Anno pastorale CREANDO E RICREANDO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno pastorale 2011-2012 CREANDO E RICREANDO"

Transcript

1 Anno pastorale CREANDO E RICREANDO «Pregando e ripregando» schemi per la preghiera in oratorio Il materiale per l animazione dei ragazzi in oratorio verso Milano 2012 è disponibile nel sussidio CREANDO E RICREANDO (ed. In dialogo). 1

2 1. Impariamo l accoglienza In famiglia possiamo imparare uno stile di accoglienza, di perdono e di carità che può indirizzarci a fare lo stesso anche fuori casa, negli incontri con le altre persone. Gesto iniziale Chiediamo ai ragazzi all inizio della preghiera di stringere la mano ognuno a tutti. In questo «scambio della pace» tra tutti, accompagnato da un canto adeguato, sottolineiamo il senso dell accoglienza di tutti. Ascolto della Parola di Dio (Mt 5,43.6-4) Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste. State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli. Dunque, quando fai l elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. Dialogo Ragazzo 1: «Amate i vostri nemici», sono forti queste parole di Gesù non trovi? Ragazzo 2: Si, molto forti... non è per niente facile andare d accordo con chi non condivide le proprie idee. A volte non è facile neanche con i propri amici o le persone più vicine. Ragazzo 1: Hai ragione, se penso a quante volte anche in casa mia spesso mi ritrovo a litigare con mia fratello e mia sorella...si finisce per strillare e poi dopo addirittura non parlarsi più! Ragazzo 2: È così anche per me! Educatore: Ragazzi, vi ho ascoltato, è bello che vi poniate queste domande e cerchiate di leggere il Vangelo per farlo entrare nella vostra vita. Secondo me, è proprio la casa il primo luogo dove impariamo a vivere con gli altri. Accogliere mio fratello, mia sorella, anche se la pensano diversamente da me, mi può aiutare ed esercitare ad avere un atteggiamento di accoglienza anche per quanti sono intorno a noi e sentiamo lontani o indifferenti o addirittura ci sono nemici! Preghiere dei fedeli Diciamo insieme: Noi ti preghiamo, ascoltaci Signore. Per le nostre famiglie, perché siano sempre luogo che testimonia l amore di Gesù per noi. Preghiamo. 2

3 Per tutte le famiglie che stanno attraversando momenti di difficoltà. Preghiamo. Per tutti quei ragazzi che non hanno famiglia. Preghiamo. Preghiamo con il salmo 133 Ecco com è bello e com è dolce, che i fratelli vivano insieme! È come olio prezioso versato sul capo, che scende sulla barba, la barba di Aronne, che scende sull orlo della sua veste. È come rugiada dell Ermon, che scende sui monti di Sion. Perché là il Signore manda la benedizione, la vita per sempre. Gloria Canto: È più bello insieme 2. L occasione buona Possiamo presentare al Signore nella preghiera le fatiche di ogni giorno, a scuola, in casa, nello studio e, per i genitori e gli adulti, nel lavoro L impegno quotidiano, anche se richiede degli sforzi, è la «strada» e l occasione per crescere e diventare grandi. Gesto Come semplice segno di rinuncia invitiamo tutti a compiere questa preghiera seduti a terra. Rinunciamo alla comodità di ogni giorno per riconoscere come nelle fatiche si gustano meglio i momenti più belli. Ascolto della Parola di Dio (Mt 2, 13-14) Un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Alzati, prendi con te il bambino e sua madre, fuggi in Egitto e resta là finché non ti avvertirò: Erode infatti vuole cercare il bambino per ucciderlo». Egli si alzò, nella notte, prese il bambino e sua madre e si rifugiò in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode, perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Dall Egitto ho chiamato mio Figlio.» 3

4 Dialogo Catechista: La famiglia di Nazareth ha conosciuto la fatica, lo smarrimento, l incertezza di non sapere cosa accadrà. Ragazzo 1: Ho conosciuto la famiglia dei giostrai che deve sempre andare in giro e cambiare posto per poter lavorare e poter vivere... Ragazzo 2: Mi sono accorto anche che nella famiglia di Luca ci sono dei problemi, eppure Luca è sempre sereno... Ragazzo 3: In casa mia mi accorgo che i miei genitori, lavorando tutto il giorno, sono spesso stanchi... Catechista: Vedete ragazzi, come la famiglia di Nazareth, ogni famiglia vive la fatica e la prova... Le giornate sono impegnative per tutti; c è la fatica di portare avanti il lavoro per i genitori e la scuola per voi. A volte anche impegni più divertenti come lo sport o il catechismo rischiano di diventare dei pesi, anziché delle occasioni da sfruttare e godere. Proviamo a chiederci: «La nostra giornata è scandita da tante cose da fare per cui spesso si fa fatica. Come li viviamo?». Sono solo degli obblighi da svolgere oppure potremmo tentare di vederli come un occasione per crescere, un dono che ci è stato dato, un segno di cura che il Signore ha per noi? Preghiera dei fedeli Preghiamo insieme e diciamo: Ascoltaci, Signore. Ti preghiamo, Signore, per tutte quelle famiglie intorno a noi o lontano da noi che sono in difficoltà a causa della mancanza del lavoro: te le affidiamo certi della tua cura di Padre, preghiamo. Ti preghiamo, Signore, per tutte quelle volte in cui portiamo avanti i nostri impegni senza passione: rendici pronti ad affrontare le cose che dobbiamo fare come occasioni da non perdere, preghiamo. Ti preghiamo, Signore, perché impariamo ad accorgerci anche di quanti non sono del «nostro giro», perché impariamo ad accogliere tutti, a fare il primo passo e a renderci amici di tutti, preghiamo. Preghiamo con il salmo 120 Alzo gli occhi verso i monti: da dove mi verrà l aiuto? Il mio aiuto viene dal Signore: egli ha fatto cielo e terra. Non lascerà vacillare il tuo piede, non si addormenterà il tuo custode. Non si addormenterà non prenderà sonno, il custode d Israele. Gloria 4

5 Canto: Io sarò con te 3. Una festa che è una «forza» La festa è un momento da «gustare» tutti insieme! Ed è l occasione che ci spinge a manifestare con tutto noi stessi la gioia che abbiamo dentro, proprio perché abbiamo capito che è Gesù a «ricrearci» e a darci tutti i motivi per essere contenti. Gesto iniziale Prima della preghiera si preparino delle strisce con dei nastri di diversi colori. Ad ogni ragazzo ne venga consegnata una. Durante la celebrazione si uniscano i due lembi di ogni striscia con una pinzatrice, formando tanti anelli, da unire quindi tutti insieme. Simboleggiamo come l unione fa la forza, ma anche la festa, in quanto il risultato sarà una ghirlanda di molti colori. Ascolto della Parola di Dio (At 4, 33) Con grande forza gli apostoli davano testimonianza della Risurrezione del Signore Gesù e tutti godevano di grande favore. Dialogo Animatore: ecco un versetto del libro degli Atti degli apostoli che dice in poche parole con quanta gioia gli apostoli parlavano di Gesù e annunciavano la Risurrezione! E, soprattutto, come questo era a beneficio di tutti. Quali parole vi colpiscono di più? Ragazzo 1: «forza», perché è una forza non fisica, non esteriore, ma è quella forza dentro che ci muove quando qualcosa ci appassiona tanto. Ragazzo 2: «dare testimonianza» cioè essere segni di qualcos altro o qualcun altro. Ragazzo 3: a me colpisce molto che queste non siano azioni di un singolo, ma di tutti gli apostoli e inoltre tutti godono di questi benefici. Animatore: è proprio così, abbiamo l impressione che gli apostoli sentano prima di tutto loro la gioia della Risurrezione di Gesù e per questo non possono fare a meno di dirlo con la loro vita e gli altri non possono fare a meno di accorgersene. Allora chiediamoci: «Noi per cosa gioiamo? Cosa ci rende contenti? So gioire anche per qualcosa che riguarda i miei amici? So gioire e fare festa con i miei amici, o ciò che riguarda il mio tempo libero è solo mio?» Preghiera dei fedeli Preghiamo insieme e diciamo: Donaci Signore un cuore contento. Donaci Signore di vivere le nostre giornate con la stessa gioia degli apostoli, per essere davvero ragazzi contenti, preghiamo. 5

6 Donaci Signore di liberarci da tutto quello che a volte appesantisce inutilmente il nostro cuore e ci fa ripiegare su noi stessi, preghiamo. Donaci Signore di imparare a far festa con gli altri, a non tenere per noi ciò che di bello abbiamo, ma di condividerlo e scoprire così come questo porta gioia vera, preghiamo. Preghiamo con il salmo 150 Lodate Dio nel suo santuario, lodatelo nel suo maestoso firmamento. Lodatelo per le sue imprese, lodatelo per la sua immensa grandezza. Lodatelo con il suono del corno, lodatelo con l arpa e la cetra. Lodatelo con tamburelli e danze. Lodatelo sulle corde e sui flauti. Lodatelo con cimbali sonori, lodatelo con cimbali squillanti. Ogni vivente dia lode al Signore. Gloria Preghiamo Signore, tu che sei venuto a far festa con noi, donaci di comprendere che in qualsiasi modo partecipiamo alla creazione, tu ci doni una gioia nuova e sconosciuta. È questa la gioia che sta in profondità dentro di noi che continuamente ci ricrea e ci spinge sempre in avanti. Canto: La vera gioia 4. La festa è preparata Gesù prepara la festa per noi, soprattutto facendosi «cibo» per noi durante la messa. Dinnanzi al dono della sua vita noi possiamo guardare alle nostre giornate con senso di gratitudine e trovare la forza per ricominciare. Gesto La preghiera dei fedeli può essere sostituita da delle preghiere dei ragazzi che, dopo la lettura del Vangelo ed il dialogo, potranno scrivere su un grosso cartellone. Ognuno poi andrà a leggere la preghiera dei fedeli di un altro ragazzo. Ascolto della Parola di Dio (Gv 21, 1-14) 6

7 Dopo questi fatti, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaele di Cana di Galilea, i figli di Zebedeo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla. Quando già era l alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!». Simon Pietro, appena udì che era il Signore, si strinse la veste attorno ai fianchi, perché era svestito, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: non erano infatti lontani da terra se non un centinaio di metri. Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Disse loro Gesù: «Portate un po del pesce che avete preso ora». Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatré grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si squarciò. Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce. Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti. Dialogo Educatore: Ecco ragazzi un brano di vangelo dove il lavoro e la festa stanno proprio insieme. Ragazzo 1: È vero! Dopo che i discepoli hanno pescato, ecco che Gesù li aspetta sulla riva e dà loro da mangiare. Educatore: Il Signore prepara il cibo per noi, sa quando abbiamo bisogno di mangiare, ma soprattutto di fermarci! Gesù sa di cosa abbiamo bisogno. In tutti quei momenti in cui facciamo fatica e ci sembra di portare da soli un peso che ci sembra insopportabile, Gesù ci aspetta sulla riva e prepara per noi il «cibo». Ragazzo 2: E cosa c entra questo con la festa? Educatore: La festa è proprio il momento in cui, interrompendo ogni attività in cui siamo impegnati, possiamo guardare quel tempo trascorso e le persone incontrate in un modo più attento e profondo, proprio fermandoci! Ragazzo 1: Come? Educatore: Per esempio portando al Signore tutti i nostri pensieri e trovando quei tanti motivi che abbiamo per ringraziare; motivi che spesso passano inosservati o diamo per scontati, senza invece renderci conto di quanto valore abbiano nella nostra vita. I discepoli fanno festa col Signore. E noi come viviamo la messa domenicale che è il momento in cui facciamo festa con Gesù? È un ulteriore impegno che abbiamo o il momento in cui portiamo la nostra vita davanti al Signore, ringraziando e ricordandoci del suo amore per noi? La messa è per noi ciò che dà senso alle nostra vita di tutti i giorni? Preghiera dei fedeli Preghiamo insieme e diciamo: Grazie Signore Gesù. Perché ti doni a noi nel pane spezzato e nel sangue versato 7

8 Per quelle persone che ci ricordano, con la loro vita, com è bello stare con te Per quando scopriamo la gioia di avere un cuore riconoscente, che sa ringraziare Preghiamo con il salmo 137 Ti rendo grazie Signore con tutto il cuore, hai ascoltato le parole della mia bocca, non agli dei, ma a te voglio cantare, mi prostro verso il tuo tempio santo. Rendo grazie al tuo nome per il tuo amore e per la tua fedeltà: hai reso la tua promessa più grande del tuo nome. Nel giorno in cui ti ho invocato mi hai risposto, hai accresciuto in me la forza. Gloria Preghiamo Signore invitaci ancora. Facci vivere la nostra vita, non come un gioco di scacchi dove tutto è calcolato, non come una partita dove tutto è difficile, non come una formula matematica, ma come una festa che porta all incontro con te. Canto: Canto a Te Signore della vita 5. Mettiamoci all opera Il sudore e la fatica fanno parte del lavoro che segna le nostre giornate: questo vale anche in parte per i ragazzi che si impegnano a scuola e nello studio. Ma anche se pesa, il lavoro ci immette in un disegno in cui anche noi contribuiamo a fare più bello e buono il mondo, così come Dio lo ha voluto creando. Gesto Si preparino dei cartoncini con indicati dei talenti comuni dei ragazzi. Questi cartoncini al termine della preghiera possono essere dati ai ragazzi da portare ad un ragazzo non presente. Il nostro talento diventa motivo di servizio per gli altri. Ascolto della Parola di Dio (Gn 3, 17-19) 8

9 All uomo disse: «Poiché hai ascoltato la voce di tua moglie e hai mangiato dell albero di cui ti avevo comandato: Non devi mangiarne, maledetto il suolo per causa tua! Con dolore ne trarrai il cibo per tutti i giorni della tua vita. Spine e cardi produrrà per te e mangerai l erba dei campi. Con il sudore del tuo volto mangerai il pane, finché non ritornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto: polvere tu sei e in polvere ritornerai!». Dialogo Ragazzo1: Spesso vedo tornare a casa i miei genitori molto stanchi dal lavoro, a volte è difficile anche parlare. Ragazzo 2: Anche per me è così, a volte non me ne rendo conto e ho mille pretese. Ragazzo 1: Non so se avrò voglia di lavorare da grande, è veramente troppo faticoso, a meno che non trovi un lavoro che mi piaccia tantissimo! Animatore: È vero che è faticoso e vediamo gli adulti intorno a noi quanta fatica fanno; vediamo anche che tanti il lavoro non riescono neanche a trovarlo e questo fa soffrire molto e crea grossi problemi! E poi c è chi lo trova e non è mai contento. Ragazzo 1: Allora perché lavorare? Animatore: Beh, certo che la prima risposta che viene da dare è che senza il lavoro dei nostri genitori non potremmo vivere. Però c è qualcosa di più profondo. Abbiamo visto come il Signore crea il mondo, l abbiamo letto nel brano di Genesi che accompagna il cammino di quest anno in preparazione all incontro mondiale delle famiglie. Ma il Signore continua a creare e ricreare anche oggi e ci chiama proprio a partecipare a questa creazione, ci chiede di fare qualcosa anche noi, di collaborare perché il mondo sia ancora più bello e vivibile, perché sia un luogo di relazioni vere e di vera felicità. Anche a noi è chiesto di dare il massimo per realizzare gli impegni che prendiamo, a scuola, in oratorio, nello sport o di qualsiasi altro genere. Sono impegni belli per noi perché ci fanno crescere, ci portano a sviluppare i nostri «talenti» che possono essere spesi poi anche per gli altri e per le persone che vogliamo bene! Il Signore prima di tutto ci ha donato la vita: il dono più bello! Poi ci ha chiesto di prendere parte alla sua creazione perché guardando alle nostre opere si possa incontrare il suo volto: in quello che facciamo per amore c è il segno del volto di Dio. Ognuno di noi è chiamato a dire qualcosa del volto di Dio. Preghiera dei fedeli Preghiamo insieme e diciamo: Ascoltaci Signore. Ti preghiamo Signore per i nostri genitori, per quanti lavorando ci permettono di condurre una vita bella e buona, preghiamo. Ti preghiamo per quelle persone che non trovano lavoro e per quanti hanno situazioni lavorative difficili, preghiamo. Ti preghiamo per noi, perché impariamo a portare avanti i nostri impegni con responsabilità e con dedizione, sapendo che anche questo è un modo con cui portiamo a compimento l opera del Signore, preghiamo. Preghiamo con il salmo 126 Se il Signore non costruisce la casa, 9

10 invano si affaticano i costruttori. Se il Signore non vigila sulla città, invano veglia la sentinella. Invano vi alzate di buon mattino e tardi andate a riposare, voi che mangiate un pane di fatica: al suo prediletto egli ne darà nel sonno. Ecco, eredità del Signore sono i figli, è sua ricompensa il frutto del grembo. Gloria Canto: Servo per amore 6. Riconoscendo il creato Ciò che Dio ha creato è il luogo della nostra vita fisica e spirituale. Gli oggetti, la natura, le persone: tutto ci riconduce alla grandezza del Padre. Riconoscendo la sua bontà nell ordinare il tutto dal caos alla vita, dobbiamo impegnarci nel rispetto reciproco e nei confronti dell ambiente. Gesto iniziale Mettiamo all ingresso della chiesa o del luogo dove avviene la preghiera due piantine con vicino due annaffiatoi con un foglio attaccato sopra con scritto «Dio è il Creatore». Poi, se nessuno l avrà fatto, invitiamo tutti a innaffiare un poco la piantina per dimostrare il nostro voler bene al creato voluto da Dio (se qualcuno invece lo fa gli chiediamo perché l ha fatto). Ascoltiamo la Parola di Dio (Gn 1, 1-12) In principio Dio creò il cielo e la terra. Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l'abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque. Dio disse: «Sia la luce!». E la luce fu. Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre chiamò la luce giorno e le tenebre notte. E fu sera e fu mattina: primo giorno. Dio disse: «Sia il firmamento in mezzo alle acque per separare le acque dalle acque». Dio fece il firmamento e separò le acque, che sono sotto il firmamento, dalle acque, che son sopra il firmamento. E così avvenne. Dio chiamò il firmamento cielo. E fu sera e fu mattina: secondo giorno. Dio disse: «Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l'asciutto». E così avvenne. Dio chiamò l'asciutto terra e la massa delle acque mare. E Dio vide che era cosa buona. E Dio disse: «La terra produca germogli, erbe che producono seme e alberi da frutto, che facciano sulla terra frutto con il seme, ciascuno secondo la sua specie». E così avvenne: la terra produsse germogli, erbe che producono 10

11 seme, ciascuna secondo la propria specie e alberi che fanno ciascuno frutto con il seme, secondo la propria specie. Dio vide che era cosa buona. Dialogo Ragazzo 1: Ma Dio impone e assegna un nome a tutto ciò che ha creato! Ragazzo 2: Deve essere stupendo avere il potere su tutto Animatore: Attenti ragazzi perché «Dare un nome» ad un oggetto, ad un essere vivente, all'uomo significa, nel linguaggio biblico, oltre specificarne la destinazione e il ruolo, anche dire qual è l'essenza propria che gli appartiene. Ragazzo 3: Essenza? Ma ogni cosa ha un essenza? Animatore: Si, perché all inizio era il caos. Ma poi il nome dato alla luce come «giorno» e alla tenebra come «notte» afferma che è Dio ad avere il potere assoluto sulle tenebre. Le tenebre e la luce sono al servizio di Dio, il nome che impone loro dice proprio il suo potere sulle cose create. Un potere buono di Padre creatore, che ha creato tutto per il nostro bene, e non un Padre egoista. Preghiera dei fedeli: Preghiamo insieme e diciamo: Dio che hai creato tutte le cose ascoltaci. Dio della creazione, nel tuo sapiente disegno hai affidato all umanità il compito di custodire la terra come un giardino: fa che collaboriamo all opera della tua creazione nel rispetto e nella condivisione dei doni che ci ha dato. Noi ti preghiamo. Dio della storia, nel tuo amore non manchi di far percepire al tuo popolo la tua provvidenza di Padre: ricolma delle tue benedizioni il lavoro degli uomini, perché la terra produca con generosità i suoi frutti a beneficio di tutti i popoli. Noi ti preghiamo. Dio di verità e di grazia, che disseti il cuore dell uomo con l acqua della vita eterna: rendici capaci di apprezzare i doni della tua creazione, perché l acqua che scaturisce dalla terra sia condivisa come dono e diritto per tutti i popoli. Noi ti preghiamo. Preghiamo con il salmo 135 Lodate il Signore perché è buono: perché eterna è la sua misericordia. Lodate il Dio degli dèi: perché eterna è la sua misericordia. Lodate il Signore dei signori: perché eterna è la sua misericordia. Egli solo ha compiuto meraviglie: perché eterna è la sua misericordia. Ha creato i cieli con sapienza: perché eterna è la sua misericordia. Ha stabilito la terra sulle acque: perché eterna è la sua misericordia. Ha fatto i grandi luminari: perché eterna è la sua misericordia. Il sole per regolare il giorno: perché eterna è la sua misericordia. Gloria Canto: Laudato sii 11

12 7. Mandati nel mondo: la mondialità! Troppe volte ci chiudiamo nelle nostre comunità e facciamo fatica ad aprire gli occhi su ciò che ci circonda addirittura talvolta ci chiudiamo nelle nostre case e non esiste nessuno al di fuori di noi stessi! Ma oltre al nostro piccolo, il mondo è ricco di sfaccettature in cui siamo inviati da Dio, colmi dello Spirito santo, ad annunciare la buona novella. Gesto iniziale Mettiamo al centro della chiesa o del luogo dove avviene la preghiera un mappamondo o un planisfero, e durante un canto appropriato da fare all inizio i bambini mettono intorno al mondo qualcosa di loro, una felpa, una penna, il cellulare, un quaderno una qualsiasi cosa, per dimostrare di essere capaci di capire cosa sta fuori e di donare qualcosa di mio al mondo. Ascoltiamo la Parola di Dio (Gv 20, 19-22) La sera di quello stesso giorno, che era il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, Gesù venne e si presentò in mezzo a loro, e disse: «Pace a voi!» E, detto questo, mostrò loro le mani e il costato. I discepoli dunque, veduto il Signore, si rallegrarono. Allora Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre mi ha mandato, anch'io mando voi». Detto questo, soffiò su di loro e disse: «Ricevete lo Spirito Santo.» Dialogo Educatore: Gesù ci affida una missione! Ragazzo 1: Ma ne saremo davvero capaci? Non è un progetto troppo grande per noi? Ragazzo 2: Quante volte ho paura ad uscire di casa oppure non ho voglia di fare qualcosa. Educatore: Avete ragione, il compito è troppo grande perché possano farcela solo con le loro forze. Per questo viene donato loro lo Spirito Santo, perché li guidi, li sostenga, infonda loro coraggio ed energia. La strada però, non dovranno dimenticarlo, è la stessa di Gesù. Ragazzo 3: Ma solo noi dobbiamo impegnarci? Ci vorrebbe anche qualcun altro Educatore: Ecco allora la missione, un impegno che viene affidato a noi e a quelli che verranno dopo: predicare a tutte le genti «la conversione e il perdono dei peccati». Preghiera dei fedeli Preghiamo insieme e diciamo: Da' libertà e pace ai nostri giorni, o Signore. Dio giusto e misericordioso, conferma in noi la fede nella vittoria del Cristo sul peccato e sulla morte, perché non ci arrendiamo mai alle forze del male. Noi ti preghiamo. 12

13 Fa' che le immense risorse della terra e dell'ingegno umano non siano disperse negli sprechi e nelle armi di distruzione e morte, ma utilizzate per sollevare le moltitudini che gemono nella miseria e nella fame. Noi ti preghiamo. Tocca il cuore di pietra di coloro che in ogni parte del mondo opprimono, vendono, uccidono i propri fratelli; accogli con te le vittime innocenti di tutte le stragi e tutti i caduti per la causa della libertà e della giustizia. Noi ti preghiamo. Fa' che la pace e i giovani camminino insieme, perché il volto giovane della pace e il volto pacifico dei giovani siano garanzia di un sicuro domani per l'umanità. Noi ti preghiamo. Aiutaci a non nominare invano il nome della pace, per esserne promotori e testimoni con gesti concreti e coerenti nella quotidianità della vita. Noi ti preghiamo. Preghiamo con il salmo 85 Signore, sei stato buono con la tua terra, hai ricondotto i deportati di Giacobbe. Hai perdonato l iniquità del tuo popolo, hai cancellato tutti i suoi peccati. Rialzaci, Dio nostra salvezza, e placa il tuo sdegno verso di noi. Mostraci, Signore, la tua misericordia e donaci la tua salvezza. La sua salvezza è vicina a chi lo teme e la sua gloria abiterà la nostra terra. Misericordia e verità s incontreranno, giustizia e pace si baceranno. La verità germoglierà dalla terra e la giustizia si affaccerà dal cielo. Davanti a lui camminerà la giustizia e sulla via dei suoi passi la salvezza. Gloria Canto: Vieni e seguimi 8. Relazioni d amore 13

14 Il comandamento nuovo è il comandamento dell amore. Dall amore di Dio per l uomo si sviluppa l amore dell uomo nei confronti di tutte le altre persone. È un amore che si manifesta nelle relazioni, e che sta alla base della famiglia. Ascoltiamo la Parola di Dio (Gv 13, 31-35) Quand'egli fu uscito, Gesù disse: "Ora il Figlio dell'uomo è stato glorificato, e anche Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. Figlioli, ancora per poco sono con voi; voi mi cercherete, ma come ho già detto ai Giudei, lo dico ora anche a voi: dove vado io voi non potete venire. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri". Dialogo Ragazzo 1: Ma come ha amato Gesù di Nazaret? Catechista: In modo incondizionato, aperto a tutti, proponendo la conversione dei cuori, delle coscienze, dei modi di pensare e di agire; senza dubbio con attenzione privilegiata alle persone povere, fragili ed ammalate. Ragazzo 2: È un concetto difficile per noi ragazzi. Non siamo proprio capaci a mettere in pratica questi temi così difficili. Ragazzo 3: Però sarebbe molto bello un mondo così. Catechista: Ma Gesù ci è stato da esempio. Il suo amore si è concretizzato nell attenzione, nell accoglienza, nella premura, nella cura, nel perdono. Il suo amore si è concretizzato nella proposta e nell esperienza di nuove relazioni di accoglienza, di superamento dell inimicizia, di perdono, di fraternità, di condivisione. Un amore fatto di presenza, di compassione, di parole e di gesti concreti. In questo modo anche noi possiamo amare come lui! Preghiera dei fedeli: Preghiamo insieme e diciamo: Signore che ami la vita ascoltaci. Padre, che sei la fonte della vita, e con la nascita del tuo Figlio nella carne hai proclamato il valore della creatura umana, illumina coloro che per vocazione e missione sono custodi della vita già nel suo primo sorgere. Preghiamo. Padre, che sei la difesa dei deboli e il liberatore degli oppressi, impedisci la crudeltà che fa strage in mezzo ai popoli, e soccorri tante vittime innocenti senza voce, senza volto, senza nome. Preghiamo. Padre, che ami tutti i tuoi figli, fa che possiamo crescere seguendo la strada della vita che tu ci hai indicato, seguendo il tuo insegnamento e le tue virtù. Preghiamo. Preghiamo con il salmo 23 Signore è il mio pastore: non manco di nulla; su pascoli erbosi mi fa riposare, ad acque tranquille mi conduce. 14

15 Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino, per amore del suo nome. Se dovessi camminare in una valle oscura, non temerei alcun male, perché tu sei con me. Il tuo bastone e il tuo vincastro mi danno sicurezza. Davanti a me tu prepari una mensa sotto gli occhi dei miei nemici; cospargi di olio il mio capo. Il mio calice trabocca. Felicità e grazia mi saranno compagne tutti i giorni della mia vita, e abiterò nella casa del Signore per lunghissimi anni. Gloria. Gesto finale Chiederemo ai bambini durante il di unirsi in un abbraccio al posto della solita mano, per indicare l amore fraterno a Dio. Canto: E sono solo un uomo 9. Dimensione famiglia La famiglia è la culla di ogni ragazzo per insegnare la vita. Nella sua tridimensionalità, essa si sviluppa in dimensione verticale per mettere in contatto Dio e l uomo, in dimensione orizzontale per creare comunione tra gli uomini, e in dimensione temporale di evoluzione negli anni. Gesto iniziale Mettiamo in un cesto tanti piccoli cubi bianchi costruiti con il cartoncino. Invitiamo i bambini a prenderne uno a testa all inizio: alla fine gli spiegheremo che è il cubo della preghiera in famiglia e li inviteremo a portarlo a casa e di scrivere su ogni lato una preghiera e lo utilizzeremo poi per la preghiera in famiglia a casa. Ascoltiamo la Parola di Dio (Lc 2, 41-52) I suoi genitori si recavano tutti gli anni a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono di nuovo secondo l'usanza; ma trascorsi i giorni della festa, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. 15

16 Credendolo nella carovana, fecero una giornata di viaggio, e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme. Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai dottori, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l'udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. Al vederlo restarono stupiti e sua madre gli disse: "Figlio, perché ci hai fatto così? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo". Ed egli rispose: "Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?". Ma essi non compresero le sue parole. Partì dunque con loro e tornò a Nazaret e stava loro sottomesso. Sua madre serbava tutte queste cose nel suo cuore. E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini. Dialogo Ragazzo 1: Gesù si pone in maniera molto rispettosa nei confronti dei suoi genitori: lascia il Tempio e riprende la vita di sempre, obbediente, sorridente, disponibile. Ragazzo 2: E noi, siamo capaci di prendere esempio da Gesù? Non è che qualche volta facciamo i capricci? Ragazzo 3: Magari capita di essere un po' prepotente verso mamma e papà. Di avere solo pretese. Di chiedere senza gentilezza. Di rispondere con rabbia. Animatore: Allora ricordiamoci di queste parole, per far si che da domani riusciamo a vivere a pieno la nostra famiglia e la sua bellezza e siamo sicuri di crescere come Gesù, di crescere in sapienza, età e grazia. Preghiera dei fedeli: Preghiamo insieme e diciamo: Dio d amore ascoltaci. O Padre, concedi alle nostre famiglie la Grazia di Cristo, tuo Figlio, perché sostenga e rinnovi ogni giorno i coniugi cristiani, chiamati da Te a vivere in santità la comunione sponsale, per giungere alla perfezione della carità evangelica. Per questo ti preghiamo. Signore Gesù, accompagna sempre le nostre famiglie con il tuo aiuto divino, perché possiamo compiere con fedeltà la nostra missione nella vita terrena per ritrovarci poi uniti per sempre nella gioia del tuo regno. Per questo ti preghiamo. Signore, nostro Dio e nostro Padre, tu che sei la Vita, la Verità e l'amore, dona alle nostre famiglie un cuore grande nel perdono, che sa dimenticare le offese ricevute e riconoscere i propri torti e infondi in noi la forza del tuo eterno ed immenso amore. Per questo ti preghiamo. Preghiera sulla famiglia Dio, dal quale proviene ogni paternità in cielo e in terra, Padre, che sei Amore e Vita, fa che ogni famiglia umana sulla terra diventi, mediante il tuo Figlio, Gesù Cristo, «nato da Donna», e mediante lo Spirito Santo, sorgente di divina carità, un vero santuario della vita e dell'amore per le generazioni che sempre si rinnovano. Fa' che la tua grazia guidi i pensieri e le pene dei coniugi verso il bene delle loro famiglie e di tutte le famiglie del mondo. Fa' che le giovani generazioni trovino nella famiglia un forte sostegno per la loro umanità e la loro crescita nella verità e nell'amore. 16

17 Fa' che l'amore, rafforzato dalla grazia del sacramento del matrimonio, si dimostri più forte di ogni debolezza e di ogni crisi, attraverso le quali, a volte, passano le nostre famiglie. Fa' infine, te lo chiediamo per intercessione della Sacra Famiglia di Nazareth, che la Chiesa in mezzo a tutte le nazioni della terra possa compiere fruttuosamente la sua missione nella famiglia e mediante la famiglia. Tu che sei la Vita, la Verità e l'amore, nell'unità del Figlio e dello Spirito Santo. Amen (Beato Giovanni Paolo II) Gloria. Canto: Scatenate la gioia 10. Ogni cosa al suo dovere! I compiti di ogni uomo sono molteplici e talvolta difficili da compiere. I dovere dei ragazzi sono molti e si figurano nella scuola, nell aiuto in famiglia e nella comunità cristiana. Troppe volte ci si dimentica di alcuni di questi, o forse anche di tutti. Gesto iniziale Prima di iniziare la preghiera consegniamo ad ogni bambino un post-it sul quale gli chiederemo di scrivere il nome di un amico o di un familiare e gli diremo che questa preghiera deve essere dedicata a tutti i nomi sui post-it, proprio per dimostrare la disponibilità a fare qualcosa per un altro. Ascoltiamo la Parola di Dio (Ef 2,19-22) Così dunque voi non siete più stranieri né ospiti, ma siete concittadini dei santi e familiari di Dio, edificati sopra il fondamento degli apostoli e dei profeti, e avendo come pietra angolare lo stesso Cristo Gesù. In Lui ogni costruzione cresce ben ordinata per essere tempio santo nel Signore; in Lui anche voi insieme con gli altri venite edificati per diventare dimora di Dio per mezzo dello Spirito. Dialogo Catechista: Ci accorgiamo come San Paolo, nella lettera agli Efesini, rievoca l opera della redenzione in Cristo Gesù come un evento realizzato e compiuto, e come il fondamento di ogni grazia. Ragazzo 1: Tante parole ricorrono e le abbiamo gia sentite: familiari, ospiti, dimora, fondamenti. Ragazzo 2: È vero! Tutto ci parla di una casa. Ragazzo 3: La casa è la nostra dimora dove dovremmo compiere i nostri doveri più grandi, aiutando, dedicando un po di tempo allo studio, ai bisogni degli altri. 17

18 Catechista: Ricordiamoci allora che Gesù è la nostra guida e il nostro aiuto per portare avanti tutto ciò che di buono ci siamo prefissati. Preghiera dei fedeli: Preghiamo insieme e diciamo: Signore donaci la fede per riconoscerti. Perché il nostro desiderio di risposte facili non ci impedisca di ricercarti ogni giorno. Preghiamo. Perché la coscienza di averti accanto sia uno stimolo per seguire il tuo esempio d amore. Preghiamo. Perché prima di valutare le caratteristiche di un nostro fratello ci ricordiamo che tu l hai salvato per come è. Preghiamo. Perché la coscienza della tua grandezza non sia solo occasione d entusiasmo, ma anche d impegno paziente. Preghiamo. Preghiera a san Domenico Savio San Domenico Savio, sono anch io giovane come te, e come te cerco molto di amare Gesù. Tu sei stato formidabile nell amicizia con i tuoi compagni, nella fiducia verso i tuoi genitori e i tuoi educatori. Io ti affido tutti i miei amici e tutte le persone care con cui condivido le mie giornate. Tu non avresti mai commesso un peccato un peccato che deturpa il cuore. Aiutami a trovare le parole, i gesti e gli sguardi che sono giusti e veri, per manifestare, come te, la bontà e la verità. Fa che mi senta sempre amato da Dio e che sappia sempre scegliere il bene. Ti ringrazio perché mi hai indicato la via della santità E sono certo che mi aiuterai a seguirla ogni giorno. Amen. Gloria. Canto: Mani oppure Andate per le strade Fondazione diocesana per gli Oratori Milanesi via S. Antonio, Milano tel fax

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio.

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. 1 È BELLO LODARTI 2 CANTERÒ IN ETERNO 5 NOI VENIAMO A TE 6 POPOLI TUTTI È bello cantare il tuo amore, è bello lodare il tuo amore, è bello cantare il tuo amore, e bello lodarti Signore, è bello cantare

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco BENEDIZIONE Parrocchia Natività di Maria Vergine - Gorle CANTO: Ho toccato il fuoco Ho toccato il fuoco con le mani: era il vecchio sogno di un bambino, sono io colui che accende i fuochi, sono il vento

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri?

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? L annuncio della resurrezione di Gesù dai morti è il cuore della buona novella (vangelo) che gli apostoli hanno diffuso attraverso il mondo e per la quale

Dettagli

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione»

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» CONGREGATIO DE CULTO DIVINO ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM Prot. N.1139/11/L Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» Probatum. Ex aedibus Congregationis de Cultu

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola. La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.it LETTERA AGLI EFESINI 1 1 Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

Vi annuncio una grande gioia

Vi annuncio una grande gioia Vi annuncio una grande gioia Questo sussidio è disponibile sul sito diocesano www.diocesisansevero.it 28 NOVENA DI NATALE NELLE FAMIGLIE dicembre 2011 Natale Asciuga, Bambino Gesù, le lacrime dei fanciulli!

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia.

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. 5 aprile 2015 DOMENICA DI PASQUA RISURREZIONE DEL SIGNORE L annuncio pasquale risuona oggi nella Chiesa: Cristo è risorto, egli vive al di là della

Dettagli

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo Obiettivo generale: L'incontro di questa domenica è incentrato sul cammino del discernimento della

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

CANTI DI INGRESSO. Tu ci hai chiamato qui nella tua casa Signore, per lodare il tuo nome. RIT. 347. LA FESTA PIU BELLA da La messa dei Bambini

CANTI DI INGRESSO. Tu ci hai chiamato qui nella tua casa Signore, per lodare il tuo nome. RIT. 347. LA FESTA PIU BELLA da La messa dei Bambini CANTI DI INGRESSO 347. LA FESTA PIU BELLA da La messa dei Bambini Arriviamo da ogni parte, da ogni angolo della terra, invitati per la festa più bella. Arriviamo da ogni dove, con la gioia dentro al cuore

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá Novena del lavoro 4a San Josemaría Escrivá Preghiera a San Josemaría San Josemaría Escrivá Fondatore dell'opus Dei PREGHIERA Oh Dio, che per mediazione di Maria Santissima concedesti a San Josemaría, sacerdote,

Dettagli

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 1.LA STORIA Il capitolo 22 del libro della Genesi è uno dei testi fondamentali nell Antico Testamento. Il testo appartiene ad

Dettagli

Osanna al Figlio di David, osanna al Redentor!

Osanna al Figlio di David, osanna al Redentor! 1-PADRE, PERDONA Signore, ascolta: Padre, perdona! Fa che vediamo il tuo amore. 1 A te guardiamo, Redentore nostro, da te speriamo gioia di salvezza: fa che troviamo grazia di perdono. 2 Ti confessiamo

Dettagli

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede Scuola di Preghiera Venerdì 11 dicembre 2010 intervento di don Fabio Soldan La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

LO ACCOLSE NELLA SUA CASA : LA CASA DI MARTA E LA CASA DI LIDIA

LO ACCOLSE NELLA SUA CASA : LA CASA DI MARTA E LA CASA DI LIDIA Scheda 14 LO ACCOLSE NELLA SUA CASA : LA CASA DI MARTA E LA CASA DI LIDIA Nel contesto della sua predicazione itinerante, Gesù trova ospitalità nella casa di due sorelle, Marta e Maria (Lc 10,38-42). L

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata portare vita piena agli altri Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata del Terz Ordine Regolare di San Francesco d Assisi Luglio 2013 #2 La Missione di Gesù Carissime/i, dopo aver presentato

Dettagli

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE Sabato Mariano, 7 dicembre 2014 LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE P. Alberto Valentini, SMM La speranza biblica non è un vago sentimento, una semplice tensione verso un futuro, sognato migliore,

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli