CARNI. RAP PAR CJARGNEL Dek ill Ceesa 2007 REDDARMY REC. & MUSICHE FURLANE FUARTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARNI. RAP PAR CJARGNEL Dek ill Ceesa 2007 REDDARMY REC. & MUSICHE FURLANE FUARTE"

Transcript

1 /dekillceesa RAP PAR CJARGNEL Dek ill Ceesa 2007 REDDARMY REC. & MUSICHE FURLANE FUARTE DI SEGUITO TROVI TUTTI I TESTI IN LINGUA ITALIANA E FRIULANA DEL DISCO D ESORDIO DI DEK ILL CEESA, IL GIOVANE RAPPER DALLA CARNIA CHE HA DATO UNA NUOVA IMPRONTA ALLA MUSICA FRIULANA Produzione esecutiva di Musiche Furlane Fuarte e Reddarmy, contiene le produzioni di Reddka, Dee-J Deo, Kappah e le collaborazioni con Giordano, Mattia C, Doro & G.I.Joe. Un disco che ha ottenuto un notevole riscontro di critica e di pubblico e che ha portato Dek sui più importanti palchi delle manifestazioni della Regione, ottenendo in ordine il Premi Friul 2006, la vittoria di Carniacanta 2007 e il terzo posto al festival internazionale Liet Lavlut in Svezia con la canzone OZ Dream estratta sempre da questo disco. TRACKLIST 01. Il Biel (Intro) 02. K D Mont 03. Cavalot e Cisa 04. Une como jei 05. Scimia 06. Par la me int 07. Vilegjant 08. Pinsiirs 09. Sot la ploja ft. Giordano 10. Sarai lì ft. Doro Gjat & G.I.Joe 11. OZ Dream

2 01. IL BIEL (INTRO) - Il bello il bièl al è tacâ di abàs cussì i tachi di partiera i monti su pa scjala pas dopo pas il bièl al iessi come la ploia ma no como un scjas con chi rivi i duri un ora tu un minût scjars il bièl al'è iessi come i mas chei atris a son stuars ma sin nou chi no sin sans il bièl al'è no iessi fuars il bièl al'è golâ ma golâ simpri impîs come i gjas l'è bièl con ca ti spieghin cemût ca son lâs i fas no àn capît che la cusiensa no si lava come i plas il bièl l'è che il cervièl - l'è morbit come il das ma sal'è chel di un Cjargnèl prova rompilu cui clas il bièl al'è partî e no savei na chi tu vas e no paja la SAF par fasi un bièl viac il bièl l'è che soi vîf e la mê lenga no tas e se no tu lu savevis cumò tu ti ses 'nacuart il bello è cominciare dal basso cosi comincio da per terra e salgo sulla scala passo dopo passo il bello è essere come la pioggia non come un temporale quando scendo duro un'ora e tu un minuto scarso il bello è essere come i matti gli altri sono storti ma siamo noi a non essere sani il bello è non essere forti il bello è cadere ma cadere sempre in piedi come i gatti è bello quando ti spiegano come sono andati fatti non hanno capito che la coscienza non si lava come i piatti il bello è che il cervello è morbido come il das ma se è quello di un Carnico, prova a romperlo a sassate il bello è partire e non sapere dove vai e non pagare la SAF, per farsi un bel viaggio il bello è che sono vivo e la mia lingua non tace e se non lo sapevi adesso te ne sei accorto

3 02. K D Mont - Quelli dai monti Chei di mont rapresentin fin ca ven gnòt si tu vùs scoltami ben senò a no mi fòt cîr di stami daûr bocjia se i tu ses bòn ma io i soi sigûr che i tu scjiampis come un visòn Con cal riva Dek Ill Ceesa par te a è ora di sparì ma con chi tu mi jodis tu l'às già a misdì cumò ti conti la mê storia no sta dimi ca è inventada senò tu podis cjapati su e tornâ a cjasa dala sera a la matina i ài tal cjâf nomo sisila insiema ai miei amîs i fumi nomo roba buina l'è dibànt che tô mâri a ti disi di stâ atent se dopo al riva Ill Ceesa e ti puarta il funk l'è dibànt che to mâri a ti disi di lâ plan sa ti sorpassa encje Vasco cul Ape dal sò pan simpri via simpri a spàs simpri cul cavalòt bass i fasi simpri il mat cui miei amîs 4 gjàs simpri via simpri cjòk simpri atòr fin nera gnòt i tegni bòt cul prodòt come Tony cul Merlòt si tu mi jòdis atòr cula mê Vespa non'd'è dùbis no io i stòi lant a una fiesta si tu às voja di vegni cun me a bevi un taj miôr chi tu vegnis cumò o no sta vegni mai lassimi in pâs con chi soi cui miei amîs e no sta meti simpri il nâs chi i sin tal gno paîs con chi voi atòr i iodi fricia di ogni banda il gno mistîr al'è il gno hobby io soi plen di pelanda chest al'è il gnò regno e chi atòr son las mês mons cui miei amîs cuatri gjas i vulin lâ fin in fòns Quelli della montagna rappresentano fino alla notte se vuoi ascoltarmi, bene, altrimenti non me ne fotte cerca di starmi dietro, piccolo, se ne sei capace ma io sono sicuro che scappi come un visone quando arriva Dek ill Ceesa per te è ora di sparire ma quando tu mi vedi ce l'hai già dritto ti racconto la mia vita tu non dirmi che è inventata seno puoi girare i tacchi e tornartene a casa dalla sera alla mattina ho in testa solo la passera e insieme ai miei amici fumo solo cose buone è inutile che tua mamma ti dica di stare attento se dopo arriva ill Ceesa, e ti porta il funk è inutile che la mamma ti dica di andare piano se ti sorpassa anche vasco, con l'ape con cui porta il pane sempre via, sempre a spasso, sempre col cavallo basso io faccio sempre il matto coi miei amici quattro gatti sempre via sempre sbronzo sempre in giro fino a notte fonda tengo botta con l'alcool come Tony col Merlot se mi incontri, in giro con la mia Vespa non ci sono dubbi io sto andando a una festa se vuoi venire con me a bere un bicchiere meglio che ci vieni adesso, o non venirci mai lasciami in pace, quando sto coi miei amici e non mettere sempre il naso, qui siamo a casa mia quando vado in giro vedo fighe da ogni parte il mio lavoro è anche il mio hobby, sono pieno di gnocche questo è il mio regno, qui in giro ci sono le mie montagne insieme ai miei amici 4 gatti vogliamo andare fino in fondo

4 03. Cavalot e Cisa - Pantaloni e siepe Di con chi soi nassut i ài il cavalòt sbassât me nôna è spaventada pal bon nòn dal parintât me mâri à ben provât a fami resonâ ma nonostante ducj chescj agns no à incjmò rivât l'unica roba che i miei a àn legalizzât è la pucia di vinacia con ca nàsin il gnò flât e che unica volta chi mi soi vistit normâl ducj a mi àn domandât cemût chi mi eri malât il prin in tal paîs a metisi i bregons cussì al veva di iessi qualchidun ma parcè propit gnò fì sa è vera cal è scrit chi vin di iessi ducj compagns metinsi ducj il pangìt come i frus di quatri agns ducj a mi cognossin cula chila simpri a bas encje as superiors a mi clamavin brigonàs cula maja slavrada e i bregons come un zagagna ioi ce gioventût brusada, no brusada a è tò agna Cun chel cavalòt e cîsa dipo fantàt tira su chel cavalòt Cun chel cavalòt e cîsa senò i cjiapi la manaria e ti pesti dut sul ciòc Cun chel cavalòt e cîsa a ditilu dal dut cun chel cjâf i tu ses brut Cun chel cavalòt e cîsa lassa che i disi a tò pari ca ti tosi come un ròc Da quando sono nato ho i pantaloni bassi mia nonna è spaventata per il buon nome della famiglia mia madre ci ha provato, a farmi ragionare ma nonostante tutti questi anni non ci è ancora riuscita l'unica cosa che i miei hanno legalizzato è la puzza d'alcool quando annusano il mio alito e l'unica volta che mi sono vestito normale tutti mi hanno chiesto, se mi ero ammalato "il primo al mio paese a mettersi i pantaloni così doveva essere qualcuno, ma perchè proprio mio figlio??" se e vero che sta scritto che dobbiamo essere tutti uguali mettiamoci tutti i pannolino come i bambini di 4 anni tutti mi conoscono col cavallo sempre basso anche a scuola mi chiamavano "pantalonacci" con la maglia enorme e i pantaloni come uno zingaro che gioventù bruciata, no bruciata è tua zia Con quel cavallo basso e quei capelli ragazzo tira su i pantaloni Con quel cavallo basso e quei capelli altrimenti prendo l'ascia e te li faccio a pezzi Con quel cavallo basso e quei capelli a dirtela tutta con quei capelli sei brutto Con quel cavallo basso e quei capelli lascia che lo dica a tuo padre che cosi ti rasa a zero Belplan l'è succedût parcè che io l'ài vulût che la cîsa mi è cressuda a un livel mai iodût me mâri no si rassegna, gnò pâri ce pretêsa àn ducj la fuarfia in man vulin tosâmi la cîsa cjala chei cjavei, ti rivin fin sui voi una sera i vegni intant chi tu duarmis e ti iu taj na vatu cun chel cjâf, no eisa ora di tajâ tròs an d'eisa come te ca van atòr cussì parâs?? iot alì ce stèrp, vutu fami resta sec? i ti ài iodut e in prin, i ài pensât cal fos un schers me nôna duta grisa, mi cjala e pò mi vîsa io no ti doi un franc si no tu tajs che cîsa!! pa strada chês vecjutas son dùtas un compliment parfin a mi domandin si fasi la permanent mi encje capitât, ca mi vetin domandât ma chei lì sono ducj tiei, no un pus iu ai comprâs X2 Pian piano è accaduto, perchè io l'ho voluto che la siepe mi è cresciuta a un livello mai visto mia madre non si rassegna, mio padre figurarsi hanno tutti una forbice in mano vogliono tagliarmela "guarda quei capelli, ti scendono fino agli occhi quanta gente c'è come te che vanno in giro in quel modo??" "guarda li che siepe, vuoi farmi rimanere secco?? appena ti ho visto ho pensato fosse uno scherzo!!" mia nonna coi capelli tutti grigi, mi guarda e mi avverte "io no ti do piu un soldo se non tagli quella siepe" per la strada le vecchiette mi fanno mille complimenti perfino mi chiedono se faccio la permanente mi è pure capitato, che mi abbiano chiesto "ma quelli sono tutti tuoi??", no un pò li ho comprati!!! X2

5 04. Une como jei - Una come lei L'unica rôba che i sai è che una como iêi no la cjatarai plui, no sai diti cemût mai se iêi si môf dùt il mont si môf cun iêi X2 Dùt al taca la buinora prest il gnò cjâf a la pensa encje si soi pognèt i la pensi tal sò jet è lì cuièta ca duàr e si insumìa di me lì cidìna tal cuièt a sà di jessi la plui buina dal puèst però iêi no si la tira par chèst ma sà che ogni òm la vularès par sè X2 L'unica rôba che i ài l'è il sò pinsîr di con chi ièvi a con chi voi a durmî no la pierdarài sigûr iêi è la lûs con che il mònt l'è plui scûr se la cjatarài i fermarai il mònt ca i stà corìnt daûr iò la strengiarài se iêi a vai iò la consolarài X2 Via pal dì voi a cjasa sô cjaminant pa strada i sinti già il sò odôr mi empla il nâs il plui bon dal mont si cognòs di lontàn cui ca l'à d'intòr viergi la puarta cencia fâ rumôr iêi mi saluda iò i sinti la sô vôs la mê vita à cjapât colôr di vuèi iò lu sai no sarai besôl X2 L'unica cosa che so è che una come lei più non troverò non so dirti perchè se lei si muove tutto il mio mondo si muove con lei X2 Tutto inizia la mattina presto la mia testa la pensa quando sono ancora sdraiato io la penso nel suo letto è li calma mentre dorme e sogna di me li silenziosa nel silenzio sa di essere la più bella del posto però lei non se la tira per questo ma sa che ogni uomo la vorrebbe tutta per sè L'unica cosa che ho è il suo pensiero da quando mi alzo a quando mi addormento non la perderò di sicuro lei è la luce quando il mio mondo si fa più scuro se la troverò io fermerò questo che le sta correndo dietro io la stringerò se lei piange io la consolerò Durante il giorno vado a casa sua camminando sulla strada sento già il suo odore mi riempie il naso è il più buono al mondo si riconosce da lontano chi lo porta addosso apro la sua porta senza far rumore e lei mi saluta, io sento la sua voce la mia vita ha ripreso colore da oggi io lo so non sarò più solo X2

6 05. Scimia - Scimmia io o o oi i ài una scimia tal cjâf io o o oi no mi lassa mai in pâs io o o oi i ài na scimia tal cjâf io o o oi a no è mai contenta fin con chi no soi disfat io o o oi i ài una scimia tal cjâf io o o oi no mi lassa mai in pâs io o o oi i ài na scimia tal cjâf io o o oi e se no tu mi crodevis cumò tu mi crodaras Di con ca mi sucèit a mi sucèit cussì i essi di cjasa e i torni dongja la dì dopo as cinc è la serada ca partis cul gno telefono cal vibra e sigûr con ca finiss al è il gno cjaf cal gira i monti in machina e i soi già content parcè che la me int a mi saluda e po mi passa un suplemènt doi tîrs di che cjartina ca brûsa encje Fu al cambia beat tant che il petardo si consuma ormai achì l'è un apuntament di ogni dì se la sera soi in coma è nomo par colpa dai spritz con che i jessi di cjasa e i voi iu in placia cui amîs i fasin duta una sagra encje si sin nomo in sîs i cjali l'orloi ma no mi fot dal timp par podeimi divertî a coventa cjarta tal tacuin con che i soi ator al'è un casin ca nol esist fai la sera cun me a buinora no tu stas impîs Un taj dopo un atri imagjnaisi vuatris il cont l'è cussi lunc che par leilu tocja sbassasi a partis un altri gir mi vosin di laiù in fons DEK BLANC O NERI?? basta cal seti bon copâri mi par che chi ti ven la flacja buta iu chel tai che usgnot si mangja cula tacia di cena butiglias di momo ca plein la schena se tu no tu mi crodis domandigji a cui cal era i smonti da machina cui voi ros come cul cloro usgnòt i soi tornat a cjasa a gjat come il Doro no sai cui cal'à dita ma l'à dita ben sigûr mai vêri vueit simpri vêri plen Ormai al'è cussì che i mi la giui ogni sera i voi tal jèt cui voi ros e la mûsa blancja come una cjandela scota fai su e dopo brûsa la papela tu leiti las istrusions io i ài imparât a scuela fradi no sta sbagliâti chì la rôba è seria i ài na scimia ca è pesanda e si rimpina su par la mê schena tant ca si rimpina mi sbrèga encje la cjamêsa si picja su pa mê cîsa e mi vôsa ta la vorêla MANDI! io o o oi ho una scimmia in testa io o o oi non mi lascia mai in pace io o o oi ho una scimmia in testa io o o oi e non è mai contenta finchè non sono disfatto io o o oi ho una scimmia in testa io o o oi non mi lascia mai in pace io o o oi ho una scimmia in testa io o o oi e se ancora non mi credevi adesso mi crederai Da quando mi succede succede così esco di casa e ci ritorno il giorno dopo alle cinque è la serata che parte col mio telefono che vibra e sicuramente quando finisce la mia testa gira salgo in macchina e sono già contento perchè la mia gente mi saluta e poi mi passa una porra due tiri dalla cartina che brucia anche Fu cambia beat mentre la canna si consuma ormai qui è un appuntamento quotidiano se la sera vado in coma è solo per colpa degli spritz quando esco di casa e scendo in piazza con gli amici facciamo sagra anche se siamo solo in sei io guardo l'orologio ma me ne fotto del tempo per divertirmi serve solo carta nel portafoglio quando sono in giro c'è un casino incredibile vieni a fare serata con me e la mattina non stai in piedi Un bicchiere dopo un altro, provate a immaginare lo scontrino è così lungo che devi chinarti per leggerlo parte un altro giro e mi urlano dal fondo Dek, bianco o nero?? basta che sia buono compare mi pare che sei un po fiappo secca quel prodotto che stasera mangiamo dal bicchiere a cena bottiglie d'alcool che piegano la tua schiena se ancora non mi credi chiedilo a chi c'era smonto dalla macchina con gli occhi rossi come con il cloro stasera sono tornato a casa a gatto come il Doro non so chi me l'ha detto ma mi ha detto bene mai bottiglia vuota sempre bottiglia piena ormai è così che me la gioco ogni sera vado a letto con gli occhi rossi e la faccia bianca come la cera grema, falla su e poi brucia la papela tu leggiti le istruzioni io ho imparato a scuola fratello non sbagliarti qui la situazione è seria ho una scimmia che è pesante e si arrampica sulla mia schiena mentre si arrampica mi strappa anche la camicia si appende sulla mia siepe e mi urla in un orecchio MANDI!

7 06. Par la me int - Per la mia gente Scarpa grosa cerviel fin chei chi son i cjargnei ma chei cjargnei no son i miei domandi ai tiei nou sin chei cula chila tai genoi che sal ven il fûc no rivin a cori iu mandaran a cjoli nou sin chei c'àn un voli tal miec dal cernêli ma la int no nus vûl crodi a disin ca nol coventa, pasiensa fasèit cencia no sarà la prima pierdita nou sin chei ca no san cemût ca era con ca nd'era miseria, altro che atòr ogni sera disin la vera i vin un visi e no una moda i nin atòr di gnòt e tornin dongja a buinora chesta è la storia dala me int che ca à memoria che di rôbas a nd'à iodudas na vôra che ca è nervôsa ma ca no vôsa e a lavora ca poca su dal paltan par rivâ simpri di sôra Par duta la me int, par chei ca mi àn capît chi la storia va indevant nou i riscjin di restâ a pît Par duta la me int e par dut il gno paîs si contin su pai deis chei ca son restas impîs Par duta la me int, par chei ca mi àn capît chi la storia va indevant ma nou no restarin a pît Par duta la me int e par dut il gno paîs l'àrbul al va frait sa va fraida la radîs Cuièt e serio io no mi fasi ilusiòns dai miei mi fasi capî come i bês dai parons nou i sin furlans no vin aria tai bregons, con chi si movin nou si môf duta la region, setu pront?? altro che rivolusion, i sin nassûs par chê e par chel no stin insom, sin int di mont che con ca vul il mont lu sposta, si con c'à voia di vei plui soreli in rosta nou sin chei ca nus dan simpri reson, si girin sodisfàs e la cjapin tai comedons a vulin bês e qualchi racomandasiòn, chi l'ostîr a l'è rivât al dîs ca è ora di fa i cons daimi qualchi solusion no si po lâ indevant, o chi tu ses un gjaul o ca ti fasin sant la int a no à capît parcè che i nin cussi plan parcè che i vin di sfuarciâ e si sfuarcia nomo pocant Scarpa grossa cervello fino, questi sono i Carnici ma quei Carnici non sono i miei, chiedilo ai tuoi noi siamo quelli col cavallo alle ginocchia che se c'è un incendio non riescono a correre li manderanno a recuperare noi siamo quelli che hanno un occhio in mezzo alla fronte ma la gente non ci vuol credere dicono che non serve, pazienza fatene senza non sarà la prima perdita noi siamo quelli che non sanno com'era quando c'era la miseria, altro che in giro tutte le sere diciamo la verità abbiamo un vizio che non è una moda andiamo in giro la notte e ritorniamo la mattina questa è la storia della mia gente che ha memoria e che di cose ne ha viste un sacco la gente che è nervosa, ma che non urla e lavora che spinge su dal fango per arrivare piu in su Per tutta la mia gente, per quelli che mi capiscono qua la storia va avanti e noi rischiamo di rimanere a piedi Per tutta la mia gente. e per tutto il mio paese si contano sulle dita quelli che son rimasti in piedi Per tutta la mia gente, per quelli che mi capiscono qua la storia va avanti, noi non resteremo a piedi Per tutta la mia gente. e per tutto il mio paese l'albero marcisce se marciscono le radici Calmo e serio, io non mi faccio illusioni dai miei mi faccio capire come i soldi dai padroni noi siamo friulani, non c'è aria nei pantaloni quando ci muoviamo noi si muove tutta la regione, sei pronto?? altro che rivoluzione, siamo nati per quella e per quello non stiamo in cima siamo gente di montagna, che quando vuole il mondo lo sposta. si quando vuole piu sole sull'argine siamo quelli che si sentono sempre dare ragione se ne vanno soddisfatti e la prendono nel culo ci vogliono soldi e qualche raccomandazione qui l'oste dice che è ora di fare i conti datemi qualche soluzione perchè cosi non si puo andare avanti o ti considerano diavolo o ti fanno santo la tua gente non ha capito perchè andiamo così piano perchè dobbiamo forzare la situazione e si forza solo spingendo

8 07. Vilegjant - Turista Vilegjànt io no l'ài cun te nomo parcè chi tu mi stàs sui cojons o parcè chi tu ses forèst io l'ài cun te parcè chi tu vegnis tu dopris tu sporcjs e tu ti lamentis di ce ca non d'è no ài voia di fa di duta l'erba un fas ma chi sigûr la situazion à alc ca no va chi al ven privilegiat cui cal riva e al sta nomo par trei cuatri o cinc dis in t'un an ti va ben di vei il lat fresc a buinora ma tu clamis i caramba se una vacja a ròna ti va ben di vei i ûs fresc a matina ma ti da fastidi il casin da las gjalìnas alora scrîf una letara al sindic e una al giornâl parcè che chi no si pò stâ l'è plui casin che in citât las vacjas no podaràn plui ronâ las gjalìnas no podaran clociâ se tu prin no tu ses rivât e cun calma no tu às pausât i ucei no podaran plui cjantâa i cristians no podaran respirâ se tu prin no tu ses rivât e cun calma no tu às parchegjât Turista, non ce l'ho con te solo perchè mi stai sulle palle o perchè vieni da fuori ce l'ho con te perchè tu vieni tu usi tu sporchi e ti lamenti di quel che non c'è non voglio fare di tutta l'erba un fascio ma sicuramente qui la situazione ha qualcosa che non va viene privilegiato chi arriva e sta qui solo per tre quattro o cinque giorni in un anno ti va bene avere il latte fresco al mattino ma poi chiami i carabinieri se una mucca muggisce ti va bene avere le uova fresche al mattino ma ti da fastidio il casino delle galline e allora scrivi una lettera al sindaco ed una al giornale perchè così non va bene c'è più casino che giù in città le mucche non potranno più muggire le galline non potranno più chiocciare prima che tu sia arrivato e con calma non ti sia rilassato e gli uccelli non potranno più cantare e gli uomini non potranno più respirare prima che tu sia arrivato e con calma tu non abbia parcheggiato

9 08. Sot la ploja - Sotto la pioggia Ti hai becada besòla su pa mê strada iàr sera a ploveva, ma si sa cencia ploja no è primavera i ti hai cjalada no tu mi parèvis vera prin di vuei no vevi mai iodût 'na rôba cusì biela scarpa cùl tac disegn infòns da schena un cûl cussì perfèt cal deviava las procesiòns di glèsia tu cjaminavis di corsa sòt la tô ombrena tant di corsa che la borsa ti è scjampada e ti colada partièra la buèra ca ti plèa l'ombrena la me man ca ti ten su tant che il tò pît a s'inciovèda io ti cjali ma cencia fâ scena tu tu ridis rossa in mûsa ma dopo tu tornis seria la portiera da tô machina si vierç io tal mieç ti domandi di impiami un sigarèt prima bocjada ---- perfèt setu sigùra dùt a puèst? plasei il gnò nòn l'è Dek (Giordano Gondolo) No questa pioggia non la scorderò perduto nei tuoi occhi io lo so questa pioggia non la scorderò mai mai mai Presentanti tu mi disis che il tò nòn a l'è Sara il nòn plui bièl dal mont se compagnât di una busada tant chi ti strengi i noti chi tu ses bagnada cussì ti domandi si tu às frèit, o voja di lâ a cjasa tu mi rispuindis che no, tu has voja di scjaldàti nin a bèvisi una roba i ti la offrisi iò l'è cussì chi sin ientrâs ta chel locâl si sin sentâs, e i vin fat buinora nomo par tabajâ il prin soreli al ieva t'un cîl net nus impensa ca sares ora par lâ tal jet è la sô lûs ca nùs scjalda fin dentri il pèt sum non d'è las cjampànas bàtin las sièt e la tô man che su par me si poja encje se il mont al gola basta che iò ti vèti dongjia vuèi par me è tacada duta un'atra storia cussì ti ài cognossùda una sera lì sot la ploja Ti ho incontrata da sola sulla mia strada ieri sera pioveva ma si sa senza pioggia non è primavera ti ho guardata non mi sembravi vera prima d'oggi non avevo mai visto una cosa così bella scarpa col tacco, tatuaggio sul fondoschiena un culo così perfetto che deviava le processioni in chiesa tu camminavi di corsa sotto il tuo ombrello così di corsa che la borsa ti è scappata è ti è caduta in terra il vento che ti piega l'ombrello la mia mano ti sostiene mentre il tuo piede inciampa io ti guardo senza scene e tu ridi arrossendo ma dopo torni seria la portiera della tua macchina si apre io in mezzo ti chiedo se hai da accendere primo tiro ---- perfetto sei sicura che va tutto bene? piacere il mio nome è Dek (Giordano Gondolo) No questa pioggia non la scorderò perduto nei tuoi occhi io lo so questa pioggia non la scorderò mai mai mai Presentandoti mi dici che il tuo nome è Sara il nome più bello al mondo se accompagnato da un bacio mentre ti stringo noto che sei tutta bagnata così ti chiedo se hai freddo o voglia di andartene a casa tu mi rispondi che no, hai voglia di scaldarti andiamo a berci una cosa te la offro io è così che siamo entrati nel locale ci siamo seduti e abbiamo fatto mattina solo parlando il primo sole sorge in un cielo limpido e ci ricorda che sarebbe ora di andarcene a letto e la sua luce che mi scalda il petto non ho sonno le campane battono le sette e la tua mano che si appoggia su di me anche se il mondo va in rovina mi basta averti accanto oggi per me è l'inizio di una nuova storia così ti ho conosciuta una sera sotto la pioggia

10 09. Pinsiirs - Pensieri La vita chi s'inflama come un furminànt e i miei pinsîrs son la rôba ca va plui plan chi dut al cjapa fûc e dopo al brûsa il fûc al art ma la lùsigna si studa io stoi cuiet tal gnò cjantòn la int a si barufa cirint di capî cemut cal gira il mont masa domandas ogniun al dîs la sô ma in fons nissun l'ha il libri culas soluzions i ai las cuffias tas vorêlas la musica mi ientra dentri e a gira libara ta las mês venas è la sera ca mi ispira, atòr pai marcjapis tant che la citât è cidina no impuarta qual cal'è il clima quaderno e pena i tachi un'altra strofa cun t'un'altra rima la gnòt a si cunsuma tra mons e cîl atu voia di sta cun me ti puarti tai miei pinsîrs Anin anin anin anin anin tai miei pinsîrs Dai ven cun me tai miei pinsîrs dai - ven cun me tai miei pinsîrs La vita si accende veloce come un fiammifero e i miei pensieri sono la cosa che va più piano qui tutto prende fuoco e poi brucia il fuoco arde ma le faville si spengono io sto calmo per i fatti miei mentre le persone litigano cercando di capire come gira sto mondo troppe domande ognuno ha la sua risposta ma in fondo nessuno ha un libro con le soluzioni ho le cuffie nelle orecchie e la musica mi entra dentro e gira libera nelle mie vene è la sera che mi ispira, in giro per i marciapiedi mentre la città tace non importa qual'è il clima fuori quaderno e penna inizio un'altra strofa con un altra rima la notte si consuma tra i monti e il cielo vuoi stare insieme a me ti porto dentro i miei pensieri andiamo andiamo andiamo andiamo andiamo dentro nei miei pensieri vieni con me nei miei pensieri dai - vieni con me nei miei pensieri Il soreli al jeva e dopo mi svèa daûr dal gnò barcon è la sô lûs ca mi incea un'altra biro si cunsuma la mê musica mi da di bevi par scombati la mê arsura Kappah cumò ti spiega la nestra pièl a è blancja ma l'anima è nera un altra suèla si cunsuma, atòr par chest asfalt cassa e rullant a son l'unica cura chi dut l'è stret ma iò i cambi misura a ches rôbas che senò si strèngin e a vadin in nuja no sta crodi a dut ce ca ti disin la cjarta à una so anima no si lassa scrivi son peraulas ca svualin tal gnò cjâf io las cjapi par las svuàlas, las stampi tal to cjâf son clâs par viergi ducj i tiei clostris prin a son pinsîrs e dopo scrìtas cul ingjostri BRIDGE Un pît dopo che l'altri la musica mi compagna pinsîrs pinsîrs pinsîrs pinsîrs Il sole nasce e mi sveglia da dietro la mia finestra la sua luce mi abbaglia un'altra biro si consuma e la mia musica mi disseta combattendo la mia arsura Kappah adesso te lo spiega la nostra pelle è bianca ma l'anima è nera un'altra suola si consuma, girovago su questo asfalto cassa e rullante sono la mia unica cura qui tutto stringe ma io cambio la taglia a quelle cose che senò si stringono e scompaiono non credere a tutto ciò che dicono la carta ha una sua anima, non si lascia scrivere sono parole che volano nella mia mente io le prendo per le ali, le stampo nella tua mente sono chiavi che aprono i tuoi lucchetti prima sono pensieri e dopo sono scritte con l'inchiostro BRIDGE un piede segue l'altro e la musica mi accompagna pensieri pensieri pensieri pensieri è la mê vita ca si sposta di una strada in che atra pinsîrs pinsîrs pinsîrs pinsîrs è la mia vita che si sposta da una strada all'altra pensieri pensieri pensieri pensieri

11 10. Sarai lì - Sarò lì Crodimi copâri la me famea è granda e si slargjia oltre il pâri e la mâri ti tabai dai miei fràdis io i sarai simpri cun lôr encje con che il mont al girarà al contrari son lor ca vegnin a salvâmi se la tiera a trima iò i ài lor par pojâmi i sarai lì se àn bisugna di mè se il gnò non lu ài sul brac il lôr lu ài dentri tal gnò pet Dee-J Deo cul campionatôr e il schermo iò G.jo e Doro cuffia lapis e quaderno par vuatris il cûr al ven fur dal gnò sterno e al bat in quatri quars come las cassas dal gnò stereo no smentei la mê int tai trei cjanai il gnò cûr si ferma se un di vualtris al vai par chest il gnò cûr al continua a bati ogni di chesta rima è par ducj vuatris mi cjatareis alì Sarai lì Se las tos gjambas no tegnin sarai li con che la ploia a tapona il soreli sarai li se ducj chei atris si pierdin si pierdin sarai li ehi ehi io i sarai li X2 Credimi fratello la mia famiglia è grande e si allarga oltre il padre e la madre ti parlo dei miei fratelli sarò sempre con loro anche se il mondo girerà al contrario sono loro che vengono a salvarmi se la terra trema io ho loro per appoggiarmi io sarò lì se hanno bisogno di me se il mio nome è scritto sul braccio il loro è dentro nel mio petto Dee-J Deo col campionatore e lo schermo io G.Jo e Doro cuffia lapis e quaderno per voi il cuore esce dallo sterno e batte in quattro quarti come le casse del mio stereo non dimentico la mia gente nelle 3 valli il mio cuore si ferma quando uno di voi piange per questo il mio cuore continua a battere ogni giorno questa rima va a tutti voi: mi troverete lì Sarò lì se le tue gambe cedono Sarò lì quando la pioggia oscura i sole Sarò lì se tutti gli altri si perdono si perdono Sarò lì X2

12 11. OZ Dream - Sogno d Australia In aeropuart, in viac come simpri un puest cal và e un âtri ca mi ven in scuìntri cumò stoi lant plui lontan che mai na che me mâri è nasùda e la me lenga no la tàbain valîs in man, financiòs cui cjans la tiera si slontana l'inclinazion dal'aereoplan cumò i ài timp par restâ sentât genoi strès -- cuintra il sedîl devant chi la lûs a samea di un atri colôr la roba che i mangj ha dut un âtri savôr encje il soreli al gira al contrari mi sinti ribaltât i provi a disilu a gnò fradi lui si gira ma no mi scolta l'è come se plan plan al stess cjapant un'âtra forma sin tal desert i ài peraulas cussì secjas ca no iessin dal gnò cuel i ài tal cjâaf un puest dunà chi soi stât ma no sai sa è veretât o si mi lu soi sumiât - sumiât OZ DREAM i ài tal cjâf un puest dunà chi soi stât ma no sai sa è veretât o si mi lu soi sumiât - a è veretat OZ DREAM Dut un colp il cernêli ca mi suda la tiera a scota l'àrbul dongja di me al brûsa tor di un fûc al'è qualchidun cal suna notas dutas insiema ca cjantin al tont di luna il savalòn, il color das mons, chi l'è dut ros come sal fos simpri il tramont i soi tal gnòt ma no soi besôl tal desert and'è una lus par ognun di lôr un vôli si vierc, chel atri ai cor daûr bel plan a si usin a duta chesta lûs mi soi sveat, cjmò pal aria italia - australia, tredis oras son pasadas me mâri ca mi cjala io chi cjali la glacia ca è tacada su par las svualas in viac, come simpri soi rivât cumò i ài capit, a è veretât in aeroporto, in viaggio come sempre un posto se ne va, un altro mi si avvicina sto andando piu lontano di sempre dove mia madre è nata e la mia lingua non la parlano valigie in mano, finanzieri coi cani la terra si allontana, l'inclinazione dell'aeroplano adesso c'è tempo per rimanere seduti ginocchia strette -- contro il sedili davanti qui la luce sembra avere un altro colore le cose che mangio hanno tutto un altro sapore anche il sole gira al contrario mi sento sottosopra e provo a dirlo a mio fratello lui si gira, ma non mi ascolta è come se pian piano lui prendesse un'altra forma siamo nel deserto e ho parole cosi secche che non riescono a uscire dalla mia gola ho in mente un posto dove sono stato ma non so se è la verità, o se l'ho solo sognato - sognato OZ DREAM ho in mente un posto dove sono stato ma non so se è la verità, o se l'ho solo sognato - è la verità OZ DREAM Tutto d un tratto, la mia fronte è sudata la terra scotta, l'albero vicino a me brucia attorno al fuoco c'è qualcuno che suona, note tutte insieme che cantano alla luna piena la sabbia, il colore delle montagne qui è tutto rosso come se fosse sempre il tramonto sono al buio ma non sono solo nel deserto c'è una luce per ognuno di loro un occhio si apre, l'altro lo rincorre pian piano si abituano a tutta questa luce mi sono svegliato, ancora in volo italia - australia, tredici ore sono passate mia madre che mi guarda io che guardo il ghiaccio che si è attaccato sulle ali in viaggio, come sempre sono arrivato finalmente ho capito, è la verità

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina Voce fuori campo: Nell ora presente,noi siamo forse alla vigilia del giorno nel quale l Austri si butterà sulla Serbia e dall ora l Austria e la Germania gettandosi sui serbi e sui russi è l Europa in

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

SCHIACCIARE DEI NUMERI

SCHIACCIARE DEI NUMERI Scuola dell'infanzia Barchetta Sezione 4 anni Ins.: Rosa Aggazio PROVIAMO AD ANDARE INDIETRO NEL TEMPO: ESTATE, MACCHINA FOTOGRAFICA E VIA ALLA RICERCA DI NUMERI! LE FOTO SONO UN OTTIMO AIUTO PER PORTARCI

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1 INDICE 1 Va bene va bene cosi... 2 2 Colpa d Alfredo... 3 3 Deviazioni... 4 4 Fegato fegato spappolato... 5 5 Vita spericolata... 7 6 Ogni volta... 8 7 Albachiara... 9 8 Bollicine... 10 9 Siamo solo noi...

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2

Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2 Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2 PRELIVELLO A1 6-8 anni PROVA N.1 Collega la parola al disegno PROVA N.2 Unisci l immagine alla parola Punteggio massimo 20 punti:

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

2. Orsoroberto I bambini ricevono la scheda numero 1, colorano l Orsoroberto e rispondono alla domanda: Come ti chiami? scrivendo il loro nome.

2. Orsoroberto I bambini ricevono la scheda numero 1, colorano l Orsoroberto e rispondono alla domanda: Come ti chiami? scrivendo il loro nome. Unità I L identità personale Contenuti - Salutarsi - Presentarsi - Parlare di sé - Famiglia - Numeri Attività Un pupazzo di nome Roberto aiuterà i bambini ad imparare l italiano, e diventerà presto la

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

Si precisa che i testi con accordi sono da intendersi esclusivamente a uso di studio, di ricerca e di divulgazione delle opere di Francesco De

Si precisa che i testi con accordi sono da intendersi esclusivamente a uso di studio, di ricerca e di divulgazione delle opere di Francesco De Alice non lo sa (1973) www.iltitanic.com - pag. 1 ,4,,4, Alice guarda i gatti e i gatti guardano nel sole ALICE RE RE4 RE mentre il mondo sta girando senza fretta. Irene al quarto piano è lì tranquilla,

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 IN GIRO PER ACQUISTI Signora Rossi: Voglio vedere una camicia per mio figlio. Commessa : Di che colore? Signora Rossi: Non so.. Commessa : Le consiglio il colore rosa. Se Suo figlio segue la moda, gli

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa 5 Lei e Lui 1 Chi fa cosa? Lavora con un compagno. Insieme guardate questa famiglia: lei, lui, un bambino e una bambina. È mattina, tutti si sono appena svegliati e si preparano per uscire. Secondo voi

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

L ESAME PER LA PATENTE

L ESAME PER LA PATENTE L ESAME PER LA PATENTE Abdelkrim.: Ciao, Mario. Mario: Ciao, Abdelkrim. Dove vai? Abdelkrim: Sono stato a fare l esame per la patente. E tu? Mario: Vado a fare i documenti perché anch io devo fare la patente.

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO DIVISI IN TRE PICCOLI GRUPPI I BAMBINI OSSERVANO E COMMENTANO L IMMAGINE A.Ajello -A.S.

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c.

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c. QUARTA MEDIA RIPASSO DI GRAMMATICA / LESSICO E FUNZIONI SCEGLI LA FORMA CORRETTA. 1. (a) Quello uomo (b) Quell'uomo (c) quel uomo è stato un famoso atleta. 2. Il mio ufficio è vicino (a) alla stazione

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

interni_benin.qxd 02/02/2007 9.52 Pagina 9

interni_benin.qxd 02/02/2007 9.52 Pagina 9 interni_benin.qxd 02/02/2007 9.52 Pagina 9 E dopo una settimana Judith ha detto: non puoi stare qui senza soldi e senza lavoro. Devi pagare il mangiare, il dormire. Devi lavorare. E per chi non ha documenti

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Lettere in classe. Percorsi didattici del TFA di area letteraria della Sapienza, a cura di Paola

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Cosa non farei per te

Cosa non farei per te Cosa non farei per te Un fotoromanzo per pensare a cura delle Peerleaders Il gruppo di amici... Paolo - 17 anni Gloria - 16 anni Andrea - 18 anni Sara - 18 anni Roberta - 16 anni Elena - 18 anni Martina

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Natale, primo pomeriggio

Natale, primo pomeriggio Natale, primo pomeriggio «Ha un nome, quell attrezzo?» «Sei sicuro che sia quello che vuoi sapere? Il nome di questo attrezzo?» «No. Per la verità era un pretesto. Voglio capire che cosa ci fa, lei, al

Dettagli

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un a me del cellulare piace a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un incidente è molto utile a me il cellulare piace ma me lo prendono solo a 12 anni. La cosa più bella è

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

- 1 reference coded [3,04% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,04% Coverage] - 1 reference coded [3,04% Coverage] Reference 1-3,04% Coverage ok, quindi qua, secondo te, è solo il vestito che identifica beh l amicizia e il modo di vestire. Voi,

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina IRINA E GIOVANNI La giornata di Irina La mia sveglia suona sempre alle 7.00 del mattino: mi alzo, vado in bagno e mi lavo, mi vesto, faccio colazione e alle 8.00 esco di casa per andare a scuola. Spesso

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli