Aiuto!!! Ragazzi, mi si è accorciata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aiuto!!! Ragazzi, mi si è accorciata"

Transcript

1

2 Aiuto!!! Ragazzi, mi si è accorciata la lingua

3 MOTIVAZIONE La scrittura di messaggi attraverso il telefono cellulare (SMS Short Message Service) si è diffusa rapidamente. Allo stato attuale, gli sms rappresentano la tecnologia di comunicazione più diffusa in assoluto nel pianeta. Dato che in origine ogni messaggio non poteva superare i 160 caratteri e andava digitato premendo una o più volte i 12 tasti del cellulare, i limiti di spazio e la difficoltà (rapidità) di esecuzione sono stati considerati, fin dall inizio, le prime cause della nascita del cosiddetto linguaggio degli sms: da ciò deriva la particolare attenzione per gli espedienti brachigrafici e tachigrafici (ovvero utili per scrivere in maniera più breve e veloce). Con il telefonino non assistiamo ad un trionfo dell oralità, bensì della scrittura. Ma quale scrittura? Questo laboratorio nasce dalla curiosità di scoprire questo nuovo linguaggio, e capire il perché è così diffuso tra i ragazzi.

4 OBIETTIVI 1. Soddisfare esigenze comunicative 2. Individuare gli elementi e le caratteristiche essenziali di un messaggio 3. Orientare alla individuazione degli elementi fondamentali del testo 4. Interagire in modo efficace per chiedere e dare informazioni, per collaborare allo svolgimento di attività e per confrontare opinioni 5. Confrontare opinioni 6. Abituare a discutere ed esprimere pareri con coerenza (il punto di vista) 7. Motivare alla scrittura (scrittura creativa) 8. Utilizzare la scrittura per comunicare con gli altri 9. Scrivere per chiedere e dare informazioni e istruzioni 10. Scrivere per comunicare esperienze,idee, emozioni 11. Comprendere situazioni comunicative scritte 12. Formulare questionari. 13. Riconoscere e utilizzare convenzioni ortografiche. 14. Saper utilizzare elementi essenziali della lingua per parlare e scrivere correttamente. 15. Riflettere sul lessico 16. Scrivere racconti e filastrocche.

5 CODICE Verbale,non verbale LA COMUNICAZIONE SCOPO Motivo del messaggio MESSAGGIO Ciò che si dice EMITTENTE Colui che manda il messaggio CANALE Il mezzo con il quale si comunica RICEVENTE Colui che riceve il messaggio La comunicazione avviene quando l'emittente invia un messaggio, cioè il contenuto della comunicazione, usando un codice. Il codice è l'insieme dei segni usati per comunicare il messaggio. Il codice è inviato attraverso il canale che è il mezzo con cui viaggia il messaggio. Dal canale, il messaggio giunge al destinatario che è colui che riceve la comunicazione. Ogni comunicazione ha uno scopo: informare chiedere, consigliare, esprimere emozioni, desideri... Il codice può distintinguersi in verbale e non verbale. Il codice verbale è dato dalle parole parlate o scritte. Il codice non verbale è dato dalle immagini, dai segni e dai simboli.

6 SCOPRIRE IL LINGUAGGIO DEGLI SMS In classe abbiamo conversato a lungo sulla scelta che molti ragazzi fanno, di comunicare con gli sms. I:-Maestra mia sorella scrive di continuo sms però io non ci capisco mai niente e per questo mi piacerebbe capire il significato di quello che scrive. Maestra: - cosa vuoi capire se i ragazzi abbreviano le parole per scrivere più velocemente possibile! R. : -perché non facciamo una ricerca per scoprire il significato delle abbreviazioni, così anche noi possiamo scrivere così? Maestra: Tutti d accordo? Tutti : Si,si, si. La maestra invita tutti gli alunni a ricercare le abbreviazioni che i ragazzi e le ragazze usano per mandarsi gli sms con i telefonini cellulari. Abbiamo scritto sul quaderno tutte le abbreviazioni per gli sms. Luciana: - Ma cosa significa sms? Maestra: sms è l acronimo di short message service cioè servizio brevi messaggi.

7 Linguaggio degli sms Ecco alcuni dei più rappresentati e comuni acronimi (cioè abbreviazioni) usati negli sms

8 Contrazioni e deformazioni

9 Che bello la maestra ci ha permesso di portare i cellulari in classe!! Abbiamo provato a scrivere alcuni sms. Veramente non è stato molto facile. Però ci siamo riusciti.

10 Abbiamo ricopiato tutti i messaggi scritti sui cellulari su post.it ed abbiamo realizzato un cartellone dal titolo : Help! SMS perché non è facile comprendere tutti i messaggi!

11 Abbiamo scritto sui nostri quaderni tanti acrostici e poi abbiamo realizzato dei cartelloni

12 OSSERVAZIONI Abbiamo analizzato il linguaggio degli sms ed abbiamo notato che molto spesso le vocali vengono soppresse, molte parole vengono accorciate che la ch viene sostituita da una K, gli accenti non vengono messi, l h non c è quasi mai, i numeri vengono usati al posto delle parole (6= sei) così come alcuni simboli matematici ( + - x ), se una parola finisce con la i si toglie (ci,vi, ti.) Non sempre i messaggi si capiscono, noi stessi abbiamo scritto dei messaggi incomprensibili anche se ci siamo serviti del vocabolario degli sms,ora vogliamo capire se esiste un vero e proprio codice o se le abbreviazioni vengono personalizzate. A tal proposito abbiamo deciso di intervistare i ragazzi della Scuola Secondaria di Primo Grado G. Leopardi. Per fare ciò abbiamo dovuto chiedere l autorizzazione al Dirigente Scolastico. Così abbiamo dovuto imparare a scrivere prima le lettere: linguaggio formale linguaggio informale destinatario mittente bla bla e poi a scrivere una E mail. Per scrivere una e mail è necessario conoscere l indirizzo di posta elettronica Ecco finalmente la richiesta di autorizzazione:

13 Potenza 25 ottobre Gentilissima Preside, siamo gli alunni della IV A e IV B della Scuola Primaria N. Stigliani di Potenza. Le scriviamo per chiederle l autorizzazione ad intervistare gli alunni della II B della Scuola Secondaria di Primo Grado G. Leopardi, martedì 30 ottobre Il motivo della nostra richiesta scaturisce dall esigenza di completare un laboratorio di lingua italiana dal titolo Aiuto!!! Ragazzi mi si è accorciata la lingua. Il nostro obiettivo è quello di comprendere il linguaggio degli SMS tanto usato dai giovani. Siamo certi che vorrà accogliere la nostra richiesta. La ringraziamo già da questo momento e le porgiamo distinti saluti. Gli alunni della IV A e IV B

14 Ecco, è arrivata l autorizzazione Prot. Potenza, 29 ottobre 2012 Agli alunni della IV A e IV B Scuola Primaria N. Stigliani POTENZA Oggetto: Autorizzazione In riferimanto alla vostra richiesta di intervistare gli alunni della classe III C della Scuola Secondaria di I Grado G. Leopardi, si autorizzano le suddette classi a svolgere l attività richiesta. Il Dirigente Scolastico (Prof.ssa Anna Maria Basso)

15 Intervista agli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado G. Leopardi 1. Tra voi ragazzi, è vero che vi scambiate molti SMS? 2. Usate le abbreviazioni? 3. Avete una codice comprensibile a tutti? 4. Usate gli smile? Se si, usate i segni di punteggiatura o le faccine? 5. Quanti messaggi inviate ogni giorno? E quanti soldi spendete per inviare tanti messaggi? 6. Vi divertite di più a messaggiare o a parlare? Perché? 7. Quanto tempo impiegate per scrivere un messaggio? 8. Vi accorgete o lo sapete che nei vostri messaggi ci sono molti errori grammaticali? 9. Vi accorgete che utilizzate sempre gli stessi vocaboli e che quindi non arricchite il vostro lessico? 10. Dal momento che voi privilegiate la scrittura, anche se non proprio corretta, a danno dell oralità, vi chiediamo se avete difficoltà ad argomentare verbalmente con i vostri insegnanti e con gli amici? 11. Come scrivereste il seguente messaggio: Viva gli alunni della quarta A e della quarta B della scuola primaria Nicola Stigliani. Grazie per la collaborazione.

16 Verbale Oggi siamo andati nella classe III C della scuola G. Leopardi per fare un intervista agli alunni per approfondire l argomento degli sms e capire quanto e quando, come e dove, i ragazzi usano il telefono cellulare. Molti ragazzi hanno detto che molte abbreviazioni non corrispondono agli standard e che spesso sono personalizzate. Si fa molto uso delle faccine per esprimere il proprio umore. Inviano da 200 a 500 sms al giorno spendendo in media da 5.00 a al mese a seconda delle promozioni dei vari.. I ragazzi messaggiano perché è più facile e non devono preoccuparsi degli errori che contengono i messaggi, anzi ne sono consapevoli. Quanto all uso dei vocaboli più comuni, non se ne curano perché tra ragazzi viene usato un registro informale. Per quanto riguarda la difficoltà ad argomentare con i professori, quella esiste davvero, a tal proposito dice l insegnante di lettere che esiste una vera e propria inibizione nei confronti della persona con cui si parla. Nella lingua orale, il tono della voce, l espressione del viso, la postura sono componenti importanti che rivelano se un ragazzo ha studiato o meno perché c è coinvolgimento emotivo; nella scrittura ciò non appare e quindi i ragazzi preferiscono scrivere piuttosto che parlare.

17

18 Lavoro individuale sugli sms dal proprio punto di vista e da quello degli insegnanti. Il mio punto di vista. - Io penso che gli sms sono divertenti e utili ma secondo me, non devono diventare un ossessione come ormai lo è per molti giovani. Penso anche che l oralità conquistata dagli uomini primitivi, milioni di anni fa, non debba mai essere sostituita con degli apparecchi elettronici. Con l esperienza fatta in questo laboratorio, ho capito che gli sms sono la rete di comunicazione più diffusa al mondo, almeno in questo momento, e spero che continui ad esserlo, e mi ripeto, ma deve esserlo senza esagerare. In questo momento anche se sono picco, penso che ho capito molte cose e spero che quando sarò grande e avrò un telefonino ne farò un uso appropriato e migliore di quello che ne fanno i giovani di oggi. -Io ho pensato di non seguire le tracce dei ragazzi di oggi perché non vorrei messaggiare e perdere l abilità di parlare con un linguaggio appropriato e un lessico ricco. Le frasi dei ragazzi sono poco articolate e risultano spesso poco comprensibili. E proprio per questo che non voglio danneggiare il mio vocabolario. -Io penso che gli sms non fanno capire pienamente quello che una persona vuole dire perché messaggiare non è come parlare, quando si parla si capisce se una persona ti sta offendendo o se scherza, perché cambia il tono della voce. E poi son mi sembra molto utile perché se una professoressa interroga un alunno, questo non sa parlare bene perché non è abituato ad usare un linguaggio corretto e tecnico. Ma forse i ragazzi non se ne importano più di tanto. - A me gli sms piacciono molto perché sono corti e da grande anche io vorrei utilizzarli, e spero che capirò di più, secondo me è bene usarli perché se una persona ha difficoltà a scrivere non deve avere nessuna paura di scrivere perché gli errori si possono fare. Però forse non dobbiamo utilizzarli molto per non perdere l abitudine ad usare un linguaggio tecnico. -Secondo me questo modo di inviare messaggi potrebbe essere un po sconveniente perché se una persona si abitua a scrivere con le abbreviazioni non ne può più fare a meno e poi si usano sempre gli stessi aggettivi. Però un vantaggio c è ed è quello che si scrive molto velocemente. -Secondo me scrivere gli sms con le abbreviazioni è molto divertente e mi piacciono le faccine che sono simpaticissime. - Usare le abbreviazioni è bello così non ti stanchi a scrivere. Le faccine mi piacciono davvero molto: è un modo divertente per far capire il proprio umore. Da grande userò gli sms. - Questo modo di scrivere messaggi non mi piace! Mettere le faccine quello si, non mi piace scrivere con le abbreviazioni perché spesso chi legge non è sicuro di capire e può fraintendere. Io da grande messaggerò ma non con le abbreviazioni.

19 Comunicare senza parlare Ciao bambini, noi siamo i messaggini, ci divertiamo a scrivere sciocchezze e cose vere. Vi facciamo comunicare e nuovi amici trovare. Tanti SMS mandiamo Così ci divertiamo Arriviamo in tutto il mondo Per fare un girotondo. Messaggiare tu potrai Se le parole accorcerai Con un tasto ci invierai E gratuitamente lo farai, Ma non esagerare Altrimenti la batteria farai scaricare. Certo è bello messaggiare Ma la voce non puoi ascoltare. Triste, allegro, felice, solo la faccina te lo dice. Le faccine sono tante E conoscerle dovrai Altrimenti le emozioni non capirai. Noi siamo senza regole grammaticali Ma possiamo essere speciali, per scrivere in velocità ogni idea che per la mente ti passerà. Allena il tuo dito Così andrai spedito, ma non dimenticare che anche la voce è bella da usare. Indovinello Siamo più di cinquecento E non stiamo fermi un momento tra i ragazzi e le ragazze ci mandiamo storie pazze. Tra i bambini e le bambine Ci mandiamo le faccine, Ma con gli adulti ci annoiamo Perché niente noi facciamo. Vuoi conoscerci anche tu? Allora scrivi sempre più. (Soluzione: gli SMS)

20 Ancora filastrocche Noi siam gli SMS Siam corti e carini Noi siamo i messaggini Tra telefonini messaggi inviare, invitare, avvisare, informare Sempre scherzare Ma senza parlare. Misteriosi siamo E la grammatica non amiamo. Vantaggi ne abbiamo Ma non li conosciamo. Per comunicare poco tempo impieghiamo Perché la velocità amiamo Le abbreviazioni usiamo E così ci divertiamo. Mille messaggi da inviare Senza nulla pagare. Le nostre faccine son carine Tristi o allegre tra tutti i bambine e le bambine noi siamo famose proprio perché scherzose. Se a scuola tu sarai Messaggiare non dovrai E meno male tu starai Se la tua mamma avviserai. I messaggini sono una bella invenzione Ma mi raccomando non deve essere un esagerazione Se ci vuoi inviare Il numero del destinatario devi usare. Se vuoi avere la risposta Lascia perdere la posta. Tanti messaggini invierai Se di noi cura avrai

21 Lo sapevi che Il primo messaggio inviato risale alla fine del 1992 in Inghilterra, da personal computer, o all inizio del 1993 (in Finlandia, da cellulare) è solo con il 21 secolo che il telefono è entrato nelle consuetudini di larghe fasce di popolazione come strumento di scrittura.

22 Ragazzi ora intervistiamo le nonne! Come comunicate tra ragazzi quando eravate ragazze? Quale era il mezzo di comunicazione più diffuso? Avevate un telefono a casa vostra? Come era con i fili o senza? Come facevate per memorizzare i numeri di telefono? Se un amica era lontana come comunicavate? Se qualcuno di voi rimaneva con la macchina in panne, come facevate per chiamare i soccorsi? Se qualcuno rimaneva imbottigliato nel traffico e non poteva arrivare puntuale ad un appuntamento come facevate per avvisare? Come erano i vecchi telefoni? Adesso come comunicate? Avete un cellulare? Lo usate? Pensate che sia utile?

23 VERBALE Che giornata indimenticabile! I nonni e le nonne sono venuti a scuola ed hanno collaborato con noi rispondendo a tutte le domande che noi avevamo preparato. Quante cose ci hanno detto! E quante cose abbiamo imparato! La cosa che ci ha colpito di più è che nonostante l assenza del telefono tutti hanno detto si divertivano molto. Quando dovevano incontrarsi, bastava urlare a squarciagola dal balcone e darsi appuntamento giù in piazza o nei giardini. Spesso si sedevano sui muretti e parlavano, si scambiavano idee, raccontavano barzellette o si divertivano a giocare con la corda, a tamburelli, alla campana Si volevano molto bene tra di loro, si rispettavano, si aiutavano e collaboravano, insomma facevano cose che oggi noi non facciamo. Ad ascoltare i nostri nonni ci è venuta voglia di andare nel passato per fare le cose facevano loro alla nostra età! Un altra cosa bella era che se avevano un amica lontana si scrivevano le lettere, si raccontavano tante cose e si facevano tante confidenze. Poi se qualcuno andava al mare, mandava le cartoline a tutti gli amici. Al tempo dei nostri nonni, non tutti avevano il telefono, quelli che avevano la fortuna di avere un telefono a casa, lo usavano esclusivamente per chiamate necessarie, anche perché telefonare era costoso e non tutti potevano permettersi questo lusso. I nostri nonni quando dovevano fare una telefonata non avevano la comodità che abbiamo noi e cioè che dovunque siamo possiamo chiamare chi vogliamo con il nostro cellulare, loro a volte dovevano fare molta strada per trovare una cabina telefonica e magari fare la fila per telefonare a qualcuno che era lontano. Quasi tutti i nonni, memorizzavano i numeri di telefono, qualcuno li scriveva su una rubrica, poi i numeri di telefono non erano così lunghi! Andavano a scuola a piedi, molti ragazzi si incontravano e percorrevano insieme la strada per andare a scuola, non c erano i genitori che con le loro auto accompagnavano i figli a scuola come oggi e non restavano bloccati nel traffico perché le automobili erano poche. Abbiamo scoperto che c è anche qualche nonna audace che scrive e riceve gli sms ma solo occasionalmente, perché anche le più audaci preferiscono parlare a telefono anziché messaggiare.

24 Il mio punto di vista I. - Io credo che anche noi dovremmo evitare di diventare telefono- dipendenti, dovremmo stare più tempo con gli amici anzichè a telefono, perché stare troppo a telefono è anche dannoso pere noi, si finisce per perdere l abilità di esprimersi al meglio durante le chiacchierate con gli amici o quando si deve argomentare con persone importanti. S.- Io penso che dovremmo imparare a sfruttare meglio questo mezzo di comunicazione così importante come è il telefono. I._ Io dico che la tecnologia è bella perché noi oggi possiamo fare tante cose che i nostri nonni non potevano fare. F.- Non dobbiamo esagerare a usare questi mezzi tecnologici,dobbiamo stare attenti e comunicare di più con le persone a voce. E.- Io ho capito che la tecnologia deve andare avanti perché, si i nostri nonni conducevano una vita felice, ma piena di rischi perché non si potevano avvisare i parenti e i propri cari se succedeva qualcosa. Per questo penso che il progresso non debba essere disprezzato ma comunque usato con cautela. A. -A me gli sms piacciono molto perché sono corti e da grande anche io vorrei utilizzarli, e spero che capirò di più, secondo me è bene usarli perché se una persona ha difficoltà a scrivere non deve avere nessuna paura di scrivere perché gli errori si possono fare. Però forse non dobbiamo utilizzarli molto per non perdere l abitudine ad usare un linguaggio tecnico.

25 F. - Secondo me questo modo di inviare messaggi potrebbe essere un po sconveniente perché se una persona si abitua a scrivere con le abbreviazioni non ne può più fare a meno e poi si usano sempre gli stessi aggettivi. Però un vantaggio c è ed è quello che si scrive molto velocemente. M. -Secondo me scrivere gli sms con le abbreviazioni è molto divertente e mi piacciono le faccine che sono simpaticissime. G.- Usare le abbreviazioni è bello così non ti stanchi a scrivere. Le faccine mi piacciono davvero molto: è un modo divertente per far capire il proprio umore. Da grande userò gli sms. N. - Questo modo di scrivere messaggi non mi piace! Mettere le faccine quello si, non mi piace scrivere con le abbreviazioni perché spesso chi legge non è sicuro di capire e può fraintendere. Io da grande messaggerò ma non con le abbreviazioni.

26 Telefono a gettoni Il gettone telefonico è un disco di metallo un tempo utilizzato per il pagamento delle telefonate effettuate da telefoni pubblici. I gettoni erano comuni in Europa,...

27 In passato questa insegna faceva da cappello a tutte le cabine telefoniche e spuntava sopra i bar che disponevano di un telefono pubblico.

28 Primi telefoni cellulari apparsi sul mercato. In breve tempo la SIP diventa il primo operatore cellulare europeo per numero di abbonati.... Cellulari di nuova generazione

29

30

31

32

33

34 I NOSTRI TESTI NARRATIVI Il telefono è il protagonista principale di questi testi narrativi: Cellulari alla riscossa La grande riscossa Il telefono parlante Il telefono matto Il telefono magico Il telefonino curioso Telefolandia La storia di squillo Amici di telefono Il telefonino felice Francesco e il suo amico cellulare M.Pia e il cellulare Il telefono parlante I pad e Lorenzo Ecc.

35 Realizzato dagli alunni della IV A e IV B Le nostre storie saranno pubblicate sul sito della nostra scuola.

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

Manuale d uso. Servizio Segreteria Telefonica Memotel. per Clienti con linea Fibra

Manuale d uso. Servizio Segreteria Telefonica Memotel. per Clienti con linea Fibra Manuale d uso Servizio Segreteria Telefonica Memotel per Clienti con linea Fibra 1 INDICE 1. GUIDA AL PRIMO UTILIZZO 2. CONFIGURAZIONE SEGRETERIA 3. CONSULTAZIONE SEGRETERIA 4. NOTIFICHE MESSAGGI 5. ASCOLTO

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER (Ultimo aggiornamento 14/05/2014) 2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. INDICE INTRODUZIONE... 1 1.1. Cos è un SMS?... 1 1.2. Qual è la lunghezza di un SMS?... 1 1.3.

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

E cambiata la procedura di primo accesso al portale NoiPA, più facile e sicura!

E cambiata la procedura di primo accesso al portale NoiPA, più facile e sicura! E cambiata la procedura di primo accesso al portale NoiPA, più facile e sicura! E cambiata la procedura di primo accesso al portale NoiPA, più facile e sicura! Sei un nuovo amministrato? NoiPA - Servizi

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento!

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! GLI OGRIN Il sistema di Punti scambiabili nei servizi ANKAMA Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! Si tratta, in primo luogo, di un

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO WEB SMS

MANUALE DI UTILIZZO WEB SMS MANUALE DI UTILIZZO WEB SMS (Ultimo aggiornamento 24/08/2011) 2011 Skebby. Tutti i diritti riservati. INDICE INTRODUZIONE... 8 1.1. Cos è un SMS?... 8 1.2. Qual è la lunghezza di un SMS?... 8 1.3. Chi

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Email: cose da fare e cose da non fare

Email: cose da fare e cose da non fare OUCH! Marzo 2012 IN QUESTO NUMERO Auto-completamento Cc: / CCn: Liste di distribuzione Emozioni e privacy Email: cose da fare e cose da non fare L AUTORE DI QUESTO NUMERO Fred Kerby ha collaborato a questo

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

La www.mailsms.it. Per contattarci ass.mailsms@gmail.com. Oppure per contatto diretto 3425824000 orari ufficio DIRETTAMENTE PROGRAMMANDONE L INVIO

La www.mailsms.it. Per contattarci ass.mailsms@gmail.com. Oppure per contatto diretto 3425824000 orari ufficio DIRETTAMENTE PROGRAMMANDONE L INVIO La www.mailsms.it E lieta di presentarvi il sistema sms numero 1 in Italia Per contattarci ass.mailsms@gmail.com Oppure per contatto diretto 3425824000 orari ufficio FINALMENTE UN SISTEMA AFFIDABILE E

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO

SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO Giorni : GIOVEDI e VENERDI' Durata dell incontro : 9.30 12.30. 9.30-10.40 PARLIAMO DI GEOFISICA Il pianeta Terra e i fenomeni naturali: terremoti, vulcani, tsunami, magnetismo

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli