PREVENZIONE DEL TABAGISMO NOTE PER I DOCENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVENZIONE DEL TABAGISMO NOTE PER I DOCENTI"

Transcript

1 PREVENZIONE DEL TABAGISMO NOTE PER I DOCENTI Tabacco: pianta della famiglia delle solanacee, comprendente specie commestibili (patate, pomodori, peperoni, melanzane), specie medicinali (stramonio, belladonna) e specie ornamentali (petunia). Cresce in climi tropicali o caldo temperati, è originaria dell America Centro-Meridionale. Storia: arriva in Europa a fine 500, precisamente nel 1495 d.c., con la seconda spedizione di Cristoforo Colombo: al suo ritorno, il frate Romano Pane descrive l usanza rituale dei capi religiosi indios di fumare lunghe pipe contenenti le foglie secche della pianta. La sigaretta viene inventata dai Turchi alla metà dell 800, quando durante la prima guerra contro l Egitto utilizzano le cartucce dei fucili per riempirle di polvere di tabacco pressata avvolta in una cartina. La produzione industriale di sigarette è di fine 800, con la fabbricazione a macchina. Fisica: Il fumo di sigaretta è una miscela gassosa, contenente microscopici corpuscoli in sospensione, di diametro 2,5 micron (PM 2,5 = particolato specifico per il fumo). Le polveri totali sospese misurabili nell atmosfera delle nostre città (inquinamento da traffico veicolare) vengono distinte in classi dimensionali corrispondenti alla capacità di penetrazione nelle vie respiratorie: le polveri sottili PM10 hanno diametro minore di 10 micron e sono dette inalabili, in quanto in grado di penetrare nel tratto superiore dell apparato respiratorio (dal naso alla laringe); le polveri PM 2,5 hanno diametro inferiore a 2,5 micron e vengono definite respirabili, in quanto capaci di penetrare nel tratto inferiore dell apparato respiratorio, fino agli alveoli. L intensità degli effetti nocivi è inversamente proporzionale alle dimensioni delle particelle: la correlazione tra la presenza di polveri fini e le patologie dell apparato respiratorio e cardiovascolare è stata confermata da più di uno studio. Nel Decreto Ministeriale n.60 del 2/4/2002 il valore limite per il materiale particolato PM10 è stato fissato a 50 microgrammi/mc.(soglia massima consentita, da non superare più di 35 volte per anno civile). Al fine di esemplificare l impatto del fumo di sigaretta sull aria respirata, si riportano alcuni dati quantitativi riguardanti il livello di polveri sottili rilevato in differenti misurazioni ambientali eseguite a Milano. In una piazza a traffico intenso si registra un valore di PM10 pari a 147 mcg/mc; 151 mcg/mc all interno di abitazioni prospicienti arterie ad elevata circolazione; 559 mcg/mc in una stanza in cui si è fumata una sigaretta, mcg/mc in locale pubblico in cui sia consentito fumare, mcg/mc nell abitacolo di un autovettura dopo una sola sigaretta fumata. L inquinamento da emissioni autoveicolari, industriali e da riscaldamento urbano,sommate, risulta pertanto di 1

2 un ordine di grandezza quasi 100 volte minore rispetto all inquinamento da fumo passivo. In Italia si stimano in 3.500/anno le morti causate da concentrazioni di PM10>30 mcg/mc nelle 8 maggiori città italiane (dati 1998); il traffico pesante (autocarri motori diesel) è il maggior responsabile dell aumento di incidenza di asma e bronchite nei bambini esposti. Il particolato ultrafine del fumo di tabacco (PM 2,5) penetra più profondamente nell albero respiratorio, veicolando sostanze nocive rapidamente assorbibili. In Italia si stimano in /anno le morti evitabili causate dal tabagismo. Chimica : Analisi delle sostanze contenute in una sigaretta e loro meccanismo d azione. Una sigaretta contiene più di 4000 sostanze chimiche diverse in miscela, di cui più di 50 riconosciute cancerogene. Alcune si trovano allo stato gassoso, altre come microscopici corpuscoli in sospensione, costituenti il particolato ultrafine. Tra le prime troviamo: il monossido di carbonio (CO), l acido idrocianidrico, l acroleina,la formaldeide, l ammoniaca (NH4+ = ione ammonio), la nitrosamina; tra le seconde troviamo: la nicotina, gli idrocarburi aromatici policiclici, il catrame, il 3-4 benzopirene. Agiscono provocando danni all organismo con tre modalità differenti: 1) azione irritante: propria di acroleina, formaldeide, ammoniaca. Effetto acuto sulle vie respiratorie, di tipo infiammatorio : si manifesta con tosse ed espettorato. Per esposizione ripetuta le sostanze gassose provocano riduzione di motilità delle ciglia vibratili sino alla loro distruzione, riduzione dei macrofagi alveolari e dei globuli bianchi con effetto immunosoppressore: ne deriva una maggiore suscettibilità alle infezioni. Lo stato di infiammazione continua dei bronchi (bronchite cronica) comporta una riduzione della capacità respiratoria, che può condurre all enfisema polmonare, irreversibile. 2) azione tossica: - immediata: propria del monossido di carbonio, rilevabile nel respiro, e dell acido idrocianidrico (cianuri). Il monossido di carbonio interferisce con gli scambi gassosi a livello alveolare, avendo maggior affinità per l emoglobina rispetto all ossigeno, si lega ad essa con formazione di carbossiemoglobina, causa di tossicità sistemica (v. esalazioni da scaldabagni a gas difettosi). La ridotta ossigenazione del sangue, insieme alla riduzione della capacità respiratoria, è alla base del calo nella performance sportiva, uno dei primi effetti del fumo di tabacco. - ritardata: dovuta alla nicotina, per effetto cumulativo, da esposizione al fumo di tabacco prolungata nel tempo. La nicotina aumenta la frequenza cardiaca ed essendo dotata di proprietà vasocostrittrici, anche la pressione arteriosa: valori pressori pur modestamente elevati sono causa di danno vascolare precoce; alle lesioni dell endotelio vascolare si associano aumenti del livello di fibrinogeno e dell aggregabilità piastrinica, pure dovuti alla nicotina, che favoriscono la progressione dell aterosclerosi, elevando il rischio di trombosi. 2

3 Le manifestazioni compaiono in età media (40-50 anni), per insorgenza di fenomeni trombotici all interno dei vasi, a livello periferico (tromboangioite obliterante degli arti inferiori), a livello cardiaco (insufficienza coronarica, infarto), a livello cerebrale (TIA, ictus). La nicotina inoltre determina un aumento di secrezioni e motilità del tratto gastroenterico per stimolazione vagale diretta: può favorire la comparsa di gastrite e ulcera gastroduodenale. 3) azione cancerogena: effetto tardivo, dopo anni di esposizione, con manifestazioni a comparsa in età più avanzata (50-60 anni). Ne sono responsabili sostanze quali la nitrosamina, gli idrocarburi aromatici policiclici, il catrame e il benzopirene, in grado di indurre mutazioni del DNA contenuto nel nucleo cellulare. I tumori correlati al fumo sono l 85% dei tumori polmonari (carcinoma broncogeno) e il 35% di quelli extrapolmonari, comprendenti carcinomi del cavo orale, della faringe, dell esofago, della laringe, della vescica. Dipendenza: la nicotina viene assorbita dalla mucosa del cavo orale ed invece degradata dai succhi gastrici. L assorbimento sistemico è di 1 mg. per sigaretta; nelle urine viene dosato il suo metabolita, la cotinina. A livello cerebrale stimola recettori specifici di nuclei paleoencefalici (nucleus accumbens, locus coeruleus), determinando una attivazione dopaminergica, che crea dipendenza psichica: gli effetti che ne risultano - euforia e rilassamento - funzionali a contenere l ansia e migliorare il tono dell umore, sono quelli che mantengono l abitudine al fumo di tabacco ( piacevole ). Occorrono 2 anni per ridurre l affinità dei recettori cerebrali per la nicotina: il tabagismo è infatti considerato tra le malattie psichiatriche da dipendenza. Epidemiologia: il tabagismo è la principale causa prevenibile di morte nei paesi sviluppati. La prevalenza totale di fumatori nel mondo è del 29%. Le malattie con rapporto causale o concausale dimostrato con il tabacco sono: - tumori - broncopneumopatie croniche ostruttive (bronchite cronica, asma,enfisema) - malattie vascolari (infarto, trombosi cerebrale, arteriopatia periferica) Complessivamente 1 morte su 5 è attribuibile al fumo di tabacco: morti / anno in Italia, morti / giorno nel mondo. Il primo apparato ad essere interessato dal fumo è l apparato respiratorio, con effetto immediato: il fumo è causa dell 85% delle bronchiti croniche. In età media compaiono i danni all apparato vascolare: il fumo è causa del 30-40% delle patologie coronariche e cardiovascolari. In età più avanzata si sviluppano i tumori: il fumo è causa dell 85% dei tumori polmonari, del 75% di quelli del cavo orale, della faringe, della laringe, dell esofago, del 35% dei tumori della vescica, della mammella, della prostata. La riduzione nell aspettativa di vita è di 7,5 anni per i fumatori, di 10 anni per i forti fumatori. Il tasso di cessazione spontanea è basso (2-5%): solo per cessazione prima dei 45 anni, si ha un effetto positivo sull aspettativa di vita. Il rischio di tumore si riduce del 30-50% dopo 10 anni di cessazione. 3

4 Incidenza e prevalenza: I fumatori in Italia sono 10 milioni e 925 mila, pari al 21,7% della popolazione di 14 anni e più. Sono il 27,5% dei maschi e il 16,3% delle femmine (dati Istat 2005). nella popolazione italiana la fascia di età a maggiore prevalenza di fumatori è quella compresa trai 20 e i 54 anni, con valori del 29-30% sul totale dei soggetti di pari età Gli adolescenti e i giovani iniziano a fumare più precocemente di cinque anni fa; il 7,8% dei giovani di anni ha iniziato a fumare prima dei 14 anni. Rispetto al la quota di quanti iniziano a fumare prima dei 14 anni aumenta solo per i maschi (+60%). Per entrambi i sessi, sale invece la quota di giovani di anni che riferisce di avere iniziato a fumare tra i 14 e i 17 anni, passando dal 57,8% nel al 65,6% con un incremento del 13,5%. In Italia il 21,6% della popolazione di 14 anni e più è ex fumatore, il 29,2% degli uomini e il 14,5% delle donne. La strada principale per smettere di fumare è l autodeterminazione: ben il 93,8% degli ex-fumatori riferisce di avere smesso da solo. Oltre il 50% degli exfumatori ha smesso di fumare da oltre 10 anni e il 18,8% da 2-5 anni. Si smette intorno ai 40 anni; la decisione di smettere di fumare matura mediamente dopo 22 anni di abitudine. Si riduce la quota di donne che fuma in gravidanza dal 9,2% al 6,5%. Abitudini tabagiche dei giovani lombardi: nell anno scolastico 2005/2006 Regione Lombardia in collaborazione con ASL e scuole lombarde ha effettuato uno studio di sorveglianza sulle abitudini tabagiche dei giovani lombardi che ha interessato circa studenti di tre fasce di età (13, 15 e 18 anni) frequentanti rispettivamente la classe 3 della scuola secondaria di primo grado, la classe 2 e 5 della scuola secondaria di secondo grado. I risultati hanno evidenziato che nella classe 3 della scuola secondaria di primo grado la prevalenza di fumatori abituali (almeno 1 sigaretta alla settimana) è risultata del 6,6% per i maschi e del 5,4% per le femmine (M+F = 6%). Il numero medio di sigarette fumate alla settimana è di 9 sigarette ed il 43% dei ragazzi fumatori fuma ogni giorno. Nella classe 2 della scuola secondaria di secondo grado la prevalenza di fumatori aumenta considerevolmente, raggiungendo il 26,5% (26,9% M e 26,3% F) con una media di 8 sigarette fumate ogni giorno. L 80% di questi giovani fumatori fuma tutti i giorni. In 5 la prevalenza aumenta ulteriormente fino al 33,2% (33,9% M e 32,7% F). Il numero medio di sigarette fumate ogni giorno è sovrapponibile a quello degli studenti di seconda e l 84,4% dei fumatori asserisce di fumare tutti i giorni. Fumo passivo: si calcola che l effetto sulla salute sia pari a 1/3 di quello dovuto al fumo attivo. Le concentrazioni di CO e cancerogeni sono maggiori nel fumo passivo: l esposizione aumenta il rischio di ammalarsi di tumore e malattie cardiovascolari del 25% circa. Nei bambini esposti si registra un aumento delle infezioni delle vie respiratorie (laringiti,tracheiti,bronchiti) del 35%, delle infezioni dell orecchio medio (otiti) del 48%, delle crisi asmatiche del 21%. La misurazione del PM10 in ambiente chiuso in cui sono state fumate 2 sigarette dà valori 10 volte superiori alla soglia di allarme di 50 mcg/mc (inquinamento indoor). 4

5 Fumo e apparato riproduttivo: il tabagismo diminuisce la fertilità nel maschio per azione tossica diretta sugli spermatozoi e determina un calo della potenza sessuale legato al danno vascolare cronico. Nella donna gravida aumenta il rischio di aborto, ritarda l accrescimento del feto e il suo sviluppo cerebrale e polmonare, aumenta la mortalità neonatale e la nascita di neonati sottopeso. Anticipa l età del climaterio. Fumo e cavo orale: il tabagismo è causa di gengiviti del cavo orale, per diminuzione delle difese immunitarie nei confronti della placca batterica: queste, se persistono nel tempo, determinano perdita di supporto osseo e di attacco parodontale, con caduta prematura di elementi dentari (piorrea). Esiste una relazione dose dipendente tra fumo e prevalenza e gravità delle infezioni parodontali. Anche la terapia è destinata ad avere minor successo, nel paziente tabagico. La guarigione delle ferite dopo chirurgia orale (estrazioni) è più lenta, il rischio di sanguinamento maggiore, la percentuale di fallimento della terapia implantare (successo iniziale e a lungo termine di un impianto dentale) è raddoppiata. Il fumo inoltre esercita un effetto cancerogeno diretto sulle cellule epiteliali della mucosa orale: è il maggior fattore di rischio per il carcinoma a cellule squamose e per le precancerosi del cavo orale (leucoplachie), 6 volte più frequenti nei fumatori. Altera la sensibilità del gusto e dell olfatto, riducendole, e provoca alitosi. Fumo ed estetica: Il catrame contenuto nelle sigarette ingiallisce lo smalto dei denti, così come i polpastrelli delle dita. L ipossia tissutale periferica, causata dall azione tossica del monossido di carbonio, si manifesta invece, a seguito di esposizione al fumo prolungata con la precoce comparsa di rughe e con un aspetto particolare delle unghie a vetrino di orologio. Il normale processo di invecchiamento della pelle viene pertanto accelerato dal fumo di tabacco. Fumo e apparato scheletrico: il tabagismo è noto fattore di rischio per osteoporosi, termine con il quale si intende una riduzione di densità minerale del tessuto osseo, che conserva normale struttura. Nei fumatori si verifica una più rapida perdita di massa ossea, che risulta ridotta del 5-10% rispetto ai non fumatori, in particolare a livello delle anche. Gli effetti maggiori interessano gli uomini anziani e sono dose dipendenti. Si stima che il fumo aumenti il rischio di fratture vertebrali del 13% nelle donne e del 32% nell uomo, di fratture dell anca del 32% nelle donne e del 40% nell uomo. La cessazione influisce positivamente sulla densità dell osso, abbattendo parzialmente il rischio di fratture. Pare che l azione del fumo sull osso possa ricondursi ad alterata produzione ormonale: nelle fumatrici è infatti dimostrato un rischio maggiore di patologie legate alla deficienza di estrogeni, così come di ipertiroidismo. E peraltro noto l effetto anabolizzante sull osso del testosterone (stimola la sintesi di nuova matrice organica da parte degli osteoblasti) e l effetto inibitorio degli estrogeni sull attività osteoclastica di riassorbimento osseo; gli ormoni tiroidei da parte loro agiscono sull osso aumentando la velocità di riassorbimento, con contemporanea riduzione del calcio disponibile per diminuito assorbimento intestinale. Peraltro è probabile che la tossicità vascolare sistemica da nicotina determini una riduzione locale di flusso anche a livello dell osso, con diminuito rifornimento di ossigeno e 5

6 substrati esogeni (glucosio, aminoacidi, calcio, fosforo) necessari per la deposizione di nuovo tessuto. Anche i dischi intervertebrali non ricevono nutrimento sufficiente, degenerano e diventano lentamente più sottili. Fumo e apparato visivo: L infiammazione della congiuntiva è la manifestazione più frequente di irritazione oculare da fumo di tabacco. Per effetto tossico diretto la nicotina è fattore di rischio di tromboembolia vascolare anche a livello retinico. Il tabagismo inoltre raddoppia il rischio di sviluppare cataratta nonchè di incorrere nella degenerazione maculare senile della retina, principale causa di cecità negli anziani (sopra i 60 anni provoca offuscamento della visione centrale, con perdita della capacità di mettere a fuoco le immagini). Il fumo in gravidanza raddoppia il rischio di strabismo nel bambino; in caso di ipertiroidismo aumenta di 8 volte il rischio di oftalmopatia (esoftalmo). Ringraziamenti Si ringrazia la dr.ssa Chiara Astolfi del Servizio Medicina Preventiva di Comunità dell ASL Città di Milano per il contributo offerto nella redazione di questa nota. 6

7 Elenco indirizzi di rete contenenti materiale didattico di prevenzione tabagismo 1. vi si trova un videogioco dal titolo Oranges and Lemons proponibile ad alunni di V classe della scuola primaria o I classe della Secondaria di I grado. 2. vi si trova un videoclip prodotto da Le jene sui valori di PM10 in differenti situazioni (ambienti chiusi-auto-traffico-fumo), proponibile ad alunni della scuola Secondaria di I e II grado. 3. E possibile richiedere gratuitamente all Istituto Superiore di Sanità Osservatorio Fumo, Alcool e Droga da parte dei docenti delle scuole Secondarie di II grado il kit Venditori di fumo *, percorso multimediale interattivo contenente la riproduzione del film Insider : dietro la verità, con relativa guida didattica, e un CD Web in fumo, con indirizzi di rete utili. La visione del film è consigliata ad alunni di IV -V della scuola Secondaria di II grado. *Kit Fumo: "Venditori di fumo" Venditori di fumo - percorso multimediale interattivo Manuale per l attuazione del lavoro di ricerca nel suo complesso, con l indicazione di un percorso flessibile e personalizzabile da parte di ogni insegnante. Il film Insider Film del E la prima aperta denuncia all industria del tabacco e alla connivenza del mondo dell informazione. Nel progetto Venditori di fumo il film vuole essere l elemento che stimola la discussione e introduce gli alunni al complesso tema del tabagismo. Insider - dietro la verità Guida didattica alla visione del film, ne integra i contenuti e ne facilita la comprensione con una serie di documenti; suggerisce inoltre un percorso ben articolato per una discussione ampia sui temi affrontati nella pellicola. CD Web in fumo Supporto informatico che contiene: o il manuale Venditori di fumo ; o la guida didattica Insider: dietro la verità ; o il materiale per le ricerche riversato dai siti internet consigliati nel manuale. Il CD consente di avere accesso a quanto contenuto nei siti anche a chi non potesse collegarsi ad internet e di duplicare e stampare tutti i materiali nelle copie necessarie per effettuare le varie ricerche. Gli indirizzi dei siti riportati nel menu consentono, a chi è collegato, di entrare direttamente in rete, mentre le voci sottostanti danno la possibilità di accedere al contenuto del CD. Osservatorio Fumo, Alcol e Droga Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena, Roma (I) Telefono: Fax:

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

OSPEDALI SENZA FUMO. Una proposta operativa per lavorare in rete. a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo

OSPEDALI SENZA FUMO. Una proposta operativa per lavorare in rete. a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo OSPEDALI SENZA FUMO Una proposta operativa per lavorare in rete a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo Introduzione Il sottogruppo regionale, nel definire le proprie

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo. Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari

Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo. Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari VERSO OSPEDALI E SERVIZI SANITARI LIBERI DAL FUMO Manuale pratico per il

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013 ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE Bollettino 2013 Informazioni derivate da: ISTAT SDO Schede ministeriali tossicodipendenze ESPAD, PASSI FATTI E CIFRE

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico T.erritorio di Ra.venna LP3. Giuliano Silvi, Cristina Raineri, Valeria Frassineti

S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico T.erritorio di Ra.venna LP3. Giuliano Silvi, Cristina Raineri, Valeria Frassineti Direzione Gen. Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica Dipartimento di Sanità Pubblica - Ravenna Provincia di Ravenna Comune di Ravenna S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli