SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO"

Transcript

1 SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO INDIRIZZO TURISMO DISCIPLINA Dcpln ch znl PROFILO IN USCITA A CONCLUSIONE DEL PERCORSO QUINQUENNALE, IN TER- MINI DI ABILITA E COMPETENZE (n b ll fo) Ln g l cono bnno l no nno llg ll D.M. n 4 l ; L cpln Dcpln ch znl conco f cong llo n l n l pcoo nnnl gn l ppnno lv l poflo cvo, cll pofonl: lzz l gl n nfoc nll và o, cc ppofonno cpln; g nl nfovo ll zn conb ll nnovzon l o gno ognzzvo cnologco; p np l popo onoo olo nl lvoo gppo; lzz gl n kng n ffn c con; ng vl poo vz znl, ffno clcol convnnz p nv olzon ol. Docno Poc opv EROGAZIONE DEL SERVIZIO 1

2 1..Obv pco c 1.1. Cl z TURISMO: Tp 1 Copnz (Ln g l cono bnno l no nno llg ll D.M. n 4 l ) Rconoc np l nnz c locl, nzonl globl nch p cogln l pcon nl cono co; np - znl n loo oll, poc gon fl nfov; pog, ocn pn vz o poo c; conoc l pclà ognzzv ll p ch conb cc olzon fnzonl ll v polog; Conocnz Ablà Moolog Mol ncpln Il fnono co l volzon oc. Il conco o, nolog c, clfczon pologch fnzon l o Il co co: on off c, poo c L zn ch l v polog zn ch L và ll ADV gln L opzon gl n fonnl p l vn l pnozon vz c Inv l conco o l ffnz l l cgo vggo Ulzz con l nolog b Rconoc l cch ll on ll off c, l loo po ocl conoco Dng l và ll ADV ll TO Rconoc l cch ll và ll gnz vggo Inv l ponblà ll p vgg ll p ch opno nll bo co Lzon fonl Lvo gppo Dcon g Lvo cc Anl c Il fo l cbo: nnovzon ll fl goln n o fno Dcpln concon conn Gogf, Dcpln ch znl, Ilno. Il cbo co pooo co, l fl pov. Ulzzo c Docno 1 Poc opv PO.04- pogzon vlppo 2

3 Tp Copnz (Ln g l cono bnno l no nno llg ll D.M. n 4 l ) Conocnz Ablà Moolog Mol ncpln Dcpln concon conn 2 pog, ocn pn vz o poo c. L gnz vggo: và, flo ll ocnzon poo L cozon n L nzon pzz oggon I ocn vggo zz pgno Copl l voch Clcol l pzzo oggon, conno v n lzzno l gl pop gl opo c L clogh Anlzz, np copl ocn poo ll gnz vggo n ppo con l clnl con l l p ch v 1^ L cozon n c Gogf, Dcpln ch znl, Lng n L no co p gogfc, cll conoc Docno 1 Poc opv PO.04- pogzon vlppo 3

4 1.2. Cl TURISMO: Tp 1 Copnz (Ln g l cono bnno l no nno llg ll D.M. n 4 l ) Inv cc ll nov pbblcc, cvlc, fcl con pcol fno ll l o co; np - znl n loo oll, poc gon fl nfov; conoc l pclà ognzzv ll p ch conb cc olzon fnzonl ll v polog. Conocnz Ablà Moolog Mol ncpln Sogg pbblc ch nvngono nll và c Gon ll p c Coponn l pooo co Rol ponblà nll pofon ch Rlvzon pch ll conblà ll p ch Inv cop, - zon pn nvno ogg pbblc ch opno nl o co Inv l poc ch czzno l gon ll zn ch, ppnn poc fl nfov G l lvzon - ln lzon fonl lvo gppo con g lvo cc nl c Il fo l cbo: L lnzon co nno l v Tcnch bo Dcpln concon conn Dcpln ch, Mc. So n co znl: l p ln ln co lno cho l l gon ll p T l cpln Sn o p conc Docno 1 Poc opv PO.04- pogzon vlppo 4

5 Tp Copnz (Ln g l cono bnno l no nno llg ll D.M. n 4 l ) Conocnz Ablà Moolog Mol ncpln Dcpln concon conn 2 Conb lzz pn kng con fno pcfch polog p o poo c Pog, ocn pn vz o poo c Inv l cch l co l lvoo collbo ll gon l ponl ll p c Blnco czo ocn collg Pncp o l kng Mkng co, opvo gco Tcnch, oolog n kng Lgg np l blnco czo n p c ocn collg Anlzz l on c nv ponzl g cln Anlzz pn cono co co kng nl o co Inv fo poozon coclzzzon g v c ll b ll o ponbl v 1^ L cozon n c Gogf, Dcpln ch znl, Lng n L no co p gogfc, cll conoc (n p n Gogf) Docno 1 Poc opv PO.04- pogzon vlppo 5

6 1.3. Cl n Tco Tp 1 Copnz l no nno (Ln g l cono bnno l no nno llg ll D.M. n 4 l ) nfc pplc l oolog l cnch ll gon p pog; g lzon cnch ocn l và nvl gppo lv zon pofonl; nv lzz gl n conczon wokng pù ppop p nvn n con ognzzv pofonl fno; conb lzz pn kng con fno pcfch polog p o poo c; pog ocn pn vz o poo c. Conocnz Ablà Moolog Mol ncpln Sg znl pnfczon gc Qlà nll p ch S fnzon l bn pln Rpong nl gl con Mkng ol polch vlppo onbl ll En Pbblco Sg kng nch lonco co lonhp ngn, S l pno kng Inv on, von, g pnfczon n co znl o Ulzz poc p lo vlppo l gon l là nll p ch Elbo bn pln Ulzz l nfozon p glo l pnfczon, lo vlppo l conollo ll p c Ulzz g kng p l poozon l pooo ll gn c l oo n Il ll Eo lzon fonl lvo gppo con g lvo cc nl c L pogzon n c nch Dcpln concon conn Gogf c So ll A, Dcpln ch Aznl Co f vn n op pooo co Docno 1 Poc opv PO.04- pogzon vlppo 6

7 Tp Copnz l no nno (Ln g l cono bnno l no nno llg ll D.M. n 4 l ) 2 lzz l ll conczon ll lzon ll p ch Conocnz Ablà Moolog Mol ncpln (*) Pno lfczon vlppo ll off Poo c: clogo on Il clogo co no poo - coclzzzon Tcnch ognzzzon p vn Elbo n pno kng ol n fnzon ll polch conoch fnnz po n p l govnnc l o Elbo poo c, nch c co, l lvo pzzo con fno l oo ll cch Inp l nfozon conn clogh Ulzz cnch n p l pogzon, l ognzzzon, l gon vn lv và lzon fonl lvo gppo con g lvo cc nl c v 1^ Dcpln concon conn v 1^ Tcnch lzon l ponl ccl opo Rg l ccl v opo l collo lzon, nch n lng n (*) I Congl Cl lbno n oo onoo l olo ncpln nll pv cl. Docno 1 Poc opv PO.04- pogzon vlppo 7

8 2. Dn l nno nno nll cl pog l POF ngbl nl pcoo ll cpln. 3. Copon: f cp l ovzon llo o ll ppnno; c n cl cl fvovol ll collbozon fnlzzo ll cc ponl ll nvo n pofco ppnno; plc gl lnn gl obv c, c vlzon l ll vfch; fon gl n oppon congl l oo o. 4. Vlzon. Tpolog pov Inogzon ol Pov, -, non Svolgno pov con opponn cl ll lnno (p l cl n) b. I ocn ngono n conzon l poblà popo pov con p cl plll. S oggo ll con pov gl E So fo Dcpln Tch Aznl à ff n lzon n l cl n. 5. Al Avà và V znl Incon con pofon p Alnnz col/lvoo p l cl p Anno colco Pv, 11 oob 2014 Il coono cpln Ml G Docno 1 Poc opv PO.04- pogzon vlppo

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO Sch Pogzon Tnno SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO.. 2014-2015 INDIRIZZO: Anzon, Fnnz Mkng ARTICOLAZIONE: S nfov znl DISCIPLINA: Infoc PROFILO IN USCITA A CONCLUSIONE DEL PERCORSO QUINQUENNALE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Pno Lvoo Docn SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE.. 2014/15 DISCIPLINA INFORMATICA PROFILO IN USCITA A CONCLUSIONE DEL PERCORSO QUINQUENNALE, IN TERMINI DI ABILITA E COMPETENZE Ulzz gl n l nfoch nll

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE.. 2014-2015 DISCIPLINA : STORIA BIENNIO COORDINATRICE: Pof. Glon Cnp PROFILO IN USCITA A CONCLUSIONE DEL PERCORSO BIENNALE, IN TERMINI DI ABILITA E COMPETENZE Al n

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO CERTIFICAZIONE QUALITÀ SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO.. 2014-2015 INDIRIZZO ECONOMICO E TURISTICO DISCIPLINA RELIGIONE Lo n l n l coo à o go l gn copnz pcfch: vlpp n o no cco n ponl pogo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE.. 2015/2016 DISCIPLINA MATEMATICA APPLICATA INDIRIZZO TURISMO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L c è n lo no nzl p n copnon nv ll là ll'lo, n p logcn con co, czzo n fo nà

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE.. 2014/2015 DISCIPLINA MATEMATICA APPLICATA INDIRIZZO ITER FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L c è n lo no nzl p n copnon nv ll là ll'lo, n p logcn con co, czzo n fo nà cll.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE.. 2013/2014 DISCIPLINA MATEMATICA APPLICATA INDIRIZZO ITER FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L c è n lo no nzl p n copnon nv ll là ll'lo, n p logcn con co, czzo n fo nà cll.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE P.O.F. 2013-2014 SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE.. 2013/2014 DISCIPLINA MATEMATICA APPLICATA INDIRIZZI AFM colzon SIA RIM IGEA TRIENNIO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L c è n lo no nzl p n copnon nv ll

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIENNIO a. s. 2014/15 DISCIPLINA: LINGUA E CIVILTA STRANIERA - INGLESE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIENNIO a. s. 2014/15 DISCIPLINA: LINGUA E CIVILTA STRANIERA - INGLESE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIENNIO.. 2014/15 DISCIPLINA: LINGUA E CIVILTA STRANIERA - INGLESE PROFILO IN USCITA A CONCLUSIONE DEL PERCORSO QUINQUENNALE IN TERMINI DI ABILITA E COMPETENZE Al

Dettagli

P.O.F. ITCT BORDONI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE. a.s. 2013-2014. DISCIPLINA Seconda Lingua Comunitaria TEDESCO

P.O.F. ITCT BORDONI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE. a.s. 2013-2014. DISCIPLINA Seconda Lingua Comunitaria TEDESCO SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE.. 2013-2014 DISCIPLINA Scn Lng Cn TEDESCO PROFILO IN USCITA GENERALE A CONCLUSIONE DEL PERCORSO QUINQUENNALE, IN TERMINI DI ABILITA E COMPETENZE Il c cnc n ll ngnn

Dettagli

MACCHINE ROTANTI A CORRENTE ALTERNATA:

MACCHINE ROTANTI A CORRENTE ALTERNATA: ACCHIE OTATI A COETE ATEATA: GEEAITA Inouzon l pn polo ngono noo l nozon h onnono l'nl l funzonno ll hn on on ln. T l pozon pol è l l o fol o ol o nno lun n phé onn un on unf l funzonno n g zono no. T

Dettagli

al Braglia! Campagna Abbonamenti Stagione Sportiva 2013/2014

al Braglia! Campagna Abbonamenti Stagione Sportiva 2013/2014 V l Bgl! g bb g v 213/214 2 g bb g v 213/214 BBNMN P BUNM UÀ 1.25 BUNM LL 1.5 BUNM P BUN B F BUN P 7 42 28 8 21 PXYZ BUN P v B PLNM 38 225 14 8 21 F N LL 23 145 125 8 21 G H L M N Q GN P N NN.GV. NN UN

Dettagli

MACCHINA SINCRONA MODELLO NELLE VARIABILI DI FASE

MACCHINA SINCRONA MODELLO NELLE VARIABILI DI FASE G. SUPE UG OES E SSE EEOE l H SO g. 7 H SO OEO EE SE o o ll cch co è clco. Sullo o oo olg cou ugul o c lugo l o oo ch gl gc, b,c oo o lc loo. u coucoo gl olg cl, collg llo. l oo l o cch co. l ollo clco

Dettagli

CORSO GARIBALDI. Dall Expo 1906. All Expo 2015 LA FONTE LE ANNATE CONSIDERATE LE ANNATE CONSIDERATE

CORSO GARIBALDI. Dall Expo 1906. All Expo 2015 LA FONTE LE ANNATE CONSIDERATE LE ANNATE CONSIDERATE LA SCUOLA MEDIA DEL QUARTIERE PER IL QUARTIERE g nn S Sn I g ICS Mn Sg, Mn E - A.S. - Sn (M Pn) A zzzn nn gn nn: Cn P, C Mn, G P, L Lnz, Lzz C, Mngn M, Mzz G, Mn C N, R An, Sn P, Sg Lnz, T N, Vnzn S. A

Dettagli

TRATTATO CHE ISTITUISCE LA C.E. Allegato 1)

TRATTATO CHE ISTITUISCE LA C.E. Allegato 1) TRATTATO CHE ISTITUISCE LA C.E. Ago 1) Ago 2) GIURISPRUDENZA COMUNITARIA Ago 3) BIBLIOGRAFIA Gmbno G * Cobn G. L nomv u ng mpn : 3 o 1) Obbgo d u u voo I G o n d I ng. 2 / 1 / 19 79p. 7 2

Dettagli

CASE HISTORY 1 REVISIONE 02 DATA 05/06/2014

CASE HISTORY 1 REVISIONE 02 DATA 05/06/2014 REVISIONE 02 DATA 05/06/2014 1 BIOSOLUTIONS SERVICES LLC (USA) So Boch conung Dcon Nd An d mco d mdcn gnv p cu Avnmno In coo d on Cn Boouon Svc LLC (USA) Ch Lmb, uno d pncp hhod, è o x Gn Mng d coc o mc,

Dettagli

informa Comune di ALBUZZANO il omune numero 4 dicembre 2012

informa Comune di ALBUZZANO il omune numero 4 dicembre 2012 f C ALBUZZANO C l f f 4 2012 f l C f Rz. 6/2010 l 10.12.2010; E: C Alzz Dz z: C Alzz - Pzz V 1 - Alzz PV D Rpl: F C P f pz p: v C C v vl ll l ll l CIf v p f l ll p f qll h è lzz ql v ( p l f pzz V). C

Dettagli

ufficio show room scrittura ufficio elettronica hi-tech/accessori agende/calendari ombrelli borse

ufficio show room scrittura ufficio elettronica hi-tech/accessori agende/calendari ombrelli borse how room cur uffco lonc h-ch/cco gnd/clnd ombrll bor uffco 38 l quozon ono ogg obl gumn ggornmn d mco c/orzon gg bmbo mr ugn uo clln bbgmno r S4068 d r bloccho un connor n c con bloccho n cr nn f. m ul

Dettagli

r ic tu a o r ic s i i h o e

r ic tu a o r ic s i i h o e H f v h c A Th P l c c S! Il c è là zl. Ach l Il, v l l c è c, c 6 l l 5 cl v l l ll S, ù l. c l ff zl Fc Sc BBC Hy Fc Ach Mv S v (l f ) R S R 3 R 4 R 5 Fc F S v cc c ll vz. L f v c : E M M Mfz S bblc

Dettagli

LE MATERICHE PRIMA SEZIONE (VERDE) - I QUADRATI - SEZIONE TURCHESE - GLI ORIZZONTALI - SEZIONE GIALLA - I VERTICALI - SEZIONE ROSSA

LE MATERICHE PRIMA SEZIONE (VERDE) - I QUADRATI - SEZIONE TURCHESE - GLI ORIZZONTALI - SEZIONE GIALLA - I VERTICALI - SEZIONE ROSSA L LOGO SUDDVSO N 4 GND SZON P FLN L ONSULZON P SZON (VD) L Sono opere uniche in quanto la riproduzione artistica su tela è arricchita dalla mano esperta di pittori, per restituire all opera riprodotta

Dettagli

Localizzare gli oggetti

Localizzare gli oggetti NDC SUU 3^ UN FUNZN CUNCV : Chiedere e dire l'età, il mese e la stagione del compleanno Chiedere che colore è un elemento Chiedere qual è il giocattolo /colore preferito Saper dire cosa una persona ha

Dettagli

c r e a t i v i t à O G G I

c r e a t i v i t à O G G I 9 c mp us l pnso co p l succsso dll pop znd o dll pop ognzzzon To d Cy Tody d. Byb R. Vullngs UNA MENTE CREATVA ESERCTATE LE VSTRE ABLTA CREATVE! Esmn com un l, l pnso co d f sczo p mnn l popo cllo n fom.

Dettagli

Bando Trasferimenti da altra sede e passaggi di corso di studio - A.A. 2015-16

Bando Trasferimenti da altra sede e passaggi di corso di studio - A.A. 2015-16 C Cr Sr rrr su 1 B rsr lr s pssgg rs su -.. 2015-16 Sr S l u l prvu sru (r. 5 l B) r. 1 l B sbls h pss prpr l su b slusv: ) gl su prv lr s h h l srz u rs su ll sss lss qull u s sr, qul ur h, ll s u prvg,

Dettagli

Fig. 4.1 - Struttura elementare del motore in corrente continua

Fig. 4.1 - Struttura elementare del motore in corrente continua 4 MACCHINA IN CORRENTE CONTINUA 4.1 Suu schm lmn P compn l pncpo funzonmno ll mcchn n con connu (m.c.c.) fccmo fmno ll suu lmn nc n Fg. 4.1. 1 A φ 2 B Fg. 4.1 - Suu lmn l moo n con connu Fg. 4.2 - Pcoso

Dettagli

Aletti Bonus Certificate. Ti premia anche quando non te lo aspetti.

Aletti Bonus Certificate. Ti premia anche quando non te lo aspetti. Al Bonus Cfc T pm nch qundo non lo sp Al Cfc T pomo dov d solo non uscs d v Lo sumno fnnzo ch consn d lzz un sg d nvsmno ch pnsv nccssbl Quso è Al Cfc Bnc Al, vo p dzon soddsf nch l sgnz pù sofsc dgl nvso,

Dettagli

Aletti Borsa Protetta Certificate. Sentirsi al sicuro.

Aletti Borsa Protetta Certificate. Sentirsi al sicuro. Al Bos Po Cfc Sns l scuo Al Cfc T pomo dov d solo non uscs d v Lo sumno fnnzo ch consn d lzz un sg d nvsmno ch pnsv nccssbl Quso è Al Cfc Bnc Al, vo p dzon soddsf nch l sgnz pù sofsc dgl nvso, m dsposzon

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI NOVEMBRE 2010

CATALOGO PRODOTTI NOVEMBRE 2010 TLOGO PODOTT NOVMB 2010 LNO BNH PGN T D FMNTO 1 TGN BNL (GUPPO BNP PB) 2 BN G P ( D PMO D GNOV MP) 3 BN M ( D PMO D MN P) 4 BN D BOLOGN 5 BN D PNZ OT' OOPTV P ZON 6 BN D P (GUPPO UNBN) 7 BN MLVNT 8 BN

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati L FIME a.a. 8-9 9 oa ll ozon Poo suua Gogo Consgl gogo.onsgl@unbg. Uff 58 vmno m:.-3. Pogamma. Mao ll ozon ona va. oa ll ozon 3. nh valuazon 4. Hgng 5. Inggna fnanzaa 6. Pou numh 7. Dvavs sass Ozon Pou

Dettagli

Rosetando. La Tua Guida Turistica di Roseto Capo Spulico

Rosetando. La Tua Guida Turistica di Roseto Capo Spulico R L T G T R R L T G - V è f fz : V y R I è vzz v v v v f v v z ù A J A v à z z v v f à zz P v v f R F N Z j B ffè v ù f R If f h f R f à z -j z - N z v v f f D D F & D wwwf A v zz V y R Az z zz ù v v zz

Dettagli

DATACENTER PALAZZO DEI CONGRESSI SITO B DATACENTER ARTE ANTICA SITO A SCHEDE DI MANUTENZIONE ORDINARIA

DATACENTER PALAZZO DEI CONGRESSI SITO B DATACENTER ARTE ANTICA SITO A SCHEDE DI MANUTENZIONE ORDINARIA LLEGO B DCENER PLZZO DEI CONGREI IO B DCENER RE NIC IO CHEDE DI MNUENZIONE ORDINRI 1 CHED 1 REDZIONE DOCUMENZIONE ZON ppo Mo/Cod Vf h oozo d o d odo ofo qo do o CEI 64/8 f 1000 po 3108 Vf podz d po o d

Dettagli

Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45

Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45 Dzn n D Cnnz Cn c Lgg gn g 013 n. 45 Invn gn fnnz n fv fmg v n ffcà cn cn g c. bn Uffc n. 39 m 07.0.013 gg 45 v CONRIBUI gn fmg n c c cnbu fv fg nuv n cc n ff v 70000 g un num; c 3 cnbu fv fmg num (mn

Dettagli

Principali fattori ubicazionali Molto variabili da zona a zona costi di costruzione Concentrato. caratteristiche del mercato. fonte materie prime

Principali fattori ubicazionali Molto variabili da zona a zona costi di costruzione Concentrato. caratteristiche del mercato. fonte materie prime Anl Uczonle Progezone e Geone degl Ipn Indurl A.A. 04-05 Anl Uczonle Progezone e Geone degl Ipn Indurl A.A. 04-05 Unverà degl Sud d glr D.I... Scel dell uczone d un pno ndurle Prof. Ing. r Tere Pllon Prncpl

Dettagli

ITALIA REPUBBLICA Francobolli nuovi

ITALIA REPUBBLICA Francobolli nuovi ITALIA REPUBBLICA Fnll nuv n 113 A pt l l 6 6 ntsm ntsm Gnt Gnt ll ll fltl fltl l 8, l l 8, t vl l t pstl vl tln pstl sn mht u. Qull lfnum pp ll z stt qull ll Pst stt Itln. qull Qust ll llzn Pst Itln..Qust

Dettagli

Sémestriel de la bibliothèque communale d étroubles n. 25 1/2014. Mon pays étroubles

Sémestriel de la bibliothèque communale d étroubles n. 25 1/2014. Mon pays étroubles Sél l bblohèqu coul éoubl. 25 1/2014 Mo py éoubl Eol Ul é o l Soo p quc l o po cco p ll Bbloc uo quo po l ho uo co u pz uc, ol fco u oppouà po p cooc glo l p p ll po,, p lol poccupzo. Co Bbloc bbo poo,

Dettagli

Leggerezza strutturale e coibenza termica. editabile. osolaio. ecosolaio ECOSISM ECOSOLAIO

Leggerezza strutturale e coibenza termica. editabile. osolaio. ecosolaio ECOSISM ECOSOLAIO Lr rrl c rc l l cl ECIM ECLAI è l EP, l rfrc, r, rl r. 7 ECLAI - PARTICLARI CTRUTTIVI L ll lr EP ò r lc r lc r rc r l l lr. Il r ffc cc v frrà l r r q r, clv ch rl lr. Ecl r c l r c lc ch l r l. PREMEA

Dettagli

legenda COMMITTENTE: Scala 1:5.000

legenda COMMITTENTE: Scala 1:5.000 l Arftgrmmtrc lgnd TTT: Scl :. rs d'cqu rtcl drc prncpl rltv fsc d rsptt Prc gnl Vll Tcn TTA' AAS Ar d rsptt d crs d'cqu d ntr nturlstc (. /) prs Ar gugn 99 AAZ AT TTA (rtgrf- Arftgrmmtr- Tpgrf- nch t

Dettagli

CONVENTO. provincia. Sul convento di Sant'Antonio da Padova della terra di. Rotondella. L'Ill.mo Astorgio Agnesi, cavaliere napoletano e

CONVENTO. provincia. Sul convento di Sant'Antonio da Padova della terra di. Rotondella. L'Ill.mo Astorgio Agnesi, cavaliere napoletano e COMUNE DI ROTONDELLA CONVENTO DI SANT ANTONIO DA PADOVA Pof Gov Moeo Pbblczoe c Coo Sglo Ogg eo e olo l bell, c è ggo ecee cple eb pleeee fo p; p l e o oco cple vel Pe l eo e gfc coe o c poch pezz ggev,

Dettagli

Sig. Mario Casolli, siamo. comodissimi pulniini per tutta. lavoro ideale: Avis Partner. soluzione perfetta per risolvere occasionalì necessità

Sig. Mario Casolli, siamo. comodissimi pulniini per tutta. lavoro ideale: Avis Partner. soluzione perfetta per risolvere occasionalì necessità , Sptt l Cl Rgn Cmpn Cd l E7 8 Npl c D Mtn Rm, 5 Mz 22 ggtt: fft Egg Dtt Mtn, fcnd gut l cllqu ntc cn nt ctà d un pgmm pnlzzt Act l Sg M Cll, m d lt d ptnhp tudt p pntv vt Av Eup è l d A cn un ntwk cmpgn

Dettagli

9 788891 802279 euro 14,90

9 788891 802279 euro 14,90 9 8889 80229 u 4,90 k COP ITA. 2 09/02/5 4.55 Sb F M Fug L Lb L M M pù u gu, u vgg L Gu EK Mpp M 2 3 4 5 8 9 2 3 4 Du Pzz R Mu Nv Pzz M 5 8 9 C Sfz T Mu Dg P Sp A P Aqu 0 2 3 4 G v P P Mu S Nu V R PAC

Dettagli

Arte Figurativa. Ginnasio Gian Rinaldo Carli settembre 2014

Arte Figurativa. Ginnasio Gian Rinaldo Carli settembre 2014 A Figuiv Gisio Gi Rildo Cli smb 2014 A ic. is io z li u ic d c s h c ssio p s i d m o F Op d po può m l io pz i l, o u u co il! d i ib u u s im è, Esp o im u o c il cmbi, m o m z z p p Il vlo, l bi l m

Dettagli

soluzione informatica A Domanda Risponde

soluzione informatica A Domanda Risponde ..ADR ouon nom omnd Rpond Ipo E... v Zon, 28-46029 Su (MN) 0376-521926 Fx 0376-521953 E-m : po@po.n www.po.n www.-ouon.om P IVA 01754060208 C.C.I.A.A. 179495 Ion Tbun Mnov 18447.. ouon nom A Domnd Rpond

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ 2 GLI ELEMENTI FONMENTLI ELL GEOMETRI T T i uovluzion 0 10 20 30 40 0 0 70 80 90 100 n Il mio punggio, in nimi, è 1 2 3 Ov l figu gn l uni popoizion o. ppin L. ppin l. ppin l. ppin l ppin l. l ppin.

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. (Poste italiane) NUOVI anno 2012 ESCLUSIVAMENTE FRANCOBOLLI MUNITI DI CODICE A BARRE

REPUBBLICA ITALIANA. (Poste italiane) NUOVI anno 2012 ESCLUSIVAMENTE FRANCOBOLLI MUNITI DI CODICE A BARRE REPUBBLICA ITALIANA fnll n (Pst tln) NUOVI nn ESCLUSIVAMENTE FRANCOBOLLI MUNITI DI CODICE A BARRE A pt l 6 ntsm Gnt ll fltl l 8, l t vl pstl tln sn mht u. Qull lfnum pp ll z stt qull ll Pst Itln. Qust

Dettagli

Il fantasma di Canterville

Il fantasma di Canterville TR O I f d Cv TA TE A I Ad Gc T! FA N SCHEA IATTICA f d Cv (Th Cv Gh, 1887) è u cb cc uc gv d Oc Wd Pubbc v u v Th Cu d Scy Rvw, cc bb u ucc cu d 'g N zz u d c, v È u d d S d f Lgg gu b d' g d Wd, d dd

Dettagli

designed for long distances

designed for long distances designed for long distances listino prezzi price list 01.09.2012 INDICE GENERALE/INDEX SERBATOI GASOLIO TIPO ORIGINALE ORIGINAL TYPE FUEL TANKS 3 SERBATOI GASOLIO MAGGIORATI 4 SERBATOI MISTI OLIO e GASOLIO

Dettagli

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Perché? Le recenti azioni giudiziarie hanno indotto nelle aziende la necessità di dotarsi di un modello

Dettagli

3) DIFFUSIONE DELLA LUCE E SPETTROSCOPIA RAMAN

3) DIFFUSIONE DELLA LUCE E SPETTROSCOPIA RAMAN DIFFUSION DLLA LU STTROSOIA RAAN La uso lla lu a pa u aomo quval al sgu posso (l aomo è l lvllo : (A Assobmo u oo quza vo oa k passaggo allo sao ao aua (sao al o msso u oo quza vo oa k. Oppu: (B msso u

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di LOGRATO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE QUARTA

ISTITUTO COMPRENSIVO di LOGRATO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE QUARTA UO COMPNVO di OO CUO PM CUCOO D NO C QU OBV FOMV OBV PCFC COMPNZ NDD D PPNDMNO C O P 1. Mettere in atto strategie essenziali finalizzate all ascolto attivo. 2. Durante l ascolto mettere in atto processi

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

MASTER MATERIE ERBORISTICHE

MASTER MATERIE ERBORISTICHE n - T n STER - n Tn Eb V Dvd Supn,4 00165 Rm L STER n Tn Eb, n ppn n l dm dll Ebh è l d pp pp l gun nv ulul: CHIMIC E BIOCHIMIC MONTE ORE: 28 GIORNT DELLE LEZIONI: DOMENIC DTE DELLE LEZIONI: nvmb: 09 /

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE Rpg vutzn p Cs Lu Ann ccmc 010/011 S Bsc Fctà FACOLTA' DI SCIENZE ATEATICHE,FISICHE E NATURALI Cs Lu ATEATICA (L) Dt stzn t 10/0/011 UNIERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE utzn ssfzn g stunt (Lgg 0/1) Rpg

Dettagli

TEAM ANALYSIS. SPEZIA vs BRESCIA

TEAM ANALYSIS. SPEZIA vs BRESCIA CAMPIONATO SERIE BWIN -3 TEAM ANALYSIS s A u ll Uff Sm Sz Cl Sz - Bs Sz - Als gl R f 3 R sub m R f R sub Dsbuz m R f R sub -5 5-3 3-45 Ru s R f Dsbuz su ll R sub R f R sub fu Dgl su ll R f R sub s ss s

Dettagli

1 - Nuovo servizio CZ POINT con biglietteria concerti, eventi sportivi, teatri etc.

1 - Nuovo servizio CZ POINT con biglietteria concerti, eventi sportivi, teatri etc. N. 0 - Mzo 2009 Pzz ll Pc, 3 58014 Mncno (GR) Tl. Fx 0564 628390 www.c.n -ml: nfo@c.n C INIZIATIVE 1 - Nuovo svzo CZ POINT con bgl conc, vn spov, c. 2 - Psnzon lb con uo ll nno. 3 - Pomozon su gocol Nl

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

58% 158% 41% PENETRAZIONE INTERNET PENETRAZIONE MOBILE PENETRAZIONE SMARTPHONE SUL TOTALE DELLA POPOLAZIONE SCENARIO DESKTOP VS MOBILE ITALIA

58% 158% 41% PENETRAZIONE INTERNET PENETRAZIONE MOBILE PENETRAZIONE SMARTPHONE SUL TOTALE DELLA POPOLAZIONE SCENARIO DESKTOP VS MOBILE ITALIA SCENARIO DESKTOP VS MOBILE ITALIA PENETRAZIONE INTERNET 58% PENETRAZIONE MOBILE 158% 41% PENETRAZIONE SMARTPHONE SUL TOTALE DELLA POPOLAZIONE SOURCE: US CENSUS BUREU, INTERNETWORLDSTATS CNNIC GENNAIO 2014

Dettagli

Criteri per l integrazione l fotovoltaici

Criteri per l integrazione l fotovoltaici Criteri per l integrazione l degli impianti fotovoltaici Gerardo Montanino Direttore Operativo Energy Forum - Bressanone, 9 dicembre 2008 www.gsel.it 2 Indice Il Conto Energia Bilancio del Conto Energia

Dettagli

COS'E' IL MARKETING? COS'E' IL MERCATO DI SBOCCO?

COS'E' IL MARKETING? COS'E' IL MERCATO DI SBOCCO? CO'' L MRKNG? l MRKNG è un insieme di attività che l'azienda compie per UDR, MPOR o MODFCR i rapporti con i MRC D BOCCO della propria produzione. Le aziende che programmano la produzione partendo dai desideri

Dettagli

D.M. 21 maggio 2001, n. 308

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 D.M. 21 maggo 2001, n. 308 Rgolamno concnn «Rqs mnm sal oganzzav p l'aozzazon all'sczo d svz dll s a cclo sdnzal smsdnzal, a noma dll'acolo 11 dlla L. 8 novmb 2000, n. 328» (Pbblcao nlla Gazza Uffcal 28

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. GENNAIO 2014 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

Sémestriel de la bibliothèque communale d étroubles n. 19 2/2009. Mon pays étroubles

Sémestriel de la bibliothèque communale d étroubles n. 19 2/2009. Mon pays étroubles Séml d l bblohèqu communl d éoubl n. 19 2/2009 Mon py éoubl B b l o h è q u Ulm v Ammn, Nccolo Ch l f comnc Romnzo Lvy, Mc L pm jou Romn Colho, Pulo Bd Romnzo Fv, Fnnd Donn l lvoo V ocl d ndul Il nuovo

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. FEBBRAIO 2015 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO - 49 - 3.1 INTRODUZIONE Volendo descrivere le province utilizzando contemporaneamente gli indicatori relativi alle diverse tematiche analizzate prima in modo

Dettagli

Il settore energie all'esposizione internazionale mce di Milano

Il settore energie all'esposizione internazionale mce di Milano N. 1/l 2014 - A 35 S. bb. t. 20/ t. 2 L 662/96 - T P D. Pt P ll Ittt Sl Mf ll A. Exll/ D. Rbl: Mhl Pjtt Atzz. Tbl P 629 l 31.03.1979 BOSCO l t l l t t t: l bb l f bb, tt f l t tt P ù ltà, q lt Qt t! t

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Dco mnsal 21 maggo 2001, n. 308 "Rgolamno concnn «Rqs mnm sal oganzzav p l'aozzazon all'sczo d svz dll s a cclo sdnzal smsdnzal, a noma dll'acolo 11 dlla L. 8 novmb 2000, n. 328» Pbblcao nlla Gazza Uffcal

Dettagli

I.M.G. S.r.l. SEZIONE A-A. PIANTA A Q.ta CAMERA D'ISPEZIONE. PIANTA A Q.ta POZZETTO MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI SEZIONE B-B

I.M.G. S.r.l. SEZIONE A-A. PIANTA A Q.ta CAMERA D'ISPEZIONE. PIANTA A Q.ta POZZETTO MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI SEZIONE B-B N Q.t MER 'SEZNE N Q.t ZZE SEZNE FGN V ESSENE FGN V ESSENE os.10 MER 'SEZNE ESSENE MER 'SEZNE ESSENE os.2 os.8 os.2 mcropl Ø240 rmt con tubo Ø193.7 12.5 L=15.00m mcropl Ø240 rmt con tubo Ø193.7 12.5 L=15.00m

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV.

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV. Problemi Una mole di molecole di gas ideale a 292 K e 3 atm si espandono da 8 a 20 L e a una pressione finale di 1,20 atm seguendo 2 percorsi differenti. Il percorso A è un espansione isotermica e reversibile;

Dettagli

2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione.

2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione. D.M. 21-5-2001 n. 308 Rgolamno concnn «Rqus mnm suual oganzzav p l'auozzazon all'sczo d svz dll suu a cclo sdnzal smsdnzal, a noma dll'acolo 11 dlla L. 8 novmb 2000, n. 328». Pubblcao nlla Gazz. Uff. 28

Dettagli

UNIVERSIEk DEGLISTUDI DI PALERMO

UNIVERSIEk DEGLISTUDI DI PALERMO UNIVERSIEk DEGLISTUDI DI PALERMO ) Rsos dvnt dll Sps Gnl conoscut nl pogtto. Un quot p l mssmo dl 50% dll sps gnl, nto l lmt mssmo dl 10% dll sos fnnz ntt povnnt dll Ent fnnzto, sà dstnt ll Atno utlzzt

Dettagli

forlicasa...p. 5 metroquadro...p. 5 imm. italia...p. 6 patty chiari...p. 6 soloaffitti...p. 7

forlicasa...p. 5 metroquadro...p. 5 imm. italia...p. 6 patty chiari...p. 6 soloaffitti...p. 7 202 MENILE DI INFORMAZIONE IMMOBILIARE DI FORLI E DINTORNI V G, 34 - FORLI - T 0543 5533 - -: @ pp 855 D /09/202 - A T F 9/988 - D RpF M p 3 p 3 p 4 p 4 fp 5 q p 5 p 6 py h p 6 ff p f p 8 p p 8 p 9 p 9

Dettagli

tana del pazzo e cocc è di meglio?

tana del pazzo e cocc è di meglio? d pzz B L V g v L f d M Cppè T d Luc M, g u... u G ccc è d mg? c c 72 TUTTOmb TUTTOmb 73 d pzz Ty cc. M cm qud u c p d p d k p I bk è M d, c v d u, dvv u u m v p d c I pcu f ch è p c u cpp d M + Hgh R

Dettagli

Punteggio disabilità. totale. 80 100 Adeguamento bagno-servizi e impianti e opere connesse

Punteggio disabilità. totale. 80 100 Adeguamento bagno-servizi e impianti e opere connesse Allegato D (riferito all articolo 7, comma 5) COMUNE DI UDINE SERVIZIO AMMINISTRATIVO APPALTI Unità Operativa Amministrativa 4 Elenco delle domande pervenute al 31.12.2014 e ritenute ammissibili ai sensi

Dettagli

TRASFORMATE DI LAPLACE

TRASFORMATE DI LAPLACE TASOMATE D APACE rorm lc co rormr l quzo rzl quzo lgbrch mlco l l crcu mc lr. l moo ll rorm lc grlzz l moo or: zché clcolr l ro rm gr uol, co l rorm lc omo rcvr l ro coml u cl gr molo ù grl ch olr ll uo

Dettagli

COMPITO A DI CHIMICA DEL 15-09-09

COMPITO A DI CHIMICA DEL 15-09-09 COMPITO A DI CHIMICA DEL 15-09-09 1A) 3,447 g di anidride arsenica (As 2 O 5 ) solida e 6,278 g di zinco metallico vengono fatti reagire con un eccesso di acido solforico. Si calcoli il volume di arsina

Dettagli

al sistema GHS fabbricanti e agli impo

al sistema GHS fabbricanti e agli impo hm d p h E m f n n md l ssm GHS nuv z l v n p Infmzn m m dsn h d p p l zzn d p. fbbn gl mp GHS l nuv ssm glblmn unfm d zn d pl GHS è l nm d Glblly Hmnzd Sysm f Cssfn nd Lbllng f Chmls, l nuv ssm d ssfzn

Dettagli

ALLEGATO 1: SCHEDE 91 E 111 DELLA RETE ECOLOGICA REGIONALE

ALLEGATO 1: SCHEDE 91 E 111 DELLA RETE ECOLOGICA REGIONALE LLGT 1: SCHD 91 111 DLL T CLGC GNL 148 149 150 151 152 153 154 155 SCHD DGL MBT D TSFMZN LLGT 2 MBT D TSFMZN SDNZL - SCHD D VLUTZN CMPNNT STUZN TTUL FFTT TTS CMPNSZN & MTGZN MNTGG Vicinanza di un allevamento,

Dettagli

Diffusività dei Gas. componente A in direzione della diffusione di A in A+B gr.moli/m 3 Dx Distanza nella direzione della diffusione di A in A+B m

Diffusività dei Gas. componente A in direzione della diffusione di A in A+B gr.moli/m 3 Dx Distanza nella direzione della diffusione di A in A+B m Diffusività dei Gas Descriviamo l assorbimento di un gas in un liquido per introdurre il concetto di diffusività. Si voglia ad esempio assorbire con acqua dell ammoniaca contenuta in un gas sia per liberare

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA TABELLA DANNO BIOLOGICO -ANNO 2013

TRIBUNALE DI ROMA TABELLA DANNO BIOLOGICO -ANNO 2013 INV Valore Età Età Età Età Età Età Età % punto 0-10 11 12 13 14 15 16 1 0,995 0,99 0,985 0,98 0,975 0,97 1 814,72 814,72 810,64 806,57 802,50 798,42 794,35 790,28 2 1040,29 2.080,59 2.070,19 2.059,78 2.049,38

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

numero fattura data fattura imnpo~ofotb~ra residuo dovuto Interessi legali D.I. n. 3 partenza aino alla data de118.11.15

numero fattura data fattura imnpo~ofotb~ra residuo dovuto Interessi legali D.I. n. 3 partenza aino alla data de118.11.15 numero fattura data fattura importo fattura residuo dovuto Interessi ega iedinnoraoj.n.3188/14 Interessi Legali sino alla domanda giudiziale Interessi Moratori dalla domanda giudiziale interessi legali

Dettagli

recent exhibition: A Blow-by-Blow Account of Stonecarving in Oxford (2014) at Modern Art Oxford, Dublin City Gallery The Hugh Lane, and

recent exhibition: A Blow-by-Blow Account of Stonecarving in Oxford (2014) at Modern Art Oxford, Dublin City Gallery The Hugh Lane, and Av: C k S L I V I Pv B A 2015. Av: C v j vv v j v. S L xv - z q v vk. T L vk I x v v. T j I B Av: C /. P L v v I k j v. T x Av: C k x. T j L v v Av: C v. S x x v. Lv v x. M k k. 1 Av: C è v S L I V P B

Dettagli

Prova di coltivazione di varietà di pomodoro resistente a virosi in territorio di Termini Imerese (PA)

Prova di coltivazione di varietà di pomodoro resistente a virosi in territorio di Termini Imerese (PA) Pg fzz R m v u p mp, vzzz puz mzzz h u Avà 2011 Pv vz và pm v Tm Im (PA) (: Gh p Rpb.O.P.A.T.. 57 m) PREEA 2001 z Opv EA m h vu ff v pbmh g h vu vz p mp; p, puz pm u p pm 80% puz vb. vgh ffu p Uvà g u

Dettagli

Il Progress Test nei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie

Il Progress Test nei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie Il Pgss Tst n Cs d Lu dll Pfssn Snt Pl Pllstn (Psdnt C.d.L. n Fstp) Luc Btzz (Cdnt C.d.L. n Fstp) Unvstà d Blgn 1 Pgss Tst Infm Fstpst PROFESSIONI CHE HANNO PARTECIPATO Osttch (ch hnn sgut un pcdu plll)

Dettagli

Materiali ceramici. Solidi inorganici (ionici / covalenti) O, B, C, Si, Al, N,.

Materiali ceramici. Solidi inorganici (ionici / covalenti) O, B, C, Si, Al, N,. Matral crac Sold norganc (onc / covalnt) O, B, C, S, Al, N,. Proprtà rfrattar, alt punt d fuon, baa conducbltà, lvata dura, buona lavorabltà Auono truttur crtalln po olto copl ndc d carattr onco (poco

Dettagli

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/03/2010)

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/03/2010) TBELL PREZZI DEGLI INTERVENTI PER PROVINCI (escluso pezzi di ricambio) G comune/provincia 290,00 Comprende trasferta e 1 ora lavoro. Ore seguenti vedi tab. TRIFFE pag.5 L comune/provincia SI Trasferta

Dettagli

Premiazioni. Venerdì 10 gennaio 2014, ore 10.00 presso la palestra della scuola primaria Don Bosco

Premiazioni. Venerdì 10 gennaio 2014, ore 10.00 presso la palestra della scuola primaria Don Bosco V A zz g 14) c 0 2 s g 7 b 3 g mb 201 u 8 c Espsz gz ( v Pmz Vì 10 g 2014, 10.00 pss ps scu pm D Bsc 13 31 g 2014 ms-spsz g b pss s bbc - V mucp (v Cà Ps 74) N c sscz IL GIOCO DELL'OCA DA PIAZZA A m 10.30,

Dettagli

5, 99 0, 95 1, 99. dal 3al 18 Maggio. dal 8 al 25 Maggio. Offerte valide. Offerte valide. DASH Liquido Lavatrice 24 DOSI X 2 PEZZI Actilift.

5, 99 0, 95 1, 99. dal 3al 18 Maggio. dal 8 al 25 Maggio. Offerte valide. Offerte valide. DASH Liquido Lavatrice 24 DOSI X 2 PEZZI Actilift. DASH Lqud Lv 24 DOSI X 2 PEZZI Af Imbb d m Bu In C FELCE AZZURRA Ammbdn 3 L Off vd Off vd d 3 d 25 NELSEN P L www.pn. Pzz! ndb n P d f! BIONSEN Shmp 250 m 9 d. BIONSEN D 250 m A BREEZE Ddn Squz 250 m Um

Dettagli

Lezione 3. F. Previdi - Automatica - Lez. 3 1

Lezione 3. F. Previdi - Automatica - Lez. 3 1 Lzon 3. Movmno Equlbro F. Prv - Auomaca - Lz. 3 1 Schma lla lzon 1. Movmno ll usca un ssma LTI SISO. Movmno lbro movmno forzao 3. Equlbro un ssma LTI SISO 4. Guaagno saco un ssma LTI SISO F. Prv - Auomaca

Dettagli

Freschezza in Svizzera

Freschezza in Svizzera Fschzz Svzz Tutt l sd l md s dspbl ll dzz mch-stutscm tt v Rc u l d t I l st p d st g 012! 2 1 1 26 g k C As sudtl d Spcltà dll As Mché! Dvtt f d fcbkcm/mchrstutsschwz mch-stutscm pp cs d P u st &g Islt

Dettagli

Leggi dei Gas. 2 MnO 4 - + 3 H 2 O 2 2 MnO 2 + 3 O 2 + 2 OH - + 2 H 2 O (Mn: +7 +4 ; no = +3). 2 = +6e - (O: -1 0 ; no = -1; x 2 = -2).

Leggi dei Gas. 2 MnO 4 - + 3 H 2 O 2 2 MnO 2 + 3 O 2 + 2 OH - + 2 H 2 O (Mn: +7 +4 ; no = +3). 2 = +6e - (O: -1 0 ; no = -1; x 2 = -2). Leggi dei Gas Esercizio 3.1. a) Bilanciare in forma ionica (1) e in forma molecolare (2) la seguente reazione in soluzione acquosa: permanganato di potassio + perossido d idrogeno biossido di manganese

Dettagli

Sémestriel de la bibliothèque communale d étroubles n. 22 2/2011. Mon pays étroubles

Sémestriel de la bibliothèque communale d étroubles n. 22 2/2011. Mon pays étroubles Séml d l bblohèqu communl d éoubl n. 22 2/2011 Mon py éoubl B b l o h è q u - 2 - Ulm Gbo, Chl- Emmnul B un m... Lo p bmbn Gmbl, Ch L luc nll c dgl l Romnzo Ruz Zfon, Clo Il pncp nll nbb Romnzo Aln I â

Dettagli

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007 Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Milano, 25 febbraio 2009 CONTENUTI 1. I risultati della nuova statistica annuale RC Auto gli

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici e siti web rilevanti nella didattica della lingua inglese

11.2 Uso di strumenti informatici e siti web rilevanti nella didattica della lingua inglese 11.2 U d fc b v ddc d c d M Bcz Idz N vpp d v d dff d d cp fz pv ddc d, pù, d cd (L2). G f d cp, c zz p pz d c d v, c p cz d pd p. R d I Lb d fc à zz c pù pz d p cp, pb c f. L pfc ddz cpd p c bc, c, vd/fc

Dettagli

L Italia sembra giovane. e nuova, con le case bruciate

L Italia sembra giovane. e nuova, con le case bruciate pp f I 25 p f v Rz Lbz I. I 25 p bz I pz v f. G h v Rz I. I I Rz è p h h b f. A q pp pp p h ppv v f. I v f, è v h pv pv f bà p. Iv p pp p h pp Rz v z bà. L I b v v, b, q p,, p p, p. N bb v,. pp f CITAZIONI

Dettagli

SISTEMI DI ALIMENTAZIONE DI EMERGENZA

SISTEMI DI ALIMENTAZIONE DI EMERGENZA SSM D LMNZON D MGNZ Un sistema di alimentazione di emergenza è un sistema elettrico in grado di alimentare, per un periodo di tempo più o meno lungo, un certo numero di utenze in caso venga a mancare l

Dettagli

ELENCO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA al 31 Dicembre 2011

ELENCO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA al 31 Dicembre 2011 ELENO RED D DUBB ESGBL al 31 Dicembre 2011 NVO 2011 RED D DUBB ESGBL' ONSU NVO O PR. NNO NUM SU B P R RED D O EQ PROVVEDMENO DEBORE Oggetto DUBB ESGBL' OGLERE DL /PRMONO NSSE OGLERE DL /PRMONO SRLE RED.

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA DI VILLA STRADA. a.s. 2013/2014 SEZIONE DEI BAMBINI DI 5 ANNI

SCUOLA DELL'INFANZIA DI VILLA STRADA. a.s. 2013/2014 SEZIONE DEI BAMBINI DI 5 ANNI SCUOLA DELL'INFANZIA DI VILLA STRADA a.s. 2013/2014 "LA FESTA DEI NONNI" SEZIONE DEI BAMBINI DI 5 ANNI " Inzam l'ann sclastc fstggand nstr NONNI pr rcrdar quant sn przs pr n bambn. Pnsam ch l md pù bll

Dettagli

Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco"

Formula Bonus-Malus l'abito non fa (più) il monaco Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco" Limiti e criticità dell'attuale formula Giovanni Sammartini Coordinatore Commissione Danni Roma, 7 giugno 2013 2000-2011: com'è cambiata la distribuzione

Dettagli