Nella gioia del Signore risorto fiduciosi nel suo aiuto permanente andiamo avanti!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nella gioia del Signore risorto fiduciosi nel suo aiuto permanente andiamo avanti!"

Transcript

1 Nella gioia del Signore risorto fiduciosi nel suo aiuto permanente andiamo avanti!

2 Notizie da San Martino Bollettino Parrocchiale mensile, allegato al mensile diocesano Il Segno e sottoposto all approvazione del Parroco. IN QUESTO NUMERO la visuale dell infinito pag. 3 Grazie a te mamma pag. 4 Il Xchè e il Xcome pag. 5 Internet pag. 6 Conta su di me pag. 7 Frontiere della vita pag. 8 Allenatori, ragazze ragazzi e... genitori pag. 10 Ancora una volta g r a z i e! pag. 11 Calendario religioso e archivio parrocchiale pag. 12 don Giorgio Farè Parroco telefono cellulare Piazza Villapizzone 10 don Lorenzo Negri Vicario telefono cellulare Piazza Villapizzone 10 Orari Sante Messe Festive Prefestive Feriali Oratorio Da martedì a domenica Domenica anche 11, Piazza Villapizzone 12 Centro Parrocchiale San Martino Tutti i giorni Martedì CHIUSO Patronato ACLI Tutti i lunedì dalle Piazza Villapizzone 6 Piazza Villapizzone 6 Centro di Ascolto tel Mercoledì Giovedì Piazza Villapizzone 6 2

3 la visuale dell infinito S. Kierkegaard, un filosofo un po anche teologo, vissuto nella prima metà del 1800, quando i mezzi di trasporto erano ancora cavalli e carrozze, ha, nei suoi scritti, un brano che ritengo interessante. Quando il ricco va in carrozza, circondato da fiaccole nella notte oscura, vede un tratto di strada più avanti del povero che cammina al buio pesto; ma non vede le stelle, perché glielo impediscono appunto le sue fiaccole. Vede bene da vicino, ma toglie la visuale dell infinito. E ancora: Se vi si chiede perché sorridete e piangete, dite che siete tristi perché i vostri occhi vedono l oggi, dite che siete gioiosi perché i vostri occhi presagiscono il domani. Quello che afferma il filosofo penso sia molto vero. Oggi, in particolare, abbiamo lo sguardo corto. Vediamo molto bene ciò che ci è vicino, abbiamo comunicazioni in tempo reale, tutto quanto accade nel mondo è sotto i nostri occhi, ma non sappiamo più levare lo sguardo, presagire e impegnarci per il domani, capire il senso della vita, dove va la nostra esistenza. Oggi vediamo e per domani c è il buio. Voler illuminare solo l oggi impedisce di guardare oltre. La conseguenza è che siamo presi dall insicurezza, perché al di là della poca luce che possiamo avere davanti vediamo c è solo il buio e non vogliamo pensare. Qualche riflessione può essere opportuna anche per la nostra Comunità Parrocchiale. Quella di S. Martino in Villapizzone sta diventando una parrocchia che non sa guardare al futuro e non si prepara ad affrontarlo. Si limita a vedere i pochi passi che stanno davanti, si accontenta di quello che c è e non sa capire su quale strada gli chiede di camminare il Signore. Sono convinto che le difficoltà che la nostra parrocchia incontra oggi non siano che un segno di quello a cui dovrà far fronte nei prossimi anni. Ci viene chiesto uno stile nuovo ed invece andiamo avanti con le nostre lampade che ci fanno camminare a vista. Ricordando il brano iniziale, direi che ci manca la povertà, che è un lasciarsi guidare dal Signore, e preferiamo le nostre povere luci, sentendoci sicuri perché siamo sulla carrozza ed il problema della strada spetta a chi guida i cavalli. Probabilmente toccherà a tutti noi guidare la carrozza e magari senza lampade; allora dovremo abituarci a vedere le stelle che ci orienteranno. Molto di quello che si fa adesso non ci sarà più e sarà necessaria una nuova capacità inventiva. Certo non saremo solo noi, con le nostre iniziative, ad illuminare il futuro del cammino parrocchiale, ma dovremo guardare in alto, accogliere lo Spirito Santo e lasciarci guidare da Lui. Un esempio concreto che dice come il nostro sguardo sia corto. Siamo ancora nella mentalità che il nostro operare in parrocchia sia un puro gesto di generosità; invece è un esigenza dell essere cristiano, dell aver ricevuto il Battesimo. S. Paolo scriveva: Guai a me se non evangelizzo. L anno prossimo ci sarà il rinnovo del Consiglio Pastorale e sarà necessario un cammino di preparazione. Se la nostra parrocchia fosse composta da cristiani vivi che sanno fare delle scelte coerenti, dovrei avere difficoltà per il grande numero di coloro che desiderano avere una presenza viva nella comunità. Mi auguro di non dover più passare a chiedere di entrare nella lista, quasi fosse un piacere personale fatto al parroco. Chi sa guardare le stelle, chi sa alzare lo sguardo, trova segnate le strade del Signore. Coraggio e buona avventura!. don Giorgio 3

4 Pittori, scrittori, musicisti da sempre hanno attribuito un ruolo centrale alla figura della mamma; così centrale che moltissimi artisti hanno provato a raccontarla, rappresentarla, musicarla infondendo nelle loro opere tutta la dolcezza, l amore e la grandezza che il soggetto stesso ha ispirato loro. Anche noi fin dai tempi delle elementari ci siamo improvvisati tali, su di un biglietto con un cuore con dentro la nostra fotografia, abbiamo scritto un pensiero di ringraziamento, o la classica frase TI VOGLIO TANTO BENE MAMMA, racchiudendo in quelle 5 parole tutto l'amore, il dolore, la gioia, la complicità, le incomprensioni che con lei condividiamo. Tutti ci insegnano che non si nasce mamma, ma lo si diventa con il passare del tempo. Si può dire che una mamma è tipo una "pizza quattro stagioni": all'inizio quando sogna perché è in trepida attesa del suo bambino; la neo-mamma inesperta, impacciata e desiderosa di far bene per amore del suo bambino; la mamma del bambino, severa, esigente poiché sa che sono proprio i primi insegnamenti quelli che determinano il carattere del bambino; e, infine, la mamma dell'adolescente, quella che non sa più che pesci pigliare e che vede il suo bambino diventare grande e un po' ne è felice un po' no Ma tutto l'insieme fa di lei la persona sulla quale possiamo sempre contare, la persona che nel bene e nel male sa sempre quale sia la cosa giusta da dire, da fare e un giorno solo all'anno non basta per ringraziarla per la vita che ci ha donato. Viene spontaneo ringraziare anche la "Mamma" per eccellenza di tutti noi. Papa Giovanni Paolo II, che a Lei si affidava totalmente, nell'angelus del 2001 iniziava il Suo discorso invocando la Sua materna protezione " A Colei che ha saputo imparare, dall'incontro con il suo Signore a dialogare con i fratelli ed a porsi con prontezza al loro servizio " E, in ricordo di Papa Giovanni Paolo II, a tutte le mamme dedichiamo queste parole di ringraziamento, che in una lettera da Lui scritta nel 1995 così descriveva la figura della donna: Grazie a te, donna-madre, che ti fai grembo dell'essere umano nella gioia e nel travaglio di un'esperienza unica, che ti rende sorriso di Dio per il bambino che viene alla luce, ti fai guida dei suoi primi passi, sostegno della sua crescita, punto di riferimento nel successivo cammino della vita. Grazie a te, donna-sposa, che unisci irrevocabilmente il tuo destino a quello di un uomo, in un rapporto di reciproco dono, a servizio della comunione e della vita. Grazie a te, donna-figlia e donna-sorella, che porti nel nucleo familiare e poi nel complesso della vita sociale le ricchezze della tua sensibilità, della tua intuizione, della tua generosità e della tua costanza. Grazie a te, donna-lavoratrice, impegnata in tutti gli ambiti della vita sociale, economica, culturale, artistica, politica, per l'indispensabile contributo che dai all'elaborazione di una cultura capace di coniugare ragione e sentimento, ad una concezione della vita sempre aperta al "senso del mistero" alla edificazione di strutture economiche e politiche più ricche di umanità. Grazie a te, donna-consacrata, che sull'esempio della più grande delle donne, la Madre di Cristo, Verbo incarnato, ti apri con docilità e fedeltà all'amore di Dio, aiutando la Chiesa e l'intera umanità a vivere nei confronti di Dio una risposta "sponsale" che esprime meravigliosamente la comunione che Egli vuole stabilire con la sua creatura. Grazie a te, donna, per il fatto stesso che sei donna! Con la percezione che è propria della tua femminilità che tu arricchisci la comprensione del mondo e contribuisci alla piena verità dei rapporti umani. Silvana Grillo 4

5 Il Xché e il Xcome Cari amici, il caldo è arrivato, le iscrizioni aprono venerdì, gli adolescenti stanno facendo un corso intensivo per diventare i più bravi animatori della città stiamo prendendo il volo!!! Dal 13 giugno al 23 luglio l Oratorio sarà certamente il luogo più bello dove poter vivere avventure indimenticabili e imparare a volersi bene!!! Ma appunto cos è l Oratorio? Perché c è? Perché ci si va? E come ci si va?!?!?! Solite domande da prete e beh, certo: sono qui apposta!!! Tutte le altre cose le sapete fare tutti meglio di me: dal nuotare al far da mangiare, dal giocare al pallone o fare i balletti Se doveste aspettare me, saremmo rovinati!!! Ma questo, proprio lo devo fare io: continuare a richiamare alla mente a al cuore di tutti il perché e il percome si fanno le cose!!! E allora - siccome non voglio star qui a far la predica! - diciamocelo subito; che tutti lo sappiano bene e se lo mettano bene in mente: l Oratorio NON è un luogo pubblico, NON è un servizio sociale per far passare il tempo ai ragazzi dopo la fine della scuola e certamente NON è un posto dove ognuno fa quel che vuole! Oratorio significa pregatorio : luogo dove si va a pregare!!! Magari bisogna imparare a farlo, magari pregare non significa solo andare in chiesa a dire le preghiere, magari impareremo a pregare anche giocando e divertendoci ma il nostro stare insieme deve diventare una preghiera: qualcosa che dà lode a Dio, il quale ci ha creati e ci fatti capaci di fare un sacco di cose belle, e di volerci bene Se ti sembra troppo ci spiace, sarà per un altra volta! Ma se ci stai non ti sei ancora iscritto?!?!?! E conta su di me!!! don Lorenzo 5

6 Internet che strana parola cos è la rete degli interisti (inter-net)? Noooo, nè ho già sentito parlare forse deve essere qualche diavoleria tecnologica che non capiamo e non concepiamo, qualcosa che riguarda i computer! Ecco forse partiamo proprio da questa seconda affermazione per spiegare che, da oggi, anche nella nostra comunità questa parola dovrà suonare più familiare ormai ha superato la fase di rodaggio ed è attivo a pieno regime il sito della parrocchia Bisogna tornare alle origini dell era di internet per capire perché abbiamo un sito anche noi. Tutto partì quando due università americane decisero di aumentare la propria collaborazione collegando tutti i propri computer tra loro: in modo che risultasse semplice e rapido consultare i documenti relativi alle ricerche che fisicamente stavano in un altro luogo a miglia di distanza. Con questo concetto base di servizio questa rete si è via-via espansa fino a raggiungere le dimensioni mondiali di oggi. E un po come se fossimo tutti Flash Gordon e dal nostro computer corressimo nel mondo alla velocità della luce: così che in un secondo saremmo in Australia a vedere le bellissime spiagge oceaniche e un attimo dopo saremmo in Brasile alla porta della casa di Pelè e dopo ancora ad osservare la Gioconda al Louvre di Parigi Il tutto restando fermi davanti al computer di casa nostra, digitando sulla tastiera l indirizzo, il posto, dove si vuole andare. Il computer, che è collegato tramite un cavo ad una rete simile a quella telefonica, penserà a farvi viaggiare a velocità sconosciute che vi permetteranno di leggere, osservare, capire e conoscere cose che non immaginabili. Ecco da tutto questo è nata la nostra volontà di essere presenti su internet. La volontà di tenerci collegati tra noi. La nostra volontà principale non è quella di fare vedere al mondo cosa facciamo, oppure offrire al mondo il nostro pensiero. La nostra volontà è di fare tutto ciò per rendere ancora più vicino Via Varesina a Via Lambruschini, Via E. Bianchi a Piazza P. Castelli! Non abbiamo raggiunto uno scopo mettendo la nostra comunità nel mondo il mondo virtuale. Ma abbiamo dato uno strumento in più alla parrocchia per condividere l esperienza Cristiana che così sarà disponibile a tutti 24 ore al giorno per 365 giorni l anno! E solo uno strumento e come tale va considerato! Perché l esperienza comunitaria deve essere vissuta dal vero e non virtualmente tramite il computer. Un esperienza fatta dalle persone tramite il dialogo, le gioie, le incomprensioni, lo stupore e le delusioni insomma tramite la vita umana di fratelli e sorelle! E uno strumento, come questo giornalino! Allora se hai Internet, metti come Home Page (o tra i preferiti) questo sito in modo che quando inizierai a navigare, spostandoti da una parte all altra del mondo, ti sentirai prima a casa vedendo cosa è successo ieri e oggi, e cosa succederà domani nella tua grande famiglia, che è la comunità. Perché andare nel sito Io vado in perché vedo le prossime iniziative parrocchiali! Io vado in perché vedo il calendario delle attività del mio gruppo in oratorio sempre aggiornato! Io vado in perché posso vedere le classifiche e i risultati delle partite della squadra in cui gioco! Io vado in perché prossimamente vedrò le foto scattate a mio figlio in oratorio! Io vado in perché ho appena sentito che un mio amico ha scritto qualcosa sull ultima attività che lo ha visto coinvolto e sono proprio curioso di sapere cosa ha da dire! Io vado in ogni giorno perché ogni giorno viene inserita una frase della Parola di Dio con un brevissimo commento, così posso pregare essendo, poi, stimolata a fare del bene durante la giornata! Io vado in perché E allora ricordati che ti aspettiamo sempre a S. Martino (smart) in Villapizzone (villa)! 6 Marco Olcelli

7 Grande presentazione delle attività estive Grest giugno e 4-15 luglio (per tutti) Saint Nicolas dal 27 giugno al 2 luglio (per le elementari) (per le medie) luglio Courmayeur 7

8 Pubblichiamo un articolo inviatoci da don Domenico Albanese, nuovo parroco dell Istituto Palazzolo, come spunto per la riflessione attorno a un tema che i mass media presentano come controverso. FRONTIERE DELLA VITA «Come Terri non si svegliano Ma sono vivi e capiscono» All Istituto Palazzolo tra le persone in stato vegetativo Secondo gli infermieri, la signora C., che tanto amava Frank Sinatra, un giorno ha accennato la melodia di una canzone. E il signor E. sembra ridere alle barzellette che gli raccontano Da Milano Marina Corradi Il signor A. ha 42 anni. Fino a due anni fa era un manager in una multinazionale, un giorno a Milano, uno a New York, l altro a Bonn. La ventiquattrore sempre in mano, il cellulare che non taceva mai. Un bell uomo, atletico. Una sera, senza alcun preavviso, un infarto. L ora di punta, qualche ritardo nei soccorsi. Il signor A. si salva, ma non esce più dal coma: «stato vegetativo», da due anni. Come Terri Schiavo, il cuore batte da solo, il respiro è autonomo. Nessuna macchina. Nessuna «spina». Nella sua stanza del reparto Nucleo stati vegetativi all istituto Palazzolo, l uomo sembra più giovane, il volto rilassato, lo sguardo che pare seguire il visitatore. Nella camera suona una musica a basso volume, nel programma della musicoterapia riabilitativa. Né telefoni, né annunci di aerei in partenza. Lo sguardo vago del signor A. lascia il visitatore. Sei, otto minuti di anossia cerebrale sono bastati a passare dall altra parte della barricata. Da manager in carriera a fratello di Terri Schiavo, su alimentazione e acqua si comincia a discutere. Che cosa resta di un uomo quando la coscienza, l intelletto, la memoria paiono cancellati? Il visitatore si affaccia con soggezione e quasi timore alle stanze del Nucleo vegetativi. La signora C., seduta immobile, dai tratti aristocratici, pare del tutto assente. È una "minimal responder", uno stato leggermente più vigile. Valeria Di Martini, musicoterapeuta: «Un giorno, ascoltando Frank Sinatra, che amava tanto, a bassa voce ha accennato alla melodia». Allora queste persone che a un visitatore casuale appaiono inerti, perse in un altro mondo, a chi ci vive accanto e ha imparato a conoscerle sono in qualche modo, con lingue altre da quelle dei sani, raggiungibili? «Ci sono codici diversi dai nostri per parlare con quelle categorie di malati che non comunicano verbalmente. Fatti di segni, di sguardi, di gesti, che permettono una comunicazione perfino più profonda di quella consentita dalle parole. Una comunicazione fatta anche di musica. Le anziane malate di Alzheimer qui al Palazzolo si direbbero lontane da tutto ormai, ma come si mettono a ballare, se sentono un valzer». Il linguaggio dei suoni come una lingua più antica parla ancora ai malati inerti in questi letti. Il signor D. è un uomo grande e grosso, e ancora giovane. Gli hanno appeso in fronte al letto una grande maglia della sua squadra di calcio. E, accanto, la foto del suo cane. L abbaiare del cane registrato è stato l unico rumore che gli ha fatto, dopo molti mesi di assenza, sbarrare gli occhi come a un ricordo, che filtrasse da sotto il buio della coscienza. E attorno a questo sonno profondissimo vanno e vengono mariti, mogli, genitori. All inizio sperano. All inizio è legittimo sperare, quando lo stato vegetativo è da poco iniziato. I parenti domandano: «Quando si sveglia?». Ma più passano i mesi e più le speranze scemano. Non si sveglieranno. Alcuni parenti continuano ancora a domandare: quando? Poi, si arrendono. Paiono come in un limbo, i loro fratelli, le loro mogli, le facce serene che dimostrano meno anni di quelli veri come se in quel sonno non si invecchiasse. «Vedo figlie che accudiscono la loro madre come fosse una bambina piccola, in uno scambio di cure restituite», dice la caposala. Svelta e pratica come tutte le brave infermiere, le si nota addosso una particolare tenerezza per questi malati così inermi. «È vero ammette questi sono pazienti che ti prendono più degli altri, proprio per il totale bisogno che hanno di te. Sono qualcosa di simile ai bambini più piccoli». È un affetto e basta, o secondo voi c è un rapporto reale con questi pazienti? 8

9 «Per me c è un rapporto. Ti seguono con lo sguardo quando entri nella stanza». È possibile? «Per la scienza, no, oppure è un riflesso». Altre tracce di scambio? (Si sente in lontananza la signora C., quella di Frank Sinatra, che piange. Piange sempre a quest ora, finché non arriva suo marito). La caposala: «Abbiamo perfino un paziente, il signor E., che, quando gli racconti una barzelletta, ride». Ride? «Sì, muove le labbra e fa un gorgoglio di risata». Ma è possibile? «Per la scienza, no». È un leit motiv: per la scienza, no. Non è positivamente accertato. Tuttavia, chi accudisce tutti i giorni questi pazienti s accorge, nota, parla quel "codice" inaccessibile ai sani. Anche per questo, oltre che per un principio, la musicoterapeuta De Martini dice di provare «rabbia» per la sentenza americana che manda a morte la Schiavo una come i suoi dodici pazienti. E l assistente sociale Lorenzo Gaio protesta contro l idea che cibo e acqua siano «accanimento terapeutico»: «Cibo e acqua non si negano a nessun malato, in nessun caso». Nella teoria astratta dell ideologia, da lontano, sulla carta dei giornali, questi malati sono un nulla, o sono già morti. Per chi li cura tutti i giorni, sono persone. Per chi li lava, cambia, riveste, nella assistenza totale che si deve a chi è tornato come bambino. Malati faticosi. Malati che ogni due ore e mezza, di giorno e di notte, vanno costantemente voltati nel letto, per evitare il decubito. Quel decubito che, dice la dottoressa De Valle, nella camera di Tampa, in Florida, cessando nutrizione e idratazione diventerà inesorabile, e spaccherà la pelle in ferite profonde, «in un calvario». Ma la pena più grande, nella brutale fine di Tampa come in quella, lenta e in tutto assistita, che toccherà un giorno a questi malati, è forse quella di chi guarda morire. Dice la caposala: «È una dura prova quella delle famiglie. Fuori, fra i sani, della morte nessuno vuole parlare. Entrano in questa camera, e ci sono dentro, completamente. È come essere divisi a metà». Sarà per questo, per evitare tutto questo, che negli Usa c è la corsa a lasciare le proprie ultime volontà, a chiarire che in caso di coma prolungato si tagli ogni tubo, molto velocemente, per favore. E tuttavia il signor E., all ultima sui carabinieri benché la scienza assicuri che impossibile pare proprio che rida, e la signora C., immobile come una statua fuori da ogni tempo, quando sente My Way di Frank Sinatra ne mormora ancora le note. La scala Tutti insieme la Domenica delle Palme abbiamo iniziato a salire la scala. So che arriveremo in cima, ma speriamo non troppo tardi!!! Tutte le offerte di Pasqua messe insieme non hanno raggiunto nemmeno il quarto gradino Ma io sono convinto che ci sia certamente qualche famiglia che inizierà a dare l'esempio: un gradino non è una cosa impossibile per molti, un mattoncino quasi per nessuno!!! Dunque mancano solo 24 famiglie che diano un gradino, o 240 che diano un mattoncino!!! Non è che capita tutti i giorni, anzi, rimarrà nella storia!!! dl A proposito: già i Cresimati hanno dato un bellissimo esempio: Grazie!!! 9

10 Allenatori, ragazze ragazzi e... genitori Diritti e doveri per vivere meglio lo sport Il sogno di ogni ragazzo o ragazza che fa sport è quello di avere un allenatore che non li sgridi mai, che magari faccia casino con loro e che se né freghi di tutte le regole. Questo potrebbe essere un allenatore? Riuscirebbe un insegnante del genere ad insegnare qualcosa ai suoi allievi? Forse a qualcuno sembrerà sorprendente, ma anche per le ragazze ed i ragazzi che fanno sport con l Associazione sportiva SLV non ci sono solo diritti ma anche doveri. Per usare una frase nota, si può affermare che diritto e dovere sono le due facce della stessa medaglia: l educazione. Le ragazze ed i ragazzi d oggi, almeno quelli italiani, vivono meglio e sono più informati: in pratica, sono più liberi e questo è un bene. Il paradosso è che talvolta, questi figli del benessere sono privi di una reale idea del significato del rispetto delle regole. Vivere insieme in modo civile significa, infatti, seguire le regole del gioco, anche quando sono contrarie alle proprie attese. Tutto ha bisogno di regole per funzionare e del loro rispetto, anche quel gioco chiamato vita che si svolge ogni giorno sulle strade, nelle case, nelle scuole, in Oratorio, negli uffici, sui campi di calcio e nelle palestre. Ciò che ci sentiamo di consigliare ai genitori e che ripetiamo spesso agli allenatori è questo: preoccupiamoci di far rispettare i diritti dei nostri figli in modo che crescano liberi e con la possibilità di realizzarsi secondo le proprie aspirazioni e potenzialità. Con la stessa forza e determinazione ci si deve preoccupare anche di formare i giovani per creare generazioni di individui che sappiano rispettare se stessi e gli altri nello sport come nella vita. Vanno promossi, insomma, i valori umani. Lo sport può e deve concorrere a completare l uomo nei suoi aspetti personali, caratteriali ed umani. Lo sport pur essendo gioco è in realtà, attraverso tutte le sue componenti, è uno dei mezzi ideali per la trasmissione e l incontro fra diverse culture e filosofie, un sicuro mezzo per aiutare ogni atleta a diventare un uomo, prima che uno sportivo. È evidente, l importanza del ruolo che assume un adulto che entra nel mondo dello sport, prima che allenatore, dirigente o genitore, egli dovrà sempre ricordarsi di essere comunque un educatore. Dopo queste riflessioni, ecco alcuni suggerimenti, semplici ma indispensabili, per le tre componenti fondamentali dello sport giovanile nella nostra Associazione sportiva. Per gli allenatori. Bisogna educare i giovani al Fair Play, che impone gesti e comportamenti come: stringere la mano all avversario al termine della partita; mandare la palla volontariamente in fallo laterale se un giocatore è a terra infortunato; una volta ripreso il gioco, restituire alla squadra avversaria la palla mandandola in fallo laterale; sottostare alle decisioni arbitrale anche quando non si condividono; salutare il pubblico all inizio e al termine della gara; evitare qualsiasi tipo di simulazione o di atteggiamento che possa ingannare l arbitro e portarlo a sbagliare; rispettare compagni ed avversari. Per le ragazze e i ragazzi A loro volta ragazze e ragazzi devono ricordare che fare sport non significa fare tutto quello che si vuole, ma che: è importante aver cura del proprio materiale e di quello altrui; è importante rispettare la puntualità; ogni ritardo deve essere comunicato all allenatore; è segno di educazione lasciare lo spogliatoio pulito ed in ordine; è importante prestare attenzione alle spiegazioni dell allenatore; a volte ciò che è giusto può non coincidere con ciò che si desidera; la vittoria e la sconfitta fanno parte dello sport e bisogna saper accettare il verdetto del campo serenamente, traendone gli insegnamenti dovuti. 10

11 Per i genitori L Associazione sportiva è un agenzia educativa, i genitori sono una componente fondamentale Collaborare e sostenere, per quanto possibile, le attività dell Associazione sportiva Raccordare l educazione in famiglia e quella in ambito sportivo Fare in modo che chi pratica sport acquisisca sempre più maggior autonomia Presenziare agli allenamenti e alle gare, in maniera attenta ma discreta - La partita è una verifica di miglioramenti individuali e non un campo di battaglia dove scaricare le frustrazioni degli adulti - A fine gara ci si dovrebbero scambiare sorrisi e saluti, e non altro - L allenamento è la parte più importante di tutta l attività - Non fare gli allenatori fuori dal campo, i vostri figli ne hanno già uno - Chiunque pensi di fare abbandonare o trascurare gli studi al proprio figlio per cercare di garantirgli un ipotetico futuro da professionista, dovrebbe contare fino a mille poi riprendere a contare fino a diecimila, quindi fino ad un milione... - L allenatore fa delle scelte condivisibili o meno, che vanno sempre rispettate. Voi genitori e noi, Associazione sportiva, impariamo a collaborare di più, impariamo a giocare sul campo del futuro dei nostri ragazzi. Franco Virivè Ancora una volta g r a z i e! Avete risposto con sensibilità ed entusiasmo alla nostra esortazione, nonostante pioggia e vento non favorissero certo la voglia di balconi e finestre in fiore. Già dal mattino della domenica avevamo esaurito piante e torte ed il ricavato netto della vendita è stato di precedenti elargizioni. Euro 854 che andranno ad unirsi alle vostre E adesso direte MA NON SONO MAI CONTENTI!, infatti stiamo per chiedervi ancora una volta di dimostrare la vostra sensibile generosità: voi tutti sapete che il Banco Alimentare ci offre molti generi alimentari (ma non tutto quello che ci serve), mancano infatti : OLIO ZUCCHERO PELATI SCATOLETTE di TONNO e CARNE per cui vi chiediamo durante le S.Messe di : Sabato 28 e Domenica 29 Maggio di voler portare quanto la vostra sensibilità vi suggerisce : credeteci, donare è mille volte più facile che aver bisogno di ricevere. La Commissione Caritas e la Conferenza di S.Vincenzo Parrocchiali 11

12 CALENDARIO RELIGIOSO MAGGIO domenica : sesta di pasqua ore 15,30 S. Cresima 8 domenica : Ascensione del Signore festa anniversari di nozze festa bambini/e battezzati nel 2004 festa delle mamme 15 domenica : Pentecoste ore 10,30 Prima Comunione 18 mercoledì : Giornata mensile di suffragio ore 18 Ufficio 22 domenica : SS. Trinità 29 domenica : Santissimo Corpo e Sangue del Signore GIUGNO venerdì : Sacro Cuore di Gesù 4 sabato : Cuore Immacolato di Maria 5 domenica : X per annum 12 domenica : X per annum 15 mercoledì Giornata Mensile di suffragio ore 18 Ufficio SERATE DEL MESE MARIANO 2 lunedì : via C. Marcello 36 3 martedì : via Brivio 6 6 venerdì : via Ricetti de Buttinoni 18 9 lunedì : via Fusinato Effige della Madonna in piazzetta 11 mercoledì : via Fusinato venerdì : via Mantegazza lunedì : via Negrotto 16/6 20 venerdì : via Negrotto lunedì : via Fusinato mercoledì : via Porretta ARCHIVIO PARROCCHIALE BATTESIMI DI APRILE Del Latte Andrea Noemi via Fusinato 14 Frosi Rebecca via P. Mantegazza 25/2 Ruberto Aurora via Pizzigoni 20 DEFUNTI DI APRILE Molinari Santino anni 68 via Villapizzone 43 Gonzales Bruna anni 87 via Brivio 6 Porrone Giovanna anni 95 via Giampietrino 1 Catino Nunzia anni 88 via Bianchi 6 12

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

La foto della mia squadra

La foto della mia squadra La foto della mia squadra Questo libro appartiene a: La mia squadra del cuore: Il mio calciatore preferito: Il mio allenatore preferito: Pubblicato da: Associazione Svizzera di Calcio Casella postale 3000

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni.

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Prima della conclusione della S. Messa, concelebrata da don Donato, don Giuseppe Pendinelli

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

da lunedì 9 giugno a venerdì 4 luglio

da lunedì 9 giugno a venerdì 4 luglio COMUNITÀ PASTORALE SAN FRANCESCO D ASSISI PARROCCHIA SACRA FAMIGLIA - ORATORIO P.G. FRASSATI Via Frassati 2-20900 Monza (Mi) Tel. e Fax. 039.831361 Web-site: www.sanfrancescomonza.it e-mail: oratoriofrassati@sacrafamigliamonza.it

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 COPIA OMAGGIO 1 Noi come Voi è un associazione che accoglie tutti i giorni mol ti giovani con disabilità

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State

Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State 1 Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State La New York Health Care Proxy Law vi permette di nominare una persona di fiducia, ad

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A.COSTA Scuola dell infanzia G.B.Guarini Scuole primarie A.Costa G.B.Guarini A.Manzoni Scuola secondaria di 1 grado M.M.Boiardo Sezione Ospedaliera Sede: Via Previati, 31 44121

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

Claudio Baglioni A modo mio

Claudio Baglioni A modo mio Claudio Baglioni A modo mio Contenuti: revisione passato prossimo, lessico, espressioni italiane. Livello QCER: B1 Tempo: 2 h Claudio Baglioni è un grande cantautore italiano, è nato a Roma il 16 maggio

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

guida al programma au pair qualche consiglio pratico per un soggiorno felice e senza problemi

guida al programma au pair qualche consiglio pratico per un soggiorno felice e senza problemi guida al programma au pair qualche consiglio pratico per un soggiorno felice e senza problemi che cosa significa essere au pair? Il programma au pair permette alle ragazze di 18-26 anni di vivere presso

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO

IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO Parrocchia della B.V. del Carmine Udine IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO Incontro di riflessione e preghiera VENERDÌ 23 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE DELL INCONTRO Ci troviamo insieme stasera per prepararci

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e l idea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero

delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e l idea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero DIVENTARE GRANDI: LA CONQUISTA DELL AUTONOMIA Anna Contardi annacontardi@aipd.it Associazione Italiana Persone Down Viale delle Milizie 106-00192- Roma - Italy In Italia 1 bambino ogni 1200 nasce con la

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215

DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215 DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215 Anche quest anno ormai sta volgendo al termine. Con tanta gioia nel cuore posso

Dettagli

via Giuseppe La Farina 15-20126 Milano - telefono e fax 02.66117340 (segreteria parrocchiale)

via Giuseppe La Farina 15-20126 Milano - telefono e fax 02.66117340 (segreteria parrocchiale) Dalla Comune e Provincia di Milano - Diocesi di Milano - Zona Pastorale Prima - Prefettura Nord - Decanato di Niguarda via Giuseppe La Farina 1-20126 Milano - telefono e fax 02.66117340 (segreteria parrocchiale)

Dettagli

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un a me del cellulare piace a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un incidente è molto utile a me il cellulare piace ma me lo prendono solo a 12 anni. La cosa più bella è

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice?

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice? INTRODUZIONE Perché abbiamo stilato questo Codice? Con questo insieme di regole la società GSD MontecatiniMurialdo vuole avvicinarsi ai propri giovani calciatori, cercando di insegnare loro le fondamentali

Dettagli