Stage3 Il mondo fatto a fette Il mondo al microscopio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stage3 Il mondo fatto a fette Il mondo al microscopio"

Transcript

1 Stage3 Il mondo fatto a fette Il mondo al microscopio Il terzo stage è dedicato all osservazione degli esseri viventi e del mondo intorno a noi attraverso il microscopio. Dallo studio dei campioni nel secondo stage si è passati allo studio dei preparati, una forma ridotta di campione osservabile sotto il microscopio. In questo stage i ragazzi incontrano nuovamente il mondo delle cellule (già visto con la preparazione dei protozoi nel secondo stage) e il mondo dei preparati realizzati a partire da oggetti inanimati. Gli studenti sono chiamati ad allestire nell ordine: un vetrino di cellule buccali un vetrino a partire da un catafillo di cipolla studio del concetto di sezione preparare una sezione a partire da un ago di pino preparazione di un vetrino di vitamina C Il viaggio nel mondo del microscopio si conclude con l osservazione delle rocce. Preparare vetrini di cellule eucariote Un preparato di cellule eucariote animali può essere facilmente realizzato a partire dalle cellule della mucosa buccale. Le cellule della mucosa buccale, sono di grosse dimensioni e quindi sono facilmente osservabili sotto il microscopio. Per realizzare il preparato occorre raccogliere le cellule, queste si prelevano sfregando la parte interna della guancia con un cucchiaino meglio utilizzare dei cucchiaini da caffè in plastica; di

2 norma sono facilmente reperibili nei grandi supermercati in pacchetti da pezzi ed è bene che siano utilizzati una volta sola in modo da preservare le condizioni igieniche. Vetrino di cellule di sfaldamento della mucosa boccale. Le cellule sono le macchie giallastre riconoscibili nell immagine. (40x) Cellule di sfaldamento della mucosa boccale, per osservarle ad alto ingrandimento occorre chiudere molto il diaframma del condensatore. (400x) Il raschiato così ottenuto, sulla punta del cucchiaino, viene deposto su di un vetrino portaoggetti e con l aiuto di una pipetta o di un contagocce si depongono una o due gocce di acqua in modo da disperderle ma in un volume non troppo grande per non dover faticare a ritrovarle durante la fase di osservazione microscopica e si depone un vetrino coprioggetti. Il preparato viene messo sotto l obiettivo del microscopio e con tutto il diaframma di apertura chiuso si inizia l osservazione, come di consueto iniziando dall ingrandimento minore (di solito 40x). In realtà il potere più basso del microscopio non è adatto all osservazione delle caratteristiche cellulari e conviene usare l ingrandimento 40x solo per centrare gli agglomerati di cellule (che di solito se osservate a 40x con il diaframma chiuso sono grigiastre) per poi rapidamente passare all ingrandimento 100x, avendo cura di aprire leggermente il diaframma del condensatore. Solo quando si sono notate tutte le caratteristiche osservabili a 100x passare 400 ingrandimenti Ricordare agli studenti che la corsa della messa a fuoco tra l obiettivo 10x e il 40x è di piccolissima entità (submillimetrica) ed è sufficiente utilizzare la rotella della messa a fuoco micrometrica, ciò evita anche possibili rotture degli obiettivi dovute all uso della vite macrometrica. Il mondo della cellula eucariota animale Con questo primo preparato si incontra il mondo della cellula eucariota e se ne possono osservare le caratteristiche, utilizzate il modulo 6 alla fine del capitolo per chiedere agli studenti di descrivere la maggior parte delle caratteristiche e di disegnare ciò che vedono nel microscopio. Cellula boccale: si possono osservare il citoplasma, gli organuli citoplasmatici e il nucleo di forma ovalare in posizione centrale. (400x - DIC) Nella prima parte dell attività conviene seguire gli studenti, molti non ricordano l uso del condensatore

3 imparato nel secondo stage e molti lavorano con il diaframma del condensatore mal regolato ciò può impedire l osservazione di tutti i particolari che i microscopi moderni, seppur di tipo didattico, sono in grado di rivelare. Nella cellula dovrebbero essere facilmente riconoscibili: Per realizzare il vetrino di cellule di cipolla occorre tagliare la cipolla e prelevare il catafillo, la sottile pellicina che è presente tra le singole foglie (cerchi biancastri nell immagine). Il catafillo di cipolla così come appare appena prelevato dalla cipolla, una sottile lamina biancastra costituita da pochi strati cellulari. Catafillo di cipolla: ecco come appare se osservato al microscopio a basso ingrandimento il catafillo di cipolla, ogni poligono è una cellula vegetale. (40x) il nucleo il citoplasma la membrana citoplasmatica la membrana nucleare gli organuli citoplasmatici Chiedete agli studenti di osservare tutte le caratteristiche della cellula ma senza guidare la loro osservazione, al momento della discussione dei risultati chiedete di descrivere ciò che hanno visto attraverso lo strumento. Oltre all individuazione e caratteristiche qui sopra elencate stimolate ad esempio la discussione su dettagli che difficilmente saranno riportati dagli studenti sul modulo, ad esempio se sono stati in grado di riconoscere delle strutture all interno del nucleo (ci sono delle strutture addensate o i nuclei sono del tutto omogenei), in che rapporti relativi sono il nucleo e il citoplasma delle cellule, che posizione prevalentemente sembrano occupare i nuclei nella cellula (erano tutti al centro, tutti in periferia), se hanno osservato cellule con più nuclei. Introducete nella fase di discussione il concetto di rapporto nucleo-citoplasmatico (R N/C ). Il rapporto nucleocitoplasmatico è assai importante perché in maniera molto grossolana definisce le caratteristiche funzionali della cellula. Un buon esempio (dis.2) sono proprio le nostre cellule epiteliali di raccolte per la realizzazione del preparato. Le cellule che sono state raccolte hanno quasi tutte citoplasma molto esteso e nucleo piccolo, quasi sempre in posizione centrale. Il citoplasma così esteso è indice, da parte della cellula, di una alta capacità di produrre energia in quanto dotata di un di molti organuli citoplasmatici. Occorre quindi sempre ricordare l equivalenza grande citoplasma = grande numero di

4 Dettaglio delle cellule vegetali: si possono riconoscere il citoplasma e i nuclei in posizione periferica rispetto al volume della cellula. (400x) organuli = grande capacità di produrre energia = lunga vita cellulare. Al contrario cellule dotate di poco citoplasma, come ad esempio i linfociti sono cellule destinate ad avere vità più breve e in esse prevale invece un nucleo di dimensioni maggiori, a causa dell alto tasso di trascrizione al quale sono sottoposti i geni, tutto ciò dovuto alla funzione che essi esplicano nell organismo (che ricordo è una funzione immunitaria). Il rapporto R N/C né quindi assai importante per una prima definizione delle caratteristiche cellulari. E da ricordare che cellule anche molto diverse tra loro per forma, ad esempio una cellula mucolare e un fibroblasto possono avere R N/C abbastanza simile pur avenfo funzioni completamente diverse nell organismo. Chiedete ai ragazzi di disegnare le caratteristiche osservate al microscopio, il disegno fa si che essi prestino molta più attenzione a ciò che fanno trasformando l esperienza da mero gioco a momento formativo. Il mondo della cellula eucariota vegetale Osservazione con microscopio a contrasto interferenziale di cellule vegetali, sono più evidenti le caratteristiche della cellula grazie al contrasto tipico di questo modello di microscopio. (400x) Lavorare sul concetto di sezione: il taglio su piano trasversale di un arancia. Il secondo preparato dello stage si può realizzare sia a partire da una sottile pellicina, il catafillo, che si trova tra gli strati di foglie modificate sia della cipolla bianca che di quella rossa (o di Tropea) e ci guida alla scoperta del mondo della cellula così come osservato e descritto nella Micrographia da Robert Hooke ( ), insigne scienziato inglese. Il nome cellula infatti, deriva dal latino cella, stanza, la cellula quindi è una piccola stanza e il nome fu dato da Hooke proprio osservando un pezzo di sughero, un preparato che per caratteristiche, è molto simile al catafillo di cipolla. La pellicina viene rimossa e deposta su di un vetrino e osservata montata in una goccia d acqua. Utilizzando la seconda parte del modulo 6 chiedete agli studenti di descrivere la cellula e di farne un disegno. La cellula vegetale è molto diversa dalle cellule sin qui osservate, nella fase di discussione fate rilevare: diversità della forma della cellula localizzazione del nucleo presenza della parete cellulare localizzazione del citoplasma

5 presenza del vacuolo Gran parte delle osservazioni qui sopra elencate dovrebbero già essere notate dagli studenti stessi durante l attività. Nel caso dell uso di una cipolla rossa di Tropea sarà meglio visibile la parete cellulare, che in questo caso non essendo colorata (i pigmenti colorati si trovano dentro il vacuolo) risulterà nettamente più visibile. Es. dal taglio su piano trasversale di un arancia si origina una immagine a ruota di carro, una delle possibili sezioni che possono ottenute tagliando una arancia. Richiamate l attenzione degli studenti sulle caratteristiche delle piante e delle cellule vegetali in genere, i cloroplasti che sono tipici delle piante e quindi anche delle cellule vegetali che non si sono potute identificare in questo preparato. Perchè? Il concetto di sezione Un rametto di aghi di pino Il mondo al microscopio è un mondo radicalmente diverso da quello che normalmente ci circonda. Il mondo microscopico, o meglio il mondo così come deve essere preparato per essere osservato attraverso le lenti dello strumento, può essere a volte anche molto diverso da come siamo abituati ad osservarlo. Questa terza attività prende le mosse proprio dallo studio e dal disegno di oggetti della quotidianità. Viene chiesto ai ragazzi di disegnare quattro possibili figure che si possono originare dal taglio di oggetti comuni: una mela, una arancia e una banana. L attività utilizza il modulo 7 per guidare il lavoro pratico. Si aiutino i ragazzi il meno possibile in modo che possano liberamente ragionare sul concetto di oggetto e di sezione. La cosa che occorre spiegare bene è il lavoro che essi sono chiamati a svolgere, ricordate loro che devono disegnare la forma della sezione di taglio e non come il taglio è stato realizzato. La lametta che viene usata per produrre le sezioni di ago di pino deve essere rotta in due. Solo una delle due parti verrà utilizzata per il taglio. Questa attività seppur senza usare lo strumento suscita molto interesse presso gli studenti, oggetti che sembravano essere banali si rivelano ora difficili e complessi. Nella fase di discussione se è possibile si usino i frutti e con l uso

6 di un coltello li si tagli e li si disegni alla lavagna per far vedere la forma che le sezioni possono avere. Chiarite i concetti di orientamento e di nomenclatura delle sezioni (sezioni longitudinali, trasversali, mediane, sagittali). Sezionare l ago di pino Aiutatevi con un dito come guida per il taglio dell ago di pino con metà della lametta da barba. Conviene effettuare il taglio su di un foglio bianco. Sezionare un ago di pino da modo di osservare al microscopio il risultato del taglio di un oggetto. Tra i vari oggetti che è possibile osservare in sezione al microscopio, l ago di pino si presta assai bene: è comune, di facile reperibilità, facile da sezionare ed esteticamente bello se posto sotto le lenti di un microscopio. Per operare il taglio dell ago di pino è bene munirsi di una lametta da barba, quelle a doppia lama, disponibili presso i grandi supermercati. Il taglio con la lametta da barba deve essere realizzato esclusivamente dagli insegnanti Immagine di una sezione di ago di pino: ecco come appare il preparato di ago di pino in sezione. (40x) Le rocce così come si trovano in natura. Per evitare di ferirsi rompete la lama in due in modo da avere una lama sola come è possibile vedere nelle foto a lato. Il taglio va fatto tenendo fermo l ago di pino con un dito e usandolo come guida su cui far scorrere la lama. Dopo un po di esercizio si riusciranno a preparare delle sezioni di 250 micron (un quarto di millimetro) e con un po più di allenamento anche sezioni molto più sottili sino a micron. Sulla sezione che va montata anch essa in una goccia d acqua e messa sotto il microscopio si possono osservare le cellule che compongono l ago di pino ma questa volta organizzate in tessuti. Dal mondo delle cellule isolate o osservate per schiacciamento si passa all osservazione di un organo (la foglia) osservato in sezione, ciò permette di osservare non solo le cellule (che avremmo potuto preparare anche per schiacciamento come nel caso del catafillo di cipolla o per dissoluzione come nel caso delle cellule della bocca) ma anche i rapporti relativi tra le varie cellule che compongono la foglia. Si noti, che è vero che la sezione da una visione del mondo molto distante dalla tridimensionalità degli oggetti a cui noi siamo abituati, (esercizio precedente serviva proprio a chiarirne le caratteristiche e le limitazioni) ma altresì è un potente sistema per indagare la forma degli

7 oggetti posti sotto il microscopio. Con questa ultima attività che ha portato per mano i ragazzi dalla scoperta delle proprietà dei sistemi di lenti all uso del microscopio stereoscopico e all uso del microscopio biologico si conclude questo viaggio attraverso il microcosmo che ci circonda e gli strumenti che occorrono per iniziarne l esplorazione. Per osservare le rocce al microscopio il primo passo è ridurle in sezioni sottili 2-3 mm. a Le sezioni di 2-3 mm vengono poi fatte aderire ad un vetro tramite un collante e per abrasione su macchine apposite (lapidelli) portate allo spessore standard di 25 micron. A tale spessore le sezioni sono traslucide come nella immagine a qui sopra. Prima di concludere questo viaggio vediamo ancora quale mondo microscopico si possa trovare nello studio delle rocce e dei cristalli. Il mondo delle rocce al microscopio Se si dispone di sezioni di roccia (possono essere comprate o richieste alle Università geologia o alle aziende di rilevanza nazionale interessate allo studio del territorio e delle fonti di energia) e di un microscopio a luce polarizzata si dischiude il mondo delle rocce al microscopio. Le rocce infatti al contrario di quanto i potrebbe pensare a causa della loro durezza sono osservabili al microscopio. La stessa classificazione delle rocce viene stabilita in base all aspetto e alle caratteristiche ottiche che esse mostrano quando osservate con un microscopio. L uso della luce polarizzata fa si che le sezioni di roccia, se osservate al microscopio, siano assai colorate e quindi attraggono molto l attenzione dei ragazzi. Ma se non si dispone di sezioni sottili di rocce può essere egualmente interessante osservare il mondo dei cristalli al microscopio e un modo semplice può essere quello di cristallizzare la vitamina C. Cristallizzare la vitamina C La vitamina C osservata al microscopio è un mondo di colore. Le rocce se osservate al microscopio hanno immagini molto simili. Se non si dispone di sezioni di roccia (possono essere comprate o richieste alle Università e ai centri di ricerca come AGIP o ENEL) si possono creare dei semplici ma bellissimi cristalli usando la vitamina C. La vitamina C, altresì detta acido ascorbico, può essere reperita in una farmacia un po fornita, di norma viene venduta in polvere. Per cristallizzarla occorre semplicemente deporre su di un vetrino portaoggetti due o tre gocce d acqua e far cadere un po di polvere di vitamina C, sciogliere bene la polvere

8 utilizzando uno stuzzicadenti e lasciarla asciugare all aria o, se d inverno, sul termosifone. Un suggerimento molto interessante è provare ad osservare il vetrino mentre si sta asciugando (quando cioè il vetrino comincia ad essere parzialmente biancastro), in tal modo si può seguire nel tempo la cristallizzazione della vitamina C. Si ricordi che i vetrini di vitamina C vanno osservati a basso ingrandimento (40x, 100x) e che non occorre mettere il vetrino coprioggetti che rovinerebbe parzialmente il cristallo, ciò fa si che il vetrino non possa essere conservato e che debba essere rifatto al momenton dell osservazione al microscopio. Con un po di pratica si realizzeranno degli ottimi vetrini.

9 Modulo 6 La forma della cellula Componenti Scuola Classe Descrivere le caratteristiche Forma Dimensioni Colore Dettagli cellulari spazio per il disegno Descrivere le caratteristiche Forma Dimensioni Colore Dettagli cellulari spazio per il disegno

10 Modulo 7 Il concetto di sezione Componenti Scuola Classe Disegnare nei riquadri le forme che possono originarsi dal taglio di: Mela Arancia Banana

11 Micron III stage - ORARIO Attività 1 - allestimento di un preparato: le cellule boccali Introduzione: Attività pratica/apprendimento cooperativo: allestimento vetrini Esposizione dei risultati 15 minuti 30 minuti 20 minuti Attività 2 - allestimento di un preparato: il catafillo di cipolla Introduzione: Attività pratica/apprendimento cooperativo: allestimento vetrini Esposizione dei risultati 10 minuti 30 minuti 15 minuti Attività 3 - studio del concetto di sezione Introduzione: Attività pratica/apprendimento cooperativo Esposizione dei risultati 5 minuti 20 minuti 15 minuti Attività 4 - allestimento di un preparato: l ago di pino Introduzione: Attività pratica/apprendimento cooperativo Esposizione dei risultati 5 minuti 15 minuti 5 minuti

12 Attività 5 - allestimento di un preparato: la vitamina C Introduzione: Attività pratica/apprendimento cooperativo 5 minuti 15 minuti Attività 6 - studio delle sezioni di roccia Introduzione: Attività pratica/apprendimento cooperativo 5 minuti 10 minuti

SICSI. Laboratorio di Zoologia Prof. Andreuccetti. Carlo de Lauro Matr. 807/635 Luca Menniti Matr. 807/623. Anno accademico 2006/07

SICSI. Laboratorio di Zoologia Prof. Andreuccetti. Carlo de Lauro Matr. 807/635 Luca Menniti Matr. 807/623. Anno accademico 2006/07 SICSI Indirizzo Scienze Naturali VI Ciclo Classe A059 Laboratorio di Zoologia Prof. Andreuccetti Cellule vegetali e animali Carlo de Lauro Matr. 807/635 Luca Menniti Matr. 807/623 Anno accademico 2006/07

Dettagli

Accademia Scientifica Appunti per il lavoro in classe

Accademia Scientifica Appunti per il lavoro in classe Accademia Scientifica Appunti per il lavoro in classe Napoli 10-12 Aprile 2006 Marco Prunotto Le lenti Ingrandire il mondo intorno a noi Si cominciano le esercitazioni distribuendo il modulo 1 allegato

Dettagli

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA Lezione quinta parte Dott.ssa Annamaria Fiarè Gli oggetti che si osservano al MICROSCOPIO OTTICO sono generalmente trasparenti

Dettagli

ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO

ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO Capire chi siamo, come siamo fatti e in che mondo viviamo sono esigenze vitali delle persone e, in particolare, dei bambini. Bisogna allora cominciare a guardare

Dettagli

S.I.C.S.I. VI CICLO. Classi A059/A060. Corso: Laboratorio di zoologia A059 Prof. P. Andreuccetti

S.I.C.S.I. VI CICLO. Classi A059/A060. Corso: Laboratorio di zoologia A059 Prof. P. Andreuccetti S.I.C.S.I. VI CICLO Indirizzo Scienze Naturali Classi A059/A060 Corso: Laboratorio di zoologia A059 Prof. P. Andreuccetti ALLA SCOPERTA DELLA CELLULA Specializzanda: De Pietro Maria 807/578 DESTINATARI:

Dettagli

LA CELLULA VEGETALE. Il MICROSCOPIO OTTICO

LA CELLULA VEGETALE. Il MICROSCOPIO OTTICO LA CELLULA VEGETALE Il MICROSCOPIO OTTICO L origine del microscopio ottico è ancora materia di discussione. La maggior parte degli studiosi, tuttavia, fanno risalire i primi microscopi ottici alla fine

Dettagli

Il Microscopio. Il microscopio, dal greco micron (piccolo) e. skopein (guardare), è uno strumento che. permette di ottenere un immagine ingrandita

Il Microscopio. Il microscopio, dal greco micron (piccolo) e. skopein (guardare), è uno strumento che. permette di ottenere un immagine ingrandita Il Microscopio Il Microscopio Il microscopio, dal greco micron (piccolo) e skopein (guardare), è uno strumento che permette di ottenere un immagine ingrandita degli oggetti osservati. Unità di misura Unità

Dettagli

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA Lezione prima parte Dott.ssa Annamaria Fiarè Il MICROSCOPIO e uno strumento che consente di osservare oggetti di dimensioni

Dettagli

di Candiani dott. Barbara sas PROTOCOLLO di REPERTAMENTO TRACCE BIOLOGICHE

di Candiani dott. Barbara sas PROTOCOLLO di REPERTAMENTO TRACCE BIOLOGICHE di Candiani dott. Barbara sas PROTOCOLLO di REPERTAMENTO TRACCE BIOLOGICHE Istruzioni per il campionamento Prima di svolgere qualunque genere di campionamento è indispensabile indossare, se possibile,

Dettagli

Alla scoperta dell acqua intorno a noi Un possibile percorso 1. Alla scoperta dell acqua intorno a noi (I) Un possibile percorso 2

Alla scoperta dell acqua intorno a noi Un possibile percorso 1. Alla scoperta dell acqua intorno a noi (I) Un possibile percorso 2 I s t i t u t o T e c n i c o I n d u s t r i a l e S t a t a l e L i c e o S c i e n t i f i c o T e c n o l o g i c o E t t o r e M o l i n a r i Via Crescenzago, 110-20132 Milano - t e l. : ( 0 2 )

Dettagli

colorante Carta bibula

colorante Carta bibula Università di Roma "La Sapienza" Corso di Laurea triennale in Scienze biologiche aa 07-08 LABORATORIO DI BIOLOGIA CELLULARE di cellule "a fresco" Con questo termine si intende l'osservazione di cellule

Dettagli

~11~1:~ Un po' di storia

~11~1:~ Un po' di storia ~11~1:~ Lo Zoomscope è formato da un obiettivo, da un oculare e da una lente mobile che consente di variare l'ingrandimento. La variazione dell'ingrandimento si fa grazie alla rotella posta sul fianco

Dettagli

La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente.

La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente. CHE COS E LA CELLULA? La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente. DA COSA SONO COSTITUITE LE CELLULE? Tutte le

Dettagli

Alla scoperta della cellula

Alla scoperta della cellula SCIENZE La Vita Che cos hanno in comune una quercia, una coccinella, un fungo e un batterio? Facile: sono esseri viventi. Il tuo libro di testo riporta le caratteristiche comuni che stanno alla base di

Dettagli

Esercitazione di Microbiologia generale. Microscopia

Esercitazione di Microbiologia generale. Microscopia Esercitazione di Microbiologia generale Microscopia I microrganismi Le cellule più primitive viventi attualmente sono i batteri questi appartengono a un gruppo di organismi chiamati procarioti (letteralmente

Dettagli

A.O. /Liceo Versari/2014_15. parola microscopio è stata coniata dai membri Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche ileo Galilei

A.O. /Liceo Versari/2014_15. parola microscopio è stata coniata dai membri Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche ileo Galilei Il Microscopio A.O. /Liceo Versari/2014_15 parola microscopio è stata coniata dai membri Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche ileo Galilei Quanto è piccola una cellula Il volume della cellula

Dettagli

ESPERIMENTO PER L ESTRAZIONE DEL DNA DELLA FRUTTA INTRODUZIONE

ESPERIMENTO PER L ESTRAZIONE DEL DNA DELLA FRUTTA INTRODUZIONE ESPERIMENTO PER L ESTRAZIONE DEL DNA DELLA FRUTTA INTRODUZIONE L insegnamento delle scienze e della tecnologia si configura, nella scuola primaria, come un obiettivo fondamentale che dà le coordinate per

Dettagli

Studiare le cellule:

Studiare le cellule: Studiare le cellule: Le cellule possono essere studiate dal punto di vista morfologico, biochimico e funzionale. L'analisi biochimica e funzionale ha lo scopo di studiare la natura chimica e le modalità

Dettagli

Progetto di una Unità di Apprendimento flipped

Progetto di una Unità di Apprendimento flipped Progetto di una Unità di Apprendimento flipped Dati dell Unità di Apprendimento Titolo: L'affascinante viaggio tra le cellule Scuola: Secondaria di I grado Materia: Scienze Classe : Prima Argomento curricolare:

Dettagli

La realizzazione dei progetti sperimentali dei gruppi

La realizzazione dei progetti sperimentali dei gruppi PARTE B La realizzazione dei progetti sperimentali dei gruppi La lezione successiva, i bambini hanno portato ingredienti e materiali per realizzare il proprio progetto di gruppo. Si sono messi d accordo

Dettagli

PON C1 L invisibile intorno a noi

PON C1 L invisibile intorno a noi Scuola Secondaria di I Grado MICHELANGELO - Bari PON C1 L invisibile intorno a noi Prof.ssa Anna Maria D Orazio Il MICROSCOPIO e uno strumento che consente di osservare oggetti di dimensioni tali da non

Dettagli

Colori, fiori e impollinatori

Colori, fiori e impollinatori Unità didattica 9 Piante nell arte Colori, fiori e impollinatori 162 Durata 3 ore Stagione Primavera / estate Materiali - matite colorate - lenti di ingrandimento - cronometro - nastro bi-adesivo - foglio

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Zucca zuccone tutta arancione

Zucca zuccone tutta arancione Zucca zuccone tutta arancione La festa di Halloween, tradizione dei paesi anglosassoni, è oramai entrata nella nostra società; i bambini sono molto attratti dalle icone paurose di questo festeggiamento:

Dettagli

Ferrofluido, personalità magnetica?

Ferrofluido, personalità magnetica? 2 Nel nostro esperimento andremo a scoprire come realizzare un ferrofluido, un liquido all apparenza senza nulla di particolare, ma che si rivela stupefacente non appena gli si avvicina un campo magnetico!

Dettagli

Follow me into the nature.seguimi nella natura

Follow me into the nature.seguimi nella natura Follow me into the nature.seguimi nella natura PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE ANNO 2014-2015 SECONDARIE DI PRIMO GRADO LABORATORI SCIENTIFICI PROPOSTI GEOGRAFIA E BOTANICA MORFOLOGIA FLUVIALE: IL FIUME

Dettagli

IL MICROSCOPIO OTTICO

IL MICROSCOPIO OTTICO IL MICROSCOPIO OTTICO Il microscopio ottico assolve due importanti funzioni: 1. ingrandisce oggetti invisibili ad occhio nudo 2. permette di vedere separati due oggetti che ad occhio nudo appaiono uniti.

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

STAGE DIPARTIMENTO DI FISICA Biofisica: microscopia confocale e costruzione di nanocapsule

STAGE DIPARTIMENTO DI FISICA Biofisica: microscopia confocale e costruzione di nanocapsule STAGE DIPARTIMENTO DI FISICA Biofisica: microscopia confocale e costruzione di nanocapsule Bocchio Marco (Leonardo da Vinci, Genova) Gadoglia Edoardo (Galileo Ferrarsi, Savona) Zilioli Andrea (Nicoloso,

Dettagli

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali.

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. 8 LEZIONE: Funzioni Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. Obiettivo Principale: Illustrare come compiti ripetitivi possano essere organizzati in piccoli

Dettagli

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante La scienza è lo studio di tutte le cose, viventi e non viventi, che ci sono sulla Terra e nell Universo. La scienza

Dettagli

SCIENTIA MAGISTRA VITAE

SCIENTIA MAGISTRA VITAE 1 -Argomento Lenti fatte in casa Esperimenti usando lenti realizzate con materiali a costo nullo o basso o di riciclo. Cosa serve: acqua, bottiglie di plastica trasparente (es. quelle dell acqua minerale

Dettagli

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE Tutti i tipi cellulari presenti sul nostro pianeta appartengono ad uno di due gruppi fondamentali: procarioti ed eucarioti. I termini procariota (dal greco pro

Dettagli

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI Pag. 1 di 5 RIFERIMENTI GENERALI Corso di laurea: SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Anno di Corso: 1 Semestre: 1 Insegnamento: BOTANICA Modulo: BOTANICA GENERALE CFU: 6 Ore complessive di attività con il docente:

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

LABORATORIO. Volume 2 - Modulo 1. La celllula. L osmosi. La parete cellulare. La cellula animale

LABORATORIO. Volume 2 - Modulo 1. La celllula. L osmosi. La parete cellulare. La cellula animale Volume 2 - Modulo 1 La celllula L osmosi Che cosa succede alle cellule quando si trovano in un ambiente con una concentrazione di soluti diversa da quella cellulare? Qualche acino di uva appassita; qualche

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

Scuola Media Piancavallo 2

Scuola Media Piancavallo 2 LA CELLULA Una caratteristica di quasi tutti gli esseri viventi è quella di possedere una struttura più o meno complessa in cui parti diverse, gli organi, sono adatte a svolgere funzioni specifiche. Il

Dettagli

PROGETTO LA VIA DELLA CARTA MOTIVAZIONI OBIETTIVI

PROGETTO LA VIA DELLA CARTA MOTIVAZIONI OBIETTIVI PROGETTO LA VIA DELLA CARTA MOTIVAZIONI La motivazione che mi ha fatto optare per la stesura di questo progetto è l'interesse mostrato dai bambini per le scienze ed in particolare per il tema del riciclo.

Dettagli

Esperienza 5: la colorazione di Gram

Esperienza 5: la colorazione di Gram Esperienza 5: la colorazione di Gram I batteri possono essere raggruppati in due categorie secondo il metodo della colorazione Gram. Questa tecnica è stata sviluppata nel 1884 da Hans Christian Gram, un

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE 27. Aumentare la produzione di latte e riallattare 129 Sessione 27 AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE Introduzione Se l offerta di latte di una madre si riduce, è necessario aumentarla. Ciò

Dettagli

UNA ESPERIENZA DI TRATTAMENTO DEGLI STRISCI EMATICI CON FLUOROCROMI

UNA ESPERIENZA DI TRATTAMENTO DEGLI STRISCI EMATICI CON FLUOROCROMI UNA ESPERIENZA DI TRATTAMENTO DEGLI STRISCI EMATICI CON FLUOROCROMI APPUNTI AD USO DEI MICROSCOPISTI DILETTANTI Marco Brusadin ROMA - 2010 PRO MANUSCRIPTO AVVERTENZE SUL COPYRIGHT Questi APPUNTI su UNA

Dettagli

Identikit di un ortaggio

Identikit di un ortaggio Unità didattica 3 Piante e Alimentazione Identikit di un ortaggio Durata 80 minuti Materiali - schede di lavoro F5, F6, F7, F8-1 melanzana - 1 peperone rosso - 1 pomodoro - 1 patata - 1 cipolla - 1 carota

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

MICROSCOPI BIOLOGICI Modello: SA 300 B SA 300 T

MICROSCOPI BIOLOGICI Modello: SA 300 B SA 300 T MICROSCOPI BIOLOGICI Modello: SA 300 B SA 300 T MANUALE DI ISTRUZIONI Il microscopi biologici della serie BLU LINE sono dotati di ottiche ACROMATICHE (x,10x,0,100x), e coppia di oculari a larghissimo campo

Dettagli

Cromatografia. Foto inedite, cortesia A. Zlatich

Cromatografia. Foto inedite, cortesia A. Zlatich Cromatografia L'invenzione della cromatografia viene attribuita al biochimico russo Mihail Cvet nel 1906, quando riuscì, con questa tecnica, a separare i costituenti da un estratto vegetale. Cvet procedette

Dettagli

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione l infiltrazione e l inclusione Poiché la consistenza della maggior parte di tessuti fissati (ad eccezione di quelli congelati che si infiltrano ma non si includono) è tale da non permettere di sezionare

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Laboratorio 1, Parte I MISURA DEL POTENZIALE IDRICO NEI TESSUTI VEGETALI

Laboratorio 1, Parte I MISURA DEL POTENZIALE IDRICO NEI TESSUTI VEGETALI Laboratorio 1, Parte I MISURA DEL POTENZIALE IDRICO NEI TESSUTI VEGETALI Lo scopo di questa esercitazione è quello di familiarizzare con il metodo della variazione del peso di un tessuto vegetale per la

Dettagli

Tecniche di microscopia

Tecniche di microscopia Tecniche di microscopia I microscopi permettono di vedere l estremamente piccolo I microscopi ottici utilizzano lenti di vetro in grado di deflettere e focalizzare i raggi luminosi per riprodurre le immagini

Dettagli

Estrazione del DNA. 1. Introduzione

Estrazione del DNA. 1. Introduzione Estrazione del DNA 1. Introduzione L obiettivo di questa esperienza è quello di osservare la molecola degli acidi nucleici, una volta separata dall involucro cellulare in cui è contenuta all interno della

Dettagli

www.otticasanmarco.it

www.otticasanmarco.it Guida alla collimazione con oculare Cheshire 1 Introduzione Di seguito, prima della descrizione della procedura con la collimazione tramite il cheshire avanzato, verranno illustrate le procedure per l

Dettagli

Università di Pisa. Corso di Perfezionamento in Strategie didattiche per promuovere un atteggiamento positivo verso la matematica e la fisica

Università di Pisa. Corso di Perfezionamento in Strategie didattiche per promuovere un atteggiamento positivo verso la matematica e la fisica Università di Pisa Corso di Perfezionamento in Strategie didattiche per promuovere un atteggiamento positivo verso la matematica e la fisica Relazione di Laboratorio 2 A. Blotti, F. Giovannetti 1aprile2007

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

LE FOGLIE. classe 2^ scuola primaria

LE FOGLIE. classe 2^ scuola primaria LE FOGLIE classe 2^ scuola primaria Per i bambini, scoprire ciò che li circonda è sempre un avventura magica e piena di risorse. La realtà nella quale si trova la nostra scuola offre diversi stimoli dal

Dettagli

FORMARE COMPETENZE CON LA MATEMATICA

FORMARE COMPETENZE CON LA MATEMATICA FORMARE COMPETENZE CON LA MATEMATICA marcata esigenza di promuovere nella formazione scolastica vere e proprie competenze e non solo conoscenze e abilità. Sembrerebbe che il valore educativo della matematica

Dettagli

ACIDI E BASI IN CASA. Scheda studente n.1

ACIDI E BASI IN CASA. Scheda studente n.1 Scheda studente n.1 Come interagisce ciascun liquido con la polvere di marmo? Seguite le istruzioni, osservate con attenzione ciò che accade e completate la tabella. polvere di marmo e le seguenti sostanze:

Dettagli

Le muffe e il metodo scientifico. Scuola dell infanzia Santa Rosa Sezione Blu Ottobre-novembre 2010

Le muffe e il metodo scientifico. Scuola dell infanzia Santa Rosa Sezione Blu Ottobre-novembre 2010 Le muffe e il metodo scientifico Scuola dell infanzia Santa Rosa Sezione Blu Ottobre-novembre 2010 Un impasto di acqua e farina, dimenticato alcuni giorni in laboratorio, si è coperto di macchie e peletti

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

Acqua, sapone e superfici minime

Acqua, sapone e superfici minime SISSA PER LA SCUOLA Acqua, sapone e superfici minime Un gioco matematico per le scuole medie Titolo: Acqua, sapone e superfici minime Area: Matematica Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Ragazzi delle

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

www.otticasanmarco.it

www.otticasanmarco.it Guida alla collimazione con Laser con lente di Barlow ATTENZIONE: Il raggio laser può danneggiare in modo irreparabile la vista se puntato direttamente negli occhi. 1 Introduzione La collimazione tramite

Dettagli

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO Liceo Scientifico Statale Vito Volterra - Ciampino PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 Finalità - Comprensione del testo e sua utilizzazione come strumento conoscitivo - Sviluppo

Dettagli

INCIDENDO LABORATORIO DIDATTICO

INCIDENDO LABORATORIO DIDATTICO INCIDENDO Incidendo è un progetto didattico rivolto alle classi della Scuola Primaria. Si propone di avvicinare il bambino al mondo dell incisione, tecnica artistica che ha radici lontane nel tempo ma

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

Strumenti necessari per il disegno

Strumenti necessari per il disegno Capitolo 9 Strumenti necessari per il disegno Sarebbe sbagliato ridurre il campo del disegno in genere, e quindi anche del disegno in rilievo, alla sola riproduzione degli oggetti che abbiamo intorno.

Dettagli

Scienze laboratorio: I RISCHI

Scienze laboratorio: I RISCHI Queste note pratiche presentano i rischi che si incontrano durante le esercitazioni di laboratorio e i comportamenti corretti da tenere. Seguire queste indicazioni servirà non solo a ridurre il rischio

Dettagli

MISCELA DELLE MATERIE PRIME

MISCELA DELLE MATERIE PRIME LA FABBRICAZIONE DEL VETRO MISCELA DELLE MATERIE PRIME Le materie prime (silice, soda, calce, ossidi, rottami ) allo stato polveroso, sono macinate e mescolate tra loro in modo omogeneo FORMATURA La modellazione

Dettagli

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE Rivedere i fattori ambientali che rendono la Terra abitabile e confrontarli con quelli di altri mondi dentro il nostro Sistema Solare. Usare il pensiero creativo per

Dettagli

Laboratorio di perline

Laboratorio di perline di: Mavale PERCORSI DIDATTICI Laboratorio di perline scuola: Cremona area tematica: Arte e creatività pensato per: 10-14 anni ABILITÀ - Utilizzare in modo consapevole e adeguato materiali, mezzi e tecniche

Dettagli

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI Informazioni importanti per Medici ed Ostetriche per la raccolta del sangue cordonale Questa è una procedura molto semplice,

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

Scheda n 25 OBBIETTIVO Ottica Turi PL 40/0,65 160/0,17

Scheda n 25 OBBIETTIVO Ottica Turi PL 40/0,65 160/0,17 G. Sini Scheda n 25 OBBIETTIVO Ottica Turi PL 40/0,65 160/0,17 In questo stesso sito, nella scheda tecnica n 14, si è già trattato dell obbiettivo PL 60/0,85, che appartiene alla stessa serie, ed a quella

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto IN LABORATORIO 6 Maggio 2010 Istruzioni per l allestimento della prova Materiale riservato per i docenti UNA BILANCIA MOLTO SENSIBILE Presentazione

Dettagli

Costruirsi un microscopio

Costruirsi un microscopio Costruirsi un microscopio I. INFORMAZIONI PRELIMINARI: PRINCIPIO OTTICO Nella sua configurazione di base, il microscopio è costituito da due lenti: l obiettivo e l oculare (Figura 1). L obiettivo è una

Dettagli

Costruirsi un cannocchiale galileiano

Costruirsi un cannocchiale galileiano Costruirsi un cannocchiale galileiano I. INFORMAZIONI PRELIMINARI - IL PRINCIPIO OTTICO Un cannocchiale galileiano impiega due sole lenti. La lente obbiettiva è convergente (piano-convessa), la lente oculare

Dettagli

Un regalo per un amico

Un regalo per un amico Unità didattica 4 Piante nell arte Un regalo per un amico Durata 2 parti da 40 minuti Materiali - ampia gamma di semi (da frutti di stagione) - utensili di creta o di vetro - vasi - aghi e fili - colla

Dettagli

AGRICOLTURA 1. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: A) i piccoli materiali della terra AVVERTENZA:

AGRICOLTURA 1. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: A) i piccoli materiali della terra AVVERTENZA: Titolo: AGRICOLTURA 1 Autore: Laura Cassata Percorsi didattici associati: A) i piccoli materiali della terra AVVERTENZA: Le domande che seguono si ispirano al percorso o ai percorsi indicati e hanno come

Dettagli

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo INTRODUZIONE Acidi nucleici Gli acidi nucleici sono una famiglia eterogenea di macromolecole distribuite all interno di tutte le cellule

Dettagli

GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Tutti gli esseri viventi sono formati da cellule piccolissime e visibili solo al microscopio.

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B ANNO SCOLASTICO:2006/2007 SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B INSEGNANTI: Bergamini Patrizia, Manfredini Maria Grazia Acquisire una maggiore sensibilità verso l

Dettagli

Attività didattiche. Compost e compostiera

Attività didattiche. Compost e compostiera Attività didattiche Compost e compostiera w w w. f o n d a z i o n e s l o w f o o d. i t Premessa Qui di seguito trovi due esempi di attività didattiche, usa la tua creatività per adattarle alla tua realtà

Dettagli

SIS Piemonte Scuola Interateneo di Specializzazione per la formazione degli Insegnanti della Scuola Secondaria

SIS Piemonte Scuola Interateneo di Specializzazione per la formazione degli Insegnanti della Scuola Secondaria SIS Piemonte Scuola Interateneo di Specializzazione per la formazione degli Insegnanti della Scuola Secondaria Le molecole biologiche in apprendimento cooperativo Autore: Prof.ssa Elena Vittoria TIBALDI

Dettagli

Utilizzo professionale

Utilizzo professionale Utilizzo professionale Protocollo di utilizzo Professionale Young Young Generation è la linea Smart dedicata alla fotobiomodulazione. La fotobiomodulazione è un trattamento usato da anni in ambito medico

Dettagli

IL SUOLO Terra e terreni. Materiale per la scuola primaria

IL SUOLO Terra e terreni. Materiale per la scuola primaria IL SUOLO Terra e terreni Materiale per la scuola primaria SCIENZE Terra e terreni Sommario Attività 1 Sai che cosa sono?...pag. 37 Attività 2 Che cosa è successo?... 38 Attività 3 Che cosa c è nella terra?...

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

SCIENZE SCUOLA PRIMARIA

SCIENZE SCUOLA PRIMARIA SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1 I CINQUE SENSI 1. Osservare il funzionamento del proprio corpo per riconoscerlo come organismo complesso 2. Osservare e riconoscere alcune caratteristiche dei corpi

Dettagli

IL MICROSCOPIO: principi e componenti di base. Che cos è un microscopio? Il microscopio è uno strumento che rende visibili i dettagli più piccoli

IL MICROSCOPIO: principi e componenti di base. Che cos è un microscopio? Il microscopio è uno strumento che rende visibili i dettagli più piccoli IL MICROSCOPIO: principi e componenti di base Che cos è un microscopio? Il microscopio è uno strumento che rende visibili i dettagli più piccoli Il microscopio compie tre operazioni: 1) Ingrandimento:

Dettagli

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE Seconda parte la: PRODUZIONE Nel precedente articolo abbiamo pianificato la panoramica, scegliendo luogo

Dettagli

Papermodel PM-21 Mazinger Z vol.1 manga/oav version

Papermodel PM-21 Mazinger Z vol.1 manga/oav version 1 Per costruire questo modello, è necessario stampare su cartoncino formato A4 bianco, il relativo file, che avete scaricato assieme a queste istruzioni dal sito http://raggiogamma.altervista.org Tagliate

Dettagli

La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei

La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei La microscopia ottica è una tecnica di osservazione capace di produrre immagini ingrandite

Dettagli

VEGETALI U N S O T U R I O L O P S I T T O S U N O D. Vegetali V7 BATTERI V6 M2 U2

VEGETALI U N S O T U R I O L O P S I T T O S U N O D. Vegetali V7 BATTERI V6 M2 U2 VEGETAL E U R S T Vegetali BATTER V6 M2 U2 1 VEGETAL E U R S T BATTER Nel terreno vivono moltissimi organismi viventi. Alcuni li avrete sicuramente già visti o addirittura studiati (es. talpa, lombrico,

Dettagli

DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO

DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO ESEMPIO DI SEQUENZE DI PREPARAZIONE DI LETTI RECETTORI PER INNESTI DI EPITELIO ESEGUITE SU TESSUTI DAI PARTECIPANTI AL CORSO CON LA GUIDA CONTINUA DEL DOCENTE: I TESTI

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

RELAZIONE RIASSUNTIVA DEL PROGETTO: Macchina a controllo numerico a 3 assi

RELAZIONE RIASSUNTIVA DEL PROGETTO: Macchina a controllo numerico a 3 assi RELAZIONE RIASSUNTIVA DEL PROGETTO: Macchina a controllo numerico a 3 assi INTRODUZIONE: La macchina realizzata è un complesso multifunzionale che permette lo spostamento di molti tipi di utensili o comunque

Dettagli

ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO

ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO Documento estratto dal Manuale interno di istruzione per la raccolta e la trasmissione di campioni per analisi di fibre: microscopia ottica ed elettronica. Contarp

Dettagli

PSICOLOGIA. La ricerca nelle scienze sociali. Le tecniche di rilevazione dei dati. L'osservazione. il testo:

PSICOLOGIA. La ricerca nelle scienze sociali. Le tecniche di rilevazione dei dati. L'osservazione. il testo: il testo: 01 Le tecniche di rilevazione dei dati Le principali tecniche di raccolta dei dati si dividono in: tecniche descrittive: il ricercatore osserva ciò che sta studiando. Sono tecniche descrittive

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli