EFFICACIA DELLE SEDUTE ATTIVE SULLA PERFORMANCE DEL SIT-TO-STAND NEI SOGGETTI ANZIANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EFFICACIA DELLE SEDUTE ATTIVE SULLA PERFORMANCE DEL SIT-TO-STAND NEI SOGGETTI ANZIANI"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO FINALIZZATO AL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA IN FISIOTERAPIA Presidente Prof. Giancarlo Tassinari SEDE DI VERONA TESI DI LAUREA EFFICACIA DELLE SEDUTE ATTIVE SULLA PERFORMANCE DEL SIT-TO-STAND NEI SOGGETTI ANZIANI Relatore: Dott. Ft Cinzia Cinel Correlatore: Dott. Ft Piergiorgio Benaglia Laureanda Sonia Martinotta Anno Accademico 2010/2011

2 2

3 ABSTRACT INTRODUZIONE: Pur presentando un buon livello funzionale nella deambulazione, il paziente anziano manifesta difficoltà nell alzarsi da una sedia, richiedendo spesso l aiuto di persone esterne o utilizzando strategie compensatorie, che aumentano il rischio di caduta. In letteratura le cause principali della ridotta performance del sit-to-stand (STS) nell anziano sono l ipostenia degli arti inferiori, il deficit di dorsi-flessione dell articolazione tibio-tarsica e la difficoltà a spostare in avanti il baricentro del corpo attraverso la flessione del tronco. Scopo della tesi è quello di valutare l efficacia sul livello di autonomia, sul tempo di esecuzione, sulla percezione della facilità (tramite scala VAS) e sulla percezione dello sforzo (tramite scala Borg CR10) nell esecuzione del gesto del STS utilizzando due tipi di sedie attive: una sedia con base oscillante (RC) e una sedia con seduta oscillante (TC) - rispetto ad una sedia convenzionale (CC). MATERIALE E METODI: studio sperimentale con un campione di 26 soggetti anziani (età media 81anni), residenti in un centro servizi assistenziale, con un buon grado di comprensione (MMSE >26), in grado di alzarsi da una sedia convenzionale autonomamente o con parziale aiuto di un altra persona e in grado di rimanere in piedi autonomamente o mediante l uso di un ausilio. Tutti i pazienti sono stati sottoposti ad un periodo di familiarizzazione delle 2 sedute attive (RC e TC), eseguendo il timed STS five test (5 ripetizioni) per ciascuna delle 3 tipologie di seduta ad un giorno di distanza l uno dall altro (sequenzialmente CC, TC, RC). Al termine di ogni prova sono stati valutati il livello di autonomia, la percezione di affaticamento mediante scala Borg (CR10) e la percezione di facilità mediante scala VAS nell esecuzione del gesto. Al termine del test si è richiesto al paziente di selezionare la seduta considerata migliore dal punto di vista funzionale. RISULTATI: dei 26 pazienti inclusi nello studio, con la seduta CC 18 hanno eseguito il STS in modo indipendente, 4 con minimo aiuto esterno e 4 con un ausilio (deambulatore/bastone). Con le sedute RC e TC tutti i soggetti hanno eseguito autonomamente il STS. Per l outcome tempo di esecuzione si è evidenziato che i soggetti hanno impiegato minor tempo con la RC vs CC (38.6 % + 5.4, p<.05) e con la TC vs CC (12.5 % + 0.9, p<.05). Per l outcome facilità di esecuzione (VAS) i punteggi sono stati superiori con la RC ( p<.05) che con la TC ( p<.05) rispetto alla CC. Per l outcome percezione sforzo (Borg CR10) i punteggi sono stati inferiori sia con la RC (45.6 % + 4.2, p<.05) che con la TC (18.4% + 5.6, p<.05) rispetto alla CC. Dal gradimento della tipologia di seduta considerata migliore dal punto di vista funzionale 20 soggetti hanno preferito la RC e 6 la TC DISCUSSIONE: Considerando il tempo totale di esecuzione del STS five test, si è visto che la media del tempo impiegato a concludere la performance è risultata essere inferiore mediante le sedie RC e TC rispetto al tempo totale di esecuzione con la CC. Valutando i risultati della VAS si è osservato che, grazie all aiuto delle sedie attive, la performance del STS risulta essere percepita in modo più facilitato attraverso l utilizzo della RC e della TC rispetto alla CC. L analisi dei dati della scala Borg CR10 evidenzia che gli anziani riferiscono una minor percezione di fatica con la sedia RC, con la sedia TC, rispetto alla seduta CC. CONCLUSIONI: la RC è risultata utile nei pazienti anziani per migliorare l autonomia del STS, permettendo di svolgere il compito funzionale senza aiuto, con minor sforzo e in un tempo inferiore. Il raggiungimento della stazione eretta viene ottenuto non passivamente ma attraverso la normale attivazione muscolare consentendo di mantenere un buon livello stenico evitando inoltre i rischi del non uso appreso. Le sedute attive forniscono un efficace supporto allo spostamento in avanti del baricentro, considerato in letteratura una delle tre cause del deficit di autonomia del STS. 3

4

5 INDICE INTRODUZIONE... 1 CINESIOLOGIA NORMALE DEL STS... 1 Le fasi del STS L INFLUENZA DI ALCUNI DETERMINANTI SULL ESECUZIONE DEL STS... 2 Fattore età e considerazioni cliniche Altezza delle sedute... 4 Influenza dei braccioli... 4 Forza degli arti inferiori MATERIALE E METODI TIPO DI STUDIO CRITERI DI SELEZIONE MATERIALE... 7 Scale di valutazione... 7 Caratteristiche delle sedute METODI... 8 Iter di somministrazione del STS five test... 8 Protocollo del STS five test PROCEDURE... 8 RISULTATI 8 DISCUSSIONE CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA ALLEGATO ALLEGATO

6

7 INTRODUZIONE Il Sit To Stand (STS) è un movimento largamente studiato fin dagli anni ottanta (1) perché considerato un gesto ad alta frequenza e rilevanza funzionale e definito, quindi, come un indice predittivo per la perdita di funzioni e di autonomia specialmente in età avanzata. Il STS è un passaggio posturale fondamentale in quanto necessario per il raggiungimento della stazione eretta e il conseguente svolgimento di numerose attività della vita quotidiana, tra le quali in primis la deambulazione. (28,29) La comprensione della cinesiologia e patocinesiosologia del STS è alla base di alcune importanti conseguenze di interesse riabilitativo, in particolar modo dell indice predittivo del rischio di caduta nel soggetto anziano (2,3,26,27) e come elemento di valutazione della funzionalità degli arti inferiori e di qualità di vita tramite diverse scale standardizzate (4,5). Scopo della tesi è quello di valutare l efficacia sul livello di autonomia, sul tempo di esecuzione, sulla percezione della facilità (tramite scala VAS) e sulla percezione dello sforzo (tramite scala Borg CR10) nell esecuzione del gesto del STS utilizzando due tipi di sedie attive - una sedia con base oscillante (RC) e una sedia con seduta oscillante (TC) - rispetto ad una sedia convenzionale senza braccioli (CC). Cinesiologia normale del STS Il STS è quel movimento che prevede il passaggio dalla stazione seduta alla stazione eretta, con trasferimento del baricentro da una base d appoggio più ampia ad una più ristretta, il tutto senza la perdita di equilibrio (6,7). Le fasi del STS. Il lavoro di vari autori consente di riassumere la cinesiologia normale del STS in tre fasi: la fase del momento flessorio (fase 1), la fase del trasferimento del momento di inerzia (fase 2) e la fase di estensione (fase 3). In base ai lavori presenti in letteratura, la durata totale del movimento si aggira attorno al valore medio di 1,8-2 secondi. 1

8 fase 1: il soggetto è seduto e il movimento inizia con la flessione del tronco e l antiversione del bacino. Il centro di massa (CoM) subisce un primo spostamento in avanti sul piano sagittale ad opera del tronco. Se gli arti inferiori sono liberi di muoversi, i piedi indietreggiano in modo da avvicinare la nuova base d appoggio a quella di partenza. Questa fase dura fino al distacco delle natiche dal piano d appoggio (seat-off), circa il 27-28% del tempo totale di esecuzione del movimento. fase 2: dalla posizione seat-off il soggetto raggiunge la massima flessione di tronco e di anca. Il CoM viene trasferito in direzione avanti-alto sul piano sagittale, anche grazie al passaggio del momento di inerzia del tronco su tutto il corpo. Questa fase termina non appena si raggiunge la massima flessione dorsale della tibio-tarsica, mentre il tronco passa dalla flessione all estensione, circa il 36% del tempo totale di esecuzione del movimento. fase 3: inizia con la massima flessione dorsale della tibio-tarsica e termina con il raggiungimento della stazione eretta, ossia con l estensione completa di ginocchia anche e tronco, con la proiezione del CoM sopra la nuova base d appoggio. La durata va dal 37% al 100% del tempo totale di esecuzione del movimento. L influenza di alcuni determinanti sull esecuzione del STS Fattore età e considerazioni cliniche. Nell era moderna l aumento dell età media della popolazione ha causato l incremento di soggetti con problemi di tipo motorio e funzionale: alcuni studi (9,10,11) riportano che il 50% circa degli anziani esaminati ha difficoltà nell alzarsi in piedi e che le facilitazioni fornite da una sedia rispetto ad un altra sono il criterio principe per la scelta della stessa. Venticinque anni fa negli USA si stimava che fossero già più di 2 milioni gli anziani non istituzionalizzati con difficoltà nel STS. (12) La performance di base del STS dell anziano sano si discosta di poco rispetto a quella del giovane adulto sano (15), pur con alcune differenze statisticamente significative rilevate in studi diversi. 2

9 Comparando giovani adulti e anziani sani si evidenzia che, sulla durata totale del tempo del STS, gli anziani impiegano proporzionalmente più tempo per arrivare fino alla massima escursione orizzontale del capo (appena dopo il seat-off) (16) (15, 17) differenza è maggiore se non si utilizzano i braccioli. In particolare alcuni autori sostengono che la fase più prolungata nell anziano è la fase 3 a discapito della fase 2 (che si accorcia). La differenza sul totale è più marcata se si richiede un STS veloce. (18,17) Gli anziani hanno difficoltà in aspetti diversi del STS e possiamo dividerli sostanzialmente in due gruppi. Del primo gruppo fanno parte coloro che hanno maggiori deficit nella flessione di anca e tronco: data la debolezza muscolare essi impiegano più tempo a condurre a termine la fase 1; tale prolungamento si accompagna alla diminuzione della velocità orizzontale e all aumento della flessione d anca e tronco, fattori che permettono un miglior controllo della stabilità, una minor fatica nella decelerazione a partire dal momento flessorio, una migliore sistemazione del baricentro vicino alla futura base d appoggio. Del secondo gruppo fanno parte coloro che hanno maggiori deficit nell estensione degli arti inferiori, e che compensano con un aumento della velocità, alla fine della fase 1 Nei pazienti anziani la capacità di alzarsi da una sedia è spesso deficitaria pur in presenza di un buon livello funzionale del cammino costringendo all aiuto esterno o a strategie di compenso che aumentano però il rischio di caduta. Le cause principali della ridotta performance del STS negli anziani sono quindi la difficoltà a spostare in avanti il baricentro del corpo attraverso la flessione del tronco e la dorsi-flessione delle caviglie e l ipostenia degli arti inferiori. Le sedute attive in esame si ipotizza possano essere efficaci nel facilitare lo spostamento in avanti del baricentro, spesso ridotto anche da limitazioni articolari della colonna o difficoltà neuromotorie, permettendo quindi di svolgere il compito funzionale senza aiuto e/o con minor sforzo. Il raggiungimento della stazione eretta con queste sedute attive infatti, rispetto alle sedute con raggiungimento della stazione eretta passivo (19), viene ottenuto non passivamente ma attraverso la normale attivazione muscolare consentendo di mantenere un buon livello stenico evitando inoltre i rischi del non uso appreso. tale 3

10 Altezza delle sedute L altezza della sedia, per l esecuzione del STS, viene considerata standard a 43 (7), 44 (8) o 45cm (20), anche se si è accertato che l altezza media delle sedie comunemente in commercio è di circa 40,5cm (11). Per stabilire come questo determinante influisca sul STS sono stati utilizzati diversi strumenti, tra questi una scala analogica visiva (VAS) di autovalutazione dello sforzo: è emerso come lo sforzo percepito sia minore con l aumentare dell altezza della sedia (11,21). Coerentemente con questo dato soggettivo, la percentuale di successi nelle prove del STS nell anziano passa dal 44% al 91% con l aumentare dell altezza della sedia da 43 cm a 54 cm ed il punteggio VAS scende da 7 a 3 indicando una minor fatica del gesto (21). Influenza dei braccioli L eventuale utilizzo dei braccioli per aiutarsi nel STS influisce sul tempo di esecuzione del gesto, che aumenta, e sulla forza sviluppata dagli arti inferiori. L uso della forza delle braccia diventa un parametro importante con l utilizzo dei braccioli. In uno studio si è visto che il valore di tale forza, per giovani adulti e anziani, è in relazione al peso corporeo e che aumenta significativamente negli anziani. (16) Normalmente durante il STS il disco intervertebrale L3-L4 subisce un raddoppio di pressione: l uso dei braccioli ne riduce il sovraccarico. (22) Forza degli arti inferiori. Un deficit di forza degli arti inferiori può divenire un fattore limitante per l esecuzione ottimale del STS. (23) L influenza del livello di forza dei vari gruppi muscolari si evidenzia nel cambiamento di alcuni parametri della cinesiologia del gesto: tale situazione la si può riscontrare sia nella popolazione anziana sana, sia nei soggetti giovani o anziani con diversi tipi di patologie a carico degli arti inferiori. 4

11 La diminuzione di forza dei flessori d anca fa variare leggermente la posizione del CoM durante il movimento, così che la sua proiezione cada più vicina alla caviglia. (23) In seguito alla diminuzione di forza degli estensori d anca la flessione di tronco al momento del seat-off aumenta, così come il tempo totale di esecuzione del gesto. La riduzione della forza degli estensori di ginocchio può condizionare, anche se in modo più marginale, l esecuzione del STS, infatti aumenta l altezza minima della sedia da cui un anziano con deficit funzionali può compiere il trasferimento con successo. (24,25). Altri autori successivamente hanno dimostrato che tale forza è significativamente correlata con la percentuale di successi nella performance del STS, ma solamente se in rapporto al peso corporeo e non come valore assoluto. Sembra che esista una corrispondenza più sfumata tra forza del quadricipite e aumento del tempo totale del STS a partire da sedie di altezza progressivamente inferiore: per alcuni autori la forza muscolare non sembra essere un buon indicatore per la previsione della durata del gesto (11), mentre altri sostengono il contrario. (25) Inoltre nei soggetti con il quadricipite più debole esiste una correlazione tra l aumento dello sforzo percepito durante il STS e l aumento della percentuale di forza impiegata rispetto al massimale; questo avviene in particolare nel STS a partire da sedia o sgabello di altezze progressivamente più basse. (11) La concomitante ipostenia degli estensori d anca e di ginocchio induce i soggetti a posizionare il CoM più vicino al centro di pressione al momento del sit-off. (23) Da sottolineare infine che la forza media del quadricipite non varia significativamente al variare della strategia utilizzata, a seconda che sia quella basata sulla flessione di tronco o sul trasferimento del momento o altre strategie singolarmente adottate dai soggetti studiati. (25) 5

12 6

13 MATERIALE E METODI 1.1 Tipo di studio Studio sperimentale con un campione di 26 soggetti anziani (età media 81) 1.2 Criteri di selezione Criteri di inclusione Soggetti con età superiore ai 65 anni, residenti in una struttura residenziale. Criteri di esclusione Sono stati esclusi pazienti dipendenti (indice di Barthel <16) o non collaboranti (MMSE <26) e soggetti con diagnosi di afasia, demenza, non in grado di mantenere la stazione eretta autonomamente per almeno 5 secondi anche con l utilizzo di un ausilio o con l aiuto di una persona. 1.3 Materiale Scale di valutazione Scala VAS tipo Likert (allegato 1) Scala Borg CR10 (allegato 2) Caratteristiche delle sedute Rocking Chair (RC): base oscillante (pattino); altezza 46 cm (Imm. 1) Tilting Chair (TC): seduta oscillante; altezza 45 cm (Imm. 2) Conventional Chair (CC): seduta standard senza braccioli; altezza 45 cm (Imm. 3) Immagine 1 Immagine 2 Immagine 3 7

14 1.4 Metodi Iter di somministrazione del STS five test Giorno 1: allenamento all uso delle sedie attive e simulazione di utilizzo delle scale di valutazione. Giorno 2: STS convenzionale e somministrazione dei test di valutazione Giorno 3: STS tilting e somministrazione dei test di valutazione Giorno 4: STS rocking e somministrazione dei test di valutazione. Giorno 5: scelta da parte dei soggetti della sedia migliore, dal punto di vista funzionale (sedia dalla quale si sono alzati con meno fatica o più facilmente/agevolmente). Protocollo del STS five test Il test prevede il passaggio dalla stazione seduta alla stazione eretta, e ritorno alla posizione di partenza, ripetuto per cinque volte. Ad ogni ciclo il soggetto deve sia sedersi completamente e riposizionarsi a tronco verticale nella posizione seduta, sia raggiungere la stazione eretta a ginocchia ed anche estese. La posizione di partenza è a soggetto seduto con tutta la pianta dei piedi in appoggio al suolo. Per la posizione degli arti superiori si è lasciato a discrezione dei partecipanti la possibilità di utilizzare o meno un ausilio (deambulatore, bastone), senza tuttavia concedere gesti come il tirarsi, aggrapparsi o torsione del tronco. Il test è stato somministrato da un fisioterapista cronometrando il tempo di esecuzione dal VIA fino al completamento del test, al termine del quale sono state somministrate: VAS tipo Likert per valutare la percezione della facilità nell esecuzione del gesto, rispondendo al quesito: Quanto è stato facile alzarsi dalla sedia? (in allegato 1). scala Borg CR10 per valutare la percezione della fatica nell esecuzione del gesto (in allegato 2). 1.5 Procedure I dati raccolti sono stati analizzati con l utilizzo di un programma di foglio di calcolo (Microsoft Excel 2003) calcolandone percentuali, medie aritmetiche (M), deviazione standard (SD) 8

15 RISULTATI Dei 26 soggetti inclusi nello studio si è rilevato che, con la seduta convenzionale (CC) 18 hanno eseguito il STS in modo indipendente, 4 con minimo aiuto esterno e 4 con utilizzo di un ausilio (grafico. 1c). Con le sedute RC (grafico 1a) 1e TC (graf. 1b) tutti i soggetti hanno eseguito il STS in modo indipendente. Per quanto riguarda il tempo di esecuzione del timed STS five test (grafico 4), si è evidenziato che i soggetti hanno impiegato minor tempo nell esecuzione del movimento con la RC vs CC (38.6 % + 5.4, p<.05) e con la TC vs CC (12.5 % + 0.9, p<.05). In riferimento alla percezione dello sforzo (Borg CR10) i punteggi sono stati inferiori sia con la RC (45.6 % + 4.2, p<.05) che con la TC (18.4% + 5.6, p<.05) rispetto alla CC (grafico 3). Considerando la facilità di esecuzione (VAS) i punteggi sono stati superiori sia con la RC ( p<.05) che con la TC ( p<.05) rispetto alla CC (grafico 2). Per quanto concerne la scelta da parte dei soggetti della sedia considerata migliore, dal punto di vista funzionale, 20 soggetti hanno scelto la RC e 6 la TC 9

16 Graf.1a - Distribuzione del livello di autonomia con RC 1; 4% 0; 0% 25; 96% Sedia RC in autonomia Sedia RC con aiuto Sedia RC con ausilio Graf.1b - Distribuzione del livello di autonomia con TC 1; 4% 0; 0% 25; 96% Sedia TC in autonomia Sedia TC con aiuto Sedia TC con ausilio Graf.1c - Distribuzione del livello di autonomia con CC 4; 15% 4; 15% 18; 70% Sedia CC in autonomia Sedia CC con aiuto Sedia CC con ausilio 10

17 11

18 TAB. 1 foglio di calcolo (Microsoft Excel 2003) t RC t TC t CC VAS RC VAS TC VAS CC BORG RC BORG TC BORG CC A.E ,5 1 2 M.M Z.I S.L S.A ,5 1 F.E ,5 3 S.G ,7 B.M ,5 3 T.M ^ ^ 0 2 5^ P.M ,5 C.R C.P B.R F.A ,5 P.M ^ 8* 7* 1^ 1 1,5 5^ P.L R.G ,5 3 S.M B.M ,5 3,5 M.S ,5 4 Z.G ,5 2 4 M.T ,5 1,5 3 P.A B.G M.R ,5 4 C.C ,5 1 2 media 19,12 20,15 23,89 8,27 7,96 5,15 0,96 1,29 2,97 DS 5,26 5,50 7,53 1,37 1,08 1,76 0,92 0,92 1,23 : con aiuto di ausilio : con aiuto di un operatore ^: con aiuto AA.SS. dopo il secondo STS 12

19 DISCUSSIONE Outcome: tempo di esecuzione totale del STS five test In un soggetto sano di età adulta, un STS viene eseguito mediamente in 1,8 secondi. In letteratura nell anziano sano questo tempo totale di esecuzione si discosta mediamente di pochi millesimi ed è pari quindi a circa 2 sec. Poiché in questo studio la performance del STS è stata valutata su 5 ripetizioni, si è fissato arbitrariamente come cut-off point il tempo di 15 secondi totali (3 sec a STS, per 5 ripetizioni) considerando questo parametro di tempo come un buon livello di performance. Analizzando i risultati ottenuti, si è riscontrato che ha eseguito la prova in un tempo pari o inferiore al cut-off point il 38% dei soggetti (10) con la seduta RC; il 23% dei soggetti (6) con la seduta TC ; nessuno con la sedia CC. Considerando il tempo totale di esecuzione del timed STS five test, si è visto che la media del tempo impiegato a concludere la performance è risultata essere inferiore mediante la sedia RC (M 19,12+SD 5,26) e TC (M 20,15+SD 5,50) rispetto al tempo totale di esecuzione con la CC (M 23,89+SD 7,53) Outcome: percezione della facilità nell esecuzione del gesto Valutando i risultati della VAS si è osservato che, grazie all aiuto delle sedie attive, la performance del STS risulta essere percepita in modo più facilitato attraverso l utilizzo della sedia RC (M. 8,27+SD 1,37), rispetto alla seduta TC (M. 7,96+SD 1,08), rispetto alla CC (M. 5,15+SD 1,76). Il 27% dei soggetti (7) riporta che è facilissimo (punteggio 10) alzarsi dalla RC e la percentuale sale al 96% dei soggetti (25) se si considerano gli intervalli della VAS compresi tra 7 a 10. L 8% dei soggetti (3) riporta che è facilissimo alzarsi dalla sedia TC e la percentuale sale sino al 96% se si considerano gli intervalli della VAS compresi tra 7 a 10. Nessuno dei soggetti ha considerato come facilissimo alzarsi dalla seduta CC e la percentuale è del 15% dei soggetti (4) se si considerano gli intervalli della VAS compresi tra 7 a

20 Outcome: percezione dello sforzo nell esecuzione del gesto L analisi dei dati della scala Borg CR10 evidenzia che gli anziani riferiscono una minor percezione di sforzo con la sedia RC (M 0,96+SD 0,92), con la sedia TC (M 1,29+SD 0,92) rispetto alla seduta CC (M 2,97+SD 1,23). Il 35% degli anziani (9) riferisce di non aver percepito nessuno sforzo alzandosi dalla RC. Il 19% (5) riferisce di non aver percepito nessuno sforzo alzandosi dalla TC. Nessuno dei soggetti ha indicato il valore 0 (assenza di sforzo) con la seduta CC. Con valori compresi negli intervalli tra 3 (forte) e 5 (intenso) si rileva che la percezione dello sforzo è pari al 4% con la seduta RC e TC, mentre la percentuale sale al 54% con la seduta CC. 14

21 CONCLUSIONI La RC è risultata utile nei soggetti anziani durante il STS per migliorare l autonomia del movimento, permettendo di svolgere il compito funzionale senza aiuto, con minor sforzo e con minor tempo di esecuzione. Il raggiungimento della stazione eretta infatti viene ottenuto non passivamente ma attraverso la normale attivazione muscolare consentendo di mantenere un buon livello stenico, evitando inoltre i rischi del non uso appreso. Dai dati ottenuti dallo studio, per la tipologia di pazienti inclusi nella ricerca, si può confermare l iniziale ipotesi che l utilizzo delle sedie attive fornisce un efficace supporto allo spostamento in avanti del baricentro, considerato una delle tre principali cause del deficit di autonomia del STS. Occorre precisare che questa efficacia è stata qui dimostrata per specifici outcome valutati con specifiche scale di valutazione; sono consigliati quindi, maggiori studi nell ambito della ricerca che utilizzino differenti outcome e scale di valutazione. Poiché 16 anziani su 26 non hanno eseguito il timed STS five test rimanendo entro il cut-off point di 15 sec totali, si evidenzia l importanza dell utilizzo del STS come esercizio specifico, in quanto allenante (negli anziani l ipostenia degli arti inferiori è un fattore fortemente limitante l esecuzione del STS), al fine di garantire un miglioramento nella performance, con un risvolto importante sulla qualità di vita futura del soggetto soprattutto in merito al rischio caduta. Criticità dello studio Criticità di somministrazione test: per motivi organizzativi interni alla struttura, la somministrazione del timed STS five test è stata effettuata per ciascun soggetto in tre differenti giornate, anziché in unica giornata. Criticità del campione: per mancanza di un campione numeroso, non si è potuto suddividere i partecipanti in gruppo di controllo e gruppo di studio relativo alle tre diverse sedute in esame. Si è pertanto supposto di far eseguire a ogni singolo soggetto il STS per tutte e tre sedute. 15

22 Criticità somministratore/rilevatore : in questo studio non è stato garantito nessun cieco in quanto il somministratore (fisioterapista) conosceva le sedute in studio, ha somministrato il test e le scale di valutazione, e ha rilevato i dati. Criticità nella quantificazione del livello di aiuto fornito dalla persona esterna: sia in fase di inclusione sia in fase di studio, non c è stata un analisi sulla quantità di supporto fornita dagli operatori che hanno aiutato i soggetti nell esecuzione della performance. Criticità del cut off point: il cut off point è stato fissato in modo arbitrario a 15 secondi, considerando la ripetizione di 5 movimenti consecutivi e la tipologia di pazienti inclusi nello studio (anziani residenti in struttura) con l unico scopo di poter fare ipotesi riabilitative in merito all utilizzo del STS come esercizio specifico per migliorare la performance. 16

23 BIBLIOGRAFIA 1. Janssen WGM, Bussmann HBJ, Henk JS. Determinants of the sit-to-stand movement: a review. Phys Ther 2002; 82: Campbell AJ, Borrie MJ. Risk factor for falls in a community-based prospective study of people 70 years and over. J Gereontol Med Sci 1989; 44: Katz S., Stroud MW. Functional assessment in geriatrics. A review of progress and directions. J Am Geriatr Soc.1989 Mar;37(3): Berg K, Wood-Dauphinee S, Williams JI, Maki, B: Measuring balance in the elderly: Validation of an instrument. Can. J. Pub. Health, July/August supplement 2:S7-11, Tinetti ME.Performance-Oriented Assesment of Mobility Problems in Elderly Patients.JAGS 1986;34: Vander Linden Variant and invariant characteristic of the STS task in healty elderly adults. Arch Phys Med Rehabil. 75, Roebroeck M.E. Biomechanics and muscular activity during STS transfer. Clin Biomech 1994; 9: Munton et all. An investigation intro the problems of easy chairs used by the arthritic and the elderly. Rheumatol. Rehabil. 1981; 20: Chamberlain MA, Munton J. Designing chairs for the disabled arthritic. Br J Reumatol 1984; 23: Lundin TM, Grabiner MD, Jahnigen DW. On the assumption of bilateral lower extremity joint moment simmetry during the sit-to-stand task. J Biomech 1995; 28:1, Corrigan D, Bohannon RW. Relationship between knee extension force and stand up performance in community-dwelling elderly women. Arch Phys Med Rehabil 2001; 82: Naumann et all. Biomechanics of standing up from a chair. Human locomotion 1982; II 13. Schenkman ML, Berger RA, Riley PO et all. Whole-body movements during rising to standing from sitting. Phys Ther 1990; 70: ; discussion Millington PJ, Myklebust BM, Shambes GM. Bio mechanical analysis of the Sit-To- Stand motion in elderly person. Arch Phys Med Rehabil 1992; vol 73: Ikeda ER, Schenkman ML. Influence of age on dinamic rising from a chair. Phys Ther 1991; 71 (6): Alexander NB, Schultz AB. Rising from a chair: effects of age and functional ability on performance biomechanics. J Gereontol Med Sci 1991; 46 (3): M

24 17. Papa E, Cappozzo A. Sit-to-stand motor strategies investigated in able bodied young and elderly subjects. J Biomech 2000; 33: Mourey F, Grishin A. Standing up from a chair as a dynamic equilibrium task: a comparision between young an elderly subjects. J Gereontol Biol Sci 2000; 55a 19. Edlich RF, Heather CL, Galumbeck MH. Revolutionary advances in adaptive seating systems for the elderly and persons with disabilities that assist sit-to-stand transfers. J Long Term Eff Med Implants. 2003;13(1):31-9.(9): B425-B Pai Y-C, Rogers MW. Speed variation and resultant joint torques during sit-tostand. Arch Phys Med Rehabil 1991; 72: Weiner DK, Long R. When older adults face the chair-rise challenge. J Am Jeriatric Soc 1993; 41: Anderson GBJ, Ortengren R. Disc pressure measurements when rising and sitting down on a chair. Engng Med 1982; 11: Gross MM, Stevenson PJ. Effect of muscle strenght and movement speed on the biomechanics of rising from a chair in healty elderly and young women. Gait and posture. 1998; 8: Huges MA, Myers BS. The role of strenght in rising from a chair in the functionally impaired elderly- J Biomech 1996; 29 (12): Scarborough DM, Krebs DE. Quadriceps muscle strength and dynamic stability in elderly persons. Gait Post 1999; 10: Yamada T, Demura S. Relationships between ground reaction force parameters during a sit-to-stand movement and physical activity and falling risk of the elderly and a comparison of the movement characteristics between the young and the elderly.arch Gerontol Geriatr. 2009;48: Dehail P, Bestaven E, Muller F, et al. Kinematic and electromyographic analysis of rising from a chair during a Sit-to-Walk task in elderly subjects: role of strength. Clin Biomech (Bristol, Avon) 2007;22: Burdett RG, Habasevich R, Pisciotta J, Simon SR. Biomechanical comparison of rising from two types of chairs. Phys Ther. 1985;65: Tiedemann A, Shimada H, Sherrington C, et al. The comparative ability of eight functional mobility tests for predicting falls in community-dwelling older people. Age Ageing. 2008;37: Etnyre B, Thomas DQ. Event standardization of sit-to-stand movements. PhysTher. 2007;87: ; discussion Yamada T, Demura S. The relationship of force output characteristics during a sit-tostand movement with lower limb muscle mass and knee joint extension in the elderly. Arch Gerontol Geriatr May-Jun;50(3):

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI L art. 168 definisce per il DDL una sequenza di azioni PARTENDO DAL POSTO DI LAVORO: 1) Individuazione e valutazione ATTIVA ai

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

Applicazioni di Realtà

Applicazioni di Realtà Università di Pisa Corso di Laurea in Terapia Occuapazionale Corso di Bioingegneria applicata alla Realtà Virtuale Anno Accademico 2009/2010 Applicazioni di Realtà Virtuale in Riabilitazione i Ing. Stefano

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori 2008 IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori Manuale teorico pratico professionale sul più diffuso metodo di analisi per la valutazione del rischio CTD

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici

Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici Ogni qual volta si effettua una raccolta di dati di tipo numerico è inevitabile fornirne il valore medio. Ma che cos è il valore

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni Cenƒsthesis... dalla Ricerca Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni A. Luciano, G. Zoppi, F. Bressani I Cattedra di Pediatria Università di Verona 8 Più di 40.000 soggetti sono

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE Educazione motoria preventiva ed adattata DISPENSA PER IL CORSO: GINNASTICA DI BASE COORDINAZIONE ESERCIZI A CORPO LIBERO STRETCHING A

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH SPIEGAZIONI PER LA RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI COSTITUTIVI I FATTORI DI RISCHIO E PER IL CALCOLO DEGLI INDICI ESPOSITIVI NIOSH E MAPO La rilevazione

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO modulo & componenti ANNO 1 - LIVELLO 4 - YEAR 1BSc Scienze di base/mediche 1A: BIOSCIENZE Codice OS401 BAS1A-BIO Ore lezione, tirocinio, ricerca Ore di apprendimento Crediti UK 164 300 30 15 Crediti ECTS

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8 Valutazione della Minimum Pressurizing Temperature (MPT) per reattori di elevato spessore realizzati in acciai bassolegati al Cr-Mo, in esercizio in condizioni di hydrogen charging Sommario G. L. Cosso*,

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

errore I = numero soggetti (I = 4) K = numero livelli tratt. (K = 3) popolazione varianza dovuta ai soggetti trattamento

errore I = numero soggetti (I = 4) K = numero livelli tratt. (K = 3) popolazione varianza dovuta ai soggetti trattamento Analisi della varianza a una via a misure ripetute (Anova con 1 fattore within) modello strutturale dell'analisi della varianza a misure ripetute con 1 fattore: y = μ ik 0 +π i +α k + ik ε ik interazione

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli