Stefano Valera. Poesie di una vita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stefano Valera. Poesie di una vita"

Transcript

1 Stefano Valera Poesie di una vita

2 Prime Poesie

3 Periferia (Ecologicamente in-sostenibile) Il vento gelido lambisce le pareti di enormi grattacieli in questo giorno viscide di pioggia. Qui, ai margini ignorati della grande città, i prati devastati, senza arbusti, mostrano recenti le ferite, contaminate dai malsani fusti, delle acacie ormai sfiorite. Sete nere d ombrella stracciate, lucide parti cromate di biciclette in rovina, contenitori sporchi di benzina, scarpe da tennis sfondate, cose buttate e dimenticate, stanno sui prati già poveri d erba. La pioggia deterge le cose, il vento trasporta lontano l olezzo di gas e petrolio rappreso nel cielo malsano.

4 Due stanze Il vecchio sacerdote si leva ogni mattino, anzi l alba, nella casa di fronte Le perpetue, due sorelle, lo rivestono accanto al letto disfatto, sotto la croce. La luce della stanza si perde nella strada, riflessa dalle piastrelline verdi. Ogni giorno mi alzo nella stanza della casa di fronte La luce mostra un letto disfatto, sotto la croce che manca. Due vite nel buio della giornata grigia, tra i muri delle case alte, si muovono nella stanza di fronte, per sedersi ogni volta sulla poltrona a leggere, come morti, per ore.

5 Poesie Militari

6 A mia madre Chiudere fuori la notte, la morte e continuare. La stanza buia nella casa ha l odore dei vivi di qualche anno fa. Non ha perso l odore dei morti di oggi. Puoi ritrovarti coi vivi a parlare dei morti, anche senza parlarne, e domandare cosa chiedi alla loro assenza. Vuoi solo giocare con le parole, o cerchi qualcosa che non possono dirti? Sondare per te l abisso silenzioso del loro rifiuto. Pregare per te e per il loro vuoto: ascoltando il rumore dell assenza, senza piangere

7 Casale M.to 6 dicembre 1979 Stanco e sempre più raffreddato Mi siedo in questo ufficio: Caserma Nino Bixio, Casale Monferrato, come tanti prima di me. Sole che nasce all orizzonte, gradi tre, fanti presenti nell ufficio tre: le solite mattine casalesi, e sono ormai due mesi che sono lontano da te.

8 Casale, 30 agosto 1980 Un momento di tregua. Fuori la natura impazza per l ennesima primavera. Ma nessuno s imbarca più per le Crociate Tutto questo spreco di sole, di aria, di luce per i vivi. E niente per i morti Un reato continuo ai danni dei morti, alla faccia loro. I vivi sono irriverenti come i bambini, in queste cose. Non fingono, non hanno mezzi termini: accettano le profferte dell ora, sbattendosene dei morti. Con i morti mi fermo un momento nella stanza chiusa, a interrogarmi sul mistero occasionale della Resurrezione.

9 Casale M.to, Ancora gli odori e i colori di questa primavera e i brusii degli uccelli mi richiamano alla vita Il mio corpo infantile è in balìa di altre muffe, piogge, asfalti bituminosi. Sulla collina eocenica o tra le stoppie del Monte Crocione, scivola verso il basso, per raggiungere chi dorme per sempre nel buco di Erbonne, nella bella e nella brutta stagione, sotto l erba o la neve, oltre il muro bianco illuminato per l ultima volta dall Enel. La sorgente nell incavo delle cascine diroccate è ancora una certezza per i vivi di Erbonne: una meta irraggiungibile per me, che ascolto il rumore di un altra primavera dalla caserma lontana oltre il Po, aspettando la pioggia. La mia giornata si guarda di continuo l ombelico, chiedendosi: Che tte frega?, mentre l uniforme grigioverde mummifica il mio corpo. Sono qui e a Erbonne, nella fortezza diroccata sul Po, e nell incavo delle cascine a raccogliere acqua con la coppa delle mani, per portarne un po a morti.

10 Casale M.to, Qui a Casale si sta come in ospedale: pochi e radi nei festivi, ammucchiati nei feriali come fossimo animali Alle sette c è la sveglia alle otto l adunata: poi la solita giornata senza tempo e senza data. La nostra voglia di ricominciare a contare i giorni di una vita normale ci porta a credere che morte è questa e vita l altra, appena sfiorata da una licenza o una scappata a casa Nei momenti di tranquillità si sta come all oratorio di paese, con il pallone, il cielo azzurro e l occhio vigile del prete maresciallo che fa attenzione che tu non freghi un ostia. Credere che fuori tutto è più bello e ricomincerà, è solo un malinteso senso della realtà.

11 Milano, Unicum (A Reza Palhavi) Sono solo come un re di Persia, che ha perso la mamma e il trono nella terra dov è nato e si chiede: Che cazzo faccio adesso? I consiglieri pagati sono fuggiti e il Paese in rivolta non lo riconosce più nel ruolo di Padre. Allora, mio caro, non ti rimangono che i denti finti e i capelli tinti, con i lumini dei colombai nelle notti senza luna Il mio ruolo non si è esaurito ancora, perché dichiarare forfait ora? Impetrare uno sguardo pietoso o una lacrima al passante frettoloso, spiegando che tutto è finito per una storia d amore. Con che coraggio guardare in faccia il Creatore, e dirgli: non farmi morire tra le braccia di un televisore in bianco e nero, senza un briciolo di colore, aspettando la telefonata che non arriva dalla banca svizzera dove ho depositato tutti i miei risparmi, il liquido, la grana nera del deserto. Perché continuare a fingere quando la solitudine mi stringe l imbocco dello stomaco e blocca la digestione come un cancro, mentre tutti imitano il mio way of life, girando dal Messico a Parigi, tra Saint Moritz e Il Cairo? Da piccolo era bello, perché la stupidità del mondo e il suo egoismo non mi apparivano così chiari,

12 attraverso il velo indistinto della pietà amorosa dei genitori. Credevo allora che l uomo è buono per un difetto d immagine. Ma cosa torno a fare oggi nel mio Paese, dove nessuno mi cerca o ha bisogno di me? Con questa mia facciona grande Egli occhi chiari azzurri, dietro agli occhiali scuri, le spalle larghe, il corpo pesante, la testa sempre meno pensante, scomodo se incontrato spesso - tenuto il più possibile a distanza da chi lo conosce bene, da chi non lo conosce più - non so proprio cosa fare, come muovermi e dove andare, senza aiuto nelle mie difficoltose operazioni di spostamento sulla faccia della terra. A cosa assomiglia questo letargo nella stanza chiusa con le persiane abbassate? Per anni le stesse carte: l Eremita, l Impiccato, la Torre, il Bagatto A una banca che non telefona, al silenzio di una donna, alla televisione accesa con qualcuno davanti, al letargo di chi aspetta la morte e non s aspetta più niente dalla vita.

13 Casale M.to, Il Boom Per un momento il vento della sera ha restituito ai palazzi la lucidità del Boom. Ci ho visto chiaro nel sistema: il Bar Lory, la gabbia dei canarini, le luci accese nei salotti buoni, abitati ancora da genitori giovani e sicuri, lasciano sul pavimento un bambino solo, con le sue biglie di vetro. Sorride nello specchio un po curioso e sa che non ripeterà l errore del genitore. Nelle risaie al chiaro della Luna aspetta una risposta al mondo che lo incula. Dio mio, che brutta fine, finire in ospedale per amore!. Eppure nella luce del mattino le risaie a specchio raccolgono insieme al riflesso del cielo e delle nubi il vuoto di un passato coi genitori buoni. Che fai lassù, con quel bambino in mano? Buttalo, buttalo, non ci pensare Un altra mamma saprà figliare!. Mi fanno una rabbia le robinie della caserma: non posso accelerare il loro verde, non posso comandargli: Più verde! Sveltitevi col verde!. Posso solo stare lì a guardare la loro stitichezza e la mia, nonostante l età giovane e i ripetuti innesti facciano sperare ancora in un miglioramento. Queste caserme basse e il rumore della campagna che assedia il paese uccidono l uccello nel suo nido, gazza, merlo o fringuello, povero anello di una catena alimentare che va dall uno all altro circolo polare. Siamo ancora noi, i rondoni, striduli nel cielo che s imbruna, liberi di flirtare con la Luna, soltanto dopo l ammainabandiera. Non troppo forte il pio pio, schivando i pioppi potenziali tra una picchiata e un pianto lungo, sui fili del telefono, nell aria buia e umida di sera.

14 Casale M.to, Quinto turno di PAO Ci guarderemo in silenzio dormire nei nostri loculi, sotto il cielo stellato, correndo veloci sulle risaie, sfiorando un ultima volta il muro della caserma, dopo il silenzio, al quinto turno di PAO. Il fucile bracciarm e un soldato vicino per fermare la Morte che avanza sotto il porticato col passo del lombrico.

15 Casale M.to, I miei genitori Tra i responsabili di questo pezzo di storia c è anche mio padre. Posso giudicarlo adesso, dall astinenza coatta della caserma, senza spargimento di sangue Con il suo lavoro ha costruito le autostrade, le fabbriche, e i palazzi del Boom. E invecchiato con loro, cercando sempre per sé di accontentarsi. Sua moglie cucinava e lavava, puliva il bambino che si sporcava, e lavorava anche lei, in silenzio, per il Boom. La loro storia è dentro una storia nazionale che gli storici chiamano senza sbagliare borghese occidentale. I dati provano - è naturale che il benessere è cresciuto, anche se loro si sono fatti annientare, fino a scomparire. Di mia madre è rimasto ben poco nel cimitero di Brunello Di mio padre resteranno le arnie in giardino, e un milione di latte in cantina per chiuderci dentro le sue ceneri.

16 Milano, A militare ho imparato il significato delle parole. Se uno ti dice: Morire, spina!, vuol dire che per te ci sono ancora tante guardie e PAO da fare dentro la caserma Se uno ti dice: Borghese!, vuol dire che la donna, il letto, l odore del paese dove sei nato riconquisterai tra poco, come un insperata libertà. La Morte resterà in caserma, tra quelli che rimangono a ricordare le facce di quelli che se ne vanno a casa. E sembrerà un ricambio troppo rapido, finché la Cittadella di Alessandria non fermerà - come in una stampa ingiallita - la giornata afosa, con il cielo fermo e le rondini bloccate sopra i muri. L orto incolto e silenzioso dentro griderà la tua vita devastata dal tempo, coi pochi frutti ormai inselvatichiti e gli attrezzi abbandonati tra le ortiche.

17 Casale M.to, Canto degli uccelli alla luce Abbiano cantato un infinità di albe in questo posto, senza ricordarlo, sopra i rami del noce e dell ippocastano, aspettando che il sole tornasse a ridarci la vita. Spesso i crepuscoli ci hanno ingannato con la loro imitazione del mattino, e molte rinascite abbiamo preso per tramonti: ma l importante era cantare. Anche se i nostri figli non capiranno i motivi di una scelta rinunciataria, continueremo a credere le nostre voci all aria, senza disperare.

18 Milano, Congedo provvisorio Sono stato bambino a Milano, nel mattino della mia vita; a Luino pescatore di persici ragazzino, nell acqua melmosa del lago Maggiore. Liceale diligente a Milano tornato nel Sessantanove, giusto un anno dopo la Rivoluzione,- tanto da non capire la lezione dei katanga e delle molotov. Turista povero in Scozia nei campi di lavoro, in Francia e in Catalogna ai tempi del dittatore Franco, senza soffrire per la mancata libertà. Studente modello all Università, consulente fantasma e mal pagato, di una casa editrice scolastica. Soldato posteggiato per un anno a Casale Monferrato, caporale canarino appena congedato: la mia storia finora non vi può interessare. Datemi del matto, se la vengo a raccontare.

19 La Ricerca delle Radici

20 Genitori I Cosa avrai mai pensato, madre, nel 35 quando comprasti alla fiera di Milano il finto caminetto dei Valtorta, che ti costò tutti i tuoi risparmi? E il nonno cosa disse, Taddi Angelo, di professione ferroviere, dopo aver speso tutto, povera orfanella deamicisiana, in un Italia ormai fascista? E cosa fu per te, quale revenge, dopo secoli di pecore e abbandono della nonna mai vista, Aspergius Santina, che visse di persona la storia paleoindustriale descritta dal suo Gramsci? Ancora quante domande e risposte senza voce, progenitori miei, per voi, per me, per queste terre? Le roride cascine dei Valera, distese sul piano umido e procace dai tempi della Spagna e della peste sepolta sotto cumuli di calce, vivono oggi una lenta corruzione, disfatte dalla pioggia e dalla neve, dal sole e dalle ombre, disertate dagli eredi inurbatisi col tempo. Le vostre rogge sono ancora gracchiate dalle rane, sporcate dal sapone nei sabati del Boom, quando il papà tornava alla terra dell infanzia, lavando l A 40 Innocenti e costringendo me, suo figlio, a far da porta acqua, come lui nel Trenta, per i braccianti della Cascinazza. Roridi campi di Lombardia, scena di lavoro da più generazioni legate al loro suolo, libere solo nella prigionia coatta della caserma, nei sabati e domeniche dei mesi Come potrei cantarvi meglio e più spedito?

21 Madre I E come potrei cantarti meglio, madre, morta nel Settantotto, covata nel ricordo laico, senza parole di speme o di abbandono? Per sempre giovane e forte ti sentirò stendere le mani sui prati di Vetan, e sollevarmi in volo, farmi girare vorticosamente sui monti valdostani, lontani nel tempo e nello spazio: un altro mondo. Il viottolo saliva dietro il mare ad Albissola, carico di fiori profumati: una cascata di serenelle, il tuo mistero sottratto via con te, per sempre, al nostro senno.

22 Padre I Un altra dimensione la tua, padre, quando rincasavi dopo il giorno di lavoro in banca: la mamma prima, per anni io dopo la sua morte a farti da mangiare. Adesso rincaso in via Canonica, e saluto il portinaio come tu un tempo, e vivo gli anni che hai vissuto tu, capofamiglia: più debole però, meno deciso, e tanto più ignorante del pratico maneggio delle cose. Il mio sogno infantile di schivarle, ruzzolato nella polvere a furia di stringere le boe, costretto a fare, decidere e disfare: quando poi sappiamo ch è tutto un bluff la vita, e un piccolo capillare che non tiene nel cervello basta a svanirla. E là il lumino spento della mamma, sul colle di Brunello Chi lo sorveglierà dopo di te, dopo di me, dal nulla dell oblio? Come non fossero mai esistiti Novara, il Duce, Taddi Angelo, la cupola pietosa di san Gaudenzio e il nostro amore, compreso nel Boom. Quando l automobilina di plastica gialla della Rinascente bastava a rendermi felice, e brillava come il neon di un lucido da scarpe sui palazzi di piazza Duomo.

23 La Bottatrice E ancora non basta a farmi realizzare l abisso melmoso della chiusa sul Naviglio nei pressi del Ticino L entità tenace che affonda il galleggiante e il pescatore che tira per riemergerla, quando il pesce del ricordo strappa giù nel profondo. Con tutte le sue forze, recupera allora il pondo desiato e si trastulla nelle ipotesi: persico, luccio o cavedano, storione, temolo o vairone No! Troppo forte lo strattone! Poi a pelo d acqua appare la sua forma, sagoma indistinta tirata fino a riva: l orrida bottatrice, amalgama di fango e putrefazioni, figura sfatta del mantrugiamento, pestata nel mortaio del passato Mostro genetico che scoraggia tutti i recuperi, che non siano d acque limpide e tranquille Solo pesci puliti: trota, temolo, salmone Sporchi i ricordi vivono male e danno vita a torbidi composti.

24 Genitori 2 Salgono leggere le farfalle sulle siepi dei rovi ai bordi del Ticino, gialle, bianche, azzurre velluto e polvere impalpabile d argento. Il posto era oltre la Pineta, sullo sperone della roccia di Saint Nicolas. La nostra caccia, padre, nel sole abbagliante di mezzogiorno, mentre la mamma cucinava nella casa d affitto del paese, vantava prede preziose: vanesse soprattutto, io e macaone, e intramontabili le cavolaie. L odore forte di naftalina, etere e insetticida sigillava per sempre quella casa, teatro di corse ciclistiche a palline e lanci debosciati di coltelli. Sotto il tuo sguardo sollecito e sicuro, dentro il nido che hai costruito per me, padre, e per gli uccelli del bosco, inchiodato su un acero, sulla strada per Vetan. Pascoli chiari e luminosi della mia infanzia, frequentati solo da mucche valdostane placide e rapidi cani da pastore, tra i volteggi di farfalle delle nevi.

25 Geode E poi nelle cave ricche di cristalli i giri innumerevoli sui monti della Svizzera italiana, intorno a Luino, per cercare l oro rovistando nelle discariche, il regno delle bisce. E per sempre, padre, ti ricorderò sospeso al sasso di Bisuschio, col sangue che ti usciva copioso dal naso per una scalpellata. Ma la geode era nostra, l avevi tolta al suo scrigno di roccia calcare: i cristalli di calcite perfetti e intatti vedevano la luce dopo un eternità di buio.

26 Versi Intanto lucono questi poveri versi, opachi cristalli di calcite, stillati dalle rocce lombarde del Triassico, che non conoscono ametiste: solo rari quarzi torbidi e piccoli granati, pesti nel mortaio della memoria senza arte di lima o di cesello. Cosa potrà mai del resto produrre un liceale sviato? Nel mondo rifiutato dei manager, dei falsi artisti in cerca d emozioni, con tanti soldi per viver da leoni, io recito la parte del coglione, anche se ho studiato a lungo come Amleto, e passeggiato a volte scuro in viso, fischiando con la testa reclinata da un lato, per essere più amato dalle donne Ma non va più di moda il tipo triste.

27 Altre poesie

28 Morte a Bollate Sento le voci che salgono nei luoghi della sofferenza, cumuli di disperazione sconosciuta e familiare, dentro gli ospedali e nelle chiese: sempre la stessa scena immobile del nulla, che spazza la vista una sera a Bollate, dalle vetrate sbarrate nella notte. Quando il corso naturale della vita si snatura nel paracadute di cemento e la morte silenziosa si confonde al lume di candela, nel dormiveglia dei presenti. E richiamarti indietro non serve, madre, come gridare contro il temporale, che ci devasta, lasciandoci nel buio.

29 Mamma Nel vuoto delle risaie a specchio ho aspettato a lungo di vedere il riflesso del tuo volto, tra i fusti verticali dei pioppi e i becchi lunghi e aguzzi degli aironi. Nell acqua che è la stessa del Terdoppio, dove il nonno pescava col quadrato limpidi pesci, eri un minuscolo vairone e la superficie cristallina poteva prevederti come la bolla delle fattucchiere. Ma l immagine stravolta si è dissolta, al soffio della brezza sottile che increspa le specchiere del cielo, per la gioia delle rane.

30 Saint Nicolas Nel piccolo cimitero di montagna sul nido alto di Saint Nicolas ho ritrovato anche la tua tomba, Tusserand Souvenir. E con questo nome erano davvero poche le possibilità di dimenticarti: nelle mattine d estate i baffi nerofumo e lo sputo sull asfalto segnavano un cammino immutabile verso il Vertosan, insieme al tuo Febis, cane lupo pastore, con te nei pascoli del cielo.

31 Milano, 16 gennaio 2004 Eucaristia Hai celebrato con me, padre, migliaia di eucaristie Senza saperlo, condividendo il tuo corpo fino al limite ultimo della morte. Non so quanto durerà la nostra comunione, ma sarai vivo ogni volta che il prete mi porgerà l ostia consacrata dal tuo amore. Così non avrò più fame. E un sorso del tuo sangue spegnerà per sempre la mia sete.

32 Febbraio 2007 A Francesca Rasmo Francesca Rasmo, io quando Passo di qui, nel cuore di Milano, in via Manin, mi piace evocare il tuo fantasma Tu sei diverso da loro - mi dicevi in un sussurro, sul marciapiede del bar Asso di Cuori -. Tu sei normale. E non sapevo se esserne felice, oppure se quello fosse il motivo vero del mio conflitto irrisolto, tra una vita borghese e l altra artisticamente incompiuta.

33 A Rossana Mi piacerebbe avere nel cassetto altre poesie che parlano di te, del nostro amore, del mio dolore. E delle infinite discussioni per definire i confini comuni del nostro futuro. Aprendo il cuore a una ricerca senza vinti e senza vincitori, fino alla fine della nostra vita: una ricerca che continuerà in quella dei nostri due bambini e unirà per sempre i nostri destini.

34 Milano 13 luglio 2007 Il vero Calicanthus Il vero Calicanthus, non quello profumato, che impropriamente chiamano così, è cresciuto a dismisura dopo la tua scomparsa, padre, trapiantato qui dalla pianura di Gudo Gambaredo, con i suoi fiori rosso scuro di sangue rappreso. Oggi non ho più il coraggio di entrare nel terreno che per anni hai coltivato a Caidate, la tua terra per sempre: Caidate e poi più niente dicevi Per paura forse di sovrapporre, calpestandole, i miei passi alle tue impronte cancellate dal mutare delle stagioni: non voglio profanare il tuo lavoro, traccia ancora visibile che si perderà, con la cessione della proprietà. Cordone ombelicale da tagliare perché il legame con la tua tomba s interrompa finalmente, e io possa guardare con gli occhi del cuore solo alla famiglia cara dei viventi.

35 E ancora proseguiamo E ancora proseguiamo tra i piccioni spiaccicati sull asfalto, in queste vie bollenti d agosto nella città deserta. E crediamo di trovare il senso della vita in una mostra d arte, o nell esse emme esse appena cancellato

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario MACARIOPOLI O POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario La Terra sembra essere divisa in due parti Una di queste

Dettagli

LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac. A cura della classe 4^F a.s. 2013-14

LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac. A cura della classe 4^F a.s. 2013-14 LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac A cura della classe 4^F a.s. 2013-14 Riscaldamento motorio/ teatrale - Siamo allo zoo: immaginiamo di vedere al

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Vasco Rossi Buoni o Cattivi

Vasco Rossi Buoni o Cattivi Vasco Rossi Buoni o Cattivi si può spegnere ogni tanto il pensiero smettere almeno di crederci per davvero e non essere più schiavi per lo meno di un'idea come di un'altra, di un mistero sembra che non

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA?

CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA? CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA? Mi fa pensare all'oscurità, perchè l'ombra è oscura, nera e paurosa. Penso ad un bambino che non ha paura della sua ombra perchè è la sua. Mi fa venire in

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA La voce della luna Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA Poesie Con questo libro ci sarebbero tanti da ringraziare, ma mi limito solo a ringraziare tutti coloro che mi vogliono bene, e un ringraziamento speciale

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me.

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me. BEATO L UOMO Beato l'uomo che retto procede e non entra a consiglio con gli empi e non va per la via dei peccatori, nel convegno dei tristi non siede. Nella legge del Signore ha risposto la sua gioia;

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Al mare. Al mare. Al mare

Al mare. Al mare. Al mare domani al mare andrò e tanti bagni io farò Poi la crema spalmerò così la pelle non brucerò e se il sole brucia un po' sotto l'ombrellone io starò Ludovica Belmonte 3^C Oggi ho deciso di viaggiare e andare

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI.

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SITUAZIONE: L insegnante invita i bambini a rispondere ad alcune domande relative all ombra. Dopo aver raccolto le prime

Dettagli

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Lettere in classe. Percorsi didattici del TFA di area letteraria della Sapienza, a cura di Paola

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

José Ramón Trujillo. di andare fino alla porta e di aprirla; e spalancare la bocca e bersi quest alba), si alzano all orizzonte clarini di fiamma.

José Ramón Trujillo. di andare fino alla porta e di aprirla; e spalancare la bocca e bersi quest alba), si alzano all orizzonte clarini di fiamma. Terra di nessuno * José Ramón Trujillo Mentre l ombra è ancora, oltre i muri di pietra, un immenso desiderio d esser vivo (un immenso desiderio di mettersia camminare tentoni per la casa; di andare fino

Dettagli