PROSPETTO INFORMATIVO HERA S.P.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROSPETTO INFORMATIVO HERA S.P.A."

Transcript

1 PROSPETTO INFORMATIVO relativo all'offerta in opzione e all'ammissione a quotazione sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. di massime n azioni ordinarie di HERA S.P.A. Prospetto Informativo depositato presso la Consob in data 25 ottobre 2013, a seguito di comunicazione dell'autorizzazione alla pubblicazione con nota del 23 ottobre 2013, protocollo n /13. L adempimento di pubblicazione del Prospetto non comporta alcun giudizio della Consob sull opportunità dell investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi. Il Prospetto Informativo è disponibile presso la sede legale dell'emittente, in Bologna, Via Carlo Berti Pichat n. 2/4, nonché sul sito internet dell'emittente L Offerta in Opzione è rivolta indistintamente e a parità di condizioni a tutti gli azionisti dell Emittente. L Offerta in Opzione è promossa esclusivamente sul territorio italiano e non è promossa direttamente o indirettamente negli Stati Uniti d America, Canada, Australia e Giappone ed altri Paesi in cui tale tipologia di sollecitazione è vietata o soggetta a particolari vincoli normativi. 1

2 [PAGINA VOLUTAMENTE LASCIATA IN BIANCO] 2

3 I diritti di opzione emessi nell ambito dell Aumento di Capitale spettano agli azionisti dell Emittente e il livello di informativa del Prospetto Informativo, redatto secondo gli schemi di cui agli allegati XXIII e XXIV del Regolamento n. 809/2004/CE, è adeguato a tale tipo di emissione. Si precisa che il Prezzo di Offerta e il numero definitivo delle Azioni da emettere nonché qualsiasi altra informazione determinabile sulla base di tali dati sono stati definiti dopo l approvazione del Prospetto Informativo e, anche se depositati in unico contesto documentale, restano distinti dal testo del Prospetto Informativo approvato e sono per tale ragione resi noti in corsivo. Tali informazioni, determinate e depositate ai sensi dell articolo 95-bis, comma 1, del TUF, non hanno costituito oggetto di approvazione da parti della Consob. 3

4 INDICE DEFINIZIONI... 8 GLOSSARIO NOTA DI SINTESI SEZIONE I, CAPITOLO I - PERSONE RESPONSABILI RESPONSABILI DEL PROSPETTO DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ SEZIONE I, CAPITOLO II - REVISORI LEGALI DEI CONTI REVISORI LEGALI DEI CONTI DELL'EMITTENTE INFORMAZIONE SUI RAPPORTI CON I REVISORI SEZIONE I, CAPITOLO III - FATTORI DI RISCHIO FATTORI DI RISCHIO RELATIVI ALL'EMITTENTE E AL GRUPPO AD ESSO FACENTE CAPO FATTORI DI RISCHIO RELATIVI AL SETTORE IN CUI L'EMITTENTE OPERA FATTORI DI RISCHIO RELATIVI ALL'OFFERTA IN OPZIONE E AGLI STRUMENTI FINANZIARI OGGETTO DELL'OFFERTA SEZIONE I, CAPITOLO IV - INFORMAZIONI SULL EMITTENTE DENOMINAZIONE LEGALE E COMMERCIALE DELL'EMITTENTE INVESTIMENTI SEZIONE I, CAPITOLO V - PANORAMICA DELLE ATTIVITÀ PRINCIPALI ATTIVITÀ PRINCIPALI MERCATI FATTORI ECCEZIONALI DIPENDENZA DA BREVETTI O LICENZE, DA CONTRATTI INDUSTRIALI, COMMERCIALI O FINANZIARI, O DA NUOVI PROCEDIMENTI DI FABBRICAZIONE POSIZIONAMENTO COMPETITIVO SEZIONE I, CAPITOLO VI - STRUTTURA ORGANIZZATIVA DESCRIZIONE DEL GRUPPO A CUI APPARTIENE L EMITTENTE DESCRIZIONE DELLE SOCIETÀ DEL GRUPPO SEZIONE I, CAPITOLO VII - INFORMAZIONI SULLE TENDENZE PREVISTE TENDENZE SIGNIFICATIVE NELL ANDAMENTO DELLA PRODUZIONE, DELLE VENDITE E DELLE SCORTE E NELL EVOLUZIONE DE COSTI E DEI PREZZI DI VENDITA TENDENZE, INCERTEZZE, RICHIESTE, IMPEGNI O FATTI NOTI CHE POTREBBERO RAGIONEVOLMENTE AVERE RIPERCUSSIONI SIGNIFICATIVE SULLE PROSPETTIVE DELL EMITTENTE ALMENO PER L ESERCIZIO IN CORSO SEZIONE I, CAPITOLO VIII - PREVISIONI E STIME DEGLI UTILI DATI PREVISIONALI RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE SUI DATI PREVISIONALI SEZIONE I, CAPITOLO IX - ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE O DI VIGILANZA E ALTI DIRIGENTI ORGANI SOCIALI E PRINCIPALI DIRIGENTI

5 9.2 CONFLITTI DI INTERESSI DEGLI ORGANI DI AMMINISTRAZIONE, DI DIREZIONE E DI VIGILANZA E DEGLI ALTI DIRIGENTI SEZIONE I, CAPITOLO X - REMUNERAZIONE E BENEFICI SEZIONE I, CAPITOLO XI - PRASSI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SEZIONE I, CAPITOLO XII - DIPENDENTI PARTECIPAZIONI AZIONARIE E STOCK OPTION DESCRIZIONE DI EVENTUALI ACCORDI DI PARTECIPAZIONE DEI DIPENDENTI AL CAPITALE DELL EMITTENTE SEZIONE I, CAPITOLO XIII - PRINCIPALI AZIONISTI I PRINCIPALI AZIONISTI PARTICOLARI DIRITTI DI VOTO DI CUI SONO TITOLARI I PRINCIPALI AZIONISTI SOGGETTO CHE ESERCITA IL CONTROLLO SULL EMITTENTE ACCORDI CHE POSSONO DETERMINARE UNA VARIAZIONE DELL ASSETTO DI CONTROLLO DELLA SOCIETÀ SUCCESSIVAMENTE ALLA PUBBLICAZIONE DEL PROSPETTO INFORMATIVO SEZIONE I, CAPITOLO XIV - OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE RAPPORTI CON PARTI CORRELATE CON RIFERIMENTO AL GRUPPO RAPPORTI DELL EMITTENTE CON LE SOCIETÀ DEL GRUPPO SEZIONE I, CAPITOLO XV - INFORMAZIONI FINANZIARIE RIGUARDANTI LE ATTIVITÀ E LE PASSIVITÀ, LA SITUAZIONE FINANZIARIA E I PROFITTI E LE PERDITE DELL EMITTENTE INFORMAZIONI FINANZIARIE RELATIVE AGLI ESERCIZI PASSATI DATI ECONOMICI E FINANZIARI PRO-FORMA DELL EMITTENTE BILANCI REVISIONE DELLE INFORMAZIONI FINANZIARIE ANNUALI RELATIVE AGLI ESERCIZI PASSATI DATA DELLE ULTIME INFORMAZIONI FINANZIARIE INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI E ALTRE INFORMAZIONI FINANZIARIE POLITICA DEI DIVIDENDI PROCEDIMENTI GIUDIZIARI E ARBITRALI CAMBIAMENTI SIGNIFICATIVI NELLA SITUAZIONE FINANZIARIA O COMMERCIALE DELL EMITTENTE SEZIONE I, CAPITOLO XVI - INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI CAPITALE AZIONARIO SEZIONE I, CAPITOLO XVII - CONTRATTI IMPORTANTI OPERAZIONI STRAORDINARIE CONTRATTI FINANZIARI SEZIONE I, CAPITOLO XVIII - INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI, PARERI DI ESPERTI E DICHIARAZIONI DI INTERESSI RELAZIONI DI ESPERTI INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI SEZIONE I, CAPITOLO XIX - DOCUMENTI ACCESSIBILI AL PUBBLICO SEZIONE II, CAPITOLO I - PERSONE RESPONSABILI

6 1.1 PERSONE RESPONSABILI DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ SEZIONE II, CAPITOLO II - FATTORI DI RISCHIO SEZIONE II, CAPITOLO III - INFORMAZIONI FONDAMENTALI DICHIARAZIONE RELATIVA AL CAPITALE CIRCOLANTE FONDI PROPRI E INDEBITAMENTO INTERESSI DI PERSONE FISICHE E GIURIDICHE PARTECIPANTI ALL'EMISSIONE/ALL'OFFERTA RAGIONI DELL'OFFERTA E IMPIEGO DEI PROVENTI SEZIONE II, CAPITOLO IV - INFORMAZIONI RIGUARDANTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DA OFFRIRE / DA AMMETTERE ALLA NEGOZIAZIONE DESCRIZIONE DELLE AZIONI LEGISLAZIONE IN BASE ALLA QUALE GLI STRUMENTI FINANZIARI SONO STATI CREATI CARATTERISTICHE DELLE AZIONI VALUTA DI EMISSIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DESCRIZIONE DEI DIRITTI CONNESSI ALLE AZIONI E PROCEDURA PER IL LORO ESERCIZIO DELIBERE E AUTORIZZAZIONI IN VIRTÙ DELLE QUALI LE AZIONI SONO STATE EMESSE DATA DI EMISSIONE DELLE AZIONI LIMITAZIONI ALLA LIBERA TRASFERIBILITÀ DELLE AZIONI INDICAZIONE DELL'ESISTENZA DI EVENTUALI NORME IN MATERIA DI OBBLIGO DI OFFERTA AL PUBBLICO DI ACQUISTO E/O DI OFFERTA DI ACQUISTO E DI VENDITA RESIDUALI IN RELAZIONE AGLI STRUMENTI FINANZIARI INDICAZIONE DELLE OFFERTE PUBBLICHE DI ACQUISTO EFFETTUATE DA TERZI SULLE AZIONI DELL'EMITTENTE NEL CORSO DELL'ULTIMO ESERCIZIO E DELL ESERCIZIO IN CORSO REGIME FISCALE SEZIONE II, CAPITOLO V - CONDIZIONI DELL OFFERTA CONDIZIONI, STATISTICHE RELATIVE ALL'OFFERTA, CALENDARIO PREVISTO E MODALITÀ DI SOTTOSCRIZIONE DELL OFFERTA PIANO DI RIPARTIZIONE E DI ASSEGNAZIONE FISSAZIONE DEL PREZZO COLLOCAMENTO E SOTTOSCRIZIONE SEZIONE II, CAPITOLO VI - AMMISSIONE ALLA NEGOZIAZIONE E MODALITÀ DI NEGOZIAZIONE DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI ALTRI MERCATI REGOLAMENTATI COLLOCAMENTO PRIVATO CONTESTUALE ALL OFFERTA INTERMEDIARI NELLE OPERAZIONI SUL MERCATO SECONDARIO STABILIZZAZIONE SEZIONE II, CAPITOLO VII - ACCORDI DI LOCK-UP ACCORDI DI LOCK-UP SEZIONE II, CAPITOLO VIII - SPESE LEGATE ALL EMISSIONE / ALL OFFERTA

7 8.1 PROVENTI NETTI TOTALI E UNA STIMA DELLE SPESE TOTALI LEGATE ALL EMISSIONE/ALL OFFERTA SEZIONE II, CAPITOLO IX - DILUIZIONE SEZIONE II, CAPITOLO X - INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI SOGGETTI CHE PARTECIPANO ALL OFFERTA ALTRE INFORMAZIONI SOTTOPOSTE A REVISIONE PARERI O RELAZIONI DEGLI ESPERTI INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI ALLEGATI ALLEGATO 1: ALLEGATO 2: ALLEGATO 3: RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE AL BILANCIO DI ESERCIZIO HERA AL 31 DICEMBRE RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE AL BILANCIO CONSOLIDATO HERA AL 31 DICEMBRE RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE LIMITATA AL BILANCIO SEMESTRALE CONSOLIDATO ABBREVIATO HERA AL 30 GIUGNO

8 Definizioni DEFINIZIONI Si riporta di seguito un elenco delle principali definizioni e dei termini utilizzati all interno del Prospetto Informativo. Tali definizioni e termini, salvo ove diversamente specificato, hanno il significato di seguito indicato. I termini definiti al singolare si intendono anche al plurale, e viceversa, ove il contesto lo richieda. Accordo di Investimento L accordo sottoscritto in data 3 settembre 2012 tra Hera e FSI, come modificato in data 5 luglio AcegasAPS Acegas-APS S.p.A., con sede legale in Trieste, Via del Teatro n. 5. Aumento di Capitale Azioni azioni ordinarie Hera L'aumento di capitale sociale dell Emittente a pagamento, in forma scindibile, deliberato in data 28 agosto 2013 e in data 24 ottobre 2013 dal Consiglio di Amministrazione, in esecuzione della delega conferita dell'assemblea Straordinaria dell'emittente in data 15 ottobre 2012, ai sensi dell articolo 2443 del codice civile, per un controvalore complessivo, comprensivo di sovrapprezzo, di massimi Euro ,75, mediante l emissione di massime n azioni ordinarie Hera, da offrire in opzione agli aventi diritto, ad un prezzo di emissione di Euro 1,25 per Azione. Le massime n azioni ordinarie Hera, del valore nominale di Euro 1,00, con godimento regolare ed aventi le stesse caratteristiche delle azioni ordinarie Hera già in circolazione, emesse in esecuzione dell Aumento di Capitale ed oggetto dell Offerta. Le azioni ordinarie Hera con valore nominale pari ad Euro 1,00 ciascuna, quotate sul MTA. Borsa Italiana Borsa Italiana S.p.A., con sede legale in Milano, Piazza degli Affari n. 6. Codice di Autodisciplina Collegio Sindacale Consiglio di Amministrazione Consob Data del Prospetto Informativo Il Codice di Autodisciplina delle società quotate approvato nel mese di dicembre 2011 dal Comitato per la Corporate Governance e promosso da Borsa Italiana. Il collegio sindacale dell Emittente. Il consiglio di amministrazione dell Emittente. La Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, con sede in Roma, Via G.B. Martini n. 3. La data di deposito presso Consob del Prospetto Informativo. Direttiva 2003/71/CE La Direttiva 2003/71/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 4 novembre 2003, relativa al prospetto da pubblicare per l offerta pubblica o l ammissione alla negoziazione di strumenti finanziari, come modificata dalla Direttiva 2010/73/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 24 novembre Diritti di Opzione I diritti di opzione che danno diritto alla sottoscrizione di n. 1 Azione ogni n. 17 azioni ordinarie Hera ed aventi il codice ISIN IT

9 Definizioni EBIT o utile operativo EBITDA o Margine operativo lordo L EBIT è uno degli indicatori economici utilizzati dall Emittente per monitorare l andamento economico del Gruppo Hera e non è identificato come misura contabile nell ambito dei principi contabili IFRS e, pertanto, non deve essere considerato una misura alternativa a quella fornita dagli schemi di bilancio dell Emittente per la valutazione dell andamento economico del Gruppo Hera. Poiché tale informazione finanziaria non è una misura la cui determinazione è regolamentata dai principi contabili di riferimento per la predisposizione del bilancio consolidato dell Emittente, il criterio applicato per la relativa determinazione potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altri gruppi e pertanto tale dato potrebbe non essere comparabile con quello eventualmente presentato da tali gruppi. L utile netto, rettificato delle imposte, degli altri ricavi non operativi non ricorrenti, dei proventi e oneri finanziari, della quota di utili di imprese collegate nonché degli ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni. L EBITDA o Margine operativo lordo è uno degli indicatori economici utilizzati dall Emittente per monitorare l andamento economico del Gruppo Hera e non è identificato come misura contabile nell ambito dei principi contabili IFRS e pertanto non deve essere considerato una misura alternativa a quella fornita dagli schemi di bilancio dell Emittente per la valutazione dell andamento economico del Gruppo Hera. Poiché tale informazione finanziaria non è una misura la cui determinazione è regolamentata dai principi contabili di riferimento per la predisposizione del bilancio consolidato dell Emittente, il criterio applicato per la relativa determinazione potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altri gruppi e pertanto tale dato potrebbe non essere comparabile con quello eventualmente presentato da tali gruppi. Emittente, Hera o la Società Hera S.p.A., con sede legale in Bologna, Viale Carlo Berti Pichat n. 2/4. ESMA FSI Fusione Gruppo Hera o Gruppo IFRS o Principi Contabili Internazionali Intermediari Autorizzati Istruzioni di Borsa European Securities and Markets Authority. Fondo Strategico Italiano S.p.A., con sede legale in Milano, Corso Magenta n. 71. FSI è indirettamente controllato dal Ministero dell Economia e delle Finanze per il tramite di Cassa Depositi e Prestiti S.p.A.. La fusione per incorporazione di Acegas-Aps Holding S.r.l. in Hera divenuta efficace in data 1 gennaio Hera e le società dalla stessa direttamente o indirettamente controllate ai sensi dell articolo 93 del TUF alla Data del Prospetto Informativo. Tutti gli International Financial Reporting Standards che comprendono tutti gli International Accounting Standards (IAS), tutti gli International Financial Reporting Standards (IFRS) e tutte le interpretazioni dell International Financial Reporting Interpretations Committee (IFRIC), precedentemente denominato Standing Interpretations Committee (SIC), adottati dall Unione Europea. Gli intermediari autorizzati aderenti al sistema di gestione accentrata di Monte Titoli. Le istruzioni al Regolamento di Borsa vigenti alla Data del Prospetto Informativo. 9

10 Definizioni Mercato Telematico Azionario o MTA Il Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana. Monte Titoli Monte Titoli S.p.A., con sede legale in Milano, Piazza degli Affari n. 6. Offerta in Opzione o Offerta Offerta in Borsa OPASc L offerta in opzione delle Azioni. Il periodo durante il quale verrà svolta l offerta in asta dei Diritti di Opzione rimasti inoptati all esito dell Offerta in Opzione ai sensi dell articolo 2441, comma 3, del codice civile. L offerta pubblica obbligatoria totalitaria di acquisto e scambio che è stata promossa, a seguito della efficacia della Fusione, da Hera in data 2 gennaio 2013 sulla totalità delle azioni AcegasAPS ai sensi dell articolo 106, commi 1 e 2-bis del TUF. Patto Hera L accordo di natura parasociale, stipulato in data 21 dicembre 2011, rilevante ai sensi dell articolo 122 del Testo Unico avente ad oggetto le modalità di esercizio del diritto di voto nonché del trasferimento delle partecipazioni azionarie detenute in Hera dagli aderenti, in vigore, alla Data del Prospetto Informativo tra n. 124 azionisti pubblici. Periodo di Offerta Il periodo di adesione all Offerta in Opzione, compreso tra il 28 ottobre 2013 e il 19 novembre Posizione finanziaria netta Indebitamento finanziario netto del Gruppo Hera, determinato conformemente a quanto previsto dal paragrafo 127 delle raccomandazioni contenute nel documento predisposto dall ESMA, n. 81 del 2011, implementative del Regolamento (CE) 809/2004 e con l inclusione dei crediti finanziari non correnti. Prezzo di Offerta Prospetto Informativo Il prezzo unitario a cui ciascuna Azione è offerta in opzione agli azionisti dell Emittente, pari ad Euro 1,25, determinato dal Consiglio di Amministrazione dell Emittente in data 24 ottobre Il presente Prospetto Informativo. Regolamento (CE) 809/2004 Il regolamento (CE) n. 809/2004 della Commissione del 29 aprile 2004, recante modalità di esecuzione della Direttiva 2003/71/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio per quanto riguarda le informazioni contenute nei prospetti, il modello dei prospetti, l inclusione delle informazioni mediante riferimento, la pubblicazione dei prospetti e la diffusione di messaggi pubblicitari, come modificato dal Regolamento Delegato (UE) n. 486/2012 della Commissione del 30 marzo 2012 e dal Regolamento Delegato (UE) n. 862/2012 della Commissione del 4 giugno Regolamento di Borsa Il regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana, deliberato dall assemblea di Borsa Italiana nella seduta del 29 aprile 2005, approvato da Consob con delibera n del 5 luglio 2005, come successivamente modificato ed integrato e in vigore alla Data del Prospetto Informativo. Regolamento Emittenti Il regolamento approvato con delibera Consob n del 14 maggio 1999, come successivamente modificato ed integrato e in vigore alla Data del Prospetto Informativo. 10

11 Definizioni ROI Società di Revisione Statuto Sociale o Statuto Testo Unico o TUF Return on Invested Capital determinato come rapporto tra l EBIT e il capitale investito netto. Il ROI è uno degli indicatori economici utilizzati dall Emittente per monitorare l andamento economico del Gruppo Hera e non è identificato come misura contabile nell ambito dei principi contabili IFRS e, pertanto, non deve essere considerato una misura alternativa a quella fornita dagli schemi di bilancio dell Emittente per la valutazione dell andamento economico del Gruppo Hera. Poiché tale informazione finanziaria non è una misura la cui determinazione è regolamentata dai principi contabili di riferimento per la predisposizione del bilancio consolidato dell Emittente, il criterio applicato per la relativa determinazione potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altri gruppi e pertanto tale dato potrebbe non essere comparabile con quello eventualmente presentato da tali gruppi. PricewaterhouseCoopers S.p.A., con sede legale in Milano, Via Monte Rosa n. 91. Lo statuto sociale di Hera vigente alla Data del Prospetto Informativo. Il D. Lgs. del 24 febbraio 1998, n. 58 come successivamente modificato ed integrato e in vigore alla Data del Prospetto Informativo. Tuir Il D.P.R. del 22 dicembre 1986, n

12 Glossario GLOSSARIO Si riporta di seguito un elenco dei principali termini tecnici utilizzati all interno del Prospetto Informativo. Tali termini, salvo ove diversamente specificato, hanno il significato di seguito indicato. I termini definiti al singolare si intendono anche al plurale, e viceversa, ove il contesto lo richieda. AEEG L'autorità per l'energia Elettrica ed il Gas, istituita con L. 14 novembre 1995, n ATEM ATERSIR ATO Autorità d'ambito certificati grigi ciclo combinato cogenerazione concessione dispacciamento fonti rinnovabili gas naturale GWh GWht Ambiti Territoriali Minimi. Agenzia Territoriale dell Emilia Romagna per i Servizi Idrici e Rifiuti, istituita dalla Regione Emilia Romagna con L.R. 23/2011, successivamente alla cessazione delle ATO (L. 199/2009 confermata con D.L. 216/2011). Acronimo di Ambito Territoriale Ottimale che rappresenta una ripartizione geografica-amministrativa del territorio funzionale alla gestione del servizio idrico integrato e del servizio integrato rifiuti. L Autorità d Ambito è una struttura dotata di personalità giuridica costituita in ciascun ATO delimitato dalla competente Regione, alla quale gli enti locali partecipano obbligatoriamente ed alla quale è trasferito l esercizio delle loro competenze in materia di gestione dei rifiuti ed alla gestione del servizio idrico integrato nel territorio di competenza. I certificati, rilasciati dal Gestore del mercato elettrico alle imprese, che attribuiscono ai loro possessori un diritto di emissione di determinati quantitativi di anidride carbonica nell'atmosfera. I certificati possono essere scambiati sulla Borsa dei fumi. La tecnologia utilizzata in impianti di produzione di energia elettrica comprendente uno o più gruppi generatori turbogas i cui gas di scarico alimentano con il loro calore residuo una caldaia, che può eventualmente essere alimentata con un combustibile supplementare; il vapore prodotto dalla caldaia è utilizzato per il funzionamento di una turbina a vapore, accoppiata ad un generatore. Produzione simultanea di energia elettrica e di energia termica o meccanica. Provvedimento amministrativo con il quale un amministrazione affida a terzi la gestione di servizi pubblici. L'attività diretta ad impartire disposizioni per l'utilizzazione e l'esercizio coordinati degli impianti di produzione, della rete di trasmissione e dei servizi ausiliari. Ai sensi dell articolo 2 del Decreto Fonti energie rinnovabili, le fonti energetiche rinnovabili non fossili (eolica, solare, geotermica, del moto ondoso, mare motrice, idraulica, biomasse, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas). Gas costituito principalmente da metano (dall 88% al 98%) e per il resto da idrocarburi quali etano, propano, butano, ecc. Milioni di KWh. Milioni di chilowattora termici (kwht). 12

13 Glossario kv Chilovolt unità di misura pari a 1000 volt di tensione elettrica. kwh L unità di misura che esprime la quantità di energia elettrica pari a Watt richiesta o fornita in un ora. MVA MW MWe MWh società "in house" teleriscaldamento Megavolt-ampere. Unità di misura della potenza elettrica apparente. Megawatt. Unità di misura della potenza pari a KW. Megawatt elettrici. Unità di misura pari a kwh. Società a capitale interamente pubblico, che realizza la parte più importante della propria attività con l ente o gli enti pubblici che la controllano, sulla quale tale o tali enti esercitano un controllo analogo a quello esercitato sui propri servizi. Trasmissione a distanza del calore per mezzo di acqua circolante in due tubazioni, una di mandata con acqua calda e una di ritorno con acqua più fredda. 13

14 Nota di Sintesi NOTA DI SINTESI I termini riportati con lettera maiuscola, ove non espressamente definiti nella presente nota di sintesi (la Nota di Sintesi ), sono definiti nell apposita Sezione Definizioni e Glossario del Prospetto Informativo. La presente Nota di Sintesi, redatta ai sensi del Regolamento Delegato (UE) n. 486/2012 della Commissione del 30 marzo 2012 che modifica il regolamento (CE) n. 809/2004 per quanto riguarda il formato e il contenuto del prospetto, del prospetto di base, della nota di sintesi e delle condizioni definitive nonché per quanto riguarda gli obblighi di informativa, contiene le informazioni chiave relative all Emittente, al Gruppo e al settore di attività in cui gli stessi operano, nonché quelle relative alle Azioni oggetto dell Offerta. Le note di sintesi riportano gli elementi informativi richiesti dagli schemi applicabili (gli Elementi ) indicati nelle Sezioni da A a E (A.1 E.7). La Nota di Sintesi contiene tutti gli Elementi richiesti dagli schemi applicabili in relazione alle caratteristiche degli strumenti finanziari offerti e dell Emittente. Poiché non è richiesta l indicazione nella Nota di Sintesi di Elementi relativi a schemi non utilizzati per la redazione del Prospetto Informativo, potrebbero esservi intervalli nella sequenza numerica degli Elementi. Qualora l indicazione di un determinato Elemento sia richiesta dagli schemi applicabili in relazione alle caratteristiche degli strumenti finanziari offerti e dell Emittente, e non vi siano informazioni rilevanti al riguardo, la Nota di Sintesi contiene una sintetica descrizione dell Elemento astratto richiesto dagli schemi applicabili, con l indicazione non applicabile. SEZIONE A- INTRODUZIONE E AVVERTENZE A.1 Avvertenza Si avverte espressamente che: La Nota di Sintesi va letta come un introduzione al Prospetto Informativo; qualsiasi decisione di investire negli strumenti finanziari dovrebbe basarsi sull esame da parte dell investitore del Prospetto Informativo completo; qualora sia presentato un ricorso dinanzi all autorità giudiziaria in merito alle informazioni contenute nel Prospetto Informativo, l investitore ricorrente potrebbe essere tenuto, a norma del diritto nazionale degli Stati membri, a sostenere le spese di traduzione del prospetto prima dell inizio del procedimento, e la responsabilità civile incombe solo alle persone che hanno presentato la Nota di Sintesi, ed eventualmente la sua traduzione, soltanto qualora la Nota di Sintesi risulti fuorviante, imprecisa o incoerente se letta insieme con le altre parti del Prospetto Informativo o non offra, se letta insieme con le altre parti del Prospetto Informativo, le informazioni fondamentali per aiutare gli investitori al momento di valutare l opportunità di investire nelle Azioni oggetto dell Offerta A.2 L Emittente non presta il suo consenso all utilizzo del presente Prospetto Informativo da parte di intermediari finanziari terzi per la successiva rivendita oppure per il collocamento finale delle Azioni. SEZIONE B EMITTENTE ED EVENTUALI GARANTI B.1 Denominazione legale e commerciale dell Emittente La Società è denominata Hera S.p.A., ed è costituita in forma di società per azioni B.2 Domicilio e forma giuridica dell Emittente, legislazione in base alla quale opera l Emittente e suo paese di costituzione 14

15 Nota di Sintesi L Emittente è una società per azioni ed è stata costituita con la denominazione sociale di Seabo S.p.A. in data 10 marzo 1995 la quale, a seguito dell operazione di fusione/scissione di undici aziende di servizi pubblici locali operanti nel territorio dell Emilia Romagna, in data 1 novembre 2002 ha assunto l attuale denominazione sociale di Hera S.p.A.. Hera ha sede legale in Bologna, Via Carlo Berti Pichat n. 2/4, iscritta nel Registro delle Imprese di Bologna al n e nel Repertorio Economico Amministrativo al n. BO B.3 Descrizione della natura delle operazioni correnti dell Emittente e delle sue principali attività, e relativi fattori chiave, con indicazione delle principali categorie di prodotti venduti e/o di servizi prestati e identificazione dei principali mercati in cui l Emittente compete Principali attività dell Emittente e del Gruppo Il Gruppo Hera opera, principalmente, nella gestione e distribuzione delle risorse idriche, dell energia elettrica e del gas, nella raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti, nella vendita di energia e nell erogazione dei principali servizi municipali: da quelli funerari all illuminazione pubblica, dalle reti per telecomunicazioni al teleriscaldamento. Alla Data del Prospetto Informativo, il Gruppo Hera ha una presenza capillare in circa 200 Comuni della Regione Emilia-Romagna, appartenenti alle Province di Modena, Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini in un territorio di circa 2,5 milioni di abitanti. Inoltre, tramite la società controllata Marche Multiservizi S.p.A., Hera è presente nei Comuni della Provincia di Pesaro-Urbino. Infine, a far data dal 1 gennaio 2013, a seguito della efficacia della Fusione, il Gruppo Hera è presente anche a Trieste, Padova, Gorizia, in Serbia e nella regione bulgara di Zapad (Ovest della Bulgaria). Il Gruppo Hera opera, principalmente, nella gestione e distribuzione delle risorse idriche, dell energia elettrica e del gas, nella raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti, nella vendita di energia e nell erogazione dei principali servizi municipali: da quelli funerari all illuminazione pubblica, dalle reti per telecomunicazioni al teleriscaldamento. Principali mercati Il Gruppo Hera è presente ed attivo nei seguenti mercati: - Mercato della distribuzione del gas; - Mercato della vendita del gas; - Mercato della produzione di energia elettrica; - Mercato della distribuzione di energia elettrica; - Mercato della vendita di energia elettrica; - Mercato del ciclo idrico integrato; - Mercato dell igiene urbana; - Mercato del trattamento e smaltimento dei rifiuti; e - Altri mercati, quali il mercato delle telecomunicazioni, il mercato della gestione dell illuminazione pubblica, mercato del teleriscaldamento. B.4a Descrizione delle principali tendenze recenti riguardanti l Emittente e i settori in cui opera Salvo quanto indicato nel Prospetto Informativo, incluso il bilancio semestrale consolidato abbreviato del Gruppo Hera al 30 giugno 2013 incorporato mediante riferimento nel presente Prospetto Informativo, dalla data di chiusura dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2012 alla Data del Prospetto Informativo, non si sono manifestate tendenze particolarmente significative nell andamento della produzione, delle vendite e delle scorte ovvero nell evoluzione dei costi e dei prezzi di vendita, in grado di condizionare, in positivo o in negativo, l attività dell Emittente. B.5 Descrizione del Gruppo e della posizione che l Emittente occupa 15

16 Nota di Sintesi I diagrammi che seguono riportano la rappresentazione sintetica delle società controllate e partecipate dall Emittente alla Data del Prospetto Informativo. B.6 Azionisti che, direttamente o indirettamente, detengono partecipazioni superiori al 2% del capitale sociale dell Emittente, diritti di voto diversi in capo ai principali azionisti dell Emittente, 16

17 Nota di Sintesi indicazione del soggetto controllante ai sensi dell articolo 93 del TUF La seguente tabella indica i soggetti che, alla Data del Prospetto Informativo, secondo le comunicazioni ufficiali ricevute, detengono, direttamente o indirettamente, azioni ordinarie Hera con diritto di voto, in misura pari o superiore al 2% del capitale sociale dell'emittente. Dichiarante ovvero soggetto posto al vertice della catena partecipativa Azionista diretto Numero azioni % del capitale sociale Comune di Bologna Comune di Bologna ,3521% Comune di Modena tramite Holding Strategie e Sviluppo dei Territori Modenesi S.p.A ,3960% Comune di Imola ,3749% di cui direttamente ,0053% tramite CON.A.M.I. Azienda Multiservizi Intercomunale ,3696% Comune di Ravenna ,4693% di cui direttamente ,0001% tramite Ravenna Holding S.p.A ,4692% Comune di Trieste Comune di Trieste ,3492% Comune di Padova Comune di Padova ,3279% Comune di Ferrara ,2756% di cui direttamente ,4709% tramite Holding Ferrara Servizi S.r.l ,8047% Carimonte Holding S.p.A. Carimonte Holding S.p.A ,0032% Lazard Asset Management LLC Lazard Asset Management LLC quale gestore discrezionale del risparmio % Alla Data del Prospetto Informativo, l Emittente ha emesso soltanto azioni ordinarie. I principali azionisti dell'emittente non dispongono di diritti di voto diversi da quelli attribuiti dalle azioni ordinarie di cui sono titolari. Alla Data del Prospetto Informativo nessun soggetto esercita il controllo su Hera ai sensi dell articolo 93 del Testo Unico. Si segnala che, alla Data del Prospetto Informativo, risultano in essere accordi di natura parasociale aventi ad oggetto azioni ordinarie Hera, rilevanti ai sensi dell articolo 122 del TUF. I diritti dei possessori delle azioni ordinarie Hera sono riportati agli articoli 6 (Azioni), 7 (Partecipazione maggioritaria pubblica), 8 (Limiti al possesso azionario), 11 (Intervento in assemblea), 12 (Rappresentanza), e 30 (Utili) dello Statuto Sociale di Hera. Ciascuna Azione conferisce il diritto di voto in tutte le assemblee ordinarie e straordinarie, nonché gli altri diritti patrimoniali e amministrativi secondo le disposizioni di legge e di Statuto Sociale applicabili. Ai sensi dell articolo 8 dello Statuto Sociale di Hera è fatto divieto a ciascun azionista diverso da Comuni, Province e Consorzi costituiti ai sensi dell articolo 31 del D. Lgs. n. 267/2000 o di altri Enti o Autorità Pubbliche, ovvero di consorzi o di società di capitali di cui Comuni, Province e Consorzi costituiti ai sensi dell articolo 31 del D. Lgs. n. 267/2000 o altri Enti o Autorità Pubbliche che detengano anche indirettamente la maggioranza del capitale sociale, di detenere partecipazioni azionarie superiori al 5% del capitale sociale di Hera. L articolo 8 dello Statuto Sociale di Hera prevede che il diritto di voto inerente alle azioni possedute in eccedenza rispetto al limite azionario testé indicato non possa essere esercitato. Il diritto di voto che sarebbe spettato a ciascuno degli azionisti ai quali sia riferibile il limite al possesso azionario, si riduce nel limite complessivo del 5%. In nessun caso può essere esercitato il diritto di voto per le partecipazioni eccedenti la percentuale sopra stabilita. B.7 Informazioni finanziarie fondamentali selezionate 17

18 Nota di Sintesi Sono di seguito riportate alcune informazioni patrimoniali, economiche e finanziarie del Gruppo Hera per i semestri chiusi al 30 giugno 2013 e 2012 e per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012 e Tali informazioni sono state estratte senza effettuare alcuna rettifica e/o riclassifica da: - il bilancio semestrale consolidato abbreviato del Gruppo Hera al 30 giugno 2013, predisposto in conformità allo IAS 34 Bilanci Intermedi, approvato dal Consiglio di Amministrazione dell Emittente in data 28 agosto 2013 e assoggettato a revisione contabile limitata da parte della Società di Revisione che ha emesso la propria relazione senza rilievi in data 28 agosto 2013; - i bilanci consolidati del Gruppo Hera per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012 e 2011, predisposti in conformità agli IFRS, approvati dal Consiglio di Amministrazione dell Emittente rispettivamente in data 22 marzo 2013 e 22 marzo 2012 e assoggettati a revisione contabile completa da parte della Società di Revisione che ha emesso le proprie relazioni senza rilievi rispettivamente in data 8 aprile 2013 e 5 aprile Il presente paragrafo include inoltre taluni indicatori di performance finanziari del Gruppo Hera, determinati sulla base delle informazioni contenute nel bilancio semestrale consolidato abbreviato del Gruppo Hera al 30 giugno 2013, nei bilanci consolidati del Gruppo Hera per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012 e 2011, e di elaborazioni del management effettuate sulla base delle risultanze della contabilità generale e gestionale. Occorre segnalare che per effetto dell operazione di acquisizione di Acegas-Aps Holding S.r.l., l Emittente ha acquisito il controllo di AcegasAPS, che è stata consolidata integralmente a decorrere dal 1 gennaio 2013; pertanto, (i) le informazioni patrimoniali al 30 giugno 2013 non sono confrontabili con quelle relative al 31 dicembre 2012 e 2011, e (ii) le informazioni economiche e finanziarie relative al semestre chiuso al 30 giugno 2013 non sono confrontabili con quelle relative al semestre chiuso al 30 giugno Le informazioni patrimoniali, economiche e finanziarie di seguito riportate devono essere lette congiuntamente al Capitolo IV e al Capitolo XV della Sezione I del Prospetto Informativo. Nella seguente tabella è riportato il conto economico consolidato del Gruppo Hera per i semestri chiusi al 30 giugno 2013 e 2012 e per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012 e 2011: Semestre chiuso al 30 giugno Esercizio chiuso al 31 dicembre (in migliaia di euro) (1) Ricavi Altri ricavi operativi Consumi di materie prime e materiali di consumo ( ) ( ) ( ) ( ) Costi per servizi ( ) ( ) ( ) ( ) Costi del personale ( ) ( ) ( ) ( ) Ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni ( ) ( ) ( ) ( ) Altre spese operative (25.292) (19.337) (46.827) (39.830) Costi capitalizzati Utile operativo Quota di utili di imprese collegate Proventi finanziari Oneri finanziari ( ) ( ) ( ) ( ) Totale gestione finanziaria (70.860) (61.771) ( ) ( ) Altri ricavi non operativi non ricorrenti Utile prima delle imposte Imposte del periodo (77.712) (63.963) (79.051) (94.471) di cui non ricorrenti Utile netto del periodo Attribuibile: Azionisti della controllante Azionisti di minoranza Utile per azione: di base 0,124 0,067 0,108 0,094 diluito 0,118 0,064 0,102 0,090 (1) Le informazioni relative al semestre chiuso al 30 giugno 2012, estratte dal bilancio semestrale consolidato abbreviato del Gruppo Hera al 30 giugno 2013, sono state rideterminate rispetto a quanto pubblicato nel bilancio semestrale consolidato abbreviato al 30 giugno 2012, a seguito i) dell applicazione dello IAS 19 Revised Benefici per i dipendenti, e ii) della mancata conclusione, per ragioni non direttamente imputabili al Gruppo, dell operazione di cessione di una porzione del complesso immobiliare di proprietà del Gruppo Hera sito nell area Berti Pichat (Bologna), per il quale era stata iscritta una plusvalenza pari a Euro migliaia nel conto economico consolidato relativo al semestre chiuso al 30 giugno 2012 (Cfr. bilancio semestrale consolidato abbreviato del Gruppo Hera al 30 18

19 Nota di Sintesi giugno 2013 incorporato mediante riferimento nel Prospetto Informativo). Nella seguente tabella sono riportati i principali dati patrimoniali consolidati del Gruppo Hera al 30 giugno 2013 e al 31 dicembre 2012 e 2011: Al 30 giugno Al 31 dicembre (in migliaia di euro) (1) 2011 Totale attività non correnti Totale attività correnti Attività non correnti destinate alla vendita TOTALE ATTIVITA' Patrimonio netto del Gruppo Interessenze di minoranza Totale patrimonio netto Totale passività non correnti Totale passività correnti Passività non correnti destinate alla vendita TOTALE PASSIVITA' TOTALE PATRIMONIO NETTO E PASSIVITA' (1) Le informazioni relative al 31 dicembre 2012, estratte dal bilancio semestrale consolidato abbreviato del Gruppo Hera al 30 giugno 2013, sono state rideterminate rispetto a quanto pubblicato nel bilancio consolidato al 31 dicembre 2012, a seguito dell applicazione dello IAS 19 Revised Benefici per i dipendenti (Cfr. bilancio semestrale consolidato abbreviato del Gruppo Hera al 30 giugno 2013 incorporato mediante riferimento nel Prospetto Informativo). Nella seguente tabella sono riportati i dati di sintesi del rendiconto finanziario consolidato del Gruppo Hera per i semestri chiusi al 30 giugno 2013 e 2012 e per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012 e 2011: Semestre chiuso al 30 giugno Esercizio chiuso al 31 dicembre (in migliaia di euro) (1) Disponibilità generate dall'attività operativa Disponibilità assorbite dall'attività di investimento ( ) ( ) ( ) ( ) Disponibilità (assorbite) / generate dall'attività di finanziamento (44.276) ( ) Incremento / (Decremento) disponibilità liquide ( ) Disponibilità liquide e mezzi equivalenti all'inizio del periodo Disponibilità liquide e mezzi equivalenti alla fine del periodo (1) Le informazioni relative al semestre chiuso al 30 giugno 2012, estratte dal bilancio semestrale consolidato abbreviato del Gruppo Hera al 30 giugno 2013, sono state rideterminate rispetto a quanto pubblicato nel bilancio semestrale consolidato abbreviato al 30 giugno 2012, a seguito i) dell applicazione dello IAS 19 Revised Benefici per i dipendenti, e ii) della mancata conclusione, per ragioni non direttamente imputabili al Gruppo, dell operazione di cessione di una porzione del complesso immobiliare di proprietà del Gruppo Hera sito nell area Berti Pichat (Bologna), per il quale era stata iscritta una plusvalenza pari a Euro migliaia nel conto economico consolidato relativo al semestre chiuso al 30 giugno 2012 (Cfr. bilancio semestrale consolidato abbreviato del Gruppo Hera al 30 giugno 2013 incorporato mediante riferimento nel Prospetto Informativo). Nella seguente tabella, si riporta la composizione dell indebitamento finanziario netto del Gruppo Hera al 30 giugno 2013 e al 31 dicembre 2012 e 2011, determinata conformemente a quanto previsto dal paragrafo 127 delle raccomandazioni contenute nel documento predisposto dall ESMA, n. 81 del 2011, implementative del Regolamento (CE) 809/2004: Al 30 giugno Al 31 dicembre (in migliaia di euro) A. Cassa B. Assegni e depositi bancari e postali C. Titoli detenuti per la negoziazione D. Liquidità (A) + (B) + (C) E. Crediti finanziari correnti F. Debiti bancari correnti G. Parte corrente dell'indebitamento non corrente H. Altri debiti finanziari correnti I. Indebitamento finanziario corrente (F) + (G) + (H) J. Indebitamento finanziario corrente netto (I) - (E) - (D) ( ) ( ) K. Debiti bancari non correnti L. Obbligazioni emesse M. Altri debiti non correnti

20 Nota di Sintesi N. Indebitamento finanziario non corrente (K) + (L) + (M) Indebitamento finanziario netto (Raccomandazione ESMA 81/2011) O. (J) + (N) Di seguito si riporta la riconciliazione tra l indebitamento finanziario netto del Gruppo Hera determinato conformemente a quanto disciplinato dall ESMA e l indebitamento finanziario netto utilizzato dal Gruppo Hera per monitorare la propria posizione finanziaria. Al 30 giugno Al 31 dicembre (in migliaia di euro) Indebitamento finanziario netto (Raccomandazione ESMA 81/2011) Crediti finanziari non correnti (46.638) (17.557) (11.040) Indebitamento finanziario netto Gruppo Hera Indicatori finanziari alternativi di performance Nelle seguenti tabelle, sono evidenziati i principali indicatori patrimoniali ed economici utilizzati dalla Società per monitorare l andamento economico e finanziario del Gruppo Hera, nonché le modalità di determinazione degli stessi. Tali indicatori (Margine Operativo Lordo e rapporto tra Indebitamento finanziario netto Gruppo Hera e Margine Operativo Lordo) non sono identificati come misure contabili nell ambito degli IFRS e pertanto non devono essere considerate misure alternative a quelle fornite dagli schemi di bilancio della Società per la valutazione dell andamento economico del Gruppo Hera e della relativa posizione finanziaria. La Società ritiene che le informazioni finanziarie di seguito riportate siano un ulteriore importante parametro per la valutazione della performance del Gruppo Hera, in quanto permettono di monitorare analiticamente l andamento economico e finanziario dello stesso. Poiché tali informazioni finanziarie non sono misure la cui determinazione è regolamentata dai principi contabili di riferimento per la predisposizione del bilancio semestrale consolidato abbreviato del Gruppo Hera al 30 giugno 2013 e dei bilanci consolidati del Gruppo Hera per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012 e 2011, il criterio applicato per la relativa determinazione potrebbe non essere omogeneo con quello adottato da altri gruppi e pertanto tali dati potrebbero non essere comparabili con quelli eventualmente presentati da tali gruppi. Nella seguente tabella è riportata la riconciliazione tra l utile netto e il Margine Operativo Lordo del Gruppo Hera per i semestri chiusi al 30 giugno 2013 e 2012 e per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012 e Semestre chiuso al 30 giugno Esercizio chiuso al 31 dicembre (in migliaia di euro) (1) Utile netto del periodo Imposte del periodo Altri ricavi non operativi non ricorrenti (74.806) - (6.667) - Oneri finanziari Proventi finanziari (64.518) (45.600) ( ) (92.483) Quota di utili di imprese collegate (3.100) (2.897) (5.405) (6.260) Ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni Margine Operativo Lordo (1) Le informazioni relative al semestre chiuso al 30 giugno 2012, estratte dal bilancio semestrale consolidato abbreviato del Gruppo Hera al 30 giugno 2013, sono state rideterminate rispetto a quanto pubblicato nel bilancio semestrale consolidato abbreviato al 30 giugno 2012, a seguito i) dell applicazione dello IAS 19 Revised Benefici per i dipendenti, e ii) della mancata conclusione, per ragioni non direttamente imputabili al Gruppo, dell operazione di cessione di una porzione del complesso immobiliare di proprietà del Gruppo Hera sito nell area Berti Pichat (Bologna), per il quale era stata iscritta una plusvalenza pari a Euro migliaia nel conto economico consolidato relativo al semestre chiuso al 30 giugno 2012 (Cfr. bilancio semestrale consolidato abbreviato del Gruppo Hera al 30 giugno 2013 incorporato mediante riferimento nel Prospetto Informativo). Nella seguente tabella è riportato il rapporto tra l Indebitamento finanziario netto Gruppo Hera e il Margine Operativo Lordo del Gruppo Hera, per i semestri chiusi al 30 giugno 2013 e 2012 e per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012 e Al e per il semestre chiuso al 30 giugno Al e per l'esercizio chiuso al 31 dicembre (in migliaia di euro)

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli