Università di Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università di Bologna"

Transcript

1 Dottorato di ricerca in Metodologia Statistica per la Ricerca Scientifica XIX ciclo Università di Bologna Dal Macro al Micro Marketing: modelli statistici per valutare l efficacia pubblicitaria sul punto vendita Marta Disegna Dipartimento di Scienze Statistiche P. Fortunati Marzo 2007

2 2

3 Dottorato di ricerca in Metodologia Statistica per la Ricerca Scientifica XIX ciclo Università di Bologna Dal Macro al Micro Marketing: modelli statistici per valutare l efficacia pubblicitaria sul punto vendita Marta Disegna coordinatore tutor prof. Daniela Cocchi prof. Furio Camillo Settore Disciplinare SECS-S/03 Dipartimento di Scienze Statistiche P. Fortunati Marzo 2007

4 4

5 Prefazione Fino agli anni 60, tra le aziende italiane l orientamento dominante era quello alla produzione, ovvero mirato ad un continuo miglioramento della capacità produttiva. Tale orientamento entrò in crisi negli anni 70, quando ormai l offerta di prodotto stava superando la domanda. In quegli anni divenne dominante tra le aziende un orientamento alla vendita, caratterizzato da uno sforzo continuo delle imprese verso una sempre maggiore pressione agli acquisti. A tal fine parve necessario sviluppare strumenti e tecniche di comunicazione e di vendita personale (in quegli anni si annovera la nascita della pubblicità e la creazione della figura del commesso viaggiatore) che riuscissero a spingere e orientare il consumatore verso l acquisto. Con gli anni 80 il marketing ha assunto una posizione di rilievo negli approcci delle aziende italiane al mercato, spinto dalla competizione internazionale e interna, così come dalla necessità di riferirsi a mercati sempre più segmentati, che richiedevano strumenti d indagine e d intervento che l orientamento alla produzione e alla vendita non potevano fornire. Ai giorni nostri, l orientamento adottato dalle aziende è sempre più volto al consumatore, e quindi alla creazione, nonchè, consolidamento di forti rapporti con i singoli clienti, finalizzati da un lato alla raccolta di informazioni utili alla creazione di prodotti sempre più differenziati e adatti alle esigenze di ciascun consumatore, dall altro alla creazione di una struttura produttiva flessibile e in grado di adattarsi ai repentini mutamenti del mercato (Ambroso (2001)). Tra gli aziendalisti si inizia quindi a parlare di eterogeneità, intesa sia in senso spaziale che temporale, nei comportamenti e nelle preferenze manifestate dai consumatori. I clienti di un prodotto, marca o punto vendita, si differenziano infatti sia per bisogni, motivazioni che preferenze e appare quindi di fondamentale importanza riflettere circa la possibilità che le reazioni di questi ultimi agli stimoli di marketing non sia omogenea ovvero che tutti gli individui non rispondano nel medesimo modo alle azioni delle imprese. Tener conto di queste differenze, ovvero tenere conto dell eterogeneità nel mercato, è fondamentale quindi per sviluppare delle strategie di marketing efficaci. E in questo contesto che nasce e si sviluppa il concetto di Micromarketing definito come l orientamento dell impresa a riconoscere, misurare e sfruttare la diversità degli acquirenti orientando le azioni di marketing, in particolare promozioni e pubblicità, verso specifici segmenti di clientela. Questa declinazione dell offerta su dimensioni microscopiche è stata permessa dalla sviluppo di tecnologie flessibili, dall integrazione fornitore-produttore, da sistemi integrati e interattivi ed è richiesta da consumatori sempre più raffinati, capaci di definire con maggiore dettaglio i loro bisogni e le loro attese. i

6 Per conoscere nel particolare cosa pensa, cosa vuole, cosa desidera il cliente è però necessario che i grandi marchi possiedano informazioni dettagliate sul punto vendita, in quanto è in questo luogo che il consumatore pone in essere le sue scelte di acquisto, valutando promozioni offerte e ricordando eventuali messaggi pubblicitari. L acquirente, prima ancora di scegliere il prodotto da acquistare, sceglie il punto vendita nel quale effettuare i suoi acquisti, influenzato sia da considerazioni di natura economica che geografica. É quindi su questo luogo che il brand deve far leva, sviluppando azioni promozionali e pubblicitarie mirate e differenziate per ciascun punto vendita o cluster. In questa tesi si propone di utilizzare la metodologia VAR (Vector AutoRegressive), notoriamente utilizzata in letteratura per le analisi Macro, al fine di descrivere e valutare l effetto pubblicitario sul punto vendita, con l intento di fornire indicazioni utili sia al singolo brand che alle società di raccolta dati. Capire se un messaggio o una campagna pubblicitaria produce un effetto significativo sul punto vendita diventa un esigenza fondamentale per i grandi marchi che potrebbero, in questo modo, allocare meglio le risorse e gli investimenti sulle diverse leve di marketing-mix, con particolare riferimento a promozioni e pubblicità, ma diventa un esigenza anche per le società di raccolta dati, che potrebbero in questo modo valutare la convenienza economica ad una rilevazione del dato più puntuale sul punto vendita, nonché alla creazione di una filiera di produzione semiautomatica di analisi dei dati Micro. Questa tesi nasce quindi da un problema aziendale concreto: valutare e misurare l efficacia della pubblicità televisiva sul punto vendita, cercando di verificare l esistenza di possibili regole o strutture che, se esistenti, consentono di legare azioni promozionali e pubblicitarie insieme, al fine di recuperare profitti, anche solo marginali, che possono avere un impatto significativo sul risultato economico finale. Struttura della tesi. Nel primo capitolo verrà presentato brevemente il caso oggetto di studio e si cercherà di introdurre al lettore il concetto di Micromarketing, focalizzandosi sulle motivazioni che stanno portando sempre più ricercatori e uomini aziendali verso analisi micro piuttosto che macro. Il punto di partenza di questo lavoro sono quindi i dati (descritti nel secondo capitolo) relativi alle quantità vendute settimanalmente in 2221 punti vendita italiani e le informazioni relative alla pressione pubblicitaria esercitata dalle marche operanti nella categoria di prodotto analizzata, l alimentare fresco. Nel terzo capitolo verrà ripreso il concetto storico di pubblicità, analizzando alcune delle teorie più rilevanti, nate sin dal XIX secolo, riguardanti l effetto che tale strumento può produrre sul consumatore. ii

7 Nel quarto capitolo verranno esposti i modelli principali che si sono sviluppati nel corso degli anni e che hanno cercato di analizzare e quantificare l effetto prodotto dalla pubblicità. La classe di modelli forse più interessanti è rappresentata dai modelli d iterazione di tipo dinamico, basati sull ipotesi verosimile che l effetto pubblicitario non si esaurisca immediatamente ma che si protragga anche nei periodi successivi. Appartengono a tale classi il modello di Koyck (1954) e il modello di persistenza, o modello VAR (Vector AutoRegressive Model), quest ultimo introdotto nella letteratura relativa alle analisi per il marketing da Dekimpe e Hanssens nel Il modello VAR è stato ampiamente utilizzato per le analisi degli effetti di medio e lungo periodo, nonchè degli effetti permanenti, prodotti dagli strumenti di marketing-mix, in particolare per quanto riguarda le azioni promozionali, soprattutto legate a variazioni di prezzo, in mercati di largo consumo. L analisi dei dati è stata sviluppata su due livelli distinti (capitolo quinto): un livello macro, riguardante le vendite osservate a livello nazionale; un livello micro, in cui sono stati osservati gli andamenti delle vendite per tre delle 24 insegne operanti nel mercato italiano. Nella conclusione (capitolo 6) sono riportati alcuni commenti finali e delle brevi riflessioni riguardanti i possibili sviluppi futuri. iii

8 Ringraziamenti Questa tesi è il risultato di un periodo di ricerca durato tre anni nel dipartimento di statistica dell università di Bologna. Ringrazio innanzitutto Bepi e Anna per avermi permesso di inseguire e raggiungere questo sogno. Vi sarò per sempre grata. Ringrazio Giovanni per l amore, la pazienza, la forza e le parole che ha saputo donarmi in questi anni difficili. Ringrazio la professoressa Isabella Procidano per non avermi mai abbandonato in questi anni e per avermi sempre sostenuto nei momenti di crisi. Ringrazio il professor Furio Camillo per avermi accolto sotto la sua ala protettrice anche quando per lui ero una perfetta sconosciuta, per avermi dato speranza e coraggio anche nei momenti più cupi, e per avermi condotto nella stesura di questo prezioso lavoro. Vorrei ringraziare in particolare il professor Giorgio Tassinari e la professoressa Marzia Freo per i preziosi spunti costruttivi e le ore di discussione che mi hanno regalato e fatto crescere, e tutti i professori con cui ho avuto la possibilità e l onere di collaborare in questi anni. Un caloroso ringraziamento va a tutti i miei colleghi di dottorato, in particolare a Massimiliano e Mariagiulia, che oltre in ufficio hanno dovuto sopportarmi anche in casa, Laura e Valentina per avermi sopportata, confortata, incoraggiata con pazienza, soprattutto in quest ultimo periodo, e per avermi regalato innumerevoli sorrisi e momenti di gioia. Un grazie particolare anche al mio supervisor d eccellenza, la dottoressa Caterina Liberati, per i preziosi consigli che ha saputo donarmi, soprattutto in quest ultimo periodo. Infine un doveroso ringraziamento è rivolto ad ACNielsen che, fornendoci il dataset, ha permesso la realizzazione di questa tesi e la conclusione di un cammino lungo e faticoso ma pieno di entusiasmo e curiosità. iv

9 Indice Prefazione i 1 Micromarketing Introduzione al caso di studio Dal Macro al Micromarketing Perchè Micromarketing? Il CRM Un analisi descrittiva Il database Il GRP L audience televisivo La struttura del GRP Le serie storiche relative alle vendite I Missing La pubblicità: teorie tradizionali Introduzione Da Macro a Microeconmia La teoria del potere di mercato La teoria dell informazione Una terza teoria: la teoria della complementarietà É più corretta la teoria del potere di mercato o quella dell informazione? 52 4 Modelli per la misurazione dell effetto pubblicitario Introduzione Modelli per la misurazione della notorietà, del riconoscimento e del ricordo Modello di Zielske Modello di Krugman e Katz

10 2 INDICE Modello di Prasad et al Modello di Morgenzstern Modello di Broadbent Modelli di risposta delle vendite e delle quote di mercato Modello di Carli Modello di Metwally Modello di Simon Modello di risposta delle quote di mercato Modelli d interazione di tipo dinamico Modello di Koyck Modello di Dekimpe e Hanssens Modello VAR e pubblicità: applicazioni L Applicazione Introduzione Metodologia Modello VAR a livello Macro Analisi delle vendite aggregate Analisi delle vendite per marca Analisi delle vendite generali per marca Modello VAR a livello MICRO Analisi delle vendite aggregate per ciascuna insegna Analisi delle vendite per marca all interno di ciascuna insegna Analisi delle vendite generali per marca all interno di ciascuna insegna Conclusioni 115 Bibliografia 120 Appendice 128 A Test a radici unitarie 129 B La struttura dei modelli 131 C Specifiche dei modelli 133

11 Elenco delle tabelle 2.1 Settimane di pubblicità Settimane di non pubblicità Dislocazione dei punti vendita per area territoriale e tipologia Frequenza con cui le diverse insegne si presentano nel database La presenza di dati mancanti in alcune delle insegne più frequenti del database A.1 Test Augmented Dickey-Fuller senza intercetta A.2 Test Augmented Dickey-Fuller con intercetta C.1 GRP e quantità vendute a confronto C.2 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto C.3 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per la marca leader C.4 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per il maggior competitor C.5 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per i restanti competitors C.6 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per tutte le marche C.7 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute non in promozione a confronto per tutte le marche C.8 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per l insegna COO C.9 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute della marca leader per l insegna COO C.10 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute del maggior competitor per l insegna COO

12 4 ELENCO DELLE TABELLE C.11 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute dei restanti competitors per l insegna COO C.12 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per l insegna INT C.13 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute della marca leader per l insegna INT C.14 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute del maggior competitor per l insegna INT C.15 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute dei restanti competitors per l insegna INT C.16 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per l insegna SEL C.17 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute della marca leader per l insegna SEL C.18 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute del maggior competitor per l insegna SEL C.19 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute dei restanti competitors per l insegna SEL C.20 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per tutte le marche dell insegna COO C.21 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute non in promozione, a confronto per tutte le marche dell insegna COO C.22 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per tutte le marche dell insegna INT C.23 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute non in promozione, a confronto per tutte le marche dell insegna INT C.24 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per tutte le marche dell insegna SEL C.25 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute non in promozione, a confronto per tutte le marche dell insegna SEL

13 Elenco delle figure 2.1 Andamento delle serie relative a grp e vendite totali nazionali Andamento delle serie relative a grp e vendite nazionali della marca leader Andamento delle serie relative a grp e vendite nazionali del maggior competitor Andamento delle serie relative a grp e vendite nazionali dei concorrenti Andamento delle serie relative a grp e vendite nazionali effettuate non in promozione Andamento delle serie relative a grp e vendite nazionali, effettuate non in promozione, per la marca leader Andamento delle serie relative a grp e vendite nazionali, effettuate non in promozione, per il maggior competitor Andamento delle serie relative a grp e vendite nazionali, effettuate non in promozione, per i concorrenti La presenza di dati mancanti nei dati Funzioni di impulso-risposta dei modelli 1A e 1B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 2A e 2B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 2A e 2B per la variabile GRP Funzioni di impulso-risposta dei modelli 2A e 2B per la variabile DAP Funzioni di impulso-risposta dei modelli 3A e 3B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 4A e 4B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 5A e 5B Funzioni di impulso-risposta del modello 6A Funzioni di impulso-risposta del modello 6B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 7, 11 e 15A Funzioni di impulso-risposta dei modelli 7, 11 e 15B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 8, 9, 10A

14 6 ELENCO DELLE FIGURE 5.13 Funzioni di impulso-risposta dei modelli 8, 9, 10B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 12, 13, 14A Funzioni di impulso-risposta dei modelli 12, 13, 14B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 16, 17, 18A Funzioni di impulso-risposta dei modelli 16, 17, 18B Funzioni di impulso-risposta del modello 19A, insegna COO Funzioni di impulso-risposta del modello 19B, insegna COO Funzioni di impulso-risposta del modello 20A, insegna INT Funzioni di impulso-risposta del modello 20B, insegna INT Funzioni di impulso-risposta del modello 21A, insegna SEL Funzioni di impulso-risposta del modello 21B, insegna SEL

15 Capitolo 1 Micromarketing In ogni momento chiunque sta vendendo qualcosa, Paul Samuelson 1.1 Introduzione al caso di studio ACNielsen è stata costituita negli Stati Uniti nel 1923 da Arthur Charles Nielsen Senior, allo scopo di apportare innovazioni nel campo della ricerca, informazione e analisi di mercato, soprattutto focalizzandosi su media e leve di marketing rivolte al cliente. Nata nel 1963, ACNielsen Italia è diventata ben presto leader nazionale per la raccolta dati nei punti vendita di qualsiasi tipo e dimensione, ricerche e analisi di mercato per il settore dei beni di largo consumo, farmaceutici e beni durevoli. Queste attività forniscono ai clienti, principalmente distributori e produttori che operano nel settore dei beni di largo consumo e dei servizi, informazioni essenziali per comprendere le dinamiche competitive operanti nel mercato, per esplorare nuove opportunità, per verificare l efficacia delle proprie campagne di marketing e di vendita ed incrementarne la profittabilità, per monitorare la performance dei propri prodotti e per analizzare trend e cambiamenti che possono avvenire nel mercato. Tali servizi nascono da un complesso processo di integrazione delle informazioni, derivanti da più fonti, e dalla trasformazione dei dati, al fine di offrire opportuni suggerimenti operativi, analisi strategiche e raccomandazioni tattiche ai propri clienti. L elaborazione di queste informazioni costituisce una base per comprendere e analizzare le motivazioni, gli atteggiamenti, i comportamenti, i modelli di acquisto e le caratteristiche demografiche dei consumatori. In Italia il gruppo comprende, oltre ad ACNielsen Italia, ACNielsen Bases, Panel 7

16 8 CAPITOLO 1. MICROMARKETING De Gestion, Nielsen Media Research e ACNielsen Store Audit. Nielsen Media Research è leader nei servizi di misurazione dell audience televisiva e nei servizi correlati a livello mondiale, mentre ACNielsen Store Audit, che ha iniziato ad operare ad Aprile 2002, è la società specializzata nelle informazioni di Trade Marketing. Scopo di ACNielsen Store Audit è quello di aiutare i propri clienti a conoscere e comprendere il mercato e le sue dinamiche fino a livelli di massimo dettaglio: il singolo punto vendita o prodotto. Le analisi svolte, si basano su un dataset in cui vengono raccolte le informazioni relative a un panel ruotato composto da 2221 punti vendita nazionali. Tra i principali servizi che ACNielsen Store Audit fornisce ai propri clienti, si può annoverare il monitoraggio continuo, effettuato ogni giorni, della marca e dei competitor principali per il controllo di prezzi e promozioni, e un analisi sistematica delle attività promozionali, nel singolo punto vendita, effettuata tramite l uso di modelli di regressione multipla. Per molte aziende, oggi, le promozioni rappresentano una delle voci di spesa più ingente, e quindi comprenderne il valore e il rendimento, risulta di importanza fondamentale. Sempre più spesso, legata a tale analisi, i clienti sono interessati a conoscere e misurare anche l efficacia pubblicitaria, al fine di individuare regole o strutture che legano insieme queste due leve, e di recuperare profitti, anche solo marginali, che possono però avere un impatto significativo sul risultato economico finale. Per adempiere a tale richiesta, attualmente ACNielsen implementa un secondo modello di regressione multipla, separato rispetto al primo, riguardante le vendite nazionali. Dunque, nell analisi dell efficacia di promozioni e pubblicità, ACNielsen propone lo sviluppo di due modelli, uno a livello di punto vendita e uno a livello nazionale. La discrepanza esistente tra i dati, produce però difficoltà nell interpretazione dei risultati, con la conseguente elaborazione e divulgazione al cliente di informazioni che possono essere non del tutto complete. A tal riguardo ACNielsen, è interessata allo sviluppo di un modello per l analisi dell efficacia pubblicitaria, ed eventualmente, promozionale e pubblicitaria insieme, a livello di singolo punto vendita. Perchè ACNielsen sembra essere così interessata ad un analisi relativa al punto vendita, ovvero, micro? Perchè il brand è sempre più interessato a conoscere in modo dettagliato il cliente, sapere cosa pensa, cosa vuole e, soprattutto, cosa desidera. Per possedere tali informazioni è però necessario analizzare accuratamente il punto vendita, perchè è in esso che il consumatore pone in essere le sue scelte d acquisto, valutando promozioni offerte ed, eventualmente, ricordando messaggi pubblicitari. Il consumatore, prima ancora di scegliere il prodotto da acquistare, sceglie il punto vendita dove effettuare gli acquisti, influenzato da considerazioni di natura economica (l individuo si reca dove i prodotti

17 1.1. INTRODUZIONE AL CASO DI STUDIO 9 costano meno), o geografica (si preferisce svolgere i propri acquisti nel punto vendita che si trova vicino a casa o al posto di lavoro). É su questo luogo che il brand può fare leva, proponendo azioni di marketing mirate e differenziate per punto vendita o cluster: se il messaggio pubblicitario produce un effetto significativo sulle vendite di un particolare punto vendita, il brand può ottenere un vantaggio competitivo giocando sulle caratteristiche peculiari dello store e sull introduzione di certe tipologie di promozioni piuttosto di altre. É noto in letteratura che le azioni di marketing producono effetti molto eterogenei tra loro a seconda del consumatore, del brand o del punto vendita su cui vengono rilevati e tale eterogeneità costituisce da tempo un importante campo di analisi per le ricerche di marketing. In molti contributi presenti in letteratura, sono stati utilizzati dati a livello di mercato o catena distributiva per ragioni di convenienza nelle stime o di impossibilità di utilizzo di dati maggiormente disaggregati, spesso non accessibili ai managers. Gli sviluppi tecnologici e informatici degli ultimi anni hanno però permesso la creazione di datasets sempre più ricchi e completi di informazioni, permettendo agli studiosi di spingere le proprie analisi verso il punto vendita e creando le opportunità per effettuare analisi a livello micro (Dekimpe et al. (2005)). In questo contesto il nostro lavoro nasce e si sviluppa, proponendo un modello in grado di descrivere e valutare l effetto pubblicitario a livello micro, con l intento di fornire indicazioni utili sia al singolo brand che alla stessa ACNielsen: valutare se la pubblicità produce un effetto significativo sul punto vendita diventa un esigenza fondamentale per i grandi marchi, che potrebbero, in questo modo, allocare meglio le risorse e gli investimenti sulle diverse leve di marketing-mix, con particolare riferimento a promozioni e pubblicità, ma diventa un esigenza anche per ACNielsen, che potrebbe valutare la convenienza economica di una raccolta dati più efficiente e puntuale sul punto vendita nonchè la creazione di una filiera di produzione semiautomatica di analisi dei dati micro. Il dataset utilizzato per tale analisi verrà presentato in modo completo nel capitolo 2, ma in questa sede ci sembra importante anticipare che è stata valutata l efficacia della pubblicità televisiva su 15 prodotti appartenenti alla stessa categoria, l alimentare fresco. In generale, la pubblicità televisiva può essere specificata in termini di numero di esposizioni o come livelli di investimento. In questo lavoro ACNielsen ha scelto di utilizzare un indice che esprime il livello totale di pressione della campagna pubblicitaria, il Gross Rating Point (GRP), o punteggio lordo di ascolto. É bene ricordare in questa sede che la pubblicità, soprattutto televisiva, è uno strumento macro nelle mani delle aziende, che la somministrano indiscriminatamente a qualsiasi soggetto. Riuscire a controllare tale leva anche a livello di micro, diventa di fondamentale importanza per

18 10 CAPITOLO 1. MICROMARKETING l azienda che ha bisogno di conoscere in modo dettagliato gli effetti prodotti da tutte le sue azioni di marketing, al fine di produrre un costante miglioramento della performance aziendale. Conoscere l effetto pubblicitario sul singolo individuo è importante ma forse ancora più rilevante diventa la conoscenza e misurazione dell effetto indotto sulle vendite di un negozio, perchè esso, a differenza del singolo consumatore, può essere studiato e, soprattutto, manipolato dal brand. 1.2 Dal Macro al Micromarketing Dalla nascita della distribuzione moderna, avvenuta negli Stati Uniti all inizio degli anni trenta, fino alla fine del secolo, il marketing distributivo è stato caratterizzato da azioni puramente macro. Le insegne hanno manovrato le loro leve di marketing avendo come riferimento l insieme della clientela, senza operare alcuna segmentazione a priori dei consumatori per discriminare la propria proposta. Il fatto che una leva di marketing sia manovrata avendo come riferimento l intera clientela e, quindi, offrendo a tutti la stessa opportunità, non vuole dire però che tutti aderiscano all offerta. Dunque, le azioni di marketing si traducono sempre in una discriminazione a favore di un particolare segmento e a danno di un altro, anche quando l approccio è macro. Qual è dunque la differenza tra macro e Micromarketing? Il primo elemento di distinzione è la natura della segmentazione. Mentre nell approccio macro i consumatori si autoselezionano, decidendo di aderire o meno ad una particolare offerta in modo autonomo, nel micro l offerta viene fatta esclusivamente a definiti segmenti di domanda individuati a priori tramite azioni di CRM (Customer Relationship Management) e Data Mining. A tal riguardo, Lugli (2001) definisce il concetto di Micromarketing come l orientamento dell impresa a riconoscere, misurare e sfruttare la diversità degli acquirenti orientando le azioni di marketing verso specifici segmenti di clientela. Nella visione macro, tutti i consumatori hanno le stesse opportunità e vengono trattati in modo omogeneo, di conseguenza essi accettano la possibile discriminazione senza problemi. Nel micro l autosegmentazione viene sostituita con una segmentazione a priori che implica una disparità di trattamento, dal momento che le opportunità vengono rivolte solo a particolari gruppi di clienti. Ciò che cambia sostanzialmente nel passaggio dal macro al micro, è l orientamento strategico dell impresa, in quanto il suo obiettivo è sempre più quello di riconoscere, misurare e sfruttare la diversità degli acquirenti per porre in essere azioni sempre più specifiche e differenziate. Nel Micromarketing, la comunicazione tra brand e segmento di consumatori deve essere diretta e riservata. É auspicabile che la

19 1.2. DAL MACRO AL MICROMARKETING 11 comunicazione non sia trasparente in quanto i consumatori sfavoriti, che possono essere peraltro quelli più importanti e/o fedeli, potrebbero cambiare abitudini d acquisto scegliendo marche o insegne diverse. La segretezza del messaggio è importante anche sul piano competitivo, in quanto consente di ritardare eventuali reazioni dei concorrenti. Per contattare i clienti, l azienda potrà utilizzare un qualsiasi strumento di Direct Marketing, oppure il cliente potrà visitare in modo autonomo il sito del distributore per scaricare coupons o telefonare al numero verde fornito. La natura della segmentazione è solo uno dei possibili elementi di distinzione dal macro al Micromarketing. Ulteriori elementi di distinzione possono essere individuati nella precisione, dimensione e articolazione della segmentazione della domanda. L autosegmentazione indotta dal Macromarketing è spesso poco precisa, nel senso che i benefici possono essere goduti anche da consumatori che non appartengono al segmento scelto come target. Nel Macromarketing, solitamente, le azioni sono indirizzate verso segmenti molto più grandi del Micromarketing. Con il Micromarketing il numero di segmenti, utilizzabili come target per le azioni di marketing, aumentano in modo esponenziale. É bene precisare che parlare di Micromarketing e di fidelizzazione non è esattamente la stessa cosa, come comunemente si pensa. Il Micromarketing, come il Macromarketing, sono strumenti che aiutano il processo di fidelizzazione ma la fedeltà non è un carattere sufficiente per orientare la segmentazione e il targeting della clientela. Macro e Micromarketing non sono però due orientamenti completamente distinti, in quanto l efficacia e l efficienza delle leve di Micromarketing dipendono dai risultati ottenuti manovrando le leve di Macromarketing. Non si tratta di sostituire l approccio macro con l approccio micro quanto, piuttosto, di aggiungere nuove leve di marketing all arsenale di quelle già presenti. L orientamento al Micromarketing richiede quindi che all interno dell azienda, insegna o brand, avvenga una radicale modifica nella struttura organizzativa e dei ruoli manageriali. Per lo più l approccio micro richiede uno staff di risorse umane molto più consistenti e di alto profilo rispetto all approccio macro per supportare le attività di segmentazione, targeting, manovra delle leve e misura continua della sensibilità della domanda rispetto alle singole azioni. Oltre all investimento tecnologico e al maggior valore trasferito al consumatore, bisogna dunque metter in conto anche le frizioni del cambiamento organizzativo ed i maggiori costi di gestione del Micromarketing.

20 12 CAPITOLO 1. MICROMARKETING 1.3 Perchè Micromarketing? Il contesto economico che caratterizza i nostri giorni, è contraddistinto da una forte eterogeneità, spaziale e temporale, dei consumatori, e ciò fa nascere in azienda l esigenza di creare e mantenere solidi rapporti con il cliente, finalizzati da un lato alla raccolta di informazioni utili alla creazione di prodotti sempre più differenziati e adatti alle esigenze di ciascun consumatore, dall altro alla creazione di una struttura produttiva flessibile e in grado di adattarsi ai repentini mutamenti del mercato. Per adattarsi a questo ambiente, l azienda deve evolversi, dando più importanza ai flussi di informazione e conoscenza piuttosto che a quelli di merci, abbandonando l approccio di produzione e marketing indifferenziato e massificato, in favore di un nuovo orientamento incentrato sulla ricerca, misurazione e sfruttamento delle diversità manifestate dai singoli consumatori, e indirizzando le azioni di marketing verso gruppi omogenei di clienti. E in quest ottica che i flussi di informazione e comunicazione divengono particolarmente importanti acquisendo un ruolo di centralità nello strutturare quel sistema organizzato che crea, attiva e alimenta la conoscenza aziendale (Vicari (1991)). Il punto di partenza per la creazione di tali flussi è l instaurazione di una relazione con la clientela, in cui l ottica non sia rivolta alla singola transazione di vendita, ma alla gestione di un rapporto a lungo termine. Attraverso la tecnologia dell informazione le opportunità di marketing si stanno ampliando e raffinando, sviluppando relazioni puntuali con definiti segmenti di domanda, al fine di realizzare, o mantenere, un vantaggio competitivo. La tecnologia consente oggi di riconoscere, misurare e sfruttare le differenze nel comportamento di consumo e di acquisto della clientela. Il futuro si sta muovendo verso il Neuromarketing, scienza ibrida tra Neuroscienza e marketing. Tra gli obiettivi, molto ambiziosi, dichiarati da coloro che utilizzano il Neuromarketing vi è l illusione di possedere la certezza scientifica nella scelta delle strategie di marketing migliori, e tutto ciò indagando nella dimensione subconscia delle persone. In futuro, quindi, il brand avrà la possibilità di porre in essere azioni di marketing mirate per ogni singolo cliente riducendo così inutili sprechi di risorse e aumentando il suo vantaggio competitivo. Kotler (1999) sostiene che il marketing, definito da molti come l arte di acquisire e mantenere i clienti, si debba definire coma la scienza e l arte di acquisire, mantenere e sviluppare una clientela che assicuri un profitto. La sola gestione del livello di soddisfazione della clientela non è però sufficiente per garantire l economicità dell impresa nel medio-lungo termine, mentre risulta essenziale focalizzare l attenzione sulla fedeltà dei clienti (customer loyalty). L orientamento alla fedeltà presuppone che l azienda si ponga come obiettivo principale l avvio e il consolidamento del maggior numero di relazioni

Università di Bologna

Università di Bologna Dottorato di ricerca in Metodologia Statistica per la Ricerca Scientifica XIX ciclo Università di Bologna Dal Macro al Micro Marketing: modelli statistici per valutare l efficacia pubblicitaria sul punto

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

1.3.1. Elementi caratterizzanti il marketing diretto interattivo

1.3.1. Elementi caratterizzanti il marketing diretto interattivo 1. IL MARKETING DIRETTO 1.1. Concetto e definizione di marketing diretto pag. 3 1.1.1. Direct e data base di marketing pag. 5 1.2. Evoluzione del concetto di marketing diretto pag. 8 1.2.1. La comunicazione

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP.

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. 19, 20, 21, 22) Unit 12 Slide 12.2.1 SODDISFARE

Dettagli

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Dott. Gabriele Sabato Abstract Nel corso del processo di evoluzione della nostra società moderna si è riscontrato sempre più l insorgere di

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

INEA - Istituto Nazionale di Economia Agraria Rete Nazionale per lo sviluppo rurale

INEA - Istituto Nazionale di Economia Agraria Rete Nazionale per lo sviluppo rurale alcune definizioni contenute nella Direttiva 97/7/CE riguardante la protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza: VENDITE A DISTANZA UN SISTEMA DI VENDITA O DI PRESTAZIONE DI SERVIZI CHE

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende Soluzioni di LOYALTY e CRM per Grandi Aziende NEXUSCOM Nexuscom è un agenzia nata nel 2005 e focalizzata nella realizzazione di progetti che consentono alle aziende di entrare in contatto con i propri

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO 1 LE ORIGINI q I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali

Dettagli

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Maurizio Perego Responsabile Comunicazione e Marketing Relazionale

Dettagli

modo differenziato i clienti ricadenti nelle differenti classi. Tecnica RFM Questo approccio considera, oltre al valore di fatturato (contemplato

modo differenziato i clienti ricadenti nelle differenti classi. Tecnica RFM Questo approccio considera, oltre al valore di fatturato (contemplato Metodi quantitativi per il targeting Per le piccole e medie imprese il Data Base di Marketing (DBM) è di importanza cruciale nella segmentazione della clientela e individuazione del target di interesse

Dettagli

IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER

IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER di Riccardo Pio Campana* Come si configurava il dirigente privato nel passato e come lo si configura oggi, l obiettivo di questo lavoro è proprio quello di inquadrare giuridicamente

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Il Geomarketing I Mktg-L13 Il Geomarketing,

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

di Giorgia Facchini (*)

di Giorgia Facchini (*) strategica Strategie di Customer Relationship Management di Giorgia Facchini (*) Il Customer Relationship Management ha costituito negli ultimi anni un opportunità a disposizione delle PMI per poter valutare

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 BIBLIOGRAFIA A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998 P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 D. Peppers, M. Rogers, B. Dorf, Marketing One To One, Il Sole 24 Ore,

Dettagli

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali La competizione generata dall economia globale continuerà ad imporre un abbassamento dei prezzi al cliente finale. Di conseguenza, controllare

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO CONOSCENZE L AREA STRATEGICA D AFFARI (ASA) IN RAPPORTO ALLE STRATEGIE AZIENDALI Nella definizione del comportamento

Dettagli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli Lezione 19: Comunicazione di Marketing Definizione Target e contenuto della comunicazione di marketing Gli obiettivi Il processo di apprendimento I principali strumenti di comunicazione La promozione delle

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com. Il processo di KDD

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com. Il processo di KDD Il processo di KDD Introduzione Crescita notevole degli strumenti e delle tecniche per generare e raccogliere dati (introduzione codici a barre, transazioni economiche tramite carta di credito, dati da

Dettagli

tra la pubblicità online e il ROI

tra la pubblicità online e il ROI Una chiara tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni Greg Forbes, Research Manager, Microsoft Advertising Una chiara

Dettagli

CRM - Nuova visione organizzativa per eccellere nella soddisfazione dei clienti

CRM - Nuova visione organizzativa per eccellere nella soddisfazione dei clienti CRM - Nuova visione organizzativa per eccellere nella soddisfazione dei clienti Cos è il CRM Customer Relationship Management Che cos è un cliente? In quanti modi definire il CRM? I vantaggi di CRM. Il

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 OBIETTIVI DELL AZIENDA Massimizzare l utilità risorse Aumentare redditività e profitto Soddisfare il cliente / costruire

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Ringraziamenti dell Editore

Ringraziamenti dell Editore 00 Pratesi romane.qxp:. 23-12-2008 16:56 Pagina VII INDICE Prefazione Ringraziamenti dell Editore XVII XXI Capitolo 1 Introduzione al processo di marketing management 1 1.1 La filosofia del marketing,

Dettagli

Relationship. Customer. Management. Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software.

Relationship. Customer. Management. Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software. Customer Relationship Management Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software. 2 CRM è una strategia competitiva,, basata sulla capacità di mantenersi costantemente

Dettagli

Data Mining e Analisi dei Dati

Data Mining e Analisi dei Dati e Analisi dei Dati Rosaria Lombardo Dipartimento di Economia, Seconda Università di Napoli La scienza che estrae utili informazioni da grandi databases è conosciuta come E una disciplina nuova che interseca

Dettagli

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità La globalizzazione Il mondo si fa sempre più piccolo e la globalizzazione è il nuovo ordine che accomuna le popolazioni all inter-dipendenza.

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO LE FILOSOFIE ADOTTABILI DALL IMPRESA IN RELAZIONE AI MERCATI Sommario: 1. La filosofia della produzione. - 2. La filosofia del prodotto. - 3. La filosofia della vendita. - 4. La filosofia

Dettagli

COME VALUTARE LA PROFITTABILITA DI CLIENTI E PROSPECT: STRATEGIE PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI E ACCRESCERE IL VALORE DI QUELLI ESISTENTI.

COME VALUTARE LA PROFITTABILITA DI CLIENTI E PROSPECT: STRATEGIE PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI E ACCRESCERE IL VALORE DI QUELLI ESISTENTI. COME VALUTARE LA PROFITTABILITA DI CLIENTI E PROSPECT: STRATEGIE PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI E ACCRESCERE IL VALORE DI QUELLI ESISTENTI. 1. Introduzione: Gli obiettivi dell implementazione di un sistema

Dettagli

Primi risultati di sintesi

Primi risultati di sintesi INDAGINE ABI-UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Approcci di CRM e di gestione delle relazioni con la clientela del settore bancario Primi risultati di sintesi (Dicembre 2003) 1 2 BANCHE RISPONDENTI: 84 RAPPRESENTATIVE

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

Strategie per il web marketing

Strategie per il web marketing Strategie per il web marketing Fasi dell orientamento d impresa Per comprendere in che misura (rivoluzionaria) internet ed il web in particolare, ha contributo allo sviluppo del mercato dei servizi e/o

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO Cap.12 Raggiungere nuovi clienti attraverso il marketing digitale

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI FARMACIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE CORSO DI MARKETING E GESTIONE AZIENDALE MATERIALE DIDATTICO Professore di Economia Aziendale, Organizzazione

Dettagli

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti I profondi e rapidi cambiamenti che in questi anni si sono manifestati in

Dettagli

La risposta di Cerved Group ai bisogni di crescita delle Aziende Italiane. ANDREA RICOTTI Bardolino, 18 Maggio 2011

La risposta di Cerved Group ai bisogni di crescita delle Aziende Italiane. ANDREA RICOTTI Bardolino, 18 Maggio 2011 La risposta di Cerved Group ai bisogni di crescita delle Aziende Italiane ANDREA RICOTTI Bardolino, 18 Maggio 2011 Agenda Proposta Cerved Group oggi Area Databank: Competenze e Specificità La Codifica

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari. Luca Petruzzellis. lu.petruzzellis@disag.uniba.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari. Luca Petruzzellis. lu.petruzzellis@disag.uniba. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Vende molteplici marche nell ambito della stessa categoria

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Nuovi approcci e nuovi strumenti Marco Di Dio Roccazzella Director marco.didio@valuelab.it www.valuelab.it

Dettagli

Quanto investire in comunicazione? Francesco Potenza

Quanto investire in comunicazione? Francesco Potenza Quanto investire in comunicazione? Francesco Potenza Marketing Club, 4 dicembre 2010 Gli investimenti in adv La crisi ha toccato gli investimenti che sono più facilmente e rapidamente manovrabili: la pubblicità

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Firenze, mercoledì 27 Novembre 2002 Incontro con Vincenzo Freni L incalzante progredire delle nuove tecnologie, ogni giorno più sofisticate e complesse,

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi 01 MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi Contenuti 1.0 1.1 1.2 Marketing Automation, un introduzione Cosa e quanto cambia in azienda Le prestazioni Le aziende che utilizzano la marketing

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

Piano Industriale 2011-2013. Milano, 24 Gennaio 2011

Piano Industriale 2011-2013. Milano, 24 Gennaio 2011 Gruppo 24 ORE: Piano Industriale 2011-2013 Milano, 24 Gennaio 2011 Disclaimer Il presente documento è stato redatto da Il Sole 24 Ore S.p.A. ("Il Sole 24 Ore" o la "Società") in vista della odierna riunione

Dettagli

Vendere online nel 2015

Vendere online nel 2015 Vendere online nel 2015 Il mercato e i numeri La strategia Le regole del gioco L acquisizione del cliente La persuasione all acquisto La fidelizzazione Il mercato e i numeri In Italia ci sono più di 30

Dettagli

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo Fasi nell evoluzione del rapporto con mercato Marketing di massa Sono curate la produzione e la promozione del prodotto a livello di massa, per tutti

Dettagli

DIFFERENZIARE LE CAMPAGNE DI MARKETING La scelta del canale adeguato

DIFFERENZIARE LE CAMPAGNE DI MARKETING La scelta del canale adeguato Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it DIFFERENZIARE

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Campaign Management: il caso Vodafone Omnitel. franco.renne@icteam.it

Campaign Management: il caso Vodafone Omnitel. franco.renne@icteam.it Campaign Management: il caso Vodafone Omnitel franco.renne@icteam.it 2 Aprile 2003 Presentazione ICTeam è una società di informatica... Franco Renne è un informatico... e non è un esperto di marketing...

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

BrandForum. auto- valutazione riguardo l utilizzo delle suddette applicazioni [4]. In secondo luogo, è stata avviata una valutazione extra-aziendale

BrandForum. auto- valutazione riguardo l utilizzo delle suddette applicazioni [4]. In secondo luogo, è stata avviata una valutazione extra-aziendale Brand on the net - II puntata Gli esiti delle indagini desk e field 1. Metodologia di analisi 2. Analisi dei dati 2.1. Le auto-valutazioni valutazioni 2.2 Le valutazioni extra-aziendali aziendali 3. Conclusioni

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line.

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. Introduzione Gli investimenti pubblicitari delle aziende si stanno

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

Introduzione al Web Marketing e Social Networking

Introduzione al Web Marketing e Social Networking Introduzione al Web Marketing e Social Networking Relatore: Andrea Baioni www.andreabaioni.it abaioni@andreabaioni.it DEFINIZIONI E DIFFERENZE Marketing tradizionale un sistema integrato di attività, organizzato

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli