la G az z etta Insieme per il traguardo redazione IL GIORNALINO della SCUOLA ELEMENTARE E MEDIA DEL COTTOLENGO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la G az z etta Insieme per il traguardo redazione IL GIORNALINO della SCUOLA ELEMENTARE E MEDIA DEL COTTOLENGO"

Transcript

1 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina 1 la G az z etta 1 Sponsor Scuola S. Giuseppe Cottolengo Primaria Paritaria e Secondaria di I grado Via Cottolengo Torino IL GIORNALINO della SCUOLA ELEMENTARE E MEDIA DEL COTTOLENGO La scuola che Anno V - N. 3 - marzo COPIA OMAGGIO NON fa la differenza Con il patrocinio della Insieme per il traguardo

2 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina 2 2 notizie dalla L EDITORIALE Cari lettori, eccovi il terzo numero del nostro giornalino, col quale vogliamo augurarvi Buona Pasqua. Speriamo che le nostre piccole e semplici storie riescano sempre a divertirvi e magari, a volte, emozionarvi. Nel corso dei mesi la si è allargata ulteriormente e ha accolto nuovi aspiranti giornalisti, che hanno voglia di raccontare di se attraverso la scrittura, quindi in questo numero vedrete nuovi nomi e nuovi volti. Vogliamo ricordarvi che siamo sempre pronti ad accogliere idee, suggerimenti, consigli e c è sempre spazio per pubblicare storie di eventuali giornalisti per un giorno. Vi salutiamo affettuosamente e vi auguriamo buona lettura! La Redazione SONO UNA... PICCOLA FRANA! di Alexandra Chiribau Sono una frana a scuola, perché non ho passione per lo studio. Io non voglio deludere mia mamma, mio papà e nemmeno i miei insegnanti, quindi sarò determinata e centrerò il bersaglio.mia mamma, prima di salutarci al mattino davanti al cancello della scuola, mi ripete sempre le stesse parole: le cose le sai, devi solo concentrarti Poi al pomeriggio, appena arrivata a casa, mia mamma mi aiuta a innaffiare la pianta dell intelligenza, e poi prepara un tè caldo coi biscotti e discutiamo di come è andata la giornata, se ho avuto interrogazioni o verifiche o se ci sono stati degli argomenti nuovi spiegati dai maestri E ogni tanto esco da scuola sorridente perché ho preso un bel voto! LA REDAZIONE: Stefania Chiribau - Alexandra Chiribau - Eleonora Ricci - Elena Batilde - Lorenzo Emidi - Maria Sophie Trad - Michele Vocale - Beatrice Carlomagno - Tommaso Canardi - Davide Curcuglioniti - Rossella Mannone - Davide Tumiati - COMITATO DI REDAZIONE: Direttore: Andrea Bonsignori - Collaboratori: Salvatore Acquas e Daniele Delcarmine - Stampa: Tipografia Gravinese, Torino Questo giornalino è ad uso interno della Scuola Primaria e Secondaria del Cottolengo

3 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina 3 notizie dalla I COMPAGNI DISABILI LA PIÙ BELLA INVENZIONE LA SCUOLA E... STUDIARE! 3 di Stefania Chiribau Ciao lettori, come tutti avrete notato la nostra scuola è particolarmente frequentata da bambini disabili. Penso spesso a loro, e penso che la disabilità non deve penalizzare, ma che i bimbi disabili, nei limiti delle loro possibilità possano divertirsi. Nella mia classe c è un bimbo non vedente, si chiama Edoardo, è un bambino dolcissimo, che anche se non vede con gli occhi fisici, le pupille e la cornea, lo fa con gli occhi del cuore, e non è un modo di dire. Edo, solo dal tono di voce, riesce a capire se siamo tristi, se ci è accaduto qualcosa e chiede a Giusi, la sua maestra, se può venire a consolarci con un bacio e ci fa venire il buonumore. Ecco, i bimbi disabili hanno tante emozioni da regalarci, spetta a noi il compito di insegnargli a farlo. Ciao a tutti, sono certa che la maggior parte di voi, cari lettori giovani e adulti, considera lo studio un attività noiosa. Ma invece per me è il contrario studiare è un investimento, un vantaggio per costruirsi un futuro professionale. E oggi sappiamo tutti quanto è difficile trovare un buon lavoro. Mia mamma ha studiato per diventare infermiera mentre io ero in prima elementare e mi ha dato stimoli per impegnarmi. Lo so, ci sono materie belle e brutte. Ma servono tutte: la matematica per fare i conti, l italiano per imparare a esprimersi correttamente e non fare brutte figure, l inglese perché è la lingua internazionale e bisogna conoscerla. Impegnatevi, e anche se avete voglia di guardare i cartoni in tv e giocare con il pc con le amiche, aprite i libri e leggete! Stefania Chiribau

4 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina 4 4 LA NOSTRA REDAZIONE di Eleonora Ricci UN REGALO INASPETTATO... FINITO MALE Ciao a tutti i lettori. Il giornalino che ora state leggendo è formato da tanti articoli che ognuno di noi porta alla REDA- ZIONE secondo il tempo stabilito. La com è? È una domanda che mi ha posto mia sorella e che mi ha dato uno spunto per un articolo. Quest anno ci sono molte più persone dell anno scorso. È bello partecipare a questo laboratorio perché non è un impegno fare gli articoli ma è più un gioco che ci fa divertire e approfondire degli argomenti anche non scolastici. Nella ci sono due collaboratori: Daniele Del Carmine che è l insegnante d inglese delle quarte e delle quinte ed è anche un insegnante di sostegno; e c è anche Salvatore che è un giornalista che ha fatto anche una fiaba al computer! In più nella c è tanto entusiasmo. Lì non facciamo gli articoli ma li leggiamo per dare spunto a degli articoli da fare a casa. E poi Salvatore ci racconta sempre cose nuove sulla storia di quando lui era bambino o anche delle guerre di adesso, quindi, è grazie a lui che capiamo tante cose che non insegnano a scuola. Con questo termino il mio articolo dicendo di andare subito in segreteria a iscrivervi a questo magnifico laboratorio per divertirvi. Ciao. Due anni fa ho ricevuto come regalo il mio primo cellulare che in realtà era di mio padre. Ero molto felice ed emozionata nello stesso tempo perché per averlo, bisognava essere molti responsabili, poiché non dovevo perderlo e quindi mi sentivo molto grande. Non sono mai uscita con il telefono per paura di lasciarlo da qualche parte dato che sono molto sbadata, e lo tenevo a casa per giocarci e scattare foto. Alla festa di fine anno scolastico l avevo portato per fare delle foto con le mie amiche. Eravamo in teatro per le premiazioni, e arrivato il momento del ballo di gruppo tutta la fila dove ero io si alzò e anche le file dietro e davanti, lasciai lì incustodito il mio cellulare pensando che nessuno poteva prenderlo. Quando sono ritornata, non ho trovato più il mio cellulare e iniziai a piangere e non mi sono neanche goduta la medaglia. La cosa che mi ha fatto più rabbia e che è stato sicuramente un genitore perché davanti e dietro non c era nessuno e nei lati c erano gli adulti che facevano le foto quindi è mia impressione che sono stati loro. Sono stata forse troppo precipitosa a pensare questo, però ho imparato una lezione, anche se è brutta però la vita è così: fidarsi è bene e non fidarsi è meglio! Eleonora Ricci

5 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina 5 5 IMPARARE PER CRESCERE di Elena Batilde Che cosa significa imparare per crescere? Imparare non vuol dire solo dover studiare italiano, storia, geografia ecc... si gnifica dover imparare dai propri errori. Attenti a non frainten der mi eh! Non ho detto che non bisogna studiare, ma questo è il significato giusto del titolo dell articolo. Vi faccio un esempio per rendere il mio concetto più chiaro, se due bambini litigano arrivando addirittura alle mani, non devono continuare a menarsi selvaggiamente, ma, ancora prima di arrivare alle mani, devono avvertire i maestri, o gli educatori, o gli assistenti a seconda del momento della giornata. Ecco, così si impara. IO ALLO SPECCHIO Quando mi vedo allo specchio ogni volta dico a me stessa: Accipicchia! Vorrei essere più alta e non avere queste orecchie... sembro DUMBO 2! Ma poi ogni mattina mi alzo vado allo specchio e dico sempre dentro di me: Elena, non devi dar conto a quello che ti dicono gli altri o pensano di te, perché tu sei fatta così. Ok, devo ammettere che almeno un pochino mi vorrei cambiare, però Dio e miei genitori mi hanno fatta così e devo accettare i miei difetti!. Quindi non dovete lamentarvi per quello che siete! Beh spero che questo consiglio vi sia di aiuto! Adesso... vi saluto. Ciao! Elena Batilde

6 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina 6 6 HO SOGNATO DI TROVARMI DAVANTI A UNA VETRINA... di Lorenzo Emidi Vi è mai capitato di addormentarvi e pensare un mondo dove dolciumi, giochi... prendono vita? A me è capitato. Ho sognato di trovarmi in una città e di fermarmi davanti a una vetrina piena di giocattoli, dolciumi Guardando questa vetrina desiderai che tutti gli oggetti e che tutte le caramelle prendessero vita. È così fu: giochi, dolciumi presero vita. I trenini iniziarono a parlare, le barrette di cioccolato, camminare, un robot mi salutò, da un mazzo di carte uscirono il Re e la Regina che m invitarono a giocare con loro. Ero proprio nel Paese dei Balocchi! Poi sentii una voce, era la mia mamma che mi diceva: Lorenzo, svegliati che ora di andare a scuola!. Nella mia mente pensai: Peccato che sia stato solo un sogno! LA MIA SCUOLA... PERCHÉ È SPECIALE La scuola che frequento si chiama Cottolengo, frequento la quarta elementare. È una scuola bellissima perché accoglie anche dei bambini stranieri, disabili, creando un ambiente unico in cui tutti stiamo insieme e possiamo essere amici. Oltre a studiare e imparare tante cose, questa scuola ti permette di partecipare a tante attività, sportive e non, aperte a tutti noi bambini. Io frequento anche il laboratorio teatrale, perché sono esuberante e a me piace stare al centro dell attenzione. Un altra cosa bella del Cottolengo è la partecipazione ai tornei di calcio e pallavolo. Durante la ricreazione, tutti i maestri, gli assistenti, sono fantastici! Non cambierei scuola per nessuna cosa al mondo, perché è speciale! È vero! Lorenzo Emidi

7 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina 7 7 UNA LETTERA AI MIEI GENITORI di Maria Sophie Trad LO SNOWBOARD di Tommaso Canardi Ciao a tutti voi lettori. Questa volta vi voglio parlare del mio sport preferito: lo snowboard. Si tratta di uno sport complicato ma io lo pratico già da tre anni e me la cavo abbastanza bene. Di solito mio fratello ed io andiamo allo snow park di Prali dove possiamo grindare e saltare. Abbiamo tanti amici con cui ci divertiamo a scivolare sulle tavole e con cui chiaccheriamo e ci raccontiamo barzellette durante le risalite in seggiovia. La cosa più bella di questo sport è che si pratica all aria aperta in mezzo alle montagne bianche di neve. Non c è nulla di più bello che divertirsi facendo sport... anche se non è niente male neppure la merenda con il pane e nutella quando torniamo a casa! Cari mamma e papà, mi siete sempre stati accanto e vi ringrazio, per tutto quello che fate per me e a Gian mio fratello. Quando mi sgridate e mi dite di studiare di più, io mi arrabbio ma so che è per il mio bene. Non ci sarete per sempre, questo lo so, quindi cerco di sfruttare il mio tempo che ho per stare insieme a voi e di aiutarvi! Non sapete quanto vi voglio bene! Sarete sempre nel mio cuore anche quando non ci sarete più! Per sempre! Quanto vorrei non perdervi... non sapete quanto! Ora vi lascio... Ho un idea per un nuovo articolo, scappo!

8 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina 8 8 NESSUNO È PERFETTO Girando per le diverse scuole ti viene inevitabile la tentazione di fare dei confronti. Si guarda a cosa si ha e cosa non si ha, alle pulizie, a come sono distribuiti i luoghi didattici, a come ti accolgono le persone. Sarebbe sciocco però iniziare a fare confronti ed evidenziare le cose belle della scuola Cottolengo, perché sembrerebbe alla vista dei lettori il più classico dei... guarda questi se la cantano e se la suonano. E allora voglio solo raccontarvi di una lacrima, scesa da una mamma perché per la prima volta il proprio figlio non è stato scartato da una società sportiva. Quella lacrima aveva i riflessi di un prato, dove si urlava meno per le vittorie e più per un punto segnato da un amico che proprio nessuno si aspettava mai che potesse segnare Invece dei soliti finti modi di accogliere stando in un gruppo... che diventa sempre più piccolo, fino a stare da solo in un È uscito lʼultimo numero del fumetto. Seguici su angolo, perché alla fine facciamo sport e quindi bisogna vincere! Oppure vai in quel gruppetto non fanno partite mai ma stanno tra loro Quella lacrima invece mentre scendeva aveva anche i riflessi di una classe, piena, con i banchi, i compagni ed in mezzo... si! Suo figlio che vabbè urla, ogni tanto và un po in escandescenza ma era con gli altri e gli altri erano con lui perché poi in fondo tutti quanti andiamo in escandescenza e ci sopportiamo... quindi era poi solo una palestra di vita. Questo vi voglio raccontare oggi, non per cantarcela e suonarcela ma con una speranza assurda... che la scuola Cottolengo, la vostra Associazione Giuco non servano più... che un giorno possano chiudere, perché finalmente in Italia avremo scuole e società sportive che accolgono e integrano fin dall inizio chi ha avuto qualche difficoltà in più, perché la società di do - mani... è la scuola di oggi! Billy Spaccaossa

9 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina 9 OLTRE I MURI! UN MESSAGGIO IMPORTANTE 9 Riportiamo qui di seguito una mail inviata al nostro Rettore e alla scuola Cottolengo dal Ministro del l Istruzione Profumo che era venuto a farci visita. Grazie Francesco! Finalmente, gli occhi di qualche operatore e soprattutto gli occhi attentissimi dei nostri ragazzi hanno notato che un piccolo cantiere è nato nella piazza adiacente la nostra scuola, quella di via Lanino o piazza del mercato del Gran Balon che dir si voglia. Si, la nostra scuola si affaccia al esterno direttamente in questo grande progetto di restyling che inizia con questa apertura. Sarà finalmente possibile, in una piazza completamente rinnovata, poter entrare direttamente a scuola, parcheggiare con più spazio l auto e non imbottigliarsi in via Cottolengo. A seguire la scuola avrà una rete wirless che permetterà di essere sempre on line per le lezioni, il registro e tante altre facilitazioni della tecnologia. Grazie alla Divina Provvidenza a settembre potremo presentare un nuovo modo di fare scuola, di scrivere sul diario di interagire con il mondo per essere sempre una scuola al passo con i tempi! Deo Gratias! La Caro Don Andrea, ti ringrazio molto del messaggio e delle tue parole nel giorno del nostro incontro presso la tua scuola. Questa parentesi della mia vita è stata molto intensa e gratificante sia dal punto umano, che da quello professionale. Ho avuto il privilegio di occuparmi del bene comune più importante: la formazione delle nuove generazioni. Vorrei poter dire un grazie a tutte le persone che mi hanno aiutato in questo difficile compito e spero di non aver fatto troppi errori. Ho molto apprezzato il grande valore della comunità della scuola (studenti, docenti, personale e genitori) e il mio giudizio nonostante le difficoltà oggettive) è molto positivo. Dai primi di aprile tornerò a Torino al Politecnico e certamente avremo modo di incontrarci e di fare cose insieme. Ti prego di trasmettere il mio saluto a tutti gli studenti, gli insegnanti, i dirigenti e il personale della scuola. Mi auguro che oggi e domani tanti cittadini vadano a votare e che, con responsabilità, scelgano i loro rappresentanti per il nostro Parlamento. Io ho già fatto il mio dovere. Un caro saluto. Francesco

10 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina VI EMOZIONERÒ Certe emozioni sono come le persone.. nascono... muoiono... ma non si ripetono mai... IL SERVIZIO CIVILE NELLA NOSTRA SCUOLA di Michele Vocale di Beatrice Carlomagno Rabbia, coraggio, paura, amore sono tutte emozioni che ognuno ha dentro di sé e che non può rinnegare. Dicono che se non si ama si diventa immortali e che se non si ha paura, si diventa eroi storici. Senza rabbia si potrebbe far finire una guerra e senza coraggio staremmo 24 ore su 24 in casa. Io di sicuro voglio amare, essere coraggioso ma un po fifone, qualche volta arrabbiarmi ma poi fare pace E a voi, cosa vi piacerebbe fare? Far scatenare o terminare una guerra? Aver paura o affrontare qualunque sfida con incoscienza? E a te, che stai leggendo il mio articolo, cosa ti piacerebbe fare? A te la scelta. Le emozioni sono queste, c è a chi piace essere in un modo più che un altro, per questo siamo tutti diversi: senza emozioni la nostra sarebbe una vita buia e senza vitalità. Ora ritorniamo allegri! Alla prossima! Ciao! Presso la Piccola Casa della Divina Provvidenza possiamo trovare dei volontari che prestano il loro aiuto ai ragazzi. Alcuni sono ben conosciuti e si chiamano: Sergio, Eleonora, Ario e Alessandra. Il loro servizio di volontariato ha la durata di un anno, è chiamato servizio civile. Da grande mi piacerebbe poter svolgere questo tipo di servizio perché penso che aiutare le persone più bisognose ti possa far sentire una persona con un cuore buono e generoso.

11 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina LA REDAZIONE DE LA GAZZETTA AUGURA A TUTTI UNA SANTA E FELICE PASQUA. BUONA PASQUA Nei miei sogni ho immaginato un grande uovo colorato. Per chi era? Per la gente dall Oriente all Occidente: pieno, pieno di sorprese destinate ad ogni paese. C era dentro la saggezza e poi tanta tenerezza, l altruismo, la bontà, gioia in grande quantità. Tanta pace, tanto amore da riempire ogni cuore. È PASQUA È Pasqua, è Pasqua! dice allegro il sole mentre gioca con i fiori delle aiuole. È Pasqua, è Pasqua! già risponde il vento mentre insegue le nubi del firmamento. È Pasqua, è Pasqua! canta allegro il cuore E in questo dì è risorto il Signore! L UOVO ARCOBALENO La mattina di Pasqua nel mio prato un uovo arcobaleno ho trovato, era un uovo profumato e strano non più grande di una mano. Quando l ho aperto, con stupore ho trovato sorprese d ogni colore: giallo il sorriso d un cinesino, rosso il canto di un algerino, azzurro il sorriso di uno svedese, verde la capriola di un portoghese, violetta la danza di mille bambine, indaco i suoni di mille ocarine. E arancione rotondo e paffuto un sole caldo di benvenuto, un sole caldo paffuto e rotondo uguale per tutti i bimbi del mondo. Dall uovo di Pasqua è uscito un pulcino di gesso arancione col becco turchino. Ha detto: Vado mi metto in viaggio e porto a tutti un gran messaggio! E svolazzando di qua e di là, attraversando paesi e città ha scritto sui muri, nel cielo e per terra: Viva la pace, abbasso la guerra.

12 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina LA GITA IN MONTAGNA... CON LA CIASPOLATA (da non confondersi con la cioccolata!) Giovedì 31 gennaio, siamo stati in gita in montagna, precisamente a Bellino. Dopo oltre due ore di viaggio siamo finalmente arrivati. Il tragitto in pullman è stato divertente, abbiamo riso e cantato e anche i maestri erano contenti e sorridenti. Appena arrivati, hanno diviso le due classi in base al programma. C era da fare la ciaspolata, cioè una passeggiata nella neve e poi c era da costruire un igloo il mattino noi della 5 b abbiamo costruito l igloo, trasportando pezzi di ghiaccio, mentre la A ha fatto la ciaspolata. Poi dopo pranzo ci siamo invertiti le attività. La ciaspolata è stata faticosa, specie il tratto in salita. Purtroppo nessuno è scivolato... se lo avessero fatto ci sarebbe stato da ridere! È stato bello andare in gita d inverno, di solito la fanno tutti in estate, ma noi ci andremo ancora a giugno... e vi racconterò tutto!! di Davide Curcuglioniti

13 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina IO E LA MUSICA di Davide Tumiati Ciao lettori, in questo articolo voglio parlarvi di quello che per me rappresenta la musica. Per me la musica non è semplicemente un ritmo su cui vengono costruiti suoni e parole, ma è molto più di questo. La musica aiuta a capire le cose, le insegna. Anche se ci sono canzoni con più significato e altre che ne hanno me no, bisogna sempre interpretare le parole e adattarle alle proprie emozioni e stati d animo Ci sono diversi tipi di musica: il rap, il rock, il pop, il jazz, la classica e infiniti altri. Il mio genere preferito è sena dubbio il rap, soprattutto le canzoni di Lil Wayne. La musica ti tira su il morale quando sei triste e ti senti giù, ti entra dentro e ti induce a cantare ballare mimare gli strumenti con le mani insomma è coinvolgente!! L ANGOLO DEL SANTO COTTOLENGO A cura di don Emanuele In diverse circostanze ho visto dei poveri chiedere l elemosina a don Giuseppe Cot - tolengo alla porta della Piccola Casa, ed egli dava volentieri quei pochi soldi che gli restavano, dicendo che dava loro tutto ciò che aveva. Ed era abitudine del santo Cottolengo di non conservare fondi per il domani, ma di impiegare giornalmente in opere buone tutto quello che la Provvidenza gli aveva mandato in quel gior no, dicendo, che per i bisogni dell indomani ci avrebbe pensato la Provvidenza. (P.O.: Suor Teresa Rey VI,142).

14 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina UN PICCOLO SOLE di Lauretta Perassi Alle nove del mattino, tornando dalla spesa, la tartaruga Luigina incontra la piccola volpe Bettina e le dice: «Ciao, cara! Ho appena comperato della marmellata di ribes, ne vuoi?». La piccola volpe golosa annuisce. Mentre Bettina lecca la marmellata, la tartaruga dice ancora: «A quest ora, tutte le piccole volpi sono a scuola. A te non piace studiare?». «Oh, sì, molto! È la scuola che non mi piace!». «Perché?». «Perché, all uscita, le mie amichette trovano ad aspettarle la mamma oppure il papà o mamma e papà, insieme! Io invece, quasi sempre non trovo nessuno perché mamma e papà non si vogliono più bene, non abitano più nella stessa casa. Dovrebbero venire a turno, ma si dimenticano e così litigano: Toccava a te! No, toccava a te!. Io quando li sento sto male. E poi mi dicono che sono fortunata perché possiedo due case, due lettini, due televisori! Non capiscono che io ero più contenta quando avevo una cosa sola di tutto? Una volta, papà e mamma si volevano molto bene. Dove va a finire il bene quando non ci si vuole più bene, sparisce?». «No, cara, l amore, dato o ricevuto, non va mai perduto. È come una linfa che scorre nelle grandi vene del mondo e fa sbocciare i fiori. Tu sei un fiorellino sbocciato dall amore di mamma e papà: il loro amore non è sparito, perché il loro amore sei tu!». «Io so che sono nata dal bene-insieme di mamma e papà, così non voglio il bene di mamma e quello di papà, staccati, voglio il bene di mamma papà! Certe volte li odio, non vorrei vederli più!». «Ti capisco, piccola, ma in questo momento, più che esigere il loro bene, devi dar loro il tuo. Sai, hanno un grande vuoto dentro il cuore e sentono freddo, anche se è quasi primavera. Tu devi essere un piccolo sole, per riscaldarli». «Voglio provarci Luigina, se tu mi aiuti». «Volentieri, piccola. Sai cosa facciamo? Da oggi, verrò a prenderti ogni giorno all uscita della scuola, sei contenta?». «Sìììììì! Avrò una nonna che mi aspetta!». «E che ti porterà la marmellata». «Evviva!», grida la piccola volpe avviandosi serena verso la scuola.

15 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina 15 IL RUGBY di Lorenzo Emidii P ratico il rugby da tre anni ed è uno sport bello ma impegnativo, il rugby l ho conosciuto al Cottolengo. Non avevo la minima idea di come si potesse giocare a rugby perciò ho cominciato a praticarlo per curiosità. Dopo un po però ho cominciato ad appassionarmi e a fare tornei e partite. Il rugby è un gioco di squadra, per vincere bisogne fare tanti punti chiamati mete. Una delle cose belle del rugby è che possono giocare tutti: magri e non magri, ed io non rientro certo nella prima categoria! Un altra cosa bella del rugby è il terzo tempo, dove gli avversari si ritrovano per mangiare. E lì non si gioca, si fa sul serio! Quello che mi piace di più di questo sport è che c è una sana competizione, si è sempre tutti amici! È uno sport che consiglio a tutti! 15

16 Gazzetta3-13 :Layout 1 13/03/ Pagina LA GIORNATA AL LUNA PARK di Tommaso Canardi Cari lettori oggi vi parlerò di una bellissima giornata. Domenica sono andato al luna park con mia nonna e mio fratello, abbiamo girato giostre: il galeone dove ci siamo divertiti come dei pazzi, poi siamo andati sul l autoscontro dove ci siamo divertiti ancora di più. C era anche la gara con i gokart che avevano il motore a scoppio. Ab - biamo fatto un gioco dove ti davano dei cerchi e dovevi centrare direttamente i premi. Ma il più bello di tutti è stato quello dove c erano delle bolle giganti di gomma in una piscina e ti facevano entrare nella bolla: una volta dentro iniziavi a rotolare e la bolla si muoveva di conseguenza. Io e mio fratello ci siamo divertiti moltissimo. (vi do un consiglio venite con il taxi se se no troverete parcheggio quattro isolati dopo). Tornati a casa abbiamo farcito la base per la pizza che aveva comprato nostra nonna ed abbiamo concluso la giornata con una bella scorpacciata. Per fortuna hanno inventato i nonni!

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

La scatola dei pensieri sparsi

La scatola dei pensieri sparsi La scatola dei pensieri sparsi In tutte le classi prime di scuola secondaria e, dunque, non solo in quella sperimentale, e stata proposta la creazione de La scatola dei pensieri sparsi(strumento anonimo).

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

LETTERA AI MIEI FIGLI...

LETTERA AI MIEI FIGLI... 26 aprile 2012 LETTERA AI MIEI FIGLI... Cari bambini Greta e Tommaso, in futuro spero di avervi come figli. Ho molti desideri per voi, uno di questi è che completiate gli studi fino all Università e che

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 COPIA OMAGGIO 1 Noi come Voi è un associazione che accoglie tutti i giorni mol ti giovani con disabilità

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo bambini

Livello CILS A1 Modulo bambini Livello CILS A1 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Mauro. Simone. Mamy Jara

Mauro. Simone. Mamy Jara Trebisonda è un programma per ragazzi su RAI 3, dove si fanno dei giochi educativi a cui partecipano ragazzi di una scuola. Stavolta è toccato alla mia classe, la 2^A, e a una di Coldirodi. Noleggiato

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il Noi abbiamo fatto un progetto con il computer che è durato tanto ma è stato bellissimo, perché abbiamo fatto i disegni di una favola. Abbiamo usato un nuovo programma e Luisanna ha creato un nuovo programma

Dettagli

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce.

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce. HA - A Ricorda: HA verbo indica possedere, agire o sentire A preposizione risponde alle domande A chi? A fare cosa? Dove? Come? Quando? Completa le frasi con HA oppure con A Domani andrò pranzo dalla zia,

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

CARLOS E SARA VANNO A BASKET

CARLOS E SARA VANNO A BASKET CARLOS E SARA VANNO A BASKET Io comincio subito a fare i compiti perché storia, per me, è un po difficile Ciao Fatima, dove vai? Vado a casa a studiare. E tu? Io e Carlos andiamo a giocare a basket. Lui

Dettagli

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A.COSTA Scuola dell infanzia G.B.Guarini Scuole primarie A.Costa G.B.Guarini A.Manzoni Scuola secondaria di 1 grado M.M.Boiardo Sezione Ospedaliera Sede: Via Previati, 31 44121

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

"UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis

UN NATALE MAGICO Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis "UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis *** Attenzione è possibile acquistare il cd musicale ( 20 ) con le canzoni con voce e le basi musicali direttamente dall autore scrivi

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un a me del cellulare piace a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un incidente è molto utile a me il cellulare piace ma me lo prendono solo a 12 anni. La cosa più bella è

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Conversazione semi-libera

Conversazione semi-libera Titolo del file: ML05_080212.doc Pseudonimo: DAVID Partecipanti: ML05 DAVID, ML Laurence Data di registrazione: Attività svolte: conversazioni semi-libera; storia per immagini sul pesce; storia per immagini

Dettagli

Claudio Baglioni A modo mio

Claudio Baglioni A modo mio Claudio Baglioni A modo mio Contenuti: revisione passato prossimo, lessico, espressioni italiane. Livello QCER: B1 Tempo: 2 h Claudio Baglioni è un grande cantautore italiano, è nato a Roma il 16 maggio

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

La foto della mia squadra

La foto della mia squadra La foto della mia squadra Questo libro appartiene a: La mia squadra del cuore: Il mio calciatore preferito: Il mio allenatore preferito: Pubblicato da: Associazione Svizzera di Calcio Casella postale 3000

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Cosa non farei per te

Cosa non farei per te Cosa non farei per te Un fotoromanzo per pensare a cura delle Peerleaders Il gruppo di amici... Paolo - 17 anni Gloria - 16 anni Andrea - 18 anni Sara - 18 anni Roberta - 16 anni Elena - 18 anni Martina

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Scuola Primaria Pisani Dossi Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Autori: alunni 3^B Anno scolastico 2012-2013 Il 10 maggio abbiamo incominciato questa esperienza. Ci sono 4 materie: italiano,

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli