<< Amanda: pronto? Giornalista: pronto? Parlo con la cantante più in voga del momento? >>

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "<< Amanda: pronto? Giornalista: pronto? Parlo con la cantante più in voga del momento? >>"

Transcript

1 Tra Palco e Realtà Ho sempre amato mia madre, anche se non condividevo la sua vita sul palcoscenico: avevo sempre ritenuto che fosse tutto troppo fasullo, ma lei amava la popolarità che le dava Anche se non pensava mai alle conseguenze. Io ero una semplice adolescente e vivevo nel mio mondo, che non avrei mai voluto fosse come il suo: a me piacevano la tranquillità e la pace, ma soprattutto la mia privacy, che lei invece non aveva e quindi, di conseguenza, neanche io. Stavo tornando a casa da scuola a piedi, come facevo ogni giorno, quando passai davanti alla solita edicola ben fornita della città dove sventolava il giornale Gente appena uscito, rivista dei gossip quotidiani, e così mi avvicinai per dare un occhiata: rimasi a bocca aperta di fronte alla copertina, più disgustata che arrabbiata. Dovevo avere uno sguardo davvero minaccioso visto che il giornalaio mi guardava quasi intimorito e, riconoscendomi, mi regalò una copia della rivista. Gliela strappai di mano col poco garbo che avevo e sibilai un grazie tra i denti stretti, mentre stringevo quell insieme di carta che sembrava pesarmi un quintale tra i pugni stretti della mia mano. Non osai guardare di nuovo la copertina e mi diressi dritta a casa, che ovviamente trovai deserta. Era vuota, come ogni giorno E ancora mi stupivo del fatto che mia madre, in quanto considerata VIP, non era mai a casa: né per prepararmi il pranzo, né per guardare la TV con me, né per chiedermi come stessi o se a scuola andasse tutto bene. Mi sentivo una stupida, una perfetta idiota che credeva ancora che un personaggio in vista come sua mamma avesse del tempo da perdere per lei. Sbattéi la porta di casa e rimasi sull attenti sentendo un certo profumino venire dalla cucina, così mi affrettai ad appoggiare cartella e cappotto per arrivare subito là e vedere se la persona che stava cucinando era Nik. Non era mia madre. Mi ero illusa un altra volta. Quello era l anima gemella di mia madre, l amore della sua vita, il meglio del meglio e tutte quelle altre idiozie che dicevano giornali e TV di lui: invece io lo conoscevo bene. Non era il meglio del meglio e tantomeno l amore della vita di mamma. Era, per me, un perfetto sconosciuto, che si faceva chiamare con un ridicolo nome finto come lui, che girava per casa come se fosse sua, si vestiva sempre con abiti firmati alle spalle della mia famiglia e non era neanche così bello: era solamente l ultimo attore tutto muscoli e niente cervello che mia madre si era portata in casa. Per cosa? Per fama? Per essere sulla copertina dei giornali?? Per soldi??? Non lo volevo sapere. L unica cosa di cui ero certa era che non fosse per niente il principe azzurro descritto da mezzo mondo. << Nik: ciao bimba. Amanda: piantala di chiamarmi così. Nik: sempre suscettibile eh Amanda: se non fossi uno approfittatore magari potrei usare altri termini. >> L avevo fatta grossa, ma quella copertina sui giornali mi aveva scossa più del solito. Come ogni volta, quel cafone del principe azzurro eccetera eccetera si era offeso: era troppo popolare per venire insultato da una quindicenne ma a me non importava proprio nulla! << Nik: ehi modera i toni ragazzina, non sono tuo padre! Amanda: appunto! Non dovresti neanche stare qua dentro! E ora ho di meglio da fare, ciao! >> E così dicendo mi chiusi in camera mia, a chiave, ignorando il VIP che mi urlava di aprire la porta: era una sofferenza sopportarlo ogni giorno, era quasi meglio restare da sola.

2 Mi accorsi di avere ancora tra le mani quell irritante giornale dalla copertina troppo presuntuosa e arrogante, così mi gettai di peso sul letto e dopo aver fatto un respiro profondo le diedi un occhiata: mia madre era in piedi, appoggiata ad una poltrona rossa, con il microfono in mano e vista di profilo, un sorriso smagliante che nella sua vita privata non avevo mai notato e tutte le rughe improvvisamente cancellate grazie a chissà quale magia del computer Ma quello che mi irritava di più era che su QUELLA poltrona rossa, invece che esserci LEI, c era LUI seduto comodamente sul suo orgoglio: quel suo principe azzurro da strapazzo era nel suo posto e sorrideva con un espressione che avrebbe fatto sciogliere qualunque fan abbagliata da un sorriso d ignoranza Non certamente me. E come se non fossi già abbastanza indiavolata per il fatto che la vera famosa e brava artista fosse mia madre e invece in primo piano si gongolasse quel biondo da schiaffi, da brava masochista abbassai lo sguardo per leggere il titolo scritto in rosso a caratteri cubitali: Esce un nuovo singolo grazie all amore. Restai con lo sguardo perso nel vuoto per qualche minuto ancora, finché la rabbia decise di preamyre sul mio autocontrollo e si mostrò irruente, facendomi scaraventare quel pezzo di carta fin dalla parte opposta della mia stanza: la tensione pervadeva il mio corpo, i nervi a mala pena riuscivano a non scoppiare e mi sforzai di non pensare a metodi troppo cruenti per far fuori quell idiota Anzi no, l idiota non era Nik, era mia madre. LEI era una brava cantante, LEI lavorava per guadagnarsi la sua amata fama, LEI soffriva e piangeva quando leggeva le recensioni negative o una critica troppo aggressiva Mentre LUI era solamente il bell imbusto del momento che appariva il migliore uomo che si potesse desiderare, il più bello, il sogno di ogni donna, l uomo che aveva dato l ispirazione alla mamma Invece non era vero niente. Assolutamente niente! Ma era lui in primo piano e seduto sulla poltrona Lei era solo un mezzo. Non era la prima volta che vedevo una cantante o una donna famosa fare da contorno a qualche uomo troppo bello per essere vero, ma vedere mia madre lì era stato un colpo troppo forte per me Non osai leggere l articolo che occupava ben sei facciate. Feci i miei compiti, in solitudine, come sempre E quella parola, sempre, mi dava un senso di vuoto che a volte avrei preferito vivere nelle Bronx piuttosto che avere una madre famosa che non aveva nemmeno il diritto di essere se stessa, perché ci pensavano i media a farla apparire come volevano loro. Solamente verso notte inoltrata sentii aprire la porta con un fare delicato: non poteva essere che lei. Mi alzai dal letto con il nervoso ancora nelle vene e arrivai di fronte a mia madre che aveva appena fatto in tempo ad entrare: non sarei stata tutta la notte a rodermi dentro per quella storia. Un altra. << Mamma: oh, ciao amore. Amanda: mamma, io e te dobbiamo parlare. Mamma: ma sono già le due di notte, mamma è stanca non possiamo parlare domani? Amanda: NO. Parliamo adesso! Mamma: e cosa dovresti dirmi? Amanda: io? Sei tu che dovresti dirmi qualcosa! Mamma: non capisco a cosa ti riferisci, Amy >> Ero furiosa, presi la rivista tutta stropicciata che aveva passato l intera giornata stritolata fra le mie mani e gliela sbattei in faccia, così che sentisse almeno un briciolo del dolore che mi aveva pervasa prima, senza che lei fosse lì a consolarmi, a chiedersi cosa ne pensassi io. << Mamma: tutto qui? Cosa c è che non va? Amanda: cosa c è che non va?! Mamma ma ti rendi conto?? Mamma: è solo una copertina, Amy, non ci vedo niente di male.

3 Amanda: no ma figurati! C è solamente quel citrullo che ti ostini a chiamare amore in primo piano senza aver fatto nulla e tu in piedi dietro di lui! Mamma: è solo questione di grafica, tesoro, il fotografo avrà pensato che quelle posizioni fossero migliori di altre. Amanda: fammi indovinare, il fotografo era un uomo per caso?! Mamma: Amanda piantala con queste lamentele! E solo una foto su una rivista. Amanda: non è solo una foto mamma! Non capisci che ti sta solo usando?? Vi sento litigare, non vi amate come vuoi far credere! Mamma: questo non ti riguarda Amanda! Mi hanno pagata per quel servizio fotografico e andare sulla copertina di una rivista molto letta significa fama sicura e quindi denaro. Che ci serve. Amanda: non mi interessa quanto ti pagano mamma! Non accetto che i media dicano quello che vogliono della tua vita! Mamma: loro possono dire ciò che vogliono, cara. A noi basta sapere quali sono le cose che contano davvero. >> Mi fece un sorriso sghembo e cercò di accarezzarmi una guancia ma io glielo impedii, scostandomi un pelo e guardandola con sicurezza: odiavo quei momenti in cui cercava di fare la mamma saggia e benevola, di fare la donna perfetta in tutto, come la descrivevano i giornali, mentre lei non era niente di tutto questo ed io lo sapevo bene. << Amanda: ti sbagli, io non so più se IO sono qualcosa che conta per te oppure ti interessa solo la fama! Mamma: non dire così Amanda! Sei la cosa più bella che io abbia al mondo Amanda: peccato che te ne dimentichi sempre però! >> E non riuscii a dire altro, a guardarla ancora in faccia. L unica cosa che potei fare era buttarmi di nuovo sul letto e piangere: piangere finché avevo lacrime, finché avevo fiato, finché avevo ancora voglia di sperare di avere una madre Una VERA, non finta e creata su misura per la televisione. Appariva sempre bella e sorridente Appariva sempre felice, invece non lo era. Si nascondeva come tanti, voleva mettere in luce parti di lei che non le appartenevano, come condurre spettacoli televisivi, essere fotografata per album annuali e calendari Tutto fuorché fare la cantante, ciò per cui era nata e per cui aveva lavorato tanto. Mi svegliai la mattina con due occhiaie che toccavano il pavimento, la voglia di alzarmi pari a zero e ancora gli occhi bagnati dalla sera precedente Ma non era una novità. Fortunatamente era Sabato ed io quel giorno non avevo scuola, quindi potevo stare a casa. Quindi potevo guardare la Televisione. Quindi ero sola. Ancora con il pigiama addosso andai a sedermi sul nostro grande divano verdino, che io odiavo terribilmente: era grande, quindi inutile dato che lo utilizzavo solo io. Era verde speranza, ed io non avevo ormai più la speranza di sedermici con mia madre. Accesi la televisione, una scatola nera che non mi era mai piaciuta perché mi aveva sempre portato via la persona più cara e trasmetteva un mondo creato sull assurdo, sul gossip, sui soldi. E io volevo solamente essere felice. Al telegiornale della mattina facevano un servizio sui cantanti più famosi dell ultimo decennio e le foto di mia madre venivano proposte ogni due minuti, intervallate a quelle di altri artisti, utilizzata come paragone. UTILIZZATA. Era stata considerata una cantante dalle doti eccellenti, ma negli ultimi anni era diventata più un simbolo della televisione che della musica e questo mi era dispiaciuto molto.. Non sapevo se piangere o ridere nel vedere una trentina di secondi dedicati a lei in cui veniva fotografata in varie pose con vestiti molto colorati e appariscenti, da vera diva: lei aveva sempre odiato i colori vistosi mentre in quelle foto sembrava indossasse i suoi abiti preferiti, sorrideva

4 come fosse la regina del mondo, si dava un tono come per sembrare una star di Hollywood. E non era niente di tutto questo, solo una donna sensibile e fragile che voleva apparire forte e indifferente a tutto. E a tutti, purtroppo. Cambiai canale per non immergermi di nuovo in riflessioni troppo spiacevoli, in cui la verità veniva sempre mostrata diversa da com era nella realtà. Ma cosa importava che fosse finta? Quello che contava era che le piacesse, che facesse vendere i giornali di gossip, che facesse guardare i programmi televisivi dove lei appariva. Non interessava a nessuno sapere chi fosse davvero: una persona normale. Una parola troppo comune per comprenderne davvero l importanza. Cambiai canale per non dare quella soddisfazioni ai media, che io intimamente chiamavo gli incantatori di serpenti, e guardai un telefilm molto noioso, ma che almeno mi avrebbe distratta per un po dal lungo tempo che avrei dovuto trascorrere da sola. Suonò il telefono, così mi alzai con malavoglia per rispondere e sussultai nel sentire una voce squillante parlare con superficialità: era una delle amiche di mamma, una giornalista odiosa e bisbetica che scriveva i più bollenti articoli scandalistici per alcune riviste. << Amanda: pronto? Giornalista: pronto? Parlo con la cantante più in voga del momento? >> Disse lei con un tono acuto e stridulo, più irritante che amichevole ed io subito mi misi in guardia, già irritata per il fatto che mia madre chiamasse amica una vipera dalla lingua lunga. << Amanda: no sono la figlia, mia madre non c è mi spiace. >> Bugia! Non mi dispiaceva neanche un po che non ci fosse mamma, che a rispondere fossi stata io: col cavolo che avrebbe scritto altre sciocchezze su Gente! << Giornalista: oh, beh, non importa! Sono sicura che qualche informazioncina me la potrai dare tu! Amanda: mi dispiace ma non posso parlare a nome di mia madre, richiami più tardi. Giornale: suvvia bimba! Voglio solo sapere due cose alla veloce, niente di che! >> Amanda sta calma, Amanda sta calma! Mi ripetevo, nella speranza che servisse a calmare il mio animo turbolento. << Amanda: Le ho detto che non parlo al posto di mia madre! Ora, se non Le dispiace, ho delle cose da fare. Giornalista: come sei suscettibile bimba! Tua madre non ti ha insegnato a rispondere in maniera cortese ad una signora? Amanda: senta, vada a cercare scoop da un altra parte perché io non ho intenzione di insultare mia madre come fate voi! >> E dopo aver detto queste parole, riattaccai con un briciolo di soddisfazione nell animo e un sorriso ironico sul viso: finalmente avevo detto quello che pensavo, alla persona giusta! Tuttavia, la mia soddisfazione terminò troppo presto, quando i miei sentimenti più remoti si fecero largo nella mia mente: perché mia madre continuava a sentirsi con persone del genere, che volevano solamente sfruttare la sua fama e la sua popolarità per vendere più giornali? Perché non si ribellava a quella prigione tutta chiacchiere e niente privacy? I conti non mi tornavano per niente, non potevo reggere la solitudine dello stare in casa da sola, così uscii per fare due passi anche se il tempo non era il massimo: alcune nuvole dal colorito minaccioso si addensavano sopra la città, sopra la mia casa, e scurivano ogni colore, ogni pensiero,

5 ogni emozione Come se tutto d un tratto non volessi più far parte di quel gioco a cui mia madre sembrava dare il proprio nome. Mentre camminavo per le strade meno affollate davo un occhiata ai manifesti pubblicitari appesi sui tabelloni ai bordi della strada, giusto per distrarmi un po, quando il mio sguardo cadde su un immagine, che per chiunque sarebbe stata una visione normalissima mentre per me fu davvero complicata e rigida: il viso di un politico in voga grande almeno quanto tutto lo spazio disponibile per quel manifesto e sulla sua mano, che teneva alta quanto il suo corpo, l immagine di mamma che cantava e lo slogan che riportava la frase Anche le voci più decise scelgono me!. Rimasi impietrita davanti a quel cartellone, cercando qualcosa di meglio da guardare ma niente sembrava distogliere il mio sguardo da quell immagine magnetica Non sapevo cosa dire, cosa fare Distrattamente ascoltai un breve scambio di parole tra due passanti che avevano visto di sfuggita lo stesso manifesto che mi stava facendo un male terribile. << Uomo: hai visto chi pubblicizza il partito di E.? Donna: oh sì sì! E quella famosa cantante che si vede per televisione! Uomo: già, davvero una bella idea utilizzare la sua immagine nello slogan. Donna: sono d accordo, sicuramente farà la sua figura! >> Li guardai impietrita mentre si allontanavano passeggiando tranquillamente, come se le parole dette pochi istanti prima fossero passeggere e di poca importanza. Invece ne avevano tanta. Le avevano utilizzate senza pensare davvero al loro significato, al subdolo incantesimo di cui erano vittime incoscienti UTILIZZARE. Ecco qual era il vero motivo per cui mamma appariva in Tv, sulle riviste di gossip e persino nei manifesti pubblicitari. Era una semplice immagine da USARE come propaganda, come mezzo per arricchirsi o per vincere una stupida elezione. E non se ne rendeva conto Né lei né chi osservava quelle immagini con superficialità, senza rendersi conto che quella donna, quella cantante, non fosse altro che un semplice strumento e non il soggetto dell opera. Nessuno dava importanza al fatto che fosse stata disegnata di dimensioni minori del politico, che fosse addirittura tenuta in mano: come se lei dipendesse da lui, e non lui da lei. Mamma aveva un ruolo da cornice nella società, mai da protagonista. E come lei tante altre, troppe: sciocche abbagliate dalla fama e dalla televisione, strumenti anch essi che non creano alcun tipo di soggetto, di personaggio, ma piuttosto una semplice immagine senza significato in cui una persona superficiale vede un bel sorriso e si immagina una voce da opera mentre la realtà è che non c è assolutamente nulla, in quell immagine. Non c è la felicità di un sorriso. Non si sente una voce melodiosa. Non c è una DONNA, ma piuttosto uno strumento. Io ci vedevo solo un icona vuota. La mattina successiva, per mia sfortuna, era Domenica così mi alzai sul tardi e andai a fare colazione al bar come facevo sempre. Sola, ovviamente. Quando entrai nel più lussuoso locale della città, gli occhi dei presenti si appiccicarono alla mia figura, indiscreti e quasi irritanti, ogni sguardo fugace sembrava attirato dalla mia persona, benché cercassi di non farmi notare: cosa avevano da guardarmi tutti? Quando mi appoggiai al bancone, aspettando che il cappuccino che avevo appena ordinato mi venisse servito, una pila di giornali si fece ben notare poco lontana da me. Con indifferenza, cercando di non incrociare alcuno sguardo interrogatorio, ne presi uno e tutto d un tratto compresi il motivo di tutti quegli sguardi troppo insistenti: sulla copertina c era il solito titolo scritto con caratteri esagerati ed una carica ironica e quasi cattiva che emergeva da ogni singola parola. Niente più educazione tra i figli dei VIP: che assomiglino ai genitori dal lato sbagliato?. Il sangue mi si gelò nelle vene, gli occhi non si staccavano da quel titolo nonostante i miei sforzi e quella rivista sembrava bruciarmi sotto le dita Non sapevo cosa pensare, cosa fare di fronte a

6 quell accusa, a quella critica insensata e infondata! Avrei voluto con tutto il cuore urlare lì dentro, a tutta quella gente manipolata da ciò che i giornali volevano far credere che non era affatto così! Che quella racchia impicciona della giornalista si era inventata tutto solo per fare pubblicità, per mettere in giro una notizia che solo lei sapeva e che solo a lei avrebbe portato notorietà: non certo a me e soprattutto a mia madre. Anche andando in giro a spiegare la verità nessuno mi avrebbe creduta, la potenza di quella notizia, di quel modo di porre i concetti che non poteva essere definita informazione era troppo grande per una singola ragazzina, troppo grande per venir sminuita, troppo subdola e fine per poter essere smontata e rimontata a favore della verità. Guardavo persa i volti delle persone che mi fissavano: alcune con sdegno (di cosa poi?), altre con indifferenza, ma tutte pronte a giurare davanti a chiunque che la figura descritta brevemente da quella rivista fossi veramente io. Dunque la menzogna era più credibile della verità? Forse solo più facile da accettare, ma in un contesto del genere mi sentii solo rimpicciolire, impotente di fronte all ignoranza e ai pregiudizi delle persone stesse, che involontariamente erano complici di un disfacimento abilmente messo in scena. Avrei voluto davvero urlare. Uscii da quella prigione di pregiudizi più in fretta che potei, non pensando al mio cappuccino ancora immobile sul bancone: possibile che ogni mia parola potesse venire interpretata a piacimento da chi scriveva? Era ingiusto e crudele. Tornai a casa e passai l intera giornata a studiare, immergendomi nei libri per non pensare alle troppe conseguenze che la fama di mamma aveva: non solo nei suoi confronti ma anche nei miei e non era per niente piacevole. Io non avrei voluto vivere una situazione del genere e penso che nemmeno mia madre apprezzasse tutti quei lati oscuri e intricati che i media continuamente creavano intorno a noi, anche se in realtà lei cercava di non pensarci E comunque non eravamo noi a decidere. Non eravamo padrone di decidere chi essere e come. Bella democrazia. Verso le undici di sera sentii la porta aprirsi con una certa violenza e alcuni passi irruenti entrare in casa: doveva essere sicuramente la mamma, che aveva cambiato il suo modo delicato di aprire la porta, da quando il suo lavoro la innervosiva e lei era continuamente costretta a fingere di non esserlo, per apparire sempre impeccabile e felice, per darsi un tono, per far credere alle donne che la sua vita fosse davvero perfetta e il suo lavoro pure. In confronto, Pinocchio era un dilettante. Le andai incontro, sperando che non avesse letto i giornali perché non avevo voglia di discutere a quell ora ma quando la vidi mi si fermò il cuore: aveva il trucco degli occhi colato, il fondotinta sbiadito, i capelli quasi arruffati ed il portamento scomposto. Sembrava uscita da un film horror più che da un programma televisivo in cui lei era la valletta perfetta. << Amanda: mamma Tutto bene? >> Mia madre restò a fissarmi negli occhi per qualche secondo, poi scoppiò in un mare di lacrime e mi abbracciò forte, come se non avesse nessun altro al mondo che me Ed era così. Era rimasta sola, di amici non ne aveva a causa del suo lavoro perfetto Mi intenerì quel suo gesto di esasperazione e io ricambiai l abbraccio, cercando di capire cosa fosse successo poche ore prima. Amanda: mamma? Mamma: Amy Sono una donna finita, finita!

7 E continuava a piangere, mentre a me veniva da ridere: lei una donna finita? Era la più in voga del momento, cosa poteva volere di più una donna dalle sue ambizioni? Forse aveva finalmente capito che la televisione distrugge e non crea assolutamente nulla Amanda: cosa è successo di così grave? Mamma: Nik mi ha lasciata, pubblicamente Questo non doveva succedere. Dentro di me sentii così tante emozioni da non riuscire a provare nulla, in quel momento: rabbia, felicità, odio, gelosia, gioia Non sapevo quali di questi confusi e intricati sentimenti stessi provando: sapevo solo che avrei voluto volentieri piangere anch io, assieme a lei. Ma non lo feci. Io ero forte, e non perché gli altri e la televisione mi dicevano di essere tale. Avevo ancora il diritto di comportarmi come volevo, come una figlia che ama sua madre. << Amanda: dai mamma, non è così grave Insomma era uno stupido, tu meriti di meglio. Mamma: no!! Tu non capisci Amy.. >> Io cercavo di consolarla e lei mi considerava una specie di ignorante, come se fossi estranea al suo mondo, come se fossi l ultima arrivata Invece dovevo essere la prima della sua lista. Che cosa non capivo, secondo lei? Non capivo perché fosse triste per essersi liberata di un peso? Perché piangesse per l ennesima storia tutta rosa e fiori andata ovviamente male? Aveva ragione, non potevo capire. Ero sempre stata contraria a tutto e in realtà mi sembrava di essere l unica sveglia << Amanda: sono più lucida di te, mamma! Ora ti sei finalmente tolta un peso e Mamma: no Amanda!!! >> Si staccò velocemente dalle mie braccia come se volesse fuggire da me, da sua figlia Si tirò indietro con il viso sconvolto, i capelli arruffati, i suoi bellissimi occhi che per una volta riuscii a vedere sinceri, anche se tristi. Mi guardava con aria adirata e dispiaciuta nello stesso momento, i pugni stretti e gli occhi ancora lacrimanti Avevo paura, perché quella non era più mia madre, non era la persona sensibile e dolce che credevo di conoscere Era un mostro creato dalla televisione, una persona strumentalizzata fino all osso e truccata, modellata su misura per lo spettacolo, per la commedia che doveva recitare. Cercai di calmarla per quel che potevo, anche se la mia voce era tremante ed il mio corpo mi pregava di scappare e chiudermi in camera, al sicuro da quel soggetto ignoto che mi si era presentato davanti, cambiato a tal punto da non riuscire a rendermene veramente conto. << Amanda: mamma, calmati Ci sono io adesso, va tutto bene Mamma: non va tutto bene!! La mia reputazione è rovinata!! La mia carriera è finita!!! Nessuno chiederà più di me né mi vorrà nei suoi programmi! La mia vita non ha più un senso adesso >> Questo non doveva dirlo Mi sentii morire: il corpo, la mente, il cuore sembravano volersi allontanare tra loro e prendere una strada diversa, lontana il più possibile da lì E avrei voluto seguirli molto volentieri. Rimasi pietrificata di fronte a quelle parole di cui non avrei mai voluto comprendere il significato, ma per mia sfortuna non ero una stupida ingenua

8 Mia madre Anzi no, io non ero più figlia sua: quella persona che mi stava davanti era più lontana da me di quanto non lo fosse mai stata. Non sentivo più il suo calore, non sentivo più il mio cuore battere assieme al suo. Eravamo distanti più che mai, diverse, opposte, divise da un mondo egoista e falso che si era preso il cuore di mia madre senza che lei se ne rendesse conto E ora sarebbe stato impossibile toglierle gli artigli che la televisione e la fama le avevano piantato addosso, impedendole di reagire e ribellarsi a quella gabbia virtuale e indistruttibile La mattina seguente mi alzai per andare a scuola, e già il fatto che fosse Lunedì non mi aiutava a dimenticare la serata precedente Mi accorsi della presenza di mia madre in cucina, che indossava ancora i vestiti del giorno prima, gli stessi capelli arruffati, gli occhi scavati e lunghe occhiaie che le rovinavano il viso: aveva passato la notte in bianco, come me del resto, ma certamente non per lo stesso motivo. Era immersa in una pila esagerata di riviste di ogni tipo, da Gente a Io donna, da Vanity Fair alla rivista di gossip locale, come se dentro ci fosse scritta la realtà, la verità di un mondo che a lei pareva reale mentre era solo una finzione egocentrica della vita fasulla che si era costruita, o meglio, che si era lasciata costruire intorno da chi sapeva come farlo. E ora si ritrovava a dipendere dai giudizi e dalle critiche di qualcuno che nemmeno la conosceva. Quanta ipocrisia. Forse idiozia. Non volevo parlarle, non me la sentivo, ma fui costretta a farlo dato che aveva occupato l intero tavolo dove solitamente facevo colazione, prima di uscire da quel luogo che non sapevo più se chiamare casa << Amanda: mamma cosa sono tutti questi giornali? >> Non mi rispondeva, era immersa in un articolo che sembrava essere più importante della mia presenza, così mi avvicinai per capire meglio cosa attirasse tanto la sua attenzione e feci una smorfia accentuata, seguita da uno sbuffo più di rabbia che di noia, nel vedere i titoli di tutti quegli articoli e giornali: parlavano tutti di lei, la sua immagine in prima pagina, la sua rottura con Nik sulla copertina, la sua vita privata che, a sentir loro, era finita. Idioti: chi scriveva quelle menzogne e lei che gli dava pure ascolto! Ma non aveva alcun senso litigare, lasciai che soffrisse per quelle stupide copertine colorate, così da rendersi conto che ciò che amava nella vita era ben altro. Non feci colazione e mi avviai subito verso la scuola, sperando di non incontrare nessuno che potesse riconoscermi: non avrei retto un altro scontro aperto, viste anche le conseguenze che aveva avuto una mia legittima autodifesa verbale La mattinata fu noiosa e malinconica, forse perché avevo passato gran parte del mio tempo cercando di evitare sguardi poco graditi e un attenzione che non avevo nessuna voglia di attirare, per qualsiasi motivo. Tornai a casa, sperando di non vedere di nuovo mia madre drogata di critiche e immersa in fascicoli di stupidità, quando mi rilassai un poco sentendo la televisione accesa: almeno aveva fatto lo sforzo di alzarsi dal tavolo della cucina e da quelle dispense di stupidità, forse. Appoggiai zaino e cappotto e mi diressi verso il salotto, decisa a fare pace con mia madre: per quanto non riuscissi più a riconoscerla, il legame che ci univa era troppo importante per me E non potevo lasciare che vagasse sola in un momento così delicato, dato che dei suoi amici e amori perfetti non c era alcuna traccia in giro E dubitavo fortemente che avesse ricevuto delle telefonate, specie da amicone giornaliste tutte pepe e lingua. Insopportabili, quasi quanto i fotografi delle riviste Lei guardava la televisione accesa e sembrava non mi avesse nemmeno sentita entrare, mentre il divano mi dava le spalle e quindi io le arrivai dalla parte posteriore, senza avvicinarmi troppo e

9 osservando con disgusto il programma che stava seguendo: riguardava ovviamente lei. Sembrava che la sua rottura con il bellimbusto fosse una tragedia di carattere nazionale, che addirittura il suo nuovo disco non avrebbe venduto o incassato quanto prima, che quell idiota di Nik valesse più di lei quando era lui a dipendere dalle sua notorietà Ero innervosita dal fatto che mamma guardasse quella ROBA, che si facesse influenzare in quel modo dalla televisione Ma soprattutto che l immagine che si era creata avesse veramente sostituito ciò che era. Presi il telecomando per spegnere la televisione e stavo per fare una delle mie sfuriate fatte per bene quando mi accorsi che mia madre non era cosciente, nemmeno sveglia. In un attimo il panico mi assalì e mi avvicinai a lei parlandole ma visto che non mi rispondeva la scossi, le diedi degli schiaffi, tentai di svegliarla in qualsiasi modo riuscissi ma lei sembrava non volerne sapere di tornare alla realtà. Sentii il suono di qualcosa di piccolo che cadeva a terra così abbassai lo sguardo e vidi una scatolina dal coperchietto bianco ed innocuo: solo apparentemente. Era una scatolina di tranquillanti. Vuota. Guardai mia madre senza riuscire a respirare, il cuore che non sembrava intenzionato a riprendere a battere di nuovo, il mio sguardo pietrificato sulla sua immagine priva di Guardai la televisione e quel presentatore bello e ben vestito che aveva contribuito a firmare la condanna a morte di mia madre, poi persi lentamente i sensi mentre la realtà mi sembrava più fatale della finzione. Mia madre era stata uccisa dalla sua fama, dalla sua voglia di essere ciò che non era, o meglio, di essere ciò che tutti avrebbero voluto vedere in lei. Non era stata più padrona di decidere della sua vita, ci avevano pensato i media a modificarne persino l animo. Di maldicenza si può morire. Forse lei aveva pagato con la vita la costruzione spietata cui a lungo era stata sottoposta la sua immagine, la sua persona. Addirittura il suo cuore. L' unica sua sfortuna era quella di vivere in un Paese che chiama gli spazzini operatori ecologici e gli infermieri paramedici ma che non si tira indietro quando si tratta di costruire sulle spalle di qualcuno quello che definirei un castello di carta pronto a cadere al primo soffio. Condannare una persona ad un immagine vile e falsa è gesto di rara spietatezza perché non concede alla vittima un solo appiglio per difendersi: alla ferocia dei mormorii non c' è difesa, non argine all ignobile pettegolezzo. Mia madre era fragile, nonostante la sua finzione, nonostante media e televisione la volessero diversa. Se la società intende distruggere una persona, o meglio una donna, lo fa senza rimorsi, convincendo chi l ascolta con indifferenza che la sua carriera è finita, che non potrà mai fare altro, che non ha più senso la sua vita: lo fa con metodo, per condannare la malcapitata all' interdizione dalla scena o dalla vita. Abbiamo facce che non conosciamo ce le mettete voi in faccia pian piano E abbiamo fame di quella fame che il vostro urlo ci regalerà E ce l'abbiamo qualche speranza forse qualcuno ci ricorderà. Ligabue Sai La gente è strana, prima si odia e poi si ama cambia idea, improvvisamente prima la verità poi mentirà lui, senza serietà come fosse niente Sai la gente è matta, forse troppo insoddisfatta segue il mondo ciecamente, quando la moda cambia, lei pure cambia Continuamente e scioccamente Mia Martini

10 Già. Dedicato a Mia Martini.

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

SABATO, 31 AGOSTO. A volte mi chiedo se mamma sia completamente priva di CERVELLO. Certi giorni mi rispondo di sì. Come oggi.

SABATO, 31 AGOSTO. A volte mi chiedo se mamma sia completamente priva di CERVELLO. Certi giorni mi rispondo di sì. Come oggi. SABATO, 31 AGOSTO A volte mi chiedo se mamma sia completamente priva di CERVELLO. Certi giorni mi rispondo di sì. Come oggi. Tutto è cominciato questa mattina quando le ho chiesto se poteva comprarmi uno

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

Clive e Kathy Jones. Siamo Clive e Kathy Jones e abitiamo nella Contea di Cork, in Irlanda. Abbiamo 4 figli grandi e 11 nipoti, grazie a Dio.

Clive e Kathy Jones. Siamo Clive e Kathy Jones e abitiamo nella Contea di Cork, in Irlanda. Abbiamo 4 figli grandi e 11 nipoti, grazie a Dio. Clive e Jones Clive Il matrimonio passa attraverso molte fasi: Idillio, Disillusione, Infelicità e Risveglio. Noi le abbiamo passate tutte più volte nel corso dei nostri 45 anni di matrimonio! Buon pomeriggio!

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Obiettivo generale: Leggere e comprendere un brano antologico insieme al gruppo classe.

Obiettivo generale: Leggere e comprendere un brano antologico insieme al gruppo classe. Semplificazione e facilitazione di un testo di antologia Destinatari: alunni stranieri di classe prima Livello linguistico A 1 (semplificato) - B 1 (facilitato). Obiettivo generale: Leggere e comprendere

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

UN SORRISO PER GUARIRE

UN SORRISO PER GUARIRE UN SORRISO PER GUARIRE Mi chiamo Giulia, ho 24 anni e questa è la mia storia. Fino ai 14 anni la mia vita è stata serena, sono sempre stata una bambina vivace, piena di vita, tutti mi definivano un vulcano

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Annabel Blasi CHOOSE YOUR DESTINY

Annabel Blasi CHOOSE YOUR DESTINY Choose your destiny Annabel Blasi CHOOSE YOUR DESTINY racconto www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Annabel Blasi Tutti i diritti riservati Alla mia famiglia Prima parte 1 Freddo. Sentivo un freddo

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG

ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG ZP Oktober 2009 Traduzione MUSTERLÖSUNG C è qualcosa che riesci a ricordare (che ti riesce di ricordare)?, chiese lei. Qualcosa che ti ha colpito. Qualcosa di strano o di particolare? No, in effetti no.,

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

Laura Virgini IL VIAGGIO

Laura Virgini IL VIAGGIO Il Viaggio Laura Virgini IL VIAGGIO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A mia madre, senza la quale non sarei qui, ora, e non sarei quella che sono.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli