INDICE. Lettera di presentazione...5. Nota metodologica...6

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Lettera di presentazione...5. Nota metodologica...6"

Transcript

1

2

3

4 INDICE Lettera di presentazione...5 Nota metodologica...6 GRUPPO SOFIDEL: IDENTITÀ...11 Sofidel: un Gruppo italiano a vocazione internazionale...13 Contesto europeo di riferimento del settore tissue...14 Storia ed evoluzione del Gruppo Sofidel...16 Realtà del Gruppo Sofidel oggi...19 Stabilimenti del Gruppo Sofidel...22 Processo produttivo e sostenibilità...24 Dai valori alla strategia...25 Credo e valori del Gruppo Sofidel...25 Missione e visione...26 La strategia per una crescita sostenibile...26 Governance e relazioni con gli stakeholder...28 Assetto istituzionale del Gruppo...28 Assetto organizzativo...30 Modello di governo della responsabilità d'impresa...32 Riconoscimenti e premi ricevuti...38 Mappa degli stakeholder...41 Dialogo con gli stakeholder...42 DIMENSIONE ECONOMICA DELLA SOSTENIBILITÀ...47 Contesto di settore...49 Politica e obiettivi economici...50 Dati significativi di gestione...51 Produzione e distribuzione del valore aggiunto...55 DIMENSIONE AMBIENTALE DELLA SOSTENIBILITÀ...57 Politica per la sostenibilità ambientale...59 Risultati dell'impegno per la salvaguardia delle risorse naturali...60 Approvvigionamento responsabile di fibre vergini e l'uso di carta riciclata...60 Consumi di combustibile ed energia...63 Razionalizzazione dei trasporti...65 Bilancio idrico...66 Risultati dell'impegno per la riduzione degli impatti ambientali...68 Qualità dell'aria...68 Iniziative per la riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra...69 Emissioni di altri gas in atmosfera...70 Qualità delle acque di scarico...71 Produzione e valorizzazione dei rifiuti...72 Prevenzione e gestione delle emergenze ambientali...74 Ecologia nei prodotti del Gruppo...74 Organizzazione e metodo...77 Numeri della gestione ambientale degli stabilimenti anno Numeri della gestione ambientale degli stabilimenti anno DIMENSIONE SOCIALE DELLA SOSTENIBILITÀ...83 Sofidel e le risorse umane...85 Composizione del personale...86 Relazioni industriali...87 Pari opportunità, diversità e non discriminazione...88 Sistemi di remunerazione e incentivazione...90 Formazione e valorizzazione...91 Salute e sicurezza sul luogo di lavoro...92 Comunicazione interna e partecipazione...95 Sofidel e i clienti...97 Canali di vendita e organizzazione commerciale...98 Andamento e analisi del mercato Soddisfazione dei clienti Prodotti del Gruppo Sofidel: qualità e sicurezza Dialogo e comunicazione con i clienti Sofidel e i fornitori Qualificazione ed analisi dei fornitori Sofidel e la collettività Apporti diretti al sociale nei diversi ambiti di intervento Attività finalizzata al mondo dell'istruzione e della ricerca universitaria Rapporti con le istituzioni pubbliche Locali, Nazionali ed Internazionali Rapporti con le Associazioni Industriali, Camera di Commercio, Enti Regolatori OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO TAVOLA DEI CONTENUTI GRI GLOSSARIO...130

5

6 LETTERA DI PRESENTAZIONE In coerenza con la nostra missione, da sempre all'interno del Gruppo Sofidel ci impegniamo a sviluppare le nostre attività in maniera responsabile agendo nel quotidiano secondo principi quali l'onestà, la trasparenza, l'integrità morale, l'affidabilità e il senso di responsabilità. Sviluppo e responsabilità sociale, economica ed ambientale, sono per noi elementi integrati nella nostra struttura organizzativa e nella nostra cultura organizzativa. Un modello di efficienza e di efficacia capace di risultati. L'azienda nel suo complesso, iniziando dai propri manager, deve poter porre in essere un nuovo tipo di leadership, che sappia coniugare la voglia di fare, la passione e la competenza, con una visione più ampia e completa circa il complesso ruolo delle imprese nell'attuale scenario internazionale. Si tratta, in estrema sintesi, di creare valore non solo per lo sviluppo economico dell'impresa ma, contestualmente, per il miglioramento della qualità di vita dei dipendenti e della comunità in cui l'azienda opera attraverso specifici programmi di sostenibilità, continuamente aggiornati in linea con le nuove conoscenze. La nostra logica è quella del miglioramento continuo. Questi due anni ci hanno visti impegnati in un ulteriore sviluppo produttivo, con l'importante acquisizione del gruppo Werra tedesco e con la messa a regime degli stabilimenti avviati negli anni passati, ma ci hanno visti anche coinvolti nella prosecuzione o nello sviluppo di iniziative volte alla sostenibilità: sono cresciuti gli stabilimenti che hanno ottenuto la certificazione dei propri sistemi di gestione; sono stati attuati progetti di valorizzazione e motivazione delle nostre risorse umane; è stato redatto il Codice Etico del Gruppo Sofidel, la prima carta dei valori della nostra azienda. Il rigore, la trasparenza e la sostenibilità dei nostri comportamenti ci hanno consentito di conquistare credibilità e fiducia da parte dei partner e dei consumatori. La pubblicazione di questo Bilancio di Sostenibilità del Gruppo Sofidel, che continua e amplia l'esperienza del report di sostenibilità pubblicato negli anni scorsi, rappresenta uno strumento utile per dare conto della visione, delle strategie, dei risultati e degli impegni relativi alla governance di impresa, alle persone, alla salvaguardia dell'ambiente ed alle relazioni con le comunità e il territorio, per favorire un dialogo trasparente e costruttivo e consolidare la collaborazione con tutti gli stakeholder. I risultati conseguiti, pur sempre migliorabili, sono il frutto dell'impegno, della capacità e delle qualità delle donne e degli uomini che lavorano nel Gruppo Sofidel, che ringraziamo. Il nostro intento, continuando a lavorare con l'entusiasmo e la passione sino ad oggi dimostrati, è quello di contribuire, nel nostro piccolo, a rendere il mondo migliore, innalzando contemporaneamente la competitività nel lungo periodo della nostra azienda. Luigi Lazzareschi Emi Stefani 5

7 NOTA METODOLOGICA Questo Bilancio di Sostenibilità vuole essere uno strumento di rendicontazione che, insieme agli altri strumenti informativi tradizionali, consente di realizzare una comunicazione diffusa e trasparente basata sul principio di accountability che significa spiegare, a chi ne ha diritto (rendicontare), cosa si sta facendo per rispettare gli impegni presi rispetto alle tre dimensioni della Responsabilità Sociale d'impresa, ovvero la dimensione economica, sociale ed ambientale. Come è stato costruito questo bilancio Questo Bilancio di Sostenibilità è un documento consuntivo sugli esercizi 2007 e 2008 del Gruppo Sofidel, con linee programmatiche per il futuro, attraverso il quale il Gruppo stesso intende dare conto a tutti gli stakeholder, della coerenza tra la missione e l'attività operativa quotidiana, comunicando con trasparenza le iniziative realizzate e i risultati ottenuti nella costruzione di un dialogo efficace con i diversi interlocutori. Rispetto al Report che prevalentemente rendicontava su aspetti ambientali, questo Bilancio di Sostenibilità del Gruppo Sofidel è il primo che rendiconta su tutte le tre dimensioni della Responsabilità Sociale d'impresa ed estende il perimetro di rendicontazione alle recenti acquisizioni del Gruppo. Dal 2009 il Bilancio di Sostenibilità avrà cadenza annuale. Le linee guida utilizzate Nella elaborazione del documento sono state prese a riferimento metodologico le Sustainability Reporting Guidelines (G3) predisposte dal Global Reporting Initiative (GRI), linee guida per la rendicontazione sulle prestazioni economiche, sociali ed ambientali dell'impresa. Sono stati utilizzati anche altri sistemi, linee guida e documenti internazionali quali: le linee guida di redazione del Bilancio Sociale elaborate dal Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale (G.B.S.) in particolare per il calcolo del valore aggiunto; l'accountability 1000, standard di processo predisposto dall'isea per una rendicontazione sociale che rivolge particolare attenzione al dialogo con gli stakeholder. Tra i differenti livelli di applicazione individuati dalle linee guida GRI (esposti nella figura), questo bilancio ha raggiunto il livello di applicazione A+ che corrisponde a una completa applicazione delle richieste delle linee guida ed a una verifica indipendente esterna. Report Application Levels Optional Mandatory Self Declared Third Party Checked GRI Checked 2002 in Accordance C C+ B B+ A A+ Report Externally Assured Report Externally Assured 6

8 Struttura del documento La struttura del Bilancio di Sostenibilità è stata effettuata ispirandosi alle linee guida menzionate in precedenza ed alle best practice in materia di reporting sociale a livello nazionale ed internazionale. Il Bilancio di Sostenibilità del Gruppo Sofidel risulta suddiviso in quattro parti fondamentali: 1- la prima, relativa all'identità del Gruppo, in cui vengono esplicitati, oltre all'assetto organizzativo, la missione, i valori ed il disegno strategico, i quali congiuntamente orientano le linee politiche, e la rappresentazione dei flussi di scambio con i propri stakeholder; 2 - la seconda descrive le performance economiche e la determinazione e la distribuzione del valore aggiunto agli interlocutori interni ed esterni di riferimento; 3 - la terza parte descrive le performance ambientali, la rilevazione della politica ambientale perseguita oltre che gli impatti diretti ed indiretti che il Gruppo ha sull'ambiente; 4 - la quarta parte descrive le performance sociali con riferimento alle iniziative intraprese in tema di gestione del personale e rapporti con clienti, fornitori e collettività. Il documento riporta ulteriori parti riguardanti gli obiettivi di miglioramento che il Gruppo Sofidel si è posto per il prossimo anno, un glossario contenente le accezioni con cui vengono utilizzati nel report alcuni termini particolarmente significativi e la tavola dei contenuti GRI, che riporta l'elenco e il grado di copertura degli indicatori GRI utilizzati nel documento. Processo di rendicontazione Per realizzare il Bilancio di Sostenibilità del Gruppo Sofidel è stato attuato un processo interno di coinvolgimento dell'intera struttura attraverso una metodologia di lavoro partecipata: un percorso che, sotto la supervisione del vertice, è stato seguito da un gruppo interno con i contributi delle diverse aree organizzative. È stato infatti costituito un Gruppo di lavoro con il compito di indirizzare e verificare il processo di rendicontazione composto da: Balducci Riccardo - Campanile Silvio Servizio centrale Ambiente Bartolini Pierluigi - Fontanini Filippo Direzione Qualità Del Carlo Angelo Direttore Fondazione Giuseppe Lazzareschi Pereda Antonio - Lippi Stefano Direzione Pianificazione Controllo Corporate Governance Scipioni Alfredo Coordinamento operativo Sicurezza di Gruppo Valente Tommaso - Vita Arianna Direzione Risorse Umane, CSR e Organizzazione. Inoltre sono stati coinvolti numerosi referenti, di tutte le aziende del Gruppo italiane ed estere, per la raccolta dei dati. Le informazioni sono state rilevate utilizzando dati provenienti in parte da documenti interni, dalla contabilità generale e dai bilanci di esercizio ed in parte da fonti esterne: sono stati considerati gli impatti più rilevanti ed è stato costruito un sistema di rilevazione strutturato 7

9 (tramite apposite schede) per replicare il lavoro negli anni futuri e per rendere ricostruibile e verificabile il procedimento di raccolta e rendicontazione dei dati e delle informazioni. Dati e fatti all'interno del testo sono stati presentati utilizzando, ove possibile, una terminologia di uso comune; quando ciò non è stato possibile, sono state inserite le relative spiegazioni nel glossario. Il perimetro di rendicontazione del Bilancio di Sostenibilità comprende tutte le aziende del Gruppo. In alcuni casi le prestazioni rendicontate non coprono l'intero perimetro di rendicontazione; i motivi di queste limitazioni sono legati alla materialità del dato oppure all'impossibilità di raccogliere dati omogenei. I dati riportati si riferiscono al biennio ; in alcuni casi le serie storiche sono più ampie per poter rendicontare in modo più completo l'evoluzione del fenomeno. 8

10 Assurance del documento La presente edizione del Bilancio di Sostenibilità del Gruppo Sofidel è stata sottoposta al processo di asseverazione esterna da parte dell'organismo di certificazione indipendente SGS. 9

11 L'insieme del contesto in cui si opera cresce solo se c'è la convinzione che ciò che è bene per la persona e per la società è anche bene per l'impresa. 10

12 GRUPPO SOFIDEL: IDENTITÀ Dimensione SOCIALE Dimensione AMBIENTALE Dimensione ECONOMICA

13 La responsabilità d'impresa deve essere considerata un orientamento strategico complessivo volto alla creazione di valore nel medio - lungo periodo per tutti gli stakeholder d'impresa rilevanti. 12

14 SOFIDEL: UN GRUPPO ITALIANO A VOCAZIONE INTERNAZIONALE Sofidel è un Gruppo italiano con stabilimenti in Italia, Francia, Spagna, Regno Unito, Germania, Polonia e Turchia. Dimensione AMBIENTALE Dimensione ECONOMICA Gruppo SOFIDEL: IDENTITÀ Conoscenza del mercato Innovazione Qualità Razionalizzazione e ottimizzazione fattori produttivi Valorizzazione e sviluppo risorse umane Ecosostenibilità Soddisfazione del cliente Dimensione SOCIALE hanno permesso al Gruppo Sofidel di essere il quarto gruppo europeo nel mercato Tissue. 13

15 CONTESTO EUROPEO DI RIFERIMENTO DEL SETTORE TISSUE Le aziende del Gruppo operano in un unico contesto di riferimento che è quello del settore della carta tissue (la carta destinata ai prodotti finiti per la cucina, il bagno e l'igiene personale). Il settore del tissue vede impegnati molti paesi europei e nel 2007 la produzione annua della carta tissue ha raggiunto tonnellate, facendo segnare un incremento di oltre il 4,5% rispetto al 2006 e nel 2008 ha visto un mantenimento della produzione nonostante una diminuzione generalizzata nel resto del settore cartario. Il primo paese produttore di carta tissue è proprio l'italia, che con oltre tonnellate annue prodotte, rappresenta quasi il 22% della produzione europea, seguita dalla Germania con il 20%, il Regno Unito con il 12%, la Francia con l'11%, la Spagna con il 10% e dagli altri paesi 1. In Italia, la casa della carta tissue è la piana lucchese, dove la fabbricazione della carta ha un inizio antico risalente ai primi anni del 1300, anni in cui nacque la corporazione dei cartolai, specializzati nella produzione di carta "pecora" o "pergamena". La particolare conformazione del territorio, con la forza dell'acqua dei diversi corsi che scorrono verso valle, sfruttata come forza motrice per far muovere i primi macchinari, ha favorito la nascita delle cartiere, come riconversione dei mulini. Inizialmente concentrati sui territori di Pescia e di Villa Basilica, gli opifici si diffusero presto anche nella media valle del Serchio e nelle valli adiacenti; dalla metà del XIX secolo all'imprenditoria lucchese di origine artigianale, si affianca e si sostituisce la figura dell'industriale con una nuova logica di produzione e di lavorazione. Nel novecento si sviluppa un nuovo paesaggio industriale e negli anni Sessanta e Settanta sorgono i nuovi insediamenti produttivi di Porcari (Lucca). La produzione cartaria è integrata dalla cartotecnica e si sviluppa un nuovo prodotto: la carta tissue. Con lo sviluppo economico, l'apertura di stabilimenti nel segno dell'innovazione, i fenomeni di internazionalizzazione e la continua sfida tra multinazionali e gruppi familiari lucchesi, il distretto 14 1 Fonte: CEPI 2007

16 cartario lucchese assume una dimensione sempre più caratterizzata da una rilevante capacità e organizzazione dei processi di lavorazione e dalla qualità del prodotto. Attualmente il settore del tissue del distretto cartario lucchese ha raggiunto primati nazionali e europei, con circa tonnellate annue prodotte, pari al 70% dell'intera produzione nazionale e al 7% di quella europea (a questo si aggiunge un altro milione di tonnellate di bobine per la produzione di cartone e scatole) 2. L'intensa attività industriale del distretto lucchese, concentrata in un territorio relativamente ridotto, ha imposto al settore industriale della carta l'adozione di iniziative di eccellenza ambientale per ridurre i consumi idrici ed energetici, le emissioni in atmosfera e le emissioni acustiche. In tal senso hanno contribuito due elementi importanti: l'adozione da parte del comparto cartario di strumenti di gestione ambientale evoluti e riconosciuti come ISO o EMAS e la nascita di un apparato legislativo complesso. Si deve infatti ricordare che il settore cartario rientra nel campo di applicazione delle direttive comunitarie 96/61/CE, più nota come IPPC (Integrated Pollution Prevention and Control), e 2003/87/CE che istituisce il sistema di scambio di quote di CO 2 noto come Emission Trading (si veda il paragrafo Sofidel e il meccanismo di Emission Trading ). La concomitanza di tali eventi ha prodotto una crescita non solo produttiva ma anche di competenze e consapevolezza nel campo della sostenibilità. Gruppo SOFIDEL: IDENTITÀ Dimensione ECONOMICA Dimensione AMBIENTALE Dimensione SOCIALE 2 Elaborazione Sofidel di statistiche nazionali Assocarta su dati Istat 15

17 STORIA ED EVOLUZIONE DEL GRUPPO SOFIDEL La storia del Gruppo Sofidel inizia a metà degli anni '60 per volontà dei due fondatori Emi Stefani e Giuseppe Lazzareschi; la prima cartiera, la Stefani & Lazzareschi, nasce infatti nel 1966 in cui Soffass inizia la comunicazione pubblicitaria del brand Regina. Nel 1988 nasce Sofidel, l'azienda che ha il compito di coordinare le strategie delle varie aziende e di fornire servizi centrali. Negli anni 90 il Gruppo intensifica la propria crescita; nel 1994, con l'avvio della terza macchina La prima cartiera, la Stefani & Lazzareschi e inizia la produzione di carta crespata monovelo per uso igienico; nel 1969 a tale produzione viene affiancata quella della carta a doppio velo che viene realizzata nella nuova cartiera Fine Paper a Porcari (Lucca). Gli anni '70 sono gli anni in cui nascono le prime aziende cartotecniche italiane del Gruppo: nel 1972 nasce infatti la Soffass e nel 1979 la Delicarta che inizia l'attività di export dei prodotti finiti nei paesi europei. Negli anni '80 vengono poste le basi per un'espansione, sia produttiva che di mercato: nel 1982 nella nuova cartiera Delicarta viene avviata la prima macchina continua, alla quale ne viene affiancata una seconda nel 1987, anno La macchina PM2, Delicarta La macchina PM3, Delicarta continua nella cartiera Delicarta, la capacità produttiva del Gruppo arriva a 140 mila tonnellate annue. Nel 1997 nasce Papernet, cartotecnica italiana con la quale il Gruppo inizia la produzione di articoli per collettività, la Fine Paper avvia una nuova macchina TM2 e in Settembre inizia la costruzione di Delipapier, l'azienda francese del Gruppo che comporta un primo cambiamento strategico, consentendo Delipapier (FRA) 16

18 di produrre (dal 1999) direttamente nei vicini mercati di sbocco esteri. La strategia degli investimenti produttivi prosegue nel 2000 all'estero con la nascita della Delitissue, l'azienda polacca del Gruppo mirata alla produzione (dal 2001) di prodotti finiti destinati ai crescenti e promettenti mercati dell'est Delitissue (POL) Europa, e in Italia con l'acquisto della cartiera Fibrocellulosa. Il 2001 è l'anno in cui il Gruppo realizza due importanti azioni di razionalizzazione: ad Agosto infatti avviene la fusione tra Soffass e Fine Paper, nasce così la Soffass S.p.A., azienda dotata di cartiera e cartotecnica e nel Dicembre Sofidel S.p.A., da azienda di servizi, diventa holding delle società del Gruppo consentendo di trovare sinergie societarie per le nuove sfide che un mercato sempre più allargato e competitivo richiede. Negli anni successivi riprendono gli investimenti produttivi: nel 2002 con l'acquisizione della Cartiera di Monfalcone (ITA), sinergicamente importante in quanto rivolta ai promettenti mercati balcanici, e nel 2003 di Imbalpaper (ITA) che con i suoi stabilimenti di cartiera e cartotecnica crea importanti sinergie con Papernet nel settore della collettività. Nel 2003 la fondazione di Intertissue (UK) consente l'inizio di una penetrazione nel mercato inglese. Nel 2004 l'espansione produttiva e commerciale viene indirizzata verso altri tre importanti mercati: la Germania, principale mercato europeo, con la nascita di Delipapier GmbH in Sassonia-Anhalt Delipapier GmbH (GER) e di Delisoft a Colonia; la Spagna con la costituzione di Ibertissue e la Turchia con l'acquisizione della divisione tissue della Dentas Kagit e la conseguente nascita della Sofidel Kagit. La capacità produttiva delle aziende del Gruppo Ibertissue (SPA) Gruppo SOFIDEL: IDENTITÀ Dimensione ECONOMICA Dimensione AMBIENTALE Dimensione SOCIALE 17

19 viene successivamente potenziata attraverso l'acquisizione nel 2006 di una cartotecnica a Buxeuil (FRA), che diventa il secondo stabilimento produttivo della Delipapier, ed una serie di avviamenti produttivi di macchine continue (tra il 2004 ed il 2006 Gruppo da a tonnellate/annue. A Luglio 2007 viene definita l'acquisizione del pacchetto azionario del gruppo Werra, costituito da 7 società situate a Wernshausen nella Turingia tedesca, che con una capacità annua di negli stabilimenti di Delipapier, Intertissue, Delipapier GmbH e Ibertissue) che permettono al Gruppo Sofidel di porsi come punto di riferimento essenziale nei vari mercati nazionali e come vero e proprio player europeo : produttività a regime e acquisizione del gruppo Werra L'anno 2007 è stato il primo in cui gli stabilimenti produttivi avviati nel 2006 hanno prodotto interamente, per 12 mesi, al massimo della loro capacità produttiva aumentando la produzione del Intertissue (UK) tonnellate permettono al Gruppo di avere un completamento della gamma della propria offerta sui mercati tedeschi, nonché di avere un azienda posizionata nel centro dell'europa con ampie prospettive sinergiche dal punto di vista logistico. Tra Dicembre 2007 e Gennaio 2008, infine, il Gruppo Sofidel ha acquistato il marchio Softis, marchio leader dei fazzoletti di carta sul mercato tedesco. Inoltre nel 2008 Intertissue Ireland ha chiuso la propria liquidazione e Thuringerlogistik e Werra Hygiene (GER) hanno effettuato una fusione per incorporazione. Werra Papier (GER) 18

20 REALTÀ DEL GRUPPO SOFIDEL OGGI Il Gruppo Sofidel è oggi una delle realtà più importanti del distretto cartario lucchese e realizza, al proprio interno, un ciclo integrato che va dalla produzione (e vendita quando non utilizzate nella lavorazione interna) di bobine di carta tissue alla relativa trasformazione in prodotti finiti. I prodotti finiti vengono confezionati per i mercati europei del Consumer (prodotti destinati alle famiglie quali carta igienica, asciugatutto, tovaglioli e fazzoletti etc.) nei due canali: MARCA PROPRIA Regina, come marchio di riferimento nei mercati italiano e polacco e ora in via di sviluppo in altri mercati quali Francia, Svizzera, Inghilterra, Germania e altri paesi dell'est europeo; Softis, marchio leader dei fazzoletti sul mercato tedesco e di primaria importanza sul mercato austriaco; Soft & Easy e Yumy, marchi minori a diffusione più o meno locale in alcune nazioni europee. CONTO TERZI, ovvero prodotti commercializzati con la marca della Grande Distribuzione Organizzata o con marchi minori del Gruppo. Un altro canale è quello della Collettività o Away from Home (comprendente i settori di attività che contemplano l'utilizzo del prodotto fuori casa come Gruppo SOFIDEL: IDENTITÀ Dimensione ECONOMICA Dimensione AMBIENTALE Dimensione SOCIALE 19

21 alberghiero, ristorazione, pulizie ambienti e comunità, stazioni di servizio, enti pubblici), verso cui sono destinati i prodotti finiti quali rotoli di asciugatutto di grandi dimensioni, lenzuolini medici, asciugamani piegati, rotoli jumbo di carta igienica, carta igienica interfogliata, veline facciali ed altri, principalmente con marchi propri (Papernet e altri marchi minori sul mercato nazionale, Imbalpaper sui mercati esteri, vari marchi di Werra per il mercato tedesco) e in minor misura con marchi di terzi. I numeri relativi alla capacità produttiva pongono il Gruppo Sofidel al quarto posto nella graduatoria europea nel mercato tissue con un volume annuo di tonnellate di tissue prodotto e una presenza diffusa in molti mercati europei. Mercato Tissue in Europa SHP Group Lucchese LPC Group ICT Wepa/Kartogroup Metsa Tissue Sofidel K-C G-P SCA FONTE: EU CONSULTING 31/12/ Migliaia tons Gruppo Sofidel - Suddivisione vendite in tonnellate DE - AT - CH IT - MT - SM - VA FR - BE - LU - NL UK - IE - IS PL - RU - UA- LT - LV BY - EE - CZ - SK - MD ES - PT - AD GR - TR - BG - CY HR - SI - BA - CS AL - MK SE - FI - DK - NO HU - RO ALTRI PAESI 34,7% 25,4% 14,7% 9,4% 7,9% 4,1% 1,6% 1,3% 0,5% 0,4% 0,2% 20

22 Sviluppo fatturato consolidato Gruppo Sofidel Dipendenti Gruppo Sofidel Gruppo SOFIDEL: IDENTITÀ Dimensione ECONOMICA Fatturato consolidato Incremento 2007 FONTE: SOFIDEL 31/12/ Milioni di euro Come si evince dai grafici sopra riportati, il Gruppo Sofidel ha un fatturato in continua crescita e il numero di dipendenti ha superato nel 2008 Dipendenti Incremento annuo FONTE: SOFIDEL 31/12/2008 di tutte le aziende controllate, è presente in numerosi Paesi europei tanto come produttore di bobine (Italia, Spagna, Germania, Polonia, Francia Dimensione AMBIENTALE le 3100 unità. Il Gruppo Sofidel oggi, che attraverso la holding Sofidel S.p.A. detiene direttamente o indirettamente la proprietà e Regno Unito), che come produttore di prodotti finiti (Italia, Spagna, Germania, Polonia, Francia, Regno Unito e Turchia). Dimensione SOCIALE UK GER POL FRA SPA ITA TUR 21

23 LE ATTIVITÀ DELLE AZIENDE DEL GRUPPO SOFIDEL HOLDING STABILIMENTI DEL GRUPPO SOFIDEL Gli stabilimenti del Gruppo, si distinguono in base alla propria attività nelle seguenti tipologie: CARTIERA: stabilimento che produce carta tissue, a partire da pura cellulosa o da carta da macero, sotto forma di bobine madri dal peso medio di circa due tonnellate; CARTOTECNICA: stabilimento localizzato spesso nei dintorni della cartiera ma avente le caratteristiche di stabilimento a sé stante. In questa tipologia di stabilimento le bobine di grandi dimensioni vengono trasformate in prodotti finiti; INTEGRATO: stabilimento che rappresenta l'evoluzione dell'industria cartaria tradizionale; ovvero all'interno dello stesso sito industriale sono presenti reparti dove vengono svolte le operazioni di produzione e di trasformazione della carta tissue ovvero cartiera e cartotecnica insieme. INTEGRATI CARTIERE CARTOTECNICHE OMEGA THP Appartengono poi al Gruppo anche le seguenti tipologie di società: SOCIETÀ DI SERVIZI: azienda che svolge servizi sia a supporto delle altre aziende del Gruppo, sia per terzi; SOCIETÀ DI TRADING: azienda che effettua la commercializzazione sui mercati nazionali sia di prodotti finiti che di bobine. SOCIETÀ di SERVIZI SOCIETÀ di TRADING THP Logistick E&M UK Higiene 22

24 Oltre ad essere la holding del Gruppo industriale omonimo, rappresenta anche un'efficiente società di servizi per le aziende del Gruppo. Tali attività sono svolte da specialisti che svolgono prevalentemente lavoro di coordinamento e sviluppo. Produzione di bobine in carta tissue e realizzazione di prodotti finiti per i mercati esteri della Collettività. Produzione di bobine in carta tissue e realizzazione di prodotti finiti per il mercato del Consumer. Produzione di bobine in carta tissue e realizzazione di prodotti finiti per il mercato del Consumer. Gruppo SOFIDEL: IDENTITÀ Produzione di bobine in carta tissue e realizzazione di prodotti finiti per il mercato del Consumer. Produzione di bobine in carta tissue e realizzazione di prodotti finiti per i mercati del Consumer dell'est Europeo, prevalentemente con marchio Regina e con altri marchi minori. Produzione di bobine in carta tissue e realizzazione di prodotti finiti per il mercato del Consumer. Produzione di bobine in carta crespata da macero (riciclata) e realizzazione di prodotti finiti per il mercato della Collettività e del Consumer. Produzione di bobine in carta tissue da cellulosa o macero (riciclata) e realizzazione di prodotti finiti per il mercato della Collettività e del Consumer. Produzione di bobine in carta tissue da cellulosa e realizzazione di prodotti finiti per il mercato della Collettività e del Consumer. Produzione di bobine in carta tissue. Produzione di bobine in carta tissue. Dimensione ECONOMICA Dimensione AMBIENTALE Produzione di bobine in carta tissue. Produzione di bobine in carta tissue. Realizzazione di prodotti finiti per il mercato nazionale del Consumer con marchio Regina. Dimensione SOCIALE Realizzazione di prodotti finiti per il mercato Consumer con il marchio Nicky e per i marchi privati della GDO italiana ed europea. Realizzazione di prodotti finiti per il mercato italiano della Collettività. Realizzazione di prodotti finiti per il mercato Consumer con il marchio Regina e Yumy e per i marchi privati della GDO turca. Società di servizi logistici e di trasporto. Fusasi con Werra Hygiene nel Società di servizi immobiliari. Commercializzazione prodotti finiti sul territorio irlandese. Azienda cessata nel Commercializzazione bobine sul territorio inglese. Vendita al dettaglio di prodotti in carta e per l'igiene della persona. Fusasi con Thuringerlogistik nel Commercializzazione dei prodotti a marchio Regina e Softis sul mercato tedesco. 23

25 PROCESSO PRODUTTIVO E SOSTENIBILITÀ Il processo di realizzazione dei prodotti del Gruppo Sofidel si basa sulla lavorazione delle materie prime ovvero di cellulosa e, in minor parte, di carta da macero. L'approvvigionamento della materia prima coinvolge una filiera di aziende che producono la cellulosa prevalentemente dal legname proveniente da scarti di lavorazione delle segherie o di altre industrie oppure da tronchi provenienti da piantagioni o foreste gestite in maniera sostenibile (si veda a tal proposito il paragrafo Risultati dell impegno per la salvaguardia delle risorse naturali ); dal legno infatti, attraverso un procedimento di triturazione, cottura e trattamento chimico, viene estratta la cellulosa. Il primo processo produttivo avviene quindi nelle cartiere del Gruppo dove la pasta di cellulosa approvvigionata, oppure la carta da macero, viene disciolta in acqua calda, raffinata e quindi utilizzata dalle macchine continue per la produzione di grandi bobine di carta tissue (jumbo roll o parent reel). La seconda parte del processo produttivo avviene a valle del precedente, nelle cartotecniche, gli stabilimenti nei quali le bobine vengono trasformate nei prodotti finiti che sono poi confezionati e venduti al cliente finale attraverso i vari canali di distribuzione. Tenendo conto della ampia integrazione verticale del Gruppo Sofidel gli aspetti legati alla sostenibilità in tutto il processo realizzativo e nella filiera dell approvvigionamento sono molteplici: di seguito sono riportati principali rischi ed opportunità nelle tre dimensioni della sostenibilità. RISCHI E OPPORTUNITÀ NELLA DIMENSIONE AMBIENTALE Provenienza e controllo della materia prima Approvvigionamento idrico Impatti ambientali diretti e indiretti Cambiamento climatico Logistica e trasporti Packaging sostenibile1 RISCHI E OPPORTUNITÀ NELLA DIMENSIONE SOCIALE Sostenibilità negli acquisti (provenienza, qualità, etc.)2 Integrazione sul territorio ospitante Dialogo con le istituzioni e con le parti sindacali Motivazione e competenza del personale Gestione delle diversità Sicurezza sul luogo di lavoro Corretta comunicazione Sicurezza per il consumatore3 RISCHI E OPPORTUNITÀ NELLA DIMENSIONE ECONOMICA Disponibilità delle materie prime Costi di transazione4 Soddisfazione dei consumatori Efficienza produttiva e risparmio costi (trasporti, lavoro, etc.) Gestione dei rischi finanziari5 Un'attenta analisi di tali rischi ed opportunità è svolta dal Gruppo per inquadrare in termini di probabilità e di impatto tutti quegli aspetti che, direttamente o indirettamente, possono influenzare il raggiungimento degli obiettivi aziendali La sostenibilità del packaging implica una valutazione quantitativa e qualitativa degli imballaggi al fine di ridurne l'impatto ambientale 2 La sostenibilità degli acquisti implica una particolare attenzione nella scelta dei fornitori (qualifica) per garantire la sicurezza per il consumatore 3 La sicurezza per il consumatore, oltre alla qualità e igienicità, implica anche correttezza dell'informazione e della comunicazione

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 RICONOSCIMENTO E COSTITUZIONE DEI DISTRETTI RURALI, DEI DISTRETTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ E DEI DISTRETTI DI FILIERA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli