LA SEDIA DA TRASPORTO O SEDIA PORTANTINA O SEDIA CARDIOPATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SEDIA DA TRASPORTO O SEDIA PORTANTINA O SEDIA CARDIOPATICA"

Transcript

1 Umanità * Imparzialità * Neutralità * Indipendenza * Volontariato * Unità * Universalità CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Lazio Ispettorato Provinciale VV.d.S. Roma Area Addestramento e Formazione Collaboratore Tecnico Provinciale per la Formazione di Istruttori di P.S. T.I. CROCE ROSSA ITALIANA PROTOCOLLI D INTERVENTO PER VOLONTARI DEL SOCCORSO LA SEDIA DA TRASPORTO LA SEDIA DA TRASPORTO O SEDIA PORTANTINA O SEDIA CARDIOPATICA INDICI 1. INTRODUZIONE 2. OBIETTIVI 3. INDICAZIONI 4. CONTROINDICAZIONI 5. ATTREZZATURE 6. DEFINIZIONI 7. PROCEDIMENTO 8. CASI PARTICOLARI Rev. Data Motivo della revisione Supervisione e Coordinamento per la redazione Redatto Pagina 1 di 12

2 1. INTRODUZIONE La sedia portantina serve per trasportare un paziente non critico e non traumatico, per le scale, senza doverlo prendere in braccio (a seggiolino). Per l utilizzo servono un minimo di due operatori, ma è preferibile, a seconda del protocollo utilizzato, realizzare il trasporto in tre, e un minimo di due cinghie di sicurezza, una per il tronco e una per le cosce (da non dimenticare mai), ma anche in questo caso è preferibile siano tre: una per il torace, una per l addome e una per le gambe. La sedia portantina pieghevole è uno strumento utilizzato quando l infortunato non presenta lesioni traumatiche; ideale per il trasporto dal luogo dell evento all ambulanza (soprattutto in presenza di scale) di persone con evidenti difficoltà respiratorie (proprio perché la persona se messa in posizione supina farebbe ancora più fatica a respirare); la sedia portantina infatti è nota anche con il nome di sedia cardiopatica. Può essere usata in aree troppo piccole per poter intervenire con le barelle. È semplice da utilizzare e grazie alle due o quattro ruote, sono facilitate le manovre in spazi limitati ed il trasporto sulla maggior parte delle superfici. Le maniglie telescopiche facilitano il sollevamento senza che il soccorritore interferisca con i piedi del paziente mentre le manopole ed i punti di presa superiore sono realizzati in gel di gomma sintetica per ottimizzare il comfort. La seduta e lo schienale sono realizzati in vinile facile da pulire; è resistente alle macchie e non assorbe sangue o fluidi corporei. Le cose importanti da ricordare sono: assicurarsi che la sedia una volta aperta sia ben bloccata e che il paziente sia ben immobilizzato e tenuto sempre sotto controllo. È opportuno ritenere ogni utente/paziente potenzialmente portatore di malattie infettive e ogni azione dei soccorritori non deve venir meno a questo principio. Il primo presidio di cui si dispone è il buon senso; evidentemente applicare in modo indiscriminato tutte le tecniche di autoprotezione non ha molto senso, così come proteggere le mani e lasciare scoperte le braccia non garantisce, evidentemente, una protezione adeguata. Per lo stesso buon senso, è necessario garantire un sufficiente livello di disinfezione dei materiali e dei mezzi con i quali si opera. E necessario indossare guanti monouso sempre, prestando particolare attenzione in caso di probabile contatto con sangue od altri materiali organici. Solo un adeguata preparazione ed una corretta metodologia di lavoro possono prevenire la maggior parte dei rischi. Anche se molte operazioni, come quelle di pulizia periodica e straordinaria, diventano di noiosa routine, devono essere svolte con diligenza perché proprio in questi casi la disattenzione porta più facilmente all errore, vanificando l opera di prevenzione svolta sino a quel momento. Pagina 2 di 12

3 La sedia di cui si sta trattando nel presente documento è quella mediamente più diffusa e che viene a tutt'oggi omologata perchè costruita nel rispetto delle vigenti normative a differenza di molte sedie che sono ancora in uso ma se costruite oggi non verrebbero più omologate! 2. OBIETTIVI Obiettivo del presente capitolo è quello di descrivere il corretto utilizzo della sedia portantina mediante descrizione del protocollo d uso. 3. INDICAZIONI La sedia portantina, come già esposto in precedenza, è progettata per trasportare infortunati in posizione seduta. Le sue caratteristiche includono un telaio pieghevole, con possibilità di ripiegare la sedia, ruote da trasporto, maniglie telescopiche frontali, e tre cinture per limitare i gradi di movimento del trasportato. La sedia è identificata dal numero di Modello (PN) e dal numero di Serie (SN) riportati in modo permanente sulle targhette applicate al prodotto stesso. PN ed SN sono indispensabili per la garanzia del prodotto. La sedia è progettata in conformità ai requisiti della direttiva 93/42/CEE del (classe I) concernente i dispositivi medici. Nella realizzazione della sedia sono stati evitati spigoli vivi o bordi taglienti che possono provocare lesioni accidentali al personale che la utilizza. Tutti i materiali utilizzati, dimensionati per lavorare correttamente entro i limiti di carico riportati nelle specifiche tecniche, sono resistenti alla fiamma, non cedono alcuna sostanza tossica o inquinante e sono protetti per ottenere un elevata resistenza ad usura e corrosione. Per adoperare la sedia in condizioni di massima sicurezza sono richiesti almeno due soccorritori di media statura ed in buone condizioni fisiche. Gli operatori DEVONO POSSEDERE: - Forza nella schiena, nelle braccia e nelle gambe per sollevare, spingere e tirare - Buon equilibrio - Riflessi - Coordinazione muscolare Pagina 3 di 12

4 La sedia è costruita esclusivamente per uso professionale. Durante l uso della sedia mettere in uso solo procedure approvate. Usare la sedia solo quando è in condizioni di perfetta efficienza e riceve una corretta manutenzione. Un uso e una manutenzione impropri possono provocare danni a persone e cose, per cui bisogna avere l accortezza di utilizzare ed eseguire la manutenzione della sedia come indicato sul manuale d uso e servirsi esclusivamente di parti di ricambio originali. Effettuare periodicamente il controllo per verificare l efficacia del prodotto, come specificato nella sezione Manutenzione del manuale d uso. Gli operatori devono utilizzare sempre le apposite cinture di sicurezza. Circostanze inusuali o il peso eccessivo del trasportato possono richiedere l utilizzo di altro personale per assicurare comfort e sicurezza. Per ridurre timori ed ansietà nel trasportato è necessario informarlo di tutte le manovre che vengono effettuate. 4. CONTROINDICAZIONI L uso della sedia NON è raccomandato qualora si sospettino problemi cervicali, spinali o fratture. Un uso improprio della sedia può causare situazioni di pericolo. Utilizzare ed eseguire la manutenzione della sedia solo come prescritto sul manuale d uso e servirsi esclusivamente di parti di ricambio ed assistenza originali. Il peso eccessivo dell infortunato è controindicazione all uso di tale presidio. Eccedere il carico limite di 159 Kg. può risultare pericoloso. Usare un altro mezzo di trasporto per gli infortunati il cui peso eccede il carico limite. 5. ATTREZZATURE SEDIA PORTANTINA SISTEMA/SET DI CINGHIE: La sedia viene fornita con tre cinture per limitare i movimenti dell infortunato durante il trasporto. Le cinte bloccano torace, cosce e gambe. CINTURE DEL TORACE/ADDOME E COSCE: Assicurare le cinture al torace ed alle cosce tirando l estremità libera della cintura della fibbia. Pagina 4 di 12

5 CINTURE PER LE GAMBE: Assicurare la cintura per le gambe tirando via l estremità della cintura dalla fibbia di fissaggio. Per allentare favorire manualmente il rientro della cintura nel maschio della fibbia. MANIGLIE DI TRASPORTO: La sedia è dotata di maniglie frontali e posteriori per facilitarne il trasporto. MANIGLIE DI TRASPORTO ANTERIORI: Le maniglie frontali possono essere posizionate in posizioni: 1. Retratto basso 2. Retratto alto 3. Esteso basso 4. Esteso alto Per spostare le maniglie dalla posizione alta a quella bassa spingere sulla manopola fino a quando il dispositivo di blocco si sia attivato. Per riportare la maniglia in posizione alta premere sul dispositivo di blocco fino a consentire lo sgancio della leva e sollevare la leva stessa. Per estendere la maniglia di trasporto frontale premere sul bottone e tirare verso l esterno la leva consentendone la relativa estensione e verificandone il bloccaggio. Per far rientrare la leva di trasporto, premere sul bottone di rilascio e spingere la leva fino all azionamento del dispositivo di bloccaggio consentendone il ricovero nell alloggio. Un uso improprio della sedia può causare situazioni di pericolo. Assicuratevi che le maniglie frontali durante l uso siano sempre bloccate (estese o retratte). MANIGLIE DI TRASPORTO POSTERIORI: Piegare le maniglie di trasporto posteriori in caso di immagazzinamento. Usare le maniglie in posizione estratta durante il trasporto dell infortunato. BLOCCO DELLA SEDIA: Il dispositivo di sicurezza blocca la sedia in posizione aperta. Il dispositivo interviene durante l apertura della sedia. Per disattivare il blocco di sicurezza e piegare la sedia, sollevare la barra di bloccaggio. 6. DEFINIZIONI nessuna. 7. PROCEDIMENTO Pagina 5 di 12

6 Gli operatori devono avere una conoscenza pratica delle procedure di movimentazione di emergenza degli infortunati e devono essere fisicamente in grado di assistere gli stessi. Essi devono inoltre avere piena familiarità con le procedure descritte sul manuale d uso del presidio e impratichirsi nell uso della sedia prima di impegnarla in situazioni reali con infortunati. Gli operatori dovrebbero pertanto seguire un piano di addestramento approvato dal Responsabile del servizio di addestramento del personale secondo i protocolli previsti a livello Nazionale. Gli operatori devono essere sottoposti ad una verifica dell addestramento. È necessario conservare una registrazione delle esercitazioni effettuate. Controllare il trasportato durante tutto il tempo in cui è seduto sulla sedia. Assicurare l infortunato con le cinture di sicurezza durante il trasporto con la sedia. Nella movimentazione dei pesi si raccomanda di utilizzare prevalentemente i muscoli del bacino e quelli delle gambe a discapito di quelli del dorso, partendo da una posizione "iniziale" con la schiena diritta e ginocchia flesse (posizione accoccolata, es. quando si alzano le scatole o qualsiasi altro oggetto da terra). Inoltre con la schiena diritta si riduce del 20% il carico sui dischi lombari: essendo la colonna vertebrale ben fissata alla muscolatura subisce in modo uniforme la distribuzione del peso. Quindi per evitare torsioni o movimenti laterali della colonna o iperestensioni (curvamenti all'indietro della schiena) occorre che il baricentro del carico sia il più vicino possibile all'asse verticale con una base di appoggio rappresentata dai piedi. Il carico deve avere delle caratteristiche cioè: essere dotato di punti di presa, con un baricentro stabile; infatti quest'ultimo - ripetiamo - deve essere il più vicino possibile al corpo dell'operatore. Quando bisogna "traslarlo" lateralmente bisogna ruotare tutto il corpo, non solo il tronco. PROTOCOLLO DI UTILIZZO CARICAMENTO SU SEDIA PORTANTINA DEL TRASPORTATO APRIRE LA SEDIA: Tirare il telaio della sedia, lato schienale, con una mano ed il telaio lato sedile con l altra allontanando le due parti. Prima di utilizzare la sedia controllare la corretta attivazione del dispositivo di blocco. Per fare ciò provare a richiudere la sedia. Se tale operazione non riesce la sedia è correttamente aperta e bloccata. Quando la sedia è bloccata estrarre le maniglie di trasporto posteriori. Bloccare ciascuna maniglia di trasporto anteriore in posizione retratta. TRASFERIMENTI DEL TRASPORTATO: Per trasferire infortunati con la sedia fare riferimento a tecniche mediche di emergenza approvate assicurando altresì il trasportato alla sedia. Pagina 6 di 12

7 Usare solamente le cinture di sicurezza presenti sulla sedia. Non utilizzare le cinture di sicurezza può provocare danni al trasportato. Verificare frequentemente la corretta tenuta delle cinture sull infortunato. Non usare altri materiali come garze o nastri che possano interferire con la corretta operazione della sedia. Prima di trasportare un infortunato verificare la corretta attivazione di tutti dispositivi di bloccaggio attivati in quella determinata modalità operativa. Può essere utile (ove presenti) bloccare le ruote della sedia durante il trasferimento del trasportato su di essa. Trasferire l infortunato sulla sedia ed agganciare le cinture di sicurezza. Il trasporto di un infortunato sulla sedia richiede comunque un minimo di due operatori opportunamente addestrati. La sedia portantina non va utilizzata da soli. In caso di trasportati particolarmente pesanti si dovrà ricorrere ad operatori addizionali. Utilizzare le ruote esclusivamente su superfici piane. Su superfici sconnesse o inclinate si consiglia di sollevare la sedia. La manovra iniziale è quella di mettere il paziente sdraiato o semi-seduto, libero da lenzuoli o coperte, poi un operatore (Primo Soccorritore) si pone alle spalle del paziente effettuando una presa crociata (mani davanti al torace). L'altro operatore (Secondo Soccorritore) dopo aver sistemato la carrozzina di fianco al letto, afferra il paziente sotto il cavo popliteo, tenendo le proprie ginocchia in posizione flessa quindi a questo punto con una manovra congiunta e ben coordinata si sposta il paziente sulla carrozzina. Per inclinare la sedia l operatore (Secondo Soccorritore) di fronte il trasportato dovrà afferrare le maniglie di trasporto frontali e sollevare mentre l operatore (Primo Soccorritore) alle spalle, usando le maniglie posteriori guiderà e supporterà la sedia. Per sollevare la sedia e trasportare infortunati si dovrà far uso di tecniche adeguate. Per trasportare un infortunato su o giù per una superficie inclinata (scale o rampe) bloccare le maniglie di trasporto anteriori nella posizione estesa in basso. In queste situazioni può essere necessario, a seconda della tecnica adottata, un altro operatore che da indicazioni sugli ostacoli. L infortunato deve avere sempre lo sguardo rivolto nella direzione di marcia. Per la corretta operatività della sedia è richiesta la presenza minima di due operatori opportunamente addestrati, ma a questi se ne deve aggiungere obbligatoriamente un terzo, qualora si trasporti l infortunato secondo la tecnica indicata come Procedura a tre soccorritori descritta successivamente. Due operatori dovrebbero poter maneggiare infortunati fino ad 80 Kg. di peso. Per infortunati più pesanti sarà necessario ricorrere all intervento di personale aggiuntivo. Nel caso in cui il peso del trasportato ecceda i 159 Kg. utilizzare un altro mezzo di trasporto. Qualora siano Pagina 7 di 12

8 utilizzati altri inservienti i due operatori addestrati avranno il compito di mantenere il controllo della sedia e coordinare gli aiutanti durante il trasporto. Su superfici livellate, gli aiutanti dovrebbero supportare gli operatori nelle opere di sollevamento. In tutte le situazioni in cui necessiti l impiego di ulteriori operatori supplementari, il controllo della sedia e la coordinazione del trasporto spettano ai due operatori qualificati, mentre gli operatori supplementari devono contribuire al trasporto seguendo le indicazioni dell operatore responsabile. In ogni caso un operatore qualificato non deve mai abbandonare l infortunato per tutto il tempo che rimane sulla sedia. A) TECNICA DI UTILIZZO A TRE SOCCORRITORI Questa tecnica presuppone la presenza di almeno tre soccorritori. La tecnica di utilizzo della sedia portantina qui descritta prevede la sistemazione dell infortunato seduto, che è stato legato con le apposite cinghie in dotazione e con la seguente posizione dei soccorritori: 1 PASSAGGIO 1) Primo Soccorritore (PS) si posiziona alle spalle dell infortunato dietro la sedia portantina e afferra saldamente le due maniglie posteriori. Dà il segnale al Secondo Soccorritore di essere pronto. 2) Secondo Soccorritore (SS) si posiziona di fronte al trasportato, con lo sguardo rivolto verso di lui, e afferra saldamente le maniglie anteriori, allungandole della giusta misura per il trasporto. Dà il feed-back al PS prima di sollevare la sedia, contemporaneamente al PS. Avrà il compito di spiegare le manovre e tranquillizzare il soggetto trasportato. 3) Terzo Soccorritore (TS) si prepara alle spalle del SS, appoggia la sua mano alla spalla del SS e avrà il compito di guidare la manovra di discesa dalle scale e indicare eventuali ostacoli sul percorso. 2 PASSAGGIO 1) Il SS dà il via a muoversi, dicendo al trasportato che solleverà la parte anteriore della sedia portantina. Dà poi il comando per il coordinamento nella manovra di sollevamento della sedia portantina. Dà il comando per iniziare la manovra e in tale maniera dà anche avvertimento al TS che stanno per muoversi. 2) Il PS e il TS rispondono pronti 3) Il SS dà il via Pagina 8 di 12

9 4) PS e SS sollevano in sincrono la sedia. 3 PASSAGGIO Il TS indica i gradini e gli ostacoli, scendendo scalino per scalino, accompagnando il movimento del SS e non staccando mai la propria mano dalla spalla del SS. Il TS indica, inoltre, il momento in cui il piede del SS è perfettamente poggiato sullo scalino. Il TS aiuta a mantenere diritta la schiena del SS. Solo quando il piede del SS è saldamente sullo scalino, il TS dà il via per il passo successivo. Il PS si muove in sincrono con il SS. La sequenza va ripetuta fino alla fine della scala. In caso di salita il movimento va fatto con la schiena del trasportato voltata verso la scala e il TS si posizionerà alle spalle del PS, mettendo una mano sulla spalla e guidandone i movimenti, come descritto in precedenza in caso di ausilio, invece, al SS. POSIZIONE DEGLI OPERATORI A TRE SOCCORRITORI DISCESA SCALE SALITA SCALE Pagina 9 di 12

10 MOTIVAZIONI 1) L infortunato deve essere guardato in viso e per permettere questa accortezza un soccorritore DEVE essere rivolto verso di lui (così da farsi capire anche nel caso sia presente una sordità nel soggetto trasportato). 2) I nostri equipaggi non sono mai composti da due soli operatori, ma di solito composti da almeno tre operatori, quindi non c è praticamente mai l impossibilità di mettere in pratica tale tecnica. 3) La posizione dell operatore di fronte al trasportato risulta più comoda nello scendere le scale perché nel movimento non c è rischio di impatto fra le sue gambe e la struttura della sedia. 4) Può essere utilizzata per scendere o salire le scale. VANTAGGI 1) Si può dare sostegno psicologico al soggetto trasportato 2) Non c è difficoltà ad eseguire tale manovra che, nonostante il SS debba affidarsi alla guida del TS, rimane la più sicura, prevenendo anche il rischio di inciampare del SS. 3) Il SS riesce a visualizzare perfettamente: a. Il paziente e può monitorarlo visivamente, interrompendo il trasporto e passando all effettuazione di altre manovre in caso di emergenza (per ex.: pronto riconoscimento di un arresto cardiaco nel cardiopatico, etc.) b. La sedia portantina, in maniera tale da non lasciarsi sfuggire erroneamente e casualmente le maniglie. c. Ha un buon controllo dell ossigeno e di eventuali apparecchiature e/o strumentazione collegata al paziente. SVANTAGGI 1) Richiede tre operatori 2) Richiede un buon coordinamento e una buona forma fisica Pagina 10 di 12

11 N.B.: al momento attuale questa tecnica, a parere di chi redige il presente documento, sembra la più duttile, la più utile e la più sicura per il trasporto del paziente su sedia portantina. B) TECNICA DI UTILIZZO A DUE SOCCORRITORI Questa tecnica è svolta da due soccorritori. La sistemazione del trasportato prevede che sia seduto con le cinghie debitamente inserite e posizionate. I soccorritori agiscono nel modo descritto successivamente: 1 PASSAGGIO 1) Primo Soccorritore (PS) si posiziona alle spalle dell infortunato dietro la sedia portantina e afferra saldamente le due maniglie posteriori. Dà il segnale al Secondo Soccorritore di essere pronto. 2) Il Secondo Soccorritore (SS) si posiziona con le spalle all infortunato, dopo aver regolato alla giusta lunghezza le maniglie anteriori della sedia portantina. 2 PASSAGGIO 1) Il SS dà il via al trasporto e in sincrono con il PS viene alzata la sedia portantina. 2) Il SS scende il gradino con lo sguardo in avanti, facendo attenzione al gradino da affrontare e avvertendo il PS che sta scendendo il gradino. 3) Il PS segue in sincrono i movimenti e i comandi del SS. 3 PASSAGGIO Si continua fino alla fine della scala. MOTIVAZIONI 1) Il trasportato è in buone condizioni cliniche, stabile, con i parametri vitali in ordine e non presenta dispnea marcata. VANTAGGI 1) Impiego di due unità di personale invece di tre unità di personale. 2) Visione diretta da parte dell operatore della scala da scendere. Pagina 11 di 12

12 SVANTAGGI 1) Viene perso il controllo diretto del trasportato. CONCLUSIONI: Dopo che l infortunato è stato trasportato e trasferito dalla sedia, piegare la sedia per l immagazzinamento o il deposito. Far rientrare le maniglie di trasporto posteriori. Far rientrare le maniglie di trasporto anteriori fino a bloccarle e muoverle nella posizione alta. Inclinare la sedia. Sollevare la barra di bloccaggio e contemporaneamente pigiare sullo schienale dalla sedia. 8. CASI PARTICOLARI La tabella riporta in funzione del tipo di operazione e del peso dell infortunato, il numero e il tipo di operatori consigliati per il trasporto: Tipo di operazione Numero/tipo operatori Peso infortunato Spostamento su superfici piane e 2 operatori addestrati e qualificati Fino a 159Kg approssimativamente orizzontali Usare altro mezzo per il trasporto Oltre a 159Kg Spostamento su superfici sconnesse e/o inclinate e/o percorsi difficili e per 2 operatori addestrati e qualificati Fino a 80Kg 2 operatori addestrati e qualificati + 1 Da 80 sino a 120 Kg operatore supplementare 2 operatori addestrati e qualificati + 2 operatori Da 120 sino a 159 Kg supplementari Usare altro mezzo per il trasporto Oltre a 159Kg Pagina 12 di 12

MOVIMENTAZIONE PAZIENTE

MOVIMENTAZIONE PAZIENTE MOVIMENTAZIONE PAZIENTE TELO PORTAFERITI SEDIA PORTANTINA Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI Strumento fondamentale per il TRASPORTO DEI PAZIENTI. Le OPERAZIONI normalmente eseguite con la barella

Dettagli

Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO

Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO Rev. 1.02 22/07/2014 Numerosi sono i metodi ed i mezzi con cui si possono trasportare pazienti ed infortunati. Quelli maggiormente usati sono: 1. La sedia portantina

Dettagli

MOVIMENTO E BENESSERE

MOVIMENTO E BENESSERE Corso di aggiornamento 2011-2012 MOVIMENTO E BENESSERE I fisioterapisti della S.O.C. Medicina Fisica e Riabilitazione Direttore ff Dott. Franzè Franco In collaborazione con Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

TRASPORTO DISABILI IN CARROZZINA

TRASPORTO DISABILI IN CARROZZINA COORDINAMENTO PROVINCIALE PUBBLICHE ASSISTENZE EMERGENZA AMBULANZE 33..333 AREA PISTOIESE VAL DI NIEVOLE IN CARROZZINA Document property of Coord. PP.AA. PISTOIA: its reproduction, circulation and use

Dettagli

Sedia portantina Utila - modello ALS 300

Sedia portantina Utila - modello ALS 300 Sedia portantina Utila - modello ALS 300 Utila Gerätebau GmbH & Co.KG Zobelweg 9 53842 Troisdorf - Spich Telefono 0224 / 94830 Fax 0224 / 948325 www.utila.de - info@utila.de Utila Gerätebau GmbH & Co.KG

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

Kit immobilizzatori a depressione

Kit immobilizzatori a depressione Manuale di uso e manutenzione del prodotto, necessario per operare in condizioni di sicurezza, mantenere l efficienza e l affidabilità del prodotto e rendere valide le condizioni di garanzia. MU-009-C

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale Portici

Croce Rossa Italiana Comitato Locale Portici Croce Rossa Italiana Comitato Locale Portici CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Locale Portici CORSO BASE (BEPS) PER ASPIRANTI VdS Il Trasporto secondario dei pazienti 1 ARGOMENTI COME MUOVERE UN PAZIENTE IL

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

Posture, mobilizzazioni e ausili

Posture, mobilizzazioni e ausili Corso per Assistenti familiari Posture, mobilizzazioni e ausili Ft Fabio Sandrin Posture Postura supina Decubito laterale Cambio di postura Va fatto almeno ogni 2 ore Nella posizione supina si piegano

Dettagli

Antropometria e posture. Nicola Magnavita

Antropometria e posture. Nicola Magnavita Antropometria e posture Nicola Magnavita Antropometria E la scienza che misura le dimensioni del corpo dall arte all industria Le misurazioni antropometriche consentono di progettare macchine e arredi

Dettagli

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA Indicazioni Generali Gli esercizi Consigli utili Indicazioni generali Questo capitolo vuole essere un mezzo attraverso il quale si posso avere le giuste informazioni

Dettagli

SEDIE COMODE ManualE DI IStruzIOnI Moretti S.p.A.

SEDIE COMODE ManualE DI IStruzIOnI Moretti S.p.A. Pantone 72C Pantone 431C MA SEDIE COMODE 01-A Moretti S.p.A. Via Bruxelles 3 - Meleto 52022 Cavriglia ( Arezzo ) Tel. +93 055 96 21 11 Fax. +39 055 96 21 200 www.morettispa.com info@morettispa.com SEDIE

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI

INDICE DEGLI ARGOMENTI INDICE DEGLI ARGOMENTI Importanti istruzioni di sicurezza Uso corretto 3 Assemblaggio 4 KRANKcycle: specificazioni, strumenti e assemblaggio Specificazioni modello 4 Strumenti per l assemblaggio 5 Assemblaggio

Dettagli

FERITE. FERITE PULIZIA e PUNTI DI COMPRESSIONE FRATTURE IMMOBILIZZAZIONI TOGLIERE IL CASCO

FERITE. FERITE PULIZIA e PUNTI DI COMPRESSIONE FRATTURE IMMOBILIZZAZIONI TOGLIERE IL CASCO FERITE PULIZIA e PUNTI DI COMPRESSIONE FRATTURE IMMOBILIZZAZIONI TOGLIERE IL CASCO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI FERITE PULIZIA e DISINFEZIONE Lavare la ferita: lavare con acqua corrente per

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

il problema PRINCIPIO D INCENDIO ATTENTATO TERREMOTO

il problema PRINCIPIO D INCENDIO ATTENTATO TERREMOTO Sicuri, sempre. Questione di sicurezza In caso di emergenza, la struttura organizzativa di un edificio sede di attività produttive deve essere in grado di reagire rapidamente. I soggetti maggiormente a

Dettagli

CICL.O.PE RUOTINO AGGIUNTIVO PER CARROZZINA

CICL.O.PE RUOTINO AGGIUNTIVO PER CARROZZINA INTRODUZIONE Il presente manuale d uso deve essere attentamente letto dal personale che installa, utilizza o cura la manutenzione di questo ausilio. Lo scopo di questo manuale è quello di fornire le istruzioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (Titolo VI del D. Lgs. 81/2008 s.m.i.) INDICE 1. SOLLEVARE E TRASPORTARE 3 1.1. LA RMATIVA 3 2. EFFETTI SULLA SALUTE 4 3. PRINCIPI DI PREVENZIONE 4 3.1. MOVIMENTI 4 3.2.

Dettagli

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Ergonomia / Videoterminali / Utilizzo sicuro dei VDT LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Introduzione Gli aspetti posturali connessi al lavoro al VDT sulla salute dei lavoratori sono stati studiati da molti

Dettagli

CARROZZINE SIGMA SIGMA CONFORT ISTRUZIONI PER L USO SGUK0502 P ORTOGALLO

CARROZZINE SIGMA SIGMA CONFORT ISTRUZIONI PER L USO SGUK0502 P ORTOGALLO SGUK0502 P ORTOGALLO CARROZZINE SIGMA SIGMA CONFORT ISTRUZIONI PER L USO 1. Introduzione La carrozzina da autospinta che avete acquistato è parte della gamma prodotti Invacare ed è stata realizzata con

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza di lettini e barelle; Spostamento dei pazienti, usando la tecnica più idonea.

Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza di lettini e barelle; Spostamento dei pazienti, usando la tecnica più idonea. LA MOBILITAZIONE E TRASPORTO PAZIENTI Formatore Istruttore V.d.S. Infermiere Guastella G. Obiettivi Cosa significa muoversi, mobilizzarsi; Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza

Dettagli

Manuale d uso e di manutenzione. Sedia da evacuazione S-242 T. Marzo 2012 Pub. N MU-085-A

Manuale d uso e di manutenzione. Sedia da evacuazione S-242 T. Marzo 2012 Pub. N MU-085-A Manuale d uso e di manutenzione Marzo 2012 Pub. N MU-085-A INDICE 1. Informazioni sulla sicurezza... 4 1.1 Avvisi di sicurezza... 4 2. Formazione e Competenze degli operatori..6 2.1 Conoscenze degli operatori...

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

TECNICHE DI MOBILIZZAZIONE E IMMOBILIZZAZIONE ATRAUMATICA SECONDO LINEE GUIDA A.R.E.U. A.A.T. Bergamo

TECNICHE DI MOBILIZZAZIONE E IMMOBILIZZAZIONE ATRAUMATICA SECONDO LINEE GUIDA A.R.E.U. A.A.T. Bergamo TECNICHE DI MOBILIZZAZIONE E IMMOBILIZZAZIONE ATRAUMATICA SECONDO LINEE GUIDA A.R.E.U. A.A.T. Bergamo INDICE 1. APPLICAZIONE COLLARE CERVICALE..Pag. 2 2. RIMOZIONE CASCO INTEGRALE..Pag. 3 3. PRONOSUPINAZIONE

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

La movimentazione dei pazienti

La movimentazione dei pazienti La movimentazione dei pazienti INCIDENZA DI LBP NEI REPARTI FATTORI CHE DETERMINANO POSTURE INCONGRUE PAZIENTI NON AUTOSUFFICIENTI DIMINUIRE I CARICHI DISCALI Attrezzature da lavoro e uso delle stesse

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

Nella introduzione si è fatto un breve cenno alla specificità

Nella introduzione si è fatto un breve cenno alla specificità 3. Misure comportamentali di prevenzione Nella introduzione si è fatto un breve cenno alla specificità della forma e delle funzioni statiche e dinamiche del rachide. Tali proprietà sono uniche nel regno

Dettagli

Gestione ergonomica del paziente e valutazione del rischio. Nicola Magnavita

Gestione ergonomica del paziente e valutazione del rischio. Nicola Magnavita Gestione ergonomica del paziente e valutazione del rischio Nicola Magnavita Strumenti ergonomici Per la raccolta di rifiuti e materiale sporco si devono usare carrelli reggisacco del tipo illustrato a

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE

BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE Dott. Michele Perrini U.O. DI RIANIMAZIONE AUSL BAT/1 BARLETTA 1 COLLARE CERVICALE presidio principe nell immobilizzazione atraumatica del rachide cervicale

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

RACCOLTA DI PROCEDURE PER LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI

RACCOLTA DI PROCEDURE PER LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Resp. Ing. Erminio Pace RACCOLTA DI PROCEDURE PER LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI Ottobre 2012

Dettagli

R282H834 Maniglia (incluso per Pulley e Speed Pulley) 402020 Fascia imbottita caviglie/polsi 25 x 8 cm

R282H834 Maniglia (incluso per Pulley e Speed Pulley) 402020 Fascia imbottita caviglie/polsi 25 x 8 cm PULLEY ACCESSORI R282H834 Maniglia (incluso per Pulley e Speed Pulley) 402020 Fascia imbottita caviglie/polsi 25 x 8 cm 402021 Fascia imbottita coscia/spalla/ testa 55 x 8 cm 402022 Fascia imbottita da

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

I presidi per il trasporto del paziente. VdS Andrea Masini

I presidi per il trasporto del paziente. VdS Andrea Masini I presidi per il trasporto del paziente VdS Andrea Masini A COSA SERVE LA BARELLA? Le due funzioni principali di qualsiasi tipo di barella sono trasportare e proteggere il paziente. Per questo le barelle

Dettagli

Dott. Massimo Franceschini. Piazza Cardinal Ferrari, 1 Via Amedeo d Aosta, 5 20122 Milano 20129 Milano tel. 02.58296680 massimo.franceschini@gpini.

Dott. Massimo Franceschini. Piazza Cardinal Ferrari, 1 Via Amedeo d Aosta, 5 20122 Milano 20129 Milano tel. 02.58296680 massimo.franceschini@gpini. Dott. Massimo Franceschini MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO CLINICA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA - VI DIVISIONE ISTITUTO ORTOPEDICO G. PINI - MILANO

Dettagli

Invacare Mecc San MANUALE D USO AUSILIMEDICI CLASSE I

Invacare Mecc San MANUALE D USO AUSILIMEDICI CLASSE I Invacare Mecc San E/100 E/200 E/400 E/500 MANUALE D USO Prodotto conforme DIRETTIVA 93/42 CEE AUSILIMEDICI CLASSE I INDICE Informazioni generali Caratteristiche tecniche Montaggio Componenti Attrezzature

Dettagli

In senso di marcia. Manuale dell utente. Gruppo Peso Età 2-3 15-36 kg 4-12 a

In senso di marcia. Manuale dell utente. Gruppo Peso Età 2-3 15-36 kg 4-12 a In senso di marcia Manuale dell utente ECE R44 04 Gruppo Peso Età 2-3 15-36 kg 4-12 a 1 ! Grazie per aver scelto izi Up FIX di BeSafe BeSafe ha sviluppato questo seggiolino con cura e attenzione particolari,

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia

LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia Lojer è uno dei più grandi produttori per fisioterapia e rieducazione Sollevamento carichi a partire da un peso di solo 0,5 kg LOJER PULLEY (Pulley) I pulley e

Dettagli

STRETCHING PER GLI ARTI

STRETCHING PER GLI ARTI STRETCHING PER GLI ARTI INFERIORI E SUPERIORI... 1] Stretching attivo del polpaccio (gastrocnemio) In piedi rivolti verso il muro Mantenere ben dritta la gamba posteriore Mantenere il tallone a terra Mantenere

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

Il rischio infortuni nelle attività d ufficio

Il rischio infortuni nelle attività d ufficio Il rischio infortuni nelle attività d ufficio Movimentazione dei materiali Prendere posizione vicino al carico, di fronte alla direzione di spostamento, con i piedi su una base stabile e leggermente divaricati

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Base ISOFIX. Manuale d uso

Base ISOFIX. Manuale d uso Base ISOFIX. Manuale d uso ECE R44/04 ISOFIX Classe E Gruppo 0+ Fino a 13 kg Lingua Italiano Importante Conservare queste istruzioni per ogni futura evenienza 4 Elenco dei contenuti. 01/ Informazioni fondamentali/avvertenze...7

Dettagli

ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI

ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI BREVE ANATOMIA DEGLI ADDOMINALI La parete addominale è interamente rivestita da muscolatura la cui tonicità occupa importanza estetica e funzionale, garantendo la tenuta dei

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE Se si è coinvolti in un incidente stradale, oppure in presenza di persone che accusano traumi o malori a seguito di incidente, ci si può ritrovare in situazioni

Dettagli

Manuale d Uso e Manutenzione. SKID e PROSKID Sedia di evacuazione

Manuale d Uso e Manutenzione. SKID e PROSKID Sedia di evacuazione Manuale d Uso e Manutenzione SKID e Sedia di evacuazione Skid SK20000E Si dichiara che le sedie Skid e ProSkid sono conformi alla direttiva 93/42/CEE Dispositivi Medici e norme tecniche armonizzate EN1865.

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - I PRESIDI DI IMMOBILIZZAZIONE

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - I PRESIDI DI IMMOBILIZZAZIONE CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI - sessione teorica - I PRESIDI DI IMMOBILIZZAZIONE INTRODUZIONE Per immobilizzazione si intende genericamente l utilizzazione di dispositivi

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE VISIVA ATTREZZATURE PER IL TRASPORTO DI BAMBINI PRESCRIZIONI PER LA CIRCOLAZIONE di Franco MEDRI * L articolo 50 del definisce i velocipedi

Dettagli

Facilitare il sollevamento e i trasferimenti. Ft Coord P. Borrega

Facilitare il sollevamento e i trasferimenti. Ft Coord P. Borrega Facilitare il sollevamento e i trasferimenti del soggetto disabile Ft Coord P. Borrega Definizione Prevenire i danni da lavori pesanti I lavori pesanti sono una o più operazioni lavorative, che isolate

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni.

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. CAMPO DI APPLICAZIONE Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. FIGURE INTERESSATE Datore di Lavoro Lavoratore

Dettagli

MOVIMENTAZIONE DELL OSPITE

MOVIMENTAZIONE DELL OSPITE INDICE ISTRUZIONE OPERATIVA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 16 A. MOVIMENTAZIONE GENERALE... 3 1. OBIETTIVO GENERALE... 3 2. CRITERI GENERALI... 3 3. PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 4 4. VERIFICHE...

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

CROCE AZZURRA COMO PROTOCOLLI TRAUMA I

CROCE AZZURRA COMO PROTOCOLLI TRAUMA I CROCE AZZURRA COMO PROTOCOLLI TRAUMA I Metodica di applicazione del collare cervicale (tipo Nec-loc) Indicazioni: Il collare cervicale è un dispositivo semirigido in grado di ridurre notevolmente i movimenti

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 42/86 13.2.2002 ALLEGATO VI PRESCRIZIONI SPECIALI RELATIVE AI VEICOLI DI CAPACÀ NON SUPERIORE A 22 PASSEGGERI 1.1 Dimensioni minime delle uscite I vari tipi di uscita devono avere le seguenti dimensioni

Dettagli

ALZALASTRE ECOLIFT. MANUALE PER L UTILIZZATORE Importante. Leggere integralmente prima del montaggio e dell utilizzo.

ALZALASTRE ECOLIFT. MANUALE PER L UTILIZZATORE Importante. Leggere integralmente prima del montaggio e dell utilizzo. ALZALASTRE ECOLIFT ITW Construction Products Italy Srl Sede Legale: Viale Regione Veneto, 5 35127 Padova Italy Sede commerciale: Via Lombardia, 10 Z.I. Cazzago 30030 Pianiga (VE) Italy Tel. +39 041 5135

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Imbragatura Liko HygieneVest, mod. 50, 55 Imbragatura per la Toilette Orsetto HygieneVest, mod. 50, 55 Istruzioni per l uso Italiano 7IT160167-03 Mod. 50 Mod. 55 Descrizione del prodotto Le presenti istruzioni

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014 Codroipo, lì 15 settembre 2014 Prot. 4714LM La Prevenzione del Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi MMC Introduzione Newsletter 08/2014 ECONSULTING del dott. Luciano Martinelli Via Roma, 15 int.

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Specifico per il tiro con la pistola ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o piu lavoratori, comprese le azioni del sollevare,

Dettagli

Pubblica Assistenza Croce Italia MODULO BARELLIERI

Pubblica Assistenza Croce Italia MODULO BARELLIERI Pubblica Assistenza Croce Italia MODULO BARELLIERI Sede di Bologna Via Stalingrado, 81/2 40128 Bologna Tel. 051/6389028 http:www.croceitalia.it info@croceitalia.it L AMBULANZA La differenza sostanziale,

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Attrezzature per Fisioterapia

Attrezzature per Fisioterapia Attrezzature per Fisioterapia Sollevamento carichi a partire da un peso di solo 0,5 kg PULLEY (Pulley) I pulley e i loro accessori sono considerati come l attrezzatura per riabilitazione più versatile

Dettagli

DURATA: 30 torsioni in totale.

DURATA: 30 torsioni in totale. Il warm up è la fase di riscaldamento generale a secco indispensabile prima di entrare in acqua. La funzione è quella di preparare il corpo allo sforzo, prevenire gli infortuni e migliorare la performance

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONE DEL TRAUMATIZZATO

IMMOBILIZZAZIONE DEL TRAUMATIZZATO PRESIDI IMMOBILIZZAZIONE DEL TRAUMATIZZATO NEL PAZIENTE TRAUMATIZZATO SOSPETTARE SEMPRE UNA LESIONE VERTEBRALE FINO A QUANDO NON SIA STATO ESCLUSO RADIOLOGICAMENTE POSIZIONE NEUTRA DISPOSITIVI DI IMMOBILIZZAZIONE

Dettagli

Sedute/STINGRAY pagina 14. stingraytm

Sedute/STINGRAY pagina 14. stingraytm Sedute/STINGRAY pagina 14 stingraytm Stingray è un sistema per consentire una appropriata postura seduta, personalizzabile, ai bambini con gravi problemi motori, prevalentemente per gli spostamenti esterni.

Dettagli

I traumi rappresentano in Italia:

I traumi rappresentano in Italia: Immobilizzare perché: L intervento di immobilizzazione ha lo scopo di: limitare i movimenti dei monconi ossei fratturati durante le manovre di mobilizzazione e trasporto del paziente di ridurre le possibilità

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO

ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO Testo e disegni di Stelvio Beraldo ESERCIZI PER IL DORSO TRAZIONI DELLE BRACCIA ALLA SBARRA BASSA (a carico naturale o con cintura zavorrata) - Esegui col corpo sempre

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONE DEL TRAUMATIZZATO

IMMOBILIZZAZIONE DEL TRAUMATIZZATO PRESIDI IMMOBILIZZAZIONE DEL TRAUMATIZZATO NEL PAZIENTE TRAUMATIZZATO SOSPETTARE SEMPRE UNA LESIONE VERTEBRALE FINO A QUANDO NON SIA STATO ESCLUSO RADIOLOGICAMENTE POSIZIONE NEUTRA MEZZI DI IMMOBILIZZAZIONE

Dettagli

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7.

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. lunedì datti lo sprint martedì RINVIGORISCITI mercoledì tonificati

Dettagli

Esercizi per collo, spalle e braccia.

Esercizi per collo, spalle e braccia. DA FARE IN CASA - Esercizi pratici per mantenersi in forma. Esercizi per collo, spalle e braccia. 1 - Muscoli spalle e braccia Sdraiati sulla schiena, sollevare un leggero peso sulla testa e flettendo

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

Nozioni di primo soccorso

Nozioni di primo soccorso 1 Nozioni di primo soccorso Primo Soccorso E impensabile dover attendere per prudenza l arrivo di un professionista della sanità in presenza di gravi condizioni di salute Si deve intervenire Si devono

Dettagli

SOMMARIO: Emissione: 08/11/1996 Aggiornamento: 24/09/2001 Motivo revisione Prima emissione Sistema Gestione Qualità Distribuzione Controllata

SOMMARIO: Emissione: 08/11/1996 Aggiornamento: 24/09/2001 Motivo revisione Prima emissione Sistema Gestione Qualità Distribuzione Controllata Pag. 1 di 9 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni 28 10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni Muoversi di più Chi lavora abitualmente al videoterminale deve approfittare di qualsiasi occasione per muoversi e cambiare la posizione

Dettagli

PRESIDI IMMOBILIZZAZIONE DEL TRAUMATIZZATO NEL PAZIENTE TRAUMATIZZATO SOSPETTARE SEMPRE UNA LESIONE VERTEBRALE

PRESIDI IMMOBILIZZAZIONE DEL TRAUMATIZZATO NEL PAZIENTE TRAUMATIZZATO SOSPETTARE SEMPRE UNA LESIONE VERTEBRALE PRESIDI IMMOBILIZZAZIONE DEL TRAUMATIZZATO NEL PAZIENTE TRAUMATIZZATO SOSPETTARE SEMPRE UNA LESIONE VERTEBRALE FINO A QUANDO NON SIA STATO ESCLUSO RADIOLOGICAMENTE 1 POSIZIONE NEUTRA DISPOSITIVI DI IMMOBILIZZAZIONE

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

1465 A TTIV PREVENZIONE A

1465 A TTIV PREVENZIONE A 146 PREVENZIONE ATTIVA - PREVENZIONE ATTIVA sostegni dorsali per auto - pag. 148 147 PREVENZIONE ATTIVA seduta e schienale - pag. 149 pedana per esercizio delle gambe - pag. 149 cuscino a cuneo per seduta

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI DEFINIZIONE: Per movimentazione manuale dei carichi (MMC) si intendono tutte le operazioni di trasporto o di sostegno di un carico effettuate da uno o più di lavoratori,

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni

Movimentazione Manuale dei Carichi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni Rev. 0 del 22/10/2010 Ravenna/Lugo/Faenza Aprile/Maggio 2015 Normativa e documenti di riferimento D.Lgs. 81/08: Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della

Dettagli

Sicurezza 1. SCOOPEXL garantisce un immediato ed efficace isolamento termico grazie allo speciale materiale plastico con il quale è stata realizzata.

Sicurezza 1. SCOOPEXL garantisce un immediato ed efficace isolamento termico grazie allo speciale materiale plastico con il quale è stata realizzata. 1 SCOOPEXL Sempre insieme al paziente dal momento dell immobilizzazione, durante il trasporto verso il PS fino all interno dei reparti di diagnostica e di intervento... e anche durante il trasferimento

Dettagli

Manuale d uso e di manutenzione. Modello 125 KED. Aprile 2001 Pub. N 234-1754-02

Manuale d uso e di manutenzione. Modello 125 KED. Aprile 2001 Pub. N 234-1754-02 Manuale d uso e di manutenzione Modello 125 KED Aprile 2001 Pub. N 234-1754-02 Limitazione di responsabilità Il manuale contiene istruzioni generali per l'uso e la manutenzione del prodotto. Tali istruzioni

Dettagli

Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. Puoi ordinare una copia qui. ****

Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. Puoi ordinare una copia qui. **** L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli