SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO AUGUSTO CAPERLE CLASSE IC + CLASSE 2B DITELO CON I FIORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO AUGUSTO CAPERLE CLASSE IC + CLASSE 2B DITELO CON I FIORI"

Transcript

1 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO AUGUSTO CAPERLE CLASSE IC + CLASSE 2B DITELO CON I FIORI ANNO SCOLASTICO

2 Wanna Bianchi Maddalena Panzieri INTRODUZIONE Perché declamare contro le passioni? Non sono forse la sola cosa bella che ci sia sulla terra, la fonte dell'eroismo, dell'entusiasmo, della poesia, della musica, delle arti, di tutto infine? (Flaubert) Felicità, noia, rabbia, malinconia, compassione la grammatica li definisce sostantivi astratti, perché non li puoi misurare né circoscrivere. Eppure ci riguardano così da vicino, da rappresentare un tratto distintivo dal resto del mondo animale. Sono sentimenti, astratti ma non meno veri degli oggetti che ci circondano. È solo più difficile saperli gestire, perché non li puoi racchiudere tra le mani o guardare da vicino e, quando si manifestano, possono far paura. Per combattere la paura è importante conoscerli, farne esperienza, saperli riconoscere, senza lasciarsi dominare, imparando così a considerarli una ricchezza, una risorsa a nostra disposizione. Gli alunni di 1^C e 2^B hanno individuato diciannove sentimenti, di cui tutti hanno avuto esperienza. Ogni sentimento è stato analizzato, costruendone una definizione e ideandone un racconto perché, attraverso la narrazione, gli animi si sciolgono e la tensione lascia spazio al sollievo. Da sempre l'uomo ha percepito il bisogno di dare concretezza ai sentimenti astratti attraverso l arte, la musica, la poesia o la simbologia floreale. Fin dall antichità, da Oriente a Occidente, si è voluto attribuire al fiore una valenza emozionale: regalare il fiore giusto equivale ad inviare un messaggio ben preciso per esprimere il proprio stato d'animo. Per questo, con una sorta di ingegneria inversa, imparare il linguaggio dei fiori significa acquisire le dinamiche delle emozioni, apprenderne la manifestazione simbolica e la possibilità di comunicarle. Racconto e fiore sono stati quindi associati, attraverso l affiancamento della stesura letterale e della rappresentazione artistica floreale.

3 Dato che le emozioni nascono dalle relazioni e in esse si radicano, si è preferito adottare un metodo di lavoro relazionale, utilizzando il tutoraggio interclasse: ad ogni alunno di seconda B è stato affidato un compagno di prima C, all'interno di un sistema di monitoraggio partecipato e garantito dall'insegnante. Lo scopo, come ci hanno insegnato Don Lorenzo Milani e Mario Lodi, è quello di stare bene con sé e gli altri, di produrre azioni intenzionali di integrazione e interazione, di creare partecipazione responsabile, di valorizzare l'aiuto reciproco nella consapevolezza che, attraverso questi fattori, si contribuisce a quella trama di occasioni e situazioni, di legami ed esperienze che rendono feconda e vera la comunità scolastica.

4 EMOZIONE DEFINIZIONE FIORE AMORE RABBIA INVIDIA TRISTEZZA GELOSIA L'amore è un sentimento intenso e profondo di affetto, simpatia e adesione, rivolto verso una persona, un animale, un oggetto o verso un concetto, un ideale, ed è caratterizzato dal ritenere il bene della persona amata più importante di se stessi. Con il termine ira (o impropriamente rabbia) si indica uno stato psichico alterato, in genere suscitato da uno o più elementi di provocazione, capace di rimuovere alcuni dei freni inibitori che, normalmente, stemperano le scelte del soggetto coinvolto. L'iracondo è caratterizzato da una profonda avversione verso qualcosa o qualcuno o (in alcuni casi) verso se stesso. Il termine invidia si riferisce a uno stato d'animo o sentimento per cui, in relazione a un bene o una qualità posseduta da un altro, si prova spesso astio e un risentimento tale da desiderare il male di colui che ha quel bene o qualità. La tristezza è un'emozione contraria alla gioia e alla felicità. Essa può essere provata in condizioni normali, durante la vita di tutti i giorni, oppure a causa di un evento particolarmente drammatico, come una perdita o un lutto. La gelosia è un sentimento di ansia e incertezza dell'essere umano, causata dal timore di perdere o non ottenere la persona amata perché essa sia preferita da altri o preferisca altri. Tulipano Garofano rosso Narciso Calendula Rosa gialla MALINCONIA La malinconia è un sentimento che provoca una tristezza costante. Anemone TENEREZZA NOIA MERAVIGLIA ORGOGLIO VERGOGNA COMPASSIONE SOLITUDINE Sentimento di dolce commozione, di profonda, delicata dolcezza che nasce dall'amore, l'affetto, la compassione, il rimpianto: Sensazione di inerzia malinconica e di invincibile fastidio, dovuta perlopiù a insoddisfazione per la monotonia e la mancanza d'interesse della situazione in cui ci si trova Sentimento improvviso di stupore, di sorpresa che nasce di fronte a cosa o a situazione fuori dell'ordinario o del previsto. Stima esagerata di sé, della propria dignità, dei propri meriti, per cui ci si sente in tutto superiori agli altri. Fierezza, consapevolezza delle proprie doti, dei propri meriti. Sentimento di colpa o di umiliante mortificazione che si prova per un atto o un comportamento, propri o altrui, sentiti come disonesti, sconvenienti, indecenti La compassione è la partecipazione alla sofferenza dell'altro. Non un sentimento di pena che va dall'alto in basso. Si parla di una comunione intima e difficilissima con un dolore che non nasce come proprio. La solitudine è una condizione e un sentimento umano nella quale l'individuo si isola per scelta propria (se di indole solitaria) per vicende personali e accidentali di vita o viene isolato dagli altri esseri umani generando un rapporto (non sempre) privilegiato con sé stesso. Edera Bocca di leone Magnolia Papavero rosso Peonia Sambuco Erica RIMORSO Tormento che nasce dalla consapevolezza di avere commesso una cattiva azione. Aconito STIMA Opinione favorevole, considerazione positiva delle qualità, dell'operato altrui. Salvia splendens FELICITA La felicità è lo stato d'animo (emozione) positivo di chi ritiene soddisfatti tutti i propri desideri. Fiordaliso PERDONO Rinuncia alla vendetta, remissione della punizione nei confronti di chi ha commesso una colpa. Aspodelus NOSTALGIA SERENITA Sentimento malinconico che si prova nel rimpiangere cose e tempi ormai trascorsi o nel desiderare intensamente cose, luoghi e persone lontane. Serenità è il termine con cui si descrive la condizione emotiva individuale caratterizzata, a livello interiore ed esteriore, dà tranquillità e calma non solo apparente, ma talmente profonda da non essere soggetta, nell'immediato, a trasformazioni di umore, ad eccitazioni o perturbazioni tali da modificare significativamente questo stato di pace. Pervinca Artemisia

5 Caterina de Manzoni Martina Ferlini AMORE o TULIPANO Era un giorno di primavera. Ero felice e andai a prendere i biglietti per la mostra di quadri al Mulino. Ad Amsterdam erano arrivati i quadri di Monet ed io ero appassionato all arte. Alla mostra incontrai una ragazza. Era alta, di corporatura esile. La sua carnagione era chiara come una rosa bianca. Aveva i capelli biondi che le incorniciavano il viso. I suoi occhi erano azzurri come il cielo in una giornata serena d estate. Le sue la labbra erano rosse come i tulipani che circondavano il museo. Il suo naso era piccolo, delicato. I suoi vestiti erano colorati e leggeri. Osservava i quadri con molta attenzione e cura. Si capiva subito che amava l arte come me. La guida ci riunì nell atrio per iniziare la spiegazione dei dipinti. Tra la folla riconobbi la ragazza. A metà della mostra ci fermammo tutti e due ad ammirare un quadro: Campi di tulipano con il mulino a vento di Rijnsburg. La guardai. Gli occhi erano fissi sul dipinto. Poi, ad un tratto, si voltò di scatto e mi guardò. Non sapevo cosa fare. Dopo pochi istanti, con la voce tremolante, dissi: -Ciao- lei rispose con un sorriso a sua volta: -Ciao-. La sua voce era soave, come il cinguettio di un usignolo. D impulso dissi: -Come ti chiami? - -Abigaille. - rispose con dolcezza- E il tuo nome è - Mi chiamo Ivan-. Dopo questa breve presentazione, parlammo dei quadri. Mi parlò di lei. Disse che si era appena trasferita, e mi chiese se potevo essere la sua guida per la città. Annuii felicemente. Quella sera la accompagnai a casa. Scoprii che abitava nel mio stesso quartiere. Arrivati a casa decidemmo di darci appuntamento nel parco di fronte alla sua abitazione. Quando, arrivato a casa, mi buttai sul letto, il cuore mi batteva come mai prima. Mi addormentai con la sua immagine nei miei pensieri. Il giorno dopo, verso le tre del pomeriggio, scesi e andai al parco. Abigaille era già lì. Decidemmo di visitare subito il museo Van Gogh, poi semmai, di visitare la città. Il museo era molto bello. Abigaille era un esperta di quadri di Van Gogh. Fu fantastico passare il pomeriggio con lei. Più tardi mangiammo un gelato, camminando per la città. Passammo sopra un ponte vicino ad una aiuola di tulipani. E subito nelle nostre menti affiorò la mostra di Monet ed il nostro primo incontro. Ci guardammo negli occhi nello stesso istante. Capimmo subito che eravamo fatti l uno per l altra. Dopo settimane di incontri, visite e appuntamenti, Abigaille mi diede una brutta notizia. Doveva trasferirsi per motivi del lavoro del padre. Ci vedemmo per l ultima volta davanti al quadro Campi di tulipano con il mulino a vento di Rijnsburg, per ricordare il nostro primo incontro. Dopo aver conversato per circa un ora dell improvvisa sua partenza, ci fu un momento di silenzio. I nostri

6 sguardi si incrociarono, Tutti e due sapevamo cosa stava per succedere: le nostre labbra si toccarono e sentii il battito del suo cuore. Era come il mio. Non mi sembrava vero. Non ero così felice da anni. Lei si alzò di scatto e se ne andò, ad un certo punto si girò e mi disse: -Addio! Ma ci rivedremo! - e, in lacrime corse verso casa. Io restai lì pietrificato dalla tristezza. Mi rimase sempre in mente il suo volto. E, ancora oggi, a volte in qualche altro viso, a volte in lontananza, mi sembra di rivederla.

7 Martina Ferlini, Tulipano

8 Lorenzo Ottaviani - Marco Cocco RABBIA o GAROFONO ROSSO Basso, snello, capelli rossi come fuoco e occhi marrone scuro, ogni giorno che passava Fabio era sempre più rabbioso e cattivo. I suoi genitori non sapevano più che fare. Bolle di rabbia si riversavano all esterno del suo essere e nemmeno il miglior psicologo della zona era riuscito a capirne i motivi per il rancore che lo invadeva. Una mattina sua madre Anita lo svegliò per andare a scuola, ma lui non voleva assolutamente alzarsi. Sua madre lo implorò, ma lui non si mosse dal letto e fu costretta a tirargli una sberla. Lui piangeva e disse triste e arrabbiato: Odio tutto il mondo, mi volete tutti male, lasciatemi stare! La madre lo convinse con una piccola predica e Fabio prese il solito scuolabus, chiedendosi sempre la stessa cosa: Perché sono così strano? Perché i miei amici vivono una vita tranquilla ed io no? Voglio rinascere e ricostruirmi una nuova vita, o forse è meglio fuggire e tornare quando sarò più gentile? Sceso dal pulmino scappò via, prendendo una stradina laterale alla scuola. Voleva fuggire! I pochi compagni di scuola che tenevano a lui, lo inseguirono per farlo ragionare. Tutti marinarono la scuola, ma poi se la presero con lui per averli costretti con il suo comportamento a saltare la scuola. I suoi amici erano alti e robusti, Roberto era biondo con gli occhi azzurri e Christian era castano con occhi marrone chiaro. Quando lo stavano per acciuffare, la polizia li vide gironzolare in orario scolastico, erano le 8.45 e chiese loro come mai non fossero in classe, ma essi non seppero rispondere. Li portarono in caserma e chiamarono a casa di ognuno, rintracciando i loro genitori. Fabio a quel punto si calmò, aveva capito di essere arrivato al fondo del barile, di aver sbagliato e di aver trascinato in questo suo malsano comportamento gli unici amici che aveva, ma ora temeva l ira dei suoi genitori, che però lo presero e non gli rivolsero nemmeno una parola. La mattina seguente iniziò a comportarsi meglio cominciando con la sua famiglia. Si diresse verso la cucina per fare colazione e vide mamma Anita, papà Mario e sua sorella Stella molto delusi di lui. Sedette a tavola e con un forte e sforzato buongiorno provò a riconciliarsi. Non lo guardarono nemmeno di striscio. Nessuno voleva perdonarlo, non lo consideravano più! Allora Fabio pazzo dalla rabbia, fuggì di casa così come era, in pigiama, sbattendo la porta forte. Era Sabato e non c'era scuola. Stella mormorò a tavola Si era dimostrato gentile ma non gli abbiamo dato retta, è colpa nostra, dobbiamo soccorrerlo, non è mai troppo tardi per aiutarlo!

9 Anita e Mario erano troppo stanchi e arrabbiati per reagire. Stella si vestì e lo raggiunse, sapeva dove andava sempre quando si sentiva arrabbiato; arrabbiato ed escluso. Lo trovò in cima alla collina della città. Mentre Stella attraversava la città per arrivare all altura sentiva lamentele provenire dalle case ai lati della strada. Chi diavolo ha lanciato un sasso in casa mia?. Chi ha lanciato un sasso alla finestra? Ora è rotta e il mio bambino si è spaventato! Fabio aveva lanciato sassi ovunque. Stella accelerò il passo. Lo trovò seduto per terra, lo abbracciò, ma lui la spinse forte, così forte che cadde a terra. E in quel momento Fabio capì di aver fatto tante cose stupide nella sua vita ma mai come quella volta. Stella era l unica persona che teneva a lui, che era venuta a cercarlo, quando tutti lo avevano abbandonato. Si rese conto che la rabbia gli creava solo guai e niente di più. Lei si rialzò e rimase lì ad aspettare. I due si abbracciarono talmente forte da attirare l'attenzione dei passanti. Da quel giorno Fabio cambiò totalmente vita: tenne sotto controllo la rabbia, diventò sincero e onesto con tutti, aiutò sempre le persone in difficoltà. Diventò un uomo.

10 Anna Morando Ilaria Zanoni INVIDIA o NARCISO Era una mattina di gennaio e, come ormai da otto mesi, lavoravo come apprendista alla bottega di Andrea Verrocchio. Finora non mi avevano mai commissionato un quadro, anche se una volta ho aiutato il mio maestro a terminare un ritratto su Lorenzo il Magnifico, figlio del nobile banchiere Piero de Medici. Naturalmente Verrocchio non mi avrebbe mai fatto finire il ritratto del volto, a me sarebbero spettati solo i particolari dello sfondo. Diceva che me la cavavo bene con i pennelli, ma ciò non spiegava il perché non mi avesse ancora assegnato l esecuzione di un quadro. Verso l una del pomeriggio, Andrea mi disse che avrei dovuto andare a prendere i fiorini che gli spettavano per l opera, commissionata da Lucrezia Donati. Mi vestii di tutto punto: era sempre meglio fare bella figura! Torre Donati non era molto distante dalla bottega, così arrivai dopo neanche mezz ora. Quando entrai una donna di mezza età mi squadrò da cima a fondo e disse in tono di sufficienza: - Ehm, lei sarebbe? - Io risposi, cercando di tenere un tono rilassato: - Sono Leonardo da Vinci, mi manda qui Andrea Verrocchio per riscuotere la cifra pattuita per il quadro eseguito. - Sentii uno sgambettare giù per le scale, da cui poi comparve la giovane donna ritratta, avvolta da uno scialle di seta, con in mano un pezzo di carta. Quando fu abbastanza vicina, me lo consegnò. Presi la lettera di cambio, me la infilai nella tasca interna del camice, salutai monna Lucrezia con un piccolo inchino e mi diressi verso la bottega del mio maestro. Era sera, stavo cenando insieme agli altri apprendisti, quando entrò un uomo, alto e magro, capelli scuri, lunghi fino alle spalle, gli occhi coperti dal cappuccio del mantello. Ad un certo punto si tolse il copricapo e subito lo riconobbi: era il nobile Lorenzo de Medici. Verrocchio si alzò immediatamente dal tavolo, si pulì i baffi unti di olio e disse: - Mio signore, entri, andiamo subito a parlare nel mio studio. - Ed egli acconsentì. Io continuai indifferentemente a mangiare. Poco dopo arrivarono il maestro e il giovane Medici, Andrea mi guardò con aria di sfida, d invidia Verrocchio mi prese per un braccio, facendomi cadere la coscia di pollo che stavo amabilmente rosicchiando, sembrava nervoso

11 Mi trascinò con forza nel suo studio, facendomi sedere su una sedia Lorenzo, in tono amichevole, rivolgendosi a me disse a gran voce: - Messer Leonardo ti affido il compito di dipingere un ritratto della mia famiglia. - Io non credevo alle mie orecchie, avevo sentito bene? Lorenzo de Medici mi aveva commissionato un quadro? Guardai Verrocchio, mi stava fissando e il suo sguardo era pieno di rancore La mattina dopo partii alle sei e mezza per arrivare al palazzo dei Medici in anticipo per il lavoro. Li trovai tutti in posa su una cassapanca: Vicino alla finestra erano la madre Lucrezia Tornabuoni e il padre Piero de Cosimo de Medici e il fratello Giuliano. Preparai il mio materiale e iniziai a dipingere Ogni giorno, ogni mese che passava il quadro era sempre più bello ed ero proprio orgoglioso di me. Dopo circa tre mesi il ritratto era finito e a me sembrava la cosa più bella che avessi mai dipinto. Chiesi a Lorenzo se potevo far ammirare il quadro al Verrocchio e ai ragazzi della sua bottega ed egli acconsentì. Il mio maestro, osservando il ritratto, rimase come estasiato da tale bellezza, ma il suo stupore venne subito a meno quando io timidamente gli chiesi il suo parere Lui, con tono di superiorità, disse che non era male per un apprendista, ma in fondo, in fondo lo vidi bruciare d invidia. Verso tarda sera l apprendista più grande della bottega, Nicolò, mi disse che il quadro che avevo dipinto era magnifico e che questa volta avevo superato il maestro. Io tutto orgoglioso ringraziai. Feci per girarmi quando davanti a me trovai Verrocchio, che guardò Nicolò con un occhiata gelida, poi si rivolse a me e disse: - Hai proprio appreso bene da me. - Questo complimento non me lo aspettavo, ma nonostante quanto detto, aveva uno sguardo non colmo di gioia, ma di inquietudine. Forse, pensai, in fondo, in fondo anche lui sapeva che con quel quadro avevo superato ogni sua opera. Lorenzo de Medici sembrava molto soddisfatto dell opera e pagò la cifra stipulata. Io ci avevo messo l anima nel dipingerlo e tratto dopo tratto, mi chiedevo se sarei mai diventato, magari un giorno un grande pittore.

12 Ilaria Zanoni, Narciso

13 Francesca D Angelo Sofia Cacciatori TRISTEZZA o CALENDULA Dopo la separazione dei miei, mi trasferii a Londra da New York, per motivi di lavoro di mia mamma Katy. Avevano divorziato da poco ed eravamo un po tutti scossi dall accaduto. Il giorno dopo iniziai scuola e incontrai dei bulli per strada che avevano cominciato a tiranneggiarmi e a rubarmi soldi e merenda. Ad un certo punto era venuta in mio soccorso una ragazzina della mia età, che aveva mandato via i tre prepotenti e che mi aveva aiutato. Ero incantato dal suo aspetto, i suoi capelli rossi e i suoi occhi marrone profondo che avevano appena appoggiato lo sguardo sulle mie ferite. Mi aveva chiesto: Ti senti bene?. Le risposi di sì e le chiesi come si chiamasse. Mi chiamo Priscilla e tu?. Risposi: Il mio nome è Alan e mi sono appena trasferito. Mi aiutò ad alzarmi e andammo insieme a scuola. Al termine delle lezioni, uscimmo dal cancello della scuola e ci scambiammo il numero di cellulare. Quel pomeriggio ci scambiammo sms tutto il tempo e io non aspettavo altro che il giorno dopo per rivederla. Appena sveglio feci colazione in velocità a casa e mi misi subito in cammino per andare a scuola con Priscilla. La incontrai per strada e ci incamminammo assieme. Per strada incontrammo ancora gli arroganti di ieri che ci dissero che erano i padroni della scuola e del quartiere e che nessuno poteva contraddirli. Subito dopo, Priscilla, tirò fuori dalla borsa uno spray al peperoncino e lo spruzzò in viso a tutti e tre. Appena si accasciarono per il dolore, io e Priscilla iniziammo a correre verso la scuola. Ci salvammo per un pelo. Nel pomeriggio, salutai Priscilla e corsi verso casa per raccontare l accaduto a mia mamma. Entrai dalla porta vidi mia nonna JoJo, che mi aspettava in lacrime sul divano. Le chiesi cosa fosse successo e mi rispose che mia madre se n era andata per sempre. Scoppiai in lacrime anch io e mi accasciai per terra. Chiesi a mia nonna come fosse successo e mi rispose che mio padre si era vendicato in maniera barbara di mia mamma per averlo lasciato. Dopo un po di settimane, di udienze, mio padre venne rinchiuso in un ospedale psichiatrico ed io andai a vivere dai miei nonni materni. Dopo circa due mesi, andai a trovare mio padre e vidi in che stato era. Pensai: Eccolo, l uomo che mi ha rovinato la vita e ucciso mia madre, un uomo che mi ha dato la tristezza più grande che io abbia mai provato. Andai a vivere con i miei nonni, che mi aiutarono nella vita e furono, per così dire, i miei genitori.

14 A venticinque mi accorsi che il sentimento di amicizia verso Priscilla, l unica luce in quel periodo di tristezza e dolore, si era trasformato in amore. Mi resi conto che lei era una delle due cose più bella che mi fosse capitata nella mia vita, ma nonostante la felicità provata, il ricordo di mia madre lasciò per sempre una ferita nel mio cuore, una scheggia di tristezza che mai passò.

15 Filippo Ferrante Daniele Bragntini GELOSIA o ROSA GIALLA Nel 1999 in una casetta sulle alpi trentine, molto spaziosa e interamente costruita in legno, circondata da un prato fiorito, viveva un giovane ragazzo con la sua famiglia e il suo fedele cane Saluk. Mirco, questo era il suo nome, era un ragazzo corporatura slanciata, con capelli biondi e degli occhi azzurri come il cielo limpido d estate. Aveva un fratello di nome Giovanni più vecchio di un anno. I due avevano frequentato le scuole superiori assieme. In classe di Mirco c era Marta, una ragazza da tutti considerata bellissima, alta e magra con capelli biondi e splendenti occhi verdi. Giovanni ne era affascinato, tanto che ogni giorno le stava appresso in maniera quasi fastidiosa. Un giorno, durante l ora della professoressa Rossi, lei di nascosto lanciò a Mirco un bigliettino colorato con delle scritte all interno. Quando lo aprì, lesse la poesia che gli aveva dedicato e, stupito, le rispose con un grande sorriso. Era talmente contento che si mise a sognare il loro futuro incontro, ascoltando poco niente della lezione che si stava svolgendo. Tornato a casa, raccontò l accaduto a suo fratello che rimase pietrificato dalla notizia riferitagli. Lui era profondamente attratto da Marta e da quel giorno mostrò i primi segni di rivalità nei confronti del fratello. Iniziarono i dispetti anche pesanti, lo spiare i messaggi che lei inviava a Mirco e lo seguiva di nascosto per vedere dove andasse. Mirco non capiva il comportamento di Giovanni e, quando cercava di parlare con lui, la richiesta era sempre respinta. Un giorno Marta, vedendo l ennesimo litigio, disse a Giovanni di smetterla di essere geloso, che lei non lo aveva mai considerato né amato. Con il passare del tempo però, Marta si stancò della relazione con Mirco, al quale sembrava di tradire il fratello, quindi per ritrovare la pace famigliare decisero di comune accordo di lasciarsi. Mirco ovviamente non era felice della situazione, ma riteneva che i legami di sangue valessero di più di un amore appena iniziato. Ma alla fine nessuno fu felice. Mirco provò astio contro il fratello per la scelta fatta, Giovanni non riuscì mai del tutto a liberarsi della gelosia verso il fratello e Marta era triste perché era stata invano sacrificata.

16 Daniele Bragantini, Rosa Gialla

17 Caterina Menegatti Chiara Tartali MALINCONIA o ANEMONE Alisa era una bella ragazza russa, alta, con capelli lunghi mossi e mori, arrivata a Manchester da piccola con una zia inglese perché i suoi genitori non potevano permettersi di crescerla a causa di una grande crisi che aveva colpito da anni ormai la zona degli Urali. Lì aveva conosciuto a scuola fin da piccola Alexander, un ragazzo inglese molto alto biondo, con grandi occhi verdi e lucidi; con cui condivideva tutto: erano inseparabili. Un giorno Alisa doveva comunicargli una brutta notizia, ma non sapeva come farlo, quindi chiese di incontrarsi per discutere da soli a Werneth Low Country Park. Quando arrivò, Alexander era già lì ad aspettarla e, appena la vide, si accorse che il suo viso era triste e pensieroso. Iniziarono a parlare di quando erano bambini, di tutti i momenti trascorsi insieme, dei litigi delle avventure vissute e delle loro esperienze, quando a un certo punto Alexander chiese perché il suo viso fosse spento. Lei scoppiò in lacrime e in un fiato confessò quello che la turbava: sarebbe dovuta tornare in Russia dai suoi genitori, che avevano un assoluto bisogno di aiuto per la fattoria che possedevano. Avrebbe dovuto lavorare con loro. A questa notizia Alexander impallidì e non riuscì a trattenere le lacrime, che scendevano fini sulle guance e nella sua mente iniziarono a scorrere le immagini e i ricordi della loro storia. Alisa molto dispiaciuta si calmò e spiegò più nei dettagli il perché di questa improvvisa partenza. Arrivata la sera, i due si lasciarono e ognuno andò a casa sua. Alexander si gettò sul letto e ripensò alle parole di Alisa e al fatto che sarebbe partita l indomani. Il giorno dopo Alexander si svegliò molto presto per andare a salutare la sua amica, ma con stupore, quando fu davanti alla sua casa, si accorse che era già partita senza nemmeno salutarlo. Si informò sul volo aereo e corse all aeroporto con la speranza di trovarla ancora lì, ma purtroppo era già partita. Passarono giorni senza mai un contatto. In Russia Alisa sentì enormemente la mancanza di Alexander e così decise di sfogliare i vecchi album di quando erano piccoli. Provava una tristezza costante nel vedere e ricordare i momenti felici vissuti assieme. Alisa arrivò a non mangiare più, a non uscire di casa, non parlare praticamente con nessuno. L unica cosa che le dava un po di felicità e coraggio, era scrivere sul suo diario ciò che avrebbe voluto fare:

18 tornare in Inghilterra e soprattutto riabbracciare Alexander, che con il suo fresco profumo riusciva a renderla forte, coraggiosa, senza timore di nulla e di nessuno. Passò un anno e finalmente sembrava che i suoi genitori potessero concederle un periodo di vacanza e decise così di tornare in Inghilterra da Alexander. Quando una mattina presto suonò il campanello, Alexander aprì la porta e con stupore sentì una voce familiare. Riconobbe subito il volto di Alisa, così appena la vide l abbracciò con felicità e commozione. Il giorno dopo si sarebbero incontrati a Sale Water Park, per un pic-nic in riva al lago. Alexander decise di farle un regalo così girò tutta la città per trovare quello perfetto. Appena vide Alisa, con i capelli raccolti e gli occhi lucidi dalla felicità, che lo aspettava seduta sul prato, si sedette con lei e le regalò un anello d argento con una perla azzurra: rappresentava il colore della malinconia come i bellissimi occhi di Alisa, che quando lo vide i suoi occhi brillarono e se lo mise subito al dito. Passarono una splendida giornata divertente, facendo una passeggiata in riva al lago, dando delle occhiate alle bancarelle sparse qua e là e, quando il sole tramontò, tutti e due decisero di tornare a casa. La loro vita tornò come prima con tante esperienze ed emozioni; iniziarono a vedersi tutti i giorni e a frequentarsi sempre più spesso. Quell anello di quel tenue turchese rappresentava ciò che aveva provato Alisa nel lungo anno trascorso in Russia: una triste azzurra malinconia. Le mancava disperatamente la compagnia di Alexander, da cui non si era mai staccato dal giorno del loro bizzarro incontro su una panchina del parco vicino a casa. Avevano sempre condiviso tutto e pochissimi erano stati i litigi, così Alisa decise di creare un regalo speciale per ringraziare Alexander per averla sempre aspettata. Lo invitò per un tè pomeridiano, lui si presentò puntuale come sempre e attese Alisa sotto la porta di casa. Subito le chiese per chi fosse il pacchetto regalo che teneva in mano, lei senza dire una sola parole glielo porse. Era di forma quadrata ricoperto da una morbida carta celeste, rilegata da un nastrino giallo e, con il cuore che batteva più forte che mai, aspettò di vedere la sua espressione. Era una cornice creata da lei stessa con tanti fiori di anemone, con una loro foto abbracciati. Ad Alexander spuntò un grande sorriso sul viso e schioccò un bacio sulla guancia della bella Alisa che rimase impietrita e sfiorò con la mano il punto dove era stata baciata. Tutti e due imbarazzati iniziarono così a camminare per mano con tutta l intenzione di non lasciarsi più perché entrambi sapevano che il loro era diventato un legame indistruttibile.

19 Nicole Comerlati Christian Zermiani TENEREZZA o EDERA Nella città di Boston viveva un ragazzo di nome Leonardo. Aveva i capelli castani, gli occhi marroni, era di media statura, il carattere estroverso e amichevole verso tutti i suoi compagni. Andava in una scuola piuttosto piccola, dove tutti i ragazzi si volevano bene a vicenda, ma stranamente lui era preso un po in giro e parlavano alle sue spalle. Era molto intelligente, diverso da tutti gli altri e la maggior parte delle risate dei suoi compagni erano dovute al suo modo di vestire. Aveva sempre la solita maglietta blu e i pantaloni marrone scuro, non portava le calze e le sue scarpe erano vecchie e rovinate: indossava quei vestiti perché non poteva permettersene migliori. Quando i suoi compagni lo sbeffeggiavano, lui correva a nascondersi rifugiandosi in un angolo infondo al cortile della scuola. Tranne i suoi genitori, solo il nonno lo rispettava. Insieme trascorrevano le giornate dopo scuola. Leonardo andava sempre da lui e gli raccontava com era andata la giornata. Dopo qualche anno il nonno si ammalò, ma il ragazzo non era a conoscenza della sua grave patologia e continuò ad andare a trovarlo come prima. Passarono i giorni e la malattia iniziò a farsi vedere sul corpo del nonno, la pelle si gonfiava e il nonno dimagriva sempre di più. Un giorno come gli altri Leonardo andò a trovarlo e, mentre gli parlava, il nonno si sentì male. Il ragazzo preoccupato di tutto ciò, chiamò l ambulanza che portò il nonno in ospedale, dove fu rivelato a Leonardo la malattia del nonno. Il giorno dopo il ragazzo and a scuola, ma non si sentiva bene, ciononostante non disse nulla a nessuno e fece finta che fosse un mal di pancia. Quando tornò a casa, il semplice mal umore di prima iniziava a farsi sentire sempre più forte e sua madre molto preoccupata lo portò dal medico per una visita. Il dottore gli disse: Temo che si tratti di qualcosa di serio e la madre si spaventò perché iniziò a presumere che fosse la stessa malattia del nonno. Con il passare dei giorni il ragazzo peggiorò così tanto da non voler andare a scuola per timore che i compagni lo prendessero ancora più in giro per la sua debolezza.

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli