GLOSSARIO INTRODUTTIVO DEI TERMINI FINANZIARI I MERCATI FINANZIARI: BORSA MERCI E BORSA VALORI (PREZZO SPOT E FORWARD)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLOSSARIO INTRODUTTIVO DEI TERMINI FINANZIARI I MERCATI FINANZIARI: BORSA MERCI E BORSA VALORI (PREZZO SPOT E FORWARD)"

Transcript

1 GLOSSARIO INTRODUTTIVO DEI TERMINI FINANZIARI I MERCATI FINANZIARI: BORSA MERCI E BORSA VALORI (PREZZO SPOT E FORWARD) La Borsa Valori: è un mercato organizzato, regolamentato e ufficiale, all'interno del quale avviene la negoziazione di valori mobiliari (quali azioni, obbligazioni e strumenti derivati come futures e opzioni) e valute estere ed il cui scopo è quello di agevolare l'incontro tra domanda e offerta di capitali. Un tempo le contrattazioni avvenivano attraverso le famose "grida": gli scambi dei titoli richiedevano la presenza fisica degli agenti di cambio dei loro procuratori (che allora erano gli unici soggetti ammessi ad operare direttamente in Borsa) e avvenivano intorno ad appositi recinti chiamati corbeille (o grida), mediante il sistema dell'asta a chiamata. Anche i titoli azionari erano presenti come certificati cartacei e venivano scambiati fisicamente in Borsa. Attualmente gli scambi avvengono appoggiandosi a sistemi telematici ed a reti di computer, permettono così a trader e intermediari la gestione delle transazioni direttamente dal proprio ufficio. La Borsa valori è un organismo molto importante in quanto mezzo di collegamento tra le aziende che necessitano di risorse economiche per finanziare la propria attività produttiva e i soggetti che dispongono di capitali da investire. La Borsa valori è un mercato regolamentato, in quanto le operazioni di negoziazione e di scambio, le tipologie di contratti ammessi e gli operatori autorizzati sono opportunamente disciplinati. Ad occuparsi della gestione, dell'organizzazione e del corretto funzionamento della Borsa valori (e quindi del mercato borsistico e finanziario italiano) è una società privata di proprietà della britannica LSE. Stock: è il titolo azionario che rappresenta la frazione minima nel quale viene scomposto il capitale di una società ed eventualmente collocato in borsa. Il possesso di azioni consente la partecipazione all attività della società stessa ed il riconoscimento degli eventuali utili distribuiti (dividendo). Stock Market o Equity Market: è il mercato dove le contrattazioni che si effettuano sono relative ai titoli azionari. Commodity: sono le merci, ed il mercato al quale fanno riferimento è il commodity market, dove vengono scambiate le materie prime quali il petrolio, i metalli, il gas, e i più importanti prodotti agricoli come i cereali (in questo ultimo caso le contrattazioni sono de localizzate per ragioni di deperibilità della merce stessa) Derivative: è il mercato dei derivati, dove vengono scambiati titoli (quali le option e futures) che di per sé non sono attività finanziarie vere e proprie. I derivati hanno, infatti, un valore solo perché sono legati al valore di altre attività finanziarie o beni sottostanti, (dalle quali derivano) rappresentate da titoli di credito, quote azionarie o merci che, quindi, hanno un valore intrinseco. In altre parole, lo strumento derivato è un contratto che generalmente prevede lo scambio, ad una certa data e a condizioni prestabilite, di altri strumenti sottostanti come valute, obbligazioni, azioni o merci. Fundamentals: sono i parametri economici fondamentali che si utilizzano per valutare un impresa. Si tratta di utili, fatturato e del patrimonio netto (attività- passività). Trading (finanziario): compravendita di prodotti finanziari, quali azioni (stoks), bonds e derivati. I trader possono essere gli investitori finali (retail) o gli investitori istituzionali (società di gestione del risparmio ed istituti di credito). Trade (da non confondere con il trading finanziario). Se non meglio specificato, come nel caso del mercato finanziario, il termine generico si riferisce all attività di scambio commerciale internazionale (merci e servizi) e quindi riferibile alle importazioni ed alle esportazioni di un paese verso il resto del mondo. Warrant: si tratta di un certificato, un buono di sottoscrizione di azioni allegato ad un'obbligazione od un titolo azionario, il quale consente al possessore il diritto di acquistare una certa quantità di azioni della società x ad un prezzo prestabilito ed entro un certo periodo di tempo. Esso può anche essere rivenduto sul mercato separatamente dal titolo stesso. Generalmente viene utilizzato nel caso di aumenti di capitale, quando insieme alle azioni di nuova emissione (riservate a chi già possiede una quota di partecipazione nella società medesima) viene concesso un warrant e quindi reso più interessante per l investitore, aderire all aumento di capitale stesso. 1

2 Le obbligazioni con warrant consentono al risparmiatore di beneficiare degli aspetti positivi delle obbligazioni (reddito fisso e sicuro rimborso alla scadenza), insieme a quelli delle azioni (possibilità di rivalutazione del capitale), riducendo al minimo i rischi. Rispetto alle convertibili, le obbligazioni con warrant offrono alcuni vantaggi: possono infatti consentire di vendere il diritto di acquisto (warrant) separatamente dall'obbligazione. Se il warrant è quotato in Borsa, infatti, può essere ceduto pur mantenendo il titolo obbligazionario. Questo offre una maggior flessibilità d investimento ed apre la possibilità di realizzare un capital gain Share-holder: deriva dal termine share (quota, di partecipazione azionaria). Lo share-holder è l azionista, vale a dire il soggetto detentore (holder) delle quote azionarie di una S.p.a (società per azioni) o di un fondo comune di investimento. Questo soggetto gode del diritto di voto nell Assemblea degli azionisti e percepisce il dividendo (quota di utile totale spettante ad ogni singola azione) qualora vi siano utili nella società medesima. Nel caso la società venga liquidata, all azionista spetta il rimborso della quota di capitale inizialmente versata comprensiva di eventuali rivalutazioni. Stake-holder: il termine è composto da stake (posta in gioco, interesse) e holder (detentore). Si tratta degli agenti economici (siano essi individui o istituzioni) portatori di interessi nei confronti dell impresa alla quale lo stake-holder fa riferimento. Esso può essere rappresentato, ad esempio, dagli enti finanziatori come le banche o gli azionisti, il management ed alcuni fornitori o clienti di particolare rilievo. In sintesi, si tratta di tutti coloro che detengono interessi all interno dell impresa, pur non facendone necessariamente parte in termini di proprietà. Golden Share: letteralmente azione d oro in quanto la quota detenuta è strategica per chi la possiede. La golden share, infatti, assegna al suo titolare (in genere lo Stato) diritti più ampi rispetto ai normali azionisti. Tali poteri non sono necessariamente conferiti grazie alla detenzione della maggioranza assoluta delle azioni emesse, (infatti la golden-share può essere anche minore del 50%) ma grazie ad una clausola esplicitamente prevista dallo statuto sociale ed approvato dall Assemblea straordinaria al momento della collocazione in borsa. In genere il termine si riferisce a società a partecipazione pubblica privatizzate nel quale lo Stato, grazie alla golden share, si garantisce il potere di incidere sensibilmente sulla gestione della stessa. Swap: letteralmente tradotto con il termine baratto, è uno scambio di un bene con un altro tra due agenti economici. Affinché tale scambio avvenga, deve necessariamente sussistere la maggior convenienza per entrambi ad effettuare tale transazione fuori dal mercato piuttosto che nel mercato. Ad esempio una commodityswap si realizza quando due contadini si scambiano fieno con latte anziché andare sul mercato a vendere il fieno per poi acquistare il latte e viceversa. Nel caso specifico che si sta trattando l operazione si ha quando vengono barattati prodotti finanziari di natura e/o composizione diversa. A titolo di esempio nel mercato dei titoli (bond-swap) si tratta di scambio tra obbligazioni con diversa durata, qualità e rendimento. Nel mercato valutario (monete) il curency swap è lo scambio di flussi di pagamento periodici in valute diverse. Cedola: [dal lat. tardo schedula(m), dim. di scheda "foglio di carta"]. Si tratta di un tagliando numerato e fisicamente unito al titolo detenuto (oggi non più in forma cartacea) che conferisce al titolare della stessa la possibilità di riscuotere l eventuale dividendo o interessi maturati. Dividendo: [dal lat. tardo dividendu(m) "cosa da dividere"]. È la quota di utili netti conseguita da una società per azioni, che viene divisa tra coloro che ne detengono una quota di partecipazione. La distribuzione è annuale (trimestrale negli Stati Uniti) e condizionata alla realizzazione degli utili stessi. L azionista (titolare di una quota di partecipazione azionaria) riceve i dividendi annuali quando la società consegue un risultato di bilancio positivo e decide di distribuirlo. Può anche anche accadere che gli utili vengano re- investiti a seconda delle decisioni dell Assemblea degli azionisti; in tal caso non ci sarà dividendo. Dividend Yeld: yield letteralmente significa rendimento. Nello specifico contesto si riferisce al rendimento del dividendo per ogni titolo azionario ed è calcolato come rapporto tra dividendo azionario ed il valore di mercato del titolo espresso in percentuale. Stock Options: dall inglese stock (titolo azionario) e option (opzione). Gli stock option indicano i contratti di opzione presenti sul titolo. Penny Stock: sono azioni di aziende vicino alla bancarotta, con un prezzo corrente prossimo allo zero (caso Alitalia). Sono oggetto di speculazione nella previsione di un improvvisa variazione, positiva o negativa, delle quotazioni. 2

3 Aumento di capitale: qualora una determinata società per azioni necessiti di nuove risorse finanziarie (a titolo di esempio nel caso di progetti di investimento quali l acqiuisto di nuovi macchinari o l espansione all estero), può farlo attraverso il mercato grazie ad un aumento di capitale. Quest operazione consiste nell offerta di nuove azioni a coloro che già le posseggono, dietro il pagamento di un corrispettivo in denaro (aumento di capitale a pagamento) che in genere è inferiore al valore nominale delle azioni già possedute dal titolare. L azionista può decidere di sottoscrivere l aumento di capitale, e quindi esercitare l opzione, oppure optare per la vendita sul mercato di tale opzione di acquisto (che ha un valore intrinseco in quanto consente di acquistare azioni ad un prezzo vantaggioso rispetto a quello presente sul mercato). Esistono anche aumenti di capitale a titolo gratuito. In questo caso l operazione si svolge grazie alla distribuzione di riserve di capitale della società perché accantonate in precedenza, oppure mediante l aumento del valore nominale (il valore riportato su ogni azione, a prescindere dalle contrattazioni di mercato) di ogni titolo azionario emesso in precedenza. Bond: letteralmente vincolo, legame, obbligazione, che nel contesto finanziario consiste in una forma contrattuale, qual è un titolo di credito, rappresentato da un prestito contratto da una persona giuridica presso il pubblico. Ad esempio, il Tesoro emette dei bond (bond del debito pubblico), che è un titolo di credito che consente a chi li sottoscrive (acquista) di percepire sia un interesse che il rimborso dell intero capitale alla data di scadenza. Questo permette a chi li eroga di finanziarsi, e chi li sottoscrive di far fruttare il suo capitale. Es. Tango Bond vale a dire titoli del debito pubblico dello stato argentino. Btp-Bond: (Buoni del Tesoro Poliennali) emessi dal Ministero del Tesoro, con cedola semestrale e durata tra i due e i trent anni. Bot: (Buoni Ordinari del Tesoro) buoni del tesoro senza cedola emessi con scadenza tra uno e dodici mesi. Euro-Bond: è un titolo obbligazionario a tasso fisso emesso in euro con durata non inferiore agli otto anni. Euro-Bund future: dal tedesco bund, federazione. Non è un bond (obbligazione)! Si tratta invece di particola tipologia di titolo, il future (vedi termine), emesso dalla Repubblica Federale Tedesca con scadenza compresa fra 8,5 e 10,5 anni e tasso di interesse pari al 6%. Questa particolare forma di contratto consente al sottoscrittore di impegnarsi nell acquisto del titolo ad un dato prezzo ed entro una data fissata al momento della stipula del contratto. La controparte, in questo caso il Tesoro tedesco, è a sua volta obbligato a consegnare quanto stabilito alle condizioni prefissate (data e prezzo). L investitore scommette sul futuro, quindi lucra (o perde) sulla differenza esistente tra il prezzo di mercato, ex-post, alla data stabilita dal contratto e quello definito ex-ante al momento in cui il contratto è stato stipulato. Bond governativi: sono i bond emessi dal governo di un determinato Paese tramite il Ministero del Tesoro. Spread tra "Bond" e "Bund": è la differenza di rendimento tra i diversi Bond Governativi emessi da stati sovrani confrontati con il rendimento del Bund tedesco (obbligazione governativa di riferimento per via del bassissimo rischio default). Lo spread misura il premio di rischio (default) connesso al paese emittente. Maggiore è lo spread e quindi il rendimanto, maggiore sarà il rischio default legato a quel tipo di bond. In altre parole: più alto è il rischio più l'emittente dovrà remunerare chi sottoscrive il titolo. Junk Bond: letteralmente bond spazzatura emessi da società che hanno un rating molto basso, uguale o inferiore a BB (scala usata da Standard and Poor s). In generale quanto più basso è il rating tanto più rischioso è l investimento, nel senso che sarà bassa la possibilità di vedere rimborsato il proprio credito, ma di converso tanto maggiore sarà il tasso di interesse pagato da chi emette il titolo (premio di rischio). Futures: letteralmente in futuro. È un dericato. La denominazione di "strumento derivato" dipende dal fatto che il loro valore "deriva" dal prezzo dell'attività sottostante a cui il contratto fa riferimento. Le fluttuazioni e l'andamento di tali strumenti risultano pertanto direttamente correlate alle variazioni dell'attività sottostante. Si possono avere due tipologie di derivati, distinte in base all'attività sottostante di riferimento: derivati sulle merci e derivati su attività finanziarie. I primi sono legati ad attività reali come il petrolio, l'oro, il grano, il caffè I secondi sono invece legati ad attività finanziarie come tassi di interesse, valute, azioni ed indici azionari. È una forma di contratto attraverso il quale le parti si impegnano a scambiarsi, alla scadenza (data futura), un 3

4 certo quantitativo di determinate attività finanziarie (financial future) o merci (commodity future) ad un prezzo stabilito al momento della stipula del contratto stesso. I primi hanno per oggetto la vendita di valori mobiliari (stock futures), tassi di interesse (interest rate futures) o monete (currencies futures). I commodity futures, invece, hanno per oggetto l acquisto o la vendita di beni reali, tangibili come cereali, cacao, caffè o materie prime come petrolio e il gas. In sintesi gli investitori che acquistano i futures scommettono che il prezzo futuro di un bene, ad esempio del petrolio, tenderà ad aumentare rispetto a quello definito come probabile (detto forward price) al momento della stipula del contratto, e guadagnando su tale differenza. Compro a 100 (prezzo contrattuale) e vendo a 120 (prezzo di mercato o spot price). I futures vengono generalmente utilizzati per operazioni di: Speculazione :Il future viene acquistato o venduto al fine di guadagnare dai rialzi o ribassi del mercato, beneficiando dell'effetto leva e i ridotti costi di transazione. Circa l'85-90% delle operazioni sui contratti future vengono svolte a tale fine ed hanno in genere un orizzonte temporale molto breve, talvolta intraday, con gli operatori che aprono e chiudono le proprie posizioni più volte all'interno della giornata. Copertura o hedging :Un'operazione di copertura o hedging permette di eliminare il rischio di fluttuazione del valore di un bene sul mercato. Per esempio in caso di aspettative negative è possibile difendersi, vendendo futures sull'indice di Borsa di riferimento. In caso di un forte calo dell'indice, la perdita teorica del proprio portafoglio sarebbe compensata dal guadagno realizzato sui contratti futures. Arbitraggio: è l attività che permette di ottenere dei profitti dalle differenze di prezzo presenti su mercati diversi. Per esempio se il future fosse scambiato ad un prezzo più alto del proprio valore teorico, l arbitraggista potrebbe vendere il future ed acquistare titoli dell indice e lucrare sulla differenza; in definitiva, l attività dell arbitraggista permette quindi di correggere gli scostamenti dei prezzi tra future e sottostante Anche se in apparenza warrant e future sembrerebbero strumenti derivati molto simili, in realtà la differenza esiste e risiede nell ente di emissione. Il primo, nel momento in cui viene collocato sul mercato, è strettamente legato al titolo al quale si riferisce e può essere emesso solo dalla stessa società (da esempio i warrant sulle azioni Fiat sono emessi dalla Fiat stessa). Nel caso del future, invece, esiste la piena libertà di costruire tale prodotto finanziario a prescindere da chi ha emesso il titolo o chi ha prodotto la merce al quale si riferisce; sono infatti i market maker come gli istituti di credito e la Borsa stessa a crearli ed emetterli. Fondo comune d'investimento: è una forma di risparmio gestito dove acquistando quote di un particolare Fondo, il risparmiatore affida il proprio capitale alla Società di Gestione del Risparmio facente capo al fondo stesso, affinché quest ultima gestisca al meglio le risorse presenti. Il fondo è detto comune in quanto non è privato, ma composto da quanto i diversi risparmiatori gli conferiscono. È d investimento in quanto le risorse sono investite nell acquisto e nella vendita di beni mobiliari, siano esse azioni, obbligazioni o valute. Fondi obbligazionari: sono i fondi caratterizzati da un portafoglio esclusivamente composto da titoli obbligazionari Fondi azionari: sono i fondi il cui portafoglio è esclusivamente composto da titoli azionari, quindi con un rischio maggiore rispetto a quelli obbligazionari, ma con potenziale performance maggiore. Fondi bilanciati: questi fondi sono caratterizzati da un portafoglio misto, nel quale convergono sia titoli obbligazionari che azionari. Fondi di liquidità: le attività che detiene il fondo hanno una scadenza brevissima e, quindi, l investitore potrà ritirare in tempi brevi le sue quote senza una perdita in conto capitale. I rendimenti sono meno volatili ma la performance è più contenuta rispetto agli azionari. ETF: (Exchange Traded Funds) letteralmente "fondi indicizzati quotati" sono una particolare categoria di fondi, le cui quote sono negoziate in Borsa in tempo reale come semplici azioni, attraverso una banca o un qualsiasi intermediario autorizzato. Una delle caratteristiche peculiari di questo strumento è costituita dall'indicizzazione: gli Etf replicano infatti passivamente la composizione di un indice di mercato (geografico, settoriale, azionario o obbligazionario) e di conseguenza anche il suo rendimento. Se ad esempio l'indice S&P 500 si apprezza del 2%, l'etf legato allo S&P 500 registrerà un rialzo della stessa proporzione. Gli Etf si caratterizzano come una via di mezzo tra un azione e un fondo e consentono di sfruttare i punti di forza di entrambi gli strumenti. In particolare acquistando un Etf, è possibile realizzare la diversificazione e la riduzione dei rischi tipica di un fondo di investimento, scambiando le quote del fondo come una normale azione. La 4

5 trattazione in continua degli Etf rende infatti possibile conoscere il valore di mercato in ogni istante, a differenza dei fondi comuni di investimento tradizionali, il cui valore viene fissato una sola volta al giorno, generalmente a fine giornata. Sicav: (società di investimento a capitale variabile) è molto simile, nel funzionamento, a un fondo comune. La differenza principale è che si tratta di una società il cui patrimonio coincide con il capitale versato dai sottoscrittori, i quali non acquistano quote (come in un fondo) ma azioni. I sottoscrittori diventano, pertanto, veri e propri azionisti della società: hanno facoltà di partecipare alle assemblee e di esercitare il diritto di voto, nonché di confrontarsi con l'operato dei gestori. Hedge Fund: si tratta anche in questo caso di una forma di investimento collettivo, che persegue strategie di investimento atte alla copertura del rischio (hedge, letteralmente significa copertura). Tuttavia, operando su qualsiasi tipologia di mercato (valutario, azionario, future) e con strategie multiple (al rialzo, al ribasso, oscillante) essi risultano sensibilmente più rischiosi dei Fondi Comuni di Investimento che, invece, sono stati istituiti per legge e come tali consentono più garanzie per l investitore. Un'altra definizione potrebbe essere: "quasiasi fondo che non sia un convenzionale fondo d'investimento", ossia qualsiasi fondo dove si usi una strategia o si usino una serie di strategie diverse dal semplice acquisto di obbligazioni, azioni (fondi comuni d'investimento a capitale variabile - mutual funds) e titoli di credito (money market funds) il cui scopo è il raggiungimento di un rendimento assoluto e non relativo ad un benchmark. Assets: è un attività sotto il profilo economico- finziario del termine, vale a dire qualsiasi cosa si possa valutare ed esprimere in termini finanziari (macchine, investimenti, immobili). È il termine generico per definire ogni tipologia di cespite, quindi valori materiali ed immateriali che fanno capo a chi li possiede (sia essa una persona giuridica che una persona fisica). Assets sono, ad esempio, i macchinari, gli immobili, gli investimenti ed il know- how dell impresa. Il suo contrario sono le liabilities; in italiano passività. Nello stato patrimoniale, dell impresa, l insieme delle attività, prima descritte, detratte le passività definisce il patrimonio netto dell impresa. Quindi: Attività - Passività= Patrimonio netto (in inglese Equity) Plusvalenza (Capital Gain): è l aumento di valore di un bene in un determinato arco temporale. Si riferisce sia a beni immobili (edifici, macchinari) sia a quelli mobili (come i titoli azionari e obbligazionari). In altre parole si tratta del guadagno (gain) che si ottiene vendendo un bene ad un prezzo maggiore di quello al quale si acquista ed ha rilevanza a fini fiscali in quanto è tassato. Minusvalenze (capital loos): sono l opposto delle plusvalenze. Si tratta delle perdite in conto capitale definite dalla differenza negativa tra il prezzo di acquisto (es. 100) e quello di vendita (es. 80) che in questo caso è minore del primo (minusvalenza pari a 20). Fondi di Private Equity: è una forma di finanziamento che si realizza nel caso di una società non quotata in borsa. L investitore conferisce nuovi capitali in un impresa che ritiene in prospettiva in grado di generare utili, con lo scopo finale di rivendere nel medio- lungo termine le stesse azioni, ma ad un valore maggiore realizzando, quindi, una plusvalenza. Benchmark: letteralmente riferimento, valutazione. È un indice di riferimento che esprime il profilo di rischio e di rendimento di un titolo. Il tasso benchmark definito anche tasso base è quel tasso che, per le particolari caratteristiche strutturali dell istituto che lo conferisce, è considerato quale riferimento per valutare tutti gli altri tassi. In Italia si utilizza generalmente il tasso di rendimento dei titoli di Stato. La differenza (spread o differenziale) tra il benchmark e il tasso fornito dal titolo che viene valutato, denota utili indicazioni sulle caratteristiche dell investimento che ci si accinge ad effettuare o sull andamento economico della società a cui fa capo il titolo stesso. È obbligatorio per le società di gestione del risparmio dichiarare il benchmark di ogni fondo di investimento. Spread: differenziale, discrepanza tra benchmark e tasso di rendimento del titolo a cui lo spread a riferimento. Nel caso dei Titoli di Stato italiani ed i Bund tedeschi esiste uno spread legato al rischio default paese che nel caso dell'italia è maggiore a causa dell'elevatissimo debito pubblico rapportato al PIL. Volatilità: secondo il significato letterale del termine, si tratta di un fenomeno economico che tende a variare con frequenza ed imprevedibilità, proprio come il volo. Applicato al contesto dei prezzi dei titoli, la volatilità rappresenta la maggiore o minore tendenza alla variazione in funzione del variare del suo rendimento. I titoli che registrano un maggior rendimento saranno, come si intuisce, più domandati e quindi registreranno prezzi più alti. Tuttavia, i titoli che offrono migliore performance possono anche presentare una maggior volatilità dei 5

6 prezzi che, quindi, aumentano e diminuiscono con irregolarità; di conseguenza aumenta anche il rischio. Si parla anche di titoli speculativi. Insider Trading: insider significa dentro mentre il trading è l attività commerciale(scambio di beni e servizi). Dentro l attività commerciale? In prima istanza sembrerebbe che la combinazione dei due termini non sia chiaro, ma ad un attenta analisi si comprende come: colui che è all interno (insider) di un impresa gode di una condizione privilegiata in termini di accesso alle informazioni, soprattutto quelle confidenziali (come ad esempio l imminente perdita di una causa legale), e tali informazioni possono essere usate (illegalmente) per effettuare operazioni di acquisto o vendita (trading) dei titoli dell azienda stessa realizzando guadagni elevatissimi. L attività di insider-trading è vietata dalla legge. Oro Fixing: quotazione dell'oro stabilita due volte al giorno dalla borsa di Londra LME (London Metal Exchange). La quotazione è riferita ad un Oncia d'oro (28,34 grammi). Blent Brent o "Brent": petrolio greggio a basso contenuto di zolfo (pregiato per la facilità di raffinazione) del Mare del Nord quotato al NYMEX (New York Mercantile Exchange) Light Crude: petrolio greggio a basso contenuto di zolfo scambiato al NYMEX (New York Mercantile Exchange) Rating: Valutazione attribuita all'emittente, di titoli azionari o obbligazionari, da parte di agenzie deputate a giudicarne solidità, credibilità ed attrattiva. Le più conosciute agenzie di rating sono S&P, Moody's e Fitch ; i voti possibili sono strong buy (comprare a tutti i costi), buy (comprare), accumulate (comprare con cautela), hold (mantenere la posizione), eccetera. Il rating esprime il merito di credito degli emittenti di prestiti obbligazionari (istituzionali, corporate e governativi) mediante lettere che indicano l'affidabilità del debitore. Ad esempio, per alcune società di rating, la tripla A (AAA) indica il massimo dell'affidabilità; i voti scendono progressivamente (aa,a,bbb,bb, b). La tripla C (CCC) è il rating che si assegna ai debitori di minore affidabilità. Alcuni rating di Moody's 1 : - Germania AAA (outlook stabile); - Italia AA2 (outlook stabile); - Grecia A2 (outlook negativo). 1 I rating sono riferiti al 12 Aprile

7 LA BORSA, I SISTEMI DI CONTRATTAZIONE, I SEGMENTI DI MERCATO E GLI INDICI La Borsa valori è un mercato organizzato, regolamentato e ufficiale, all'interno del quale avviene la negoziazione di valori mobiliari (quali azioni, obbligazioni e strumenti derivati come futures e opzioni) e valute estere ed il cui scopo è quello di agevolare l'incontro tra domanda e offerta di capitali. Un tempo le contrattazioni avvenivano attraverso le famose "grida": gli scambi dei titoli richiedevano la presenza fisica degli agenti di cambio dei loro procuratori (che allora erano gli unici soggetti ammessi ad operare direttamente in Borsa) e avvenivano intorno ad appositi recinti chiamati corbeille (o grida), mediante il sistema dell'asta a chiamata. Anche i titoli azionari erano presenti come certificati cartacei e venivano scambiati fisicamente in Borsa. Attualmente gli scambi avvengono appoggiandosi a sistemi telematici ed a reti di computer, permettono così a trader e intermediari la gestione delle transazioni direttamente dal proprio ufficio. La Borsa valori è un organismo molto importante in quanto mezzo di collegamento tra le aziende che necessitano di risorse economiche per finanziare la propria attività produttiva e i soggetti che dispongono di capitali da investire. La Borsa valori è un mercato regolamentato, in quanto le operazioni di negoziazione e di scambio, le tipologie di contratti ammessi e gli operatori autorizzati sono opportunamente disciplinati. Ad occuparsi della gestione, dell'organizzazione e del corretto funzionamento della Borsa valori (e quindi del mercato borsistico e finanziario italiano) è una società privata di proprietà della britannica LSE. Gli Indici ed segmenti del mercato azionario in Italia: Mib 30: fino al 2004 rappresentava l indice dell andamento dei trenta titoli più capitalizzati presenti sul listino di borsa. Con il termine capitalizzazione si intende il valore in termini di azioni collocate sul mercato. Queste aziende ad alta capitalizzazione rappresentano la maggioranza degli scambi sul mercato azionario di riferimento e pertanto sono anche chiamate blue chips. In seguito il MIB 30 è stato sostituito dal S&P MIB, anche se tuttora viene, anche se non ufficialmente, ricalcolato. (Ora sostituito dal FTSE MIB) Mibtel: (Milano Indice Borsa Telematico) rappresentava l indice generale che descrive l andamento degli scambi finanziari telematici italiani. Esso è calcolato sull intera gamma di prodotti finanziari scambiati ed è ricalcolato ogni minuto. Il suo valore di riferimento era punti in relazione alla data del 3 gennaio In quanto indice, il mibtel può essere espresso sia in valore assoluto sia in forma di variazione percentuale rispetto allo stesso indice ma ad un tempo precedente (t-1, t-2,,t-n). La sua variazione può essere negativa o positiva. (Ora sostituito dal FTSE MIB) S&P MIB: il termine nasce dalla collaborazione stretta tra MIB (Borsa di Milano) e la Standard & Poor s (società di ricerche ed analisi finanziarie nota per il sistema di rating utilizzato nella classificazione delle obbligazioni). Esso raggruppava 40 tra i maggiori titoli del mercato italiano che rappresentano circa l 80% della capitalizzazione del mercato stesso. In altre parole il valore dei titoli di queste società (capitale) costituiscono circa l 80% del totale del valore dell intero listino di borsa. Volendo essere ancora più precisi, esse rappresentavano l 80% del flottante presente sul mercato. Si può, infatti, distinguere tra il termine capitale sociale o capitalizzazione ed il flottante. Il primo è costituito dal valore totale delle azioni emesse dalla società in oggetto, di cui una parte (detta quota di controllo) non è collocata sul mercato ma resta nelle mani di chi controlla la gestione. Il flottante, invece, rappresenta la quota di azioni che circola sul mercato e viene giornalmente scambiata di mano dagli speculatori. (Ora sostituito dal FTSE MIB) Indice FTSE MIB Introdotto nel Giugno 2009 in seguito alla fusione (incorporazione) della Borsa Italiana da parte del London Stock Exchange FTSE MIB è il principale indice per il benchmark dei mercati azionari italiani. Rappresentativo di circa l 80% del mercato interno, l FTSE MIB misura l andamento dei 40 titoli più importanti per liquidità e capitalizzazione con l'intento di riprodurre le ponderazioni del settore allargato del mercato azionario italiano. L'Indice è ricavato dall'universo di trading di titoli sul mercato azionario principale (MTA) di Borsa Italiana e può essere usato come base per la creazione di ETF (Exchange Traded Funds), derivati e prodotti strutturati. 7

8 L indice FTSE MIB è composto da 40 società di primaria importanza, per liquidità e capitalizzazione, selezionate dal Gruppo direzionale congiunto di FTSE Italia e quotate sul mercato azionario principale (MTA large/mid cap) di Borsa Italiana. I Segmenti del Mercato Blue Chips: sono le azioni al top del listino (più scambiate e più liquide) e devono avere una capitalizzazione di almento 1 MLD di Euro. Indice relativo: S&P/MIB Star: azioni sotto il MLD di capitalizzazione di Borsa che necessitano di requisiti di trasparenza informativa particolarmente rigido e particolari caratteristiche di corporate governante (numero adeguato di amministratori indipendenti). Indice relativo: All Stars Expandi : mercato delle società di piccole e piccolissime dimensioni che aspirano ai segmenti più elevati. Godono di procedure di accesso meno complesse ed onerose rispetto agli altri comparti del listino. Indice Relativo: Mex Midex: Indice della Borsa italiana relativo alle società di media capitalizzazione. Interessa le 25 società immediatamente inferiori per capitalizzazione a quelle incluse nel Mib 30. All Stars: (Segmento Titoli ad Alto Requisito) indice relativo a tutte e azioni quotate nel segmento STAR, riferito alle azioni di Società per Azioni di medie dimensioni (con capitalizzazione fino ad un miliardo di Euro) che devono rispettare determinati requisiti per quanto riguarda la trasparenza economico/finanziaria, struttura finanziaria e manageriale. Mex: comprende tutte le azioni trattate sul mercato Expandi, vale a dire quello delle aziende di piccole e piccolissime dimensioni che aspirano ad essere quotate nei segmenti più elevati del mercato. GLI INDICI DEI MERCATI INTERNAZIONALI Dow Jones Global : relativo alla Borsa di New York (NYSE- New York Stock Exchange). Prende il nome dal giornalista Charles Dow ( ) che insieme a Edward Jones istituirono la Dow Jones & Company. Dow fu anche fondatore del Wall Street Journal. La testata finanziaria, nel contesto dello studio del movimento dei prezzi dei titoli azionari (da qui la nascita della disciplina dell'analisi Tecnica) concepì, con il contributo dello statistico Jones l'indice "Dow Jones Industrial Average", riferisce l andamento dei titoli delle trenta maggiori imprese industriali scambiati al NYSE. Nasdaq (National Association of Securities Dealers Automated Quotation) è presente dal 1971 e raggruppa oltre 5000 aziende operanti nei settori tecnologici e dalle alte potenzialità di crescita. In sintesi, il suo indice esprime l andamento dei maggiori titoli tecnologici. S&P 500 (Standars & Poor's) è l'indice delle 500 compagnie più capitalizzate presenti nelle contrattazioni della Borsa di New York. Gli indici DJ Stoxx (Dow Jones) DJ Stoxx 600: è un indice aggregato che comprende le quotazioni dei maggiori 600 titoli europei includendo società a larga, media e bassa capitalizzazione. I paesi considerati sono: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Islanda, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Norvegia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito. DJ Euro Stoxx 50 (Stoxx Ltd e Dow Jones&Company): indice delle 50 blue chip europee Eurex: si tratta del maggior mercato di scambio dei derivati quali i futures le altre options legate ai titoli europei. 8

9 Gli Indici Morgan Stanley MSCI: (Morgan Stanley Capital International) indica l'andamento dei titoli settoriali a prescindere dalla piazza di quotazione ed il paese di appartenenza. IL MERCATO DELLA MONETA Tasso ufficiale di sconto: è il tasso d interesse al quale la banca centrale effettua prestiti al sistema bancario. È un parametro molto importante nella misura in cui rappresenta il tasso minimo al di sotto del quale il sistema bancario non scenderà mai nel caso di cessione del credito al cliente finale. A livello macroeconomico la sua rilevanza è determinata dal legame inverso tra tasso d interesse (quindi il costo del denaro) e livello degli investimenti. Questo parametro spiega le manovre di riduzione delle maggiori banche centrali al fine di stimolare l'economia. Tasso interbancario: è il tasso d interesse medio praticato dalle banche per le transazioni finanziarie interne al sistema creditizio stesso. In altre parole è il tasso d interesse che usano le banche per prestarsi denaro tra di loro; quanto più alto è questo tasso tanto maggiore sarà quello praticato ai clienti finali (siano essi imprese o consumatori). Euribor: (European Inter- bank Offered Rate) è il tasso interbancario europeo, vale a dire quello medio praticato dai maggiori istituti di credito facenti parte dell Eurozona. Viene spesso utilizzato come parametro di indicizzazione dei mutui ipotecari a tasso variabile. Fissazione dell'euribor il 12 Aprile 2010: 1 mese 0,40%; 3 mesi 0,64%; 6 mesi 0,95% Ribor: (Rome Inter- bank Offered Rate): è l antenato dell Euribor, presente quando la moneta a corso legale era ancora la Lira ed il tasso interbancario medio era calcolato facendo una media tra i tassi praticati tra i più rappresentativi istituti di credito italiani. Tasso Overnight: è quel particolare tasso di interesse che risulta dal prestito di denaro tra le banche per una notte (24 ore). Le banche che hanno eccedenza di denaro fanno questo prestito alle altre banche che hanno necessità di liquidità. Questo tasso ci dà un'idea della liquidità esistente: un alto tasso vuole dire che esiste poca liquidità e viceversa. I MUTUI E LA CARTOLARIZZAZIONE DEL CREDITO Il mutuo: è un contratto mediante il quale una parte, detta mutuante, consegna all'altra, detta mutuataria, una somma di denaro che l'altra si obbliga a restituire in un tempo successivo e predeterminato contrattualmente. La restituzione del credito è costituito dalla rata (pagata periodicamente e comprensiva della quota in conto capitale e della quota di interessi passivi). Una tra le figure più diffuse nella prassi è il mutuo immobiliare, concesso per soddisfare esigenze finanziarie in qualche modo collegate all'acquisto di un bene immobile per compravendita (o, nel caso di fabbricati, anche per costruzione). Mutuo a tasso fisso: il tasso d interesse pagato rimane fisso per tutta la durata del mutuo indipendentemente dalle variazioni dei tassi di mercato. Mutuo a tasso variabile: il tasso d interesse varia in misura proporzionale a parametri determinati contrattualmente che di solito seguono l andamento del tasso di interesse presente sul mercato (spesso l Euribor). Esso garantisce il debitore nel caso di diminuzione dei tassi ma può creare problemi di solvibilità nel caso di un suo aumento (impossibilità di pagare la rata a causa di un suo aumento sproporzionato in relazione alle capacità finanziarie del soggetto debitore). 9

10 Mutuo a tasso misto: prevede una combinazione programmata (previste scadenze prestabilite o a scelta del cliente qualora previsto dal contratto) delle due forme precedenti. Ammortamento: è il processo di restituzione graduale del mutuo mediante il pagamento della rata (quota in conto capitale e interessi) che si svolge in un prestabilito arco temporale. Mutui Sub-prime: sono mutui che vengono concessi ad un soggetto che non può accedere ai tassi di interesse di mercato (più vantaggiosi e denominati prime ), in quanto ha avuto problemi pregressi di insolvibilità e quindi presenta meno garanzie di quante sono richieste per la concessione del mutuo ordinario. Nel caso statunitense, numerosissimi soggetti che hanno contratto mutui sub- prime sono stati costretti all'insolvenza e, di conseguenza, per le società finanziarie che tali mutui hanno concesso è stata presentata istanza di bancarotta. La crisi si è poi estesa, ed aggravata, a causa della cartolarizzazione di tali mutui incorpandoli in prodotti finanziari compositi (successivamente collocati sul mercato) ed in quanto eterogenei nella loro composizione non è più stato possibile individuare, da parte dei consumatori, quali prodotti finanziari avessero nel loro interno una componente sub- prime e quali no. Cartolarizzazione del credito: si tratta di un operazione finanziaria che consiste nella cessione di crediti, o di altra attività finanziaria non negoziabile, da parte del creditore (organizzazione che emette il mutuo) ad altra società qualificata che opererà una conversione di tali crediti o attività quali i titoli (da qui l etimo carta ) che saranno negoziabili in un mercato secondario. Cdo (Cartolarized debt obligation): si tratta di titoli di credito emessi da società veicolo cui vengono conferite attività finanziarie come mutui a (anche sub-prime). In seguito, e sulla base di queste "attività" vengono emessi titoli con diverse combinazioni di rischio a seconda del grado di solvenza dei contraenti dei sottostanti. Nel caso delle componenti sub-prime, con alta probabilità di non- restituzione, il mercato di tali titoli si è paralizzato creando un clima di forte sfiducia tra gli operatori finanziari istituzionali (banche) che non sapendo quali titoli tossici detengono le controparti, hanno interrompono lo scambio reciproco di attività finanziarie e di conseguenza il credito alle imprese (credit-crunch) Cds (credit default swap): sono una sorta di polizze assicurative usate dagli investitori per assicurarsi contro l'insolvenza delle obbligazioni (specie le Cdo con componente sub-prime). Se la l'emittente del bond finisce in default, la controparte che ha emesso il Cds, è obbligata a rimborsarlo al posto dell'emittente originaria. I titolari di Cds, specialmente banche, per via dell'alto rischio di dover intervenire al posto dell'emittente che rischia il default, subiscono a loro volta il rischio di bancarotta. In un sistema molto integrato dove nessuno sa chi detiene Cdo o Cds tossici, la reazione immediata è la paralisi degli scambi in quanto nessuno si fida più delle relative controparti. Effetto leva o leverage: è lo strumento, tipico di un sistema finanziario altamente deregolamentato, che consente di emettere e gestire un elevatissimo quantitativo di attività finanziarie pur possedendone una piccolo ammontare. Al momento della restituzione, il rischio è la bancarotta, come nel caso di diverse società di cessione di mutui americane. 10

Mutuo a tasso fisso: il tasso d interesse pagato rimane fisso per tutta la durata del mutuo indipendentemente dalle variazioni dei tassi di mercato.

Mutuo a tasso fisso: il tasso d interesse pagato rimane fisso per tutta la durata del mutuo indipendentemente dalle variazioni dei tassi di mercato. GLOSSARIO INTRODUTTIVO DEI TERMINI FINANZIARI I MUTUI E LA CARTOLARIZZAZIONE 1 Il mutuo: è un contratto mediante il quale una parte, detta mutuante, consegna all'altra, detta mutuataria, una somma di denaro

Dettagli

NUOVA EDIZIONE CON ESEMPI

NUOVA EDIZIONE CON ESEMPI NUOVA EDIZIONE CON ESEMPI ALCUNI CASI ESPLICATIVI DEI TERMINI FINANZIARI I MUTUI E LA CARTOLARIZZAZIONE 1 Il mutuo: è un contratto mediante il quale una parte, detta mutuante, consegna all'altra, detta

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

La differenza fra massimo e minimo durante uno specifico periodo di tempo di rilevazione

La differenza fra massimo e minimo durante uno specifico periodo di tempo di rilevazione R - S - T Range La differenza fra massimo e minimo durante uno specifico periodo di tempo di rilevazione Rating E' l'indicatore del grado di solvibilità di un soggetto debitore quale uno Stato o un'impresa.

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Prodotti di base: le azioni

Prodotti di base: le azioni Rimini, 17 18 maggio 2007 ITF, Italian Trading Forum I temi dell intervento: Cosa sono le azioni Il rendimento delle azioni Come si determina il prezzo dell azione L orizzonte temporale dell investimento

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni

Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni Il mercato azionario è quel luogo in cui avviene la compravendita dei titoli mobiliari, composti sia da titoli azionari che da obbligazioni. Originariamente

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Il dizionario dei termini finanziari

Il dizionario dei termini finanziari Il dizionario dei termini finanziari Tipi di ordine Ordine a mercato Ordine in stop (buystop-sellstop) Ordine a limite (buylimit-sellimit) Viene dato senza precisare alcun prezzo. Significa che lo si deve

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924 Salvo diversa indicazione, tutti i dati riportati sono aggiornati al 30.05.2014 SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO BAPR 06-06-2014 / 2021 2.40% IT0005026924 Quanto segue costituisce

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE

DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA delle MARCHE SPA EURIBOR 3M 08/10

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato CARILO - CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CON EVENTUALE FACOLTA DI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable.

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable. CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable. Banca

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 6 Aprile 2011/2018 Tasso Fisso 4,10%, ISIN IT000469394 8 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Le obbligazioni: definizioni e caratteristiche Particolari tipologie di obbligazioni La valutazione delle

Dettagli

17 luglio 2008 pag. 1 di 6

17 luglio 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 20.000.000 Codice Nel presente Foglio Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società.

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società. Glossario Accettazioni bancarie strumenti a breve termine emessi dai debitori internazionali garantiti da banche di rilievo internazionale. Agency bonds Obbligazioni emesse (ma non garantite) da agenzie

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI BANCA CARIGE S.P.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia 16123 Genova Via Cassa di Risparmio 15 FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI

Dettagli

Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato.

Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato. Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato. Banca IMI è una banca del gruppo Banca IMI offre una gamma completa di servizi alle banche, alle imprese, agli investitori istituzionali,

Dettagli

ISIN IT000468024 2 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000468024 2 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 4 Marzo 2011/2016 Tasso Fisso 3,25%, ISIN IT000468024 2 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI RISPARMIO

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BCC

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

09 dicembre 2008 pag. 1 di 6

09 dicembre 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 700.000 Codice Nel presente Documento Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA 9. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA CRV

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up Banca di Forlì Credito Cooperativo 12/2007 12/2010

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Informazioni per gli Azionisti

Informazioni per gli Azionisti Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2013 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 1. Ai sensi del dell art. 98, comma 2, del regolamento Consob n. 11522/1998,

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

- CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON

- CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato CARILO - CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO

Dettagli

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Capitolo 14 Indice degli argomenti 1. Obbligazioni 2. Valutazione delle obbligazioni

Dettagli

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: Via G. B. Brunelli, 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Iscritta all Albo delle Società Cooperative a Mutualità Prevalente al n. A160602 Capitale

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Il Mercato Finanziario Il mercato finanziario è il complesso delle emissioni e delle negoziazioni che hanno come oggetto strumenti

Dettagli

Banca delle Marche SpA Tasso Fisso 1,50 % 2010/2012

Banca delle Marche SpA Tasso Fisso 1,50 % 2010/2012 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CON EVENTUALE FACOLTA DI RIMBORSO ANTICIPATO

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

GP Benchmark GP Quantitative

GP Benchmark GP Quantitative Servizio d'investimento commercializzato da: GP Benchmark GP Quantitative Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario.

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO EMITTENTE CREDITO SICILIANO S.P.A.

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO EMITTENTE CREDITO SICILIANO S.P.A. Credito Siciliano Società per Azioni Sede Legale: Via Siracusa, 1/E 90141 Palermo Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Palermo n. 04226470823 Albo delle Banche n. 522820 Società del

Dettagli

OPTIMIZ 7% DJ Euro Stoxx 50

OPTIMIZ 7% DJ Euro Stoxx 50 OPTIMIZ DJ Euro Stoxx 50 Certificate a capitale non garantito Quotato su Borsa italiana Obiettivo: rendimento annuo del * e possibilità di rimborso anticipato Optimiz DJ Euro Stoxx 50 paga un coupon annuale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO Gennaio 2003 FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO MEDIOBANCA 2003-2005 INDICIZZATO ALL ANDAMENTO DELL INDICE MIB30 (Cod. ISIN IT0003417075) L investimento nel titolo oggetto della presente offerta è caratterizzato

Dettagli

TIMEO NEUTRAL SICAV. Société d'investissement à capital variable Sede legale: 5, Allée Scheffer L-2520 Lussemburgo R.C.S. Luxembourg B 94351

TIMEO NEUTRAL SICAV. Société d'investissement à capital variable Sede legale: 5, Allée Scheffer L-2520 Lussemburgo R.C.S. Luxembourg B 94351 TIMEO NEUTRAL SICAV Société d'investissement à capital variable Sede legale: 5, Allée Scheffer L-2520 Lussemburgo R.C.S. Luxembourg B 94351 Avviso agli azionisti dei Comparti sotto riportati: 1. Modifica

Dettagli

Certificates Multigeo 100 Plus. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti.

Certificates Multigeo 100 Plus. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Certificates Multigeo 100 Plus Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Dalla Terra risorse che danno nuovo respiro ai tuoi investimenti. Multigeo 100 Plus è un certificate che

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Cassa Padana 22/12/2008-22/12/2011 Tasso Variabile ISIN IT0004440902

Cassa Padana 22/12/2008-22/12/2011 Tasso Variabile ISIN IT0004440902 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI CON CARATTERISTICHE STANDARD A TASSO VARIABILE Banca Popolare del Lazio T.V. 31/01/2008 31/01/2011 36ª, Codice Isin

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004752199

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004752199 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 24/08/2011-24/08/2014 TASSO FISSO 3,25% Codice ISIN IT0004752199 Le presenti Condizioni

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6 da emettersi nell ambito del programma BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI

Dettagli

Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo

Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo ALLEGATO 2C - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI STEP UP/STEP DOWN Banca Veneta 1896 Credito Cooperativo delle province di Verona e Rovigo Sede sociale: Largo Don Quirino Maestrello, 12 Carpi

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004888365

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004888365 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 01/02/2013-01/08/2015 TASSO FISSO 2,50% Codice ISIN IT0004888365 Le presenti Condizioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA AGRICOLA POPOLARE

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. TASSO FISSO CR Cento 23.09.2011 / 23.03.20143,50% ISIN IT0004762495 EMESSE

Dettagli

Banca di Bologna 21/05/2012 21/05/2014 TF 2,65% ISIN IT0004810112

Banca di Bologna 21/05/2012 21/05/2014 TF 2,65% ISIN IT0004810112 Banca di Bologna Credito Cooperativo Società Cooperativa Capitale sociale al 31/12/10: Euro 49.517.389,44 Sede legale in Bologna, Piazza Galvani, 4 Iscritta al Registro delle Imprese di Bologna al n. 00415760370

Dettagli

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi Bancari codice

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

Banca di Legnano 3 Settembre 2010/2016 Tasso Fisso 2,90%, ISIN IT000462499 2

Banca di Legnano 3 Settembre 2010/2016 Tasso Fisso 2,90%, ISIN IT000462499 2 CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prestito Obbligazionario Banca di Legnano 3 Settembre 2010/2016 Tasso Fisso 2,90%, ISIN IT000462499 2 DA EMETTERSI NELL AMBITO DEL PROGRAMMA DI OFFERTA DENOMINATO "BANCA

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari Mifi d Info Strum/Prodotti Finanz. Ed. Gennaio 2012 Il documento ha

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 11/12/2012-2015 59a DI 20.000.000,00 ISIN IT0004873235 Le presenti Condizioni

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 Art.1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, l Impresa ha costituito

Dettagli

Glossario Finanziario. Aggiotaggio

Glossario Finanziario. Aggiotaggio Glossario Finanziario Aggiotaggio E un atteggiamento, punito penalmente dalla legge, che viene assunto da coloro che per il proprio personale profitto diffondono notizie false e tendenziose relative a

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA ALPI MARITTIME CREDITO COOPERATIVO CARRU S.C.P.A. in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo Carrù S.c.p.a.

Dettagli

BANCA DEL MUGELLO - CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL MUGELLO - CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL MUGELLO - CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "Banca del Mugello TASSO VARIABILE" Banca del Mugello - Credito Cooperativo Società

Dettagli

AXA World Funds - Euro Bonds

AXA World Funds - Euro Bonds Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute nel

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013. Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0. "BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013. Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0. BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013 Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0 da emettersi nell ambito del programma "BANCA POPOLARE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO LAZIO 23/02/2009-23/02/2012 TASSO FISSO 2,70% Codice ISIN IT0004457351 Le presenti Condizioni Definitive

Dettagli