Storie di musica. Abaluth

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Storie di musica. Abaluth"

Transcript

1

2 vivonic, Giovanna Bertino, Paolo Dapporto, Cettina Barbera, Erika Marzano, Roberta Cadorin, Luna de Magistris, Anna Rita Lisco, Giuseppe De Micheli, Daniele Coviello, Davide Schito, Lavella, Patrizia Rossi Copertina di Ilaria Tuti Editing e impaginazione di Fabrizia Scorzoni Prima edizione marzo 2013 Questo ebook è distribuito con Licenza Creative Commons BY-NC-ND È consentita la riproduzione, parziale o totale, dell opera e la sua diffusione a uso personale dei lettori, purché sia riconosciuta l attribuzione dell opera al suo autore, l opera non venga modificata e non venga riprodotta a scopo commerciale. Abaluth

3 L angelo del porto E mi ricordo che eravamo piccoli e tu da solo non restavi mai o solo un po come lo sono tutti e poi un giorno conoscesti lei e i vostri occhi divennero un tutt uno e non ricordo che litigavate forse perché non importava a nessuno forse perché semplicemente era estate. E tornò l aria dell autunno incolore e tu che hai sempre odiato settembre perché col freddo non giravi più in motore e poi la scuola e voglia di studiare niente. E un settembre si portò via lei non posso dire quante lacrime versaste ma i vostri cuori non li separò la nebbia né la distanza, ma mai più v incontraste. Poi una mattina l ha scoperto dal giornale e dal telefono, grazie a una vecchia amica che aveva in mente quelle passeggiate ricordate come una gioia antica.

4 Lei scivolò in un baratro d oblio ma il tuo sorriso non si può dimenticare e tutto quello che per te ha voluto Dio è di lasciarti per l eternità al mare ma non è il mare delle estati da ragazzo in cui stringevi la sua mano e la baciavi ma quello lurido di un porto di provincia dove da appena qualche ora lavoravi. E mamma che è andata a far la spesa per prepararti un atteso ritorno non vede l ora di vederti rincasare e chiederti com è andata il primo giorno. Il primo giorno del tuo nuovo lavoro il primo giorno, tragica ironia, di un settembre privo di decoro che la tua vita ha strappato via. vivonic A Luca Vertullo

5 Sommario Seppia...1 Bridge...7 Ferita...12 Misery...23 Quanti anni hai...29 Black Rose immortal...37 Bianco, nero...39 Alleluia...45 Le turbe dell anima...49 Chi fermerà la pioggia...51 L energia prorompente di una musica...59 L uomo delle note...62

6 Seppia Giovanna Bertino Osso di seppia Mannarino «Ah coso!, C hai na cicca?» Seppia si raggomitolò nel cappottone e grugnì: «Lasciami stare. Non vedi che sto dormendo?» Ma quello diede un calcio allo scatolone. «E ce riesci co sto freddo?» «Ci riesco sì, se ti togli dai coglioni!» Seppia sentì i passi zoppi dell altro andar via e cercò di trovare una posizione meno scomoda. Si girò e rigirò nella sua tana di stracci e cartone, senza successo. In realtà erano notti che non chiudeva occhio. Si sentiva addosso la febbre alta e aveva una tosse così forte che, quando tossiva, era come se il petto gli si squarciasse in due. Questa volta mi viene la polmonite pensò. Quando finalmente la luce filtrò attraverso i fori della sua tana, Seppia tirò fuori la testa. La stazione era già un formicaio di passeggeri multicolori. «Ma dove cazzo andate?» strillò con rabbia. Il catarro gli tornò su, duro e compatto come una pallina da tennis. Cominciò a tossire violentemente per liberarsene, ma quello gli restava attaccato in gola, come una zecca. Nel rumore generale, nessuno si fermò a guardare la sua sagoma contorcersi sul marciapiede lurido, tra cocci di bottiglie e puzzo di urina. Non ebbe neppure un occhiata di disprezzo. Quando smise di tossire e il dolore nel petto si calmò, si appoggiò sui gomiti e piano piano si tirò su a sedere. Lo raggiunse l aroma inconfondibile del caffè del bar dirimpetto. Avrebbe fatto qualsiasi cosa per un sorso! «Allora, come va? Ancora febbre?» Paolo sentì la mano fresca e morbida di sua moglie accarezzargli 1

7 la fronte, e seppe di essere amato. Quasi quasi gli dispiaceva di dover guarire, perché tutto quell eccesso di coccole e premure lo rendeva sereno, protetto come un bambino. Si tirò su a sedere e prese il vassoio che lei gli porgeva. Tè e biscotti dietetici. Chiuse gli occhi e avvicinò la faccia alla tazza fumante. Aerosol naturale che scioglie il catarro pensò. Sorseggiò piano, a occhi chiusi, cercando di concentrarsi sul benefico effetto che provava. Allora immaginò il fumo salire su per le narici e arrivargli al cervello, e lì sciogliere tutti i pensieri che lo tormentavano. Erano già sei mesi che aveva fatto la cazzata. E non sapeva come uscirne. Ormai ci era dentro fino al collo e più annaspava, più andava a fondo. Era stato uno stronzo a fidarsi. Un completo imbecille. Guardò sua moglie, così giovane e bella da torcergli l anima. Forse era quello il momento adatto per confessarle tutto. Ma non poteva; gli mancava il coraggio. Non era sicuro che avrebbe capito. Probabilmente sarebbe scoppiata in lacrime e poi, dopo giorni di broncio, se ne sarebbe tornata dritta dritta dai suoi. Quelli avrebbero fatto festa. Non aspettavano altro. Paolo si lasciò cadere sul cuscino e ripensò a quando si erano conosciuti: lui, giovane diplomato di belle speranze, lei, figlia quattordicenne di genitori severi. Lui l aveva sedotta con la sua allegria e la promessa di una vita libera e piena, e lei lo aveva seguito fiduciosa, contro il parere di tutti. Era stato un matrimonio frettoloso, senza sfarzi, tra adolescenti. Erano andati a vivere in un bilocale di periferia: lui, a lavorare nell officina meccanica che il padre gli aveva lasciato, lei, a badare alla casa. Non aveva avuto rimpianti nel dire addio ai suoi sogni di ingegnere, anzi. Adesso che ci pensava, gli sembravano gli anni più felici della sua vita. Seppia si mise in piedi, a fatica. Gli girava la testa ma, se non si fosse sbrigato, l avrebbe fatta in terra. Non che gliene fregasse molto, però quelli delle pulizie erano già in giro e ci andavano giù duro quando lo beccavano. Si appoggiò al muro per non cadere e, quando si sentì stabile, scivolò verso la rampa di scale che portava di sotto, ai 2

8 bagni pubblici. Speriamo che ci trovo la Gina pensò, mentre scendeva a fatica le scale di marmo. La Gina lo faceva sempre entrare senza fare storie, ma era l unica là sotto. Gli altri addetti ai bagni lo scacciavano a colpi di scopa, anche quando aveva da pagare. Dicevano che insudiciava tutto, che aveva le pulci, che puzzava come un secchio della spazzatura. Tutto vero. Lui era il rifiuto mobile della società, un secchio della spazzatura con le gambe. Almeno fino a quando le gambe lo avrebbero retto. Presto sarebbe diventato un sacco nero all obitorio. Zitto e fermo. Meglio. Un problema in meno per tutti. Però, cazzo! Roma, la città santa dei papi, lo aveva sempre trattato con durezza. I peggiori erano i pellegrini che la domenica sbarcavano a frotte dai treni, con i loro gagliardetti colorati e le croci appese al collo. Gli passavano oltre, lanciandogli occhiate di disprezzo, e correvano ad ascoltare le parole sante del Papa. Se gli avessero lanciato soldi invece che disprezzo, a quest ora sarebbe stato ricco. Seppia arrivò in fondo alla scala e, appoggiandosi al muro, si trascinò lungo il corridoio deserto che portava ai bagni. Paolo finì di farsi la doccia e si avvolse nell accappatoio pulito e caldo. Sua moglie gli venne vicino e cominciò a frizionargli la schiena. «Sei proprio deciso a voler riaprire oggi?» gli chiese senza smettere. «Se non riapro, addio clienti. Sai com è la gente. Non ha pazienza e se non usa la macchina per qualche giorno muore.» «Meglio per noi, no?» «Già, meglio per noi.» Paolo rise ma aveva il cuore che piangeva. I clienti erano ormai mosche bianche nella sua officina e il più delle volte passava il tempo a mettere in ordine senza vedere nessuno. A parte il postino, i creditori e Lo Zoppo. Il postino arrivava almeno due volte al mese con le cartelle esattoriali ben in vista, come a sbandierarle ai quattro venti. Però in fondo era un povero diavolo e qualche volta gli offriva il caffè, tanto per scambiare due chiacchiere. Appena il postino se ne andava, gettava le cartelle esattoriali nel cestino della carta straccia, dopo averle fatte in mille pezzi, senza neanche aprirle. Restava un cestino pieno di coriandoli. I creditori spuntavano in genere all ora di 3

9 chiusura perché speravano di mettere le mani sull incasso della giornata, ma se ne andavano quasi sempre a mani vuote e la bocca piena di ingiurie che riguardavano lui, sua madre e tutti i suoi parenti, sia morti che vivi. All inizio aveva risposto e insultato a sua volta, facendosi rosso in viso, ma col passare del tempo si era convinto che uno stronzo lo era davvero e che quegli insulti se li meritava tutti, dal primo all ultimo. Lo Zoppo, invece, lo aveva visto solo un paio di volte e i soldi erano arrivati subito, a fargli riprendere fiato. Era sembrato un amico, uno di cui potersi fidare, un prestito rimborsabile senza troppa difficoltà. Adesso i suoi scagnozzi spuntavano ogni giorno a ricordargli l impegno. Prima solo in officina, adesso anche sotto casa. Di quelle visite gli restava il ricordo nei lividi sulla pelle e nel terrore sul cuore Paolo tirò la tenda e sbirciò in strada: l Audi non c era. Tirò un sospiro di sollievo e finì di vestirsi. Seppia arrivò ai bagni senza incontrare nessuno e meno che mai i soliti teppistelli che, quando erano strafatti, si divertivano a tormentarlo a suon di calci e sputi. Tirò un sospiro di sollievo ed entrò. C era una ragazza nuova in servizio, tette enormi e fianchi larghi. Un bel bocconcino. Sentì il suo coso muoversi in fretta ai piani bassi. Lei lo guardò e storse la bocca dipinta. «Qui er cesso se paga» disse con sgarbo. «E se ti pago per il servizietto, ci stai?» Quella scoppiò a ridere «Ma che sta a dì? Anvedi de annattene, che è mejo!» Lui invece le si avvicinò di qualche passo: «Senti» disse abbassando la voce, «ho un ciondolo d oro con me. Se vuoi te lo regalo.» La ragazza si scansò «Ma nun te sei visto allo specchio? Ah coso, va ar cesso e poi smamma.» Seppia guardò la sua immagine riflessa nei quattro specchi a parete, sopra i lavandini. Tutti e quattro gli mandarono indietro l immagine di un vecchio barbuto, magro e ricurvo come il manico 4

10 di un ombrello. I capelli grigi gli stavano in testa dritti e ammassati, come tentacoli di una seppia. Gli occhi verdi, un tempo belli e magnetici, creavano un effetto orripilante sulla sua pelle giallognola di bevitore incallito. Neanche sua madre, pace all anima sua, lo avrebbe riconosciuto. Mi dispiace amico mio pensò, non c è nulla per te. Entrò nel gabinetto, si appoggiò alla tazza e lasciò che le lacrime gli scendessero copiose come la sua pipì. Paolo uscì di casa dopo aver ripetuto a sua moglie di non aprire a nessuno e di non uscire di casa per nessun motivo. La spesa l avrebbe fatta lui prima di rincasare. «Accipicchia come sei diventato geloso!» aveva detto lei, con civetteria. Una volta in strada, Paolo si accertò ancora una volta che quelli non fossero nei paraggi e quindi, a passo svelto, si incamminò in direzione dell officina. Ormai erano mesi che se la faceva a piedi. A sua moglie aveva detto che era per mantenersi in forma, che quei tre chilometri di strada li faceva volentieri, perché non aveva tempo di andare in palestra; in verità la macchina era senza assicurazione ed evitava di guidarla se non per necessità. Che menzogne che le imbastiva! E lei che ci cascava, con quell aria da innocente. A volte quel suo candore lo infastidiva; avrebbe voluto che lei lo smascherasse e lo coprisse di pugni e insulti. Si sarebbe sentito meno solo e avrebbe condiviso con lei l abisso in cui stavano precipitando. E invece lei pendeva dalle sue labbra e credeva a tutto ciò che le diceva. Che cavolo si sarebbe inventato quando avrebbero staccato la luce? Che c era un topo nell impianto elettrico? La fantasia non gli mancava. Rallentò il passo quando tagliò per il parcheggio della Stazione. Pieno di macchine ma deserto. I pendolari erano partiti tutti mezz ora prima, col treno delle Come i suoi ex compagni di liceo. Molti si erano già laureati e andavano incontro a una vita piena di speranze e soddisfazioni. Non come lui, che in tasca aveva solo settanta euro e un mare di debiti! A questo punto non aveva che due alternative: o bussare ancora alla porta degli ex amici ed ex parenti nella speranza di convincerli a buttare via i loro risparmi, oppure scappare. 5

11 Paolo si fermò. Già. Scappare. Sempre meglio che farla finita. Andar via, lontano, dove nessuno lo conosceva, e trovarsi un lavoro qualsiasi. Era giovane e forte, ce la poteva fare. Una volta in piedi, sua moglie lo avrebbe raggiunto e, finalmente, avrebbero costruito insieme il loro futuro pieno di bambini. Paolo si guardò attorno. Quel posto non gli offriva più nulla e scappando avrebbe salvato anche lei. Gli serviva solo un pizzico di fortuna. Ed ecco che vide qualcosa luccicare sull asfalto. Si chinò. Era un ciondolo d oro, a forma di quadrifoglio. Paolo sorrise, gli occhi verdi che gli brillavano Che culo! Questo sì che è un segno del Cielo! Raccolse il ciondolo e se lo mise in tasca. «Va bene» disse deciso, «da oggi si ricomincia.» Deviò verso la stazione e corse a prendere il treno. 6

12 Bridge Paolo Dapporto Sonata al chiaro di luna Beethoven Dio, come ho giocato male a bridge stasera! Sono tornato a casa tardi come sempre e fatico a prendere sonno in questa camera, dove filtra solo un filo di luna. Non so se mettermi di fianco oppure restare supino. Dopo l operazione che ho subìto al ginocchio sinistro, è ancora più difficile trovare la posizione giusta per dormire. Enzo, che di solito sopporta con benevolenza i miei errori, stasera non ha nascosto il suo disappunto e, alla fine della serata, mi ha salutato appena con un frettoloso buonanotte. Ma perché continuo a giocare a bridge? Non ho mai avuto una grande passione per le carte e spesso mentre gioco i miei pensieri navigano altrove. Stasera pensavo al risultato che un mio racconto aveva ottenuto in un concorso letterario: terzo posto. Appena ho saputo l esito, ho fatto un salto di gioia, perché non me lo aspettavo questo riconoscimento, anche se il racconto che avevo inviato mi sembrava molto bello, come tutte le cose che scrivo. Ero molto soddisfatto di me stesso e il sorriso dipinto sul mio volto ingannava Enzo sulla bontà delle carte che avevo in mano. Certo, Enzo ha le sue ragioni per essere arrabbiato con me. In quella mano avrei dovuto attaccare col re di cuori, anche se era secco, così l avversario avrebbe giocato l asso, liberando delle carte al mio compagno. Quando ripenso al concorso letterario, mentre mi rigiro tra queste coperte che diventano sempre più calde, non sono più tanto contento. 7

13 Il terzo posto non mi soddisfa; ha il profumo agrodolce della consolazione. Il giorno delle premiazioni saremo solo in tre: il primo, il secondo e il terzo, cioè l ultimo. A me non importa di perdere una mano se gli avversari sono persone con cui mi trovo a mio agio. Ma quando perdo con quelli supponenti, con la puzza al naso, mi prende una rabbia Chi si credono di essere? Prima di pensare di essere più bravi e intelligenti, si confrontino con me anche su altri argomenti. Il bridge non è l unica cosa che esiste al mondo. Domani finisco di scrivere il racconto da mandare a un altro concorso, quello sull Arno. Ma come si fa a dire qualcosa di originale parlando di un fiume che sta lì sempre uguale da millenni? Boh, inventerò qualcosa, magari tirerò fuori una vecchia storia d amore con una compagna di classe. Le storie d amore tra adolescenti funzionano sempre e piacciono molto a chi legge. Lo intitolerò Un amore sulle rive dell Arno prima dei lucchetti. Però anche Enzo fa degli errori, forse provocati da me, ma sempre errori suoi sono. Forza troppo il gioco anche quando le carte non glielo permetterebbero e gli avversari lo contrano. Lui gioca bene, però, se non ha le carte buone, è un gigante con i piedi d argilla. La prossima volta glielo dico: «Devi essere più prudente, dichiari troppe volte 6 di qualcosa ed è difficile rispettare la licita anche se giochi bene la mano.» Io ho tante cose da fare tutti i giorni, ma la cosa più bella è guardare Niccolò, il mio nipotino. Mi sono convinto che lui mi aspetti sempre, e che stia male quando sente suonare il campanello e vede che non sono io. Sto male anch io quando ci penso. Vorrei andare di corsa a casa sua, fargli un improvvisata, ma non lo faccio mai perché non voglio essere invadente. Ho provato a leggere e studiare i libri del bridge, ma sono di una noia mortale. Quello che mi ha prestato Enzo per la verità non è 8

14 male. È scritto da un professionista inglese con molto humor e garbo. Lo leggo volentieri anche per il titolo: Perché perdete a bridge. Capissi questo, sarebbe già qualcosa. Ora c è anche la gatta che non sta bene. Non si muove dalla sua cuccia e non mangia. Povera Chicca, è vecchia e se continua così non le resterà molto da vivere. Domattina la porto dal veterinario. Gli animali vecchi sono come le persone, vanno trattati con cura, come si trattano i bambini, come io tratto Niccolò e come vorrei essere trattato io quando diventerò ancora più vecchio. Stasera poi ho avuto una sfortuna che non vi dico. Carte brutte: nessun asso e pochi re. E non è che, in compenso, io abbia fortuna in amore. Non ho mai creduto a questa fantasia popolare, anzi per me è vero il contrario: chi ha fortuna nelle carte ce l ha anche nell amore, perché il mondo è ingiusto e aiuta sempre le stesse persone. Domani dovrei andare avanti anche con il libro che sto scrivendo con Alfonso. Per me non è facile parlare di traffico di droga e di omicidi. È vero, la storia me la racconta lui che sta scontando l ergastolo per questi reati, ma poi il libro lo devo scrivere io. Preferirei parlare di sentimenti, di amori giovanili vissuti in atmosfere serene. Il protagonista del mio prossimo libro sarà un maestro delle scuole elementari, uno degli ultimi esemplari di questa specie in via di estinzione. Un uomo che ha conservato la sua anima di fanciullo, come il maestro che avevo io. All uscita della scuola veniva sempre a riprenderlo il suo figliolo, un ragazzone di una ventina d anni. Dicevano tutti che era un maestro matto, ma noi gli volevamo bene. Però, Enzo, almeno una mano l ho giocata bene, quando ho indovinato due impasse. Ma Enzo stasera non era in vena di complimenti e quando scherzando gli ho detto: «Nel gioco della carta sto migliorando» mi ha risposto di no in modo secco, con la faccia severa. 9

15 Meno male che nel pomeriggio vado a prendere Niccolò. Lo porterò ai giardini perché ora lui ha scoperto gli scivoli. Si diverte a buttarsi giù a testa in avanti e io devo stare in fondo a frenarlo perché altrimenti va a sbattere la faccia per terra. Tra poco finirà due anni e gli devo insegnare a spengere le candeline della torta. Niccolò è la mia gioia. Quando una mia amica mi ha chiesto quale fosse stata la mia prima sensazione di nonno, le ho risposto che ho provato per la prima volta il dispiacere di dover morire. Una cosa che non capisco del bridge è questa strana gerarchia dei semi (o pali come bisogna chiamarli qui), con le picche che contano più di tutti gli altri. Nel poker vale un altra regola, quella del come quando fuori piove, con le cuori che precedono le quadri (guai a chiamarle mattoni). Mi farò spiegare il motivo da Enzo, che conosce bene la storia del bridge; comunque penso che la ragione stia nel volersi distinguere dai giochi più popolari. Appena sarà un po più grande farò un discorso serio a Niccolò. Gli dirò di non rattristarsi troppo quando non mi vedrà più. I nonni sono stelle comete, volano via quando meno te l aspetti, insieme alle malattie di stagione e alla giovinezza. Enzo mi dice spesso che gioco con troppa fretta, senza meditare a fondo su quale carta giocare. Io, Enzo, gioco veloce perché vivo di pensieri semplici, nel bridge e nella vita. Cavolo! Non è neppure un ora che sono tornato e ho già voglia di andare in bagno. Mi devo alzare dal letto, ma mi fa tanta fatica. Dovrei andare dall urologo, ma il pensiero di avere una brutta malattia mi terrorizza. Preferisco non sapere e nascondere la testa sotto la sabbia, come gli struzzi. Anche se non sono bravo, faccio bene a continuare a giocare. Il bridge stimola il ragionamento e la memoria. Spero anche che tenga a bada l Alzheimer, una malattia che mi fa molta paura. I pensieri cominciano a trasformarsi in sogni. Finalmente lei arriva, cortese come un ombra e leggera come una carezza. I suoi 10

16 occhi neri sono più profondi di un abisso. Mi sorride e dietro le sue labbra rosse intravedo quel dentino scheggiato che mi ha sempre fatto impazzire. D un tratto il suo sorriso si confonde con quello beffardo della donna di fiori. L ho scartata dimenticandomi che il re era già passato e ho buttato a mare uno slam sicuro. Proprio da una donna mi sono fatto fregare. Lo slam mi fa tornare in mente ricordi lontani di partite a tennis. Chissà se ora con le protesi alle ginocchia potrò ricominciare. Non l ho detto a nessuno, ma è proprio per poter giocare a tennis che mi sono fatto operare. Ho tirato fuori altri motivi, tipo dolori durante la notte, difficoltà a salire e scendere le scale. La verità è che, quando si diventa vecchi, si ha ancora più voglia di vivere. Si sognano amori travolgenti con donne giovani che ti portano via, imprese sportive straordinarie, scoperte scientifiche che fanno il giro del mondo. È brutta la vecchiaia se non si ha qualcosa in cui credere o qualcosa che occupi il tuo tempo, come scrivere un libro, come portare a spasso un nipotino. Può bastare anche il bridge. 11

17 Ferita Cettina Barbera Hurt Johnny Cash I hurt myself today, to see if I still feel, I focus on the pain, the only thing that s real. Si sveglia, come al solito incollata al pavimento, in un bagno di gelido sudore; il corpo scosso dai tremiti, un conato di vomito nella gola, lacrime e muco secco sul volto. Fa leva con le braccia deboli per tirarsi su e riesce a staccarsi di qualche centimetro dal suolo. Raccoglie ogni briciolo di forza che trova nel proprio corpo sfatto, porta le gambe doloranti al bacino e finalmente si mette a sedere. Un ultimo attimo di preziosa incoscienza le permette di domandarsi che cosa ci faccia lì e perché stia così male; poi la sua vita le ripiomba addosso in un flash accecante che le fa stringere gli occhi. Vomita un fiotto acido: il suo corpo non può più aspettare. Stille brucianti le torcono muscoli e le infilzano ossa che non sapeva neppure di avere. Si alza e muove qualche passo incerto nel buio totale che avvolge ogni cosa, aguzza la vista e tenta di mettere a fuoco la stanza; le forme del mobilio scarno si vanno delineando indicandole il percorso. La ragazza conquista il soggiorno, arrancando contro il muro, gli occhi fissi sulla meta, le pupille dilatate, il respiro corto. Si farà di nuovo del male, lo sa: non può resistere, non può vincere; non sa nemmeno se vuole. Sul tavolino basso di teak e vetro, posto al centro della stanza, un cucchiaino dalla punta annerita le restituisce un bagliore argenteo; accanto gli altri strumenti che ormai da più di un anno colmano di 12

18 incubi indispensabili la sua vuota routine: l accendino, la siringa incrostata di sangue, lo stantuffo rotolato poco più in là, il laccio... Guadagna centimetri verso il tavolo e scivola a sedere sulla moquette impolverata. I suoi grandi occhi blu si posano sul sacchetto trasparente, pieno di polvere bianca; qualche granello è fuoriuscito e risalta contro il vetro opaco, le sue dita esangui e frementi corrono verso le briciole di morte per recuperarle. La invade un senso di euforia mista a disgusto per se stessa, una combinazione di sentimenti alla quale non riesce mai a sottrarsi. Il suo sguardo punta all ago. Lacrime mute le scorrono sul viso incavato e intanto prepara la dose; malgrado il tremito che non le abbandona le membra, raggiunge il suo obbiettivo con una precisione e una rapidità sconcertanti. Stringe il laccio emostatico intorno al braccio e afferra la siringa, fa affondare la punta dell ago nella pelle tesa senza esitazioni. Lei che degli aghi ha sempre avuto una paura mortale... Si ferma, le lacrime le annebbiano la vista; si chiede come sia arrivata tanto in basso senza accorgersene, senza nemmeno provare a frenare la caduta, abbandonata nel vuoto, in discesa rapida, come morta, intrappolata in quel corpo senza stimoli né voglie che vadano oltre il giubilo che prova in quel momento, malgrado il dolore, mentre l ago le punge la pelle e intacca la vena. The needle tears a hole, the old familiar sting... Si strappa la siringa dal braccio, inorridita dalla consapevolezza della caducità di quel momento lucido: conosce troppo bene la persona che è diventata e sa bene che ripiomberà presto in ginocchio, alla ricerca dell unica amica che le è rimasta, per farsi la sua dose di oblio ed estasi chimica e sfuggire, se pure solo per qualche ora, all odio e alla sofferenza che le hanno portato via tutto, anche se stessa. Non le è restato nulla al di là di quella voglia cieca che dovrebbe servire a mascherare un passato che non la lascia, che la tormenta a ogni momento di veglia sottratto al baratro dell eroina, ma non c è nient altro 13

19 nella sua anima se non il dolore e non c è modo di dimenticare.... try to kill it all away, but I remember everything. Mentre cerca di rimettersi in piedi, le ginocchia le si piegano; non ricorda quando è stata l ultima volta che ha mangiato, potrebbero essere passati giorni. Il cuore le batte nel petto all impazzata, brividi le soffiano gelidi contro la pelle nuda della schiena, coperta a malapena da una sottoveste bianca. Guarda ancora una volta verso la moquette, verso la siringa, verso quel liquido capace di anestetizzare il suo dolore, anche se solo per poco. Una rabbia sconfinata la invade. Cosa è diventata? Come ha potuto permettere che le accadesse questo? Sola, bloccata in una fossa di disperazione, una fossa di fango dalle pareti troppo scivolose perché possa venirne fuori. Si domanda se valga la pena tentare di arrampicarsi, anche a costo di morire, per raggiungere gli altri che passeggiano sulla sua prigione, come visitatori che si recano al cimitero e passano sopra una tomba senza nome. Si chiede se ci sia ancora modo di salvarla, la ragazza che era una volta. Quella piena di amici e di vita, con tanti sogni da realizzare e tanta voglia di conquistare il mondo. Quella ragazza che sapeva amare, che non aveva paura. Quella ragazza dalla vita perfetta e organizzata. Quella ragazza che è stata ferita e abbandonata. Quella ragazza che ha smesso di lottare, che non ha chiesto aiuto, che ha lasciato che tutti la lasciassero, che si è gettata in quella fossa aspettando di morire. Il suo sguardo sofferente va alla segreteria telefonica, poggiata accanto al telefono; giace spenta e muta, come addormentata; nessun numero lampeggia sul suo schermo, nessun messaggio per lei. Nessuno la cerca più ormai. 14

20 What have I become? My sweetest friend... everyone I know, goes away in the end. Abaluth Non è stata l unica a pagare il prezzo di quel giorno devastante, in cui un solo atto di violenza terribile le ha portato via tutto ciò che era, tutto ciò che desiderava e tutto ciò che amava. Era bastata una sola persona a fare la differenza. Lei era cambiata, era diventata negativa e solitaria, non riusciva a riprendersi, non poteva dimenticare. Molti se ne erano andati via subito, persone che aveva amato con tutto il cuore, alle quali aveva dato tanto. Erano sparite dall oggi al domani, troppo prese dalle loro vite, forse troppo spaventate da ciò che le leggevano negli occhi, da tutta quella verità sul mondo e sul male; ne vedevano le tracce lasciate sul suo volto: la lunga cicatrice che le sfigurava una tempia, pallida rappresentazione della ferita che le aveva mutilato l anima. E poi c erano quella rabbia, quel dolore e il risentimento verso un aggressore del quale non aveva neppure visto il volto. Ancora non sapeva se fosse un bene o un male. Ma ricordava i suoi occhi pieni di odio e ciascuna delle orribili cose che le aveva sussurrato, la voce bassa e autoritaria, percorsa da un piacere crudele. Aveva visto la sua anima: era nera come il passamontagna che indossava. Alla polizia, quelle cose non le aveva dette. Che senso avrebbe avuto? Non sarebbero state sufficienti per trovarlo. Con coloro che le erano rimasti accanto non riusciva più a parlare. Ogni volta che la guardavano riviveva tutto; si chiedeva che cosa pensassero di lei, se non credessero che fosse colpa sua in fondo, se non fossero segretamente convinti che avesse potuto evitarlo se solo avesse lottato, nonostante le dicessero il contrario. C erano troppi dubbi. 15

21 Se ne era andata via di casa. Per un po avevano provato a chiamarla, ma lei non aveva mai risposto. Odiava tutti, non poteva frenarsi dal provare questi sentimenti. Li odiava perché non potevano capire, perché erano normali, perché non l avevano protetta, perché non potevano salvarla, perché non potevano restituirle se stessa e la sua vita. Li odiava perché provavano a capire, perché volevano che tornasse alla normalità, perché le ripetevano che non c era niente che avrebbe potuto fare, che doveva essere forte, che doveva ritrovare se stessa. Piangeva seduta accanto al telefono, bloccata in un limbo di indecisione; ascoltava la voce di sua madre e quella di suo padre, ma non poteva rispondere. Ora quelle voci le ha quasi dimenticate, il cordless è coperto di polvere; la segreteria è vuota, vuota come la sua vita; la solleva tra le mani e la osserva attraverso un velo di lacrime, la scaglia sul pavimento con un tonfo ovattato. Le gira la testa, esce dal soggiorno, deve allontanarsi fisicamente dalla siringa o fra un secondo sa già che la starà stringendo di nuovo fra le mani. Tentoni, raggiunge il bagno. Accende la luce bianca dello specchio e si guarda senza sbattere le palpebre, esterrefatta. Sono settimane che non vede la propria immagine riflessa. Profondi cerchi violacei le incavano a fondo nel viso cereo gli occhi ingialliti, il sudore le imperla la fronte e le fa aderire ciocche di capelli unti alle guance smagrite, le sue labbra sono ridotte a una piccola O screpolata, livide, bloccate in un urlo muto. Lo sente in fondo al proprio petto, le si stringe intorno al cuore, ma non può farlo uscire, non sa come fare. Da un angolo della sua mente, la ragazza che era la osserva, una smorfia di riprovazione le torce le belle labbra rosee, i suoi occhi tersi la trapassano con disprezzo. Ha tradito se stessa. 16

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Il maestro nuovo è tornato

Il maestro nuovo è tornato rob buyea Il maestro nuovo è tornato Traduzione di Beatrice Masini Rizzoli Titolo originale: Mr. Terupt Falls Again 2012 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2012 da Delacorte

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è malinconianuda sono qui nuda appesa al chiodo della mia malinconia di questa mia grande malinconia che è qui presente incolmabile immensa e mi tiene prigioniera il capo reclinato i capelli sciolti e biondi

Dettagli

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

Andrea Bajani La mosca e il funerale

Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Con la gente che piange io non so mai come fare. Non so come si fa a farla smettere. Certa gente è capace. Dice una parola, una sola, e gli altri

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Umberto Fiori Nove poesie

Umberto Fiori Nove poesie Umberto Fiori Nove poesie APPARIZIONE Alte sopra la tangenziale, chiare, due case con in mezzo un capannone. E questa l apparizione, ma non c è niente da annunciare. Eppure solo a vederli là fermi, diritti

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Federico Platania Il primo sangue Copyright 2008 Via Col di Lana, 23 Ravenna Tel. 0544 401290 - fax 0544 1390153 www.fernandel.it fernandel@fernandel.it ISBN: 978-88-87433-89-0 Copertina di Riccardo Grandi

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

TEST di italiano. Completa con le preposizioni semplici mancanti: Completa il brano con i seguenti pronomi possessivi:

TEST di italiano. Completa con le preposizioni semplici mancanti: Completa il brano con i seguenti pronomi possessivi: TEST di italiano Verifica il tuo livello! Copia e incolla il test, completa le frasi e invialo a info@linguaincorso.com (Non ti preoccupare se non riesci a completare tutti gli esercizi!!!!) Completa con

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

Ho raccontato tante volte la morte di mia madre che poi quando è successo veramente, il fatto, aveva perso il dolore della sorpresa.

Ho raccontato tante volte la morte di mia madre che poi quando è successo veramente, il fatto, aveva perso il dolore della sorpresa. Ho raccontato tante volte la morte di mia madre che poi quando è successo veramente, il fatto, aveva perso il dolore della sorpresa. È accaduto in inverno, alla fine di un novembre tra i più freddi della

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

ADOLESCENZA (DIARI) io mentre mangio di nascosto un panino con salame ungherese, durante l'ora di fisica

ADOLESCENZA (DIARI) io mentre mangio di nascosto un panino con salame ungherese, durante l'ora di fisica ADOLESCENZA (DIARI) io mentre mangio di nascosto un panino con salame ungherese, durante l'ora di fisica Io penso a quando non ero ancora io, e volevo essere io, e mi manca tanto. Il cigno era solo. Mi

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE Ciao Mario come stai? Abbastanza bene, grazie. Ti presento il mio amico John. Da dove viene John? John è Canadese ed è in Italia

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

Cosa non farei per te

Cosa non farei per te Cosa non farei per te Un fotoromanzo per pensare a cura delle Peerleaders Il gruppo di amici... Paolo - 17 anni Gloria - 16 anni Andrea - 18 anni Sara - 18 anni Roberta - 16 anni Elena - 18 anni Martina

Dettagli

Melissa Hill. Ti prego perdonami. Traduzione di Roberta Zuppet

Melissa Hill. Ti prego perdonami. Traduzione di Roberta Zuppet Melissa Hill Ti prego perdonami Traduzione di Roberta Zuppet Proprietà letteraria riservata 2009 Melissa Hill 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08132-0 Titolo originale dell opera PLEASE FORGIVE

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Laura Virgini IL VIAGGIO

Laura Virgini IL VIAGGIO Il Viaggio Laura Virgini IL VIAGGIO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A mia madre, senza la quale non sarei qui, ora, e non sarei quella che sono.

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente Notte di Capodanno Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente casuali Nicola Gargano NOTTE DI CAPODANNO racconto A mia moglie Amore, una piccola parola che racchiude un universo

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

Italo Testa. 11 m o n o l o g h i

Italo Testa. 11 m o n o l o g h i Italo Testa Non ero io 11 m o n o l o g h i HGH 2010 HGH 2010 Hosted Gammm Hosting thanks to the Author for allowing this publication (hosting) non ero io 11 m o n o l o g h i 1 non ero io, non vedi,

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

L arte del caffè. un caffè con gli amici per rilassarci e passare il tempo a chiacchierare e con il rituale del caffè il tempo (dilatarsi)

L arte del caffè. un caffè con gli amici per rilassarci e passare il tempo a chiacchierare e con il rituale del caffè il tempo (dilatarsi) Test di controllo (Unità 6-10) Hai fatto progressi? Controlla. Ogni esercizio ripete uno o più argomenti grammaticali, se raggiungi più della metà del totale: BRAVO! In caso contrario ripeti l'argomento

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

Aula Magie. Mi sento così. Progetto sulla consapevolezza emotiva. Anno scolastico 2005/2006

Aula Magie. Mi sento così. Progetto sulla consapevolezza emotiva. Anno scolastico 2005/2006 Aula Magie Mi sento così Progetto sulla consapevolezza emotiva Anno scolastico 2005/2006 Scuola provinciale dell infanzia Rione Sud ROVERETO (TRENTO) Quest'anno abbiamo deciso di aderire, come scuola,

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 IN GIRO PER ACQUISTI Signora Rossi: Voglio vedere una camicia per mio figlio. Commessa : Di che colore? Signora Rossi: Non so.. Commessa : Le consiglio il colore rosa. Se Suo figlio segue la moda, gli

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con

PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con questa mania di fare sempre fotografie ai bambini: e

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli