Da Gerusalemme a Cordova passando per quai d Anjou. la boheme. Roberto Moro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Da Gerusalemme a Cordova passando per quai d Anjou. la boheme. Roberto Moro"

Transcript

1 Roberto Moro Da Gerusalemme a Cordova passando per quai d Anjou la boheme Vieni a Parigi. Ascolta... Il Theatre de l Ile Saint Louis (quai d Anju) è giusto a metà strada tra place des Vosges, in pieno Marais, e il Quai d Orsay che guarda diritto alle torri del Louvre. Ti capita su uno dei percorsi più belli, e per me abituali, di Parigi (dalla Biblioteca Mazzarino, passando per Saint Michel, Cluny, Sorbona, Notre Dame, Rivoli, il ghetto, fino la Biblioteque historique del la Ville al Paris all Hotel Lamoignon), ma per trovarlo lo devi cercare; chiedere in giro, fidarti del barista, del passante intirizzito, della coppia distratta, del verduraio algerino. Sta dentro un cortile e nulla lo annuncia se non un portone semiaperto che ti lascia vedere una viva luce nel fondo. Se ci arrivi alla sera, appena dopo il tramonto, alla fine lo vedi, passi la porta e ti lasci dietro la Senna, le luci dell Hotel de Ville, le vetrate dell Arcivescovado e, di lontano, i palazzi a specchio della gare de Lyon. Il teatro è fatto di un unica stanza poco più grande della nostra sala studenti alla Maison de l Italie e tuttavia nobilitata da stucchi sacrali in bianco e oro che accompagno il rosso impegnativo di muri e poltroncine disegnate per stare scomodi e attenti; non ha più di quaranta posti ma non ci ho mai contato più di una ventina di affezionati e forse anche abitué, come me del resto. Il biglietto te lo fa l impresario (un settantenne piccolo e magro in maglione) che sta in piedi all ingresso e ti consegna il programma a ciclostilo, con simpatia e senza commenti. Quindici euro ed è finita lì. Per quel che ne so, in base al programma che poi funziona davvero, si suona tutti i giorni dalle 18,30 alle 19,45 e poi alle 21 c è lo spettacolo vero. Prima il recital pianistico: l aperitivo. Poi lo spettacolo forte. Si fa della musica, come si diceva un tempo, e la parola concerto non pare appropriata. Piuttosto è un dialogo, uno scambio sereno a senso unico, un momento di pausa e di pace. C è cortesia, ci si saluta con gentilezza antica e familiare e si sorride scambiandosi i posti e scavalcando le poltroncine: merci e merci. Gli esecutori presentano i pezzi con voce semplice e nulla è studiato anche se l effetto è accocolante. Senti 1

2 un francese che sa di russo, inglese, spagnolo e si applaude solo alla fine. Il pianista ringrazia e ringraziano gli spettatori. Merci e merci. Il repertorio fa il tono di questa piccola comunità del momento ed è una musica confidenziale, affettuosa e forse un po contemplativa, Nulla di più piacevole e ricercato, studiato con l attenzione di un alchimista (o di un terapeuta) che vuole farsi accompagnare in un percorso di emozioni da bilancio di fine giornata. Sento brani che a volte ricordo: De Falla, Mompou, Satie, Ravel, Berg, Villa Lobos, ma anche nomi che non conosco e che pure mi sembra di avere sentito; un repertorio leggero condito da sorprese come la partitura non più suonata di Rossini, quella dimenticata di Wagner, l esercizio infantile di Cocteau, la sonatina di Nassenet che è stata eseguita una sola volta nel. Poche parole e poi una bella cascata di note, una generosa porzione di delicate emozioni che potresti incartare e portarti via. Le poche e stentate parole che precedono l esecuzione bastano a renderti partecipe, esecutore e persino coautore di un rito che viene finalmente svelato come il segreto di una stretta di mano: l amore per la musica come segno di una socialità che non ha nulla di faticoso, come nutrimento interiore e una consuetudine del tempo. Al Theatre de l Ile Saint Louis non c è eleganza ma densità, non parole ma pensieri e note. E così anche qui, dalla penombra di questo teatrino, Parigi mostra di essere quella che per me (e per molti) è sempre stata: una città che ti fa dimenticare, almeno per un ora al giorno, tutti i cattivi pensieri, la noia delle abitudini e le paure della solitudine; un luogo insomma nel quale la povertà e il passato non portano colpe, il passato ha dei ponti solo interiori con il presente, il futuro può aspettare perché viene da sé, ti aspetta. Il pianista ha raccontato un aneddoto su Satie che mi son portato dietro per tutta la sera e ricordo ancora al mattino. Sapete: quando Eric morì, trovarono nella sua casa più di duemilaseicento lettere che aveva scritto negli ultimi dieci dodici anni. Sapete: non le aveva mai spedite. Finito il concerto ho incontrato il freddo di un inverno che a Milano è ancora lontano. E il mistral che viene dal vento del nord senza incontrare l ostacolo delle montagne. Sento il freddo di chi rientra la sera dalla Bilblioteque nationale (che ormai non c è più) alla Cité universitaire, sento il caldo della Maison de l Italie e l odore della cucina al terzo piano dove bolle un minestrone e si preparano le uova di gruppo. E anche l odore e il profumo di una bohème scanzonata e dignitosa che in me non ha lasciato né ferite, né rimpianti e che galleggia ancora in un universo parallelo, ma sempre lì, a portata di mano. Ci fu un periodo che la cucina del terzo fu proprietà quasi esclusiva di Mariarosa (De Nadariaga), c era Carlos (Ruffino), Ralph (Saltiel), c erano Marirose (Tahon) e Elba (Carrillo), Irnerio (Seminatore), Giovanni (Giordano), Paolo (Renzi), Julien (Cohen), Martin (Kolinski), Phelipe (Carrer), Leyla (Wekili), Vassilij (Lozopulos), ma altri nomi e fisionomie sono andate irrimediabilmente perdute. A volte ricordo espressioni, emozioni, situazioni e, delle donne con le quali l intimità è sta densa e pungente, quell indicibile profumo fatto di carezze e sorrisi che solo il tumulto del cuore resucita. A riflettere, a concentrare il pensiero non esce mai nulla di più: la memoria proustiana evidentemente con me non funziona e quel che mi è rimasto è solo l elan vital di Bergson. Restano i suoni e gli odori della cucina del terzo: un concerto celebrato più o meno tutte le sere dalle sei alle otto con stoviglie spaiate e una polifonia di voci stonate. Vere e proprie improvvisazioni di imprevedibile densità che preparavano lo spirito per lo spettacolo delle ore 21 alla Cité internationale: un film da cineteca inconfessabilmente noioso o una conferenza per molti incomprensibile o un concerto vero che ti obbligava al silenzio. C era sostanza e i fluidi del 68 attraversavano tutta Parigi per arrivare fin lì alla cucina del terzo, lì si concentravano, ribollivano e si diluivano nel tempo istantaneo della cena, se poi davvero così la vogliamo chiamare. Questo universo lontano, per me, ha sempre rispettato il suo canone che rende impossibile un coerente racconto: la provvisorietà, la leggerezza del tempo e 2

3 l improvvisazione surrealista. La sua disintegrazione era scritta nel suo stesso codice genetico e la diaspora è stata radicale. Dei lutti di questa scomparsa non ho mai sofferto: il tempo li ha portati via, li ha portati via un vento naturale e stagionale, il vento del nord. Nel corso degli anni però la curiosità si è fatta avanti, mi ha corteggiato, persino scavato un po e ora non cesso di sorprendermi per questa zona di vuoto desolata e deserta; e di tante e tante assenze, scomparse, abbandoni. Uno spazio di assenze, mi viene da dire così, e di tutte la perdita più prevedibile che ha creato un abisso improvviso e estraniante, la più cocente è stata l ultima: quella di Felipe Carrer. Quest anno non ho più trovato il suo indirizzo sull annuario del telefono, nessuna informazione in rete, più nessun contatto possibile. Perso nelle periferie di Parigi o rientrato definitivamente in Argentina? La storia di Felipe sarebbe da scrivere se già non fosse stata scritta migliaia di volte nei romanzi naturalisti dell Ottocento. La trovi nelle innumerevoli comparse messe in scena da Balzac, Sthendal, Flaubert, Sue, Maupassant; è la storia di un naufragio voluto e perseguito con tragica determinazione; una storia del distanziamento e della solitudine sporca, quella che a mano a mano che avanza diventa inutile prigionia, abbandono, perdita secca. Felipe, ultimo figlio maschio di un ceppo veneto (Carrer) trapiantato da tre generazioni in Argentina e nel cuore stesso della pampa (la città di Mendoza) era figlio di un medico che per quel poco che ne so avrebbe fatto la felicità di Marquez. Alta borghesia, al limite dell aristocrazia feudale e latifondista di quel continente perduto che ormai è l america spagnola dei Conquistadores. Laureato in filosofia con eccellenza a Buenonos Aires, Felipe si era anche impegnato in politica e, ventiquatrenne, era stato al fianco di un ministro della cultura del governo Frondizi, l utimo governo vagamente democratico (e cioè aristocratico ) che quel paese peronista ha avuto nella seconda metà del secolo scorso. Logico matematico per vocazione e passione, era poi giunto a Parigi con un bagaglio di sei lingue parlate e scritte, una invidiabile presenza di indomabile hidalgo (immaginatevi Corto Maltese, per capirci), qualche soldo e una borsa di studio per l Istituto universitario Pointcarré. In realtà una Grand école, un paradiso di matematici e logici, un direttore di tesi prestigioso, una tesi affascinante: il paradosso. Un anno, forse due di studi, un po di ragazze, un po di lavoretti, un giro provvisorio di amici: tutto alla Cité universitarie è provvisorio, tutto alla Maison de l Italie era incerto e momentaneo, tutto alla cucina del terzo piano era casuale e quotidiano. Un anno, due, forse tre. Poi qualcosa dentro Felipe si è rotto, o forse una falla antica è venuta in superficie; chi lo sa, chi lo può dire? Allora si capiva e non si capiva; noi non davamo giudizi, ci volevamo bene e ognuno pensava per sé. Ognuno correva dietro al suo piccolo nulla fatto di mestieri incredibili, inventati, sperati e immaginati; una provvisorietà che per noi era il precariato necessario come viaitco alla vita adulta, quella vera. Felipe era il nostro maestro, il provvisorio riuscito. Traduttore al Quai D Orsay, speaker alle edizioni notturne della ORTEF per le emissioni in lingua spagnola, giornalista a tempo perso per i dossier del Ministero affari esteri, insegnante di qualche lingua in corsi per immigrati. Che si poteva volere e sperare di più? Viveva di notte e la notte lo ha avvolto sempre di più... Anno dopo anno e, ora lo posso dire, decennio dopo decennio l ho visto sempre lì alla ricerca del lavoro del giorno dopo, della nuova stanza (si fa per dire!) ammobiliata da affittare, della nuova ragazza (anche qui si fa per dire) con la quale condividere le ore vuote della settimana. E anche riuscito ad avere una figlia, a separarsi dalla madre e a farsi abbandonare dalla figlia che da anni non lo vedeva più; alla fine, morto il padre ultranovantenne, ha sperato per un attimo in una erdeità: i parenti non riuscirono neppure a fare una colletta per il biglietto che lo avrebbe portato ai funerali. E così Felipe è stato per quarant anni una zattera alla deriva. Ogni tanto lo rivedevo nei miei soggiorni parigini, cercava di offrirmi un pranzo che poi pagavo io, si prlava di frantumi di realtà senza ordine né gerarchia. Alla fine si era dato alle religioni orientali, ai riti yoga, alle litanie mantriche, alla ricerca di un buon ritiro, di un dialogo tutto interiore fatto di un linguaggio interiore, per me quasi incomprensibile. I nostri 3

4 contatti si diradarono, ci eravamo consensualmente voltati le spalle nel nostro passatoo. Gli ultimi anni preferivo non segnalare più la mia presenza e ora Felipe è definitvamente colato a picco, scomparso nei fondali, morto per sempre. Non che volessi ritrovarlo, riprendere contatto con lui. Detesto la banilità e l imbarazzo degli amrcord, semplicemente aspettavo da anni la fine del film, aspettavo che l ultima comparsa della cucina del terzo fosse uscita di scena. E andata così. Finito. Il lutto ora è diventato sterminio, un vero genocidio della cucina del terzo. Quello che mi impressiona e sorprende ogni volta che i pensieri e le emozioni sfiorano questo argomento, è che, se faccio i conti di tutto il mio percorso umano, devo prendere atto del fatto che avrò nel torno di tutti questi anni, a partire della cucina del terzo, intrattenuto rapporti di amicizia (le conoscenze occasionali sono state ovviamente infinite) con più o meno..., che dire?, duecento, trecento persone... Di loro non resta più nulla, assolutamente nulla neppure le vecchie rubriche che contenevano nomi e indirizzi. L accettazione e l indifferenza per queste scomparse mi lascia... sì, interdetto, attonito; e non posso davvero dire di più. Ho cercato più volte di redigere un catalogo di questi personaggi della mia personale avventura, un libro dei morti, ma di fronte al cattivo gusto di un possibile sacrario dei caduti ho lasciato perdere: un nonsenso. E tuttavia è proprio come se vi fosse stata un guerra, una guerra mondiale di sterminio senza più reduci. E non trovo altro paragone, altra metafora. Una guerra durata trenta, quaranta anni alla fine della quale non restano neppure macerie. La mia sorpresa, rispetto all apparente ovvietà del problema, è talmente sconcertante che mi disorienta e mi pongo una domanda altrettanto banale: ma è per tutti così; è stato così anche per mio padre, per mia madre, per tutti i miei maggiori? E alla fine la risposta non è difficile. Sì, ovviamente alla fine è stato così per tutti e tuttavia l eccidio è stato forse di proprozioni più crudeli (la gente, un tempo, moriva davvero senza perdersi nelle nebbie del mondo), ma meno generale, meno devastante. Se penso alle consuetudini di vita della generazione che mi ha preceduto nella città di Novara le cose non sono andate così, per nulla. Era più difficile perdersi e la morte giungeva con una cadenza più comprensibile, accompagnata da un rito propiziatorio, consolatorio e formale che dava stabilità al mondo e al tempo del mondo. E l anello della solitudine si stringeva senza indifferenza, si stringeva in una aspettativa conturbante e premonitrice. Le notizie giungevano, gli evneti si potevano governare, restavano impressi e non si aveva l idea di una diaspora senza ritorno. Quest idea di un guerra totale la ritrovo alla fine del concerto pomeridiano in un pellegrinaggio in rue de Richelieu alla ricerca di un ristornate che annulli l attesa delllo spettacolo delle 21 al quale, ho deciso, non posso mancare. Del ristorante vegetariono che, fino a qualche mese fa, mi ricordava il ritrovo dei lettori italiani della Biblioteque Nationale, non rimane più traccia. Era l ultima vestigia sopravissuta dei servizi ai lattori della BN che ora si è trasferita in rue Tolbiac. Ci andavo con Graziella, Paolo, Michael, Franco, Tenenti..., Romano... e la danza macabra sembra ricominciare. Tutto il quartiere è cambiato per effetto delle ristrutturazioni, francamente, è davverro più bello, elegante tanto che ci vorresti abitare. In termini di età sono cambiati anche i gestori di ristoranti, boutiques, piccoli supermercati di questo quartiere conquistato ai piaceri della ricchezza: sono giovani e giovanissimi cameireri la cui professionalità è quella dei menager dediti alle nuove tecnologie. Non sorridono e servono con profonda dignità di corte; il cerimoniale ricorda vagamente le pompe funebri di un funerale di prima classe. Non mi diverto, però, confesso, mi piace. La ricostruzione ha cambiato il tempo e i modi, il gusto e i comportamenti in un quartiere che Apollinaire non sarebbe in grado di narrare poeticamente. Cammini e non finisci mai di stupirti di cose (vetrine, oggetti, fisionomie) delle quali non vi è nulla di cui stupirsi, se non il piacere di una passaeegiata nel lusso che innalza, nobilita i tuoi pensieri. 4

5 Borges ha scritto da qualche parte che le vere città altro non sono altro che utopie realizzate e che le utopie sono desidsri che puoi momentaneamente (provvisoriamente) appagare. E una riflessione che calza nel mio rapporto con Parigi ed è forse per questo che il progetto di trasferirmi definitivamente in questa città che davvero mi appartiene non si è mai realizzato. Parigi è e rimane un desiderio che si può appagare, un utopia che non si sciupa mai e cresce quando sei lontano per non deluderti quando ti ricongiungi con lei. Come non ti delude il percorso che attraversa la corte quadrata del Louvre sapientemente rischiarata appena da invisibili fiaccole e immersa nel più completo, rispettoso silenzio; né mia ti potrà deludere l attraversamento del Pont des arts, la cupola dell Academie, e giù fino a Saint Germaine per arrivare ancora al quartiere, all Ile Saint Louis, al teatrino che aspetta e apre la sua porta alle ore 21. De Jerusalem à Cordue (questo è il titolo dello spettacolo) è una pensata che solo nella città di Utopia si può materializzare. Sarebbe incomprensibile altrove o non ne avrebbe la visibilità; lo spettacolo è alla ottantatreesima replica. Si tratta di un folle pellegrinaggio misitico tra le tre religioni monoteiste (alle quali, per buona misura, si aggiunge il pitagorismo e il buddismo) tra Gerusalemme e Cordova attraverso un mediterraneo scomparso, un pellegrinaggio sui sentieri del VI-XII secolo. Un tempo immobile, un mondo globalizzato e, sia detto francamente, una menata pazzesca. Il programma va letto e si legge con entusiasmo: invocazioni copte, mottetti armeni, polifonie sufi, nennie hidish, canzoni d amore trovatoriche e melodie catare, assonanze meditative orientali, ritmi berberi e lamenti albanesi. La filologia è incerta, la ricerca approssimativa, e sotto la patina del programma a ciclostilo, l improvvisazione è assoluta; il vero mistero è lo spettacolo in sé, l idea di guidare il pubblico in pellegrinaggio attaverso un pensiero radicale e violento di fuga dal mondo. Mi par di capire che dietro a questa inconfessata follia potrebbe esserci il sogno senescente di Garodi che, in fuga dal marxismo di stato, proprio a Cordova ha aperto il tempio delle tre religioni e poi si e perso nel nulla. E nulla starebbe in piedi se lo spettacolo davvero non fosse tale: un aggrovigliato arzigogolo che, giunto alla fine, puoi dimenticare per sempre. Come Felipe. Ma lo spettacolo c è davvero ed è da vedere. Nel teatrino finto-barocco dell Ile Saint Louis vecchi hippy, sopravvissuti alla sauna marxista e situazionista, alla confuse utopie di un terzo mondo in rovina, a improbabili viaggi di liberazione finale a Katmandu e in Tbet, ti prendono per mano per portarti nel loro piccolo inferno fatto di sconnessi lamenti e vaghi rumori che sembrano implorare perdono, aiuto e perdono. L atmosfera c è e l apparato è bizzarro: la troupe son due persone mature (lei canta a piedi nudi, lui recita e suona) e una decina di strumenti che, tutti insieme, si trovano solo lì: tampura, citara, timpani, liuti e tamburi berberi, campane e tenébre di forme e suoni che non ho mai visti e sentiti. C è un introibo ieratico, un insieme di parole e canti, un silenzio di attesa e di aspettativa e lo spettacolo va, ti porta via, annuncia sogni e prodigi. Si capisce subito qual è l epicentro culturale del tutto. Se Alessandria, e non Roma fosse stata la capitale dell Impero ha scritto Guénon oggi il nostro mondo sarebbe pieno di sogni e prodigi. Lo spettacolo ti parla di un mondo promesso che è fuori dal mondo e mette in campo una forza centrifuga, una energia alla rovescia fatta di sentimenti e azioni che annunciano l evento atteso, sempre atteso proprio perché ignoto. E, poco a poco, il sortilegio si compie. L epicentro è quel Mediterraneo del mistero che non ha perso i contatti con la spaienza egizia, il gusto della divinazione, è lo spettacolo sincretista della fusione dei miti nel contesto monoteista; è lo spettacolo della grande resistenza alla modernità, il processo tragico della morte degli antichi dei che ci fa comodo dimenticare, che ormai non conosciamo più inghiottiti dal nostro steso tempo e dal corso rituale delle generazioni. Per un attimo il viaggio dal teatrino verso questa originaria babele alessandrina riesce, la magia si compie davvero, e mi sembra di avere a fianco Felipe, era lì e lo sentivo presente: proprio lì. Prodigio e sogno di 5

6 una sostanza preziosa che emanano lamenti e litanie, invocazioni, preghiere. Felipe è lì, ed eccoli lì tutti nell ombra oscura del teatrino strabocchevole, tutti lì in silenzio gli amici della cucina del terzo, del ristorante vegetariano... persino i loro sospiri, il loro odore, la loro impazienza per la fine dello spettacolo e poi riversarsi tutti alla caffetteria dell Cité a parlare e ridere, toccarsi e aspettare domani e... Elba, tutta per me, e la Tahon e Leila, Ruffino, Irnerio e io pronto a infilarmi in un tempo parallelo di saggezza antica, un tempo che, come quello di Alice nel paese delle meraviglie, non scorre mai... che tradisce e sovverte, inghiotte e purifica, e allora allora gli affanni scompaiono, il tempo scivola via senza tormenti, il paesaggio notturno non fa paura ma diviene familiare, la parola sconfina nella litania, la litania nel lamento... sei il pascolo delle gazzelle, il frutto del mio deserto, il tempo che è passato e quello che deve ancora venire, l orizzonte che vedi e quello che stà oltre l orizzonte, il cuore che batta e la pietra che tace, io sono il libro, la voce e il comando, la mano che guida e la morte che guarisce, la luna della notte e la stella mattutina, l omda del mare oceano e la prora che lo ferisce, l abisso del profondo e la sorgente che da luce.... Poi un battito di ciglia, un pensiero che sfugge... sfugge e impigrisce... sfugge e raggira... un sorriso e un sorriso... qualche passo nel piccolo cortile verso le acque nere del fiume, qualche passo e una vibrazione che ti lascia dietro il Mediterraneo, il caldo della notte in Tunisia, il ricordo di mille isole e di binache vele, di una stellata che guardi e guardi, di acqua che batte di prora... e un passo, un passo sul duro selciato di quai d Anjou... Parigi. Roberto Moro Prima edizione Storia & Storici

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Il cammino di Santiago

Il cammino di Santiago Il cammino di Santiago Le statistiche e le motivazioni Copyright itineraria www.itineraria.eu Pag. 1 Arrivi di pellegrini a Santiago 300.000 250.000 200.000 150.000 100.000 50.000-1986 1987 1988 1989 1990

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Classe di livello B1+ Apprendenti stranieri di età tra 18-22 anni. Attività sull immigrazione. Berline Flore Ngueagni Università Ca Foscari

Classe di livello B1+ Apprendenti stranieri di età tra 18-22 anni. Attività sull immigrazione. Berline Flore Ngueagni Università Ca Foscari 1 Classe di livello B1+ Apprendenti stranieri di età tra 18-22 anni Attività sull immigrazione Berline Flore Ngueagni Università Ca Foscari 1- Che cosa vedi in questa immagine? 2- Secondo te che luogo

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Viaggio in Senegal ottobre 2013

Viaggio in Senegal ottobre 2013 Viaggio in Senegal ottobre 2013 Dal 26 ottobre al 1 novembre, 11 persone, 4 dentisti ( 2 dentisti e 2 aiuti), 5 terapeuti Esseni, 1 consulente per i problemi articolari e un accompagnatrie per la logistica

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi Ci sono date nella nostra vita che difficilmente ci scorderemo, la mia è quella dell 11 settembre 2011. Tanti presupposti di questa esperienza

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli