versione italiana burgo group r app orto ambientale 2011 rapporto ambientale for a Sustainable World

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "versione italiana burgo group r app orto ambientale 2011 rapporto ambientale for a Sustainable World"

Transcript

1 burgo group r app orto ambientale 2011 versione italiana rapporto ambientale Sustainable Papers for a Sustainable World

2 2

3 1 b u r g o g r o u p r apporto ambientale 2011

4 2 Il gruppo 11.1 La sostenibilità come valore, la trasparenza come attitudine p Struttura, azionisti e partecipazioni. L assetto proprietario e la Corporate Governance p Un produttore europeo, un player autorevole p 12 Dalla carta all energia p 12 Comparti produttivi, sedi, prodotti e marchi p 13 / Gli stabilimenti p L anno di Burgo Group in cifre. Highlights e performance p 15 lo sviluppo sostenibile 22.1 Crescere in armonia: business e sviluppo sostenibile p 18 Prerequisiti e principi guida p 19 Politica per l ambiente e per la salute e sicurezza sul lavoro. Per la ricerca, lo sviluppo e la produzione di vari tipi di carte in bobina e in formato p Norme e certificazioni internazionali p 22 La registrazione EMAS p 22 / Le altre direttive p 23 / La certificazione delle carte alimentari p 23 i sistemi per la gestione ambientale, qualità e 3sicurezza Un unico grande sistema responsabile p 26 Coordinamento e integrazione dei sistemi per la gestione ambientale, qualità e sicurezza p 26 / Riorganizzare la sostenibilità p 26 La sostenibilità di Burgo Group e la nuova direzione Prodotto & Qualità. Intervista all ing. Pietro Alasia, direttore Prodotto e Qualità p L applicazione del SGA: un processo a più fasi p 30 Pianificazione. Attuazione e verifica. Certificazioni. Valori e Trasparenza p Il futuro della carta, la Burgo che verrà p 31 La definizione degli obiettivi di medio lungo termine p 31 Gli obiettivi p 33

5 3 un prodotto naturale, rinnovabile e riciclabile: il ciclo verde della carta 3.3 parte prima: dalle foreste all azienda p Il legno e le fibre p 34 L impiego di fibre di riciclo p 34 / L impiego di fibre vergini p 34 Dall Europa, un esempio di buona gestione forestale p 35 Il Gruppo Burgo: responsabilità nell acquisto di materie prime naturali p 36 / Una garanzia per l integrità delle foreste p 36 Politica di approvvigionamento e di utilizzo dei materiali fibrosi. Una dichiarazione d intenti p 38 Le certificazioni Burgo Group p Più acqua riciclata, meno sprechi. Il sistema idrico p L energia e la carta. Missione efficienza energetica p 42 La cogenerazione: una scelta virtuosa p 42 Burgo Group e l efficienza energetica p 43 / Il primato dell autosufficienza p 44 / Produrre con energia rinnovabile. Gli impianti Burgo e le fonti energetiche alternative p parte seconda: in cartiera p Salute e sicurezza al primo posto p Tante iniziative per un unico obiettivo: il progetto sicurezza p Più sicurezza sul lavoro richiede più formazione e prevenzione p 49 La certificazione OHSAS p 49 Un premio per la sicurezza di Lugo p La gestione dei rischi chimici p Igiene e sicurezza nei processi produttivi. La certificazione UNI EN p 50 b u r g o g r o u p r apporto ambientale parte terza: dalla cartiera verso il mondo p Produzione e distribuzione Rifiuti e residui: risorse di valore p 52 / Burgo Group dà nuova vita agli scarti p Tutto è recuperato p L acqua a fine ciclo: come ridurla e come depurarla p 54 Il trattamento Burgo Group p Il legno, la carta e il ciclo del carbonio. L assorbimento di anidride carbonica vince sulle emissioni p Un impronta calcolata e trasparente p Verso nuove fonti energetiche p 58 Meno emissioni, più controlli p Le emissioni acustiche p Il recupero come criterio guida europeo. La gestione sostenibile dei rifiuti cartacei p 60 Due modalità di riutilizzo. Il metodo Burgo p Per una logistica sostenibile. Multimodalità e trasporti intelligenti p 62 / Insieme per inquinare di meno. I vantaggi ecologici della partnership con SBB Cargo p 63 4GLI INVESTIMENTI 4.1 Un anno di progetti sotto il segno della sicurezza, della sostenibilità e dell economia energetica. Investimenti p 66 I PRODOTTI 5CERTIFICATI 4.2 Progetti di Ricerca & Sviluppo e di Sostenibilità p 68 Gli investimenti energetici del Gruppo, tra produttività e sostenibilità. Intervista all ing. Giuseppe Lisi, Responsabile Investimenti Settore Energia p La sostenibilità come garanzia di trasparenza e sicurezza per i clienti p 72 Respecta 60 e Respecta 100: tracciabilità e sostenibilità europea p 73 Le carte certificate FSC e PEFC 2011 p 74 PER SAPERNE 6DI PIù 6.1 Alcuni link di riferimento p I dati ambientali p 78 Le parole dell ambiente e della responsabilità: glossario p 80

6 4 Quella che state sfogliando è la quinta edizione del rapporto ambientale di Burgo Group. È dunque tempo di un bilancio. In cinque anni, tutto è cambiato. Sia a livello macro (su tutto, la crisi finanziaria ed economica mondiale), sia per quanto riguarda la nostra azienda. Il comparto della carta, che continua a essere non soltanto il nostro core business ma - come recita la vision aziendale - anche il nostro futuro, ha conosciuto un periodo di generale contrazione. Il Gruppo Burgo ne ha subito, naturalmente, le conseguenze, senza però smettere di innovare, di crescere, di sviluppare nuovi business e cercare nuove opportunità. La determinazione, la serietà e l impegno che da sempre ci contraddistinguono non sono infatti venuti meno. Siamo uno dei principali produttori europei di carte patinate e nei mercati in cui siamo presenti continuiamo ad essere leader nell offerta di prodotti di qualità per i settori della grafica, della stampa e dell editoria. Siamo anche un azienda sempre più sostenibile, nonostante il comparto cartario sia spesso attaccato da un opinione pubblica non adeguatamente informata. Anzi, la tanto citata green economy è per noi sia valore condiviso che prassi quotidiana, alla luce della nostra mission aziendale che recita: Burgo Group persegue un modello di equilibrio tra sviluppo economico e responsabilità sociale e ambientale. In questi cinque anni lo sviluppo sostenibile è diventato un core aziendale a tutti gli effetti ed è ormai presente in tutti i cicli produttivi e distributivi: dall acquisto e utilizzo delle risorse e delle materie prime fino alle scelte logistiche di vendita e collocamento dei prodotti sul territorio. Anche in questi tempi difficili il Gruppo Burgo continua a dedicare una quota considerevole dei propri investimenti e delle spese in ricerca e sviluppo in progetti concreti, mirati a ridurre l impatto dei cicli produttivi, al controllo delle emissioni, all efficienza nell uso (e nel riuso) dell energia e dei materiali. Se in campo energetico siamo soprattutto impegnati nella realizza- La sostenibilità Burgo Group: da valore a sistema condiviso

7 5 b u r g o g r o u p r apporto ambientale 2011 zione di nuove centrali di cogenerazione, più efficienti di quelle tradizionali, non vanno dimenticati i progetti finalizzati alla razionalizzazione dei consumi, alla riduzione dei combustibili fossili, all utilizzo di fonti alternative, rinnovabili. La responsabilità nel frattempo è diventata un impegno sempre più ampio e completo, che comprende la tutela della Natura e degli ecosistemi, ma anche la garanzia di un ambiente di lavoro salubre e protetto e la massima attenzione all igiene e alla sicurezza delle carte offerte sul mercato. Parlando di carte, poi, è opportuno ricordare che oggi il nostro portafoglio prodotti è in grado di rispondere appieno alle esigenze di una clientela sempre più attenta a un modello di bio-società, orientata alla scelta di merci meno impattanti, composte di materie prime provenienti da risorse naturali rinnovabili e controllabili. Per tradurre in azioni questo impegno a tutto campo in questi cinque anni abbiamo perfezionato un Sistema di gestione ambientale (SGA) che fa da garante della politica ambientale del Gruppo e del suo approccio preventivo e strategico: la sostenibilità non è affidata solo alla buona volontà di chi opera, ma è formalizzata attraverso deleghe e responsabilità, integrate e supportate da un organizzazione che integra competenze tecniche e modelli di procedure formalizzate, al fine di garantire la tracciabilità nei processi e la corretta diffusione dell informazione. Inoltre, un pool di esperti in tema di qualità, sicurezza e ambiente negli stabilimenti, coordinati da funzioni centrali, assicura l omogeneità di impostazione e la diffusione delle decisioni e delle politiche di sostenibilità nel Gruppo. Infine, quest anno abbiamo deciso di aderire tra i primi in Italia alla Carta dei Principi per la Sostenibilità Ambientale, iniziativa di Confindustria per indirizzare le imprese associate verso una sempre maggiore sostenibilità ambientale dei propri processi produttivi. Si tratta di un ulteriore iniziativa di trasparenza, un ulteriore prova della nostra sostenibilità ambientale e sociale. Un traguardo che ancora una volta vogliamo superare, condividendolo con tutti i nostri stakeholder. Girolamo Marchi Amministratore Delegato Burgo Group spa

8 6 1 Il gruppo 1.1 Il Gruppo Burgo è una grande realtà industriale italiana che da oltre 100 anni produce carte di qualità nel rispetto dell ambiente. Sia la mission sia la strategia di business parlano chiaro: l impegno ambientale e sociale di Burgo Group è cruciale e prioritario. La sostenibilità come valore, la trasparenza come attitudine Diretta e logica conseguenza di una visione sostenibile, la mission recita: Burgo Group produce carte di qualità, al passo con l evoluzione delle esigenze del mercato, al servizio di coloro che comunicano sulla carta stampata. Il Gruppo persegue un modello di equilibrio tra sviluppo economico e responsabilità sociale e ambientale. Coerentemente, i quattro assi strategici su cui poggia l intera impalcatura imprenditoriale del Gruppo, nonché l insieme delle sue scelte di medio-lungo periodo sono: una gamma completa di carte di grande qualità, lo sviluppo di nuove soluzioni, l attitudine alla ricerca e allo sviluppo di nuovi prodotti e - di nuovo - l attenzione all ambiente. Ma non basta dichiarare ed enunciare filosofie. Bisogna agire, impegnarsi, verificare. Bisogna rendere conto di ciò che è stato svolto e di ciò che si vuole realizzare, in un ottica di massima trasparenza. Ecco il motivo di questo report ambientale, che anno dopo anno registra i risultati, i progressi, i progetti, gli obiettivi, ma anche le criticità e le cose non fatte e ancora da fare, con correttezza e completezza. 1

9 7 b u r g o g r o u p r apporto ambientale 2011 Burgo Group è uno dei principali produttori europei di carte patinate. Opera inoltre nei settori distribuzione di carta, energia, impiantistica, materie prime fibrose, raccolta, selezione e trattamento della carta di recupero, gestione dei prodotti forestali. La sostenibilità come core aziendale In particolare, nel settore energia, il Gruppo svolge attività di produzione sia di energia elettrica che di vapore e - attraverso la controllata Burgo Energia - anche l attività di grossista e di trading. Tale business è in continua crescita (+1,4% di produzione e +51,7% di ricavi rispetto al 2010) e consente a Burgo Group non solo di ridurre i costi di produzione, ma anche di ampliare la propria offerta commerciale verso i clienti finali. Burgo Group fa dello sviluppo sostenibile un core aziendale che è presente in tutti i suoi settori di attività e in tutti i processi, dall acquisto e utilizzo delle risorse, alla restituzione delle acque reflue, fino all ottimizzazione e riutilizzo degli scarti per la produzione di energia e alle scelte logistiche di vendita e collocamento dei prodotti sul territorio.

10 8 1 Il gruppo Nel comparto cartario Burgo Group si propone come partner di riferimento nei settori della grafica, della stampa e dell editoria. Si tratta di un modo di intendere e di vivere il business, di saperlo vedere inserito in un sistema più ampio. È sempre in un ottica di sistema e di sostenibilità che si inserisce la vision aziendale: La carta rappresenta la nostra storia, il nostro core business, ma anche il nostro futuro. La sostenibilità come sistema Facendo fede alla sua capacità di cambiare e adattarsi secondo l evolversi del mercato, Burgo Group si conferma essere un vero sistema che si sviluppa intorno al mondo della carta: produzione, distribuzione, riciclo della carta e lavorazione di prodotti forestali, studio, progettazione, realizzazione ed engineering di impianti cartari, ma anche factoring ed energia. Burgo, Mosaico, Co.Me.Cart., Burgo Distribuzione, Burgo Factor, Burgo Energia: brand e società diversificati, con il vantaggio di essere Gruppo. La visione complessiva di tutti i processi e del mondo che ruota attorno alla carta rende infatti possibili sinergie, da cui discendono circolazione e sviluppo continuo di know-how, integrazione di tecnologie e funzioni, aumento della qualità e della capacità di sviluppo, ottimizzazione dei costi. Il Gruppo Burgo persegue un obiettivo di buon governo societario tramite l adozione, da parte del vertice aziendale, di un insieme di valori, regole e procedure. Elemento fondamentale del sistema di Corporate Governance è il Codice Etico, in vigore dal La sostenibilità come Governance Il Codice Etico è destinato a tutti i dipendenti del Gruppo e a tutti coloro che, direttamente o indirettamente, instaurino con il Gruppo rapporti o relazioni. Esso assume quali principi ispiratori dell attività il rispetto della legge e delle normative dei paesi di riferimento, nonché delle norme interne, in un quadro di integrità, correttezza e riservatezza.

11 9 b u r g o g r o u p r apporto ambientale 2011 Inoltre, fin dall esercizio 2003, il CdA di Burgo Group ha adottato un modello di organizzazione, gestione e controllo (il Modello D.Lgs. 231/2011 che lo ha istituito), per individuare e applicare le regole di condotta, organizzative e di controllo per identificare e prevenire i comportamenti penalmente rilevanti. L Organismo di Vigilanza che riporta al Presidente del CdA ha il compito di vigilare sull efficacia e sull osservanza del Modello e di proporne eventuali aggiornamenti. Tra le aree di attenzione del Modello ci sono naturalmente la salute e la sicurezza dei lavoratori e il sistema di gestione ambientale, con riferimento specifico ai regolamenti, alle direttive e alle registrazioni di competenza Burgo Group (cfr. capitolo successivo del Report). Tante persone, un unico sistema di valori Tutti i dipendenti e i collaboratori che lavorano in Burgo condividono alcuni valori di riferimento che rendono unico il loro lavoro. Nelle attività di tutti i giorni, oltre alle competenze tecniche e le capacità professionali, servono impegno e passione. La prossimità al cliente è decisiva per coglierne tutte le esigenze e soddisfarle al meglio. Il rispetto per l ambiente e la consapevolezza degli impatti del proprio operato sulla comunità accrescono in tutti il senso di responsabilità. Come autorevole rappresentante dell industria cartaria europea, comparto particolarmente sensibile ai temi ambientali e della sostenibilità, Burgo Group condivide l impegno assunto da CEPI (Confederation of European Paper Industries), di cui è membro: promuovere un approccio responsabile nei confronti delle risorse, la gestione sostenibile delle foreste e l implementazione dei sistemi di gestione ambientale. La sostenibilità è globale

12 10 1 Il gruppo Struttura, azionisti e partecipazioni L assetto proprietario la Corporate Governance 1.2 Burgo Group ha sede legale ad Altavilla Vicentina (vi), in via Piave, 1 La sede secondaria è a San Mauro Torinese (to), in via L. Burgo, 8 Azionisti di Burgo Group spa Holding Gruppo Marchi spa 49,83% Mediobanca spa 22,12% Allegro (Generali Financial Holdings FCP-FIS Sub-Fund1) Gruppo Generali 11,68% Société de Participation Financière Italmobiliare sa Gruppo Italmobiliare 11,68% Unicredit Merchant spa 3,83% Palladio Zannini Industrie Grafiche Cartotecniche spa 0,76% Azionisti terzi 0,10%

13 11 b u r g o g r o u p r apporto ambientale 2011 Partecipazioni 100,00 % 100,00 % 99,99 % 0,01 % Burgo Ardennes sa (B) 0,20 % 100,00 % 99,80 % Burgo Ibérica Papel sa (E) S.E.F.E. sarl (F) 100,00 % 90,00 % legenda: 100,00 % attività commerciali e di distribuzione 100,00 % impiantistica produzione cartaria 100,00 % produzione e commercializzazione di energia attività finanziarie 100,00 % altre attività 100,00 % 100,00 % Burgo Polska Sp z o o (PL) 50,00 % 49,00 %

14 12 1 Il gruppo 1.3 Burgo Group dispone di 13 stabilimenti (12 in Italia e uno in Belgio) per la produzione di carte grafiche e carte speciali: carte patinate con legno e senza legno, per la stampa di periodici, cataloghi, stampati commerciali e libri. Nel comparto delle carte patinate, che rappresentano il core business del Gruppo (82,5%), Burgo è uno dei principali produttori europei. Completano la capacità produttiva un ampia gamma di carte naturali per editoria e carte per ufficio, carte per quotidiani, carte speciali e per l imballaggio flessibile. Nel business dell energia, gestito da Burgo Energia, il Gruppo opera sul mercato dei clienti finali, sui mercati del Gestore Mercato Elettrico, sui mercati spot e a termine dell energia francese, svizzera e tedesca, sulle piattaforme d asta per l acquisto di capacità di trasporto in import e in export. Dal 2011 Burgo Energia ha avviato l operatività del mercato gas per ottimizzare lo stoccaggio assegnatogli. Un produttore europeo, un player autorevole Dalla carta all energia

15 13 b u r g o g r o u p r apporto ambientale 2011 La carta al lavoro Comparti produttivi, sedi, prodotti e marchi c a r ta carte gr afiche carte speciali d i s t r i b u z i o n e c a r ta m at e r i e prime f i b r o s e cellulosa pastalegno pasta disinchiostr ata e n e r g i a a lt r e at t i v i tà impiantistica r accolta e selezione carte di recupero factoring gestione prodotti forestali

16 14 1 Il gruppo Gli stabilimenti Altavilla Vicentina (vi) sede leg ale San Mauro Torinese (to) sede secondaria Avezzano (Aq) cwf Chiampo (vi) spe Duino (ts) cmr Lugo (vi) cwf spe Mantova ne ws Sarego (vi) cwf 2pm_270 kt/a 1pm_40 kt/a 2pm_300 kt/a 2pm_60 kt/a 1pm_160 kt/a 1pm_150 kt/a Sora (FR) cwf Tolmezzo (ud) spe un Toscolano (bs) cwf cmr Treviso spe Verzuolo (cn) cmr Villorba (tv) cmr 2pm_280 kt/a 2pm_165 kt/a * 2pm_130 kt/a 1pm_40 kt/a 2pm_540 kt/a 1pm_200 kt/a Virton Burgo Ardennes (Belgio) cwf 1pm_350 kt/a cwf = coated woodfree - carte patinate senza legno pm = paper machine - linea produttiva cmr = coated mechanical - carte patinate con legno * pm11 ferma a tempo indeterminato spe = specialty - carte speciali un = uncoated - carte naturali ne ws = newsprint - carte da giornale

17 15 b u r g o g r o u p r apporto ambientale L anno di Burgo Group in cifre Highlights e performance Fatturato carta in volume (t) carta certificata fsc /pefc (t) Dipendenti (al n) Stabilimenti (n) 13 certificati fsc (n) 12 certificati pefc (n) 8 certificati iso (n) 13 registrati emas (n) 3 certificati uni en (n) 1 Energia autoprodotta (MWh) Volumi carte certificate +69,5% variazione rispetto all anno precedente +18,3% Recupero rifiuti di produzione +4,0% variazione rispetto all anno precedente +0,8% Consumi specifici di energia -2% variazione rispetto all anno precedente -1%

18 16

19 17 2 lo sviluppo sostenibile b u r g o g r o u p r apporto ambientale 2011

20 18 2 lo sviluppo sostenibile 2.1 Burgo Group si è impegnata nel corso degli anni ad armonizzare la crescita del business con lo sviluppo sostenibile, pianificando e mettendo in atto politiche rispettose dell ambiente. L ambiente non è solo quello in cui opera e si approvvigiona, ma anche in un accezione più ampia e consapevole l ambiente di lavoro dei suoi dipendenti e collaboratori e il contesto (il mercato globale) in cui vengono utilizzate le proprie carte e i propri prodotti. Crescere in armonia: business e sviluppo sostenibile Se lo sviluppo sostenibile è un core aziendale, presente in tutti i processi produttivi e distributivi, la sostenibilità ambientale per Burgo Group non si riferisce solo alla Natura e agli ecosistemi. Il suo ambito comprende anche la sicurezza di un ambiente di lavoro salubre e protetto per collaboratori e parti terze, e la garanzia di carte sicure al 100% per tutti i consumatori. Con un occhio di riguardo alle carte alimentari, che entrano in contatto diretto con cibi e bevande. Insomma, la sostenibilità ambientale è diventata, anno dopo anno, parte integrante di una responsabilità più grande, quella nei confronti della Comunità di riferimento. È in quest ottica che va letto l impegno del Gruppo: nel mantenere sempre aggiornati e ampliare gli ambiti del proprio sistema di certificazioni ufficiali (qualità, ambiente, ecc.) nel rendere costantemente operante, aggiornare e diffondere a tutti gli stakeholder la propria Dichiarazione sulla Politica per l ambiente, la salute e sicurezza sul lavoro nell aver recentemente aderito (2012) alla Carta dei principi per la sostenibilità ambientale, promossa da Confindustria per la Sostenibilità, la cui guida operativa è rivolta alle aziende che intendano perseguire obiettivi di sviluppo migliorando le proprie prestazioni ambientali. Aderendo alla Carta, Burgo ne assume i valori e gli impegni come parte integrante della propria attività produttiva. 2

21 19 b u r g o g r o u p r apporto ambientale 2011 Il rispetto e la tutela dell ambiente, della salute e della sicurezza sul lavoro riguardano l intera Organizzazione e costituiscono il fondamento delle strategie operative e di mercato dell azienda. Costituiscono prerequisiti fondamentali delle attività di Burgo Group: Prerequisiti e principi guida la prevenzione e protezione dai rischi relativi alla salute e sicurezza sul lavoro la conformità alle normative vigenti, sia obbligatorie, sia volontarie la compatibilità con l ambiente che le ospita e la protezione del personale e della popolazione dagli effetti ambientali avversi la definizione delle responsabilità nella gestione della tutela ambientale l orientamento al miglioramento continuo delle performance ambientali e di salute e sicurezza sul lavoro la disponibilità delle risorse umane, tecnico-strumentali ed economiche necessarie. Quanto sopra si traduce in una serie di principi guida e traguardi di miglioramento gestiti a livello di Gruppo e di singola unità produttiva nell ambito dei sistemi conformi ai requisiti del Regolamento EMAS, della Norma ISO 9001, della Norma ISO 14001, della Norma UNI EN e della Norma OHSAS Si tratta degli stessi principi guida e degli obiettivi di miglioramento che concorrono a disegnare il futuro sostenibile di Burgo Group, in armonia con gli obiettivi della crescita e della competitività. Essi vengono definiti dall Alta Direzione aziendale in seno alla Politica per l ambiente e per la salute e sicurezza sul lavoro, che presentiamo alle pagine 20 e 21.

22 20 2 lo sviluppo sostenibile politica per l ambiente e per la salute e sicurezza sul lavoro per la ricerca, lo sviluppo e la produzione di vari tipi di carte in bobina e in formato La politica espressa dall Alta Direzione viene recepita, sviluppata e implementata dalle Direzioni di Stabilimento e dalle Funzioni di Sede coinvolte per competenza e ruolo. Burgo Group, consapevole del proprio ruolo e responsabilità nei confronti della comunità e dell ambiente in cui opera, nonché nell assicurare un ambiente di lavoro salubre e sicuro a tutti i suoi Collaboratori e alle altre Parti Interessate, ha definito la Politica oggetto del presente documento impegnandosi a renderla operante, mantenuta aggiornata, diffusa a tutto il personale e disponibile al pubblico e a chiunque ne faccia richiesta. Il rispetto e tutela dell Ambiente e della Salute e Sicurezza sul Lavoro riguardano l intera Organizzazione e costituiscono il fondamento delle strategie operative e di mercato della Società. Prerequisiti fondamentali delle nostre attività, dei prodotti e del relativo sviluppo sono: La compatibilità con l ambiente che li ospita e la protezione del personale e della popolazione dagli effetti ambientali avversi. La prevenzione e protezione, per i dipendenti e le altre Parti Interessate, dai rischi di Salute e Sicurezza sul Lavoro a cui possano essere esposti. La conformità alla legislazione vigente e alle altre eventuali prescrizioni sottoscritte in relazione ai fattori di impatto ambientale e/o ai pericoli di Salute e Sicurezza sul Lavoro identificati nonché alle normative volontarie a cui l Organizzazione aderisce. La chiara definizione, nell ambito di tutta l Organizzazione, delle responsabilità nella gestione della tutela dell Ambiente e della Salute e Sicurezza sul Lavoro. L orientamento al miglioramento continuo della prevenzione e delle prestazioni ambientali e di Salute e Sicurezza sul Lavoro. La disponibilità delle risorse umane, tecnico - strumentali ed economiche necessarie. Quanto sopra si traduce, annualmente, in specifici obiettivi e traguardi di miglioramento gestiti nell ambito dei sistemi conformi ai requisiti del Regolamento EMAS, della Norma ISO e della Norma BS OHSAS

23 21 b u r g o g r o u p r apporto ambientale 2011 Principi Guida a. Prodotti, Processi, Tecnologie e Gestione delle risorse Sviluppiamo e fabbrichiamo prodotti ponendo attenzione alla qualità in modo da minimizzare l impatto ambientale e prevenire lesioni e malattie per tutte le Parti Interessate. Implementiamo nuove attività, processi e impianti previa valutazione dei fattori di rischio e delle problematiche ambientali e di Salute e Sicurezza sul Lavoro collegate. Utilizziamo le migliori tecnologie disponibili economicamente accessibili. Ci impegniamo ad un attenta gestione dell energia e all ottimizzazione dell uso delle risorse naturali e delle materie prime. b. Minimizzazione dell impatto ambientale e del rischio di Salute e Sicurezza sul Lavoro Ci proponiamo di valutare, controllare, eliminare e ridurre le incidenze delle nostre attività sulle varie componenti dell Ambiente e della Salute e Sicurezza sul Lavoro tenendo conto della natura e dell entità dei fattori di impatto ambientale e dei rischi identificati. c. Formazione, Coinvolgimento e Consultazione Pianifichiamo ed effettuiamo documentata formazione affinché il personale sia addestrato e sensibilizzato a svolgere e controllare quanto di pertinenza in modo sicuro e responsabile (la sensibilizzazione, al fine di evitare comportamenti pericolosi, è rivolta anche al personale esterno che opera per Burgo Group all interno dei suoi Siti). Per favorire il coinvolgimento e la partecipazione di tutti i Lavoratori sono pianificate ed effettuate periodiche riunioni informative integrate da adeguati supporti di comunicazione. Inoltre sono messe in atto procedure che assicurano la pronta consultazione dei Lavoratori, anche attraverso i loro Rappresentanti. d. Fornitori Sono coinvolti in relazione agli obiettivi di miglioramento della tutela dell Ambiente e della Salute e Sicurezza sul Lavoro correlati ai prodotti e/o ai servizi richiesti. Riguardo alle materie prime fibrose approvvigionate, sono preferiti i Fornitori che aderiscono a Sustainable Forest Management affinché sia mantenuto e aumentato lo stato di salute dell ecosistema forestale. e. Emergenze Per rispondere a potenziali incidenti e ad altri eventi imprevisti, sono stabilite appropriate procedure di emergenza in cui si enfatizza il concetto di prevenzione attraverso un analisi dei rischi e l adozione di adeguate misure per contenerne gli effetti. Le stesse sono riesaminate e modificate a fronte di eventi registrati e/o in caso di sviluppo di nuove attività, prodotti e processi. f. Informazioni e Comunicazione Informiamo sistematicamente il personale riguardo agli aspetti ambientali e ai rischi di Salute e Sicurezza correlati alle attività svolte, affinché ne comprenda le implicazioni per quanto concerne il proprio ruolo e comportamento nel lavoro. Ci impegniamo a perseguire un dialogo aperto e costruttivo con tutte le Parti Interessate assicurando trasparenza e affidabilità dei dati e delle informazioni. Ove applicabile è resa disponibile la Dichiarazione Ambientale e i suoi aggiornamenti, al fine di dare trasparente comunicazione sui risultati ottenuti e sui nuovi obiettivi da raggiungere. Amministratore Delegato dr. Girolamo Marchi Direttore Generale ing. Alberto De Matthaeis

24 22 2 lo sviluppo sostenibile 2.2 La Politica per l ambiente, la salute e la sicurezza sul lavoro si traduce operativamente non solo nel rispetto delle più restrittive norme nazionali e internazionali, ma anche perseguendo volontariamente obiettivi di miglioramento, nella realizzazione di piani strategici che abbinano qualità produttiva, sostenibilità, salute e sicurezza e nella certificazione dei sistemi ambientali dei siti produttivi. Già dal 2005 il Gruppo affianca alle certificazioni esistenti l adozione di ulteriori standard internazionali. Alla Certificazione ISO 14001:2004 si è aggiunta, ad esempio, la registrazione EMAS (Eco-Management and Audit Scheme). In Italia è oggi in vigore l ultima e più restrittiva versione esistente, il regolamento EMAS III. EMAS è un regolamento dell Unione Europea con il quale le industrie possono volontariamente aderire a un sistema di gestione responsabile dell ambiente e delle politiche di audit. Enti privati accreditati verificano la conformità ai requisiti, mentre la registrazione è a cura del comitato ministeriale Ecolabel-Ecoaudit. In particolare, il regolamento EMAS III che oggi è ufficialmente riconosciuto da tutte le organizzazioni mondiali ha aggiornato alcuni requisiti presenti nei regolamenti precedenti. Tra questi, l introduzione di nuovi indicatori ambientali chiave con i quali le aziende comunicano le proprie prestazioni e la pubblicazione di linee guida settoriali di riferimento per le migliori pratiche disponibili. Il primo stabilimento Burgo Group registrato è stato quello di Toscolano Maderno (BS). Nel 2011 è proseguito l iter di registrazione EMAS per lo stabilimento di Verzuolo, che ad aprile 2012 ha superato positivamente la prima fase, in attesa di attivare il processo di registrazione presso lo stabilimento di Villorba. Norme e certificazioni internazionali La registrazione emas

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14 FSC Italia TOUR # 6 Matera, 25 giugno 2014 Contenuti della presentazione Introduzione al Regolamento (UE) 995/2010 (EUTR) EUTR e certificazione forestale EUTR e certificazione FSC Alcune premesse Il Regolamento

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA Igiene, norme e sostenibilità: profilo di un settore in continua trasformazione assocasa.federchimica.it Indice 1. Introduzione al settore pag. 3 2. Le

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI

PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI G. Noci e E. Pizzurno I N D I C E 1. LA RILEVANZA DELLA PROBLEMATICA AMBIENTALE 246 2. LE OPZIONI STRATEGICHE A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE 247 3. IL PROCESSO

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO 2ª Edizione - Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Calzedonia Holding S.p.A - il 17 marzo 2014 ENG INTRODU- ZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE DEL CODICE ETICO Un Azienda

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli