UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIRETTORE: PROF.RE ROBERTO TORTORA PROGETTO DIDATTICO GENI IN LABORATORIO CONOSCERE LA CELLULA E IL DNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIRETTORE: PROF.RE ROBERTO TORTORA PROGETTO DIDATTICO GENI IN LABORATORIO CONOSCERE LA CELLULA E IL DNA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MATEMATICA MASTER DIDATTICA DELLE SCIENZE DIRETTORE: PROF.RE ROBERTO TORTORA TESI FINALE MATERIA BIOLOGIA MOLECOLARE TITOLO PROGETTO DIDATTICO GENI IN LABORATORIO CONOSCERE LA CELLULA E IL DNA CANDIDATA DE LUCA DEBORA ANNA RELATORE PROF.SSA LAURA CASALINO

2 Inquadramento dell argomento e motivazione della scelta del tema della tesi. Questo percorso didattico è incentrato sugli argomenti di biologia molecolare della cellula e del DNA. La scelta della materia è stata fatta per motivazioni di carattere personale legate all interesse e alla passione verso i fenomeni biologici Purtroppo pochi mesi dopo la mia iscrizione al master ho avuto il passaggio di ruolo dalla scuola primaria alla scuola secondaria superiore su cattedra di sostegno.per questo,non avendo più una mia classe di scuola primaria per la realizzazione della tesina finale del master mi sono appoggiata alla mia vecchia scuola primaria,realizzando tale progetto con la collaborazione delle mie ex colleghe di scuola primaria che,gentilmente mi hanno messo a disposizione gli alunni,le classi,gli spazi,le risorse e i materiali.. La cellula è la fonte della vita, mentre il DNA rappresenta lo scrigno del codice genetico umano. Tali argomenti devono essere approfonditi e studiati fin dalla scuola primaria per consentire ai bambini e agli adolescenti di comprendere l importanza della vita umana e i segreti del corpo umano. Le scuole devono collaborare con gli Enti Locali e con il Ministero della Pubblica Istruzione per ottenere finanziamenti finalizzati alla realizzazione di percorsi didattici, scientifici e tecnologici che in maniera ludica e semplificata avvicinino i ragazzi al mondo scientifico, biologico e tecnologico. Il Ministero deve finanziare anche le ricerche in campo medico e biologico per trovare nuove soluzioni contro leucemie,tumori e altre terribili malattie genetiche.

3 PERCORSO DIDATTICO 1) La cellula come unità funzionale e strutturale degli organismi viventi 2) Le differenze tra cellula eucariote e cellula procariote 3) La cellula animale e la cellula vegetale 4) I diversi tipi di microscopio 5) Tecniche di fissazione e colorazione delle cellule 6) Cenni di genetica:dna TOTALE 20 ORE 1 INCONTRO A CADENZA SETTIMANALE DELLA DURATA DI 2 ORE PERIODO FEBBRAIO -APRILE Il percorso e rivolto a due classi quinte della scuola primaria e a una classe prima e seconda della scuola media inferiore appartenenti all-istituto comprensivo San Rocco di Marano di Napoli. La scuola ospita alunni provenienti da un bacino di utenza ampio,collocato nella parte nord della provincia di Napoli Le classi, composte ognuna da 18/20 allievi, sono coinvolte, volenterose e interessate. Il percorso in oggetto introduce le classi allo studio della biologia, indicando come elementi essenziali la descrizione della cellula procariota ed eucariota e le teorie $-3concernente la teoria cellulare.

4 Le finalità del progetto didattico sono caratterizzate dalla semplificazione dei concetti biologici e dalla comprensione degli stessi da parte degli allievi. Dal punto di vista della disciplina, la presentazione dello schema cellulare offre l opportunità di parlare del metodo con cui procede la costruzione della conoscenza scientifica.dal momento che i contenuti associati a questi temi sono vasti,si è scelto di concentrare l attenzione su alcuni concetti chiave,che si ritiene siano fondamentali per approfondire in seguito gli argomenti previsti nella programmazione curriculare e per avere un idea del modo di lavorare della disciplina ricerca. In particolare, si fa riferimento ai seguenti obiettivi: 1) Abituare lo studente a comprendere la peculiarità del sapere scientifico legato al metodo sperimentale di produzione delle conoscenze 2) Abituare lo studente ad acquisire la padronanza nel linguaggio tecnico proprio delle varie discipline scientifiche trattate 3) Sviluppare la consapevolezza del valore della biologia quale componente culturale per la lettura e l interpretazione della realtà 4) Sviluppare la consapevolezza della complessità degli organismi viventi Particolare attenzione è stata prestata nella scelta delle metodologie e dei materiali da utilizzare. Le strategie didattiche sono incentrate su un gruppo d attività adeguate ad uno stile cognitivo visivo non verbale, basato sull apprendimento attraverso immagini. Altre attività didattiche

5 sono legate ad uno stile cognitivo cinestetico, basato sull esperienza diretta con il ricorso alla didattica laboratoriale e alla didattica espositivo-partecipativa con immagini di supporto alla lezione. Altre attività didattiche, infine, sono adeguate ad uno stile cognitivo visivo verbale, basate su un apprendimento legato alla lettura, o uditivo, legato all ascolto, con il ricorso alla didattica espositivo partecipativa con costruzione di schemi da parte degli studenti. Tutto questo consente alla classe di sperimentare diversi stili d acquisizione della conoscenza: 1) Stile uditivo e stile visuale verbale e non verbale tramite lezione frontale partecipata alternata alla lezione frontale con l ausilio di una presentazione in power-point con ampio ricorso a schemi e immagini 2) Stile cinestetico attraverso il ricorso al metodo laboratoriale. Inoltre, per favorire il lavoro di gruppo, sono state predisposte cooperative learning per affrontare il tema delle teorie biologiche. Il ricorso al metodo espositivo-partecipativo è stato necessario data la vastità dei temi affrontati, in quanto questo è un metodo efficace per presentare in breve tempo numerosi concetti e per porre le basi ed organizzare il campo per lo studio individuali o di gruppo. I materiali utilizzati sono microscopi, provette, vetrini, videoregistratore, proiettore, computer e dvd. Il progetto didattico si colloca all incirca a metà della programmazione curriculare,periodo in cui gli studenti dovrebbero possedere conoscenze anche generali sulle molecole biologiche e un minimo di terminologia ad essi relativa. Gli studenti devono, inoltre, possedere un minimo di manualità nell uso del microscopio e una conoscenza della terminologia collegata.

6 La verifica delle competenze avviene attraverso un compito scritto a domande aperte. Domanda 1: Che cosa è la cellula?. Domanda 2: C è differenza tra cellula eucariota e procariota?. Domanda 3: Come fai a capire che una cellula è animale e un altra invece è vegetale?. Domanda 4: Come si riesce a colorare una cellula per osservarla al microscopio? Domanda 5: Ricordi come è fatto un microscopio? Domanda 6 Che cosa è il DNA?. Nella correzione dei compiti si è proceduto valutando tutte le risposte alla medesima domanda, confrontando spesso le risposte di diversi studenti tra loro,per evitare di incorrere nell errore di contiguità. I risultati finali emersi dal progetto didattico hanno dimostrato che il 70% degli studenti Partecipanti hanno raggiunto gli obiettivi programmati in maniera completa e ottimale, mentre il restante 30% oscilla tra una media di buona e sufficiente conoscenza degli argomenti trattati. Alla fine del percorso didattico, tutti gli allievi partecipanti hanno sviluppato le seguenti competenze in uscita : Competenze disciplinari 1) Conoscere la struttura di una cellula 2) Saper confrontare due cellule per distinguere la cellula procariote da quella eucariote 3) Saper descrivere i principali organuli cellulari indicandone la funzione per distinguere le cellule animali da quelle vegetali

7 4) Conoscere e utilizzare un microscopio 5) Conoscere e realizzare la colorazione delle cellule Conoscere le caratteristiche del DNA Competenze trasversali 1) Saper descrivere i passaggi fondamentali del metodo scientifico 2) Conoscere il modo di procedere della scienza e la provvisorietà del sapere scientifico Competenze sociali 1) Saper rispettare le regole della collaborazione contrattate per l attività di gruppo 2) Saper rispettare i tempi di consegna per organizzare al meglio il proprio lavoro Lo svolgimento e la realizzazione di questo percorso didattico sono stati utili perché hanno contribuito a realizzare un mio personale arricchimento culturale in campo scientifico e Tecnologico, ma anche perché hanno favorito la mia crescita in campo umano, sociale e lavorativo. L insegnamento delle discipline scientifiche e tecnologiche deve essere condotto fin dalla scuola primaria in maniera ludica, ma soprattutto attraverso l attivazione d esplorazioni cognitivamente ricche in campi d esperienze significative per l allievo, in sinergia con esperienze parallele condotte nei vari ambiti disciplinari. Gli argomenti vanno spiegati attraverso un linguaggio naturale sia parlato che scritto. Le discipline scientifiche e tecnologiche devono essere trasposte didatticamente nella classe, creando delle situazioni concrete e problematiche, la cui risoluzione va affidata all intelligenza cognitiva e concreta degli allievi con l ausilio dell insegnante. L esperienza e la verbalizzazione col linguaggio naturale devono sempre precedere nei singoli argomenti la formalizzazione e la memorizzazione.

8 L acquisizione di un linguaggio semplice e preciso rappresenta l obiettivo principale nell insegnamento delle discipline scientifiche e tecnologiche. Tale obiettivo è raggiunto dagli allievi con il supporto dell insegnante,partendo dalle loro concrete produzioni verbali, messe a confronto e opportunamente discusse in classe. L insegnante deve progettare e realizzare ambienti di apprendimento adeguati nei vari campi d esperienza, privilegiando le attività di costruzione e di soluzione dei problemi. L insegnante deve utilizzare problemi e situazioni da modellizzare al fine di mobilitare le risorse intellettuali degli allievi, contribuendo alla loro formazione generale. Nei processi d acquisizione di conoscenza e di comprensione delle discipline scientifiche e tecnologiche assumono grande importanza i contesti ludici e gli strumenti semplici come materiali manipolabili ma anche gli strumenti tecnologici più complessi. I ritmi dell azione d insegnamento-apprendimento devono essere adeguati alle reali esigenze degli allievi. La progettazione dell insegnante va condotta secondo una logica di una didattica lunga, attenta a garantire agli allievi possibilità di costruzioni di significato per gli oggetti di insegnamento-apprendimento. Le attività didattiche devono essere caratterizzate metodologicamente dalla pratica della verbalizzazione, dalla produzione e dalla verifica d ipotesi argomentate e dal ruolo di mediazione dell insegnante in tutte le fasi dell attività. L insegnante svolge il suo ruolo di mediazione sia in modo diretto attraverso l introduzione degli strumenti necessari per la comprensione degli argomenti trattati, sia in modo indiretto, utilizzando le produzioni individuali degli alunni e valorizzando i contributi degli alunni durante la discussione in classe e nel lavoro di gruppo.

9 I progetti didattici devono essere svolti secondo moduli temporali di medio e lungo periodo, permettendo agli allievi di compiere il consolidamento tecnico, l approfondimento operativo e la riflessione necessari per giungere ad una piena padronanza dei concetti spiegati nelle diverse attività svolte.

10 RIASSUNTO FINALE Questo percorso didattico presenta una componente disciplinare e una parte formativa. La componente disciplinare si articola nella spiegazione degli argomenti di biologia molecolare incentrati sulla cellula. La cellula è spiegata prima come unità basilare degli organismi viventi, per passare poi all introduzione di concetti più ampi come la cellula procariota e la cellula eucariota con le loro analogie e differenze. La comprensione e la padronanza da parte degli allievi di tali concetti basilari permettono di affrontare poi le problematiche della differenza tra cellula animale e cellula vegetale. Gli allievi sono posti in condizione di verificare empiricamente gli argomenti e i concetti trattati teoricamente mediante una didattica laboratoriale, tramite l uso di microscopi, di vetrini e di provette. Nella fase intermedia sono introdotti i concetti di coltura, fissazione e colorazione cellulare, i quali saranno poi rinforzati con esperimenti pratici. Nella fase finale si affrontano brevemente gli argomenti del DNA e del RNA, per spiegare l importanza della genetica, delle ricerche in campo genetico e cromosomico per prevenire e curare malattie genetiche e familiari molto diffuse e si cerca di insegnare agli studenti in sede laboratoriale ad estrarre il DNA umano. La parte formativa del percorso didattico è incentrata sulla ricerca e sull adozione di metodologie d insegnamento incentrate sui bisogni e sulle esigenze degli alunni. Gli alunni assumono un ruolo attivo e partecipativo, nel processo d insegnamento-.

11 apprendimento, in quanto comprendono e verificano i concetti teorici tramite esperienze concrete, reali e ludiche. L insegnamento-apprendimento non è più freddo, nozionistico e mnemonico e le discipline scientifiche e tecnologiche assumono un volto e un aspetto più umano. L insegnante svolge un ruolo di mediatore e facilitatore nella trasmissione del sapere scientifico e tecnologico, senza limitarsi a spiegare nozioni vuote e concetti astratti, ma argomenti veri, ricchi e reali. Il sapere scientifico e tecnologico deve essere affrontato ed esplicato, le metodologie del lavoro di gruppo e della discussione in classe, permettendo a tutti gli allievi, compresi quelli meno dotati cognitivamente e intellettualmente, di raggiungere, ognuno in maniera diversa, gli obiettivi finali e di avere una padronanza sufficiente o completa di tutti gli argomenti trattati. In definitiva posso affermare con gioia che la partecipazione al master in didattica delle scienze e la redazione di questo percorso didattico come tesina finale hanno suscitato e risvegliato in me un rinnovato interesse verso le discipline scientifiche e tecnologiche. Tutti i docenti del master hanno dimostrato dall inizio fino alla fine del master un elevata preparazione culturale, ma anche una grande carica di umanità e di disponibilità, favorendo la creazione di un clima collaborativo e di un ambiente favorevole di insegnamento apprendimento, nel quale ognuno ha arricchito reciprocamente l altro non solo dal punto di vista cognitivo e culturale, ma anche nel settore personale, umano e sociale.

12 PERCORSO DIDATTICO 1)La cellula come unità funzionale degli organismi viventi 2)Differenza tra cellula eucariote e cellula procariote 3) La cellula animale e la cellula vegetale 4) Il microscopio 5) La fissazione e la colorazione delle cellule 6) Il DNA 1) La cellula come unità funzionale e strutturale degli organismi viventi Il nome cellula deriva dalla parola latina cella,cioè cameretta. Fu usato per la prima volta nel 1665 dallo scienziato inglese Robert Hooke. Egli chiamò così le infinite cellette, simili a quelle costruite dalle api negli alveari, che aveva scoperto osservando al microscopio un pezzetto di sughero. Dopo di lui, altri scienziati scoprirono che tutta la materia vivente è composta da cellule. La cellula è la più piccola unità biologica. Gli esseri viventi possono essere di grandi dimensioni come per esempio un albero o un elefante, ma anche piccolissimi, come un seme, un moscerino o un microbo. Ognuno di essi è composto da minuscole particelle, normalmente invisibili a occhio nudo, ovvero le cellule. Le cellule possono avere dimensioni molto varie, ma sono quasi tutte microscopiche. Per osservarle e per studiarle è, perciò, necessario utilizzare il microscopio. L eccezione è rappresentata dalle cellule uovo di rettili e di uccelli, che sono talmente grosse da essere visibili a occhio nudo. Ad esempio volendo confrontare le cellule di un gatto e quelle di un elefante, si può affermare che le cellule di entrambi gli animali hanno le stesse dimensioni, ma l elefante, essendo più grande avrà un numero maggiore di cellule. Esistono due tipi di cellule: procariote (senza nucleo, non hanno la membrana nucleare) ed eucariote (con il nucleo, contengono nel citoplasma numerosi organuli). Funzioni Della Cellula La cellula è chiamata a svolgere diverse funzioni. 1. La NUTRIZIONE è quel complesso di processi biologici che consentono o condizionano la conservazione, l accrescimento, lo sviluppo dell organismo vivente e la reintegrazione delle perdite materiali ed energetiche che accompagnano le diverse attività funzionali. La RESPIRAZIONE CELLULARE avviene all interno dei nei mitocondri, permettendo di realizzare lo scambio gassoso tra l organismo e ambiente,consistente principalmente nell assunzione di aria ossigenata e nell eliminazione dell anidride carbonica

13 Attraverso il fenomeno dell assorbimento le cellule assorbono acqua e sali minerali necessari per la loro vita mediante il passaggio di sostanze nell interno dell organismo cellulare attraverso una membrana organica 2. L ESCREZIONE è un processo di funzione naturale attraverso il quale vengono espulse dalla cellula,attraverso alcuni organi, le materie superflue e dannose 3. La SECREZIONE, invece, consiste nella produzione, nell elaborazione e nell emissione di sostanze utili all organismo cellulare da parte delle ghiandole. 4. La RIPRODUZIONE CELLULARE è il procedimento attraverso il quale gli esseri viventi perpetuano la propria specie generando nuovi individui. La riproduzione può essere sessuale, quando il nuovo individuo trae origine da particolari cellule, differenziate per tale scopo, o asessuale, quando si verifica una separazione di una parte qualsiasi del corpo dell individuo genitore. La MITOSI è il processo di riproduzione delle cellule, mediante il quale dal nucleo della cellula madre si formano per divisione i due nuclei delle due cellule figlie con numero di cromosomi perfettamente uguale quelli del nucleo originario della cellula madre. La MEIOSI è un particolare tipo di divisione cellulare che determina la riduzione dei cromosomi dalla condizione diploide, caratteristica di tutte le cellule degli individui di una specie, alla condizione aploide, caratteristica dei gameti maturi. Componenti Cellulari Nelle cellule animali e vegetali si distinguono sempre tre parti: una parte esterna (membrana cellulare) e due parti interne (citoplasma e nucleo). La membrana cellulare è il rivestimento che protegge la cellula e consente il passaggio di ossigeno,delle sostanze nutritive e l espulsione delle sostanze di rifiuto Il citoplasma è una sostanza gelatinosa contenuta all interno della membrana cellulare. E composto da acqua,sali minerali e sostanze organiche.e il laboratorio chimico che consente la vita della cellula. Il nucleo è il centro di controllo della cellula.contiene i cromosomi che sono una vera e propria biblioteca di informazioni sulla cellula e sull intero organismo.inoltre i cromosomi consentono la trasmissione dei caratteri ereditari. I mitocondri sono organuli presenti sia nelle cellule animali sia in quelle vegetali. Servono per la respirazione cellulare e trasformano le sostanze nutritive in energia.. Nelle cellule vegetali troviamo un rivestimento in più,definito parete cellulare.la parete cellulare è molto più rigida della membrana cellulare e serve a sostenere e a proteggere la cellula. I cloroplasti sono gli organuli che contengono la clorofilla,una sostanza indispensabile alla piante per produrre il loro nutrimento I vacuoli sono cavità che contengono il succo cellulare,una riserva di zuccheri e Sali minerali. 2) Le differenze tra cellula eucariote e cellula procariote La parte della biologia che studia la cellula è detta citologia. Inizia nel 1667 con le prime osservazioni al microscopio, effettuate da Robert Hooke. Nell 800 viene effettuata la teoria cellulare, che si basa su tre ipotesi: - la cellula è la più piccola unità vivente capace di vita indipendente; - ogni cellula nasce da un altra cellula, si riproduce e muore; - tutti gli organismi sono formati da cellule. Le dimensioni della cellula sono estremamente piccole (millesimi di millimetro (µm)). In base alla complessità strutturale vi sono due tipi di cellule: la cellula procariote, e la cellula eucariote. La Cellula Procariote: La cellula procariote è tipica di microscopici organismi monocellulari, come i batteri. La cellula procariote è costituita da una parete rigida che la separa dall ambiente esterno; da una membrana

14 cellulare che provvede allo scambio di sostanze con l esterno; da un citoplasma, una sostanza gelatinosa che occupa l interno della cellula, il quale contiene granuli molto piccoli: i ribosomi. Tutte le reazioni chimiche avvengono nel citoplasma o al livello della membrana. La cellula procariote non possiede il nucleo, e il DNA è sotto forma di una singola, grossa molecola a forma circolare che occupa una zona di forma irregolare nel citoplasma. La Cellula Eucariote: La cellula eucariote è l unità fondamentale della grande maggioranza degli esseri viventi, come gli animali, i vegetali, i batteri. E dieci volte più grande di una procariote. E circondata da una membrana cellulare o plasmatica, che separa il citoplasma dall ambiente esterno. Nel citoplasma sono presenti gli organuli o organelli cellulari, compartimenti relativamente isolati dove hanno luogo specifiche reazioni chimiche. Gli organuli cellulari sono: i ribosomi, dove avviene la sintesi delle proteine; il reticolo endoplasmatico, dove vengono sintetizzati i lipidi ed elaborate alcune proteine; il complesso di Golgi, centro di modificazione e di smistamento di alcune sostanze; i mitocondri, la centrale energetica della cellula, dove avvengono i fenomeni della respirazione; i lisosomi, dove avviene lo smantellamento delle sostanze di rifiuto. Questi organuli si trovano in tutte le cellule, mentre i cloroplasti e i vacuoli si trovano solo nei vegetali. All interno della cellula c è il nucleo, l organulo più grande e più importante, sede di tutte le informazioni relative alla vita delle cellula. Tali informazioni sono immagazzinate nei cromosomi, nella molecola di DNA di cui essi sono costituiti. Gli esseri viventi possono essere formati da una cellula (unicellulari) o da più cellule (pluricellulari). In base al tipo di cellula, essi si dividono in due gruppi: i procarioti, che sono formati da un unica cellula procariote, e gli eucarioti, che sono formati da più cellule eucariote. Organismi Unicellulari e Organismi Pluricellulari Le prime forme di vita apparse sulla Terra, a partire da quattro miliardi di anni fa, erano unicellulari, cioè costituite da una sola cellula, come sono ancora oggi, per esempio, i batteri, organismi viventi microscopici, presenti quasi ovunque. Gli organismi pluricellulari, invece, possono essere formati anche da miliardi di cellule, che collaborano tra loro facendo funzionare l organismo. Nessun organismo unicellulare è in grado di compiere tutte le funzioni che invece può svolgere un organismo formato da più cellule organizzate, come per esempio una farfalla che può volare di fiore in fiore. I viventi più complessi sono costituiti da diversi tipi di cellule. Le cellule di uno stesso tipo, capaci di fare lo stesso lavoro, si raggruppano a formare un tessuto. Più tessuti possono raggrupparsi per formare un organo, che ha un determinato compito all interno dell organismo, come per esempio la foglia negli alberi e il cuore negli animali e nell uomo. Tutti gli organi che lavorano per compiere la stessa finzione formano un apparato: organi diversi, come la lingua, lo stomaco, il fegato che hanno tutti lo scopo di far digerire e assimilare il cibo, costituiscono l apparato digerente degli animali e dell uomo. Un organismo, dunque, è fatto di tessuti, organi e apparati, che gli permettono di svolgere le funzioni necessarie per vivere. Gli esseri viventi formati da una sola cellula si chiamano organismi unicellulari. Negli organismi unicellulari, l unica cellula da cui sono formati è perfettamente autonoma: nasce,si sviluppa, si riproduce, respira e produce sostanze utili, eliminando quelle di scarto. Gli organismi unicellulari si dividono in monere e protisti. Le monere sono caratterizzate dal fatto di non possedere un nucleo definito da una membrana nucleare. Appartengono a questo gruppo i batteri e le alghe azzurre, che furono le prime forme di vita comparse sulla terra. I batteri sono esseri viventi che si riproducono più velocemente: ogni minuti un batterio si strozza in due e si duplica. Si adattano a vivere in qualsiasi ambiente: nelle

15 acque degli oceani, nell aria, nel suolo e alcuni tipi di batteri vivono benissimo anche nell acqua a 80 C. Le loro dimensioni sono estremamente ridotte: raramente superano pochi millesimi di millimetro. Molti batteri sono la causa di gravi malattie e per questo motivo sono detti patogeni. Per eliminarli dal nostro corpo sono necessari gli antibiotici, mentre per l uso esterno, come nel caso di disinfezione delle ferite si possono usare i disinfettanti che uccidono indistintamente tutti i batteri. I protisti sono organismi microscopici formati da una sola cellula di tipo eucariotico. Generalmente essi vivono nell'acqua. In alcuni casi, i protisti formano colonie di individui, comunque assai indipendenti. Una volta gli studiosi cercavano di ricondurre questi minuscoli esseri viventi ai regni degli organismi superiori. Quindi, a seconda delle caratteristiche che un dato protista mostrava, essi cercavano di ricondurlo al regno delle piante (alghe unicellulari) o a quello degli animali (protozoi) o a quello dei funghi. Ben presto, questo portò a numerosi casi di dubbia classificazione, per esempio alghe prive di cloroplasti e che si nutrivano di altri microrganismi, muffe dotate di movimento ameboide, protozoi ancorati al fondo per mezzo di un piede come se fossero una pianta. Se ci si pensa bene, si può capire perchè i protisti possiedano spesso caratteristiche comuni ad animali, piante e funghi. Infatti gli organismi superiori derivano dall'evoluzione dei protisti, e le loro caratteristiche si sono definite solo in fasi più avanzate dell'evoluzione. Quindi, per evitare inconvenienti nella classificazione di questi microrganismi, si è deciso di creare un regno tutto per loro, quello dei protisti, in modo che non ci fosse più bisogno di ricondurli ai regni degli animali, delle piante o dei funghi. Ovviamente, raggruppare questi organismi in regni è arbitrario, infatti nella storia della vita non ci sono nette divisioni fra i protisti e gli altri eucarioti. Non tutti i microrganismi sono protisti. Un altro regno raccoglie microrganismi unicellulari ed è quello delle monere. Fanno parte di questo regno i batteri. Che differenza c'è fra batteri e protisti? Questa distinzione si basa sul livello di complessità dell'organizzazione della cellula. In particolare, l'organizzazione cellulare dei batteri è particolarmente semplice e sono per questo detti anche procarioti (proto nucleo), l'organizzazione cellulare dei protisti è invece più complessa e sono quindi chiamati eucarioti (vero nucleo). In particolare, i procarioti hanno il materiale nucleare (il DNA) libero nel citoplasma, negli eucarioti invece il nucleo è avvolto da una membrana che lo separa dal citoplasma. Gli eucarioti possiedono inoltre membrane interne che separano i vari organuli dal citoplasma. Poichè derivano dai protisti, gli animali, le piante e i funghi sono anch'essi formati da cellule eucaristiche. REGNO Monere Protisti batteri, alghe azzurre (cianoficee) Alghe unicellulari: a. dorate, a. brune, a. rosse, a. verdi, diatomee, a. flagellate. Protozoi: flagellati, sarcodici (amebe, unicellulari procarioti: organizzazione cellulare semplice, nucleo privo di membrana nucleare eucarioti: organizzazione cellulare complessa, nucleo racchiuso dalla

16 Funghi Piante Animali eliozoi, foraminiferi), ciliati Funghi inferiori ascomiceti, basidiomiceti, etc. muschi, felci, angiosperme, gimnosperme invertebrati, vertebrati pluricellulari membrana nucleare organismi immobili non fotosintetici organismi immobili fotosintetici organismi mobili non fotosintetici Un'altra caratteristica importante dei protisti è quella di essere unicellulari, formati cioè da una sola cellula. Esistono però alghe filamentose formate da cellule affiancate, esistono anche protisti che vivono in colonie. Tuttavia, a differenza dagli organismi superiori, le cellule delle alghe filamentose e degli altri protisti coloniali non sono differenziate o lo sono molto poco e possono vivere anche da sole. I funghi inferiori hanno spesso, almeno in una fase del loro ciclo vitale, una struttura cenocitica, formata cioè da grandi cellule multinucleate come qualche volta avviene nei funghi e possiedono forme dotate di movimento ameboide. 3) La cellula animale e la cellula vegetale La cellula vegetale La cellula vegetale possiede alcune strutture esclusive, tra cui una parete cellulare e organuli quali i cloroplasti e i vacuoli. La parete cellulare è una struttura esterna alla membrana plasmatica ed è costituita per la massima parte da polisaccaridi. Essa conferisce sostegno e forma alla cellula vegetale. I cloroplasti provvedono al rifornimento dell'energia necessaria alla cellula: ciò avviene per cattura dell'energia solare mediante il processo di fotosintesi operato dalla clorofilla. L'energia solare catturata viene utilizzata da altre molecole per sintetizzare glucosio. Come i mitocondri, anche i cloroplasti contengono ribosomi e un proprio DNA. I cromoplasti contengono il pigmento rosso-arancione carotene; sono presenti nei fiori e nei frutti e servono ad attirare gli insetti per consentire l'impollinazione. I leucoplasti sono privi di pigmenti e perciò bianchi; si trovano per esempio nei tuberi, dove immagazzinano sostanze di riserva come l'amido, che deriva dalla trasformazione degli zuccheri prodotti dalla fotosintesi. I vacuoli sono cavità nelle quali si accumulano acqua, prodotti di rifiuto o sostanze nutritive. Le cellule vegetali spesso presentano un unico, grosso vacuolo centrale ripieno d'acqua, che occupa fino al 90% dello spazio interno e che, premendo sulla membrana plasmatica, contribuisce a mantenere turgida la cellula.

17 La cellula animale La struttura della cellula animale è simile a quella della cellula vegetale, vi sono però tre importanti differenze: --la cellula animale non contiene cloroplasti perché gli animali sono organismi eterotrofi; --la cellula animale non possiede la parete cellulare rigida che nella cellula vegetale ricopre la membrana plasmatica e protegge la cellula; --la cellula animale non possiede il caratteristico grande vacuolo presente nelle cellule, vegetali (specialmente quelle vecchie). La cellula animale possiede i centrioli, molti lisosomi e spesso è dotata di ciglia e di flagelli.

18 I DIVERSI TIPI DI MICROSCOPIO Cenni storici sul microscopio Per la prima volta, nel 1680, un ricercatore olandese Anton van Leeuwenhoek, riuscì a vedere le cellule di lievito; a questo scopo usò uno strumento che avrebbe rivoluzionato la biologia: il microscopio, basato su un effetto di deviazione e convergenza dei raggi di luce per mezzo di lenti. Strumenti in cui si usavano combinazioni di lenti (microscopi composti) erano stati inventati già nel 1590 da un fabbricante di occhiali olandese, Zacharias Janssen. I primi microscopi erano utili in teoria, ma le lenti erano molate in modo così imperfetto che gli oggetti ingranditi apparivano come delle macchie sfuocate, rendendo gli strumenti quasi inutilizzabili. Van Leeuwenhoek molò delle lenti piccole ma perfette che ingrandivano piuttosto chiaramente fino a 200 volte; usò delle lenti singole (microscopio semplice). Ulteriormente, nell ottica e nella microscopia furono fatti progressi da esponenti quali Robert Hooke, Galilei e Cornelius Drebbel. Struttura e funzioni del microscopio Il microscopio ottico è uno strumento che sfrutta la rifrazione della luce, ed è costituito da una ( M. semplice) o più (M. composto) lenti di ingrandimento. Il microscopio composto comprende un obiettivo e un oculare di piccola distanza focale; l oculare è in pratica una lente di ingrandimento con la quale si osserva l immagine. Le altre parti componenti sono lo stativo, che serve da supporto a tutto il corredo ottico e meccanico; il piatto, destinato all appoggio dell oggetto in esame; il condensatore, che illumina l oggetto convergendo su di esso la luce proveniente da una sorgente luminosa; un sistema di focalizzazione, dell immagine e una o due viti micrometriche, che permettono di spostare il vetrino in direzione parallela al piano focale. L ingrandimento geometrico del microscopio è uguale al prodotto dei due ingrandimenti dell obiettivo e dell oculare. Nel microscopio, l obiettivo di piccolissima distanza focale è composto da un certo numero di lenti, e la prima lente ha la forma di semisfera; se il vetrino coprioggetto è separato dalla lente soltanto dall aria, si ha l obbiettivo a secco, se invece si interpone un liquido ( acqua, olio o balsamo) si parla di obbiettivo a immersione.

19 Preparazione di un vetrino per microscopio Il microscopio è adatto all osservazione di oggetti per trasparenza. A tale scopo vanno bene oggetti molto piccoli, comunque sottili e trasparenti: porre il campione da osservare su un vetrino portaoggetti con un contagocce far cadere una goccia d acqua sul vetrino coprire tutto con un vetrino coprioggetti accendere l illuminatore e porre il preparato sul piano di osservazione sistemare il vetrino sotto l obiettivo, facendo attenzione a non urtarlo nel bagnarlo con l acqua centrare il campione, osservando anche le variazioni della luce, che passa per l obiettivo avvicinare un occhio all obiettivo fino a quando non si scorge il campo d osservazione manovrare le viti di messa a fuoco per regolare la nitidezza dell immagine muovendo la lama portaobiettivo e il vetrino, esplorare il campo d osservazione

20 TECNICHE DI FISSAZIONE E DI COLORAZIONE CELLULARE Le cellule si possono osservare vive direttamente oppure dopo fissazione. Il tessuto vivo,una volta prelevato,tende ad autodistruggersi andando incontro ad una serie di processi,che a livello endocellulare,portano alla digestione progressiva di alcune strutture mediante fenomeni proteolitici. Il tessuto appena asportato,inoltre,viene privato di una serie di elementi necessari per la sua sopravvivenza. Le cellule,infatti,necessitano di nutrienti esogeni,di ossigeno,di segnali biochimici per poter sopravvivere e,inoltre,devono in qualche modo portare fuori i prodotti di scarto. Il tessuto asportato non è in grado di fornire alle proprie cellule tali nutrienti che,anche per questo motivo,cessano di vivere.in ultima analisi qualsiasi tessuto può essere danneggiato dall azione dell ossigeno dell atmosfera che è un potente ossidante o essere preda di batteri o di microrganismi vari. Per tutti questi motivi si rende necessario fissare il tessuto cellulare. Fissare un campione di cellule significa fare una fotografia istantanea e prevenire la degenerazione del tessuto permettendo,così di visualizzare,anche a distanza di tempo,il campione cellulare nella sua completezza. La fissazione consiste nel trattare il tessuto con sostanze chimiche che ne preservano la struttura.i fissativi penetrano nel tessuto per diffusione con la formazione del gradiente di fissazione.la buona conservazione della struttura cellulare è condizionata dalla compattezza dell organizzazione macromolecolare.

La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente.

La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente. CHE COS E LA CELLULA? La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente. DA COSA SONO COSTITUITE LE CELLULE? Tutte le

Dettagli

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE Tutti i tipi cellulari presenti sul nostro pianeta appartengono ad uno di due gruppi fondamentali: procarioti ed eucarioti. I termini procariota (dal greco pro

Dettagli

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1 Struttura e funzioni della cellula 1 Riferimenti Books and others Biological Physics (updated 1 st ed.), Philip Nelson, Chap. 2 Physical Biology of the Cell, Phillips et al., Chap. 2 Movies Exercise 2

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

La storia della vita sulla Terra

La storia della vita sulla Terra La storia della vita sulla Terra Era Anni (milioni) Eventi principali Precambriano 4600 4000 3500-590 Paleozoico 590-505 505-480 480-408 408-360 360-286 286-248 Mesozoico 248-213 213-144 144-65 Nasce Terra,

Dettagli

Risposta: 2. Uracile. Risposta: 2. legami idrogeno. Adenina, Citosina e Guanina si trovano sia nell RNA che nel DNA.

Risposta: 2. Uracile. Risposta: 2. legami idrogeno. Adenina, Citosina e Guanina si trovano sia nell RNA che nel DNA. Risposta: 2. Uracile Adenina, Citosina e Guanina si trovano sia nell RNA che nel DNA. La Timina si trova soltanto nel DNA; l Uracile si sostituisce alla Timina nelle molecole dell RNA. Risposta: 2. legami

Dettagli

CELLULE EUCARIOTICHE

CELLULE EUCARIOTICHE CELLULE EUCARIOTICHE Le cellule eucariotiche sono di maggiori dimensioni, rispetto a quelle procariotiche (almeno 10 volte più grandi) Oltre a: membrana plasmatica, citoplasma, DNA e ribosomi (comuni a

Dettagli

Riproduzione molecolare. Riproduzione cellulare. Riproduzione degli organismi. Gametogenesi (femminile e maschile) Fecondazione

Riproduzione molecolare. Riproduzione cellulare. Riproduzione degli organismi. Gametogenesi (femminile e maschile) Fecondazione ARGOMENTO STRUTTURA CELLULARE CONCETTO DI REGOLAZIONE GENICA REGOLAZIONE GENICA PROCARIOTI REGOLAZIONE GENICA EUCARIOTI trascrizione e maturazione RNA trasporto nucleo-citoplasma sintesi proteica via secretiva

Dettagli

Prof.ssa Gamba Sabrina. Lezione 7: IL DNA. Duplicazione e sintesi delle proteine

Prof.ssa Gamba Sabrina. Lezione 7: IL DNA. Duplicazione e sintesi delle proteine Prof.ssa Gamba Sabrina Lezione 7: IL DNA Duplicazione e sintesi delle proteine concetti chiave della lezione Costituzione fisico-chimica del DNA Basi azotate Duplicazione Concetto di geni Rna Trascrizione

Dettagli

3B BIO classe partecipante al progetto Generazione Web

3B BIO classe partecipante al progetto Generazione Web Anno scolastico 2012-13 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INDIRIZZO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE (Articolazione: Biotecnologie sanitarie) PROGRAMMA PREVENTIVO MATERIA Biologia, Microbiologia e

Dettagli

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri LA GENETICA DNA e RNA Prof. Daniele Verri L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico che contiene le informazioni necessarie per la formazione di RNA e proteine. LA GENETICA:

Dettagli

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA.

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA. LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno scolastico 2012-2013 CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA 2 ore settimanali Docente: Prof.ssa Negri Maria Rosa Testo: Le basi della Biologia

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE Cl. II sez. E A.S. 2014/2015. Testo: S. Passannanti C. Sbriziolo Noi e la chimica Dai fenomeni alle leggi Ed.

PROGRAMMA DI SCIENZE Cl. II sez. E A.S. 2014/2015. Testo: S. Passannanti C. Sbriziolo Noi e la chimica Dai fenomeni alle leggi Ed. PROGRAMMA DI SCIENZE Cl. II sez. E A.S. 2014/2015 CHIMICA Testo: S. Passannanti C. Sbriziolo Noi e la chimica Dai fenomeni alle leggi Ed. Tramontana S. Passannanti C. Sbriziolo Noi e la chimica agli atomi

Dettagli

PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico

PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico Prof. Bozzato Andrea Prof.ssa Rosa Monica (Laboratorio) Il libro di testo è: Terra Ed. Verde, autori E.L.Palmieri, M.Parotto casa editrice

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

Il nucleo e la riproduzione cellulare: mitosi e meiosi 1

Il nucleo e la riproduzione cellulare: mitosi e meiosi 1 Il nucleo e la riproduzione cellulare: mitosi e meiosi 1 IL NUCLEO Il nucleo è la porzione di protoplasma racchiusa all interno della membrana nucleare. Il nucleo rappresenta il cervello della cellula,

Dettagli

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani LE MOLECOLE INFORMAZIONALI Lezioni d'autore Treccani Introduzione (I) I pionieri della biologia molecolare, scoperta la struttura degli acidi nucleici, pensarono di associare al DNA una sequenza di simboli,

Dettagli

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO Liceo Scientifico Statale Vito Volterra - Ciampino PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 Finalità - Comprensione del testo e sua utilizzazione come strumento conoscitivo - Sviluppo

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi 1 La divisione cellulare Permette agli organismi di accrescersi e sostituire le cellule morte ed è alla base della riproduzione.

Dettagli

La riproduzione cellulare

La riproduzione cellulare La riproduzione cellulare La riproduzione è una proprietà fondamentale dei viventi, che si manifesta a partire dalle singole cellule. Attraverso la riproduzione viene assicurata la continuità della vita.

Dettagli

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra COMPETENZE DI BASE area scientifico tecnologica (Allegato A2 del DPR 15.03.2010)

Dettagli

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto La regolazione genica nei procarioti Alcune proteine vengono prodotte dalla cellula ad un ritmo relativamente costante e l attività dei geni che codificano queste proteine non è regolata in modo sofisticato.

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014 CHIMICA LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014 NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine Il flusso dell informazione genetica DNA -->RNA-->Proteine Abbiamo visto i principali esperimenti che hanno dimostrato che il DNA è la molecola depositaria dell informazione genetica nella maggior parte

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSI SECONDE Docente MELIS LUCIA Libro di testo in adozione SCIENZE INTEGRATE A E B Editore: ZANICHELLI AUTORI: PALMIERI/PAROTTO/ SARACENI/STRUMIA

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

GENETICA seconda parte

GENETICA seconda parte GENETICA seconda parte I cromosomi sono lunghe molecole di una sostanza l acido desossiribonucleico. DNA Il DNA è una lunga catena fatta da due lunghi fili avvolti su se stessi a doppia elica. Sembra una

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 CHIMICA NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

ENDOSIMBIOSI. E non è finita qui

ENDOSIMBIOSI. E non è finita qui ENDOSIMBIOSI I BATTERI nelle loro bellissime, infinite varietà popolarono la Terra per miliardi di anni, riempiendola di straordinari, bellissimi colori poi accadde qualcosa Forse una crisi biologica forse

Dettagli

CLASSIFICAZIONE A 6 REGNI

CLASSIFICAZIONE A 6 REGNI organismi eucariotici, unicellulari o pluricellulari, che si nutrono per assorbimento CLASSIFICAZIONE A 6 REGNI Biologia generale 2015 regno Mycota o Fungi Sono organismi eucarioti caratterizzati da :

Dettagli

Struttura di una possibile serie di lezioni sull ereditarietà e sul DNA

Struttura di una possibile serie di lezioni sull ereditarietà e sul DNA 1 Struttura di una possibile serie di lezioni sull ereditarietà e sul DNA IL PERCORSO DIDATTICO Conosciamo noi stessi A chi assomiglio? Analisi dei caratteri ereditati Da dove derivano i caratteri? Costruiamo

Dettagli

Stage3 Il mondo fatto a fette Il mondo al microscopio

Stage3 Il mondo fatto a fette Il mondo al microscopio Stage3 Il mondo fatto a fette Il mondo al microscopio Il terzo stage è dedicato all osservazione degli esseri viventi e del mondo intorno a noi attraverso il microscopio. Dallo studio dei campioni nel

Dettagli

Programmazione annuale a.s. 2012/2013

Programmazione annuale a.s. 2012/2013 Programmazione annuale a.s. 2012/2013 Docente: Mendo Daniela Materia: biologia Classe: 4 B sociale Nel singolo consiglio di classe sono stati definiti i seguenti obiettivi educativo-cognitivi generali:

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA 0) CONCETTI BASE La trasformazione delle informazioni genetiche in proteine richiede due passaggi: la trascrizione del DNA in mrna e la traduzione dell mrna in una

Dettagli

INFORMAZIONI PER GLI APPELLI DI ESAME:

INFORMAZIONI PER GLI APPELLI DI ESAME: Biologia della Cellula e dei Tessuti (Corso A) 12 ECTS Docenti: I. Perroteau (Biologia della Cellula) B. Dore (Biologia dei Tessuti) S. De Marchis (laboratorio di colture cellulari) 1 INFORMAZIONI PER

Dettagli

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica.

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica. I R I BOSOM I I RIBOSOMI sono organuli citoplasmatici presenti in tutte le cellule, sia procariotiche che eucariotiche. Sono visibili al M.O. solo quando presenti in gran numero, (come capita nelle cellule

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE A.S. 2012/2013

Dettagli

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 Personale dei docenti Loredana Decarlo Mascaro Salvatore per la classe V CH. Serale 1) PREREQUISITI Conoscenza dei gruppi funzionali e dei modelli

Dettagli

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi.

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. DNA - RNA Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Esistono 4 basi azotate per il DNA e 4 per RNA Differenze

Dettagli

9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie

9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie 9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie 9.1 PROVA N. 1 Biologia TEST DI VERIFICA S O L U Z I O N I A P A G I N A 2 8 7 9 01 Il colon fa parte di: a intestino

Dettagli

Esplorare una cellula

Esplorare una cellula Mare e Onde I ragazzi apprenderanno nozioni su il mare e i suoi movimenti. Il Laboratorio è formato da un esperimento principale, da una serie di esperimenti collaterali e da supporti didattici: ESPERIMENTO

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Statale «Via Silvestri 301» Programma di BIOLOGIA Classe 2 a A Indirizzo ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA n.1 Titolo La cellula La struttura della cellula La teoria

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI Pag. 1 di 5 RIFERIMENTI GENERALI Corso di laurea: SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Anno di Corso: 1 Semestre: 1 Insegnamento: BOTANICA Modulo: BOTANICA GENERALE CFU: 6 Ore complessive di attività con il docente:

Dettagli

Corso di Laurea in Biotecnologie Microbiologia 6CFU

Corso di Laurea in Biotecnologie Microbiologia 6CFU Corso di Laurea in Biotecnologie Microbiologia 6CFU Dott.ssa Caterina Pagliarulo Testi consigliati VOL.1 MICROBIOLOGIA GENERALE VOL.2 MICROBIOLOGIA SISTEMATICA, AMBIENTALE, INDUSTRIALE VOL.3 MICROBIOLOGIA

Dettagli

C2. Il rilascio del fattore sigma marca il passaggio alla fase di allungamento della trascrizione.

C2. Il rilascio del fattore sigma marca il passaggio alla fase di allungamento della trascrizione. Soluzioni ai problemi del Capitolo 12 Domande concettuali C1. A. I geni dei trna codificano molecole di trna e i geni degli rrna le molecole di rrna che si trovano nei ribosomi. Esistono anche dei geni

Dettagli

Livello di organizzazione degli esseri viventi

Livello di organizzazione degli esseri viventi Livello di organizzazione degli esseri viventi _Organismo; _Apparato; _Organo; _Tessuti; _Cellule; _Organelli cellulari; _Molecole. Atomo, elemento, molecola, composto, formula, legame, elettronegativita.

Dettagli

Genetica umana. Storia. Storia. Storia. Storia. Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org

Genetica umana. Storia. Storia. Storia. Storia. Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org Genetica umana Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org P Anni 30: coperta dei difetti congeniti del metabolismo (difetto ereditario nei processi normali del metabolismo) P Anni 30-45:

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Dal DNA all RNA. La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti

Dal DNA all RNA. La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti Dal DNA all RNA La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA MOLECOLARE Gene Regione di DNA che porta l informazione (= che CODIFICA) per una catena polipeptidica o per

Dettagli

PIANO ISS LEGGERE L AMBIENTE. Organismi modello: drosophila melanogaster

PIANO ISS LEGGERE L AMBIENTE. Organismi modello: drosophila melanogaster PIANO ISS LEGGERE L AMBIENTE Organismi modello: drosophila melanogaster PRESIDIO Liceo Scientifico A: Genoino Cava de Tirreni ( Salerno) PROGETTAZIONE Le attività sperimentali con Drosophila Melanogaster

Dettagli

Riproduzione e ciclo cellulare

Riproduzione e ciclo cellulare CAPITOLO 7 Riproduzione e ciclo cellulare Gli organismi pluricellulari complessi, come l essere umano, sono formati da miliardi di cellule diverse che svolgono funzioni specifiche: difendono da agenti

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la LABORATORIO 2: ESTRAZIONE ED ANALISI ELETTROFORETICA DI DNA GENOMICO Come fare? Seguiamo 3 semplici passaggi: Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la carne) Alcol Cooome?? E' così facile??

Dettagli

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015 METODOLOGIA DIDATTICA E STRUMENTI Le lezioni teoriche vengono sviluppate a partire da momenti pratici e di osservazione di fenomeni. I principi teorici verranno quindi o presentati dall insegnate o ricavati

Dettagli

svolgimento del programma precedente M F totale

svolgimento del programma precedente M F totale PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2009-2010 Docente:Cristina Marcon CLASSE 2A Materia: Biologia 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono stati

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2013-2014

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2013-2014 SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2013-2014 ASSE DISCIPLINA SCIENTIFICO TECNOLOGICO BIOTECNOLOGIE AGRARIE DOCENTE DARMAN ELENA 2 BIENNIO CLASSE 3 CORSO E SEZIONE TECNICA

Dettagli

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Le Biomolecole I parte Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti LE BIOMOLECOLE Le biomolecole, presenti in tutti gli esseri viventi, sono molecole composte principalmente da carbonio, idrogeno, azoto e ossigeno.

Dettagli

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua ACIDO CARBOSSILICO CARBOSOIL PROMOTORE DELLA RADICAZIONE E DELLO SVILUPPO DELLE PIANTE A BASE DI ACIDI CARBOSSILICI STIMOLA LA DIVISIONE CELLULARE PRODUCE LA FORMAZIONE DI GERMOGLI RALLENTA L INVECCHIAMENTO

Dettagli

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Materia: BIOLOGIA Classe: 2E Docente: Toccoli Simona Livelli di partenza Per verificare i livelli di partenza è stato svolto un colloquio

Dettagli

La catalasi: un enzima in azione

La catalasi: un enzima in azione Percorso di Didattica laboratoriale La catalasi: un enzima in azione Scuola Secondaria di Secondo Grado IISS - IPSIA E. Majorana Bari Classe IV B Docente: Miralma Serio Organizzatore cognitivo: Le trasformazioni

Dettagli

MICROSCOPIA OTTICA: INGRANDIMENTO E MICROSCOPIO OTTICO

MICROSCOPIA OTTICA: INGRANDIMENTO E MICROSCOPIO OTTICO MICROSCOPIA OTTICA: INGRANDIMENTO E MICROSCOPIO OTTICO La microscopia ottica è una tecnica di osservazione capace di produrre immagini ingrandite di oggetti o di particolari di essi, troppo piccoli per

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI SECONDE AFM - TUR UdA n. 1 Titolo: biosfera/evoluzione dei viventi/tassonomia Acquisire e decodificare concetto di complessità e di interdipendenza all'interno di un sistema biologico Generalità sulla

Dettagli

Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule

Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule La crescita microbica La crescita microbica 1 2 2 2 2 3 2 4 2 n Progressione geometrica in base 2 La crescita microbica Tempo di duplicazione

Dettagli

. Per basse concentrazioni di substrato la velocità cresce proporzionalmente

. Per basse concentrazioni di substrato la velocità cresce proporzionalmente 21) Il ph influenza l'attività enzimatica modificando la struttura del sito attivo con il cambiamento della distribuzione delle cariche coinvolte nei legami tra il substrato e il sito attivo. L'intervallo

Dettagli

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione DNA RNA Trascrizione RNA PROTEINE Traduzione Dove avvengono? GLI EUCARIOTI I PROCARIOTI Cambell, Reece Biologia ZANICHELLI Trascrizione Sintesi di

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 LICEO CLASSICO E DELLE SCIENZE UMANE PLAUTO PREMESSA L insegnamento delle Scienze naturali ha il fine di far acquisire allo studente conoscenze disciplinari e metodologie

Dettagli

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Il corpo umano, il Sistema Solare

Dettagli

Istituto F. Algarotti. Programma di Scienze. Classe 1 A FM

Istituto F. Algarotti. Programma di Scienze. Classe 1 A FM Istituto F. Algarotti Programma di Scienze Classe 1 A FM L Universo Caratteristiche delle stelle Le galassie La nascita delle stelle L origine dell universo Il sistema solare Il sole I pianeti terrestri

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole Prof. C. Guarino INTRO Ogni cellula vivente racchiude una pluralità di molecole diverse L acqua è l elemento dominante, nelle cellule vegetali e nei

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere l informazione genetica nelle cellule,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE NATURALI CHIMICA GEOGRAFIA GENERALE Anno scolastico 4/5 Docenti: Tiziana Duranti, Antonella Marmora, PatriziaPetrini, Roberta Pratesi,

Dettagli

Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^B LST. Materia: biologia

Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^B LST. Materia: biologia Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^B LST Materia: biologia La classe lavora bene. L'interesse per la materia è nella norma. Esistono pochi casi di scarso risultato che destano preoccupazione.

Dettagli

Determinazione della struttura di una molecola di RNA tramite una sequenza di numeri primi

Determinazione della struttura di una molecola di RNA tramite una sequenza di numeri primi Università degli Studi di Milano Polo Didattico e di Ricerca di Crema Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Geometria Computazionale Determinazione della struttura di una molecola

Dettagli

Inizio (origine) della vita e teorie evolutive

Inizio (origine) della vita e teorie evolutive il testo: L origine sulla Terra Non conosciamo bene il tempo della nascita (origine, formazione) dei primi esseri viventi (organismi). Forse si sono formati da soli. Forse si sono formati da sostanze chimiche

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN

UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE AGRO-INDUSTRIALI LABORATORIO DI CHIMICA ANALITICA ANNO ACCADEMICO 2005-2006 DETERMINAZIONE DEI NITRATI NELL ACQUA POTABILE

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12. Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12. Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12 Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime Testo in adozione: di: M. Di Stefano - S. Pederzoli - A. Pizzirani UNA INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013 Obiettivi e finalità: Al termine del corso gli allievi dovranno essere in grado di:

Dettagli

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio.

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. ESPERIENZA n 1 Fenomeni fisici Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. Osserviamo dello zucchero al microscopio. Esso si presenta in forma di piccoli granelli trasparenti,

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

www.vivereiparchi.eu Tel: (+39) 345 7796413 E-mail: vivereiparchi@gmail.com

www.vivereiparchi.eu Tel: (+39) 345 7796413 E-mail: vivereiparchi@gmail.com VITE INVISIBILI IL VIAGGIO MICROSCOPICO IN UNA GOCCIA D'ACQUA E' vero che una goccia d'acqua di lago può superare in biodiversità una intera foresta?... Le popolazioni microscopiche che colonizzano una

Dettagli

REPLICAZIONE DEL DNA

REPLICAZIONE DEL DNA REPLICAZIONE DEL DNA La replicazione (o anche duplicazione) è il meccanismo molecolare attraverso cui il DNA produce una copia di sé stesso. Ogni volta che una cellula si divide, infatti, l'intero genoma

Dettagli

Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5

Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5 Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5 Colture cellulari Un organismo è un sistema molto complesso, costituito da organi, che a loro volta sono costituiti da diversi

Dettagli

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela La combustione Percorso didattico realizzato dalla classe II D Istituto d Istruzione secondaria di I grado S Francesco d Assisi Francavilla Fontana (Br) Docente: prof.ssa Lobello Carmela Perché la combustione?

Dettagli

ERBORISTERIA PRATICA

ERBORISTERIA PRATICA ERBORISTERIA PRATICA Docente: Alessandra Sordi LEZIONE 1: L ORIGINE DELLA VITA (1) INDICE Capitolo 1: L origine della vita 1.1. Premessa 1.2. Il mondo vegetale Programma completo del corso Capitolo 1:

Dettagli

Unità di Apprendimento: dalla propagazione della luce alle fibre ottiche

Unità di Apprendimento: dalla propagazione della luce alle fibre ottiche Università Cattolica del Sacro Cuore Sede di Brescia Scuola di Specializzazione per l Insegnamento Secondario Indirizzo Fisico Matematico Informatico Anno Accademico 2007-2008 Classe di abilitazione: A049

Dettagli

Programma Didattico Annuale

Programma Didattico Annuale LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO GALILEI PdQ - 7.06 Ediz.: 1 Rev.: 0 Data 02/09/05 Alleg.: D01 PROG. M2 PROCEDURA della QUALITA' Programma Didattico Annuale Anno Scolastico 2011/2012 MATERIA : Scienze

Dettagli

FOTOSINTESI: LA FASE LUMINOSA

FOTOSINTESI: LA FASE LUMINOSA FOTOSINTESI: LA FASE LUMINOSA Un video : Clic Premessa (I) In questa lezione si esamina in dettaglio la serie di reazioni che trasformano l'energia solare in energia chimica fino alla sintesi di ATP e

Dettagli