Piazza Matteotti 1 Carmignano (PO) e

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piazza Matteotti 1 Carmignano (PO) 055 8750234 e 055 8750229"

Transcript

1 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 1 Notizie Periodico di informazione del Comune di Poggio a Caiano NUMERO SPECIALE Anno V n. 2 del 31/10/2006 Aut. Trib. di Prato n. 7 del 5/12/2002

2 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 2 Assessori alle politiche giovanili dei comuni della provincia di Prato Comune di Poggio a Caiano Ass. Angelo Formichella Scuderie Medicee, Via Lorenzo il Magnifico, Poggio a Caiano (PO) Telefono (per appuntamento) Comune di Prato Ass. Andrea Mazzoni Assessorato alle Politiche Giovanili Via S.Caterina, Comune di Cantagallo Ass. Sandra Bolognesi Assessore Politiche Giovanili Luicciana, via G.Verdi, 24 Comune di Carmignano Ass. Sofia Toninelli Ass. Politiche Giovanili Piazza Matteotti 1 Carmignano (PO) e Comune di Montemurlo Ass. Fausto Bagattini Ass. Politiche Giovanili Via Montalese, 472/ Montemurlo (PO) tel fax Comune di Vaiano Ass. Politiche Giovanili Piazza Del Comune, Vaiano (PO) - Centralino Fax Comune di Vernio Ass. Fabiano Falconi Assessore alle Politiche Giovanili Piazza del Comune, S.Quirico di Vernio (PO) - Centralino Fax Centri sociali nella provincia di Prato Centro sociale di Narnali - Prato Via Maliseti, 10/i - Telefono: Aperto tutti i giorni in orario e Centro Sociale Borgonuovo - Prato Via Lorenzo da Prato, 17 - Telefono: Centro Sociale Capitini- Prato Via Capitini, 34 - Telefono: Centro sociale di via Torino - Prato Via Torino, 39 - Telefono: Centro sociale di via Tintori - Prato Via Tintori, 62 - Telefono: Centro sociale M. Ventrone - Prato Via delle Gardenie, 15 - Telefono: Altri indirizzi utili Centro per l impiego per la Provincia di Prato Via Galcianese, 20/F (Zona Il Pino) Orario di apertura: lunedì e giovedì: martedì e mercoledì: Telefono: Fax: Officina giovani Sede Piazza Macelli, Prato (PO) Telefono Fax L isola del tesoro approda al Poggio Poggio a Caiano ospita Le Isole del Tesoro, campus territoriale per la cultura contemporanea promosso dalla Regione Toscana e ideato da image con l obiettivo di incoraggiare nel territorio toscano la sensibilità verso i temi della cultura architettonica contemporanea, nel rispetto del paesaggio, dei luoghi e della loro memoria. L iniziativa, a cura di Paola Bortolotti e Marco Brizzi, coordinata da Franco Filippini, fa parte di un programma di laboratori progettuali destinati a formulare idee capaci di dialogare con la storia dei luoghi attraverso linguaggi attuali. Sette le quinte, oltre Poggio a Caiano: Capoliveri, Peccioli, San Giovanni Valdarno, Prato, Rio nell Elba, San Gimignano, Lastra a Signa. Sette i gruppi di attori, ognuno composto da architetti, studenti e artisti accomunati dalla volontà di donare alla Toscana le proprie visioni.nel laboratorio di Poggio a Caiano studenti e neolaureati in architettura, guidati dal gruppo A12 (Nicoletta Artuso, Andrea Balestrero, Gianandrea Barreca, Antonella Bruzzese, Maddalena De Ferrari e Massimiliano Marchica), proveranno a ridisegnare il centro della cittadina e un punto di aggregazione giovanile. Orario Apertura uffici: dal lunedì al venerdì e Apertura spazi: dal lunedì al venerdì ; sabato Sito web Biblioteca comunale di Poggio a Caiano F.Inverni Via Lorenzo il Magnifico, Poggio a Caiano accessibile ai disabili Tel mar-mer 15,00-18,30 gio 10,00-12,30/15,00-18,30 sab 10,00-12,30 Poggio a Caiano Notizie Periodico del Comune di Poggio a Caiano Direttore editoriale Silvano Gelli Direttore resposansabile Massimiliano Martini Editore: Comune di Poggio a Caiano Coordinatore Editoriale: Jacopo Nesti Grafica e impaginazione: EDIGRAFICA per Nuova Toscana Editrice srl Tel Stampa: Imprinting Srl Distribuzione gratuita in copie Distribuzione gratuita in copie Stampato su carta riciclata

3 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 3 Largo ai giovani Occorre riportare gioventù nelle azioni amministrative. Gioventù che non è solo dinamismo e fantasia, ma, molto spesso, anche competenza e capacità di elaborare idee. D altronde se qualcosa ci insegna la nostra esperienza di senior è che se riusciamo a vivere in maniera proficua la nostra gioventù riusciamo a diventare donne e uomini più realizzati, cittadini più responsabili, qualsiasi sia il ruolo e le scelte che faremo all interno della società. È nell oggi che dobbiamo trovare le ragioni del domani, e l oggi è giovane. Questo modesto mezzo che l Amministrazione Comunale ha fornito ad un primo gruppo di giovani poggesi (ma è a disposizione di chiunque voglia partecipare) non riuscirà certo a portare a totale compimento quanto sopra accennato ma è comunque un primo passo verso una partecipazione attiva. Il mio auspicio è che la partecipazione e le proposte di attività arrivino numerose: noi (mi ci metto anch io) nel frattempo siamo partiti! Per il momento ringrazio il gruppo di ragazzi che hanno costituito la redazione di questo primo numero di Speciale Giovani e tra loro, Francesco Puggelli, il più giovane dei consiglieri comunali che si è preoccupato di coordinare questa prima uscita. A presto Angelo Formichella Assessore alle Politiche Giovanili 3 Insieme si cresce Per realizzare questo primo numero sperimentale siamo partiti mettendo insieme un gruppo di giovani, ognuno arrivato a noi in modo diverso. La domanda da cui è partito il nostro lavoro era: cosa avremmo voluto trovare in un giornalino dedicato a noi. Abbiamo detto la nostra, ci siamo confrontati e, facendo proprie le idee di tutti, ognuno ha realizzato la propria parte. E grazie al mattoncino che ogni componente del gruppo ha messo, queste pagine hanno preso vita. Non abbiamo la pretesa di aver creato una pubblicazione con chissà quale valore giornalistico, ma, più semplicemente, vogliamo dedicarvi queste righe come il frutto del mettere in circolo le nostre idee. Speriamo possano servire da spunto anche per quanti di voi stasera usciranno al solito muretto con i soliti amici per parlare di qualcosa di diverso. Ogni singolo articolo è il frutto di un idea che ci ha colpito e che abbiamo approfondito tra di noi e con i nostri amici. E speriamo che anche voi che leggerete rimarrete incuriositi e divertiti dai nostri lavori, come lo siamo stati noi. Speriamo, inoltre, che attraverso queste pagine possa arrivarvi anche ciò che non è scritto: il valore dell esperienza che abbiamo fatto insieme. Grazie ad Alessandra, a Laura, a Sara, a Giulia, a Giulia, a Luca, a Stella, a Tiziano, a Giacomo, i pionieri che si sono messi in gioco per la realizzazione di questo giornalino, un grazie anche a voi che, dopo averlo letto, vorrete arricchire il prossimo numero con qualcosa di vostro. La nostra redazione è aperta a tutti! Francesco Puggelli Consigliere Comunale

4 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 4 Quando il Sindaco era giovane 4 Abbiamo chiesto al Sindaco del nostro Comune, Silvano Gelli, di svelarci qualche aspetto della sua vita da ragazzo: per confrontare la nostra realtà con la sua; per capire se i suoi sogni, le sue speranze e ambizioni erano uguali alle nostre; perché emerga il lato giovanile della persona che siamo abituati a vedere come il primo cittadino che ci rappresenta. Uno dei ritornelli che noi ragazzi sentiamo ripetere è il solito prima si stava meglio Cosa pensa dell attuale realtà giovanile? In cosa lei vede un reale peggioramento e invece un miglioramento? Trovo un certo imbarazzo oggi a dire che eravamo migliori, perché così facendo si dà un idea del passato migliore. Ho vissuto i miei 18 anni in un periodo particolare come il 68, in cui sono avvenuti episodi belli e brutti: il clima politico era intriso di violenza; si aveva l impressione che dopo averne subita tanta fosse legale un certo tipo di risposta, bisognava essere violenti tanto quanto lo erano i nostri avversari. Questo ha portato ad effetti disastrosi e degenerativi in gruppi di lotta armata. Per fortuna oggi, fatta eccezione per qualcuno, la violenza attecchisce meno sulle persone. Ma la mia esperienza giovanile mi fa ricordare quello che oggi non vedo più tra i giovani: la voglia di cambiare le situazioni che non piacciano e rendono insofferenti. il nostro sindaco Silvano Ghelli

5 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 5 Prima c era la voglia di cambiare il mondo, e seppur in maniera superficiale o a tentoni, ci davamo delle scadenze precise e delle forme organizzative che puntavano al cambiamento, nel piccolo o nel grande che fosse. Mi sembra che oggi i giovani si cullino e si adagino nella realtà in cui vivono. Manca nei giovani quella voglia non dico di lottare, ma di impegnarsi per essere protagonisti del mondo che sarà. Manca un certo senso di conquista. Forse perché al di là dei problemi esistenziali, le condizioni economiche e sociali portano la gioventù degli anni 2000 a vivere in maniera più avvantaggiata, lineare e facile. Qualche tempo fa, rimproverai dei ragazzi che poco si preoccupavano di dove lasciavano i rifiuti. Mi risposero che non avevano un posto dove andare per stare in compagnia. Questo atteggiamento del finché non ce lo darete, continueremo così è come aspettare un dono dal cielo senza muovere un dito per ottenere i vostri diritti. Perché non vi organizzate per venire a tirare le orecchie e la giacca al sindaco e agli assessori? Piuttosto che pretendere, perché non c è la determinazione a conquistare uno spazio tutto vostro? A tale proposito, è vero che sarà allestita una sala prove? L idea di creare uno spazio giovani è stata una cosa che l Amministrazione Comunale ha soltanto intuito senza che sia stato espresso un bisogno. Vorremmo uno scambio reciproco per camminare in parallelo: potrebbe nascere un protocollo d intesa tra il Comune e un comitato di giovani che si impegni a gestire il luogo di ritrovo; ciò darebbe a noi più sicurezza e a voi un maggior senso di responsabilità. Lo stare sempre ai margini produce frustrazione; noi che siamo al centro della piazza possiamo commettere errori: manca il dialogo per migliorare e trovare il giusto equilibrio. Lei si è battuto per quello in cui credeva (cosa che a noi rimprovera di non fare)? Ci parli della interruzione della gara ciclistica per il Gran Premio Industria e Commercio di Prato.. A metà degli anni Settanta emergeva la questione ambientale; io che avevo compiuto gli studi in Biologia pretendevo di capirne molto; avevamo fondato un circolo di studio; con i soldi del servizio di guardaroba svolto al A fianco il palazzo Comunale di Poggio a Caiano Salone Moderno, incontro dancing di grido, riuscimmo a distribuire un opuscoletto che denunciava le condizioni dell Ombrone, pieno di nichel, cromo e altri veleni, che insieme alla puzza, erano conseguenza degli scarichi delle industrie della zona; organizzammo una manifestazione sul Ponte all Asse, a cui aderirono molte persone con idee politicamente opposte alle nostre: tutti seduti fino a Via Vittorio Emanuele per bloccare la gara ciclistica; in realtà la voce si era sparsa, e la corsa fu fatta deviare all Indicatore. Ciò nonostante ci fruttò una denuncia per blocco stradale; io fui riconosciuto come uno dei caporioni ; ne seguì un processo in Tribunale: la paura fu tanta (mio padre tra l altro era carabiniere), però il giudice ci prosciolse perché trovò convincenti, con nostra grande soddisfazione, le motivazioni per il risveglio dell attenzione dell opinione pubblica verso i problemi ecologici, tanto da non costituire reato. Solitamente, da ragazzi, i nostri genitori ci sembrano, non diciamo vecchi, ma avanti con l età. Adesso che lei è genitore come si vede? Vedo che il rapporto tra genitori e figli è di gran lunga migliorato: con tutti i nostri difetti, non siamo però paragonabili ai genitori che abbiamo avuto noi: grazie all innalzamento del livello scolastico, al viaggiare e incontrare nuove persone, la generazione degli over cinquanta come me è più aperta e disponibile verso le esigenze dei figli. I nostri genitori si saranno sacrificati più di noi sicuramente, per le maggiori difficoltà economiche, ma certe incongruenze di mentalità erano insormontabili. Prima certe cose neppure si chiedevano, perché sapevamo che tanto era un rifiuto. Oggi si può avvisare all ultimo minuto che non si torna per cena o a dormire, mentre prima senza un rapporto di coppia benedetto nella forma non si poteva andare fuori per una gita in campagna, ad esempio, neanche dalla mattina alla sera - non dico per due o tre giorni perché quello ce lo sognavamo - ; non vedevamo l ora di andarcene di casa; magari voi avrete la stessa voglia, ma non si può dire che vivere con i genitori non sia comodo: si arriva per mangiare e dormire, si trovano i vestiti puliti, quasi fosse una pensione. Giulia Ballerini - Laura Goti 5

6 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 6

7 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 7 Un assaggio di vita reale Quanti luoghi comuni si sprecano e quante etichette vengono appiccicate addosso all universo giovanile!? Non sappiamo che pesci prendere, non crediamo più in niente, non sappiamo prendere decisioni serie Bene, in risposta a queste inutili frasi fatte offriamo a tutti un dolce, ma significativo assaggio di vita reale di una coppia che questi luoghi comuni li hanno a loro modo infranti e hanno voglia di raccontarsi. Carmen e Simone, rispettivamente 26 e 25 anni, sono una coppia di ragazzi come noi che le loro decisioni le hanno prese eccome e hanno tanto creduto nella loro storia da voler formare una propria giovane famiglia. La domanda è d obbligo: ma quando, come la decisione di sposarvi? Al primo imbarazzo si sostituisce pian piano la voglia di farci partecipi di quest avventura: Non c è stata una dichiarazione attacca Simone a un certo punto vuoi andare avanti, le solite cose non ti bastano più e vuoi una crescita nel rapporto. Non c è stato un giorno preciso interviene Carmen prima ne parlavamo vagamente, poi è diventata un esigenza che cresceva, giorno dopo giorno come un puzzle che si costruisce pezzo per pezzo. Carmen e Simone questo puzzle hanno iniziato a costruirlo nel 2000 ed hanno proseguito fino a quando, lo scorso maggio, hanno pronunciato il fatidico si di fronte ad amici e parenti nella Chiesa di Bonistallo. Chiedo loro cosa li abbia portati a scegliere proprio questo tipo di matrimonio e Simone riprende la parola: Il fatto è che sono cresciuto con una mamma bacchettona! Scherzi a parte, la mia famiglia è credente e anch io ho sempre frequentato la Chiesa Non ho proprio mai pensato di non celebrare il mio matrimonio lì!. Io invece in un primo tempo avevo pensato alla convivenza poi ne abbiamo parlato e non avendo paura di un legame serio con Simone l ho seguito interviene Carmen e poi, penso che il matrimonio sia prima di tutto un legame spirituale, che lotti di più per mantenere il rapporto!. Riprende Simone: Solitamente credo si scelga di convivere per due ragioni principali: i soldi e la possibilità di svincolarti più facilmente dal legame, ma io non avevo dubbi, ero sicuro di quello che andavo a fare!. Li osservo e mi sento come coinvolta in qualcosa di davvero importante e privato; mi viene da chiedere loro come va, come hanno vissuto il passaggio da fidanzati a sposati: Nessuna paura?, chiedo. Stavolta è Carmen a prendere la parola: Prima del matrimonio certo! Non da pensare di tornare indietro ma era il guardare avanti e non sapere a cosa andavamo incontro, andrà bene o andrà male?, Il giorno dopo è quello più bello, hai una sensazione strana Che da ora sia cambiato tutto Vorresti avere tempo per goderti ogni cosa e invece ci sono gli impegni.... Ci dicono che in molti in un primo momento li abbiano un po scoraggiati: Pensavo fosse molto peggio afferma Carmen tutti ci dicevano che ci saremmo rovinati, che gli uomini non fanno nulla, che io avrei dovuto pensare alla casa In pochi ci hanno detto che facevamo bene! E invece va bene, oltre le mie previsioni!. A parte quando mi brucia i pantaloni col ferro da stiro! aggiunge Simone, e scoppia una risata. Tutti gli sposati, per partito preso ti dicono di non farlo, un po per fare i grossi In realtà io lo rifarei cento volte! E poi si volta a guardare la moglie Lei è proprio brava!. Carmen risponde con un sorriso e continua: E bello perché tutte le novità sono per entrambi Quando è arrivata la prima bolletta gli ho telefonato! E poi anche per la casa faccio volentieri tutto, ci sto attenta perché la sento una cosa mia! Sono stati tre anni di sacrifici per arrivare fin qui. E anche se i lavori sono finiti 3-4 mesi prima del matrimonio abbiamo deciso di aspettare per vivere appieno questo cambiamento... Ma non vedevamo l ora di venirci!. E Simone, che ne penserà? Stiamo bene, non bisogna prenderla alla leggera perché comunque convivere è un fatto importante e se non ci sono le basi giuste è un problema!. Li guardo e mi piace pensare che, in barba ai luoghi comuni, la loro è poi la storia di due giovani che non si sono tirati indietro di fronte alla vita e ai sentimenti. Sara Sostegni 7

8 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 8 Identikit giovani 16 domande per scoprire chi sono i giovani di Poggio a Caiano 8 Dimmi con chi stai e ti diro` chi sei, recita l adagio. Ecco allora un identikit di quattro gruppi di Poggio a Caiano. Sedici semplici domande a cui alcuni giovani del comune mediceo sono stati invitati a rispondere. L intento di scoprire qualcosa in piu` delle numerose realta` giovanili locali e di invitare questi numerosi giovani ad uscire allo scoperto. primo gruppo Tutti ci conoscono come ragazzi del muretto Luogo di ritrovo: piazza della chiesa Numero: 15/20 Fascia di età: 18/22 Studio: alcuni studiano (la maggior parte) Lavoro: altri lavorano Le nostre famiglie: abitiamo quasi tutti a Poggio, tenore di vita medio Cosa si fa insieme: usciamo la sera e altri ritrovi sono le attività in parrocchia Dove andiamo e con che mezzi: solitamente verso le città (Prato,Firenze) in macchina Come ci vestiamo: normalmente Che musica ascoltiamo: musica internazionale generalmente pop Interessi comuni: hobbies, alcuni hanno lo sport in comune, la scuola, attività parrocchiali Spesso parliamo di argomenti di vita comune, università, scuola, problemi personali Il giorno più bello passato insieme: i giorni di capodanno Una frase che ci rappresenta: l unione fa la forza Come vorremmo essere tra 10 anni: magari ancora tutti uniti secondo gruppo Tutti ci conoscono come: Quando eravamo più giovincelli potevamo riconoscerci con l appellativo di ragazzi del muretto, adesso Non saprei di preciso Luogo di ritrovo: nonostante tutto ancora la piazza della Chiesa, precisamente sul muretto! Numero: se ci contiamo proprio tutti andiamo per la trentina più o meno Fascia di età: direi variabile, dai 25 circa ai 30 di media, con qualche over Studio: qualcuno sta ancora tentando di arrivare alla agognata laurea Lavoro: qualcun altro già lavora abbastanza stabilmente Le nostre famiglie: direi famiglie normali qualcuno ha qualche possibilità in più ma in generale direi famiglie normali Cosa si fa insieme: usciamo per locali, organizziamo ritrovi all insegna dei vecchi tempi, qualche volta andiamo a ballare e qualche volta ci capita di intavolare pure discussioni serie (anche se in passato lo facevamo molto più spesso!) le solite cose Dove andiamo e con che mezzi: solitamente verso Firenze, comunque può anche capitare di allargare il tiro (specialmente d estate verso il mare!) e cambiare zona Come ci vestiamo: come ci sentiamo di vestire, non abbiamo un look che ci contraddistingue Che musica ascoltiamo: credo di tutto di più, anche se Ligabue per molti versi è forse il cantante che ci ha rispecchiato maggiormente in passato e che tuttora viene riproposto con più frequenza Interessi comuni: soprattutto le attività che riguardano l animazione dei ragazzi (campi estivi, oratori, campi solari, ritiri, incontri ecc ) anche se poi ognuno coltiva (fortunatamente) i propri interessi anche oltre tutto questo! Spesso parliamo di direi un po di tutto Il giorno più bello passato insieme: non ne ricordo uno in particolare, il fatto è che insieme ne abbiamo passate tante e, nel bene o nel male, tengo caro ogni singolo momento. Una frase che ci rappresenta: più che frasi espressioni che nel corso degli anni hanno accompagnato le nostre diverse fasi di crescita. Tanto per citarne alcune: Anza, anza, anza davvero!, Leeeeeeeeeeee!!!!!!!!, Diego Pablo Simeone!, Un s affronta!, Proooontoooo!!!!, Fa veramente onco! E chi più ne ha più ne metta! Come vorremmo essere tra 10 anni: Credo così, magari sempre più maturi e consapevoli, capaci di vivere ognuno la nostra vita e le nostre esperienze indipendentemente dagli altri ma anche contenti di ritrovarci per gustare i ricordi degli anni passati insieme, sapere come vanno le nostre vite ed organizzare qualcosa tutti insieme.

9 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 9 terzo gruppo T utti ci conoscono come: di Ragazzi del muretto in Italia ce ne sono davvero tanti, compresi quelli di un vecchio telefilm. Anche noi, almeno fino a qualche tempo fa, ci identificavamo così. Luogo di ritrovo: piazza del Santissimo Rosario Numero: variabile, in alcuni momenti abbiamo superato i 30. Poi cambiano le esigenze di ciascuno, e non ci si vede più così spesso tutti insieme, ma l amicizia resta. Fascia di età: circa Studio: qualcuno frequenta le università fiorentine (le facoltà più svariate), e sarebbe anche l ora di finire. Lavoro: alcuni hanno già il tanto agognato lavoro fisso, per altri il lavoro attualmente è il modo di pagarsi le vacanze, qualche vizio e poco più. Le nostre famiglie: assolutamente tradizionali e molto unite. Cosa si fa insieme: generalmente ci si trova al muretto, si fanno 2 chiacchiere, si sale in auto e si va verso Firenze o Prato, dove le chiacchiere continuano al tavolo di un bar, davanti a un bicchiere di birra. Dove andiamo e con che mezzi: in auto, a Firenze nei weekend, a Prato o nei dintorni nelle sere della settimana. In estate verso la costa, la domenica al mare è gettonatissima. Come ci vestiamo: in linea di massima, niente firme, né capi ricercati. Jeans e maglietta è l opzione più frequente. Che musica ascoltiamo: leggera, commerciale, rock. Interessi comuni: le nostre origini comuni sono da trovare nei gruppi parrocchiali, ma gli interessi sono tra i più svariati: musica, viaggi, cinema. Spesso parliamo di quando ci incontriamo pensiamo soprattutto a svagarci un po, quindi parliamo soprattutto di argomenti frivoli o personali: tv, amici comuni, abbigliamento, sport raramente parliamo di politica e argomenti più impegnati. Il giorno più bello passato insieme: il primo capodanno. Era il 31 dicembre 1995, eravamo giovanissimi e abbiamo organizzato una festa a casa di uno di noi. Preparare è stata la parte più bella. Una frase che ci rappresenta: L amico è risposta al vostro bisogno. È il campo che seminate con amore e che mietete con riconoscenza (K. Gibran). Come vorremmo essere tra 10 anni: forse è poco originale ma, in linea di massima, felicemente sposati, con un bel lavoro e dei figli. Qualcuno è già a buon punto su questa strada. 9 quarto gruppo Tutti ci conoscono come: i ragazzi del Bargo Luogo di ritrovo: Caffè il Bargo Numero: 20+ Fascia di età: anni Studio: terza media; diploma; laurea Lavoro: ognuno il suo!!!! Le nostre famiglie: Cosa si fa insieme: il bar è un luogo di ritrovo, un punto di incontro, dove rilassarsi, scambiare due chiacchiere, bere qualcosa e poi decidere cosa fare o dove andare. Dove andiamo e con che mezzi: solitamente a Prato e/o Firenze, sempre in auto Come ci vestiamo: elegante..casual come ad ognuno piace!! Che musica ascoltiamo: house; rock Interessi comuni: la musica e il ballo Spesso parliamo di noi, di come siamo e cosa vorremo fare Il giorno più bello : non ce n è uno solo Una frase che ci rappresenta: c è polemica? Come vorremmo essere tra 10 anni: sempre meglio 9

10 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 10 Quale democrazia? 10 Pare che Oscar Wilde abbia osservato: Il guaio del socialismo è che occuperebbe troppe serate. E vero, ma quante serate servono per il buon funzionamento dello Stato democratico, liberale e sociale? Il tema della partecipazione politica, in particolare quella giovanile, solleva complessi interrogativi sui quali spero di dare un modesto contributo, senza la pretesa di dare fondo ad una questione così ampia. Innanzitutto è da osservare se una buona cittadinanza esaurisca i suoi compiti nella scelta del rappresentante preferito durante le consultazioni elettorali. L Italia ha tassi di partecipazione al voto tra i più alti al mondo. Può essere questo un indizio per sondare lo stato di salute di una democrazia? Altri Paesi di lodata tradizione democratica, come quelli scandinavi, convivono con tassi di partecipazione decisamente più bassi, senza che venga meno nella popolazione il senso di legittimità della maggioranza eletta e del senso di buon governo. Alta astensione dal voto e dalla vita politica nelle nazioni di democrazia consolidata, infatti, potrebbero essere il sintomo di una sfiducia nell azione politica, ma potrebbero anche essere un segnale di approvazione sia delle regole del gioco che dei risultati ottenuti dal sistema politico stesso. Non voglio dire con questo che il momento elettorale non sia un evento di vitale importanza. La scelta dei nostri rappresentanti è senz altro caratteristica inscindibile di un sistema democratico, primo fra tutti, per il controllo e la selezione dei governanti da parte dei governati. Ma dubito sull ipotesi di ritenersi concluso il ruolo dei cittadini e della democrazia alla selezione più o meno accorta dei propri portavoce. E da ritenersi bensì buona quella democrazia che vive del contributo responsabile di ciascuno nella gestione e produzione delle politiche pubbliche. Dovremmo riuscire a curare l autonomia della propria sfera privata senza trascurare, ma anzi sentendoci co-responsabili, di un altra sfera, quella pubblica, l arena politica nella quale, proposte e decisioni, potrebbero danzare per l apporto di cittadini finalmente in atto e non solo in potenza. E quello della comunità locale potrebbe divenire un ottimo banco di prova. Questo sul piano del dover essere. La realtà, si sa, è sempre più complessa di ogni semplificazione. La scelta di un limitato numero di rappresentanti è funzionale per gestire, semplificare e strutturare la complessità degli interessi, ma contemporaneamente crea un risentimento nei confronti dei delegati che spesso vengono percepiti come distanti e non responsabili delle proprie azioni. La politica, rappresentata come uno show, condotto da astuti politicanti da sgranocchiare alle otto della sera fra un boccone di ribollita ed un buon bicchiere di vino, inoltre, rischia di rendere il cittadino un semplice consumatore di spettacolo politico, allontanandolo dall ambito pubblico. Sfiducia e disinteresse sembrano accompagnare definitivamente il cammino della democrazia. E la sfera pubblica, dunque, quello spazio che appartiene a tutti, che per prima deve necessariamente essere riabilitata, e con lei quello spirito civico incarnato in una partecipazione responsabile. Credo spetti anche a noi giovani, a questa generazione, diversa come spesso accade rispetto alle altre, cercare di rintracciare le coordinate di una nuova fase partecipativa, non più figlia di subculture politiche ideologiche contrapposte, ma il prodotto del pluralismo delle opinioni, etico e culturale, che permea e disorienta la società moderna. A noi compete di confrontarsi con questo fatto sociale, in una dialettica costruttiva, cercando (e credo sia questo un primo punto dal quale cominciare) di aggregare le idee, i progetti, le speranze, attraversati dalla convinzione che ogni proposta può contenere una parte di verità. Forse siamo una generazione silenziosa come siamo stati definiti da più parti, ma non siamo una generazione vuota. Tutt altro, siamo i figli del pluralismo, siamo un bacino effervescente di interessi, con un crescente bisogno di appartenenze nella comunità. L impegno profuso nelle più svariate associazioni di volontariato nel nostro Comune, ad esempio, dimostra quanto detto, e conferma come questo straordinario capitale sociale rappresenti la vera ricchezza di Poggio a Caiano. Leggere un quotidiano, parlare con gli amici di politica, partecipare ad una discussione via internet su temi pubblici, sono modi di prendere comunque parte alla dialettica democratica, ma non basta. Le posizioni maturate individualmente dovranno essere riportate negli spazi pubblici e nei canali partecipativi per potere così raccogliere la sfida di coniugare il pluralismo con una crescete voglia di comunità. Giacomo Mari

11 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 11 Ridere o morire! Lo spettacolo sarà proposto in occasione della Festa della Toscana al Circolo Becagli il 1 e il 2 dicembre alle ore 21 e il 3 dicembre alle 17 In occasione della prossima Festa della Toscana il Comune di Poggio a Caiano, in collaborazione con il Gruppo Teatrale Percorsi Sensibili proporrà nei locali del Circolo Becagli di Poggio a Caiano, uno spettacolo teatrale dal titolo: Ridere o morire! al Circolo Becagli, il 1 e il 2 dicembre alle 21, il 3 dicembre alle 17. Lo spettacolo affronterà il tema della abolizione della pena di morte su cui si fonda la Festa della Toscana. Il gruppo Percorsi Sensibili, attivo dal 2002 con la direzione di Vania Coveri, si occuperà della realizzazione di tutte le fasi del lavoro, dalla progettazione drammaturgica, musicale, coreografica e scenografica, alla realizzazione e messa in scena, dando vita così ad una opera del tutto originale e inedita. Scopo del progetto è inoltre quello di creare un percorso di avvicinamento al tema principale della Festa della Toscana che possa produrre una riflessione e una partecipazione su un arco temporale più esteso. Ambientato in uno spaziotempo immaginario, lo spettacolo ipotizza una società schiacciata da una dittatura tutta volta alla produttività e al guadagno economico, che condanna quindi tutte le forme di distrazione, comprese la cultura e l intrattenimento. La pièce si svolge all interno di un carcere, dove un gruppo di artisti del varietà, alla viglilia della propria esecuzione capitale, chiede come ultimo desiderio di mettere in scena, per l ultima volta, il proprio spettacolo. Oscillando fra il dramma e la farsa, fra le divise da carcerati e i lustrini, fra il recitato e il cantato, danzando e marciando con l accompagnamento della musica dal vivo, il comico, la spalla, le soubrettes, le ballerine di fila, ci accompagnano verso un finale speranzoso. 11 Progetto CartOne Che cosa è CartOne CartOne è la Carta giovani nominativa per ragazzi dai 15 ai 29 anni promossa dai Comuni di: Firenze,Prato,Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Impruneta, Fiesole, Signa, Lastra a Signa, Sesto Fiorentino, Carmignano, Montemurlo, Poggio a Caiano, I vantaggi e le opportunità di Carta CartOne CartOne offre ai giovani l opportunità di accedere a sconti ed agevolazioni presso negozi ed enti convenzionati e appartenenti al circuito CartOne. Gli sconti riguardano sia acquisti presso negozi convenzionati sia la possibilità di accedere ad opportunità culturale e di svago a prezzi agevolati ( corsi, concerti, mostre, cinema, etc). L elenco completo delle convenzioni è reperibile sul sito: Con la carta CartOne puoi accedere a numerose convenzioni per cinema, teatri, librerie, piscine anche nei comuni di Prato e provincia.!!!!!! Dove trovare Carta CartOne Negli uffici dei comuni, URP (uffici relazioni con il pubblico), circuito informagiovani, nei centri di aggregazione giovanile, biblioteche comunali, uffici cultura. Se non hai ancora la carta vai a ritirarla presso la Biblioteca Comunale di Poggio a Caiano, via Lorenzo il Magnifico 5 (Scuderie Medicee) nei giorni di apertura della stessa. Ricorda carta CartOne è completamente gratuita e ti apre le porte ad un mare di opportunità!!!!!!

12 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 12 GRUPPI MUSICALI GIOVANILI Evera vorremo che dicessero di noi... Avranno un futuro! 12 Giuseppe Gungui, Voce (22 anni, meccanico); Virgilio Lenzi, Batteria (20 anni studente); Alessandro Manetti, Basso (21 anni, pasticcere); Tommaso Bertini, Tastiere (20 anni studente); Lorenzo Marra, Chitarra (20 anni studente); Leonardo Angeli (20, operatore turistico). Gli Evera, (accento rigorosamente posto sulla prima e), sono una delle band emergenti nel nostro territorio poggese. Seppur giovanissimi, hanno già partecipato due volte al Concorso Emergenza Rock, nel quale Lorenzo ha ottenuto in entrambe le occasioni il premio della giuria come miglior chitarrista. Hanno poi partecipato al Concorso di Campi Musica e Parole, ottenendo la menzione speciale per il miglior brano. Questa estate li ha poi visti salire al podio, come terzi classificati, al Musicambiente live contest e durante la stessa manifestazione ottenere il riconoscimento del pubblico come miglior gruppo. Ragazzi frizzanti, dallo spirito esuberante ed energico, si propongono con cover e brani originali creati insieme alla Stanza, luogo mistico situato in quel di Seano, umile garage semi insonorizzato, gentilmente offerto dalla nonna di Tommaso! In questa sala prove i ragazzi misurano la loro tempra musicale e tra chiacchiere e discussioni scelgono i brani da realizzare. Non avendo un genere che li contraddistingue, (forzando, mi dicono, possono collocarsi entro i parametri del rock elettronico), la selezione musicale avviene su proposta di ciascun membro, lasciando poi l approvazione alla classica alzata di mani! I ragazzi si sono conosciuti a giro per il Poggio. Inizialmente appartenenti a due differenti formazioni, la frequentazione della stessa sala prove e il rispettivo periodo di stallo musicale ha dato loro modo d avvicinarsi, unirsi e dare inizio alla loro vita di boy band! Recentemente gli Evera si sono arricchiti di un altro prezioso chitarrista, Angeli, già ben amalgamato al sound. A Samuele Conti (ex bassista) va il merito di aver coniato il nome del gruppo. Infatti mi spiegano che la parola Evera di per sé non significa nulla: nessun messaggio subliminale, tanto meno filosofico. Mi raccontano che Samuele era solito dilettarsi nell invenzione di parole fantasiose. In uno di questi suoi momenti di alta produzione, fu pronunciata la parola Evera che fu particolarmente apprezzata, tanto da divenire la parola identificativa del gruppo. Ormai introdotti nella musica, i ragazzi si prefiggono l incisione di un cd contenente 12 canzoni originali da inviare alle varie case discografiche, nella speranza di essere notati. Anche in loro noto l assenza di una rappresentanza femminile; essendo la curiosità elemento che contraddistingue le donne, chiedo loro il motivo anche se la risposta è piuttosto prevedibile. Dicono di aver pensato all ingresso di una musicista, ma sinceri ed unanimi confidano che la presenza di una donna sarebbe solo un elemento di disturbo! Meglio evitare, altrimenti dicono si perderebbe tempo a litigare per provarci con lei, altro che cd!. In compenso di ammiratrici ne hanno a vagonate, come numeroso è il pubblico che li segue e questo è ciò che conta. Gli amici, tutti indistintamente, si dimostrano fedeli sostenitori, la giusta dose di adrenalina di cui gli Evera al momento non possono fare a meno! Laura Goti

13 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 13 GRUPPI MUSICALI GIOVANILI Seven Swords vorremo che dicessero di noi... come son bravi! Emanuele Nardoni, Voce (24 anni, metalmeccanico); Marco Fagioli Basso (41 anni, imprenditore); Roberto Cecchetti (22 anni, studente universitario); Tommaso Macelloni Chitarra (27 anni, impiegato part time e insegnante presso Scuola Musicale di Poggio a Caiano); Perry Miracco Tastiere (27 anni, studente universitario). I Seven Swords appaiono pubblicamente per la prima volta al Musicambiente live contest di Bacchereto il 21 luglio 2006, in occasione del Concorso Rock, ottenendo il primo posto in classifica. Dalle chiacchiere fatte al chiar di luna, in una sudaticcia notte estiva, viene fuori che i Seven Swords si sono costituiti nel settembre Seppur di recente formazione, si sono già avvalsi di rilevanti collaborazioni musicali, come nel caso del professionista Chiburni che conta numerose apparizioni a fianco d artisti del calibro di Raf, Irene Grandi, Masini, solo per citarne alcuni. I Seven Swords si propongono come cover band dei Toto, gruppo rock nato alla fine degli anni 70, che ha da sempre appassionato questi ragazzi fino a diventarne un grande riferimento stilistico. La scelta dei brani proposti avviene con lo scopo di mostrare il vasto repertorio dei Toto e seppur non concentrandosi su un album in particolare, Fagyo ammette che la base dalla quale sono partiti è stata Legend, la raccolta più famosa dei Toto. Ovviamente poi, come dice Roberto, la scelta cade anche sulle canzoni che sono in grado di fare!! Ovvio e anche sincero! Domanda facile, preannuncio, perché vi chiamate così? Mi rispondono che inizialmente volevano chiamarsi in altro modo, ma il nome era già stato preso da altri. Cosi, riferendosi ad un album dei Toto intitolato Seven s one e pensando alle spade che sono il simbolo dei Toto (oltre alla sfrenata passione per la lama di Fagyo, aggiungono), sono giunti a questa versione definitiva, Seven Swords. Andando nel personale gli chiedo come la famiglia e gli amici abbiano vissuto e tutt ora vivono questa loro scelta. I ragazzi sono tutti d accordo nell affermare che gli amici sono l insaziabile fonte di condivisione e sicurezza, di approvazione e stimolo. Per quanto riguarda la famiglia, c è chi è stato fortunato perché non ha trovato particolari reticenze nei genitori; al limite ha dovuto sopportare qualche commento sulla scelta dello strumento. C è chi invece inizialmente non ha avuto vita facile. Solo il tempo, la costanza e i commenti felici di chi ascoltava, ha reso possibile un cambiamento di rotta. La prossima domanda a cui sono stati sottoposti, forse la più difficile perché testava il loro livello di franchezza, è nata dall aver osservato come la maggior parte dei gruppi locali non presenti, nella loro formazione, una rappresentanza femminile... lecito chiedersi il motivo, no? Si lanciano qualche sguardo furtivo... che è stato colto. Parte Fagyo che diplomaticamente mi fa notare come le voci dei Toto siano voci maschili! Gli spiego che comunque le donne possono anche suonare, non solo cantare. Tommaso altrettanto paziente mi spiega che nel mondo pop-rock di donne che sappiamo effettivamente suonare e suonare bene ce ne sono poche, a differenza del mondo classico. Fagyo rincara la dose e mi dice che da moderatore del forum Megabass, quale è, tra i migliaia d utenti, sono solo tre le ragazze che ne fanno parte! Manu dopo aver riflettuto confida che per lui non sarebbe una malvagia idea potersi appoggiare a due voci femminili, anzi in qualche modo potrebbero essergli d aiuto! Vederli è davvero divertente, sono così apparentemente diversi e così intimamente uniti. Meraviglioso constatare come i poli opposti si attraggono e come bene riescono ad esprimersi musicalmente! Ad ognuno di loro va un augurio di buona continuazione e un ringraziamento speciale, sia per chi la carriera del musicista la vuole intraprendere come professione, sia per chi suona mosso dal gusto di suonare. Se i giovani possono riscattarsi dal circolo vizioso di descrizioni superficiali e stereotipate è anche grazie a chi, come loro, fa della musica un arte. Laura Goti 13

14 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 14

15 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 15 Sogni di speranza Al via il Cineforum alle Scuderie. Le proiezioni, con ingresso gratuito, si svolgono ogni due giovedì alle ore Alzi la mano chi non ha mai attraversato momenti in cui tutto sembrava perduto, inghiottito da un orizzonte che ci appariva oscuro e beffardo, lasciandoci come naufraghi sbattuti dalle onde del destino. Qual è quella forza che ci ha spinto di nuovo a lottare, che ci ha ridato fiducia nel domani e ci sospinge ora più forti verso il futuro? Potranno aiutarci a scoprirlo i protagonisti dei film che compongono questa rassegna, personaggi comuni che torneranno a sorridere alla vita sostenuti dalla speranza nei loro sogni, anche quando ogni cosa spesso sembri andare nel verso sbagliato. Come non ricordare allora l irresistibile lotta del piccolo Charlot contro le macchine in Tempi Moderni, il suo sorriso e la sua voglia di vivere nonostante la povertà che lo circonda? E pensando al futuro, invece, quanto ci appare fantascientifico che una coppia si affidi alla genetica per mettere al mondo il figlio più perfetto possibile, come accade in Gattaca La porta dell universo? Cosa può fare allora chi è discriminato dalla società a causa di un handicap, come il protagonista di Il mio piede sinistro, per affermarsi nel mondo e sentirsi davvero realizzato? Ma quanti di noi si sentono veramente realizzati nella vita, specie se oppressi da un lavoro monotono e poco gratificante? Solo la follia di Still crazy può spingere persone alle soglie degli anta a riprendere in mano un vecchio sogno e crederci, forse, fino in fondo. La fede può aiutarci a superare momenti difficili? E ciò che si chiede il padre disoccupato di Piovono pietre, costretto La felicità si può trovare anche negli attimi più tenebrosi, se solo qualcuno si ricorda di accendere la luce... da una società ostile a compiere gesti inconfessabili per il bene della figlia. Ma una figlia viziata può riscoprire l umiltà, quando vede gli avidi genitori trasformati in maiali dalla strega cattiva de La città incantata? Se si sceglie la via della guerra, siamo davvero disposti a morire per un futuro migliore od è solo fanatismo ciò che anima i due giovani palestinesi di Paradise Now? Per gli inquieti giovani di oggi che si sentono incompresi dalla famiglia e dalla scuola, cos è che conta veramente nella vita? Quant è importante la scoperta del sesso per gli adolescenti arrabbiati di Come te nessuno mai? In una società in cui i giovani si sentono abbandonati a se stessi, chi penserà agli anziani soli e bisognosi d aiuto? Il settantenne Umberto D. dovrà duramente lottare giorno per giorno per non lasciarsi soccombere da un disperato desiderio di fuga da ciò che lo circonda. Così farà anche la vedova de La storia di Agnes Browne, che troverà nel sorriso l autentica forza per crescere da sola i sette figli ancora piccoli. Ma basterà la forza dell unione a spingere le donne africane di Moolaadé a ribellarsi per la prima volta contro la pratica dell infibulazione, che impedisce loro di provare piacere sessuale e rischia di farle morire nel parto? Proprio con la nascita sofferta di una nuova vita si chiuderà il nostro ciclo filmico, ammirando cosa siano disposti ad affrontare i protagonisti de La marcia dei pinguini per dare alla luce i loro cuccioli, con la speranza di affidarli ad un mondo migliore di quello che forse anche loro avranno contribuito a cambiare. Stella Mattioli - Tiziano Nincheri 15 il programma 23 Novembre Still crazy (di Brian Gibson, GB, 1998) Per una band sciolta da anni è possibile ritrovare l affiatamento di un tempo? 7 Dicembre - Piovono pietre (di Ken Loach, GB, 1993) Cosa può arrivare a fare un padre disoccupato per la famiglia? 21 Dicembre - La città incantata (di Hayao Miyazaki, Animazione, Giappone, 2001) La piccola e viziata Chihiro riuscirà a imparare l umiltà per aiutare i genitori? 11 Gennaio - Paradise now (di Hany Abu-Assad, Germania/Olanda/Francia, 2005) Per due giovani palestinesi la violenza è davvero l unica soluzione possibile? 25 Gennaio - Come te nessuno mai (di Gabriele Muccino, Italia, 1999) CINEFORUM ALLE SCUDERIE ogni due giovedì alle ore su supporti in dvd INGRESSO GRATUITO SU PRENOTAZIONE: ufficio cultura Qual è la risposta dei giovani all incomprensione degli adulti? 8 Febbraio - Umberto D. (di Vittorio De Sica, Italia, 1952 Versione restaurata) Che prospettive può avere un anziano solo, considerato inutile dalla società? 22 Febbraio La storia di Agnes Browne (di Anjelica Huston, Irlanda, 1999) Agnes Browne sorride sempre. Qual è il suo segreto? 8 Marzo - Moolaadé (di Ousmane Sembene, Senegal/Francia/Burkina Faso/Marocco, 2004) Le donne africane di oggi possono ribellarsi all infibulazione? 22 Marzo - La marcia dei pinguini (di Luc Jacquet, Francia, 2005) E infine sorbetto per tutti!

16 Poggio spec giovani nov 06-14nov.qxd :36 Pagina 16 La Banca......il suo territorio Agenzia di Poggio a Caiano: via Risorgimento, 26 - Tel Sede di Carmignano: Via Pucci e Verdini, 16 - Tel Agenzia di Prato Badie: Via G. Ferraris, 63 - Tel Agenzia di Prato Tobbiana: Via Traversa Pistoiese, 10/c - Tel Agenzia di Sovigliana: Via S. Pellico, 35 - Tel

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical Rimini, Centro Tarkosvkij - 31 ottobre e 1 novembre 2007 I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista presentano Musical Regia di Christine Joan in collaborazione con Don Alessandro Zavattini e

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ.

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ. Μάθημα: ΙΣΑΛΙΚΑ ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012 Ημεπομηνία και ώπα εξέτασηρ : Δεςτέπα, 21 Μαϊος 2012 11:00π.μ. 14:15π.μ. ΣΟ

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo adolescenti

Livello CILS A2 Modulo adolescenti Livello CILS A2 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini 20 15 16 Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti per i bambini Gentili Insegnanti, per la seconda volta il nostro programma si presenta in una veste grafica snella e

Dettagli

La Felicità con gli occhi di

La Felicità con gli occhi di La Felicità con gli occhi di Di Paolo Sichel, Giorgia Zanierato e Sidney Fontana Classe 4 BSU Indice Felicità: Con la spensieratezza di un bambino Con la grinta dell adolescente Con la serenità di un adulto

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"G. CAVALCANTI " LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014!

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADOG. CAVALCANTI  LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014! SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"G. CAVALCANTI " LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014! Giornata della lettura nella scuola Cavalcanti RESPONSABILE DEL PROGETTO: Docente bibliotecaria Donatella Di Nardo ORARIO

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato della Maestra Mery Anesa Mery Anesa Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato Giugno 2011 Osservazioni e commenti

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi gli

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

IL PROTAGONISMO DEI GIOVANI ED IL FUTURO DELLE NUOVE GENERAZIONI

IL PROTAGONISMO DEI GIOVANI ED IL FUTURO DELLE NUOVE GENERAZIONI RICERCA INTERVENTO: IL PROTAGONISMO DEI GIOVANI ED IL FUTURO DELLE NUOVE GENERAZIONI Paese di provenienza Età Sesso Scuola Classe Il coordinamento della Scuola dei Genitori, in collaborazione con la parrocchia,

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi 3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi L intento di questo modulo è di far lavorare sulla condivisione di responsabilità, ovvero di permettere ai bambini

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

TEST di italiano. Completa con le preposizioni semplici mancanti: Completa il brano con i seguenti pronomi possessivi:

TEST di italiano. Completa con le preposizioni semplici mancanti: Completa il brano con i seguenti pronomi possessivi: TEST di italiano Verifica il tuo livello! Copia e incolla il test, completa le frasi e invialo a info@linguaincorso.com (Non ti preoccupare se non riesci a completare tutti gli esercizi!!!!) Completa con

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico Riprendiamo sul nostro sito il testo pubblicato il 4 novembre 2015 dal sito www.aleteia.org Restiamo a disposizione per l immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Arrivederci! 1 Unità 4 Tempo libero

Arrivederci! 1 Unità 4 Tempo libero Chi è? Indicazioni per l insegnante Obiettivi didattici porre semplici domande su una persona i verbi essere e avere i numeri il genere (dei nomi e dei sostantivi) Svolgimento L insegnante distribuisce

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 -

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - Indice: 1. Presentazione di me stesso. 2. Come ho imparato ad usare il p. c. 3. Che programmi ci sono nel

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

Abschlussklausur. Italienisch Italiano Online SS 2008. Comprensione orale: / 15. Comprensione scritta: / 20

Abschlussklausur. Italienisch Italiano Online SS 2008. Comprensione orale: / 15. Comprensione scritta: / 20 Abschlussklausur Italienisch Italiano Online SS 2008 Dozent: Davide Schenetti Comprensione orale: / 15 Comprensione scritta: / 20 Riflessione grammaticale e interculturale: / 40 Produzione scritta: / 25

Dettagli

Secondo anno seconda metà d anno. Grammatica. Il futuro semplice

Secondo anno seconda metà d anno. Grammatica. Il futuro semplice Secondo anno seconda metà d anno Grammatica Il futuro semplice Scegliere la parola giusta fra le parentesi :- 1- Nel concorso di domani ogni scuola ------- un gruppo musicale. ( manderò manderà manderanno

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

Alcuni studenti raccontano.

Alcuni studenti raccontano. Alcuni studenti raccontano. Soggiorno a Londra di Valentina Tornesi III B Il giorno 19 settembre 2010 noi, alcuni alunni della mia Scuola Media di San Francesco, e quattro nostri professori siamo partiti

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione.

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Obiettivi. Suscitare curiosità verso l altro. Indagare sulle diversità e i ruoli. Riconoscere e valorizzare le differenze.

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com BASIC QUESTIONS 200 Opportunities to Discover ITALIAN Basic Questions Italian INDICE 1. SEI CAPACE DI?...3 2. TI PIACE?...4 3. COME?...5 4. QUANDO?...6 5. CHE?...7 6. COSA?...8 7. QUALE?...9 8. QUANTO?...10

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE di Daniela Morandi Prefazione di Barry Sears. Con la partecipazione di Claudio Belotti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-409-3 Prefazione del dottor Barry

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli