CAMPIONI D'ITALIA!!! L'ASCESA DEL BASEBALL CLUB PESARO HA DELL'INCREDIBILE!!!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMPIONI D'ITALIA!!! L'ASCESA DEL BASEBALL CLUB PESARO HA DELL'INCREDIBILE!!!"

Transcript

1 CAMPIONI D'ITALIA!!! L'ASCESA DEL BASEBALL CLUB PESARO HA DELL'INCREDIBILE!!! Mamma mia!! Da non credere! I biancorossi pesaresi sono diventati Campioni d'italia!! Si ragazzi, non stiamo affatto scherzando!!!! È proprio così!!! Sono successe tante cose davvero clamorose dall'ultima volta che vi ho raccontato le gesta dei nostri eroi, che quasi gira la testa e toglie il respiro a pensarci. Nemmeno il più grande scrittore di fantascienza avrebbe potuto immaginarsi una cosa del genere. Ma, proviamo a mettere tutte le cose in ordine e a ricostruire i fatti accaduti in questi ultimissimi mesi. Dove eravamo rimasti? Ah si, ora ricordo!! La città di Pesaro, e con essa l'intero ambiente sportivo mondiale, era ancora scossa da una tragedia immane e ai più ancora inspiegabile. Uno degli omicidi più efferati della storia era andato in scena proprio sul palcoscenico più prestigioso dello sport cittadino: il diamante di Via Palestro. Da un lato, un cadavere orrendamente sfigurato rinchiuso in un sacco di tela, che ancora non aveva trovato identit{, dall altro 3 poveretti (o delinquenti) che erano stati imprigionati con metodi alquanto sbrigativi e senza particolari indizi a loro carico, costretti a subire le angherie di un Commissario che, lungi dall avere le idee chiare sui veri colpevoli, aveva cominciato a diffondere alla stampa la tesi di un complotto organizzato da tutti e 3 gli indagati, accusati di essere complici tra loro dell omicidio. Per 2 dei 3 sventurati (Ale il biondo e Diego), l estate in gattabuia era passata assai lentamente. Ognuno chiuso nella propria cella di sicurezza, rischiarata solo da un pallido sole che filtrava dalle grate. Ognuno dei 2 a chiedersi, sdraiato sul lurido giaciglio della cella, quando mai e se mai avrebbero potuto riconquistare l agognata libert{ e dimenticarsi un giorno dell incubo che stavano loro malgrado vivendo. L unico momento di svago era rappresentato dall ora d aria quotidiana che veniva loro concessa e durante la quale si ritrovavano tutti e 2 in un cortile assolato del commissariato, 1

2 con i muri altissimi e sovrastati da un inquietante filo spinato, c'è chi dice addirittura fosse elettrificato, che scoraggiava qualsiasi idea di evasione che potesse loro balenare in testa. Considerata però la buona condotta che, tutto sommato, aveva caratterizzato il comportamento dei 2 nei primi mesi di detenzione preventiva, il Commissario era stato, suo malgrado, costretto ad allentare un po i cordoni della rigidit{ e aveva consentito ai 2 qualche libertà in più. Ad entrambi era stato consentito, ad esempio, di allenarsi un ora in più nel cortile del commissariato, per poter poi partecipare alle gare di IBL2, ma solo e rigorosamente a quelle giocate in casa, perché per le trasferte il Commissario aveva timori fondati di fuga. Ad Ale il biondo era stato concesso, oltre che sovraintendere a tutte le altre e molteplici attività che contraddistinguevano ogni sua estate, anche di proseguire, seppure a distanza, con il coordinamento della sorveglianza balneare della spiaggia di ponente. Per decidere se fosse il caso di issare o meno la bandiera rossa, Ale si teneva in stretto contatto con i suoi assistenti di spiaggia e chiedeva a ciascuno di loro che vento tirasse. Siccome però che nessuno dei collaboratori era in grado di saperlo, non avendo mai consultato una rosa dei venti, Ale il biondo, ogni santa mattina, lanciava in aria la monetina e decideva con il classico testa o croce. Il Commissario era stato poi costretto, suo malgrado, ad allargare ulteriormente le maglie della libertà per Ale il biondo, a causa di uno spiacevole episodio che sempre più frequentemente si stava verificando ogni mattina nei pressi del Commissariato. Dall inizio dell estate, infatti, una misteriosa (almeno agli occhi del Commissario) ragazza moretta, si presentava di buon'ora sotto le finestre del commissariato e cominciava a cantare a squarciagola e con grande enfasi, dei motivetti romantici degli anni 60 e 70. Nei primi giorni, il Commissario si era limitato ad affacciarsi incuriosito alla finestra del suo ufficio e, rivolgendosi alla improvvisata cantante, la implorava di smettere di importunarlo. Le richieste del Commissario non sortirono effetto alcuno. Tanto ché il Commissario nei giorni successivi, reagì scompostamente al fastidio provocatogli dalla performance canora della moretta, con maniere non proprio eleganti, rovesciando sulla poveretta intere bacinelle di acqua gelata, nel tentativo di farla desistere dai propri insani propositi. Non riuscendo nel suo intento neppure in questo modo, affrontò di petto la moretta, e la minacciò seriamente di arrestarla e di chiudere anche Lei in cella di sicurezza. Peccato che le celle di sicurezza disponibili fossero ormai solo 2 (ndr la terza, infatti, anche se attualmente non occupata, il Commissario aveva deciso di lasciarla a disposizione per la Luigina, della quale vi racconteremo tra breve) e che la sventurata avrebbe dovuto dividere la cella con Ale il biondo, che era l unico tra i 2 indagati che poteva disporre di una cella di sicurezza doppia. 2

3 Quale sorte benevola!!! Era proprio quello che la sventurata cantante desiderava!!! Non si arrivò a tanto, ma si giunge ad un compromesso equo: la moretta sarebbe stata ammessa per un ora al giorno nel cortile del Commissariato assieme ai 2 detenuti e avrebbe potuto sussurrare all orecchio dell amato (e, fortunatamente per gli altri, solo al suo) quei motivetti un po datati, che certificavano comunque la tremenda cotta che la moretta aveva preso per il biondo. L accordo si allargò, poi, a che nell ora di svago, il biondo allenasse la moretta nello sport la cui passione accumunava Ale, la moretta e Diego. Ale fungeva da pitching coach e la moretta da allieva. Gli allenamenti vennero però presto sospesi, in quanto, nonostante il muro di cinta che separava il cortile del commissariato dalla strada fosse altissimo, i passanti venivano regolarmente colpiti dai lanci pazzi che a volte sfuggivano alla moretta. E gli altri 2 indagati?? Come passavano le loro giornate? Diego era più preoccupato per le sorti delle squadre pesaresi di volley femminile che del suo personale destino. Era angosciato (ma poi mica tanto) dal non sapere con certezza se le proprie beniamine (ndr. non abbiamo ancora compreso se fosse vera passione per il volley o se fosse invaghito di qualche giocatrice in particolare) avrebbero giocato nella stagione successiva in quel di Bergamo (in serie A1) o di Pagliare del Tronto (in B1 sic, fu proprio così). Certo, il lavoro gli mancava. Certo non avrebbe potuto seguire come negli anni precedenti la preparazione della sua Fiorentina, della cui campagna acquisti era costantemente informato dai messaggeri Andrea e Stefano, ma se ne fece una ragione. Quanto agli allenamenti, passò finalmente l'estate a rinforzarsi i muscoli, per presentarsi pronto al deciso salto di qualità che gli avrebbe sicuramente permesso di spiccare il volo nel panorama del baseball italico (ma come vedrete più in seguito, le sorprese non erano finite). La Luigina, in realtà, era stata la più fortunata (o la più furba) tra i 3. Il Commissario, infatti, gi{ dopo pochi giorni dall arresto, pur essendo quasi certo che l'elegante signora la sapesse davvero lunga sull'omicidio e pur sospettandola come la potenziale maggiore indiziata dell'omicidio stesso, aveva ceduto come un allocco alle continue lamentele che provenivano dalla sua cella di sicurezza e aveva deciso di rilasciarla anche se in libert{ vigilata e con l obbligo di firma, che richiedeva alla stessa di presentarsi almeno 10 volte al giorno in commissariato. L ordine di scarcerazione venne emesso dal Commissario con malavoglia, anche a seguito dei calorosi inviti che alcuni ben noti rappresentanti della Pesaro bene avevano fatto giungere al 3

4 graduato, che avevano avanzato la richiesta di un gesto di clemenza a favore di colei che veniva considerata una habitue dei salotti e dei circoli cittadini tuttora più in vista. Strano a dirsi, ma l unico ad avere espresso al Commissario un parere sfavorevole alla scarcerazione della Luigina era stato l'amato consorte Miky, che, durante la carcerazione preventiva della moglie, aveva potuto finalmente godere di una totale libertà di azione e, oltretutto, non si trovava più alle calcagna chi, continuamente, gli contava le sigarette fumate o la quantità di cibo trangugiato. Altra limitazione di libertà imposta alla Luigina fu quella dovuta al fatto che le venne applicato alla caviglia un braccialetto elettronico che consentiva alle forze di polizia di seguirne costantemente gli spostamenti. Tutto cambiò drasticamente e magicamente a partire dal 28 novembre Segnatevi questa data, nella quale il batti e corri pesarese ricevette in premio la Stella di bronzo al merito assegnata dal CONI nazionale, quale riconoscimento della storia gloriosa della società biancorossa, nata nel 1968, capace di arrivare per diversi anni consecutivi nelle massime serie nazionali del baseball e del softball e di perseguire da oltre 40 anni l obiettivo della diffusione dello sport più bello al mondo, seppure tra le mille difficoltà economiche e logistiche che hanno caratterizzato soprattutto gli ultimi tempi. Quella semplice anche se significativa premiazione rappresentò, invece, una rampa di lancio irresistibile per la società capitanata del Presidente Norby e dai suoi fidati collaboratori. Gli eventi che si succedettero dopo quella premiazione decretarono anche la fine del perenne pessimismo cosmico sulle sorti del batti e corri pesarese, che aveva contraddistinto il Presidente Norby almeno nell ultimo decennio. Per festeggiare l'avvenuta con segna del premio, Norby aveva invitato tutti i convenuti, ad un frugale brindisi che si era svolto al baretto del diamante di Via Palestro e, subito dopo, tutti si erano trasferiti al Commissariato, per festeggiare anche con i 2 reclusi che, seppure indagati e sospettati del terribile omicidio, in un modo e nell altro, rappresentavano pur sempre delle glorie del batti e corri locale. Mentre ancora i convenuti stavano brindando all evento (rigorosamente a coca cola e gazzosa, dato che nel Commissariato gli alcolici erano ovviamente banditi) ecco il clamoroso colpo di scena che caratterizzerà da qual momento il sensazionale cambio di passo societario!! Lo smartphone del Presidente Norby squillò. Dall altra parte della cornetta, una voce di donna sconosciuta pronunciò una frase ai più incomprensibile: Guten morgen. Ich bin Angela!!!!! 4

5 Norby fu tentato di riagganciare. Fortuna che non lo fece!!!!! Ma ci pensate? Era proprio Lei. Angela Merkel!!!!!! La premier tedesca che terrorizzava l Italia con le sue ricette di rigore economico e di lotta agli sprechi!!! Norby quasi svenne e non fu in grado di spiccicare parola!! Fortunatamente, dall altra parte della cornetta, intervenne l interprete simultaneo che in un italiano un po stentato, spiegò a Norby che la Merkel era rimasta profondamente colpita dal successo del Baseball club Pesaro, i cui echi avevano varcato il Brennero ed erano giunti sin alla soglia del bundestag, il Parlamento tedesco. L interprete spiegò che, a breve, Angela avrebbe voluto far visita al Presidente Norby, per sincerarsi di persona di quello che, ai suoi occhi, rappresentava una sorta di piccolo miracolo italiano, in un contesto generale caratterizzato da crisi, degrado ed inefficienza. Per intanto, fece comunicare all interprete che avrebbe personalmente omaggiato la società biancorossa, con un piccolo contributo in denaro, quale segno di riconoscimento. Si trattava di di euro in contanti, a titolo di acconto!!!! La telefonata terminò, ma Norby, ancora stordito, rimase appeso al suo smartphone immobile e bianco in volto. Balbettò qualcosa di incomprensibile ai presenti e scrollò a terra esanime, dall emozione ricevuta. Andarono tutti e subito a prendere dell aceto per farlo rinvenire, ma l aceto non faceva effetto. Cominciarono, quindi, a schiaffeggiarlo sul viso, prima leggermente e poi sempre con maggiore violenza. Finalmente Norby rinvenne e provò a raccontare quanto prima era successo. Nessuno, ovviamente, credette al suo racconto e allo stesso Norby cominciò a balenare l idea che si fosse effettivamente trattato di un sogno e di un allucinazione. Altroché un allucinazione!!!! Effettivamente, da li a pochi giorni, il milione di euro promesso dalla Merkel fu accreditato sul c/c bancario intestato alla società e la notizia divenne di dominio pubblico. Network televisivi di ogni parte del pianeta cominciarono ad interessarsi della società biancorossa e nei giorni successivi il cellulare di Norby fu tempestato di telefonate da parte di coloro che lo pregavano per potersi vedere fissare uno straccio di appuntamento, per ottenere interviste e reportage sul Baseball Club Pesaro, alla scoperta del miracolo di Via Palestro. La notizia della telefonata della Merkel giunse anche al Campidoglio, che si affrettò a redigere in fretta e furia un comunicato stampa con cui si informava che il Presidente Napolitano 5

6 avrebbe avuto il piacere di incontrare Norby per stringergli la mano e congratularsi direttamente con l artefice del miracolo. Il Presidente Napolitano, con la sua scorta, si presentò ben presto ai cancelli del diamante di Via Palestro, ove trovò ad accoglierlo il fido Luis che lo salutò dalla terrazza sventolando un tricolore dai lembi un po ammuffiti e dai colori appena sbiaditi. Napolitano fece un discorso commovente a tutti i presenti che si erano rapidamente radunati sulle vecchie tribune, da un palco improvvisato in prossimità del monte di lancio ed insignì di una medaglia d'oro al valore, tutta la dirigenza vecchia e nuova della società e tutti i giocatori che dal 1968 avevano indossato la casacca biancorossa (in verità, anche neroarancio nel corso dell ultima stagione). All evento, ovviamente mancavano solo i 2 indagati ancora in cella di sicurezza, che ebbero solo la possibilità di ascoltare, in mondovisione, le parole pronunciate da Napolitano nel corso della cerimonia, che vennero, oltretutto, diffuse in tutta la città, attraverso una catena infinita di altoparlanti, dislocati praticamente in ogni via. Anche Ale il biondo e Diego, in ogni caso, avrebbero avuto da li a poco soddisfazioni incredibili!!! Il Presidente della Repubblica, infatti, prima di porre termine al proprio discorso ufficiale, annunciò di aver concesso la GRAZIA ai due reclusi, in virtù degli straordinari meriti che i due potevano vantare nei successi del Baseball Club e ordinò l immediata loro scarcerazione. A quel punto, qualcuno fece notare al Presidente Napolitano, che anche una terza persona (la Luigina) si trovava in stato di libert{ vigilata anche se, a differenza degli altri due, ai domiciliari e con il braccialetto elettronico saldo alle caviglie. Napolitano ordinò che anche la Luigina fosse a tutti gli effetti scagionata e che gli fosse tolto il braccialetto elettronico. Fu una festa indescrivibile!!! Ale il biondo e Diego sentirono schiavare la serratura delle loro celle di sicurezza e senza neppure rendersene conto si trovarono liberi per strada, accolti in trionfo da una folla impazzita. Terminata la cerimonia e smontato il palco d'onore, le novità, però, non finirono affatto. Non bastava aver ricevuto euro in contante!!! Si scatenò, infatti, una gara frenetica tra gli sponsor per accaparrarsi per i decenni futuri, uno spazio anche piccolissimo di pubblicità, sulle casacche dei ragazzi biancorossi e delle ragazze biancorosse!!! 6

7 Dopo praticamente un decennio in cui Norby aveva sudato le fatidiche sette camicie per elemosinare 2 lire di sponsorizzazione, bussando ad ogni convento e ricevendone quasi sempre un secco diniego, ora c'era l imbarazzo della scelta!! Non si trattava certo di sponsorizzazioni di piccolo cabotaggio: il dubbio amletico era quello di scegliere nell ordine, tra i seguenti candidati: Google, Samsung, Nissan, Fly Emirates, Deutch Bank. Questi marchi avevano formalizzato al Presidente Norby offerte pluriennali che avrebbero assicurato ai biancorossi, un budget annuo variabile tra i 5 e i 6 milioni di euro. La scelta fu facile. Per non scontentare nessuno di questi colossi mondiali, vennero messi dentro un guantone da baseball, dei bigliettini con su scritto i nomi dei succitati sponsor e la ragazza moretta, opportunamente bendata, fu chiamata a pescare uno dei bigliettini. Agli sponsor che non furono in quell occasione prescelti, fu garantita una prelazione per gli anni a venire, che garantivano alla società future sponsorizzazioni fino almeno al 2050!! Norby cominciò a ragionare su come investire quella valanga di soldi improvvisamente piovuti dal cielo. Ovviamente, l unico problema veramente serio fu quello di allontanare con fermezza, tutti quegli pseudo amici / consiglieri che, dopo essersi eclissati durante tutti gli anni di difficoltà economica, improvvisamente e miracolosamente riapparvero, gonfi di consigli da elargire al Presidente. Poi si trattò di definire le priorità per gli investimenti. Nell'ordine, si stabilì: 1) di ricompensare generosamente con assegni bancari a 5 zeri, tutto lo storico staff dirigenziale che aveva faticosamente tirato la carretta almeno negli ultimi 10 anni, in segno di ringraziamento per il lavoro svolto negli anni necessariamente trascorsi a pane ed acqua ; 2) di elargire a tutti i giocatori che avevano vestito la casacche biancorosse dagli anni '80 in poi, un altrettanto corposo premio in denaro, 3) di destinare qualche milione di euro, per il rinnovo dei contratti dei giocatori ancora in attività. Il Presidente si comportò, anche in questo caso, da signore: lasciò, infatti, che ciascun giocatore scrivesse lui su un foglietto, la cifra desiderata; lui, senza nemmeno guardarla, staccò gli assegni e li consegnò nelle mani dei giocatori. Ovviamente, le cifre stabilite furono tali da consentire ad ogni giocatore, di scordarsi definitivamente di ogni preoccupazione per il futuro, consentendo agli stessi di concentrarsi esclusivamente all'attività agonistica, abbandonando per sempre le rispettive attività lavorative; 4) di ristrutturare degnamente il campo di baseball, innalzando tribune per posti a sedere (abbondantemente oltre il totale degli abitanti di Pesaro) e di costruire, finalmente, un campo di softball nuovo di zecca, per ospitare degnamente le gesta altrettanto importanti di una squadra giovane ma già valorosa. I lavori di ristrutturazione vennero completati a tempo di record e dopo solo 2 mesi, gli impianti furono inaugurati alla presenza delle 7

8 autorità. Come ovvio, entrambi gli impianti furono intitolati al nostro amato Valentino, artefice in prima linea dei successi del Baseball Club; 5) di ristrutturare in maniera lussuosa gli annessi al diamante. Venne costruita una country house da far invidia a quella di Rimini; gli spogliatoi vennero dotati finalmente di ogni confort e ovviamente, venne ristrutturata anche la terrazza, secondo le giuste richieste del legittimo proprietario (LUI), che rivendicò i suoi diritti e ottenne, senza molta fatica, la realizzazione di imponenti opere di abbellimento, oltre che la predisposizione di una consolle da deejay stile David Guetta. In ogni caso, per rispetto della tradizioni, nella terrazza, fu mantenuta la colonna a ricordo degli anni delle vacche magre!!! L unico dubbio amletico che si pose al Presidente Norby fu però il seguente: era il caso di destinare una parte di quella montagna di contante disponibile da qui ai prossimi 40 anni, all acquisto di atleti forestieri e stars internazionali, così da sbaragliare sicuramente il campo a livello nazionale ed internazionale, oppure era meglio proseguire l attivit{ con i virgulti locali che avevano contribuito negli ultimi anni a far sopravvivere il baseball pesarese, pur se fra mille difficoltà? La seconda opzione sarebbe stata sicuramente molto rischiosa e controcorrente, ma il Presidente non ci pensò due volte. Era questa la strada da percorrere!!! Sia i giocatori pesaresi più giovani sia quelli un po più attempati, che ormai davano per scontato di dover lasciare il campo ai campioni più affermati del batti e corri, restarono senza fiato quando il Presidente Norby comunicò loro la sua intenzione di proseguire nell avventura unicamente con gli atleti locali. Il Presidente Norby venne ricambiato con gli interessi della fiducia accordata ai pesaresi (e alle pesaresi)!!! Gli stimoli ricevuti e, credetemi, non solo i soldi, furono tali da trasformare completamente lo spirito dei giocatori biancorossi e di conseguenza il loro rendimento, che apparve subito e agli occhi di tutti, centuplicato!!! Lanciatori trentenni e oltre, che avevano fino all anno prima una velocit{ massima di 60 miglia orari, cominciarono a sparare lanciafiamme a 95 miglia. Battitori che battevano in IBL2 con media.200, schizzarono come d incanto a.550!!!! Tornarono tutti all allenarsi con un entusiasmo contagioso e con quella giusta grinta che nel corso degli anni forse non avevano mai espresso appieno. Ammessi di diritto in IBL1 per i meriti acquisiti e per la fama planetaria che avevano ormai conquistato, i ragazzi biancorossi sbaragliarono il campo con una facilità irrisoria a livello 8

9 nazionale e filarono dritti alle championship series, con un ruolino da imbattuti: 34 vittorie e 0 sconfitte!! Ogni settimana, i loro risultati stupefacenti facevano gridare al miracolo la stampa nazionale. Quella stampa nazionale che, fino a pochi mesi prima aveva allegramente ignorato il batti e corri nazionale e aveva relegato le notizie sull'andamento del massimo campionato, tra le varie, confuse tra le notizie di judo, lotta greco-romana e tressette con il morto. Le tribune del diamante delle Cinque torri divennero sempre più affollate: dapprima spettatori, poi , poi , poi !! Anche la nuova terrazza, seppur attrezzata con ogni confort, risultava già troppo poco capiente per ospitare giornalisti di tutto il mondo che si affrettavano ogni settimana a richiedere degli accrediti al Presidente Norby, per poter assistere alle gesta gloriose dei campioni binacorossi. In quel di Cuba, c'era chi pregava personalmente Fidel Castro e il fratello Raul, perché concedesse con generosità dei permessi di espatrio, per poter uscire dai confini nazionali e raggiungere Pesaro per assistere a tale miracolo. Gli sfortunati ai quali il visto di espatrio non veniva concesso, si consolavano recandosi a visitare all'interno dell'isola caraibica, il famoso Ramon, glorioso allenatore dei biancorossi negli anni passati, che era diventato una vera e propria celebrit{ nell isola, raccontando quanto, almeno in parte, anche lui fosse stato artefice dei successi dei biancorossi e ricordando buffi aneddoti sui suoi trascorsi pesaresi che divertivano assai tutti i convenuti. Ovviamente, anche le partite di finale non ebbero storia. Il successo ormai annunciato si materializzò con un netto e scontato cappotto (5-0). I giocatori furono portati in trionfo e, nei giorni immediatamente successivi allo scudetto conquistato, attraversarono la città a bordo di autobus scoperti, come veri e propri eroi nazionali, tra una folla festante di concittadini che gettavano loro petali di fiori e altri omaggi. Pensate: un semplice autografo di uno qualunque degli atleti biancorossi venne quotato, dopo il trionfo in campionato, euro al mercato nero! Contemporaneamente ai clamorosi successi della squadra di baseball, cominciò ad affacciarsi all orizzonte anche un ascesa irresistibile della squadra di softball, che solo l anno prima, aveva vivacchiato nei bassifondi della Serie B, senza riuscire neppure a conquistare una sola e striminzita vittoria. Sarà stato forse il profumo inebriante dei soldi, nei quali anche le ragazze cominciavano a sguazzare (come era solito fare Paperon De Paperoni nel suo forziere a Paperopoli), saranno 9

10 stati tutti i confort che anche a loro il Presidente Norby aveva giustamente assicurato, ma i risultati agonistici conseguiti dalla squadra furono subito eccezionali!! Anche l atteggiamento cambiò. Da quando ogni sera si presentavano al diamante del softball nuovo di zecca, accompagnate ciascuna dal loro autista personale a bordo della limousine che gli era stata gentilmente regalata da Norby, a quando terminavano la seduta quotidiana di allenamento e si recavano negli spogliatoi dove le attendevano massaggiatori professionistici reclutati tra i migliori al mondo, il comportamento delle ragazze divenne ancor più irreprensibile. Saranno poi stati gli allenamenti massacranti che Ale il biondo continuava a propinare alle ragazze, ma nel corso della stessa stagione, il rendimento delle ragazze salì vertiginosamente (a proposito, il conto di banca di Ale il biondo salì ancora più vertiginosamente rispetto a quelli dei suoi compagni di squadra, in virtù del doppio incarico rivestito). Partita dopo partita, le ragazze dimostrano una plateale superiorità nei confronti delle avversarie che solo un anno prima le avevano bastonate a suon di fuoricampo e derise. Tutte, ma proprio tutte le ragazze raggiunsero uno standard di gioco fantasmagorico. La media in attacco della squadra sfiorò i.750 e quella in difesa raggiunse la perfezione (1.000). Pensate poi che i PGL guadagnati sul parco delle lanciatrici pesaresi capitanate dall Ali, furono 0,0001 a partita!!! In pratica, in tutto il campionato, le pesaresi subirono l onta di 1 solo punto segnato dalle avversarie a fronte di 427 punti segnati dalle pesaresi. Mai visto!!! I lanci pazzi delle pitchers pesaresi di pochi mesi prima, erano un ricordo. Quest anno, gli spettatori potevano tranquillamente rilassarsi nelle comode poltrone Frau di cui erano state dotate le ampie tribune e non dovevano più preoccuparsi di essere colpiti in testa da palline sciaguratamente lanciate dalle pitchers. Contribuirono sicuramente a tale miracoloso risultato anche i risultati degli allenamenti che il recluso Ale il biondo aveva elargito alla moretta, durante la trascorsa estate, nel cortile assolato del Commissariato. Le ragazze, a campionato in corso e visto il rifiuto di molte squadre avversarie a presentarsi in campo, per evitare figure barbine al cospetto di tali campionesse, accettarono l invito di una tournèe in giro per il mondo, con metà principale Stati Uniti e Giappone, ricevendo anche li successi strepitosi ed un ammirazione sterminata. Tornarono in patria solo per partecipare alla formalità della finale per la promozione in Serie A che, ovviamente, dominarono, vincendo tutte le partite al 1^ inning (ndr: la FIBS aveva cambiato di corsa le regole della manifesta inferiorità, per evitare che la squadra avversaria delle pesaresi venisse troppo turbata dalla differenza dei valori in campo). 10

11 In ogni caso, le partite della finale per la promozione in A durarono lo stesso alcune ore, senza che le avversarie riuscissero con le proprie forze a realizzare i fatidici 3 out. Spinto dalla misericordia, l allenatore delle pesaresi ordinò che le proprie atlete, per farsi eliminare, si inventassero tutte delle corse verso la 3^ base anziché verso la 1^ dopo la loro ennesima battuta in fuoricampo, così da venire automaticamente eliminate, correre in trionfo in mezzo al campo, farsi massaggiare nello spogliatoio, ricevere il congruo assegno che il presidente Norby consegnava ad una ad una e salire ognuna nella propria limousine per farsi condurre dall autista personale nelle loro ville sulle colline pesaresi, a strapiombo sul mare. I successi del 2014 furono solo il necessario preludio ai trionfi che ovviamente seguirono negli anni venire, a partire dalla conquista del 1^ scudetto nel 2015 al quale ne seguirono tanti altri, da perderne il conto!! Così fu!!! Ma nonostante tutto, i ragazzi e le ragazze pesaresi, così come tutto lo staff dirigenziale e tutti i collaboratori che, a vario livello, continuavano a dare una mano alla società, rimasero con i piedi per terra ben saldi e non si montarono affatto la testa. Il baseball e il softball pesarese, dopo anni di dura gavetta, era finalmente esploso a livelli impensabili, ma rimaneva per tutti, un esempio di correttezza, cortesia e sportività, ammirato dal mondo intero. Buon Natale!!!!! LUI 11

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il

Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il pensiero di Enzo Bianchi conosciamo più cose fuori di

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto? Furto con destrezza: si possono evitare? Cosa fare per non trovarsi beffati?

Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto? Furto con destrezza: si possono evitare? Cosa fare per non trovarsi beffati? ESPERTI RIFERME SERRATURE ITALIA - 20090 FIZZONASCO (MI) - V.LE UMBRIA 2 TEL. 02/90724526 FAX 02/90725558 E-mail: info@ersi.it Web Site: www.ersi.it Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto?

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Una Grande Famiglia per il Volley

Una Grande Famiglia per il Volley Una Grande Famiglia per il Volley il Notiziario della Settimana n.30 di lunedì 18 Maggio 2015 SOMMARIO : : Campionato Nazionale: Terminato!! : Campionato Regionale: 30a giornata pag.2,3 : Campionato Provinciale:

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli