparati che possono esplodere per effetto della fiamma o che sono sensibili

Dettagli

STUD'S. Risultati dell'indagine "Valutazione della conoscenza pregressa in materia di salute e sicurezza

STUD'S. Risultati dell'indagine Valutazione della conoscenza pregressa in materia di salute e sicurezza STUD'S Risultati dell'indagine "Valutazione della conoscenza pregressa in materia di salute e sicurezza Campione: studenti della scuola secondaria di I grado Villa Reatina e Marconi-Sacchetti Sassetti

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute SCHEDA I NUMERI DEL TABAGISMO Il tabacco provoca più decessi di alcol, aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme. L epidemia del tabacco è una delle più grandi

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE IMPEGNO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE DEL MINISTERO DELLA SALUTE Daniela Galeone ISS OSSFAD: ROMA 31 MAGGIO

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO 6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Gli indicatori di tipo sanitario utilizzati sono stati tratti dagli archivi organizzati e istituzionalizzati, quali i Registi di mortalità e

Dettagli

I.P. Via A. Torlonia, 15-00161 ROMA - Tel. 06 4425971 - Fax 06 4425932 www.lilt.it - E.mail: sede.centrale@lilt.it. Tumore del polmone

I.P. Via A. Torlonia, 15-00161 ROMA - Tel. 06 4425971 - Fax 06 4425932 www.lilt.it - E.mail: sede.centrale@lilt.it. Tumore del polmone I.P. Via A. Torlonia, 15-00161 ROMA - Tel. 06 4425971 - Fax 06 4425932 www.lilt.it - E.mail: sede.centrale@lilt.it Tumore del polmone TUMORE DEL POLMONE Cos è il tumore del polmone? Dopo il tumore della

Dettagli

Figura 1 Dati di incidenza del tumore al polmone. Banca dati Associazione Italiana Registri Tumori

Figura 1 Dati di incidenza del tumore al polmone. Banca dati Associazione Italiana Registri Tumori Impatto del fumo sui tumori del polmone in provincia di Sondrio In Italia la neoplasia del polmone è il terzo tumore più comune nei maschi, dopo quello della prostata e quelli non melanomatosi delle cute,

Dettagli

Dal luogo d'origine, le cellule tumorali possono migrare per la via linfatica ed ematica in altri organi dove attecchiscono e colonizzano in forma di

Dal luogo d'origine, le cellule tumorali possono migrare per la via linfatica ed ematica in altri organi dove attecchiscono e colonizzano in forma di EPIDEMIOLOGIA Il tumore del polmone rappresenta la prima causa di morte per neoplasia nei paesi industrializzati. Negli USA rappresenta la principale causa di morte nel sesso maschile ed ha ormai superato

Dettagli

Oncologia e sigaretta elettronica

Oncologia e sigaretta elettronica Oncologia e sigaretta elettronica Prof. Umberto Tirelli Direttore Dipartimento di Oncologia Medica Istituto Nazionale Tumori di Aviano Il fumo rappresenta il più grande problema sanitario di oggi e lo

Dettagli

Epidemiologia del tabagismo

Epidemiologia del tabagismo Ministero della Salute LOGO REGIONALE LOGO AZIENDALE Progetto CCM Definizione e implementazione di un sistema di monitoraggio del rispetto della normativa sul fumo in Italia : monitoraggio negli ambienti

Dettagli

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 REGIONE ABRUZZO I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 A cura di: Claudio Turchi SIESP ASL Lanciano-Vasto-Chieti Cristiana Mancini SIESP ASL Avezzano-Sulmona-L Aquila Progressi

Dettagli

PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO.

PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO. PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO. 1 L alcol è un nemico per la tua salute. (*) fonte: EPICENTRO - Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute L uso di alcol può provocare

Dettagli

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare?

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Per le persone, sappiamo che solo 1 incidente con colpo di frusta può provocare sofferenza e dolore a lungo termine. L anatomia del cane

Dettagli

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE IGIENE DENTALE E PREVENZIONE Dispensa n.3 Introduzione Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l origine di molte patologie organiche sono dovute ai rapidi cambiamenti dello stile di vita

Dettagli

Newsletter 06/2013. Patologie polmonari. non oncogene I RISCHI CORRELATI AL TABAGISMO IN AMBIENTE DI LAVORO

Newsletter 06/2013. Patologie polmonari. non oncogene I RISCHI CORRELATI AL TABAGISMO IN AMBIENTE DI LAVORO Codroipo, lì 14 giugno 2013 Prot. 8813LM Newsletter 06/2013 I RISCHI CORRELATI AL TABAGISMO IN AMBIENTE DI LAVORO Patologie polmonari non oncogene Concludiamo le informative relative agli effetti del fumo

Dettagli

LE PATOLOGIE ASSOCIATE AL FUMO. Dott.Gerardo Astorino

LE PATOLOGIE ASSOCIATE AL FUMO. Dott.Gerardo Astorino LE PATOLOGIE ASSOCIATE AL FUMO Dott.Gerardo Astorino Casalecchio, marzo 2009 PRODOTTI NOCIVI PRESENTI NEL FUMO Sono circa 4.000 le sostanze che si creano dalla combustione del tabacco alla temperatura

Dettagli

ALCOL? NO, GRAZIE IO GIOCO A CALCIO!

ALCOL? NO, GRAZIE IO GIOCO A CALCIO! ALCOL? NO, GRAZIE IO GIOCO A CALCIO! L'alcol è uno dei principali fattori di rischio per la salute. Bere è una libera scelta individuale e familiare, ma è necessario essere consapevoli che rappresenta

Dettagli

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi.

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. MENOPAUSA scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. Nel climaterio le ovaie producono meno ESTROGENI L OVAIO MODIFICAZIONI NELLA VITA RIPRODUTTIVA FEMMINILE MENOPAUSA Inizio della menopausa

Dettagli

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati Indagine effettuata per conto de l Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sintesi dei risultati

Dettagli

CORSO : TECNICHE DI DECONDIZIONAMENTO DAL FUMO

CORSO : TECNICHE DI DECONDIZIONAMENTO DAL FUMO CORSO : TECNICHE DI DECONDIZIONAMENTO DAL FUMO Dr Gerardo Astorino Casalecchio marzo 2009 Sigaretta:conosciamola Il fumo viene prodotto per combustione (830-880 C) La sigaretta contiene molte componenti

Dettagli

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAP 5 LA MORTALITA EVITABILE 5.1 LA MORTALITA EVITABILE PER TIPOLOGIA D INTERVENTO In accordo con quanto indicato dalla letteratura internazionale più recente e accreditata,

Dettagli

AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi

AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi Aggiornamenti in Medicina del Lavoro AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi Aldo Todaro U.O.C. Promozione e protezione salute lavoratori. Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Il rischio cancerogeno e mutageno

Il rischio cancerogeno e mutageno Il rischio cancerogeno e mutageno Le sostanze cancerogene Un cancerogeno è un agente capace di provocare l insorgenza del cancro o di aumentarne la frequenza in una popolazione esposta. Il cancro è caratterizzato

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome COLOMBO Nome GIOVANNI Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale Giovanni.colombo2@crs.lombardia.it telefono 029682495 TITOLI DI

Dettagli

Capitolo 10. Fumo di tabacco

Capitolo 10. Fumo di tabacco Capitolo 10. Fumo di tabacco Sommario Introduzione Il fumo di tabacco Vantaggi dello smettere di fumare I rischi da fumo passivo Considerazioni per l'abbandono del fumo Conclusioni e prospettive INTRODUZIONE

Dettagli

CANNABIS. Generazione In- Dipendente

CANNABIS. Generazione In- Dipendente CANNABIS Generazione In- Dipendente CANNABIS Introduzione CANAPA (CANNABIS SATIVA) Principi attivi: tetraidrocannabinolo (Δ 9 -THC) Altri Principi non attivi: cannabinolo, cannabidiolo Con i termini hashis

Dettagli

Crisi convulsive Sostanze psicoattive

Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI CONVULSIVE Susseguirsi di movimenti

Dettagli

Igiene orale e salute generale dell organismo

Igiene orale e salute generale dell organismo Igiene orale e salute generale dell organismo È provato, oramai, che la mancanza di igiene orale è la principale causa delle problematiche orali dell uomo. I vari livelli di infiammazione, progredendo,

Dettagli

Scuola e Sport Modello di Vita

Scuola e Sport Modello di Vita Scuola e Sport Modello di Vita Servizio per le Dipendenze Patologiche Dr. Tiziana REPETTO Aosta, 25 marzo 2015 Ma quanti sono i giovani fumatori??? Secondo le statistiche fumo redatte dalla Doxa più di

Dettagli

L APPARATO RESPIRATORIO

L APPARATO RESPIRATORIO L APPARATO RESPIRATORIO Indice - Mappa concettuale - Funzioni - Struttura - Collocazione organi e parti dell'apparato - Organi e apparati connessi - Malattie Funzioni L apparato respiratorio permette al

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2290 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Istituzione delle figure professionali di esperto in scienze delle

Dettagli

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007)

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007) 5 La "cartella clinica" del Cesenate Conoscere quali sono le principali cause di morte e le malattie a maggior impatto sociale e sanitario in una popolazione può fornire utili indicazioni per l identificazione

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Inquinamento Atmosferico e Salute Umana. Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute

Inquinamento Atmosferico e Salute Umana. Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute Inquinamento Atmosferico e Salute Umana Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute Cosa intendiamo per ambiente? Definizione restrittiva: AMBIENTE = ARIA + ACQUA

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

Analisi del fenomeno del fumo di sigarette in adolescenza ed indicazioni per la progettazione di interventi di prevenzione

Analisi del fenomeno del fumo di sigarette in adolescenza ed indicazioni per la progettazione di interventi di prevenzione 19 novembre 2008 Analisi del fenomeno del fumo di sigarette in adolescenza ed indicazioni per la progettazione di interventi di prevenzione Alessandro Coppo Roberta Molinar CPO Piemonte Per comunicazioni:

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA Le risposte fisiologiche dell immersione L acqua È importante che chi si occupa dell attività in acqua sappia che cosa essa provoca nell organismo EFFETTI DELL IMMERSIONE

Dettagli

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO APPARATO RESPIRATORIO TURBE del RESPIRO SINDROME da ANNEGAMENTO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APPARATO RESPIRATORIO Le TURBE DEL RESPIRO: INSUFFICIENZA

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

Dentas Informa. Scopri di più

Dentas Informa. Scopri di più Dentas Informa Sempre più articoli della recente letteratura dimostrano l implicazione della parodontite (conosciuta anche come piorrea) con importanti malattie di tipo organico Scopri di più Parodontite

Dettagli

ANTIAGING PROFILE. Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST

ANTIAGING PROFILE. Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST Cod. ID: Data: Paziente: ANTIAGING PROFILE Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST LO STRESS OSSIDATIVO NOME COGNOME Cod. ID 215xxxxx

Dettagli

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS)

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Come si legge un etichetta L etichetta di un agrofarmaco deriva dalla valutazione di numerosi studi effettuati sul prodotto inerenti aspetti

Dettagli

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico O V ITA ACETALDEIDE ACROLEINA/ACETONE DIMETILNITROSAMI NAFTALENE NICOTINA NAFTILAMINA METANOLO PIRENE CADMIO

Dettagli