Compagnia degli Evasi COPIONE. Monologhi scritti e diretti da : MARCO BALMA interpretati dalle attrici : Vanessa Leonini Elena Mele Mafalda Garozzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Compagnia degli Evasi COPIONE. Monologhi scritti e diretti da : MARCO BALMA interpretati dalle attrici : Vanessa Leonini Elena Mele Mafalda Garozzo"

Transcript

1 Pagina1 COPIONE Monologhi scritti e diretti da : MARCO BALMA interpretati dalle attrici : Vanessa Leonini Elena Mele Mafalda Garozzo Monologo 1 In piedi davanti ad uno specchio immaginario si trucca. Non lo faccio per apparire più bella. Essere immersa dentro di me, con un filo di trucco sul volto, il respiro lento, il pensiero ancora più lento, quello che serve per fare piani, piani per il mio presente. Perché domani non esiste, il domani è soltanto un oggi che deve ancora svegliarsi. No, non lo faccio per apparire più bella. Lo faccio perché adoro vivere; mentre le dita sfiorano la pelle in una lieve danza di bimbo e mentre il silenzio guida i miei gesti ho il tempo di ascoltarmi. La mia giornata è troppo impegnativa perché possa darmi retta. Mi dico: Me lo dirai stasera. E adesso posso farlo. Posso ascoltare le piccole grandi emozioni che mi accompagnano. Cerco di decifrare le impercettibili deviazioni dalla strada maestra, l illusione delle certezze, la pesantezza dei miei passi, la leggerezza delle mie imprecisioni. Davanti allo specchio la gente tende a vedere soltanto il miracolo ottico che trasforma la luce in immagine. Io invece riesco a vedere al di là del vetro. Sarà per questo che mi chiamo Alice? Io vedo ciò che sono. Per questo lo faccio. Per ricordarmi di ciò che sono. Sono una donna. Uno spruzzo di vivacità che cerca di non perdersi di vista aggrappandosi al debole salvagente del proprio carattere. Lo faccio anche per sciogliere la fatica. La fatica di essere donna. Ha finito di truccarsi Ecco! Così! Adesso posso parlare un po con me. Ascoltare la mia fatica. Ho scelto io di avere tre figli. Sai, la sensazione assolutamente magica di tenere una vita tra le braccia. L adrenalina che sale ad ogni tocco di quelle piccole mani, ad ogni sorriso, ad ogni lacrima,mi ha inebriato così tanto che ho voluto triplicare l esperienza. Sono il mio primo pensiero e il mio ultimo pensiero. Sono il parchè di ogni cosa, e mi appoggio a loro più di quanto loro si appoggino a me.

2 Pagina2 Lo so che può sembrare difficile da comprendere, e molti non sono riusciti a farlo, ma è per loro che ho scelto di mantenere il mio lavoro. Perché non avessero una madre che potesse confondere l amore con l oppressione, che non fosse tentata di barattare la dedizione con l obbedienza. Non volevo commettere l errore di sostituirmi alle loro vite; volevo imparare dalle loro domande. Per questo ho voluto mantenere me stessa. Staccarmi da loro per poterli accogliere. Volevo pensare col cuore, amarli con la mente e onorarli con entrambe. Fatica. Ho sempre pensato che il lavoro facesse parte di me, semplicemente. Non mi sono mai chiesta se avrei voluto lavorare, come non mi sono mai chiesta se avrei voluto dei figli, o un uomo da amare. Certo che sì. Non è questa la vita? Bé magari con l ultima parte c è stato qualcosa che è andato storto. Ma pazienza. Quello che ho supera di molto quello che mi manca. Comunque se dovessi rinascere chissà, potrei farlo come uomo. Così, tanto per capire. Per capire quei mutismi. Per capire quelle assenze. Per vedermi con gli occhi di chi non ha compreso che bastava guardarmi senza fare domande. Fatica. Lavoro d ufficio, contabilità, aridità simili. Non era proprio il mio sogno. Ma è quello che sono stata capace di realizzare con le mie forze. Avrei voluto sorvolare altre terre. Lanciarmi nei grandi campi della filosofia, della letteratura, che so, scrivere, recensire, criticare. I numeri non avevano fascino per me. Ma li capivo. Avevo un cuore letterario e una mente matematica. Non dovremmo mai disprezzare i doni che abbiamo. Inseguire i sogni, certo, con ostinazione, senza perdersi d animo, per tutta la notte e oltre se necessario. Ma al momento del risveglio il nostro sogno interrotto deve servire a farci accettare la realtà. La mia realtà è superiore ai quella di molti. E per questo che posso ascoltare la fatica. E superarla. Avevo tutto dalla mia parte. La giovinezza. L energia, l entusiasmo, un paio di amici fidati e un amore. Non c era dubbio. Avrei avuto tutto. La prima lezione fu: le scelte che fai ti appartengono soltanto per una piccola parte, il resto non è roba tua. E così la mia carriera prese il volo sulle note stridule del pianto dell ultima nata; che musica quella signori!! E sì, un po mi dispiacque, la resa della mia corsa all oro avrebbe meritato un colonna sonora forse più solenne. Naturalmente i colleghi maschi non hanno capito, il mio ex meno di tutti, ma è proprio per quello che è diventato ex. Non potevano capire che il lavoro può essere un ancora di salvezza, non perché sia soluzione, ma perché può essere l altro piatto della bilancia. Ciò che ti da l equilibrio necessario perché tu possa affrontare le tue giornate squilibrate. Può essere l unica cosa ferma mentre tutto il resto vacilla. Se non avessi avuto quella parte, sarei stata soltanto confusione e rimpianto. Questo un uomo non riesce a capirlo. Non voglio dare però l impressione che io sia una che ce l ha su con l altro sesso. Quindi vi dirò che l unico che ha sempre accettato le mie decisioni è stato un uomo. Mio padre. Lui fa solo una domanda: Sei sicura? e con gli occhi ti fissa con la dolcezza più severa del mondo. Con quegli occhi addosso riesci ad analizzare, sviscerare, scomporre il tuo problema, mentre ti guarda non riesci più a prenderti in giro, sei costretta a confessare, ammettere, superare e in quel breve battito d ali, trovare la verità. Sì, papà sono sicura! Lui allora sorride. E

3 Pagina3 in quel sorriso c è tutta la sua approvazione, il suo sostegno, il calore di un abbraccio, il tintinnio di due bicchieri che si scontrano e brindano alla tua decisione. Con gli anni è diventato un gioco tra di noi, anche se tremendamente serio. Io sto per chiedere, lui sta per fare la sua domanda, io sto per dare la mia risposta e lui sorride. E così i problemi i dubbi, i se, i ma, si addormentano tra le pieghe del suo viso, e mi lasciano più forte di prima. Mio padre è l unica persona che conosca che riesce a parlare stando zitto. Ma pur con tutto l aiuto possibile da allora è stata una vera corsa. Ed io modestamente, nella corsa do il meglio di me. Perché quando corro ho un metodo infallibile per arrivare prima: mi fermo. Sapete quelle giornate grigie? Quando piove anche dentro di voi. Quando la febbre ha preso in ostaggio il primogenito e Il secondo è in guerra per un cartone animato. Le rata sta per scadere, il riscaldamento è andato in tilt, e la collega ha il muso. Quando hai dovuto studiare la scacchiera fino alla diciottesima mossa per poter arrivare a sera e già alla terza mossa il cavallo si azzoppa e ti conferma, se ce ne fosse bisogno, che nel grande disegno del mondo, tu non sei la regina. Sei soltanto un pedone. Nero. Ebbene in quei momenti, io riesco a fermarmi. Non so come sia possibile, ma riesco a farlo. Mi piazzo davanti alla finestra e guardo fuori. Squilli pure il telefono. Continuino pure a chiamarmi dal fondo del corridoio, continuino pure a ripetere scuotendo la testa: Che cazzo sta facendo Alice? Che sto facendo? Sto guardando fuori. Sto cercando qualunque cosa possa ricordarmi che non sto per morire. C è un signore. Un anziano. cammina lentamente. Non ha l ombrello. Intravedo qualcosa sotto il cappello bagnato. Un auricolare. Forse è sordo. No. È un mp3! Sta ascoltando musica! C è un anziano che fregandosene della pioggia battente sta passando sotto la finestra del mio ufficio con le cuffiette. Ecco quello che volevo vedere. Sorrido. Grazie uomo anziano. Grazie a te posso sorridere anche oggi. Posso rispondere al telefono. Posso rispondere alla voce che insiste dal corridoio. Posso fare la coda alle poste per quella scadenza, comprare un libro per pagare il riscatto all influenza, alzare bandiera bianca noleggiando quel cartone animato. Lo vedremo tutti assieme questa sera, con la piccina rannicchiata tra le mie braccia e il suo visino che sbuca dal plaid come una foca dal ghiaccio. Rientrare in ufficio, far tornare il buon umore alla collega con una battuta sulla moglie del capo, concludere la giornata e raggiungere casa con l ultimo goccio di benzina rimasto. Ha persino smesso di piovere. Scacco matto! Ce l ho fatta anche oggi. Sto bene. Sto bene quando agisco, quando parlo, quando sudo. Sto bene quando arranco, quando corro, anche quando cado, se posso rialzarmi. Sto bene con la gente. Sto bene sola. Sto bene con i miei figli. Sto bene col mio lavoro. Sto bene anche quando sono incazzata. Amo l energia che mi scorre nelle vene mamma, che ci posso fare. Sto bene con te, ma non me ne volere, sto bene anche senza di te. Grazie per quello che fai per me, ma non dirmi che non mi voglio bene, che se fossi stata, che avrei potuto, che non si può con tre figli.questa sono io. Se piango consolami. Se rido, ridi con me. Se sbaglio perdonami. Se prendo il volo lasciami volare. Comincia a struccarsi. Ma cosa voglio io? Cosa veramente voglio? Voglio questo. Questa tranquillità. Questo silenzio. Questo tocco leggero sul mio viso. Una voce nuova che mi dice che sono ancora bella. Cosa altro si può volere? Cosa altro volete voi? E voglio anche la girandola di emozioni, il saliscendi delle ore che brillano e di quelle che si

4 Pagina4 spengono. Lo squillo della sveglia alle sei del mattino. Voglio sentire per la centesima volta quel grido che risuona tra le mura della casa, quel mamma che mi fa alzare dal divano anche quando sono sfinita, Cosa altro si può volere. Cosa altro vorreste voi? E voglio voglio.voglio non perdere mai questa voglia di vivere. Perché mi piace essere una donna. Una donna senza trucco. Mi piace essere una donna. Una donna. Senza trucchi. Monologo 2 In piedi davanti ad uno specchio immaginario si trucca. Non mi piace ok. Non la sopporto questa manifestazione di esteriorità che dovrebbe valorizzare le mie qualità visibili a vantaggio dell altrui diletto. Ma non vorrai mica presentarti con quei jeans e quelle tue ridicole magliette? Tanto per cominciare non sono affatto ridicole. Anche perché, fatemi capire, se c hai davanti un settenano allora sei trendy, se invece hai una farfalla che si posa su un fiore sei scema? Ecco. Questo è proprio quello che mi fa incazzare. E non parlare in questo modo che in bocca a una donna certe cose suonano male. Perché una donna non si incazza? Che fa, si inquieta? E contrariata, è maldisposta? Io non sono inquieta, io sono incazzata. Con tre zeta? Chiaro? Ahhhh, non lo sopporto! Io il rossetto non lo sopporto. Un velo,solo un velo. Come cavolo si fa a mettersi un velo di rossetto?? Non ho studiato per mettermi il rossetto. Ok! Lo sai cosa c è sotto questa bella testina che per fortuna mi ha fatto un amica di mia madre altrimenti non bastavano 100 euro, lo sai cosa c è sotto? Un cervello. E grande così, se permetti! 110 e lode non lo vendono al mercato. E a questo cervello non ce lo puoi applicare il rossetto. Lui pensa, agisce e risolve. Senza rossetto. Ma cosa credono? Una si fa il mazzo per cinque anni e poi deve prendere la specializzazione in approccio al colloquio. Impara a sorridere. Il sorriso non deve essere troppo sfrontato ma neanche troppo ebete. L aggressività mal dispone ma l idiozia spegne la fiducia. Impara a tendere la mano. Una stretta troppo vigorosa denota nervosismo mal celato se non addirittura arroganza, una stretta troppo moscia è indice di debolezza e scarsa prontezza decisionale. Impara a dire buongiorno. Con tono deciso, articolazione pulita della parola, chiaro sintomo di buona salute e agio di fronte a situazioni difficili. Impara a sederti. Il fondoschiena deve aderire pienamente alla sedia. Guai stare sulla punta, ti sei già giocata il posto, o ad assumere una postura che confini con lo stravaccamento che ti collocherebbe in un area di volgarità. Metti i pantaloni così puoi accavallare le gambe senza problemi, sempre che l altezza della seduta non sia troppo vicina al pavimento, nel caso di divani o simili, nessuno vuole vedere la suola delle tue scarpe. Le Scarpe!!!! Niente tacco significa personalità poco affidabile troppo tacco personalità troppo affidabile. Persino il decolté della scarpa deve Il decolté!! non ti presenterai mica con una scollatura troppo audace non è mica un colloquio per entrare al grande fratello e.. BAAAASTAAA!!! Perché un uomo deve solo mettere una stupida cravatta per sembrare un uomo! Mentre una donna qualsiasi cosa metta rischia sempre di sembrare quello che non è? Ma la vogliamo smettere di giudicarci dall aspetto. Riusciremo un giorno a incontrare una persona e vedere in lei soltanto il possibile mondo che lo circonda, e di questo mondo essere curiosi. Sorprenderci di ciò che è ed apprezzarlo proprio per il fatto che non è ciò che siamo noi. Riusciremo un giorno a pensare all altro come ad un opportunità, una possibile esperienza Ecco appunto veniamo all esperienza.

5 Pagina5 Lei non ha esperienza. Lei? Lei chi? Lei io. Io non ho esperienza. Certo che non ho esperienza. Tu quando sei uscito dalla pancia di tua madre avevi forse esperienza? No. Ci hanno impiegato anni per addestrarti ad affrontare quell indecifrabile oggetto che si chiama vita. Hanno avuto fiducia in quel batuffolo di carne che eri, non ti hanno rispedito al mittente. Hanno creduto in te, pensando che un giorno avresti avuto di fronte una ragazza che ti chiede soltanto di restituirle quella fiducia. E tu che fai? Mi guardi con quell occhio bovino, e dici mi spiace ma non posso affidarle un così delicato compito. Delicato. Ma che stai dicendo?? Non pesare il mio passato, scommetti sul mio futuro. Prendimi per mano, insegnami, guidami, dammi informazioni, il mio cervello le saprà codificare, interpretare e ti fornirà delle soluzioni che tu non avevi neanche immaginato visto che è un cervello fresco straripante di vita, di linfa, di cuore, che ha fatto il pieno di conoscenza e di speranza, che ti porta in dote l entusiasmo e la grinta è che l unica cosa che gli manca in fondo è l esperienza. E seguito il minuto più lento della mia vita. Mi fissava in silenzio con le testa leggermente inclinata e poi ha detto: Va bene. Mi ha convinto. Mi ha assunta. Sapete cos è la felicità? Dai lo sapete. Prima o poi l abbiamo provata tutti. Bé insomma quella cosa lì che cominci a vedere tutto rosa e corri anche se non hai fretta e appena vedi lui ti butti tra le sue braccia gridando evviva e lui non ci capisce niente perché mentre lo abbracci e gridi evviva stai piangendo e lui ti dice ma perché piangi e tu rispondi non lo so ma in realtà lo sai; è perché da domani cominci pure tu. Cominci a sentirti qualcuno, hai una responsabilità finalmente hai una collocazione nel tabellone del pianeta, puoi guardare in faccia da pari a pari quelli che escono la mattina presto e intasano le strade con le loro auto, o si accalcano sugli autobus, perché anche tu adesso hai un orario da rispettare, una meta, uno scopo, e sì, ce l hai fatta. Allora lui ti bacia e ti stringe e... Tre mesi. E durata tre mesi. Tre mesi di toast, caffè e cappuccini. Tre mesi di copia, incolla e stampa. Di rispondi al telefono e telefona, fotocopia, rispondi al telefono e telefona, imbusta le fotocopie, rispondi al telefono e telefona. E delle tue competenze manageriali, delle tue capacità organizzative, del tuo senso del dovere, del sogno di universitaria, neanche l ombra. E per il giorno di Natale il mio regalo è stato che non avevano più bisogno di me. Ed io ho chiesto perché. E loro mi hanno risposto, perché così va il mondo del lavoro. Quale lavoro? avrei voluto chiedere, quello da barista, da centralinista o da donna delle fotocopie. Ma avevo un groppo in gola che non riuscivo quasi più a respirare. Sapete cos è l infelicità? Dai lo sapete. Prima o poi l abbiamo provata tutti. Bé insomma quella cosa lì che cominci a vedere tutto nero e cammini lentamente perché tanto non c è fretta e appena vedi lui ti butti tra le sue braccia piangendo e lui non ci capisce niente perché mentre lo abbracci e piangi cerchi di parlare ma le parole inciampano e non escono e lui ti dice ma perché piangi e tu rispondi non lo so ma in realtà lo sai; è perché da domani sei di nuovo fuori. Non sei nessuno. Non hai responsabilità, non hai peso, non hai una collocazione, non hai un autobus da prendere o un orario da rispettare, una meta, uno scopo. Allora lui ti bacia e ti stringe e ti dice: Però hai tre mesi di esperienza! Cosa? Hai tre mesi di esperienza. Certo che quando vuole il mio ragazzo è forte. Non per niente l ho selezionato tra una fila abbastanza lunga di candidati. E non aveva esperienza; l ho capito quando mi ha baciata la prima volta, baciata,...un tentativo...ma me lo sono preso lo stesso, io, perché ho intravisto in lui delle qualità che andavano al di là della mera esecuzione tecnica. E poi gli ho insegnato molto e lui ha appreso con piena soddisfazione di entrambi e...va bé queste sono cose personali. Resta il fatto che avevo tre mesi di esperienza. E impressionante quanto poco occorre per far tornare il sorriso a una persona. Specie se quella persona sono io. Allora ho tirato fuori la spada e sono ritornata a combattere. Internet, le migliori aziende del

6 Pagina6 settore, curriculum, mail, foto, invio. Curriculum, mail, foto invio. Perché come non mi arrendo io, non si non arrende nessuno. E così via di nuovo a ritmo di samba! Per me può cominciare anche subito ma sappia che non la possiamo pagare. Ma lei mi offende per chi mi ha preso? Non penserà che sia una di quelle che pretende di essere pagata? Lei è molto attraente lo sa. Potrebbe fare una splendida carriera. Non lo metto in dubbio ma quel tipo di carriera lì lo riservi a sua moglie. Capirà che come primo impiego non possiamo garantirle un posizione adeguata alla sua preparazione. Dovrà come si dice fare la gavetta. Sarebbe??? Trecento euro al mese. Grazie li devolva pure in beneficienza e dica che glieli mando io! Ma quanti anni ha? Ventinove! E sposata! Avrei intenzione. Figli? Bé sa com è un paio bastano? Allora mi spiace niente da fare. Ma perché???? Perché lei è una donna. Oddio!! Sono una donna!!! Ho vissuto ventinove anni senza rendermi conto di questa disgrazia. Sono il sesso debole, la metà che zoppica; ho questa malattia latente che un giorno esploderà rendendomi inabile al lavoro, questa...maternità!! che mi condanna. Io io...io la ringrazio per avermi aperto gli occhi. Per avermi restituito la mia vera misura. Stavo ingannando me stessa. Ero convinta di essere un individuo, sa cosa intendo, una persona! e invece sono una portatrice sana di feti. E allora mi permetta di ricambiare. Vorrei regalarle anche io una piccola verità. Una donna non è solo femmina. Io non sono rosa! In me ci sono i colori dell arcobaleno. C è la feroce determinazione del distacco e il sapore dissonante del tuono. Non esiste un universo femminile dove coltivare ambizioni bonsai ed accettare quel paradosso criminale che nega alla donna la responsabilità di una guida nel mondo quando poi le affida l impresa più delicata e più grave: la formazione di un essere umano. E questa parte che il cielo mi ha riservato, anche se non dovesse mai realizzarsi, accresce in me la consapevolezza che se è mai esistita un impercettibile differenza quella è a mio favore. Perciò non vi seguirò lungo il fiume pericoloso che termina nel lago della paura, dove ci costringete a sfiancarci ai remi della subordinazione e del servilismo. Il futuro deve essere la spinta che mi sorregge non l angoscia che mi abbatte e ogni volta che incontrerò qualcuno che lo negherà e mi negherà, mi ergerò ancora di più nella mia statura per dimostrarvi quanto siete piccoli e inutili. Poi sono uscita. Mi sono seduta su una panchina del parco. Era una bellissima giornata. Il sole caldo, il mare tranquillo all orizzonte. Mi arrivava un profumo intenso di fiori. Un gatto mi è sfrecciato tra i piedi e io io proprio non ce la facevo ad essere triste. Ho guardato i bambini giocare e ho desiderato ardentemente che potessero crescere camminando sempre nello stesso sentiero. Diversi sì, ma un'unica mente, un unico spirito. Liberi. Comincia a struccarsi Ecco. Ci vado così. Niente trucco e niente trucchi. Se sarai in grado di vedere nella pulizia del mio viso l onestà delle mie intenzioni, l entusiasmo della mia ingenuità, il coraggio con cui so affrontare le delusioni, e se riuscirai a comprendere che sono queste e non altre le qualità in cui potrai riporre la tua fiducia e saranno

7 Pagina7 queste e non altre le qualità che ti porteranno i frutti che cerchi, allora eccomi qua. Sono pronta. Altrimenti non ha importanza. Ci riproverò domani. Non mi arrendo. Perciò a noi due. E che non vinca il migliore, ma che non ci siano vincitori, sia la parte migliore. Monologo 3 In piedi davanti ad uno specchio immaginario si trucca. Hai due possibilità. Farlo al meglio. Oppure no. Io la mia scelta l ho fatta. Avevo vent anni quando iniziai a lavorare. (Mostra la fede) Questa è stata la firma sul contratto L ho firmato davanti a un prete mentre promettevo alcune cose di cui ad essere sinceri, non comprendevo appieno la profondità. Ero un po incosciente forse. Però ero felice. Era quello che volevo di più al mondo. E vero che non sapevo quanto sarebbe stato difficile, ma io non ho mai avuto paura delle difficoltà. Mia madre diceva che ogni volta che superi una prova, diventi più forte e affronti meglio la successiva. Nuova prova, nuova forza. Oggi, dopo tanti anni, credo che potrei vincere qualsiasi gara di sollevamento pesi. E con un braccio solo. Mettiamola così. Abbiamo una vita. Ci è stata data e ce l abbiamo. Non possiamo farci niente. Ma se vi regalano un gioiello, non potete dimenticarlo in cassaforte. Avete il dovere di indossarlo e in questo modo rendere onore ad esso e a colui che ve lo ha regalato. Non è un compito facile, lo riconosco, ma questa vita va onorata. E assurdo pensare che possa condurti lei da qualche parte; non è un battello su cui potersi mettere comodi ed aspettare e sperare di toccare un giorno la riva. Potrebbe non succedere mai. No. E necessario che sia tu a trasformarti in barca. Insomma il sostantivo vita deve andare di pari passo con il verbo vivere. E una responsabilità importante. E non credo che tutto lo capiscano. Io penso di essere stata fortunata in questo senso. Insomma quello che voglio dire è che io ho scelto di riempire questa vita con la famiglia. Non è una scelta migliore o peggiore di altre. E una scelta. La mia scelta. E così cominciai l avventura. Vi garantisco che non è necessario veleggiare con un galeone nei paesi del sud o avanzare col coltello tra i denti dentro una foresta per avere emozioni forti; quando cominci una nuova esperienza, hai dalla tua parte l entusiasmo e l energia e ti senti veramente padrona del tuo destino e del mondo. Anche se quel mondo è compreso tra la porta d ingresso e la soffitta. E Se credete che sia poco, siete degli illusi. La prima vera sensazione fu la stanchezza. Quella fisica. Le braccia che dolgono. I piedi gonfi. La schiena che urla. Ti chiedi come è possibile? Non sto mica lavorando in fonderia? Eppure alla fine della giornata sei cotta. Questione di abitudine. Dicevo. Non mi sono mai abituata! E allora capisci che non sono le braccia. E la testa! Ho preso le misure. Mi sono concessa le mie pause caffè. Le pause lettura. Le pause pensiero. La seconda sensazione arriva più tardi. Col tempo. E più sottile. Appartiene alla mente. Erode lentamente, intacca le certezze e le sostituisce con le domande.

8 Pagina8 L arrivo dei figli rallenta un poco questo processo. Il lavoro si fa più intenso, devi coordinare, ottimizzare, distribuire, concentrare e diluire. Organizzare. Il tempo per le grandi questioni incespica nei pannolini, si mescola agli omogeneizzati e fugge alla vista di un termometro. L ombra meschina dell insoddisfazione però, non molla la presa. L avanzamento di categoria, la promozione da donna a mamma, non comporta un ufficio nuovo, soltanto un aumento delle responsabilità e del carico di lavoro. Ed un bel giorno, mentre stai con il cucchiaio a mezz aria di fronte al piatto dove un uovo attende di incontrare il parmigiano, ecco che la tua immagine ti si affaccia in tutta la sua violenza. E ti sfida con la domanda più bastarda. Ma sei felice? Lo sai che fai tutto questo per la ragione più valida e più bella possibile: per amore. Ma lo stesso la domanda ti sale dal profondo e ti sorprende per la sua stranezza. Ma l amore è sufficiente? Lo sentivo come una bestemmia; come potevo mettere in dubbio quell unico elemento di saldezza che sta dentro e fuori, che sta oltre, che è l oltre. Eppure ugualmente mi sentivo scalfita, derubata. Da chi e di che non lo sapevo. Mi sembrava che il mondo mi passasse davanti ai duecento all ora, e che io potessi soltanto stare a guardare. Mi sembrava di vivere ai margini, di non partecipare. Mentre fuori c èra chi lottava per qualcosa che, lo sentivo, lo capivo, ci avrebbero portato verso un futuro migliore. Mentre tutti combattevano in qualche modo da qualche parte, io rimanevo in casa ad ascoltare i resoconti di quelle lotte. Perché non potevo esserci anch io? Mio marito è un uomo di poche parole, ma possiede la grande capacita di ascoltare e capire la gente. E di capire me. Mi disse: Quello che fai tu è tanto importante quanto quello che faccio io, o chiunque altro. In fondo io porto a casa i pani e i pesci, ma sei tu che li moltiplichi. Grazie. Ma io rimanevo sospesa nel limbo. Quanto valevo veramente? Quanto vale il mio lavoro? Nessuno lo può dire, non sono quotata in borsa. Quanto vale per voi l amore? E poi la risposta arrivò. Come tutto arriva prima o poi. Stavo aspettando l autobus. Avevo riempito il passeggino con le borse della spesa. Sara mi stava vicino, composta, orgogliosa del suo ruolo di primogenita. Avevo la piccola Rosa in braccio che puntava i piedi su una pancia che cominciava già ad essere leggermente più rotonda del solito. Era l inizio della primavera. Poco dopo mezzogiorno. Soltanto una lieve venticello trascinava il vigoroso ricordo delle giornate invernali. La gente che andava e veniva riempiva la piazza di rumore e colori, come sempre. Stavo assorta nei miei pensieri quando mi arrivarono le risate. Fresche,sane, rotonde, lo slogan più potente della consapevolezza di esserci. Mi voltai. Erano tre ragazze, strette impeccabilmente nei loro tailleur scuri. I tacchi alti. I capelli al vento. Ben truccate. Due uomini, giacca e cravatta, le accompagnavano, sussurrandosi qualcosa all orecchio, i volti sorridenti. Avevano delle ventiquattrore. Una delle ragazze teneva stretta al petto una cartellina gialla, un po come facevo io, non molto tempo prima, con i libri di scuola. Rimasi incantata a guardarli. Mi passarono davanti senza neanche accorgersi del mio sguardo che le seguiva affascinato. Non poterono certo intuire la visione che mi attraversò per un attimo la mente. Il fantasma del mio desiderio divenne la quarta ragazza del gruppo. Mi sentii leggera, allegra, sognai di aver scatenato io quella risata innocente e bellissima. Riuscii a percepire la sensazione di indipendenza, di libertà. L appartenenza ad un branco, e la gioia di una missione che si confonde col gioco. Poi il gruppetto svoltò l angolo e sparì dalla mia vista. E mi sentii d un tratto vuota e nello stesso tempo pesante. Lievemente stordita. Arrivò l autobus e salendo faticosamente riuscii a vedere distintamente l ombra della mia invidia che rimase sul marciapiede ad osservarmi sarcastica. Come siamo strani! Chissà qual è lo stravagante impulso che ci fa vedere sempre in una luce migliore le vite degli altri. Quel singolare impulso che ci fa sentire così spesso inadeguati dentro alle vite nostre. Mentre sistemavo la spesa nel frigo, mi ronzavano in testa mille domande. Non avevo ancora trent anni e invece di

9 Pagina9 dividere la pausa pranzo scherzando con i colleghi, mi trovavo a fare i conti con una cucina in disordine. Mi sentivo smarrita, fuori posto. Quella casa che era la mia, che avevo costruito con così tanta passione, e che dividevo con le persone che amavo mi sembrava d un tratto ostile, buia, fredda. E poi accadde qualcosa di straordinario. Sara mi chiese: Mamma di che colore hai gli occhi? Stava disegnando sul tavolo di sala con Rosa che la osservava seria dal seggiolone. Mi avvicinai per guardare il suo disegno, e, tratteggiata con mano incerta, vidi una donna, con un grembiule, mentre assaggiava il contenuto di una pentola tenendo in braccio una bambina. E quella donna ero io. E quella donna che ero io stava ridendo. Con la bocca spalancata e una quarantina di denti tutti in fila e quella donna, che ero io, era felice, così felice che neanche un'altra decina di denti avrebbero potuto renderla più tale. E così il disegno ingenuo di una bambina mi ha ricordato quello che una risata sfuggente mi aveva fatto dimenticare. Così tornai ad essere la protagonista dei miei giorni. Hai due possibilità. Farlo al meglio. Oppure no. Allora capii la mia scelta. Avevo scelto l occupazione più importante del mondo, dove lo spazio era mio, il tempo era mio. Mi assalì un orgoglio che non mi ha più lasciato. L orgoglio di fare la mia parte con qualcosa che è infinitamente più assoluto di un lavoro e come tale non ha prezzo. E per quello che noi operatrici familiari non percepiamo stipendio. Farlo al meglio! Non più i perché, ma i come; non più i se, ma i quando. Coltivare i giorni come fiori in una serra. E veder riflesso nella stima di chi capisce, perché c è chi capisce, che ciò che fai ha l immenso valore dell impagabile. Le mie figlie che adesso sanno camminare nel mondo senza paura, che sanno distinguere e scegliere senza rammarico, che sanno procedere e magari sbagliare ma con le loro teste, e che sono sensibili ma determinate, fragili ma coraggiose, sono loro che mi dicono che questo lavoro l ho svolto al meglio. Comincia a struccarsi Oggi è tutto diverso. La società è cambiata. La donna è cambiata. Oggi il mio lavoro è diventata una scelta stravagante visto che per sempre più persone non c è proprio scelta. Devi lottare in un altro modo. A volte mettere davvero il coltello tra i denti per avanzare nella foresta. Anche per questo ritengo di essere stata fortunata. Se mi guardo indietro non vedo cenere e lapilli, ma soltanto una distesa d acqua leggermente increspata. D altronde tra poco avrò una nuova promozione, sta per arrivare un nipotino. Non è ancora tempo per andare in pensione. A volte però, in certi momenti un po malinconici, quando mi ritrovo seduta sul divano con un libro appena finito, dentro la mia casa, adesso troppo silenziosa, ancora fa capolino quell ombra maliziosa che non riesce a dileguarsi del tutto. E se avessi fatto un'altra scelta? Ecco! Questa è una domanda stupida! FINE

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli