<< Amanda: pronto? Giornalista: pronto? Parlo con la cantante più in voga del momento? >>

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "<< Amanda: pronto? Giornalista: pronto? Parlo con la cantante più in voga del momento? >>"

Transcript

1 Tra Palco e Realtà Ho sempre amato mia madre, anche se non condividevo la sua vita sul palcoscenico: avevo sempre ritenuto che fosse tutto troppo fasullo, ma lei amava la popolarità che le dava Anche se non pensava mai alle conseguenze. Io ero una semplice adolescente e vivevo nel mio mondo, che non avrei mai voluto fosse come il suo: a me piacevano la tranquillità e la pace, ma soprattutto la mia privacy, che lei invece non aveva e quindi, di conseguenza, neanche io. Stavo tornando a casa da scuola a piedi, come facevo ogni giorno, quando passai davanti alla solita edicola ben fornita della città dove sventolava il giornale Gente appena uscito, rivista dei gossip quotidiani, e così mi avvicinai per dare un occhiata: rimasi a bocca aperta di fronte alla copertina, più disgustata che arrabbiata. Dovevo avere uno sguardo davvero minaccioso visto che il giornalaio mi guardava quasi intimorito e, riconoscendomi, mi regalò una copia della rivista. Gliela strappai di mano col poco garbo che avevo e sibilai un grazie tra i denti stretti, mentre stringevo quell insieme di carta che sembrava pesarmi un quintale tra i pugni stretti della mia mano. Non osai guardare di nuovo la copertina e mi diressi dritta a casa, che ovviamente trovai deserta. Era vuota, come ogni giorno E ancora mi stupivo del fatto che mia madre, in quanto considerata VIP, non era mai a casa: né per prepararmi il pranzo, né per guardare la TV con me, né per chiedermi come stessi o se a scuola andasse tutto bene. Mi sentivo una stupida, una perfetta idiota che credeva ancora che un personaggio in vista come sua mamma avesse del tempo da perdere per lei. Sbattéi la porta di casa e rimasi sull attenti sentendo un certo profumino venire dalla cucina, così mi affrettai ad appoggiare cartella e cappotto per arrivare subito là e vedere se la persona che stava cucinando era Nik. Non era mia madre. Mi ero illusa un altra volta. Quello era l anima gemella di mia madre, l amore della sua vita, il meglio del meglio e tutte quelle altre idiozie che dicevano giornali e TV di lui: invece io lo conoscevo bene. Non era il meglio del meglio e tantomeno l amore della vita di mamma. Era, per me, un perfetto sconosciuto, che si faceva chiamare con un ridicolo nome finto come lui, che girava per casa come se fosse sua, si vestiva sempre con abiti firmati alle spalle della mia famiglia e non era neanche così bello: era solamente l ultimo attore tutto muscoli e niente cervello che mia madre si era portata in casa. Per cosa? Per fama? Per essere sulla copertina dei giornali?? Per soldi??? Non lo volevo sapere. L unica cosa di cui ero certa era che non fosse per niente il principe azzurro descritto da mezzo mondo. << Nik: ciao bimba. Amanda: piantala di chiamarmi così. Nik: sempre suscettibile eh Amanda: se non fossi uno approfittatore magari potrei usare altri termini. >> L avevo fatta grossa, ma quella copertina sui giornali mi aveva scossa più del solito. Come ogni volta, quel cafone del principe azzurro eccetera eccetera si era offeso: era troppo popolare per venire insultato da una quindicenne ma a me non importava proprio nulla! << Nik: ehi modera i toni ragazzina, non sono tuo padre! Amanda: appunto! Non dovresti neanche stare qua dentro! E ora ho di meglio da fare, ciao! >> E così dicendo mi chiusi in camera mia, a chiave, ignorando il VIP che mi urlava di aprire la porta: era una sofferenza sopportarlo ogni giorno, era quasi meglio restare da sola.

2 Mi accorsi di avere ancora tra le mani quell irritante giornale dalla copertina troppo presuntuosa e arrogante, così mi gettai di peso sul letto e dopo aver fatto un respiro profondo le diedi un occhiata: mia madre era in piedi, appoggiata ad una poltrona rossa, con il microfono in mano e vista di profilo, un sorriso smagliante che nella sua vita privata non avevo mai notato e tutte le rughe improvvisamente cancellate grazie a chissà quale magia del computer Ma quello che mi irritava di più era che su QUELLA poltrona rossa, invece che esserci LEI, c era LUI seduto comodamente sul suo orgoglio: quel suo principe azzurro da strapazzo era nel suo posto e sorrideva con un espressione che avrebbe fatto sciogliere qualunque fan abbagliata da un sorriso d ignoranza Non certamente me. E come se non fossi già abbastanza indiavolata per il fatto che la vera famosa e brava artista fosse mia madre e invece in primo piano si gongolasse quel biondo da schiaffi, da brava masochista abbassai lo sguardo per leggere il titolo scritto in rosso a caratteri cubitali: Esce un nuovo singolo grazie all amore. Restai con lo sguardo perso nel vuoto per qualche minuto ancora, finché la rabbia decise di preamyre sul mio autocontrollo e si mostrò irruente, facendomi scaraventare quel pezzo di carta fin dalla parte opposta della mia stanza: la tensione pervadeva il mio corpo, i nervi a mala pena riuscivano a non scoppiare e mi sforzai di non pensare a metodi troppo cruenti per far fuori quell idiota Anzi no, l idiota non era Nik, era mia madre. LEI era una brava cantante, LEI lavorava per guadagnarsi la sua amata fama, LEI soffriva e piangeva quando leggeva le recensioni negative o una critica troppo aggressiva Mentre LUI era solamente il bell imbusto del momento che appariva il migliore uomo che si potesse desiderare, il più bello, il sogno di ogni donna, l uomo che aveva dato l ispirazione alla mamma Invece non era vero niente. Assolutamente niente! Ma era lui in primo piano e seduto sulla poltrona Lei era solo un mezzo. Non era la prima volta che vedevo una cantante o una donna famosa fare da contorno a qualche uomo troppo bello per essere vero, ma vedere mia madre lì era stato un colpo troppo forte per me Non osai leggere l articolo che occupava ben sei facciate. Feci i miei compiti, in solitudine, come sempre E quella parola, sempre, mi dava un senso di vuoto che a volte avrei preferito vivere nelle Bronx piuttosto che avere una madre famosa che non aveva nemmeno il diritto di essere se stessa, perché ci pensavano i media a farla apparire come volevano loro. Solamente verso notte inoltrata sentii aprire la porta con un fare delicato: non poteva essere che lei. Mi alzai dal letto con il nervoso ancora nelle vene e arrivai di fronte a mia madre che aveva appena fatto in tempo ad entrare: non sarei stata tutta la notte a rodermi dentro per quella storia. Un altra. << Mamma: oh, ciao amore. Amanda: mamma, io e te dobbiamo parlare. Mamma: ma sono già le due di notte, mamma è stanca non possiamo parlare domani? Amanda: NO. Parliamo adesso! Mamma: e cosa dovresti dirmi? Amanda: io? Sei tu che dovresti dirmi qualcosa! Mamma: non capisco a cosa ti riferisci, Amy >> Ero furiosa, presi la rivista tutta stropicciata che aveva passato l intera giornata stritolata fra le mie mani e gliela sbattei in faccia, così che sentisse almeno un briciolo del dolore che mi aveva pervasa prima, senza che lei fosse lì a consolarmi, a chiedersi cosa ne pensassi io. << Mamma: tutto qui? Cosa c è che non va? Amanda: cosa c è che non va?! Mamma ma ti rendi conto?? Mamma: è solo una copertina, Amy, non ci vedo niente di male.

3 Amanda: no ma figurati! C è solamente quel citrullo che ti ostini a chiamare amore in primo piano senza aver fatto nulla e tu in piedi dietro di lui! Mamma: è solo questione di grafica, tesoro, il fotografo avrà pensato che quelle posizioni fossero migliori di altre. Amanda: fammi indovinare, il fotografo era un uomo per caso?! Mamma: Amanda piantala con queste lamentele! E solo una foto su una rivista. Amanda: non è solo una foto mamma! Non capisci che ti sta solo usando?? Vi sento litigare, non vi amate come vuoi far credere! Mamma: questo non ti riguarda Amanda! Mi hanno pagata per quel servizio fotografico e andare sulla copertina di una rivista molto letta significa fama sicura e quindi denaro. Che ci serve. Amanda: non mi interessa quanto ti pagano mamma! Non accetto che i media dicano quello che vogliono della tua vita! Mamma: loro possono dire ciò che vogliono, cara. A noi basta sapere quali sono le cose che contano davvero. >> Mi fece un sorriso sghembo e cercò di accarezzarmi una guancia ma io glielo impedii, scostandomi un pelo e guardandola con sicurezza: odiavo quei momenti in cui cercava di fare la mamma saggia e benevola, di fare la donna perfetta in tutto, come la descrivevano i giornali, mentre lei non era niente di tutto questo ed io lo sapevo bene. << Amanda: ti sbagli, io non so più se IO sono qualcosa che conta per te oppure ti interessa solo la fama! Mamma: non dire così Amanda! Sei la cosa più bella che io abbia al mondo Amanda: peccato che te ne dimentichi sempre però! >> E non riuscii a dire altro, a guardarla ancora in faccia. L unica cosa che potei fare era buttarmi di nuovo sul letto e piangere: piangere finché avevo lacrime, finché avevo fiato, finché avevo ancora voglia di sperare di avere una madre Una VERA, non finta e creata su misura per la televisione. Appariva sempre bella e sorridente Appariva sempre felice, invece non lo era. Si nascondeva come tanti, voleva mettere in luce parti di lei che non le appartenevano, come condurre spettacoli televisivi, essere fotografata per album annuali e calendari Tutto fuorché fare la cantante, ciò per cui era nata e per cui aveva lavorato tanto. Mi svegliai la mattina con due occhiaie che toccavano il pavimento, la voglia di alzarmi pari a zero e ancora gli occhi bagnati dalla sera precedente Ma non era una novità. Fortunatamente era Sabato ed io quel giorno non avevo scuola, quindi potevo stare a casa. Quindi potevo guardare la Televisione. Quindi ero sola. Ancora con il pigiama addosso andai a sedermi sul nostro grande divano verdino, che io odiavo terribilmente: era grande, quindi inutile dato che lo utilizzavo solo io. Era verde speranza, ed io non avevo ormai più la speranza di sedermici con mia madre. Accesi la televisione, una scatola nera che non mi era mai piaciuta perché mi aveva sempre portato via la persona più cara e trasmetteva un mondo creato sull assurdo, sul gossip, sui soldi. E io volevo solamente essere felice. Al telegiornale della mattina facevano un servizio sui cantanti più famosi dell ultimo decennio e le foto di mia madre venivano proposte ogni due minuti, intervallate a quelle di altri artisti, utilizzata come paragone. UTILIZZATA. Era stata considerata una cantante dalle doti eccellenti, ma negli ultimi anni era diventata più un simbolo della televisione che della musica e questo mi era dispiaciuto molto.. Non sapevo se piangere o ridere nel vedere una trentina di secondi dedicati a lei in cui veniva fotografata in varie pose con vestiti molto colorati e appariscenti, da vera diva: lei aveva sempre odiato i colori vistosi mentre in quelle foto sembrava indossasse i suoi abiti preferiti, sorrideva

4 come fosse la regina del mondo, si dava un tono come per sembrare una star di Hollywood. E non era niente di tutto questo, solo una donna sensibile e fragile che voleva apparire forte e indifferente a tutto. E a tutti, purtroppo. Cambiai canale per non immergermi di nuovo in riflessioni troppo spiacevoli, in cui la verità veniva sempre mostrata diversa da com era nella realtà. Ma cosa importava che fosse finta? Quello che contava era che le piacesse, che facesse vendere i giornali di gossip, che facesse guardare i programmi televisivi dove lei appariva. Non interessava a nessuno sapere chi fosse davvero: una persona normale. Una parola troppo comune per comprenderne davvero l importanza. Cambiai canale per non dare quella soddisfazioni ai media, che io intimamente chiamavo gli incantatori di serpenti, e guardai un telefilm molto noioso, ma che almeno mi avrebbe distratta per un po dal lungo tempo che avrei dovuto trascorrere da sola. Suonò il telefono, così mi alzai con malavoglia per rispondere e sussultai nel sentire una voce squillante parlare con superficialità: era una delle amiche di mamma, una giornalista odiosa e bisbetica che scriveva i più bollenti articoli scandalistici per alcune riviste. << Amanda: pronto? Giornalista: pronto? Parlo con la cantante più in voga del momento? >> Disse lei con un tono acuto e stridulo, più irritante che amichevole ed io subito mi misi in guardia, già irritata per il fatto che mia madre chiamasse amica una vipera dalla lingua lunga. << Amanda: no sono la figlia, mia madre non c è mi spiace. >> Bugia! Non mi dispiaceva neanche un po che non ci fosse mamma, che a rispondere fossi stata io: col cavolo che avrebbe scritto altre sciocchezze su Gente! << Giornalista: oh, beh, non importa! Sono sicura che qualche informazioncina me la potrai dare tu! Amanda: mi dispiace ma non posso parlare a nome di mia madre, richiami più tardi. Giornale: suvvia bimba! Voglio solo sapere due cose alla veloce, niente di che! >> Amanda sta calma, Amanda sta calma! Mi ripetevo, nella speranza che servisse a calmare il mio animo turbolento. << Amanda: Le ho detto che non parlo al posto di mia madre! Ora, se non Le dispiace, ho delle cose da fare. Giornalista: come sei suscettibile bimba! Tua madre non ti ha insegnato a rispondere in maniera cortese ad una signora? Amanda: senta, vada a cercare scoop da un altra parte perché io non ho intenzione di insultare mia madre come fate voi! >> E dopo aver detto queste parole, riattaccai con un briciolo di soddisfazione nell animo e un sorriso ironico sul viso: finalmente avevo detto quello che pensavo, alla persona giusta! Tuttavia, la mia soddisfazione terminò troppo presto, quando i miei sentimenti più remoti si fecero largo nella mia mente: perché mia madre continuava a sentirsi con persone del genere, che volevano solamente sfruttare la sua fama e la sua popolarità per vendere più giornali? Perché non si ribellava a quella prigione tutta chiacchiere e niente privacy? I conti non mi tornavano per niente, non potevo reggere la solitudine dello stare in casa da sola, così uscii per fare due passi anche se il tempo non era il massimo: alcune nuvole dal colorito minaccioso si addensavano sopra la città, sopra la mia casa, e scurivano ogni colore, ogni pensiero,

5 ogni emozione Come se tutto d un tratto non volessi più far parte di quel gioco a cui mia madre sembrava dare il proprio nome. Mentre camminavo per le strade meno affollate davo un occhiata ai manifesti pubblicitari appesi sui tabelloni ai bordi della strada, giusto per distrarmi un po, quando il mio sguardo cadde su un immagine, che per chiunque sarebbe stata una visione normalissima mentre per me fu davvero complicata e rigida: il viso di un politico in voga grande almeno quanto tutto lo spazio disponibile per quel manifesto e sulla sua mano, che teneva alta quanto il suo corpo, l immagine di mamma che cantava e lo slogan che riportava la frase Anche le voci più decise scelgono me!. Rimasi impietrita davanti a quel cartellone, cercando qualcosa di meglio da guardare ma niente sembrava distogliere il mio sguardo da quell immagine magnetica Non sapevo cosa dire, cosa fare Distrattamente ascoltai un breve scambio di parole tra due passanti che avevano visto di sfuggita lo stesso manifesto che mi stava facendo un male terribile. << Uomo: hai visto chi pubblicizza il partito di E.? Donna: oh sì sì! E quella famosa cantante che si vede per televisione! Uomo: già, davvero una bella idea utilizzare la sua immagine nello slogan. Donna: sono d accordo, sicuramente farà la sua figura! >> Li guardai impietrita mentre si allontanavano passeggiando tranquillamente, come se le parole dette pochi istanti prima fossero passeggere e di poca importanza. Invece ne avevano tanta. Le avevano utilizzate senza pensare davvero al loro significato, al subdolo incantesimo di cui erano vittime incoscienti UTILIZZARE. Ecco qual era il vero motivo per cui mamma appariva in Tv, sulle riviste di gossip e persino nei manifesti pubblicitari. Era una semplice immagine da USARE come propaganda, come mezzo per arricchirsi o per vincere una stupida elezione. E non se ne rendeva conto Né lei né chi osservava quelle immagini con superficialità, senza rendersi conto che quella donna, quella cantante, non fosse altro che un semplice strumento e non il soggetto dell opera. Nessuno dava importanza al fatto che fosse stata disegnata di dimensioni minori del politico, che fosse addirittura tenuta in mano: come se lei dipendesse da lui, e non lui da lei. Mamma aveva un ruolo da cornice nella società, mai da protagonista. E come lei tante altre, troppe: sciocche abbagliate dalla fama e dalla televisione, strumenti anch essi che non creano alcun tipo di soggetto, di personaggio, ma piuttosto una semplice immagine senza significato in cui una persona superficiale vede un bel sorriso e si immagina una voce da opera mentre la realtà è che non c è assolutamente nulla, in quell immagine. Non c è la felicità di un sorriso. Non si sente una voce melodiosa. Non c è una DONNA, ma piuttosto uno strumento. Io ci vedevo solo un icona vuota. La mattina successiva, per mia sfortuna, era Domenica così mi alzai sul tardi e andai a fare colazione al bar come facevo sempre. Sola, ovviamente. Quando entrai nel più lussuoso locale della città, gli occhi dei presenti si appiccicarono alla mia figura, indiscreti e quasi irritanti, ogni sguardo fugace sembrava attirato dalla mia persona, benché cercassi di non farmi notare: cosa avevano da guardarmi tutti? Quando mi appoggiai al bancone, aspettando che il cappuccino che avevo appena ordinato mi venisse servito, una pila di giornali si fece ben notare poco lontana da me. Con indifferenza, cercando di non incrociare alcuno sguardo interrogatorio, ne presi uno e tutto d un tratto compresi il motivo di tutti quegli sguardi troppo insistenti: sulla copertina c era il solito titolo scritto con caratteri esagerati ed una carica ironica e quasi cattiva che emergeva da ogni singola parola. Niente più educazione tra i figli dei VIP: che assomiglino ai genitori dal lato sbagliato?. Il sangue mi si gelò nelle vene, gli occhi non si staccavano da quel titolo nonostante i miei sforzi e quella rivista sembrava bruciarmi sotto le dita Non sapevo cosa pensare, cosa fare di fronte a

6 quell accusa, a quella critica insensata e infondata! Avrei voluto con tutto il cuore urlare lì dentro, a tutta quella gente manipolata da ciò che i giornali volevano far credere che non era affatto così! Che quella racchia impicciona della giornalista si era inventata tutto solo per fare pubblicità, per mettere in giro una notizia che solo lei sapeva e che solo a lei avrebbe portato notorietà: non certo a me e soprattutto a mia madre. Anche andando in giro a spiegare la verità nessuno mi avrebbe creduta, la potenza di quella notizia, di quel modo di porre i concetti che non poteva essere definita informazione era troppo grande per una singola ragazzina, troppo grande per venir sminuita, troppo subdola e fine per poter essere smontata e rimontata a favore della verità. Guardavo persa i volti delle persone che mi fissavano: alcune con sdegno (di cosa poi?), altre con indifferenza, ma tutte pronte a giurare davanti a chiunque che la figura descritta brevemente da quella rivista fossi veramente io. Dunque la menzogna era più credibile della verità? Forse solo più facile da accettare, ma in un contesto del genere mi sentii solo rimpicciolire, impotente di fronte all ignoranza e ai pregiudizi delle persone stesse, che involontariamente erano complici di un disfacimento abilmente messo in scena. Avrei voluto davvero urlare. Uscii da quella prigione di pregiudizi più in fretta che potei, non pensando al mio cappuccino ancora immobile sul bancone: possibile che ogni mia parola potesse venire interpretata a piacimento da chi scriveva? Era ingiusto e crudele. Tornai a casa e passai l intera giornata a studiare, immergendomi nei libri per non pensare alle troppe conseguenze che la fama di mamma aveva: non solo nei suoi confronti ma anche nei miei e non era per niente piacevole. Io non avrei voluto vivere una situazione del genere e penso che nemmeno mia madre apprezzasse tutti quei lati oscuri e intricati che i media continuamente creavano intorno a noi, anche se in realtà lei cercava di non pensarci E comunque non eravamo noi a decidere. Non eravamo padrone di decidere chi essere e come. Bella democrazia. Verso le undici di sera sentii la porta aprirsi con una certa violenza e alcuni passi irruenti entrare in casa: doveva essere sicuramente la mamma, che aveva cambiato il suo modo delicato di aprire la porta, da quando il suo lavoro la innervosiva e lei era continuamente costretta a fingere di non esserlo, per apparire sempre impeccabile e felice, per darsi un tono, per far credere alle donne che la sua vita fosse davvero perfetta e il suo lavoro pure. In confronto, Pinocchio era un dilettante. Le andai incontro, sperando che non avesse letto i giornali perché non avevo voglia di discutere a quell ora ma quando la vidi mi si fermò il cuore: aveva il trucco degli occhi colato, il fondotinta sbiadito, i capelli quasi arruffati ed il portamento scomposto. Sembrava uscita da un film horror più che da un programma televisivo in cui lei era la valletta perfetta. << Amanda: mamma Tutto bene? >> Mia madre restò a fissarmi negli occhi per qualche secondo, poi scoppiò in un mare di lacrime e mi abbracciò forte, come se non avesse nessun altro al mondo che me Ed era così. Era rimasta sola, di amici non ne aveva a causa del suo lavoro perfetto Mi intenerì quel suo gesto di esasperazione e io ricambiai l abbraccio, cercando di capire cosa fosse successo poche ore prima. Amanda: mamma? Mamma: Amy Sono una donna finita, finita!

7 E continuava a piangere, mentre a me veniva da ridere: lei una donna finita? Era la più in voga del momento, cosa poteva volere di più una donna dalle sue ambizioni? Forse aveva finalmente capito che la televisione distrugge e non crea assolutamente nulla Amanda: cosa è successo di così grave? Mamma: Nik mi ha lasciata, pubblicamente Questo non doveva succedere. Dentro di me sentii così tante emozioni da non riuscire a provare nulla, in quel momento: rabbia, felicità, odio, gelosia, gioia Non sapevo quali di questi confusi e intricati sentimenti stessi provando: sapevo solo che avrei voluto volentieri piangere anch io, assieme a lei. Ma non lo feci. Io ero forte, e non perché gli altri e la televisione mi dicevano di essere tale. Avevo ancora il diritto di comportarmi come volevo, come una figlia che ama sua madre. << Amanda: dai mamma, non è così grave Insomma era uno stupido, tu meriti di meglio. Mamma: no!! Tu non capisci Amy.. >> Io cercavo di consolarla e lei mi considerava una specie di ignorante, come se fossi estranea al suo mondo, come se fossi l ultima arrivata Invece dovevo essere la prima della sua lista. Che cosa non capivo, secondo lei? Non capivo perché fosse triste per essersi liberata di un peso? Perché piangesse per l ennesima storia tutta rosa e fiori andata ovviamente male? Aveva ragione, non potevo capire. Ero sempre stata contraria a tutto e in realtà mi sembrava di essere l unica sveglia << Amanda: sono più lucida di te, mamma! Ora ti sei finalmente tolta un peso e Mamma: no Amanda!!! >> Si staccò velocemente dalle mie braccia come se volesse fuggire da me, da sua figlia Si tirò indietro con il viso sconvolto, i capelli arruffati, i suoi bellissimi occhi che per una volta riuscii a vedere sinceri, anche se tristi. Mi guardava con aria adirata e dispiaciuta nello stesso momento, i pugni stretti e gli occhi ancora lacrimanti Avevo paura, perché quella non era più mia madre, non era la persona sensibile e dolce che credevo di conoscere Era un mostro creato dalla televisione, una persona strumentalizzata fino all osso e truccata, modellata su misura per lo spettacolo, per la commedia che doveva recitare. Cercai di calmarla per quel che potevo, anche se la mia voce era tremante ed il mio corpo mi pregava di scappare e chiudermi in camera, al sicuro da quel soggetto ignoto che mi si era presentato davanti, cambiato a tal punto da non riuscire a rendermene veramente conto. << Amanda: mamma, calmati Ci sono io adesso, va tutto bene Mamma: non va tutto bene!! La mia reputazione è rovinata!! La mia carriera è finita!!! Nessuno chiederà più di me né mi vorrà nei suoi programmi! La mia vita non ha più un senso adesso >> Questo non doveva dirlo Mi sentii morire: il corpo, la mente, il cuore sembravano volersi allontanare tra loro e prendere una strada diversa, lontana il più possibile da lì E avrei voluto seguirli molto volentieri. Rimasi pietrificata di fronte a quelle parole di cui non avrei mai voluto comprendere il significato, ma per mia sfortuna non ero una stupida ingenua

8 Mia madre Anzi no, io non ero più figlia sua: quella persona che mi stava davanti era più lontana da me di quanto non lo fosse mai stata. Non sentivo più il suo calore, non sentivo più il mio cuore battere assieme al suo. Eravamo distanti più che mai, diverse, opposte, divise da un mondo egoista e falso che si era preso il cuore di mia madre senza che lei se ne rendesse conto E ora sarebbe stato impossibile toglierle gli artigli che la televisione e la fama le avevano piantato addosso, impedendole di reagire e ribellarsi a quella gabbia virtuale e indistruttibile La mattina seguente mi alzai per andare a scuola, e già il fatto che fosse Lunedì non mi aiutava a dimenticare la serata precedente Mi accorsi della presenza di mia madre in cucina, che indossava ancora i vestiti del giorno prima, gli stessi capelli arruffati, gli occhi scavati e lunghe occhiaie che le rovinavano il viso: aveva passato la notte in bianco, come me del resto, ma certamente non per lo stesso motivo. Era immersa in una pila esagerata di riviste di ogni tipo, da Gente a Io donna, da Vanity Fair alla rivista di gossip locale, come se dentro ci fosse scritta la realtà, la verità di un mondo che a lei pareva reale mentre era solo una finzione egocentrica della vita fasulla che si era costruita, o meglio, che si era lasciata costruire intorno da chi sapeva come farlo. E ora si ritrovava a dipendere dai giudizi e dalle critiche di qualcuno che nemmeno la conosceva. Quanta ipocrisia. Forse idiozia. Non volevo parlarle, non me la sentivo, ma fui costretta a farlo dato che aveva occupato l intero tavolo dove solitamente facevo colazione, prima di uscire da quel luogo che non sapevo più se chiamare casa << Amanda: mamma cosa sono tutti questi giornali? >> Non mi rispondeva, era immersa in un articolo che sembrava essere più importante della mia presenza, così mi avvicinai per capire meglio cosa attirasse tanto la sua attenzione e feci una smorfia accentuata, seguita da uno sbuffo più di rabbia che di noia, nel vedere i titoli di tutti quegli articoli e giornali: parlavano tutti di lei, la sua immagine in prima pagina, la sua rottura con Nik sulla copertina, la sua vita privata che, a sentir loro, era finita. Idioti: chi scriveva quelle menzogne e lei che gli dava pure ascolto! Ma non aveva alcun senso litigare, lasciai che soffrisse per quelle stupide copertine colorate, così da rendersi conto che ciò che amava nella vita era ben altro. Non feci colazione e mi avviai subito verso la scuola, sperando di non incontrare nessuno che potesse riconoscermi: non avrei retto un altro scontro aperto, viste anche le conseguenze che aveva avuto una mia legittima autodifesa verbale La mattinata fu noiosa e malinconica, forse perché avevo passato gran parte del mio tempo cercando di evitare sguardi poco graditi e un attenzione che non avevo nessuna voglia di attirare, per qualsiasi motivo. Tornai a casa, sperando di non vedere di nuovo mia madre drogata di critiche e immersa in fascicoli di stupidità, quando mi rilassai un poco sentendo la televisione accesa: almeno aveva fatto lo sforzo di alzarsi dal tavolo della cucina e da quelle dispense di stupidità, forse. Appoggiai zaino e cappotto e mi diressi verso il salotto, decisa a fare pace con mia madre: per quanto non riuscissi più a riconoscerla, il legame che ci univa era troppo importante per me E non potevo lasciare che vagasse sola in un momento così delicato, dato che dei suoi amici e amori perfetti non c era alcuna traccia in giro E dubitavo fortemente che avesse ricevuto delle telefonate, specie da amicone giornaliste tutte pepe e lingua. Insopportabili, quasi quanto i fotografi delle riviste Lei guardava la televisione accesa e sembrava non mi avesse nemmeno sentita entrare, mentre il divano mi dava le spalle e quindi io le arrivai dalla parte posteriore, senza avvicinarmi troppo e

9 osservando con disgusto il programma che stava seguendo: riguardava ovviamente lei. Sembrava che la sua rottura con il bellimbusto fosse una tragedia di carattere nazionale, che addirittura il suo nuovo disco non avrebbe venduto o incassato quanto prima, che quell idiota di Nik valesse più di lei quando era lui a dipendere dalle sua notorietà Ero innervosita dal fatto che mamma guardasse quella ROBA, che si facesse influenzare in quel modo dalla televisione Ma soprattutto che l immagine che si era creata avesse veramente sostituito ciò che era. Presi il telecomando per spegnere la televisione e stavo per fare una delle mie sfuriate fatte per bene quando mi accorsi che mia madre non era cosciente, nemmeno sveglia. In un attimo il panico mi assalì e mi avvicinai a lei parlandole ma visto che non mi rispondeva la scossi, le diedi degli schiaffi, tentai di svegliarla in qualsiasi modo riuscissi ma lei sembrava non volerne sapere di tornare alla realtà. Sentii il suono di qualcosa di piccolo che cadeva a terra così abbassai lo sguardo e vidi una scatolina dal coperchietto bianco ed innocuo: solo apparentemente. Era una scatolina di tranquillanti. Vuota. Guardai mia madre senza riuscire a respirare, il cuore che non sembrava intenzionato a riprendere a battere di nuovo, il mio sguardo pietrificato sulla sua immagine priva di Guardai la televisione e quel presentatore bello e ben vestito che aveva contribuito a firmare la condanna a morte di mia madre, poi persi lentamente i sensi mentre la realtà mi sembrava più fatale della finzione. Mia madre era stata uccisa dalla sua fama, dalla sua voglia di essere ciò che non era, o meglio, di essere ciò che tutti avrebbero voluto vedere in lei. Non era stata più padrona di decidere della sua vita, ci avevano pensato i media a modificarne persino l animo. Di maldicenza si può morire. Forse lei aveva pagato con la vita la costruzione spietata cui a lungo era stata sottoposta la sua immagine, la sua persona. Addirittura il suo cuore. L' unica sua sfortuna era quella di vivere in un Paese che chiama gli spazzini operatori ecologici e gli infermieri paramedici ma che non si tira indietro quando si tratta di costruire sulle spalle di qualcuno quello che definirei un castello di carta pronto a cadere al primo soffio. Condannare una persona ad un immagine vile e falsa è gesto di rara spietatezza perché non concede alla vittima un solo appiglio per difendersi: alla ferocia dei mormorii non c' è difesa, non argine all ignobile pettegolezzo. Mia madre era fragile, nonostante la sua finzione, nonostante media e televisione la volessero diversa. Se la società intende distruggere una persona, o meglio una donna, lo fa senza rimorsi, convincendo chi l ascolta con indifferenza che la sua carriera è finita, che non potrà mai fare altro, che non ha più senso la sua vita: lo fa con metodo, per condannare la malcapitata all' interdizione dalla scena o dalla vita. Abbiamo facce che non conosciamo ce le mettete voi in faccia pian piano E abbiamo fame di quella fame che il vostro urlo ci regalerà E ce l'abbiamo qualche speranza forse qualcuno ci ricorderà. Ligabue Sai La gente è strana, prima si odia e poi si ama cambia idea, improvvisamente prima la verità poi mentirà lui, senza serietà come fosse niente Sai la gente è matta, forse troppo insoddisfatta segue il mondo ciecamente, quando la moda cambia, lei pure cambia Continuamente e scioccamente Mia Martini

10 Già. Dedicato a Mia Martini.

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo COREA Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo Breve presentazione del contesto sociale in cui si lavora Il contesto socio-culturale della Corea sperimenta

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora Gli anziani in realtà vengono considerati i soggetti più esposti al rischio della solitudine; sia perché

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli