CAMPIONI D'ITALIA!!! L'ASCESA DEL BASEBALL CLUB PESARO HA DELL'INCREDIBILE!!!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMPIONI D'ITALIA!!! L'ASCESA DEL BASEBALL CLUB PESARO HA DELL'INCREDIBILE!!!"

Transcript

1 CAMPIONI D'ITALIA!!! L'ASCESA DEL BASEBALL CLUB PESARO HA DELL'INCREDIBILE!!! Mamma mia!! Da non credere! I biancorossi pesaresi sono diventati Campioni d'italia!! Si ragazzi, non stiamo affatto scherzando!!!! È proprio così!!! Sono successe tante cose davvero clamorose dall'ultima volta che vi ho raccontato le gesta dei nostri eroi, che quasi gira la testa e toglie il respiro a pensarci. Nemmeno il più grande scrittore di fantascienza avrebbe potuto immaginarsi una cosa del genere. Ma, proviamo a mettere tutte le cose in ordine e a ricostruire i fatti accaduti in questi ultimissimi mesi. Dove eravamo rimasti? Ah si, ora ricordo!! La città di Pesaro, e con essa l'intero ambiente sportivo mondiale, era ancora scossa da una tragedia immane e ai più ancora inspiegabile. Uno degli omicidi più efferati della storia era andato in scena proprio sul palcoscenico più prestigioso dello sport cittadino: il diamante di Via Palestro. Da un lato, un cadavere orrendamente sfigurato rinchiuso in un sacco di tela, che ancora non aveva trovato identit{, dall altro 3 poveretti (o delinquenti) che erano stati imprigionati con metodi alquanto sbrigativi e senza particolari indizi a loro carico, costretti a subire le angherie di un Commissario che, lungi dall avere le idee chiare sui veri colpevoli, aveva cominciato a diffondere alla stampa la tesi di un complotto organizzato da tutti e 3 gli indagati, accusati di essere complici tra loro dell omicidio. Per 2 dei 3 sventurati (Ale il biondo e Diego), l estate in gattabuia era passata assai lentamente. Ognuno chiuso nella propria cella di sicurezza, rischiarata solo da un pallido sole che filtrava dalle grate. Ognuno dei 2 a chiedersi, sdraiato sul lurido giaciglio della cella, quando mai e se mai avrebbero potuto riconquistare l agognata libert{ e dimenticarsi un giorno dell incubo che stavano loro malgrado vivendo. L unico momento di svago era rappresentato dall ora d aria quotidiana che veniva loro concessa e durante la quale si ritrovavano tutti e 2 in un cortile assolato del commissariato, 1

2 con i muri altissimi e sovrastati da un inquietante filo spinato, c'è chi dice addirittura fosse elettrificato, che scoraggiava qualsiasi idea di evasione che potesse loro balenare in testa. Considerata però la buona condotta che, tutto sommato, aveva caratterizzato il comportamento dei 2 nei primi mesi di detenzione preventiva, il Commissario era stato, suo malgrado, costretto ad allentare un po i cordoni della rigidit{ e aveva consentito ai 2 qualche libertà in più. Ad entrambi era stato consentito, ad esempio, di allenarsi un ora in più nel cortile del commissariato, per poter poi partecipare alle gare di IBL2, ma solo e rigorosamente a quelle giocate in casa, perché per le trasferte il Commissario aveva timori fondati di fuga. Ad Ale il biondo era stato concesso, oltre che sovraintendere a tutte le altre e molteplici attività che contraddistinguevano ogni sua estate, anche di proseguire, seppure a distanza, con il coordinamento della sorveglianza balneare della spiaggia di ponente. Per decidere se fosse il caso di issare o meno la bandiera rossa, Ale si teneva in stretto contatto con i suoi assistenti di spiaggia e chiedeva a ciascuno di loro che vento tirasse. Siccome però che nessuno dei collaboratori era in grado di saperlo, non avendo mai consultato una rosa dei venti, Ale il biondo, ogni santa mattina, lanciava in aria la monetina e decideva con il classico testa o croce. Il Commissario era stato poi costretto, suo malgrado, ad allargare ulteriormente le maglie della libertà per Ale il biondo, a causa di uno spiacevole episodio che sempre più frequentemente si stava verificando ogni mattina nei pressi del Commissariato. Dall inizio dell estate, infatti, una misteriosa (almeno agli occhi del Commissario) ragazza moretta, si presentava di buon'ora sotto le finestre del commissariato e cominciava a cantare a squarciagola e con grande enfasi, dei motivetti romantici degli anni 60 e 70. Nei primi giorni, il Commissario si era limitato ad affacciarsi incuriosito alla finestra del suo ufficio e, rivolgendosi alla improvvisata cantante, la implorava di smettere di importunarlo. Le richieste del Commissario non sortirono effetto alcuno. Tanto ché il Commissario nei giorni successivi, reagì scompostamente al fastidio provocatogli dalla performance canora della moretta, con maniere non proprio eleganti, rovesciando sulla poveretta intere bacinelle di acqua gelata, nel tentativo di farla desistere dai propri insani propositi. Non riuscendo nel suo intento neppure in questo modo, affrontò di petto la moretta, e la minacciò seriamente di arrestarla e di chiudere anche Lei in cella di sicurezza. Peccato che le celle di sicurezza disponibili fossero ormai solo 2 (ndr la terza, infatti, anche se attualmente non occupata, il Commissario aveva deciso di lasciarla a disposizione per la Luigina, della quale vi racconteremo tra breve) e che la sventurata avrebbe dovuto dividere la cella con Ale il biondo, che era l unico tra i 2 indagati che poteva disporre di una cella di sicurezza doppia. 2

3 Quale sorte benevola!!! Era proprio quello che la sventurata cantante desiderava!!! Non si arrivò a tanto, ma si giunge ad un compromesso equo: la moretta sarebbe stata ammessa per un ora al giorno nel cortile del Commissariato assieme ai 2 detenuti e avrebbe potuto sussurrare all orecchio dell amato (e, fortunatamente per gli altri, solo al suo) quei motivetti un po datati, che certificavano comunque la tremenda cotta che la moretta aveva preso per il biondo. L accordo si allargò, poi, a che nell ora di svago, il biondo allenasse la moretta nello sport la cui passione accumunava Ale, la moretta e Diego. Ale fungeva da pitching coach e la moretta da allieva. Gli allenamenti vennero però presto sospesi, in quanto, nonostante il muro di cinta che separava il cortile del commissariato dalla strada fosse altissimo, i passanti venivano regolarmente colpiti dai lanci pazzi che a volte sfuggivano alla moretta. E gli altri 2 indagati?? Come passavano le loro giornate? Diego era più preoccupato per le sorti delle squadre pesaresi di volley femminile che del suo personale destino. Era angosciato (ma poi mica tanto) dal non sapere con certezza se le proprie beniamine (ndr. non abbiamo ancora compreso se fosse vera passione per il volley o se fosse invaghito di qualche giocatrice in particolare) avrebbero giocato nella stagione successiva in quel di Bergamo (in serie A1) o di Pagliare del Tronto (in B1 sic, fu proprio così). Certo, il lavoro gli mancava. Certo non avrebbe potuto seguire come negli anni precedenti la preparazione della sua Fiorentina, della cui campagna acquisti era costantemente informato dai messaggeri Andrea e Stefano, ma se ne fece una ragione. Quanto agli allenamenti, passò finalmente l'estate a rinforzarsi i muscoli, per presentarsi pronto al deciso salto di qualità che gli avrebbe sicuramente permesso di spiccare il volo nel panorama del baseball italico (ma come vedrete più in seguito, le sorprese non erano finite). La Luigina, in realtà, era stata la più fortunata (o la più furba) tra i 3. Il Commissario, infatti, gi{ dopo pochi giorni dall arresto, pur essendo quasi certo che l'elegante signora la sapesse davvero lunga sull'omicidio e pur sospettandola come la potenziale maggiore indiziata dell'omicidio stesso, aveva ceduto come un allocco alle continue lamentele che provenivano dalla sua cella di sicurezza e aveva deciso di rilasciarla anche se in libert{ vigilata e con l obbligo di firma, che richiedeva alla stessa di presentarsi almeno 10 volte al giorno in commissariato. L ordine di scarcerazione venne emesso dal Commissario con malavoglia, anche a seguito dei calorosi inviti che alcuni ben noti rappresentanti della Pesaro bene avevano fatto giungere al 3

4 graduato, che avevano avanzato la richiesta di un gesto di clemenza a favore di colei che veniva considerata una habitue dei salotti e dei circoli cittadini tuttora più in vista. Strano a dirsi, ma l unico ad avere espresso al Commissario un parere sfavorevole alla scarcerazione della Luigina era stato l'amato consorte Miky, che, durante la carcerazione preventiva della moglie, aveva potuto finalmente godere di una totale libertà di azione e, oltretutto, non si trovava più alle calcagna chi, continuamente, gli contava le sigarette fumate o la quantità di cibo trangugiato. Altra limitazione di libertà imposta alla Luigina fu quella dovuta al fatto che le venne applicato alla caviglia un braccialetto elettronico che consentiva alle forze di polizia di seguirne costantemente gli spostamenti. Tutto cambiò drasticamente e magicamente a partire dal 28 novembre Segnatevi questa data, nella quale il batti e corri pesarese ricevette in premio la Stella di bronzo al merito assegnata dal CONI nazionale, quale riconoscimento della storia gloriosa della società biancorossa, nata nel 1968, capace di arrivare per diversi anni consecutivi nelle massime serie nazionali del baseball e del softball e di perseguire da oltre 40 anni l obiettivo della diffusione dello sport più bello al mondo, seppure tra le mille difficoltà economiche e logistiche che hanno caratterizzato soprattutto gli ultimi tempi. Quella semplice anche se significativa premiazione rappresentò, invece, una rampa di lancio irresistibile per la società capitanata del Presidente Norby e dai suoi fidati collaboratori. Gli eventi che si succedettero dopo quella premiazione decretarono anche la fine del perenne pessimismo cosmico sulle sorti del batti e corri pesarese, che aveva contraddistinto il Presidente Norby almeno nell ultimo decennio. Per festeggiare l'avvenuta con segna del premio, Norby aveva invitato tutti i convenuti, ad un frugale brindisi che si era svolto al baretto del diamante di Via Palestro e, subito dopo, tutti si erano trasferiti al Commissariato, per festeggiare anche con i 2 reclusi che, seppure indagati e sospettati del terribile omicidio, in un modo e nell altro, rappresentavano pur sempre delle glorie del batti e corri locale. Mentre ancora i convenuti stavano brindando all evento (rigorosamente a coca cola e gazzosa, dato che nel Commissariato gli alcolici erano ovviamente banditi) ecco il clamoroso colpo di scena che caratterizzerà da qual momento il sensazionale cambio di passo societario!! Lo smartphone del Presidente Norby squillò. Dall altra parte della cornetta, una voce di donna sconosciuta pronunciò una frase ai più incomprensibile: Guten morgen. Ich bin Angela!!!!! 4

5 Norby fu tentato di riagganciare. Fortuna che non lo fece!!!!! Ma ci pensate? Era proprio Lei. Angela Merkel!!!!!! La premier tedesca che terrorizzava l Italia con le sue ricette di rigore economico e di lotta agli sprechi!!! Norby quasi svenne e non fu in grado di spiccicare parola!! Fortunatamente, dall altra parte della cornetta, intervenne l interprete simultaneo che in un italiano un po stentato, spiegò a Norby che la Merkel era rimasta profondamente colpita dal successo del Baseball club Pesaro, i cui echi avevano varcato il Brennero ed erano giunti sin alla soglia del bundestag, il Parlamento tedesco. L interprete spiegò che, a breve, Angela avrebbe voluto far visita al Presidente Norby, per sincerarsi di persona di quello che, ai suoi occhi, rappresentava una sorta di piccolo miracolo italiano, in un contesto generale caratterizzato da crisi, degrado ed inefficienza. Per intanto, fece comunicare all interprete che avrebbe personalmente omaggiato la società biancorossa, con un piccolo contributo in denaro, quale segno di riconoscimento. Si trattava di di euro in contanti, a titolo di acconto!!!! La telefonata terminò, ma Norby, ancora stordito, rimase appeso al suo smartphone immobile e bianco in volto. Balbettò qualcosa di incomprensibile ai presenti e scrollò a terra esanime, dall emozione ricevuta. Andarono tutti e subito a prendere dell aceto per farlo rinvenire, ma l aceto non faceva effetto. Cominciarono, quindi, a schiaffeggiarlo sul viso, prima leggermente e poi sempre con maggiore violenza. Finalmente Norby rinvenne e provò a raccontare quanto prima era successo. Nessuno, ovviamente, credette al suo racconto e allo stesso Norby cominciò a balenare l idea che si fosse effettivamente trattato di un sogno e di un allucinazione. Altroché un allucinazione!!!! Effettivamente, da li a pochi giorni, il milione di euro promesso dalla Merkel fu accreditato sul c/c bancario intestato alla società e la notizia divenne di dominio pubblico. Network televisivi di ogni parte del pianeta cominciarono ad interessarsi della società biancorossa e nei giorni successivi il cellulare di Norby fu tempestato di telefonate da parte di coloro che lo pregavano per potersi vedere fissare uno straccio di appuntamento, per ottenere interviste e reportage sul Baseball Club Pesaro, alla scoperta del miracolo di Via Palestro. La notizia della telefonata della Merkel giunse anche al Campidoglio, che si affrettò a redigere in fretta e furia un comunicato stampa con cui si informava che il Presidente Napolitano 5

6 avrebbe avuto il piacere di incontrare Norby per stringergli la mano e congratularsi direttamente con l artefice del miracolo. Il Presidente Napolitano, con la sua scorta, si presentò ben presto ai cancelli del diamante di Via Palestro, ove trovò ad accoglierlo il fido Luis che lo salutò dalla terrazza sventolando un tricolore dai lembi un po ammuffiti e dai colori appena sbiaditi. Napolitano fece un discorso commovente a tutti i presenti che si erano rapidamente radunati sulle vecchie tribune, da un palco improvvisato in prossimità del monte di lancio ed insignì di una medaglia d'oro al valore, tutta la dirigenza vecchia e nuova della società e tutti i giocatori che dal 1968 avevano indossato la casacca biancorossa (in verità, anche neroarancio nel corso dell ultima stagione). All evento, ovviamente mancavano solo i 2 indagati ancora in cella di sicurezza, che ebbero solo la possibilità di ascoltare, in mondovisione, le parole pronunciate da Napolitano nel corso della cerimonia, che vennero, oltretutto, diffuse in tutta la città, attraverso una catena infinita di altoparlanti, dislocati praticamente in ogni via. Anche Ale il biondo e Diego, in ogni caso, avrebbero avuto da li a poco soddisfazioni incredibili!!! Il Presidente della Repubblica, infatti, prima di porre termine al proprio discorso ufficiale, annunciò di aver concesso la GRAZIA ai due reclusi, in virtù degli straordinari meriti che i due potevano vantare nei successi del Baseball Club e ordinò l immediata loro scarcerazione. A quel punto, qualcuno fece notare al Presidente Napolitano, che anche una terza persona (la Luigina) si trovava in stato di libert{ vigilata anche se, a differenza degli altri due, ai domiciliari e con il braccialetto elettronico saldo alle caviglie. Napolitano ordinò che anche la Luigina fosse a tutti gli effetti scagionata e che gli fosse tolto il braccialetto elettronico. Fu una festa indescrivibile!!! Ale il biondo e Diego sentirono schiavare la serratura delle loro celle di sicurezza e senza neppure rendersene conto si trovarono liberi per strada, accolti in trionfo da una folla impazzita. Terminata la cerimonia e smontato il palco d'onore, le novità, però, non finirono affatto. Non bastava aver ricevuto euro in contante!!! Si scatenò, infatti, una gara frenetica tra gli sponsor per accaparrarsi per i decenni futuri, uno spazio anche piccolissimo di pubblicità, sulle casacche dei ragazzi biancorossi e delle ragazze biancorosse!!! 6

7 Dopo praticamente un decennio in cui Norby aveva sudato le fatidiche sette camicie per elemosinare 2 lire di sponsorizzazione, bussando ad ogni convento e ricevendone quasi sempre un secco diniego, ora c'era l imbarazzo della scelta!! Non si trattava certo di sponsorizzazioni di piccolo cabotaggio: il dubbio amletico era quello di scegliere nell ordine, tra i seguenti candidati: Google, Samsung, Nissan, Fly Emirates, Deutch Bank. Questi marchi avevano formalizzato al Presidente Norby offerte pluriennali che avrebbero assicurato ai biancorossi, un budget annuo variabile tra i 5 e i 6 milioni di euro. La scelta fu facile. Per non scontentare nessuno di questi colossi mondiali, vennero messi dentro un guantone da baseball, dei bigliettini con su scritto i nomi dei succitati sponsor e la ragazza moretta, opportunamente bendata, fu chiamata a pescare uno dei bigliettini. Agli sponsor che non furono in quell occasione prescelti, fu garantita una prelazione per gli anni a venire, che garantivano alla società future sponsorizzazioni fino almeno al 2050!! Norby cominciò a ragionare su come investire quella valanga di soldi improvvisamente piovuti dal cielo. Ovviamente, l unico problema veramente serio fu quello di allontanare con fermezza, tutti quegli pseudo amici / consiglieri che, dopo essersi eclissati durante tutti gli anni di difficoltà economica, improvvisamente e miracolosamente riapparvero, gonfi di consigli da elargire al Presidente. Poi si trattò di definire le priorità per gli investimenti. Nell'ordine, si stabilì: 1) di ricompensare generosamente con assegni bancari a 5 zeri, tutto lo storico staff dirigenziale che aveva faticosamente tirato la carretta almeno negli ultimi 10 anni, in segno di ringraziamento per il lavoro svolto negli anni necessariamente trascorsi a pane ed acqua ; 2) di elargire a tutti i giocatori che avevano vestito la casacche biancorosse dagli anni '80 in poi, un altrettanto corposo premio in denaro, 3) di destinare qualche milione di euro, per il rinnovo dei contratti dei giocatori ancora in attività. Il Presidente si comportò, anche in questo caso, da signore: lasciò, infatti, che ciascun giocatore scrivesse lui su un foglietto, la cifra desiderata; lui, senza nemmeno guardarla, staccò gli assegni e li consegnò nelle mani dei giocatori. Ovviamente, le cifre stabilite furono tali da consentire ad ogni giocatore, di scordarsi definitivamente di ogni preoccupazione per il futuro, consentendo agli stessi di concentrarsi esclusivamente all'attività agonistica, abbandonando per sempre le rispettive attività lavorative; 4) di ristrutturare degnamente il campo di baseball, innalzando tribune per posti a sedere (abbondantemente oltre il totale degli abitanti di Pesaro) e di costruire, finalmente, un campo di softball nuovo di zecca, per ospitare degnamente le gesta altrettanto importanti di una squadra giovane ma già valorosa. I lavori di ristrutturazione vennero completati a tempo di record e dopo solo 2 mesi, gli impianti furono inaugurati alla presenza delle 7

8 autorità. Come ovvio, entrambi gli impianti furono intitolati al nostro amato Valentino, artefice in prima linea dei successi del Baseball Club; 5) di ristrutturare in maniera lussuosa gli annessi al diamante. Venne costruita una country house da far invidia a quella di Rimini; gli spogliatoi vennero dotati finalmente di ogni confort e ovviamente, venne ristrutturata anche la terrazza, secondo le giuste richieste del legittimo proprietario (LUI), che rivendicò i suoi diritti e ottenne, senza molta fatica, la realizzazione di imponenti opere di abbellimento, oltre che la predisposizione di una consolle da deejay stile David Guetta. In ogni caso, per rispetto della tradizioni, nella terrazza, fu mantenuta la colonna a ricordo degli anni delle vacche magre!!! L unico dubbio amletico che si pose al Presidente Norby fu però il seguente: era il caso di destinare una parte di quella montagna di contante disponibile da qui ai prossimi 40 anni, all acquisto di atleti forestieri e stars internazionali, così da sbaragliare sicuramente il campo a livello nazionale ed internazionale, oppure era meglio proseguire l attivit{ con i virgulti locali che avevano contribuito negli ultimi anni a far sopravvivere il baseball pesarese, pur se fra mille difficoltà? La seconda opzione sarebbe stata sicuramente molto rischiosa e controcorrente, ma il Presidente non ci pensò due volte. Era questa la strada da percorrere!!! Sia i giocatori pesaresi più giovani sia quelli un po più attempati, che ormai davano per scontato di dover lasciare il campo ai campioni più affermati del batti e corri, restarono senza fiato quando il Presidente Norby comunicò loro la sua intenzione di proseguire nell avventura unicamente con gli atleti locali. Il Presidente Norby venne ricambiato con gli interessi della fiducia accordata ai pesaresi (e alle pesaresi)!!! Gli stimoli ricevuti e, credetemi, non solo i soldi, furono tali da trasformare completamente lo spirito dei giocatori biancorossi e di conseguenza il loro rendimento, che apparve subito e agli occhi di tutti, centuplicato!!! Lanciatori trentenni e oltre, che avevano fino all anno prima una velocit{ massima di 60 miglia orari, cominciarono a sparare lanciafiamme a 95 miglia. Battitori che battevano in IBL2 con media.200, schizzarono come d incanto a.550!!!! Tornarono tutti all allenarsi con un entusiasmo contagioso e con quella giusta grinta che nel corso degli anni forse non avevano mai espresso appieno. Ammessi di diritto in IBL1 per i meriti acquisiti e per la fama planetaria che avevano ormai conquistato, i ragazzi biancorossi sbaragliarono il campo con una facilità irrisoria a livello 8

9 nazionale e filarono dritti alle championship series, con un ruolino da imbattuti: 34 vittorie e 0 sconfitte!! Ogni settimana, i loro risultati stupefacenti facevano gridare al miracolo la stampa nazionale. Quella stampa nazionale che, fino a pochi mesi prima aveva allegramente ignorato il batti e corri nazionale e aveva relegato le notizie sull'andamento del massimo campionato, tra le varie, confuse tra le notizie di judo, lotta greco-romana e tressette con il morto. Le tribune del diamante delle Cinque torri divennero sempre più affollate: dapprima spettatori, poi , poi , poi !! Anche la nuova terrazza, seppur attrezzata con ogni confort, risultava già troppo poco capiente per ospitare giornalisti di tutto il mondo che si affrettavano ogni settimana a richiedere degli accrediti al Presidente Norby, per poter assistere alle gesta gloriose dei campioni binacorossi. In quel di Cuba, c'era chi pregava personalmente Fidel Castro e il fratello Raul, perché concedesse con generosità dei permessi di espatrio, per poter uscire dai confini nazionali e raggiungere Pesaro per assistere a tale miracolo. Gli sfortunati ai quali il visto di espatrio non veniva concesso, si consolavano recandosi a visitare all'interno dell'isola caraibica, il famoso Ramon, glorioso allenatore dei biancorossi negli anni passati, che era diventato una vera e propria celebrit{ nell isola, raccontando quanto, almeno in parte, anche lui fosse stato artefice dei successi dei biancorossi e ricordando buffi aneddoti sui suoi trascorsi pesaresi che divertivano assai tutti i convenuti. Ovviamente, anche le partite di finale non ebbero storia. Il successo ormai annunciato si materializzò con un netto e scontato cappotto (5-0). I giocatori furono portati in trionfo e, nei giorni immediatamente successivi allo scudetto conquistato, attraversarono la città a bordo di autobus scoperti, come veri e propri eroi nazionali, tra una folla festante di concittadini che gettavano loro petali di fiori e altri omaggi. Pensate: un semplice autografo di uno qualunque degli atleti biancorossi venne quotato, dopo il trionfo in campionato, euro al mercato nero! Contemporaneamente ai clamorosi successi della squadra di baseball, cominciò ad affacciarsi all orizzonte anche un ascesa irresistibile della squadra di softball, che solo l anno prima, aveva vivacchiato nei bassifondi della Serie B, senza riuscire neppure a conquistare una sola e striminzita vittoria. Sarà stato forse il profumo inebriante dei soldi, nei quali anche le ragazze cominciavano a sguazzare (come era solito fare Paperon De Paperoni nel suo forziere a Paperopoli), saranno 9

10 stati tutti i confort che anche a loro il Presidente Norby aveva giustamente assicurato, ma i risultati agonistici conseguiti dalla squadra furono subito eccezionali!! Anche l atteggiamento cambiò. Da quando ogni sera si presentavano al diamante del softball nuovo di zecca, accompagnate ciascuna dal loro autista personale a bordo della limousine che gli era stata gentilmente regalata da Norby, a quando terminavano la seduta quotidiana di allenamento e si recavano negli spogliatoi dove le attendevano massaggiatori professionistici reclutati tra i migliori al mondo, il comportamento delle ragazze divenne ancor più irreprensibile. Saranno poi stati gli allenamenti massacranti che Ale il biondo continuava a propinare alle ragazze, ma nel corso della stessa stagione, il rendimento delle ragazze salì vertiginosamente (a proposito, il conto di banca di Ale il biondo salì ancora più vertiginosamente rispetto a quelli dei suoi compagni di squadra, in virtù del doppio incarico rivestito). Partita dopo partita, le ragazze dimostrano una plateale superiorità nei confronti delle avversarie che solo un anno prima le avevano bastonate a suon di fuoricampo e derise. Tutte, ma proprio tutte le ragazze raggiunsero uno standard di gioco fantasmagorico. La media in attacco della squadra sfiorò i.750 e quella in difesa raggiunse la perfezione (1.000). Pensate poi che i PGL guadagnati sul parco delle lanciatrici pesaresi capitanate dall Ali, furono 0,0001 a partita!!! In pratica, in tutto il campionato, le pesaresi subirono l onta di 1 solo punto segnato dalle avversarie a fronte di 427 punti segnati dalle pesaresi. Mai visto!!! I lanci pazzi delle pitchers pesaresi di pochi mesi prima, erano un ricordo. Quest anno, gli spettatori potevano tranquillamente rilassarsi nelle comode poltrone Frau di cui erano state dotate le ampie tribune e non dovevano più preoccuparsi di essere colpiti in testa da palline sciaguratamente lanciate dalle pitchers. Contribuirono sicuramente a tale miracoloso risultato anche i risultati degli allenamenti che il recluso Ale il biondo aveva elargito alla moretta, durante la trascorsa estate, nel cortile assolato del Commissariato. Le ragazze, a campionato in corso e visto il rifiuto di molte squadre avversarie a presentarsi in campo, per evitare figure barbine al cospetto di tali campionesse, accettarono l invito di una tournèe in giro per il mondo, con metà principale Stati Uniti e Giappone, ricevendo anche li successi strepitosi ed un ammirazione sterminata. Tornarono in patria solo per partecipare alla formalità della finale per la promozione in Serie A che, ovviamente, dominarono, vincendo tutte le partite al 1^ inning (ndr: la FIBS aveva cambiato di corsa le regole della manifesta inferiorità, per evitare che la squadra avversaria delle pesaresi venisse troppo turbata dalla differenza dei valori in campo). 10

11 In ogni caso, le partite della finale per la promozione in A durarono lo stesso alcune ore, senza che le avversarie riuscissero con le proprie forze a realizzare i fatidici 3 out. Spinto dalla misericordia, l allenatore delle pesaresi ordinò che le proprie atlete, per farsi eliminare, si inventassero tutte delle corse verso la 3^ base anziché verso la 1^ dopo la loro ennesima battuta in fuoricampo, così da venire automaticamente eliminate, correre in trionfo in mezzo al campo, farsi massaggiare nello spogliatoio, ricevere il congruo assegno che il presidente Norby consegnava ad una ad una e salire ognuna nella propria limousine per farsi condurre dall autista personale nelle loro ville sulle colline pesaresi, a strapiombo sul mare. I successi del 2014 furono solo il necessario preludio ai trionfi che ovviamente seguirono negli anni venire, a partire dalla conquista del 1^ scudetto nel 2015 al quale ne seguirono tanti altri, da perderne il conto!! Così fu!!! Ma nonostante tutto, i ragazzi e le ragazze pesaresi, così come tutto lo staff dirigenziale e tutti i collaboratori che, a vario livello, continuavano a dare una mano alla società, rimasero con i piedi per terra ben saldi e non si montarono affatto la testa. Il baseball e il softball pesarese, dopo anni di dura gavetta, era finalmente esploso a livelli impensabili, ma rimaneva per tutti, un esempio di correttezza, cortesia e sportività, ammirato dal mondo intero. Buon Natale!!!!! LUI 11

La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno

La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno Intrappolato in una miniera d'oro La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno A Gorno c'erano le miniere di zinco e piombo, i proprietari gestivano anche le miniere d'oro in Australia. Spesso,

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA Programma PARTE PRIMA (tre ore) I N P A L E S T R A QUATTRO GIOCHI CON LA PALLA PER ARRIVARE AL BASEBALL/SOFTBALL 1. TIRA E CORRI

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

L ALBUM STAGIONE 2014/2015

L ALBUM STAGIONE 2014/2015 L ALBUM STAGIONE 2014/2015 L Album è il sogno di ogni bambino Il Pre s i d e n t e E n r i c o Z u c c h i : «D i a m o v a l o re a l l a p a s s i o n e» L A.C. Crema 1908 vuole dar forma a un sogno:

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Articolo 1 Nell'ambito del programma amministrativo rivolto alla formazione civica delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi e al

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

COME IL SOLE DOPO UN GIORNO DI PIOGGIA

COME IL SOLE DOPO UN GIORNO DI PIOGGIA COME IL SOLE DOPO UN GIORNO DI PIOGGIA Dott. Luciano Latini Dott.ssa Valentina Carletti Dott.ssa Alessandra Cervigni Dott.ssa Cinzia Ciarmatori Dott.ssa Giselle Ferretti Dott.ssa Monia Isidori Dott. Michele

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito Vediamo adesso i conti di due operazioni immobiliari che ho fatto con la strategia degli immobili gratis a reddito. Via Nevio Via Nevio è stata la

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE

IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE CENTENARIO DELLE TREGUE DI NATALE Venerdì 25 dicembre 1914, Belgio, settore settentrionale del fronte occidentale, trincee delle Fiandre, sud di Ypres: è il primo Natale

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

11 TIGNA 7 S Sole, mare e rugby. Torneo maschile - Rugby a sette 16 squadre. Torneo Under 18- Rugby a sette 4 squadre

11 TIGNA 7 S Sole, mare e rugby. Torneo maschile - Rugby a sette 16 squadre. Torneo Under 18- Rugby a sette 4 squadre 11 TIGNA 7 S Sole, mare e rugby Torneo maschile - Rugby a sette 16 squadre Torneo Under 18- Rugby a sette 4 squadre Torneo Under 16- Rugby a sette 4 squadre Torneo Old - Rugby a Quindici 4 squadre 05,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

Il web marketing non è solo per i web guru

Il web marketing non è solo per i web guru Introduzione Il web marketing non è solo per i web guru Niente trucchi da quattro soldi È necessario avere competenze informatiche approfondite per gestire in autonomia un sito web e guadagnare prima decine,

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE Lucia è una piccola giraffa che viene rapita e portata via dal suo ambiente naturale e dalla sua famiglia. Nel periodo di convivenza forzata con la famiglia

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

I tre pesci. (Favola araba)

I tre pesci. (Favola araba) Favolaboratorio I tre pesci I tre pesci. (Favola araba) C'erano una volta tre pesci che vivevano in uno stagno: uno era intelligente, un altro lo era a metà e il terzo era stupido. La loro vita era quella

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

PICCOLA BIBBIA DEL CAPO DIABOLICO

PICCOLA BIBBIA DEL CAPO DIABOLICO Nicolas Caron, Frédéric Vendeuvre PICCOLA BIBBIA DEL CAPO DIABOLICO Dipendenti stanchi, infelici e depressi in sole due o tre mosse Collocare il nuovo assunto in un ambiente ostile Aspettare l ultimo momento

Dettagli

Da dove veniamo. giugno 2013, documento riservato. Orgoglio BiancoRosso

Da dove veniamo. giugno 2013, documento riservato. Orgoglio BiancoRosso Da dove veniamo Il Basket pesarese ha una Storia molto lunga e importante.una storia che ha attraversato gli anni 50, gli anni 60,gli anni 70, gli anni 80, gli anni 90 ed è arrivata fino ad oggi. Da dove

Dettagli

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista. Al Comitato organizzatore Robocup Jr 2010 ITIS A.ROSSI VICENZA Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Dettagli

Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la "Festa della donna". Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile

Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la Festa della donna. Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la "Festa della donna". Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile tragedia, avvenuta l 8 Marzo 1908, a New York, negli Stati

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Gli scheletri nell'armadio della consulenza e della promozione finanziaria - Le gestioni patrimoniali

Gli scheletri nell'armadio della consulenza e della promozione finanziaria - Le gestioni patrimoniali Gli scheletri nell'armadio della consulenza e della promozione finanziaria - Le gestioni patrimoniali MARTEDÌ 08 NOVEMBRE 2011 12:26 MATTEO CHIAMENTI scritto per Ifanews da Gianfranco Cassol, nome storico

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011

FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011 FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011 REGOLAMENTO UFFICIALE - Il Presidente di Lega I compiti del presidente di lega sono fondamentalmente i seguenti: 1. Gestione dell asta di calciomercato 2. Contabilità

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSE TERZA PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO Le prove saranno somministrate negli ultimi quindici giorni di Maggio. 1 Nome... data Pippi festeggia il suo compleanno Un

Dettagli

..Carlo Giorgi.. Comandante vigili urbani. Gne volevino tutti bè, era 'n gigante bbonu...

..Carlo Giorgi.. Comandante vigili urbani. Gne volevino tutti bè, era 'n gigante bbonu... ..Carlo Giorgi.. Comandante vigili urbani Gne volevino tutti bè, era 'n gigante bbonu... ..Gaetanu.. Ù mattu canta li stornelli de Genzano: N mezzo a lo petto tuo ce sta n canale, ce curre l acqua e nun

Dettagli

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi Ci sono date nella nostra vita che difficilmente ci scorderemo, la mia è quella dell 11 settembre 2011. Tanti presupposti di questa esperienza

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Un uomo mandato da Dio

Un uomo mandato da Dio Bibbia per bambini presenta Un uomo mandato da Dio Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: E. Frischbutter; Sarah S. Tradotta da: Eliseo Guadagno Prodotta da: Bible for

Dettagli

2011 PUATraining Italia Ltd. marchio di proprietà di PUATraining Italia Ltd. www.puatraining.it - info@puatraining.it

2011 PUATraining Italia Ltd. marchio di proprietà di PUATraining Italia Ltd. www.puatraining.it - info@puatraining.it Page 1 2011 PUATraining Italia Ltd marchio di proprietà di PUATraining Italia Ltd www.puatraining.it - info@puatraining.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte dell opera può essere tradotta,

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

La Fontana addormentata

La Fontana addormentata La Fontana addormentata di Giuliano Borgianelli Spina A dicembre dello scorso anno è stato effettuato un sopralluogo nella Riserva Naturale dell Insugherata; vi parteciparono rappresentanti di alcune associazioni

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE CLASSI PRIME PLESSO DUCA D AOSTA A.S.2009/2010

PIANO DI EVACUAZIONE CLASSI PRIME PLESSO DUCA D AOSTA A.S.2009/2010 PIANO DI EVACUAZIONE CLASSI PRIME PLESSO DUCA D AOSTA A.S.2009/2010 PREMESSA Abituare i bambini già da piccoli, seppur attraverso il gioco, a tenere poche ma essenziali norme comportamentali in caso di

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Gli alunni delle classi IV e V, il dieci marzo duemilaotto, hanno ospitato nella palestra dell edificio scolastico, il direttore della banca Popolare di Ancona, ente che ha finanziato il progetto Ragazzi

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE 1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE La manifestazione si svolgerà presso il PALASPORT FONTESCODELLA DI MACERATA DOMENICA 7 NOVEMBRE 2010 Il ritrovo è fissato alle ore 13:15 Lo

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011. Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE

Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011. Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011 Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE IL PRONOSTICO DI... Per il doppio ex mister di Napoli e Cagliari, il

Dettagli

PROMOZIONE SPONSOR 2014 Scuola Ciclismo DESTRO PROMOZIONE SPONSOR 2014 Scuola Ciclismo DESTRO NOI, VOI. STESSA STRADA, STESSO SUCCESSO Pubblicità o sponsorizzazioni? Ti stai chiedendo cosa dovresti guadagnarci

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

La ricetta del campione

La ricetta del campione La ricetta del campione INGREDIENTI Passione Coraggio Forza di volontà Grinta Onestà Impegno Costanza Sacrificio Umiltà Tenacia Gioia Temperamento Unione Sportività Sicurezza Astuzia Amicizia Rispetto

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011)

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) E uno dei prodotti di maggior successo di Ing, un fondo d investimento lussemburghese collocato dal 2008 e caratterizzato secondo quanto riportato

Dettagli

REGOLAMENTO LA TERRA DEI CUOCHI

REGOLAMENTO LA TERRA DEI CUOCHI REGOLAMENTO LA TERRA DEI CUOCHI 8 aspiranti chef si contendono il montepremi finale di 120.000 euro in una gara che si articola in più puntate (provvisoriamente 6). Ogni aspirante chef è affiancato in

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

Borgonovo - 1ªC Impariamo le regole con l aiuto del nostro amico Ping Pong

Borgonovo - 1ªC Impariamo le regole con l aiuto del nostro amico Ping Pong Borgonovo - 1ªC Impariamo le regole con l aiuto del nostro amico Ping Pong INSEGNANTI: Liliana Zambianchi Maria Grazia Cavalli TESISTA: Corinne Monti Variabili misurate Frequenza degli interventi fatti

Dettagli