COMMENTARII DE BELLO POETICO (2008)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMENTARII DE BELLO POETICO (2008)"

Transcript

1 OFFICINA DI GIOVANI SCRITTORI COMMENTARII DE BELLO POETICO (2008) ANTOLOGIA IDEATA E CURATA PER CONTO DEL LICEO CLASSICO STATALE GIULIO CESARE DI ROMA DA GIUSEPPE ELIO LIGOTTI

2 Michele PICOZZI Francesca ROSCINI Livia VICENTINI Grazia Maria MARZO Luisa IERVOLINO Benedetta GIULIANI Flavia CRISCIOTTI Sara BELLI Ileana CAMERATA Carlotta DE GAETANO Annamaria LAUDINI Stefania D AMICO Margherita GALLO Francesco LOSAPIO Martina BORZI I GIOVANI SCRITTORI (in ordine di apparizione)

3 Michele PICOZZI (1992) terzine dantesche Piango ancora per te. Per te. Da solo. Non vedo aiuto alcuno giù dal cielo; nessuno qui mi dice Io ti consolo : mi copre gli occhi un opaco velo. Mi è rimasta compagna solitudine: attorno al cuore e all anima: sfacelo. Negli altri la consueta mansuetudine: poco interesse, poco li riguarda questo mio stato aperto d inquietudine. Passando al guardo mio v è una maliarda, (passando) in un quartiere malfamato. La osservo e lei stupita, lei mi guarda. Ma certo non sarà che a lei abbracciato (e qualcosa di più forse) andrà via sta presenza che mi fa amareggiato. Il fatto, Amore, è che io non ti ho più mia.

4 IRIS Ti ricordo Iris, occhi di cerbiatto: lo sguardo grande vivo di tristezza, gambe da fenicottero. Ma ti vedevo come una gazzella o forse appunto proprio come un cervo che non può stare in gabbia perché sempre orizzonti nuovi brama tinti di tramonti e amarezze viola. D averti vista in lacrime mai credo: che piangessi era certo, lo sapevo, ma di persona mai posai i miei occhi su quel tuo sguardo più vero di donna. Adesso mi dico meglio così. Sì, perché avrei visto piangere il mondo.

5 SAN VALENTINO Ma c è un pensiero che mi fa tremare e che mi scuote in questi vespri infami: è che quel giorno inutile certo non sarai sola: ma qualcuno ti porterà al cine e mentre mangerai un gelato, sì lui mangerà te e sarà buffo tanto da portarsi nel cuore un tuo sorriso. Per questo non lo odio ché è stata forse solo colpa mia. BEATITUDINE Balli su quella sedia bella come una statua greca di mano e tempo. Forse non hai interesse d altri ma ti fai turbar da una diversa luce. NATA RIMA (acrostico mascherato) Allora dimmi cosa mendace dovrei forse raccontarmi al solo scopo di ridere senza più altri turbamenti. Per me i soli tuoi tremendi no temo: sono urla assassine che forano la mente.

6 23/XI Il perderti m è ormai cosa assai usata: guardarti senza proferir parola, sservarti da lontano indifferente. Perché non è ragione e meno ancor coraggio che mi ti imprime sulla pelle a fuoco come uno strano dolce tatuaggio Quasi spiro sconvolto e non mi resta che tentare un canto del quale non conosco melodia SCONVOLTO L ho sognato le labbra sulle tue. Non so chi sia né quale faccia abbia, ma infine è vero: esiste. Lo so da pochi giorni, e appari tu. Ma non mi guardi, cerchi un accendino. Hai solo voglia di una sigaretta.

7 NELLA TUA MENTE (Io, lei, e gli amici) Lei) Io non lo so se vero potrei amarti e non capisco meno le intenzioni che avevi o che hai. Non vedo avvicinarti. Non riesci a controllare le passioni come uom farebbe solito né sai come porti e le varie alternazioni incerta fan danzar la voce che hai e fanno ben capir che nel parlarmi solo di poco mi avvicinerai Io) Oh donna non hai torto. Non guardarmi se con quegli occhi puoi svelare il mondo. Impacciato di più ora non farmi se nel pensiero tuo mi vuoi giocondo e quel poco che basta a un sorriso che tutto fa veder perfetto e tondo. Ti cerco anche perché qui sul mio viso sarei ben più pulito dentro e fuori, e mi colori i dì col tuo bel riso Lei) La posso immaginar da tutti i pori tuoi uscir felicità assai rinnovata, e se ti rendo i giorni ben migliori mi giunge assai imprevista ma è arrivata dolce l affermazione e il complimento. Mi fai sentire sì felicitata ma di reazioni tue non mi memento e resto qui stupita in certo senso: non vorrei già ferir tuo il sentimento Io)

8 Non posso dir menzogna a quell immenso, ché so mi carpiresti ben sicura; ma di così piacerti giammai penso e profonda si radica paura ché sicuro non son se sai capire e rapida si fa ogni cosa dura. Idea non ho sul pormi, men sul dire: rimango appeso aspettando il dimane fermo sui piani, senza niuno agire Amici) Sappiamo, Michele, come rimane di lei la fame che svuota e riempie. Di fuggevoli guardi hai fatto il pane e quel dolce disio che ora si adempie quando la senti dalle punte al cuore; e pare il sangue ti scoppi le tempie pur nel pensare a quant è bello un fiore. Ché letteral la senti batteria e dea l adoreresti per delle ore Io) Sì, miei amici, ma so che non è mia. La vedo augello, libera: e là vola, ma si allontana mai di lei pazzia. La guardo e temo poco sarà sola: se non avrò il coraggio di far niente tutto si annullerà il tempo che amola Lei) Ragazzo, non ho immagine tua in mente. Un emozione leggo: in te persiste ma pari sì incostante e impaziente. Ho detto mai qualcosa che voi audiste? E perdona se l feci. Dispiaciuta. Di te avrei amato quel sorriso triste

9 Più utile sarebbe stato in primis se avessi sussurrato ti amo Iris

10 Sonetto Le orecchie certo m han tagliato allora; gli amici d ascoltar mi rifiutavo 'contar che dargli retta una mezz ora sarebbe gran menzogna dir "tentavo". Tu strega e fata hai preso qui dimora: mi sei arrivata e io non ti aspettavo. Migliore mi rinnovi certo ancora e uomo sono nuovo, non ignavo. Perchè vivendo un nuovo stato mero platonico, sì, certo, ma felice avrei dovuto abbandonar quel ch ero? Adesso non ti passa mi si dice e placido rispondo veritiero "Di qui mi tira fuori neanche Nietzsche".

11 VENTOTENE Senso d umido e sabbia tra le dita e un vento di maestrale che scompiglia i capelli. I miagolii di un gatto e il pianto di un gabbiano e un tramonto al sole e la tua assenza e il frangersi delle onde. Solo un goccio di mare. NEL RICORDO DI EMOZIONI FUTURE Scrivo perché un pulcino che dal nido cade credo potrà un giorno volare e ne ho avuto la prova Scrivo perché anche una carezza può somigliare a uno schiaffo e forse fa più male soprattutto se a darlo è la Fortuna Scrivo anche per chi amore nutre vero ma anche per quelli che piacevolmente ne restano ingannati Ho scritto perché a mio modo ho vissuto e ti ho desiderata e ho sognato la tua mano passarmi fintantoché vivevo tra i capelli nel ricordo di emozioni future

12 SIGARETTA Sei forse per me l unica compagna. Mi vai al cervello e rapida ogni pensiero scacci lasciando solo fitta e nera nebbia. Contrario puoi donare anche incubi terribili: se sia vera salvezza non lo so ma assieme a te mi sento Mitridate per questo tuo veleno a rate.

13 Francesca ROSCINI (1991) VITE Cadevano le foglie lentamente quand ecco un soffio di vento le scosse. Sorpresa osservo con tutta la mente quelle lacrime chiare scure rosse, sì tante che a me paiono infinite. Giacciono a terra prive di onore e qui impietrite, ma del sole il respiro le tien vive e quella loro linfa ancora spera che presto torni, verde, primavera. PIOGGIA La pioggia calpestata ora dal vento d orgoglio romba con nuvole nere e suona e stride ma senza un lamento di nuovo colore tinge le sere.

14 STELLE O carro di stelle (antiche sorelle) che da sempre viaggia come mare e spiaggia. Io guardo curiosa di cometa ansiosa da un ruvido tetto col cuore a me stretto e occhi lucenti di infiniti intenti. Respiro la luce che luna produce là su fra le stelle antiche sorelle.

15 Sempre accese sono le luci ma quando le vane speranze svaniscono come le danze arduo è dirsi ora ricuci. Fin tanto che i muscoli sono freschi nei loro movimenti e ancor di più nei loro intenti ci si illude di un grande dono: infame e straordinario che a suo modo del calendario fa a meno, ma poi ci si accorge che ogni dì il sole piano sorge e ci si ricorda che ha fine tutto tranne il cuore e le mine. Ma quando torna fresca luce come splende forte il cuore e vola e libero produce melodie senza alcun timore.

16 ABBECEDARIO Ancora Bagnati Ci stringiamo, Dune E venti in una Fredda e umida Giornata di pioggia Hanno il sopravvento. Il mare mormora La luna appare Ma noi Non temiamo Ostacoli: Passeranno Quando il buio però Riempie l'aria e la Sabbia: Tremo. Un lampo Veloce incide una Zeta, ed è notte.

17 Sembra oramai tremare torbido il cielo e mosso : colora in questo mare che di corrente è rosso. Piccole gocce di acqua tintinnano veloci cadono acqua su acqua e paion tante voci. Cantano per il Vento che è loro direttore e smuove l aria lento accanto lì al dolore della nascosta luna. Lei osserva la tempesta lì verso quella duna piange pallida e mesta.

18 IL MARE DI SERA Un mare crespo e denso di tenue schiuma intero tinto a fondo di incenso lontano è ancor più nero. Nel mare ondoso sembro scivolare tra onde di acqua e vento e il fondo ansioso non accontentare voglio, ma lamento nei piedi e nel fiato normale stanchezza. Mi stendo leggera, ho sul viso una brezza, laggiù sdraiato il mare lui di sera. UN PETTIROSSO Vedo nascosto su quell alta cima un pettirosso che con le ali mima un albatro, e poi cade per troppo ardire di quel grande volo: con quelle piume così vive e rade atterra e lì si gira tutto solo.

19 FERMAGLI Uno strano intreccio di dettagli caratterizza quei buffi fermagli che strettamente posano i loro arti fra i capelli in così tante parti sparsi e lunghi come tanti rami o tovaglie dai fini ricami. Trattengono senza alcun timore quei fili scomposti in più dimore e nascosti da quello spessore di una chioma che sembra di more, non temono certo oscurità né sono affetti da vanità. GIOCO Attorciglia contento quel buffo fil di rame con uno sguardo attento come fosse un esame. Che cosa costruisce se non quella figura che per prima intuisce? Con manina sicura una bella spirale tiene lui soddisfatto e forse ciò che ha fatto vi sembrerà banale, ma quella attività almeno in quella prova il suo percorso trova nella normalità e un attimo di pace nel mondo che a lui tace.

20 SOLO UN DOPPIO ARCOBALENO Prima parte 1 Avanzava a passi lenti sotto la pioggia di quel venerdì. E la grigia Parigi partecipava allo stato d animo del suo cuore: Jerome aveva tradito la sua fiducia. Continuava a passi sempre più lenti, quando infine si fermò davanti a una vetrina. Si guardò le scarpe: erano completamente e inesorabilmente bagnate. Si specchiò tra le gocce d acqua che scivolavano sulla parete liscissima e iniziò a ridere. Una risata che si ostinava a non voler scegliere tra l ironia e l isteria; ma in certi casi non è certo l affidabile mente a decidere. I lunghi capelli rossi si affacciavano sulle spalle coperte appena da un maglioncino nero, che traforato lasciava intravedere la maglietta argentata. Gli occhi di un azzurro vivo come il mare della sua Bretagna erano ora grigi, tanto che quella maglietta sempre di un colore così spento appariva, in quella circostanza, brillante. Improvvisamente smise di piovere. Istintivamente volse lo sguardo al cielo. Com era grande! Quell infinità la fece sorridere, ma per una strana legge, che lei si divertiva a chiamare la legge dell autobus che frena in corsa, le lacrime continuavano a scendere dai suoi occhi, loro così simili al vetro lì accanto. Come quel vetro lei avrebbe presto smesso di piangere, avrebbe presto cambiato aspetto, avrebbe presto ricominciato da capo. S incamminò lungo rue des Favorites e, arrivata alla cassetta gialla della posta, aprì la borsetta per prendere la lettera. La stava ancora cercando nella confusione di quella che sua sorella Sophie chiamava la borsetta di Mary Poppins, quando il cellulare squillò. The last resort degli Eagles cominciò con le sue prime note. Anne prese il cellulare e, dopo aver controllato il numero, lo gettò altrettanto velocemente nella borsa. Chiuse la cerniera a lampo come per scongiurare un attacco da quel malefico samsung. Immobile, con il cuore che correva, cercava di capire il motivo di quella chiamata. Le vennero addosso due bambini che si stavano rincorrendo. Per poco non perse l equilibrio (anche se in un certo senso fu proprio così). Accettato quel pardon gridato in coro dai due, guardò il cielo: un doppio arcobaleno la fissava. [ ] 2 Un brutto sogno l aveva svegliata nel cuore della notte. Si ributtò sotto le coperte e richiuse gli occhi, ma non riusciva a dormire. Nel vano tentativo di riaddormentarsi iniziò a pensare alla disposizione dei mobili nella casa. C era un modo per rendere il tutto più razionale? Bastava rifletterci un poco. Ma ogni stanza, ogni oggetto, ogni insignificante metro quadro di quella casa la faceva soffrire. Si girò più volte nel letto prima di riaddormentarsi. La sveglia le suonò poche ore dopo, ma se qualcuno le avesse chiesto la durata del suo secondo sonno lei di certo avrebbe risposto che erano passati solo pochi minuti.

21 QUARTINE 1) Rumore di pioggia che va veloce portando una nuova al cuore che piange e già sa di fango e lì l anima trova. Lei intrisa di brutti pensieri si scrolla la terra dal dorso non sogna più i grandi velieri ma piange per triste rimorso. 2) Mi chiedo come mai sarà bella, brutta,o così così, la vita mia a un altra età, se dirò mi, ti oppure ci.

22 FIORI DI PESCO Fiori di pesco nella stagione sì che preferisco mi ricordano che col tempo cresco

23 VIAGGIO AL MONTE ELICONA 1 parte Curiosa si rivolge all orizzonte che ancora acerbo persuasivo invita i passi suoi a quell agognato monte e sente sé di sasso ormai smarrita. Da doppia notte sono ricoperti gli occhi che caldi nel buio di gelo aspirano a restare solo aperti e combattono sì contro quel velo. Delle orecchie il tintinnante rumore che produce tormento non recede conduce i passi del debole cuore. Un brivido la scuote quando è là e la lingua si spezza perché vede luogo di pace e di serenità. 2 parte Tersicore coi piedi segna il tempo del suono sinuoso da Euterpe infuso nel mondo che è purtroppo ormai rinchiuso nell idea d Arte come passatempo. Sorride lieta Talia tra le note mentre vivace Clio giammai riposa. Calliope poi quelle vicende note narra a Melpomene e lei pensierosa osserva le stelle che Urania studia. Ed Erato compone tra i sospiri nuovi versi suggeriti dal cuore e dalla mente in cui Logos tripudia. Polimnia infine fa che le si ammiri dell arte silenziosa sua l ardore.

24 3 parte Sulla pietra poggia l acqua e tace; la capretta si staglia qui e sorride dormiente sulla pietra che la uccide L insetto d oro e d ebano lì giace con quelle dolci, belle, piccole ali che ricercano ancora fresche arie. E le offre alle Eliconie che immortali proteggono i cuori dalle barbarie umane e le sofferenze addolciscono nel cammino già aspro di viandanti. Si inchina lei solenne alle divine che di comporre suoni mai finiscono e si allontana dai loro bei canti lentamente percorrendo stradine.

25 Livia VICENTINI (1992) La stanza è gialla. Ma non è un bel giallo zabaione, o crema. È un bel giallo vomito. Anche le scomode sedie su cui lei è seduta sono gialle. Di un bel giallo limone. Attende il momento del giudizio giocherellando con il cellulare e stropicciando l orlo della maglietta bianca. Come una qualsiasi bambina della sua età. Una bambina di diciotto anni e tre mesi. L infermiera entra nella piccola sala d attesa, gialla, e le sorride incoraggiante. Il dottore ha detto che tra poco toccherà a lei. Lei ricambia il sorriso con uno timido e spaurito. Tranquilla, dice l infermiera, non hai nulla da temere. Annuisce e torna al suo cellulare lasciando che i capelli spettinati le ricadano davanti al volto come una barriera. Il rumore dei tacchi dell infermiera che esce dalla saletta spezza il silenzio. 194 E rimangono solo lei e il silenzio nella stanza giallo vomito. Quando sente di nuovo i tacchi sul pavimento, si alza gettando il cellulare nella borsa. L infermiera entra seguita dal dottore che non sorride. L ultima volta sorrideva. Perché non sorride? C è forse qualche complicazione? L uomo apre la bocca e lei attende. Quattro mesi sono passati. Ne restano cinque.

26 Leoni Devi diventare un leone, gli avevano detto semplicemente. Il suo Ma si era perso nel silenzio assordante di quella pianura fintamente vuota e dall erba bruciata. L aria aveva lo stesso odore dei falò che facevano d estate al suo villaggio. Uno spintone lo fece cadere al suolo com era rossa la terra. Mentre si rialzava l urlo del Vecchio spezzò il religioso? silenzio che era calato, quasi fastidioso, da quando erano arrivati. Il Vecchio e i suoi collaboratori passarono tra i giovani, che ammiravano quel desolato paesaggio, dando in mano a ognuno un oggetto che gli ricordava spaventosamente le pistole ad acqua con cui giocavano d estate. Era solo più pesante e più nero. Spaventoso, appunto. A casa sua c era sicuramente il sole che faceva splendere l acqua del mare. Lì invece; in quella terra dimenticata da Dio e dagli uomini, la polvere sospesa nell aria copriva il sole come le nuvole. Che non promettevano pioggia, solo altri ordini dall odore ferroso. Il loro compito lì, però, era semplice. Come in un qualsiasi gioco dovevano solo colpire il numero più alto di avversari. Pecore. Erano pecore. Senza venir colpiti. Voi siete i leoni!

27 E strana. Non è normale. Dicevano. La accusavano di essere diversa. Ma lei non dava loro retta, persa com era, in altri mondi. Illusion of Normality Dov è ora quella? domandavano tutti. Voci che si sovrapponevano creando una cacofonia di suoni inutile e insopportabile. La piazza del piccolo paesino era gremita di gente che cercava e accusava. Chi, probabilmente non lo sapeva nessuno. L importante era semplicemente cercare, adeguarsi al resto della popolazione. Se qualcuno avesse visto la scena dall alto, probabilmente avrebbe scambiato quegli orgogliosi e rudi uomini di campagna per uno sciame di formiche impazzite. Ma nessuno poteva volare. Non in quel mondo almeno. La Bambina sapeva che in altri mondi qualcuno in grado di volare c era sicuramente. Lei una notte l aveva anche visto. Aveva cercato di catturarlo, ma le era sfuggito dalle mani. Il fallimento però non aveva importanza. Un giorno le avrebbe insegnato a volare e lei sarebbe scivolata via, sulle ali del vento. La Bambina era sdraiata sul prato, la testa posata sulla mantella rossa, lo sguardo vacuo che guardava oltre. Il gatto dei vicini, acciambellato a scaldarle il cuore. Sull erba, accanto a lei, un vecchio blocco consunto e una matita spuntata. Un rumore di passi destò il gatto dal suo fragile sonno. Ma non disturbò lei. Un sassolino colpì la testa del gatto che si alzò e si allontanò sdegnato e infastidito. Ehi, Stramba, cosa fai? Al villaggio ti cercano tutti. Questa è la volta buona che te la fanno pagare. Già. Sei nei guai, Stramba. La Bambina, come di consueto, alzò appena lo sguardo vuoto sui ragazzi del villaggio e tornò al suo mondo. Si portò distrattamente una mano dove prima c era stato il gatto e dove forse avrebbe dovuto sentire battere qualcosa. Ma nelle orecchie aveva solo il fischio di treni in partenza, l abbaiare di mille cani, il rifrangersi delle onde di un oceano lontano e della pioggia che batteva tormentando una piccola città di periferia. Voltandosi sulla pancia la Bambina raggiunse il blocco e la matita senza doversi alzare e, con l erba fresca che le solleticava la pancia, appuntò qualcosa su un foglio pieno di scarabocchi e annotazioni varie. Quand era nata l avevano chiamata Fiamma. Fiamma per via dei capelli color del fuoco che spuntavano sulla testolina rosea. Dopo tanti anni trascorsi in altri mondi i capelli erano rimasti dello stesso colore, erano solo diventati più stopposi e incorniciavano un volto dal colorito pallido.

28 Perfino in quel momento l unica nota di colore erano i capelli che si mischiavano alle fiamme che la circondavano. Violente. E fameliche. Il suo volto era privo di qualunque espressione, anche se le fiamme le lambivano il corpo. Gli occhi guardavano le stelle senza vederle veramente, persi in un altro azzurro. Intorno alle fiamme la folla urlante aizzava sé stessa contro la Bambina. Strega, dicevano. Strega, gridavano. Strega, urlavano. Non c erano lacrime per lei che era colpevole solo di vedere altri mondi e di amarli. Più di quello in cui era nata. Un sussulto lo scosse e un fremito attraversò anche la folla, in attesa di un urlo di dolore che avrebbe squassato persino la terra. D altronde lei era strana. Era la figlia di un Demonio. No? Ma non accadde nulla di tutto ciò. Fiamma aprì appena la bocca, come per parlare. Ma non lo fece. Non lo faceva mai. Forse non ne era in grado. Poteva solo vedere, lei. E vedeva in quel momento. Vedeva più nitidamente di quanto avesse mai fatto. Vedeva quel ragazzo volare, davanti a lei e sbeffeggiarla dall alto con le sue belle ali piumate. Pareva un Angelo. Istintivamente gli tese la mano. La folla vide soltanto le fiamme avvolgerla, divorandola. Premessa dell Inferno a cui l avevano destinata. E gridavano, e ridevano, loro all Inferno. Fiamma, Fiamma. Brucia per noi Fiamma. Brucia e Splendi. Illuminaci la strada. Brucia per noi Fiamma. Brucia e Splendi. Ardi ancora per noi. Brucia per noi Fiamma. Brucia e Splendi. Muori per farci luce. Brucia per noi Fiamma. Brucia e Splendi. Muori e diventa una stella. Brucia per noi Fiamma. Brucia e Splendi. Ardi nel nostro cielo Fiamma.

29 Grazia Maria MARZO (1990) OMAGGIO A DANTE Oh, professore, che grande emozione! Domandarmi potrà tutto l Inferno prossimamente L interrogazione! Valore ha la commedia certo eterno: nell animo solleva sentimenti ch io però difficilmente esterno emozioni profonde travolgenti, non so come definirle potrei lame affilate sembrano, taglienti. Il mio stupore partire farei dall attualità di quelle parole. Col proprio ingegno può l uomo direi raggiungere ciò che ottenere vuole. Chi ricerca le vaste epifanie del bello qui nelle realtà si suole un artista per le sue fantasie definire Del creato risplende in Dante la bellezza e melodie angeliche risuonano: s accende nell animo del penitente onesto la volontà, non più infatti si arrende al peccato, ma sperando che presto degno di ricongiungersi a Dio sia della purgazione prosegue lesto il cammino, vivendo un agonia dolce. Avvolto in un silenzio dorato invoca con fervore di Maria il santo nome e verso l alto alzato il capo di vedere il Paradiso, d uno splendore candido irradiato, brama. Qui sembra ovunque che inciso sia l amore, qui raffigurazione

30 di Dio su nell alto dei cieli assiso è la luce sì massima espressione.

31 CREPUSCOLO Un timido chiarore tra gli abissi di tenebre s accende e poi scompare. Tra nubi e soffi di color magenta greve discende la notte. La luna imperla di rugiada argento le forme. LO SCIENZIATO Resta seduto lì per ore e ore e pensa e calcola sperando di svelare profondità e segreti. È il desiderio di penetrare nel mistero. Collezionista di conoscenza sperimenta quanto sia difficile dare un occhiata alle carte di Dio.

32 Luisa IERVOLINO (1991) Finché Inverno Non Ci Separi. C era una volta un Giardino bellissimo, che sorgeva vicino al mare. Lì stavano moltissime e diversissime floreali creature, ognuna con il suo incantevole aroma, che si mischiava in una piacevole danza con quello del sale marino. In questo Giardino c erano tanti Arbusti da frutto, tanti Cespugli a macchie gialle, rosa, viola e blu; tutti in gruppo, ognuno col suo simile, come sull arca di Noè. Ma in quella biblica scena solo una verde creatura era rimasta senza compagno. Un unica pianta di Giglio, sola. Non bella, non brutta, ma solida e resistente al vento. Stava in disparte nel Giardino, così che sembrava che anche i cespugli la guardassero con disprezzo. La pianta generò un solo Bocciolo con tutte le sue forze, a fatica, come a voler dimostrare alle altre piante crudeli di saper mettere al mondo un Giglio bellissimo, dal candido colore. La neomadre voleva ora sentire le dolci parole del Padrone di casa, che lì l aveva piantata; voleva essere orgogliosa del suo pargolo. Eccolo! Arriva! Sembrano gridare i Cespugli quando il vecchio Padrone di casa si trascina fino al Giardino. Lento il passo, stretto tra le sue dita stava un gambo ignoto. Sul capo del verde corpo, un piccolo vermiglio Bocciolo, ancora acerbo. Ai piedi della pianta di Giglio, il Padrone apre una buca e vi poggia le caviglie mozze di quella nuova pianta. Una accanto all altro, sotto lo stesso Cielo, una Rosa rossa piantata accanto alla solitaria, linfatica, stanca creatura di Giglio vestita. Piccolo figlio mio, destati! Ammira questo essere che il Destino ci ha posto vicino! Alle parole della dolce Madre, il bianco fiore si dischiude, stropicciandosi i petali con le foglioline addormentate. Impossibile distoglierle gli occhi di dosso. Calamitanti sfumature la vestono. Splendido il suo profumo, più dolce del miele che portano le Api nell aria. Amore a prima vista. Lui guardava lei, lei non lo guardava affatto. E i Cespugli attorno ridevano. Che ridano pure! dicevano al Giglio le Api rumorose, e lui rispondeva guardando solo la sua bella Rosa, come se fosse stato colpito in pieno dal classico fulmine a ciel sereno. La sera, alla luce della Luna, il Giglio cantava per Lei con la voce del Vento. Era consapevole dell impossibilità di quell Amore. Madre, Lei è così bella ed elegante. Come potrebbe mai amarmi se neanche sa che esisto? Mi si gela la linfa al solo pensiero di rivolgerle la parola. Vorrei, ma ho il labbro muto, e non so parlare. Piangeva il Giglio sulle foglie della genitrice. Non posso che amarla da lontano, sperando che almeno gradisca il mio canto. E passavano i soli e le lune sulle loro chiome. Un bel giorno di Primavera, quando le Cavolaie si inseguono in una passionale coreografia, il Padrone scese in Giardino. Teneva in mano un oggetto che le piante avevano visto molte volte. Il Padrone le chiama Forbici e le usa per accorciare i rami degli Alberi da frutto del Giardino. Ma stavolta no. Si sposa sua figlia! gridò un Cipresso, che aveva sentito uscire, dalla sua altezza, le parole della finestra della camera della giovane. Vorrà un bouquet! Le Piante restano mute, trattengono il fiato, sperando di non essere proprio loro a dover ornare la Sposa. Poi, dal nulla, un urlo vegetale. Alla pianta di Giglio viene portato via suo Figlio, recise le sue caviglie con le Forbici, letale strumento. Minuti, lunghissimi minuti dopo, il bianco fiore si ritrovò in un vaso trasparente, con l acqua che gli solleticava i piedi feriti e accanto ad altri fiori recisi come lui. Mai aveva

33 provato il contatto con altri che non fossero sua Madre. Nella moltitudine di odori e colori la vide. La sua amata Rosa gli era capitata accanto nel caos del vaso. Il giovane Giglio ci mise circa tre ore per convincersi a parlare. E con voce emozionata riuscì solo a dirle Ti amo. Lei, imbarazzata (non curante di essere rossa già dalla nascita), emise un sospiro di sollievo, rilassando i petali vermigli della sua chioma. Meno male disse a bassa voce, non volevo essere io a dirlo per prima. Nel dì delle nozze della Figlia del Padrone di casa, stretti nel bouquet c erano un bellissimo Giglio e una splendida Rosa rossa, i più belli tra i Fiori del mazzo. Quel giorno i due giovani esseri vegetali si sposarono. E vissero felici e contenti, lo spazio di un mattino.

34 L idea Non la notai, non mi notò. Non saprei dire chi fu di noi due a scegliere l altro.

35 Benedetta GIULIANI (1991) L urlo del gabbiano Volava molto placido un gabbiano che all ondeggiar del mar si rallegrava e a ogni pescatore non negava i suoi curiosi sguardi da lontano. Ricambia le sue occhiate una fanciulla che tiene il bel poeta per la mano, rapita ora lo elogia, anche se invano Il poeta non vuol saperne nulla, anzi un fucile imbraccia per l invidia. Colpire quel pennuto è l intenzione, lo punta al cielo E il sogno suo corona. Così oramai il volatile falcidia; memoria rimarrà dell uccisione: in cielo ancora l urlo suo risuona.

36 Stornello (a Baudelaire) Fior di giardino, ebbro di male e di verde veleno il flâneur giace. Nel calice il vino.

37 Flavia CRISCIOTTI (1990) Penna Pallida e pensierosa e lei mi guarda, a me si accosta con le mani fredde, algida mi tocca e l inchiostro gela Se mi afferra, una Musa può donarle smaglianti idee azzurre e cristalline con salati pensieri di corallo. Teme fondali che di antico odorino: non mi impugna, ma resta pensierosa.

38 Signora apparenza Sulla soglia sta una vecchia sciapa e candida nel capo, poi lunatica si eclissa. Sulla soglia sta una bionda, di oro spumeggiante adorna e solare ti sorride. Metamorfosi conforme alle leggi già mondane che la dea Venere impone a chi fugge d età l eco.

39 Sara BELLI (1991) La verità nella landa La landa soffre di solitudine; aridità dell anima talmente vivida da segmentare in piccoli mattoncini sconnessi la sua pelle. All orizzonte, improvviso, un colore giù dalle montagne, ancora un ombra di quel che poi si vedrà, più sincera di quando poi si rivelerà; un puntino quasi, di una cromatura fredda, sarà un verde o un azzurro, sembra scalpitare come se avesse patito una lunga attesa. Un altra sagoma si profila dalla distesa delle steppe lontane: questa è di un calore caldo, tra l arancione e il rosso, una piccola immagine ancora leggera. Fiamme nella nebbia, avanzano uno da una parte, l altro dall opposta. È ormai deciso che si incontrino. Si cercano: si pretendono. Miscela di due corpi che non intendono se stessi, ma è un letale fondersi di un uomo e di una donna, fusione suggellata dal vento che invano cerca di separare i due corpi. Un raggio illumina la landa, ormai eclissata davanti a quella verità, che, con semplicità, insegna l amore.

40 Io sono l inquietudine che fa penare gli uomini. Di fronte a me rovinano gli imperi. Sono la coppa del piacere che profuma di rosa e di mughetto. Figlia della Purezza e del Peccato che ha per dimora uno splendido letto. Essenza sono, spirito. Nient altro che calda proiezione di una dolce notte d Oriente. Ho un solo fine: la Follia di un istante senza futuro. Vi chiedete chi io sia? Sono l ardore, e fame e febbre, sete e smania. Ancora non avete capito? Il nome mio è Desiderio. Ileana CAMERATA (1989)

41 Carlotta DE GAETANO (1989) 6.40 di un giorno X STORIA DI UNA SCONOSCIUTA Primo pensiero: Di nuovo Ormai erano due settimane che si svegliava così tardi, con il grandissimo rischio di perdere il lavoro se avesse continuato a non arrivare in orario in ufficio. Sempre tutto di corsa: lavarsi, vestirsi, addentare un cornetto e uscire di casa con la giacca sopra solo una spalla e il cornetto che spunta dalla bocca, come la coda di un topo che sbuca dalla bocca del gatto. Tap, tap, tap Il rumore dei tacchi che calpestano il marciapiede di quella strada deserta alle sette del mattino; una luce fioca viene sprigionata dalla saracinesca mezza chiusa del fornaio. Cammina, sente un forte odore di pane, non vede, ma sa che cosa sta succedendo, ne è sicura, lo immagina: il panettiere sta sfornando il pane caldo dal forno e lo sta facendo scivolare, dalla pala di legno, sul tavolo, pronto per essere messo in vendita. Dall altra parte della strada il giornalaio sta sistemando le riviste e i quotidiani. Tap, tap, tap cammina, cammina, è tardi Arriva alla fermata dell autobus, guarda l orologio. Wow sto diventando sempre più brava solo sei minuti per arrivare alla fermata del bus, venendo da casa. Complimenti vivissimi a me stessa, anche se credevo di averci messo dei secoli. Arriva l autobus che la porterà a destinazione; sale i tre scalini, c è un posto, si siede. Si guarda intorno. C è un bambino seduto di fronte a lei, accanto la presunta madre. Che buffo che è!... E stupendo guardare i bambini. Sono ingenui. Non si accorgono che li stai fissando, o forse se ne accorgono ma non gli interessa. A un tratto le sembra che tutte le poche persone sul bus stiano guardando il piccolo, ma è solo un flash. I bimbi sono così squisitamente dolci quando tentano di capire le cose. Eccolo, eccolo; ha un pacchetto di caramelle in mano. Lo osserva. Lo scruta. Lo gira. È vuoto. L ultima caramella la sta masticando lui, svogliatamente. Avvicina il pacchetto al volto, restringe il campo visivo socchiudendo gli occhi e muove le labbra. Sta provando a leggere. Interpella la mamma tirandole la manica della maglietta, sbarrando gli occhi e spalancando la bocca per mostrare un gran sorriso senza denti. Tutto eccitato indica il pacchetto e dice qualcosa La mamma sorride, ma è triste o, per meglio dire, è stanca, risponde qualcosa, ma io non sento, c è troppo rumore. Scende dall autobus, fa dieci metri ed entra nella metro. Fa freddo. La velocità dei treni provoca uno spostamento troppo forte. And so it is / The shorter story/ No love no glory/ No hero in her skies / I can't take my eyes off of you/ La musica le rimbomba nelle orecchie. Cammina spedita, volto serio, non guarda in faccia a nessuno, non si sposta per nessuno, nessun sorriso, soltanto la musica triste e malinconica che suona e smuove i suoi timpani. Nel cervello un insieme di turbini e vortici colorati danzano felici, come le foglie che cadendo dagli alberi piroettano allegre finché non muoiono, giacendo sul terreno.

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI per tutte le occasioni SeBook Simonelli electronic Book Tre pensieri prima dei sogni: il primo per i tuoi occhi dolci, il secondo per il tuo viso delicato, il terzo per

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA La voce della luna Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA Poesie Con questo libro ci sarebbero tanti da ringraziare, ma mi limito solo a ringraziare tutti coloro che mi vogliono bene, e un ringraziamento speciale

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa,

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, POESIA DEI BAMBINI Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, una bambinetta tanto magra, e soddisfatta, senza una famiglia,

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

Commemorazione degli adolescenti suicidi Raccolta di poesie di Giulia Venturini

Commemorazione degli adolescenti suicidi Raccolta di poesie di Giulia Venturini Commemorazione degli adolescenti suicidi Raccolta di poesie di Giulia Venturini 1 editoriale Ieri ho sofferto il dolore, non sapevo che avesse una faccia sanguigna, le labbra di metallo dure, una mancanza

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006 La donna e l uva Fotografie e versi di Ico Gasparri 2005-2006 (1) A02232 corri corri corri e soffri e salta sul cuore della terra e quando sarai felice salta e ridi e porta con te i figli tuoi a ridere

Dettagli

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me.

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me. BEATO L UOMO Beato l'uomo che retto procede e non entra a consiglio con gli empi e non va per la via dei peccatori, nel convegno dei tristi non siede. Nella legge del Signore ha risposto la sua gioia;

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

José Ramón Trujillo. di andare fino alla porta e di aprirla; e spalancare la bocca e bersi quest alba), si alzano all orizzonte clarini di fiamma.

José Ramón Trujillo. di andare fino alla porta e di aprirla; e spalancare la bocca e bersi quest alba), si alzano all orizzonte clarini di fiamma. Terra di nessuno * José Ramón Trujillo Mentre l ombra è ancora, oltre i muri di pietra, un immenso desiderio d esser vivo (un immenso desiderio di mettersia camminare tentoni per la casa; di andare fino

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è malinconianuda sono qui nuda appesa al chiodo della mia malinconia di questa mia grande malinconia che è qui presente incolmabile immensa e mi tiene prigioniera il capo reclinato i capelli sciolti e biondi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA (Buio, musica, voce narrante inizia a raccontare) VOCE NARRANTE Questa è la storia di Felice, un topolino che vive in un parco meraviglioso. FELICE IL TOPOLINO VIVE IN QUESTO

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

UN ARCOBALENO. Ho colto per te, un fiore tutto colorato sotto un arcobaleno colorato con di fronte a me un paradiso stellato. Matteo Bertoli, 1B

UN ARCOBALENO. Ho colto per te, un fiore tutto colorato sotto un arcobaleno colorato con di fronte a me un paradiso stellato. Matteo Bertoli, 1B UN ARCOBALENO Ho colto per te, un fiore tutto colorato sotto un arcobaleno colorato con di fronte a me un paradiso stellato Matteo Bertoli, 1B VELOCE Andare veloce come un fulmine o una saetta. Vincere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati,

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, L'indifferenza Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, nei suoi bagni che odorano di fumo di sigarette aspirate avidamente hai subito

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY caosfera www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Angela Grazioso Una corsa in bicicletta Essenza Angela Grazioso Una corsa in bicicletta ISBN 978-88-6628-203-7 copyright 2013 Caosfera Edizioni

Dettagli

FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i

FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i Chiam a ai num eri 066550684 e 0665499074 o invia una m ail a even t i@locan dadeim

Dettagli

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli