Da Gerusalemme a Cordova passando per quai d Anjou. la boheme. Roberto Moro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Da Gerusalemme a Cordova passando per quai d Anjou. la boheme. Roberto Moro"

Transcript

1 Roberto Moro Da Gerusalemme a Cordova passando per quai d Anjou la boheme Vieni a Parigi. Ascolta... Il Theatre de l Ile Saint Louis (quai d Anju) è giusto a metà strada tra place des Vosges, in pieno Marais, e il Quai d Orsay che guarda diritto alle torri del Louvre. Ti capita su uno dei percorsi più belli, e per me abituali, di Parigi (dalla Biblioteca Mazzarino, passando per Saint Michel, Cluny, Sorbona, Notre Dame, Rivoli, il ghetto, fino la Biblioteque historique del la Ville al Paris all Hotel Lamoignon), ma per trovarlo lo devi cercare; chiedere in giro, fidarti del barista, del passante intirizzito, della coppia distratta, del verduraio algerino. Sta dentro un cortile e nulla lo annuncia se non un portone semiaperto che ti lascia vedere una viva luce nel fondo. Se ci arrivi alla sera, appena dopo il tramonto, alla fine lo vedi, passi la porta e ti lasci dietro la Senna, le luci dell Hotel de Ville, le vetrate dell Arcivescovado e, di lontano, i palazzi a specchio della gare de Lyon. Il teatro è fatto di un unica stanza poco più grande della nostra sala studenti alla Maison de l Italie e tuttavia nobilitata da stucchi sacrali in bianco e oro che accompagno il rosso impegnativo di muri e poltroncine disegnate per stare scomodi e attenti; non ha più di quaranta posti ma non ci ho mai contato più di una ventina di affezionati e forse anche abitué, come me del resto. Il biglietto te lo fa l impresario (un settantenne piccolo e magro in maglione) che sta in piedi all ingresso e ti consegna il programma a ciclostilo, con simpatia e senza commenti. Quindici euro ed è finita lì. Per quel che ne so, in base al programma che poi funziona davvero, si suona tutti i giorni dalle 18,30 alle 19,45 e poi alle 21 c è lo spettacolo vero. Prima il recital pianistico: l aperitivo. Poi lo spettacolo forte. Si fa della musica, come si diceva un tempo, e la parola concerto non pare appropriata. Piuttosto è un dialogo, uno scambio sereno a senso unico, un momento di pausa e di pace. C è cortesia, ci si saluta con gentilezza antica e familiare e si sorride scambiandosi i posti e scavalcando le poltroncine: merci e merci. Gli esecutori presentano i pezzi con voce semplice e nulla è studiato anche se l effetto è accocolante. Senti 1

2 un francese che sa di russo, inglese, spagnolo e si applaude solo alla fine. Il pianista ringrazia e ringraziano gli spettatori. Merci e merci. Il repertorio fa il tono di questa piccola comunità del momento ed è una musica confidenziale, affettuosa e forse un po contemplativa, Nulla di più piacevole e ricercato, studiato con l attenzione di un alchimista (o di un terapeuta) che vuole farsi accompagnare in un percorso di emozioni da bilancio di fine giornata. Sento brani che a volte ricordo: De Falla, Mompou, Satie, Ravel, Berg, Villa Lobos, ma anche nomi che non conosco e che pure mi sembra di avere sentito; un repertorio leggero condito da sorprese come la partitura non più suonata di Rossini, quella dimenticata di Wagner, l esercizio infantile di Cocteau, la sonatina di Nassenet che è stata eseguita una sola volta nel. Poche parole e poi una bella cascata di note, una generosa porzione di delicate emozioni che potresti incartare e portarti via. Le poche e stentate parole che precedono l esecuzione bastano a renderti partecipe, esecutore e persino coautore di un rito che viene finalmente svelato come il segreto di una stretta di mano: l amore per la musica come segno di una socialità che non ha nulla di faticoso, come nutrimento interiore e una consuetudine del tempo. Al Theatre de l Ile Saint Louis non c è eleganza ma densità, non parole ma pensieri e note. E così anche qui, dalla penombra di questo teatrino, Parigi mostra di essere quella che per me (e per molti) è sempre stata: una città che ti fa dimenticare, almeno per un ora al giorno, tutti i cattivi pensieri, la noia delle abitudini e le paure della solitudine; un luogo insomma nel quale la povertà e il passato non portano colpe, il passato ha dei ponti solo interiori con il presente, il futuro può aspettare perché viene da sé, ti aspetta. Il pianista ha raccontato un aneddoto su Satie che mi son portato dietro per tutta la sera e ricordo ancora al mattino. Sapete: quando Eric morì, trovarono nella sua casa più di duemilaseicento lettere che aveva scritto negli ultimi dieci dodici anni. Sapete: non le aveva mai spedite. Finito il concerto ho incontrato il freddo di un inverno che a Milano è ancora lontano. E il mistral che viene dal vento del nord senza incontrare l ostacolo delle montagne. Sento il freddo di chi rientra la sera dalla Bilblioteque nationale (che ormai non c è più) alla Cité universitaire, sento il caldo della Maison de l Italie e l odore della cucina al terzo piano dove bolle un minestrone e si preparano le uova di gruppo. E anche l odore e il profumo di una bohème scanzonata e dignitosa che in me non ha lasciato né ferite, né rimpianti e che galleggia ancora in un universo parallelo, ma sempre lì, a portata di mano. Ci fu un periodo che la cucina del terzo fu proprietà quasi esclusiva di Mariarosa (De Nadariaga), c era Carlos (Ruffino), Ralph (Saltiel), c erano Marirose (Tahon) e Elba (Carrillo), Irnerio (Seminatore), Giovanni (Giordano), Paolo (Renzi), Julien (Cohen), Martin (Kolinski), Phelipe (Carrer), Leyla (Wekili), Vassilij (Lozopulos), ma altri nomi e fisionomie sono andate irrimediabilmente perdute. A volte ricordo espressioni, emozioni, situazioni e, delle donne con le quali l intimità è sta densa e pungente, quell indicibile profumo fatto di carezze e sorrisi che solo il tumulto del cuore resucita. A riflettere, a concentrare il pensiero non esce mai nulla di più: la memoria proustiana evidentemente con me non funziona e quel che mi è rimasto è solo l elan vital di Bergson. Restano i suoni e gli odori della cucina del terzo: un concerto celebrato più o meno tutte le sere dalle sei alle otto con stoviglie spaiate e una polifonia di voci stonate. Vere e proprie improvvisazioni di imprevedibile densità che preparavano lo spirito per lo spettacolo delle ore 21 alla Cité internationale: un film da cineteca inconfessabilmente noioso o una conferenza per molti incomprensibile o un concerto vero che ti obbligava al silenzio. C era sostanza e i fluidi del 68 attraversavano tutta Parigi per arrivare fin lì alla cucina del terzo, lì si concentravano, ribollivano e si diluivano nel tempo istantaneo della cena, se poi davvero così la vogliamo chiamare. Questo universo lontano, per me, ha sempre rispettato il suo canone che rende impossibile un coerente racconto: la provvisorietà, la leggerezza del tempo e 2

3 l improvvisazione surrealista. La sua disintegrazione era scritta nel suo stesso codice genetico e la diaspora è stata radicale. Dei lutti di questa scomparsa non ho mai sofferto: il tempo li ha portati via, li ha portati via un vento naturale e stagionale, il vento del nord. Nel corso degli anni però la curiosità si è fatta avanti, mi ha corteggiato, persino scavato un po e ora non cesso di sorprendermi per questa zona di vuoto desolata e deserta; e di tante e tante assenze, scomparse, abbandoni. Uno spazio di assenze, mi viene da dire così, e di tutte la perdita più prevedibile che ha creato un abisso improvviso e estraniante, la più cocente è stata l ultima: quella di Felipe Carrer. Quest anno non ho più trovato il suo indirizzo sull annuario del telefono, nessuna informazione in rete, più nessun contatto possibile. Perso nelle periferie di Parigi o rientrato definitivamente in Argentina? La storia di Felipe sarebbe da scrivere se già non fosse stata scritta migliaia di volte nei romanzi naturalisti dell Ottocento. La trovi nelle innumerevoli comparse messe in scena da Balzac, Sthendal, Flaubert, Sue, Maupassant; è la storia di un naufragio voluto e perseguito con tragica determinazione; una storia del distanziamento e della solitudine sporca, quella che a mano a mano che avanza diventa inutile prigionia, abbandono, perdita secca. Felipe, ultimo figlio maschio di un ceppo veneto (Carrer) trapiantato da tre generazioni in Argentina e nel cuore stesso della pampa (la città di Mendoza) era figlio di un medico che per quel poco che ne so avrebbe fatto la felicità di Marquez. Alta borghesia, al limite dell aristocrazia feudale e latifondista di quel continente perduto che ormai è l america spagnola dei Conquistadores. Laureato in filosofia con eccellenza a Buenonos Aires, Felipe si era anche impegnato in politica e, ventiquatrenne, era stato al fianco di un ministro della cultura del governo Frondizi, l utimo governo vagamente democratico (e cioè aristocratico ) che quel paese peronista ha avuto nella seconda metà del secolo scorso. Logico matematico per vocazione e passione, era poi giunto a Parigi con un bagaglio di sei lingue parlate e scritte, una invidiabile presenza di indomabile hidalgo (immaginatevi Corto Maltese, per capirci), qualche soldo e una borsa di studio per l Istituto universitario Pointcarré. In realtà una Grand école, un paradiso di matematici e logici, un direttore di tesi prestigioso, una tesi affascinante: il paradosso. Un anno, forse due di studi, un po di ragazze, un po di lavoretti, un giro provvisorio di amici: tutto alla Cité universitarie è provvisorio, tutto alla Maison de l Italie era incerto e momentaneo, tutto alla cucina del terzo piano era casuale e quotidiano. Un anno, due, forse tre. Poi qualcosa dentro Felipe si è rotto, o forse una falla antica è venuta in superficie; chi lo sa, chi lo può dire? Allora si capiva e non si capiva; noi non davamo giudizi, ci volevamo bene e ognuno pensava per sé. Ognuno correva dietro al suo piccolo nulla fatto di mestieri incredibili, inventati, sperati e immaginati; una provvisorietà che per noi era il precariato necessario come viaitco alla vita adulta, quella vera. Felipe era il nostro maestro, il provvisorio riuscito. Traduttore al Quai D Orsay, speaker alle edizioni notturne della ORTEF per le emissioni in lingua spagnola, giornalista a tempo perso per i dossier del Ministero affari esteri, insegnante di qualche lingua in corsi per immigrati. Che si poteva volere e sperare di più? Viveva di notte e la notte lo ha avvolto sempre di più... Anno dopo anno e, ora lo posso dire, decennio dopo decennio l ho visto sempre lì alla ricerca del lavoro del giorno dopo, della nuova stanza (si fa per dire!) ammobiliata da affittare, della nuova ragazza (anche qui si fa per dire) con la quale condividere le ore vuote della settimana. E anche riuscito ad avere una figlia, a separarsi dalla madre e a farsi abbandonare dalla figlia che da anni non lo vedeva più; alla fine, morto il padre ultranovantenne, ha sperato per un attimo in una erdeità: i parenti non riuscirono neppure a fare una colletta per il biglietto che lo avrebbe portato ai funerali. E così Felipe è stato per quarant anni una zattera alla deriva. Ogni tanto lo rivedevo nei miei soggiorni parigini, cercava di offrirmi un pranzo che poi pagavo io, si prlava di frantumi di realtà senza ordine né gerarchia. Alla fine si era dato alle religioni orientali, ai riti yoga, alle litanie mantriche, alla ricerca di un buon ritiro, di un dialogo tutto interiore fatto di un linguaggio interiore, per me quasi incomprensibile. I nostri 3

4 contatti si diradarono, ci eravamo consensualmente voltati le spalle nel nostro passatoo. Gli ultimi anni preferivo non segnalare più la mia presenza e ora Felipe è definitvamente colato a picco, scomparso nei fondali, morto per sempre. Non che volessi ritrovarlo, riprendere contatto con lui. Detesto la banilità e l imbarazzo degli amrcord, semplicemente aspettavo da anni la fine del film, aspettavo che l ultima comparsa della cucina del terzo fosse uscita di scena. E andata così. Finito. Il lutto ora è diventato sterminio, un vero genocidio della cucina del terzo. Quello che mi impressiona e sorprende ogni volta che i pensieri e le emozioni sfiorano questo argomento, è che, se faccio i conti di tutto il mio percorso umano, devo prendere atto del fatto che avrò nel torno di tutti questi anni, a partire della cucina del terzo, intrattenuto rapporti di amicizia (le conoscenze occasionali sono state ovviamente infinite) con più o meno..., che dire?, duecento, trecento persone... Di loro non resta più nulla, assolutamente nulla neppure le vecchie rubriche che contenevano nomi e indirizzi. L accettazione e l indifferenza per queste scomparse mi lascia... sì, interdetto, attonito; e non posso davvero dire di più. Ho cercato più volte di redigere un catalogo di questi personaggi della mia personale avventura, un libro dei morti, ma di fronte al cattivo gusto di un possibile sacrario dei caduti ho lasciato perdere: un nonsenso. E tuttavia è proprio come se vi fosse stata un guerra, una guerra mondiale di sterminio senza più reduci. E non trovo altro paragone, altra metafora. Una guerra durata trenta, quaranta anni alla fine della quale non restano neppure macerie. La mia sorpresa, rispetto all apparente ovvietà del problema, è talmente sconcertante che mi disorienta e mi pongo una domanda altrettanto banale: ma è per tutti così; è stato così anche per mio padre, per mia madre, per tutti i miei maggiori? E alla fine la risposta non è difficile. Sì, ovviamente alla fine è stato così per tutti e tuttavia l eccidio è stato forse di proprozioni più crudeli (la gente, un tempo, moriva davvero senza perdersi nelle nebbie del mondo), ma meno generale, meno devastante. Se penso alle consuetudini di vita della generazione che mi ha preceduto nella città di Novara le cose non sono andate così, per nulla. Era più difficile perdersi e la morte giungeva con una cadenza più comprensibile, accompagnata da un rito propiziatorio, consolatorio e formale che dava stabilità al mondo e al tempo del mondo. E l anello della solitudine si stringeva senza indifferenza, si stringeva in una aspettativa conturbante e premonitrice. Le notizie giungevano, gli evneti si potevano governare, restavano impressi e non si aveva l idea di una diaspora senza ritorno. Quest idea di un guerra totale la ritrovo alla fine del concerto pomeridiano in un pellegrinaggio in rue de Richelieu alla ricerca di un ristornate che annulli l attesa delllo spettacolo delle 21 al quale, ho deciso, non posso mancare. Del ristorante vegetariono che, fino a qualche mese fa, mi ricordava il ritrovo dei lettori italiani della Biblioteque Nationale, non rimane più traccia. Era l ultima vestigia sopravissuta dei servizi ai lattori della BN che ora si è trasferita in rue Tolbiac. Ci andavo con Graziella, Paolo, Michael, Franco, Tenenti..., Romano... e la danza macabra sembra ricominciare. Tutto il quartiere è cambiato per effetto delle ristrutturazioni, francamente, è davverro più bello, elegante tanto che ci vorresti abitare. In termini di età sono cambiati anche i gestori di ristoranti, boutiques, piccoli supermercati di questo quartiere conquistato ai piaceri della ricchezza: sono giovani e giovanissimi cameireri la cui professionalità è quella dei menager dediti alle nuove tecnologie. Non sorridono e servono con profonda dignità di corte; il cerimoniale ricorda vagamente le pompe funebri di un funerale di prima classe. Non mi diverto, però, confesso, mi piace. La ricostruzione ha cambiato il tempo e i modi, il gusto e i comportamenti in un quartiere che Apollinaire non sarebbe in grado di narrare poeticamente. Cammini e non finisci mai di stupirti di cose (vetrine, oggetti, fisionomie) delle quali non vi è nulla di cui stupirsi, se non il piacere di una passaeegiata nel lusso che innalza, nobilita i tuoi pensieri. 4

5 Borges ha scritto da qualche parte che le vere città altro non sono altro che utopie realizzate e che le utopie sono desidsri che puoi momentaneamente (provvisoriamente) appagare. E una riflessione che calza nel mio rapporto con Parigi ed è forse per questo che il progetto di trasferirmi definitivamente in questa città che davvero mi appartiene non si è mai realizzato. Parigi è e rimane un desiderio che si può appagare, un utopia che non si sciupa mai e cresce quando sei lontano per non deluderti quando ti ricongiungi con lei. Come non ti delude il percorso che attraversa la corte quadrata del Louvre sapientemente rischiarata appena da invisibili fiaccole e immersa nel più completo, rispettoso silenzio; né mia ti potrà deludere l attraversamento del Pont des arts, la cupola dell Academie, e giù fino a Saint Germaine per arrivare ancora al quartiere, all Ile Saint Louis, al teatrino che aspetta e apre la sua porta alle ore 21. De Jerusalem à Cordue (questo è il titolo dello spettacolo) è una pensata che solo nella città di Utopia si può materializzare. Sarebbe incomprensibile altrove o non ne avrebbe la visibilità; lo spettacolo è alla ottantatreesima replica. Si tratta di un folle pellegrinaggio misitico tra le tre religioni monoteiste (alle quali, per buona misura, si aggiunge il pitagorismo e il buddismo) tra Gerusalemme e Cordova attraverso un mediterraneo scomparso, un pellegrinaggio sui sentieri del VI-XII secolo. Un tempo immobile, un mondo globalizzato e, sia detto francamente, una menata pazzesca. Il programma va letto e si legge con entusiasmo: invocazioni copte, mottetti armeni, polifonie sufi, nennie hidish, canzoni d amore trovatoriche e melodie catare, assonanze meditative orientali, ritmi berberi e lamenti albanesi. La filologia è incerta, la ricerca approssimativa, e sotto la patina del programma a ciclostilo, l improvvisazione è assoluta; il vero mistero è lo spettacolo in sé, l idea di guidare il pubblico in pellegrinaggio attaverso un pensiero radicale e violento di fuga dal mondo. Mi par di capire che dietro a questa inconfessata follia potrebbe esserci il sogno senescente di Garodi che, in fuga dal marxismo di stato, proprio a Cordova ha aperto il tempio delle tre religioni e poi si e perso nel nulla. E nulla starebbe in piedi se lo spettacolo davvero non fosse tale: un aggrovigliato arzigogolo che, giunto alla fine, puoi dimenticare per sempre. Come Felipe. Ma lo spettacolo c è davvero ed è da vedere. Nel teatrino finto-barocco dell Ile Saint Louis vecchi hippy, sopravvissuti alla sauna marxista e situazionista, alla confuse utopie di un terzo mondo in rovina, a improbabili viaggi di liberazione finale a Katmandu e in Tbet, ti prendono per mano per portarti nel loro piccolo inferno fatto di sconnessi lamenti e vaghi rumori che sembrano implorare perdono, aiuto e perdono. L atmosfera c è e l apparato è bizzarro: la troupe son due persone mature (lei canta a piedi nudi, lui recita e suona) e una decina di strumenti che, tutti insieme, si trovano solo lì: tampura, citara, timpani, liuti e tamburi berberi, campane e tenébre di forme e suoni che non ho mai visti e sentiti. C è un introibo ieratico, un insieme di parole e canti, un silenzio di attesa e di aspettativa e lo spettacolo va, ti porta via, annuncia sogni e prodigi. Si capisce subito qual è l epicentro culturale del tutto. Se Alessandria, e non Roma fosse stata la capitale dell Impero ha scritto Guénon oggi il nostro mondo sarebbe pieno di sogni e prodigi. Lo spettacolo ti parla di un mondo promesso che è fuori dal mondo e mette in campo una forza centrifuga, una energia alla rovescia fatta di sentimenti e azioni che annunciano l evento atteso, sempre atteso proprio perché ignoto. E, poco a poco, il sortilegio si compie. L epicentro è quel Mediterraneo del mistero che non ha perso i contatti con la spaienza egizia, il gusto della divinazione, è lo spettacolo sincretista della fusione dei miti nel contesto monoteista; è lo spettacolo della grande resistenza alla modernità, il processo tragico della morte degli antichi dei che ci fa comodo dimenticare, che ormai non conosciamo più inghiottiti dal nostro steso tempo e dal corso rituale delle generazioni. Per un attimo il viaggio dal teatrino verso questa originaria babele alessandrina riesce, la magia si compie davvero, e mi sembra di avere a fianco Felipe, era lì e lo sentivo presente: proprio lì. Prodigio e sogno di 5

6 una sostanza preziosa che emanano lamenti e litanie, invocazioni, preghiere. Felipe è lì, ed eccoli lì tutti nell ombra oscura del teatrino strabocchevole, tutti lì in silenzio gli amici della cucina del terzo, del ristorante vegetariano... persino i loro sospiri, il loro odore, la loro impazienza per la fine dello spettacolo e poi riversarsi tutti alla caffetteria dell Cité a parlare e ridere, toccarsi e aspettare domani e... Elba, tutta per me, e la Tahon e Leila, Ruffino, Irnerio e io pronto a infilarmi in un tempo parallelo di saggezza antica, un tempo che, come quello di Alice nel paese delle meraviglie, non scorre mai... che tradisce e sovverte, inghiotte e purifica, e allora allora gli affanni scompaiono, il tempo scivola via senza tormenti, il paesaggio notturno non fa paura ma diviene familiare, la parola sconfina nella litania, la litania nel lamento... sei il pascolo delle gazzelle, il frutto del mio deserto, il tempo che è passato e quello che deve ancora venire, l orizzonte che vedi e quello che stà oltre l orizzonte, il cuore che batta e la pietra che tace, io sono il libro, la voce e il comando, la mano che guida e la morte che guarisce, la luna della notte e la stella mattutina, l omda del mare oceano e la prora che lo ferisce, l abisso del profondo e la sorgente che da luce.... Poi un battito di ciglia, un pensiero che sfugge... sfugge e impigrisce... sfugge e raggira... un sorriso e un sorriso... qualche passo nel piccolo cortile verso le acque nere del fiume, qualche passo e una vibrazione che ti lascia dietro il Mediterraneo, il caldo della notte in Tunisia, il ricordo di mille isole e di binache vele, di una stellata che guardi e guardi, di acqua che batte di prora... e un passo, un passo sul duro selciato di quai d Anjou... Parigi. Roberto Moro Prima edizione Storia & Storici

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

L ultima cosa che ho visto

L ultima cosa che ho visto L ultima cosa che ho visto Cinzia Politi L ULTIMA COSA CHE HO VISTO www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Nome Autore Tutti i diritti riservati Dedicato a Sara, una giovane, grande donna CAPITOLO

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Traduzione di Marco Zappella Nota dell Editore: Il 22 agosto 1998 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato una Notificazione, qui pubblicata

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Kamon & Drive Garuburn

Kamon & Drive Garuburn Kamon & Drive Garuburn Drive Garuburn È il B-Daman dall emblema Uccello di Fuoco. Solitamente è calmo e rimane al fianco di Kamon, il ragazzo dal sangue caldo, anche se ogni tanto il suo carattere irascibile

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora Gli anziani in realtà vengono considerati i soggetti più esposti al rischio della solitudine; sia perché

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli