DIRETTIVE. inerenti al regolamento dell esame professionale per Specialisti in marketing

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIRETTIVE. inerenti al regolamento dell esame professionale per Specialisti in marketing"

Transcript

1 DIRETTIVE inerenti al regolamento dell esame professionale per Specialisti in marketing Pubblicate dall organo responsabile degli esami professionali per specialisti in marketing: Swiss Marketing (SMC) GfM Swissmarketing SIC Svizzera SDV Associazione Svizzera di Marketing Dialogo Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 1 di 19

2 1. DISPOSIZIONI GENERALI Le direttive specificano il regolamento d esame per quanto concerne aspetti di importanza secondaria. Le prescrizioni irrefutabili del regolamento d esame restano in ogni caso vincolanti. L attuale edizione delle direttive è pubblicata in Internet. I cambiamenti delle direttive vengono inviati per conoscenza all UFFT e sono pubblicati al più tardi 12 mesi prima dell esame sul sito di Swiss Marketing (www.swissmarketing.ch); in questo caso le persone candidate non devono subire svantaggi dovuti al cambiamento. La partecipazione a un corso di preparazione agli esami per specialisti in marketing non è una condizione obbligatoria per l accettazione all esame professionale. Tuttavia la preparazione agli esami presso un istituto di formazione è consigliata poiché le pretese sono molto elevate. Queste direttive contengono informazioni supplementari al regolamento d esame, in particolare descrizioni delle materie, tassonomia, ecc., e hanno lo scopo di illustrare in modo trasparente lo svolgimento e i contenuti dell esame alle persone candidate. 2. PROFILO PROFESSIONALE Le organizzazioni di ogni dimensione che desiderano offrire con successo le proprie prestazioni, hanno bisogno di specialisti in marketing. Essi sviluppano e realizzano sulla base di obiettivi definiti il quadro concettuale di un marketing professionale e ne garantiscono il coordinamento e l'applicazione a livello strumentale. Pianificano misure di marketing, le attuano con successo e sono capaci di dare incarichi a specialisti e di condurli. Competenza professionale e metodica: - elaborare concetti di marketing per singoli prodotti e gruppi di prodotto; - conoscenze approfondite dei mercati nazionali per quanto concerne beni di consumo, beni d investimento, prestazioni di servizio, attività senza scopo di lucro; - sicurezza nell impiego di metodi d analisi di marketing; - elaborare analisi della situazione di marketing, analizzare informazioni di mercato; - capacità di scegliere, analizzare e utilizzare dati di mercato rilevanti; - proporre suggerimenti conclusivi per l elaborazione del mercato; - conoscenze concernenti i principi della comunicazione integrata e i singoli strumenti di comunicazione (relazioni pubbliche, pubblicità, promozione delle vendite, relazioni pubbliche di prodotto, sponsoring, comunicazione multi-media, marketing diretto e data-base-marketing, marketing di eventi); - pianificare, realizzare e controllare le misure di marketing e di comunicazione (pianificazione, organizzazione, realizzazione, controllo); - conoscenze degli strumenti di commercializzazione quali vendita, category management, key accounting e distribuzione; - comprensione dei principi della contabilità finanziaria e analitica; - sicurezza nella scelta e nell impiego delle diverse tecniche di presentazione, di trattativa e di creatività; - capacità di utilizzare efficienti tecniche per la soluzione di problemi e la presa di decisioni, per la gestione del lavoro e del tempo. 3. PUBBLICAZIONE, ISCRIZIONE, AMMISSIONE, SPESE 3.1 Iscrizione Informazioni complementari al regolamento d esame: L iscrizione dev essere inoltrata entro il termine comunicato e rispettando le prescrizioni del segretariato d esame. I dati richiesti devono essere comunicati in modo veritiero e completo Tutta la documentazione può essere inoltrata nelle lingue tedesco, francese, italiano e inglese. Attestati e certificati di lavoro redatti in altre lingue devono essere presentati accompagnati da una traduzione autenticata ufficialmente. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 2 di 19

3 La documentazione d iscrizione diventa proprietà della commissione d esame e non viene restituita Con l iscrizione all esame, la persona candidata riconosce il regolamento d esame e le relative direttive. 3.2 Ammissione Informazioni complementari al regolamento d esame: Avvengono secondo il punto 3 del regolamento d esame. Informazioni supplementari riguardanti l ammissione sono contenute nel punto 3.3 del regolamento d esame: Quale pratica professionale nei settori marketing, pubblicità/comunicazione di marketing, marketing diretto, vendita o relazioni pubbliche, ai sensi del regolamento d esame, vengono considerate le seguenti attività: - assistente della direzione di marketing / di vendita con funzioni decisamente più ampie dei soli lavori di segretariato; - collaboratrice o collaboratore di concetto con compiti specialistici concreti nell ambito del marketing; - assistente della direzione di pubblicità o di relazioni pubbliche con funzioni decisamente più ampie dei soli lavori di segretariato; - collaboratrice o collaboratore di concetto con compiti specialistici concreti nell ambito della pubblicità o delle relazioni pubbliche; - la frequentazione di una scuola professionale di marketing a tempo pieno con uno stage è riconosciuta come pratica professionale. La pratica professionale può essere comprovata tramite attestati di lavoro, attestati di pratica, descrizioni del posto di lavoro, ecc Il giorno di riferimento per la prova del periodo di tempo è l inizio dell esame In caso di dubbio può essere richiesta, contro il versamento di una tassa, una decisione preventiva vincolante sull adempimento alle condizioni d ammissione secondo il punto 3.3 del regolamento d esame. Questa verifica deve essere svolta tempestivamente prima dell inizio della formazione e il relativo formulario di richiesta deve essere inoltrato al segretariato d esame all attenzione della commissione d esame. I formulari per la decisione preventiva sono ottenibili presso: Segretariato d esame specialisti in marketing, Baslerstrasse 32, casella postale 1016, 4603 Olten, tel , 4. SVOLGIMENTO DELL ESAME 4.1 Ritiro Informazioni complementari al regolamento d esame: Se un ritiro avviene per motivi diversi da quelli elencati al punto 4.2 del regolamento d esame, e se la commissione d esame non ne è responsabile, vengono restituiti i seguenti importi: fino a 31 giorni prima del primo giorno d esame: 90% della tassa d esame da 30 giorni a 1 giorno prima del primo giorno d esame: 60% della tassa d esame il giorno d esame o più tardi: 0% della tassa d esame Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 3 di 19

4 5. PARTI D ESAME / MATERIE D ESAME L esame comprende le seguenti parti, ponderate in egual misura, e dura: Parte d esame Genere d esame Durata 5.1. Concetto di marketing scritto 3 ore 5.2. Comunicazione integrata scritto 3 ore 5.3. Vendita e distribuzione scritto 2.5 ore 5.4. Ricerca di mercato scritto 1.5 ore 5.5. Contabilità / controlling scritto 1.5 ore 5.1. Concetto di marketing orale 30 minuti 5.2. Comunicazione integrata orale 30 minuti 5.6. Tecniche di presentazione e di comunicazione orale 30 minuti Totale 13 ore Informazioni complementari al regolamento d esame: In seguito è descritta la materia di ogni parte d esame sotto forma di obiettivi d apprendimento. Di principio, le perite e i periti basano le loro domande sulle esigenze della vita professionale. Compiti e domande d esame verificano primariamente la capacità d utilizzo di conoscenze specialistiche in situazioni concrete dell ambito professionale. Le parti d esame elencate in seguito ( ) descrivono in questo senso le conoscenze necessarie per superare l esame. Le perite e i periti sono liberi nella scelta della formulazione del compito. Non è necessario che in ogni compito d esame siano trattati tutti i punti della descrizione dettagliata. Domande concernenti diverse materie contemporaneamente sono ammesse. Materiale didattico del corso, strumenti ausiliari L utilizzo di materiale didattico del corso, di libri specialistici, di checklist, ecc. non è permesso né agli esami scritti né a quelli orali. Quali strumenti ausiliari sono ammesse piccole calcolatrici a batteria senza funzioni di memoria testi. A questo proposito, le persone candidate ricevono istruzioni precise con l invito all esame. Tutti gli strumenti ausiliari non menzionati esplicitamente nell invito non sono ammessi. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 4 di 19

5 5.1 Progetto di marketing (durata dell'esame: 3 ore scritto e 30 minuti orale) Obiettivi di apprendimento / Materia di esame FONDAMENTI DI MARKETING Spiegare (K2) l'evoluzione storica e la filosofia del marketing, citare (K1) e spiegare (K2) i termini più importanti del marketing. Spiegare (K2) le attività di mercato come sistema e abbozzare (K5) soluzioni per casi specifici. Definizione e delimitazione del mercato: strutturare i mercati in aree operative strategiche (AOS), unità operative strategiche (UOS), mercati parziali e segmenti di mercato (K4). Calcolare dimensioni e indici di mercato (K3), interpretarli (K2) e dedurne (K4) le conclusioni. Citare (K1) e spiegare (K2) i metodi e i modelli di analisi rilevanti per il mercato. Citare (K1) e spiegare (K2) i metodi per l'analisi dei clienti e interpretare (K2) il comportamento dei consumatori in base ai dati dell'analisi. Descrivere (K2) i sistemi d informazione di marketing (MIS) per la pianificazione, la preventivazione, il controllo e la gestione nell'ambito del marketing e valutarne (K6) le possibilità d impiego per casi specifici. Citare (K1) e illustrare (K2) le sfide del marketing delle esportazioni e abbozzare (K5) al riguardo soluzioni per casi specifici. Illustrare (K2) la funzione e le possibilità d impiego del Customer Relationship Management (CRM). Citare (K1) e spiegare (K2) i termini e i fondamenti più importanti del marketing e della comunicazione su internet. Abbozzare (K5) modelli di attività e distribuzione di e-business per casi specifici, sulla base di quanto deciso dalla direzione. FONDAMENTI DI RICERCA DI MERCATO Spiegare (K2) concetti fondamentali, campi specifici e di applicazione e utilità della ricerca di mercato. Spiegare (K2) i metodi di ricerca e il loro impiego nella ricerca di mercato primaria e secondaria come pure in quella quantitativa e qualitativa. Analizzare (K4) le informazioni ricavate da studi dei media e panels e inserirle (K5) nell'elaborazione concreta di azioni di marketing. PROGETTO DI MARKETING Citare (K1) e spiegare (K2) le singoli parti di un progetto di marketing e i suoi contenuti essenziali. Abbozzare (K5) progetti di marketing per casi specifici sulla base di decisioni della direzione. Valutare (K6) i progetti di marketing esistenti. Identificare le informazioni di mercato rilevanti per casi specifici. Effettuare (K4) analisi situazionali per un determinato mercato, un'azienda e il relativo ambiente. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 5 di 19

6 Identificare (K4) i fattori SWOT di casi specifici ed elaborare (K5) su tale base un'analisi SWOT completa. Derivare (K4) dall'analisi SWOT i fattori critici di successo (FCS) e i fattori strategici di successo (FSS) e abbozzare (K5) su tale base gli approcci strategici per la gestione dell'azienda e il trattamento del mercato. Elaborare (K5) gli obiettivi di marketing tattici, operativi e strategici. Citare (K1) e illustrare (K2) le strategie di marketing e pianificarne (K5) l'attuazione per l'applicazione a casi specifici in Svizzera e per un'eventuale espansione all'estero. Calcolare (K3) i costi del marketing di un caso specifico e stilare il relativo budget di marketing (K5). Illustrare (K2) i costi calcolati e le voci del budget. Selezionare con motivazione adeguata (K6) i metodi per il controllo del marketing e del budget di un caso specifico. MARKETING MIX Spiegare (K2) la relazione push-pull, pianificarla (K4) per esempi concreti e selezionare con motivazione adeguata (K6) gli strumenti adatti. Spiegare (K2) il modello di dominanza standard (secondo Kühn) e abbinarvi con motivazione adeguata (K4) gli strumenti per esempi pratici concreti. Spiegare (K2) il ciclo di vita del prodotto e abbinare con motivazione adeguata (K4) i singoli strumenti alle diverse fasi. Valutare (K6) sulla base di esempi pratici la configurazione del marketing mix e il possibile effetto degli strumenti contenuti nei vari sub mix. Spiegare (K2) le differenze nell'impiego dei vari strumenti nei diversi segmenti del mix. Effettuare una selezione (K6) di strumenti adatti per determinati segmenti del mix. Citare (K1) e illustrare (K2) le differenze rilevanti per il marketing dei diversi tipi di beni, prestazioni di mercato e offerte delle organizzazioni non profit e pianificare (K5) l'impiego di strumenti idonei al riguardo. Sulla base di esempi concreti standardizzare o differenziare con motivazione adeguata (K4) gli strumenti nel marketing mix internazionale. COLLABORAZIONE CON PARTNER ESTERNI Citare (K1) e illustrare (K2) i tipi e le offerte di servizio di agenzie e consulenti esterni. Citare (K1) e illustrare (K2) i punti importanti della collaborazione con agenzie e consulenti esterni. Citare (K1) i modelli di rimunerazione per la collaborazione di aziende e partner esterni. Elaborare (K5) un briefing per la collaborazione con partner esterni. Valutare (K6) i partner esterni da scegliere per casi specifici. Identificare (K4) i criteri per la valutazione delle offerte. Valutare (K6) le offerte presentate per casi specifici. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 6 di 19

7 ORGANIZZAZIONE Descrivere (K2) la posizione e la funzione del marketing nelle aziende, nelle organizzazioni e nelle istituzioni. Citare (K1) e spiegare (K2) le forme di organizzazione e analizzarne (K4) gli effetti sui settori del marketing. Elaborare con motivazione adeguata (K5) gli strumenti organizzativi dell'organizzazione strutturale e di quella procedurale e valutarli (K6) sulla base di esempi concreti. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 7 di 19

8 5.2 Comunicazione integrata (durata dell'esame: 3 ore scritto e 30 minuti orale) Obiettivi di apprendimento / Materia di esame FONDAMENTI E COMPITI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA Definire (K1) l'espressione «comunicazione integrata». Illustrare (K2) l'espressione «politica di comunicazione». Citare (K1) e illustrare (K2) le caratteristiche, le forme, i compiti e gli obiettivi essenziali come pure le sfide (riguardo a barriere di contenuto, organizzative e personali) della comunicazione integrata. Citare (K1) e spiegare (K2) le singoli parti di un progetto di comunicazione integrata e i suoi contenuti essenziali. Caratterizzare (K2) i processi di pianificazione «Top-Down», «Bottom-Up» e «Down-Up». Spiegare (K2) le espressioni «posizionamento strategico» e «idea guida della comunicazione» quali elementi centrali della comunicazione integrata. Citare (K1) e caratterizzare (K2) gli elementi che costituiscono la Corporate Identity. MERCATO SVIZZERO DELLA COMUNICAZIONE Citare (K1) e descrivere (K2) i diversi gruppi di attori del mercato svizzero della comunicazione e spiegarne (K2) i compiti principali. Citare (K1) e caratterizzare (K2) i diversi tipi di media del mondo mediatico svizzero. Citare (K1) e descrivere (K2) i fornitori più importanti di media. Citare (K1) i profili professionali della comunicazione e spiegarne (K2) le competenze. STRUMENTI DI COMUNICAZIONE Illustrare (K2) i compiti, le funzioni e gli obiettivi dei seguenti strumenti di comunicazione, come pure le relative interazioni e delimitazioni: pubblicità, vendita personale, promozione vendite, PR, direct marketing (DM), fiere ed esposizioni, event-marketing, sponsoring, comunicazione online. Illustrare (K2) le differenze e le particolarità della concezione della comunicazione per i rami dei beni di consumo, dei servizi, dei beni di investimento e non profit. Pubblicità: Sviluppare (K5) un progetto pubblicitario. Citare (K1) e descrivere (K2) gli elementi che costituiscono la piattaforma media e copy. Valutare (K6) i mezzi e i veicoli pubblicitari in casi illustrativi. Promozione vendite: Sviluppare (K5) un progetto di promozione vendite. Valutare (K6) le misure in casi illustrativi. PR: Illustrare (K2) le diverse forme di PR. Sviluppare (K5) un progetto PR. Valutare (K6) le misure PR in casi illustrativi. Direct marketing: Sviluppare (K5) un progetto DM. Illustrare (K2) gli aspetti del «Database Marketing» e del «CRM» rilevanti per la comunicazione. Valutare (K6) le misure DM in casi illustrativi. Fiere ed esposizioni: Sviluppare (K5) un progetto per una fiera. Valutare (K6) le misure previste per la fiera in casi illustrativi. Event marketing: Sviluppare (K5) un progetto di event marketing. Valutare (K6) le misure di event marketing in casi illustrativi. Sponsoring: Illustrare (K2) le diverse forme di sponsoring. Sviluppare (K5) un progetto di sponsoring. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 8 di 19

9 Valutare (K6) le misure di sponsoring in casi illustrativi. Comunicazione online: Illustrare (K2) le diverse forme di comunicazione online. Sviluppare (K5) un progetto di comunicazione online. Valutare (K6) le misure online in casi illustrativi. Valutare (K3) i costi delle misure di comunicazione e strutturarli (K4) in gruppi di costo. Valutare (K6) i preventivi dei costi in casi illustrativi. Spiegare (K2) l'impiego e l'importanza dei diversi strumenti di comunicazione nelle varie fasi del ciclo di vita del prodotto. COLLABORAZIONE CON I FORNITORI DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE Citare (K1) e illustrare (K2) i tipi e le offerte di servizio di agenzie e consulenti esterni. Citare (K1) e illustrare (K2) i punti importanti della collaborazione con agenzie e consulenti esterni. Citare (K1) i criteri di valutazione e i modelli di rimunerazione per la collaborazione di aziende e partner esterni. Elaborare (K5) un briefing per la collaborazione con partner esterni. Valutare (K6) i partner esterni da scegliere per casi specifici. Identificare (K4) i criteri per la valutazione delle offerte. Valutare (K6) le offerte presentate per casi specifici. RICERCA DI COMUNICAZIONE Citare (K1) e spiegare (K2) i possibili tipi di misurazione per controllare l'efficacia della comunicazione. Spiegare (K2) l'importanza dei controlli dell'efficacia. Sulla base di casi illustrativi identificare (K4) i possibili strumenti per la ricerca di comunicazione e selezionare con motivazione adeguata (K6) gli strumenti adatti. Citare (K1) e spiegare (K2) i possibili pre-test e post-test. Sulla base di un caso illustrativo formulare (K5) un briefing per un pre-test e un post-test. Citare (K1) e descrivere (K2) gli studi di ricerca di mercato e di ricerca mediatica e i loro fornitori più importanti. DIRITTO DELLA COMUNICAZIONE Illustrare (K2) i tipi principali di contratto (CO, BSW). Illustrare (K2) il contenuto e l'importanza delle leggi e delle norme sui temi seguenti: concorrenza sleale (LCSl), diritto di autore (LDA), protezione dei marchi (CC, LPM), diritto del design (LDes), protezione dei dati (LPD), protezione della personalità (CC), pubblicità in relazione a prodotti (ODerr, OCDerr, LATer, OPuM, LAlc, OTab, LRDP), le restrizioni per le vendite nelle pubbliche manifestazioni (DTF, OLLS, OIP), pubblicità nei media. Spiegare (K2) i compiti e le attività delle organizzazioni seguenti (K2): IPI Istituto Federale della Proprietà Intellettuale, Commissione svizzera per la lealtà. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 9 di 19

10 5.3 Vendita e distribuzione (durata dell'esame: 2.5 ore scritto) Obiettivi di apprendimento / Materia di esame PROCESSI / PROGETTI Analizzare (K4) e illustrare (K2) posizione, funzione e impiego di vendita e distribuzione all'interno dell'organizzazione di marketing e degli strumenti di marketing in una situazione specifica di mercato. Illustrare (K2) le differenze fra vendita e distribuzione di beni di consumo e industriali, come pure di servizi. Abbozzare (K5) obiettivi di vendita e distribuzione pre-economici ed economici per casi specifici, comprese le relative misure. Abbozzare (K5) pianificazioni di vendita e strategie di distribuzione per casi specifici. Creare (K5) pianificazioni di vendita primarie e secondarie per casi specifici, orientate ai gruppi target rilevanti. Elencare (K1) e descrivere (K2) gli strumenti di pianificazione e informazione rilevanti per il key-accountmanagement. Strutturare (K4) e illustrare (K2) gerarchicamente e funzionalmente l'organizzazione di vendita con servizio esterno/interno, compreso call center e marketing telefonico. Abbozzare (K5) le possibilità di riorganizzazione per casi specifici. Calcolare (K3) i costi di vendita e distribuzione, stilare (K5) e illustrare (K2) preventivi. Identificare (K4) e applicare (K3) i possibili metodi di controllo del budget. Descrivere (K2) lo sviluppo dal Relationship Marketing al Collaborative Customer/Consumer Relationship Management (C-CRM) come filosofia aziendale. Su questa base configurare (K5) sistematicamente l'allacciamento e la cura delle relazioni con i clienti. Illustrare (K2) diverse forme di vendita e distribuzione a livello nazionale e internazionale (anche trend) e abbinarle (K4) coerentemente a progetti di vendita e distribuzione. LOGISTICA DI MARKETING Citare (K1) e spiegare (K2) il Supply Chain Management (SCM), ossia i possibili processi della movimentazione fisica di merci (flusso interno ed esterno di merci, denaro, informazioni e comunicazioni). Citare (K1) e illustrare (K2) diverse forme di distribuzione, canali di vendita e vie di distribuzione. Abbozzare (K5) misure per l'attuazione in casi specifici. Spiegare (K2) l'espressione «Multi-Channel-Management» e citare (K1) i possibili motivi per avere un Multi-Channel-Management. Citare (K1) e illustrare (K2) i processi per garantire la disponibilità e la rintracciabilità delle merci e la fornitura di servizi. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 10 di 19

11 DATI DI MERCATO Preparare (K5) e interpretare (K2) dati di mercato interni ed esterni, come panel di consumatori, analisi del valore del cliente (analisi di coorte), dati POS e dati svendite, trarre conclusioni (K4) e formulare raccomandazioni (K6). Effettuare (K4) un benchmarking come analisi della concorrenza a livello di prodotto e rivenditore Citare (K1) e illustrare (K2) le caratteristiche e le particolarità della distribuzione strategica e fisica nel commercio con l'estero. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 11 di 19

12 5.4 Ricerca di mercato (durata dell'esame: 1.5 ore scritto) Obiettivi di apprendimento / Materia di esame FONDAMENTI DI RICERCA DI MERCATO Definire l'espressione «ricerca di mercato» e descriverne (K2) il rapporto con discipline affini. Descrivere (K2) i compiti e i vantaggi principali della ricerca di mercato. Illustrare (K2) i campi d impiego della ricerca di mercato sulla base di esempi chiarificatori. Citare (K1) e illustrare (K2) le singole fasi di un processo di ricerca di mercato. Valutare (K6) l'idoneità e l'utilità delle informazioni della ricerca di mercato. Citare (K1) e illustrare (K2) diverse forme di ricerca di mercato. METODI DI ACQUISIZIONE DEI DATI Identificare (K4) i possibili metodi per l'acquisizione di dati in casi specifici e selezionare i metodi idonei (K6). Ricerca di mercato primaria: illustrare (K2) le differenze e le caratteristiche comuni della ricerca di mercato qualitativa e quantitativa. Citare (K1) e illustrare (K2) i metodi più importanti della ricerca di mercato primaria, come pure i loro vantaggi e svantaggi. Citare (K1) e descrivere (K2) i diversi tipi di sondaggio, come pure i loro vantaggi e svantaggi. Citare (K1) e illustrare (K2) i tipici tipi di sondaggio della ricerca di mercato qualitativa, come pure i loro vantaggi e svantaggi. Identificare (K4) i possibili tipi di sondaggio in casi specifici e selezionare quelli idonei (K6). Ricerca di mercato secondaria: identificare (K4) le fonti d informazione più importanti della ricerca di mercato secondaria per casi specifici e descriverne (K2) vantaggi e svantaggi. Illustrare (K2) i compiti e gli obiettivi di un sistema CRM come fonte d informazioni di marketing interne all'azienda. STRUMENTI SPECIALI Omnibus: illustrare (K2) lo svolgimento dei sondaggi omnibus e i loro vantaggi e svantaggi. Ricerca tracking / Panels: spiegare (K2) il termine di tracking e citare le forme di ricerca mediante tracking (K1). Citare i diversi tipi di ricerca mediante panels (K1) e illustrarne le differenze, i vantaggi e gli svantaggi (K2). Test di mercato: citare (K1) e descrivere (K2) gli strumenti di ricerca per i test di mercato. Determinare (K6) gli strumenti possibili (K4) e idonei per casi specifici. Ricerca pubblicitaria: citare (K1) e descrivere (K2) gli strumenti più importanti della ricerca di comunicazione. Citare (K1) le offerte più importanti della ricerca mediatica. Data mining: illustrare (K2) l'espressione «data mining» e l'utilità del data mining. Spiegare (K2) dove si colloca il data mining all'interno del processo di database marketing. Mystery research: descrivere (K2) l'espressione «mystery research» e citare i campi di impiego della mystery research. Illustrare (K2) le direttive pertinenti della protezione dei dati (tutela della personalità). Ricerca su internet: descrivere (K2) i fondamenti della ricerca su internet e i relativi campi d impiego. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 12 di 19

13 IDEAZIONE DI QUESTIONARI Descrivere (K2) procedure adeguate per l'ideazione di questionari. Citare (K1) e illustrare (K2) i requisiti formali delle domande di test. Citare (K1) e illustrare (K2) i possibili tipi di domande di programma e di test. Formulare (K5) domande di test per problematiche semplici. FONDAMENTI DI STATISTICA Definire (K1) il termine «statistica». Illustrare i compiti della statistica (K2). Citare (K1) e spiegare (K2) i termini fondamentali più importanti della statistica. Citare (K1) e illustrare (K2) i criteri di qualità dei dati prodotti dalle misurazioni. Coefficienti, medie e indici di dispersione: Citare (K1) e illustrare (K2) i parametri delle distribuzioni delle frequenze. Calcolare (K3) la distribuzione delle frequenze e la distribuzione cumulativa con esempi numerici semplici. Citare (K1) e illustrare (K2) i coefficienti. Calcolare (K3) e interpretare (K2) coefficienti, medie e indici di dispersione per esempi pratici concreti. Procedimenti statistici bivariati e multivariati: citare (K1) e descrivere (K2) i procedimenti analitici bivariati più importanti. Spiegare l'espressione «procedimento analitico multivariato» e citare (K2) qualche esempio di tale procedimento. Determinazione dei trend: illustrare i componenti della serie cronologica (K2). Citare (K1) i metodi per la determinazione dei trend (K1), applicarli (K3) in esempi semplici e interpretare (K2) i risultati trovati. Grandezza del campione / errore di campionamento: determinare per casi specifici la grandezza del campione e calcolare l'errore di campionamento (K3). ANALIZZARE, RAPPRESENTARE E INTERPRETARE I DATI DELLE RICERCHE DI MERCATO Ricavare (K4) da tabelle o grafici i dati rilevanti delle ricerche di mercato per casi specifici e dedurne (K5) le conseguenze. Mettere a confronto (K4) fra loro le informazioni di mercato di casi specifici, identificare (K4) e calcolare (K3) le informazioni mancanti. Analizzare (K6) i risultati ottenuti. Verificare (K6) l'idoneità delle forme di rappresentazione per statistiche di marketing di casi specifici e creare (K5) le relative rappresentazioni. RICERCA DI MERCATO NELL'AMBITO DI PROBLEMATICHE SCELTE Citare (K1) gli obiettivi della ricerca della soddisfazione dei clienti. Illustrare l'approccio dell'«event Driven Customer Feedback» e descriverne (K2) i vantaggi. Citare (K1) e illustrare (K2) i criteri e i metodi per la segmentazione del mercato. Citare (K1) e illustrare (K2) gli strumenti per misurare i profili d immagine. Citare (K1) e illustrare (K2) il senso e lo scopo delle previsioni nel campo del marketing. Illustrare (K2) la funzione e lo scopo della ricerca delle preferenze. Illustrare (K2) la funzione e lo scopo della Cluster Analysis. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 13 di 19

14 ORGANIZZAZIONE E COLLABORAZIONE CON I FORNITORI DI SERVIZI DI RICERCA DI MERCATO Descrivere (K2) le possibili forme d integrazione organica della ricerca di mercato nell'organizzazione dell'azienda. Citare (K1) e spiegare (K2) differenti forme organizzative per la realizzazione di un progetto o di un processo di ricerca di mercato. Illustrare (K2) la natura e lo scopo di un'analisi del fabbisogno informativo e di un'analisi della copertura del fabbisogno di risorse. Preparare (K5), all'attenzione di un fornitore esterno di servizi di ricerca di mercato, un briefing completo per la realizzazione di un progetto di ricerca di mercato. Citare (K1) e illustrare (K2) i tipici componenti e le caratteristiche del rapporto dei risultati di un fornitore di servizi di ricerca di mercato. Citare (K1) e illustrare (K2) i criteri per la scelta di un fornitore esterno di servizi di ricerca di mercato. Controllare e valutare (K6) le offerte e le proposte sulla procedura da seguire presentate da fornitori di servizi di ricerca di mercato per casi specifici. Effettuare (K6) per casi specifici una scelta ragionevole del fornitore di servizi. Citare (K1) e illustrare (K2) le basi della protezione e della sicurezza dei dati nell'ottica dei dati delle ricerche di mercato. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 14 di 19

15 5.5 Contabilità e controlling (durata dell'esame: 1.5 ore scritto) Obiettivi di apprendimento / Materia di esame CONTABILITÀ FINANZIARIA Citare (K1) e illustrare (K2) i termini fondamentali, i compiti e lo scopo della contabilità finanziaria. Stilare (K5) e illustrare (K2) un bilancio. Stilare (K5) e illustrare (K2) un conto economico semplice e uno scalare. Calcolare (K3) e interpretare (K2) gli indici del bilancio e del conto economico per le voci seguenti: struttura del patrimonio e del finanziamento, liquidità e gradi di copertura, cash-flow e indebitamento, magazzino, crediti e debiti (indici di attività), struttura di costi e ricavi. Sulla base dei risultati selezionare (K6) misure idonee. CONTABILITÀ ANALITICA Citare (K1) e illustrare (K2) i compiti e lo scopo della contabilità analitica. Interpretare (K2) i conti per tipi di costo, per centri di costo e per elementi di costo ai costi effettivi o normali. Eseguire (K3) i calcoli seguenti, interpretarne i risultati (K2) e derivarne le possibili misure (K4). Calcolo per divisione, calcolo dell'utile lordo, calcolo delle maggiorazioni, calcolo con cifre chiave, calcolo dei margini di contribuzione. IMPIEGO DEL CALCOLO A COSTI PARZIALI Stilare (K5) e illustrare (K2) un calcolo dei margini di contribuzione a più livelli. Stilare (K5) e illustrare (K2) un'analisi del punto di utile zero / punto di pareggio. Calcolare (K3) le basi per decidere le priorità degli articoli ed effettuare le priorità (K4). Calcolare (K3) riduzioni di prezzo e sconti, limiti inferiori di prezzo (orientati ai costi), ordini/affari supplementari e produzione in proprio / acquisto da terzi. BUDGET FATTURATO E COSTI Stilare (K5) e illustrare (K2) un budget di fatturato e di costi sulla base di costi pieni o parziali (p.es. mediante un variatore). Effettuare (K4) analisi degli scostamenti, interpretarle (K2) ed elaborare (K5) misure. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 15 di 19

16 5.6 Tecniche di presentazione e comunicazione (durata dell'esame: 30 minuti orale) Obiettivi di apprendimento / Materia di esame FONDAMENTI DI TECNICA DI PRESENTAZIONE Citare (K1) e descrivere (K2) i passi più importanti per la preparazione e la realizzazione di una presentazione e di un discorso. Citare (K1) i singoli campi della retorica e illustrarli (K2) con esempi presi dalla vita quotidiana. Abbozzare (K5) i contenuti di una presentazione sulla base degli obiettivi fissati per la presentazione stessa. Soppesare (K6) fra loro diversi tipi di presentazioni quanto a vantaggi e svantaggi. Sviluppare (K5) e presentare (K3) una presentazione efficace, orientata agli obiettivi e ai destinatari. Citare (K1) e applicare (K3) metodi per attivare, coinvolgere e convincere del contenuto il pubblico di una presentazione. Spiegare (K2) l'effetto degli strumenti voce, articolazione, mimica, gestualità e posizione del corpo e impiegare (K3) tali strumenti in una presentazione, in modo adeguato agli obiettivi. Preparare (K5) e tenere (K3) una breve conferenza o una presentazione. MEZZI AUSILIARI E LORO IMPIEGO Citare (K1) diversi mezzi ausiliari e illustrarne (K2) le differenze e i relativi vantaggi e svantaggi. Impiegare (K3) nella propria presentazione mezzi ausiliari idonei. Identificare (K4) i possibili mezzi ausiliari di presentazione per una data situazione e valutarne (K6) l'idoneità. Descrivere (K2) vantaggi e svantaggi degli usuali mezzi di comunicazione. Valutare (K6) i mezzi quanto a idoneità e impiegarli in modo adeguato alla situazione (K3). MODERAZIONE Illustrare (K2) le fasi di una moderazione, la creazione della tensione emotiva e i metodi di domande e risposte per attivare. Citare (K1) i mezzi e i materiali da usare durante le moderazioni e spiegarne le possibilità di impiego (K2). TECNICHE DI CREATIVITÀ Spiegare (K2) le tecniche di creatività come «brainstorming», «brainwriting», «metodo 635», «scatola morfologica», ecc. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 16 di 19

17 6. VALUTAZIONE E NOTE 6.1. Disposizioni generali Informazioni complementari al regolamento d esame: 6.2 L organo responsabile si impegna a mantenere alto il livello di qualità degli esami professionali. Si suggerisce e propone quanto segue: assicurarsi che le soluzioni corrispondano alle informazioni e ai compiti nel caso pratico e che vi sia uno stretto collegamento tra di loro (soluzioni legate al caso, rispondere a quanto richiesto); l approccio di soluzione nonché la traccia logica devono essere riconoscibili concretamente; rispondere a domande semplici con pochi punti in modo semplice (attenzione alla gestione del tempo); considerare e premettere condizioni quadro realistiche e attuali; tenere in considerazione relazioni di natura economico-aziendale secondo il principio decisionale se/quindi (p.es. se meno fatturato, quindi meno collaboratori); differenziare tra motivazione e descrizione: motivazione: perché propongo qualcosa e perché lo ritengo corretto, cioè per quali motivi credo che vi siano dei vantaggi, descrizione: che cosa propongo e come, quando e dove intendo realizzarlo, formulare motivazioni e descrizioni sempre in relazione al caso concreto; proporre soluzioni complete (p.es. compr. responsabilità, pianificazione del tempo e delle misure indicando che cosa, come, quando, chi, quanto); per completare la soluzione, si possono eventualmente fare delle ipotesi (indicare chiaramente le ipotesi come tali); se vi è una struttura proposta per le tabelle, utilizzarla e seguirla Valutazione Informazioni complementari al regolamento d esame: 6.4 Punteggio La definizione dei valori delle note è indicata al punto 6 del regolamento d esame. Ne è parte integrante il punteggio applicato per la valutazione delle prestazioni e per l assegnazione delle note: da 92 a 100 punti nota 6.0 da 83 a 91 punti nota 5.5 da 74 a 82 punti nota 5.0 da 65 a 73 punti nota 4.5 da 55 a 64 punti nota 4.0 da 45 a 54 punti nota 3.5 da 36 a 44 punti nota 3.0 da 27 a 35 punti nota 2.5 da 18 a 26 punti nota 2.0 da 9 a 17 punti nota 1.5 da 0 a 8 punti nota 1.0 Per ogni voce sono assegnati al massimo 100 punti; la suddivisione in compiti parziali corrisponde a una ponderazione. Suddivisione e ponderazione sono decise dalle perite e dai periti in accordo con la/il responsabile d esame e indicate sui compiti scritti. Come note intermedie sono ammessi soltanto i mezzi punti. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 17 di 19

18 6.5 Tassonomia La formulazione della materia di esame (= obiettivi di apprendimento) al punto 5 della presente guida è stata effettuata in base alla tassonomia cognitiva secondo Bloom. Si distinguono sei livelli tassonomici da K1 a K6. I singoli livelli tassonomici indicano quale comportamento devono avere i candidati nel quadro dell'esame, per risolvere con buon esito un determinato problema. I problemi vengono formulati in base ai verbi elencati alla voce «Compiti». Livello tassonomico Denominazione Compiti Esempio di problema K1 Sapere indicare, dire, annotare, citare, designare, menzionare, completare, ripetere K2 Comprensione caratterizzare, spiegare, interpretare, abbreviare, schizzare, generalizzare, tradurre, fare un esempio K3 Applicazione applicare, calcolare, eseguire, creare, terminare, impiegare, far vedere K4 Analisi derivare, dedurre, analizzare, ordinare, confrontare, strutturare, identificare, classificare, scomporre, abbinare K5 Sintesi abbozzare, sviluppare, elaborare, configurare, pianificare, redigere K6 Valutazione interpretare, valutare, giudicare, differenziare, controllare, esaminare, qualificare, dare un giudizio, stimare, confutare Citi gli elementi principali di un progetto di comunicazione Spieghi il termine Corporate Design. Calcoli i costi approssimativi della campagna di inserzioni prevista. Identifichi il Call-to-Action negli annunci presentati. Trovi per le attività di sponsoring di una grande banca operante a livello internazionale sostenibili alternative alla Formula 1. Controlli che gli annunci presentati rispettino le direttive vigenti del Corporate Design. Per maggiori informazioni: Bloom (Ed.), Taxonomie von Lernzielen im kognitiven Bereich. Weinheim e Basilea: Beltz Verlag. Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 18 di 19

19 7. ATTESTATO FEDERALE, TITOLO E PROCEDURA 7.1 Rimedi giuridici Informazioni complementari al regolamento d esame: 7.2 Contenuto e forma del ricorso I ricorsi devono essere inoltrati in duplice copia presso l Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia UFFT, settore diritto, Effingerstrasse 27, 3003 Berna entro 30 giorni dalla ricezione della decisione della commissione d esame. Contenuto e forma del ricorso devono corrispondere alle prescrizioni dell UFFT. Un memorandum aggiornato può essere scaricato dal sito L atto di ricorso deve contenere chiare richieste giuridiche (istanze) ed essere firmato dalla persona querelante. La decisione contestata riguardante l esame dev essere allegata al ricorso. Le istanze devono essere motivate concretamente nei particolari. Impressioni soggettive non sono sufficienti per motivare il ricorso. Errori procedurali o un comportamento arbitrario durante lo svolgimento dell esame o nell assegnazione delle note devono essere resi credibili. Errori di valutazione della prestazione devono essere provati. La documentazione delle persone candidate è costituita dai compiti ricevuti durante l esame scritto nonché da una copia della loro soluzione dell esame scritto. Le soluzioni consegnate dalle persone candidate nonché i protocolli degli esami restano di proprietà della commissione d esame. Copie delle soluzioni dell esame scritto vengono consegnate solamente alle persone candidate che non hanno superato l esame e che desiderano presentare ricorso. Ricorsi contro singole note sono escluse, se l esame complessivo è stato superato. Non si entra nel merito di ricorsi che non corrispondono alle prescrizioni indicate nel memorandum dell UFFT. 7.3 Spese processuali L UFFT conferma la ricezione del ricorso e chiede un anticipo per la copertura delle spese processuali previste. Se il ricorso può essere approvato, questo anticipo spese è restituito. Se nel corso della procedura il ricorso viene ritirato, l anticipo pagato viene restituito detraendo le spese amministrative. Se un ricorso termina con il rigetto da parte dell UFFT, le spese processuali di norma non superano l anticipo. 7.4 Ulteriore procedura La persona querelante viene informata dall UFFT sull ulteriore procedura. Segretariato d esame per specialisti in marketing Baslerstrasse 32 Casella postale Olten Esame professionale per specialisti in marketing, direttive pagina 19 di 19

DIRETTIVE. inerenti al regolamento d esame dell esame professionale per Specialisti in marketing

DIRETTIVE. inerenti al regolamento d esame dell esame professionale per Specialisti in marketing DIRETTIVE inerenti al regolamento d esame dell esame professionale per Specialisti in marketing Pubblicate dall organo responsabile degli esami professionali per specialisti in marketing: SWISS MARKETING

Dettagli

Sviluppare il mercato, promuovere il dialogo e gestire i processi di comunicazione

Sviluppare il mercato, promuovere il dialogo e gestire i processi di comunicazione Specialisti in marketing, specia - listi in vendita, pianificatori (ici) di comunicazione, redattori (ici) di testi pubblicitari, specialisti in relazioni pubbliche: tutti occupano posizioni importanti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

Esame 2011. Contabilità aziendale / controlling

Esame 2011. Contabilità aziendale / controlling Berufsprüfung für Verkaufsfachleute mit eidg. Fachausweis Examen professionnel pour spécialistes de vente avec brevet fédéral Esame per l attestato professionale federale di specialisti in vendita Esame

Dettagli

Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento

Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento Direttive concernenti l esame professionale superiore Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento Versione del 29 maggio 2015 Organo responsabile Unione svizzera dei mestieri della moda (USMM) Segreteria

Dettagli

Regolamento per l ottenimento degli attestati modulari 1 e 2 con verifica delle equivalenze

Regolamento per l ottenimento degli attestati modulari 1 e 2 con verifica delle equivalenze Commissione qualità Ufficio qualificazione INTERPRET c/o IDEA sagl Piazza Nosetto 3 6500 Bellinzona Tel. 091 858 02 15 Fax 091 840 11 44 qualification@inter-pret.ch Regolamento per l ottenimento degli

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Assistente d ufficio con certificato federale di formazione pratica (CFP) dell 11 luglio 2007 (stato il 1 febbraio 2012) 68103 Assistente d ufficio

Dettagli

Novità. Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC S&A. Servizi e. amministrazione

Novità. Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC S&A. Servizi e. amministrazione Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC Novità S&A Servizi e amministrazione Sommario Panoramica In breve 1 Introduzione 2 Impiegata/impiegato di commercio

Dettagli

Corso di laurea specialistico in Marketing e Comunicazione

Corso di laurea specialistico in Marketing e Comunicazione Corso di laurea specialistico in Marketing e Comunicazione Classe di appartenenza: 84/S - Classe delle lauree specialistiche in Scienze economicoaziendali. Requisiti di ammissione: Laurea triennale o quadriennale

Dettagli

1. Disposizioni generali 3. 2. Organizzazione 4. 3. Pubblicazione, iscrizione, ammissione, costi 5. 4. Svolgimento dell esame 6

1. Disposizioni generali 3. 2. Organizzazione 4. 3. Pubblicazione, iscrizione, ammissione, costi 5. 4. Svolgimento dell esame 6 Regolamento d esame per l ottenimento del Certificato di Assistente del personale Edizione 2010 Organizzatori dell esame HR Swiss KV Schweiz Unione padronale svizzera Swissstaffing Associazione professionale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Disposizioni d esecuzione generali per l esame finale di tirocinio (parte aziendale e parte scolastica)

Disposizioni d esecuzione generali per l esame finale di tirocinio (parte aziendale e parte scolastica) Disposizioni d esecuzione generali per l esame finale di tirocinio (parte aziendale e parte scolastica) Criteri di base Legge federale del 9 aprile 978 sulla formazione professionale (vlfpr) Ordinanza

Dettagli

Regolamento d esame. Patrocinio: veb.ch, Società svizzera degli impiegati del commercio. Valido dall esame di ottobre 2016

Regolamento d esame. Patrocinio: veb.ch, Società svizzera degli impiegati del commercio. Valido dall esame di ottobre 2016 Collaboratore/collaboratrice qualificato/a della contabilità Collaboratore/collaboratrice qualificato/a fiduciario Collaboratore/collaboratrice qualificato/a fiscale edupool.ch Patrocinio: veb.ch, Società

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di vendita

inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di vendita DIRETTIVE inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di vendita Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di vendita diplomati

Dettagli

Profilo B o E? Un aiuto per scegliere

Profilo B o E? Un aiuto per scegliere Impiegata/impiegato di commercio AFC Profilo B o E? Un aiuto per scegliere Premessa Questo documento è uno strumento di aiuto per le persone che partecipano al processo decisionale delle persone in formazione

Dettagli

S P K C S E. Periodo CP CM CS Aree di apprendimento Competenze

S P K C S E. Periodo CP CM CS Aree di apprendimento Competenze S P K C S E im Detailhandel dans le Commerce de Détail nel Commercio al Dettaglio Procedura di qualificazione per le formazioni professionali di base nel commercio al dettaglio Impiegata del commercio

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza

Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza Osservazioni preliminari La varietà delle formazioni certificate dalla SGfB dimostra

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

d e c r e t a : I. Disposizioni generali

d e c r e t a : I. Disposizioni generali 5.1.8.4.4 Regolamento concernente il riconoscimento dei diplomi delle scuole universitarie per i docenti e le docenti del livello prescolastico e del livello elementare (del 10 giugno 1999) La Conferenza

Dettagli

REGOLAMENTO dell esame professionale per Specialisti in Vendita con attestato federale specializzazione servizio interno e servizio esterno

REGOLAMENTO dell esame professionale per Specialisti in Vendita con attestato federale specializzazione servizio interno e servizio esterno REGOLAMENTO dell esame professionale per Specialisti in Vendita con attestato federale specializzazione servizio interno e servizio esterno Visto l articolo 28 capoverso 2 della legge federale del 13 dicembre

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO IIS Algarotti Venezia Anno Scolastico 2014/2015 Risultati di Apprendimento Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza Strumenti di lavoro

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Impiegata del commercio al dettaglio/ Impiegato del commercio al dettaglio con attestato federale di capacità (AFC) 1 dell 8 dicembre 2004 (stato

Dettagli

INFORMAZIONI e ISCRIZIONI www.100corsi.it

INFORMAZIONI e ISCRIZIONI www.100corsi.it VITAMINE CREATIVE... per l industria culturale Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI CODICE PG.12.02.4I.048 Il progetto Vitamine Creative è finalizzato a rendere disponibile un ampia e diversificata offerta

Dettagli

Regolamento d esame. per l ottenimento del. Certificato di. Assistente del personale. Edizione 2014

Regolamento d esame. per l ottenimento del. Certificato di. Assistente del personale. Edizione 2014 Regolamento d esame per l ottenimento del Certificato di Assistente del personale Edizione 2014 Organizzatore dell esame è HRSE. Sono membri di HRSE: HR Swiss KV Schweiz Unione padronale svizzera Swissstaffing

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

1.1. Obiettivo fondamentale Ramo & azienda (risp. elaborare procedure economico-aziendali e/o procedure di servizi)

1.1. Obiettivo fondamentale Ramo & azienda (risp. elaborare procedure economico-aziendali e/o procedure di servizi) Elenco di obiettivi di valutazione, ramo Agenzie di viaggi Avvertenze: - Per facilitarne la leggibilità il presente documento è stato redatto utilizzando la forma maschile. - Per cliente si intendono tutte

Dettagli

del 5 maggio 1987 (Stato 5 dicembre 2006)

del 5 maggio 1987 (Stato 5 dicembre 2006) Ordinanza concernente gli esami esterni per economisti aziendali 412.105.7 del 5 maggio 1987 (Stato 5 dicembre 2006) Il Dipartimento federale dell economia pubblica 1, visto l articolo 50 capoverso 2 della

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Operatrice pubblicitaria/operatore pubblicitario con attestato federale di capacità (AFC) del 20 dicembre 2005 (Stato 26 febbraio 2007) 53106 Operatrice

Dettagli

Approfondimento sulla ISO 29990

Approfondimento sulla ISO 29990 Approfondimento sulla ISO 29990 Lo standard ISO 29990 nasce da un progetto sul principio dell ISO 9001, volto alla creazione di uno standard dei servizi e dell organizzazione ed alla certificazione degli

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Direttive Esame professionale per Specialista del personale

Direttive Esame professionale per Specialista del personale Direttive Esame professionale per Specialista del personale Opzioni A Gestione del personale B Consulente del personale secondo il Regolamento 2000, versione 2.0 Organo svizzero responsabile degli esami

Dettagli

Regolamento della valutazione e della procedura 24 giugno 2014

Regolamento della valutazione e della procedura 24 giugno 2014 Regolamento della valutazione e della procedura 24 giugno 2014 Pagina 1/8 Sommario 1. Obiettivi 3 2. Campo d applicazione 3 3. Sistema di valutazione delle constatazioni scaturite dall audit 3 3.1 Griglia

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Addetta alla logistica / addetto alla logistica con certificato federale di formazione pratica (CFP) del 18 ottobre 2006 95505 Addetta alla logistica CFP

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Mugnaia/Mugnaio con attestato federale di capacità (AFC) del 4 novembre 2011 21005 Mugnaia AFC/Mugnaio AFC Müllerin EFZ/Müller EFZ Meunière CFC/Meunier

Dettagli

Spiegazioni per la compilazione del modulo di richiesta (concessione di contributi federali per progetti secondo gli articoli 54/55 LFPr)

Spiegazioni per la compilazione del modulo di richiesta (concessione di contributi federali per progetti secondo gli articoli 54/55 LFPr) Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione SEFRI Spiegazioni per la compilazione del modulo di richiesta

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

Direttive relative al regolamento dell esame professionale di esperto / esperta in operazioni dei mercati finanziari

Direttive relative al regolamento dell esame professionale di esperto / esperta in operazioni dei mercati finanziari Commissione GQ per l esame professionale superiore di Esperto/Esperta in operazioni dei mercati finanziari Direttive relative al regolamento dell esame professionale di esperto / esperta in operazioni

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità (AFC) del 22 agosto 2007 21806 Macellaia-salumiera AFC/Macellaio-salumiere AFC Fleischfachfrau EFZ/Fleischfachmann EFZ

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

Esame professionale superiore secondo il sistema modulare con esame finale

Esame professionale superiore secondo il sistema modulare con esame finale Esame professionale superiore secondo il sistema modulare con esame finale DIRETTIVA sul regolamento dell'esame professionale superiore secondo il sistema modulare con esame finale di Maestra tessile/maestro

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459)

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Esame di professione per specialisti del commercio al dettaglio. Lavoro di progetto: Lavoro concettuale e Presentazione con colloquio professionale

Esame di professione per specialisti del commercio al dettaglio. Lavoro di progetto: Lavoro concettuale e Presentazione con colloquio professionale Esame di professione per specialisti del commercio al dettaglio Lavoro di progetto: Lavoro concettuale e Presentazione con colloquio professionale Stato: Serie 0 (esempio) Ultimo aggiornamento: 2015 Commissione

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010

Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010 Regolamento di certificazione della norma AOMAS:2010 Norma AOMAS / Regolamento: revisione 2010 Versione definitiva: 2010-10-10 1 / 12 Informazioni sulla revisione La presente revisione del regolamento

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Validazione degli apprendimenti acquisiti. Guida per la formazione professionale di base

Validazione degli apprendimenti acquisiti. Guida per la formazione professionale di base 1 Guida per la formazione professionale di base 2 Note editoriali Editore: Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT), Berna Version: 1 Langues: d / f / i Data di pubblicazione:

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Elettronica multimediale / Elettronico multimediale con attestato federale di capacità (AFC) Avamprogetto del 10 febbraio 2012 47006 Elettronica

Dettagli

Gestione di progetti Domande d esame

Gestione di progetti Domande d esame Esami modulari SVF-ASFC Edizione autunno 2009 Gestione di progetti Domande d esame Durata dell esame: 60 minuti Mezzi ausiliari ammessi: nessuno Incollate qui l etichetta con il vostro no di riferimento!

Dettagli

Burc n. 32 del 14 Luglio 2014 REGIONE CALABRIA

Burc n. 32 del 14 Luglio 2014 REGIONE CALABRIA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PRESIDENZA Settore Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di Sviluppo Euro-mediterranee POR FESR CALABRIA 2007-2013 ASSE VII SISTEMI PRODUTTIVI Linea di Intervento

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Disegnatrice/Disegnatore con attestato federale di capacità (AFC) nel campo professionale pianificazione del territorio e della costruzione del

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA ART. 1 Denominazione e obiettivi formativi Il Master in Economia e Banca nasce (MEBS) dal rapporto di collaborazione tra 1'Università degli Studi di Siena e la

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI STAGE

REGOLAMENTO PER GLI STAGE REGOLAMENTO PER GLI STAGE emanato con D.R. n. 5146 del 2000, successivamente modificato con D.R. n. 9 del 16 gennaio 2007 e D.R. n. 198 del 29 novembre 2011 1/5 ART. 1 Ambito di applicazione 1.1 Il presente

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Impiegata d albergo/impiegato d albergo del 7 dicembre 2004 78403 Impiegata d albergo/impiegato d albergo Hotelfachfrau/Hotelfachmann Specialiste en hôtellerie

Dettagli

Esame di professione per esperta in sviluppo immobiliare / esperto in sviluppo immobiliare Guida alla stesura del lavoro di progetto

Esame di professione per esperta in sviluppo immobiliare / esperto in sviluppo immobiliare Guida alla stesura del lavoro di progetto Esame di professione per esperta in sviluppo immobiliare / esperto in sviluppo immobiliare Guida alla stesura del lavoro di progetto Basata sulle istruzioni per lo svolgimento dell'esame di professione

Dettagli

Capitolo II Ammissione e promozione

Capitolo II Ammissione e promozione Regolamento sulla maturità professionale (del aprile 000) ultima modifica: cfr. Bollettino ufficiale 11/007/.0.007...1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visti: - la Legge federale

Dettagli

Ordinanza della SEFRI 1 sulla formazione professionale di base Specialista in fotografia con attestato federale di capacità (AFC)

Ordinanza della SEFRI 1 sulla formazione professionale di base Specialista in fotografia con attestato federale di capacità (AFC) Ordinanza della SEFRI 1 sulla formazione professionale di base Specialista in fotografia con attestato federale di capacità (AFC) 412.101.220.01 dell 8 dicembre 2004 (Stato 1 gennaio 2013) 35210 Specialista

Dettagli

La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri

La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri IFCAM - Istituto svizzero per la formazione di capi-azienda nelle arti e mestieri La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri Istituto svizzero per la formazione di capi azienda Scopo del corso La

Dettagli

THEME Matrice di Competenza - Commercio con competenze parziali / risultati di apprendimento

THEME Matrice di Competenza - Commercio con competenze parziali / risultati di apprendimento AREA DI COMPETENZA FASI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Organizzazione e conduzione del il processo di vendita di prodotti e servizi E in grado di rispondere alle esigenze del cliente attraverso indagini,

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Operatrice sociosanitaria/ con attestato federale di capacità (AFC) del 13 novembre 2008 86911 Operatrice sociosanitaria AFC/ Operatore sociosanitario

Dettagli

ELENCO DELLE PRESTAZIONE MANDATO NELL INGEGNERIA CIVILE

ELENCO DELLE PRESTAZIONE MANDATO NELL INGEGNERIA CIVILE Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse ELENCO DELLE PRESTAZIONE MANDATO NELL INGEGNERIA

Dettagli

1. Ramo e azienda (conoscenze del ramo banca)

1. Ramo e azienda (conoscenze del ramo banca) Guida modello Profilo E / Profilo B Catalogo degli obiettivi di formazione (conoscenze del ramo banca) Competenze chiave Sistema bancario 1.7.1 Legge sulle banche 1.7.2 Convenzione relativa all obbligo

Dettagli

Allegato 1 delle DIRETTIVE

Allegato 1 delle DIRETTIVE Unione Professionale Svizzera della carne Allegato 1 delle DIRETTIVE Per l esame professionale superiore per Mastro macellaio/mastra macellaia Edizione gennaio 2007 Materie d esame Contenuto 1. Competenze

Dettagli

Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di marketing con diploma federale

Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di marketing con diploma federale DIRETTIVE inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di marketing con diploma federale Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE : QUINTA

Dettagli

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004)

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) Ordinanza sulla maturità professionale 412.103.1 del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) L Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (Ufficio federale), visto l articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO

REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO Approvato dal Consiglio Accademico in data 4 maggio 2005. Modificato in data 3 dicembre 2009 I. Norme generali Art.

Dettagli

Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di marketing con diploma federale

Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di marketing con diploma federale DIRETTIVE inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di marketing con diploma federale Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ REV. 00 pagina 1/4 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ SOMMARIO A Impegno della

Dettagli

l esame professionale superiore per operatore pubblicitario / operatrice pubblicitaria

l esame professionale superiore per operatore pubblicitario / operatrice pubblicitaria REGOLAMENTO D ESAME per l esame professionale superiore per operatore pubblicitario / operatrice pubblicitaria del 22 agosto 2012 Visto l articolo 28 capoverso 2 della legge federale del 13 dicembre 2002

Dettagli

Introduzione Azienda ed organizzazione

Introduzione Azienda ed organizzazione Introduzione Azienda ed organizzazione 1 L AZIENDA E IL SUO AMBIENTE AZIENDA: sistema aperto che instaura rapporti di input e output con l ambiente esterno, sociale e naturale Condizioni fondamentali per

Dettagli

Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA ... 2008. 1 Consiglio di amministrazione

Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA ... 2008. 1 Consiglio di amministrazione Page 1 de 5 Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA... 2008 1 Consiglio di amministrazione Art. 1 Compiti e poteri Al Consiglio di amministrazione spettano ai sensi dell art. 15 degli statuti la

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Ciclo di studio con diploma per docenti di scuola specializzata superiore a titolo principale (DSS)

Ciclo di studio con diploma per docenti di scuola specializzata superiore a titolo principale (DSS) Ciclo di studio con diploma per docenti di scuola specializzata superiore a titolo principale (DSS) Descrizione dei moduli Moduli Modulo 1 Progettare, realizzare e valutare un unità di formazione Modulo

Dettagli

Regolamento concernente gli esami per l ottenimento del Diploma cantonale di. Pizzaiolo/a

Regolamento concernente gli esami per l ottenimento del Diploma cantonale di. Pizzaiolo/a Regolamento concernente gli esami per l ottenimento del Diploma cantonale di Pizzaiolo/a Stato al 5 novembre 2014 Regolamento concernente gli esami per l ottenimento del Diploma cantonale di Pizzaiolo/a

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Telematica/Telematico con attestato federale di capacità (AFC) del 20 dicembre 2006 47415 Telematica AFC/Telematico AFC Telematikerin EFZ/Telematiker EFZ

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Ortopedica/Ortopedico con attestato federale di capacità (AFC) del 12 giugno 2008 54005 Ortopedica AFC/Ortopedico AFC Orthopädistin EFZ/Orthopädist EFZ

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Ottico con attestato federale di capacità (AFC) del 10 maggio 2010 85504 Ottico AFC Augenoptikerin EFZ/Augenoptiker EFZ Opticienne CFC/Opticien CFC L Ufficio

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità (AFC) del 6 dicembre 2006 Tecnologa tessile AFC/Tecnologo tessile AFC Textiltechnologin EFZ/Textiltechnologe

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Direttive di esame OAut

Direttive di esame OAut Umsetzung CZV Attuazione OAut Direttive di esame OAut Approvate dalla gestione del progetto di attuazione dell'oaut il 15 aprile 2009 Emanate d'intesa con l'ufficio federale delle strade (USTRA) Per una

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

Regolamento per l esame di specialista della sicurezza sul lavoro

Regolamento per l esame di specialista della sicurezza sul lavoro Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun svizra Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL Regolamento CFSL N. 6057 Regolamento

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Falegname CFP Del 1 dicembre 2005 (stato: ) Proposte di modifica del 24.02.2012 30506 Falegname CFP Schreinerpraktikerin/Schreinerpraktiker Aide-menuisière/Aide-menuisier

Dettagli