ACCADEMIA TOSCANA FEDERICO II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCADEMIA TOSCANA FEDERICO II"

Transcript

1 ACCADEMIA TOSCANA FEDERICO II gen.b (ris).francesco Caporale : dall accadimento al giudizio su di esso Un metodo per interpretare fatti ed avvenimenti quotidiani e non, che si pongono alla nostra attenzione ed alla nostra sensibilità:uno scandalo,una tornata di elezioni,un programma politico, un avvenimento qualsiasi che tra i tanti desta curiosità,ha per effetto da parte nostra un immediato giudizio,quasi una sentenza a volte inappellabile..e questo non è corretto ne utile a chi lo emette e a chi lo ascolta. Tenterò di spiegare che servirsi di un metodo interpretativo è senz altro necessario se non a centrare la realtà dei fatti almeno ad approssimarsi ad essa anche se lascia dei possibili dubbi che servono ad alimentare la ricerca della verità. Il fatto che un unico metodo possa servire a persone diverse per differente cultura,o che pratica attività dalle più umili a quelle più complesse no vuol dire imporre un unico pensiero, ma dare delle possibilità attraverso il metodo interpretativo di commettere meno errori possibili e quindi erronei giudizi. Prima di entrare nel tema facciamo una piccola premessa sul verbo pensare che significa domandarsi su tutto quello che ci circonda: l uomo è sostanza, materia che viene plasmata dal lavoro ed il pensare è lavoro ed anche possibilità di aprirsi alla realtà mutevole,ai cambiamenti,agli sviluppi degli avvenimenti.pensare è entrare nella sostanza delle cose,degli enti,con la curiosità dei bambini che toccano,che assaggiano,che scoprono; invece noi immersi nel sonno della vita abitudinaria siamo pigri ad entrare nella critica che rappresenta il primo approccio,il primo atteggiamento per interpretare fatti ed avvenimenti che quotidianamente accadono,fuori dalla maniera abituale di commentare. 1, Il fatto apre lo spazio ad una varietà di interpretazioni,ad una libertà di giudizio che solo la ragione illuminata ed illuminante può dargli un primo grado di verità una prima equilibrata approssimazione che

2 deve essere confrontata e cioè messa in relazione sullo stesso piano interpretativo attraverso il dialogo aperto e finalizzato.ed il dialogo dischiude ventagli di spazi interpretativi quanto più ospita la tolleranza e l umiltà di servire la verità che rappresenta sempre un idea limite che trova spazio dalla nostra apertura mentale. Impressione,Osservazione.-Ciò premesso entriamo nello spirito del metodo,del sistema interpretativo con due termini:impressione,osservazione. IMPRESSIONE: su di un fatto.un atto brutale,un avvenimento inusuale, ed altro che colpisce la nostra attenzione come la nostra sensibilità ed immaginazione,su questi accadimenti si è soliti dare un giudizio affrettato:è brutto,è bello,è buono, mi è piaciuto e così via. A questo stato di cose si attribuisce il termine Impressione OSSERVAZIONE.- A differenza dell impressione è un procedimento più lento ed articolato che analizza i vari elementi del fatto e le dinamiche che lo hanno determinato:esempio assisto ad un incidente tra due autovetture,nell immediato posso dire ho sentito un gran botto e le autovetture si sono accartocciate (prima impressione),ma OSSERVANDO meglio posso notare che un autovettura procedeva a velocità moderata mentre l altra a velocità sostenuta ed il cui guidatore era intento al cellulare;la prima,però,pur procedendo con lentezza, vistosamente impegnava il cento della carreggiata..e cosi via.come si può notare la prima IMPRESSIONE rappresenta un giudizio e cioè afferma uno stato di cose,in questo caso l accadimento ovvero lo scontro automobilistico ma che nulla ci dice del come è stato determinato. L Osservazione successiva ci dice qualcosa in più sulle cause che hanno determinato l urto tra le due auto,e quindi noi iniziamo ad avere un Idea circa le Cause dello scontro. 2, Generalizzando per avere un Idea su d un avvenimento è necessario ricorrere all osservazione e quindi su tutti i particolari derivanti, particolari che messi insieme rappresentano gli elementi base del PROCESSO INTERPRETATIVO. Sintetizzando questa prima parte abbiamo parlato dell Impressione che è una percezione generica e superficiale e dell Osservazione che implica che l attenzione si soffermi sui particolari.tratteremo come

3 scomporre l impressione dall osservazione e come dare alle osservazioni uno o più significati. Possiamo dire che uno stato delle cose può essere dato da un giudizio quando questo è reale ( altrimenti il giudizio è falso ) ma lo stato delle cose non può essere determinato nei contenuti se non si ricorre ad organizzare le osservazioni e a ciascuna di esse attribuire uno o più significati:esempio se vedo il viso di una persona con accentuato il colore roseo posso pensare che è molto timida od anche che è febbricitante ( infatti un segno di febbre è un acceso colore rosso sulla pelle del viso ) ed ancora una persona non stringe con energia la nostra mano e noi pensiamo si tratti di una persona poco leale(che è tutto da dimostrare) mentre può essere un abitudine diversa dalla nostra;e gli esempi possono essere infiniti.la nostra osservazione deve escludere,attraverso un processo critico possibili significati erronei o di pensare soluzioni complicate, registrando solo i dettagli oggetto di osservazione ed i significati che noi attribuiamo ad essi almeno i più ragionevoli. Fino a questo punto noi abbiamo cercato di mettere a fuoco Il modo di interpretare un accadimento;altra cosa è quella di dialogare su gli stessi accadimenti nel senso che se anche osserviamo le stesse cose a queste attribuiamo diversi significati e molte volte le discussioni degenerano in una polemica senza fine in cui la cosa certa è rimanere della propria opinione con un non capisco niente ed altro del genere. 3, Quando si parla con altre persone e non si riesce a farsi intendere è importante capire che le differenze nelle osservazioni e nei significati ad essi attribuiti ci rendono unici rispetto a tutti gli altri ed è per questo che comunicare con gli altri è mettere in comune ciò che prima era separato e paradossalmente sono proprio le differenze che ci spingono a comunicare per abbattere le barriere dell incomprensione onde pervenire a quello che è considerato il mito della verità oggettiva,razionale. In sintesi è necessario tentare continuamente di capirsi,di confrontarsi,di spiegarsi a sufficienza sul significato delle parole,che a volte per piccole sfumature di significato portano a conclusioni opposte,divergenti.il pensare per approssimazioni successive, con gradualità e senza affrettare le conclusioni,è utile ad analizzare le

4 nostre impressioni obbligandoci ad una valutazione critica con l umiltà di ricercare sempre la verità fuori dal dominio della propria soggettività, dei propri pregiudizi. Cosa ci rende differente l uno dall altro? Intanto le caratteristiche individuali,le aree culturali di provenienza,le differenti esperienze ed infine la VARIABILITA DISCIPLINARE con la quale valutiamo ed interpretiamo gli stessi oggetti. Per essere più chiari consideriamo un corso d acqua : al fisico interesserà la temperatura,la portata,il regime stagionale; al chimico la composizione delle sostanze sciolte,la potabilità;all economista la possibilità dal punto di vista della navigazione e così via.cioè ognuno interpreta e giudica secondo le sue esperienze,la sua cultura ed il suo sapere.ognuno vede secondo la sua prospettiva che può trovare ampi spazi solo se,vinti pregiudizi,gabbie abitudinarie,pigrizia mentale,si apre al mondo con elasticità mentale e desiderio solo di ricercare la verità.naturalmente in tutto questo gioco un ruolo fondamentale è dato dal LINGUAGGIO descrittivo della realtà che non è unico,anzi esistono una enorme varietà di linguaggi descrittivi. 4, Linguaggi descrittivi che all interno delle varie discipline danno origine alle domande che possono porsi in un determinato campo d indagine e quindi le risposte relative:ad es.quali le cause della Rivoluzione Francese?intanto come necessità storica,come la rivoluzione dei corpi celesti,poi a motivo che la rivoluzione conduce al meglio ad opera del popolo che è legittimato, come sovranità,all evento rivoluzionario e quindi all affermazione dei principi rivoluzionari :Libertà,Eguaglianza,Fraternità.Principi che trovano spazio di applicazione e nello Stato Laico che in quello confessionale. Processo interpretativo.-non perdiamo di vista che questo breviario ha per intento quello di descrivere un metodo interpretativo,ed infatti quanto precede ci serve per affrontare al meglio la domanda che cos è un interpretazione? al solito un esempio può chiarire il concetto :ho la febbre,mal di gola,dolori alle articolazioni,la stagione è quella che favorisce questi malanni e questi segni ( che sono significati alle osservazioni fatte )l interpreto come una sindrome influenzale nell ambito della medicina

5 occidentale.gli stessi sintomi nella medicina cinese sono interpretati come uno squilibrio tra gli elementi energetici che tengono in salute il corpo e cioè lo ying e lo yang.per tentare una corretta interpretazione ad avvenimenti,fenomeni,oggetti è necessario un attento studio, di osservazione e dei significati connessi, organizzando la soluzione o le possibili soluzioni in maniera ragionevole e cioè che abbiano senso logico.la relazione tra avvenimenti,fenomeni etc.e la interpretazione che noi diamo deve essere razionale e convincere, oltre che noi altri interlocutori, mediante un processo di accostamento e di disgiunzione delle osservazioni e relativi significati al fenomeno,fatto,testo oggetto della nostra attenzione. 5, Argomentazione.-Abbiamo parlato,con quanto s è detto fino adesso,di un metodo per interpretare una visione del mondo nella vita quotidiana ed infatti gli esempi sono tratti da quest ultima. Altra cosa è quando dobbiamo sostenere le nostre idee,le nostre ragioni con qualcuno e cioè quando dobbiamo comunicare.in questo nuovo contesto dobbiamo essere in grado di ARGOMENTARE: un argomentazione è un discorso uno scritto tendente a convincere della validità di una tesi,di una affermazione.questa situazione la troviamo spesso nella vita quotidiana nel duplice aspetto di oratori,che dobbiamo convincere,e di uditori che dobbiamo analizzare,quello che ascoltiamo,leggiamo,osserviamo. In sostanza gli argomenti sono le ragioni che noi sosteniamo per la fondatezza di una nostra tesi. Tuttavia, per es.,gli argomenti (ragioni), di un oratore di un partito, per convincere gli elettori a votarlo per il bene della comunità, per lo stesso motivo sono diverse da quelle di un altro oratore,appartenente ad un altro partito.questo ci fa arguire che nessuna argomentazione può essere convincente a meno che non rispecchi la nostra esclusiva visione del mondo.la visione del mondo è tra l altro fondata nei rapporti che collegano le varie parti del discorso,dell argomentazione ed anche qui ricorriamo ad un esempio:mi trovo in una città che non conosco e devo raggiungere,per motivi di lavoro una persona ;1^ soluzione: cerco una carta topografica faccio il punto di stazione ed il punto di arrivo e quindi

6 mi avvio all appuntamento 2^soluzione:intanto mi avvio poi percorrendo le vie mi informerò sul punto di arrivo e speriamo di farcela.la 1^ soluzione mette in accordo le varie parti del discorso per raggiungere la meta,quindi l argomentazione è razionale e quindi valida;la 2^soluzione non ha nessi logici,è pasticciata ed è alquanto irrazionale e fantastica.tutti propendiamo per il primo esempio perché la nostra visione del mondo è lineare ed il personaggio pensa in maniera logica.la 2^soluzione è così irrazionale da non poterla definire un argomentazione corretta per raggiungere con certezza la meta. 6, Quando avviene un rapporto comunicativo tra un oratore ed un uditorio, deve esistere una certa visone del mondo condivisa e correlata affinché ci sia comprensione da parte dell uditorio nelle argomentazioni che via,via,presenta l oratore;esempio: se parliamo di vita che ha origine dal divino dobbiamo condividere l esistenza di Dio,mentre in quella materialistica no.una condivisione più estesa della visione del mondo è la triade illuministica della Rivoluzione Francese:Libertà,Uguaglianza e Fraternità che sono valori universalmente accettati,almeno formalmente;mentre l applicazione in molti Paesi è praticata in altri è nulla. Discorso argomentativi.-critica e Confutazione. Molte volte non siamo convinti delle ragioni addotte da un interlocutore su d un determinato contenuto od argomento ricorrendo a frasi come. non è cosi,non è reale quello che tu dici ed altre cose del genere, che nulla dicono e nulla spiegano.nel caso di un disaccordo è importante l esercizio della critica e della confutazione. Criticare è esprimere, con discorsi ed argomentazioni,il nostro dissenso rispetto le affermazioni altrui perché incompatibili con le nostre concezioni. Confutare è esprimere dubbi di interpretazione sugli argomenti dell oratore pur condividendone gli assunti fondamentali. Ad esempio se un oratore afferma la superiorità, in valore, della razza bianca la critica è che non esistono le razze ma siamo tutti appartenenti alla razza umana e quindi i valori appartengono solo agli individui. La confutazione è più sottile in quanto non riguarda l impianto generale degli argomenti posti in essere dall oratore,ma i dati poco

7 credibili messi in campo e che un attento uditore può scoprire non attendibili a giustificare premesse o presupposti e a cui l oratore non da eccessiva importanza,conoscendone la scarsa efficacia. 7, Prima di proseguire,soffermiamoci sul significato di GIUDIZIO :un giudizio afferma uno stato di cose ;se questo stato di cose sussiste il giudizio è vero,altrimenti è falso.una categoria molto importante è costituita dai giudizi predicativi dove in essi si afferma che un certo oggetto ha una certa qualità ad es.la foglia è verde Il che vuol dire che tutti gli oggetti che possono avere una medesima proprietà hanno senso ed esprimono un giudizio e quindi affermano uno stato di cose(tutti gli oggetti visibili possono avere il colore verde).ma se io fermo che la bontà è gialla la proposizione non è ne vera ne falsa è semplicemente priva di senso;le proposizioni prive di senso possono essere espresse solo nel linguaggio,ma mai nel pensiero oggettuale:cosi il linguaggio presenta un grande pericolo quando ammette combinazione prive di senso,di parole che rappresentano le componenti d un giudizio. Quando si afferma che un oggetto ha una proprietà (che è vera ) non si può affermare il contrario( che è falso) :se la foglia è verde non posso dire il contrario.vi sono altri tipi di giudizio come quello relazionale ma per la nostra ricerca basta fissare il significato di giudizio predicativo. Adesso diamo un cenno sulla nozione di CAUSALITA :nel senso più generale,dati due fatti il principio di causalità afferma che se i due fatti sonno connessi in modo che l un determina l altro,il primo fatto si chiama CAUSA,il secondo EFFETTO. E da considerare che lo stesso principio non si occupa del significato in se di causa ed effetto e neanche sulla loro validità o estensione prende atto di una connessione che è espressa dalla parola determina: le nuvole sono causa della pioggia;la lava è l effetto d una eruzione vulcanica;la malattia del sig.x è stata determinata da un eccessivo inserimento di cibo e qui il significato del verbo determinare ha l effetto di produrre.un altro significato di <determinare> appare nella proposizione:allo stato della nostre conoscenze è impossibile

8 determinare il sesso del nascituro e qui determinare ha il significato di conoscere,misurare,calcolare. 8, In altra parte abbiamo sottolineato l importanza del linguaggio e queste interruzioni nella sequenza logica dell elaborato serve appunto l ambito di significati a cui diamo particolare rilievo ai fin di una migliore comprensione del testo in oggetto. FORMULAZIONE DI UNA ARGOMENTAZIONE FUNZIONANTE. Tesi,Argomenti,Presupposti o Premesse. Con Tesi intendiamo un giudizio, sul quale cerchiamo il consenso di chi ci ascolta, con argomenti(o ragionamenti) sostenuti da dati di fatto (prove).la tesi costituisce la sintesi del pensiero di colui che vuole convincere attraverso una sequenza di argomenti concatenati e cioè logici suffragati da prove certe,almeno fino a prova contraria.e da chiarire che la rilevanza della tesi dipende dalla struttura delle argomentazioni e dalla loro logica connessione gerarchica e non dal valore che ad essa attribuiamo.dalla parte di chi ascolta la tesi è opinabile e non rappresenta una verità assoluta.in altre parole l atto dell argomentare(tesi) si presenta come un tentativo di chi parla di modificare la visione del mondo,ovvero delle certezze di chi ascolta. Con Argomenti si intendono tutte le ragioni che l oratore mette in campo allo scopo di convincere l uditorio di accettare come valida la tesi sostenuta ; il termine argomentare indica l atto di addurre ragioni articolate a sostegno di una opinione. Come funzionano gli argomenti:intanto per sostenere una tesi, da essi vengono tratti dalle osservazioni e quindi dei significati, che ad essi attribuiamo,ad esempio consideriamo le scoperte scientifiche e come nascono:intanto si rileva che sono da attribuire a ricercatori laureati nelle relative discipline (osservazione), che tali scoperte derivano dal loro bagaglio culturale( significato che deriva direttamente dall osservazione fatta prima); 9,

9 da quanto detto ne ricavo l idea generale che per fare scoperte scientifiche è necessario,anche se non sufficiente, essere laureati ed avere un bagaglio culturale ragguardevole (prove a sostegno dell argomentazione). Come si può notare è l organizzazione delle varie osservazioni in una sequenza di passaggi logici con relativi significati e relative prove che danno validità ad una tesi. DATI,PROVE,ARGOMENTI: sono concetti contigui e spesso vengono usati in modo impreciso. Per argomento s intende un enunciato a sostegno della validità di un altro enunciato(che costituisce la sua tesi) Per dato di fatto o dato s intende un qualsiasi riferimento al mondo reale( nomi,indirizzi,valori,esami del sangue,etc) che fungono da premessa,presupposto e che possono essere da orientamento e fungere da prove.le caratteristiche d un dato di fatto sono :concretezza,ovvero avere riferimento alla realtà del mondo;specificità e quindi verificabilità dei dati proposti. S intende per prova ogni dato reale e certo utilizzato a sostegno di un argomento,ma attenzione la prova può essere vera e falsa contemporaneamente:per es. si stipula un contratto preliminare,in unica copia, per l acquisto di un terreno e poi per errore viene bruciato e l acquirente(o il compratore no fa differenza ai fini del nostro studio) riscrive il documento questo risulta falso ma il contenuto è veritiero. Questa esposizione estremamente sintetica si propone solo di richiamare parole e concetti chiave di un metodo di approccio all argomentazione che eviti errori di interpretazione,di giudizi affrettati,per aprire la mente al reale ed al vero fuori dalla presunzione,dall egoismo e dalla ragione dominante. 10,

10 Ho consultato i seguenti testi per la stesura di questo saggio:epistemologia della causalità di Antonio Verdino ; Il Continuo di Hermann Weil;Strumenti per pensare di Conrad H. Waddngton; Il gioco delle opinioni di Umberto Galimberti;La scrittura argomentativi di Carmen Dell Aversano e Alessandro Grilli. Mi scuso con gli eventuali lettori di questo breve saggio, per imperfezioni di linguaggio,errori grammaticali e di impostazione. Il Presidente Gen.b.(ris) Francesco Caporale

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli