Università di Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università di Bologna"

Transcript

1 Dottorato di ricerca in Metodologia Statistica per la Ricerca Scientifica XIX ciclo Università di Bologna Dal Macro al Micro Marketing: modelli statistici per valutare l efficacia pubblicitaria sul punto vendita Marta Disegna Dipartimento di Scienze Statistiche P. Fortunati Marzo 2007

2 2

3 Dottorato di ricerca in Metodologia Statistica per la Ricerca Scientifica XIX ciclo Università di Bologna Dal Macro al Micro Marketing: modelli statistici per valutare l efficacia pubblicitaria sul punto vendita Marta Disegna coordinatore tutor prof. Daniela Cocchi prof. Furio Camillo Settore Disciplinare SECS-S/03 Dipartimento di Scienze Statistiche P. Fortunati Marzo 2007

4 4

5 Prefazione Fino agli anni 60, tra le aziende italiane l orientamento dominante era quello alla produzione, ovvero mirato ad un continuo miglioramento della capacità produttiva. Tale orientamento entrò in crisi negli anni 70, quando ormai l offerta di prodotto stava superando la domanda. In quegli anni divenne dominante tra le aziende un orientamento alla vendita, caratterizzato da uno sforzo continuo delle imprese verso una sempre maggiore pressione agli acquisti. A tal fine parve necessario sviluppare strumenti e tecniche di comunicazione e di vendita personale (in quegli anni si annovera la nascita della pubblicità e la creazione della figura del commesso viaggiatore) che riuscissero a spingere e orientare il consumatore verso l acquisto. Con gli anni 80 il marketing ha assunto una posizione di rilievo negli approcci delle aziende italiane al mercato, spinto dalla competizione internazionale e interna, così come dalla necessità di riferirsi a mercati sempre più segmentati, che richiedevano strumenti d indagine e d intervento che l orientamento alla produzione e alla vendita non potevano fornire. Ai giorni nostri, l orientamento adottato dalle aziende è sempre più volto al consumatore, e quindi alla creazione, nonchè, consolidamento di forti rapporti con i singoli clienti, finalizzati da un lato alla raccolta di informazioni utili alla creazione di prodotti sempre più differenziati e adatti alle esigenze di ciascun consumatore, dall altro alla creazione di una struttura produttiva flessibile e in grado di adattarsi ai repentini mutamenti del mercato (Ambroso (2001)). Tra gli aziendalisti si inizia quindi a parlare di eterogeneità, intesa sia in senso spaziale che temporale, nei comportamenti e nelle preferenze manifestate dai consumatori. I clienti di un prodotto, marca o punto vendita, si differenziano infatti sia per bisogni, motivazioni che preferenze e appare quindi di fondamentale importanza riflettere circa la possibilità che le reazioni di questi ultimi agli stimoli di marketing non sia omogenea ovvero che tutti gli individui non rispondano nel medesimo modo alle azioni delle imprese. Tener conto di queste differenze, ovvero tenere conto dell eterogeneità nel mercato, è fondamentale quindi per sviluppare delle strategie di marketing efficaci. E in questo contesto che nasce e si sviluppa il concetto di Micromarketing definito come l orientamento dell impresa a riconoscere, misurare e sfruttare la diversità degli acquirenti orientando le azioni di marketing, in particolare promozioni e pubblicità, verso specifici segmenti di clientela. Questa declinazione dell offerta su dimensioni microscopiche è stata permessa dalla sviluppo di tecnologie flessibili, dall integrazione fornitore-produttore, da sistemi integrati e interattivi ed è richiesta da consumatori sempre più raffinati, capaci di definire con maggiore dettaglio i loro bisogni e le loro attese. i

6 Per conoscere nel particolare cosa pensa, cosa vuole, cosa desidera il cliente è però necessario che i grandi marchi possiedano informazioni dettagliate sul punto vendita, in quanto è in questo luogo che il consumatore pone in essere le sue scelte di acquisto, valutando promozioni offerte e ricordando eventuali messaggi pubblicitari. L acquirente, prima ancora di scegliere il prodotto da acquistare, sceglie il punto vendita nel quale effettuare i suoi acquisti, influenzato sia da considerazioni di natura economica che geografica. É quindi su questo luogo che il brand deve far leva, sviluppando azioni promozionali e pubblicitarie mirate e differenziate per ciascun punto vendita o cluster. In questa tesi si propone di utilizzare la metodologia VAR (Vector AutoRegressive), notoriamente utilizzata in letteratura per le analisi Macro, al fine di descrivere e valutare l effetto pubblicitario sul punto vendita, con l intento di fornire indicazioni utili sia al singolo brand che alle società di raccolta dati. Capire se un messaggio o una campagna pubblicitaria produce un effetto significativo sul punto vendita diventa un esigenza fondamentale per i grandi marchi che potrebbero, in questo modo, allocare meglio le risorse e gli investimenti sulle diverse leve di marketing-mix, con particolare riferimento a promozioni e pubblicità, ma diventa un esigenza anche per le società di raccolta dati, che potrebbero in questo modo valutare la convenienza economica ad una rilevazione del dato più puntuale sul punto vendita, nonché alla creazione di una filiera di produzione semiautomatica di analisi dei dati Micro. Questa tesi nasce quindi da un problema aziendale concreto: valutare e misurare l efficacia della pubblicità televisiva sul punto vendita, cercando di verificare l esistenza di possibili regole o strutture che, se esistenti, consentono di legare azioni promozionali e pubblicitarie insieme, al fine di recuperare profitti, anche solo marginali, che possono avere un impatto significativo sul risultato economico finale. Struttura della tesi. Nel primo capitolo verrà presentato brevemente il caso oggetto di studio e si cercherà di introdurre al lettore il concetto di Micromarketing, focalizzandosi sulle motivazioni che stanno portando sempre più ricercatori e uomini aziendali verso analisi micro piuttosto che macro. Il punto di partenza di questo lavoro sono quindi i dati (descritti nel secondo capitolo) relativi alle quantità vendute settimanalmente in 2221 punti vendita italiani e le informazioni relative alla pressione pubblicitaria esercitata dalle marche operanti nella categoria di prodotto analizzata, l alimentare fresco. Nel terzo capitolo verrà ripreso il concetto storico di pubblicità, analizzando alcune delle teorie più rilevanti, nate sin dal XIX secolo, riguardanti l effetto che tale strumento può produrre sul consumatore. ii

7 Nel quarto capitolo verranno esposti i modelli principali che si sono sviluppati nel corso degli anni e che hanno cercato di analizzare e quantificare l effetto prodotto dalla pubblicità. La classe di modelli forse più interessanti è rappresentata dai modelli d iterazione di tipo dinamico, basati sull ipotesi verosimile che l effetto pubblicitario non si esaurisca immediatamente ma che si protragga anche nei periodi successivi. Appartengono a tale classi il modello di Koyck (1954) e il modello di persistenza, o modello VAR (Vector AutoRegressive Model), quest ultimo introdotto nella letteratura relativa alle analisi per il marketing da Dekimpe e Hanssens nel Il modello VAR è stato ampiamente utilizzato per le analisi degli effetti di medio e lungo periodo, nonchè degli effetti permanenti, prodotti dagli strumenti di marketing-mix, in particolare per quanto riguarda le azioni promozionali, soprattutto legate a variazioni di prezzo, in mercati di largo consumo. L analisi dei dati è stata sviluppata su due livelli distinti (capitolo quinto): un livello macro, riguardante le vendite osservate a livello nazionale; un livello micro, in cui sono stati osservati gli andamenti delle vendite per tre delle 24 insegne operanti nel mercato italiano. Nella conclusione (capitolo 6) sono riportati alcuni commenti finali e delle brevi riflessioni riguardanti i possibili sviluppi futuri. iii

8 Ringraziamenti Questa tesi è il risultato di un periodo di ricerca durato tre anni nel dipartimento di statistica dell università di Bologna. Ringrazio innanzitutto Bepi e Anna per avermi permesso di inseguire e raggiungere questo sogno. Vi sarò per sempre grata. Ringrazio Giovanni per l amore, la pazienza, la forza e le parole che ha saputo donarmi in questi anni difficili. Ringrazio la professoressa Isabella Procidano per non avermi mai abbandonato in questi anni e per avermi sempre sostenuto nei momenti di crisi. Ringrazio il professor Furio Camillo per avermi accolto sotto la sua ala protettrice anche quando per lui ero una perfetta sconosciuta, per avermi dato speranza e coraggio anche nei momenti più cupi, e per avermi condotto nella stesura di questo prezioso lavoro. Vorrei ringraziare in particolare il professor Giorgio Tassinari e la professoressa Marzia Freo per i preziosi spunti costruttivi e le ore di discussione che mi hanno regalato e fatto crescere, e tutti i professori con cui ho avuto la possibilità e l onere di collaborare in questi anni. Un caloroso ringraziamento va a tutti i miei colleghi di dottorato, in particolare a Massimiliano e Mariagiulia, che oltre in ufficio hanno dovuto sopportarmi anche in casa, Laura e Valentina per avermi sopportata, confortata, incoraggiata con pazienza, soprattutto in quest ultimo periodo, e per avermi regalato innumerevoli sorrisi e momenti di gioia. Un grazie particolare anche al mio supervisor d eccellenza, la dottoressa Caterina Liberati, per i preziosi consigli che ha saputo donarmi, soprattutto in quest ultimo periodo. Infine un doveroso ringraziamento è rivolto ad ACNielsen che, fornendoci il dataset, ha permesso la realizzazione di questa tesi e la conclusione di un cammino lungo e faticoso ma pieno di entusiasmo e curiosità. iv

9 Indice Prefazione i 1 Micromarketing Introduzione al caso di studio Dal Macro al Micromarketing Perchè Micromarketing? Il CRM Un analisi descrittiva Il database Il GRP L audience televisivo La struttura del GRP Le serie storiche relative alle vendite I Missing La pubblicità: teorie tradizionali Introduzione Da Macro a Microeconmia La teoria del potere di mercato La teoria dell informazione Una terza teoria: la teoria della complementarietà É più corretta la teoria del potere di mercato o quella dell informazione? 52 4 Modelli per la misurazione dell effetto pubblicitario Introduzione Modelli per la misurazione della notorietà, del riconoscimento e del ricordo Modello di Zielske Modello di Krugman e Katz

10 2 INDICE Modello di Prasad et al Modello di Morgenzstern Modello di Broadbent Modelli di risposta delle vendite e delle quote di mercato Modello di Carli Modello di Metwally Modello di Simon Modello di risposta delle quote di mercato Modelli d interazione di tipo dinamico Modello di Koyck Modello di Dekimpe e Hanssens Modello VAR e pubblicità: applicazioni L Applicazione Introduzione Metodologia Modello VAR a livello Macro Analisi delle vendite aggregate Analisi delle vendite per marca Analisi delle vendite generali per marca Modello VAR a livello MICRO Analisi delle vendite aggregate per ciascuna insegna Analisi delle vendite per marca all interno di ciascuna insegna Analisi delle vendite generali per marca all interno di ciascuna insegna Conclusioni 115 Bibliografia 120 Appendice 128 A Test a radici unitarie 129 B La struttura dei modelli 131 C Specifiche dei modelli 133

11 Elenco delle tabelle 2.1 Settimane di pubblicità Settimane di non pubblicità Dislocazione dei punti vendita per area territoriale e tipologia Frequenza con cui le diverse insegne si presentano nel database La presenza di dati mancanti in alcune delle insegne più frequenti del database A.1 Test Augmented Dickey-Fuller senza intercetta A.2 Test Augmented Dickey-Fuller con intercetta C.1 GRP e quantità vendute a confronto C.2 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto C.3 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per la marca leader C.4 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per il maggior competitor C.5 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per i restanti competitors C.6 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per tutte le marche C.7 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute non in promozione a confronto per tutte le marche C.8 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per l insegna COO C.9 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute della marca leader per l insegna COO C.10 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute del maggior competitor per l insegna COO

12 4 ELENCO DELLE TABELLE C.11 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute dei restanti competitors per l insegna COO C.12 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per l insegna INT C.13 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute della marca leader per l insegna INT C.14 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute del maggior competitor per l insegna INT C.15 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute dei restanti competitors per l insegna INT C.16 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per l insegna SEL C.17 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute della marca leader per l insegna SEL C.18 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute del maggior competitor per l insegna SEL C.19 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute dei restanti competitors per l insegna SEL C.20 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per tutte le marche dell insegna COO C.21 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute non in promozione, a confronto per tutte le marche dell insegna COO C.22 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per tutte le marche dell insegna INT C.23 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute non in promozione, a confronto per tutte le marche dell insegna INT C.24 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute a confronto per tutte le marche dell insegna SEL C.25 GRP, variazione di prezzo e quantità vendute non in promozione, a confronto per tutte le marche dell insegna SEL

13 Elenco delle figure 2.1 Andamento delle serie relative a grp e vendite totali nazionali Andamento delle serie relative a grp e vendite nazionali della marca leader Andamento delle serie relative a grp e vendite nazionali del maggior competitor Andamento delle serie relative a grp e vendite nazionali dei concorrenti Andamento delle serie relative a grp e vendite nazionali effettuate non in promozione Andamento delle serie relative a grp e vendite nazionali, effettuate non in promozione, per la marca leader Andamento delle serie relative a grp e vendite nazionali, effettuate non in promozione, per il maggior competitor Andamento delle serie relative a grp e vendite nazionali, effettuate non in promozione, per i concorrenti La presenza di dati mancanti nei dati Funzioni di impulso-risposta dei modelli 1A e 1B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 2A e 2B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 2A e 2B per la variabile GRP Funzioni di impulso-risposta dei modelli 2A e 2B per la variabile DAP Funzioni di impulso-risposta dei modelli 3A e 3B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 4A e 4B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 5A e 5B Funzioni di impulso-risposta del modello 6A Funzioni di impulso-risposta del modello 6B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 7, 11 e 15A Funzioni di impulso-risposta dei modelli 7, 11 e 15B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 8, 9, 10A

14 6 ELENCO DELLE FIGURE 5.13 Funzioni di impulso-risposta dei modelli 8, 9, 10B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 12, 13, 14A Funzioni di impulso-risposta dei modelli 12, 13, 14B Funzioni di impulso-risposta dei modelli 16, 17, 18A Funzioni di impulso-risposta dei modelli 16, 17, 18B Funzioni di impulso-risposta del modello 19A, insegna COO Funzioni di impulso-risposta del modello 19B, insegna COO Funzioni di impulso-risposta del modello 20A, insegna INT Funzioni di impulso-risposta del modello 20B, insegna INT Funzioni di impulso-risposta del modello 21A, insegna SEL Funzioni di impulso-risposta del modello 21B, insegna SEL

15 Capitolo 1 Micromarketing In ogni momento chiunque sta vendendo qualcosa, Paul Samuelson 1.1 Introduzione al caso di studio ACNielsen è stata costituita negli Stati Uniti nel 1923 da Arthur Charles Nielsen Senior, allo scopo di apportare innovazioni nel campo della ricerca, informazione e analisi di mercato, soprattutto focalizzandosi su media e leve di marketing rivolte al cliente. Nata nel 1963, ACNielsen Italia è diventata ben presto leader nazionale per la raccolta dati nei punti vendita di qualsiasi tipo e dimensione, ricerche e analisi di mercato per il settore dei beni di largo consumo, farmaceutici e beni durevoli. Queste attività forniscono ai clienti, principalmente distributori e produttori che operano nel settore dei beni di largo consumo e dei servizi, informazioni essenziali per comprendere le dinamiche competitive operanti nel mercato, per esplorare nuove opportunità, per verificare l efficacia delle proprie campagne di marketing e di vendita ed incrementarne la profittabilità, per monitorare la performance dei propri prodotti e per analizzare trend e cambiamenti che possono avvenire nel mercato. Tali servizi nascono da un complesso processo di integrazione delle informazioni, derivanti da più fonti, e dalla trasformazione dei dati, al fine di offrire opportuni suggerimenti operativi, analisi strategiche e raccomandazioni tattiche ai propri clienti. L elaborazione di queste informazioni costituisce una base per comprendere e analizzare le motivazioni, gli atteggiamenti, i comportamenti, i modelli di acquisto e le caratteristiche demografiche dei consumatori. In Italia il gruppo comprende, oltre ad ACNielsen Italia, ACNielsen Bases, Panel 7

16 8 CAPITOLO 1. MICROMARKETING De Gestion, Nielsen Media Research e ACNielsen Store Audit. Nielsen Media Research è leader nei servizi di misurazione dell audience televisiva e nei servizi correlati a livello mondiale, mentre ACNielsen Store Audit, che ha iniziato ad operare ad Aprile 2002, è la società specializzata nelle informazioni di Trade Marketing. Scopo di ACNielsen Store Audit è quello di aiutare i propri clienti a conoscere e comprendere il mercato e le sue dinamiche fino a livelli di massimo dettaglio: il singolo punto vendita o prodotto. Le analisi svolte, si basano su un dataset in cui vengono raccolte le informazioni relative a un panel ruotato composto da 2221 punti vendita nazionali. Tra i principali servizi che ACNielsen Store Audit fornisce ai propri clienti, si può annoverare il monitoraggio continuo, effettuato ogni giorni, della marca e dei competitor principali per il controllo di prezzi e promozioni, e un analisi sistematica delle attività promozionali, nel singolo punto vendita, effettuata tramite l uso di modelli di regressione multipla. Per molte aziende, oggi, le promozioni rappresentano una delle voci di spesa più ingente, e quindi comprenderne il valore e il rendimento, risulta di importanza fondamentale. Sempre più spesso, legata a tale analisi, i clienti sono interessati a conoscere e misurare anche l efficacia pubblicitaria, al fine di individuare regole o strutture che legano insieme queste due leve, e di recuperare profitti, anche solo marginali, che possono però avere un impatto significativo sul risultato economico finale. Per adempiere a tale richiesta, attualmente ACNielsen implementa un secondo modello di regressione multipla, separato rispetto al primo, riguardante le vendite nazionali. Dunque, nell analisi dell efficacia di promozioni e pubblicità, ACNielsen propone lo sviluppo di due modelli, uno a livello di punto vendita e uno a livello nazionale. La discrepanza esistente tra i dati, produce però difficoltà nell interpretazione dei risultati, con la conseguente elaborazione e divulgazione al cliente di informazioni che possono essere non del tutto complete. A tal riguardo ACNielsen, è interessata allo sviluppo di un modello per l analisi dell efficacia pubblicitaria, ed eventualmente, promozionale e pubblicitaria insieme, a livello di singolo punto vendita. Perchè ACNielsen sembra essere così interessata ad un analisi relativa al punto vendita, ovvero, micro? Perchè il brand è sempre più interessato a conoscere in modo dettagliato il cliente, sapere cosa pensa, cosa vuole e, soprattutto, cosa desidera. Per possedere tali informazioni è però necessario analizzare accuratamente il punto vendita, perchè è in esso che il consumatore pone in essere le sue scelte d acquisto, valutando promozioni offerte ed, eventualmente, ricordando messaggi pubblicitari. Il consumatore, prima ancora di scegliere il prodotto da acquistare, sceglie il punto vendita dove effettuare gli acquisti, influenzato da considerazioni di natura economica (l individuo si reca dove i prodotti

17 1.1. INTRODUZIONE AL CASO DI STUDIO 9 costano meno), o geografica (si preferisce svolgere i propri acquisti nel punto vendita che si trova vicino a casa o al posto di lavoro). É su questo luogo che il brand può fare leva, proponendo azioni di marketing mirate e differenziate per punto vendita o cluster: se il messaggio pubblicitario produce un effetto significativo sulle vendite di un particolare punto vendita, il brand può ottenere un vantaggio competitivo giocando sulle caratteristiche peculiari dello store e sull introduzione di certe tipologie di promozioni piuttosto di altre. É noto in letteratura che le azioni di marketing producono effetti molto eterogenei tra loro a seconda del consumatore, del brand o del punto vendita su cui vengono rilevati e tale eterogeneità costituisce da tempo un importante campo di analisi per le ricerche di marketing. In molti contributi presenti in letteratura, sono stati utilizzati dati a livello di mercato o catena distributiva per ragioni di convenienza nelle stime o di impossibilità di utilizzo di dati maggiormente disaggregati, spesso non accessibili ai managers. Gli sviluppi tecnologici e informatici degli ultimi anni hanno però permesso la creazione di datasets sempre più ricchi e completi di informazioni, permettendo agli studiosi di spingere le proprie analisi verso il punto vendita e creando le opportunità per effettuare analisi a livello micro (Dekimpe et al. (2005)). In questo contesto il nostro lavoro nasce e si sviluppa, proponendo un modello in grado di descrivere e valutare l effetto pubblicitario a livello micro, con l intento di fornire indicazioni utili sia al singolo brand che alla stessa ACNielsen: valutare se la pubblicità produce un effetto significativo sul punto vendita diventa un esigenza fondamentale per i grandi marchi, che potrebbero, in questo modo, allocare meglio le risorse e gli investimenti sulle diverse leve di marketing-mix, con particolare riferimento a promozioni e pubblicità, ma diventa un esigenza anche per ACNielsen, che potrebbe valutare la convenienza economica di una raccolta dati più efficiente e puntuale sul punto vendita nonchè la creazione di una filiera di produzione semiautomatica di analisi dei dati micro. Il dataset utilizzato per tale analisi verrà presentato in modo completo nel capitolo 2, ma in questa sede ci sembra importante anticipare che è stata valutata l efficacia della pubblicità televisiva su 15 prodotti appartenenti alla stessa categoria, l alimentare fresco. In generale, la pubblicità televisiva può essere specificata in termini di numero di esposizioni o come livelli di investimento. In questo lavoro ACNielsen ha scelto di utilizzare un indice che esprime il livello totale di pressione della campagna pubblicitaria, il Gross Rating Point (GRP), o punteggio lordo di ascolto. É bene ricordare in questa sede che la pubblicità, soprattutto televisiva, è uno strumento macro nelle mani delle aziende, che la somministrano indiscriminatamente a qualsiasi soggetto. Riuscire a controllare tale leva anche a livello di micro, diventa di fondamentale importanza per

18 10 CAPITOLO 1. MICROMARKETING l azienda che ha bisogno di conoscere in modo dettagliato gli effetti prodotti da tutte le sue azioni di marketing, al fine di produrre un costante miglioramento della performance aziendale. Conoscere l effetto pubblicitario sul singolo individuo è importante ma forse ancora più rilevante diventa la conoscenza e misurazione dell effetto indotto sulle vendite di un negozio, perchè esso, a differenza del singolo consumatore, può essere studiato e, soprattutto, manipolato dal brand. 1.2 Dal Macro al Micromarketing Dalla nascita della distribuzione moderna, avvenuta negli Stati Uniti all inizio degli anni trenta, fino alla fine del secolo, il marketing distributivo è stato caratterizzato da azioni puramente macro. Le insegne hanno manovrato le loro leve di marketing avendo come riferimento l insieme della clientela, senza operare alcuna segmentazione a priori dei consumatori per discriminare la propria proposta. Il fatto che una leva di marketing sia manovrata avendo come riferimento l intera clientela e, quindi, offrendo a tutti la stessa opportunità, non vuole dire però che tutti aderiscano all offerta. Dunque, le azioni di marketing si traducono sempre in una discriminazione a favore di un particolare segmento e a danno di un altro, anche quando l approccio è macro. Qual è dunque la differenza tra macro e Micromarketing? Il primo elemento di distinzione è la natura della segmentazione. Mentre nell approccio macro i consumatori si autoselezionano, decidendo di aderire o meno ad una particolare offerta in modo autonomo, nel micro l offerta viene fatta esclusivamente a definiti segmenti di domanda individuati a priori tramite azioni di CRM (Customer Relationship Management) e Data Mining. A tal riguardo, Lugli (2001) definisce il concetto di Micromarketing come l orientamento dell impresa a riconoscere, misurare e sfruttare la diversità degli acquirenti orientando le azioni di marketing verso specifici segmenti di clientela. Nella visione macro, tutti i consumatori hanno le stesse opportunità e vengono trattati in modo omogeneo, di conseguenza essi accettano la possibile discriminazione senza problemi. Nel micro l autosegmentazione viene sostituita con una segmentazione a priori che implica una disparità di trattamento, dal momento che le opportunità vengono rivolte solo a particolari gruppi di clienti. Ciò che cambia sostanzialmente nel passaggio dal macro al micro, è l orientamento strategico dell impresa, in quanto il suo obiettivo è sempre più quello di riconoscere, misurare e sfruttare la diversità degli acquirenti per porre in essere azioni sempre più specifiche e differenziate. Nel Micromarketing, la comunicazione tra brand e segmento di consumatori deve essere diretta e riservata. É auspicabile che la

19 1.2. DAL MACRO AL MICROMARKETING 11 comunicazione non sia trasparente in quanto i consumatori sfavoriti, che possono essere peraltro quelli più importanti e/o fedeli, potrebbero cambiare abitudini d acquisto scegliendo marche o insegne diverse. La segretezza del messaggio è importante anche sul piano competitivo, in quanto consente di ritardare eventuali reazioni dei concorrenti. Per contattare i clienti, l azienda potrà utilizzare un qualsiasi strumento di Direct Marketing, oppure il cliente potrà visitare in modo autonomo il sito del distributore per scaricare coupons o telefonare al numero verde fornito. La natura della segmentazione è solo uno dei possibili elementi di distinzione dal macro al Micromarketing. Ulteriori elementi di distinzione possono essere individuati nella precisione, dimensione e articolazione della segmentazione della domanda. L autosegmentazione indotta dal Macromarketing è spesso poco precisa, nel senso che i benefici possono essere goduti anche da consumatori che non appartengono al segmento scelto come target. Nel Macromarketing, solitamente, le azioni sono indirizzate verso segmenti molto più grandi del Micromarketing. Con il Micromarketing il numero di segmenti, utilizzabili come target per le azioni di marketing, aumentano in modo esponenziale. É bene precisare che parlare di Micromarketing e di fidelizzazione non è esattamente la stessa cosa, come comunemente si pensa. Il Micromarketing, come il Macromarketing, sono strumenti che aiutano il processo di fidelizzazione ma la fedeltà non è un carattere sufficiente per orientare la segmentazione e il targeting della clientela. Macro e Micromarketing non sono però due orientamenti completamente distinti, in quanto l efficacia e l efficienza delle leve di Micromarketing dipendono dai risultati ottenuti manovrando le leve di Macromarketing. Non si tratta di sostituire l approccio macro con l approccio micro quanto, piuttosto, di aggiungere nuove leve di marketing all arsenale di quelle già presenti. L orientamento al Micromarketing richiede quindi che all interno dell azienda, insegna o brand, avvenga una radicale modifica nella struttura organizzativa e dei ruoli manageriali. Per lo più l approccio micro richiede uno staff di risorse umane molto più consistenti e di alto profilo rispetto all approccio macro per supportare le attività di segmentazione, targeting, manovra delle leve e misura continua della sensibilità della domanda rispetto alle singole azioni. Oltre all investimento tecnologico e al maggior valore trasferito al consumatore, bisogna dunque metter in conto anche le frizioni del cambiamento organizzativo ed i maggiori costi di gestione del Micromarketing.

20 12 CAPITOLO 1. MICROMARKETING 1.3 Perchè Micromarketing? Il contesto economico che caratterizza i nostri giorni, è contraddistinto da una forte eterogeneità, spaziale e temporale, dei consumatori, e ciò fa nascere in azienda l esigenza di creare e mantenere solidi rapporti con il cliente, finalizzati da un lato alla raccolta di informazioni utili alla creazione di prodotti sempre più differenziati e adatti alle esigenze di ciascun consumatore, dall altro alla creazione di una struttura produttiva flessibile e in grado di adattarsi ai repentini mutamenti del mercato. Per adattarsi a questo ambiente, l azienda deve evolversi, dando più importanza ai flussi di informazione e conoscenza piuttosto che a quelli di merci, abbandonando l approccio di produzione e marketing indifferenziato e massificato, in favore di un nuovo orientamento incentrato sulla ricerca, misurazione e sfruttamento delle diversità manifestate dai singoli consumatori, e indirizzando le azioni di marketing verso gruppi omogenei di clienti. E in quest ottica che i flussi di informazione e comunicazione divengono particolarmente importanti acquisendo un ruolo di centralità nello strutturare quel sistema organizzato che crea, attiva e alimenta la conoscenza aziendale (Vicari (1991)). Il punto di partenza per la creazione di tali flussi è l instaurazione di una relazione con la clientela, in cui l ottica non sia rivolta alla singola transazione di vendita, ma alla gestione di un rapporto a lungo termine. Attraverso la tecnologia dell informazione le opportunità di marketing si stanno ampliando e raffinando, sviluppando relazioni puntuali con definiti segmenti di domanda, al fine di realizzare, o mantenere, un vantaggio competitivo. La tecnologia consente oggi di riconoscere, misurare e sfruttare le differenze nel comportamento di consumo e di acquisto della clientela. Il futuro si sta muovendo verso il Neuromarketing, scienza ibrida tra Neuroscienza e marketing. Tra gli obiettivi, molto ambiziosi, dichiarati da coloro che utilizzano il Neuromarketing vi è l illusione di possedere la certezza scientifica nella scelta delle strategie di marketing migliori, e tutto ciò indagando nella dimensione subconscia delle persone. In futuro, quindi, il brand avrà la possibilità di porre in essere azioni di marketing mirate per ogni singolo cliente riducendo così inutili sprechi di risorse e aumentando il suo vantaggio competitivo. Kotler (1999) sostiene che il marketing, definito da molti come l arte di acquisire e mantenere i clienti, si debba definire coma la scienza e l arte di acquisire, mantenere e sviluppare una clientela che assicuri un profitto. La sola gestione del livello di soddisfazione della clientela non è però sufficiente per garantire l economicità dell impresa nel medio-lungo termine, mentre risulta essenziale focalizzare l attenzione sulla fedeltà dei clienti (customer loyalty). L orientamento alla fedeltà presuppone che l azienda si ponga come obiettivo principale l avvio e il consolidamento del maggior numero di relazioni

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Ecco come farsi ascoltare dai clienti

Ecco come farsi ascoltare dai clienti Ecco come farsi ascoltare dai clienti L 80% dei clienti non guarda la pubblicità, il 70% rifiuta le chiamate di vendita, il 44% non apre le email: il cliente ha chiuso la porta. La soluzione al problema

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli

DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli Cap. 21 del testo, Marketing. Il Management orientato al mercato, A. Mattiacci & A. Pastore, HOEPLI, 2013 G. Iasevoli Indice

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli