Centrale di Fiume Santo. EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornamento annuale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centrale di Fiume Santo. EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornamento annuale 2009. www.eon.it"

Transcript

1 Centrale di Fiume Santo EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornamento annuale 29

2 Indice Presentazione 4 Il Gruppo E.ON 8 La Centrale di Fiume Santo 12 La politica integrata Ambiente e Sicurezza della Centrale di Fiume Santo 14 Gli aspetti ambientali della Centrale di Fiume Santo 24 Salute e sicurezza 27 I rapporti con l esterno 28 Il programma ambientale Il monitoraggio delle prestazioni ambientali 2 Il sistema di gestione ambientale 4 Effetto locale delle sostanze inquinanti emesse 6 Appendici 4 Glossario 4 Informazioni al pubblico Centrale di Fiume Santo Dichiarazione Ambientale 29 E.ON Produzione S.p.A. - Centrale di Fiume Santo (Codice NACE 5.11: Produzione di energia elettrica) Questo sito è dotato di un sistema di gestione ambientale e i risultati raggiunti in questo settore sono comunicati al pubblico conformemente al sistema comunitario di ecogestione ed audit. GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg. n IT-4

3 Certificate printed on 15/6/21 CERTIFICATO N. EMS-2959/S CERTIFICATE No. SI CERTIFICA CHE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE DI IT IS HEREBY CERTIFIED THAT THE ENVIRONMENTAL MANAGEMENT SYSTEM OF E.ON PRODUZIONE S.P.A. LOCALITA' FIUME SANTO, CABU ASPRU 71 SASSARI (SS) ITALIA NELLE SEGUENTI UNITÀ OPERATIVE / IN THE FOLLOWING OPERATIONAL UNITS LOCALITA' FIUME SANTO, CABU ASPRU 71 SASSARI (SS) ITALIA È CONFORME ALLA NORMA IS IN COMPLIANCE WITH THE STANDARD ISO 141:24 E AL DOCUMENTO SINCERT RT-9 PER I SEGUENTI CAMPI DI ATTIVITÀ / FOR THE FOLLOWING FIELD(S) OF ACTIVITIES EA:25 PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE COMBUSTIONE DI CARBONE, OLIO COMBUSTIBILE E GASOLIO. RICEZIONE VIA MARE DI CARBONE E OLIO COMBUSTIBILE ELECTRIC POWER GENERATION THROUGH COAL, FUEL OIL AND DIESEL OIL COMBUSTION. RECEIPT BY SEA OF COAL AND FUEL OIL Per informazioni sulla validità del certificato, visitare il sito For information concerning validity of the certificate, you can visit the site L'uso e la validità del presente certificato sono soggetti al rispetto del documento RINA: Regolamento per la Certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale The use and the validity of this certificate are subject to compliance with the RINA document: Rules for the Certification of Environmental Management Systems La validità del presente certificato è subordinata a sorveglianza periodica annuale / semestrale ed al riesame completo del sistema di gestione con periodicità triennale The validity of this certificate is dependent on an annual / six monthly audit and on a complete review, every three years, of the management system Prima emissione First Issue Emissione corrente Current Issue Data scadenza Expiry Date Dott. Roberto Cavanna (Direttore della Divisione Certificazione) RINA Services S.p.A. Via Corsica Genova Italy CISQ è la Federazione Italiana di Organismi di Certificazione dei sistemi di gestione aziendale CISQ is the Italian Federation of management system Certification Bodies SGQ N 2A - SGA N 2D PRD N 2B - PRS N 66C SCR N F - SSI N 1G Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA e IAF Signatory of EA and IAF Mutual Recognition Agreements

4 Presentazione Il documento che segue rappresenta il secondo aggiornamento della Dichiarazione Ambientale della Centrale Termoelettrica di Fiume Santo di E.ON Produzione. Colgo l occasione per ringraziare quanti collaborano a mantenere vivo il sistema e si rendono promotori di comportamenti virtuosi per l ambiente e la sicurezza nell anno a venire anch esso ricco di traguardi. Tale appuntamento è ormai divenuto una consuetudine, potendo vantare l appartenenza alle organizzazioni EMAS da oltre cinque anni. In tale arco di tempo sono stati raggiunti ambiziosi obiettivi di miglioramento da me fortemente voluti e compiuti con la collaborazione di tutti i dipendenti e del personale esterno. Fiume Santo, dicembre 29 Marco Bertolino Capo Centrale Fiume Santo Nell anno appena trascorso meritano una menzione speciale, tra i tanti, due obiettivi: il completo raggiungimento dell obiettivo riguardante la certificazione del sistema di gestione della sicurezza sul lavoro secondo lo standard OHSAS 181 e l inizio delle attività che consentiranno l utilizzo a partire dal prossimo anno delle biomasse, in parziale sostituzione del carbone, sulla unità n. della Centrale. D altronde in questo continuo darsi obiettivi di miglioramento e cercare in ogni modo di raggiungerli sta l essenza del Regolamento Comunitario EMAS, Regolamento al quale tutto il personale che opera quotidianamente nella Centrale si riferisce con convinzione e rinnovato entusiasmo.

5 4 Il Gruppo E.ON E.ON è tra i più grandi gruppi energetici privati al mondo e opera con oltre 88 mila dipendenti in più di Paesi. Nato nel 2, oggi E.ON conta su oltre milioni di clienti finali, una produzione di energia elettrica pari a,9 TWh e un fatturato annuo di 81,8 miliardi di euro. Il Gruppo E.ON Il Gruppo è attivo sull intera catena del valore dell energia e del gas con attività integrate nell upstream (generazione elettrica e produzione di gas naturale), nel midstream (importazione, trasmissione e trading di energia) e nel downstream (fornitura al cliente finale). La grande esperienza e il know-how di E.ON, nonché la ricerca e lo sviluppo di tecnologie efficienti e compatibili con l ambiente e la sicurezza, permettono di fornire ai clienti energia e servizi sempre più innovativi e competitivi. In questo modo, E.ON crea valore per gli azionisti e contribuisce alla crescita professionale dei propri dipendenti, trasferendo capacità e innovazione, nel pieno rispetto dei propri valori principali: integrità, coraggio, chiarezza, fiducia e responsabilità sociale. Attualmente la capacità di generazione installata del Gruppo è pari a 74 GW con un mix equilibrato di fonti energetiche: carbone (1%), gas naturale e lignite (5%), nucleare (24%), rinnovabili (1%). Con l obiettivo di garantire un approvvigionamento energetico sicuro, prezzi competitivi e tutela dell ambiente, E.ON assicura un mix energetico sempre più equilibrato. Inoltre, lavora continuamente per migliorare l efficienza produttiva e l eco-compatibilità, investendo in nuove tecnologie e nelle fonti rinnovabili. Per sviluppare questi obiettivi, E.ON ha pianificato per il investimenti a livello globale per miliardi di euro, di cui 21 destinati allo sviluppo della produzione e della distribuzione di elettricità e 5 allo sviluppo delle energie rinnovabili con l obiettivo di diminuire del 5% le emissioni di CO 2 entro il 2. E.ON in Italia L attività di E.ON, presente in Italia dal 2, va dalla produzione fino alla vendita di gas e di elettricità, con più di 8. clienti finali. L Azienda si posiziona oggi tra i leader del mercato italiano dell energia con una capacità produttiva pari a circa 6,1 GW sul territorio nazionale. Nell arco dei prossimi anni E.ON prevede di portare la quota di capacità di generazione da rinnovabili in Italia al 6% e di sostituire le unità produttive alimentate a olio combustibile con nuove unità a gas o a carbone. Una volta completato,

6 5 il programma aumenterà del 5% l efficienza termica media del parco impianti, riducendo in maniera significativa le emissioni di anidride carbonica e aggiungendo una capacità di generazione tecnologicamente avanzata di 1,4 GW. E.ON Italia E.ON Italia è la management company della market unit italiana. Definisce la strategia per il mercato italiano e gestisce le attività di business. E.ON Produzione E.ON Produzione è la generation company, la società che produce energia a livello nazionale che ha come obiettivo quello di generare energia sicura, a prezzi accessibili e nel rispetto dell ambiente. E.ON Rete Dal 1 dicembre 29 le cinque società di distribuzione del gas, E.ON Rete Laghi, E.ON Rete Mediterranea, E.ON Rete Orobica, E.ON Rete Padana, E.ON Rete Triveneto, si sono fuse nella nuova società E.ON Rete. In base alla normativa italiana, le attività di distribuzione sono separate da quelle di vendita ( Unbundling ). E.ON Energia È la società che gestisce i servizi per la fornitura di energia elettrica e gas naturale in Italia a clienti privati e aziende, fornendo loro prodotti e servizi attraverso diversi canali. Con l acquisizione e la completa integrazione in E.ON Energia di MPE Energia, avvenute nel corso del 29, sono ora più di 8. i clienti serviti in Italia. E.ON Energy Trading È la società del Gruppo E.ON per la compravendita di energia a livello internazionale. E.ON Climate & Renewables È la market unit del Gruppo E.ON responsabile delle attività di generazione di energia attraverso fonti rinnovabili. Pan-European gas È la market unit che si occupa di assicurare la fornitura di gas attraverso reti, contratti e infrastrutture. E.ON Ruhrgas, la leading company della market unit, partecipa con una quota superiore al % al consorzio Olt Offshore LNG Toscana. Insieme a partner austriaci, E.ON Ruhrgas sta lavorando sul progetto Tauerngas-Pipeline, un gasdotto che potrebbe connettere le reti di gas del nord e sud Europa e trasportare il gas in entrambe le direzioni. Per saperne di più E.ON AG Produzione E.ON Produzione E.ON Italia Distribuzione E.ON Rete Vendita E.ON Energia Trading E.ON Energy Trading Rinnovabili E.ON Climate & Renewables Gas Pan-European gas

7 6 Struttura organizzativa della Direzione Generation Operations E.ON Produzione Generation Health, Safety & Environment (HSE) Generation Operations Generation Economics and Support Generation Projects Generation Asset Management Centrale di Fiume Santo Centrale di Livorno Ferraris Centrale di Ostiglia Centrale di Scandale Centrale di Tavazzano e Montanaso Nucleo Idroelettrico di Terni Centrale di Trapani

8 7

9 8 La Centrale di Fiume Santo Centrale di Fiume Santo 144 MW La Centrale termoelettrica di Fiume Santo è situata nella parte nord-occidentale della Sardegna, sulla costa che si affaccia sul Golfo dell Asinara all'estremo occidentale dell'area industriale di Porto Torres. La Centrale sorge su di un area di circa 15 ettari, situata nei pressi della foce di Fiume Santo a Ovest di Porto Torres, ed è collocata all interno dell A.S.I. (Area di Sviluppo Industriale) di Sassari Porto Torres Alghero ed in particolare nell area definita Area per impianti termoelettrici che ricade nei Comuni di Sassari e Porto Torres. In direzione Nord Ovest sono presenti aree di interesse turistico lungo la costa che si sviluppa di fronte all isola dell Asinara che costituisce Parco naturale protetto. Fra le aree di maggior interesse naturalistico si segnalano gli Stagni di Pilo, Casaraccio, Platamona, Capo Falcone, Porto Palmas-Punta Lu Caparrori, l Isola dell Asinara. La Centrale di Fiume Santo fa parte di E.ON Produzione spa, società detenuta al 1% da E.ON Italia. Funzionalmente E.ON Produzione è organizzata nella Direzione Generation Italy che sovraintende alle attività di produzione elettrica delle centrali termoelettriche e idroelettriche dislocate sul territorio italiano. La Direzione Generation Italy riporta alla filiera di Gruppo denominata COO CCGT ubicata all estero. La struttura organizzativa di Centrale L organizzazione della Centrale conferisce al Direttore di Centrale piena responsabilità, autorità e autonomia per la definizione e attuazione della politica e del programma ambientale del sito nonché per la gestione di tutti gli aspetti ambientali. In particolare, ha l autorità per assicurare l introduzione, l applicazione e il riesame del sistema di gestione ambientale e della sicurezza per elaborare i percorsi formativi rivolti al personale.

10 9 Il Direttore di Centrale è coadiuvato da un Vice Direttore di Centrale che ricopre le sue funzioni in caso di impedimento. Al Direttore afferiscono due Sezioni, la Sezione Esercizio e la Sezione Manutenzione, responsabili della conduzione in turno degli impianti e di alcune funzioni di controllo. A supporto del Direttore di Centrale si colloca la Linea Personale e Servizi e la Linea Ambiente, Sicurezza e Autorizzazioni nella quale è inserito il Rappresentante della Direzione, come definito nel Regolamento EMAS, il quale ha la responsabilità dell attuazione, del mantenimento e della revisione del Sistema di Gestione Integrato Ambientale e della Sicurezza. E.ON Produzione Capo Centrale Ambiente Sicurezza e Autorizzazioni Personale e Servizi Capo Sezione Esercizio Capo Sezione Manutenzione Personale conduzione impianto in turno Laboratorio chimico e ambientale Reparto manutenzione meccanica Reparto programmazione e logistica Linea controllo economico dati di esercizio Reparto movimento combustibili Reparto manutenzione elettroregolazione Team di manutenzione Figura : Organigramma della Centrale

11 1 L impianto e i processi produttivi La Centrale si compone di 4 sezioni termoelettriche convenzionali con ciclo a vapore surriscaldato (due sezioni da 16 MWe alimentate ad olio combustibile denso e due sezioni da 2 MWe alimentate a carbone) e da due sezioni turbogas da 4 MWe ciascuna alimentate a gasolio di recente installazione con finalità esclusiva di stabilizzazione e sicurezza della rete di trasmissione in alta tensione di competenza del Gestore Nazionale della Rete. Le sezioni e 4, oltre ai depolverizzatori presenti, dispongono di moderni impianti di abbattimento degli inquinanti: denitrificatori e desolforatori. La Centrale dispone di un parco combustibili liquidi interno situato presso le sezioni 1 e 2, costituito da 4 serbatoi, di cui serbatoi da 5. m ed 1 da 1. m destinati a contenere olio combustibile denso, oltre a una serie di serbatoi atti a contenere il gasolio per l avviamento delle caldaie dei gruppi 1, 2,, 4 e per l'alimentazione dei gruppi turbogas 5 e 6 per un volume complessivo pari a m. Tutti i serbatoi sono dotati di un adeguato bacino di contenimento. L'approvvigionamento dell'olio combustibile avviene mediante navi le quali attraccano al pontile di proprietà di E.ON Produzione presso il porto industriale di Porto Torres. Da qui il combustibile è trasferito al deposito olio combustibile tramite l oleodotto, che consiste in una tubazione da 24 per un tratto e una tubazione da 16 nel tratto finale. La linea, coibentata e dotata di riscaldamento elettrico, si sviluppa per una lunghezza di circa 8,1 km tutto fuori terra, di cui 2,2 km sulla banchina e 2,4 km nell area dello stabilimento Polimeri Europa. Il gasolio è approvvigionato tramite autobotti. Il carbone, utilizzato in centrale dal giugno 2 esclusivamente presso le sezioni e 4, è approvvigionato con navi carboniere, dalle quali, tramite due gru situate in banchina e dotate di benne mobili, è caricato nelle tramogge di alimentazione del nastro trasportatore e da questi al parco. Dal parco il carbone è prelevato da una macchina combinata che lo deposita sul nastro trasportatore che alimenta le tramogge delle sezioni e 4. La capacità del deposito carbone, situato nell'area adiacente le sezioni e 4, è di. t. due sezioni; la è entrata in servizio nel settembre del 1992 e la sezione 4 nel novembre del 199. Nel corso del 1997 e del 1998 sono entrati in servizio gli impianti ambientali, desolforatore e denitrificatore, annessi alle sezioni e 4. Tali impianti si sono resi necessari per adeguare le emissioni degli ossidi di azoto e dell anidride solforosa ai limiti imposti dalla legge per i grandi impianti di produzione dell energia elettrica. A novembre 25 sono entrati in funzione i gruppi turbogas alimentati a gasolio. L ambiente circostante La centrale è inserita in una zona esclusivamente industriale a cavallo di due Comuni della Provincia di Sassari: il Comune di Sassari ed il Comune di Porto Torres. La zona industriale è ricompresa nel Consorzio Industriale di Sassari-Porto Torres-Alghero di interesse pubblico. L area ricade in un ambito territoriale sottoposto alla tutela del paesaggio da parte della Regione Sardegna. Inoltre, l affaccio a mare della Centrale è prospiciente il Parco dell Asinara, Area marina protetta di particolare pregio ambientale e naturalistico. Tutto ciò comporta una particolare sensibilita da parte del personale operante e delle popolazioni residenti verso le attività ed i progetti della Centrale. Figura 4: Vista del Parco Carbone La storia e lo sviluppo futuro del sito La costruzione delle sezioni 1 e 2 è iniziata nel La sezione 1 è entrata in servizio nell'aprile del 198 e la sezione 2 nel gennaio Agli inizi degli anni '8 è iniziata la costruzione delle sezioni e 4 situate ad un km di distanza delle prime Figura 5: Vista della Centrale dagli uffici

12 11 Scheda tecnica della Centrale termoelettrica di Fiume Santo Tipo d impianto Centrale termoelettrica convenzionale, alimentata a carbone e olio combustibile denso, con annesso deposito costiero Indirizzo e ubicazione Impianti di produzione elettrica: Agro di Sassari Scarico carbone e olio: banchina nel porto di Porto Torres Proprietà E.ON Produzione S.p.A. Area Centrale 152 ettari Potenza installata 1.44 MW Codice NACE 5.11 Energia netta annua prodotta 4.51 GWh (28) Date di primo parallelo Gruppo 1 (16 MW): Gruppo 2 (16 MW): Gruppo (2 MW): Gruppo 4 (2 MW): 199 Numero di dipendenti al 1/12/29 29 Elementi caratteristici: Gruppo 1-2 Potenza elettrica max ciascuno: 16 MW Alimentazione: olio combustibile Tipo ciclo: Rankine, con surriscaldamento, risurriscald. e ciclo rigenerativo a 7 spillamenti da turbina Generatore di vapore: Potenzialità: 59 t/h di vapore a p=14 bar e t=58 C, a corpo cilindrico, circolazione naturale, tiraggio bilanciato Gruppo -4 Turbogas 5-6 Deposito costiero Ciminiere Depurazione fumi: precipitatori elettrostatici sistema BOOS per NO x Gruppi attestati su montante elettrico a 15 kv Potenza elettrica max ciascuno: 2 MW Alimentazione: carbone olio combustibile Tipo ciclo: Rankine, con surriscaldamento, risurriscaldamento e ciclo rigenerativo a 8 spillamenti da turbina Generatore di vapore: potenzialità: 1.5 t/h di vapore a p=17 bar e t=58 C, a circolazione assistita Depurazione fumi: precipitatori elettrostatici desolforatori denitrificatori Gruppi attestati su montante elettrico a 8 kv Potenza elettrica: 4 MW ciascuno Alimentazione: gasolio Turbina a gas tipo avioderivata, prevista per funzionamento limitato per assistenza alla rete elettrica nazionale e con finalità di riaccensione rete alta tensione in caso di black-out Capacità deposito olio combustibile: serbatoi da 5. m, 1 serbatoio da 1. m Capacità carbonile:. t circa Capacità stoccaggio gasolio: 2.5 t Approvvigionamento combustibile: via mare, attraverso propria banchina di carico e via terra per gasolio attraverso autobotti 2 ciminiere distinte, con fusto in cemento armato, alte rispettivamente 15 m per i gruppi 1, 2 e 2 m per i gruppi e 4. Figura 6

13 12 La politica integrata Ambiente e Sicurezza della Centrale di Fiume Santo Nel corso del 29, a seguito della decisione della Direzione di perseguire la via del sistema di gestione integrato Ambiente e Sicurezza (SGIAS), è stato riemesso il documento di Politica del Sito di seguito riportato. La politica ambientale della Centrale Il rispetto per l ambiente e la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori e dei cittadini costituiscono per E.ON Produzione S.p.A. elementi di priorità nella gestione e nella conduzione della Centrale di Fiume Santo. È necessario pertanto l impegno costante di tutti per preservare l ambiente con una progressiva riduzione dell impatto ambientale globale e locale e prevenire gli incidenti e/o le malattie professionali, con l obiettivo della loro completa eliminazione agendo sui comportamenti dei lavoratori per renderli tutti costantemente sicuri e creare un clima di rispetto che favorisca il coinvolgimento e la collaborazione di tutte le persone. Per questo la Direzione e tutto il personale della Centrale di Fiume Santo, ciascuno per quanto gli compete, si impegnano a: condurre le proprie attività in conformità alle leggi e ai regolamenti locali, regionali e nazionali, agli standard aziendali ed a qualsiasi impegno assunto in materia; accrescere la formazione, l addestramento, l informazione e la consultazione di tutti i collaboratori per l identificazione e la riduzione degli impatti sull ambiente e dei rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori connessi con le attività della Centrale, promuovendo a ogni livello un diffuso senso di responsabilità e consapevolezza verso l ambiente e verso la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; gestire la Centrale, progettare e realizzare le eventuali modifiche o nuove attività considerando le

14 1 caratteristiche dello specifico contesto territoriale e le esigenze di sicurezza e salute, con l'obiettivo di prevenire o eliminare i rischi e gli impatti ambientali ovvero tenerli sotto controllo e minimizzarli. assicurare la sistematica valutazione delle prestazioni ambientali e di salute e sicurezza della Centrale attraverso un costante monitoraggio dei processi finalizzato a fornire gli elementi per il continuo miglioramento delle prestazioni stesse; ottimizzare l uso delle risorse naturali attraverso un impiego razionale ed efficiente delle risorse energetiche, delle acque e delle materie prime favorendo il riutilizzo dei rifiuti e l utilizzo dei sottoprodotti; La concreta attuazione dei princípi e degli obiettivi sopra esposti è realizzata con l introduzione e il mantenimento di un Sistema di Gestione Ambientale e di Salute e Sicurezza conforme alla norma UNI EN ISO 141, allo standard BS OHSAS 181 e con l adesione ai princípi del regolamento comunitario EMAS. Marco Bertolino Capo Centrale Fiume Santo scegliere fornitori e appaltatori secondo i princípi di qualità interni, attivando una continua cooperazione e confronto con gli stessi al fine di elevare gli standard delle prestazioni in materia di protezione dell ambiente e prevenzione degli incidenti, coerentemente con gli obiettivi aziendali; promuovere e sostenere il dialogo aperto con la popolazione e le autorità sui temi della sicurezza e dell'ambiente, comunicando le informazioni necessarie per comprendere i pericoli connessi con le attività della Centrale e le misure attuate per prevenire gli incidenti, condividendo i percorsi di miglioramento; comunicare e cooperare con le autorità pubbliche per stabilire e aggiornare procedure di emergenza; migliorare continuamente la capacità di gestire preventivamente e reattivamente le situazioni di emergenza e gli incidenti, curando una sistematica analisi per la ricerca delle cause e delle misure di miglioramento da attuare;

15 14 Gli aspetti ambientali della Centrale di Fiume Santo La valutazione degli effetti ambientali dovuti alle attività svolte nella Centrale costituisce un elemento fondamentale per il sistema. La valutazione ha il fine di poter organizzare modalità gestionali e operative per poter ridurre al minimo gli impatti e poter lanciare obiettivi di miglioramento coerenti alla realtà di lavoro. L organizzazione ha individuato i processi di base e i luoghi di Centrale/Nucleo per effettuare un analisi sistematica di tutte le interazioni con l ambiente che si sviluppano nel sito, chiamate aspetti ambientali. Dunque, gli aspetti ambientali sono stati valutati, con un metodo quali-quantitativo, in base a specifici criteri riconducibili a due parametri macroscopici: la gravità dell aspetto e il livello di gestione operato sullo stesso. La combinazione di tali fattori consente di stabilire il livello di significatività dell aspetto, ossia rende conto della severità dell impatto connesso. In altre parole, la massima significatività avviene se un aspetto è molto grave e poco gestito, la minima significatività se un aspetto ha lieve importanza ambientale ed è fortemente gestito. La significatività ambientale è ordinata per priorità da 1 a 5 in cui 1 rappresenta la condizione peggiore, come illustrato nella tabella sottostante. Livelli di significatività ambientale Livello Esplicitazione della significatività Figura 7 L5 L4 L L2 L1 Aspetto trascurabile o non significativo Aspetto non significativo Aspetto significativo Aspetto molto significativo Aspetto estremamente significativo Con significatività pari a 1, 2 e gli aspetti ambientali sono considerati significativi e rientrano in un registro specifico (riportato in appendice) allo scopo di essere tenuti sotto controllo. A partire dagli aspetti significativi, dunque, sono messe in moto azioni di analisi, verifica, sviluppo e miglioramento, finalizzate a ridurre l impatto delle specifiche attività che generano l aspetto stesso.

16 15 Gli aspetti ambientali diretti Di seguito si riportano con maggiore dettaglio gli aspetti ambientali significativi della Centrale. Uso di combustibili e di energia I combustibili utilizzati per la produzione di energia elettrica sono l'olio combustibile denso e il carbone; da dicembre 25 è stato introdotto un altro tipo di combustibile da produzione, il gasolio, a seguito della entrata in servizio di due unità turbogas da 4 MWe ciascuna previste in funzionamento limitato a 5 ore annue complessive. Inoltre dal 26 è terminato l uso dell Orimulsion e si è iniziata la sperimentazione della combustione mista biomasse-carbone. Nella figura 8 seguente è riportato il quantitativo di combustibili adoperati negli ultimi anni: necessaria per i consumi degli ausiliari elettrici interni (ventilatori, pompe, riscaldamenti vari ecc.). Il valore dell energia elettrica prodotta è variabile ed è regolato dalla richiesta del Gestore della rete elettrica nazionale (GRTN) e dalla disponibilità degli impianti. In figura 9 sono riassunti la produzione e i consumi interni per gli ultimi 5 anni. Bilancio energia elettrica GWh Energia prodotta Energia venduta Autoconsumo Consumo combustibili kton OCD Carbone Biomasse Gasolio Figura La produzione di energia elettrica risulta diminuita rispetto all anno precedente essenzialmente per la diminuita richiesta di energia da parte della Rete regionale Figura 8 La missione di E.ON Produzione è produrre energia elettrica secondo le tecnologie più efficienti nel rispetto di valori sociali tra i quali la tutela dell ambiente. L energia elettrica prodotta da una centrale termoelettrica si distingue in energia netta venduta, che è quella che effettivamente viene immessa in rete, ed energia lorda che comprende anche la quota di energia

17 16 Uso di risorse idriche Le acque di processo Per il suo funzionamento la Centrale preleva acqua da diverse fonti. Di seguito si riportano più dettagliatamente. Acqua di mare per il raffreddamento La Centrale preleva l'acqua di mare per il raffreddamento del vapore di scarico delle turbine e il raffreddamento dei macchinari (acqua servizi). Sezioni 1 e 2 L'opera di presa dell'impianto è posta a circa 86 m dalla linea di costa in asse al diffusore su un fondale di circa 8,5 m ed è collegata, tramite condotte incassate sul fondo, alla vasca di calma. Il circuito acqua condensatrice (A.C.) di ogni gruppo, dotato di una pompa A.C., è progettato per una portata nominale di 5,5 m /s. Sezioni e 4 L'opera di presa dell'impianto è posta a circa 97 m dalla linea di costa su un fondale di circa 1 m; è collegata tramite condotte incassate sul fondo alla vasca di calma. Il circuito acqua condensatrice (A.C.) di ogni gruppo, dotato di due pompe A.C., è progettato per una portata nominale di 12,5 m /s. Nella figura 1 è riportato il prelievo di acqua di mare per il raffreddamento del ciclo termico negli ultimi cinque anni: Acqua di mare per raffreddamento x1^6 mc di desolforazione. Nella figura 11 è riportato il prelievo di acqua di mare per la produzione di acqua industriale negli ultimi cinque anni: Acqua di mare a uso industriale x1^ mc Figura Acqua dolce L'acqua dolce è approvvigionata attraverso diverse fonti, a seconda dell uso che necessita farne; l acqua potabile è prelevata dall acquedotto dell Ente distributore regionale ed è utilizzata per gli usi igienici e i servizi (mensa, uffici, docce). L acqua prelevata dai pozzi, a media salinità, è adoperata per usi industriali quali pulizie e lavaggi; l acqua desalinizzata con l impianto ad osmosi è adoperata per i lavaggi del gesso nell impianto di desolforazione; l acqua demineralizzata proveniente dagli evaporatori e in minore misura acquistata, è utilizzata per le acque di alimento delle caldaie Infine una quota qualificante è quella recuperata dagli impianti di trattamento delle acque reflue adoperata per usi industriali, lavaggi, ecc. Si riporta di seguito la figura 12, esplicativa dei consumi di acqua dolce nell ultimo quinquennio: Figura Acqua di mare per uso industriale L'acqua di mare, previo trattamento di filtrazione, dissalazione e demineralizzazione, è utilizzata principalmente per la fornitura e l integrazione di acqua al ciclo a vapore e per i lavaggi dei fumi nell impianto

18 17 Consumi acqua dolce x1^ mc Potabile Da pozzi Demineralizzata Recuperata Figura L utilizzo di acqua dolce risulta in linea con quello dell anno precedente. Consumo e uso di materie prime Per l esercizio delle caldaie e per il trattamento delle acque in ingresso e in uscita sono utilizzate diverse sostanze chimiche. Riportiamo di seguito una sintesi su utilizzo e consumi per le principali. Acido cloridrico in soluzione al % (Corrosivo): utilizzato sia come agente per la correzione del ph nel processo di trattamento delle acque reflue sia come rigenerante delle resine cationiche a servizio dell impianto di demineralizzazione. Acqua ossigenata in soluzione al % (Corrosivo): utilizzata come reagente ossidante nell'impianto di trattamento spurghi desolforatore. Calce Idrata al 85-9% (Irritante): utilizzata come agente alcalinizzante nel processo di trattamento delle acque reflue. Calcare (Polvere non classificata): utilizzato nell'impianto di desolforazione dei fumi per l'abbattimento del diossido di zolfo. I consumi sono in funzione del combustibile utilizzato; si sono mantenuti stabili per la messa a punto degli impianti desox in funzionamento a carbone. Cloruro ferrico in soluzione al 4% (Corrosivo): utilizzato come coagulante nella formazione di fango all impianto di pretrattamento. Cloruro ferroso in soluzione al 25% (Irritante): utilizzato come coagulante nella formazione di fango all impianto di trattamento spurghi desolforatore. Idrato di Ammonio in soluzione acquosa 24% (Corrosivo): utilizzato in quantità minima, al 24%, come agente alcalinizzante nelle acque di caldaie tradizionali, è stato massivamente impiegato a seguito del funzionamento a carbone come reagente nell'impianto di denitrificazione dei fumi. Carboidrazide (Sostanza non classificata pericolosa): utilizzata come agente deossigenante e alcalinizzante nelle caldaie a vapore tradizionali. Introdotta nel 26 come sostanza chimica in sostituzione dell idrato di idrazina, sostanza tossica e pericolosa per l ambiente. Attualmente utilizzata nei gruppi 1 e 2, mentre nei gruppi e 4 è stata sostitutita, nel 29, dall O 2. Idrossido di sodio in soluzione al 5% (Corrosivo): utilizzato sia come agente per la correzione del ph nel processo di trattamento delle acque reflue sia come rigenerante delle resine anioniche a servizio dell impianto di demineralizzazione. Solfuro di sodio (Corrosivo): utilizzato per l abbattimento dei metalli pesanti contenuti nelle acque provenienti dagli spurghi del desolforatore; il quantitativo utilizzato è in funzione dei microinquinanti presenti nel combustibile e pertanto è variabile e di difficile gestione. Polielettrolita (Polvere non classificata): utilizzato come flocculante nei processi di pretrattamento e di trattamento delle acque. Le variazioni nel consumo sono dovute alla qualità dei reflui da trattare, di per sé, assai variabili. Additivo alla combustione per i gruppi 1 e 2 (Infiammabile, nocivo e pericoloso per l ambiente): introdotto nel 24 per contenere le emissioni di polveri nei gruppi 1 e 2, il consumo è da considerarsi pressoché costante in quanto eventuali scostamenti sono da ricondurre alla produzione elettrica dei gruppi 1 e 2 non direttamente controllata dalla Centrale. Il consumo di reagenti è legato alla produzione di energia elettrica e pertanto si mantiene abbastanza stabile e consolidato nel tempo. Può modificarsi solamente per effetto del cambio di tecnologia, come è stato per la sostituzione dell idrato di idrazina con la carboidrazide e la eliminazione dell ossido di magnesio.

19 18 Si riporta in figura 1 l andamento del consumo di tali sostanze chimiche. Gestione del territorio e della biodiversità La Centrale dispone di circa 7 vasche nelle quali sono contenuti reflui provenienti da lavaggi di apparecchiature (caldaie, riscaldatori aria, precipitatori elettrostatici, desolforatori, denitrificatori) di carattere acido o alcalino; reflui biologici di natura organica e reflui inquinati da oli o polveri di carbone. Inoltre sono presenti vasche con funzione di contenimento di serbatoi dell olio combustibile e dell olio dei trasformatori. Vasche e serbatoi sono periodicamente controllati al fine di prevenire contaminazioni del sottosuolo. Anche i fondali marini antistanti la Centrale vengono annualmente monitorati. Le indagini consistono nella ricerca di inquinanti da idrocarburi leggeri, pesanti e IPA, metalli pesanti quali Vanadio, Nichel, Rame, Piombo, Arsenico, Cromo, Cadmio e Zinco. Inoltre viene verificato lo stato di salute della prateria di Poseidonia. Sono state mantenute le stesse superfici di aree permeabili rispetto all anno precedente. Emissioni in atmosfera Sostanze inquinanti gassose Sostanze emesse dalla Centrale che contribuiscono all'effetto serra e dannose per l ozono Per gas a effetto serra si intendono quelle sostanze inquinanti presenti nell atmosfera che tendono a bloccare l emissione di calore dalla superficie terrestre. La loro concentrazione crescente nell atmosfera produce un effetto di riscaldamento della superficie terrestre e della parte più bassa dell atmosfera. Qualora l accumulazione progressiva e accelerante di questi gas continui incontrollata, secondo molti scienziati è probabile che si determini una tendenza al surriscaldamento della superficie terrestre e alla modificazione del clima. Tuttavia, permangono incertezze sull entità di tali effetti e sulla loro configurazione geografica e stagionale. L elenco dei gas serra è molto ampio. Il Protocollo di Kyoto prende in considerazione un paniere di 7 gas serra: l anidride carbonica (CO 2 ), il metano (CH 4 ), il protossido di azoto (N 2 O), i clorofluorocarburi (CFC), gli idrofluorocarburi (HFC), i perfluorocarburi (PFC) e l esafluoruro di zolfo (SF 6 ). In Centrale si ha la presenza di quattro di questi gas: l anidride carbonica (CO 2 ), l esafluoruro di zolfo (SF 6 ), gli idrofluorocarburi (HFC) e gli idroclorofluorocarburi (HCFC). Tra questi gas, il principale è certamente l anidride carbonica per i volumi prodotti dalla combustione dei combustibili fossili tradizionali come olio combustibile e carbone. La quantità di anidride carbonica emessa è dovuta essenzialmente alla tipologia del combustibile, cioè al suo contenuto di carbonio, e al suo contenuto energetico specifico. Pertanto essa è direttamente proporzionale all energia elettrica prodotta come evidenziato dalla figura 14 che presenta un profilo simile a quello riportato in precedenza nella figura 9. Consumo reagenti Reagenti Acido cloridrico (HCL) Idrossido di sodio (NaOH) Calce idrata (Ca(OH) 2 ) Cloruro ferrico (FeCI ) Acqua ossigenata (H 2 O 2 ) Solfuro di sodio (Na 2 S) Polielettrolita Cloruro ferroso (FeCI 2 ) Calcare (CaCO ) Idrato di ammonio 25% Idrato di idrazina Carboidrazide Additivo combustione gruppi 1 e 2 Unità di misura m m m m m kg kg m t t m m t (*) 7.(*) (*) Dal 28 il consumo delle sostanze indicate è contabilizzato puntualmente, diversamente dai periodi precedenti in cui era solamente stimato. Figura 1

20 19 Emissioni di CO 2 kton Figura Dal 25 la Centrale di Fiume Santo è autorizzata alla emissione di CO 2 ed è ricompresa nel Piano Nazionale di assegnazione delle quote di emissione per tale gas serra al n. 98. Un gas particolarmente negativo per la problematica dei gas clima alteranti è certamente l esafluoruro di zolfo, adoperato per l estinzione dell arco elettrico negli interruttori di alta tensione. Nel 28 tale gas è stato integrato nelle apparecchiature citate per un quantitativo pari a 278 kg, valore in linea con quello degli anni precedenti. Infine è da considerare la presenza di HFC ed HCFC nei circuiti di climatizzazione per un totale di kg; nel 28 si sono avuti rabbocchi per complessivi 92 kg di tali sostanze. Opportune azioni di controllo sono state messe in essere per il loro monitoraggio di tali sostanze in recepimento del Regolamento CE n. 842 e del DPR 147/6 che prevede il controllo e la registrazione delle perdite di tali gas. Inquinanti emessi dalla combustione Sono quegli inquinanti prodotti dalla combustione quali il biossido di zolfo, gli ossidi di azoto, le polveri, l ossido di carbonio e i microinquinanti. Il biossido di zolfo (SO 2 ) prodotto è proporzionale allo zolfo contenuto nel combustibile utilizzato nel processo di combustione delle sezioni termoelettriche tradizionali. Presso le sezioni 1 e 2 da 16 MW, l'emissione è ridotta impiegando olio combustibile a basso tenore di zolfo (S 1%); il limite di emissione per queste sezioni è di 1.7 mg/nm. Presso le sezioni e 4 da 2 MW, dove i limiti di emissione da rispettare sono di 4 mg/nm, sono stati costruiti gli impianti di desolforazione, entrati in servizio alla fine del Il sistema di abbattimento dell'anidride solforosa è basato sulla reazione chimica che avviene tra il biossido di zolfo presente nei fumi e il carbonato di calcio e la successiva ossidazione dei solfiti e bisolfiti di calcio a solfato di calcio biidrato, denominato comunemente gesso. La formazione di ossidi di azoto (NO-NO 2 ), legata alla presenza di azoto nell aria e nel combustibile, è funzione della temperatura raggiunta dalla fiamma durante la combustione. L emissione di ossidi di azoto, presso le sezioni 1 e 2 (i cui limiti fino al erano di 8 mg/nm, mentre dal sono passati a 65 mg/nm ), viene contenuta mediante sistemi e modalità di combustione che ne minimizzano la formazione agendo sulla temperatura di combustione. Presso le sezioni e 4, i cui limiti sono di 2 mg/nm, l'emissione degli ossidi di azoto è contenuta grazie agli impianti di denitrificazione. Questi impianti sono entrati in funzione alla fine del 2 con l'utilizzo del carbone come combustibile. Il sistema di abbattimento degli ossidi di azoto è basato sulla riduzione catalitica degli ossidi di azoto ad azoto elementare utilizzando l'ammoniaca gassosa e un catalizzatore che ne favorisce la reazione. Le polveri derivano sia dalla combustione dell olio combustibile che dalla combustione del carbone. La produzione di polveri viene controllata agendo sul rapporto combustibile/aria comburente, sui combustibili utilizzati e mediante l'utilizzo degli impianti di abbattimento polveri ossia precipitatori elettrostatici. Questi sistemi si basano sul principio che le particelle muovendosi attraverso un campo elettrostatico ad alto potenziale si caricano e, attraversando una zona di carica opposta, sono captate da questa. Il limite di emissione per le polveri, riferite alle sezioni 1 e 2 è di 4 mg/nm, mentre quello delle sezioni e 4 è di 5 mg/nm. Il monossido di carbonio (CO) è un prodotto della combustione incompleta, in particolare per difetto di ossigeno, di un combustibile. L ottimizzazione dei parametri di combustione, quali temperatura, pressione e portata di combustibile e comburente, consente il contenimento della concentrazione nei fumi di questo composto. Il monossido di carbonio è minimo in quanto la combustione avviene in eccesso di ossigeno. Dal il limite per il CO riferito ai gruppi 1, 2, è di 25 mg/nm. La ragguardevole diminuzione di CO in concentrazione presso le sezioni e 4 corrisponde all'utilizzo del carbone.

CERTIFICATO N. CERTIFICATE No. 1548/98/S TECNOINOX S.R.L. ISO 9001:2008 VIA TORRICELLI, 1 33080 PORCIA (PN) ITA

CERTIFICATO N. CERTIFICATE No. 1548/98/S TECNOINOX S.R.L. ISO 9001:2008 VIA TORRICELLI, 1 33080 PORCIA (PN) ITA CERTIFICATO N. CERTIFICATE No. 1548/98/S SI CERTIFICA CHE IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DI IT IS HEREBY CERTIFIED THAT THE QUALITY MANAGEMENT SYSTEM OF VIA TORRICELLI, 1 33080 PORCIA (PN) ITA Per

Dettagli

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1 CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 1 INDICE Edison Spa Centrale di Torviscosa Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

CERTIFICATO N. EMS-1318/S CERTIFICATE No. FALPI S.R.L. RINA Services S.p.A. Via Corsica 12-16128 Genova Italy

CERTIFICATO N. EMS-1318/S CERTIFICATE No. FALPI S.R.L. RINA Services S.p.A. Via Corsica 12-16128 Genova Italy EMS-1318/S SI CERTIFICA CHE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE DI IT IS HEREBY CERTIFIED THAT THE ENVIRONMENTAL MANAGEMENT SYSTEM OF È CONFORME ALLA NORMA IS IN COMPLIANCE WITH THE STANDARD ISO 14001:2004

Dettagli

S y s t e m c ertificates ISO 9001

S y s t e m c ertificates ISO 9001 Friulco certificates, shown below, are those issued by the date of printing of the catalogue, on March 2011. For the latest edition, please check Friulco website at www.friulco.com or contact our Quality

Dettagli

N. 15: Produzioni energetiche di massa: centrali TE, TG e trasporti

N. 15: Produzioni energetiche di massa: centrali TE, TG e trasporti N. 15: Produzioni energetiche di massa: centrali TE, TG e trasporti Nella scelta delle energie collegate al grandioso sviluppo mondiale (industriale, dei trasporti, dell utilizzo domestico, ) in primis

Dettagli

Il PMC di BioPower Sardegna: l esperienza del primo impianto IPPC autorizzato in Sardegna

Il PMC di BioPower Sardegna: l esperienza del primo impianto IPPC autorizzato in Sardegna Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala conferenze Il PMC di BioPower Sardegna: l esperienza del primo impianto IPPC autorizzato in Sardegna a cura di Alessandro Maestro BioPower Sardegna Il PMC

Dettagli

CERTIFICATO N. TS/271/95 CERTIFICATE No. MARTOR S.P.A. ISO/TS16949:2009 VIA XX SETTEMBRE, 12 10121 TORINO (TO) ITALIA

CERTIFICATO N. TS/271/95 CERTIFICATE No. MARTOR S.P.A. ISO/TS16949:2009 VIA XX SETTEMBRE, 12 10121 TORINO (TO) ITALIA TS/271/95 SI CERTIFICA CHE IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DI IT IS HEREBY CERTIFIED THAT THE QUALITY MANAGEMENT SYSTEM OF sistemi di gestione aziendale. CISQ è membro di IQNET. CISQ is the Italian

Dettagli

CENTRALE DI JESI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013

CENTRALE DI JESI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 CENTRALE DI JESI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 Dichiarazione Ambientale 2013 1 INDICE Jesi Energia Spa Centrale di Jesi Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

Centrale di Ostiglia. EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornamento annuale 2008. www.eon.it

Centrale di Ostiglia. EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornamento annuale 2008. www.eon.it Centrale di Ostiglia EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornamento annuale 28 www.eon.it Indice 3 Presentazione 4 Il Gruppo E.ON 8 La politica del sito 11 Gli aspetti ambientali della Centrale di Ostiglia

Dettagli

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA SINTESI DEI DATI RELATIVI ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA - ANNO 2012 1 ANALISI DELLA TIPOLOGIA, QUANTITÀ E PROVENIENZA GEOGRAFICA DEI RIFIUTI TRATTATI NELL IMPIANTO Analisi della

Dettagli

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO Effettuazione del collaudo dell impianto per il periodo

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005)

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) SINTESI NON TECNICA OSSIDAZIONE ANODICA S.N.C. Sede Legale e Stabilimento: via Pordenone, 31 S.QUIRINO (PN) 1. INQUADRAMENTO

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA Direttiva n. 96/61/CE Le finalità: prevenire fenomeni di inquinamento ridurre l inquinamento attuale evitare di trasferire l inquinamento da un comparto all altro

Dettagli

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI)

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti di stabilimento Opuscolo informativo Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti stabilimento Introduzione F.I.S.

Dettagli

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento Lamberti SpA di Zanica è uno degli insediamenti più importanti del Gruppo Lamberti grazie agli impianti e alle tecnologie

Dettagli

Ci sono decisioni che cambiano la vita Ci sono scelte che la semplificano

Ci sono decisioni che cambiano la vita Ci sono scelte che la semplificano Ci sono decisioni che cambiano la vita Ci sono scelte che la semplificano Tante soluzioni, un unico interlocutore Safe Network, società certificata ISO 27001:2005, opera sul mercato nazionale ed internazionale

Dettagli

CENTRALE DI SAN QUIRICO TRECASALI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013

CENTRALE DI SAN QUIRICO TRECASALI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 CENTRALE DI SAN QUIRICO TRECASALI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 Dichiarazione Ambientale 2013 1 INDICE Edison Spa Centrale di San Quirico Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli

Dettagli

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC Seminario Tecnico Stabilimenti IPPC: Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) e Sistemi di Monitoraggio delle emissioni (SME) Provincia di

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

GNL Italia S.p.A. Sede legale: Sede operativa: Che cosa è il GNL. Un processo a più fasi. Impianto di liquefazione ricezione stoccaggio

GNL Italia S.p.A. Sede legale: Sede operativa: Che cosa è il GNL. Un processo a più fasi. Impianto di liquefazione ricezione stoccaggio Il valore del GNL Che cosa è il GNL. Il gas naturale è una miscela costituita prevalentemente da metano e da idrocarburi superiori, azoto e anidride carbonica in percentuali variabili a seconda della provenienza.

Dettagli

Centrale di Ostiglia. EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornata 2012. GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg. n IT-000355

Centrale di Ostiglia. EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornata 2012. GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg. n IT-000355 Centrale di Ostiglia EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornata 212 GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg. n IT-355 Indice 3 Presentazione 4 Il Gruppo E.ON 6 Il sito e la scheda tecnica della Centrale di

Dettagli

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento LA TECNOLOGIA DEL CICLO COMBINATO A GAS NATURALE La maggiore quantità di energia elettrica generata da Edison è prodotta da 28 centrali termoelettriche. Edison sviluppa, progetta e costruisce interamente,

Dettagli

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa.

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa. ALLEGATO III b) LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER GLI IMPIANTI ESISTENTI DEI SETTORI INDUSTRIA E TRATTAMENTO RIFIUTI Con riferimento alla DGR 5 agosto 2004

Dettagli

INGEGNERIA INDUSTRIALE Impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili

INGEGNERIA INDUSTRIALE Impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili ICARIA s.r.l. SOCIETA DI SERVIZI DI INGEGNERIA Sede legale: Via La Spezia, 6 00182 Roma Sedi Operative: Corso Cavour, 445 05018 Orvieto Tel. 0763.340875 Fax 0763.341251 Viale Liegi, 42 00198 Roma e_mail

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS è una realtà aziendale italiana, con sistema di qualità certificato ISO 9001:2008, che opera nell impiantistica meccanica e termoelettrica industriale, realizza costruzioni

Dettagli

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17):

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): 4. LE SEZIONI DI UN IMPIANTO DI TEMODISTRUZIONE Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): Fig.17: sezioni fondamentali di un

Dettagli

IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE

IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE GIANPAOLO QUATRARO Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Il supporto della consulenza nel programma ambientale 1 Il

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2005 secondo le più moderne

Dettagli

Redazione e trasmissione del Report annuale

Redazione e trasmissione del Report annuale Redazione e trasmissione del Report annuale Anna Maria Livraga Emanuela Patrucco Piano di Monitoraggio e Controllo aziende IPPC: Gestione e trasmissione Report annuale 16 maggio 2011 Il cap. 5 del PMC

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO perseguito

Dettagli

Centrale di Tavazzano e Montanaso. EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornamento triennale 2008. www.eon.it

Centrale di Tavazzano e Montanaso. EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornamento triennale 2008. www.eon.it Centrale di Tavazzano e Montanaso EMAS - Dichiarazione Ambientale aggiornamento triennale 2008 www.eon.it Indice 3 Presentazione 4 Il Gruppo E.ON 8 La Centrale di Tavazzano e Montanaso 21 Le evoluzioni

Dettagli

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II Metodi di abbattimento delle emissioni Metodi per l abbattimento l delle emissioni I sistemi di abbattimento delle emissioni a valle della camera di combustione risultano indispensabili qualsiasi sia la

Dettagli

Introduzione. Raffineria di Taranto

Introduzione. Raffineria di Taranto Introduzione La Raffineria di Taranto è entrata in esercizio alla fine degli anni 60 ed è stata sottoposta negli anni ad un continuo processo d adeguamento delle sue strutture alle esigenze del mercato

Dettagli

POLIURETANO FERROTRAMVIARIO

POLIURETANO FERROTRAMVIARIO I titolari della ditta Focus S.r.l., attivi nel settore fin dagli anni 70, hanno consolidato la loro posizione sul mercato grazie all esperienza acquisita nei diversi settori industriali in cui operano.

Dettagli

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Il Gruppo Dani 2010 Profilo aziendale Fatturato Addetti Struttura produttiva 120 milioni

Dettagli

Termovalorizzatore di Acerra

Termovalorizzatore di Acerra Termovalorizzatore di Acerra Il termovalorizzatore di Acerra è uno dei più grandi impianti d Europa, con una capacità di smaltimento pari a 600.000 t/anno di RSU pretrattato; esso produce 600 milioni di

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

Centrale Termoelettrica di Monfalcone. Dichiarazione Ambientale 2010 Aggiornamento 2011

Centrale Termoelettrica di Monfalcone. Dichiarazione Ambientale 2010 Aggiornamento 2011 Centrale Termoelettrica di Monfalcone Dichiarazione Ambientale 2010 Aggiornamento 2011 1 Centrale Termoelettrica di Monfalcone Dichiarazione Ambientale 2010 Aggiornamento 2011 2 Dichiarazione Ambientale

Dettagli

IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE

IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE Negli ospedali, come pure nelle comunità, nelle case di riposo e nei grandi alberghi, gli impianti di riscaldamento e produzione di acqua

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale

ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale EniPower è la società del Gruppo Eni responsabile dello sviluppo del business della generazione e commercializzazione di energia elettrica. Nasce nel

Dettagli

Dott. Fabio Cella Agrosistemi s.r.l. Syngen s.r.l.

Dott. Fabio Cella Agrosistemi s.r.l. Syngen s.r.l. Valorizzazione agronomica dei fanghi di depurazione. Il processo di trasformazione in fertilizzanti correttivi da impiegarsi ai fini agronomici secondo la specifiche del D.Lgs 75/2010 Dott. Fabio Cella

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

Parte 2: requisiti di competenza per le attività di audit e della certificazione di sistemi di gestione ambientale

Parte 2: requisiti di competenza per le attività di audit e della certificazione di sistemi di gestione ambientale 1 Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici PECULIARITÀ DEL DOCUMENTO Il quadro di definizione delle

Dettagli

Dichiarazione ambientale Anno 2006

Dichiarazione ambientale Anno 2006 Dichiarazione ambientale Anno 2006 INFORMAZIONE CONVALIDATA Registrazione numero I-000163 Unità di Business termoelettrica di Leri Impianto Galileo Ferraris di Leri (VC) Dichiarazione ambientale 2006 Unità

Dettagli

1 RIFERIMENTI 4 2 ARCHIVIAZIONE DATI 5 3 ACRONIMI E DEFINIZIONI 5 4 DATI GENERALI DELL IMPIANTO 5

1 RIFERIMENTI 4 2 ARCHIVIAZIONE DATI 5 3 ACRONIMI E DEFINIZIONI 5 4 DATI GENERALI DELL IMPIANTO 5 Pagina 2 di 28 Sommario 1 RIFERIMENTI 4 2 ARCHIVIAZIONE DATI 5 3 ACRONIMI E DEFINIZIONI 5 4 DATI GENERALI DELL IMPIANTO 5 4.1 NUMERO DI ORE DI EFFETTIVO FUNZIONAMENTO DEI GRUPPI 6 4.2 RENDIMENTO ELETTRICO

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

Sistemi integrati Ambiente Sicurezza Qualità Non solo un vincolo di legge o di mercato, ma una concreta opportunità di sviluppo del business.

Sistemi integrati Ambiente Sicurezza Qualità Non solo un vincolo di legge o di mercato, ma una concreta opportunità di sviluppo del business. MADE HSE 1 MADE HSE Sistemi integrati Ambiente Sicurezza Qualità Non solo un vincolo di legge o di mercato, ma una concreta opportunità di sviluppo del business. MADE nasce dalla sinergia di competenze

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

Centrale di Turbigo. Dichiarazione Ambientale. Aggiornamento annuale. dati al 31/12/2013

Centrale di Turbigo. Dichiarazione Ambientale. Aggiornamento annuale. dati al 31/12/2013 2014 Centrale di Turbigo Dichiarazione Ambientale Aggiornamento annuale dati al 31/12/2013 2 Dichiarazione ambientale 2014- aggiornamento Centrale termoelettrica di Turbigo Indice PRESENTAZIONE... 3 INFORMAZIONI

Dettagli

Reazioni di combustione

Reazioni di combustione Forni Vengono utilizzati nei casi sia necessario riscaldare il fluido ad una temperatura molto alta non raggiungibile con gli scambiatori di calore convenzionali. Reazioni di combustione La reazione di

Dettagli

Spilimbergo, 26 Novembre 2012 Dott.Carlo Venturini

Spilimbergo, 26 Novembre 2012 Dott.Carlo Venturini Sicurezza negli spazi confinati Spilimbergo, 26 Novembre 2012 Dott.Carlo Venturini Per spazio confinato si intende un qualsiasi ambiente limitato, in cui il rischio di morte o di infortunio grave è molto

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006 Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 99-26 28 gennaio 29 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 6 4673.2243-2244 Centro di

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R.

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R. UNITA SANITARIA LOCALE PESCARA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Ufficio Tutela della Salute nei Luoghi di Lavoro Via Paolini, 45 Pescara - 085 4253401/5/6/7 Penne - 085 8276319 Alanno-Popoli 085 8542995 SCHEDA

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ)

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ) Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 18-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\7 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011 LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia Il Termovalorizzatore di Padova 13 ENERGIA GAS ACQUA AMBIENTE E SERVIZI Cristiano Piccinin Responsabile Operativo

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2013 CENTRALE DI TORREVALDALIGA

DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2013 CENTRALE DI TORREVALDALIGA DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2013 CENTRALE DI TORREVALDALIGA GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg. n. IT - 000029 Informazioni al pubblico La Centrale Torrevaldaliga fornisce informazioni sugli aspetti ambientali

Dettagli

Dichiarazione Ambientale 2009

Dichiarazione Ambientale 2009 Dichiarazione Ambientale 2009 Aggiornamento delle informazioni ambientali relative all anno 2009 della Dichiarazione Ambientale Centrale termoelettrica Vado Ligure T - 000215 Informazioni al pubblico La

Dettagli

Fluidodinamica e Macchine

Fluidodinamica e Macchine Lucidi del corso di Fluidodinamica e Macchine Principi di combustione - Generatori di vapore Prof. F. Martelli Ing. A. Cappelletti, PhD Versione 2015 Testi di Riferimento: STEAM its Generation & use: http://www.gutenberg.org/files/22657/22657-h/22657-h.htm

Dettagli

Evoluzione dei sistemi d analisi fumi

Evoluzione dei sistemi d analisi fumi Evoluzione dei sistemi d analisi fumi La situazione riscontrata su impianti termici esistenti, soggetti alla legislazione vigente fino alla pubblicazione del DPCM 8/03/2002, era caratterizzata dalla presenza

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA Ing. Franco Moritto DIRETTORE DELL AREA TECNICA AGRARIA II CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA II CONSORZIO DI BONIFICA

Dettagli

Dichiarazione ambientale

Dichiarazione ambientale Dichiarazione ambientale Aggiornamento 2013 Impianto termoelettrico E. Amaldi di La Casella (PC) Enel Dichiarazione ambientale 2013 Impianto termoelettrico E. Amaldi di La Casella 2 Dichiarazione ambientale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Ferrera Erbognone Dati tecnici aggiornati al 31-12-2014

Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Ferrera Erbognone Dati tecnici aggiornati al 31-12-2014 Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Ferrera Erbognone Dati tecnici aggiornati al 31-12-214 GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA n. Registrazione IT-77 Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di

Dettagli

e Certificazioni Storia La storia

e Certificazioni Storia La storia La storia L impresa di costruzioni C.E.M. S.p.A. ha iniziato la sua attività da alcuni decenni ed è specializzata nel settore delle opere marittime. Grazie alla lunga collaborazione di tecnici di primo

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI

PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI 50 IL TRATTAMENTO CHIMICO Il trattamento chimico dell acqua è spesso un indispensabile sistema per molteplici applicazioni a cui essa è destinata. Il trattamento chimico

Dettagli

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6.1 Ossidi di zolfo Per quanto riguarda gli ossidi di zolfo le emissioni sono dovute per il 93% ad Altre sorgenti/assorbenti in natura (con oltre 1.225.400 tonnellate)

Dettagli

Scheda informativa PRECISAZIONI SUL TEMA DELLE POLVERI EMESSE DA TURBOGAS

Scheda informativa PRECISAZIONI SUL TEMA DELLE POLVERI EMESSE DA TURBOGAS Scheda informativa Il Turbogas (ciclo combinato a gas) è la miglior tecnologia disponibile per produrre energia elettrica da combustibili fossili, ha alta efficienza e basso impatto ambientale. PRECISAZIONI

Dettagli

cm60 cm52 Lavabo cm 60 / Washbasin cm 60 art. 0920 Lavabo cm 52 / Washbasin cm 52 art. 3120 Semicolonna / Semi Pedestal art. 16UN

cm60 cm52 Lavabo cm 60 / Washbasin cm 60 art. 0920 Lavabo cm 52 / Washbasin cm 52 art. 3120 Semicolonna / Semi Pedestal art. 16UN RUBINO 290 291 cm60 Lavabo cm 60 / Washbasin cm 60 art. 0920 Semicolonna / Semi Pedestal art. 16UN Lavabo cm 52 / Washbasin cm 52 art. 3120 Semicolonna / Semi Pedestal art. 16UN cm52 Lavabo cm 65 / Washbasin

Dettagli

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG)

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 1-24020 Scanzorosciate (BG) Unità locali: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Via B. D Este 16-20017 Rho (MI) Fatturato medio annuo ultimi tre anni: Euro 5.500.000

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

Provincia di Roma Dipartimento IV, Servizio 3 Ufficio Autorizzazione Integrata Ambientale

Provincia di Roma Dipartimento IV, Servizio 3 Ufficio Autorizzazione Integrata Ambientale Provincia di Roma Dipartimento IV, Servizio 3 Ufficio Autorizzazione Integrata Ambientale Impianto Localizzazione Chimico Via di Salone, 245 00131 Roma Gestore Basf Italia Srl Via Marconato, 8 20031 Cesano

Dettagli

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Rimini, 7 Novembre 2006 Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Relatore: M. Gugliotta Autori: V. Gerardi - M. Gugliotta M. X Cabibbo - G. Spina - F.Vanni Chi è e di cosa

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

Trattamenti delle acque primarie. Impianti Meccanici 1

Trattamenti delle acque primarie. Impianti Meccanici 1 Trattamenti delle acque primarie Impianti Meccanici 1 IMPUREZZE DELL ACQUA PRIMARIA Classificazione Per corpo idrico si intende una massa d acqua che presenti proprie caratteristiche idrologiche, fisiche,chimiche,

Dettagli

Note: quadro a MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE ( art.6 D.P.R. 447/98)

Note: quadro a MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE ( art.6 D.P.R. 447/98) REGIONE TOSCANA Dipartimento della Salute e Politiche di Solidarietà Servizio Sanitario Nazionale Regione Toscana AZIENDA U.S.L.N 1 DI MASSA E CARRARA Gruppo Operativo Nuovi Insediamenti Produttivi Via

Dettagli

1) Istanza prot. n. EP/P2002000119 del 16/01/2002 della ditta ENEL Produzione con allegati:

1) Istanza prot. n. EP/P2002000119 del 16/01/2002 della ditta ENEL Produzione con allegati: D. R. S. n. 308 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO ED AMBIENTE SERVIZIO 3 Tutela dall inquinamento atmosferico, elettromagnetico ed acustico

Dettagli