Nodi di congiunzione. Nodo del Pescatore,il suo uso e' particolare, per unire corde dello stesso spessore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nodi di congiunzione. Nodo del Pescatore,il suo uso e' particolare, per unire corde dello stesso spessore"

Transcript

1 Classificazione NODI per USO Si classificano secondo il loro uso, in modo che, quando si presenta la necessità, tu abbia sempre una o più soluzioni possibili. Distinguiamo perciò: i nodi di congiunzione: quelli che servono per unire due corde. I nodi di ancoraggio: quelli che servono a fissare una corda ad un supporto fisso: un palo o un oggetto o una persona da tirare o da calare. I nodi da costruzione: così chiamati perché servono a riunire i diversi pezzi di legno in un qualsiasi lavoro di pionieristica. altri nodi vari: nodi che servono a diversi usi: trecce, teste di Turco, ecc... Nodi di congiunzione Nodo del Pescatore,il suo uso e' particolare, per unire corde dello stesso spessore Nodo "Carrick" (vedi tavola), quando devi trattare con corde grosse questi nodi non sono pratici, Nodo zampa d'oca" (vedi disegno), quando devi "afferrare" una corda grossa con un'altra molto più piccola Nodo di intreccio (difficile): non è propriamente un nodo. comunque serve per unire i due capi di una stessa corda per un uso durevole: esso ha il vantaggio di mantenere la corda allo stesso diametro il che è necessario in parecchi casi, per esempio quando deve passare nella scanalatura di una puleggia. Per fare un intreccio ti occorre un arnese appuntito (vedi tavola) o il punteruolo di un coltello. Ricordati che un intreccio non è buono se non e stretto. Bisogna stringere bene i trefoli a mano a mano che si avanza. Piombatura ad occhiello (vedi disegno), serve a terminare un laccio.

2 Nodi di ancoraggio nodo parlato semplice (o del barcaiolo). il più presto fatto ed il più usato dei nodi di ancoraggio A fianco, vedi il nodo parlato doppio. nodo a bocca di lupo. Nodo a legno semplice. - Per trascinare una trave. Deve sopportare una trazione continua. Si disfa facilmente. Nodo a legno doppio. - Stesso uso del precedente, si disfa meno facilmente, ma è più solido. Nodo dell'ancora. - Solido. Insensibile al movimento di va e vieni e perciò utile per ormeggiare un canotto. Nodo galera. - Serve per costruire delle scale di corda, molto rapido. Attenzione quando ne fai uso che la trazione deve venire dal capo libero del cappio. Nodo a otto (o Savoia, o della Guida quando è fatto doppio, con cappio). - Serve pure per le scale di corda. Può servire anche a fermare una corda che passa per una piccola apertura, a fermare un anello che scorre lungo una corda, ecc... Lo si usa a volte come scorsoio per fare dei pacchetti. E difficile da disfare. "Su cappio di galera". E un cappio ripiegato su se stesso intorno ad un supporto e fermato per mezzo di un bastoncino. Il nodo serve a sospendere un corpo tenuto da una corda i cui due capi sono legati intorno a quel corpo.. "Incappellatura". Serve a fissare un palo. Ed ecco ora quattro nodi di ancoraggio che servono a tirare, a calare o a tenere delle persone. Bolina o sedia semplice. Il nodo a sedia doppio è più comodo; si passa un cappio sotto le ginocchia e uno sotto le ascelle. Esso serve a portare un ferito. Puo' anche servire a sostenere qualcuno che lavori nel vuoto, per esempio lungo un muro. Il nodo a sedia inglese. Medesima utilità del nodo a sedia doppio, ma ha un vantaggio: i due cappi scorrono e per ciò possono adattarsi alla persona da portare. "Il nodo di cavezza (o a pugno)". Presenta la particolarità di essere fatto senza i capi della corda. Serve nelle cordate di montagna. Gli alpinisti che sono alle estremità della cordata fanno un nodo a sedia semplice, quelli al centro fanno il nodo di mezzo (centro della cordata). Può servire come capestro. "Il nodo di alaggio". - Ha la stessa particolarità del precedente: si fa senza i capi della corda. Serve a fare dei cappi lungo la corda bisogna tirare, in modo che le persone che devono tirare possano attaccarsi.

3 Riepilogo ed esemplificazione altri nodi: Nodo Semplice Questo nodo costituisce la base per quasi tutti gli altri nodi. Serve anche per non far uscire una corda da un anello. Nodo Piano Per unire due corde dello stesso spessore. Nodo della Rete o Bandiera Per unire due corde di spessori molto differenti o di materiali differenti. Nel caso di corde di spessore differente, è la corda più piccola che va incrociata perché la trazione la fa immobilizzare contro la corda grossa. Nodo a Otto di Savoia Per accorciare di poco una corda, o per non farla uscire da un anello o da una carrucola. Nodo del Cappuccino Per appesantire l'estremità di una corda, o per non farla uscire da un anello o da una carrucola, o per fare una corda per arrampicata. Nodo del Chirurgo Per unire due estremità di funi di uguale spessore, in particolare se sono sfrangiate. È molto utile per fermare i lacci emostatici. Nodo del Pescatore Per unire due corde dello stesso spessore, in particolare se sono umide.

4 Nodo Galera o Scorsoio Per fissare bastoni o picchetti ad una corda (ad es. per costruire una scala di corda con pioli di legno). Nel caso lo si utilizzi per una scala, bisogna fare molta attenzione al verso del nodo (vedi freccia nel disegno), questo perché il nodo essendo scorrevole, in un verso si serra e nell'altro si allenta, cosa molto spiacevole se state salendo la scaletta. Nodo del Barcaiolo o Parlato Per ancorare una cima ad un palo o ad un anello e per iniziare e terminare una legatura. Nodo Tessitore È un modo semplice per ottenere una robusta asola. Nodo di Bolina o Gassa d'amante o Cappio del Bombardiere Nodo di salvataggio che forma un'asola che non scorre. Per far salire o scendere qualcuno su un pendio molto ripido o su una parete verticale.

5 Nodo di Bolina Doppio Per gli stessi usi del Bolina semplice, ma molto più efficace, in particolare per portare aiuto a qualcuno in difficoltà, in quanto ha due anelli che sostengono molto meglio una persona. Nodo di Bolina Triplo Come il bolina doppio ma con tre anelli. Nodo Margherita Per accorciare o tendere una corda senza tagliarla e senza staccarne le estremità. Nodo a Mezza Chiave Per fissare un tirante o un picchetto.

6 Nodo d'anguilla o A Legno Per ancorare un oggetto o per iniziare la legatura diagonale. Nodo a Bocca di Lupo Per sollevare un palo o un altro oggetto. Per ancorare una corda. Per legare un carico da trascinare (ad es. una fascina di legna). Nodo dell'evaso Molto comodo per fissare una corda al palo e scioglierla facilmente: se si tira la corda il nodo si serra ma se la si fa ondeggiare strattonandola il nodo si scioglie, permettendo di recuperare la fune. Nodo di Prusik È un nodo da alpinismo e serve a fissare un cordino ad una fune permettendo al cordino di scorrere liberamente sulla fune ma di serrarsi molto strettamente se si applica trazione sull asola. Nodo di Carrick Per unire corde di almeno 20 mm di diametro sottoposte a grossi sforzi. Deve essere terminato da due piccole legature a fascia.

7 Nodi da costruzione / Legature Ci sono le legature per allungamenti e le legature propriamente dette. La legatura Piana o di giunzione (o diritta) serve a riunire due bastoni o due travi che lavorano l'una nel prolungamento dell'altra (vedi disegno). Legatura Piana o a Fascia o di giunzione: per unire due pali paralleli Una piccola astuzia: inserisci un bastoncino tra i due pali. Per maggiore solidità fai due legature: Legatura a fascia per treppiedi Legatura Quadrata o Quadra Per unire due pali, uno verticale ed uno orizzontale. Si inizia e si finisce con il nodo parlato. Le due estremità vengono quindi unite con il nodo piano.

8 Legatura a Croce di Sant'Andrea o Diagonale Per unire due pali posti diagonalmente. Due modi diversi per iniziare. Legatura a Pianale Per unire degli assi per formare un pianale (cucina, tavola, zattera, ecc.). Legatura a Stella Per unire due pali posti diagonalmente (non importa con quale angolo devono essere fissati i pali), ed avere una costruzione solida, si può utilizzare al posto della "legatura diagonale". Cominciate con una legatura quadra con i pali perpendicolari poi, giunti al momento della strozzatura, portateli all inclinazione che vi serve. Fate delle volte ad otto nella parte superiore dell incrocio, procedendo verso l esterno. Serratele bene. Procedete poi alla strozzatura che terminerete con un nodo parlato o con un nodo piano, utilizzando l estremità libera del nodo di partenza

9 Legatura ad X Quando i pali di una costruzione non si devono incrociare ad angolo retto si può utilizzare la legatura ad X in alternativa a quella diagonale. 1 metodo: due pali non in opera. Mettere i due pali paralleli e cominciate la legatura con un nodo parlato. Di seguito proseguite con vari giri di corda fasciando i due pali. Inclinateli nella posizione che vi è necessaria e fissateli con tre giri di strozzatura. Terminate con un nodo piano utilizzando l estremità libera del nodo parlato di partenza. 2 metodo: due pali già in opera. Prendete il cordino a un terzo della sua lunghezza e fate un nodo parlato sui due pali nel punto di incrocio. Con la parte più corta del cordino fate dei giri di serraggio nella parte inferiore dell incrocio e fermateli con un nodo parlato. Con la parte più lunga del cordino serrate la parte superiore dell incrocio e strozzate la legatura. Legatura Tripla Questa legatura si presta ad essere utilizzata per realizzare sedili, lavabi, tavoli ed altre strutture da campo. È sicuramente più semplice realizzarla seguendo i disegni piuttosto che dandone una descrizione scritta completa. Si comincia con un nodo parlato; si fanno poi due o tre giri come in figura. La corda deve essere ben tirata e mai accavallata. Procedere poi a tre giri di strozzatura. Terminare la strozzatura con un nodo parlato o con un nodo piano utilizzando l estremità libera del nodo di partenza

10 Nodi Vari Margherita (o "Gamba di cane"). Serve ad accorciare una corda quando la trazione è continua. Di uso frequente al campo per accorciare i tiranti di una tenda. Nodo del cappuccino Serve per fare una corda a nodi e anche per impedire ad una corda di passare per un buco. La treccia Fatta con lacci di cuoio serve per fare delle corregge per attaccare coltelli, borsellini, ecc... La testa di Turco Serve per fare anelli da fazzoletti con spaghetti di cuoio. CONSERVAZIONE DELLE CORDE I cordini e le corde vanno conservati in sacchi di tela, perchè devono respirare, non vanno mai riposti bagnati, prima si fanno asciugare all ombra, non al sole altrimenti si seccano troppo rapidamente e, per conservarli più a lungo, devono esser umettati con olio di lino (solo per le corde in canapa). Non riponeteli senza prima averli avvolti ordinatamente, un operazione semplicissima da fare.

11 TIPOLOGIA E CARATTERISTICHE CORDE Corde di nylon hanno la caratteristica di non risentire dell umidità, ma sono difficili da tirare, scivolose e non semplicissime da annodare. Poi ci sono le corde in sisal che sono molto economiche, ma filacciose ed elastiche per cui occorre controllare spesso lo stato delle legature. Spesso, proprio perché piuttosto grezze come fattura, tirando le corde in sisal ci si ritrova con qualche scheggia nelle mani. Infine si trovano in commercio anche corde in iuta e cocco che però sono poco resistenti. Consigliabile, per i lavori di pionieristica, usare corde di canapa. La canapa è una pianta erbacea dal cui fusto si estrae una fibra che si presenta in fasci di fili paralleli. Questi fili vengono ritorti intorno al loro asse, in questo modo si riesce a conferire loro una maggiore resistenza ed elasticità. Le corde ed i cordini usati in pionieristica sono generalmente ritorti, sono cioè costituiti da un certo numero di fili attorcigliati su se stessi. Dopo averli raggruppati a tre a tre, viene a loro data una torsione opposta alla prima, in questo modo si ottiene il trefolo, circa una ventina di trefoli, ritorti in senso contrario,formano il legnolo. Tre legnoli, con torsione, di nuovo in senso contrario, formano la corda. Esistono anche delle corde intrecciate che sono costituite da un anima interna attorno alla quale è avvolta una sorta di calza formata da trefoli intrecciati tra di loro, ma è estremamente scomoda per noi perché le due parti non sono solidali tra loro compromettendo la resistenza della corda. Il diametro dei cordini che useremo per le nostre costruzioni va da 3 mm a 6 mm. Le corde più grosse da usare per passaggi alla marinara o ponti tibetani saranno da 20 a 40 mm. I cordini da costruzione vanno preparati in lunghezze che vanno dai 5 ai 10 metri. PIOMBATURE Ogni cordino, essendo appunto ritorto, quando verrà tagliato nella giusta misura, tenderà a srotolarsi dividendo i trefoli. Una corda ha sempre la tendenza a disfarsi (cioè i trefoli si allentano naturalmente), a meno che le sue estremità non siano fermate, bloccandole con una legatura di piombatura. Per fermare le estremità di una corda ci sono tre soluzioni: Piombatura con lo spago. - Usa uno spago molto sottile (al massimo di 1 mm di diametro). Applica un cappio alla corda da fermare, gira intorno in spirali combacianti e serrate (attenzione alla partenza, guarda lo schizzo). Quando hai fatto una ventina di spirali, passa il capo della cordicella nel cappio e tira il capo libero di questo, fino a farlo rientrare sotto le spirali. A questo punto taglia l'estremità. Piombatura a trefoli (o intrecciata) Piombatura a turbano (o arricciata) è più solida di quella intrecciata. Piombatura a caldo - per le corde in nylon è invece richiesta una piombatura a caldo, bruciando cioè il termine del cordino con una piccola fiamma (accendino) e lasciandolo raffreddare schiacciandolo su una superficie fredda. Una volta terminata la piombatura, immergete le estremità del cordino in colla vinilica (anche colorata con della tempera, in modo che i cordini siano ben distinguibili) in modo da indurirle evitando così di dovere rifare spesso questa operazione, oppure con della cera a caldo.

Il nodo Savoia che deve il suo nome al fatto di essere compreso nello stemma di Casa Savoia, conosciuto anche come nodo d'amore o nodo a otto.

Il nodo Savoia che deve il suo nome al fatto di essere compreso nello stemma di Casa Savoia, conosciuto anche come nodo d'amore o nodo a otto. I NODI Tutti gli Scouts devono sapere fare i nodi. Fare un nodo sembra una cosa molto semplice; però, c'è il giusto modo di farlo, e ci sono modi sbagliati, e gli Scouts devono conoscere la maniera giusta.

Dettagli

Diagramma delle portate in funzione delle variazioni dell angolo di lavoro

Diagramma delle portate in funzione delle variazioni dell angolo di lavoro Le imbracature, in quanto elementi utilizzati per il sollevamento di carichi di notevole peso, rivestono una fondamentale importanza nelle manovre in cui vengono utilizzate, quindi devono rispondere ai

Dettagli

Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI

Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI SCUOLA INTERSEZIONALE SIBILLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI NODI A cosa servono i nodi in Alpinismo? formare una cordata congiungere corde e chiudere

Dettagli

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E.

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E. Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E. Bertini Prato La parola chiave in montagna è Sicurezza 2 Materiale I cordini e i

Dettagli

RECUPERO da CREPACCIO

RECUPERO da CREPACCIO recupero da crepaccio 1 RECUPERO da CREPACCIO G. Galli - maggio 2010 recupero da crepaccio 2 premessa 1 condizioni dell incidente la caduta in un crepaccio può verificarsi per un alpinista: legato e preventivamente

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA

CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA Considerazioni sui metodi di contenimento delle sollecitazioni durante la caduta nell arrampicata libera Gola di Gorropu LA CATENA DI ASSICURAZIONE

Dettagli

COME FARE UNA CORDA PER ARCO

COME FARE UNA CORDA PER ARCO COME FARE UNA CORDA PER ARCO Dedicato a tutti gli arcieri che preferiscono costruirsi le proprie corde dell arco, anziché acquistarle pronte in fabbrica. Tenere presente che specie per la prima volta,

Dettagli

Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione

Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione ATTENZIONE Il materiale di questo "pdf" è una parte del PowerPoint "Soste e tecniche di assicurazione -2013" che trovate nel DVD

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

Tike Saab guide alpine

Tike Saab guide alpine Tike Saab guide alpine Arrampicata su roccia e vie ferrate Dalla mia esperienza di guida alpina ho cercato di sintetizzare al massimo le cose più utili e necessarie per iniziare a frequentare la montagna

Dettagli

Manovre di autosoccorso: Paranchi

Manovre di autosoccorso: Paranchi Angela Montanari Paranchi Pag. 1/8 Manovre di autosoccorso: Paranchi Recupero di ferito con paranco mezzo Poldo con piastrina. Questo sistema di recupero va adottato, oltre che in alpinismo su ghiaccio

Dettagli

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE PER RIPASSARE NODI E MANOVRE COLLEGAMENTO DELLA CORDATA Nodo delle guide con frizione Detto anche nodo Savoia o Otto ripassato. Deve essere eseguito il più vicino possibile all'imbrago e possibilmente

Dettagli

CDR LA SCALETTA DELLA SCALATA

CDR LA SCALETTA DELLA SCALATA CDR L E D I S P E N S E D E L C ORSO D I R O C C I A P R O G R E S S I O N E D E L L A C O R D A T A LA SCALETTA DELLA SCALATA Questa dispensa riporta in maniera schematica: 1. le fasi della progressione

Dettagli

SCUOLA DI SPELEOLOGIA C. FINOCCHIARIO Corso Base di speleologia 2015 DISPENSA SUI NODI

SCUOLA DI SPELEOLOGIA C. FINOCCHIARIO Corso Base di speleologia 2015 DISPENSA SUI NODI SCUOLA DI SPELEOLOGIA C. FINOCCHIARIO Corso Base di speleologia 2015 DISPENSA SUI NODI I nodi si possono definire come una manovra che sfruttando la somma degli attriti rende solidali due corde o la corda

Dettagli

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO CLU LPINO ITLINO C I CLU LPINO ITLINO E S C U RSIONISMO Club lpino Italiano SEZIONE DI TREGNGO Ettore Castiglioni CLU LPINO ITLINO CLU LPINO ITLINO SEZIONE DI TREGNGO Vicolo Cipolla, 20-37039 Tregnago

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

CAVALIERI RAG. CESARE SRL

CAVALIERI RAG. CESARE SRL CAVALIERI RAG. CESARE SRL VIA REGINA MARGHERITA, 13 25057 SALE MARASINO BS TELEFONO (+39) 030986425 (+39) 030986240 FAX (+39) 030986231 MAIL INFO@CAVALIERIROPES.COM SITO INTERNET WWW.CAVALIERIROPES.COM

Dettagli

Le Fasi della manovra sono:

Le Fasi della manovra sono: È indispensabile per una questione di sicurezza imparare a svolgere la manovra seguendo una sequenza di operazioni predeterminate. Le Fasi della manovra sono: 1. Auto-assicurazione 2. Predisposizione dell'ancoraggio

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione

Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione 11 Corso di Alpinismo su Roccia 2013 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione a cura di Claudio Luperini Stasera parleremo di: _ come

Dettagli

ARCO TRADIZIONALE CORSO AVANZATO SCHEDA CONOSCITIVA PER OTTIMIZZARE LA MESSA A PUNTO

ARCO TRADIZIONALE CORSO AVANZATO SCHEDA CONOSCITIVA PER OTTIMIZZARE LA MESSA A PUNTO ARCO TRADIZIONALE CORSO AVANZATO SCHEDA CONOSCITIVA PER OTTIMIZZARE LA MESSA A PUNTO CORDA Il filato usato ha la sua importanza, influisce anche sulla velocità d uscita della freccia, in poche parole,

Dettagli

Approfondimenti: Acqua, Sole, Usura. Norme e caratteristiche costruttive. Massimo Polato

Approfondimenti: Acqua, Sole, Usura. Norme e caratteristiche costruttive. Massimo Polato Norme e caratteristiche costruttive Approfondimenti: Acqua, Sole, Usura - Prima Parte - CORDE DINAMICHE DA ALPINISMO: NORME e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE La CORDA La Norma di riferimento è la EN 892 -

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE.

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE. I componenti la catena di assicurazione li possiamo individuare semplicemente negli elementi che insieme concorrono alla sicurezza della cordata, ovviamente in caso di caduta. Gli elementi quali corda,

Dettagli

La Catena di Assicurazione (CdA)

La Catena di Assicurazione (CdA) La Catena di Assicurazione (CdA) Agenda: Richiami di fisica I materiali che compongono la CdA Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione Cos e È l insieme degli elementi che permettono, in caso di caduta,

Dettagli

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA Prima dell uso occorre predisporre una procedura per il recupero

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo Scuola Centrale di Alpinismo Scuola Centrale di Sci Alpinismo TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO Approvato dalla CNSASA il

Dettagli

Calcolo delle molle e dei tamburi per le porte sezionali. http://www.excubia-soft.com

Calcolo delle molle e dei tamburi per le porte sezionali. http://www.excubia-soft.com Calcolo delle molle e dei tamburi per le porte sezionali http://www.excubia-soft.com 1 INTRODUZIONE... 3 I TAMBURI ED IL NUMERO DI GIRI... 4.1 ELEVAZIONE NORMALE CON GUIDE ORIZZONTALI... 4. ELEVAZIONE

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali

LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali Scuola Inter - Sezionale di Alpinismo e Scialpinismo G. Ribaldone LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali Alessandro Co' - Raffaele Pagliano Che cos'è la Catena di Assicurazione? E' un insieme di

Dettagli

Allegato V Dlgs 81/2008

Allegato V Dlgs 81/2008 Allegato V Dlgs 81/2008 REQUISITI DI SICUREZZA DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO COSTRUITE IN ASSENZA DI DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI DI RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE COMUNITARIE DI PRODOTTO, O MESSE

Dettagli

VIA FERRATA. Premessa

VIA FERRATA. Premessa VIA FERRATA Premessa Una via ferrata è un percorso in parete, attrezzato con infissi metallici (fittoni, cavi d acciaio, gradini, scale, ponti, ecc) da utilizzare per la progressione. Questo tipo d attrezzatura

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

Ancoraggi e tecniche di assicurazione

Ancoraggi e tecniche di assicurazione Scuola di Alpinismo e Scialpinismo FALC CORSO DI ALPINISMO AVANZATO A2 2012 Ancoraggi e tecniche di assicurazione Claudio Caldini (INSA) Ramon Maj (IA) Ancoraggi su roccia Ancoraggi naturali spuntoni,

Dettagli

Quali sono i tipi di corde semistatica?

Quali sono i tipi di corde semistatica? Quali sono i tipi di corde semistatica? I tipi de corde Esistono due tipi di corde. Type A : Corde da utilizzare nel soccorso o come linea di sicurezza nei lavori in altezza. In quest'ultimo caso, sono

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

OGGETTI IN LEGNO. Lavorare il compensato. Disegnare i pezzi. Usare l archetto da traforo

OGGETTI IN LEGNO. Lavorare il compensato. Disegnare i pezzi. Usare l archetto da traforo OGGETTI IN LEGNO Lavorare il compensato In questo capitolo vedremo vari progetti in legno compensato. Il materiale di base è il compensato 4 mm, che è abbastanza robusto e si lavora facilmente con l archetto

Dettagli

Trasportatori a nastro

Trasportatori a nastro Trasportatori a nastro Realizzano un trasporto di tipo continuo, in orizzontale o in pendenza, di materiali alla rinfusa e di carichi concentrati leggeri. incastellatura di sostegno Trasporti interni 1

Dettagli

Articolo CE/FV 2000 CE/FV 2000-2 CE/FV 2000-4 CE/FLV 1000. Articolo CE/DLL/C50/MT02 CE/DLL/C50/MT03 CE/DLL/C50/MT04

Articolo CE/FV 2000 CE/FV 2000-2 CE/FV 2000-4 CE/FLV 1000. Articolo CE/DLL/C50/MT02 CE/DLL/C50/MT03 CE/DLL/C50/MT04 FUNE TONDA AD ANELLO Le funi tonde ad anello vengono realizzate adoperando come materia base una matassa di filato, leggermente ritorta, la quale viene avvolta senza interruzione fino ad ottenere la matassa

Dettagli

Sommario. Pagina 3 : La ditta Mechetti. Pagina 4 : Presentazione prodotti. Pagina 5 : Schede tecniche. Pagina 6 : Istruzioni per l uso

Sommario. Pagina 3 : La ditta Mechetti. Pagina 4 : Presentazione prodotti. Pagina 5 : Schede tecniche. Pagina 6 : Istruzioni per l uso MANUALE D USO Mek 1 Sommario Pagina 3 : La ditta Mechetti Pagina 4 : Presentazione prodotti Pagina 5 : Schede tecniche Pagina 6 : Istruzioni per l uso Pagina 7 : Soluzione e problemi noti Pagina 8 : Parti

Dettagli

Cinture di sicurezza

Cinture di sicurezza Cinture di sicurezza Sommario Principi di sicurezza delle persone Dissipazione dell energia cinetica Dispositivi di protezione individuale (DPI) anticaduta 5. Imbracatura per il corpo 5. Cinture di posizionamento

Dettagli

TECNICHE DI SUTURA LAPAROSCOPICA

TECNICHE DI SUTURA LAPAROSCOPICA TECNICHE DI SUTURA LAPAROSCOPICA MODENA 20 maggio 2009 CORSO RESIDENZIALE DI FORMAZIONE ED ACCREDITAMENTO IN LAPAROSCOPIA GINECOLOGICA DI I LIVELLO ANDREI B, LODDO A AGHI Degli aghi bisogna considerare

Dettagli

Catena di assicurazione

Catena di assicurazione 12 Corso di Roccia 2015 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» 9 aprile 2015 Catena di assicurazione lezione a cura di Sergio Pistolesi - slide di Claudio Luperini Stasera parleremo di: catena

Dettagli

Schede tecniche per lavoro su funi

Schede tecniche per lavoro su funi Schede tecniche per lavoro su funi Tecniche e materiali per i lavori in quota nell attività di soccorso, quadro didattico ANVVFC,, Presidenza Nazionale, marzo 2008 pag 1 Scheda : 0 PRINCIPI GENERALI: lavori

Dettagli

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112 UNI EN 795:2012 Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità di un ancoraggio strutturale o elemento di fissaggio per essere solidale alla struttura

Dettagli

Piscineitalia.it. Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello

Piscineitalia.it. Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello 1 Raccomandazioni Si raccomanda di preforare sempre prima di avvitare, in modo da evitare che il legno si rompa. Nella tabella

Dettagli

I.T.I.S «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 marconi@provincia.padova.it www.itismarconipadova.

I.T.I.S «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 marconi@provincia.padova.it www.itismarconipadova. I.T.I.S «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 marconi@provincia.padova.it www.itismarconipadova.it Settore tecnologico Indirizzo meccanica meccatronica ed energia

Dettagli

8.1. Guida alla distribuzione del carico

8.1. Guida alla distribuzione del carico 8. Allegati 1 / 13 8.1. Guida alla distribuzione del carico 8.1.1. Obiettivi e condizioni Il diagramma di distribuzione del carico rappresenta la base di una corretta collocazione del carico a bordo del

Dettagli

BRACHE DI FUNE DI ACCIAIO CATENE DI ACCIAIO LEGATO BRACHE DI CANAPA, NYLON, POLIESTERE, POLIPROPILENE E FASCE SPECIALI ACCESSORI PER FUNI E CATENE

BRACHE DI FUNE DI ACCIAIO CATENE DI ACCIAIO LEGATO BRACHE DI CANAPA, NYLON, POLIESTERE, POLIPROPILENE E FASCE SPECIALI ACCESSORI PER FUNI E CATENE Introduzione-OK.qxd 17-10-2003 16:26 Pagina 1 CATOLOGO PRODOTTI PER SOLLEVAMENTO LIFTING EQUIPMENT CATALOGUE BRACHE DI FUNE DI ACCIAIO 1 CATENE DI ACCIAIO LEGATO 26 BRACHE DI CANAPA, NYLON, POLIESTERE,

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA I DPI presentati dalla SOCIM SpA su questo catalogo sono in grado, se utilizzati correttamente, di risolvere la totalità dei problemi derivanti dai lavori in zone pericolose a grande altezza, entro cavità,

Dettagli

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m DINAMICA. La macchina di Atwood è composta da due masse m e m sospese verticalmente su di una puleggia liscia e di massa trascurabile. i calcolino: a. l accelerazione del sistema; b. la tensione della

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

Manuale di servizio. Sunwing C+

Manuale di servizio. Sunwing C+ Manuale di servizio GLATZ AG, Neuhofstrasse 12, 8500 FRAUENFELD / SWITZERLAND Tel. +41 52 723 64 64, Fax +41 52 723 64 99 email: info@glatz.ch Modifiche tecniche riservate. Glatz AG 2007 1 INDICE 1. Frenaggio

Dettagli

Alimentatore per TomTom da moto con cavo diretto miniusb

Alimentatore per TomTom da moto con cavo diretto miniusb Alimentatore per TomTom da moto con cavo diretto miniusb Gironzolando in moto ho avuto la necessità diverse volte di avere il TomTom che mi guidasse per la retta via. Nessun problema se il viaggio o l

Dettagli

Manovre di corda (Febbraio 2009)

Manovre di corda (Febbraio 2009) Manovre di corda (Febbraio 2009) Prefazione Le manovre di corda fanno parte del DNA degli alpinisti e degli speleologi. In questo breve trattato sono presentate le sole manovre di base che possono rendersi

Dettagli

ANTENNA HALF-SLOPER. PER 160m

ANTENNA HALF-SLOPER. PER 160m ANTENNA HALF-SLOPER BY IK4CIE Vittorio PER 160m Anzitutto preciso che si chiama "sloper" e non "slooper" dal vocabolo inglese "slope" che vuole dire "inclinato". Il termine "sloper" indica un dipolo completo

Dettagli

CNC a 3 assi La domanda che mi sono subito fatto era questa: In che modo fare un incisore spendendo veramente poco ma avendo una macchina con una buona precisione? La risposta mi è subito venuta in mente

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE TIRANTI ED ANELLI IN FUNE DI ACCIAIO Normativa di Rif. UNI EN 13414-2

MANUALE D USO E MANUTENZIONE TIRANTI ED ANELLI IN FUNE DI ACCIAIO Normativa di Rif. UNI EN 13414-2 MANUALE D USO E MANUTENZIONE TIRANTI ED ANELLI IN FUNE DI ACCIAIO Normativa di Rif. UNI EN 13414-2 MQ/MC/TI Rev. 1 REQUISITI DI SICUREZZA Generalità Le istruzioni d uso e manutenzione devono essere fornite

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

AUTOSOCCORSO SU ROCCIA

AUTOSOCCORSO SU ROCCIA AUTOSOCCORSO SU ROCCIA LE OPERAZIONI SEGUENTI DEVONO ESSERE BEN CHIARE NELLA MENTE DI CHI LE ESEGUE E FRUTTO DI PERIODICHE ESERCITAZIONI, AFFINCHÈ NON SIANO CAUSA DI FATALI CONSEGUENZE, ALTRIMENTI FERMARSI

Dettagli

PROGRESSIONE IN CONSERVA CON MINORI

PROGRESSIONE IN CONSERVA CON MINORI 2012 CAI - Scuola Centrale di Alpinismo Giovanile PROGRESSIONE IN CONSERVA CON MINORI Dispensa di Alpinismo Giovanile edita nel mese di settembre 2012 a cura della Scuola Centrale di Alpinismo Giovanile.

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUTENZIONE ED USO. INDICE: AVVERTENZE GENERALI PER LA SICUREZZA...PAG. 2 INSTALLAZIONE GUIDE VERTICALI...PAG. 2 INSTALLAZIONE GRUPPO MOLLE...PAG. 2 INSTALLAZIONE CON VELETTA

Dettagli

Serie. Codice 30PA312. 30pa10000. 30pa10004cl. 30pa10013 30pa10012 30pa10015. Serie Percorso 16 staz. Codice 30PA316. Codice stazione.

Serie. Codice 30PA312. 30pa10000. 30pa10004cl. 30pa10013 30pa10012 30pa10015. Serie Percorso 16 staz. Codice 30PA316. Codice stazione. Percorso staz. Percorso staz. 0PA0 0pa000cl 0pa00 Percorso 0 staz. 0PA 0 0pa000cl 0pa000 0pa000 0pa00 0pa00 0pa00 0pa000 0pa000 Si tratta di un insieme armonico di stazioni per esercizi fisici, studiati

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO:

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO: DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO: Il lavoro consiste nella realizzazione di due cupole geodetiche. Ogni cupola presenta 5 assi principali che la delimitano in altrettanti settori uguali. Le travi principali

Dettagli

Il Carroponte 1 il carroponte

Il Carroponte 1 il carroponte Il Carroponte Il Carroponte è uno strumento portentoso, ma che deve essere utilizzato con la massima prudenza. In commercio ne esistono di vari tipi, anche se alcuni elementi sono comuni fra molti modelli.

Dettagli

FISSAGGIO SUL TETTO COLLETTORI PIANI HELIOSTAR

FISSAGGIO SUL TETTO COLLETTORI PIANI HELIOSTAR FISSAGGIO SUL TETTO COLLETTORI PIANI HELIOSTAR ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SISTEMI SANITARI E PER ENERGIA Requisiti per il montaggio Requisiti generali Istruzioni di sicurezza Il kit per il montaggio sul tetto

Dettagli

à ATTREZZATURE FORESTALI

à ATTREZZATURE FORESTALI à TTREZZTURE FORESTLI PORTBLE WINCH PCW5000 Verricello portabile motorizzato. Capacità di trazione 1130 kg. Velocità di recupero ca. 12 mt/min. Peso estremamente contenuto, solo 15 kg. Motore 4 tempi HON

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA DISPOSITIVI ANTICADUTA 198 Normativa NORME EUROPEE La legislazione europea specifica che i principi generali di prevenzione devono essere applicati da ogni datore di lavoro che impiega personale che lavora

Dettagli

CARRUCOLA PER EDILIZIA CON FRENO DI SICUREZZA

CARRUCOLA PER EDILIZIA CON FRENO DI SICUREZZA CARRUCOLA PER EDILIZIA CON FRENO DI SICUREZZA ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE TORNOMECCANICA s.r.l. Genova Via Renata Bianchi 67N Tel: 010 650 94 04 Telefax: 010 650 94 05 CARRUCOLA PER EDILIZIA CON FRENO

Dettagli

FUNI NODI e ACCESSORI PER IL SOLLEVAMENTO

FUNI NODI e ACCESSORI PER IL SOLLEVAMENTO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA FORMAZIONE FUNI NODI e ACCESSORI PER IL SOLLEVAMENTO CORSO DI FORMAZIONE A

Dettagli

La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile.

La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile. LA TENSIONE SUPERFICIALE Osserviamo l acqua che sgocciola da un rubinetto chiuso male. Ogni goccia che si forma rimane attaccata al rubinetto per un istante, prima di cedere alla gravità e di cadere in

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

Nodi e Manovre per l Escursionismo C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario

Nodi e Manovre per l Escursionismo C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario Club Alpino Italiano Sezione di Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento Nodi e Manovre per l Escursionismo Sommario Introduzione... 3 1. Nodi per legarsi... 4 1.1. Nodo delle Guide... 4 1.2. Nodo a

Dettagli

SISTEMA VANZO. descrizione sequenza operativa

SISTEMA VANZO. descrizione sequenza operativa PARANCO MEZZO POLDO Il "mezzo Poldo" è un paranco utilizzato nella pratica alpinistica e scialpinistica, non è molto veloce ma garantisce il successo del recupero anche se ad agire si è da soli. Il "mezzo

Dettagli

La catena di assicurazione in ferrata

La catena di assicurazione in ferrata Club Alpino Italiano Sezione Pontedera Scuola Cosimo Zappelli Scuola Lucca Scuola Alpi Apuane Corso monotematico su vie ferrate 2013 (M-F1) La catena di assicurazione in ferrata giovedì 9 maggio 2013 a

Dettagli

attività speleosubacquea

attività speleosubacquea Sicurezza nell attivit attività speleosubacquea Giuseppe Minciotti Giuseppe Minciotti - Sicurezza nell'attività speleosubacquea 1 L utilizzo di materiali adeguati e l applicazione l di metodologie corrette

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA DISPOSITIVI 3 Normative EN Anticaduta La base di un sistema individuale di protezione anticaduta Punto di ancoraggio e connettore Punto di ancoraggio: punto in cui il sistema di protezione anticaduta è

Dettagli

Qualche consiglio per l uso della placchetta (versione Bilaterale)

Qualche consiglio per l uso della placchetta (versione Bilaterale) Qualche consiglio per l uso della placchetta (versione Bilaterale) Signori, non siamo qui per divertirci. Abbiamo una missione da compiere. Capitano Kirk, Star Trek Ciao, colleghi genitori. Oggi avete

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) - CINTURE DI SICUREZZA

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) - CINTURE DI SICUREZZA DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) - CINTURE DI SICUREZZA Sommario 1. Premessa 2. Definizione 3. Fonti normative 4. Caratteristiche e requisiti 5. Adempimenti amministrativi 6. Sanzioni 7. Illustrazioni

Dettagli

FEDERAZIONE MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA Ente Morale D.P. n. 1956 del 14.04.1956

FEDERAZIONE MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA Ente Morale D.P. n. 1956 del 14.04.1956 LA FABBRICAZIONE DELLE CORDE DI CANAPA LA CANAPA Nel 1954 in Italia la CANAPA venne dichiarata pianta tossica poiché utilizzata anche come stupefacente, e ne venne vietata la coltivazione. Fino ad allora,

Dettagli

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME Le macchine Dal punto di vista statico, una macchina è un dispositivo che consente di equilibrare una forza (resistente)

Dettagli

Calcola l allungamento che subisce un tirante di acciaio lungo l=2,5m (a sez.circolare) con φ =20mm sottoposto ad un carico (in trazione) F=40.000N.

Calcola l allungamento che subisce un tirante di acciaio lungo l=2,5m (a sez.circolare) con φ =20mm sottoposto ad un carico (in trazione) F=40.000N. Edutecnica.it Azioni interne esercizi risolti 1 razione Esercizio no.1 soluzione a pag.7 Determina il diametro di un tirante (a sezione circolare in acciaio Fe0 da sottoporre ad una forza F10.000N di lunghezza

Dettagli

PIPE IN RADICA DI ERICA ARBOREA

PIPE IN RADICA DI ERICA ARBOREA PIPE IN RADICA DI ERICA ARBOREA La radica di erica arborea, venne scoperta da alcuni artigiani Francesi che, nel secolo scorso, incuriositi dal ritrovamento di questa protuberanza simile al legno, decisero

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

PRODOTTI E SERVIZI I prodotti sono conformi alle attuali disposizioni legislative in materia di prevenzione degli infortuni ed alla direttiva

PRODOTTI E SERVIZI I prodotti sono conformi alle attuali disposizioni legislative in materia di prevenzione degli infortuni ed alla direttiva Rev. 2 02/2012 PROFILO AZIENDALE DGM ENGINEERING s.r.l. si propone come azienda leader nella progettazione e realizzazione di attrezzature speciali e servizi connessi al settore del sollevamento dell industria

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

VarioSole SE. Manuale di installazione

VarioSole SE. Manuale di installazione Manuale di installazione VarioSole SE Integrazione parziale Moduli con telaio Disposizione verticale Disposizione orizzontale Carico di neve zona I-IV Copertura in cemento Tegole Tegole piane Tegole in

Dettagli

Pupazzi in lana cardata

Pupazzi in lana cardata Pupazzi in lana cardata Graziella Gandolfo Che cosa sono? Sono pupazzi morbidi, piacevoli al tatto, fatti con materiale naturale e riciclabile: la lana. Si costruiscono senza usare la colla, solo punzecchiando

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione Ligure SOTTOSEZIONE BOLZANETO

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione Ligure SOTTOSEZIONE BOLZANETO CLUB ALPINO ITALIANO Sezione Ligure SOTTOSEZIONE BOLZANETO A cura di Marcello Lucentini e Lucia Goldoni Febbraio 2001 PREMESSA Pag. 5 ---------------- //// ---------------- PARTE PRIMA Pag. 7 Articolo

Dettagli

Bimbi in acqua MANUALE DEL BAGNETTO PERFETTO! copyright. E vietata la copia e la diffusione anche a titolo gratuito.

Bimbi in acqua MANUALE DEL BAGNETTO PERFETTO! copyright. E vietata la copia e la diffusione anche a titolo gratuito. Bimbi in acqua MANUALE DEL BAGNETTO PERFETTO! LE COSE CHE DEVI SAPERE PER IL BAGNETTO A CASA! Il bagnetto non deve essere visto solamente come momento per pulire il proprio bambino ma come un'occasione

Dettagli

Il riscaldamento elettrico a pavimento Manuale d installazione sistema BASIC

Il riscaldamento elettrico a pavimento Manuale d installazione sistema BASIC Il riscaldamento elettrico a pavimento Manuale d installazione sistema BASIC QUICKHEAT-FLOOR HEATING Complimenti per aver acquistato il sistema di riscaldamento a pavimento Quickheat- Floor! Quickheat-Floor

Dettagli

ANCORAGGI PUNTIALI FISSI CLASSE A1 COD. DESCRIZIONE O3000 ANELLO IN ALLUMINIO AM 200

ANCORAGGI PUNTIALI FISSI CLASSE A1 COD. DESCRIZIONE O3000 ANELLO IN ALLUMINIO AM 200 CLASSE A O3000 ANELLO IN ALLUMINIO AM 200 5 Il punto di ancoraggio cod 03000 può essere utilizzato come ancoraggio strutturale per linee di ancoraggio temporanee. R=30 kn nella direzione sotto riportata.

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 101 SERVIZIO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo

Dettagli