FFFUH! sarà un numero di soli racconti. niente articoli o interviste. solo storie.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FFFUH! sarà un numero di soli racconti. niente articoli o interviste. solo storie."

Transcript

1

2 Rev numero 18: FFUH! Non siamo pazzi, in realtà nel pensare il titolo ci è venuta in mente prima di tutto la copertina: fffuh! ovvero il rumore della mano di un uomo che si scrolla di dosso la polvere. Dopo una caduta. Un uomo in giacca e cravatta... magari una cravatta un po' allentata. FFFUH! è il momento prima della rinascita o piuttosto è il momento della nascita della speranza. Quando questa ancora non si concretizza, ma è soltanto un'idea vaga. Non è il domani delle promesse (domani smetto, domani dico, domani inizio, domani vado... ), il momento in cui tutto cambierà o almeno sappiamo che proveremo a farlo cambiare. FFFUH! non è domani, FFFUH! piuttosto è questa stasera. È il momento in cui cadiamo e ci rialziamo, facciamo mente locale e scrollandoci la polvere dalla giacca decidiamo di ripartire. FFFUH è il seguito del numero precedente, da un numero incazzato e per certi versi pessimisticamente cattivo, ora diamo uno strappo e guardiamo avanti. FFFUH! sarà un numero di soli racconti. niente articoli o interviste. solo storie. 2

3 Premesse Voglio essere là quando in curva sentirò fischiare il treno. Tutti i treni. Perché là i treni che ho perso ripasseranno uno dopo l altro, come le stagioni. Voglio essere là perchè là non sbaglierò più un congiuntivo. Voglio essere là per crederci davvero, per riconoscermi allo specchio. Voglio essere là perché qui non ci sto bene, perché per alzarsi la mattina bisogna averci un buon motivo e per vivere di notte ci vuole coraggio e io non ho più nessuna delle due cose. Perché non voglio che mio figlio si vergogni più di me. Voglio essere là perché qui non c è mai abbastanza vino per dimenticare e soprattutto perché non c è mai un vero motivo per cominciare a bere. Voglio essere là per un bicchiere d acqua fresca, per un sorriso spontaneo, per un bel giorno di sole. Voglio essere là, dove vanno ad asciugarsi le lacrime, dove vanno a nascondersi i sogni dimenticati e le promesse infrante, là dove sta il meglio di noi. Voglio essere là, nel punto esatto in cui mi sono perso. Voglio essere là per ricominciare /Alessandro Corazzi/ 3

4 MIRAGGIO Pigiò forte sul pedale del freno, la macchina inchiodò e i pneumatici (o quel che ne rimaneva) stridettero sollevando una nuvola di polvere rossa. Aprì la portiera arrugginita la quale fece resistenza emettendo un pigro cigolio, un lamento di risveglio dopo secoli di disuso. Erano ore che vagava senza meta attraverso l outback e finché era stata notte non aveva fatto caso all aridità del paesaggio intorno a lui, mentre ora il solo guardarsi intorno gli seccava la gola e la visione di un po d acqua corrente gli ingombrava la vista come un miraggio. Fortunatamente aveva trovato un punto di ristoro, che chiamare stazione di servizio era veramente troppo; una baracca di lamiera era affiancata da una pompa di carburante, il tutto avvolto da una nube di calore che si alzava dal terreno ocra smosso da rari segni di pneumatici. Si accorse che la porta non esisteva, l entrata era sul lato opposto a quello affianco al quale si era fermato, e consisteva in un foglio di lamiera piegato a 45 gradi rispetto al resto, incastrato nel terreno e pericolante nella sua parte superiore. Entrò. Nella penombra, alla quale i suoi occhi non si abituarono subito, scorse la figura che sedeva dietro il bancone di truciolato i cui bordi sembravano mozzicati dando l idea di un appoggio alquanto periglioso. Il torso dell uomo era coperto da una canotta bianca che mostrava aloni gialli di sudore nella parte adiacente al petto e poi anche alle due ascelle, la parte inferiore del corpo non era visibile, ma in testa portava un berretto a retina dal quale uscivano qua e là ciocche di capelli arricciati dalla sporcizia e di colore nero e bianco; il volto era occupato per la maggior parte da un naso grosso e bitorzoluto, affiancato da due occhi semichiusi dalle sopracciglia cadenti e sovrastante due labbra carnose spaccate dalle piaghe dovute al sole; le guance sembravano quelle di un cane boxer ed erano solcate da profonde rughe nelle quali le goccioline di sudore s incanalavano come in un sistema di chiuse fluviali. Naturalmente era un tipo di poche parole, a lui interessava solo rendersi conto il prima possibile di quanto si doveva muovere dal suo posto per servire i pochi clienti che riceveva, e farlo il più in fretta possibile, per poi ritornare al suo ambito sgabello a fissare la porta che non c era. Lui invece aveva voglia di parlare e riuscì a farsi dire che dall altra parte della strada c era un paese, incuriosito uscì fuori attraverso la non-porta e scrutò in direzione della carreggiata opposta. Capì perché prima non si era accorto di un assembramento degno del nome di paese, semplicemente non c era un paese ma 4 o 5 roulotte parcheggiate stabilmente in mezzo al nulla. Rientrò nella baracca appoggiandosi alla pseudo porta e chiese se lo si stesse prendendo in giro ma l uomo gli rispose che il paese (esistente quanto la porta) aveva anche un nome e gli mostrò la il messaggio di benvenuto stampato su etichetta adesiva che vendeva. Sorpreso, notò l espressione spazientita del suo interlocutore, evidentemente ansioso di tornare alla sua prolifica occupazione antecedente, così chiese da bere e del ghiaccio a parte. I cubetti erano gialli, ma una cosa lo sorprese ancor di più: accanto al refrigeratore da dove il gentile personaggio aveva preso bibite e ghiaccio c era quello che, nella penombra, lui aveva scambiato per un armadio ma che ora si rendeva conto essere una bara. Chiese delle spiegazioni e si sentì rispondere che la bara era in offerta, e si riceveva un ulteriore sconto se ci si scavava la fossa da soli. Naturalmente l uomo non aveva intenzione di dare ulteriori spiegazioni ma la situazione era veramente incomprensibile e, sfidando lo sguardo bramante inedia, chiese il perché di un offerta talmente inusuale. - è per gli aborigeni! Rispose una terza persona entrando dalla porta che non c era; vestiva soltanto una salopette di jeans blu, con il colore e il tessuto consumati sulle cosce, niente scarpe, testa calva e una folta e lunga barba bianca; guardandolo meglio si accorse che la salopette era retta da una sola bretella, incrociata sul petto 4

5 per raggiungere il bottone opposto, lasciando penzolare l altro lembo che scopriva così il capezzolo scuro circondato da ciuffetti di candidi peli. L uomo al bancone tirò un sospiro di sollievo e rientrò nel suo stato simil-catatonico lasciando al vecchio l incombenza delle spiegazioni. - vede, qui siamo nel bel mezzo di una delle più trafficate vie dei canti, gli itinerari ripercorsi dagli aborigeni sulle tracce dei loro antenati mitologici, questa via, in particolare, è piuttosto estenuante dato che si estende nel mezzo del deserto e incontra anche diversi dislivelli; inoltre gli aborigeni sono soliti percorrerla in età avanzata, quando sentono che la morte è vicina e che per loro potrebbe essere l ultima occasione per farla tutta o per morire con il massimo degli onori nei luoghi toccati dal progenitore della propria tribù. Continuava a sfuggirgli qualcosa, ma vide che il vecchio calvo stava ricominciando a parlare dopo aver sorseggiato una buona metà della sua bibita. - permetta che beva sotto suo pagamento visto che la gola mi si sta seccando per soddisfare la sua curiosità comunque questo è il punto in cui di solito arrivano stremati e poco dopo si accasciano morenti al suolo. In questo modo si stava formando u vero e proprio cimitero a cielo aperto con relative nefande conseguenze, così, visto che io sono falegname ho cominciato a costruire bare in cui mettere quei poveretti, ma poi sono diventato troppo vecchio per scavare anche le buche, e il mio amico, qui, ha il suo lavoro, che come vedi lo tiene impegnato per tutta la giornata, quindi consigliamo a chi vuole un riposo dignitoso nell aldilà di scavarsi una buca da solo, assicurando che se si muore nello sforzo, verrà comunque sepolto anche se non si assicura che questo avvenga immediatamente. Ecco tutto! Si alzò, aprì la copertura di quel letto eterno e d un tratto gli apparve la soluzione a tutti i suoi problemi, tutto sommato anche lui stava facendo un lungo viaggio e quel posto fuori dal mondo gli sembrava adatto a porre fine al suo vagabondare, pensò che un cuscino su cui appoggiare la testa e una tavola di legno a proteggergli la testa dalla pioggia erano sempre meglio del niente con cui si ritrovava ora. Chiese il prezzo ma si rese conto di non avere i soldi necessari, però aveva ancora la macchina, e i due accettarono lo scambio senza farsi troppe domande su cosa volesse fare quel viaggiatore con la bara Visto che la porta non c era, portò agevolmente la bara fuori dalla baracca, dopo essersi fatto dare una pala dai due, che gli avevano inoltre indicato dove poter andare a scavare (soprattutto per sapere dove andare a recuperare la pala e chiudere la buca). Se la legò in vita con una lunga corda e la trascinò verso la meta come fanno i centometristi con i pneumatici in allenamento. Fu già faticoso arrivare sul posto in quel modo, e doveva pure scavare ora; la maglietta l aveva legata in testa, per proteggersi dal sole e mentre scavava in quel deserto sembrava un arabo in cerca del petrolio. La terra era dura, la fatica enorme e il sudore scendeva prima a rivoli sul suo corpo e poi cominciò a traspirare direttamente a chiazze, come fossero laghi emergenti spontaneamente dalla terra; lo scavo, però, lo teneva occupato, concentrato, ci provava gusto e ne rimase addirittura soddisfatto, pensava ci avrebbe messo chissà quanto e invece aveva già finito, gettò la bara nella fossa e pensò che un bel sonno se l era proprio meritato, pensava di addormentarsi e quindi di non sentire niente quando sarebbe morto soffocato per mancanza d aria dopo che il vecchio pelato avrebbe completato l opera, si rimise la maglietta e si stese beato, si addormentò pensando a quei poveri aborigeni in fin di vita che dovevano fare tutta quella fatica per avere una morte dignitosa, mentre lui aveva sbrigato la pratica in poco tempo e con invidiabile vigore, ma allora si addormentò con un pensiero incompiuto nella testa, d altronde aveva guidato tutta la notte e ora era così soddisfacentemente stanco da non riuscire a finire i suoi stessi ragionamenti 5

6 TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! Pensò di essersi svegliato nell aldilà, e incuriosito aprì gli occhi per vedere come fosse: buio e stretto come una cassa da morto, TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! D un tratto fu preso dal panico, mi sta sotterrando vivo! pensò, cosa sentirò quando comincerà a mancarmi l aria? si chiese nel panico, TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! Io volevo morire nel sonno, non volevo accorgermi di niente!, TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! D un tratto la fine del pensiero incompiuto col quale si era addormentato gli si rivelò: ma allora perché non restare lì a scavare le fosse per i morituri? Si poteva far dare la differenza di prezzo che sottraevano a chi acquistava la casse da morto, non era molto, ma in quel posto non è che avesse bisogno di chissà cosa, giusto di una baracca di lamiera senza porta nella quale dormire e della soddisfazione che aveva trovato nello scavarsi la fossa TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! - AIUTO! AIUTO! AIUTO! NON VOGLIO MORIRE! TIRATEMI FUORI DI QUI! TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! Il vecchio non lo sentiva - AIUTO! AIUTO! AIUTO! NON VOGLIO MORIRE! TIRATEMI FUORI DI QUI! TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! Niente - AIUTO! AIUTO! AIUTO! NON VOGLIO MORIRE! TIRATEMI FUORI DI QUI! AIU- TO! AIUTO! AIUTO! NON VOGLIO MORIRE! TIRATEMI FUORI DI QUI! AIUTO! AIUTO! AIUTO! NON VOGLIO MORIRE! TIRATEMI FUORI DI QUI! Provò con tutto il fiato che gli permetteva quello spazio ormai povero d aria TUD! TUD! TUD! TUD! TUD! Tu... - ho capito bene, vuole essere tirato fuori? - si, si la prego era calmo ora, in piedi sul ciglio della fossa a guardare quella che era stata la sua tomba per un tempo breve ma più che sufficiente; espose la sua idea al vecchio - si può fare, nel frattempo potrei anche insegnarle a costruire bare, ormai sono vecchio e se la piace il lavoro manuale si potrebbe anche appassionare all idea - può darsi, per ora mi accontenterò di scavare fosse - venga, allora, la aiuterò anche a mettere insieme della lamiera per costruire la sua nuova casa, ne abbiamo ancora un po laggiù, c è avanzata dalla costruzione dell emporio. C è solo un problema - quale? - Non abbiamo porte /Ivan Cusella/ 6

7 HUFF! Doveva scrivere il suo pezzo per REV di novembre. Si ridusse all'ultimo istante. Un classico. Era un freddo, freddissimo sabato sera di fine novembre. Pensava che il calore domestico avrebbe favorito la sua creatività. Invece niente. Il tema del mese era bello, intrigante, eppure non riusciva a trovare il modo giusto per dar vita in forma scritta ai suoi pensieri. Sapeva di cosa parlare. Sapeva la storia che voleva, anzi che doveva raccontare. Invece niente. Non era ancora pronto. Era evidente. FFUH era un bel suono e da tempo riecheggiava nella sua testa, ma non era purtroppo il suono che sentiva in quel momento. Non era pronto a ripartire. Non era pronto a scostarsi di dosso la polvere, sistemarsi giacca e cravatta e andare avanti. Non si sentiva un FFUH. Per niente. Era forse un PLOFF, un COFF, un CRACKZ, ma di certo, proprio non si sentiva un FFUH. Al limite quello era il rumore che poteva fare togliendosi la forfora dalla giacca. Ma il chimico shampoo da 3 euro e 95 comprato alla Standa si stava rivelando più efficace del previsto. Niente di niente Non gli restava che prendere coscienza della realtà ammettendo a se stesso la sconfitta, dichiarandola al mondo (ai circa mille lettori di REV sparsi per il mondo, sarebbe più corretto e meno presuntuoso) per iscritto. Si rese così conto di aver comunque scritto un pezzo. Il suo lavoro per questo numero era pronto. Non era quello che voleva, ma almeno era riuscito, ancora una volta per il rotto della cuffia a tirarsi fuori brillantemente da una scadenza imminente. Salvò il file, spense il computer e si alzò soddisfatto dalla sedia. Prese le chiavi della macchina, si mise la giacca, se la sistemò per bene e uscì. Nessun FFUH, piuttosto un sospiro stanco e quasi al limite. Un sospiro di chi ha perso e aspetta di toccare il fondo per capire verso quale direzione rilanciarsi. Un sospiro pesante HUFF! Per la mia P, chè tra 11 mesi le scade l'abbonamento in palestra /Federico Vergari/ 7

8 Ho sognato di ucciderti e ho smesso di essere innamorata di te "Ho sognato di ucciderti e ho smesso di essere innamorata di te." "Eh?" "Eh sì." "Tu sei matta!" Però era andata proprio così. Quella notte Magda aveva sognato Enrico nella casa dei suoi genitori. Enrico e Valentina, la donna da lui inseguita e, stando ai fatti, amata ma senza esserne ricambiato. Il corridoio era immerso nell'oscurità, solo la luce dello specchio a parete illuminava il piccolo spazio a protezione delle camere da letto abitate e silenziose. Enrico e Valentina erano molto piccoli. Due piccoli nani. Io ero incredibilmente grande però, pensò Magda. I due piccoli nani parlottavano fra loro, piagnucolavano seduti per terra. Magda era insofferente ai due, una sensazione così reale. Come il dolore provato per quell'uomo, amato senza esserne ricambiata, piuttosto spolpata. Ricordava le sue mani grandi che scendevano prima su Valentina. Poi su Enrico. Ricordava soprattutto la forza delle sue mani. Ricordo di averla strangolata piano, tirandola su con un gesto secco dal pavimento. L'aveva appiccicata alla carta da parati bianca come un brutto quadro vinto alla fiera del patrono. E poi aveva cominciato a stringere. La pelle del viso era diventata lentamente rossa, poi viola. Tutto sempre molto lentamente. Una volta morta, Magda aveva lasciato il collo e l'aveva fatta scivolare ai suoi piedi, inutile e inoffensiva. Toccava a lui. Tirò su Enrico con facilità, digrignando i denti con cattiveria, e cominciò a stringere. Come prima la pelle si fece rossa e sotto la carnagione olivastra di lui, quel colore lo rese ancora più bello. Anche il viola gli donava molto. Prima di andarsene, Enrico portò le mani su quelle di Magda. Un inatteso gesto di tenerezza che fece scrocchiare le ossa del collo di Enrico, definitivamente. Non mi sono controllata, è stato più forte di me. I due corpi accasciati sul pavimento marrone, in quella debole luce, sembravano solo un mucchio di panni sporchi. Ho sorriso, ricordò Magda, e sono andata a dormire. "Stamattina mi sentivo triste e cattiva. Poi solo cattiva. E poi più niente. Mi sono liberata di te uccidendoti nel sonno. Ecco, non riuscivo a trovare una ragione per sbatterti fuori dalla mia vita. Così ho dovuto ucciderti." "Cioè davvero tu oggi, dopo questo sogno non provi più niente?" "Sì. È così. Fico, no?" /Stefania Leo/ 8

9 STOP AND GO. Erano passati due giorni e ancora si sentiva sotto choc. Le sue speranze e i suoi progetti per il futuro miseramente crollati come castelli di carte. Si sentiva stupido ed immaturo, sapeva di non poter attribuire il suo fallimento alla sfortuna, e si rendeva conto che si era illuso di aver già vinto nonostante non aveva fatto altro che proclamare che non era la persona che si illudeva facilmente. Quei due giorni di solitario esilio forzato gli avevano dato fin troppe occasioni per riflettere, i tanti errori che aveva commesso in quella vicenda non finivano di balzargli agli occhi e mescolandosi con altri errori del più svariato genere anche non legati a quella vicenda, diventavano carnefici della sua autostima. La pochezza del suo piano e l'approssimazione con la quale lo aveva condotto lo disarmavano tanto da renderlo impotente. La spavalderia e la presunzione che aveva dimostrato in quegli ultimi mesi un'aggravante alla sua colpa. I suoi avversari erano assai numerosi e molto più forti di lui, ora lo sapeva, ma l'avrebbe dovuto sapere anche prima. E prima di gettarsi a capofitto in un'immane battaglia avrebbe dovuto trovarsi qualche alleato o perlomeno preparasi ad una ritirata. Ora non poteva nemmeno tornare indietro e doveva contare solo su se stesso. Ma quale reazione poteva avere ancora, lui, che si sentiva così distrutto? Era avviato ad una sconfitta certa e ne era consapevole, la meditazione lo convinceva di ciò, e si dispiacque anche di non credere in dio, sì che avrebbe potuto sperare in un miracolo. Ogni tanto provava a chiamare qualcuno dei suoi cari per raccontargli l'accaduto, ma non trovava conforto in ciò né lo cercava così come non cercava commiserazione (già gli bastava la propria), forse cercava solo risposte che già sapeva impossibili. Del resto era tutto già ineluttabilmente deciso e lui non aveva altro da fare che raccogliere le sue ultime forze e tentare una strenua disperata difesa. Ma si sentiva impotente ed incapace a ripartire. Decise di uscire, per passeggiare e sottrarsi alla deprimente voluttuosità del suo divano, arrivò all'alimentari vicino casa. Si comprò la cena ed in fila alla cassa non poteva fare a meno di guardare gli altri clienti e le cassiere, chissà se nella sua stessa situazione si sarebbero comportati meglio o peggio di lui, e chissà se c'erano un meglio ed un peggio. Tornando incontrò un suo amico, non un suo grandissimo amico, ma godeva della sua fiducia, o forse soltanto uno che sapeva ascoltare, e chiedere con garbo anche. Così, di getto, gli raccontò tutto, chiaramente e senza aggiustamenti, come non aveva fatto con nessuno fin'ora e tutti gli eventi si rivelarono pienamente nel loro significato, e sembrarono passati. Cosa farai ora? Gli chiese il suo amico al termine del resoconto, tutto l'impeto della spiegazione svanì improvvisamente, poi rifletté e finalmente rispose: Guardo n'nanzi, perchè arretu nun pozo scire e almeno per un attimo l'impotenza svanì. 9

10 Catture/ /Ilaria Palmas/ 10

11 L INEDITO CAPOLAVORO (piccola storia per un film) Milano Una pioggia fine e insistente sbatte contro l insegna del Cinema Valentino. Renato, un uomo di sessantasette anni, alto e magro, capelli bianchi e spettinati, cerca con fatica di aprire la vecchia serranda. Dopo vari tentativi riesce nell impresa ed entra accendendo le luci di questo piccolo cinema della periferia milanese. Le pareti sono tappezzate di locandine e foto di Rodolfo Valentino. Renato con meticolosa meccanicità esegue una serie di operazioni per poi sedersi alla cassa. Trafelato entra Oscar, quarant anni e pochi capelli. Si scusa per il ritardo ma ogni volta che va dalla madre il pranzo si trasforma in un sequestro. Oscar si informa sull affluenza della serata precedente ma conosce già la risposta: neanche una persona. Oscar Comincia uno dei suoi proverbiali monologhi di lamentela: non ci sono clienti, lo sfratto è imminente ed il loro è l unico cinema a proiettare i film di Rodolfo Valentino. Renato tenta a fatica di difendere la rispettabilità artistica del suo conterraneo ma poi stanco e abbandonato se ne va, lasciando Oscar nell insperata attesa di qualche cliente, almeno per le proiezioni serali. In un tramonto di pioggia fine Renato cammina lentamente come se i passi seguissero i pensieri che gli increspano la fronte. Stancamente si prepara una cena frettolosa e poco invitante. A letto fa il segno della croce e spegne la luce. Le immagini di un vecchio film di Rodolfo Valentino scorrono a vuoto sullo schermo. Renato è seduto su una delle poltroncine, solo e sconfortato nella sala cinematografica. Dovremmo trasformarlo in un cinema porno, è una vita che te lo dico. Oscar lo accoglie nell atrio con queste parole ed una busta da lettere in mano. È l ennesima ingiunzione di sfratto, che Renato senza aprire nasconde in un cassetto già pieno di avvisi. Oscar e Renato chiudono la serranda, e passeggiano lungo il marciapiede. Oscar espone il suo progetto: trasformare Il Cinema Valentino in un cinema porno sarebbe un operazione economica notevole, che gli permetterebbe di pagare gli arretrati. Ha già in mente il nome: Valentine s House of Love. Renato però ribatte di non aver dedicato la propria vita al cinema per poi trasformare la propria sala in un rifugio di masturbatori. I due si lasciano, dandosi appuntamento al giorno dopo. hai qualche problema con il sesso è il congedo di Renato. Il problema è che non lo faccio mai è la semplice ma incisiva risposta di Oscar. In una casa piccola e arredata con poco gusto Oscar scaccia la solitudine con le trasmissioni patinatamene erotiche di qualche televisione privata. Renato, stanco e pensieroso, guarda il tg della notte sdraiato in poltrona. Per ultima una notizia di cinema. Si parla di un misterioso inedito di Rodolfo Valentino, gli occhi di Renato, rimpiccioliti dal sonno si spalancano improvvisamente. Alla fermata dell autobus il vento spettinava i capelli di un sorridente Renato. Appena salito sull autobus però il suo sorriso si affievolisce infatti un ragazzo si alza per fargli posto. Renato lo guarda un attimo in silenzio, attonito, poi si siede con rassegnazione e lo ringrazia con rammarico. Nell atrio del cinema Renato passeggia nervosamente. Oscar entra, Renato gli si fa incontro con entusiasmo. Ha la soluzione a tutti i problemi: ha visto l inedito di cui parlavano al tg, l ha visto e sa dov è: a Castellaneta. Oscar in tutto questo non trova niente di particolarmente esaltante, anche se fosse vero ciò non migliorerebbe la loro condizione. Renato è invece convinto del contrario, una volta 11

12 trovato l inedito potrebbero venderlo a una qualsiasi cineteca o fondazione mondiale. Renato sprona Oscar a partire il prima possibile, Oscar invece trova il tutto una follia e con decisione rifiuta l idea di unirsi al viaggio. La Volvo di Oscar fatica ad ingranare la quarta lungo l autostrada. Oscar, guida con fare svogliato, accanto a lui Renato ha gli occhi che brillano di entusiasmo. Parla in continuazione con la vitalità di un bambino in gita. Racconta per filo e per segno in quale occasione ha visto il film: l ha visto con la sua fidanzatina dell epoca nel cinema all aperto che il prete organizzava in parrocchia. Renato racconta nei minimi dettagli i ricordi di quell estate lontana. L estate in cui si innamorò perdutamente di quella ragazza e soprattutto l estate in cui lavorò come assistente volontario con una troupe cinematografica venuta a girare proprio a Castellaneta. Renato racconta nel dettaglio a un infastidito Oscar la prima volta che si trovò a dare l azione sul set All interno di un autogrill affollato, Renato si diverte a provare una serie di occhiali da sole. Oscar, invece è alla cassa del bar. Paga e si avvia, scontrino in mano, al bancone per l ordinazione. Il bancone è affollato di gente frettolosa e vociante. Non riesce ad imporsi nel marasma: gli passano avanti, lo sovrastano con la voce e quando sembra avere uno spiraglio il barista, distratto, non lo sente. Renato, con indosso un paio di sgargianti occhiali da sole, lo chiama: è ora di andare, sono indietro nella tabella di marcia. Oscar dà un occhiata al bancone ancora assediato, poi rassegnato, getta lo scontrino nel cestino e, frustrato, esce dal bar senza aver consumato la colazione pagata. Nel parcheggio dell autogrill vengono avvicinati dall esuberante Sara, giovane aspirante attrice, ventottenne e autostoppista, con un provino da affrontare l indomani a Roma. Si unisce al viaggio dei due uomini e porta nell auto una certa briosità. Parla, canticchia e tutto ciò fa emergere in Oscar un certo gusto per il viaggio. Gli piace la freschezza, nonché il gradevole aspetto, di Sara, gli piace quella voce squillate ma calda. Una voce che crede di aver già sentito. All improvviso squilla il cellulare di Sara, che risponde e comincia a dire una serie di volgarità tipiche di un hot line telefonica. Renato rimane colpito ma divertito da quell assurda telefonata, per Oscar è una folgorazione. È lei, Jenny Love, la compagna di tante nottate passate davanti alla televisione. Terminata la telefonata Sara gli spiega che è lei a dare la voce ma non le forme a Jenny Love. La notte scende sul viaggio dei tre. Fanno sosta in un piccolo albergo ai bordi dell autostrada. Cenano al ristorante al piano di sotto. L ambiente è spoglio e male arredato. Poche persone ai tavoli, tanto da farlo sembrare più vuoto di quanto non sia. Ad uno degli angoli è allestita una pedana, con un pianola. Dietro la pianola, un uomo magro e triste che cerca di coinvolgere i pochi clienti in un improbabile serata di karaoke. Seduti ad uno dei tavoli ci sono Renato, Oscar e Sara. Dopo aver aggiornato Sara sugli sviluppi che hanno portato i due amici a mettersi in viaggio, Renato mostra una vecchia foto stropicciata, che mostra il ragazzo e la ragazza, che abbiamo visto correre all inizio del film. Sono Renato e Marta, la sua fidanzata di allora, con gli abiti d epoca. La foto è una semplice copia che ha nel portafoglio, l originale più grande e ben conservato ce l ha a casa. Renato racconta la storia di questa foto: durante una fiera estiva a Castellaneta, una bancarella scattava foto con vestiti d epoca e loro dopo aver preso la foto sono scappati con ancora i vestiti addosso. Marta è il suo grande e unico amore, iniziato non molto prima di quella lontana estate e finito subito dopo. Un amore così breve e così importante a cui Renato non ha mai smesso di pensare. Sara è affascinata dal racconto. Oscar è totalmente in balia di Sara, la fissa, non riesce proferire parola. Renato racconta di non vedere Marta da più di cinquant anni e di non essere mai tornato a Castellaneta, Sara è curiosa di sapere perché, ma Renato taglia corto: è una lunga storia. Finita la cena Sara scatta sulla pedana: è l unica a partecipare al karaoke, la sua allegria contagia però sia Renato che un impacciato Oscar. I tre cantano con stonato divertimento una famosa canzone degli anni cinquanta. In camera insieme Oscar e Renato non riescono a prendere sonno. Renato pensa già al suo arrivo al paese. Si immagina il ritrovamento dell inedito ma soprattutto si immagina Marta, il suo primo amore, 12

13 l unico vero e sincero. Oscar ha altri pensieri, o meglio ne ha uno insistente: Sara. Saperla sola nell altra stanza, saperla così vicina e per una sola sera non lo fa dormire. Dovrebbe provare almeno a corteggiarla ma non sa farlo, non ne ha l esperienza. Ognuno parla del proprio amore, passato o presente, senza ascoltare l altro. Renato, spacciandosi per degno erede del seduttore Rodolfo Valentino, decide di istruire Oscar a dovere ma i risultati sono disastrosi. Una volta entrato nella stanza di Sara l impaccio di Oscar è già evidente, dopo di che è una serie di frasi balbettate, occhi bassi e sorrisi forzati. Sara mostra simpatia nei confronti dell uomo e quello che il timido Oscar ottiene è un casto bacio della buona notte. I giovani Renato e Marta escono dall arena cinematografica allestita nella parrocchia del paese. Renato è eccitatissimo per aver visto l inedito di Valentino. Si tengono per mano e passeggiano fino ad un altura. Seduti per terra fantasticano sul proprio futuro. Renato si vede regista famoso e apprezzato da pubblico e critica. Marta si immagina come sua moglie, con tanti bambini e una bella casa. Renato le racconta la straordinaria esperienza che sta vivendo sul set, poi si blocca e rubando una battuta al film su cui sta lavorando si avvicina alla labbra di Marta e la bacia. I tre sono di nuovo in viaggio. Oscar guida concentrato, Sara ripassa la parte per il provino insieme a Renato che dimostra di avere una particolare dote per la recitazione, cosa che non si può dire di Sara. Proprio mentre sta dando le battute a Sara, Renato sente mancare il respiro, chiede ad Oscar di fermare la macchina, una volta sceso, si poggia al cofano con la fronte perlata di sudore ed il volto pallido. Nel bar dell ospedale Sara telefona alla produzione chiedendo di posticipare di qualche ora il provino. Oscar è al bancone cercando ancora una volta di farsi valere tra i vari avventori. Gli si avvicina Sara e gli mostra come imporsi tra la folla. Consumano un pasto fugace, Oscar è preoccupato per Renato, questo viaggio gli stava dando quella vitalità persa da anni. Tornano nella sala d aspetto, gli si fa incontro il medico: Renato ha il cuore malandato e vista l età è meglio che cominci a riguardarsi con maggiore accuratezza. Li invita a non allarmarsi troppo ma nello stesso tempo ad essere prudenti e sospendere il viaggio che Renato gli ha già raccontato nei minimi dettagli. Renato getta gli occhiali giovanili comprati all autogrill in un cassonetto all uscita dell ospedale. Il viaggio verrà interrotto dopo aver accompagnato Sara al provino: Roma è ormai a pochi chilometri. C è silenzio in auto, Sara ripassa a bassa voce la parte, Renato fissa avvilito l asfalto. Renato e Oscar salutano Sara davanti al portone dell ufficio in cui sosterrà il provino. Renato dopo un affettuoso saluto si rintana in macchina lasciando una certa intimità tra i due. Oscar e Sara si salutano in un misto di affetto e timidezza. Prima di entrare nel portone Sara poggia furtivamente le labbra sulla bocca di Oscar che rimane imbambolato anche dopo che il portone si è chiuso alle spalle della ragazza. c è stato un tempo tra me e Marta, troppo bello e troppo breve, un tempo di troppo. Avevo diciassette anni e lei quindici, ci fu un solo bacio ma non l ho mai dimenticata. Il viaggio verso il capolavoro di Valentino è per Renato un viaggio nel tempo, alla ricerca di quel breve amore, di quel tempo perfetto, di quell estate magica mai più tornata. Quello che Renato sta cercando più che la pellicola è il momento migliore della sua vita e non ha intenzione di fermarsi proprio ora. Sono queste le ragioni che Renato, con ritrovato vigore, sta ponendo ad Oscar nel tentativo di convincerlo a proseguire il viaggio verso Castellaneta. Ma Oscar ha già preso la strada di ritorno per Milano e non vuole sentire ragioni. Renato ha bisogno di riposo e non vuole prendersi responsabilità. Renato insiste: questo viaggio dopo tanti anni è riuscito a stanarli da quel buco di cinema e ora non possono arrendersi. Oscar in viaggio ha trovato l amore di Sara, che gli ha lasciato il suo numero, si rivedranno. E Renato l amore vuole andarselo a riprendere, perché non è mai troppo tardi. Oscar non risponde, guida senza più controbattere, il suo sguardo però ha mutato aspetto, sembra più contratto. Lungo la strada incontrano lo svincolo per l inversione di marcia, Oscar gira lo sterzo. Il viaggio continua. 13

14 Renato si è assopito, Oscar guida pensieroso. Improvvisamente squilla un cellulare sul sedile posteriore, Renato si sveglia di colpo. È il telefono di Sara, l ha dimenticato. Renato si allunga, prende il cellulare e dopo un attimo di esitazione risponde. Dall altra parte c è uno degli eccitati ammiratori di Jenny Love. L uomo comincia a dire una serie di volgarità ad un attonito Renato, che non sa cosa rispondere, un pò divertito e un pò imbarazzato. Posa il cellulare vicino l orecchio di Oscar così che anche lui possa sentire. Oscar interrompe le volgarità dell uomo fingendo di essere il centralino di radio Maria. L uomo attacca inorridito, I due amici ridono con complicità per lo scherzo e per una ritrovata serenità. Il bivio per Castellaneta è vicino e anche la sera. Renato confessa ad Oscar di provare una certa agitazione. Non torna nel suo paese da quasi cinquant anni e il passato che si è lasciato alle spalle non è stato roseo come l ha raccontato finora, o perlomeno non solo. Quell estate in cui amoreggiò con Marta, infatti, le cose si complicarono. Il fidanzamento divenne ufficiale immediatamente visto che in paese circolavano voci sulla loro relazione. Si sarebbero sposati in autunno o al massimo l inverno e Renato sarebbe entrato a lavorare nella ditta di confetti del suocero. Ciò che in realtà fece fu fuggire a Roma insieme alla troupe che aveva ormai terminato le riprese. In questo modo disonorò la sua famiglia e per questo non ebbe più rapporti con i genitori che non gli perdonarono mai quel gesto che consideravano vile. Non è tornato neanche ai funerali dei propri genitori e ha paura ad affrontare tutto il dolore e le speranze spezzate lasciate a Castellaneta. Oscar è preso dal racconto di Renato, si frequentano quotidianamente da anni ma nessuno si era mai inoltrato nella vita altrui. Oscar vuole saperne di più: cos ha fatto una volta fuggito a Roma. Renato gli racconta di aver lavorato per quella produzione fino al fallimento negli anni sessanta, di aver bazzicato qualche altro set fino all occasione della sua vita. Non gliel ha mai detto ma lui ha diretto un film, che purtroppo non è mai uscito nelle sale. Oscar è sbalordito e anche un po offeso per non saperne niente. Renato giustifica il fatto di non avergliene mai parlato perché la ferita gli brucia ancora. Girare un film senza avere la possibilità di farlo vedere è un dolore troppo grande da raccontare ma ora che con questo viaggio hanno condiviso tutto, gli promette che di ritorno a Milano gli mostrerà il film, ne ha una copia a casa. Oscar vorrebbe continuare questa intensa conversazione ma di fronte a lui, all arrivo a Castellaneta ha una visione: Sara. Ferma alla piazza. Con il suo solito sorriso gli si fa incontro. Non è una visione, è proprio lei. Il provino è andato male e aveva bisogno di stare tra amici e recuperare il cellulare. Il treno è più veloce della Volvo scassata di Oscar e per questo è riuscita anche a precederli. Oscar non sta nella pelle, la abbraccia mostrando una maggiore intraprendenza. Renato li guarda abbracciarsi e scherzare con una smorfia di innocua invidia. Alloggiano in una piccola ma ben curata pensione del paese. Oscar accudisce Renato, si sincera che abbia preso le pasticche ordinategli dal medico e gli da la buona notte: domani è il gran giorno, troveranno l inedito e troveranno Marta. Renato sia addormenta sereno, Oscar si sposta nella stanza di Sara, consumando con lei un intensa e tenera notte d amore. Oscar racconta a Renato tutti i dettagli della serata passata con Sara, Renato infastidito da tanto entusiasmo cerca di placare la vulcanicità di Oscar, anche perché sono all interno di una Chiesa. Sara li attende fuori, certi posti le danno ansia. Sono lì per incontrare l ottuagenario parroco: è lui il custode dell ormai celebre inedito. L anziano parroco sta celebrando la messa. Renato va per fare la comunione, accanto a lui non c è più Oscar, che invece inginocchiato nel confessionale continua il racconto della nottata passata con Sara. Il prete porge l ostia a Renato che gli sorride non riconosciuto. Finita la messa sono accolti nell ufficio parrocchiale. Il parroco ora l ha riconosciuto ed è contento di vederlo: meglio tardi che mai è il saggio e banale commento. Renato gli parla dell inedito, vorrebbe acquistarlo per poi offrirlo alle cineteche di tutto il mondo. L anziano prete ride amaramente: è bruciato più di vent anni fa insieme a tutta la vecchia Chiesa. Una stupida bombola del gas ha bruciato un luogo sacro ed un capolavoro della cinematografia popolare. Renato e Oscar si guardano delusi. 14

15 Renato passeggia solo per le vie del paese, qualcuno lo saluta, qualcuno non lo riconosce, altri fanno finta di ignorarlo. Prende un largo viale e si ritrova di fronte alla vetrina di un negozio di fiori, dietro alla quale c è Marta, il viso è stropicciato dalle rughe ma gli occhi azzurri sono gli stessi di cinquant anni fa. Renato rimane fermo sul marciapiede a fissarla con un lieve sorriso bloccato sulle labbra. La donna si accorge dell insistente sguardo dell uomo, non l ha riconosciuto ed infatti, infastidita, gli chiede cosa abbia da guardare. Il sorriso di Renato si spegne, esita per un po ed infine si allontana senza svelare la propria identità Sara e Oscar lo rimproverano per non essersi fatto avanti, era una bella occasione. Renato racconta di aver avuto paura, ha sentito tremare le gambe, forse è meglio tornarsene a casa: l inedito è andato in polvere e anche l idea di cercare Marta forse è stata una follia. A questo punto Sara si scaglia verbalmente contro Renato, non può arrendersi ora, non deve. È arrivato il momento di affrontare la realtà., non può fuggire da Marta una seconda volta. È stato tutti questi anni a rivangare il passato e non si può stare troppo lontani da chi si ama, non si deve. Renato ascolta assorto, sa che Sara ha ragione. Anche Oscar lo invita ad incontrare Marta, Renato guarda i suoi due amici e annuisce risoluto. Renato torna nel negozio in cui ha visto Marta, entra per chiedere informazioni, il paese è piccolo, è probabile che sappiano dirgli dove abita la cliente vista il giorno prima. Renato si imbatte nella proprietaria che nel giro di poche battute scopre essere la figlia di Marta, rimane senza parole e si allontana stordito. Bussa ad un portone, ad aprire è Marta, che avvertita dalla figlia, accoglie l uomo misterioso. Ma il mistero si scioglie in pochi secondi, ora anche Marta l ha riconosciuto. Decidono di andare a fare due passi. Poche parole, molti sguardi furtivi. I due camminano guardando per terra come a contare i passi. C è imbarazzo e commozione. Poi giusto il tempo per Marta di accendersi una sigaretta e si trovano a parlare del passato, dei rimpianti e dei rancori. Renato le confessa di non averla mai dimenticata: non ha mai smesso di pensare a lei, ha immaginato ogni attimo della loro vita insieme di quella che sarebbe potuta essere. Sa che è stato tanto tempo fa e per troppo poco e sa di aver sempre sbagliato i tempi con lei. L ha cercata nei momenti sbagliati e si è fatto da parte dalla parte sbagliata. Marta interrompe la dichiarazione di Renato accusandolo di essere fuggito, di averla fatta soffrire e ora non può pensare di risolvere tutto cinquant anni dopo. Marta gli confessa di aver atteso il suo ritorno per più di due anni ma poi ha cercato di superare il dolore e di andare avanti perché la vita non dura un ora e venti, la vita dura una vita e non è un film. Purtroppo è la risposta istintiva di Renato. Per fortuna è invece la convinzione di Marta. Ha avuto una figlia bellissima e ora due fantastici nipotini. E soprattutto un marito dolce che le sta ancora accanto con amore. Marta non ha voglia di riaffrontare un passato che l ha fatta soffrire. Per Marta il passato non esiste più, o se esiste è fatto male, è imperfetto, proprio come si chiama il verbo. Esiste solo il presente per Marta, quello che ha cercato di vivere ogni giorno da quando Renato l ha lasciata senza una parola o una spiegazione. Marta è dura e risoluta ma la sua durezza lascia trapelare un intensa commozione. Renato le chiede scusa, si è trovato di fronte ad un bivio ed ha scelto il cinema, per questa passione ha rinunciato a tutto, ha rinunciato ad una vita vera. Rapporti brevi e inconsistenti con le donne e contatto con la realtà praticamente nullo. Si è rintanato in un nascondiglio di ricordi e passioni giovanili. Sa di essere arrivato tardi ma non voleva perdere l occasione di poterle dichiarare il proprio amore, ancora una volta, anche dopo così tanti anni. Camminando e parlando sono arrivati all altezza di una semaforo pedonale, l arancione lampeggia ripetutamente. Renato allunga il passo e attraversa la strada, Marta si ferma nel momento in cui scatta il rosso. Arrivato sull altro marciapiede Renato si volta e vede Marta ferma dall altra sponda con una lacrima nera di trucco a macchiarle la guancia, mentre le poche macchine sfrecciano lungo strada che li divide. Renato fa per attraversare con il rosso ma viene bloccato da una macchina che corre a tutta velocità. Passa un camioncino per pulire la strada e spruzza l acqua addosso a Renato. Quando rialza lo sguardo, Marta non c è più. 15

16 Un dignitoso sole autunnale illumina la spiaggia deserta di Castellaneta Marina. Seduti sulla sabbia ci sono Sara, Oscar e Renato, in ogni modo rinfrancato dal confronto con Marta. Voleva rivederla e l ha fatto. Avrebbe desiderato un altro epilogo ma come dice Marta la vita non è un film e va accettato. Renato confida poi ad Orlando di essere d accordo a trasformare il cinema Valentino in un cinema erotico, ed è pronto a cedergli la direzione. Oscar è commosso e divertito dall idea. Sarebbe bello essere il personaggio di un film. Ancora meglio sarebbe essere registi della propria vita, ma non sempre è possibile, anzi quasi mai. La maggior parte delle volte ci accontentiamo di fare le comparse, figuranti che entrano ed escono di campo senza neanche essere messi bene a fuoco. E questa la riflessione che Renato condivide con i suoi amici. Il cinema è un altra cosa: è un mosaico di arti, è un circo viaggiante di ombre colorate e fantasmi senza catene. Il cinema è un sogno ad occhi aperti che dà coraggio pure a chi ha paura del buio. È un mondo perfetto, perché è fatto di niente. Il cinema è qualcosa di magico, il cinema è musica per gli occhi. Renato racconta che questo è uno dei monologhi presenti nel film da lui girato e mai proiettato. Sara ammette che anche lei deve decidersi fare i conti con le sue scarse doti di attrice e seriamente accettare il fatto di dedicarsi a qualcos altro. Istintivamente propone ai due di non trasformare il loro spazio in un volgare cinema porno, ma di trasformalo in un innovativa agenzia per anime sole, idea sicuramente più moderna e redditizia. Entusiasta dell idea comincia a cantare la canzone eseguita da tutti e tre durante il karaoke ad inizio viaggio, poi si alza e corre a gettarsi in acqua. Orlando la guarda tuffarsi poi guarda Renato, desideroso allo stesso tempo di seguire la sua donna e di non lasciare solo il suo amico. Renato gli fa cenno di seguirla. Oscar si getta goffamente in acqua. Tra le piccole onde di un mare praticamente piatto Sara e Oscar si schizzano e si rincorrono sorridenti e innamorati. Renato assiste a questa romantica scena. Li fissa con insistenza e con malinconico rimpianto. Sorride con amarezza, poi si alza, si volta e si allontana, incidendo sulla sabbia il suo passo stanco. Improvvisamente cade al suolo. Renato è sdraiato sul letto di una stanza d ospedale. Il ticchettio delle macchine fa eco al suo respiro faticoso. Lo sguardo è fisso verso la luce al neon del soffitto. Castellaneta, anni 50. Renato e Marta da giovani. Sono seduti nell arena parrocchiale e assistono all inedito di Rodolfo Valentino, di cui sentiamo solamente le classiche musiche delle colonne sonore di quegli anni. Renato è incantato dallo schermo, Marta ha il suo profilo delicato poggiato sulla spalla di Renato che la cinge con il braccio. I due si guardano per un istante, giovani e innamorati Gli occhi del vecchio Renato si fanno più piccoli, lo sguardo vacuo e sulle labbra gli si disegna uno strano sorriso. Il ticchettio dei macchinari si interrompe bruscamente. Nella sala d attesa Oscar e Sara si abbracciano sfogando il dolore l uno nell altra, nel salone irrompe anche Marta che dopo aver parlato con Oscar scoppia a piangere. Milano, L insegna del Cinema Valentino ha lasciato il posto alla sgargiante scritta: Valentine s House of Love. Gli interni sono rimodernati, alla cassa c è Sara con un bel pancione che le esce dalla camicetta estiva. Sul muro alle sue spalle c è appesa la foto di Renato e Marta da giovani con i vestiti d epoca rubati alla fiera. Oscar è al telefono proprio con Marta: sono pronti a raggiungerla a Castellaneta, gli affari vanno così bene che possono permettersi di chiudere l agenzia per tutta l estate. Oscar aiuta Sara a sedersi nell auto famigliare nuova di zecca, carica i bagagli e la pellicola di un film. Castellaneta, Il giardino parrocchiale è pieno di persone, di fronte a loro uno schermo cinematografico bianco e teso. Oscar e Sara sono seduti accanto a Marta, sua figlia, i nipotini ed il marito. Le luci si spengono e sullo schermo appare Renato a trent anni, affascinate e magnetico, fantastico interprete del suo inedito capolavoro. /Alessandro Corazzi/ in collaborazione con Gianluca Minucci 16

17 Credits Hanno partecipato al numero 18 di Rev Alessandro Corazzi Ivan Cusella Carmine Fiume Federico Vergari Lorenzo Galieni Alessandro Ibba Stefania Leo Gianluca Minucci Alessandra Scamurra REV non rappresenta una testata giornalistica in quanto editata e distribuita senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del I disegni e le immagini presenti in queste pagine sono copyright degli autori e/o degli aventi diritto. Il loro utilizzo è esclusivamente diretto all illustrazione dei testi, in conformità alle leggi vigenti sul diritto d autore. Vuoi ricevere REV ogni mese nella tua casella ? Scrivici: Potete trovare REV anche nei principali programmi di peer-2-peer. Visita REV on line Dal mese di luglio REV è presente su Facebook. Questo numero di REV è dedicato ad Alessandro il miglior compagno di stadio che si possa desiderare, alla sua famiglia, ma soprattutto a suo papà. Dal 25 novembre la redazione di REV ha una dottoressa in più. Congratulazioni Ale! veglierò per sempre dormirò vestito non guarderò mai più l orologio prenderò d anticipo il mattino.(v.c.) Grazie a: 17

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La splendida storia d amore di Ferruccio e Fabiola, due coniugi brindisini, ha fatto commuovere tutta l Italia. Ieri sera, i due sono stati

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa,

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, POESIA DEI BAMBINI Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, una bambinetta tanto magra, e soddisfatta, senza una famiglia,

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Non credevo alle Apparizioni di Medjugorje

Non credevo alle Apparizioni di Medjugorje Non credevo alle Apparizioni di Medjugorje È il 5 giugno 1997. Mio padre da anni è molto malato, tanto da essere stato giudicato non operabile dai medici dell ospedale dove si è curato fino ad oggi. Il

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente Notte di Capodanno Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente casuali Nicola Gargano NOTTE DI CAPODANNO racconto A mia moglie Amore, una piccola parola che racchiude un universo

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

UN SORRISO PER GUARIRE

UN SORRISO PER GUARIRE UN SORRISO PER GUARIRE Mi chiamo Giulia, ho 24 anni e questa è la mia storia. Fino ai 14 anni la mia vita è stata serena, sono sempre stata una bambina vivace, piena di vita, tutti mi definivano un vulcano

Dettagli

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi Breve corso di educazione stradale per i ragazzi L importanza delle regole Perché esistono le regole? Perché se non esistessero regnerebbe il caos totale. Le regole sono necessarie perché senza esse nulla

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

festa per la famiglia o famiglia per la festa?

festa per la famiglia o famiglia per la festa? Natale: festa per la famiglia o famiglia per la festa? Inserto N. 4 2010 Bè provo un po a spiegarmi: ogni anno mi viene un certo nervosino perchè mi sembra che tutti: la tv, internet, gli amici, le pubblicità

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001 Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni Le domande che seguono si riferiscono a situazioni che possono essersi verificate nel corso dell ultimo

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c.

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c. QUARTA MEDIA RIPASSO DI GRAMMATICA / LESSICO E FUNZIONI SCEGLI LA FORMA CORRETTA. 1. (a) Quello uomo (b) Quell'uomo (c) quel uomo è stato un famoso atleta. 2. Il mio ufficio è vicino (a) alla stazione

Dettagli

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA CASA DEL BAMBINO ABBADIA LARIANA PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL PICCOLO PRINCIPE Non si vede bene che col cuore. L essenziale è invisibile agli occhi Antoine de Saint-

Dettagli

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni I bambini si sviluppano con un ritmo individuale, per questo è impossibile dire esattamente quando acquisiranno una data capacità. Le tappe dello

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli