La Voce del Leone. n 4Dicembre Anno VIII. I.I.S. Roncalli-Sarrocchi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Voce del Leone. n 4Dicembre 2013. Anno VIII. I.I.S. Roncalli-Sarrocchi"

Transcript

1 La Voce del Leone I.I.S. Roncalli-Sarrocchi Anno VIII n 4Dicembre 2013

2 Pag.2 Le interviste del Leone Quest'anno La Voce del Leone è riuscita ad intervistare un personaggio molto speciale. Siamo qua vicino ad un caminetto, con una tazza di tè fumante ed indovinate un po' chi è il personaggio misterioso di questo mese... Ebbene sì! Non ci crederete ma è proprio Babbo Natale, in persona! Buonasera Babbo Natale! Buonasera a lei! Sono veramente felice di fare questa intervista. E' un piacere per me rispondere alle sue domande e togliere qualche curiosità ai suoi lettori. Bene,allora cominciamo. Da dove viene? La risposta non è così semplice perché dipende dal luogo in cui si trova chi me lo chiede. Può essere più chiaro? Certamente! La mia abitazione cambia a seconda delle tradizioni. Infatti nel nord America io abito al Polo Nord, o meglio, in Alaska. In Europa,invece, la mia casa si trova nel Circolo Polare Artico, nel villaggio di Rovaniemi in Lapponia. Tuttavia i Norvegesi sostengono che io abiti a Drøbak e mi hanno costruito perfino l'ufficio postale e gli Svedesi,poi, mi cercano a Dalecarlia e qualcuno di loro addirittura in Groenlandia ma non è finita qui, perché chi mi scambia con S. Basilio mi fa abitare a Cesarea, in Cappadocia. Insomma sinceramente non lo so più nemmeno io dove abito!!. A proposito di S. Basilio,ma qual'è il suo vero nome? Eh, fosse semplice rispondere... perché qualcuno mi confonde anche con S. Nicola. Insomma, per farla breve, le dirò in quanti modi mi chiamano nel Mondo. Vede.. in Brasile mi chiamano Papai Noel e Perè Noel in Francia. In qualche parte del Pianeta sono chiamato addirittura con nomi quasi impronunciabili come Julenisse ( Norvegia), Joulupukki ( Finlandia). Qualcuno poi mi chiama addirittura Kriss Kringle oppure Sinter Klass o addirittura De Kerstman. Insomma, sono talmente tanti i miei nomi che probabilmente,a causa dei miei anni, ne avrò sicuramente tralasciato qualcuno. Ah, ecco! Vede mi ero quasi dimenticato quello più famoso, Santa Claus! Con tutti questi nomi tra qualche anno non lo saprò più nemmeno io come mi chiamo. Ci ha detto che la confondono con S. Nicola, come mai? Eh, guardi un po' qualche sua foto, non nota una certa somiglianza? Non trova che S. Nicola è un bel vecchietto con una bella barba bianca e lunga e il vestito rosso? Comunque con il santo ho in comune l'amore per i bambini Perché S. Nicola ama così tanto i bambini? Allora... S. Nicola era un vescovo della seconda metà del IV secolo d. C. ed abitava nella città di Mira,in Asia Minore. Figlio di una ricca famiglia di ricchi mercanti aveva dato ai poveri il suo patrimonio prima di prendere i voti. Dante Alighieri, nel XX canto del Purgatorio, racconta che un giorno S. Nicola, passando accanto ad una porta aperta, aveva sentito singhiozzare tre ragazze le quali si lamentavano dicendo che a causa della loro povertà e senza dote nessuno le avrebbe sposate. Nicola, impietositosi, chiese all'oste della taverna se le conoscesse e così venne a sapere che erano le figlie di Melampo,uno dei poveri della città. Il vescovo decise perciò di aiutarle e la notte seguente,vestito di un nero mantello per non essere riconosciuto, fece scivolare sotto la loro porta tre sacchetti di monete d'oro. La sorpresa di Melampo fu grande, ma con quei denari egli fu in grado di pagare i suoi debiti e di far sposare le sue tre figlie. (continua a pag. 3) SSOMMARIO:Intervista a Babbo Natale pp.2-4; La vera storia di babbo natale pp. 5-8 ; Il Natale al tempo della crisi p.9; I social network p.10; Il progetto Comenius p.11; Orazio Nelson pp.12-13; Fan fiction di Natale pp.14-15; Appunti di viaggio pp ; Enigmistica p.21; L'Angolo della Poesia p.22

3 Pag.3 Le interviste del Leone Interessante! Ma i bambini? Va bene! Vi racconto un'altra leggenda. Come dicevo prima, S. Nicola era molto generoso e si racconta che un giorno,stanco del viaggio, si fosse fermato in una taverna dal nome poco rassicurante"la luna nera". Quando vide l'oste ebbe la sensazione che in quel luogo fosse successo qualcosa di orrendo. Questi era un grosso e losco individuo, con i capelli unti e le mani sporche e grasse, con occhi spiritati e la bocca atteggiata a un ghigno malefico. Il nostro vescovo, illuminato allora dal Santo Spirito, comprese che un orribile delitto si era compiuto nelle stalle di quella taverna dove una forza inferiore sovrannaturale lo spinse ad andare. Scoprì così che l'oste dall'aspetto orribile aveva ucciso, annegandoli in un grosso tino, tre giovani ragazzi,ospiti quella notte della sua taverna, e li aveva derubati.pregando intensamente il Signore, S. Nicola ottenne la grazia di riportare in vita i tre giovanetti che si riemersero dal grosso tino, festosi e riconoscenti. Allora è per la bontà e la generosità che la paragonano a S. Nicola? Beh, sì! Certamente!! Adesso però ci parli di lei. Sappiamo che esistono tante leggende che la riguardano. Potrebbe raccontarcene qualcuna? Insomma,volete che parli proprio di me!! Allora vi racconterò la leggenda che preferisco. Si racconta che in Lapponia,a Nord del Circo Polare Artico,viveva Natale, un simpatico vecchietto. La sua capanna era in una foresta di abeti,vicina ad un limpido ruscello, e lì Natale coltivava un orticello,allevava le renne ed intagliava il legno. Il vecchietto vestiva sempre di rosso,il suo colore preferito, ed aveva capelli e barba bianchissimi. Un giorno,egli pensò che doveva fare di più per i suoi vicini,anche se da tempo li aiutava, e con questo pensiero si addormentò. Sognando gli apparve un angioletto che gli disse che nel Mondo tanti bambini poveri e sfortunati, pur non avendo niente, desidererebbero tanto avere dei giocattoli. L'angelo, commosso, si mise a piangere. Natale,allora, chiese che cosa potesse fare per far sorridere tutti quei bambini e per portare un po' di felicità nei loro cuori. E fu così che, su consiglio dell'angelo, Natale caricò sulla slitta trainata dalle sue renne un sacco pieno di doni da consegnare a ciascun bambino la notte santa. Il vecchietto però era perplesso,dato che non sapeva come sarebbe stato possibile consegnare quei giocattoli in una sola notte e allora l'angelo disse che Gesù Bambino lo avrebbe aiutato a consegnare quei regali in una sola notte e così fu! E da quel giorno il Signore lo rese papà di ogni bambino e gli dette il nome di Babbo Natale! E' vero che i doni li prepara tutti lei? Una volta! Adesso mi aiutano gli elfi. Davvero? Può dirci i loro nomi? Certamente! Alabaster Snowball è quello che ricopre l incarico più delicato perché è l amministratore della mia lista,quella dei bimbi buoni, per intenderci! Poi ci sono: Bushy Evergreen,l' inventore della macchina per rendere magici i regali; Minstix Pepper,il guardiano della mia dimora ; Shinny Upatree, il mio più vecchio amico e cofondatore del villaggio segreto di Babbo Natale ; Sugarplum Maria,più conosciuta come Mary Christmas. Lei è l assistente di mia moglie e l'aiuta a preparare le sue delizie in cucina. Infine c'è Wunorse Openslae, designer della mia slitta e responsabile della sua manutenzione. È lei che si prende cura delle mie renne. (continua a pag. 4)

4 Pag.4 Le interviste del Leone A proposito di renne,può dirci i loro nomi? Molti pensano che le mie renne siano otto, ma non è così. Sono nove! L'equivoco nasce dal fatto che molti sottovalutano la più simpatica e,se si può dire, anche la mia preferita: Rudolph. Ma, mi raccomando, non lo dite a nessuno...shhh. Rudolph guida le altre perché ha il miglior senso dell'orientamento. Le altre, invece, vanno in coppia, maschi e femmine. La prima coppietta è quella di Dasher e Dancer; la seconda è composta da Prancen e Vixen; la terza da Comet e Cupid e infine l'ultima,ma non la meno importante, è quella di Donner e Blitzen.. Le mie renne sono tutte molto efficienti e dotate di poteri magici. Dasher è la più veloce, mentre Dancer è la più aggraziata. Prancer è invece la renna più forte e Vixen non ha poteri particolari,ma è aggraziata. Anche se m non quanto Dancer!E poi Vixen è forte, ma mai quanto Prancer! Insomma diciamo che è un'infelice via di mezzo! Comet, Donner e Blitzen hanno i più strani poteri. Comet porta allegria, se così si può dire; Donner è una renna sfortunata, poverella,mentre Blitzen è una transgender,mi si passi l'espressione! Infatti Blitzen viene rappresentata sia femmina che maschio e quindi anche lei ha le idee un po' confuse. Gli inglesi,poi, hanno tirato fuori una ricerca scientifica la quale sostiene che le mie renne sono tutte femmine, ma chiariamo subito questa cosa. Non è assolutamente così!! Ritornando alla nostra intervista,ci tolga una curiosità. Il rosso è il colore che preferisce? Beh, non proprio! Anche se tutti mi rappresentano così. Il rosso è un bel colore sì, ma il mio vestito fino agli anni Trenta era verde. Ha cambiato magicamente colore grazie ad una famosa bibita, la Coca-Cola,per intenderci. Beh, ormai non me la prendo più di tanto, sono abituato a vedermi vestito di rosso e, diciamo la verità, mi dona. Prima di venire da lei molti bambini hanno scritto alla nostra redazione chiedendoci a quale indirizzo possono mandarle le loro letterine. Può accontentarli? Certamente! Il mio indirizzo è : Tähtikuja 1, Rovaniemi CIRCOLO POLARE ARTICO La ringrazio davvero di cuore. È stato molto gentile concedendoci un poco del suo tempo nonostante il grande lavoro di questi giorni. Mi raccomando si ricordi di noi la notte di Natale e porti i nostri saluti ai suoi magici aiutanti. Grazie per questa bella tazza di tè e per l'ospitalità. Buon lavoro e buon 2014! Alessia Spedale

5 Pag. 5 Spigolando sul...web La Redazione ha trovato sulla rete un delizioso racconto di Natale e ha deciso di regalarlo ai suoi lettori. La vera storia di Babbo Natale A Nord del Circolo Polare Artico, nell'europa settentrionale, esiste una regione: la Lapponia (nella lingua indigena, Same). E' una regione sterile, parte montuosa, parte piana, con boscaglie e cespugli. Vi sono alcune miniere di rame, d'argento, di piombo, ma sono poco sfruttate. Dai suoi monti scendono parecchi fiumi. Vi sono pure molti laghi, alcuni dei quali abbastanza vasti. Il clima è rigido. Prevale la tundra, ma ci sono anche boschi di conifere e betulle. Nelle parti meridionali la giornata più lunga è di 24 ore, e nelle settentrionali è di tre mesi. I Lapponi sono di razza finno-ungherese; tuttavia, nella forma e figura del corpo, differiscono assai dai Finni Gli uomini hanno la statura media di m. 1,53 e le donne di m. 1,47. Sono di color giallognolo. Riguardo al modo di vivere, si distinguono in Lapponi dei monti, Lapponi. dei boschi e della costa o pescatori. I primi sono nomadi e allevano le renne che sono la loro unica ricchezza e dalle quali traggono tutto ciò che abbisogna alla loro vita. Alcuni vivono in capanne coniche smontabili per poter seguire le renne nei loro spostamenti. La religione predominante è il cristianesimo, ma sono ancora attaccati alle antiche usanze pagane degli antenati. In questa terra viveva un giorno un simpatico vecchietto da cui nasce la fiaba di BABBO NATALE. In una capanna del bosco, tra boschi e ruscelli, Natale coltivava il suo orticello, curava le sue renne, viveva tranquillo. Vestiva sempre di rosso, il suo colore preferito. Era un vecchietto assai buono e generoso ed aiutava tutti i suoi vicini. Un giorno pensò che era troppo poco quello che stava facendo e decise di studiare come dare agli altri qualcosa di più. Fece un sogno. Nel sogno gli apparve un angioletto: era molto bello e grazioso e, con voce soave, gli parlò del mondo lontano dove tanti bambini aspettavano un dono che però mai avrebbero potuto avere. L'angioletto gli disse che avrebbe dovuto partire e caricare la sua slitta con tanti regali: glieli avrebbe fatti trovare lui. Gesù Bambino l'avrebbe guidato e mai gli sarebbe mancato il suo aiuto. Fiducioso Natale rispose che avrebbe ubbidito. Al risveglio ricordò il sogno e decise subito di partire. Chiamò i suoi figlioli e li invitò ad accompagnarlo.il maggiore, Nat, fu felice della proposta e, con i tre fratellini più piccoli, aiutò il Babbo a prepararsi. Uscirono dalla loro casetta Attaccarono alla slitta le renne più forti e così Natale divenne BABBO NATALE e cominciò la sua avventura. Attraversò boschi e colline, salì sulle montagne, passò ponti e superò valli, sempre alla ricerca di chi poter aiutare. Arrivò in una città bellissima, dove pensò che tutti fossero felici. Ma non era così! Infatti, fermatosi davanti ad un grande edificio, gli parve di percepire dei pianti di bimbi. Si trovava di fronte ad un orfanotrofio dove molti bambini piangevano nella loro solitudine. Natale ritenne che quello doveva proprio essere il luogo dove portare un po' di gioia. Suonò alla porta e una donna gli aprì domandandogli che cosa volesse. "Sono venuto a fare visita ai bambini che si trovano qui. Ho portato dei doni per loro"."bravo! - disse la signora - questo è proprio il giorno di Natale e questi poveri bimbi non hanno nessuno che si ricordi di loro."natale entrò e, come lo videro così vestito di rosso e allegro, gli si fecero incontro festosi ed egli cominciò ad aprire un grosso sacco. Tutti gli occhi erano sgranati per vedere che cosa ci fosse. Ecco la prima scatola! Come fu aperta saltò fuori un orsacchiotto e tutti si misero a ridere. (continua a pag.6 )

6 Pag. 6 Spigolando sul...web Altre scatole contenevano giocattoli di ogni tipo, mai sognati da quei bimbi. Babbo Natale era più felice di loro e capì che quella era proprio la sua missione: portare doni ai bambini il giorno di Natale. Saltando e ballando per la gioia, proseguì il suo viaggio. i trovò davanti ad un altro grande edificio e volle entrare per vedere se ci fossero bambini. Era un ospedale! I ricoverati erano tutti piccolini di pochi anni. Natale portò con sé i suoi figlioli e fece porgere da loro giocattoli e dolcetti. Come era bello vedere la felicità di quei bimbi. Natale però volle anche andare negli altri reparti. C'erano adulti malati e tristi. Anche a loro portò doni: non giocattoli, ma libri, riviste, leccornie. Tutti erano stupiti e il sorriso ritornò sui loro volti. Cammina, cammina, anzi galoppa, galoppa, si trovò vicino ad una casetta. Bussò alla porta: sentiva che lì era atteso. C'era un grande albero addobbato, un abete e, ai piedi, un gattino assai grazioso che si divertiva con un giochino. Depose sotto l'albero alcuni doni cercando di indovinare i gusti dei padroni di casa. Poi restò a guardare. Ad un tratto due bimbetti si affacciarono alla porta con un bel pigiamino a fiori. Di soppiatto scrutarono il locale e videro i pacchi ai piedi dell'albero. "Hai visto? Quanti regali, disse il maschietto alla bambina, - chissà chi li ha portati!! " "Li apriremo domani mattina con babbo e la mamma " - disse saggiamente la bimba. "Chissà se ci sarà qualcosa anche per Francuccio!" Francuccio era un bambino handicappato e per questo non si era unito ai fratellini per la perlustrazione, Babbo Natale rimase pensieroso quando capì di che si trattava. E pensò: "Che cosa potrà mai piacere ad un bimbo in carrozzella? Certo non una palla né un cerchio. Il poverino non può correre" Pensa e ripensa decise di procurargli un esserino vivo e docile. Il gattino c'era già. E allora? Allora decise per un uccellino. Un uccellino ammaestrato, che gli volasse in mano ad un suo richiamo per prendere il cibo e cinguettasse per rallegrare la sua infermità. Già! Ma Musetto, il gattino di casa, come si sarebbe comportato? Si sa che i gatti acchiappano gli uccelli oltreché i topi...e allora? Bisognava tenere Cip Cip in una gabbietta, non tanto piccola, perché potesse svolazzare e, quando lo si faceva uscire, stare attenti che Musetto si trovasse in un'altra camera. Di questo si preoccuparono i fratellini che, trovata la gabbietta accanto a Francuccio, capirono il da farsi anche perché nella gabbia c'erano le istruzioni lasciate da Babbo Natale e furono felici del dono che aveva ricevuto il fratello e con lui si rallegrarono. In un villaggio vicino c'era un raduno di giovani. Il nostro caro vecchietto li osservò e capì che tra di loro c'era qualcuno un po' birbantello. Si chiamava Marco. Sembrava il capo di quella banda e stava parlando. "Provate questa sigaretta, per una volta che male vi può fare?" Stava esortando gli amici a fumare uno spinello. Babbo Natale capì al volo il pericolo che quei ragazzi sprovveduti stavano correndo. Si avvicinò loro e cominciò a trattenerli con un simpatico discorso, come se niente fosse. Domandò loro di dove venissero e raccontò che lui stava facendo un lungo viaggio. Parlò della sua terra, dei suoi figli, delle sue renne e del compito che si era prefisso. Quei giovani, che non erano cattivi, lo ascoltarono con interesse e gli rivolsero molte domande. Quando Natale parlò di Francuccio si commossero e dissero che avrebbero avuto piacere di seguirlo in uno dei suoi viaggi. Solo il birbantello rimase indifferente, anzi fu scocciato di aver dovuto interrompere la sua offerta precedente. Sperava di riuscire a vendere la droga per ricavarne un guadagno. (continua a pag.7 )

7 Pag.7 Spigolando sul...web Cominciò a canzonare Babbo Natale per il suo abbigliamento, a metterlo in ridicolo di fronte agli amici e cercò di distoglierli dall'ascoltarlo. Però ormai Babbo Natale aveva fatto presa sul loro cuore e tutti zittirono il briccone. Nat, il più grande dei figli di Natale, li invitò ad accompagnare lui e il babbo nel prossimo viaggio. Natale capì che questo era il dono più bello che avesse fatto fino ad ora: proteggere i giovani. Marco se ne andò deluso, mentre gli altri prepararono il loro viaggio al seguito di Babbo Natale. Chi voleva salire su un'auto, chi su una moto, ma Natale propose loro di utilizzare una slitta come la sua. "Ma dove la troviamo? Qui non ce ne sono e neppure le renne" "Non preoccupatevi: ci penso io". Sapeva che l'angioletto del suo sogno non l'avrebbe abbandonato e si rivolse a lui con una preghiera. Arrivò Anghel, suonatore di violino e, sentita l'esigenza dei giovani, usò l'archetto del suo violino come una bacchetta magica ed in un momento apparve una slitta nuova di zecca guidata da due renne. I giovani, sempre più meravigliati, non si fecero neppure invitare e vi salirono sopra. Erano quattro, ma ci stavano comodamente. Natale riprese il suo viaggio seguito da loro che si misero a cantare liete canzoni. Sorvolarono mari e montagne, città e villaggi. Già: le slitte avevano il potere di alzarsi in volo! I giovani erano stupiti e più che mai felici. Avevano dimenticato Marco e lo spinello. Non avevano occhi e orecchie se non per osservare. ammirare ciò Arrivarono che in potevano una città sconosciuta con tanti grattacieli. "Qui sì che ci sarà da fare!" esclamò Babbo Natale. Infatti gli abitanti erano moltissimi ed i bambini assai numerosi. Scesero in una zona della città dove gli abitanti erano scuri di carnagione e all'apparenza molto poveri. Non vivevano in belle case, ma in catapecchie, che contrastavano con le sfarzose abitazioni vicine. Era un ghetto. Negri sfruttati dai bianchi e da loro isolati. Lavoravano nelle piantagioni pagati e trattati male. Non avevano quasi più desideri. Ma i bimbi, come tutti i bambini del mondo, sognavano. Sognavano giocattoli, dolci, felicità e sapevano che a Natale possono avvenire anche i miracoli. Conoscevano il Natale, ma temevano che sarebbe stato un giorno triste come tutti gli altri. Ma si sbagliavano: infatti Natale capì che proprio lì doveva fermarsi. Con i suoi figli ed il suo seguito si presentò loro ed offrì tante di quelle cose che neppure potevano sognarsele. Gli occhi sgranati, stupiti, ma pieni di felicità quei bimbi non sapevano dire altro che "Grazie, grazie, grazie!" Il viaggio prosegue. Lungo la strada incontrano paesaggi nuovi e animali mai visti se non allo zoo od al Circo. I giovani, che seguivano Natale nei suoi spostamenti, erano raggianti di felicità e di stupore. Ecco passare un grazioso cerbiatto. Sembrava intimorito, quasi spaventato dalla vista di qualcosa o di qualcuno che temeva alle sue spalle. Infatti ecco apparire una tigre Non era molto minacciosa, sembrava andare per i fatti suoi, ma, si sa, i cerbiatti sono facile preda dei grossi carnivori, così il nostro amico si impaurì e cominciò a scalciare per preparasi alla fuga. La tigre passò oltre e il cerbiatto, tranquillizzato, proseguì il suo cammino. Lungo la strada incontrarono un altro Babbo Natale. Era il fratello di Natale. Come lo vide Natale primo (chiamiamolo così per non confonderci) fu felice. Era molto tempo che non si vedevano: abitavano in due case diverse e non sapevano l'uno dell'altro delle decisioni prese di portare doni. (continua a pag.8)

8 Pag. 8 Spigolando sul...web Stupiti dell'incontro si fermarono e si abbracciarono felici, mentre i tre piccolini saltavano di gioia.i ragazzi del seguito guardavano meravigliati. Non si aspettavano tante sorprese... I due fratelli si scambiarono notizie e ciascuno volle ammirare i doni portati dall'altro. C'erano bambole, orsacchiotti, altri animali di peluche, giochi elettronici, dolci, confetti, torte, caramelle di ogni forma. "Proseguiamo insieme per un tratto, così continuiamo le nostre confidenze" - propose Natale primo. Quante cose avevano da dirsi! Quante esperienze maturate nei loro viaggi! I ragazzi ascoltavano sempre più meravigliati: non si aspettavano di venire a conoscere tante meraviglie e ben presto dimenticarono la loro vita fatta di tante sciocchezze e vanità. Dopo aver scavalcato monti, superati fiumi e città, arrivarono in un bellissimo paesino di montagna. La neve era scesa in abbondanza e lungo le piste gli sciatori sembravano volare."ecco un modo per festeggiare l'inverno. E poi dicono che sia una stagione triste. Certo, non c'è sempre il bel tempo, ma la natura offre spettacoli sempre bellissimi e anche la neve ha il suo pregio" Così esclamò Nat, che avrebbe voluto scendere dalla slitta e fare capriole e scivolate sulla neve soffice. "Non è questo lo scopo del nostro viaggio - replicò saggiamente Natale -dobbiamo affrettarci perché abbiamo ancora tante case da visitare". Un elfo, con le ali di farfalla, udì questi discorsi e si complimentò con Natale. Propose di accompagnarlo in una casetta dei dintorni dove qualcuno, nella sua solitudine temeva di essere stato dimenticato da tutti. "Dovrai calarti dalla cappa del camino per non farti scoprire, e lasciare lì i tuoi doni. Poi potrai osservare la gioia di chi li troverà con tanta sorpresa." Babbo Natale sempre gioioso, non si fece ripeter l'invito e, allegramente, saltò dentro il camino anche se era un po' stretto per lui. Depose tanti doni quanti più poté e si fermò per osservare la scena del rinvenimento. Ben presto un vecchietto, che non riusciva a dormire, si avvicinò al camino per accendervi il fuoco (per fortuna era spento quando vi entrò Natale!). Al vedere tutti quei pacchi di ogni forma e colore, pensò ad uno scherzo o di avere le traveggole. Prima di aprire i pacchi li rigirò tra le mani osservandoli da ogni parte. Natale aveva scritto il suo nome su ciascuno, quindi il vecchietto capì che erano stati messi proprio per lui. Credeva di sognare. Mai aveva ricevuto tanti regali. Quando li aprì non finiva di esclamare: OOOOOHHHHH!! Un cappotto, un paio di pantaloni, un paio di scarpe, un giaccone, una sciarpa e tante cose buone da mangiare. Non era mai stato così felice e dimenticò la sua solitudine e la sua povertà. Natale era più felice di lui e non si trattenne dal battere le mani per la gioia. Così il vecchietto si accorse di lui e capì che anche i sogni, a volte, possono diventare realtà. Babbo Natale, con il suo seguito, proseguì la sua strada per tutta la notte, mentre la luna sembrava festosa pure lei. Le stelle brillavano in cielo, tutto era un sorriso e ognuno si sentiva più buono. La notte trascorse così veloce che l'alba trovò ancora Natale e i suoi figli con i ragazzi in cammino. Presto però cercarono di scomparire per non lasciarsi scorgere dai mortali a cui tanto avevano dato con il loro amore. Mariangela Vinci

9 Pag. 9 Il Natale al tempo della crisi Quando pensava al Natale, almeno fino a qualche anno fa, la stragrande maggioranza delle persone aveva la mente rivolta solamente al Natale e, anche se quest'affermazione potrebbe sembrare priva di senso, oggigiorno le cose sono un po' cambiate. Infatti, prima di pensare alla festa dei regali, molti pensano all'economia della propria famiglia o, per meglio dire, al proprio portafoglio, che solo successivamente andrà messo in relazione con la festività e gli eventuali doni da fare agli altri. Il motivo? LA CRISI! In prossimità dell'imminente Natale, abbiamo provato ad interessarci brevemente dell'effetto che questa crisi avrà sulle abitudini festaiole degli italiani in generale e in quali modi riuscirà ad influire sul loro budget, ormai sempre più ridotto. La crisi non è solo quella di cui si parla, però! La crisi si tocca e, in questo caso, non significa risparmiare sull acquisto del giocattolo, del regalo per gli zii o del panettone di marca. Purtroppo il binomio Natale/Crisi ha assunto ben altri significati. Il mese di Dicembre,in generale, sta gradualmente trasformando l'umore delle persone, facendole sentire sempre più insicure riguardo al proprio futuro e,soprattutto, all'anno avvenire. Infatti, sempre più ditte chiudono e sempre più contratti a breve termine scadono, lasciando alla gente una piccolissima dose di speranza basata,solamente, su un forse ci risentiremo. Per questo, nel corso del tempo, il concetto naturale del risparmio ha subito notevoli cambiamenti, in quanto non riguarda più il sano risparmio del superfluo, bensì quello delle ultime risorse economiche a disposizione della maggioranza delle famiglie. Quali provvedimenti sono stati presi al riguardo? Secondo alcune statistiche, il 65% degli italiani spenderà meno per i regali di Natale rispetto allo scorso anno. Infatti, a pesare sulle spese - spiega lo studio - è soprattutto la situazione economica personale, che il 24% degli italiani, ovvero l'8% in più' rispetto allo scorso anno, indica come fattore condizionante. Al secondo posto si collocano le tasse, indicate dal 21% (+3% su 2012) come elemento dirimente. Sull'umore generale, poi, tra le altre preoccupazioni, pesano anche altre spese eventuali che molte famiglie devono sostenere in relazione proprio alle loro spese maggiori come gli eventuali mutui coperti da un'infinità di tasse che fanno passare agli italiani molte notti insonni e piene di preoccupazione. Tutto questo, infine, comporta un cambiamento generale nella mentalità di coloro che già stanno pensando ai regali da fare. Infatti, sempre secondo il sondaggio preso in considerazione, l'utilità è il primo criterio di scelta degli italiani che si accingono a comprare i doni per questo Natale. Entrando nello specifico, quasi 6 persone su 10 (il 58%) regalerà solo oggetti utili; mentre il 30%, vale a dire 14,4 milioni, è orientata verso piccoli regali simbolici. L'11% poi, segnala che prenderà in considerazione solo i prodotti scontati e il rimanente 10% solo quelli di qualità. E' invece soltanto dell' 1%, pari a 500mila persone,la pattuglia di chi comprerà senza badare a spese. Un Natale, perciò, sempre più condizionato dalla crisi, e questo proprio a scapito delle famiglie. Vi ricordate i tempi in cui a Natale la banca regalava l agenda? Ecco, adesso invitate gli Istituti di Credito a regalare ai clienti un attimo di tregua per riorganizzarsi in vista di un nuovo anno in cui sperare. Daniel Prodan

10 Pag. 10 Facebook ha cambiato la nostra società È così che nel Mondo tantissime persone comunicano a distanza Con la nascita e diffusione dei social network la società è cambiata notevolmente nel giro di pochi anni, in particolare è cambiato il modo di comunicare con gli altri. Il più utilizzato è facebook che ha superato un miliardo di inscritti,nonostante siano tutti schedati, infatti nel profilo personale sono inserite tantissime informazioni. L'uso di facebook possiede parecchi vantaggi: ad esempio è molto più facile comunicare con gli altri, infatti è possibile trovare spesso anche vecchi amici che non si vedono da anni. Ma è usato parecchio per trovare anche lavoro perché può essere usato per inviare il curriculum. Tuttavia facebook possiede anche degli svantaggi. Primo dei quali è il causare dipendenza, infatti ci sono persone che passano anche 3 o 4 ore al giorno ad aggiornare il proprio profilo,oppure a mettere le foto o a guardare quelle postate dagli amici,oppure semplicemente a condividere link.il rischio maggiore è quello del furto di immagini o la perdita della privacy per le istantanee più personali che vengono viste da tutti. Infatti spiando un utente su facebook possiamo sapere con precisione parecchie informazioni personali. Chi lavora deve stare attento ai link che pubblica, perché molti datori di lavoro utilizzano Internet e soprattutto i social network per ricavare informazioni sui propri dipendenti, anche tramite gli amici degli amici. Un grosso rischio è quello di avere il proprio profilo rubato dagli hacker che individuano facilmente le password brevi o troppo facili da scoprire usate da molti utenti oppure, a volte, rispondendo alla domanda preimpostata entrano negli account. Secondo le statistiche il 68,8% dei ragazzi è online su Facebook tutti i giorni: il 32,2% per 1-2 ore al giorno, il 14,4% da 2 a 5 ore e il 3,9% più di 5 ore. Il 30 % degli utenti possiede più di 500 amici. La società è cambiata nel giro di pochi anni e questo grazie ai social network. Fino qualche decennio fa non era facile comunicare a distanza. Ramin Afzali

11 Pag.11 Il Progetto Comenius Come avete letto nel giornalino di mese scorso, ragazzi delle classi Seconde e Quarte del corso Turistico all inizio di Novembre sono stati a Varsavia, in Polonia per il Progetto sull ambiente, Comenius School Partnership. Sono stati in tanti posti interessanti come il Copernicus Science Center, dove abbiamo fatto tanti esperimenti, abbiamo letto tante informazioni sull energia, sul corpo umano, sul mondo animale. Abbiamo visitato anche la vecchia Varsavia sotto la pioggia e abbiamo visto il Monumento alla Rivolta,il Palazzo della Cultura e della Scienza da cui abbiamo visto la città dall alto. Poi siamo andati nella foresta vicina e abbiamo imparato a calcolare l età degli alberi e l ultimo giorno abbiamo fatto una passeggiatina nel Parco Lazienki. Il Primo e l ultimo giorno del nostro soggiorno li abbiamo trascorsi al Liceum Ogolnoksztalcace dove abbiamo conosciuto i ragazzi Croati, Turchi, Polacchi e Ungheresi che partecipavano al progetto come noi. Tutti insieme abbiamo giocato, ballato, suonato, fatto gli esperimenti di chimica e alla fine ogni gruppo ha espresso il proprio pensiero su Varsavia. Alcuni gruppi hanno creato cose stupende usando tutti i materiali a disposizione e qualcuno ha riprodotto addirittura il Palazzo della Cultura e della Scienza. Siamo stati anche al centro commerciale Zlote Tarasy e ai ristoranti tipici polacchi dove abbiamo gustato piatti tradizionale della cucina locale. È stata una bella lezione per noi tutti, abbiamo imparato tante cose e sopratutto abbiamo migliorato il nostro inglese e abbiamo visto quanto sia diversa la vita in Polonia rispetto all Italia. Ci siamo affezionati molto a tutti i ragazzi che abbiamo conosciuto, abbiamo fatto delle amicizie che durano ancora e con alcuni di loro ci sentiamo sempre su facebook. Ci mancano tanto quei giorni perché ci siamo divertiti davvero tanto Il Copernicus Science Center e ci mancano le giornate passate insieme agli amici stranieri Spero che quando ci sarà la fase italiana del Comenius e la nostra scuola sarà ospite ci potremo divertire allo stesso modo anche se con persone diverse da quelle che abbiamo conosciuto in Polonia. Dopo questo viaggio, ho capito che progetti come questo ci aiutano tanto, e non solo a fare amicizia con gli stranieri, ma anche a conoscere meglio le persone che vediamo tutti i giorni e con le quali, magari, non abbiamo la possibilità di passare del tempo. Era bello stare in compagnia dei nostri insegnanti anche se tutti i giorni li vediamo dall altra parte della cattedra perché durante la gita abbiamo capito che sono diversi, sono Il Palazzo della Cultura e persone e non solo professori. Anche la nostra preside, che vediamo sempre impegnata, di solito arrabbiata con noi, sempre seria, ci è della Scienza apparsa diversa perché abbiamo visto scherzare e sorridere con noi ci è apparsa diversa e più vicina. Il Progetto Comenius è come Euro School Sport, ci aiuta moltissimo. Ci fa aprire gli occhi ed il cervello e ci fa vedere il bello della scuola che altrimenti non vedremmo. Vi invito moltissimo a parteciparvi, se ne avete la possibilità. Olga Socha

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE

ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE Il percorso didattico dedicato al Natale ha la finalità di far vivere con maggiore consapevolezza le tradizioni natalizie, dando un significato appropriato ai simboli del

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli