Aiuto!!! Ragazzi, mi si è accorciata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aiuto!!! Ragazzi, mi si è accorciata"

Transcript

1

2 Aiuto!!! Ragazzi, mi si è accorciata la lingua

3 MOTIVAZIONE La scrittura di messaggi attraverso il telefono cellulare (SMS Short Message Service) si è diffusa rapidamente. Allo stato attuale, gli sms rappresentano la tecnologia di comunicazione più diffusa in assoluto nel pianeta. Dato che in origine ogni messaggio non poteva superare i 160 caratteri e andava digitato premendo una o più volte i 12 tasti del cellulare, i limiti di spazio e la difficoltà (rapidità) di esecuzione sono stati considerati, fin dall inizio, le prime cause della nascita del cosiddetto linguaggio degli sms: da ciò deriva la particolare attenzione per gli espedienti brachigrafici e tachigrafici (ovvero utili per scrivere in maniera più breve e veloce). Con il telefonino non assistiamo ad un trionfo dell oralità, bensì della scrittura. Ma quale scrittura? Questo laboratorio nasce dalla curiosità di scoprire questo nuovo linguaggio, e capire il perché è così diffuso tra i ragazzi.

4 OBIETTIVI 1. Soddisfare esigenze comunicative 2. Individuare gli elementi e le caratteristiche essenziali di un messaggio 3. Orientare alla individuazione degli elementi fondamentali del testo 4. Interagire in modo efficace per chiedere e dare informazioni, per collaborare allo svolgimento di attività e per confrontare opinioni 5. Confrontare opinioni 6. Abituare a discutere ed esprimere pareri con coerenza (il punto di vista) 7. Motivare alla scrittura (scrittura creativa) 8. Utilizzare la scrittura per comunicare con gli altri 9. Scrivere per chiedere e dare informazioni e istruzioni 10. Scrivere per comunicare esperienze,idee, emozioni 11. Comprendere situazioni comunicative scritte 12. Formulare questionari. 13. Riconoscere e utilizzare convenzioni ortografiche. 14. Saper utilizzare elementi essenziali della lingua per parlare e scrivere correttamente. 15. Riflettere sul lessico 16. Scrivere racconti e filastrocche.

5 CODICE Verbale,non verbale LA COMUNICAZIONE SCOPO Motivo del messaggio MESSAGGIO Ciò che si dice EMITTENTE Colui che manda il messaggio CANALE Il mezzo con il quale si comunica RICEVENTE Colui che riceve il messaggio La comunicazione avviene quando l'emittente invia un messaggio, cioè il contenuto della comunicazione, usando un codice. Il codice è l'insieme dei segni usati per comunicare il messaggio. Il codice è inviato attraverso il canale che è il mezzo con cui viaggia il messaggio. Dal canale, il messaggio giunge al destinatario che è colui che riceve la comunicazione. Ogni comunicazione ha uno scopo: informare chiedere, consigliare, esprimere emozioni, desideri... Il codice può distintinguersi in verbale e non verbale. Il codice verbale è dato dalle parole parlate o scritte. Il codice non verbale è dato dalle immagini, dai segni e dai simboli.

6 SCOPRIRE IL LINGUAGGIO DEGLI SMS In classe abbiamo conversato a lungo sulla scelta che molti ragazzi fanno, di comunicare con gli sms. I:-Maestra mia sorella scrive di continuo sms però io non ci capisco mai niente e per questo mi piacerebbe capire il significato di quello che scrive. Maestra: - cosa vuoi capire se i ragazzi abbreviano le parole per scrivere più velocemente possibile! R. : -perché non facciamo una ricerca per scoprire il significato delle abbreviazioni, così anche noi possiamo scrivere così? Maestra: Tutti d accordo? Tutti : Si,si, si. La maestra invita tutti gli alunni a ricercare le abbreviazioni che i ragazzi e le ragazze usano per mandarsi gli sms con i telefonini cellulari. Abbiamo scritto sul quaderno tutte le abbreviazioni per gli sms. Luciana: - Ma cosa significa sms? Maestra: sms è l acronimo di short message service cioè servizio brevi messaggi.

7 Linguaggio degli sms Ecco alcuni dei più rappresentati e comuni acronimi (cioè abbreviazioni) usati negli sms

8 Contrazioni e deformazioni

9 Che bello la maestra ci ha permesso di portare i cellulari in classe!! Abbiamo provato a scrivere alcuni sms. Veramente non è stato molto facile. Però ci siamo riusciti.

10 Abbiamo ricopiato tutti i messaggi scritti sui cellulari su post.it ed abbiamo realizzato un cartellone dal titolo : Help! SMS perché non è facile comprendere tutti i messaggi!

11 Abbiamo scritto sui nostri quaderni tanti acrostici e poi abbiamo realizzato dei cartelloni

12 OSSERVAZIONI Abbiamo analizzato il linguaggio degli sms ed abbiamo notato che molto spesso le vocali vengono soppresse, molte parole vengono accorciate che la ch viene sostituita da una K, gli accenti non vengono messi, l h non c è quasi mai, i numeri vengono usati al posto delle parole (6= sei) così come alcuni simboli matematici ( + - x ), se una parola finisce con la i si toglie (ci,vi, ti.) Non sempre i messaggi si capiscono, noi stessi abbiamo scritto dei messaggi incomprensibili anche se ci siamo serviti del vocabolario degli sms,ora vogliamo capire se esiste un vero e proprio codice o se le abbreviazioni vengono personalizzate. A tal proposito abbiamo deciso di intervistare i ragazzi della Scuola Secondaria di Primo Grado G. Leopardi. Per fare ciò abbiamo dovuto chiedere l autorizzazione al Dirigente Scolastico. Così abbiamo dovuto imparare a scrivere prima le lettere: linguaggio formale linguaggio informale destinatario mittente bla bla e poi a scrivere una E mail. Per scrivere una e mail è necessario conoscere l indirizzo di posta elettronica Ecco finalmente la richiesta di autorizzazione:

13 Potenza 25 ottobre Gentilissima Preside, siamo gli alunni della IV A e IV B della Scuola Primaria N. Stigliani di Potenza. Le scriviamo per chiederle l autorizzazione ad intervistare gli alunni della II B della Scuola Secondaria di Primo Grado G. Leopardi, martedì 30 ottobre Il motivo della nostra richiesta scaturisce dall esigenza di completare un laboratorio di lingua italiana dal titolo Aiuto!!! Ragazzi mi si è accorciata la lingua. Il nostro obiettivo è quello di comprendere il linguaggio degli SMS tanto usato dai giovani. Siamo certi che vorrà accogliere la nostra richiesta. La ringraziamo già da questo momento e le porgiamo distinti saluti. Gli alunni della IV A e IV B

14 Ecco, è arrivata l autorizzazione Prot. Potenza, 29 ottobre 2012 Agli alunni della IV A e IV B Scuola Primaria N. Stigliani POTENZA Oggetto: Autorizzazione In riferimanto alla vostra richiesta di intervistare gli alunni della classe III C della Scuola Secondaria di I Grado G. Leopardi, si autorizzano le suddette classi a svolgere l attività richiesta. Il Dirigente Scolastico (Prof.ssa Anna Maria Basso)

15 Intervista agli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado G. Leopardi 1. Tra voi ragazzi, è vero che vi scambiate molti SMS? 2. Usate le abbreviazioni? 3. Avete una codice comprensibile a tutti? 4. Usate gli smile? Se si, usate i segni di punteggiatura o le faccine? 5. Quanti messaggi inviate ogni giorno? E quanti soldi spendete per inviare tanti messaggi? 6. Vi divertite di più a messaggiare o a parlare? Perché? 7. Quanto tempo impiegate per scrivere un messaggio? 8. Vi accorgete o lo sapete che nei vostri messaggi ci sono molti errori grammaticali? 9. Vi accorgete che utilizzate sempre gli stessi vocaboli e che quindi non arricchite il vostro lessico? 10. Dal momento che voi privilegiate la scrittura, anche se non proprio corretta, a danno dell oralità, vi chiediamo se avete difficoltà ad argomentare verbalmente con i vostri insegnanti e con gli amici? 11. Come scrivereste il seguente messaggio: Viva gli alunni della quarta A e della quarta B della scuola primaria Nicola Stigliani. Grazie per la collaborazione.

16 Verbale Oggi siamo andati nella classe III C della scuola G. Leopardi per fare un intervista agli alunni per approfondire l argomento degli sms e capire quanto e quando, come e dove, i ragazzi usano il telefono cellulare. Molti ragazzi hanno detto che molte abbreviazioni non corrispondono agli standard e che spesso sono personalizzate. Si fa molto uso delle faccine per esprimere il proprio umore. Inviano da 200 a 500 sms al giorno spendendo in media da 5.00 a al mese a seconda delle promozioni dei vari.. I ragazzi messaggiano perché è più facile e non devono preoccuparsi degli errori che contengono i messaggi, anzi ne sono consapevoli. Quanto all uso dei vocaboli più comuni, non se ne curano perché tra ragazzi viene usato un registro informale. Per quanto riguarda la difficoltà ad argomentare con i professori, quella esiste davvero, a tal proposito dice l insegnante di lettere che esiste una vera e propria inibizione nei confronti della persona con cui si parla. Nella lingua orale, il tono della voce, l espressione del viso, la postura sono componenti importanti che rivelano se un ragazzo ha studiato o meno perché c è coinvolgimento emotivo; nella scrittura ciò non appare e quindi i ragazzi preferiscono scrivere piuttosto che parlare.

17

18 Lavoro individuale sugli sms dal proprio punto di vista e da quello degli insegnanti. Il mio punto di vista. - Io penso che gli sms sono divertenti e utili ma secondo me, non devono diventare un ossessione come ormai lo è per molti giovani. Penso anche che l oralità conquistata dagli uomini primitivi, milioni di anni fa, non debba mai essere sostituita con degli apparecchi elettronici. Con l esperienza fatta in questo laboratorio, ho capito che gli sms sono la rete di comunicazione più diffusa al mondo, almeno in questo momento, e spero che continui ad esserlo, e mi ripeto, ma deve esserlo senza esagerare. In questo momento anche se sono picco, penso che ho capito molte cose e spero che quando sarò grande e avrò un telefonino ne farò un uso appropriato e migliore di quello che ne fanno i giovani di oggi. -Io ho pensato di non seguire le tracce dei ragazzi di oggi perché non vorrei messaggiare e perdere l abilità di parlare con un linguaggio appropriato e un lessico ricco. Le frasi dei ragazzi sono poco articolate e risultano spesso poco comprensibili. E proprio per questo che non voglio danneggiare il mio vocabolario. -Io penso che gli sms non fanno capire pienamente quello che una persona vuole dire perché messaggiare non è come parlare, quando si parla si capisce se una persona ti sta offendendo o se scherza, perché cambia il tono della voce. E poi son mi sembra molto utile perché se una professoressa interroga un alunno, questo non sa parlare bene perché non è abituato ad usare un linguaggio corretto e tecnico. Ma forse i ragazzi non se ne importano più di tanto. - A me gli sms piacciono molto perché sono corti e da grande anche io vorrei utilizzarli, e spero che capirò di più, secondo me è bene usarli perché se una persona ha difficoltà a scrivere non deve avere nessuna paura di scrivere perché gli errori si possono fare. Però forse non dobbiamo utilizzarli molto per non perdere l abitudine ad usare un linguaggio tecnico. -Secondo me questo modo di inviare messaggi potrebbe essere un po sconveniente perché se una persona si abitua a scrivere con le abbreviazioni non ne può più fare a meno e poi si usano sempre gli stessi aggettivi. Però un vantaggio c è ed è quello che si scrive molto velocemente. -Secondo me scrivere gli sms con le abbreviazioni è molto divertente e mi piacciono le faccine che sono simpaticissime. - Usare le abbreviazioni è bello così non ti stanchi a scrivere. Le faccine mi piacciono davvero molto: è un modo divertente per far capire il proprio umore. Da grande userò gli sms. - Questo modo di scrivere messaggi non mi piace! Mettere le faccine quello si, non mi piace scrivere con le abbreviazioni perché spesso chi legge non è sicuro di capire e può fraintendere. Io da grande messaggerò ma non con le abbreviazioni.

19 Comunicare senza parlare Ciao bambini, noi siamo i messaggini, ci divertiamo a scrivere sciocchezze e cose vere. Vi facciamo comunicare e nuovi amici trovare. Tanti SMS mandiamo Così ci divertiamo Arriviamo in tutto il mondo Per fare un girotondo. Messaggiare tu potrai Se le parole accorcerai Con un tasto ci invierai E gratuitamente lo farai, Ma non esagerare Altrimenti la batteria farai scaricare. Certo è bello messaggiare Ma la voce non puoi ascoltare. Triste, allegro, felice, solo la faccina te lo dice. Le faccine sono tante E conoscerle dovrai Altrimenti le emozioni non capirai. Noi siamo senza regole grammaticali Ma possiamo essere speciali, per scrivere in velocità ogni idea che per la mente ti passerà. Allena il tuo dito Così andrai spedito, ma non dimenticare che anche la voce è bella da usare. Indovinello Siamo più di cinquecento E non stiamo fermi un momento tra i ragazzi e le ragazze ci mandiamo storie pazze. Tra i bambini e le bambine Ci mandiamo le faccine, Ma con gli adulti ci annoiamo Perché niente noi facciamo. Vuoi conoscerci anche tu? Allora scrivi sempre più. (Soluzione: gli SMS)

20 Ancora filastrocche Noi siam gli SMS Siam corti e carini Noi siamo i messaggini Tra telefonini messaggi inviare, invitare, avvisare, informare Sempre scherzare Ma senza parlare. Misteriosi siamo E la grammatica non amiamo. Vantaggi ne abbiamo Ma non li conosciamo. Per comunicare poco tempo impieghiamo Perché la velocità amiamo Le abbreviazioni usiamo E così ci divertiamo. Mille messaggi da inviare Senza nulla pagare. Le nostre faccine son carine Tristi o allegre tra tutti i bambine e le bambine noi siamo famose proprio perché scherzose. Se a scuola tu sarai Messaggiare non dovrai E meno male tu starai Se la tua mamma avviserai. I messaggini sono una bella invenzione Ma mi raccomando non deve essere un esagerazione Se ci vuoi inviare Il numero del destinatario devi usare. Se vuoi avere la risposta Lascia perdere la posta. Tanti messaggini invierai Se di noi cura avrai

21 Lo sapevi che Il primo messaggio inviato risale alla fine del 1992 in Inghilterra, da personal computer, o all inizio del 1993 (in Finlandia, da cellulare) è solo con il 21 secolo che il telefono è entrato nelle consuetudini di larghe fasce di popolazione come strumento di scrittura.

22 Ragazzi ora intervistiamo le nonne! Come comunicate tra ragazzi quando eravate ragazze? Quale era il mezzo di comunicazione più diffuso? Avevate un telefono a casa vostra? Come era con i fili o senza? Come facevate per memorizzare i numeri di telefono? Se un amica era lontana come comunicavate? Se qualcuno di voi rimaneva con la macchina in panne, come facevate per chiamare i soccorsi? Se qualcuno rimaneva imbottigliato nel traffico e non poteva arrivare puntuale ad un appuntamento come facevate per avvisare? Come erano i vecchi telefoni? Adesso come comunicate? Avete un cellulare? Lo usate? Pensate che sia utile?

23 VERBALE Che giornata indimenticabile! I nonni e le nonne sono venuti a scuola ed hanno collaborato con noi rispondendo a tutte le domande che noi avevamo preparato. Quante cose ci hanno detto! E quante cose abbiamo imparato! La cosa che ci ha colpito di più è che nonostante l assenza del telefono tutti hanno detto si divertivano molto. Quando dovevano incontrarsi, bastava urlare a squarciagola dal balcone e darsi appuntamento giù in piazza o nei giardini. Spesso si sedevano sui muretti e parlavano, si scambiavano idee, raccontavano barzellette o si divertivano a giocare con la corda, a tamburelli, alla campana Si volevano molto bene tra di loro, si rispettavano, si aiutavano e collaboravano, insomma facevano cose che oggi noi non facciamo. Ad ascoltare i nostri nonni ci è venuta voglia di andare nel passato per fare le cose facevano loro alla nostra età! Un altra cosa bella era che se avevano un amica lontana si scrivevano le lettere, si raccontavano tante cose e si facevano tante confidenze. Poi se qualcuno andava al mare, mandava le cartoline a tutti gli amici. Al tempo dei nostri nonni, non tutti avevano il telefono, quelli che avevano la fortuna di avere un telefono a casa, lo usavano esclusivamente per chiamate necessarie, anche perché telefonare era costoso e non tutti potevano permettersi questo lusso. I nostri nonni quando dovevano fare una telefonata non avevano la comodità che abbiamo noi e cioè che dovunque siamo possiamo chiamare chi vogliamo con il nostro cellulare, loro a volte dovevano fare molta strada per trovare una cabina telefonica e magari fare la fila per telefonare a qualcuno che era lontano. Quasi tutti i nonni, memorizzavano i numeri di telefono, qualcuno li scriveva su una rubrica, poi i numeri di telefono non erano così lunghi! Andavano a scuola a piedi, molti ragazzi si incontravano e percorrevano insieme la strada per andare a scuola, non c erano i genitori che con le loro auto accompagnavano i figli a scuola come oggi e non restavano bloccati nel traffico perché le automobili erano poche. Abbiamo scoperto che c è anche qualche nonna audace che scrive e riceve gli sms ma solo occasionalmente, perché anche le più audaci preferiscono parlare a telefono anziché messaggiare.

24 Il mio punto di vista I. - Io credo che anche noi dovremmo evitare di diventare telefono- dipendenti, dovremmo stare più tempo con gli amici anzichè a telefono, perché stare troppo a telefono è anche dannoso pere noi, si finisce per perdere l abilità di esprimersi al meglio durante le chiacchierate con gli amici o quando si deve argomentare con persone importanti. S.- Io penso che dovremmo imparare a sfruttare meglio questo mezzo di comunicazione così importante come è il telefono. I._ Io dico che la tecnologia è bella perché noi oggi possiamo fare tante cose che i nostri nonni non potevano fare. F.- Non dobbiamo esagerare a usare questi mezzi tecnologici,dobbiamo stare attenti e comunicare di più con le persone a voce. E.- Io ho capito che la tecnologia deve andare avanti perché, si i nostri nonni conducevano una vita felice, ma piena di rischi perché non si potevano avvisare i parenti e i propri cari se succedeva qualcosa. Per questo penso che il progresso non debba essere disprezzato ma comunque usato con cautela. A. -A me gli sms piacciono molto perché sono corti e da grande anche io vorrei utilizzarli, e spero che capirò di più, secondo me è bene usarli perché se una persona ha difficoltà a scrivere non deve avere nessuna paura di scrivere perché gli errori si possono fare. Però forse non dobbiamo utilizzarli molto per non perdere l abitudine ad usare un linguaggio tecnico.

25 F. - Secondo me questo modo di inviare messaggi potrebbe essere un po sconveniente perché se una persona si abitua a scrivere con le abbreviazioni non ne può più fare a meno e poi si usano sempre gli stessi aggettivi. Però un vantaggio c è ed è quello che si scrive molto velocemente. M. -Secondo me scrivere gli sms con le abbreviazioni è molto divertente e mi piacciono le faccine che sono simpaticissime. G.- Usare le abbreviazioni è bello così non ti stanchi a scrivere. Le faccine mi piacciono davvero molto: è un modo divertente per far capire il proprio umore. Da grande userò gli sms. N. - Questo modo di scrivere messaggi non mi piace! Mettere le faccine quello si, non mi piace scrivere con le abbreviazioni perché spesso chi legge non è sicuro di capire e può fraintendere. Io da grande messaggerò ma non con le abbreviazioni.

26 Telefono a gettoni Il gettone telefonico è un disco di metallo un tempo utilizzato per il pagamento delle telefonate effettuate da telefoni pubblici. I gettoni erano comuni in Europa,...

27 In passato questa insegna faceva da cappello a tutte le cabine telefoniche e spuntava sopra i bar che disponevano di un telefono pubblico.

28 Primi telefoni cellulari apparsi sul mercato. In breve tempo la SIP diventa il primo operatore cellulare europeo per numero di abbonati.... Cellulari di nuova generazione

29

30

31

32

33

34 I NOSTRI TESTI NARRATIVI Il telefono è il protagonista principale di questi testi narrativi: Cellulari alla riscossa La grande riscossa Il telefono parlante Il telefono matto Il telefono magico Il telefonino curioso Telefolandia La storia di squillo Amici di telefono Il telefonino felice Francesco e il suo amico cellulare M.Pia e il cellulare Il telefono parlante I pad e Lorenzo Ecc.

35 Realizzato dagli alunni della IV A e IV B Le nostre storie saranno pubblicate sul sito della nostra scuola.

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un a me del cellulare piace a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un incidente è molto utile a me il cellulare piace ma me lo prendono solo a 12 anni. La cosa più bella è

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI. SCUOLA PRIMARIA N. Stigliani Classi V A e V B. Anno Scolastico 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI. SCUOLA PRIMARIA N. Stigliani Classi V A e V B. Anno Scolastico 2013/14 ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI SCUOLA PRIMARIA N. Stigliani Classi V A e V B Anno Scolastico 2013/14 Laboratorio linguistico Ins. Bifolco Rosaria COMUNICARE OGGI Nella pratica scolastica, il punto di

Dettagli

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO INTRODUZIONE Con l invenzione della stampa e il suo progressivo miglioramento la cultura e il sapere hanno potuto circolare più facilmente. Ma la storia,

Dettagli

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome Guida NetPupils Un social network è un sito che dà la possibilità alle persone di entrare in contatto e condividere informazioni. I social network si basano su quella che viene definita amicizia : concedendo

Dettagli

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag.

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag. ARGOMENTI E PAGINE Presentazione di Leo pag. 1 La TASTIERA pag. 2 Le LETTERE sulla tastiera pag. 3 I NUMERI sulla tastiera pag. 4 Il TASTIERINO NUMERICO pag. 5 La BARRA SPAZIATRICE pag. 6 I tasti che cancellano

Dettagli

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Piccoli cittadini crescono Lidia Tonelli, Scuola Primaria Calvisano INPUT: L Assessorato alla Pubblica Istruzione propone alle classi quinte un percorso di educazione

Dettagli

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Scuola Primaria Pisani Dossi Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Autori: alunni 3^B Anno scolastico 2012-2013 Il 10 maggio abbiamo incominciato questa esperienza. Ci sono 4 materie: italiano,

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR.

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco. (Confucio) Numero 3 SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Nell ultima seduta del Consiglio sono state graditissime ospiti

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

IL MINIDIZIONARIO. Tutti i diritti sono riservati.

IL MINIDIZIONARIO. Tutti i diritti sono riservati. IL MINIDIZIONARIO Tutti i diritti sono riservati. CIAO A TUTTI, IL MIO NOME È MARCO E PER LAVORO STO TUTTO IL GIORNO SU INTERNET. TEMPO FA HO AIUTATO MIA NONNA A CONNETTERSI CON SUO FIGLIO IN CANADA E

Dettagli

RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI. a.s. 2006/07. Proposta di lavoro stratificata

RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI. a.s. 2006/07. Proposta di lavoro stratificata RETE DI TREVISO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI 1 a.s. 2006/07 Attività prodotta da: Silvia Fantina- Silvia Larese- Mara Dalle Fratte. Proposta di lavoro stratificata Materiali: test ITALIANO COME LINGUA

Dettagli

ANNA LA PROVA INSEGNARE LE ABILITA SOCIALI IN 3 PASSI TECNICHE DI DIDATTICA INCLUSIVA

ANNA LA PROVA INSEGNARE LE ABILITA SOCIALI IN 3 PASSI TECNICHE DI DIDATTICA INCLUSIVA ANNA LA PROVA INSEGNARE LE ABILITA SOCIALI IN 3 PASSI TECNICHE DI DIDATTICA INCLUSIVA 1 Ciao, sono Anna La Prova e in questa breve guida ti parlerò di come promuovere le abilità sociali per realizzare

Dettagli

Costruisci il tuo mood grafico

Costruisci il tuo mood grafico Costruisci il tuo mood grafico Ciao! Magari hai un hobby creativo, oppure ti sei lanciata da poco in una nuova attività o semplicemente ti piace usare i social e vuoi crearti una tua immagine personale.

Dettagli

Ricerca attiva del lavoro

Ricerca attiva del lavoro Ricerca attiva del lavoro La ricerca attiva in tre fasi 1 3 2 CONSAPEVOLEZZA STRUMENTI INFORMAZIONI Fase 1: Consapevolezza Io cosa offro? Bilancio di competenze Strumenti: Domande individuali: cosa so

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Finalmente in volo. farescuola

Finalmente in volo. farescuola Al termine del percorso è utile ripercorrere e condividere le tracce che insieme abbiamo lasciato in questo primo anno di scuola, riflettere su quanto abbiamo vissuto e appreso per accorgerci che siamo

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui.

Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui. 2 Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui. Probabilmente ti stai chiedendo se posso aiutarti, la risposta è sì se: vuoi raccontare qualcosa di te o di quello che fai; vuoi dei testi che descrivano

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 15 Telefono cellulare e scheda prepagata In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come ricaricare il telefono cellulare con la scheda prepagata parole relative all

Dettagli

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.7 Come un e-mentor può comunicare efficacemente?

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.7 Come un e-mentor può comunicare efficacemente? Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.7 Come un e-mentor può comunicare efficacemente? Tempistica 30 40 minuti Competenze Competenza 9 capacità di usare le nuove tecnologie (e-mentoring) livello

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera Unità 12 Inviare una raccomandata In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una raccomandata

Dettagli

«Ciao, sono io!» Commento didattico

«Ciao, sono io!» Commento didattico «Ciao, sono io!» Commento didattico Cari insegnanti, con il quaderno di lavoro «Ciao, sono io!» per la scuola primaria disponete di uno strumento didattico che permette ai vostri allievi di conoscere meglio

Dettagli

1 Completate il cruciverba.

1 Completate il cruciverba. Esercizi 1 Completate il cruciverba. Orizzontali 1. Giulia scrive messaggini a tutti con il... 2. Che bello... gli amici! 3. Amo... lezione d italiano. 4. Il primo giorno di scuola conosco nuovi... Verticali

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding)

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) 2010 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text [Ring, ring] SIGNORA ROSSI: Pronto casa Rossi. CARLO: Buonasera signora

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

Scrivere nella scuola dell infanzia. Lilia Andrea Teruggi

Scrivere nella scuola dell infanzia. Lilia Andrea Teruggi Scrivere nella scuola dell infanzia Lilia Andrea Teruggi Scrivere per. Informare: Cartelli, indicazioni stradali, insegne Avvisi, comunicati, orari, bollettini Testi di carattere tecnico-scientifico Cronache,

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

IL POTERE DELLA MENTE

IL POTERE DELLA MENTE PARTE PRIMA IL POTERE DELLA MENTE Dimagrisci senza dieta_ testo.indd 1 28/02/13 09.28 Aspettati di farcela Ci sono cose che vi posso insegnare, altre che potete imparare dai libri. Ma ci sono cose che,

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INSEGNANTI CURRICOLARI: DI BONAVENTURA LAURA MARAINI

Dettagli

ANNIVERSARIO IN ARRIVO?

ANNIVERSARIO IN ARRIVO? ANNIVERSARIO IN ARRIVO? Scopri chi può aiutarti a sorprenderla! 1 CON QUESTA GUIDA SCOPRIRAI: > Perché festeggiare un anniversario di nozze > Quali sono le coppie più felici > I momenti che ricorderai

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx Prove di cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq Italiano L2 per studenti della scuola primaria wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne orale) INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine,

Dettagli

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi UN DISEGNO PER DIRE Terza tappa Il percorso Fiori per dire e raccontare prende avvio dal dono di un fiore che ogni bambino della

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine, filastrocche narrazioni ed espressioni

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo.

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo. Unità 12 Inviare una raccomandata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il Noi abbiamo fatto un progetto con il computer che è durato tanto ma è stato bellissimo, perché abbiamo fatto i disegni di una favola. Abbiamo usato un nuovo programma e Luisanna ha creato un nuovo programma

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito Vivere il Sogno Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito VIVERE IL SOGNO!!! 4 semplici passi per la TUA indipendenza finanziaria (Il Network Marketing)

Dettagli

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Quando si è trattato di definire un progetto da realizzare per la conclusione del primo anno DOL ho cercato d focalizzare le caratteristiche

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. ( Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. ( Section I Listening and Responding) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers ( Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text FE Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato. Che serata magnifica!

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Svolge i compiti secondo

Dettagli

Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini)

Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini) Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini) Come scoprire i significati della comunicazione non verbale per sedurre gli uomini. IlTuoCorso - Ermes srl Via E.De Amicis

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

L audizione dei bambini. Si parla del tuo futuro è giusto sentire anche la tua opinione. Per i bambini dai 9 anni

L audizione dei bambini. Si parla del tuo futuro è giusto sentire anche la tua opinione. Per i bambini dai 9 anni L audizione dei bambini Si parla del tuo futuro è giusto sentire anche la tua opinione Per i bambini dai 9 anni Cara mamma, caro papà, il presente opuscolo è pensato per essere letto insieme a vostro figlio.

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

I PRIMI PASSI NEL NETWORK! MARKETING!

I PRIMI PASSI NEL NETWORK! MARKETING! I PRIMI PASSI NEL NETWORK MARKETING Ciao mi chiamo Fabio Marchione abito in brianza e sono un normale padre di famiglia, vengo dal mondo della ristorazione nel quale ho lavorato per parecchi anni. Nel

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 15 Telefono cellulare e scheda prepagata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come ricaricare il telefono cellulare con la scheda prepagata parole relative

Dettagli

Guida didattica all unità 2 In libreria

Guida didattica all unità 2 In libreria Destinazione Italiano Livello 3 Guida didattica all unità 2 In libreria 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che può

Dettagli

GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI.

GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI. GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI. INDICE TUTTO SULLA TUA RUBRICA 02 COS È IL SERVIZIO RUBRICA 02 PER UTILIZZARE IL SERVIZIO 03 ALCUNE INFORMAZIONI UTILI

Dettagli

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione INGLESE COMPETENZE SPECIFICHE AL a. Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie

Dettagli

La scatola dei pensieri sparsi

La scatola dei pensieri sparsi La scatola dei pensieri sparsi In tutte le classi prime di scuola secondaria e, dunque, non solo in quella sperimentale, e stata proposta la creazione de La scatola dei pensieri sparsi(strumento anonimo).

Dettagli

Quida Esame Plida A2:

Quida Esame Plida A2: Quida Esame Plida A2: Il livello A2 ti garantisce un autonomia in situazioni comunicative elementari: a questo livello, sei in grado di dare e ricevere informazioni relative a te stesso, al luogo in cui

Dettagli