La scuola: un diritto o un dovere di spesa? Più di 50 ragazzi a sostegno del nostro gruppo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La scuola: un diritto o un dovere di spesa? Più di 50 ragazzi a sostegno del nostro gruppo."

Transcript

1 La scuola: un diritto o un dovere di spesa? Più di 50 ragazzi a sostegno del nostro gruppo. Quest anno si assisterà ad un aumento medio del 3,2% per l acquisto di libri scolastici così cita il rapporto dell Osservatorio Nazionale Federconsumatori. Effettivamente l acquisto del materiale scolastico rappresenta ogni anno una grande voce di spesa per le famiglie italiane; i consigli di classe hanno dei budget massimi di spesa, che però nella maggior parte dei casi non vengono mai rispettati; le motivazioni sono prettamente didattiche, infatti, per gli insegnanti risulta già complicato chiudere i programmi con tutti gli strumenti a disposizione, difficile sarebbe farlo con un manuale di difficile comprensione e utilizzo. Le uniche alternative agli esorbitanti prezzi sono le librerie che vendono libri usati, che sicuramente aiutano le famiglie in difficoltà a dare la possibilità ai propri figli di studiare sui libri migliori. Un elemento da notare è che lo stato italiano a differenza di quello tedesco, non riesce con il proprio bilancio a recuperare risorse per pagare oltre a strutture e docenti, il materiale didattico per ogni studente. La soluzione proposta oltreconfine è sicuramente la massima declinazione del cosiddetto stato sociale. Questa strategia pur essendo ottimale è di difficile attuazione in un paese come il nostro soprattutto in questo momento storico particolare. Altra possibilità molto interessante sarebbe quella di inserire nei contesti scolastici gli e-book oppure i tablet che permettono di attuare una soluzione all-in-one, cioè tutto in un unico apparecchio. Molte scuole grazie a fondi provenienti dall Unione Europea o da associazioni benefiche hanno potuto acquistare questi strumenti, migliorando dal mio punto di vista la didattica poiché viene resa nuova, multimediale e maggiormente incisiva, in quanto stimola la curiosità degli studenti. Questa potrebbe essere la soluzione che avrebbe i prerequisiti per cambiare il modo di vedere la scuola e lo studio, rendendolo meno noioso e sicuramente più divertente. Alex Alberio Sabato 10 Novembre l'associazione Saronno Giovani ha organizzato un gazebo per comunicare alla cittadinanza quanto fatto durante il Allo stand hanno presenziato più di 50 ragazzi, nonostante il maltempo, per dare consigli al gruppo e compilare un sondaggio molto importante per tutti i giovani: un'inchiesta per capire quali sono le reali esigenze degli studenti nelle scuole. Il nostro gruppo è già da tempo presente sul territorio con obiettivi molto chiari: mettersi in gioco e impegnarsi a proporre momenti di divertimento confronto e svago culturale. È stato un bellissimo pomeriggio in cui finalmente tutti noi abbiamo potuto confrontarci su tematiche relative alla scuola e alla nostra città. Abbiamo distribuito anche un volantino per mostrare a tutti il lavoro svolto durante l'anno. Come ringraziamento per coloro che hanno partecipato al gazebo abbiamo offerto una tazza di cioccolata calda e una fetta di panettone, che hanno rallegrato la giornata uggiosa di sabato. Nei prossimi giorni rielaboreremo le idee comunicateci e faremo sentire la voce di tutti gli studenti scrivendo una lettera a tutti i Presidi saronnesi. Il prossimo appuntamento in programma riguarda un dibattito sulla sicurezza e la violenza nelle nostre città presso la Sala della Nevera della biblioteca di Saronno. Umberto Volontè

2 iphone 5 e Samsung Galaxy S3, tanto belli quanto diversi Nasce Varese Giovani Siete tutti appiattiti, omologati culturalmente a causa della pessima influenza esercitata dal web, dalla tv e dai social network, se andrete avanti così non riuscirete a stringere un legame solido al di fuori di Facebook o di Twitter. Queste parole riproducono il pensiero che la maggior parte dei genitori nutre di fronte alle nuove generazioni che sono deboli a causa dell età e della poca esperienza. La società odierna ci raffigura come delle pedine statiche, passive e dotate di poca personalità, voglia di crescere e di fare nuove esperienze inoltre ritrae il nostro futuro lavorativo molto grigio, privo di qualsiasi crescita e rassicurazione economica. Un simpatico ministro ci definisce bamboccioni, come se fossimo ancora in simbiosi, dipendenti totalmente dalla nostra cara e dolce mamma. Noi non ci stiamo a tutti questi pregiudizi e false convinzioni e vogliamo comunicare a noi stessi, in prima istanza, e al nostro Paese che siamo presenti e pronti per creare sul territorio varesino qualcosa di importante, che ci possa coinvolgere in prima linea. Da quest idea di fondo è nata l idea di creare nella nostra piccola realtà Varese giovani, un progetto ideato da un gruppo di giovanissimi per coinvolgere le nuove generazioni a partecipare ad attività di dibattito, confronto su argomenti politici, culturali e di attualità dando loro anche la possibilità di divertirsi attraverso i momenti di svago proposti. Il nostro obiettivo è quello di mescolare l utile al dilettevole, ciò che occorre sapere per essere uomini e cittadini eccellenti alleggerito dal piacere di fare gruppo. Riteniamo che questa sia una splendida opportunità per ritrovarsi, ogni tanto, e condividere valori, punti di vista e aspettative comuni, avremo così l opportunità di crescere a livello culturale, emotivo e relazionale; poiché l uomo nasce per diventare un animale sociale occorre che raggiungiamo insieme i più alti livelli di intelligenza socio-relazionale. Siamo pieni di speranze,di propositi ma soprattutto convinti che attraverso una buona motivazione intrinseca e la voglia di metterci in discussione creeremo delle attività importanti e un ottimo gruppo. Silvia Pelosin Nell ultima settimana ci sono stati i resoconti finanziari e di retail pubblicati da ciascuna marca di smartphone. Mentre nokia ed htc,purtroppo,hanno raggiunto livelli ormai tali da rischiare il fallimento,apple e samsung continuano senza sosta a contendersi il primo posto,nonché il monopolio,nella classifica di device più venduti. Quest anno,a sorpresa,penso io, di molte persone, samsung galaxy s3 ha venduto un numero notevolmente maggiore rispetto al tanto chiacchierato e bramato iphone 5. Incredibile? Per noi cittadini europei si,poiché iphone ha raggiunto un livello di commercialità tale da essere considerato un must non solo per gli appassionati,ma anche per tutti gli utenti. In america e in estremo oriente,però,le cose vanno diversamente. Apple è si portatrice di garanzie,ma è troppo semplice da usare. Samsung,invece,quest anno, col galaxy s3 ha saputo trasmettere all utente una sensazione di potenza interiore attraverso l immensità di funzioni e applicazioni,di serie,che solo android può dare. So per certo che il divario fra apple fans e samsung lovers è abissale,ed è proprio per questo che ho deciso di confrontare,in chiave non troppo dettagliata,i due device di punta delle due aziende. Partiamo dal design e dai materiali: iphone 5 è stato allungato,potenziato e messo a dieta. Si,perché è addirittura più sottile di una comune matita. I materiali con cui è creato sono di prima scelta e devo ammettere che l accoppiata zaffiro e alluminio satinato dona un non so chè di magico al device apple. Il design è come sempre minimalista,rettangolare con angoli smussati,molto leggero e comodo al tatto. Il galaxy s3 è composto da materiali più plasticosi e molto meno curati,ma il suo design è davvero molto accattivante. È più grande di iphone,e anche più pesante,nonché meno maneggevole: iphone risulta meno ingombrante e più comodo nell utilizzo di tutti i giorni,e col suo retina display sicuramente rende l utilizzo ancora più piacevole. Ma anche s3 sa il fatto suo,e per chi ama godersi internet a schermo intero e senza risparmi di spazio,allora il mastodontico schermo da più di 4 pollici offre una vasta libertà nel gestire ciò che necessita una vista più ampia,senza ovviamente mancare di bellezza. Anche l occhio ha la sua parte,e galaxy possiede una risoluzione molto simile ad iphone. I colori ed il contrasto,però,sono gestiti meglio dal gioiellino apple. Ovviamente i due telefoni per gestire una tale definizione necessitano di un cuore di altrettanta qualità e potenza: qui samsung eccelle,poiché il suo processore offre prestazioni davvero notevoli e maggiori rispetto ad iphone,che,essendo anche più piccolo,è meno performante. La potenza dei processori giustamente non è casuale,poiché la cpu di iphone serve a gestire un sistema operativo (ios 6) molto semplice e,ahimèmolto povero di opzioni di default: essendo un firmware molto semplice e comodo da usare,la sua intuibilità si ferma alle funzioni più comuni ad uno smartphone,senza andare oltre. Samsung,invece,offre un sistema operativo davvero complicato da usare fino in fondo,ma quando si apprende a pieno l utilizzo,le sue funzioni e le sue personalizzazioni raggiungono limiti nettamente superiori ad iphone. Entrambi i device possiedono una fotocamera da 8 megapixel,registrazione video in full hd e gestione foto davvero ottimale. iphone,però,scatta foto leggermente migliori di galaxy s3,grazie a miglior bilanciamento di bianchi e alle lenti di qualità notevole. Insomma,entrambi gli smartphone sono ad un livello di gamma davvero notevole,dimostrand grandi prestazioni ed ottima affidabilità in più casi. Ora sta al cliente scegliere : semplicità e praticità d uso,o potenza e personalizzazione abbondante? A voi l ardua decisione. Lorenzo Perini

3 Quell'anno di scuola all'estero mi ha fatto sentire a casa nel mondo Ma com'è il flusso inverso? Cioè, ci sono molti studenti stranieri in Italia? Arrivano moltissimi ragazzi ogni anno a studiare in Italia, circa 500 solo per il programma annuale, provenienti da ogni parte del mondo. Intervista a Jacopo Cerri,membro del comitato studentesco saronnese A quanto ammonta la spesa complessiva per un anno di studi fuori dall'italia? Ci sono borse di studio? Intervista a Ylenia Basilico responsabile di AFS Intercultural Programs Siamo in un momento in cui si parla sempre di più di cervelli in fuga e di laureati qualificati che non trovano in Italia sbocchi all'altezza della loro preparazione. Andare a studiare all'estero è un invito a fare nuove esperienze o a cambiare decisamente paese? Andare a studiare all'estero all'età di 17 anni è un invito ad aprire la mente. È vero, si parla tanto di cervelli in fuga ma oggigiorno si vedono anche tanti ragazzi svogliati e passivi. Trasferirsi per un periodo di studio all'estero dovrebbe essere visto come un modo per imparare da ciò che è diverso ed utilizzare le nuove conoscenze per impegnarsi nel migliorare il proprio paese. A mio avviso finché l'italia non apporta cambiamenti radicali favorevoli ai giovani ve ne saranno sempre più che decideranno di andarsene, indipendentemente dall'aver vissuto una esperienza di studi all'estero o no. Qual è il paese che offre le maggiori opportunità per i giovani, la formazione più qualificata, i migliori sbocchi? Non so rispondere a questa domanda poiché noi ci occupiamo di scambi per le superiori. Inoltre un paese può essere più avanzato in un campo invece che in un altro, per cui non ritengo esista una risposta precisa. Per la ricerca scientifica ovviamente USA, per la tecnologia Asia. Il costo dell'esperienza che intercultura propone varia in base alla destinazione e alla durata del programma. Vi sono borse di studio offerte dall'associazione che funzionano in base alla fascia di reddito della famiglia ed esistono anche borse di studio sponsorizzate da enti privati e pubblici come banche, aziende, comuni. Cosa diresti a un ragazzo interessato a vivere questa esperienza? Da persona che ha vissuto questa esperienza non posso fare altro che consigliarla. Ciò che si impara vivendo per un anno all'estero va ben oltre alla conoscenza di una nuova lingua. Si creano relazioni che durano una vita, si matura e si diventa soprattutto cittadini del mondo. Non abbiate paura di rischiare e di mettervi in gioco! Cos'è successo mercoledì scorso? Mercoledì c'è stato lo sciopero generale europeo contro l'austerity. Gli studenti sono scesi per le strade con l'obiettivo di contestare i tagli alla scuola pubblica...riteniamo non abbia senso lesinare sul nostro futuro, sugli investimenti e sulle nuove tecnologie. Ci siamo trovati alle 8.30 in santuario dopo che si è tenuto un breve presidio davanti alle scuole saronnesi. Ci siamo poi spostati a Milano per unirci al corteo. Il raduno è terminato con una assemblea a porta Genova." È stato additato contro gli studenti saronnesi di aver danneggiato i tornelli a Milano Cadorna. È vero? "Assolutamente no. Sono state altre realtà che hanno visto in questa protesta violenta un modo per far sentire la loro voce. Noi studenti non crediamo nella violenza gratuita e la rifiutiamo. Il vandalismo colpisce in primis noi studenti" State organizzando altre manifestazioni? "Stiamo organizzando uno sciopero bianco, che è un altro tipo di protesta, molto più pacifica e di confronto, in collaborazione con i professori. Crediamo che il dialogo fra gli studenti sia l'unica via per formare una coscienza collettiva e risolvere i problemi insieme"

4 (Lettera al nostro giornale) Lo stato delle opere pubbliche del Comune di Tradate, tra promesse ed abbandono Il completamento delle sopracitate opere appare senza dubbio di prioritaria importanza, ma occorre analizzare specificamente ogni singolo caso: 1)L abbandono dei lavori nella cd Area Feste costituisce un omissione molto grave, che priva i cittadini tradatesi della possibilità di usufruire di un importante luogo di riunione e di svago (lavori fermi al giugno 2010); 2)il cantiere di Via del Carso crea gravi disagi alla circolazione locale, impedisce il transito automobilistico, costringendo i residenti a sforzi improbi per raggiungere le proprie abitazioni (lavori fermi al marzo 2012); Il 2012 sta per volgere al termine, ed appare doveroso tracciare un bilancio sullo stato attuale delle opere pubbliche concernenti il Comune di Tradate. All inizio del mese di ottobre la situazione non è certo tra le più rosee: camminando per le vie secondarie della Città non si può fare a meno di notare i numerosi cantieri iniziati e non conclusi. Oltre ad uno stato di degrado ed abbandono delle strade comunali che può da anni definirsi cronico, i cittadini tradatesi da lunghi mesi assistono passivamente ad un fenomeno di estrema gravità sociale: il mancato completamento di opere pubbliche iniziate ma non ultimate. Il paradosso sta nel fatto che tali infrastrutture vengono finanziate mediante finanziamenti provenienti dall Unione Europea, dalla Regione Lombardia e dalla Provincia di Varese, ma soprattutto attraverso le imposte comunali versate dagli stessi cittadini tradatesi, che invece di contribuire allo sviluppo ed alla crescita del territorio in cui sono inseriti, sono costretti ad assistere passivamente alla parziale realizzazione di opere che danneggiano l ambiente che le circonda. In particolare le critiche di chi scrive sono riferite a tre opere pubbliche cruciali per lo sviluppo e la crescita della Città di Tradate, quali i) la cosiddetta Area Feste di Via dei Predacci, ii) la rotonda e la circostante pista ciclo-pedonale di Via del Carso, iii) ed ultima ma non ultima la pista ciclo-pedonale di Via Albisetti che collega il Comune di Tradate con il Comune di Lonate Ceppino. 3)il cantiere di Via Albisetti, restringendo sensibilmente l ampiezza della carreggiata, eleva in misura significativa il rischio dei già numerosi incidenti stradali che vedono coinvolti autovetture, cicli, motocicli e pedoni (lavori fermi al marzo 2012). Diverso invece il discorso concernente la sostituzione del semaforo presso le cd cinque strade (in prossimità della frazione Ceppine ) con una rotatoria, il cui progetto, approvato anni fa, attende solamente di essere realizzato. Saggia in questo frangente la decisione delle amministrazioni politiche precedentemente in carica di non iniziare i lavori), senza avere la matematica certezza di concluderli in tempi assolutamente rapidi, in un tratto cruciale della circolazione provinciale; il semaforo delle cinque strade costituisce infatti l ultimo esemplare rimasto sulla Strada Provinciale Varesina tra il Comune di Locate Varesino e quello di Castiglione Olona. Non difficile prevedere i possibili disagi per la circolazione stradale in caso di sospensione od interruzione dei lavori. La criticità della situazione non può però essere ricondotta ad un unico soggetto responsabile: al contrario, a parere di scrive, le responsabilità devono essere ripartite, seppur in misura non eguale, tra l amministrazione attualmente in carica e la precedente giunta. La vittoria al ballottaggio dello scorso 20 e 21 maggio del candidato sindaco di centrosinistra Dott.sa Laura Fiorina Cavallotti (sostenuta da Partito Democratico,Sinistra Ecologia e Libertà con Partecipare Insieme Per Tradate e Città Nuova ) sul candidato della Lega Nord Gianfranco Crosta, ha spezzato un egemonia padana che durava da qualche lustro. A seguito dell insediamento in P.zza Mazzini, la giunta di centrosinistra, preso atto del buco finanziario lasciato dalla precedente amministrazione di centrodestra, stimato in circa 12 milioni di Euro, e tra i primi interventi posti in essere, ha deliberato la sospensione dei lavori di completamento delle opere pubbliche iniziate nei mesi precedenti, a causa della mancanza di fondi. Tale scelta, assolutamente irreprensibile da un punto di vista bilancistico-contabile, appare altrettanto censurabile in relazione ai disagi, tuttora persistenti, causati alla circolazione stradale ed all ambiente cittadino. Ancor più biasimevole tuttavia, a parere di chi scrive, il comportamento tenuto dall amministrazione leghista precedentemente in carica, con particolare attenzione alle decisione di avviare i lavori in via Albisetti a poche settimane dalla scadenza del mandato, nonostante fosse (o quantomeno avrebbe dovuto essere) a conoscenza della difficoltà economiche in cui versavano le casse comunali. Niccolò Fava

5 Sperimentazione animale: un confronto tra diverse visioni Abbiamo intervistato Lorena Di Carlo, esperta e sostenitrice della campagna contro la sperimentazione animale. Abbiamo intervistato Francesca Farina, PhD in Neuroscienze, ricercatrice in Chimica Biologica presso il dipartimento di Scienze della Salute, Università degli Studi di MilanoBicocca 1. Innanzitutto chiariamo il significato dei termini. Le parole vivisezione e sperimentazione animale sono spesso usate in modo interscambiabile, eppure non sono sinomini. 1.Innanzitutto chiariamo il significato dei termini. Le parole vivisezione e sperimentazione animale sono spesso usate in modo interscambiabile, eppure non sono sinonimi. Quando si parla di vivisezione, come si legge nella maggior parte dei dizionari, si intende qualunque tipo di sperimentazione effettuata su animali da laboratorio che induca alterazioni a livello anatomico e funzionale, come l esposizione a radiazioni, l inoculazione di sostanze chimiche, di gas, ecc.. È anche vero che negli ambienti scientifici spesso si parla di sperimentazione animale insieme a ricerca in vitro e modelli: ma questi modelli che si vogliono rendere inanimati, come se fossero oggetti, in realtà sono animali che hanno coscienza, che provano gioia, dolore, terrore, empatia, sono esseri senzienti e come tali devono essere considerati. L utilizzo della parola vivisezione è concettualmente ed etimologicamente sbagliato: è noto che nessuno in Italia attualmente interviene chirurgicamente su animali non anestetizzati. La vivisezione quindi attualmente non è una pratica esistente in Italia. Personalmente ritengo che coloro che utilizzano il termine vivisezione vogliano strumentalizzare un concetto con lo scopo di impressionare l opinione pubblica. Con questa tattica si ottiene facilmente una forte reazione emotiva nel lettore/ascoltatore, perché evocare il taglio, la ferita, il sangue porta sempre alla mente immagini negative. Deve essere chiaro a tutti che la vivisezione non è praticata nei laboratori di ricerca, dove invece si conduce la sperimentazione animale, la quale prevede innanzitutto una valutazione da parte di un comitato etico poi un autorizzazione ministeriale ed, infine, definisce regole ben precise sulle condizioni in cui gli animali devono essere tenuti, prevedendo anche controlli frequenti da parte degli organi preposti. Detto ciò, che il divieto ci sia o non ci sia, che sia fatto rispettare o non sia fatto rispettare, questo non permette di dedurre niente su come effettivamente i ricercatori si comportano nei loro laboratori. Anche in assenza di controllo, personalmente non ometterei mai di anestetizzare un topo prima di operarlo, perché lo troverei inutilmente crudele, e inoltre potrebbe inficiare i risultati dell esperimento. 2. Nonostante il caso Green Hill ci sono parecchi scienziati e professori che continuano a sostenere la sperimentazione animale. Cosa ne pensa? Green Hill è senza dubbio il caso più recente che ha scosso la coscienza pubblica. Il sequestro e la successiva liberazione di così tanti cani destinati alla ricerca non hanno precedenti in Italia e in Europa: un evento assolutamente straordinario che ha mobilitato migliaia di persone che hanno chiesto e chiedono a gran voce una ricerca che non infligga sofferenza agli animali. Fino a quel momento si era infatti riusciti a tenere nascosto l allevamento e quanto vi avveniva all interno; le indagini, in parte ancora in corso, dimostrano che tutto questo è stato reso possibile anche commettendo gravi reati. Personalmente penso che questo allevamento abbia mostrato come i criteri di scelta non siano stati affatto scientifici: il beagle è un cane comodo, perché piccolo, a pelo corto e socievole. Più sono piccoli più se ne possono avere, il pelo corto vuol dire pulizia ridotta quasi a zero e purtroppo il loro essere così socievoli vuol dire avere animali facili da gestire. Le critiche alla vivisezione sono vecchie di decenni: mi viene in mente uno dei libri più conosciuti e letti in materia, Imperatrice nuda di Ruesch che quando venne pubblicato nella metà degli anni settanta creò uno scalpore tale da causarne la censura e il ritiro dal mercato prima in Italia e poi negli Stati Uniti! Era solo il 1976 ma il libro, già allora, documentava la vera, cruda e spietata vivisezione, evidenziandone soprattutto gli interessi pecuniari, vero motore di questa fabbrica di morte. L autore e illustri scienziati affermavano che la vivisezione è disumana e antiscientifica, i test condotti sugli animali sono crudeli e controproducenti perché inattendibili. Da allora numerosissime sono state le pubblicazioni e le organizzazioni nate ad opera di medici e scienziati. Parallelamente però molti medici e vivisezionisti continuano a propagandare la pratica come utile e necessaria. Io penso che le motivazioni di chi si batte a favore della ricerca e sperimentazione senza l uso di animali siano varie. Innanzitutto ragioni etiche che non possono essere più ignorate. Scienziati e medici parlano di questo metodo di ricerca come disumano e crudele: causare inenarrabili sofferenze a creature sensibili dovrebbe essere già un motivo più che sufficiente per non accettarlo. 2.Esistono oggi metodi alternativi affidabili cui ricorrere? Quali? E perché la scienza ufficiale non punta adeguatamente su questo settore? Dal punto di vista scientifico, i metodi detti alternativi non possono essere considerati affidabili, perché presentano i limiti di un modello semplice, non complesso e quindi non rappresentativo di un organismo umano. Poniamo il caso di dover studiare un tumore: per la ricerca di base va benissimo un modello cellulare; tuttavia, una volta determinate le fasi di un processo cellulare collegate con l'insorgenza o lo sviluppo del tumore e le strade per contrastarlo, una verifica su un organismo complesso è necessaria. Dunque, allo stato attuale, è corretto dire che non esistono metodi alternativi alla sperimentazione animale, ma soltanto metodi complementari come simulazioni al computer. La scienza in questo ambito ha puntato e sta puntando davvero moltissimo. Va detto anche che di norma tali metodi non usano animali vivi, ma spesso li usano morti, perché i materiali utilizzati da qualche parte devono pur venire. In alcuni casi possono essere usati metodi in grado di ridurre il numero di cavie impiegate e migliorare le loro condizioni di vita, con conseguente riduzione anche nei costi, cosa sempre positiva per il mondo della ricerca. Vale, in generale, la regola secondo la quale in laboratorio ogni tecnica ha pro e contro, e dunque nessuna può essere completamente sostituita da un altra. Sappiamo benissimo che anche i modelli animali sono delle approssimazioni rispetto all uomo ma, per la gran parte delle funzioni che valutate, la risposta risulta molto simile. Per esempio, è noto che i topi condividono con l'uomo l'85% del patrimonio genetico, mentre le funzioni dei geni sono identiche. Per questo, la sperimentazione animale può essere indispensabile per alcuni progetti di ricerca.

6 Parallelamente però molti medici e vivisezionisti continuano a propagandare la pratica come utile e necessaria. Io penso che le motivazioni di chi si batte a favore della ricerca e sperimentazione senza l uso di animali siano varie. Innanzitutto ragioni etiche che non possono essere più ignorate. Scienziati e medici parlano di questo metodo di ricerca come disumano e crudele: causare inenarrabili sofferenze a creature sensibili dovrebbe essere già un motivo più che sufficiente per non accettarlo. È una cruda realtà che ci mostra cani, scimmie, gatti, cavie ma anche asini, capre, maiali, uccelli pesci, cavalli e molti altri animali mutilati, ustionati, avvelenati, accecati, affamati, sottoposti a stress psicologici e privazioni... e potrei andare avanti nel descrivere i tantissimi test ed esperimenti condotti su di loro. C è poi la volontà popolare che, in Paesi che si dichiarano civili, non può essere ignorata ma rispettata: più dell 87% dei cittadini europei è contrario alla vivisezione(dato non confermato n.d.r) e, certamente, ogni cittadino, dinanzi a una scelta, eviterebbe la sofferenza, il dolore e la paura degli animali destinati a questo genere di ricerca. Animali che spesso sono della stessa specie di quelli che vivono con noi: cani, gatti, cavalli, coniglietti che mai vorremmo immaginare in quelle foto, in quei video che sono diventati di dominio pubblico grazie alle testimonianze di vivisettori pentiti e alle indagini delle organizzazioni per la difesa degli animali. Sono gli stessi pentiti che narrano di come queste creature vengano stravolte fisicamente e psicologicamente. Questo è quello che la gente non sapeva, perché purtroppo quegli animali non avevano nessuno che desse loro voce. Mi sono resa anche conto che non sono assolutamente notizie false o tendenziose, sono notizie reperibili, pubbliche, quindi chiunque davanti a un computer le può trovare e rendersene conto. Terribili sono poi le foto di animali derisi e umiliati, addirittura con scritte oscene sul loro corpo: perchè aggiungere anche questo, perchè immortalare i loro modelli in questo modo così crudele? E ancora, ci sono alternative scientifiche che già ci sono e altre che si stanno facendo strada nonostante non possano avvalersi di finanziamenti elevati come avviene invece per la vivisezione, ma che sono profondamente volute da medici e ricercatori che vogliono una ricerca etica, una ricerca che abbia una coscienza. Mi viene in mente la dott.sa Susanna Penco, biologa e ricercatrice all Università di Genova, affetta da 16 anni da sclerosi multipla e ancora il dott. Stefano Cagno. Peccato che lei e tanti altri medici della stessa idea non vengano intervistati e pubblicizzati come i sostenitori della vivisezione; c è un muro invalicabile di omertà che fa ben comprendere quanto sia il potere in mano alle case chimiche-farmaceutiche, belliche e tutte le industrie che di fatto lucrano, senza alcun rispetto per la vita, sui nostri animali. Mi chiedo: perchè i confronti diretti vengono costantemente negati ed evitati? Perché si continua a non voler spiegare alle persone in cosa consiste la vivisezione e la sperimentazione animale? Penso allora che non sono quindi solo persone che possono essere certamente guidate da un profondo senso di pietà nei confronti degli animali a non volere più la sperimentazione animale: sono gli stessi addetti ai lavori che si ribellano, che non hanno fiducia in queste pratiche e che ne vedono i reali interessi. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità dichiara che dei preparati farmaceutici commercializzati ne servirebbero solo 200! 3. Esistono oggi metodi alternativi affidabili cui ricorrere? Quali? E perché la scienza ufficiale non punta adeguatamente su questo settore? Esistono metodi scientifici alternativi e validi; addirittura, se ci fossero anche finanziamenti in questa direzione, si potrebbero sviluppare e ottimizzare numerosi altri progetti. Bisogna innanzitutto partire da un idea semplice: gli animali non possono sostituire gli esseri umani e nella letteratura medica mondiale nessun modello animale è stato mai riconosciuto scientificamente valido. A maggior ragione non può esserlo un animale proveniente da allevamenti dove tutto ciò che lo circonda è sterile: dal parto cesareo,ambienti sterili, con cibo e acqua sterile: questi animali sono di fatto anormali per come vengono cresciuti e quindi si differenziano ancora di più dall organismo umano. Gli animali reagiscono in modo del tutto differente e molto spesso opposto a quello dell uomo. Sostanze come alcol, cloroformio, aspirina, penicillina, insulina, novalgina e molte altre, innocue per l essere umano sono dannose, se non mortali, per gli animali; di contro, sostanze come il tristemente noto talidomide, il cianuro di potassio, il paracetamol, l arsenico, la stricnina, ecc., sono invece dannosi per l uomo ma non per gli animali. Senza volermi addentrare troppo in aspetti tecnici vorrei solo far presente che molte sono le alternative già conosciute, alcune anche da decenni. Innanzitutto la stragrande maggioranza degli esperimenti compiuti sugli animali sono quelli per i test "di tossicità" obbligatori per legge, cioè quei test che dovrebbero accertare la pericolosità di una data sostanza chimica per l'uomo. Negli ultimi vent anni sono stati sviluppati numerose metodologie: modelli matematici computerizzati, colture di cellule e di tessuti umani, sistemi artificiali che addirittura sono in grado di riprodurre perfettamente parti del corpo umano, dall intestino, agli occhi e ancora le colture di cellule e di tessuti umani. In questo ambito però noi possiamo fare tanto, possiamo acquistare prodotti cruelty free le cui liste sono ormai reperibili ovunque. Lo stesso vale per l ambito chirurgico: grazie alle tecnologie avanzatissime di cui disponiamo esistono manichini identici in tutto e per tutto al corpo umano, capaci anche di sanguinare. E ancora nel campo della didattica, esistono ormai centinaia di metodologie alternative già validate come modelli, manichini e simulatori meccanici animali e umani, film e video, simulazioni computerizzate, esperimenti su piante, microorganismi, colture cellulari e tessutali e cellule staminali. 3.Nonostante il caso Green Hill ci sono parecchi scienziati e professori che continuano a sostenere la sperimentazione animale. Cosa ne pensa? Innanzitutto, chiariamo una volta per tutte che Green Hill è un allevamento di beagle destinati alla sperimentazione scientifica, non un laboratorio di sperimentazione. Ci sono delle indagini della procura di Brescia in corso, aspettiamo l esito: se verrà stabilito che ci sono state delle violazioni alla normativa vigente, i responsabili pagheranno. Affermare però che siccome i beagle venivano maltrattati a Green Hill, l intero sistema della sperimentazione animale sia sbagliato è una generalizzazione bugiarda e ingannevole. Chiunque abbia una competenza scientifica di base sa perfettamente che attualmente non esistono metodi alternativi in grado di sostituire in maniera valida la sperimentazione animale. Senz altro i metodi complementari sono di fondamentale supporto alla ricerca e stanno permettendo di ridurre in maniera significativa il numero di animali utilizzati. Spesso gli animalisti sostengono che la ricerca sugli animali non rappresenti una scelta valida perché l animale non è un modello perfetto rispetto all uomo: come si può dunque ipotizzare che un test condotto su un gruppo di cellule isolate possa essere rappresentativo ed esaustivo del modello umano? Utilizzando un solo gruppo di cellule isolate, ovvero un modello semplificato, non è possibile valutare l effetto sull organismo, quindi non è possibile evidenziare potenziali effetti collaterali per esempio. Come possiamo ipotizzare dunque di somministrare ad un uomo un farmaco non testato su di un organismo complesso? La ricerca definita in vitro è una parte integrante della ricerca, ma non può sostituire la sperimentazione animale. 4.Su una scala da 1 a 10 quanto è stata fondamentale la sperimentazione sugli animali per la ricerca? Rispondo a questa domanda riportandovi il caso Talidomide. Tale farmaco fu introdotto in commercio contro le nausee mattutine delle donne gravide nel periodo tra gli anni 50 e 60, ovvero in un epoca in cui la sperimentazione sugli animali ancora non era ritenuta fondamentale, pertanto non era obbligatorio che nuovi farmaci venissero testati sulla riproduzione animale. In breve, la mancata somministrazione del farmaco a modelli animali in fase riproduttiva non permise di ottenere informazioni adeguate, cosa che avrebbe permesso di evitare la nascita di oltre bambini con gravi malformazioni. Numerosi studi vennero condotti successivamente e dimostrarono che la somministrazione di Talidomide induceva malformazioni nei feti di diverse specie animali. Se la sperimentazione di questo farmaco fosse stata condotta sugli animali secondo le normative attualmente vigenti si sarebbero potute evitare conseguenze drammatiche. E un esempio che vorrei si tenesse presente quando si ragiona sull ipotesi di abrogare l obbligo della sperimentazione sugli animali prima di mettere in commercio un farmaco. Porto un altro esempio: immaginiamo di studiare una malattia neurodegenerativa (come Alzheimer, Parkinson, ) senza ricorrere a modelli animali. Possiamo avvalerci di un metodo complementare, cioè lo studio clinico; questo però ci pone una serie di limitazioni, come trovare un numero sufficientemente ampio di soggetti, offrire garanzie sulla loro salute, disporre di ingenti finanziamenti, controllare le condizioni di vita di questi individui per un tempo sufficientemente lungo La più importante limitazione sarebbe poi quella di non poter applicare nessun tipo di tecnica invasiva; non ci si può fermare all osservazione postmortem del soggetto umano perché si avrebbe solo la fotografia dello stadio finale della malattia. Risonanze magnetiche, PET e altre tecniche non invasive possono aiutarci a costruire un quadro più complesso, ma non ci forniscono tutte le informazioni a livello di meccanismi cellulari. Quindi, la sperimentazione animale non solo è stata (o sarebbe stata) fondamentale nel passato, ma in alcuni casi sarà assolutamente necessaria ed imprescindibile anche in futuro. 5.Che cosa direbbe a chi si batte per abolire la sperimentazione sugli animali? Proverei a ragionare con loro distinguendo bene la sfera emotiva da quella scientifica e razionale. Ognuno è libero di fare le proprie scelte. Tuttavia è bene sapere che molte tra le più importanti scoperte della ricerca scientifica, che ci hanno permesso di alleviare le sofferenze di innumerevoli esseri umani, senza la sperimentazione animale non sarebbero mai state raggiunte. Personalmente ritengo che ogni persona abbia il diritto di difendere le proprie convinzioni, ma spesso ci troviamo di fronte a gruppi con atteggiamenti violenti ed al limite della legalità o quantomeno della maleducazione, supportata da cattiva informazione. Il confronto scientifico serio viene spesso rifiutato: non ho ancora avuto il piacere di poter discutere con uno scienziato o con una persona con una solida competenza scientifica in grado di fornire una letteratura scientifica valida, che dimostri con i fatti che esistono metodi alternativi validi alla sperimentazione animale. Normalmente, quando il discorso comincia a farsi troppo caldo, si trincerano dietro ad affermazioni che hanno più a che fare con la sfera emotiva e di affezione che con quella razionale. Sfatiamo un mito: in laboratorio, nessun ricercatore gioisce nel fare del male agli animali; personalmente concordo con il Professor Garattini, che mi permetto di citare Non hanno il diritto d imporre la personale visione etica a chi può averne una diversa e porta avanti, con impegno e dedizione, la missione della ricerca scientifica, che resta alla base del progresso e dell avanzamento delle conoscenze. E se fossero coerenti, dovrebbero rivolgersi alla medicina alternativa e non alla medicina basata sull evidenza, che deriva dalla sperimentazione. Rivolgendomi a loro, quindi, li invito in primo luogo alla coerenza: di fronte ad una malattia si affidino alle cure alternative e rinuncino alle cure tradizionali, a fronte di un disturbo cardiaco rinuncino alla possibilità di un pace-maker (il cui sviluppo si è basato principalmente sul modello animale canino), di fronte ad una malattia oncologica rifiutino i chemioterapici (sviluppati su modelli animali), etc.

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Perché non è ancora possibile fare a meno degli animali nella sperimentazione biomedica

Perché non è ancora possibile fare a meno degli animali nella sperimentazione biomedica Perché non è ancora possibile fare a meno degli animali nella sperimentazione biomedica A cura dell Ufficio Stampa dell IRCCS Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri MOBILITAZIONE ANIMALISTA In

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Abolite gli esperimenti sulle scimmie! Molto simile a un uomo. www.agstg.ch. Ma alla fin fine solo una cavia. Una campagna della CA AVS

Abolite gli esperimenti sulle scimmie! Molto simile a un uomo. www.agstg.ch. Ma alla fin fine solo una cavia. Una campagna della CA AVS Molto simile a un uomo. www.agstg.ch Firmi la nostra petizione. Ma alla fin fine solo una cavia. Abolite gli esperimenti sulle scimmie! Una campagna della CA AVS Molto simile a un uomo. Ma alla fin fine

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

Ma come si spiega una tale crescita? Quali sono i v antaggi (ed eventualmente i limiti) di un seminario così popoloso?

Ma come si spiega una tale crescita? Quali sono i v antaggi (ed eventualmente i limiti) di un seminario così popoloso? Da 1200 a 12.000 partecipanti in dieci anni. Sono queste le cifre impressionanti del corso Sprigiona il Potere che è in Te di motivazione personale di Anthony Robbins, uno dei massimi eventi formativi

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

La Dignità. L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà

La Dignità. L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà La Dignità L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà Essa pone la persona al centro delle sue azioni istituendo la cittadinanza dell Unione e

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Meglio i farmaci o i prodotti naturali?

Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Sondaggio Ecoseven / 4 RS 03.11 Giugno 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI A CURA DI Centro screening - Dipartimento di Sanità Pubblica Programma Screening per la prevenzione dei tumori-direzione Sanitaria AUSL Bologna I tumori rappresentano

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini!

Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini! COMUNE DI PISA Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini! A seguito dell approvazione della legge finanziaria del 2008 nel Comune

Dettagli

Mente&Cibo Premaman. Chi siamo. Obiettivo

Mente&Cibo Premaman. Chi siamo. Obiettivo Mente&Cibo Premaman Chi siamo Antropica Gruppo Interdisciplinare per lo Sviluppo Umano è un associazione culturale, senza fini di lucro e indirizzi di carattere politico, che si propone di promuovere la

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

TECNOLOGIA. limitazioni economiche Limitazioni strumentali Limitazioni conoscitive Limitazioni dimensionali Limitazioni temporali Limitazioni etiche

TECNOLOGIA. limitazioni economiche Limitazioni strumentali Limitazioni conoscitive Limitazioni dimensionali Limitazioni temporali Limitazioni etiche TECNOLOGIA Lo studio e l esercizio della tecnologia favoriscono e stimolano la generale attitudine umana a porre e a trattare problemi, facendo dialogare e collaborare abilità di tipo cognitivo, operativo,

Dettagli

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI 1 CREARE UN VIDEO DIDATTICO GRATIS Esistono moltissime tipologie di video didattici, essi si possono distinguere in base al tempo: di breve,

Dettagli

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute Questo opuscolo è il frutto del dialogo che il Centro Regionale Trapianti della Sicilia ha avuto negli anni con molti

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE E SALUTE

IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE E SALUTE IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE E SALUTE Prof. Umberto Tirelli Direttore Dipartimento di Oncologia Medica Istituto Nazionale Tumori di Aviano www.umbertotirelli.it 1 Secondo la definizione della Commissione

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado CHI SIAMO La SSF Rebaudengo di Torino è un istituzione universitaria affiliata alla Facoltà di Scienze

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. 2012/2013 Nel corrente anno scolastico, la Scuola Media L. Pirandello ha organizzato,

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Allegato 1: Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Premessa Il video didattico Noi due del sud offre una istantanea sul bullismo nella scuola media inferiore,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura MIGRANTI La classe I B incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti Progetto di intercultura Essere giovani nella società globale: in viaggio da me a

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Internet può aprire nuove strade di

Internet può aprire nuove strade di LA PARTECIPAZIONE VA ON LINE Internet può moltiplicare le possibilità di coinvolgersi nelle cause e di prendere iniziative, ma va usato con intelligenza di Paola Springhetti Internet può aprire nuove strade

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Signor Presidente della Repubblica, gentili autorità, cari docenti e cari ragazzi,

Signor Presidente della Repubblica, gentili autorità, cari docenti e cari ragazzi, Signor Presidente della Repubblica, gentili autorità, cari docenti e cari ragazzi, come avete appena sentito negli interventi che mi hanno preceduto, nella veste di Ministro dell Istruzione ho voluto che

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. Ultimo punto: Mozione in ordine alla istituzione dei tumori

Dettagli

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini.

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. 6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. (Dante Alighieri) LUCIA RIZZI è una pedagogista, scrittrice e personaggio televisivo (reality «S.O.S.

Dettagli

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La storia di questo tipo d esperimento risale all inizio degli anni 80 quando, in Francia,

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste Rilevazione 16 Dicembre 2013 Le notizie della settimana: i Forconi COSA RICORDANO GLI ITALIANI Le proteste in piazza/ il movimento dei

Dettagli

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento.

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento. Differenziamento: Generare cellule specializzate Un blocco di metallo, che può dare origine a tanti tipi di chiodi Cos è una cellula specializzata? Una cellula specializzata ha un compito particolare nel

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Intervento di GIUSEPPE GATTI Presidente Consulta Personale Tecnico Amministrativo

Intervento di GIUSEPPE GATTI Presidente Consulta Personale Tecnico Amministrativo Cerimonia di Inaugurazione 840 anno accademico Modena, 17 marzo 2016 Intervento di GIUSEPPE GATTI Presidente Consulta Personale Tecnico Amministrativo Magnifico Rettore, Autorità, Studenti, cari Colleghi

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "ilquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Matilde Soana Supervisione di Sofia Macchiavelli

Dettagli

Documento unitario La buona scuola

Documento unitario La buona scuola 17 ottobre 2014 Forum nazionale delle Associazioni studentesche Documento unitario La buona scuola PREMESSE Il Forum delle associazioni studentesche maggiormente rappresentative ha analizzato e discusso

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Altre informazioni sullo screening del colon retto

Altre informazioni sullo screening del colon retto Altre informazioni sullo screening del colon retto AGGIORNAMENTO: Queste informazioni per utenti e operatori completano quelle contenute nei documenti Un semplice esame contro il tumore del colon retto

Dettagli

Cognizione, linguaggio e diritti degli animali Introduzione

Cognizione, linguaggio e diritti degli animali Introduzione Guardate queste immagini Università degli Studi di Milano Cognizione, linguaggio e diritti degli animali Introduzione Sandro Zucchi 2012-13 S. Zucchi: Cognizione, linguaggio e diritti degli animali 12-13

Dettagli

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA INTERVENTO DEL DR ANDREA MAZZEO PRESENTAZIONE Il mio compito è quello di parlarvi

Dettagli

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi Ringrazio per l invito a partecipare a questo convegno. Nel mio intervento, svilupperò la case-history di un progetto su cui stiamo

Dettagli

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA Martedì 7 giugno 2005, dalle ore 15 alle ore 20, si è svolto il 3 convegno alla Camera dei Deputati dell Associazione Nazionale ConVoglio Valori (per il 1

Dettagli

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare GRUPPO DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON DDAI NELLA REGIONE LAZIO Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare Una presa in carico globale Come molti

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Nota illustrativa dell articolo

Nota illustrativa dell articolo Art.2 1. Con regolamento adottato dal Ministro della salute ai sensi dell articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400 sono stabilite, nel rispetto della normativa dell Unione europea, disposizioni

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno.

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. MATRIARCATO La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. Matriarcato: non passa giorno senza che qualcosa venga proposto su questo argomento, sia esso un articolo su una rivista

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALLA CONSAPEVOLEZZA GLOBALE Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Villaggio Globale, 25 Maggio 2015 Ai Docenti della Scuola dell Infanzia e del

Dettagli

PRIMI IN SICUREZZA La prevenzione si impara a scuola: idee, ricerche, proposte e messaggi,

PRIMI IN SICUREZZA La prevenzione si impara a scuola: idee, ricerche, proposte e messaggi, PRIMI IN SICUREZZA La prevenzione si impara a scuola: idee, ricerche, proposte e messaggi, XIV EDIZIONE Promossa da ANMIL Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro OKAY! Attività

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

RELAZIONE ( Febbraio 2011)

RELAZIONE ( Febbraio 2011) RELAZIONE ( Febbraio 2011) Care donatrici, cari donatori, graditissimi ospiti, benvenuti all annuale Assemblea dell A.V.I.S. comunale di Cervia. Ogni anno quando mi accingo a scrivere questa relazione

Dettagli

Lottare si ma sapendo come.

Lottare si ma sapendo come. Lottare si ma sapendo come. Vorrei che prima di commentare leggeste tutta la nota, perché arrivando a metà nota si può tranquillamente dire i cambiamenti ci sono le persone stanno cambiano e svegliandosi

Dettagli

Vediamo ora come funziona il nostro seminario in rete:

Vediamo ora come funziona il nostro seminario in rete: Cari colleghi, questo breve documento vi illustra le funzioni principali per un immediato e semplice utilizzo del programma WebEx che utilizzeremo per le nostre video conferenze. Prima di cominciare permettetemi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

SCREENING MAMMOGRAFICO

SCREENING MAMMOGRAFICO Informazioni sullo SCREENING MAMMOGRAFICO Programma per la diagnosi precoce del tumore al seno per le donne tra i 50 e i 69 anni 1 PERCHÉ MI VIENE OFFERTA UNA MAMMOGRAFIA? Se ha un età compresa tra i 50

Dettagli