Luca Vivan LE DROGHE E IL CONTROLLO SOCIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luca Vivan LE DROGHE E IL CONTROLLO SOCIALE"

Transcript

1 Luca Vivan LE DROGHE E IL CONTROLLO SOCIALE

2

3 Le droghe e il controllo sociale 233 INDICE DELLA TESI Introduzione 1. IL CONSUMO 1.1. La diffusione del consumo 1.2. Le caratteristiche dei consumatori, (genere, età, consumi precedenti, luogo di residenza) 1.3. Ciò che viene consumato, ovvero le sostanze (la canapa, le anfetamine, l Lsd, la cocaina, gli oppiacei, l Mdma, i funghi allucinogeni, l alcol, il tabacco, gli psicofarmaci) 2. LA CULTURA 2.1. Droghe e cultura 2.2. Droghe e religione (Un esperienza nella foresta pluviale; La Grecia antica; Il Bwiti e i culti enteogenici dell età contemporanea) 2.3. Le droghe come genere voluttuario (Il tabacco presso le popolazioni precolombiane; La noce di cola) 2.4. Le droghe e l Occidente 3. IL CONTROLLO 3.1. Il controllo delle molecole e dei corpi 3.2. Il condizionamento sottile 3.3. Il condizionamento globale 3.4. La devianza Bibliografia Webgrafia

4 234 L. VIVAN Sintesi della tesi Affrontare un discorso sulle droghe significa addentrarsi in un lato oscuro della storia. L attuale situazione mondiale non solo ha agito sul piano giudiziario, limitando o proibendo alcune sostanze psicoattive, ma ha determinato, ad un livello più sottile un ostracismo nei confronti di ogni analisi scientifica del fenomeno. Questo proibizionismo, che potremmo definire simbolico, ha di fatto affidato la stessa parola droga al monopolio dei giudizi aprioristici e semplicistici. L obbiettivo di questa tesi è invece quello di comprendere, di riportare alla luce la storia di un rapporto, quello tra l essere umano e le sostanze psicotrope. L analisi storica e antropologica concorrono nel definire un quadro in cui questa relazione mostra molteplici aspetti, permettendoci di capire non solo un altrove etnografico o temporale, ma soprattutto cosa sia ora la questione droga. Le sostanze psicoattive rivestono un ruolo non secondario nello sviluppo delle società umane. Per secoli le droghe sono state impiegate in ambito religioso e medico, legittimando e sostenendo le culture di tutto il mondo. Nella società occidentale, sotto la spinta del cristianesimo prima e dell'industrializzazione poi, è invece avvenuto un profondo cambiamento: le sostanze stupefacenti hanno perduto il loro ruolo magico-sacrale, diventando agenti farmacologici e spesso voluttuari. Il particolare potere di alterare le percezioni e i sentimenti dell'essere umano, la capacità di creare varie forme di dipendenza ha reso le droghe degli strumenti di controllo sociale, di rafforzamento dei meccanismi che permettono di rendere docili e utili gli individui. Le sostanze illegali o legali rendono possibile, infatti, una persuasione chimica che seda gli animi, che impedisce l'insubordinazione. Eppure, nello stesso momento in cui viene intaccata la sfera individuale, assistiamo ad un condizionamento generale, perché le droghe, intese come merci, sono parte di un complesso intreccio di relazioni politiche ed economiche che le rende elementi essenziali al mantenimento dello status quo mondiale. ANNO ACCADEMICO: RELATORE: Prof. Maria Turchetto CORRELATORE: Dott.ssa Donatella Cozzi

5 Le droghe e il controllo sociale 235 Capitolo terzo IL CONTROLLO La repressione sessuale, scopo ultimo di ogni sentimento e di ogni attività educativa, si compie in molte maniere. Innanzitutto con la chimica. Due volte al giorno a sua insaputa il collegiale ingerisce bromuri e sedativi la cui azione è considerata benefica anche per gli effetti collaterali: il soggetto diventa più docile, più tranquillo, la condotta in classe migliora e così pure il profitto scolastico. Vassalli Sebastiano, La notte della cometa, Giulio Einaudi editore, Torino 1984, p. 27. La proibizione delle droghe è uno dei pilastri dell attuale status quo mondiale. Oomen Joep, Una campagna contro la paura, da Fuoriluogo, La devianza contribuisce del resto ad accrescere la coesione e la solidarietà del gruppo, concentrando l attenzione comune su di un nemico interno il deviante o sul continuare a perseguire un fine comune nonostante gli attacchi a cui il gruppo è sottoposto. Cozzi Donatella, Nigris Daniele, Gesti di cura, Colibrì, Milano 1996, pp Il controllo delle molecole e dei corpi Nel secolo XIX la chimica compì straordinari progressi, le farmacie rapidamente si riempirono di medicine che contenevano sostanze psicoattive 1, reclamizzate sui giornali e vendute liberamente. Il desiderio che animava i chimici era quello di creare una panacea, un farmaco in grado di curare ogni malattia senza recare danno al corpo e allo spirito. Per secoli questo sogno si era basato su preparati vegetali, come l oppio, la canapa e le solanacee principalmente, tutte sostanze che si potevano produrre partendo da foglie, radici o fiori. L acquavite, per prima, rappresentò un nuovo modello di droga, perché non era qualcosa che si poteva ottenere da semplice fermentazione, come la birra o il vino. La distillazione da infatti origine ad un liquido con una concentrazione alcolica, che nulla ha a che fare con il contenuto 1 A metà 800 esistevano in Europa e negli USA circa preparati con formula segreta, che molto probabilmente contenevano oppio, hashish o solanacee. Cfr. Escohotado Antonio, Piccola storia delle droghe, dall antichità ai giorni nostri, Donzelli editore, Roma, 1997.

6 236 L. VIVAN zuccherino della base vegetale 2. Per dirlo in termini contemporanei, l acquavite è il primo esempio di droga sintetica. In pochi decenni vennero scoperti numerosi principi attivi: la morfina nel 1805, la codeina, altro alcaloide dell oppio, nel 1832, l atropina, principio contenuto nella belladonna, nel 1833, la caffeina nel 1841 e la cocaina nel Dai principi attivi vegetali si passò poi alla creazione di sostanze sempre più sintetiche, che aumentavano gli effetti degli alcaloidi originari. Nel 1883 la Bayer produsse l eroina, o diacetilmorfina, cinque volte più potente della morfina, venduta a partire dal 1898 come calmante della tosse e tonico fisico-mentale. Le invenzioni di nuovi preparati si susseguirono, favorite da una libertà assoluta di commercio e dalla nascente concorrenza tra le industrie farmaceutiche, che all inizio erano poco più che semplici farmacie o fabbriche di reagenti, per scopi diversi da quelli medici 3. Da una produzione domestica di sostanze stupefacenti si passò ad una produzione su vasta scala. Un tempo erano il guaritore, l erborista o la strega ad occuparsi della preparazione di infusi o preparati composti da sostanze psicotrope. Costoro sapevano dove e quando raccoglierle, secondo un preciso calendario, e sapevano come lavorarle al fine di guarire, intossicare o provocare effetti stupefattivi. A partire dal secolo XIX la guarigione e l alterazione degli stati di coscienza divennero sempre più un monopolio dei chimici e delle industrie per cui lavoravano 4. Dopo le sostanze semisintetiche, come l eroina, che comunque necessitavano di una pianta da cui estrarre i principi attivi, si giunse alla fabbricazione di farmaci come i barbiturici e l etere, creati a partire da sostanze dette precursori, molti dei quali derivati del petrolio, come la gran parte delle medicine oggi in commercio. Nascevano così a inizio 900 le droghe sintetiche 5, sostanze magari nate con l idea di sostituire i preparati naturali o semisintetici come la morfina e l eroina, ritenuti pericolosi, e che si rivelarono meno efficaci e più dannosi di questi ultimi 6. 2 Cfr. Schivelbusch Wolfgang, Storia dei generi voluttuari. Spezie, caffé, cioccolato, tabacco, alcol e altre droghe, Edizioni Bruno Mondadori, Milano, La Bayer era nata come fabbrica di colori a conduzione familiare. Furono l eroina e l aspirina, farmaco ottenuto a partire dall acetil-salicilico, principio attivo della corteccia del salice, a trasformarla in un colosso della chimica. Cfr. Escohotado Antonio, Piccola storia delle droghe, dall antichità ai giorni nostri, cit. 4 Sul tema del monopolio dell arte di guarire cfr. Szasz S. Thomas, Il mito della droga. La persecuzione rituale delle droghe dei drogati e degli spacciatori, Giangiacomo Feltrinelli Editore, Milano, I barbiturici vennero sintetizzati nel Cfr. Escohotado Antonio, Piccola storia delle droghe, dall antichità ai giorni nostri, cit. 6 Cfr. Escohotado Antonio, Piccola storia delle droghe, dall antichità ai giorni nostri, cit., Cappuccino Claudio, Dall oppio all eroina. Un maledetto imbroglio, Cox 18 Books, Milano,

7 Le droghe e il controllo sociale 237 In due secoli è avvenuta così una profonda mutazione delle droghe. Il campo ha lasciato sempre più spazio al laboratorio. La capacità di alterare le coscienze si è svincolata dal potere insito nelle piante, una forza intrinseca, una sorta di spirito in grado di possedere, per diventare oggetto, di studio e di elaborazione, analisi attenta dei processi chimici che si presume siano passibili di controllo. Allo stesso tempo però si è compiuto un cambiamento molto più profondo, una trasformazione radicale della soggettività. Attraverso un processo lungo ed articolato, un intreccio di saperi e di tecniche si è dispiegato per dare origine all individuo moderno. Un cambiamento radicale ha investito l Occidente, forze e interessi eterogenei hanno contribuito a dare forma ad una vasta opera di disciplinamento dei corpi e delle menti. La disciplina è un fiume sotterraneo che percorre la storia dell età moderna, ( ) una molteplicità di processi spesso minori, di diversa origine, a localizzazione sparsa, che si intersecano, si ripetono ( ) entrano in convergenza e disegnano, poco a poco, lo schema di un metodo generale. Li troviamo all opera, molto presto nei collegi; più tardi nelle scuole elementari; in seguito investono lentamente lo spazio ospedaliero e, in pochi decenni, ristrutturano l organizzazione militare 7. Proprio l esercito, l organizzazione umana che più necessita di un addomesticamento dei corpi, nel tentativo di aumentare l utilità e allo stesso tempo di ridurre le forze creando obbedienza, è stato lungo l età moderna e quella contemporanea luogo privilegiato della circolazione di stupefacenti. Dal tabacco all acquavite 8, dalla morfina all Lsd, i soldati sono stati e sono le cavie, consapevoli o meno, di un uso di sostanze atte a rendere sopportabile non solo un efficienza che la creazione di eserciti professionali e le armi da fuoco hanno aumentato 9, ma anche l efferatezza dei conflitti che le tecnologie e le tattiche belliche hanno reso possibile 10. Senza il ricorso massiccio alla marijuana e all eroina difficilmente possiamo spiegarci la resistenza dei soldati statunitensi in Vietnam, così come le due Guerre mondiali senza l uso di anfetamine 11. Che siano antidolorifici del corpo come gli oppiacei o stimolanti dello spirito come la benzedrina, le droghe accompagnano i massacri attraverso cui si è costituito il mondo odierno e Szasz S. Thomas, Il mito della droga. La persecuzione rituale delle droghe dei drogati e degli spacciatori, cit. 7 Foucault Michel, Sorvegliare e punire. Nascita della prigione, Giulio Einaudi editore, Torino, 1978, p Cfr. Schivelbusch Wolfgang, Storia dei generi voluttuari. Spezie, caffé, cioccolato, tabacco, alcol e altre droghe, cit. 9 Cfr. Gruppo Krisis, Manifesto contro il lavoro, DeriveApprodi, 2003, Roma. 10 Per quanto riguarda l orrore rappresentato dagli eserciti odierni, il senso di alienazione e il razionalismo del massacro, un testo di riferimento è sicuramente: Pick Daniel, La guerra nella cultura contemporanea, Editori Laterza, Bari, Cfr. Escohotado Antonio, Piccola storia delle droghe, dall antichità ai giorni nostri, cit.

8 238 L. VIVAN L esercito rappresenta un caso estremo, un organizzazione eccezionale, così come la guerra: eppure evidenzia il ruolo, occulto e rimosso, che hanno assunto nelle società contemporanee le sostanze stupefacenti nel controllare gli individui. Le droghe entrano a far parte di quell insieme di pratiche che sottendono la costruzione della norma sociale, una rotella, nemmeno troppo piccola visti i consumi e il giro di denaro 12, di quell ingranaggio definito sistema dell educazione totale 13, espressione dei Lumi, dei processi rivoluzionari e della crisi dell ancien régime. Ciò che rende sempre più necessario un controllo del corpo sociale e di quello individuale, non più attuabile solamente manu militari, dispiegando un apparato simbolico di forze repressive, è dovuto anche al crollo del tessuto comunitario, alla cosiddetta trasformazione della gemeinshaft, la comunità, in gesellshaft, la società. Ovviamente il problema del controllo e della devianza non sorge con l industrializzazione, però la modernizzazione crea un processo di trasformazione talmente rapido da spazzare via i poteri e i saperi che sono alla base delle comunità pre-industriali. In ogni società gli interessi dei vari strati e gruppi sono in conflitto tra loro. Anche nelle società più piccole, formate da poche centinaia di individui, che non conoscono nulla di simile alla struttura che noi chiamiamo Stato o alle norme codificate che noi chiamiamo leggi, uomini e donne, giovani e vecchi sani e malati non desiderano la stessa cosa allo stesso momento le società più piccole riescono a mantenere la pace sociale in virtù dell omogeneità dei valori, delle norme e delle regole morali interiorizzate, delle ridotte dimensioni dei gruppi, dell importanza dei gruppi domestici e della parentela nella loro organizzazione sociale, e infine per l assenza di significative disuguaglianze nell accesso alla tecnologia e alle risorse. 14 L urbanizzazione di milioni di contadini, la sempre minor presa dei rituali religiosi, la disuguaglianza nella distribuzione delle risorse generano nell Europa del XVIII secolo un attrito costante che necessita di apposite istituzioni preposte al controllo e di specialisti nella comminazione delle punizioni. Il caso dell Italia centro-settentrionale evidenzia come l elemento che maggiormente determina l insorgere della devianza sia proprio l isolamento degli individui. Qui si assiste ad un maggiore sviluppo del sistema manicomiale, perché oltre ad un alimentazione scarna, soprattutto a base di mais, e all inasprimento dei patti colonici, i poderi sono isolati e manca quel senso di vita comunitario tipico delle campagne del Sud 15. Una tale situazione sociale e 12 Cfr. I dati dell ONU, che si riferiscono al biennio , parlano di un giro d affari di 320 miliardi di dollari. 13 Cfr. Galzigna Mario, La malattia morale. Alle origini della psichiatria moderna, Marsilio Editori, Venezia, Cozzi Donatella, Nigris Daniele, Gesti di cura, Colibrì, Milano, 1996, p Cfr. Galzigna Mario, La malattia morale. Alle origini della psichiatria moderna, cit.

9 Le droghe e il controllo sociale 239 culturale spiega probabilmente perché sia proprio il Nord Italia la zona dove era ed è più alto il consumo di bevande alcoliche 16. Si ricorre al manicomio, ad un istituzione specifica, in cui la devianza è rinchiusa e sorvegliata, quando l azione del parroco o del gendarme non è più sufficiente ad arginare il malessere dell individuo. L anormalità, la deviazione dalla norma è infatti nel secolo XIX la follia, attorno a cui si struttura l apparato della clinica, la cui origine risale al grande internamento nel secolo XVII 17 di poveri, vagabondi e ogni tipo di soggetti pericolosi. L ancien régime anticipa il modo in cui le società contemporanee rispondono alla devianza: espulsione e sorveglianza. Il disordine deve essere sradicato dalla vita quotidiana, rivelando un atteggiamento nuovo nella storia delle culture, che evidenzia invece la capacità delle società pre-industriali di saper incanalare e ritualizzare le forze che possono rivelarsi distruttive 18. Tra tutte queste forze le più pericolose sono sicuramente quelle legate agli stati alterati di coscienza, come intuirono i padri di quella che verrà definita la rivoluzione psichedelica, Aldous Huxley, Albert Hofmann o Timothy Leary. Quando lo stato ordinario di coscienza, che garantisce l esecuzione delle normali attività e che sottende alla visione corrente del mondo muta, il potere si sente minacciato, perché a cambiare non sono solo le percezioni, ma anche la realtà che esso pretende di amministrare. Già la Chiesa nel Medioevo si era preoccupata di gestire gli stati di coscienza, negando l accesso e l uso di piante psicoattive, accettando però un periodo in cui il disordine si manifestava pubblicamente: il Carnevale. Nel XVIII e nel XIX secolo però la società europea, animata dagli ideali del razionalismo, vuole mettere sotto chiave il folle, colui che della realtà ha una percezione differente. Cambiamento decisivo che già si avverte in quella che Foucault chiama l età classica, l epoca dell assolutismo, è il controllo stesso, che si svincola sempre più dalla Chiesa, cattolica o riformata, per diventare monopolio degli stati nazionali. La follia si sottrae così alla carità cristiana e viene sottomessa alla tutela della medicina, attraverso una terapia sia di tipo morale che fisico, mediante un azione combinata sul corpo e sullo spirito 19. L uso dei farmaci per sedare, calmare, rendere mansueti ha origini lontane. Nel caso del manicomio di S.Servolo, a Venezia, l esistenza di una farmacia viene attestata già nel 1700 quando la struttura era un ospedale militare. Agli inizi dell 800, quando il luogo è ormai adibito all internamento dei folli, l uso di medicinali è molto consistente Cfr. 17 Cfr. Foucault Michel, Storia della follia nell età classica, Biblioteca Universale Rizzoli, Milano, Cfr. Coppo Piero, Etnopsichiatria, il Saggiatore, Milano, Cfr. Galzigna Mario, La malattia morale. Alle origini della psichiatria moderna, cit. 20 Cfr. ivi.

10 240 L. VIVAN Quello che cambia rispetto all ancien régime è che da ora in poi i folli non sono semplicemente reclusi, oggetto di una misura di polizia, ma individui sottoposti ad una cura. La sicurezza viene mascherata dalla pregnanza di un paradigma, dall idea che si possa guarire, che l asilo non sia pura reclusione. 21 I medicamenti rientrano allora in un discorso che assegna uno statuto differente alla devianza. Se l età classica si preoccupava di occultare, rimuovere gli elementi pericolosi, rinchiudendoli in apposite strutture, l età moderna affianca alla necessità dell internamento quello della trattabilità del soggetto internato. Il folle, l anormale, tra cui rientra il libertino e tutti coloro che troppo vistosamente hanno una sessualità non vincolata al matrimonio (la masturbazione diviene allora un grave sintomo di malattia), non devono essere solo espulsi ma curati. Le droghe diventano allora strumenti necessari, che affiancano questi processi di cura e disciplinamento, aiutano il medico a redimere il folle e farlo diventare normale. Eppure l 800 è un periodo di dialogo e scontro tra varie teorie mediche. Da una parte abbiamo individui come Esquirol, che operò nel celebre manicomio parigino della Salpêtrière, il quale considerava curabile la follia, secondo la concezione illuministica della perfettibilità dell essere umano, mentre dall altra troviamo teorie che assecondano l idea di malattia come qualcosa di innato e irreversibile. Nell ultimo filone si inserisce la scuola di Cesare Lombroso che considerava il comportamento dei singoli e dei gruppi etnici come dipendente da elementi ereditari, radicati nella biologia, pertanto non modificabile, o non in maniera sostanziale. L idea che la devianza abbia delle solide basi biologiche è oggi portata avanti da quanti cercano di trovare nel DNA le tendenze all omosessualità, all alcolismo, alla depressione, ecc. La battaglia tra le diverse teorie sulla malattia vede in fine prevalere proprio questa concezione materialista, ad affermarsi è l idea secondo cui il male abbia una sede fisica e in questo senso si sviluppa a fine 800 il modello cervellocentrico, secondo cui il sistema nervoso centrale diviene la sede dei guasti e degli squilibri legati ai traumi psicologici 22. Questo processo, che porta da una psichiatria capace di ascoltare i sintomi, come manifestazioni di un esistenza, come intreccio di relazioni, ad una psichiatria che registra i segni, riscontri obbiettivi di lesioni fisiche, si inserisce nel percorso di affermazione della medicina occidentale, la cosiddetta biomedicina Ivi, p Cfr. Coppo Piero, Etnopsichiatria, cit. 23 Cfr. Cozzi Donatella, Nigris Daniele, Gesti di cura, cit.

11 Le droghe e il controllo sociale 241 La reificazione della malattia, la ricerca delle basi fisiche delle disfunzioni, riscontrabili attraverso analisi di laboratorio, si accompagnano ad un oggettivazione del paziente stesso. La procedura scientifica occidentale tende a isolare il paziente dal suo sfondo e poi a isolare, di lui alcune parti dal tutto. L ideale di salute in Occidente è un individuo ben funzionante, capace di prestazioni per lo meno normali, produttivo, ben inserito nel contesto familiare e di gruppo ( ) Il disturbo viene considerato un guasto interno all individuo, per difetto genetico o per difetto del processo evolutivo: comunque per intrinseca debolezza. 24 I farmaci sono gli agenti di questa concezione meccanicista dell individuo. L invenzione di nuovi composti, l assoggettamento delle molecole, che segna gli ultimi due secoli, risponde al tentativo di scoprire strumenti sempre più precisi per ostacolare la diffusione della malattia, per attivare determinate reazioni e per sedare il dolore. Il controllo delle molecole è intrinsecamente legato al controllo dei corpi, sempre più concepiti come macchine, isolati da ogni contesto sociale e culturale, esseri autonomi, che assomigliano sempre più ad automi. Non solo slegato da ciò che lo circonda, ma persino dentro se stesso l individuo è scisso, in vari organi, ma soprattutto tra mente e corpo. La separazione dualista che domina ancora oggi la visione occidentale, anche se minacciata continuamente da quelle che vengono definite medicine alternative (omeopatia, floriterapia, medicina ayurvedica, agopuntura, ecc.), ha origini antiche, nella Grecia del V secolo a.c., ma in particolar modo nella religione ebrea e cristiana. Eppure il processo di affermazione dell idea che esista un corpo separato dalla mente e di quella che l individuo sia indipendente da ciò che lo circonda è recente. Nel Medioevo e nell età moderna l essere umano era inserito in un rapporto dinamico con l ambiente circostante. Non solo le malattie erano causate dal clima e dalle caratteristiche della regione abitata, ma l intero universo concorreva nella determinazione dell individuo e delle popolazioni. Si parlava allora di microcosmo per identificare la sfera umana, connessa al macrocosmo, l intero creato che si estendeva fino alle stelle e ai suoi influssi 25. L isolamento dell individuo permette di assegnare ogni responsabilità al singolo, escludendo ogni determinazione sociale nello sviluppo delle malattie. In questo modo si possono prescrivere psicofarmaci nelle favelas brasiliane, a chi soffre di nervios, termine che gli psichiatri interpretano con nervosismo generale, ma che per i locali indica disturbi psichici da fame 26. In questo caso come in altri, le sostanze psicoattive rivelano il ruolo che la biomedicina esercita all interno dei meccanismi di controllo sociale. Stabilendo per via dogmatica la 24 Coppo Piero, Etnopsichiatria, cit., p Cfr. Thomas Keith, Il declino della magia: le credenze popolari nell Inghilterra del Cinquecento e del Seicento, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, Cfr. Coppo Piero, Etnopsichiatria, cit.

12 242 L. VIVAN separazione dell individuo dal contesto, la chimica si articola come strumento di disciplinamento, sedando i mali che invece trovano la loro origine nelle dinamiche politiche e sociali. Gli psicofarmaci sono in questo senso esemplari, perché invece di rimuovere le cause dei disagi, servono unicamente a rendere sopportabile il dolore con una sorta di persuasione chimica : ottundono, sedano, ma non guariscono, non curano. Si preferisce dare ansiolitici o antidepressivi ai giovani studenti statunitensi piuttosto che esaminare le cause del loro disagio, che nasce da una società estremamente competitiva, dove mancano forme o rituali di compensazione della forte pressione sociale 27. In tal senso la medicina, come già sosteneva Thomas S. Szasz 28, ha preso il posto della religione nel tentativo di curare l anima e di riportare il peccatore, ovvero il malato, nella giusta strada, ovvero in uno stato di salute. Quest ultimo non è definito in astratto, ma è un costrutto culturale, anche se a noi, in virtù di una visione etnocentrica 29, appare come qualcosa di naturale. La concezione della salute in Occidente è determinata dalla biomedicina ed espressa in termini di funzionalità del soggetto, della sua capacità di essere attivo e partecipante 30. Le droghe psicoattive legali diventano in questo senso lo strumento cardine per permettere agli individui di mantenersi in salute e di proseguire nel ruolo di produttori e consumatori di merci, senza rimuovere i problemi che questo ruolo può determinare. Lo sviluppo impetuoso della chimica negli ultimi due secoli e la produzione di centinaia di sostanze stupefacenti ha aperto un nuovo capitolo nelle dinamiche del controllo. Nei secoli precedenti vi erano state situazioni in cui le sostanze psicoattive avevano svolto il ruolo di sedativi sociali, l alcol per primo, ma anche tutte quelle piante che mantenevano in uno stato simile alla demenza le plebi dell Europa moderna, descritte da Piero Camporesi nel suo libro, Il pane selvaggio 31. Eppure mancava sia una ricerca ed un elaborazione delle sostanze adatte come si ebbe a partire dall 800, sia una teoria medica che ponesse le basi per un trattamento specifico dei soggetti. È negli ospedali del XVIII secolo che queste basi vengono gettate, attraverso i metodi di scritturazione e documentazione 27Cfr. Pietrostefani Giorgio, Il sistema droga, Per capire le cause e punire di meno, Jaca Book, Milano, Cfr. Szasz S. Thomas, Il mito della droga. La persecuzione rituale delle droghe dei drogati e degli spacciatori, cit. 29 Etnocentrismo: atteggiamento mentale proprio di chi analizza le altre società attraverso concetti, schemi e idee che fanno parte della propria cultura nativa e che difficilmente si possono riscontare nelle altre. Un esempio di etnocentrismo è l aggettivo primitivo che gli Europei e i Nord Americani attribuiscono a popolazioni che non hanno raggiunto il nostro attuale livello di sviluppo tecnologico. La tecnica infatti rappresenta per noi un valore, o se vogliamo un parametro, estremamente importante, mentre per gli Aborigeni australiani o per gli indios dell Amazzonia essa è del tutto irrilevante. 30 Cozzi Donatella, Nigris Daniele, Gesti di cura, cit. 31 Cfr. Camporesi Piero, Il pane selvaggio, Società editrice il Mulino, Bologna, 1980.

13 Le droghe e il controllo sociale 243 che formano i registri medici, dove l individuo viene catalogato, analizzato e registrato. È lì che nasce la procedura dell esame, in cui gli individui diventano casi, costantemente monitorati, concepiti come singoli oggetti di sapere. L esame medico diventa una forma di controllo basata sulle classificazioni e le ripartizioni, che concorre a fabbricare quell individualità chiamata da Foucault cellulare 32. In tal senso è interessante notare il parallelo evolversi della scienza medica, della farmacologia, del capitalismo e della disciplina. Se il decollo economico dell Occidente è cominciato coi processi che hanno permesso l accumulazione del capitale, possiamo dire, forse, che i metodi per gestire l accumulazione degli uomini hanno permesso un decollo politico in rapporto a forme di potere tradizionali, rituali, costose, violente, che, ben presto cadute in desuetudine, sono state sostituite da una tecnologia sottile e calcolata dell assoggettamento. In effetti i due processi, accumulazione degli uomini e accumulazione del capitale, non possono venir separati ( ) la crescita di un economia capitalistica ha richiesto la modalità specifica del potere disciplinare, di cui le formule generali, i processi di assoggettamento delle forze e dei corpi, l «anatomia politica» in una parola, possono venir messe in opera attraverso regimi politici, apparati o istituzioni molto diversi tra loro 33. La medicina da un lato risponde alla necessità di osservare e registrare, di creare un sapere centralizzato e continuo attorno agli individui. Il laboratorio e l oggettività delle analisi chimiche rispondono a questa funzione di permettere una conoscenza attenta e imparziale dei soggetti. La chimica dall altro lato garantisce l esercizio della disciplina, riducendo i soggetti all obbedienza e allo stesso tempo, aumentandone l utilità. Le forze del corpo vengono infatti manipolate e dispiegate secondo una scelta ampia di composti che vanno dagli ansiolitici come il Valium che rendono docili, alle sostanze anfetaminosimili che accrescono la forza utile. Lo scopo della disciplina, intesa come tecnica di regolamentazione delle molteplicità umane, è quello di rendere l esercizio del potere il meno costoso possibile, sia economicamente, con la spesa modesta che richiede, sia politicamente, per la sua discrezione 34. In tal senso le droghe psicoattive legali sono ottimali, perché sul piano politico sono legittimate dalla medicina ufficiale, tanto da non venire considerate nemmeno sostanze stupefacenti ed essere accettate senza molte riserve da medici e pazienti, e sul piano economico rivelano una straordinaria capacità di muovere ingenti somme di denaro, garantendo profitti elevatissimi ai colossi farmaceutici Cfr. Foucault Michel, Sorvegliare e punire. Nascita della prigione, cit. 33 Ivi, pp Cfr. ivi 35 Il Prozac, uno degli antidepressivi più famosi, venne lanciato negli USA nel dicembre del Nel primo anno di vendite la società produttrice, la Elly Lilly, fatturò 125 milioni di dollari, nel 1992 raggiunse la cifra di un miliardo. Cfr. Pietrostefani Giorgio, Il sistema droga, cit.

14 244 L. VIVAN 3.2. Il condizionamento sottile Eppure la funzione di disciplinare non è svolta unicamente da quelle che possiamo definire droghe legali, gli psicofarmaci per intenderci, ma anche dalle sostanze non usate in campo medico, prima tra tutte l alcol, che, oggi come ieri, garantisce la docilità di milioni di individui. Quest ultimo non incontra certo l approvazione della scienza medica, ma neppure un ostracismo così netto, come avviene invece per tutte quelle droghe che sono illegali. Tuttavia anche le ultime sono strumenti necessari nel mantenere il cosiddetto status quo. L ecstasy e la cocaina riempiono le discoteche alla moda o i party più abusivi e marginali, i salotti dell alta borghesia come quelli dei giovani precari, assolvendo il ruolo che accomuna tutte le sostanze stupefacenti: quello di essere ( ) una garanzia contro il disadattamento personale, contro le agitazioni sociali, contro il diffondersi di idee sovversive. 36 Le droghe, come si è visto, hanno sempre svolto una funziona terapeutica, ruolo che ancora oggi perdura. Quello che è mutato, oltre ad una diversa accettazione sociale delle sostanze, è che oggi, più di ieri, la salute è l adattamento senza riserve ai dettami di una società che richiede prestanza ed efficienza, forza e determinazione 37. Il corpo, come una macchina, deve essere sempre ben oliato e funzionante, adatto a ricoprire i ruoli assegnati, in grado di competere e le droghe, qualsiasi droga, assolvono il ruolo di lubrificanti. Sedare il dolore, rendere più svegli, agevolare la comunicazione tra i sessi, permettere di sentirsi a proprio agio, è questo che viene richiesto alle piante o alla chimica. Che siano legali o illegali, le droghe sono necessarie al funzionamento della società. Le sostanze stupefacenti hanno il compito privilegiato di legare l individuo all ordine sociale, non solo sedando i disordini psichici, o rendendo iperattivi, ma anche più sottilmente, determinando una norma, un modello di comportamento che va al di là dell effetto propriamente chimico e che compete più all antropologia che alla farmacologia 38. La tazza di caffè ogni mattina e la piccola sbronza al sabato sera vincolano l individuo tanto più efficacemente alla vita comune, quanto più gli fanno piacere. 39 Condizionamenti sottili sono quelli che operano quindi le sostanze stupefacenti, non solo nel corpo, ma anche nello spirito. Sarebbe infatti troppo riduzionista 36 Huxley Aldous, Il mondo nuovo. Ritorno al mondo nuovo, Arnoldo Mondadori Editore, 1971, p Cfr. Coppo Piero, Etnopsichiatria, cit. 38 Cfr. Harris Marvin, Antropologia culturale, Zanichelli Editore, Bologna, 1990 e Schivelbusch Wolfgang, Storia dei generi voluttuari. Spezie, caffè, cioccolato, tabacco, alcol e altre droghe, cit. 39 Schivelbusch Wolfgang, Storia dei generi voluttuari. Spezie, caffè, cioccolato, tabacco, alcol e altre droghe, cit., p. X.

15 Le droghe e il controllo sociale 245 limitarsi a considerare le droghe solo come veicoli chimici di una necessità di controllo degli individui, perché esse sono pur sempre consumate all interno di schemi e rituali sociali 40, anche quando ad un osservatore distratto appaiono come puro e semplice consumo di sostanze. Il junky, così come appare nelle pagine di William Burroughs 41, o il fumatore di marijuana in Jamaica 42 appartengono a vere e proprie comunità, che se appaiono in contrasto con la società nel suo complesso, dispongono di regole e rituali precisi e codificati. L uso di droghe rafforza i vincoli che si creano all interno di queste che sono state definite controculture, contribuendo a definire dei valori e degli obbiettivi comuni. Nel caso delle società contemporanee, il termine controcultura appare però riduttivo, perché se il drogato, che sia consumatore di marijuana o di eroina, spesso ama rappresentarsi come diverso, avvalendosi di quel marchio negativo che la società gli affibia, è in fine più conformista di quanto egli non voglia ammettere 43. Infatti la volontà che soggiace al consumo di droghe non può essere ridotta ad una semplice fuga dalla realtà, o alla ricerca del piacere. Le assuefazioni, come affermava lo psichiatra David Cooper, citato da Giancarlo Arnao, in un suo libro che ha ormai più di vent anni ( ) sono in realtà dispositivi di sicurezza per stare al mondo o mantenere il minimo contatto necessario col mondo normale. 44 Il piacere che cerca la persona che assume una sostanza, per quanto multiforme e soggettivo, è sempre connesso all autostima, alla capacità di relazionarsi con gli altri 45, è quindi un desiderio di stare nel mondo in modo ottimale. Di fronte alla crisi della presenza o più semplicemente al disagio di vivere una realtà considerata spiacevole, l individuo si avvale di qualcosa che gli renda tutto più sopportabile e piacevole. In questo modo però rischia di legarsi ancora più strettamente al mondo o al modo di vivere che detesta. Non a caso già nell Ottocento era vivo il dibattito tra i vari pensatori del movimento socialista internazionale sulla funzione dell alcol all interno della classe operaia 46 : bisognava considerarlo una sorte di collante che creava identità, o piuttosto un anestetico che rendeva sopportabile il loro sfruttamento? L eco di un tale dibattito si potrà poi trovare nelle analisi sul ruolo degli stupefacenti nel determinare la crisi dei movimenti di protesta sorti 40 Cfr. Goodman Jordan, Lovejoy E. Paul, Sherrat Andrew (a cura di), Usi sacri, consumi profani, il ruolo storico e culturale delle droghe, ECIG Edizioni Culturali Internazionali Genova, Cfr. Burroughs S. William, Checca, Adelphi Edizioni, Milano, 1998 e Burroughs S. William, Appendice. Lettera di un supertossicomane da droghe pericolose, in Il pasto nudo, La Biblioteca di Repubblica, Roma, Cfr. Harris Marvin, Antropologia culturale, cit. 43 Cfr. AA.VV., Intorno al Drago, a cura di Riccardo D Este, Nautilus, Torino, Cfr. Arnao Giancarlo, Droga e potere, Savelli Editore, Milano, 1979, p Cfr. Rigliano Paolo, Piaceri drogati, Giangiacomo Feltrinelli Editore, Milano, Cfr. Engels Friedrich, La situazione della classe operaia in Inghilterra, Editori Riuniti, Roma, 1972 e Schivelbusch Wolfgang, Storia dei generi voluttuari. Spezie, caffè, cioccolato, tabacco, alcol e altre droghe, cit.

16 246 L. VIVAN negli anni 60, che nella decade successiva dovettero fronteggiare una diffusione senza pari dell eroina. Nella seconda metà degli anni 70, in Italia, l eroina si diffonde rapidamente con un numero crescente di morti, dagli 8 del 1974 si passa ai 40 del 1977, alla fine del decennio i consumatori abituali sono circa 30 mila, quasi tutti giovani e giovanissimi 47. A lungo e ancora oggi si è discusso se la diffusione di questo oppiaceo fosse in qualche modo avvenuto grazie a connivenze tra forze dell ordine e criminalità per piegare un movimento contestatario, che in Italia durava già prima del famoso Quello che emerge, però, da un confronto con il clima mentale della seconda metà degli anni 70 rivela che l eroina rappresenta più un effetto, che una causa del cosiddetto riflusso, dello scemare della spinta rivoluzionaria o fortemente riformista degli anni precedenti 49. La droga diventa allora quasi una logica conseguenza di un mancanza di significato, di un incapacità di trovare mezzi per affrontare il presente. La rivoluzione psichedelica, la ricerca degli stati alterati di coscienza come strumenti di comprensione, lascia posto ad un desiderio di anestesia, di stordimento di fronte ad un mondo che non si crede possa cambiare. In questo caso non ci troviamo di fronte ad una persuasione chimica realizzata dalla medicina, ad un uso sistematico di sostanze psicoattive prescritte da medici, ma ad un uso volontario. Il controllo sociale non è solo qualcosa che è imposto attraverso l istituzione medica, spesso sono gli stessi individui a scegliere l anestesia, a rifugiarsi in un alterità che appare loro come l unico modo di non appartenere ad una società ritenuta sbagliata. Il mito che la droga incorpori in sé un qualcosa di sovversivo, come apparivano negli anni 60 la marijuana e l Lsd, è qualcosa di sbagliato, nonché pericoloso. Se trent anni fa, fumare derivati della canapa poteva apparire un adesione a dei valori alternativi, ora appare sempre più evidente che così non è, perché chiunque ne fa uso, senza più distinzioni politiche o sociali 50. L errore che sta nel considerare la droga, tutte le droghe, come qualcosa di alternativo, sta nell occultare il significato che riveste nella nostra attuale società. Come già affermato, la droga non è qualcosa che esiste in sé e per sé, è un costrutto culturale, un veicolo potente certo, ma pur sempre un veicolo di valori, aspettative e credenze. Oggi le sostanze psicoattive, avendo perso il loro ruolo sacrale e religioso, escluse esigue minoranze di sperimentatori 51 e i già citati psicofarmaci, sono concepite unicamente come genere voluttuario, apprezzate per la loro capacità di fornire sensazioni piacevoli. Dalla canna fumata dopo la giornata di lavoro, all eroina inalata al sabato sera, passando per le sbronze moderate che molti individui si prendono durante la 47 Cfr. Crainz Guido, Il paese mancato, Donzelli Editore, Roma, Cfr. D Este Riccardo, Pagella Gabriele, Quel ramo dell ago di Narco, Quattrocentoquindici, Torino, Cfr. Crainz Guido, Il paese mancato, cit. e Ginsborg Paul, Storia d Italia dal dopoguerra a oggi. Società e politica , Giulio Einaudi editore, Torino, Cfr. Rigliano Paolo, Piaceri drogati, cit. 51 Cfr. Coppo Piero, Etnopsichiatria, cit.

17 Le droghe e il controllo sociale 247 cosiddetta ora dell aperitivo, le droghe legano milioni di persone, rendendo loro sopportabile le piccole angustie della società in cui vivono. L accomunare varie sostanze sotto l etichetta droga può apparire una forzatura, perché la parola stessa è dotata di un accezione negativa che richiama alla mente situazioni di degrado legate all eroina. Ma qui, ciò che importa non è la composizione o l effetto delle varie sostanze, ma il loro ruolo, il fatto che le droghe siano sostanze sociali 52 che, oltre il potere farmacologico, sono espressione di relazioni e significati. Gia trent anni fa Thomas S. Szasz riconosceva che la questione droga non dovesse essere analizzata unicamente con il microscopio, ma che si bisognasse indagare l elemento rituale che soggiace al consumo 53. Solo un approccio sociologico o antropologico potrebbe descrivere cosa siano le droghe nei nostri tempi, smentendo o ridimensionando le attuali visioni frutto di ideologie, che nuocciono non solo alla comprensione di un fenomeno vasto e articolato, ma che riguarda anche e soprattutto la sfera della salute umana. Ciò che qui si vuole rendere evidente è che le droghe, lungi da essere o solo un pericolo per la salute o qualcosa di bello e piacevole, sono beni di consumo attorno a cui ruotano stili di vita, mode e concezioni del mondo. Il loro pericolo non sta tanto nel provocare gravi alterazioni del metabolismo, della psiche e delle relazioni sociali, quanto nel sottovalutare proprio il loro ruolo sociale. Se molti si accorgono della droga quando la cronaca nera parla di morti per overdose di eroina o per cocktail di varie sostanze, la realtà è che la società attuale è immersa nell uso di piante e composti psicoattivi 54, che creano dipendenze non solo perché contengano una molecola piuttosto di un altra, ma perché forniscono anche un piacere che si può definire simbolico, un piacere che nasce dal consumo in sé per sé, come possono farlo del resto molte altre cose che non sono propriamente droghe, come il buon cibo, il cioccolato, il sale, il caffè o il sigaro 55. Chiaramente le droghe hanno una funzione diretta sulla sfera dell umore, ma spesso, per la maggior parte dei consumatori ciò che viene cercato è il rituale che la sostanza rende possibile. Quello che piace è l atto in sé, il simbolismo della canna fumata in compagnia, dei brindisi al bar, dell ultima sigaretta e così via. È ovvio che ci si riferisca a consumatori moderati, che sanno controllare le proprie passioni, quindi né di eroinomani né di alcolisti, ma quest ultimi sono una netta minoranza della popolazione mondiale. Le sostanze, però, possono diventare così dei passatempi, che spesso perdono il loro carattere straordinario e 52 Cfr. Goodman Jordan, Lovejoy E. Paul, Sherrat Andrew (a cura di), Usi sacri, consumi profani, il ruolo storico e culturale delle droghe, cit. 53 Cfr. Szasz S. Thomas, Il mito della droga. La persecuzione rituale delle droghe dei drogati e degli spacciatori, cit. 54 I dati dell UNODC parlano di milioni di consumatori mondiali solo per quello che riguarda le droghe illegali, ma molti di più sono i consumatori di alcolici, tabacco e psicofarmaci, ossia di droghe legali. 55 Cfr. Cappuccino Claudio, Dall oppio all eroina. Un maledetto imbroglio, cit.

18 248 L. VIVAN diventano routine. Si beve perché non c è niente di meglio da fare, si fiuta cocaina o si prende una pastiglia di ecstasy per trasformare una noiosa serata in qualcosa di speciale. Le sostanze psicoattive vengono ricercate più per la loro capacità di creare un ruolo, di determinare una funzione, un senso, che per i loro effetti psicofisici, secondo quello che Arnao chiamava un uso espressivo della droga: ( ) un modello comportamentale di uso di droga che è motivato non soltanto dalla ricerca degli effetti farmacologici della sostanza usata, ma soprattutto dell esigenza del consumatore di esprimere la sua individualità personale e/o di gruppo. 56 Quello che però rimane occulto, perché è insito in quello che Szasz chiamava il mito della droga, proprio per evidenziare l ideologizzazione del fenomeno, è che la droga vissuta in questo modo non fa che gettare il soggetto coinvolto in una ripetizione di gesti, in un automazione coatta, che alla lunga è simile a tutti quei gesti o istituzioni coercitive rispetto a cui la droga sarebbe un alternativa, un simbolo di libertà. La fuga dai ruoli imposti finisce di fatto per naufragare in un altro ruolo, che risulta essere nocivo anche più dei primi. Il controllo che viene così dispiegato è sottile, perché non ci si trova di fronte ad un drogaggio che ha lo scopo specifico di rendere mansueti o di iperstimolare l operaio o il soldato, di uno status quo imposto con la chimica. La droga garantisce l adesione alle norme sociali perché il consumo di sostanze, soddisfando immediatamente i sensi, inibisce ogni azione che non ruoti attorno ad esso. Il presente viene accettato non perché storditi di benzodiazepine, ma perché il cosiddetto sballo, ricercato con eroina, cannabis o alcol, appare come la miglior alternativa ad una realtà che ha poco da offrire. Eppure anch esso è parte del presente, del reale, l alterità del drogarsi si sgretola così di fronte al fatto che non solo è una prassi comune, basti pensare all alcol e alla marijuana, ma che le droghe, come molte altre cose oggetto di consumo, sono merci Il condizionamento globale Dietro al fenomeno della droga, oltre il suo mito, esiste la realtà concreta del mercato. L uso di droghe viene definito non a caso consumo, perché le sostanze psicoattive sono beni prodotti, distribuiti e consumati. Oltre alla persuasione chimica e al condizionamento psicologico, devono essere considerati quindi anche i vincoli economici che la droga è in grado di creare. L ideale trasgressivo e alternativo della droga tende a nascondere che il mondo dei consumatori non è più quello del bohémien dell 800 o del junky di Burroughs, e nemmeno quello degli hippies della rivoluzione psichedelica. Quello 56 Arnao Giancarlo, Droga e potere, cit., p. 88.

19 Le droghe e il controllo sociale 249 che appare come un mondo estraneo, diverso, rivela invece tutta una serie di comportamenti che rispecchiano appunto la cultura generale: ( ) non si può mancare di cogliere come siano possibili, anche in questo mondo «trasgressivo», modalità conformiste di carriera, processi di accumulazione di ricchezza e formazione gerarchica dei ruoli «produttivi» non solo nelle fasce imprenditoriali e di élite di questa specifica attività, ma anche tra coloro che ne costituiscono la base di massa. 57 L analisi economico-sociale del problema sottolinea quello che già altrove è emerso, che le droghe sono sostanze sociali, oggetti investiti di significato e, poiché inserite in un economia capitalista, di valore monetario. Anzi, le droghe illegali, a causa delle difficoltà legate alla produzione, alla distribuzione e al consumo, sono diventate delle merci che garantiscono un tasso di profitto molto più elevato rispetto a qualsiasi altro bene. Il rischio determinato dalla repressione diventa un fattore, anzi il fattore determinante, che permette alla merce droga di essere venduta al dettaglio con un prezzo che per l eroina supera di 1700 volte il costo di produzione e per la cocaina di 600 volte 58. Sostanze che di per sé avrebbero un valore ridotto, come il caffè o le sigarette, sono diventate invece le basi di un traffico internazionale che ha messo le sue radici nelle istituzioni di molti paesi, generando corruzione e violenza a livello planetario 59. Ciò che ora mi preme considerare non è però il mercato mondiale della droga, le sue diramazioni, i suoi sviluppi, ma il fatto che le sostanze stupefacenti comunemente dette, quelle illegali, siano delle merci gonfiate nel loro valore, dei beni, il cui prezzo è letteralmente drogato. I costi elevatissimi che il proibizionismo impone hanno reso la droga una merce pericolosa non solo per i tagli a cui va soggetta, ma perché obbliga i consumatori ad una situazione di precarietà che spesso sfocia nel crimine. Le droghe, anche quelle legali, oltre a rendere schiavo il soggetto attraverso la sua componente narcotica e quella emozionalerituale, finiscono così per sottometterlo maggiormente anche al contesto produttivo, non solo direttamente, attraverso la pratica sempre più diffusa dell uso di eccitanti per lavorare meglio e di più, ma anche indirettamente, attraverso il mantenimento di una fonte di reddito necessaria per poter acquistare le sostanze 60. Spesso però gli straordinari lavorativi non bastano e il crimine diviene una logica conseguenza del consumo, ingabbiando ancora di più l individuo e inserendolo 57 AA.VV., Intorno al Drago, cit., p Cfr. Pietrostefani Giorgio, Il sistema droga, Per capire le cause e punire di meno, cit. 59 Cfr. AA.VV., Intorno al Drago, cit., Arnao Giancarlo, Droga e potere, cit., Cappuccino Claudio, Dall oppio all eroina. Un maledetto imbroglio, cit., D Este Riccardo, Pagella Gabriele, Quel ramo dell ago di Narco, cit., Escohotado Antonio, Piccola storia delle droghe, dall antichità ai giorni nostri, cit. e Pietrostefani Giorgio, Il sistema droga, Per capire le cause e punire di meno, cit. 60 Cfr. D Este Riccardo, Pagella Gabriele, Quel ramo dell ago di Narco, cit.

20 250 L. VIVAN in un circuito che per quanto possa apparire estraneo alla società, si rivela invece essere spesso fondamentale per la sua riproduzione. La criminalità rafforza il sistema dominante in due modi, uno economico ed uno politico, che tendono a sostenersi vicendevolmente. La merce rubata innesca infatti un processo che muove denaro: innanzitutto il bene va ritrovato o sostituito, eventualmente interverranno le assicurazioni, ci saranno dei ricettatori e dei venditori, e il denaro del furto finirà nelle mani degli spacciatori. La droga, il cui consumo sta alla base del furto, garantisce così la circolazione delle merci e del denaro, oltre il suo stesso valore, di per sé già elevato 61. D altra parte, come evidenziava Foucault nel suo saggio sull origine del sistema penitenziario, la criminalità trova il suo ruolo all interno di una penalità che non ha lo scopo di reprimere i reati, ma quello di organizzare gli illegalismi, la trasgressione della legge per renderla utile 62. La prigione e il sistema penale favoriscono così la nascita di gruppi di delinquenti sui quali viene esercitata una sorveglianza continua, che permette di incanalare pratiche illegali come la prostituzione, il traffico d armi e di droghe per ricavarne profitto. Il traffico di armi, quello dell alcol nei paesi proibizionisti, o più recentemente quello della droga, mostreranno nello stesso modo questo funzionamento della «delinquenza utile»: l esistenza di un interdetto legale crea intorno a sé un campo di pratiche illegalistiche, sul quale si perviene ad esercitare un controllo ed a ricavare un profitto illecito, per mezzo di elementi essi pure illegalistici, ma resi maneggevoli attraverso la loro organizzazione in delinquenza. Questa è uno strumento per gestire e sfruttare gli illegalismi. 63 La droga, anche se non vi è furto, è pur sempre una merce criminogena. Lo spaccio e spesso la semplice detenzione di modiche quantità sono puniti in quasi tutti i paesi del mondo. Quello che però è colpito non è il grande traffico, ma i livelli medi e bassi della distribuzione, secondo il principio che Arnao definiva della repressione marginale 64, che incide sul traffico totale in misura minima. Le persone che vengono arrestate e condannate sono di fatto i consumatori, gli spacciatori e i corrieri, coloro che trasportano la droga dai paesi di produzione a quelli di consumo. I capi delle organizzazioni narcotrafficanti rimangono quasi sempre al loro posto. Il consumatore di sostanze illecite si trova così inserito in un meccanismo complesso che, pur fuorilegge, rafforza i processi di accumulazione e di controllo, perché muove denaro e perché è reso utile dalle forze di polizia. Non a caso Foucault parlava di momento inquietante in cui la criminalità diviene uno degli 61 Cfr. ivi. 62 Cfr. Foucault Michel, Sorvegliare e punire. Nascita della prigione, cit. 63 Ivi, p Cfr. Arnao Giancarlo, Droga e potere, cit.

redditizia della criminalità organizzata, il tentativo di stroncarla è ancora in fase di estenuante lavoro, aggravato anche dalle complicità e

redditizia della criminalità organizzata, il tentativo di stroncarla è ancora in fase di estenuante lavoro, aggravato anche dalle complicità e LA DROGA La diffusione del fenomeno droga ha assunto dimensioni allarmanti. Quali le cause di questo gravissimo male della società moderna? Quali possibili rimedi? Bisogna considerare il drogato un reo

Dettagli

Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale

Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale Psicologia di comunità La Psicologia di comunità nasce nel 1965 in America, ad opera di docenti universitari

Dettagli

M. FOUCAULT (1926 1984) Nascita della clinica (1963) Storia della follia (1961) Sorvegliare e punire (1975) La volontà di sapere (1976)

M. FOUCAULT (1926 1984) Nascita della clinica (1963) Storia della follia (1961) Sorvegliare e punire (1975) La volontà di sapere (1976) M. FOUCAULT (1926 1984) Nascita della clinica (1963) Storia della follia (1961) Sorvegliare e punire (1975) La volontà di sapere (1976) Sorvegliare e punire Nascita della prigione Il testo ha come protagonista

Dettagli

01 La dipendenza: aspetti generali 2

01 La dipendenza: aspetti generali 2 VI Sommario Parte prima Che cos è la dipendenza Non tutte le dipendenze sono uguali: si può dipendere da una sostanza, da una persona, da un comportamento. Il risultato, comunque, è sempre lo stesso: l

Dettagli

D a luglio 2015 in Parlamento è stata presentata da un

D a luglio 2015 in Parlamento è stata presentata da un D a luglio 2015 in Parlamento è stata presentata da un intergruppo formato da oltre 200 parlamentari di tutti i partiti, una proposta di legalizzazione della cannabis e dei suoi derivati. Una proposta

Dettagli

Istituto Santelia Cantù

Istituto Santelia Cantù 30 gennaio 2012; primo incontro (Riccardo) Istituto Santelia Cantù Classe 1 f liceo scientifico Brain storming DIPENDENZA: droga, alcool, farsi figo, fumare, monotonia, dimenticare, gioco, isolamento,

Dettagli

LA VERITÀ SULLA DROGA DI RICCARDO CURIN. Ogni anno la DROGA distrugge e rovina milioni di vite. Cosa dovresti sapere al riguardo?

LA VERITÀ SULLA DROGA DI RICCARDO CURIN. Ogni anno la DROGA distrugge e rovina milioni di vite. Cosa dovresti sapere al riguardo? LA VERITÀ SULLA DROGA Ogni anno la DROGA distrugge e rovina milioni di vite. Cosa dovresti sapere al riguardo? Che cosa è Per DROGA si intende una sostanza di origine naturale o artificiale che modifica

Dettagli

LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso

LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso in genere agiscono sulle sinapsi, alterando la trasmissione dell impulso nervoso e provocando

Dettagli

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI Roma, 26 Giugno 2008 Nel 2007 la coltivazione di papavero da oppio a livello

Dettagli

LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE

LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE Pesaro, 14 ottobre 2005 LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE Marco Saettoni Università di Pisa Dipartimento di Psichiatria, FNB Scuola di Psicoterapia Cognitiva Grosseto PROGRAMMA Premesse generali:

Dettagli

Adolescenza e Droga. dr.giuseppe Mascarella

Adolescenza e Droga. dr.giuseppe Mascarella Adolescenza e Droga dr.giuseppe Mascarella L uso di droghe è una scelta individuale a cui concorrono fattori personali ed ambientali Prima di operare una scelta è bene conoscere le due facce della medaglia

Dettagli

ADOLESCENTI E COMPORTAMENTI A RISCHIO. A cura di Marina Giampietro Università Cattolica del Sacro Cuore Milano

ADOLESCENTI E COMPORTAMENTI A RISCHIO. A cura di Marina Giampietro Università Cattolica del Sacro Cuore Milano ADOLESCENTI E COMPORTAMENTI A RISCHIO A cura di Marina Giampietro Università Cattolica del Sacro Cuore Milano Una nuova rappresentazione dell adolescenza Furia di ormoni? Condizione di disagio e sofferenza?

Dettagli

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA ANNI 50 60: GLI INIZI DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE Anni 50 non diffuse Elite Anni 60 diffusione

Dettagli

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com La dipendenza psicologica Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com E una condizione in cui il consumatore ha bisogno di assumere frequentemente una sostanza:

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

Sociologia Giuridica della devianza e del mutamento sociale. Indice

Sociologia Giuridica della devianza e del mutamento sociale. Indice INSEGNAMENTO DI SOCIOLOGIA GIURIDICA DELLA DEVIANZA E DEL MUTAMENTO SOCIALE LEZIONE IV LA DEVIANZA COME COSTRUZIONE SOCIALE PROF. ALFREDO GRADO Indice 1 L importanza dei paradigmi costruzionisti ---------------------------------------------------------

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

Cap. III - Perché le persone assumono droghe - Vettorato G. Psicosociologia della tossicodipendenza. (Montagne e Scott)

Cap. III - Perché le persone assumono droghe - Vettorato G. Psicosociologia della tossicodipendenza. (Montagne e Scott) Le persone normalmente assumono delle droghe per stare bene; gli stati alterati di coscienza sono sempre stati ricercati con o senza l ausilio delle droghe; il piacere e le gratificazioni che derivano

Dettagli

NON FARTI DI SOSTANZE FATTI LA TUA VITA!

NON FARTI DI SOSTANZE FATTI LA TUA VITA! S E R T P R O M E C O I.T.C. V. BACHELET FERRARA 2010-2011 NON FARTI DI SOSTANZE FATTI LA TUA VITA! I N T R O D U Z I O N E Cosa sono le droge? Qualsiasi sostanza vegetale o chimica ad azione eccitante,

Dettagli

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini Partecipa alla ricerca on line sull'alcolismo, potrai usare i dati immediatamente.seleziona l'immagine per entrare. CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

Giuliano Vettorato INTRODUZIONE ALLA PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA

Giuliano Vettorato INTRODUZIONE ALLA PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA Giuliano Vettorato Eb1221 INTRODUZIONE ALLA PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA CAP I Approccio globale al problema (modello sistemico) Fattori sociali Fattori psicologici Fattori psicopatologici Sistema

Dettagli

Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile

Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile Adolescenti, dipendenza da internet, gioco e possibili strategie preventive di scuola e famiglia Carlo Cenedese SerDAzienda ULSS 7 Regione

Dettagli

DIPENDENZA DA DROGHE O TOSSICODIPENDENZA

DIPENDENZA DA DROGHE O TOSSICODIPENDENZA DIPENDENZA DA DROGHE O TOSSICODIPENDENZA L Organizzazione Mondiale della Salute ha definito la tossicodipendenza come uno stato di intossicazione periodico o cronico generato dal consumo ripetuto di una

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e il consumo di droghe leggere.

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e il consumo di droghe leggere. OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e il consumo di droghe leggere. Il Gazzettino, 07.06.2011 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Dott. Giuseppe Giubbarelli Medico del lavoro UO Medicina del lavoro Ospedale di Sassuolo Cosa sono le droghe Sostanze : Psicoattive :(agiscono

Dettagli

Cannabis. Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica. Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California

Cannabis. Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica. Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California Cannabis Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California Marijuana: che cos è? La marijuana è ricavata dalle foglie e

Dettagli

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA DIPENDENZA DA FUMO Il tabagismo è l'abitudine o dipendenza dal fumo di tabacco a cui consegue un'intossicazione di tipo cronico DEFINIZIONE DI DIPENDENZA Per dipendenza si intende una alterazione del comportamento

Dettagli

Progetto Alcol: andiamoci piano 2014

Progetto Alcol: andiamoci piano 2014 Ser.T. A.S.L. TO 4 Settimo Torinese Istituti Superiori 8 Marzo Galileo Ferraris Progetto Alcol: andiamoci piano 2014 Questionario Maschio Femmina Età. 1) Nel tuo gruppo di amici quali sono i criteri per

Dettagli

ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI

ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI ANNO 2010 EUROPA ITALIA ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI Bere a rischio pari al 15% della polazione ovvero a 55 milioni di persone compresi i Binge drinkers, 23 milioni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CENTO, PISAPIA, BUFFO, DE BENETTI, NARDINI, RUZ- ZANTE, SARACENI, SCALIA, TURRONI, VENDOLA, BIELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CENTO, PISAPIA, BUFFO, DE BENETTI, NARDINI, RUZ- ZANTE, SARACENI, SCALIA, TURRONI, VENDOLA, BIELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1973 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CENTO, PISAPIA, BUFFO, DE BENETTI, NARDINI, RUZ- ZANTE, SARACENI, SCALIA, TURRONI, VENDOLA,

Dettagli

ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO

ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO Valentina Di Mario INTRODUZIONE L uso di bevande alcoliche è da lungo tempo considerato un fattore di rischio per la salute pubblica. Il significato

Dettagli

Mappa dell impatto delle droghe sulla salute pubblica in un mercato europeo in evoluzione

Mappa dell impatto delle droghe sulla salute pubblica in un mercato europeo in evoluzione Sintesi Mappa dell impatto delle droghe sulla salute pubblica in un mercato europeo in evoluzione Le principali conclusioni della nuova analisi dell EMCDDA sul problema europeo della droga restano coerenti

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

A cura di A. Bregantin

A cura di A. Bregantin Morale - Etica Morale insieme dei criteri che giudicano dell agire del singolo sotto il profilo della sua intenzionalità e del suo rapporto alla coscienza come luogo della responsabilità interiore moralità

Dettagli

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO ---------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL GIUSRAZIONALISMO CRISTIANO

Dettagli

Viene pubblicata oggi la relazione europea sulla droga Il problema delle droghe in Europa è sempre più complesso

Viene pubblicata oggi la relazione europea sulla droga Il problema delle droghe in Europa è sempre più complesso LA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN UN MERCATO EUROPEO IN CAMBIAMENTO ANALISI 2014 Viene pubblicata oggi la relazione europea sulla droga Il problema delle droghe in Europa è sempre più complesso (27.5.2014,

Dettagli

SUBS-SR Ultimo Mese VERSIONE GIUGNO, 2003

SUBS-SR Ultimo Mese VERSIONE GIUGNO, 2003 SUBS-SR Ultimo Mese VERSIONE GIUGNO, 2003 Istruzioni Le domande che seguono si riferiscono a situazioni che possono essersi verificate nel corso dell ultimo mese. La preghiamo di rispondere a tutte le

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro.

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Alcol e droghe sul lavoro Perché dire NO Non vogliamo vietare nulla Mettiamo le cose in chiaro: non

Dettagli

Crisi convulsive Sostanze psicoattive

Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI CONVULSIVE Susseguirsi di movimenti

Dettagli

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA *********** 1. Premessa sulla sociologia dei media. Si dice comunemente che viviamo in una società della informazione. Una

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013 GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE Reggio Calabria, 5 aprile 2013 Introduzione L obiettivo della lezione odierna è individuare: i motivi per cui le mafie investono nell

Dettagli

concretizzare le nostre aspirazioni, trasformare i nostri sogni in realtà.

concretizzare le nostre aspirazioni, trasformare i nostri sogni in realtà. Q uando negli anni sessanta la società cominciò a prendere coscienza di quanto fosse diffuso tra i giovani l uso di stupefacenti, si pensò che per contrastarne l uso sarebbe bastato informare i ragazzi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA Corso di Laurea Specialistica in PSICOLOGIA CLINICA DINAMICA Elaborato Finale PERICOLOSITA SOCIALE UNO STUDIO ETNOGRAFICO CONDOTTO ALL INTERNO DEL

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

HUMANHIGHWAY PER PREVOLAB RICERCA CAMPIONARIA ONLINE SULL ATTEGGIAMENTO PERSONALE E SOCIALE VERSO L UTILIZZO DELLE GIUGNO 2012

HUMANHIGHWAY PER PREVOLAB RICERCA CAMPIONARIA ONLINE SULL ATTEGGIAMENTO PERSONALE E SOCIALE VERSO L UTILIZZO DELLE GIUGNO 2012 HUMANHIGHWAY PER PREVOLAB RICERCA CAMPIONARIA ONLINE SULL ATTEGGIAMENTO PERSONALE E SOCIALE VERSO L UTILIZZO DELLE SOSTANZE ADDITIVE 1 UNIVERSO DELL INDAGINE L intervento è prodotto online. Gli individui

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Guida e Dipendenze. Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010

Guida e Dipendenze. Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010 Guida e Dipendenze Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010 Grazie agli studi neurologici oggi è possibile osservare anche i meccanismi di funzionamento del cervello Maturazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PORETTI e PERDUCA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Disposizioni riguardanti l acquisto, il possesso,

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

4. Definizioni e risk assessment

4. Definizioni e risk assessment 4. Definizioni e risk assessment L'espressione Nuova Sostanza Psicoattiva NSP (New Psychoactive Substance NPS) è ormai molto diffusa non solo in ambito scientifico, ma anche istituzionale. Si trova anche

Dettagli

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche in collaborazione con LEGIONE CARABINIERI CAMPANIA Compagnia di Amalfi U.O. SERVIZIO TOSSICODIPENDENZE Asl Sa COMUNE DI AMALFI Politiche Sociali La

Dettagli

COMPORTAMENTI DEVIANTI IN ADOLESCENZA

COMPORTAMENTI DEVIANTI IN ADOLESCENZA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il LAZIO Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Enrico Mattei Latina Via Don Torello,

Dettagli

II sessione ore 15.30 La cura della dipendenza da sostanze in Italia

II sessione ore 15.30 La cura della dipendenza da sostanze in Italia 5 Conferenza Nazionale sulle politiche antidroga Consultazioni permanenti Roma 5 maggio 2009 Sala polifunzionale- Presidenza del Consiglio dei Ministri Via di S. Maria in Via, 37 - Roma II sessione ore

Dettagli

L azione delle droghe sul cervello

L azione delle droghe sul cervello Aspettando le Olimpiadi delle Neuroscienze Trento 16 gennaio 2012 in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento L azione delle droghe sul cervello Yuri Bozzi, PhD Laboratorio di Neuropatologia

Dettagli

Condotte autolesive in ambito minorile

Condotte autolesive in ambito minorile Condotte autolesive in ambito minorile dr Corradina Patrizia RENDO medico ASL 10 Presidio IPM-CPA 15-22 -29 ottobre 2014 Il disadattamento è figlio del disagio. Sono 575mila gli under 18 italiani in condizioni

Dettagli

I Disturbi Specifici di Apprendimento Forse non tutti sanno.

I Disturbi Specifici di Apprendimento Forse non tutti sanno. I Disturbi Specifici di Apprendimento Forse non tutti sanno. La dislessia sembra essere un tema molto recente ed attuale; in realtà la dislessia probabilmente è sempre esistita e in letteratura, nel corso

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Esplorare e descrivere oggetti e materiali 1. Individuare, attraverso l interazione diretta, la struttura di oggetti semplici, analizzarne qualità e proprietà,

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

La sottoscrizione a premi è gratuita

La sottoscrizione a premi è gratuita Progetto di promozione della salute e prevenzione selettiva alle dipendenze Recependo le nuove linee guida per l attivazione di sperimentazioni nell ambito delle politiche di welfare (deliberate dalla

Dettagli

DISAGIO E DIPENDENZA

DISAGIO E DIPENDENZA DISAGIO E DIPENDENZA Scuola media di Selvino anno scolastico 2008-2009 Dott. Gian Battista Marchesi Presentazione del corso Tre incontri di due ore per ogni singola classe Primo incontro: Linee di confine

Dettagli

Elementi di psicologia transculturale etnopsicologia etnopsichiatria e psichiatria transculturale

Elementi di psicologia transculturale etnopsicologia etnopsichiatria e psichiatria transculturale Elementi di psicologia transculturale etnopsicologia etnopsichiatria e psichiatria transculturale Dove e come nasce l etnopsicologia e l etnopsichiatria? Il problema dell incontro tra due saperi problematici:

Dettagli

PREVO.TEL. Provincia di: Città: Fuori città:

PREVO.TEL. Provincia di: Città: Fuori città: PREVO.TEL Buongiorno/buonasera, sono il dott./la dott.ssa. e sto conducendo un indagine per conto dell Azienda Sanitaria Locale di Milano, su un tema di interesse sociale. Posso rivolgerle una breve intervista

Dettagli

COMPENDIO DI CRIMINOLOGIA

COMPENDIO DI CRIMINOLOGIA Giunto alla quinta edizione, il Compendio di criminologia si è affermato come strumento indispensabile alla conoscenza dei numerosi problemi posti dall'analisi del delitto in quanto fenomeno sociale e

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA? y s a t ecs Informazioni per i giovani www.droganograzie.it ECSTASY Anno 2009 A cura di: Dipartimento Politiche Antidroga - Presidenza del Consiglio dei Ministri Tratto

Dettagli

Normalizzazione della droga. Giuliano Vettorato

Normalizzazione della droga. Giuliano Vettorato Normalizzazione della droga Giuliano Vettorato Diffusione attuale della droga Sostanze psicoattive (legali e illegali) largamente diffuse nella nostra società Consumi trasversali rispetto a: Classi sociali

Dettagli

Vipassana dipendenze e salute

Vipassana dipendenze e salute Vipassana dipendenze e salute Seminario promosso dal Vipassana Research Institute Dhamma Giri, Igatpuri, India, dicembre 1989 Vipassana e psicoterapia * di Jyoti Doshi medico e psicoterapeuta La funzionalità

Dettagli

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza U.N.A.SA.M. www.unasam.it mail: unasam@unasam.it Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza Il Bilancio di Salute, strumento per la qualità della cura: interventi personalizzati integrazionee

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze

8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze 8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze Dipendenze - dati 2004 Nome Indicatore Zancan Indicatori SDS Valore Note Persone 14 anni che consumano oltre 1/2 litro di vino al giorno per 1000 persone Utenti

Dettagli

IL COMMERCIO VIA INTERNET

IL COMMERCIO VIA INTERNET IL COMMERCIO VIA INTERNET DIMENSIONI IL WEB CHE CONOSCIAMO Ci sono molti modi per definire la grandezza del web: Il numero di domini presenti nel mondo (ca 250 M) Il numero di pagine indicizzate (ca 2

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

*LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE

*LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE S. GIOVANNI BOSCO *LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE Viale dei Mille 12 /a Tel. O577-909037 53034 COLLE DI VAL D ELSA ( SI

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche V.le A. De Gasperi, 51 800-239220 sralcologiche@libero.it LE ABITUDINI ALCOLICHE DEGLI ADOLESCENTI A.S. 2006-07

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Stefania Borgo. Lezioni 17-19

Stefania Borgo. Lezioni 17-19 Disturbi da di sostanze uso ed abuso psicotrope Stefania Borgo Sintesi Usi rituali e curativi delle sostanze psicoattive Classificazione farmacologica delle sostanze psicoattive Classificazione clinica

Dettagli

DROGHE. D.P.R. 309/90 modificato dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49

DROGHE. D.P.R. 309/90 modificato dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49 DROGHE D.P.R. 309/90 modificato dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49 Droghe Sono droghe tutte le sostanze che agiscono sul sistema nervoso centrale e modificano le sensazioni, le reazioni, la personalità e

Dettagli

MASTICARE NON È VIETATO

MASTICARE NON È VIETATO MASTICARE NON È VIETATO Intervista a Jorge Ronderos Valderrama di Orsetta Bellani* La Bolivia di Evo Morales festaggia una grande vittoria: torneràa far parte della Convenzione unica del 1961 sugli stupefacenti,

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI STANISLAO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI STANISLAO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3168 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DI STANISLAO Istituzione dei consultori scolastici antidroga e altri interventi per il contrasto

Dettagli

Disturbo da fobia sociale

Disturbo da fobia sociale Disturbo da fobia sociale Fobia sociale / Imbarazzo cronico Quando sono sotto lo sguardo altrui, in una situazione sociale, mi sento angosciato. Di entrare in un ufficio, e di dover domandare quanto mi

Dettagli

ARTICOLO 4 di Veronica Longhini

ARTICOLO 4 di Veronica Longhini ARTICOLO 4 di Veronica Longhini NESSUN INDIVIDUO POTRA ESSERE TENUTO IN STATO DI SCHIAVITU O DI SERVITU ; LA SCHIAVITU E LA TRATTA DEGLI SCHIAVI SARANNO PROIBITE SOTTO QUALSIASI FORMA Il fenomeno della

Dettagli

Uso, abuso e dipendenza da sostanze

Uso, abuso e dipendenza da sostanze Uso, abuso e dipendenza da sostanze Dipartimento Patologia delle Dipendenze ASL AL Dr. Luigi Bartoletti Paradigma di una malattia Patologia primaria Propria eziologia e fisiopatologia Presenza di sintomi

Dettagli

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute.

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Campagna informativa sulle dipendenze patologiche Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Cari cittadini, è con orgoglio che vi presento la prima di dieci Campagne di Comunicazione sanitaria

Dettagli

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche Natascia Bobbo Pedagogia: definizione Si può definire la pedagogia come il sapere de e sull educazione. Essa è in pratica la disciplina che analizza

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli