Senza che alcun segno precursore vi abbia avvertito, può accadere che ci sentiamo improvvisamente invasi dalla luce: tutto a un tratto la nostra

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Senza che alcun segno precursore vi abbia avvertito, può accadere che ci sentiamo improvvisamente invasi dalla luce: tutto a un tratto la nostra"

Transcript

1 La Sofferenza Il più grande timore che possa provare un Iniziato è quello di turbare l'ordine cosmico instaurato dal Creatore, perché sa che un giorno sarà vittima lui stesso dei disordini che avrà provocato. Tutta la nostra felicità e tutti i nostri successi futuri sono basati sul rispetto dell'ordine sublime che Dio ha istituito. Se l'uomo fa degli sforzi per comprendere sempre meglio le leggi e rispettarle, le difficoltà che incontra sono anche per lui causa di sofferenze, ma tali sofferenze, che si trovano naturalmente sul cammino dell'evoluzione, partecipano al suo corretto sviluppo. Ecco perché si può anche dire che Dio fa soffrire i giusti: Egli li fa soffrire perché è il Suo amore a volere la loro crescita, il loro fiorire. Quell'amore fa parte anch'esso delle leggi cosmiche. Ma è venuto il momento di comprendere che il Signore non ha bisogno della sofferenza degli esseri umani. L epoca delle flagellazioni, delle torture e del martirio è terminata. Malmenare e mutilare il proprio corpo, e mettere a repentaglio la propria vita: questo modo di offrirsi in sacrificio alla Divinità è sterile. Il vero sacrificio è nell amore fraterno, disinteressato, per tutti gli esseri umani. Chi ha compreso il senso e la potenza dell amore non ha bisogno di infliggersi delle sofferenze: ne avrà talmente tante da condividere con tutti quelli che sono infelici! E gli ostacoli che incontrerà nei suoi sforzi per aiutarli saranno ancora altrettante occasioni per soffrire! Ma di fronte a quelle sofferenze non deve indietreggiare: saranno queste a renderlo grande e nobile. Nell istante in cui si agisce, si mettono inevitabilmente in moto certe forze le quali produrranno inevitabilmente certi risultati. È questa idea di rapporto tra causa ed effetto che è anzitutto contenuta nella parola karma. Solo più tardi questa parola ha assunto il significato di pagamento per una trasgressione commessa. Si può quindi dire che il karma (nel secondo significato del termine) si manifesta tutte le volte che un azione non è totalmente ispirata dalla saggezza e dall amore divino il che accade il più delle volte. Ma l essere umano fa dei tentativi, ed è bene che si eserciti. Quei tentativi sono maldestri, imperfetti, ma non è grave: egli si deve correggere, deve riparare i suoi errori, e sicuramente per far questo fatica, soffre. Direte: «Ma allora, visto che quando si agisce si commettono necessariamente degli errori e si dovrà soffrire per ripararli, non sarebbe meglio non fare nulla?» No, si deve agire. Ovviamente si soffrirà, però s impara, ci si evolve e un giorno non soffrirete più. Quando abbiamo imparato ad agire correttamente, quando tutte le nostre azioni e le nostre parole saranno ispirate dalla bontà, dalla purezza e saranno disinteressate, non produrranno più karma, ma attireranno conseguenze benefiche. E questo è chiamato dharma. Occorre saperlo: chiunque voi siate e qualunque cosa facciate, dovrete subire delle prove. Perciò, invece di essere ogni volta sorpresi come se faceste una scoperta, e ritenere tutti gli altri - compreso il Signore - responsabili di quelle difficoltà, riflettete, meditate, e comprenderete il lato buono delle prove. Ci sono molte qualità che non si possono sviluppare finché non si è passati attraverso certe sofferenze: gli insuccessi, la malattia e anche l'inimicizia degli esseri umani. Sì, e per questo che i nostri nemici sono amici camuffati, perché ci obbligano a fare degli sforzi e a progredire. Gesù diceva: "Amate i vostri nemici" e molti trovano questo comandamento non soltanto irrealizzabile, ma anche insensato: come si possono amare coloro che ci fanno del male? È impossibile! Sì, invece, è possibile quando si scopre che essi sono amici camuffati, e che la Provvidenza ce li invia per obbligarci a fare dei progressi sulla via della padronanza di sé e della liberazione. La libertà non può essere compresa se non si associa all'idea di gerarchia. Se ci troviamo in basso sulla scala, che libertà possiamo avere? Gli animali sono forse liberi? E le piante? E le pietre?... Anche fra gli esseri umani, molti non sono liberi: sono spinti, influenzati da altri esseri umani o da entità del mondo invisibile, perché interiormente si trovano molto in basso, e non sono loro a decidere. Per ottenere la propria libertà, bisogna salire sempre più in alto, sino al Signore. È cercando di raggiungere la sommità che ci si libera. In questo senso, si può dire che solo il Signore è libero. Tutte le altre creature non sono libere; persino gli Arcangeli sono immersi nell'anima del Signore e ricevono la Sua influenza. Essi sono liberi della libertà del Signore, ma non lo sono in rapporto a Lui. Solo il Signore è libero, e nella misura in cui si avvicinano al Signore, le creature sono libere della Sua libertà, altrimenti non lo sono.

2 Senza che alcun segno precursore vi abbia avvertito, può accadere che ci sentiamo improvvisamente invasi dalla luce: tutto a un tratto la nostra coscienza è proiettata molto in alto nel piano della supercoscienza, e noi siamo abbagliati dall immensità e dalla bellezza in cui vive il nostro Sé superiore Purtroppo, tale stato non dura, e noi riprendiamo di nuovo la nostra vita quotidiana con le stesse preoccupazioni e le stesse debolezze: ci sentiamo nell oscurità, ci sentiamo soffocare, separati dal nostro Sé superiore, il nostro Sé divino, come un frammento separato dal Tutto In seguito, di nuovo sentiamo un chiarore, un illuminazione, ma anche quel momento non dura. Non scoraggiatevi, continuate a lavorare, a fare degli sforzi. Un giorno, finalmente, dopo tutti quegli alti e bassi, dopo tutte quelle oscillazioni fra chiarezza e tenebre, la luce non ci lascerà più; avremo cambiato riva e saremo definitivamente salvi. Per sfuggire ai nostri malesseri interiori, c è sempre una soluzione: cambiare piano. Prendiamo un esempio. Siamo preoccupati, scoraggiati, abbiamo l impressione che tutto sia contro di noi, gli avvenimenti, gli esseri umani; ed ecco che ci addormentiamo. Quando ci risvegliamo, qualche istante dopo, sentiamo che qualcosa è cambiato. Cos è successo? Addormentandoci, abbiamo cambiato piano; siamo sfuggiti, e i nemici che ci perseguitavano non hanno potuto inseguirci. C è sempre un luogo in cui possiamo rifugiarvi, e molte sofferenze ci sarebbero risparmiate se sapessimo cambiare piano. Pensateci. Invece di sprofondare in certi stati negativi come sabbie mobili, reagiamo immediatamente. Non appena avvertiamo una tristezza, uno scoraggiamento, cerchiamo di andare in una regione nella quale sfuggiremo a quei dolori. Se i nostri tormenti si trovano nell intelletto, andiamo nel cuore. Se siamo perseguitati sia nel cuore sia nell intelletto, saliamo nell anima. Se ci si perseguita anche nell anima, rifugiamoci nello spirito. Nello spirito, nulla può più raggiungerci. Ovunque nell Universo vediamo in azione queste due potenze: la vita e la morte. Ma, in realtà, la sola vera potenza è la vita, perché nulla esiste al di fuori di essa. La morte è contenuta nella vita; essa non è che un cambiamento di piano, un cambiamento di forma, d abito, uno spostamento per una nuova missione da compiere, una modificazione dello stato di coscienza. Una trasformazione della vita non può essere la sua fine. La vita e la morte si danno la mano e lavorano insieme per l evoluzione. La morte non è che un illusione. Quante volte siamo già passati attraverso ciò che è chiamato morte! Ed eccoci nuovamente vivi Esiste solo la vita ininterrotta, la vita senza limiti. Gli esseri umani hanno l abitudine di rispondere al male con il male, all odio con l odio, alla violenza con la violenza, ma questa vecchia filosofia non può dare buoni risultati. È con il bene che ci si oppone al male, è con l amore che si scaccia l odio, ed è con la dolcezza che si combatte la violenza. Se il male finisce con l essere vinto, è perché Dio gli ha rifiutato l immortalità. Ogni parola, ogni atto di odio, può essere paragonato a una pietra gettata in aria: più il tempo passa, meno forza ha per salire. Viceversa, una buona parola, un atto di bontà, possono essere paragonati a una pietra gettata dall alto di una torre: col tempo, il suo movimento e la sua potenza aumentano. Qui sta il segreto del bene: è debole all inizio, ma onnipotente alla fine. Il male invece è onnipotente all inizio, ma poi andrà indebolendosi. Ovunque si vedono persone occupate a criticare, a lamentarsi, a raccontare di essere scoraggiate, infelici, a causa di questo o di quest altro a causa di niente! Per essere in uno stato simile, significa che non hanno capito niente delle verità della vita: «Come? protesterà qualcuno Non abbiamo capito niente? Ma abbiamo dei diplomi, abbiamo letto filosofi e pensatori!». D accordo, ma il vostro atteggiamento dimostra che non avete capito nulla. Avere dei diplomi, aver letto intere biblioteche è certamente una prova che siete letterati, eruditi, ma non che abbiate compreso qualcosa della vita. La prova consiste appunto nel poter dare delle prove della vostra comprensione, e tali prove sono la serenità, la padronanza di sé, l indulgenza nei confronti degli altri, la capacità di risolvere i problemi. Se potete fornire queste prove, anche se non avete un diploma, anche se non avete letto nulla, possedete la scienza della vita. Ecco, ora è chiaro. Dopo una preghiera, dopo un momento di meditazione, dopo un contatto con la luce, ci accade di sentirci appagati. All esterno, obiettivamente, non si è verificato nulla, in apparenza non abbiamo ricevuto niente, eppure siamo nella pienezza. Sì, perché sono la nostra anima e il nostro spirito ad essersi nutriti, dissetati. Nei ristoranti dell anima e dello spirito, le cose non si svolgono come sul piano fisico, dove più volte al giorno siamo obbligati a mangiare e a bere per non essere affamati, assetati e senza forze. Il nutrimento che riceviamo nelle regioni sublimi dell anima e dello spirito ci

3 sazia e ci disseta per giorni e giorni. Il mondo divino contiene, infatti, elementi di una tale ricchezza che se riusciamo anche solo una volta a captarli, la sensazione di pienezza che ci danno non ci abbandona più, e niente ci può togliere la certezza di aver assaporato l eternità. Per imparare, per evolvere e acquisire la conoscenza, l uomo può scegliere fra due cammini: quello della materia e quello dello spirito. Se segue il cammino della materia, egli è come l acqua che scende dalle vette: durante la sua discesa s inquina, poi si purifica infiltrandosi nel suolo e attraversandone gli strati sotterranei per riapparire un giorno, molto più tardi, come acqua sorgiva. Questo cammino è molto lungo e doloroso; è quello dell uomo ordinario che, per evolvere, deve attraversare delle prove e soffrire. L altro cammino è quello dell Iniziazione. L Iniziato è colui che, come il fuoco, ha voluto raggiungere la conoscenza elevandosi fino a incontrare il cielo. Questo cammino richiede un grande lavoro e grandi sforzi, ma gli sforzi fatti per staccarsi dalle pesantezze e dalle sporcizie della terra sono fonte di gioia. L Iniziato che ha preso questo cammino ascendente, si fonde con lo Spirito Santo ed entra nell eternità. Secondo i casi, l orgoglio e l umiltà sono considerati sia come qualità sia come difetti. Come stanno le cose realmente? Dal punto di vista spirituale, si può dire che l orgoglio impoverisce gli esseri umani, mentre l umiltà li arricchisce. Sì, osserviamo l atteggiamento dell orgoglioso: si gonfia, si riempie, mentre l uomo umile si svuota, ed è proprio quel vuoto ad attirare la pienezza. Sì, perché non appena si verifica un vuoto da qualche parte, una forza si precipita a colmarlo. Occorre essere umili per attirare il Signore, poiché Egli non può recarsi là dove i recipienti sono già pieni: bisogna aver fatto il vuoto in sé perché Egli entri. Se diciamo: «Mio Dio, io sono insensato e Tu sei la saggezza, io sono povero e Tu sei la ricchezza, io sono debole e Tu sei la forza» stiamo già facendo il vuoto in noi, e allora il Signore si precipita per colmarci. Se invece ci glorifichiamo per le nostre virtù e le nostre capacità, non riceveremo mai la visita del Signore. Vi dirà: «Ebbene, poiché sei così contento di te stesso, resta come sei; non hai bisogno di Me». Una casa si compone di diverse stanze, e ogni stanza ha almeno una porta con una serratura e la sua chiave. Non si possono aprire tutte le porte con la stessa chiave, e dunque occorre avere per ogni serratura la chiave corrispondente. Sì, l importanza della chiave! Anche nella vita psichica esistono diverse chiavi per aprire le varie porte che sono l intelletto, il cuore e la volontà, grazie ai quali noi pensiamo, sentiamo e agiamo. È necessario trovare quelle chiavi e imparare a servirsene. Le tre chiavi essenziali sono l amore, la saggezza e la verità. La saggezza apre l intelletto, l amore apre il cuore, e la verità apre la volontà. Quando abbiamo un problema, proviamo a utilizzare queste chiavi. Non ci riusciamo con la prima? Proviamo con la seconda. Nemmeno la seconda apre? Proviamo la terza. Se ci sapremo fare, è impossibile che una di queste chiavi non finisca per risolvere il nostro problema. Niente può eguagliare la rapidità della luce, e perciò si può dire che la luce è la più perfetta fra tutte le creature di Dio. Sì, la rapidità è un criterio di perfezione. Se il nostro pensiero va al rallentatore, non possiamo contare su di esso, poiché sarà incapace sia di darci rapidamente una visione corretta della situazione, sia di darci la soluzione per affrontarla, e quindi potremo avere un incidente o cadere in una trappola. Allo stesso modo, se lasciamo che la lentezza s instauri nella nostra vita psichica, tutto diventa molto più difficile: sentiamo che stagniamo, che perdiamo il gusto delle cose. La luce è una misura, un criterio. Essendo pura, disinteressata, libera da ogni fardello, arriva sempre per prima e s introduce ovunque. Se vogliamo esplorare il cuore umano, esplorare l Universo e tutte le ricchezze dell Anima universale, dobbiamo cercare di raggiungere interiormente la rapidità e l intensità della luce. La misura è necessaria in ogni cosa. Sì, anche nella bontà, perché se anche lì si manca di misura, se ne subiscono necessariamente gli inconvenienti. Mancare di misura non è né cattivo né criminale, ma è un errore, e ogni errore porta a una sanzione. Tutti i materialisti che non hanno mai fatto niente per rendere abitabile il loro mondo interiore, pensano ad andare a distrarsi esclusivamente all esterno. Non appena si ritrovano soli con se stessi, si annoiano, ed è una vera desolazione. Lo spiritualista, invece, ha saputo ordinare e abbellire così bene il proprio mondo interiore, che in quel mondo non manca niente: la poesia, i colori, la musica Tutta la bellezza è presente, ed egli soffre quando è costretto ad uscire e ad abbandonare quella bellezza.

4 Quindi ora, riflettiamo Quanto tempo stiamo con gli altri? Qualche minuto, qualche ora. E quanto tempo stiamo con noi stessi? Ininterrottamente, giorno e notte. Ebbene, non trovate che sia molto più importante migliorare il luogo dal quale non usciamo mai? Perché lasciare il nostro spazio interiore malandato come un tugurio, come un abbaino dai vetri rotti, dove i ragni passeggiano sul soffitto e i topi si danno alla pazza gioia? L'equilibrio psichico è una delle qualità più preziose e difficili da acquisire, poiché è il risultato di due movimenti contraddittori. Si vedono persone parlare, camminare e darsi da fare come se non facessero alcuno sforzo. Si potrebbe dire che sono equilibrate; e invece no, in realtà ristagnano. Giorno dopo giorno, le si ritrova sempre simili a se stesse: presentano lo stesso volto impassibile, riproducono le stesse azioni del giorno precedente, ripetono le parole del giorno prima, ecc. Non sarà questo tipo di equilibrio a farle evolvere. Un certo squilibrio è necessario per il nostro avanzamento, ma a condizione che rimaniamo vigili e che possiamo rimediare quando i piatti della bilancia cominciano ad accusare un'eccessiva differenza di livello. L'equilibrio consiste quindi nel conservare interiormente certe oscillazioni. Il giorno in cui i due piatti sono perfettamente equilibrati, non si può più parlare di equilibrio, ma di morte. La vita sta nell'oscillazione misurata della bilancia. Il sole è chiamato "lampada dell'universo" perché illumina il mondo, ed è grazie alla sua luce se possiamo vedere. Quando non è il sole a illuminarci, abbiamo bisogno di altre fonti di luce: lampadine, candele, torce elettriche, fari... Gli oggetti sono dunque visibili solo nella misura in cui una luce cade su di essi e li illumina; è una legge del mondo fisico ed è anche una legge del mondo spirituale. Ma nel mondo spirituale, non esiste alcuna lampada che potremmo accendere come facciamo con quella delle nostre scale o della nostra camera; se in quel mondo vogliamo vedere, dobbiamo proiettare una luce da noi stessi. Ecco perché sono pochissimi gli esseri capaci di vedere sul piano spirituale: perché aspettano che gli oggetti siano illuminati, quando invece sta a loro proiettare i raggi che li metteranno nelle condizioni di vedere. Da circa un secolo la scienza e la tecnica, e dunque anche la scienza e la tecnica medica, hanno fatto enormi progressi. Ma quali che siano tali progressi, se gli esseri umani non sono ragionevoli e non rispettano certe leggi, in un modo o nell'altro saranno malati, soffriranno e faranno soffrire gli altri. Quanti, persino fra i credenti, si sono indignati della crudeltà del Dio dell'antico Testamento, del quale è detto che punisce non soltanto colui che ha trasgredito le leggi, ma anche la sua discendenza sino alla quarta generazione! Ebbene, quel Dio altri non è che la Natura. La Natura, infatti, non è esterna a Dio, non è separata da Dio. Dio è un Padre, ma è anche una Madre severa che pone ai propri figli dei limiti da non superare. Se essi li superano, si dice che la Natura li punisce; ma in realtà, non è così: sono loro stessi che, trasgredendo certe leggi, sono usciti dal recinto in cui erano al riparo e protetti. Uscendo da quella cinta, hanno creato delle cattive condizioni per sé, così come per quelli che dipendono da loro; e anche se la medicina ha fatto immensi progressi, essa è impotente per coloro che si ostinano a trasgredire le leggi. Gli esseri umani sono talmente presuntuosi da considerarsi le sole creature realmente evolute nell Universo. Al di sotto di sé mettono gli animali, le piante, le pietre, e al di sopra, molto lontano da qualche parte, non si sa dove, Dio, il Creatore perlomeno, se ci credono. Ignorano l esistenza di tutte le entità che costituiscono il legame fra Dio e il mondo degli uomini. O se anche le conoscono, perché hanno comunque sentito parlare di gerarchie angeliche, pensano a loro raramente e non cercano di stabilire dei legami con esse. Cattolici e ortodossi si rivolgono ai santi; va bene, ma anche i più grandi santi non sono che esseri umani, e il culto reso a loro ricorda spesso i culti pagani. Allora, prendiamo coscienza dell esistenza delle gerarchie angeliche, leghiamoci ad esse, perché saranno le sole a condurci verso Dio. I medicinali che prendiamo quando siamo ammalati possiedono ovviamente delle proprietà curative, ma sarebbero insufficienti e perfino inefficaci se anche in noi qualcosa non contribuisse alla guarigione: la materia stessa del nostro corpo che, animata ed esaltata dalla forza del nostro spirito, è in grado di difendersi. Inoltre, spesso, i medicinali che combattono le malattie indeboliscono al tempo stesso l insieme dell organismo. Occorre dunque lasciare all organismo la possibilità di difendersi risvegliando le forze insite in esso. Allo stesso modo, un medico non deve essere soltanto colui che prescrive delle medicine. Il suo amore per i malati, la sua compassione per le loro sofferenze e la sua volontà di guarirli gli danno una sorta di potere magico: da tutta la sua persona emanano fluidi potenti che penetrano il malato e lo vivificano, lo resuscitano. Ecco cosa bisognerebbe anche insegnare agli studenti delle facoltà

5 di medicina: che i rimedi materiali sono insufficienti, e che i medici, con la loro presenza, devono diventare essi stessi una medicina vivente per i loro malati. Impariamo a dare, perché quando diamo, riceviamo. È una legge della fisica: nell Universo il vuoto non è ammesso. Del resto, c è una formula assai nota: La natura ha orrore del vuoto, e non appena c è un vuoto da qualche parte, immediatamente qualcosa viene a riempirlo. Se svuotate una bottiglia dell acqua che contiene, subito vi penetra l aria, e se riuscite a estrarre l aria, una materia più sottile viene a occupare quello spazio. C è sempre un elemento più sottile che viene a sostituire ciò che è stato tolto. Questa legge fisica si applica anche sul piano psichico e spirituale. Perciò, se vuotiamo i nostri serbatoi interiori offrendo il nostro amore e i nostri buoni pensieri a tutte le creature, un elemento più sottile arriverà immediatamente dal mondo divino per colmarci. Quando si vuole che una dimora e i suoi occupanti siano al riparo dalle intrusioni, la si circonda di un recinto. Il recinto è un limite, una barriera, e quindi una protezione. La pelle svolge lo stesso ruolo di protezione per il corpo fisico, mentre sul piano spirituale tale protezione è assicurata dall aura. L aura è il vero recinto che ci mette al riparo dagli indesiderabili, e noi dobbiamo tenerla ben chiusa e innalzarla più in alto possibile. Come? Col lavoro del cuore e dell intelletto. Il cuore mantiene chiuso il recinto, ripara i buchi, le fenditure, affinché noi possiamo resistere alle aggressioni. L amore, infatti, lavora in un modo speciale, rinforzando le cellule e rendendole capaci di affrontare malattie e avversità. Quanto all intelletto illuminato dalla saggezza, esso eleva una barriera che gli spiriti tenebrosi i quali si arrampicano dalle regioni inferiori non possono valicare. L intelletto non è l intelligenza, e occorre imparare a distinguere tra i due. L intelletto è uno strumento dato all uomo per cavarsela sul piano materiale, per risolvere i problemi della vita quotidiana, per studiare la natura e trarre da quello studio alcune conclusioni. L intelligenza, invece, nel senso iniziatico del termine, è una facoltà molto superiore: situata al di sopra del piano astrale e mentale, ha la capacità di dominare i sentimenti, i pensieri e tutte le manifestazioni della vita psichica. È questa che gli Iniziati considerano come la vera intelligenza; essa è legata al mondo della supercoscienza che è il mondo divino. Tutti gli esseri che hanno imparato a lavorare dominando i propri pensieri e sentimenti, e legandosi alle regioni superiori per fare con esse degli scambi, sono stati capaci di realizzazioni sublimi. Sono loro ad aver permesso all umanità di progredire veramente. Tutto ciò che chiediamo, un giorno l otterremo. Sì, che sia buono o cattivo, l otterremo, perché conformemente alle leggi stabilite dall Intelligenza cosmica, ogni richiesta deve essere esaudita. Si tratta di leggi fisiche e chimiche: la legge delle corrispondenze, la legge di affinità, la legge dell eco. Perciò, siccome si finisce sempre per attirare quello che si desidera, attenzione: se chiederemo dei fardelli e finiremo per esserne schiacciati, non ci servirà a nulla accusare in seguito gli esseri umani o il Signore. Sta a noi conoscere le conseguenze lontane delle nostre richieste. È normale auspicare, desiderare, ma occorre anche riflettere bene sul modo in cui le cose si possono trasformare: capirete che una volta realizzati certi desideri, saremo delusi, infelici o malati e che quindi sarebbe saggio abbandonarli. Un vero discepolo della Scienza iniziatica deve incominciare con l apprendere che ci sono cose da desiderare e altre, invece, da respingere con tutte le proprie forze. Nel Regno di Dio entreranno solo coloro che lavorano con quelle forze straordinarie che sono l amore, la pazienza, la perseveranza, l umiltà. L Intelligenza cosmica è irremovibile: non cederà mai di fronte a delle teste dure che non vogliono imparare le grandi leggi della vita e non vogliono lavorare in accordo con esse dando prova della propria fede, della propria stabilità e del proprio amore per il bene. Poiché da qualche mese hanno finalmente deciso di fare degli sforzi per migliorarsi, molti credono che il Cielo debba aprirsi a loro e che gli Angeli debbano venire a prenderli fra le braccia! No: per questo bisogna lavorare molto a lungo. Il Cielo è molto lento nel dispensare grandi ricompense, ma quando lo fa, è per l eternità. Una volta che siamo riusciti a penetrare nel Paradiso, nessuno ci può più scacciare. Ma prima che ci aprano la porta, quanti sforzi da fare! C è una cosa che i credenti di tutte le religioni hanno difficoltà ad ammettere, e cioè che Dio, il quale è onnipotente, non si decida finalmente ad annientare gli spiriti del male che vengono a tentarli. Ma anche quegli spiriti hanno il diritto di vivere, e sta agli esseri umani non cadere nelle loro trappole. Dio non punirà mai il Diavolo perché viene a tentare gli esseri umani: sta a loro essere più illuminati e più forti. Sta a loro comprendere dove risiede il loro vero interesse, e

6 rendersi conto del perché è preferibile prendere una direzione piuttosto che un altra, e avere la volontà di procedere in quel determinato senso. Occorre che ne siano totalmente convinti. Credete che sarebbe realmente vantaggioso per l essere umano essere spinto, suo malgrado, sulla via del bene, della luce, ed essere al riparo, qualunque cosa faccia, dalle tentazioni e dagli errori? Il Creatore e gli spiriti celesti lasciano che egli trovi da sé il cammino, affinché sviluppi la sua coscienza e impari a diventare responsabile dei suoi orientamenti. Può accadere che ci sentiamo proiettati nel Cielo quando meno ce lo aspettiamo. Ovviamente, desidereremmo rimanere lassù per sempre, ma questo non è possibile: tante cose ci tengono ancora legati al mondo che è in basso! Se il Cielo ci accorda questa grazia, è per farci avere il presentimento, l intuizione di quello spazio di luce dove siamo destinati ad andare a vivere un giorno. Queste gioie improvvise, che a volte sentiamo, sono l annuncio di una liberazione a venire. Quando gli alberi iniziano a perdere le foglie in autunno, sappiamo che l inverno si avvicina; e in inverno, quando i bucaneve cominciano a sbocciare, sappiamo che annunciano l arrivo della primavera. Anche nella nostra anima, come nella natura, appaiono dei segni precursori, e noi dobbiamo imparare a riconoscerli e a decifrarli. Non bisogna amare e cercare Dio per se stessi, ma per Lui, come un figlio o una figlia che trova tutta la sua gioia nel prendere parte alle attività di suo padre e di sua madre. Quando Gesù ci ha insegnato a pregare: «Padre nostro che se nei cieli, sia santificato il Tuo nome, venga il Tuo regno, sia fatta la Tua volontà come in cielo così in terra», ci ha dato appunto il programma da realizzare. Siamo noi che dobbiamo santificare il nome di Dio in noi stessi, siamo noi che dobbiamo far discendere il Suo regno dentro di noi, siamo noi che dobbiamo compiere la Sua volontà, così come gli angeli la compiono in Cielo. Quello che facciamo per Dio, lo facciamo anche per noi, poiché noi siamo in Lui e Lui è in noi. Avere una famiglia, degli amici, un mestiere o degli svaghi non basta per essere felici. La prova: quante persone, che possono anche considerarsi privilegiate, non sono felici! Perché? Perché non sanno rispondere alle necessità della propria anima. L anima ha bisogno di vivere nell immensità, nello spazio infinito, nell illimitato. Ora, l uomo comprime costantemente la propria anima, la ostacola, la soffoca, vuole che si accontenti di briciole: qualche successo materiale, qualche piacere, qualche pettegolezzo L anima allora soffre e si lamenta con l uomo: «Io voglio essere libera, e tu, con le tue occupazioni e le tue preoccupazioni ordinarie e meschine, mi tieni incatenata. Io sono figlia di Dio e lo spazio è il mio elemento: ho bisogno di dilatarmi nella distesa celeste». Almeno per qualche minuto, facciamo dunque l esperienza di lasciare che la nostra anima spicchi il volo e si dilati nello spazio Lasciamola evadere sino a fondersi con l Universo intero E allora sapremo cos è la felicità. Sentire è una cosa, pensare è un'altra, ma troppo spesso la sensazione influenza il pensiero. Può accadere che ci sentiamo sfiniti, e in questo non vi è nulla di anormale; ma ecco che questa sensazione scatena in noi pensieri e sentimenti di scoraggiamento, di tristezza, di disperazione. Ebbene, no! In quei momenti, è il pensiero che deve agire sulla sensazione: anche se non può vincerla, deve essere presente come una luce, come un faro in lontananza. Il pensiero ci dice che possiamo risollevarci; allora, malgrado il nostro abbattimento e il nostro sfinimento, è al pensiero che dobbiamo credere e non alle nostre sensazioni. Non c è più una goccia di energia nel nostro serbatoio? Ricordiamoci che il serbatoio cosmico ne è pieno, ed è là che dobbiamo andare ad attingere tramite il pensiero. Perché il pensiero serve anche a questo: appena poche gocce attinte a quel serbatoio di energie, e la fiamma della nostra lampada, che si stava spegnendo, brilla di nuovo. Il Cielo non sa resistere a chi ha compreso il valore dell amore disinteressato: giorno e notte lo ricompensa; se poi capita che questo essere sia danneggiato, il Cielo fa ancora in modo che egli senta quel danno come una ricompensa. Siamo scioccati, diciamo che non possiamo concepire un idea simile Ma perché? Perché non ne abbiamo ancora fatto l esperienza. Oggi, anche se ci pare incomprensibile, facciamo lo sforzo di meditare su questa verità: Dio ha costruito l Universo in modo tale che ciò di cui siamo privati su un piano ci sia reso su un altro, e anche mille volte meglio, se sappiamo come cercarlo. Chi conosce il segreto dell amore e del sacrificio dona tutto e riceve tutto. Ditevi chiaramente che la vostra esistenza terrena non è che un lungo sonno popolato di sogni. Un giorno, quando vi risveglierete, direte: "Dio mio, come ho potuto credere che fosse tutto vero?"

7 Tuttavia, finché siete qui, dovete lavorare per imparare a conoscere la materia, anche se, quando ritornerete nell'altro mondo, dovrete convenire che la realtà non era quella... Noi siamo soltanto un sogno dell'essere divino che è in noi; dormiamo e dobbiamo risvegliarci. Ma come fare per risvegliarci?concentrandoci sul nostro Sé superiore, identificandoci in Lui. A poco a poco, la coscienza del nostro sé limitato si unirà alla coscienza del nostro Sé superiore, ed è in questa unione che si verificherà il vero risveglio. Ciò che è chiamato "involuzione" è il processo attraverso il quale l'essere umano è sceso dalle regioni celesti. Via via che egli procedeva in questa discesa nella materia e si allontanava dal fuoco primordiale, si caricava di corpi sempre più densi, sino al corpo fisico. Esattamente come in inverno quando, dovendo affrontare il freddo, siamo costretti a infilarci una quantità d indumenti, a partire dalla maglia fino ad arrivare al cappotto. Per riprendere ora il cammino verso le altezze, l'essere umano deve svestirsi, simbolicamente parlando, ossia deve sbarazzarsi di tutto ciò che lo appesantisce. Invece di continuare a sprofondare in preoccupazioni di ogni genere e in attività eteroclite e inutili, deve imparare a rinunciare, a liberarsi. È l'accumulo che favorisce la discesa. Ogni pensiero, ogni sentimento o desiderio che non sia di natura spirituale va a incollarsi a lui come la brina sui rami degli alberi in inverno. Occorre che il sole della primavera ricominci a brillare in noi perché la brina si sciolga, perché noi ritroviamo il nostro vero essere... e possiamo sentirci attraversare dal soffio divino. Di qualcuno che si sente facilmente ferito, offeso, si dice che è sensibile. No, la vera sensibilità è un'apertura totale alla bellezza e alla luce del mondo divino, e una chiusura a tutte le brutture e le assurdità del mondo umano. Quindi, ciò che generalmente è chiamata " sensibilità ", intesa come la capacità di percepire dolorosamente l'indifferenza, il disprezzo, le critiche e le vessazioni, in realtà non è altro che emotività. Allora, cosa resta a dei poveri infelici per i quali non esistono né il Cielo né gli angeli né gli amici né la bellezza, ma solo persone ingiuste, cattive e malintenzionate? Non bisogna confondere la sensibilità con l'emotività. L'emotività è la manifestazione malata di un "sé" povero, meschino, ristretto, dolente. La sensibilità rappresenta invece un grado superiore di evoluzione che mette l'uomo in relazione con le regioni celesti e gli permette di vibrare all'unisono con tutta la bellezza dell'universo. Nelle paludi e nelle giungle vedrete esclusivamente animali intenti a divorarsi. Ma se salite molto più in alto, nel Cielo, fra le gerarchie angeliche, vedrete soltanto esseri che non smettono di donarsi amore e luce. Sì, in alto, si trova l'amore e la luce, mentre in basso si trovano ostilità e lotte spietate. Allo stesso modo, gli esseri umani che sono scesi molto in basso nei loro desideri e nelle loro preoccupazioni, non possono fare altro che combattersi e divorarsi a vicenda. In seguito, traggono delle conclusioni sull'esistenza e dicono che l'uomo è un lupo per l'uomo, e che sulla terra regna la legge della giungla. Sì, questo è vero finché restano in basso. Ma purifichino i loro pensieri e i loro sentimenti, li illuminino e troveranno, gli uni accanto agli altri, l'amore e la luce. Gli animali sono contenti della loro sorte: non vedono i propri limiti, e non cercano quindi di uscirne per progredire. Ma questo modo di essere, che è normale per gli animali, non è ideale per gli esseri umani... anche se molti si accontentano! Direte: "Ma allora, dobbiamo ribellarci alla nostra sorte?" No, ma comprendiamo bene: accettare la propria sorte è una cosa, esserne soddisfatti è un'altra. Ognuno di noi è costretto ad accettare la propria sorte come conseguenza di ciò che ha vissuto in passato. Se ha delle prove da attraversare, non si deve ribellare, ma deve sapere che sta pagando per gli errori che ha commesso in questa esistenza o in esistenze precedenti. Fa quindi degli sforzi per ripararli, ma al tempo stesso comprende di dover progredire sul cammino dell'evoluzione. Così, accetta il destino che la Giustizia divina ha decretato per lui, ma non è mai soddisfatto del proprio grado di evoluzione attuale, e si sforza incessantemente di progredire. Tutta la vita è sottomessa alla legge dell'alternanza, che è la legge dei contrari. Al mattino, la luce scaccia le ombre della notte, e la sera, sono le ombre che riguadagnano terreno... È lecito, per questo, dire che la notte è opposta al giorno, e il giorno alla notte? Sì e no. Sì, perché la luce è l'opposto delle tenebre; no, perché il giorno e la notte lavorano insieme per creare e preservare la vita. Prima di venire al mondo, il bambino passa nove mesi nascosto nel grembo della madre... Per germogliare, i semi devono restare per un certo tempo sotto terra... Quanto alle api, esse tappezzano l'arnia di cera perché hanno bisogno dell'oscurità per produrre il miele, ecc. Quanti lavori hanno inizio nell'oscurità, prima di uscire alla luce! Luce e oscurità rappresentano delle entità, delle correnti, delle energie che la natura utilizza per il suo lavoro.

8 Creare è la più grande felicità che un essere umano possa provare. Perché? Perché creando, egli si avvicina all'essenza stessa di Dio. Dio è il Creatore, e l'uomo, che Egli ha fatto a Sua immagine, può essere lui pure creatore. Certo, non si tratta di comparare le creazioni umane alla creazione divina, ma di mettere l'accento su questa verità: la felicità si trova nell'attività creatrice, e in questo senso sono quindi gli artisti a provare la più grande felicità. Direte: "E i mistici? E gli scienziati?" Sì, nella misura in cui possono essere anche dei creatori, provano una felicità identica a quella degli artisti. Ora non cominciamo a protestare, dicendo che abbiamo conosciuto artisti tormentati e molto infelici. Parlando della felicità dell'artista, si deve dire che nel momento in cui crea, nell'atto della creazione, l'artista vive nella pienezza; e per "artista" si può sottintendere anche qualunque essere umano intento a creare. Nella Bibbia il serpente è il simbolo del male, ma secondo i cabalisti esso può raggiungere soltanto certe sefiroth: al di là di queste, la regione più elevata, formata dalle tre sefiroth Kéther, Hohmah e Binah, gli è preclusa. Pertanto, quale conclusione possiamo trarre da quest affermazione per la nostra vita interiore? Poiché siamo creati a immagine dell'universo, esiste anche in noi una regione in cui il male non trova più le condizioni favorevoli all'esistenza. Nelle regioni sublimi del nostro essere e dell'universo, regnano una tale luce e una tale intensità di vibrazioni, che tutto ciò che non è in armonia con quella purezza e con quella luce, è disgregato. Sì, il male non ha alcun diritto di esistere nelle regioni sublimi, ed è respinto. Può esistere unicamente nelle regioni inferiori dove si aggira, devasta e tormenta gli esseri umani, perché negli strati inferiori della materia, tutte le condizioni gli sono favorevoli. Quindi, secondo la regione in cui ci troviamo, saremo raggiunti o meno dal male. Per sviluppare la nostra aura, possiamo lavorare in due modi. Col pensiero, con l'immaginazione, cerchiamo di attirare a noi i colori più puri, più belli, e ci circonderemo di quei colori. In realtà, però, si tratta di uno sforzo un po' fittizio, i cui risultati non dureranno a lungo, se non cerchiamo al contempo di praticare le virtù alle quali quei colori corrispondono. Per sviluppare l'aura, in effetti, l'essenziale non è l'esercizio del pensiero, ma l'apprendimento delle virtù. Anche se non facciamo esercizi di concentrazione per formare i colori della nostra aura, lavorando soltanto a nutrire in noi le virtù divine, che ci pensiamo o meno, attireremo tutti i colori magnifici ad esse corrispondenti. Finché praticheremo quelle virtù, i colori si manifesteranno sempre più belli e sempre più intensi. La radio, il telefono, il radar, la televisione, ecc. sono altrettante applicazioni pratiche di un'unica scoperta: la circolazione delle onde attraverso lo spazio. Ma perché lasciare che siano solo la scienza e la tecnica ad approfittare di questa scoperta? Lo spazio non è attraversato unicamente da onde che permettono di telefonare, o di seguire un programma radiofonico o televisivo. Altre onde ancora più sottili lo attraversano; l'aria che ci circonda è satura di correnti e di messaggi che anche noi possiamo captare. Il Creatore ha, infatti, equipaggiato, se così si può dire, l'essere umano con apparecchi che gli permettono di ricevere le onde inviate dagli spiriti più evoluti: gli Iniziati, gli Angeli, gli Arcangeli e tutte le entità celesti. Perché rimanere in comunicazione esclusivamente con esseri umani che fanno udire tante grida, rivendicazioni, rivolte e minacce? È tempo di imparare a utilizzare gli apparecchi che il Signore ci ha dato: il cervello, certo, ma anche il plesso solare, il centro Hara, i chakra... per entrare in comunicazione con gli esseri che ci sono superiori, armonizzarci con le loro lunghezze d'onda, entrare nella loro felicità, nella loro luce e nella loro pace. La vera evoluzione consiste nell imparare a servirsi della parola, orale o scritta, in vista di risultati divini, vale a dire mettere all opera gli elementi del Verbo per creare unicamente ciò che è giusto, buono e bello. Chi lavora coscientemente in questa direzione partecipa all opera di Dio, e verrà il giorno in cui sarà ingaggiato come Suo operaio. La Creazione, infatti, non è ancora terminata; il Creatore continua a lavorare e ha bisogno di operai che gli portino simbolicamente parlando delle pietre, della sabbia, dei materiali. «Serviamo solo a questo!...» direte. Sì, e non sentitamoci offesi; non siamo certamente noi a essere scelti dal Creatore per il ruolo più importante, ma qualunque sia il livello, è glorioso partecipare a quel lavoro divino. (libera elaborazione dei pensieri di Omraam Mikhaël Aïvanhov)

9

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin Tecniche di Presenza Associazione Culturale Lightin 1 L energia della Natura Si dice che la Natura sia in perfetto equilibrio e di conseguenza anche noi che ne facciamo parte, dovremmo esserlo. L albero

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

Associazione Messianica d'italia

Associazione Messianica d'italia Associazione Messianica d'italia Culto del Natale di Meishu-Sama Tempio Messianico - Atami 22 Dicembre 2006 Parole del Leader Spirituale Kyoshu-Sama Congratulazioni a tutti per il culto del Natale di Meishu-Sama.

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

Dal film Alla luce del sole

Dal film Alla luce del sole Dal film Alla luce del sole Don Pino ha capito quali sono le vere necessità della gente di Brancaccio. Non i compromessi con la mafia, non la prepotenza, non la smania di ricchezza per qualcuno, ma vivere

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa

HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa Voi avete scelto di essere dei cooperatori dell opera di madre Teresa. Avete scelto di compiere qualcosa che possa essere d aiuto alle suore missionarie

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA C O M U N I T A E C C L E S I A L E D I S A N C A T A L D O ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA PREGHIERA PER IL SINODO SULLA FAMIGLIA IN COMUNIONE CON IL SANTO PADRE FRANCESCO E LA CHIESA SPARSA NEL MONDO San

Dettagli

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore I. B 3 Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore 1 2 Preghiera per un bimbo appena nato Signore, ci hai dato la gioia di un figlio:

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Preghiera iniziale Ci mettiamo alla presenza del Signore e apriamo il nostro cuore alla

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Le 7 Leggi della Ricchezza

Le 7 Leggi della Ricchezza Maurizio Fiammetta Le 7 Leggi della Ricchezza Un percorso in sette tappe per realizzare nella propria vita gli eterni principi per il tuo benessere mentale, materiale e spirituale 7 DISPENSA CORSO ON LINE

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

QUELLO CHE E' NATO DA DIO VINCE IL MONDO

QUELLO CHE E' NATO DA DIO VINCE IL MONDO Domenica 9 dicembre 2012 QUELLO CHE E' NATO DA DIO VINCE IL MONDO 1 GIOVANNI 5:4 Tutto quello che è nato da Dio vince il mondo, e questa è la vittoria che ha vinto il mondo, la nostra fede. Giovanni sta

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI

31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI 31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI Ciao e benvenuto, sono sicura che troverai questo piccolo ebook molto speciale e sai perché? Perché è dedicato alla persona più importante su questo pianeta.. quella persona

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Regina; O Maria concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a te!

Regina; O Maria concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a te! NOVENA ALLA MEDAGLIA MIRACOLOSA Iniziare la novena giornaliera con : 1 Segno della croce 2 Atto di contrizione : Mio buon Gesù che per me sei morto sulla croce,abbi pietà di me,perdona i miei peccati e

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

17 gennaio 2014. Dio disse: Sia la luce. Ma quale luce, se il sole viene creato il terzo giorno?

17 gennaio 2014. Dio disse: Sia la luce. Ma quale luce, se il sole viene creato il terzo giorno? 1 17 gennaio 2014 Introduzione al quarto incontro L introduzione è relativa a uno studio nuovo, che ho fatto, e ci introduce nella Scrittura per quanto riguarda il respiro: sono i primi cinque versetti

Dettagli

Piccolo prontuario di avvicinamento alla spiritualità

Piccolo prontuario di avvicinamento alla spiritualità Piccolo prontuario di avvicinamento alla spiritualità Ivan Melandri PICCOLO PRONTUARIO DI AVVICINAMENTO ALLA SPIRITUALITÀ Diario www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Ivan Melandri Tutti i diritti

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE MEDITAZIONE IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE Nel cuore mi porto anche un altro desiderio: in questa terza tappa del Percorso pastorale ogni famiglia cristiana sia pronta a stare nel mondo per raccontare e

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006 Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1 Prima edizione: giugno 2006 Indice A chi è destinato questo libro? 13 1. La via tantrica: un viaggio verso l ignoto A cosa

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita INTRODUZIONE Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita Quando hai 27 anni un bimbo di 8 mesi, un buon lavoro, una casa un buon marito, cosa ti manca?

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

VIVO CON TE NON VIVO PER TE

VIVO CON TE NON VIVO PER TE JHONNY MARIOTTO VIVO CON TE NON VIVO PER TE RIEDUCA IL TUO CUORE E ABBRACCIA COSÌ UN AMORE VERO VIVO CON TE NON VIVO PER TE rieduca il tuo cuore e abbraccia così un amore vero 2015 Jhonny Mariotto Prima

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Oltre il sesto giorno. I Incontro, 24 Novembre 2012

Oltre il sesto giorno. I Incontro, 24 Novembre 2012 GRUPPO FAMIGLIA L essere umano è stato creato ad immagine e somiglianza di Dio per amare e si realizza pienamente in se stesso solo quando fa dono sincero di sé agli altri. La famiglia è l ambito privilegiato

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare

COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare Attraverso questa rassegna di messaggi in ordine cronologico si potrà scoprire il cammino di

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

EUCARISTIA, DONO DI AMORE

EUCARISTIA, DONO DI AMORE EUCARISTIA, DONO DI AMORE Voce guida La nostra processione, quest'anno, sarà accompagnata dalla lettera enciclica di Benedetto XVI, sul tema dell'amore di Dio come fondamento e sviluppo della nostra vita

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Suppliche e ringraziamenti

Suppliche e ringraziamenti Domenica, 09 ottobre 2011 Suppliche e ringraziamenti Filippesi 4:6-7- Non angustiatevi di nulla, ma in ogni cosa fate conoscere le vostre richieste a Dio in preghiere e suppliche, accompagnate da ringraziamenti.

Dettagli