EFFICACIA DELLE SEDUTE ATTIVE SULLA PERFORMANCE DEL SIT-TO-STAND NEI SOGGETTI ANZIANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EFFICACIA DELLE SEDUTE ATTIVE SULLA PERFORMANCE DEL SIT-TO-STAND NEI SOGGETTI ANZIANI"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO FINALIZZATO AL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA IN FISIOTERAPIA Presidente Prof. Giancarlo Tassinari SEDE DI VERONA TESI DI LAUREA EFFICACIA DELLE SEDUTE ATTIVE SULLA PERFORMANCE DEL SIT-TO-STAND NEI SOGGETTI ANZIANI Relatore: Dott. Ft Cinzia Cinel Correlatore: Dott. Ft Piergiorgio Benaglia Laureanda Sonia Martinotta Anno Accademico 2010/2011

2 2

3 ABSTRACT INTRODUZIONE: Pur presentando un buon livello funzionale nella deambulazione, il paziente anziano manifesta difficoltà nell alzarsi da una sedia, richiedendo spesso l aiuto di persone esterne o utilizzando strategie compensatorie, che aumentano il rischio di caduta. In letteratura le cause principali della ridotta performance del sit-to-stand (STS) nell anziano sono l ipostenia degli arti inferiori, il deficit di dorsi-flessione dell articolazione tibio-tarsica e la difficoltà a spostare in avanti il baricentro del corpo attraverso la flessione del tronco. Scopo della tesi è quello di valutare l efficacia sul livello di autonomia, sul tempo di esecuzione, sulla percezione della facilità (tramite scala VAS) e sulla percezione dello sforzo (tramite scala Borg CR10) nell esecuzione del gesto del STS utilizzando due tipi di sedie attive: una sedia con base oscillante (RC) e una sedia con seduta oscillante (TC) - rispetto ad una sedia convenzionale (CC). MATERIALE E METODI: studio sperimentale con un campione di 26 soggetti anziani (età media 81anni), residenti in un centro servizi assistenziale, con un buon grado di comprensione (MMSE >26), in grado di alzarsi da una sedia convenzionale autonomamente o con parziale aiuto di un altra persona e in grado di rimanere in piedi autonomamente o mediante l uso di un ausilio. Tutti i pazienti sono stati sottoposti ad un periodo di familiarizzazione delle 2 sedute attive (RC e TC), eseguendo il timed STS five test (5 ripetizioni) per ciascuna delle 3 tipologie di seduta ad un giorno di distanza l uno dall altro (sequenzialmente CC, TC, RC). Al termine di ogni prova sono stati valutati il livello di autonomia, la percezione di affaticamento mediante scala Borg (CR10) e la percezione di facilità mediante scala VAS nell esecuzione del gesto. Al termine del test si è richiesto al paziente di selezionare la seduta considerata migliore dal punto di vista funzionale. RISULTATI: dei 26 pazienti inclusi nello studio, con la seduta CC 18 hanno eseguito il STS in modo indipendente, 4 con minimo aiuto esterno e 4 con un ausilio (deambulatore/bastone). Con le sedute RC e TC tutti i soggetti hanno eseguito autonomamente il STS. Per l outcome tempo di esecuzione si è evidenziato che i soggetti hanno impiegato minor tempo con la RC vs CC (38.6 % + 5.4, p<.05) e con la TC vs CC (12.5 % + 0.9, p<.05). Per l outcome facilità di esecuzione (VAS) i punteggi sono stati superiori con la RC ( p<.05) che con la TC ( p<.05) rispetto alla CC. Per l outcome percezione sforzo (Borg CR10) i punteggi sono stati inferiori sia con la RC (45.6 % + 4.2, p<.05) che con la TC (18.4% + 5.6, p<.05) rispetto alla CC. Dal gradimento della tipologia di seduta considerata migliore dal punto di vista funzionale 20 soggetti hanno preferito la RC e 6 la TC DISCUSSIONE: Considerando il tempo totale di esecuzione del STS five test, si è visto che la media del tempo impiegato a concludere la performance è risultata essere inferiore mediante le sedie RC e TC rispetto al tempo totale di esecuzione con la CC. Valutando i risultati della VAS si è osservato che, grazie all aiuto delle sedie attive, la performance del STS risulta essere percepita in modo più facilitato attraverso l utilizzo della RC e della TC rispetto alla CC. L analisi dei dati della scala Borg CR10 evidenzia che gli anziani riferiscono una minor percezione di fatica con la sedia RC, con la sedia TC, rispetto alla seduta CC. CONCLUSIONI: la RC è risultata utile nei pazienti anziani per migliorare l autonomia del STS, permettendo di svolgere il compito funzionale senza aiuto, con minor sforzo e in un tempo inferiore. Il raggiungimento della stazione eretta viene ottenuto non passivamente ma attraverso la normale attivazione muscolare consentendo di mantenere un buon livello stenico evitando inoltre i rischi del non uso appreso. Le sedute attive forniscono un efficace supporto allo spostamento in avanti del baricentro, considerato in letteratura una delle tre cause del deficit di autonomia del STS. 3

4

5 INDICE INTRODUZIONE... 1 CINESIOLOGIA NORMALE DEL STS... 1 Le fasi del STS L INFLUENZA DI ALCUNI DETERMINANTI SULL ESECUZIONE DEL STS... 2 Fattore età e considerazioni cliniche Altezza delle sedute... 4 Influenza dei braccioli... 4 Forza degli arti inferiori MATERIALE E METODI TIPO DI STUDIO CRITERI DI SELEZIONE MATERIALE... 7 Scale di valutazione... 7 Caratteristiche delle sedute METODI... 8 Iter di somministrazione del STS five test... 8 Protocollo del STS five test PROCEDURE... 8 RISULTATI 8 DISCUSSIONE CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA ALLEGATO ALLEGATO

6

7 INTRODUZIONE Il Sit To Stand (STS) è un movimento largamente studiato fin dagli anni ottanta (1) perché considerato un gesto ad alta frequenza e rilevanza funzionale e definito, quindi, come un indice predittivo per la perdita di funzioni e di autonomia specialmente in età avanzata. Il STS è un passaggio posturale fondamentale in quanto necessario per il raggiungimento della stazione eretta e il conseguente svolgimento di numerose attività della vita quotidiana, tra le quali in primis la deambulazione. (28,29) La comprensione della cinesiologia e patocinesiosologia del STS è alla base di alcune importanti conseguenze di interesse riabilitativo, in particolar modo dell indice predittivo del rischio di caduta nel soggetto anziano (2,3,26,27) e come elemento di valutazione della funzionalità degli arti inferiori e di qualità di vita tramite diverse scale standardizzate (4,5). Scopo della tesi è quello di valutare l efficacia sul livello di autonomia, sul tempo di esecuzione, sulla percezione della facilità (tramite scala VAS) e sulla percezione dello sforzo (tramite scala Borg CR10) nell esecuzione del gesto del STS utilizzando due tipi di sedie attive - una sedia con base oscillante (RC) e una sedia con seduta oscillante (TC) - rispetto ad una sedia convenzionale senza braccioli (CC). Cinesiologia normale del STS Il STS è quel movimento che prevede il passaggio dalla stazione seduta alla stazione eretta, con trasferimento del baricentro da una base d appoggio più ampia ad una più ristretta, il tutto senza la perdita di equilibrio (6,7). Le fasi del STS. Il lavoro di vari autori consente di riassumere la cinesiologia normale del STS in tre fasi: la fase del momento flessorio (fase 1), la fase del trasferimento del momento di inerzia (fase 2) e la fase di estensione (fase 3). In base ai lavori presenti in letteratura, la durata totale del movimento si aggira attorno al valore medio di 1,8-2 secondi. 1

8 fase 1: il soggetto è seduto e il movimento inizia con la flessione del tronco e l antiversione del bacino. Il centro di massa (CoM) subisce un primo spostamento in avanti sul piano sagittale ad opera del tronco. Se gli arti inferiori sono liberi di muoversi, i piedi indietreggiano in modo da avvicinare la nuova base d appoggio a quella di partenza. Questa fase dura fino al distacco delle natiche dal piano d appoggio (seat-off), circa il 27-28% del tempo totale di esecuzione del movimento. fase 2: dalla posizione seat-off il soggetto raggiunge la massima flessione di tronco e di anca. Il CoM viene trasferito in direzione avanti-alto sul piano sagittale, anche grazie al passaggio del momento di inerzia del tronco su tutto il corpo. Questa fase termina non appena si raggiunge la massima flessione dorsale della tibio-tarsica, mentre il tronco passa dalla flessione all estensione, circa il 36% del tempo totale di esecuzione del movimento. fase 3: inizia con la massima flessione dorsale della tibio-tarsica e termina con il raggiungimento della stazione eretta, ossia con l estensione completa di ginocchia anche e tronco, con la proiezione del CoM sopra la nuova base d appoggio. La durata va dal 37% al 100% del tempo totale di esecuzione del movimento. L influenza di alcuni determinanti sull esecuzione del STS Fattore età e considerazioni cliniche. Nell era moderna l aumento dell età media della popolazione ha causato l incremento di soggetti con problemi di tipo motorio e funzionale: alcuni studi (9,10,11) riportano che il 50% circa degli anziani esaminati ha difficoltà nell alzarsi in piedi e che le facilitazioni fornite da una sedia rispetto ad un altra sono il criterio principe per la scelta della stessa. Venticinque anni fa negli USA si stimava che fossero già più di 2 milioni gli anziani non istituzionalizzati con difficoltà nel STS. (12) La performance di base del STS dell anziano sano si discosta di poco rispetto a quella del giovane adulto sano (15), pur con alcune differenze statisticamente significative rilevate in studi diversi. 2

9 Comparando giovani adulti e anziani sani si evidenzia che, sulla durata totale del tempo del STS, gli anziani impiegano proporzionalmente più tempo per arrivare fino alla massima escursione orizzontale del capo (appena dopo il seat-off) (16) (15, 17) differenza è maggiore se non si utilizzano i braccioli. In particolare alcuni autori sostengono che la fase più prolungata nell anziano è la fase 3 a discapito della fase 2 (che si accorcia). La differenza sul totale è più marcata se si richiede un STS veloce. (18,17) Gli anziani hanno difficoltà in aspetti diversi del STS e possiamo dividerli sostanzialmente in due gruppi. Del primo gruppo fanno parte coloro che hanno maggiori deficit nella flessione di anca e tronco: data la debolezza muscolare essi impiegano più tempo a condurre a termine la fase 1; tale prolungamento si accompagna alla diminuzione della velocità orizzontale e all aumento della flessione d anca e tronco, fattori che permettono un miglior controllo della stabilità, una minor fatica nella decelerazione a partire dal momento flessorio, una migliore sistemazione del baricentro vicino alla futura base d appoggio. Del secondo gruppo fanno parte coloro che hanno maggiori deficit nell estensione degli arti inferiori, e che compensano con un aumento della velocità, alla fine della fase 1 Nei pazienti anziani la capacità di alzarsi da una sedia è spesso deficitaria pur in presenza di un buon livello funzionale del cammino costringendo all aiuto esterno o a strategie di compenso che aumentano però il rischio di caduta. Le cause principali della ridotta performance del STS negli anziani sono quindi la difficoltà a spostare in avanti il baricentro del corpo attraverso la flessione del tronco e la dorsi-flessione delle caviglie e l ipostenia degli arti inferiori. Le sedute attive in esame si ipotizza possano essere efficaci nel facilitare lo spostamento in avanti del baricentro, spesso ridotto anche da limitazioni articolari della colonna o difficoltà neuromotorie, permettendo quindi di svolgere il compito funzionale senza aiuto e/o con minor sforzo. Il raggiungimento della stazione eretta con queste sedute attive infatti, rispetto alle sedute con raggiungimento della stazione eretta passivo (19), viene ottenuto non passivamente ma attraverso la normale attivazione muscolare consentendo di mantenere un buon livello stenico evitando inoltre i rischi del non uso appreso. tale 3

10 Altezza delle sedute L altezza della sedia, per l esecuzione del STS, viene considerata standard a 43 (7), 44 (8) o 45cm (20), anche se si è accertato che l altezza media delle sedie comunemente in commercio è di circa 40,5cm (11). Per stabilire come questo determinante influisca sul STS sono stati utilizzati diversi strumenti, tra questi una scala analogica visiva (VAS) di autovalutazione dello sforzo: è emerso come lo sforzo percepito sia minore con l aumentare dell altezza della sedia (11,21). Coerentemente con questo dato soggettivo, la percentuale di successi nelle prove del STS nell anziano passa dal 44% al 91% con l aumentare dell altezza della sedia da 43 cm a 54 cm ed il punteggio VAS scende da 7 a 3 indicando una minor fatica del gesto (21). Influenza dei braccioli L eventuale utilizzo dei braccioli per aiutarsi nel STS influisce sul tempo di esecuzione del gesto, che aumenta, e sulla forza sviluppata dagli arti inferiori. L uso della forza delle braccia diventa un parametro importante con l utilizzo dei braccioli. In uno studio si è visto che il valore di tale forza, per giovani adulti e anziani, è in relazione al peso corporeo e che aumenta significativamente negli anziani. (16) Normalmente durante il STS il disco intervertebrale L3-L4 subisce un raddoppio di pressione: l uso dei braccioli ne riduce il sovraccarico. (22) Forza degli arti inferiori. Un deficit di forza degli arti inferiori può divenire un fattore limitante per l esecuzione ottimale del STS. (23) L influenza del livello di forza dei vari gruppi muscolari si evidenzia nel cambiamento di alcuni parametri della cinesiologia del gesto: tale situazione la si può riscontrare sia nella popolazione anziana sana, sia nei soggetti giovani o anziani con diversi tipi di patologie a carico degli arti inferiori. 4

11 La diminuzione di forza dei flessori d anca fa variare leggermente la posizione del CoM durante il movimento, così che la sua proiezione cada più vicina alla caviglia. (23) In seguito alla diminuzione di forza degli estensori d anca la flessione di tronco al momento del seat-off aumenta, così come il tempo totale di esecuzione del gesto. La riduzione della forza degli estensori di ginocchio può condizionare, anche se in modo più marginale, l esecuzione del STS, infatti aumenta l altezza minima della sedia da cui un anziano con deficit funzionali può compiere il trasferimento con successo. (24,25). Altri autori successivamente hanno dimostrato che tale forza è significativamente correlata con la percentuale di successi nella performance del STS, ma solamente se in rapporto al peso corporeo e non come valore assoluto. Sembra che esista una corrispondenza più sfumata tra forza del quadricipite e aumento del tempo totale del STS a partire da sedie di altezza progressivamente inferiore: per alcuni autori la forza muscolare non sembra essere un buon indicatore per la previsione della durata del gesto (11), mentre altri sostengono il contrario. (25) Inoltre nei soggetti con il quadricipite più debole esiste una correlazione tra l aumento dello sforzo percepito durante il STS e l aumento della percentuale di forza impiegata rispetto al massimale; questo avviene in particolare nel STS a partire da sedia o sgabello di altezze progressivamente più basse. (11) La concomitante ipostenia degli estensori d anca e di ginocchio induce i soggetti a posizionare il CoM più vicino al centro di pressione al momento del sit-off. (23) Da sottolineare infine che la forza media del quadricipite non varia significativamente al variare della strategia utilizzata, a seconda che sia quella basata sulla flessione di tronco o sul trasferimento del momento o altre strategie singolarmente adottate dai soggetti studiati. (25) 5

12 6

13 MATERIALE E METODI 1.1 Tipo di studio Studio sperimentale con un campione di 26 soggetti anziani (età media 81) 1.2 Criteri di selezione Criteri di inclusione Soggetti con età superiore ai 65 anni, residenti in una struttura residenziale. Criteri di esclusione Sono stati esclusi pazienti dipendenti (indice di Barthel <16) o non collaboranti (MMSE <26) e soggetti con diagnosi di afasia, demenza, non in grado di mantenere la stazione eretta autonomamente per almeno 5 secondi anche con l utilizzo di un ausilio o con l aiuto di una persona. 1.3 Materiale Scale di valutazione Scala VAS tipo Likert (allegato 1) Scala Borg CR10 (allegato 2) Caratteristiche delle sedute Rocking Chair (RC): base oscillante (pattino); altezza 46 cm (Imm. 1) Tilting Chair (TC): seduta oscillante; altezza 45 cm (Imm. 2) Conventional Chair (CC): seduta standard senza braccioli; altezza 45 cm (Imm. 3) Immagine 1 Immagine 2 Immagine 3 7

14 1.4 Metodi Iter di somministrazione del STS five test Giorno 1: allenamento all uso delle sedie attive e simulazione di utilizzo delle scale di valutazione. Giorno 2: STS convenzionale e somministrazione dei test di valutazione Giorno 3: STS tilting e somministrazione dei test di valutazione Giorno 4: STS rocking e somministrazione dei test di valutazione. Giorno 5: scelta da parte dei soggetti della sedia migliore, dal punto di vista funzionale (sedia dalla quale si sono alzati con meno fatica o più facilmente/agevolmente). Protocollo del STS five test Il test prevede il passaggio dalla stazione seduta alla stazione eretta, e ritorno alla posizione di partenza, ripetuto per cinque volte. Ad ogni ciclo il soggetto deve sia sedersi completamente e riposizionarsi a tronco verticale nella posizione seduta, sia raggiungere la stazione eretta a ginocchia ed anche estese. La posizione di partenza è a soggetto seduto con tutta la pianta dei piedi in appoggio al suolo. Per la posizione degli arti superiori si è lasciato a discrezione dei partecipanti la possibilità di utilizzare o meno un ausilio (deambulatore, bastone), senza tuttavia concedere gesti come il tirarsi, aggrapparsi o torsione del tronco. Il test è stato somministrato da un fisioterapista cronometrando il tempo di esecuzione dal VIA fino al completamento del test, al termine del quale sono state somministrate: VAS tipo Likert per valutare la percezione della facilità nell esecuzione del gesto, rispondendo al quesito: Quanto è stato facile alzarsi dalla sedia? (in allegato 1). scala Borg CR10 per valutare la percezione della fatica nell esecuzione del gesto (in allegato 2). 1.5 Procedure I dati raccolti sono stati analizzati con l utilizzo di un programma di foglio di calcolo (Microsoft Excel 2003) calcolandone percentuali, medie aritmetiche (M), deviazione standard (SD) 8

15 RISULTATI Dei 26 soggetti inclusi nello studio si è rilevato che, con la seduta convenzionale (CC) 18 hanno eseguito il STS in modo indipendente, 4 con minimo aiuto esterno e 4 con utilizzo di un ausilio (grafico. 1c). Con le sedute RC (grafico 1a) 1e TC (graf. 1b) tutti i soggetti hanno eseguito il STS in modo indipendente. Per quanto riguarda il tempo di esecuzione del timed STS five test (grafico 4), si è evidenziato che i soggetti hanno impiegato minor tempo nell esecuzione del movimento con la RC vs CC (38.6 % + 5.4, p<.05) e con la TC vs CC (12.5 % + 0.9, p<.05). In riferimento alla percezione dello sforzo (Borg CR10) i punteggi sono stati inferiori sia con la RC (45.6 % + 4.2, p<.05) che con la TC (18.4% + 5.6, p<.05) rispetto alla CC (grafico 3). Considerando la facilità di esecuzione (VAS) i punteggi sono stati superiori sia con la RC ( p<.05) che con la TC ( p<.05) rispetto alla CC (grafico 2). Per quanto concerne la scelta da parte dei soggetti della sedia considerata migliore, dal punto di vista funzionale, 20 soggetti hanno scelto la RC e 6 la TC 9

16 Graf.1a - Distribuzione del livello di autonomia con RC 1; 4% 0; 0% 25; 96% Sedia RC in autonomia Sedia RC con aiuto Sedia RC con ausilio Graf.1b - Distribuzione del livello di autonomia con TC 1; 4% 0; 0% 25; 96% Sedia TC in autonomia Sedia TC con aiuto Sedia TC con ausilio Graf.1c - Distribuzione del livello di autonomia con CC 4; 15% 4; 15% 18; 70% Sedia CC in autonomia Sedia CC con aiuto Sedia CC con ausilio 10

17 11

18 TAB. 1 foglio di calcolo (Microsoft Excel 2003) t RC t TC t CC VAS RC VAS TC VAS CC BORG RC BORG TC BORG CC A.E ,5 1 2 M.M Z.I S.L S.A ,5 1 F.E ,5 3 S.G ,7 B.M ,5 3 T.M ^ ^ 0 2 5^ P.M ,5 C.R C.P B.R F.A ,5 P.M ^ 8* 7* 1^ 1 1,5 5^ P.L R.G ,5 3 S.M B.M ,5 3,5 M.S ,5 4 Z.G ,5 2 4 M.T ,5 1,5 3 P.A B.G M.R ,5 4 C.C ,5 1 2 media 19,12 20,15 23,89 8,27 7,96 5,15 0,96 1,29 2,97 DS 5,26 5,50 7,53 1,37 1,08 1,76 0,92 0,92 1,23 : con aiuto di ausilio : con aiuto di un operatore ^: con aiuto AA.SS. dopo il secondo STS 12

19 DISCUSSIONE Outcome: tempo di esecuzione totale del STS five test In un soggetto sano di età adulta, un STS viene eseguito mediamente in 1,8 secondi. In letteratura nell anziano sano questo tempo totale di esecuzione si discosta mediamente di pochi millesimi ed è pari quindi a circa 2 sec. Poiché in questo studio la performance del STS è stata valutata su 5 ripetizioni, si è fissato arbitrariamente come cut-off point il tempo di 15 secondi totali (3 sec a STS, per 5 ripetizioni) considerando questo parametro di tempo come un buon livello di performance. Analizzando i risultati ottenuti, si è riscontrato che ha eseguito la prova in un tempo pari o inferiore al cut-off point il 38% dei soggetti (10) con la seduta RC; il 23% dei soggetti (6) con la seduta TC ; nessuno con la sedia CC. Considerando il tempo totale di esecuzione del timed STS five test, si è visto che la media del tempo impiegato a concludere la performance è risultata essere inferiore mediante la sedia RC (M 19,12+SD 5,26) e TC (M 20,15+SD 5,50) rispetto al tempo totale di esecuzione con la CC (M 23,89+SD 7,53) Outcome: percezione della facilità nell esecuzione del gesto Valutando i risultati della VAS si è osservato che, grazie all aiuto delle sedie attive, la performance del STS risulta essere percepita in modo più facilitato attraverso l utilizzo della sedia RC (M. 8,27+SD 1,37), rispetto alla seduta TC (M. 7,96+SD 1,08), rispetto alla CC (M. 5,15+SD 1,76). Il 27% dei soggetti (7) riporta che è facilissimo (punteggio 10) alzarsi dalla RC e la percentuale sale al 96% dei soggetti (25) se si considerano gli intervalli della VAS compresi tra 7 a 10. L 8% dei soggetti (3) riporta che è facilissimo alzarsi dalla sedia TC e la percentuale sale sino al 96% se si considerano gli intervalli della VAS compresi tra 7 a 10. Nessuno dei soggetti ha considerato come facilissimo alzarsi dalla seduta CC e la percentuale è del 15% dei soggetti (4) se si considerano gli intervalli della VAS compresi tra 7 a

20 Outcome: percezione dello sforzo nell esecuzione del gesto L analisi dei dati della scala Borg CR10 evidenzia che gli anziani riferiscono una minor percezione di sforzo con la sedia RC (M 0,96+SD 0,92), con la sedia TC (M 1,29+SD 0,92) rispetto alla seduta CC (M 2,97+SD 1,23). Il 35% degli anziani (9) riferisce di non aver percepito nessuno sforzo alzandosi dalla RC. Il 19% (5) riferisce di non aver percepito nessuno sforzo alzandosi dalla TC. Nessuno dei soggetti ha indicato il valore 0 (assenza di sforzo) con la seduta CC. Con valori compresi negli intervalli tra 3 (forte) e 5 (intenso) si rileva che la percezione dello sforzo è pari al 4% con la seduta RC e TC, mentre la percentuale sale al 54% con la seduta CC. 14

21 CONCLUSIONI La RC è risultata utile nei soggetti anziani durante il STS per migliorare l autonomia del movimento, permettendo di svolgere il compito funzionale senza aiuto, con minor sforzo e con minor tempo di esecuzione. Il raggiungimento della stazione eretta infatti viene ottenuto non passivamente ma attraverso la normale attivazione muscolare consentendo di mantenere un buon livello stenico, evitando inoltre i rischi del non uso appreso. Dai dati ottenuti dallo studio, per la tipologia di pazienti inclusi nella ricerca, si può confermare l iniziale ipotesi che l utilizzo delle sedie attive fornisce un efficace supporto allo spostamento in avanti del baricentro, considerato una delle tre principali cause del deficit di autonomia del STS. Occorre precisare che questa efficacia è stata qui dimostrata per specifici outcome valutati con specifiche scale di valutazione; sono consigliati quindi, maggiori studi nell ambito della ricerca che utilizzino differenti outcome e scale di valutazione. Poiché 16 anziani su 26 non hanno eseguito il timed STS five test rimanendo entro il cut-off point di 15 sec totali, si evidenzia l importanza dell utilizzo del STS come esercizio specifico, in quanto allenante (negli anziani l ipostenia degli arti inferiori è un fattore fortemente limitante l esecuzione del STS), al fine di garantire un miglioramento nella performance, con un risvolto importante sulla qualità di vita futura del soggetto soprattutto in merito al rischio caduta. Criticità dello studio Criticità di somministrazione test: per motivi organizzativi interni alla struttura, la somministrazione del timed STS five test è stata effettuata per ciascun soggetto in tre differenti giornate, anziché in unica giornata. Criticità del campione: per mancanza di un campione numeroso, non si è potuto suddividere i partecipanti in gruppo di controllo e gruppo di studio relativo alle tre diverse sedute in esame. Si è pertanto supposto di far eseguire a ogni singolo soggetto il STS per tutte e tre sedute. 15

22 Criticità somministratore/rilevatore : in questo studio non è stato garantito nessun cieco in quanto il somministratore (fisioterapista) conosceva le sedute in studio, ha somministrato il test e le scale di valutazione, e ha rilevato i dati. Criticità nella quantificazione del livello di aiuto fornito dalla persona esterna: sia in fase di inclusione sia in fase di studio, non c è stata un analisi sulla quantità di supporto fornita dagli operatori che hanno aiutato i soggetti nell esecuzione della performance. Criticità del cut off point: il cut off point è stato fissato in modo arbitrario a 15 secondi, considerando la ripetizione di 5 movimenti consecutivi e la tipologia di pazienti inclusi nello studio (anziani residenti in struttura) con l unico scopo di poter fare ipotesi riabilitative in merito all utilizzo del STS come esercizio specifico per migliorare la performance. 16

23 BIBLIOGRAFIA 1. Janssen WGM, Bussmann HBJ, Henk JS. Determinants of the sit-to-stand movement: a review. Phys Ther 2002; 82: Campbell AJ, Borrie MJ. Risk factor for falls in a community-based prospective study of people 70 years and over. J Gereontol Med Sci 1989; 44: Katz S., Stroud MW. Functional assessment in geriatrics. A review of progress and directions. J Am Geriatr Soc.1989 Mar;37(3): Berg K, Wood-Dauphinee S, Williams JI, Maki, B: Measuring balance in the elderly: Validation of an instrument. Can. J. Pub. Health, July/August supplement 2:S7-11, Tinetti ME.Performance-Oriented Assesment of Mobility Problems in Elderly Patients.JAGS 1986;34: Vander Linden Variant and invariant characteristic of the STS task in healty elderly adults. Arch Phys Med Rehabil. 75, Roebroeck M.E. Biomechanics and muscular activity during STS transfer. Clin Biomech 1994; 9: Munton et all. An investigation intro the problems of easy chairs used by the arthritic and the elderly. Rheumatol. Rehabil. 1981; 20: Chamberlain MA, Munton J. Designing chairs for the disabled arthritic. Br J Reumatol 1984; 23: Lundin TM, Grabiner MD, Jahnigen DW. On the assumption of bilateral lower extremity joint moment simmetry during the sit-to-stand task. J Biomech 1995; 28:1, Corrigan D, Bohannon RW. Relationship between knee extension force and stand up performance in community-dwelling elderly women. Arch Phys Med Rehabil 2001; 82: Naumann et all. Biomechanics of standing up from a chair. Human locomotion 1982; II 13. Schenkman ML, Berger RA, Riley PO et all. Whole-body movements during rising to standing from sitting. Phys Ther 1990; 70: ; discussion Millington PJ, Myklebust BM, Shambes GM. Bio mechanical analysis of the Sit-To- Stand motion in elderly person. Arch Phys Med Rehabil 1992; vol 73: Ikeda ER, Schenkman ML. Influence of age on dinamic rising from a chair. Phys Ther 1991; 71 (6): Alexander NB, Schultz AB. Rising from a chair: effects of age and functional ability on performance biomechanics. J Gereontol Med Sci 1991; 46 (3): M

24 17. Papa E, Cappozzo A. Sit-to-stand motor strategies investigated in able bodied young and elderly subjects. J Biomech 2000; 33: Mourey F, Grishin A. Standing up from a chair as a dynamic equilibrium task: a comparision between young an elderly subjects. J Gereontol Biol Sci 2000; 55a 19. Edlich RF, Heather CL, Galumbeck MH. Revolutionary advances in adaptive seating systems for the elderly and persons with disabilities that assist sit-to-stand transfers. J Long Term Eff Med Implants. 2003;13(1):31-9.(9): B425-B Pai Y-C, Rogers MW. Speed variation and resultant joint torques during sit-tostand. Arch Phys Med Rehabil 1991; 72: Weiner DK, Long R. When older adults face the chair-rise challenge. J Am Jeriatric Soc 1993; 41: Anderson GBJ, Ortengren R. Disc pressure measurements when rising and sitting down on a chair. Engng Med 1982; 11: Gross MM, Stevenson PJ. Effect of muscle strenght and movement speed on the biomechanics of rising from a chair in healty elderly and young women. Gait and posture. 1998; 8: Huges MA, Myers BS. The role of strenght in rising from a chair in the functionally impaired elderly- J Biomech 1996; 29 (12): Scarborough DM, Krebs DE. Quadriceps muscle strength and dynamic stability in elderly persons. Gait Post 1999; 10: Yamada T, Demura S. Relationships between ground reaction force parameters during a sit-to-stand movement and physical activity and falling risk of the elderly and a comparison of the movement characteristics between the young and the elderly.arch Gerontol Geriatr. 2009;48: Dehail P, Bestaven E, Muller F, et al. Kinematic and electromyographic analysis of rising from a chair during a Sit-to-Walk task in elderly subjects: role of strength. Clin Biomech (Bristol, Avon) 2007;22: Burdett RG, Habasevich R, Pisciotta J, Simon SR. Biomechanical comparison of rising from two types of chairs. Phys Ther. 1985;65: Tiedemann A, Shimada H, Sherrington C, et al. The comparative ability of eight functional mobility tests for predicting falls in community-dwelling older people. Age Ageing. 2008;37: Etnyre B, Thomas DQ. Event standardization of sit-to-stand movements. PhysTher. 2007;87: ; discussion Yamada T, Demura S. The relationship of force output characteristics during a sit-tostand movement with lower limb muscle mass and knee joint extension in the elderly. Arch Gerontol Geriatr May-Jun;50(3):

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO Traduzione Angela Corbella Si riportano i principali strumenti descritti nelle Linee Guida NICE 1 (National Institute for Clinical Excellence)

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA Ft GABRIELLA PISU Dipartimento Recupero e Riabilitazione Funzionale A.S.O. CTO-M.Adelaide Direttore: Dott.ssa M.V. Actis 2 Corso

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

Misura vs. Valutazione. Valutazione quantitativa dell attività motoria. Misura

Misura vs. Valutazione. Valutazione quantitativa dell attività motoria. Misura Corso di Laurea specialistica in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate Valutazione quantitativa dell attività motoria A. Buizza A.A. 2009/10 Misura vs. Valutazione Misura = descrizione

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

Test di prestazione fisica nell anziano

Test di prestazione fisica nell anziano Lezioni 9 & 10 Test di prestazione fisica nell anziano La valutazione funzionale dell efficienza fisica dell anziano può essere attuata mediante scale di autovalutazione quindi attraverso l uso di un questionario,

Dettagli

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Corso di Formazione ATTIVITÀ MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI Milano, 5 Ottobre 2013 L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Filippini Federico Dottore Magistrale

Dettagli

PROGETTO ANZIANI FRAGILI

PROGETTO ANZIANI FRAGILI CENTRO BERNSTEIN VERONA PROGETTO ANZIANI FRAGILI responsabile del progetto: MENEGHINI DARIO COS E L INVECCHIAMENTO? COSA COMPORTA? Invecchiamento: difficoltà nel rispondere adeguatamente agli stimoli di

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

LA CADUTA DELL ANZIANO

LA CADUTA DELL ANZIANO LA CADUTA DELL ANZIANO A cura di: Dott. ssa E. Sartarelli Dott. S. Cittadini Possiamo definire EQUILIBRIO con le parole del Prof. Giorgio Guidetti come il rapporto ottimale tra un soggetto e l ambiente

Dettagli

Presentata da: Fabio Gagliardi

Presentata da: Fabio Gagliardi Anno Accademico 25/6 Tesi di Laurea LA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DEL TRAINING DI RINFORZO MUSCOLARE NEI PAZIENTI CON ESITI DI STROKE: REVISIONE DELLA LETTERATURA Presentata da: Fabio Gagliardi Relatore:

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN (quadrante inferiore) DATA : 5-6 ottobre, 30 novembre e 1 dicembre LUOGO

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Cifosi, mobilità, equilibrio e disabilità

Cifosi, mobilità, equilibrio e disabilità Cifosi, mobilità, equilibrio e disabilità Is kyphosis related to mobility, balance, and disability? Eum R, Leveille SG, Kiely DK, Kiel DP, Samelson EJ, Bean JF Am J Phys Med Rehabil. 2013 Nov;92(11):980-9.

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

FORZE. Punto d applicazione Intensità Direzione e verso

FORZE. Punto d applicazione Intensità Direzione e verso Pedana di forza FORZE La forza è data da qualsiasi causa capace di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Una forza è l azione di un corpo su di un altro. Per descrivere una forza applicata,

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione

Dettagli

L adattamento dell allenamento isoinerziale

L adattamento dell allenamento isoinerziale FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE E DELLO SPORT Milano sabato 19 ottobre 2013 Principi e adattamenti dell allenamento della forza: dalle molecole

Dettagli

La valutazione del rischio di caduta e la prevenzione

La valutazione del rischio di caduta e la prevenzione Corso di aggiornamento per medici, infermieri e fisioterapisti Acuzie e cronicità in Casa di Riposo La valutazione del rischio di caduta e la prevenzione Ft Barbara Bazoli Casa di Riposo S.Francesca Cabrini

Dettagli

STABILITÀ POSTURALE, FORZA & EQUILIBRIO

STABILITÀ POSTURALE, FORZA & EQUILIBRIO STABILITÀ POSTURALE, FORZA & EQUILIBRIO Programma Iniziale di Esercizio Testo di Sheena Gawler Research Associate, Research Department of Primary Care and Population Health, University College London Medical

Dettagli

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche Pagina 1 / 2 andare alla pagina: 1 6 Posizione del M/L Posizione del A/P Peso corporeo Determinare il peso corporeo. Prendere già in considerazione eventuali variazioni prevedibili (ad es. oscillazioni

Dettagli

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI Queste brevi note vogliono stimolare una riflessione sui percorsi di allenamento da proporre ai nostri giovani

Dettagli

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia STRATEGIA STABILOMETRIA, TEST ISOCINETICO, BIOMECCANICA

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE Relatore: dott.. Massimo Viganò Indice della lezione Introduzione Aspetti fisiologici Modello prestazione forza nel volley Tecniche esecutive Progettazione

Dettagli

Quale attività motoria per gli anziani? Massimo Lanza Facoltà di Scienze Motorie Università di Verona

Quale attività motoria per gli anziani? Massimo Lanza Facoltà di Scienze Motorie Università di Verona Quale attività motoria per gli anziani? Massimo Lanza Facoltà di Scienze Motorie Università di Verona 1 Le fonti A.C.S.M (American College of Sport Medicine); "Exercise and Physical Activity for Older

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Laureata in Scienze della Riabilitazione, Specializzata in Rieducazione Vestibolare e rieducazione posturale secondo Mezieres

Laureata in Scienze della Riabilitazione, Specializzata in Rieducazione Vestibolare e rieducazione posturale secondo Mezieres A cura di Rossana Tatangelo dott.ssa in Fisioterapia Laureata in Scienze della Riabilitazione, Specializzata in Rieducazione Vestibolare e rieducazione posturale secondo Mezieres Controllo antigravitario

Dettagli

Chi sono i nostri utenti

Chi sono i nostri utenti Chi sono i nostri utenti anziani con età > 65/70 anni Con polipatologie Con cadute ripetute in anamnesi Già con storia di fr. di femore Con accidenti del sistema cardiovascolare Con esiti di ictus cerebri

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

Screening della fragilità nell anziano mediante questionario postale: lo studio INTER-FRAIL

Screening della fragilità nell anziano mediante questionario postale: lo studio INTER-FRAIL Screening della fragilità nell anziano mediante questionario postale: lo studio INTER-FRAIL Francesco Profili Osservatorio di Epidemiologia francesco.profili@ars.toscana.it Agenzia regionale di sanità

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI VALUTAZIONE DEL DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI In fase di sopralluogo vengono utilizzate check-list, riprese cinematografiche, interviste ai lavoratori e colloqui con i responsabili per la

Dettagli

Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). 57 Congresso Nazionale SIGG Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Milano, 21-24 Novembre 2012 Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da

Dettagli

ESERCIZIO TERAPEUTICO E TERAPIA MANUALE PER L OSTEOARTROSI DELL ANCA REVISIONE DELLA LETTERATURA

ESERCIZIO TERAPEUTICO E TERAPIA MANUALE PER L OSTEOARTROSI DELL ANCA REVISIONE DELLA LETTERATURA ESERCIZIO TERAPEUTICO E TERAPIA MANUALE PER L OSTEOARTROSI DELL ANCA REVISIONE DELLA LETTERATURA Parazza Sergio FT, Fisioterapista Romeo Antonio FT, Master in T.M. e Riabilitazione Muscoloscheletrica UNIPD

Dettagli

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta Zanetti E*., Zani M*., Negri E.^, Trabucchi M.* *Gruppo

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO L allenamento funzionale nel basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO PROGRAMMMA COSTRUZIONE FISICA 1. Conoscere le sollecitazioni specifiche della disciplina praticata 2. Conoscere i modelli biomeccanici

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO CONVEGNO INTERNAZIONALE MALCESINE 2010 LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO D. M. Fisioterapista LINO FIA Il trattamento è rivolto a pazienti: in fase di stabilizzazione

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A Daniele Roccetti L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A - equilibrio statico e dinamico - sensori cervicali - labirinto - cervelletto - occhi - plesso solare - cervicale - circolazione - problemi articolari

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

Infortuni domestici. Fattori di rischio legati alla persona

Infortuni domestici. Fattori di rischio legati alla persona Infortuni domestici Fattori di rischio legati alla persona Dott.ssa Sabrina Pellicini Dott.ssa A. Zadini Struttura complessa Medicina Riabilitativa Ospedale Maggiore Trieste SPECIFICO MOTORIO- FUNZIONALE

Dettagli

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Una corretta attività fisica svolge un azione molto favorevole sull apparato cardiovascolare, riduce tutti i principali

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna)

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) NON SOLO PALESTRA... VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) L attività vuole rendere consapevoli i ragazzi che l attività motoria può essere svolta anche

Dettagli

UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi

UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi OSTEOPOROSI PATOLOGIA SISTEMICA E PROGRESSIVA DELLO SCHELETRO CON DIMINUZIONE DELLA MASSA OSSEA,

Dettagli

Movimento e fisioterapia

Movimento e fisioterapia Movimento e fisioterapia Spesso il primo sintomo della Malattia di Pompe è la debolezza dei muscoli utilizzati per camminare. È possibile che i bambini nel primo anno di età appaiano ipotonici o non siano

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN Aspetti biomedici e metodologici delle attività fisiche preventive e adattate Coordinator: Prof.ssa Laura Guidetti XXIII CICLO TESI DI

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Mobilità articolare La capacità di eseguire

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Guida al paziente con frattura di femore trattato con UNITA' OPERATIVA SERVIZI DI ASSISTENZA RIABILITATIVA AI SOGGETTI DISABILI DISTRETTO GHILARZA - BOSA Responsabile Dr.ssa Luisella Congiu 0785/562535 Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI dott. Alessandro Ganzini Principi generali dell allenamento Specificità Es. Gli schemi di movimento devono essere simili allo sport

Dettagli

Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare

Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare Analisi biomeccanica del gioco delle bocce: uno studio preliminare Daniela Longo(1), Ario Federici(1) e Emanuele Lattanzi(2) (1) Facoltà di Scienze Motorie Università di Urbino (2) Istituto di Scienze

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

LA TEORIA NEUROCOGNITIVA L esercizio terapeutico conoscitivo

LA TEORIA NEUROCOGNITIVA L esercizio terapeutico conoscitivo LA TEORIA NEUROCOGNITIVA L esercizio terapeutico conoscitivo Partendo dall esercizio si descrive come si è arrivati alla teoria neuro cognitiva e sulla base di essa si analizzano gli elementi che costituiscono

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO.

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. FASE PREOPERATORIA conoscenza del lavoro conoscenza dell'ambiente adattamento strutturale alle nuove

Dettagli

3D Motion Gait Analys

3D Motion Gait Analys 3D Motion Gait Analys La Gait Analysis (Gait=passo) è una tecnica che permette tramite analisi computerizzata di monitorare i movimenti del corpo umano con particolare attenzione alle fasi durante il cammino.

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY Poggibonsi 03-01-2009 Prof. Sandro Bencardino . Ogni miglioramento tecnico tattico è possibile solo grazie ad un allenamento fisico!!! L allenamento è un processo pedagogico

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA CLASSIFICAZIONE DELLA FORZA Harre 1972 (mod. 1994) MASSIMALE massima tensione che il sistema neuromuscolare è in grado di esprimere con una contrazione mm isometrica RAPIDA (VELOCE) capacità del sistema

Dettagli

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale A cura di: Laboratorio Larin Casa di Cura Domus Salutis - Brescia ESERCIZI DA SUPINO 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. ESERCIZI IN POSIZIONE PRONA 1. 2. 3. ESERCIZI

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione post

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca Dipartimento Neuro Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca A cura di: Dott.ssa Procicchiani Donatella

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate Vedi l'articolo completo sui consigli per la protesi d'anca su www.chirurgiarticolare.it Link diretto cliccando qui... APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto

Dettagli

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV )

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) LA BIOMECCANICA DELLA CORSA E DELLA MARCIA Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) Analizzare l azione del trailrunner non è cosa semplice. Fondamentalmente perché non

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

Come fare attività fisica nella vita quotidiana

Come fare attività fisica nella vita quotidiana Come fare attività fisica nella vita quotidiana 1 OMS - Regional Office for Europe Cammino e bicicletta http://www.euro.who.int/eprise/main/who/progs/trt /modes/20021009_1 In Europa la maggior parte degli

Dettagli

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento INFERMIERISTICA CLINICA IN AREE SPECIALISTICHE - INTEGRATIVO INFERMIERISTICA IN AREA GERIATRICA A. A. 2009/2010 Dott. ssa Margherita Andrigo Portogruaro APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

Dettagli

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA Il benessere della colonna vertebrale dipende strettamente dalla tonicità dei muscoli della schiena. Se i muscoli sono forti ed elastici grazie allo svolgimento regolare dell attività fisica, la colonna

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI

CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI Il TESYS 1000 è l unità centrale alla quale è possibile collegare le varie periferiche a seconda del tipo di valutazione che si vuole eseguire. Il TESYS 1000 a sua volta viene collegato al computer grazie

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE

Dettagli

LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA)

LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA) LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA) Hiroshi Toyoda, presidente della Commissione allenatori della FIVB 1. Prima dell allenamento Prima di iniziare l allenamento di pallavolisti

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

La carrozzina elettrica

La carrozzina elettrica e poi ci sono le carrozzine elettroniche (sempre più diffuse): La carrozzina elettrica Antonio Spagnolin Per chi vuole muoversi da solo e non dispone di altre modalità Ma non soltanto! Anche per chi: Vuole

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente

SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente Dott.ssa Oriana Fusco Centro Malattie dell Invecchiamento Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico

Dettagli

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni Percorso riabilitativo per pazienti operati di protesi di ginocchio

Dettagli

L'ARTROPROTESI D'ANCA

L'ARTROPROTESI D'ANCA L'ARTROPROTESI D'ANCA ISTRUZIONI PER IL PAZIENTE Dott. Alessandro Masini Casa di Cura Paideia Via Vincenzo Tiberio 46 00191 Roma Tel.: 06330941 06330945100 DOPO L'INTERVENTO Nelle ore che seguono all intervento

Dettagli

Otago di Esercizi per Forza ed Equilibrio

Otago di Esercizi per Forza ed Equilibrio Inizio Programma delle Esercitazioni Otago di Esercizi per Forza ed Equilibrio Testo di Sheena Gawler Research Associate, Research Department of Primary Care and Population Health, University College London

Dettagli

ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI

ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI Premessa L elaborazione di un programma di allenamento deve tener conto dei concetti basilari della metologia. Lo scopo di quanto andremo ad esporre è principalmente

Dettagli

Diagnosi di iperlassità legamentosa: revisione delle metodiche

Diagnosi di iperlassità legamentosa: revisione delle metodiche Diagnosi di iperlassità legamentosa: revisione delle metodiche Assessment of joint laxity in children and adolescents: a review of methods. Czaprowski D, Kotwicki T, Stolinski L Ortop Traumatol Rehabil.

Dettagli