ACCADEMIA TOSCANA FEDERICO II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCADEMIA TOSCANA FEDERICO II"

Transcript

1 ACCADEMIA TOSCANA FEDERICO II gen.b (ris).francesco Caporale : dall accadimento al giudizio su di esso Un metodo per interpretare fatti ed avvenimenti quotidiani e non, che si pongono alla nostra attenzione ed alla nostra sensibilità:uno scandalo,una tornata di elezioni,un programma politico, un avvenimento qualsiasi che tra i tanti desta curiosità,ha per effetto da parte nostra un immediato giudizio,quasi una sentenza a volte inappellabile..e questo non è corretto ne utile a chi lo emette e a chi lo ascolta. Tenterò di spiegare che servirsi di un metodo interpretativo è senz altro necessario se non a centrare la realtà dei fatti almeno ad approssimarsi ad essa anche se lascia dei possibili dubbi che servono ad alimentare la ricerca della verità. Il fatto che un unico metodo possa servire a persone diverse per differente cultura,o che pratica attività dalle più umili a quelle più complesse no vuol dire imporre un unico pensiero, ma dare delle possibilità attraverso il metodo interpretativo di commettere meno errori possibili e quindi erronei giudizi. Prima di entrare nel tema facciamo una piccola premessa sul verbo pensare che significa domandarsi su tutto quello che ci circonda: l uomo è sostanza, materia che viene plasmata dal lavoro ed il pensare è lavoro ed anche possibilità di aprirsi alla realtà mutevole,ai cambiamenti,agli sviluppi degli avvenimenti.pensare è entrare nella sostanza delle cose,degli enti,con la curiosità dei bambini che toccano,che assaggiano,che scoprono; invece noi immersi nel sonno della vita abitudinaria siamo pigri ad entrare nella critica che rappresenta il primo approccio,il primo atteggiamento per interpretare fatti ed avvenimenti che quotidianamente accadono,fuori dalla maniera abituale di commentare. 1, Il fatto apre lo spazio ad una varietà di interpretazioni,ad una libertà di giudizio che solo la ragione illuminata ed illuminante può dargli un primo grado di verità una prima equilibrata approssimazione che

2 deve essere confrontata e cioè messa in relazione sullo stesso piano interpretativo attraverso il dialogo aperto e finalizzato.ed il dialogo dischiude ventagli di spazi interpretativi quanto più ospita la tolleranza e l umiltà di servire la verità che rappresenta sempre un idea limite che trova spazio dalla nostra apertura mentale. Impressione,Osservazione.-Ciò premesso entriamo nello spirito del metodo,del sistema interpretativo con due termini:impressione,osservazione. IMPRESSIONE: su di un fatto.un atto brutale,un avvenimento inusuale, ed altro che colpisce la nostra attenzione come la nostra sensibilità ed immaginazione,su questi accadimenti si è soliti dare un giudizio affrettato:è brutto,è bello,è buono, mi è piaciuto e così via. A questo stato di cose si attribuisce il termine Impressione OSSERVAZIONE.- A differenza dell impressione è un procedimento più lento ed articolato che analizza i vari elementi del fatto e le dinamiche che lo hanno determinato:esempio assisto ad un incidente tra due autovetture,nell immediato posso dire ho sentito un gran botto e le autovetture si sono accartocciate (prima impressione),ma OSSERVANDO meglio posso notare che un autovettura procedeva a velocità moderata mentre l altra a velocità sostenuta ed il cui guidatore era intento al cellulare;la prima,però,pur procedendo con lentezza, vistosamente impegnava il cento della carreggiata..e cosi via.come si può notare la prima IMPRESSIONE rappresenta un giudizio e cioè afferma uno stato di cose,in questo caso l accadimento ovvero lo scontro automobilistico ma che nulla ci dice del come è stato determinato. L Osservazione successiva ci dice qualcosa in più sulle cause che hanno determinato l urto tra le due auto,e quindi noi iniziamo ad avere un Idea circa le Cause dello scontro. 2, Generalizzando per avere un Idea su d un avvenimento è necessario ricorrere all osservazione e quindi su tutti i particolari derivanti, particolari che messi insieme rappresentano gli elementi base del PROCESSO INTERPRETATIVO. Sintetizzando questa prima parte abbiamo parlato dell Impressione che è una percezione generica e superficiale e dell Osservazione che implica che l attenzione si soffermi sui particolari.tratteremo come

3 scomporre l impressione dall osservazione e come dare alle osservazioni uno o più significati. Possiamo dire che uno stato delle cose può essere dato da un giudizio quando questo è reale ( altrimenti il giudizio è falso ) ma lo stato delle cose non può essere determinato nei contenuti se non si ricorre ad organizzare le osservazioni e a ciascuna di esse attribuire uno o più significati:esempio se vedo il viso di una persona con accentuato il colore roseo posso pensare che è molto timida od anche che è febbricitante ( infatti un segno di febbre è un acceso colore rosso sulla pelle del viso ) ed ancora una persona non stringe con energia la nostra mano e noi pensiamo si tratti di una persona poco leale(che è tutto da dimostrare) mentre può essere un abitudine diversa dalla nostra;e gli esempi possono essere infiniti.la nostra osservazione deve escludere,attraverso un processo critico possibili significati erronei o di pensare soluzioni complicate, registrando solo i dettagli oggetto di osservazione ed i significati che noi attribuiamo ad essi almeno i più ragionevoli. Fino a questo punto noi abbiamo cercato di mettere a fuoco Il modo di interpretare un accadimento;altra cosa è quella di dialogare su gli stessi accadimenti nel senso che se anche osserviamo le stesse cose a queste attribuiamo diversi significati e molte volte le discussioni degenerano in una polemica senza fine in cui la cosa certa è rimanere della propria opinione con un non capisco niente ed altro del genere. 3, Quando si parla con altre persone e non si riesce a farsi intendere è importante capire che le differenze nelle osservazioni e nei significati ad essi attribuiti ci rendono unici rispetto a tutti gli altri ed è per questo che comunicare con gli altri è mettere in comune ciò che prima era separato e paradossalmente sono proprio le differenze che ci spingono a comunicare per abbattere le barriere dell incomprensione onde pervenire a quello che è considerato il mito della verità oggettiva,razionale. In sintesi è necessario tentare continuamente di capirsi,di confrontarsi,di spiegarsi a sufficienza sul significato delle parole,che a volte per piccole sfumature di significato portano a conclusioni opposte,divergenti.il pensare per approssimazioni successive, con gradualità e senza affrettare le conclusioni,è utile ad analizzare le

4 nostre impressioni obbligandoci ad una valutazione critica con l umiltà di ricercare sempre la verità fuori dal dominio della propria soggettività, dei propri pregiudizi. Cosa ci rende differente l uno dall altro? Intanto le caratteristiche individuali,le aree culturali di provenienza,le differenti esperienze ed infine la VARIABILITA DISCIPLINARE con la quale valutiamo ed interpretiamo gli stessi oggetti. Per essere più chiari consideriamo un corso d acqua : al fisico interesserà la temperatura,la portata,il regime stagionale; al chimico la composizione delle sostanze sciolte,la potabilità;all economista la possibilità dal punto di vista della navigazione e così via.cioè ognuno interpreta e giudica secondo le sue esperienze,la sua cultura ed il suo sapere.ognuno vede secondo la sua prospettiva che può trovare ampi spazi solo se,vinti pregiudizi,gabbie abitudinarie,pigrizia mentale,si apre al mondo con elasticità mentale e desiderio solo di ricercare la verità.naturalmente in tutto questo gioco un ruolo fondamentale è dato dal LINGUAGGIO descrittivo della realtà che non è unico,anzi esistono una enorme varietà di linguaggi descrittivi. 4, Linguaggi descrittivi che all interno delle varie discipline danno origine alle domande che possono porsi in un determinato campo d indagine e quindi le risposte relative:ad es.quali le cause della Rivoluzione Francese?intanto come necessità storica,come la rivoluzione dei corpi celesti,poi a motivo che la rivoluzione conduce al meglio ad opera del popolo che è legittimato, come sovranità,all evento rivoluzionario e quindi all affermazione dei principi rivoluzionari :Libertà,Eguaglianza,Fraternità.Principi che trovano spazio di applicazione e nello Stato Laico che in quello confessionale. Processo interpretativo.-non perdiamo di vista che questo breviario ha per intento quello di descrivere un metodo interpretativo,ed infatti quanto precede ci serve per affrontare al meglio la domanda che cos è un interpretazione? al solito un esempio può chiarire il concetto :ho la febbre,mal di gola,dolori alle articolazioni,la stagione è quella che favorisce questi malanni e questi segni ( che sono significati alle osservazioni fatte )l interpreto come una sindrome influenzale nell ambito della medicina

5 occidentale.gli stessi sintomi nella medicina cinese sono interpretati come uno squilibrio tra gli elementi energetici che tengono in salute il corpo e cioè lo ying e lo yang.per tentare una corretta interpretazione ad avvenimenti,fenomeni,oggetti è necessario un attento studio, di osservazione e dei significati connessi, organizzando la soluzione o le possibili soluzioni in maniera ragionevole e cioè che abbiano senso logico.la relazione tra avvenimenti,fenomeni etc.e la interpretazione che noi diamo deve essere razionale e convincere, oltre che noi altri interlocutori, mediante un processo di accostamento e di disgiunzione delle osservazioni e relativi significati al fenomeno,fatto,testo oggetto della nostra attenzione. 5, Argomentazione.-Abbiamo parlato,con quanto s è detto fino adesso,di un metodo per interpretare una visione del mondo nella vita quotidiana ed infatti gli esempi sono tratti da quest ultima. Altra cosa è quando dobbiamo sostenere le nostre idee,le nostre ragioni con qualcuno e cioè quando dobbiamo comunicare.in questo nuovo contesto dobbiamo essere in grado di ARGOMENTARE: un argomentazione è un discorso uno scritto tendente a convincere della validità di una tesi,di una affermazione.questa situazione la troviamo spesso nella vita quotidiana nel duplice aspetto di oratori,che dobbiamo convincere,e di uditori che dobbiamo analizzare,quello che ascoltiamo,leggiamo,osserviamo. In sostanza gli argomenti sono le ragioni che noi sosteniamo per la fondatezza di una nostra tesi. Tuttavia, per es.,gli argomenti (ragioni), di un oratore di un partito, per convincere gli elettori a votarlo per il bene della comunità, per lo stesso motivo sono diverse da quelle di un altro oratore,appartenente ad un altro partito.questo ci fa arguire che nessuna argomentazione può essere convincente a meno che non rispecchi la nostra esclusiva visione del mondo.la visione del mondo è tra l altro fondata nei rapporti che collegano le varie parti del discorso,dell argomentazione ed anche qui ricorriamo ad un esempio:mi trovo in una città che non conosco e devo raggiungere,per motivi di lavoro una persona ;1^ soluzione: cerco una carta topografica faccio il punto di stazione ed il punto di arrivo e quindi

6 mi avvio all appuntamento 2^soluzione:intanto mi avvio poi percorrendo le vie mi informerò sul punto di arrivo e speriamo di farcela.la 1^ soluzione mette in accordo le varie parti del discorso per raggiungere la meta,quindi l argomentazione è razionale e quindi valida;la 2^soluzione non ha nessi logici,è pasticciata ed è alquanto irrazionale e fantastica.tutti propendiamo per il primo esempio perché la nostra visione del mondo è lineare ed il personaggio pensa in maniera logica.la 2^soluzione è così irrazionale da non poterla definire un argomentazione corretta per raggiungere con certezza la meta. 6, Quando avviene un rapporto comunicativo tra un oratore ed un uditorio, deve esistere una certa visone del mondo condivisa e correlata affinché ci sia comprensione da parte dell uditorio nelle argomentazioni che via,via,presenta l oratore;esempio: se parliamo di vita che ha origine dal divino dobbiamo condividere l esistenza di Dio,mentre in quella materialistica no.una condivisione più estesa della visione del mondo è la triade illuministica della Rivoluzione Francese:Libertà,Uguaglianza e Fraternità che sono valori universalmente accettati,almeno formalmente;mentre l applicazione in molti Paesi è praticata in altri è nulla. Discorso argomentativi.-critica e Confutazione. Molte volte non siamo convinti delle ragioni addotte da un interlocutore su d un determinato contenuto od argomento ricorrendo a frasi come. non è cosi,non è reale quello che tu dici ed altre cose del genere, che nulla dicono e nulla spiegano.nel caso di un disaccordo è importante l esercizio della critica e della confutazione. Criticare è esprimere, con discorsi ed argomentazioni,il nostro dissenso rispetto le affermazioni altrui perché incompatibili con le nostre concezioni. Confutare è esprimere dubbi di interpretazione sugli argomenti dell oratore pur condividendone gli assunti fondamentali. Ad esempio se un oratore afferma la superiorità, in valore, della razza bianca la critica è che non esistono le razze ma siamo tutti appartenenti alla razza umana e quindi i valori appartengono solo agli individui. La confutazione è più sottile in quanto non riguarda l impianto generale degli argomenti posti in essere dall oratore,ma i dati poco

7 credibili messi in campo e che un attento uditore può scoprire non attendibili a giustificare premesse o presupposti e a cui l oratore non da eccessiva importanza,conoscendone la scarsa efficacia. 7, Prima di proseguire,soffermiamoci sul significato di GIUDIZIO :un giudizio afferma uno stato di cose ;se questo stato di cose sussiste il giudizio è vero,altrimenti è falso.una categoria molto importante è costituita dai giudizi predicativi dove in essi si afferma che un certo oggetto ha una certa qualità ad es.la foglia è verde Il che vuol dire che tutti gli oggetti che possono avere una medesima proprietà hanno senso ed esprimono un giudizio e quindi affermano uno stato di cose(tutti gli oggetti visibili possono avere il colore verde).ma se io fermo che la bontà è gialla la proposizione non è ne vera ne falsa è semplicemente priva di senso;le proposizioni prive di senso possono essere espresse solo nel linguaggio,ma mai nel pensiero oggettuale:cosi il linguaggio presenta un grande pericolo quando ammette combinazione prive di senso,di parole che rappresentano le componenti d un giudizio. Quando si afferma che un oggetto ha una proprietà (che è vera ) non si può affermare il contrario( che è falso) :se la foglia è verde non posso dire il contrario.vi sono altri tipi di giudizio come quello relazionale ma per la nostra ricerca basta fissare il significato di giudizio predicativo. Adesso diamo un cenno sulla nozione di CAUSALITA :nel senso più generale,dati due fatti il principio di causalità afferma che se i due fatti sonno connessi in modo che l un determina l altro,il primo fatto si chiama CAUSA,il secondo EFFETTO. E da considerare che lo stesso principio non si occupa del significato in se di causa ed effetto e neanche sulla loro validità o estensione prende atto di una connessione che è espressa dalla parola determina: le nuvole sono causa della pioggia;la lava è l effetto d una eruzione vulcanica;la malattia del sig.x è stata determinata da un eccessivo inserimento di cibo e qui il significato del verbo determinare ha l effetto di produrre.un altro significato di <determinare> appare nella proposizione:allo stato della nostre conoscenze è impossibile

8 determinare il sesso del nascituro e qui determinare ha il significato di conoscere,misurare,calcolare. 8, In altra parte abbiamo sottolineato l importanza del linguaggio e queste interruzioni nella sequenza logica dell elaborato serve appunto l ambito di significati a cui diamo particolare rilievo ai fin di una migliore comprensione del testo in oggetto. FORMULAZIONE DI UNA ARGOMENTAZIONE FUNZIONANTE. Tesi,Argomenti,Presupposti o Premesse. Con Tesi intendiamo un giudizio, sul quale cerchiamo il consenso di chi ci ascolta, con argomenti(o ragionamenti) sostenuti da dati di fatto (prove).la tesi costituisce la sintesi del pensiero di colui che vuole convincere attraverso una sequenza di argomenti concatenati e cioè logici suffragati da prove certe,almeno fino a prova contraria.e da chiarire che la rilevanza della tesi dipende dalla struttura delle argomentazioni e dalla loro logica connessione gerarchica e non dal valore che ad essa attribuiamo.dalla parte di chi ascolta la tesi è opinabile e non rappresenta una verità assoluta.in altre parole l atto dell argomentare(tesi) si presenta come un tentativo di chi parla di modificare la visione del mondo,ovvero delle certezze di chi ascolta. Con Argomenti si intendono tutte le ragioni che l oratore mette in campo allo scopo di convincere l uditorio di accettare come valida la tesi sostenuta ; il termine argomentare indica l atto di addurre ragioni articolate a sostegno di una opinione. Come funzionano gli argomenti:intanto per sostenere una tesi, da essi vengono tratti dalle osservazioni e quindi dei significati, che ad essi attribuiamo,ad esempio consideriamo le scoperte scientifiche e come nascono:intanto si rileva che sono da attribuire a ricercatori laureati nelle relative discipline (osservazione), che tali scoperte derivano dal loro bagaglio culturale( significato che deriva direttamente dall osservazione fatta prima); 9,

9 da quanto detto ne ricavo l idea generale che per fare scoperte scientifiche è necessario,anche se non sufficiente, essere laureati ed avere un bagaglio culturale ragguardevole (prove a sostegno dell argomentazione). Come si può notare è l organizzazione delle varie osservazioni in una sequenza di passaggi logici con relativi significati e relative prove che danno validità ad una tesi. DATI,PROVE,ARGOMENTI: sono concetti contigui e spesso vengono usati in modo impreciso. Per argomento s intende un enunciato a sostegno della validità di un altro enunciato(che costituisce la sua tesi) Per dato di fatto o dato s intende un qualsiasi riferimento al mondo reale( nomi,indirizzi,valori,esami del sangue,etc) che fungono da premessa,presupposto e che possono essere da orientamento e fungere da prove.le caratteristiche d un dato di fatto sono :concretezza,ovvero avere riferimento alla realtà del mondo;specificità e quindi verificabilità dei dati proposti. S intende per prova ogni dato reale e certo utilizzato a sostegno di un argomento,ma attenzione la prova può essere vera e falsa contemporaneamente:per es. si stipula un contratto preliminare,in unica copia, per l acquisto di un terreno e poi per errore viene bruciato e l acquirente(o il compratore no fa differenza ai fini del nostro studio) riscrive il documento questo risulta falso ma il contenuto è veritiero. Questa esposizione estremamente sintetica si propone solo di richiamare parole e concetti chiave di un metodo di approccio all argomentazione che eviti errori di interpretazione,di giudizi affrettati,per aprire la mente al reale ed al vero fuori dalla presunzione,dall egoismo e dalla ragione dominante. 10,

10 Ho consultato i seguenti testi per la stesura di questo saggio:epistemologia della causalità di Antonio Verdino ; Il Continuo di Hermann Weil;Strumenti per pensare di Conrad H. Waddngton; Il gioco delle opinioni di Umberto Galimberti;La scrittura argomentativi di Carmen Dell Aversano e Alessandro Grilli. Mi scuso con gli eventuali lettori di questo breve saggio, per imperfezioni di linguaggio,errori grammaticali e di impostazione. Il Presidente Gen.b.(ris) Francesco Caporale

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 18 Voler avere ragione Spesso le coppie incontrano delle barriere insormontabili

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

La situazione argomentativa

La situazione argomentativa La situazione argomentativa II Le argomentazioni: che cosa sono e dove trovarle 5 1 Che cos è un argomentazione Tutti i testi che abbiamo letto e scritto nella Parte precedente, dall annuncio pubblicitario

Dettagli

Il cyberspace: nuovi luoghi per formare, condividere e conoscere - INTRODUZIONE

Il cyberspace: nuovi luoghi per formare, condividere e conoscere - INTRODUZIONE INTRODUZIONE Internet è inevitabilmente parte delle nostre vite. Facebook, MySpace, Filckr, Wikipedia, Google tutti strumenti che la maggior parte di noi utilizza, padroneggia, critica o apprezza. Sono

Dettagli

CODICE ETICO E DI CONDOTTA PROFESSIONALE

CODICE ETICO E DI CONDOTTA PROFESSIONALE CODICE ETICO E DI CONDOTTA PROFESSIONALE CAPITOLO 1. VISIONE ED AREA DI APPLICAZIONE 1.1 Visione e scopo In qualità di professionisti del project management, ci assumiamo l impegno di agire in modo giusto

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole)

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole) 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY La Logica Proposizionale (Algebra di Boole) Prof. G. Ciaschetti 1. Cenni storici Sin dagli antichi greci, la logica è intesa come lo studio del logos, che in greco

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

Predicati e Quantificatori

Predicati e Quantificatori Predicati e Quantificatori Limitazioni della logica proposizionale! Logica proposizionale: il mondo è descritto attraverso proposizioni elementari e loro combinazioni logiche! I singoli oggetti cui si

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Giulia Caminada Professoressa di Materie Letterarie Scuola Media G. Segantini di Asso giulia.caminada@tiscali.it - www.bloggiornalismo.it

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

N on so quante persone si siano poste domande. Libertà

N on so quante persone si siano poste domande. Libertà «Libero pensatore? Basterebbe dire pensatore». Jules Renard N on so quante persone si siano poste domande veramente serie su cosa sia la Libertà e sul suo significato. Sicuramente si tratta di un concetto

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012 TEAM BUILDING e BENESSERE ORGANIZZATIVO Faenza, 12 dicembre 2012 Ravenna, 24 gennaio 2013 Lugo, 30 gennaio 2013 Bandini Barbara benessere organizzativo secondo la normativa italiana l insieme dei nuclei

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli

NEGOZIAZIONE. Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012

NEGOZIAZIONE. Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012 NEGOZIAZIONE Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012 La negoziazione È una modalità per risolvere divergenze di interessi, attuabile quando ciascuna delle parti possiede, ed è disposta a cedere qualche

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

Percorso Linguistico Classe seconda elementare

Percorso Linguistico Classe seconda elementare Percorso Linguistico Classe seconda elementare A cura della dott.ssa Maria Piscitelli Insegnanti collaboratrici che hanno sperimentato in classe il Percorso Linguistico. Gianna Campigli ed Attilia Greppi

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

Principi e regole guida progetto Pian del Rosso

Principi e regole guida progetto Pian del Rosso Principi e regole guida progetto Pian del Rosso VISIONE COMUNE L'obiettivo è creare un luogo ove sia possibile vivere in modo sostenibile dal punto di vista ecologico e sociale. È incentivata ogni forma

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2.

PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2. PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2. Gabriella Debetto Il presente fascicolo contiene le proposte didattiche elaborate dai docenti che hanno partecipato all intervento formativo Scrivere

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

Domande frequenti sull elaborazione del lutto

Domande frequenti sull elaborazione del lutto Domande frequenti sull elaborazione del lutto La situazione in cui ti trovi è straordinaria e probabilmente molto lontano da qualsiasi esperienza tu abbia avuto prima. Quindi, potresti non sapere cosa

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

Manualetto di lavoro per la preparazione e l effettuazione di una presentazione (Briefing=BRF)

Manualetto di lavoro per la preparazione e l effettuazione di una presentazione (Briefing=BRF) Manualetto di lavoro per la preparazione e l effettuazione di una presentazione (Briefing=BRF) Il presente MANUALE si prefigge lo scopo di indicare i suggerimenti ritenuti più opportuni per addivenire

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO

SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO Per definizione implicito è ciò che viene comunicato, senza venir asserito esplicitamente. La maggior parte della nostra comunicazione si basa su processi e contenuti

Dettagli

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Self- Marketing Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Quando ci si mette alla ricerca di una nuova occupazione, la prima cosa da fare è quella che potremmo definire un azione di marketing su se

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale ISTITUTO COMPRENSIVO Taverna di Montalto Uffugo (CS) Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: Anna Maria Santoro e Silvia Mazzeo Nel nostro tempo, dove situazioni

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Primaria Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Dimmi cosa mangi.

Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Primaria Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Dimmi cosa mangi. Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Primaria Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Dimmi cosa mangi. Premessa: L importanza della prevenzione come tappa fondamentale

Dettagli

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE Avviamento, sviluppo e potenziamento della competenza comunicativa, la chiave di volta del

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE Obiettivi Ascoltare Parlare Leggere 1. individuare gli elementi essenziali della situazione; 2. individuare le intenzioni comunicative; 3. capire il significato globale

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

NARRARE LA FEDE. Come potenziare le abilità di comprensione attraverso il racconto biblico. Fiorenza Pestelli

NARRARE LA FEDE. Come potenziare le abilità di comprensione attraverso il racconto biblico. Fiorenza Pestelli NARRARE LA FEDE Come potenziare le abilità di comprensione attraverso il racconto biblico Fiorenza Pestelli Nella Bibbia ci sono persone che evocano la possibilità di cambiare nella vita. Noi possiamo

Dettagli

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Su ali di farfalla Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Schemi realizzati dall autrice. Laura Freni SU ALI DI FARFALLA Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Manuale www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Il mestiere impossibile. Andrea Varani

Il mestiere impossibile. Andrea Varani Andrea Varani Il mestiere impossibile Insegnare diventa spesso un mestiere impossibile, implica agire con urgenza, decidere nell incertezza, operare senza avere il tempo di meditare. Tutto ciò senza una

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia dello sviluppo PRAGMATICA COMUNICAZIONE UMANA 1 Pragmatica della comunicazione umana Semiologia: Pragmatica (effetti

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

Avete spirito scientifico?

Avete spirito scientifico? GIOCO n. 1 a Avete spirito scientifico? Fare ricerca richiede anche di sapere e comprendere quali sono gli atteggiamenti verso la conoscenza di chi partecipa all impresa scientifica. Per capire se possiedi

Dettagli

COMUNICARE EFFICACEMENTE

COMUNICARE EFFICACEMENTE CORSO MANAGER DIDATTICI COMUNICARE EFFICACEMENTE A cura di: Franco Tartaglia COMUNICAZIONE TRASMISSIONE TRA DUE O PIÙ PERSONE DI : IDEE/OPINIONI MESSAGGI FATTI SENTIMENTI COMANDI RICHIESTE PROPOSTE PRESENTAZIONI

Dettagli

CORSO RSPP Datori di Lavoro salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

CORSO RSPP Datori di Lavoro salute e sicurezza nei luoghi di lavoro ORDINE PROVINCIALE dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di MODENA CORSO RSPP Datori di Lavoro salute e sicurezza nei luoghi di lavoro secondo il D.Lgs. 81/2008 e succ. modifiche D.Lgs. 106/2009 Accordo

Dettagli

Obiettivi formativi. Età dei bambini

Obiettivi formativi. Età dei bambini È l area di apprendimento nella quale si determina l apertura del bambino all altro, non rinunciando con questo alla propria UNICITA ma affermandola proprio attraverso il processo d interazione con gli

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi. Principi dell'auto aiuto.

Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi. Principi dell'auto aiuto. Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi Principi dell'auto aiuto. Un gruppo di auto-aiuto è un'alleanza tra persone che hanno problemi od obiettivi simili e che cercano di affrontare

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

Dott.ssa Maria Bucci Docente, Videointerprete e Interprete LIS e-mail: mariabucci@iol.it LA L.I.S. A SCUOLA

Dott.ssa Maria Bucci Docente, Videointerprete e Interprete LIS e-mail: mariabucci@iol.it LA L.I.S. A SCUOLA Dott.ssa Maria Bucci Docente, Videointerprete e Interprete LIS e-mail: mariabucci@iol.it LA L.I.S. A SCUOLA Corso di avvicinamento alla Lingua dei Segni Italiana e di didattica speciale PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

I.C. S. Stefano Magra. Scuola Primaria di Belaso. Classe IV T.p. Insegnanti: Nulli G., Silvano S., Veneri M.

I.C. S. Stefano Magra. Scuola Primaria di Belaso. Classe IV T.p. Insegnanti: Nulli G., Silvano S., Veneri M. I.C. S. Stefano Magra Scuola Primaria di Belaso Classe IV T.p. Insegnanti: Nulli G., Silvano S., Veneri M. TEMA: concetti economici: spesa ricavo - guadagno CONTESTO: La cassa scolastica è quasi vuota

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

Anche le informazioni giuridiche, quindi, devono essere corrette, complete, non contraddittorie e comprensibili per chi legge.

Anche le informazioni giuridiche, quindi, devono essere corrette, complete, non contraddittorie e comprensibili per chi legge. L ATTO AMMINISTRATIVO: semplificare si può La seconda parte del progetto Fare Comune ha come obiettivo la semplificazione del linguaggio all interno di un settore in cui, ancora oggi, non si riscontra

Dettagli

Il sistema delle relazioni e della comunicazione. 2007 mannelli 1/122

Il sistema delle relazioni e della comunicazione. 2007 mannelli 1/122 Il sistema delle relazioni e della comunicazione 2007 mannelli 1/122 Soggetti in relazione con il RSPP Datore di lavoro Dirigenti e Preposti Enti pubblici M.C. R.L.S. Lavoratori R.S.P.P. ASPP Fornitori

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte:

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte: Lezione 9 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE TECNICHE DI FACILITAZIONE APPLICATE AI PROCESSI DI ADESIONE A CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE Giuseppe Dodaro 14 maggio 2013 A COSA

Dettagli

PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole

PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole elementari e medie alla lettura e alla comprensione del

Dettagli

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione di lingua inglese. I medie

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione di lingua inglese. I medie I.O. Angelo Musco Scuola Secondaria di I grado Programmazione di lingua inglese a.s. 2015/2016 L insegnamento della lingua inglese avrà come obiettivo principale l acquisizione delle funzioni comunicative

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado. M.Marchi Università Cattolica - Brescia

Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado. M.Marchi Università Cattolica - Brescia Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado M.Marchi Università Cattolica - Brescia L insegnamento della matematica nella scuola della riforma 16

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

I LICEO prof. Francesco Barberis

I LICEO prof. Francesco Barberis I LICEO prof. Francesco Barberis Ma guardare che cosa? La REALTA,, i FENOMENI Nel tentativo di coglierne i nessi, i meccanismi, le funzioni e quindi, in ultimo, di coglierne il VERO Il bello è lo splendore

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Docente: Frank Ilde Materia: Matematica Classe: 1^ASA 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono stati

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

COMUNICARE LA BUONA CAUSA: ISTRUZIONI PER L USO. Massimo Coen Cagli Fondatore e direttore scientifico di

COMUNICARE LA BUONA CAUSA: ISTRUZIONI PER L USO. Massimo Coen Cagli Fondatore e direttore scientifico di COMUNICARE LA BUONA CAUSA: ISTRUZIONI PER L USO Massimo Coen Cagli Fondatore e direttore scientifico di LA QUESTIONE DI FONDO 1 Oggi non vi insegno trucchi e neanche vi insegno precisamente cosa dovete

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

- Un ragazzo ed una ragazza si amano, ma sono costretti a tenere segreta la loro relazione.

- Un ragazzo ed una ragazza si amano, ma sono costretti a tenere segreta la loro relazione. Un film racconta una serie di azioni che delle persone compiono in determinate situazioni. Per iniziare a scrivere una sceneggiatura bisogna avere un idea di cosa si vuol far fare a queste persone, ai

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

Riassunto secondo focus (lettori forti)

Riassunto secondo focus (lettori forti) Riassunto secondo focus (lettori forti) Il focus group si è svolto sabato 8 maggio tra le 10.00 e le 11.30, avendo come partecipanti dei lettori forti, vale a dire, persone che leggono più di 20 libri

Dettagli

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro?

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Marco Deriu docente di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa, Università Cattolica per

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013

corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013 corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013 AGENDA La comunicazione Le barriere e i rimedi OBIETTIVO DEL CORSO UNA PERSONA PIU EFFICACE NEL LAVORO E NELLA VITA PERCHE CONTROLLA MEGLIO LA PROPRIA COMUNICAZIONE

Dettagli

PUOI AVERE TUTTI I DATI E LE CIFRE, TUTTE LE PROVE, TUTTI GLI APPOGGI CHE VUOI, MA SE NON PADRONEGGI LA FIDUCIA NON ANDRAI DA NESSUNA PARTE.

PUOI AVERE TUTTI I DATI E LE CIFRE, TUTTE LE PROVE, TUTTI GLI APPOGGI CHE VUOI, MA SE NON PADRONEGGI LA FIDUCIA NON ANDRAI DA NESSUNA PARTE. FIDUCIA IN AZIONE Se tratti un uomo quale egli è, rimarrà così com è. Ma se lo tratti come se fosse quello che potrebbe essere, egli diverrà ciò che potrebbe essere. J. W. Goethe PUOI AVERE TUTTI I DATI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) pag. 1 di 7 PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: Scienze a Tecnologie Applicate Classe: 2 a Sez.

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli