di pessima qualità. I prodotti assemblati in Cina non sempre sono di cattiva qualità: per esempio gli Iphone sono costruiti in Cina ed eppure sono

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di pessima qualità. I prodotti assemblati in Cina non sempre sono di cattiva qualità: per esempio gli Iphone sono costruiti in Cina ed eppure sono"

Transcript

1 Corriere di Lora Periodico della scuola media di Lora Anno XII N 1 Dicembre 2014 I marchi ingannano Attenzione alla sigla CE Ormai, se ci guardiamo intorno con attenzione, notiamo che la maggior parte dei prodotti che si trovano sul mercato sono cinesi. Il marchio CE si può intendere in due modi, ma solo guardandolo con attenzione si può capire se è europeo o cinese. Quando andiamo al supermercato non facciamo attenzione se il marchio è cinese o europeo. I prodotti cinesi possono essere pericolosi: per fare un esempio Vita a scuola da pag.2 Le mode di oggi a pag.10 Speciale Natale da pag.13 gli elastici per comporre bracciali, possono risultare tossici e portare malattie, i vestiti cinesi hanno un alto valore di tossine e i giochi durano poco e sono di pessima qualità. I prodotti assemblati in Cina non sempre sono di cattiva qualità: per esempio gli Iphone sono costruiti in Cina ed eppure sono uno dei prodotti più venduti al mondo. I prodotti europei, a differenza di quelli cinesi, sono controllati e protetti: per fare un esempio il parmigiano reggiano è DOP (denominazione di origine protetta). Partendo da una lezione di geografia, abbiamo approfondito l argomento e abbiamo scoperto che per riconoscere se un marchio è eu- ropeo (conformitè europèenne ) o cinese (China export) basta misurare con il righello: prima si misura l altezza della C e se la distanza tra la C e la E è inferiore alla metà dell altezza, vuol dire che il marchio è cinese. Quindi, per finire, per non essere ingannati, portatevi, quando fate la spesa, un righello. Benedetta Bruzzese Martina Cianfarani 2B

2 CORRIERE DI LORA VITA A SCUOLA N 1 Anno XII La difficile scelta della scuola superiore Open day, stage, orientamento: la dura vita degli adolescenti Noi siamo adolescenti abbiamo tante idee in mente, anzi troppe. Noi siamo ragazzi di terza media e quest anno dobbiamo fare una grande scelta: quella della scuola superiore. Ognuno di noi ha i propri sogni, le proprie aspirazioni e le proprie attitudini, spesso ancora nascosti; però con le ultime generazioni tutto è peggiorato, perché con le nuove tecnologie (smartphone,computer ecc.) i ragazzi hanno pochissima vita sociale e quindi sempre meno passioni. Abbiamo vissuto un esperienza personale, andando alla presentazione degli istituti superiori, tenutosi a Vertemate. Era un evento organizzato molto bene, al quale partecipavano molti alunni delle scuole secondarie della provincia di Como. Qui abbiamo potuto ascoltare le presentazioni di ciascun istituto nei pressi della nostra località per aiutarci poi a scegliere quello più giusto per noi. Abbiamo partecipato anche ad un evento molto simile a quello di Vertemate, lo Young, solo che era molto più in grande; grazie ad esso ci siamo schiariti un po le idee, ma non siamo ancora sicurissimi della scelta da prendere. Secondo noi questi due eventi sono serviti solo per conoscere le scuole e capire a quali potevamo interessarci, ma saranno molto più importanti gli open-day, che ci serviranno per comprendere come si lavora nella stessa scuola. Speriamo di fare la scelta giusta, quella che ci aiuti a crescere, a diventare più maturi e a trovare un lavoro che serva per migliorare il nostro futuro. Pietro Biondi Alessia Varrone 3B L ADOLESCENZA: UN ETÀ AMATA E ODIATA Secondo noi l adolescenza è la parte più divertente della vita di una persona, perché si iniziano a fare esperienze e amicizie nuove. L adolescenza può essere sia amata sia odiata dalle persone, per i ragazzi adolescenti è una parte della vita dove il divertimento è al centro dell attenzione, dagli adulti, invece, è odiata perché noi ragazzi ci lamentiamo per tutto,vogliamo fare quello che vogliamo, quando vogliamo e dove vogliamo. In questo periodo della vita i genitori non ci possono dire ciò che dobbiamo fare e crediamo che tutti i ragazzi non vogliano più essere come dei bambini. Noi adolescenti facciamo molte ore di scuola e di conseguenza abbiamo molti compiti; per questo siamo un po ribelli. Secondo noi l adolescenza in questi ultimi anni è cambiata molto anche nel campo della moda, oggi il termine da noi utilizzato per definire qualcuno o qualche cosa che ha un certo stile è SWAG. Questo termine è molto diffuso tra i giovani, perché indica un modo di esprimersi nello stile del vestirsi. Adesso i ragazzi sono tutti coinvolti dalla moda, perché se si vestono male vengono presi in giro o insultati dai ragazzi che indossano vestiti di marca. Le marche più amate dai giovani nel 2014 sono: Carhartt, Crb, Iuter, Obey, Vans, Zara, Scout, F&M, Criminal damage, Nike, Calliope, Qiucksilver. I ragazzi delle scuole medie vogliono imitare il modo di vestirsi dei ragazzi più grandi, perché, così facendo, ci sentiamo più grandi. Giancamillo Ceglia Matteo Invernizzi Claudio Sandru 3B 2

3 CORRIERE DI LORA VITA A SCUOLA N 1 Anno XII Come si dovrebbe stare in classe Teoria e pratica non vanno d accordo La campanella dell inizio della lezione suona alle 8.05 e pochi minuti dopo arrivano i prof. per portarci nella nostra aula; nel tragitto non si dovrebbe fare baccano. Appena entrati, si dovrebbe salutare il/la prof. e, con calma, sedersi al proprio posto. Appena seduti, dovremmo preparare il materiale scolastico, al massimo scambiandoci qualche parola sotto voce. Quando tutti sono pronti i prof. incominciano la lezione e intanto si correggono i compiti o si spiega. In questi momenti si dovrebbe ascoltare, e correggere o prendere appunti. Quando i prof. danno i compiti si dovrebbe stare in silenzio e ascoltare quello che dicono per non sbagliare a fare i compiti o addirittura non farli. Al cambio dell ora, in attesa del cambio della/del prof., si dovrebbe stare in silenzio e preparare il materiale dell ora dopo. Questa sarebbe la classe che tutti i prof. vorrebbero. Come stiamo invece noi in classe durante una mattinata scolastica? Appena suona la campanella delle 8.05 ci raduniamo nel nostro posto di battaglia per sconfiggere le cinque ore di scuola (a parte l intervallo che è la nostra materia migliore). Appena arrivano i prof. ci incamminiamo, spingendoci e facendoci sgambetti. Una volta entrati in classe, sembra che sia scoppiata la terza guerra mondiale a causa di lanci di pezzi di gomma con delle fionde create con braccialetti e penne. Quando bisogna correggere i compiti, non c è mai una volta che tutti li abbiano fatti; quindi la prof. si mette a collezionare libretti. Appena finiamo di correggere i compiti i compiti, la prof. inizia a spiegare e adesso prende il via addirittura la quarta guerra mondiale. La palestra è la nostra ora di svago, durante la quale giochiamo e facciamo meglio la lezione perché c è molto da muoversi ed è quello che facciamo in classe. Quindi in quell ora ci muoviamo molto. Poi ci sono i 15 minuti più delicati della mattinata, l intervallo, durante il quale facciamo cagnara nel nostro angolino fuori dalla porta. Alla fine delle cinque ore sembra che finisca la quarta guerra mondiale con la nostra vittoria, perché facciamo così tanto rumore che si sentirebbe fino in centro a Como. Così è come ci comportiamo noi in classe, un modo un po strano e ogni giorno usciamo con il mal di testa. Matteo Pensa Fabio Rubin 2B I nostri Proff. All inizio dell anno credevamo che i proff. fossero severi, ma invece adesso che li abbiamo conosciuti ci sentiamo più tranquilli. Ve li presentiamo: il prof. Russo è dolce e tranquillo e ci insegna due belle materie (Italiano e Storia); la prof.ssa Stellati è simpatica, divertente e insegna Matematica e Scienze; la prof.ssa Poggio è una signora gentile, sempre puntuale, che insegna Inglese; l insegnante di Musica, il prof. Silano scherza sempre e propone delle bellissime attività per gli alunni; il prof. Morone, insegnante di Tecnologia, è deciso e impegnato nella correzione di tavole e compiti in classe; la prof.ssa di Arte, Silvia Orlandini, è la migliore artista del mondo; la prof.ssa Bombaglio (insegnante di Geografia) è una signora dal cuore armonioso; la prof.ssa Mauro di Religione trasmette serenità e il prof. Bosco, invece, è un vice-preside muscoloso e ci insegna Scienze Motorie. Iman Aloui Alexia Carpineanu 1A Corriere di Lora Direttore: prof. Cristina Fontana Redazione: le classi della scuola media di Lora 3

4 CORRIERE DI LORA VITA SCUOLA N 1Anno XII Lo studio è importante? Idee discordanti da un nostro sondaggio Lo studio per la nostra classe è importante o no? Nella nostra classe siamo proprio 4 gatti ma, oltre a fare caos, grazie alla nostra indagine, abbiamo scoperto che alcuni di noi mettono in secondo piano lo studio e alcuni lo fanno solo se hanno voglia o tempo. La maggior parte dei nostri compagni studia facendo schemi e sottolineando le cose più importanti sul libro. Molti di loro sono stati consigliati dalle professoresse, che ritengono che si studi più proficuamente e si capiscano i concetti più difficili che molte volte sono i più importanti, utilizzando questo metodo. È positivo scoprire che tanti di noi studiano subito dopo aver pranzato e altrettanto positivo che nessuno studi subito dopo la scuola, perché cinque ore di lezione, anche se con una piccola pausa, impongono di far riposare un po la mente. Sicuramente si sa che, ripetendo, si riesce ad esprimere meglio il concetto che è da studiare e poi ad esporlo più facilmente durante l interrogazione: questo modo di studiare, però, è impiegato solo dalla metà dei nostri compagni. È strano, però, scoprire che alcuni di noi studino sempre, anche se sembra non vero, perché non abbiamo dei buonissimi risultati di classe. Alcuni, comunque, dicono la verità su quello che fanno: mettono lo studio in secondo piano. Pochi di noi hanno messo lo studio al primo posto perché, detto tra noi, è più bello fare sport che stare seduti e sforzare la mente; invece, alcuni, per pigrizia, studiano solo qualche volta. Altri, per ricordare meglio l argomento, ripassano anche dopo cena. Una nostra compagna ci ha riferito che studia anche di notte, non sappiamo come faccia. Un altra persona è molto pigra, e lo ammette anche: pensa molto spesso a stare sul divano a poltrire. Ci ha detto, inoltre: Studio solo quando ho voglia e questo lo si capisce anche ascoltando una sua interrogazione. Una delle risposte più originali della nostra classe è stata: Leonardo da Vinci ha studiato il volo umano!. Elisa Gregorini Anna Minazzato 2B Young ORIENTA IL TUO FUTURO Il 28 novembre scorso, con la scuola, abbiamo visitato la fiera chiamata Young : all interno dei padiglioni dell Elmepe di Erba c erano i diversi stand delle scuole superiori della provincia di Como, grazie ai quali abbiamo potuto orientarci verso il nostro futuro. In questi mesi, infatti, noi alunni delle classi terze stiamo decidendo l istituto che dovrà accoglierci per i prossimi cinque anni (si spera!): ognuno di noi ha visitato stand diversi, informandosi in modo molto dettagliato e raccogliendo depliant sulle scuole a cui si é interessati. Per illustrare i programmi e gli orari delle varie scuole, erano presenti alunni e professori, che ci hanno raccontato, dal loro punto di vista, le loro esperienze e impressioni sul nostro ipotetico percorso scolastico. Alcuni di noi (magari già con le idee chiare!) si sono divertiti a provare i diversi settori pratici offerti dagli istituti professionali: chi ha fatto il parrucchiere, chi l estetista, chi il falegname, chi il pasticciere, chi il barman. Altri sono tornati a casa ancora più confusi di prima. Eric Bocconcello Ginevra Imbimbo Gloria Luciotti Filippo Tenca 3A 4

5 CORRIERE DI LORA VITA A SCUOLA N 1Anno XII etwinning: un esperienza importante Gli alunni possono comunicare con i coetanei stranieri Noi alunni di 3 A partecipiamo da ormai due anni all Etwinning, che permette di creare una comunità virtuale di scuole europee gemellate tra loro. L anno scorso con i nostri altri partner (francesi, polacchi e cechi) abbiamo vinto l European Quality Label. L Etwinning è un progetto che permette a tutti gli insegnanti dei paesi membri di accedere a innovativi strumenti online per incontrarsi virtualmente, scambiare idee, lavorare in squadra, seguire attività di formazione e attivare progetti di gemellaggio online con partner stranieri, in modo da coinvolgere alunni di diversi istituti e culture a collaborare sulla medesima attività formativa in lingua inglese. Per creare un progetto devono esserci almeno due scuole di almeno due nazioni per poter richiedere il Certificato di Qualità Europeo o per concorrere ai Premi etwinning. L etwinning si rivolge, oltre che a tutti gli Stati Membri dell Unione Europea, a Turchia, Islanda, Norvegia, Svizzera e l Albania. Disponibile in 26 lingue, il portale conta oggi quasi utenti registrati e più di 5462 progetti. Si può usare la lingua che si vuole, ma è consigliabile usare una lingua di uso comune come l inglese. Ogni etwinner può fare contemporaneamente più di un progetto. Esiste anche Twinspace! Essa è una piattaforma che le scuole possono usare per lavorare insieme ai loro progetti. Ogni progetto ha un proprio TwinSpace privato, al quale i partner possono accedere dal Desktop e i membri invitati dalla homepage del Portale. Offre una serie di strumenti per la collaborazione e la comunicazione, fra i quali una chat room privata aperta 24 ore su 24, tutti i giorni della settimana (consente agli studenti di chattare con i loro partner in un ambiente on-line sicuro, anche dopo l orario delle lezioni), una casella di posta (TwinMail), un diario del progetto e forum. I partecipanti al progetto possono inoltre archiviare materiali (come immagini, file e video) in cartelle per la condivisione pubblica o privata. I fondatori del progetto sono automaticamente gli amministratori di TwinSpace. Gli studenti, e persino gli altri insegnanti e i colleghi, possono essere invitati a diventare membri di TwinSpace. Se vuoi, puoi anche far diventare amministratori le persone che inviti (per esempio, nel caso tu voglia che gli studenti si prendano la responsabilità della struttura e del caricamento dei progetti). Insomma, per noi è stata davvero una bella opportunità di crescita e per questo ringraziamo la prof. ssa Poggio. TubaAkdag Yasin Aloui Sara D Anna Edoardo Negri 3A 5

6 CORRIERE DI LORA VITA SCUOLA N 1Anno XII Ulisse secondo noi Emozionante l esperienza teatrale delle classi seconde L anno scorso con il prof Silano, come è sua consuetudine fare in seconda media, abbiamo messo in scena uno spettacolo teatrale e la nostra scelta è caduta su una parodia dell Odissea. Il prof ci ha assegnato i ruoli: Lorenzo sarebbe stato il protagonista, Ulisse; noi che stiamo scrivendo l articolo saremmo stati i suoi marinai ed Alessandro suo figlio Telemaco. È stato molto difficile, ma anche molto divertente studiare e recitare le battute. Secondo il nostro parere di attori, lo spettacolo è venuto molto bene e durante la recita abbiamo sentito diverse risate del pubblico che ci ha apprezzato. Quest anno in classe abbiamo rivisto la nostra performance in un video e siamo rimasti molto entusiasti. Questo grazie al grande contributo del prof Silano che durante le prove in classe ci ha aiutato e consigliato sul come svolgere i diversi ruoli. Volete un assaggio per capire cosa vi siete persi? Il nostro Lorenzo-Ulisse deve tornare a Itaca dalla sua Penelope ma, come tutti sanno, viene ostacolato da Circe, Calipso, Nausicaa. Lo spettacolo era diviso in dieci scene: Ulisse e i suoi marinai sono prima alle prese con un potente Michael - Polifemo che viene accecato dall astuto Cappelletti che arriva poi da Circe - Camilla che con il suo fascino e la sua magia trasforma i suoi marinai in maialini, per poi arrivare da Calipso - Gloria che lo trattiene per altri sette anni. Il nostro eroe riesce a scampare anche il pericolo Nausicaa-Roberta che vorrebbe accasarsi con lui e, finalmente, può riabbracciare la moglie Ginevra-Penelope e il figlio Alessandro- Telemaco, dopo aver fatto una strage di Proci e ribadisco, Proci!. È stato fantastico, speriamo di rivivere un esperienza simile. Auguriamo alle future seconde di poter raggiungere i nostri stessi risultati. ED ORA INTERVISTIAMO IL NOSTRO PROTAGONISTA Ulisse, eri emozionato quando il prof.silano ti ha assegnato il ruolo? Un po, perché sapevo che non sarebbe stato facile. È stato difficile imparare tutte le battute a memoria? Non molto perché, nonostante la difficoltà, ho imparato le battute con passione ed impegno. Prima dello spettacolo quali erano i tuoi sentimenti? Ero impaurito ma allo stesso tempo eccitato. Rifaresti questa esperienza? Sì perché è stato fantastico e anche divertente interpretare un personaggio di un altra epoca. Qual è stata, secondo te, la scena più divertente? La scena più divertente per me è stata quando Circe ha trasformato i marinai (Simone T., Simone M., Thomas e Claudio) in maiali: erano troppo carini con quel nasino rosa alla Peppa Pig. Alessandro Butti Lorenzo Cappelletti Simone Musumeci Claudio Scardino Simone Tagliabue3A 6

7 CORRIERE DI LORA VITA SCUOLA N 1Anno XII Progetto Gemini: Live Streaming Italia- Connecticut Bontà e solidarietà attraverso la musica All inizio di quest anno scolastico, nell ambito del Progetto Gemini che riguarda il gemellaggio tra nazioni, noi ragazzi di 3 A abbiamo avuto la possibilità di fare un collegamento audio-video in diretta con dei ragazzi statunitensi del Connecticut. Grazie alla musica, abbiamo potuto esprimerci sulla tematica della solidarietà e fratellanza, senza conoscere i nostri interlocutori. Tutta la classe ha partecipato al progetto. In particolare, il gruppo musicale dei Fulda s Boys composto da Thomas, Alessandro, Davide e Lorenzo ha suonato e cantato il brano Imagine di John Lennon. L evento, a cui hanno partecipato anche le scuole medie di Como-Monte Olimpino e di via Gramsci, si è svolto presso la Biblioteca Comunale di Como. I ragazzi di Monte Olimpino hanno usato il suono dell ukulele come mezzo di trasmissione di pace, come da anni fa con il progetto Ukulele for peace Paul Moore che fa suonare insieme ragazzi palestinesi ed israeliani; i ragazzi di via Gramsci hanno creato una ricetta speciale, la ricetta della pace! Alla fine di queste esibizioni, i ragazzi delle due nazioni si sono reciprocamente sottoposti a domande e a quiz riguardanti le caratteristiche delle rispettive città e guai a fare brutta figura con in sala il vice - sindaco, Silvia Magni. È stata un esperienza nuova, entusiasmante, emozionante forse irripetibile sicuramente rimarrà nella memoria di tutti noi. Essa ci ha aiutato a comprendere il significato dell importanza dell unione tra ragazzi anche se molto lontani geograficamente. Spesso non servono le parole per comunicare, il linguaggio universale della musica unisce molto di più gli uomini. Noi ragazzi siamo il futuro e dobbiamo imparare a comunicare bene con persone di nazionalità diverse, perché viviamo in una società multietnica. È bello immaginare un futuro in cui diminuiscano i pregiudizi e in cui siamo disposti a tendere una mano a chi ha più bisogno di noi o non è fortunato quanto noi. Davide Casartelli Thomas Cusin Michael D Ignazio Davide Pomarico 3A Il Natale per me è un momento speciale, perché è un momento in cui le famiglie stanno insieme. Di solito tutti i bambini, nel giorno del Natale, pensano ai regali, cosa gli arriverà di bello e sono felici perché non si va a scuola. Si dovrebbe, però, pensare al perché non si va a scuola oppure perché la tradizione dice che le persone si scambino dei regali o dei pensieri. Queste cose certi ragazzi non le pensano, invece ci sono certi ragazzi che pensano perché festeggiamo questo giorno magico. Io, da piccolo, non pensavo che si festeggiava perché era nato Gesù, ma perché è un giorno per i bambini e perché la legge italiana pensava di fare un po di pausa dalla noiosa scuola materna. Personalmente alla vigilia di Natale non riesco a dormire, perché penso al giorno seguente e sempre mi addormento molto tardi, anche perché a mezzanotte vado in chiesa per celebrare il Natale, visto che di mattina non mi piace andarci, perché la messa è lunga e noiosa. Per tradizione la sera della vigilia metto una bacinella di latte e dei biscotti per Babbo Natale e per le sue renne, faccio l albero in salotto perché è dove mettiamo i regali e dove anche li mettono molte altre famiglie. Prima del Natale seguo anche i giorni dell avvento, per aspettare giorno per giorno questo momento speciale. Per molti bambini e ragazzi questo giorno può essere il giorno più bello di tutto l anno, forse anche più bello del nostro compleanno. Matteo Pensa 2B 7

8 CORRIERE DI LORA VITA A SCUOLA N 1 Anno XII La realtà virtuale conquista i ragazzi Videogiochi, telefoni e applicazioni sono gli intrattenimenti dei giovani Oggi i ragazzi sono attratti da tante cose: una di queste è la realtà virtuale, cioè i videogiochi. Le console più usate e conosciute sono: Ps3, Xbox 360, Wii u e Nintendo 3ds. I giochi più amati dai ragazzi sono soprattutto quelli sparatutto, come Call of Duty o Destny. Alcuni, come Assasin s Creed, sono istruttivi, perché sono ambientati in epoche e luoghi storici. Per esempio, Assasins Creed Unity, l ultimo uscito, rispecchia la vigilia della Rivoluzione francese. Un altra attrazione del momento sono i cellulari. Di solito i genitori li regalano ai loro figli verso gli 11 anni, cioè quando iniziano a frequentare la scuola media. Alcuni, però, decidono di regalare il telefono ai loro figli quando sono ancora piccoli, ad 8 anni circa: secondo noi non hanno nessuna utilità, perché i bimbi non sanno che cosa farsene. I ragazzi usano i cellulari per mandare messaggi agli amici attraverso WhatsApp o attraverso i social network, come Instagram o Facebook. Si divertono anche a giocare con giochi e applicazioni scaricate dalla App Store per gli Iphone e da Google Play per i telefoni Android. Alcuni giochi molto conosciuti sono Clash of clans o Ruzzle. Per finire l ultimo strumento di attrazione è il computer; i ragazzi lo usano per chattare attraverso Skype, Gmail e altre . Andrea Colombi Cristiano Fusi 3B IL TEMPO LIBERO DEI NOSTRI NONNI Vi siete mai chiesti come trascorrevano il loro tempo libero i vostri nonni? Allora non esistevano i videogiochi che tanto noi adoriamo e loro facevano attività di gruppo, si inventavano giochi, dando sfogo alla propria fantasia e trascorrevano così dei pomeriggi interi con gli amici, divertendosi anche di più. Nella loro semplicità avevano qualcosa di particolare, ci si accontentava di quel poco che si aveva, si poteva essere se stessi. Per esempio oggi per i ragazzi le cose indispensabili sono i vestiti di moda e il cellulare, mentre non sono più così forti il valore dell amicizia, i legami famigliari. Allora le ragazze aiutavano nelle faccende domestiche, si occupavano dei fratelli se entrambi i genitori lavoravano e, a causa della povertà della famiglia, capitava che non ci fosse la possibilità di frequentare le scuole superiori, per non parlare dell università. La scarsità di cibo era dovuta alla miseria di molte famiglie, mentre gran parte dei ragazzi di oggi i si abbuffano a lungo davanti alla tv, senza fare movimento e corrono il rischio di diventare obesi, un problema che oggi affligge gran parte degli adolescenti e che allora era un caso molto raro. Nel passato non c erano città così grandi, le macchine erano molto rare, lo stile di vita era completamente diverso. Si conoscevano quasi tutti gli abitanti del quartiere e, nel proprio paese, ci si sentiva come una grande famiglia. Forse è bello rivivere in un luogo del genere, ma alla fine crediamo che le condizioni di vita non fossero facili. Ma come sono cambiati i nonni oggi? I nonni di oggi appaiono più giovani, sono abituati ai cambiamenti, curano il loro corpo e l abbigliamento e, se non sono malati, continuano a condurre una vita dinamica: guidano l automobile, salgono su treni ed aerei, sono capaci di usare il telefonino. Quindi diciamo che si sono adattati molto bene ai tempi odierni. Patrizia Casadei Daysi Kacbufi 3B 8

9 CORRIERE DI LORA VITA A SCUOLA N 1 Anno XII Cosa piace di più ai giovani? Dai vecchi computer ai moderni sistemi di comunicare Il computer è un apparecchio elettronico nato pochi anni fa; prima esistevano le macchine da scrivere, costituite da tastiere collegate a delle aste sulle quali era impressa la lettera. Applicando una leggerissima pressione, l asta andava a toccare il foglio e, tasto dopo tasto, poteva venire fuori un documento, una lettera, una poesia, un libro e tante altre tipologie di testi. Si crede che il primo e vero computer sia nato durante la Seconda Guerra Mondiale, un invenzione degli inglesi utilizzata per decifrare i messaggi tedeschi; però venne esposto al pubblico nel Nel 1977 nacque il primo personal computer, l Apple II; nel 1976 fu progettato l Apple I. Poi successivamente questo apparecchio venne migliorato e rimpicciolito fino a diventare il telefono cellulare, che immagino molti di voi abbiano in tasca mentre leggete questo articolo. Oggi i computer vengono utilizzati non solo per scrivere ma anche per giocare, messaggiare e andare a vedere video. La maggior parte dei ragazzi, infatti, non usa i computer per ricercare notizie, fare ricerche o approfondire gli argomenti di studio. Oggi molti ragazzi hanno facebook, twitter, skipe e altri social network, che ormai sono stati scaricati sugli smartphone. Proprio da questo, un nostro compagno si è ispirato per scrivere una poesia: prima di ask c era tumblr, prima di tumblr c era facebook, prima di facebook c era messanger, prima di messanger c era il telefono, prima del telefono c era la gente che aveva le scatole di dirti le cose in faccia. Tratto da Prima di, Giancamillo Ceglia CURIOSITÀ La stampa nacque nel Rinascimento, ideata da Giovanni Gutenberg. Gutenberg ideò la stampa a caratteri mobili, era composta da delle minuscole tessere sulle quali venivano incise delle lettere a rilievo, venivano tinte con l inchiostro e così si riusciva a creare una pagina scritta in modo rapido. Prima della stampa, i manoscritti e i documenti venivano scritti e ricopiati a mano e questo era un processo molto lungo. Antonio Campos Nicolò Nucci 3B 9

10 CORRIERE DI LORA VITA A SCUOLA N 1Anno XII Le mode di oggi Anche il modo di parlare fa moda In questi ultimi anni abbiamo notato che la maggior parte di ragazzi e ragazze sono tutti uguali e quasi nessuno ha uno stile proprio. Partiamo dall abbigliamento: parecchie ragazze amano molto indossare vestiti moderni; di questi molti sono costosi, molto spesso comprati in negozi in città, che hanno spazi più ristretti e merce più cara che in altri centri commerciali, dove i prezzi sono più convenienti. Le ragazze amano indossare leggings abbinati a maglioni p e - santi e felpe c o n scarpe da ginnastica (ad esempio Vans, Air Force, Air Jordan) oppure stivaletti corti, soprattutto un modello molto amato dalle ragazze: gli anfibi neri. Prediligono anche jeans, pantaloni a vita alta con maglie, felpe e maglioni corti con sotto canottiere dai colori abbastanza neutri come il blu, il grigio, il bianco e il nero. Le gonne e i vestiti piacciono alle ragazze che più adorano indossare capi stravaganti (certo, stravaganti non significa gonne o abiti coloratissimi perché i loro colori sono sempre dai toni sul nero e sul grigio scuro). Quelle più pazze adorano indossare cappelli stravaganti (a volte addirittura con facce di animali) oppure felpe colorate o anche scarpe con vari disegni. Abbiamo chiesto ad alcune persone come piacerebbe vedere vestita una ragazza: alcuni dicono in modo carino, altri rispondono in modo elegante. I maschi, invece, adorano vestirsi con maglie larghe, pantaloni con le tasche e gli elastici alla caviglia e scarpe da ginnastica. Altri poi con jeans, maglia e scarpe tipo Clark o anche da ginnastica. Altri ancora con tuta, felpa e scarpe da ginnastica. Poi c è anche il modo di parlare che, secondo noi, fa parte anch esso della moda. Esistono tantissime, ma davvero tantissime parole inventate da noi ragazzi. Ad esempio per dire vado a piedi alcuni di noi dicono vado a piotti ed è una cosa davvero molto strana! Oppure un altra cosa molto strana è che al posto di dire ragazzo o ragazza diciamo tipo o tipa, a mò per dire adesso e un botto per dire tanto o molto. Ne esistono molti altri, ma questi sono i più usati da noi. Anche il modo di divertirsi fa parte della moda: a noi piacciono molte attività per divertirci e la scelta di divertimento è vastissima. A molti di noi (come già tutti saprete ) piace guardare la tv. Adesso chiediamo ad alcuni compagni di scuola cosa piace fare: a molti piace giocare alla play station, a molti maschi piace giocare a calcio o a basket, ad alcuni piace uscire con gli amici, alcuni vanno a pattinare, altri giocano a pallavolo, altri ancora vanno in bicicletta, oppure leggono. E ovviamente alcuni dicono che, per loro, il passatempo più bello è il cellulare. A proposito di questi, le marche di telefoni che vanno più di moda sono ovviamente gli amatissimi Iphone, altri preferiscono i Nokia. Piacciono molto anche il nuovo Samsung Galaxy Core 2 e l Iphone 5 o 6. Poi sono molto apprezzati anche gli Alcatel, mentre sono un po meno ricercati gli LG. Le mode di oggi sono queste, ma cambieranno nel corso del tempo. Carlotta Giuliani Ylenia Pagliuca 2B 10

11 CORRIERE DI LORA APPROFONDIMENTI N 1Anno XII Immigrazione: se regolamentata è positiva Multe a chi sfrutta gli immigrati L immigrazione è un trasferimento permanente o temporaneo di singoli individui o di gruppi di persone in un paese o luogo diverso da quello di origine ed è uno dei principali fenomeni sociali del mondo. Ogni anno milioni di stranieri si dirigono verso paesi più ricchi per trovare lavoro e scappare dalla povertà e dalla guerra ancora presenti nei loro paesi d origine. Il fenomeno dell immigrazione è un tema associato a quello dell aumento della delinquenza e della criminalità, ma può contribuire a risolvere problemi come la fame, le epidemie, la sovrappopolazione e la povertà del paese d origine. A livello politico, i paesi d origine e di destinazione possono stringere accordi bilaterali, che prevedono flussi migratori programmati e controllati e si può prevedere la fornitura di materie prime e manodopera in cambio di prodotti finiti ed investimenti nell industria e in infrastrutture nel paese fornitore. I flussi d immigrazione clandestina sono combattuti con accordi bilaterali con i governi e le polizie dei paesi di origine, al fine di fermare le persone intente a spostarsi verso un paese più ricco. Le legislazioni dei paesi dell Unione Europea pongono l autonomia economica come una condizione necessaria per avere un permesso di soggiorno e la cittadinanza. Il clandestino è espulso se non dimostra di avere un lavoro regolare o qualcuno che possa dargli un sostentamento economico, condizioni indispensabili per ottenere un regolare permesso di soggiorno. Una prima eccezione a questo principio riguarda quanti sono vittime di persecuzioni politiche e religiose. Il parlamento europeo ha approvato, il 20 novembre 2008, l introduzione della carta blu sul modello della green card americana che ha lo scopo di attirare in Europa immigrati qualificati provenienti dai paesi terzi e ciò secondo una tabella standard di qualifiche a p p l i c a b i l e discrezionalmente dai singoli Stati membri. Il parlamento europeo ha anche adottato la cosiddetta direttiva sanzione che prevede l applicazione di multe e di sanzioni penali ai datori di lavoro che impiegano immigrati irregolari. Andrea Busana Gaia Malatesta 3B 11

12 CORRIERE DI LORA APPROFONDIMENTI N 1Anno XII Premio Nobel per la paace a una giovane pakistana Io sono Malala. Il mio mondo è cambiato, ma io no Quest anno la giovane e coraggiosa studentessa pakistana Malala Yousafzai, 16 anni, ha ricevuto il premio Nobel per la pace. Nonostante la sua giovane età, già da anni combatte per il diritto delle bambine all istruzione e ha dimostrato che anche i giovani possono contribuire a migliorare la loro situazione e a fare la storia. Il pericolo lo ha provato sulla sua stessa pelle. Infatti, la giovane, il 9 ottobre 2012, è stata vittima di un attentato talebano: mentre era sul bus che la riportava a casa da scuola, salì a bordo un uomo armato che iniziò a sparare colpendo in pieno volto Malala e lasciandola in fin di vita. La ragazza, però, non muore e dopo la sua guarigione miracolosa, avvenuta in un ospedale in Inghilterra (dove era stata portata dopo l attentato) continua la sua campagna per il diritto all istruzione delle donne con il Malala Found, un organizzazione no profit che raccoglie fondi da dedicare a progetti educativi in tutto il mondo. Tuttora vive in Inghilterra per proteggersi dai talebani che hanno dichiarato che, se fosse ritornata in Pakistan, l avrebbero uccisa, perché colpevole di aver gridato al mondo, sin da piccola, il suo desiderio di leggere e studiare. «Sedermi a scuola e leggere i libri è un mio diritto. Vedere ogni essere umano sorridere di felicità è il mio desiderio. IO SONO MALALA. IL MIO MONDO È CAM- BIATO. MA IO NO» Camilla Balzaretti Roberta Mihali Claudia Prete Alessandra Ropso 3 A La musica La musica ormai fa parte di ognuno di noi; al giorno d oggi a qualsiasi età si conosce almeno una melodia o una canzone. Tra i giovani i generi più conosciuti sono rap, hip-hop, pop, rock, hardcore, techno e molti altri. Gli adulti, invece, ascoltano ancora generi dei loro anni: jazz, disco, blues, rock, funk, opera e molti altri. E ormai anche in macchina non ascoltano più il giornale radio ma cambiano stazione per cercare canzoni a loro piacere. Ci sono molti cantanti e gruppi diversi nel mondo della musica, per esempio le cantanti più ascoltate da noi sono Kiesza, Laura Pausini, Taylor Swift, Charlie XCX, Jennifer Lopez, Kylie Minogue, Ariana Grande, Madonna, Shakira, Nicki Minaj, Elisa, Selena Gomez, Celine Dion, Demi Lovato, Beyonce, Mariah Carey, Cristina Aguilera, Whitney Houston, Britney Spears, Rihanna. Mentre i cantanti maschi più ascoltati da noi sono Jason Derulo, Florida, Snoop Dogg, Gemitaiz, Enrique Iglesias, Avicii, Calvin Harris, Ed Sheeran, David Guetta, John Legend, Sam Smith, Justin Timberlake, Justin Bieber, Will i am. E infine i gruppi più ascoltati da noi sono One direction, One republic, Dear Jack, Modà, Maroon 5, Coldplay, U2, Pinkfloyd, 5 SOS, Sheppard, Clean Bandit, Finley, Imagine dragons, Nico & Vinz. Ormai, per diventare famosi, basta partecipare ad un talent show, infatti al giorno d oggi in televisione trasmettono tantissimi programmi dedicati alla musica. Ad esempio i più guardati da noi sono X Factor, Amici, Sanremo, Tu si que vales, The Voice, Ti lascio una canzone, Io canto, Zecchino d oro.. Dennis Curcillo Asia Guadagni Chiara Simonetti 3B 12

13 CORRIERE DI LORA SPECIALE NATALE N 1Anno XII PENSIERI, RIFLESSIONI, EMOZIONI...DEI RAGAZZI DELLA 2^A NATALE E NON SOLO Poesia per grandi e piccoli Natale è un giorno speciale per stare insieme e volersi bene. Un magico dono per chiedere perdono. La stella luminosa che è in cima all'abete brilla radiosa. Nel Natale che vorrei la prima cosa che farei sarebbe mangiare in quantità e incontrare i parenti a volontà. Le luci sul balcone... speriamo che non ci arrivi il carbone! Buon Natale a tutti grandi e piccini alti e bassi belli e brutti, insomma... vi auguriamo un fantastico Natale NATALE DELIZIOSO Il Natale che vorrei è il Natale stando ok mangiando il panettone con crema al mascarpone. Sotto l'albero ho trovato un pacchetto inaspettato appena l'ho scartato ho trovato del cioccolato al latte con gli oreo e fondente con cameo. Mentre l'ho mangiato ho pensato a Romeo er gatto del Colosseo. Francesca Allegro Giulia Greco Susanna Ronchetti, Martina Zanotti 2A Davide Borsani Mattia Piscitelli.Andrea Sau 2A PENSIERI SUL NATALE A me piace molto il Natale perchè vado in chiesa e canto Tu scendi dalle stelle. A casa faccio l'albero di Natale con le candele e tanti regali. L'albero che mi piace di più è l'abete. Sono contento perchè per Capodanno vado in Sicilia con la nave per festeggiare con i nonni e con gli zii. Federico Calabrese 2A IL NATALE E' UNA FESTA SPECIALE Il Natale è una festa speciale e in questo giorno le cose possono cambiare con un pizzico d'amore si può festeggiare e anche chi non ha niente con poco si diverte e se regali un piccolo dono i tuoi amici ti acclameranno in coro. Ricorda che nel mondo c'è un piccolo bambino che ha bisogno di te. Francesca Allegro Giulia Greco 2A POESIA DI NATALE Il Natale è arrivato, si sente nell'aria: è magica. Il Natale si proietta nel comportamento delle persone, e lo cambia, grazie alla magia di questa festa. Il Natale, con tutte le sue decorazioni, cambia anche le città, aumentando la loro ospitalità. Il Natale è di tutti, perchè è così che si festeggia veramente, tutti insieme appassionatamente! Gianluca Maragliano 2A 13

14 CORRIERE DI LORA SPECIALE NATALE N 1Anno XII SONO UNA FOGLIA D'AUTUNNO CHE CADE.. Salve. Sono una foglia. Si, proprio una foglia. Una semplice, piccola foglia che cade dall'albero. Solo questo. Una semplice, piccola foglia. Voi direte che io sono inutile, che non dovrei parlarvi, che non vi interessa di me. Beh sbagliate. Anche una foglia che cade da un semplice albero perchè è autunno può fare la differenza. Potrei posarmi delicatamente per terra e lasciare che mi decomponga per far crescere altre piante che cresceranno e fioriranno e quando arriva di nuovo l'autunno far cadere delicatamente altre foglie. E fare in modo che continui tutto questo. Oppure potrei infilarmi nella testa di qualcuno e osservare tutto il mondo da lassù. Magari, quel signore potrebbe essere un esploratore e mi farebbe andare dappertutto tra i suoi capelli, senza che lui se ne accorga. Potrei vedere tutto: l'egitto con le sue Sfingi, la foresta amazzonica, l'himalaya, Parigi, Roma e i suoi segreti. Eppoi, quando avrà finito di viaggiare e siederà nella sua poltrona comoda, con un bel fuoco crepitante, nella sua bella casa, solo allora si accorgerà di me e sorriderà capendo che, è andato dappertutto e non si è mai accorto di una piccola, inutile foglia che era rimasta impigliata tra i suoi capelli. E forse riderà e mi metterà dentro un barattolo per dire che lui è andato in ogni dove, ma non ha mai capito cosa succedeva intorno a lui per mesi. Oppure, io mi incastrerò su un ramo di questo stesso albero da cui sto cadendo, e aspetterò. Intanto verrà l'inverno e, quindi, il Natale. Forse un falegname andrà fuori da casa sua e taglierà l'albero su cui mi ero incastrato e lo porterà dentro casa; lavorandolo, farà un presepe e, a lavoro finito, mi metterà al centro nella mangiatoia, per mettere Gesù Bambino. E io sarei felice, perchè io, solo io, avrei tenuto al caldo il personaggio più importante: il Sacro Bambino. Il Bambino che, secondo le Scritture, avrebbe portato al mondo la pace. Avrei dovuto tenere al caldo la sua immagine. Oppure mi prenderà una maestra e mi porterà ai suoi alunni per fargli vedere come sono fatte le foglie. E io mi sentirei osservato da quei bambini che, quando saranno grandi, plasmeranno il mondo. Magari la maestra mi metterà insieme ad altre foglie, per fare un cartellone sull'autunno. E mentre i bambini faranno il manifesto si divertiranno e allora io sarei felice. Perchè la risata di un bambino, la risata di un innocente bambino che non sa nulla della vita e della morte è il premio più grande di tutta la vita. Oppure, forse, un bambino mi raccoglierà da terra per mettermi dentro un libro come segnalibro. Forse, lo vedrei leggere su un albero, assorto nella sua lettura e mi sentirei utile perchè saprei che avrebbe bisogno di me. Forse, quando potrebbe finire quel libro, mi userebbe per altre cose. Insomma, dopo aver sentito tutto quello che ho detto, ho una domanda da farti: VORRESTI ESSERE UN UOMO O UNA FOGLIA? Andrea Di Luciano 2A NATALE CHE COS'E'? Il mese di dicembre è un mese particolare, perchè c'è il Natale, e si può giocare, scherzare e mangiare! Ma il Natale non vuol dire questo, perchè dicembre è il mese più amato dai piccoli e grandi. Il Natale per noi vuol dire: amare, festeggiare e cantare insieme, ma Natale non è solo questo perché è il momento migliore per stare in compagnia con gli amici e i parenti. E' una notte da non dimenticare da passare e festeggiare. Buon Natale a tutti! Serena Monteleone Britney Rathnayaka Claudia Speroni 2A 14

15 CORRIERE DI LORA SPECIALE NATALE N 1Anno XII LA BONTÀ DI SIGNOR NATALIUS Il paesaggio di montagna, in Freddifornia, era colmo di persone povere che ogni anno morivano di freddo. C era solo una famiglia ricca, che di cognome faceva Natalius. In quell anno una carestia si era abbattuta sul paese e questa famiglia, molto amica dei bambini e dei loro genitori, faceva di tutto per aiutarli; donava loro vestiti pesanti e caldi. Oltretutto quell inverno era più gelido di tutti quelli passati, la neve non smetteva di scendere e la foresta era coperta di quella polvere bianca fino alla fine dei rami più alti. Il freddo si faceva sentire anche sulle labbra, che erano più viola del solito; Natalius sapeva che lui era l unica persona che poteva aiutare i bambini, che stavano morendo di freddo. Così portò a ognuno un giaccone caldo con il pelo di lepre, che non usava più da quando aveva smesso di andare nel bosco a cacciare e a tagliare gli alberi con la neve dei rami che gli cadeva nel collo. Quell anno però, dopo aver donato i giacconi di pelo di lepre, vide che i bambini, ora, erano attrezzati anche per gli inverni più freddi e che non servivano più loro dei vestiti pesanti. Allora andò a cercare dei regali più adatti a quei bambini, i giocattoli in legno. Da quell anno riprese a cacciare e a tagliare alberi, cercando il legno più tenero di tutta la foresta. E così ogni anno i bambini aspettavano che arrivasse il signor Natalius a portare loro i regali. Adesso sapete da dove deriva l usanza di donare regali proprio il giorno di Natale che deriva da Natalius. Elisa Gregorini Anna Minazzato Alice Riva 2B Arriva il Natale Sotto l albero di Natale i doni puoi trovare. Con sorrisi e giochini Babbo Natale arriva per i bambini e sulle tavole ci sono latte e biscottini invece di tè e pasticcini che se li mangiano i ragazzini. Il Natale è una festa che arriva lesta lesta con doni e regalini sotto gli alberi dei bambini. Festeggiano il Natale con gioia e serenità e sanno che Babbo Natale arriverà con la slitta trainata da Fulmine, Rudolf e Cometa. Il Natale che felicità. in questa festa la serietà se ne va e arriva la vivacità. Filippo Bianchi Roeld Hoxha 1A Il Natale è speciale Il Natale è una festa dove ci si scambiano doni e bene ci si resta. E la festa più attesa per i piccini, dove Babbo Natale si arrampica giù per i camini per dare i loro regalini. Si addobbano gli alberi e le case Per rendere il Natale più speciale. Tutti sono felici e si ritrovano con gli amici. Ci sono dei sorrisi anche sui più poverini anche se non hanno ricevuto nuovi regalini. In questo giorno regna la bontà e il male se ne andrà. Marco Butti Francesco Giardina Abramo Longhi 1A 15

16 CORRIERE DI LORA SPECIALE NATALE N 1Anno XII IL NATALE E ARRIVATO! Il Natale è una magia, niente lo può portare via. Arriva Babbo Natale per adulti e bambini, e porta regali grandi e piccini. A Natale c è amore, portalo sempre nel tuo cuore. In questo giorno si sta tutti assieme, si mangia e si ride in compagnia. Sorridi al tuo amico con allegria Finchè il Natale non andrà via. In questo giorno speciale, chiamato Natale, si ricorda un bambino in particolare si chiama Gesù e porterà il bene quaggiù. Il vero significato del Natale non sono i regali, ma la felicità tua e dei tuoi cari. Elisa Cernari Maria Ceruti Chiara Lanza Cecilia Lucetti 1A UN FIOCCO NEL CUORE Sto camminando nel centro della città, dalle pasticcerie sento un profumo di panettone e di frutta candita. Le strade sono illuminate dalle decorazioni. Dalle finestre delle case vedo presepi e bambini felici che addobbano l albero, le persone si stanno preparando con gioia, per festeggiare la nascita di Gesù. Guardo in alto è un fiocco di neve si appoggia sul mio viso.in fondo al mio cuore mi sembra di sentire il tintinnio delle renne. Maria Fresca 1A ECCO COS E IL NATALE Il Natale è arrivato tutto freddo e congelato. A meno due gradi si sente un rumore un tintinnio che disturba tutte le ore; chi sarà a quell ora, si chiedono tutti di sicuro una persona che fa scherzi brutti. Uffa, è notte e voglio dormire quel tintinnio deve finire. Andiamo a cercare la fonte del rumore speriamo che non sia un ladrone. Perché a Natale il ladrone in realtà è un simpaticone. Sotto la maschera nasconde un viso che fa salire un gran sorriso. Con la barba e un viso paffuto vedo un Babbo Natale molto piaciuto. Svelti, tutti a letto che deve scendere dal caminetto. Questa è la poesia di Natale e insegna che ogni cosa vale Dai tintinnii ai rumoretti, dai dolciumi ai dolcetti. Ecco il Natale che cos è l abbiamo imparato tutte e tre. Anna Balzaretti Vittoria Busana Lisa Vailati 1A STO CAMMINANDO SULLA STRADA Sto camminando sulla strada e non c è nessuno, ma a un certo punto sento qualcuno che mi si avvicina ed è Babbo Natale con i regali. Guardo sul cielo e vedo Babbo Natale sui regali c è scritto: Ciao Laura sono Babbo Natale e durante la notte arriva e mi porta dove vive lui. I regali sono la cosa più bella del Natale. Laura Gatti 1A 16

17 CORRIERE DI LORA SPECIALE NATALE N 1Anno XII E NATALE Lo aspettano i bambini dai più grandi ai più piccini per avere i regalini, che siano brutti o carini. Che bella vacanza è questa perchè si sta a casa e si fa festa. A scuola non si va e tutti gridano urrà! Francesco Bernasconi e Andrea Melzi 1A LE ASPETTATIVE Noi della 1^A ci siamo creati molte aspettative fin dal primo giorno che siamo arrivati a scuola. Ci siamo ritrovati in un labirinto di nuove materie più complicate, ma che in qualche modo riusciremo a superare abituandoci al nuovo ambiente, ai nuovi compagni e ai nuovi insegnanti. I primi giorni eravamo tutti molto agitati, ma facendo nuove amicizie, abbiamo capito che le scuole medie sono un avventura nuova che fa parte del percorso della vita di tutti. Il Natale sta arrivando E ci stiamo preparando Per accogliere Gesù Che dal cielo viene giù. Oggi siamo tutti in pace, perché il Natale a tutti piace. A NATALE PUOI... A Natale puoi, aiutare chi non aiuti mai; riprendere a mangiare, riprendere a festeggiare, riprendere a pensare cosa regalare. E' Natale, e a Natale puoi stare con chi vuoi. E' Natale e a Natale puoi stare con chi vuoi, con chi vuoi tu...a Natale puoi... E alla vigilia puoi aspettare come non fai mai, aspettare Babbo Natale, con i regali che ti porta, ricordati di lasciare latte e biscotti a Babbo Natale. E' Natale, e a Natale puoi stare con chi vuoi, e' Natale e a Natale puoi stare con chi vuoi, con chi vuoi tu. A Natale puoi... Gioele Pellegrini Gianluca Maragliano Andrea Di Luciano 2A Davide Merlo e Tommaso Diserò 1A LE NOSTRE PASSIONI Buongiorno a tutti noi siamo Sophie, Carlotta e Nicole e oggi vi parleremo delle nostre passioni. Siamo tre ragazze sportive e ci piace la musica, non classica o cose del genere. I nostri sport ci permettono di sfogarci, quando abbiamo trascorso una giornata poco piacevole oppure quando siamo arrabbiate i nostri sport ci rendono più leggere dalle preoccupazioni. Gli amici ci trasmettono energia positiva che usiamo per divertirci e praticare quello che più ci piace. Lo sport ci aiuta di più a concentrarci sullo studio e in più ci mantiene in forma. La musica, oltre a rilassarci, trasmette le emozioni che proviamo. In pratic,a la musica e lo sport ci aiutano a scuola e riequilibrano il nostro stile di vita. Carlotta Imperiali Nicole Pezzano Sophie Trombello 1A 17

18 CORRIERE DI LORA TUTTI CREATIVI N 1Anno XII Il romanzo del nonno di Pincopallino Il nonno di Pincopallino ha scritto un romanzo molto curioso, nel quale mio cugino si cava un occhio sbucciando una mela. Io, per andare a trovarlo, volli prendere l autobus, non sapendo che ore fossero chiesi l ora a un gorilla vestito da donna. Essendo in anticipo di più di un ora, decisi di andare a giocare con le scimmie cappuccine dello zoo del Mc Donald s. Rimasi lì per quasi un ora. Presi una bibita, ma mi andò di traverso e anziché in bus andai da mio cugino in ambulanza. Lo trovai sul tetto dell ospedale che buttava giù gatti randagi come fossero coriandoli da matrimonio. Lo vidi piuttosto bene, così tornai a casa con un ambulanza come souvenir. A casa, mentre ascoltavo la musica, mi cadde addosso il lampadario, e notai una cosa decisamente antiestetica UN BRUFOLO! Decisi di chiamare nonna Gertrude Asdrubala Torta Al Cioccolato, che mi suggerì di prendere l autobus e andare all ospedale: mi avrebbe accompagnata lei. Mentre andavamo in bus, la nonna si buttò giù dal finestrino per non essere investita dal cugino del cane del trisavolo del parrucchiere, ma io sapevo dove cercarla, infatti la trovai sul tetto dell autobus che guardava un film nel semaforo. Non fu facile convincerla a scendere, ma alla fine cadde su un poliziotto, per fortuna. Un atterraggio in stile buttati! Che è morbido! La nonna era stanca, quindi andammo a cavallo del poliziotto, che era talmente stupido che alla fine ci diede una multa da pagare. Passata la sfuriata famigliare, entrammo subito al pronto soccorso dove mi curarono il brufolo. Al ritorno decisi che avrei portato la nonna in spalletta, non avevo voglia di rifarla salire sul semaforo per poi farla cadere sul primo poliziotto che passava per strada. Quindi la portai a casa, arrivammo appena in tempo per il consueto attacco di depressione del furgoncino del nonno, che tentò di suicidarsi mettendo nel serbatoio lo smalto al mercurio del criceto. Per fortuna lo fermò il criceto, dicendogli che la prossima volta che avrebbe preso la sua roba senza permesso lo avrebbe mandato in rottamazione. Il nonno di Pincopallino è stato aggredito da una rana mutante ed è ora in cura per la calvizie. Emma Vigliotti 2A 18

19 CORRIERE DI LORA TUTTI CREATIVI N 1Anno XII Le tre cose più importanti Riflessioni su ciò che più conta per noi Era un normale intervallo d autunno, stavamo parlando con l educatore Stefano Bettinelli e lui ci chiese cosa noi desiderassimo dalla nostra vita: tre desideri avevamo a disposizione. Noi, ovviamente, come prima cosa pensammo al cibo. All inizio ridemmo, poi però riflettemmo su cosa noi volessimo davvero. Pensando a lungo, arrivammo alla conclusione che le tre cose per noi veramente importanti sono: l amore, l amicizia e i soldi. Una persona potrà chiedersi cosa c entrano i soldi con gli altri due desideri; i soldi sono comunque molto importanti per permetterci di vivere una vita agiata cosa che ora come ora non sempre è possibile: infatti grazie ai soldi possiamo comprare cibo, vestiti e tutto ciò che soddisfi i nostri bisogni. Certo, anch io vorrei avere una casa come quelle dei ricconi che sono sui programmi in televisione ha affermato Stefano. Mentre amore e amicizia che vengono prima di tutto non possono essere comprati anche se fossimo miliardari. Cosa c è di meglio dell essere amati da qualcuno? Questo ci ha ricordato l educatore e, riguardo all amicizia, ci ha anche detto che non si può avere una vita completa senza di essa. Ovviamente ci siamo chieste se eravamo le uniche a pensare in questo modo, allora abbiamo chiesto un parere ai nostri compagni. Anche la maggior parte di essi concorda con noi e altre proposte sono state la popolarità, il benessere, trovare lavoro e, secondo alcuni maschi, trovare ragazze. Ci sono state poi delle proposte superficiali come avere un Mc Donald s o avere la play station 4 gratis. Ovviamente queste sono le nostre opinioni che possono variare a seconda dei gusti delle persone. Questo articolo non potrebbe essere stato scritto se l educatore Stefano non ci avesse aiutato a ragionare, quindi lo ringraziamo. Alice Arnaboldi Mariapia Cerri 3B 19

20 CORRIERE DI LORA SPORT N 1 Anno XII Sport popolari e sport poco conosciuti Viaggio tra le attività preferite da maschi e femmine Lo sport più praticato in generale è il calcio. Non solo da i maschi ma anche dalle femmine; infatti ci sono tante squadre femminili. Secondo noi è un bellissimo sport di squadra, però c è il rischio di farsi molto male e, per diventare sempre più forti, bisogna impegnarsi molto. Ci si allena parecchio e vi consigliamo di non saltare nessun allenamento. Secondo le nostre statistiche lo sport più costoso è il nuoto agonistico, anche questo è un bello sport per chi sa nuotare. Uno sport strano è il tiro con l arco, per praticarlo ci vuole tantissima precisione e tantissima pratica. La cosa bella è che è uno sport sia maschile che femminile. Secondo noi il tiro con l arco è uno tra gli sport meno praticati nella nostra scuola. In base al parere dei maschi della nostra classe, i ragazzi non dovrebbero praticare questi sport: la ginnastica artistica, perché non si vede tutti i giorni un maschio fare una spaccata, e l equitazione perché e uno degli sport più amati dalle ragazze. Invece, secondo le femmine, gli sport ai quali loro non dovrebbero avvicinarsi sono il calcio, PENSIERI SUL NATALE perché ti struttura delle brutte gambe, il rugby e il football perché sono sport in cui c è troppa prepotenza, il basket perché diventi troppo mascolino e alto e, infine, la box perché ti fa diventare aggressivo. Samuele Bonera Simone Cartolano Vincenzo Longobardo 2B Per me il Natale è festeggiare con la mia famiglia, sentire il calore dei miei parenti, stare insieme e giocare, ridere e scherzare. Per me il Natale è un giorno magico dove tutto può accadere. Per me il Natale è scartare il regalo sotto l albero insieme a mia sorella. Per me il Natale è lasciare la sera della vigilia una carota per le renne e un po di latte e biscotti per Babbo Natale quando, stremato dal viaggio, arriverà a casa nostra e potrà riposarsi un attimo. Per me il giorno di Natale è cantare di porta in porta i canti natalizi. Per me il Natale è il giorno più bello dell anno. A Natale si è un po più buoni e si aiuta la gente bisognosa. A Natale non si deve pensare solo ad aprire i regali ma anche a ricordarsi che è nato Gesù bambino. Benedetta Bruzzese 2 B Per me il Natale è un giorno speciale per tutta la famiglia: ci si riunisce a scartare regali e a dirsi BUON NATALE! Il Natale per me è anche un giorno di gioia e felicità, il Natale è anche divertirsi con la famiglia, amici, parenti e altre persone. Il Natale è bello anche per Babbo Natale che, quando entra in ogni casa, beve del latte, mangia dei biscotti e dà da mangiare alle renne. Un altra cosa bella del Natale è quando si fa l albero, dove poi si mettono i regali. Il Natale è un giorno importante anche perché è nato Gesù bambino. Fabio Rubin 2B 20

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta: SOTTO LO STESSO TETTO: Gender MainstreaMinG e valorizzazione delle differenze a scuola La classe 4A presenta: Tutti diversi... ma uguali ;-) Nell'anno scolastico 2014/15 la classe 4A dell'i.c. Via d'avarna,

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno

Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno AMICIZIA di Pietro P. Voglio solo stare insieme ai miei amici, Giocare insieme a loro e non litigare. Per me loro sono

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli