SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO AUGUSTO CAPERLE CLASSE IC + CLASSE 2B DITELO CON I FIORI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO AUGUSTO CAPERLE CLASSE IC + CLASSE 2B DITELO CON I FIORI"

Transcript

1 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO AUGUSTO CAPERLE CLASSE IC + CLASSE 2B DITELO CON I FIORI ANNO SCOLASTICO

2 Wanna Bianchi Maddalena Panzieri INTRODUZIONE Perché declamare contro le passioni? Non sono forse la sola cosa bella che ci sia sulla terra, la fonte dell'eroismo, dell'entusiasmo, della poesia, della musica, delle arti, di tutto infine? (Flaubert) Felicità, noia, rabbia, malinconia, compassione la grammatica li definisce sostantivi astratti, perché non li puoi misurare né circoscrivere. Eppure ci riguardano così da vicino, da rappresentare un tratto distintivo dal resto del mondo animale. Sono sentimenti, astratti ma non meno veri degli oggetti che ci circondano. È solo più difficile saperli gestire, perché non li puoi racchiudere tra le mani o guardare da vicino e, quando si manifestano, possono far paura. Per combattere la paura è importante conoscerli, farne esperienza, saperli riconoscere, senza lasciarsi dominare, imparando così a considerarli una ricchezza, una risorsa a nostra disposizione. Gli alunni di 1^C e 2^B hanno individuato diciannove sentimenti, di cui tutti hanno avuto esperienza. Ogni sentimento è stato analizzato, costruendone una definizione e ideandone un racconto perché, attraverso la narrazione, gli animi si sciolgono e la tensione lascia spazio al sollievo. Da sempre l'uomo ha percepito il bisogno di dare concretezza ai sentimenti astratti attraverso l arte, la musica, la poesia o la simbologia floreale. Fin dall antichità, da Oriente a Occidente, si è voluto attribuire al fiore una valenza emozionale: regalare il fiore giusto equivale ad inviare un messaggio ben preciso per esprimere il proprio stato d'animo. Per questo, con una sorta di ingegneria inversa, imparare il linguaggio dei fiori significa acquisire le dinamiche delle emozioni, apprenderne la manifestazione simbolica e la possibilità di comunicarle. Racconto e fiore sono stati quindi associati, attraverso l affiancamento della stesura letterale e della rappresentazione artistica floreale.

3 Dato che le emozioni nascono dalle relazioni e in esse si radicano, si è preferito adottare un metodo di lavoro relazionale, utilizzando il tutoraggio interclasse: ad ogni alunno di seconda B è stato affidato un compagno di prima C, all'interno di un sistema di monitoraggio partecipato e garantito dall'insegnante. Lo scopo, come ci hanno insegnato Don Lorenzo Milani e Mario Lodi, è quello di stare bene con sé e gli altri, di produrre azioni intenzionali di integrazione e interazione, di creare partecipazione responsabile, di valorizzare l'aiuto reciproco nella consapevolezza che, attraverso questi fattori, si contribuisce a quella trama di occasioni e situazioni, di legami ed esperienze che rendono feconda e vera la comunità scolastica.

4 EMOZIONE DEFINIZIONE FIORE AMORE RABBIA INVIDIA TRISTEZZA GELOSIA L'amore è un sentimento intenso e profondo di affetto, simpatia e adesione, rivolto verso una persona, un animale, un oggetto o verso un concetto, un ideale, ed è caratterizzato dal ritenere il bene della persona amata più importante di se stessi. Con il termine ira (o impropriamente rabbia) si indica uno stato psichico alterato, in genere suscitato da uno o più elementi di provocazione, capace di rimuovere alcuni dei freni inibitori che, normalmente, stemperano le scelte del soggetto coinvolto. L'iracondo è caratterizzato da una profonda avversione verso qualcosa o qualcuno o (in alcuni casi) verso se stesso. Il termine invidia si riferisce a uno stato d'animo o sentimento per cui, in relazione a un bene o una qualità posseduta da un altro, si prova spesso astio e un risentimento tale da desiderare il male di colui che ha quel bene o qualità. La tristezza è un'emozione contraria alla gioia e alla felicità. Essa può essere provata in condizioni normali, durante la vita di tutti i giorni, oppure a causa di un evento particolarmente drammatico, come una perdita o un lutto. La gelosia è un sentimento di ansia e incertezza dell'essere umano, causata dal timore di perdere o non ottenere la persona amata perché essa sia preferita da altri o preferisca altri. Tulipano Garofano rosso Narciso Calendula Rosa gialla MALINCONIA La malinconia è un sentimento che provoca una tristezza costante. Anemone TENEREZZA NOIA MERAVIGLIA ORGOGLIO VERGOGNA COMPASSIONE SOLITUDINE Sentimento di dolce commozione, di profonda, delicata dolcezza che nasce dall'amore, l'affetto, la compassione, il rimpianto: Sensazione di inerzia malinconica e di invincibile fastidio, dovuta perlopiù a insoddisfazione per la monotonia e la mancanza d'interesse della situazione in cui ci si trova Sentimento improvviso di stupore, di sorpresa che nasce di fronte a cosa o a situazione fuori dell'ordinario o del previsto. Stima esagerata di sé, della propria dignità, dei propri meriti, per cui ci si sente in tutto superiori agli altri. Fierezza, consapevolezza delle proprie doti, dei propri meriti. Sentimento di colpa o di umiliante mortificazione che si prova per un atto o un comportamento, propri o altrui, sentiti come disonesti, sconvenienti, indecenti La compassione è la partecipazione alla sofferenza dell'altro. Non un sentimento di pena che va dall'alto in basso. Si parla di una comunione intima e difficilissima con un dolore che non nasce come proprio. La solitudine è una condizione e un sentimento umano nella quale l'individuo si isola per scelta propria (se di indole solitaria) per vicende personali e accidentali di vita o viene isolato dagli altri esseri umani generando un rapporto (non sempre) privilegiato con sé stesso. Edera Bocca di leone Magnolia Papavero rosso Peonia Sambuco Erica RIMORSO Tormento che nasce dalla consapevolezza di avere commesso una cattiva azione. Aconito STIMA Opinione favorevole, considerazione positiva delle qualità, dell'operato altrui. Salvia splendens FELICITA La felicità è lo stato d'animo (emozione) positivo di chi ritiene soddisfatti tutti i propri desideri. Fiordaliso PERDONO Rinuncia alla vendetta, remissione della punizione nei confronti di chi ha commesso una colpa. Aspodelus NOSTALGIA SERENITA Sentimento malinconico che si prova nel rimpiangere cose e tempi ormai trascorsi o nel desiderare intensamente cose, luoghi e persone lontane. Serenità è il termine con cui si descrive la condizione emotiva individuale caratterizzata, a livello interiore ed esteriore, dà tranquillità e calma non solo apparente, ma talmente profonda da non essere soggetta, nell'immediato, a trasformazioni di umore, ad eccitazioni o perturbazioni tali da modificare significativamente questo stato di pace. Pervinca Artemisia

5 Caterina de Manzoni Martina Ferlini AMORE o TULIPANO Era un giorno di primavera. Ero felice e andai a prendere i biglietti per la mostra di quadri al Mulino. Ad Amsterdam erano arrivati i quadri di Monet ed io ero appassionato all arte. Alla mostra incontrai una ragazza. Era alta, di corporatura esile. La sua carnagione era chiara come una rosa bianca. Aveva i capelli biondi che le incorniciavano il viso. I suoi occhi erano azzurri come il cielo in una giornata serena d estate. Le sue la labbra erano rosse come i tulipani che circondavano il museo. Il suo naso era piccolo, delicato. I suoi vestiti erano colorati e leggeri. Osservava i quadri con molta attenzione e cura. Si capiva subito che amava l arte come me. La guida ci riunì nell atrio per iniziare la spiegazione dei dipinti. Tra la folla riconobbi la ragazza. A metà della mostra ci fermammo tutti e due ad ammirare un quadro: Campi di tulipano con il mulino a vento di Rijnsburg. La guardai. Gli occhi erano fissi sul dipinto. Poi, ad un tratto, si voltò di scatto e mi guardò. Non sapevo cosa fare. Dopo pochi istanti, con la voce tremolante, dissi: -Ciao- lei rispose con un sorriso a sua volta: -Ciao-. La sua voce era soave, come il cinguettio di un usignolo. D impulso dissi: -Come ti chiami? - -Abigaille. - rispose con dolcezza- E il tuo nome è - Mi chiamo Ivan-. Dopo questa breve presentazione, parlammo dei quadri. Mi parlò di lei. Disse che si era appena trasferita, e mi chiese se potevo essere la sua guida per la città. Annuii felicemente. Quella sera la accompagnai a casa. Scoprii che abitava nel mio stesso quartiere. Arrivati a casa decidemmo di darci appuntamento nel parco di fronte alla sua abitazione. Quando, arrivato a casa, mi buttai sul letto, il cuore mi batteva come mai prima. Mi addormentai con la sua immagine nei miei pensieri. Il giorno dopo, verso le tre del pomeriggio, scesi e andai al parco. Abigaille era già lì. Decidemmo di visitare subito il museo Van Gogh, poi semmai, di visitare la città. Il museo era molto bello. Abigaille era un esperta di quadri di Van Gogh. Fu fantastico passare il pomeriggio con lei. Più tardi mangiammo un gelato, camminando per la città. Passammo sopra un ponte vicino ad una aiuola di tulipani. E subito nelle nostre menti affiorò la mostra di Monet ed il nostro primo incontro. Ci guardammo negli occhi nello stesso istante. Capimmo subito che eravamo fatti l uno per l altra. Dopo settimane di incontri, visite e appuntamenti, Abigaille mi diede una brutta notizia. Doveva trasferirsi per motivi del lavoro del padre. Ci vedemmo per l ultima volta davanti al quadro Campi di tulipano con il mulino a vento di Rijnsburg, per ricordare il nostro primo incontro. Dopo aver conversato per circa un ora dell improvvisa sua partenza, ci fu un momento di silenzio. I nostri

6 sguardi si incrociarono, Tutti e due sapevamo cosa stava per succedere: le nostre labbra si toccarono e sentii il battito del suo cuore. Era come il mio. Non mi sembrava vero. Non ero così felice da anni. Lei si alzò di scatto e se ne andò, ad un certo punto si girò e mi disse: -Addio! Ma ci rivedremo! - e, in lacrime corse verso casa. Io restai lì pietrificato dalla tristezza. Mi rimase sempre in mente il suo volto. E, ancora oggi, a volte in qualche altro viso, a volte in lontananza, mi sembra di rivederla.

7 Martina Ferlini, Tulipano

8 Lorenzo Ottaviani - Marco Cocco RABBIA o GAROFONO ROSSO Basso, snello, capelli rossi come fuoco e occhi marrone scuro, ogni giorno che passava Fabio era sempre più rabbioso e cattivo. I suoi genitori non sapevano più che fare. Bolle di rabbia si riversavano all esterno del suo essere e nemmeno il miglior psicologo della zona era riuscito a capirne i motivi per il rancore che lo invadeva. Una mattina sua madre Anita lo svegliò per andare a scuola, ma lui non voleva assolutamente alzarsi. Sua madre lo implorò, ma lui non si mosse dal letto e fu costretta a tirargli una sberla. Lui piangeva e disse triste e arrabbiato: Odio tutto il mondo, mi volete tutti male, lasciatemi stare! La madre lo convinse con una piccola predica e Fabio prese il solito scuolabus, chiedendosi sempre la stessa cosa: Perché sono così strano? Perché i miei amici vivono una vita tranquilla ed io no? Voglio rinascere e ricostruirmi una nuova vita, o forse è meglio fuggire e tornare quando sarò più gentile? Sceso dal pulmino scappò via, prendendo una stradina laterale alla scuola. Voleva fuggire! I pochi compagni di scuola che tenevano a lui, lo inseguirono per farlo ragionare. Tutti marinarono la scuola, ma poi se la presero con lui per averli costretti con il suo comportamento a saltare la scuola. I suoi amici erano alti e robusti, Roberto era biondo con gli occhi azzurri e Christian era castano con occhi marrone chiaro. Quando lo stavano per acciuffare, la polizia li vide gironzolare in orario scolastico, erano le 8.45 e chiese loro come mai non fossero in classe, ma essi non seppero rispondere. Li portarono in caserma e chiamarono a casa di ognuno, rintracciando i loro genitori. Fabio a quel punto si calmò, aveva capito di essere arrivato al fondo del barile, di aver sbagliato e di aver trascinato in questo suo malsano comportamento gli unici amici che aveva, ma ora temeva l ira dei suoi genitori, che però lo presero e non gli rivolsero nemmeno una parola. La mattina seguente iniziò a comportarsi meglio cominciando con la sua famiglia. Si diresse verso la cucina per fare colazione e vide mamma Anita, papà Mario e sua sorella Stella molto delusi di lui. Sedette a tavola e con un forte e sforzato buongiorno provò a riconciliarsi. Non lo guardarono nemmeno di striscio. Nessuno voleva perdonarlo, non lo consideravano più! Allora Fabio pazzo dalla rabbia, fuggì di casa così come era, in pigiama, sbattendo la porta forte. Era Sabato e non c'era scuola. Stella mormorò a tavola Si era dimostrato gentile ma non gli abbiamo dato retta, è colpa nostra, dobbiamo soccorrerlo, non è mai troppo tardi per aiutarlo!

9 Anita e Mario erano troppo stanchi e arrabbiati per reagire. Stella si vestì e lo raggiunse, sapeva dove andava sempre quando si sentiva arrabbiato; arrabbiato ed escluso. Lo trovò in cima alla collina della città. Mentre Stella attraversava la città per arrivare all altura sentiva lamentele provenire dalle case ai lati della strada. Chi diavolo ha lanciato un sasso in casa mia?. Chi ha lanciato un sasso alla finestra? Ora è rotta e il mio bambino si è spaventato! Fabio aveva lanciato sassi ovunque. Stella accelerò il passo. Lo trovò seduto per terra, lo abbracciò, ma lui la spinse forte, così forte che cadde a terra. E in quel momento Fabio capì di aver fatto tante cose stupide nella sua vita ma mai come quella volta. Stella era l unica persona che teneva a lui, che era venuta a cercarlo, quando tutti lo avevano abbandonato. Si rese conto che la rabbia gli creava solo guai e niente di più. Lei si rialzò e rimase lì ad aspettare. I due si abbracciarono talmente forte da attirare l'attenzione dei passanti. Da quel giorno Fabio cambiò totalmente vita: tenne sotto controllo la rabbia, diventò sincero e onesto con tutti, aiutò sempre le persone in difficoltà. Diventò un uomo.

10 Anna Morando Ilaria Zanoni INVIDIA o NARCISO Era una mattina di gennaio e, come ormai da otto mesi, lavoravo come apprendista alla bottega di Andrea Verrocchio. Finora non mi avevano mai commissionato un quadro, anche se una volta ho aiutato il mio maestro a terminare un ritratto su Lorenzo il Magnifico, figlio del nobile banchiere Piero de Medici. Naturalmente Verrocchio non mi avrebbe mai fatto finire il ritratto del volto, a me sarebbero spettati solo i particolari dello sfondo. Diceva che me la cavavo bene con i pennelli, ma ciò non spiegava il perché non mi avesse ancora assegnato l esecuzione di un quadro. Verso l una del pomeriggio, Andrea mi disse che avrei dovuto andare a prendere i fiorini che gli spettavano per l opera, commissionata da Lucrezia Donati. Mi vestii di tutto punto: era sempre meglio fare bella figura! Torre Donati non era molto distante dalla bottega, così arrivai dopo neanche mezz ora. Quando entrai una donna di mezza età mi squadrò da cima a fondo e disse in tono di sufficienza: - Ehm, lei sarebbe? - Io risposi, cercando di tenere un tono rilassato: - Sono Leonardo da Vinci, mi manda qui Andrea Verrocchio per riscuotere la cifra pattuita per il quadro eseguito. - Sentii uno sgambettare giù per le scale, da cui poi comparve la giovane donna ritratta, avvolta da uno scialle di seta, con in mano un pezzo di carta. Quando fu abbastanza vicina, me lo consegnò. Presi la lettera di cambio, me la infilai nella tasca interna del camice, salutai monna Lucrezia con un piccolo inchino e mi diressi verso la bottega del mio maestro. Era sera, stavo cenando insieme agli altri apprendisti, quando entrò un uomo, alto e magro, capelli scuri, lunghi fino alle spalle, gli occhi coperti dal cappuccio del mantello. Ad un certo punto si tolse il copricapo e subito lo riconobbi: era il nobile Lorenzo de Medici. Verrocchio si alzò immediatamente dal tavolo, si pulì i baffi unti di olio e disse: - Mio signore, entri, andiamo subito a parlare nel mio studio. - Ed egli acconsentì. Io continuai indifferentemente a mangiare. Poco dopo arrivarono il maestro e il giovane Medici, Andrea mi guardò con aria di sfida, d invidia Verrocchio mi prese per un braccio, facendomi cadere la coscia di pollo che stavo amabilmente rosicchiando, sembrava nervoso

11 Mi trascinò con forza nel suo studio, facendomi sedere su una sedia Lorenzo, in tono amichevole, rivolgendosi a me disse a gran voce: - Messer Leonardo ti affido il compito di dipingere un ritratto della mia famiglia. - Io non credevo alle mie orecchie, avevo sentito bene? Lorenzo de Medici mi aveva commissionato un quadro? Guardai Verrocchio, mi stava fissando e il suo sguardo era pieno di rancore La mattina dopo partii alle sei e mezza per arrivare al palazzo dei Medici in anticipo per il lavoro. Li trovai tutti in posa su una cassapanca: Vicino alla finestra erano la madre Lucrezia Tornabuoni e il padre Piero de Cosimo de Medici e il fratello Giuliano. Preparai il mio materiale e iniziai a dipingere Ogni giorno, ogni mese che passava il quadro era sempre più bello ed ero proprio orgoglioso di me. Dopo circa tre mesi il ritratto era finito e a me sembrava la cosa più bella che avessi mai dipinto. Chiesi a Lorenzo se potevo far ammirare il quadro al Verrocchio e ai ragazzi della sua bottega ed egli acconsentì. Il mio maestro, osservando il ritratto, rimase come estasiato da tale bellezza, ma il suo stupore venne subito a meno quando io timidamente gli chiesi il suo parere Lui, con tono di superiorità, disse che non era male per un apprendista, ma in fondo, in fondo lo vidi bruciare d invidia. Verso tarda sera l apprendista più grande della bottega, Nicolò, mi disse che il quadro che avevo dipinto era magnifico e che questa volta avevo superato il maestro. Io tutto orgoglioso ringraziai. Feci per girarmi quando davanti a me trovai Verrocchio, che guardò Nicolò con un occhiata gelida, poi si rivolse a me e disse: - Hai proprio appreso bene da me. - Questo complimento non me lo aspettavo, ma nonostante quanto detto, aveva uno sguardo non colmo di gioia, ma di inquietudine. Forse, pensai, in fondo, in fondo anche lui sapeva che con quel quadro avevo superato ogni sua opera. Lorenzo de Medici sembrava molto soddisfatto dell opera e pagò la cifra stipulata. Io ci avevo messo l anima nel dipingerlo e tratto dopo tratto, mi chiedevo se sarei mai diventato, magari un giorno un grande pittore.

12 Ilaria Zanoni, Narciso

13 Francesca D Angelo Sofia Cacciatori TRISTEZZA o CALENDULA Dopo la separazione dei miei, mi trasferii a Londra da New York, per motivi di lavoro di mia mamma Katy. Avevano divorziato da poco ed eravamo un po tutti scossi dall accaduto. Il giorno dopo iniziai scuola e incontrai dei bulli per strada che avevano cominciato a tiranneggiarmi e a rubarmi soldi e merenda. Ad un certo punto era venuta in mio soccorso una ragazzina della mia età, che aveva mandato via i tre prepotenti e che mi aveva aiutato. Ero incantato dal suo aspetto, i suoi capelli rossi e i suoi occhi marrone profondo che avevano appena appoggiato lo sguardo sulle mie ferite. Mi aveva chiesto: Ti senti bene?. Le risposi di sì e le chiesi come si chiamasse. Mi chiamo Priscilla e tu?. Risposi: Il mio nome è Alan e mi sono appena trasferito. Mi aiutò ad alzarmi e andammo insieme a scuola. Al termine delle lezioni, uscimmo dal cancello della scuola e ci scambiammo il numero di cellulare. Quel pomeriggio ci scambiammo sms tutto il tempo e io non aspettavo altro che il giorno dopo per rivederla. Appena sveglio feci colazione in velocità a casa e mi misi subito in cammino per andare a scuola con Priscilla. La incontrai per strada e ci incamminammo assieme. Per strada incontrammo ancora gli arroganti di ieri che ci dissero che erano i padroni della scuola e del quartiere e che nessuno poteva contraddirli. Subito dopo, Priscilla, tirò fuori dalla borsa uno spray al peperoncino e lo spruzzò in viso a tutti e tre. Appena si accasciarono per il dolore, io e Priscilla iniziammo a correre verso la scuola. Ci salvammo per un pelo. Nel pomeriggio, salutai Priscilla e corsi verso casa per raccontare l accaduto a mia mamma. Entrai dalla porta vidi mia nonna JoJo, che mi aspettava in lacrime sul divano. Le chiesi cosa fosse successo e mi rispose che mia madre se n era andata per sempre. Scoppiai in lacrime anch io e mi accasciai per terra. Chiesi a mia nonna come fosse successo e mi rispose che mio padre si era vendicato in maniera barbara di mia mamma per averlo lasciato. Dopo un po di settimane, di udienze, mio padre venne rinchiuso in un ospedale psichiatrico ed io andai a vivere dai miei nonni materni. Dopo circa due mesi, andai a trovare mio padre e vidi in che stato era. Pensai: Eccolo, l uomo che mi ha rovinato la vita e ucciso mia madre, un uomo che mi ha dato la tristezza più grande che io abbia mai provato. Andai a vivere con i miei nonni, che mi aiutarono nella vita e furono, per così dire, i miei genitori.

14 A venticinque mi accorsi che il sentimento di amicizia verso Priscilla, l unica luce in quel periodo di tristezza e dolore, si era trasformato in amore. Mi resi conto che lei era una delle due cose più bella che mi fosse capitata nella mia vita, ma nonostante la felicità provata, il ricordo di mia madre lasciò per sempre una ferita nel mio cuore, una scheggia di tristezza che mai passò.

15 Filippo Ferrante Daniele Bragntini GELOSIA o ROSA GIALLA Nel 1999 in una casetta sulle alpi trentine, molto spaziosa e interamente costruita in legno, circondata da un prato fiorito, viveva un giovane ragazzo con la sua famiglia e il suo fedele cane Saluk. Mirco, questo era il suo nome, era un ragazzo corporatura slanciata, con capelli biondi e degli occhi azzurri come il cielo limpido d estate. Aveva un fratello di nome Giovanni più vecchio di un anno. I due avevano frequentato le scuole superiori assieme. In classe di Mirco c era Marta, una ragazza da tutti considerata bellissima, alta e magra con capelli biondi e splendenti occhi verdi. Giovanni ne era affascinato, tanto che ogni giorno le stava appresso in maniera quasi fastidiosa. Un giorno, durante l ora della professoressa Rossi, lei di nascosto lanciò a Mirco un bigliettino colorato con delle scritte all interno. Quando lo aprì, lesse la poesia che gli aveva dedicato e, stupito, le rispose con un grande sorriso. Era talmente contento che si mise a sognare il loro futuro incontro, ascoltando poco niente della lezione che si stava svolgendo. Tornato a casa, raccontò l accaduto a suo fratello che rimase pietrificato dalla notizia riferitagli. Lui era profondamente attratto da Marta e da quel giorno mostrò i primi segni di rivalità nei confronti del fratello. Iniziarono i dispetti anche pesanti, lo spiare i messaggi che lei inviava a Mirco e lo seguiva di nascosto per vedere dove andasse. Mirco non capiva il comportamento di Giovanni e, quando cercava di parlare con lui, la richiesta era sempre respinta. Un giorno Marta, vedendo l ennesimo litigio, disse a Giovanni di smetterla di essere geloso, che lei non lo aveva mai considerato né amato. Con il passare del tempo però, Marta si stancò della relazione con Mirco, al quale sembrava di tradire il fratello, quindi per ritrovare la pace famigliare decisero di comune accordo di lasciarsi. Mirco ovviamente non era felice della situazione, ma riteneva che i legami di sangue valessero di più di un amore appena iniziato. Ma alla fine nessuno fu felice. Mirco provò astio contro il fratello per la scelta fatta, Giovanni non riuscì mai del tutto a liberarsi della gelosia verso il fratello e Marta era triste perché era stata invano sacrificata.

16 Daniele Bragantini, Rosa Gialla

17 Caterina Menegatti Chiara Tartali MALINCONIA o ANEMONE Alisa era una bella ragazza russa, alta, con capelli lunghi mossi e mori, arrivata a Manchester da piccola con una zia inglese perché i suoi genitori non potevano permettersi di crescerla a causa di una grande crisi che aveva colpito da anni ormai la zona degli Urali. Lì aveva conosciuto a scuola fin da piccola Alexander, un ragazzo inglese molto alto biondo, con grandi occhi verdi e lucidi; con cui condivideva tutto: erano inseparabili. Un giorno Alisa doveva comunicargli una brutta notizia, ma non sapeva come farlo, quindi chiese di incontrarsi per discutere da soli a Werneth Low Country Park. Quando arrivò, Alexander era già lì ad aspettarla e, appena la vide, si accorse che il suo viso era triste e pensieroso. Iniziarono a parlare di quando erano bambini, di tutti i momenti trascorsi insieme, dei litigi delle avventure vissute e delle loro esperienze, quando a un certo punto Alexander chiese perché il suo viso fosse spento. Lei scoppiò in lacrime e in un fiato confessò quello che la turbava: sarebbe dovuta tornare in Russia dai suoi genitori, che avevano un assoluto bisogno di aiuto per la fattoria che possedevano. Avrebbe dovuto lavorare con loro. A questa notizia Alexander impallidì e non riuscì a trattenere le lacrime, che scendevano fini sulle guance e nella sua mente iniziarono a scorrere le immagini e i ricordi della loro storia. Alisa molto dispiaciuta si calmò e spiegò più nei dettagli il perché di questa improvvisa partenza. Arrivata la sera, i due si lasciarono e ognuno andò a casa sua. Alexander si gettò sul letto e ripensò alle parole di Alisa e al fatto che sarebbe partita l indomani. Il giorno dopo Alexander si svegliò molto presto per andare a salutare la sua amica, ma con stupore, quando fu davanti alla sua casa, si accorse che era già partita senza nemmeno salutarlo. Si informò sul volo aereo e corse all aeroporto con la speranza di trovarla ancora lì, ma purtroppo era già partita. Passarono giorni senza mai un contatto. In Russia Alisa sentì enormemente la mancanza di Alexander e così decise di sfogliare i vecchi album di quando erano piccoli. Provava una tristezza costante nel vedere e ricordare i momenti felici vissuti assieme. Alisa arrivò a non mangiare più, a non uscire di casa, non parlare praticamente con nessuno. L unica cosa che le dava un po di felicità e coraggio, era scrivere sul suo diario ciò che avrebbe voluto fare:

18 tornare in Inghilterra e soprattutto riabbracciare Alexander, che con il suo fresco profumo riusciva a renderla forte, coraggiosa, senza timore di nulla e di nessuno. Passò un anno e finalmente sembrava che i suoi genitori potessero concederle un periodo di vacanza e decise così di tornare in Inghilterra da Alexander. Quando una mattina presto suonò il campanello, Alexander aprì la porta e con stupore sentì una voce familiare. Riconobbe subito il volto di Alisa, così appena la vide l abbracciò con felicità e commozione. Il giorno dopo si sarebbero incontrati a Sale Water Park, per un pic-nic in riva al lago. Alexander decise di farle un regalo così girò tutta la città per trovare quello perfetto. Appena vide Alisa, con i capelli raccolti e gli occhi lucidi dalla felicità, che lo aspettava seduta sul prato, si sedette con lei e le regalò un anello d argento con una perla azzurra: rappresentava il colore della malinconia come i bellissimi occhi di Alisa, che quando lo vide i suoi occhi brillarono e se lo mise subito al dito. Passarono una splendida giornata divertente, facendo una passeggiata in riva al lago, dando delle occhiate alle bancarelle sparse qua e là e, quando il sole tramontò, tutti e due decisero di tornare a casa. La loro vita tornò come prima con tante esperienze ed emozioni; iniziarono a vedersi tutti i giorni e a frequentarsi sempre più spesso. Quell anello di quel tenue turchese rappresentava ciò che aveva provato Alisa nel lungo anno trascorso in Russia: una triste azzurra malinconia. Le mancava disperatamente la compagnia di Alexander, da cui non si era mai staccato dal giorno del loro bizzarro incontro su una panchina del parco vicino a casa. Avevano sempre condiviso tutto e pochissimi erano stati i litigi, così Alisa decise di creare un regalo speciale per ringraziare Alexander per averla sempre aspettata. Lo invitò per un tè pomeridiano, lui si presentò puntuale come sempre e attese Alisa sotto la porta di casa. Subito le chiese per chi fosse il pacchetto regalo che teneva in mano, lei senza dire una sola parole glielo porse. Era di forma quadrata ricoperto da una morbida carta celeste, rilegata da un nastrino giallo e, con il cuore che batteva più forte che mai, aspettò di vedere la sua espressione. Era una cornice creata da lei stessa con tanti fiori di anemone, con una loro foto abbracciati. Ad Alexander spuntò un grande sorriso sul viso e schioccò un bacio sulla guancia della bella Alisa che rimase impietrita e sfiorò con la mano il punto dove era stata baciata. Tutti e due imbarazzati iniziarono così a camminare per mano con tutta l intenzione di non lasciarsi più perché entrambi sapevano che il loro era diventato un legame indistruttibile.

19 Nicole Comerlati Christian Zermiani TENEREZZA o EDERA Nella città di Boston viveva un ragazzo di nome Leonardo. Aveva i capelli castani, gli occhi marroni, era di media statura, il carattere estroverso e amichevole verso tutti i suoi compagni. Andava in una scuola piuttosto piccola, dove tutti i ragazzi si volevano bene a vicenda, ma stranamente lui era preso un po in giro e parlavano alle sue spalle. Era molto intelligente, diverso da tutti gli altri e la maggior parte delle risate dei suoi compagni erano dovute al suo modo di vestire. Aveva sempre la solita maglietta blu e i pantaloni marrone scuro, non portava le calze e le sue scarpe erano vecchie e rovinate: indossava quei vestiti perché non poteva permettersene migliori. Quando i suoi compagni lo sbeffeggiavano, lui correva a nascondersi rifugiandosi in un angolo infondo al cortile della scuola. Tranne i suoi genitori, solo il nonno lo rispettava. Insieme trascorrevano le giornate dopo scuola. Leonardo andava sempre da lui e gli raccontava com era andata la giornata. Dopo qualche anno il nonno si ammalò, ma il ragazzo non era a conoscenza della sua grave patologia e continuò ad andare a trovarlo come prima. Passarono i giorni e la malattia iniziò a farsi vedere sul corpo del nonno, la pelle si gonfiava e il nonno dimagriva sempre di più. Un giorno come gli altri Leonardo andò a trovarlo e, mentre gli parlava, il nonno si sentì male. Il ragazzo preoccupato di tutto ciò, chiamò l ambulanza che portò il nonno in ospedale, dove fu rivelato a Leonardo la malattia del nonno. Il giorno dopo il ragazzo and a scuola, ma non si sentiva bene, ciononostante non disse nulla a nessuno e fece finta che fosse un mal di pancia. Quando tornò a casa, il semplice mal umore di prima iniziava a farsi sentire sempre più forte e sua madre molto preoccupata lo portò dal medico per una visita. Il dottore gli disse: Temo che si tratti di qualcosa di serio e la madre si spaventò perché iniziò a presumere che fosse la stessa malattia del nonno. Con il passare dei giorni il ragazzo peggiorò così tanto da non voler andare a scuola per timore che i compagni lo prendessero ancora più in giro per la sua debolezza.

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE)

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) di Ilaria Grazzani, Veronica Ornaghi, Francesca Piralli 2009 Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione R. Massa, Università degli Studi di Milano Bicocca Adesso ti

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_ Gli avversari_ (leggi la prima parte) Dopo un po che si allenavano, Zio Champion disse loro di fermarsi e di bere qualcosa, sgridandoli, quando scoprì che non avevano portato nulla da bere! - È importante

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E AL SUO RITORNO, GULLIVER CI HA PREPARATO UNA SORPRESA GULLIVER DAL CARTAPAESE CI HA PORTATO UN SACCO

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

L albero di cachi padre e figli

L albero di cachi padre e figli L albero di cachi padre e figli 1 Da qualche parte a Nagasaki vi era un bell albero di cachi che faceva frutti buonissimi. Per quest albero il maggior piacere era vedere i bambini felici. Era il 9 agosto

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSE TERZA PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO Le prove saranno somministrate negli ultimi quindici giorni di Maggio. 1 Nome... data Pippi festeggia il suo compleanno Un

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente.

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Le piace molto stare in compagnia,le piace giocare con me con papà e con Alessandro anche

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli