I PERICOLI PRESENTI NELLA SCUOLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I PERICOLI PRESENTI NELLA SCUOLA"

Transcript

1 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Ufficio XV Ambito territoriale per le provincie di Palermo 2 I PERICOLI PRESENTI NELLA SCUOLA

2 LA SCUOLA QUESTO LUOGO APPARENTEMENTE TRANQUILLO NON E ESENTE DA PERICOLI. DOMANDIAMOCI PERCHE SI VERIFICANO Fattori da analizzare INCIDENTI A SCUOLA. ERRATA CONCEZIONE DEL CONTENITORE SCUOLA EDIFICI PRIVI DELLA MANUTENZIONE ORDINARIA PRESENZA CONTEMPORANEA DI MOLTE PERSONE,PER CUI OGNI EVENTO ANCHE IL PIU PICCOLO PUO DIVENTARE MOLTO PERICOLOSO

3

4 ANALIZZIAMO INSIEME GLI INCIDENTI CHE SI POSSONO VERIFICARE IN UN EDIFICIO SCOLASTICO ELEMENTI CHE COSTITUISCONO IL RICHIO MAGGIORE ALL INTERNO DI UNA SCUOLA : FINESTRE -PORTE TERMOSIFONI PRESE ELETTRICHE CONTROSOFFITTI -PLAFONIERE SERVIZI IGIENICI SCALE MICROCLIMA ARREDI MOBILI-BANCHI SEDIE GIOCHI IRRESPONSABILI ZAINETTI E MATERIALE SCOLASTICO

5 Le ante delle finestre in particolare causano un infinità di ferite per urti e tagli. La maggior parte degli infissi delle nostre scuole non sono regolamentari : 1)non possiedono telai con bordi arrotondati e non hanno i dispositivi di bloccaggio che permetterebbero il ricambio dell aria senza movimento delle stesse; 2)i vetri non sono adeguati alla vigente normativa pertanto se vengono sollecitati da urti o colpiti con oggetti,si frantumerebbero in molteplici pezzi tutti potenzialmente pericolosi; soluzione: Angolari in polietilene espanso in classe 1 di reazione al fuoco. semplici da applicare Allontanare i banchi dalle finestre calcolando il raggio d apertura delle stesse

6 Soluzione: Molti incidenti si verificano in presenza di radiatori non protetti, con elementi radianti divelti dalla struttura stessa,taglienti e in avanzato stato di ossidazione protezione di sicurezza per caloriferi

7 PRESE ELETTRICHE SOLUZIONI AVVISARE IL R.S.P. P. INTERDIRE L AREA CON OGNI MEZZO A DISPOSIZIONE.

8 CONTROSOFFITTI-PLAFONIERE SOLUZIONI AVVISARE IL R.S.P. P. INTERDIRE L AREA CON OGNI MEZZO A DISPOSIZIONE.

9 PAVIMENTI-AULA PAVIMENTI SCONNESSI SCIVOLOSI E SPORCHI- SOLUZIONE : INTERDIRE L AREA E CHIAMARE IL R.S.P.P.

10 SERVIZI IGIENICI

11 SCALE E CORRIDOI Nei corridoi della scuola i ragazzi sono spesso portati a correre e a giocare per trovare un momento di divertimento comune tra le varie ore di lezione. Ma i corridoi non sono stati pensati per questo utilizzo e presentano diversi fattori di rischio che provocano urti e ferimenti (termosifoni, maniglie, porte, finestre, pilastri) in quantità molto elevate per non parlare dei pavimenti e scale che sono i maggiori responsabili di cadute e ruzzoloni.

12 MICROCLIMA Il confort microclimatico è fondamentale in tutti gli ambienti di lavoro. Per ottenere situazioni di benessere microclimatico occorre garantire condizioni accettabili sia dal punto di vista delle grandezze termoigro-anemometriche che caratterizzano il microclima, sia del livello di illuminazione, sia della qualità dell'aria. Il microclima é l insieme dei fattori ambientali (temperatura, umidità, velocità dell aria) che regolano le condizioni climatiche di un ambiente chiuso o semi-chiuso, come un Ambiente di lavoro. L'organismo umano deve mantenere sempre una temperatura costante di circa 37 gradi centigradi: variazioni della temperatura di pochi gradi possono causare disturbi e patologie anche gravi. Per valutare i parametri microclimatici si considerano sia i fattori ambientali, sia la sensazione soggettiva (in combinazione), e in questa analisi i parametri più utilizzati sono gli indici di Fanger: -PMV(predicted mean vote): voto medio previsto per la sensazione di benessere termico - PPD (predicted percentage of disatisfied): percentuale prevista delle persone insoddisfatte in un determinato ambiente Un ambiente viene definito "accettabile" per valori di PMV comepresi tra "- 0,5" e "+ 0,5" e PPD minore del 10% SPESSO IL FORZATO RAPPORTO MQ\ALUNNI IN UN AULA,LE SUPERFICIE FINESTRATE NON PROTETTE DA ADEGUATI TENDAGGI, INFLUISCONO SULL ANDAMENTO DEGLI ALUNNI

13 ARREDI MOBILI SEDIE BANCHI

14 ZAINETTI - MATERIALE SCOLASTICO

15 Giochi irresponsabili Arrampicarsi sul davanzale Sporgersi eccessivamente Dondolarsi sulla sedia Spingersi in corridoio Questi tipi di giochi portano a degli esiti spesso letali e le precauzioni per evitarle dipendono proprio dal vostro comportamento SE SI DOVESSE PROGETTARE UNA SCUOLA IN BASE A TUTTE LE AZIONI A RISCHIO CHE I RAGAZZI SONO IN GRADO DI COMPIERE QUESTA RASSOMIGLIEREBBE CERTO AD UN BUNKER O AD UN CARCERE. SAREBBE SICURA MA INVIVIBILE

16 ANALIZZIAMO INSIEME GLI INCIDENTI CHE SI POSSONO VERIFICARE ALL APERTO Molte scuole hanno la fortuna di avere a disposizione degli studenti giardini o piccoli spazi di gioco che vengono utilizzati per la ricreazione e i momenti di vita comune delle classi. E frequente che in questi spazi si verifichino cadute in zone asfaltate, sbucciature sulla ghiaia, per non parlare dei pericoli ben più gravi che possono nascondere i cancelli o le vecchie ringhierein ferro specie se se si decide di arrampicarvisi. Se ci sono dei giochi vanno controllati, assicurandosi che siano ben ancorati al terreno in modo che, sotto la vostra spinta non si ribaltino.

17 ANALIZZIAMO INSIEME GLI INCIDENTI CHE SI POSSONO VERIFICARE IN PALESTRA ORA CRITICA 9-10 subito seguita dalla fascia oraria GIORNO PIÚ RISCHIOSO Lunedì ( in linea con gli altri ambienti di lavoro). SOGGETTI A RISCHIO Ragazzi di anni 14 seguiti da quelli di 18. ATTIVITÁ PIÚ RISCHIOSE Gioco di gruppo seguita dall utilizzo della palla. ULTERIORE FATTORE DI RISCHIO Compresenza di più classi nella stessa palestra. LESIONI PIÚ FREQUENTI Distorsioni/lussazioni/contusioni a carico di piede-caviglia e mani-polsi. Non irrilevante è altresì il numero delle fratture-infrazioni a carico di manipolsi.

18 L Inail ha comunicato alcuni dati relativi agli infortuni dichiarati nel 2009 per le scuole pubbliche e private: infortuni per gli insegnanti e infortuni per gli studenti. Quali le regioni più colpite in termini assoluti? La Lombardia (1.692 tra gli insegnanti e tra gli studenti), seguita da Emilia Romagna ( ), Puglia ( ) e Veneto ( ). Riguardo alla natura delle lesioni per entrambe le categorie predominano le lussazioni ( ) e le contusioni ( ), ma se la parte del corpo più colpita nel corpo insegnante sono gli arti inferiori, nel caso degli studenti sono invece gli arti superiori.

19 RAVVISATA LA RESPONSABILITA' DEI DIRIGENTI SCOLASTICI PER UN INFORTUNIO OCCORSO AD UN ALUNNO DI SCUOLA ELEMENTARE ECONNESSO A VIOLAZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI. Cassazione Penale, Sez. IV Sentenza n del 31 marzo 2006 (ud. 10novembre 2005) Pres. D Urso Rel. Foti P.M. (Concl. Conf.) Salzano imp. Sartori e altri Commento Le norme di prevenzione degli infortuni sono istituite a tutela dei lavoratori dipendenti o ad esso equiparati ma la violazione alle stesse costituisce colpa nel caso in cui per inottemperanza alle stesse si verifichi un infortunio anche a persone estranee ma che comunque vengano a trovarsi legittimamente nell ambiente di lavoro. Questa èla massima che discende da questa sentenza ma che costituisce anche una posizione ormai consolidata della Corte di Cassazione espressa già in precedenti altre sentenze.

20 Come detto in premessa, l esperienza dimostra che per un istituto scolastico, come per altri ambienti con affollamento di persone il rischio maggiore è quello derivante dal panico durante l esodo forzato, e non causato da situazioni di pericolo imprevedibili.

Prot. n 5595 /A32-A35 Scanzorosciate, 23 settembre 2015 Circolare interna n 25

Prot. n 5595 /A32-A35 Scanzorosciate, 23 settembre 2015 Circolare interna n 25 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Scanzorosciate Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado Scanzorosciate - Pedrengo Via degli Orti, n. 37-24020 Scanzorosciate

Dettagli

Sentenza sull infortunio di un alunno di scuola elementare in una struttura scolastica

Sentenza sull infortunio di un alunno di scuola elementare in una struttura scolastica PORRECA Gerardo - Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro Sentenza sull infortunio di un alunno di scuola elementare in una struttura scolastica RAVVISATA LA RESPONSABILITA' DEI DIRIGENTI SCOLASTICI PER UN

Dettagli

Documento sulla sicurezza

Documento sulla sicurezza Sede direzione: Via Rosso di S. Secondo, 1-90135 Palermo Direzione 091/403197 Segreteria 091/409294 091/401406 C.F. 80013720828 C.M. PAEE017009 www.deamicispa.govi.it e-mail paee017009@istruzione.it -

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 2 ROSETO

ISTITUTO COMPRENSIVO 2 ROSETO ISTITUTO COMPRENSIVO 2 ROSETO P. CELOMMI Via Manzoni 258 Roseto degli Abruzzi Questa guida ti offre gli elementi per conoscere meglio i rischi che ti circondano ed affrontarli, migliorando così il livello

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 2 ROSETO

ISTITUTO COMPRENSIVO 2 ROSETO ISTITUTO COMPRENSIVO 2 ROSETO P. CELOMMI Via Manzoni 258 Roseto degli Abruzzi Questa guida ti offre gli elementi per conoscere meglio i rischi che ti circondano ed affrontarli, migliorando così il livello

Dettagli

Il microclima. Definizione normativa Richiami tecnico- normativi Cenni di tecniche valutative Le linee guida nazionali ed internazionali

Il microclima. Definizione normativa Richiami tecnico- normativi Cenni di tecniche valutative Le linee guida nazionali ed internazionali Il microclima Definizione normativa Richiami tecnico- normativi Cenni di tecniche valutative Le linee guida nazionali ed internazionali Il microclima: ambito e definizione La prima cosa da dire è che non

Dettagli

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO SOMMARIO DATI DI PROGETTO... 3 VERIFICA POTENZA EDIFICIO ESISTENTE... 9 CARICHI TERMICI INVERNALI MANICA LUNGA... 12 CARICHI TERMICI ESTIVI MANICA LUNGA... 32 Pagina 2 DATI DI PROGETTO INTRODUZIONE La

Dettagli

Il microclima come agente fisico

Il microclima come agente fisico Il microclima come agente fisico Definizione di microclima Nel D. Lgs. 81/08 il microclima è elencato tra gli agenti fisici per i quali è richiesta la valutazione del rischio, assieme a: rumore, vibrazioni,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO GUIDO MONACO DI POMPOSA

CORSO DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO GUIDO MONACO DI POMPOSA CORSO DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO GUIDO MONACO DI POMPOSA I SOGGETTI DELLA SICUREZZA RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ADDETTI ALL'ANTINCENDIO E ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

della SICUREZZA NELLA SCUOLA

della SICUREZZA NELLA SCUOLA Informazione ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, D.M. 382/98, D.M. 363/98 e Circolare Ministero Pubblica Istruzione n. 119 del 29/4/1999 A B C della SICUREZZA NELLA SCUOLA Manuale ad uso dei docenti,

Dettagli

Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro. il Rischio Microclima

Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro. il Rischio Microclima Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro Spegnere il Telefonino!! il Rischio Microclima ai sensi dell art.37 del D.Lgs. 81/08 Accordo Stato Regioni del 21.12.2011 e 22.02.2012 Ente Ligure di

Dettagli

LA MISURAZIONE E IL CONTROLLO DEL MICROCLIMA

LA MISURAZIONE E IL CONTROLLO DEL MICROCLIMA LA MISURAZIONE E IL CONTROLLO DEL MICROCLIMA Premessa Per caratterizzare un ambiente da un punto di vista microclimatico è necessario definire i parametri oggettivi, che lo descrivono mediante alcune grandezze

Dettagli

Dal Decreto legislativo 81/08 e s.m. e i. Lavoratori

Dal Decreto legislativo 81/08 e s.m. e i. Lavoratori Dal Decreto legislativo 81/08 e s.m. e i. Principali obblighi: Lavoratori segnalare immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dispositivi, nonché le altre

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA FINALITA DEL PROGETTO Creare e mantenere opportune condizioni di sicurezza all interno

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I. I. S. A. GENTILESCHI Di CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

Corso di Formazione studenti 2013/2014. A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano

Corso di Formazione studenti 2013/2014. A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano Chi deve conoscere la sicurezza? Perché è importante essere informati? Personale Docente Personale A.T.A. Alunni Famiglie degli alunni Personale esterno Per non

Dettagli

Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI

Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI 5.1. Ambienti didattici 5.2. Aree per attività fisiche 5.3. Laboratori 5.4. Uffici Capitolo 5 - Rev. 02 26/09/2014 - pag. 1 di 5 5.1. AMBIENTI DIDATTICI

Dettagli

AMBIENTI INDOOR E COMFORT TERMOIGROMETRICO

AMBIENTI INDOOR E COMFORT TERMOIGROMETRICO AMBIENTI INDOOR E COMFORT TERMOIGROMETRICO Edificio e salute degli abitanti La maggior parte delle persone trascorre il 90% del tempo in luoghi confinati Scuola, casa, lavoro, luoghi ricreativi, mezzi

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico Dipartimento di Altezza dei locali REQUISITI L altezza del locale,

Dettagli

LEZIONI CON GLI ESPERTI

LEZIONI CON GLI ESPERTI IL SOLE A SCUOLA PREMESSA In riferimento al Programma per la promozione dell energia solare del Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare-misura 2- Il sole a scuola l Istituto Comprensivo

Dettagli

B1.2. Requisiti strutturali e di sicurezza degli ambienti scolastici. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03.

B1.2. Requisiti strutturali e di sicurezza degli ambienti scolastici. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Requisiti strutturali e di sicurezza degli ambienti scolastici MODULO B Unità didattica B1.2 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX

Dettagli

I sistemi radianti. Ing. Michele Vio

I sistemi radianti. Ing. Michele Vio I sistemi radianti Ing. Michele Vio 1 Interventi sull'involucro Un esempio: Frankfurt Germania (clima freddo) Riqualificazione con tecniche Passive House 87% 2 Interventi sull'involucro Vista così, si

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 Scuola di cittadinanza attiva SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 settembre 2002 1 PREMESSA Poiché il tema della sicurezza

Dettagli

PREMESSO CHE: Le misure organizzative di seguito riportate riguardano la vigilanza degli alunni:

PREMESSO CHE: Le misure organizzative di seguito riportate riguardano la vigilanza degli alunni: Prot. n Circ. n. Salò, 20 settembre 2014 Al D.S.G.A. Al personale docente e ATA Agli studenti e genitori All Albo e sito WEB Oggetto: Informativa sulla vigilanza sugli alunni. PREMESSO CHE: 1. la Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENRICO FERMI MONTODINE (CR) Via Dante Alighieri, 9 26010 Montodine

ISTITUTO COMPRENSIVO ENRICO FERMI MONTODINE (CR) Via Dante Alighieri, 9 26010 Montodine ISTITUTO COMPRENSIVO ENRICO FERMI MONTODINE (CR) Via Dante Alighieri, 9 26010 Montodine I.C. "E. FERMI" Via Dante Alighieri, 9-26010 MONTODINE (CR) tel. 0373 242433 fax 0373 668217 - e mail: montodine_scuola@libero.it

Dettagli

Servizio Prevenzione e Protezione. v.innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191

Servizio Prevenzione e Protezione. v.innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 1-SCOPO: Scopo della presente Procedura Operativa è la prevenzione di rischi per la salute derivanti dalle condizioni del microclima nell ambiente di lavoro. 2-RIFERIMENTI: D. Lgs. 81/2008 (Testo Unico

Dettagli

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Vittorio Alfieri C.so Alfieri, n. 367 Asti C.F. 92040320050 Codice Ministero ATIS003007 con sezioni associate LICEO CLASSICO V.ALFIERI - C.so Alfieri, 367 14100 Asti Tel.

Dettagli

Il pericolo corre tra i banchi: aule degradate e sovraffollate, edifici senza certificazioni e manutenzione.

Il pericolo corre tra i banchi: aule degradate e sovraffollate, edifici senza certificazioni e manutenzione. Il pericolo corre tra i banchi: aule degradate e sovraffollate, edifici senza certificazioni e manutenzione. Presentato il IX Rapporto di Cittadinanzattiva su Sicurezza, qualità e comfort degli edifici

Dettagli

LISTA AUTOCONTROLLO APERTURA EDIFICIO

LISTA AUTOCONTROLLO APERTURA EDIFICIO LISTA AUTOCONTROLLO APERTURA EDIFICIO APERTURA CANCELLO APERTURA EDIFICIO ISPEZIONE EDIFICIO FINE ATTIVITA SCOLASTICA ACCENSIONE LUCI REGISTRAZIONE ENTRATA DIPENDENTE DIVISA CARTELLINO CHIUSURA PORTE/FINESTRE

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione.

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. Addetti Pulizie : Procedure per gli Operatori Esterni / DUVRI. Il sottoscritto, Arch. Filippo Fasulo, in qualità

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER UFFICI E STUDI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Stanza Unità organizzativa Ufficio.

LISTA DI CONTROLLO PER UFFICI E STUDI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Stanza Unità organizzativa Ufficio. LISTA DI CONTROLLO PER UFFICI E STUDI Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Stanza Unità organizzativa Ufficio Dipartimento di Responsabile/i REQUISITI Altezza, cubatura, superficie

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE FORMATORI EX ART. 37 D.LGS. 81/08

CORSO DI FORMAZIONE FORMATORI EX ART. 37 D.LGS. 81/08 CORSO DI FORMAZIONE FORMATORI EX ART. 37 D.LGS. 81/08 Seminario 3 Formazione specifica IL DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA SICUREZZA NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DEL PIEMONTE Modulo 3 FORMAZIONE SPECIFICA Rischio

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA Allegato 02 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) REGOLAMENTO IN MERITO AD OPERAZIONI DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI

liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) REGOLAMENTO IN MERITO AD OPERAZIONI DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) Prot. 1165/C5 Cles, 20/02/2012 Al personale Ata Collaboratori scolastici Al Fas Al RLS Pubblicato sito www.liceorussell.eu/ Area riservata docenti/sicurezza

Dettagli

Dove. La sicurezza degli ambienti

Dove. La sicurezza degli ambienti ing. Domenico Mannelli Dove La sicurezza degli ambienti PERICOLO= La potenzialità che una macchina o un impianto o, ancora, un processo possano causare danni. (Es. Scala priva di strisce antiscivolo )

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Università degli Studi di Catania Area della Prevenzione e della Sicurezza - Servizio Prevenzione e Protezione dai Rischi () - Dott. Giuseppe Caccia ASPP Università degli Studi di Catania LA SICUREZZA

Dettagli

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali C O M U N E di AMALFI U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À R E L A Z I O N E T E C N I C A P E R I L S E R V I Z I O D I P U

Dettagli

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A. A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Dettagli

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto Comprensivo Statale E. Fermi Via E. Fermi 400 21044 Cavaria con Premezzo (Va) Tel: 0331/212640-216284 Fax: 0331/217400 Sedi : scuole dell infanzia, primarie e secondarie 1 grado di Albizzate e

Dettagli

PRIME MISURE NECESSARIE A RIDURRE O AD ELIMINARE I RISCHI RILEVATI NEGLI EDIFICI SCOLASTICI DELL I.I.S.S. DI SANT ANGELO DEI LOMBARDI

PRIME MISURE NECESSARIE A RIDURRE O AD ELIMINARE I RISCHI RILEVATI NEGLI EDIFICI SCOLASTICI DELL I.I.S.S. DI SANT ANGELO DEI LOMBARDI PRIME MISURE NECESSARIE A RIDURRE O AD ELIMINARE I RISCHI RILEVATI NEGLI DELL I.I.S.S. DI A] CERTIFICAZIONE DI LEGGE - occorre acquisire o verificare la regolarità del Certificato di agibilità degli edifici

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI DEI LUOGHI DI LAVORO

VALUTAZIONE DEI RISCHI DEI LUOGHI DI LAVORO VALUTAZIONE DEI RISCHI DEI LUOGHI DI LAVORO rev. 06 del 12/12/2013 Pagina 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI DEI LUOGHI DI LAVORO Il Responsabile del S.P.P. Ing. Adriano Mantoan Il Dirigente Scolastico Ing. Adriano

Dettagli

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE Allo scopo di ottenere una più adeguata conoscenza dell ambiente di lavoro/studio, soprattutto per i nuovi allievi, e di attivare i necessari automatismi nelle operazioni

Dettagli

IL SISTEMA EDILIZIO. Si scompone in: SISTEMA TIPOLOGICO-AMBIENTALE unità spaziali e elementi spaziali

IL SISTEMA EDILIZIO. Si scompone in: SISTEMA TIPOLOGICO-AMBIENTALE unità spaziali e elementi spaziali IL SISTEMA EDILIZIO Si scompone in: SISTEMA TIPOLOGICO-AMBIENTALE unità spaziali e elementi spaziali SISTEMA TECNOLOGICO unità tecnologiche e elementi tecnici Entrambi i sistemi devono soddisfare le esigenze

Dettagli

Relazione tecnica descrittiva

Relazione tecnica descrittiva Relazione tecnica descrittiva La presente relazione è stata redatta al fine di descrivere le verifiche affrontate e gli interventi che dovranno essere realizzati per la messa in sicurezza della Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

ATLANTICO 3D > Infisso rivoluzionario

ATLANTICO 3D > Infisso rivoluzionario INFISSI in PVC ATLANTICO 3D > Infisso rivoluzionario Una nuova concezione di finestra si appresta ad entrare nello scenario competitivo dei prodotti in pvc. Il profilo integralmente rivestito, attribuisce

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369 Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SEDE DI BARBARASCO Scuola dell Infanzia PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA Per i dipendenti della scuola, identificati in base al profilo omogeneo di attività, sono riassunti ed identificati i rischi specifici tipici e quanto previsto

Dettagli

SICUREZZA NELLE SCUOLE Decreto Legislativo 81/2008 e norme correlate Relatore: GAETANO GRIECO AMBROSTUDIO S.R.L. Milano Consulenze e servizi per le Scuole La tutela nelle scuole riguarda: Il personale

Dettagli

Norme generali e compiti dell insegnante

Norme generali e compiti dell insegnante Prot. n. 6389 C/14 Potenza, 15 novembre 2012 REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE, DELLA SALA FITNESS E DELLE ATTREZZATURE IN ESSE PRESENTI (Delibera del Consiglio d Istituto del 13 novembre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Prot. n. 55/A23 del 7/01/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLI Tel. 0817519375 FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00N Codice fiscale 80022520631 e- mail: naic8bt00n@istruzione.it

Dettagli

INFORTUNI E PREVENZIONE

INFORTUNI E PREVENZIONE Analisi degli infortuni in ambito scolastico 3.3 CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Analisi del fenomeno infortunistico INFORTUNI E PREVENZIONE

Dettagli

Analisi degli infortuni nell attività di raccolta rifiuti

Analisi degli infortuni nell attività di raccolta rifiuti Rimini, 11 novembre 2011 Analisi degli infortuni nell attività di raccolta rifiuti Silvia Mochi e Federica Cipolloni Consulenza Statistico Attuariale INAIL LA BASE DATI Lo studio riguarda gli infortuni

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) Allegato 03 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO SULLA SICUREZZA D. Lgs. 81/08 e s.m.i. PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) PROCEDURE

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO. Azienda Casa Emilia-Romagna di Reggio Emilia

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO. Azienda Casa Emilia-Romagna di Reggio Emilia RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO CENTRO CULTURALE MUNICIPIO SCUOLA CINEMA PALESTRA SCUOLA ALLOGGI SOCIALI SCUOLA CASA PROTETTA Soluzione - La riqualificazione energetica

Dettagli

1. PULIZIA E LAVAGGIO DI PAVIMENTI, ARREDI, VETRATE, SCALE MISURE TECNICHE, ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

1. PULIZIA E LAVAGGIO DI PAVIMENTI, ARREDI, VETRATE, SCALE MISURE TECNICHE, ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE 1. PULIZIA LAVAGGIO PAVIMNTI, ARR, VTRAT, SCAL 1.1 Lavaggio dei pavimenti TIPO cadute per scivolament o, anche per le persone presenti che si trovino a transitare nell area interessata. P x D = R (2 x

Dettagli

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Profilo Assistente Amministrativo e D.S.G.A. In questo documento informativo vengono indicati per ciascuna mansione professionale

Dettagli

+35 CLIMA INTERNO +30 +25 +20 +15 +10 -10 -15

+35 CLIMA INTERNO +30 +25 +20 +15 +10 -10 -15 +35 +30 +25 +20 +15 +10 +5 0-5 -10 CLIMA INTERNO -15 come calcolare il consumo mensile annotare su un quaderno le cifre NERE indicate nel contatore e sottrarre quelle segnate il mese precedente = 0,75

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Entrata 8.10 8.15 Chiusura cancelli: 8.20 Ingresso Gli alunni non possono accedere nei locali scolastici se non 5 minuti prima dell inizio delle lezioni. L ingresso

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DELL ATTIVITA

RELAZIONE DESCRITTIVA DELL ATTIVITA RELAZIONE DESCRITTIVA DELL ATTIVITA Il progetto, redatto in collaborazione congiunta dai Gruppi comunali di protezione civile del distretto Val Tagliamento (Enemonzo - Socchieve - Preone - Villa Santina

Dettagli

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Data 30-11-2009 Rev. N. 01 Pagina 1 di 5 MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Ddl RSPP RLS INDICE ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI Data 30-11-2009 Rev.

Dettagli

Reazione al fuoco dei materiali

Reazione al fuoco dei materiali Reazione al fuoco dei materiali Definizione Reazione al fuoco grado di partecipazione di un materiale combustibile al fuoco al quale è sottoposto. In relazione a ciò i materiali sono assegnati alle classi

Dettagli

REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO

REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO LINEE GUIDA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO Di seguito vengono specificate le precauzioni che debbono essere adottate in funzione dell utilizzo sistematico ed abituale

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (Art. 26, comma 3 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81) SERVIZI DI ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA AI SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI DEL TERRITORIO

Dettagli

LA SCUOLA E UN LUOGO DI LAVORO

LA SCUOLA E UN LUOGO DI LAVORO IL D.Lgs. 81/08 Si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici, e a tutte le tipologie di rischio. Nei riguardi degli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado. LA SCUOLA

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI

ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI Via Appia 212, 04028 Scauri (LT) ( 0771614545 - fax 0771614808 - * LTIC855001@istruzione.it ---------------------------------------------------------

Dettagli

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici CAPITOLO I 1.1 - DESCRIZIONE SINTETICA DELL OPERA Il progetto riguarda i lavori di adeguamento/miglioramento sismico controllato della scuola primaria Colombo nell'ambito del piano per la messa in sicurezza

Dettagli

Audit energetico termico della nostra scuola

Audit energetico termico della nostra scuola Audit energetico termico della nostra scuola Questionario di raccolta dati dell involucro e degli impianti termici del nostro edificio scolastico Il questionario qui riportato è destinato a raccogliere

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA NELLA SCUOLA MANUALE DELLO STUDENTE

PREVENZIONE E SICUREZZA NELLA SCUOLA MANUALE DELLO STUDENTE ISTITUTO SUPERIORE Liceo Scientifico Statale "EDOARDO AMALDI" Via Locatelli, 16-24022 ALZANO LOMBARDO (BG) - Cod.fisc. 80032770168 Telefono: 035 / 511377 - Fax: 035 / 516569 - E-Mail: info@liceoamaldi.it

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo Allegato A1 PALAZZO RESIDENZA MUNICIPALE Piazza V. Veneto n 1 Pulizie giornaliere di tutti i locali (tutti i giorni dal lunedì al venerdì compreso): a) pulizia,

Dettagli

1. PREMESSA PROGETTO GESTIONE ORDINARIA EDIFICI SCOLASTICI II. www.provincia.torino.it

1. PREMESSA PROGETTO GESTIONE ORDINARIA EDIFICI SCOLASTICI II. www.provincia.torino.it 1. PREMESSA Negli edifici di proprietà e/o di competenza gestionale provinciale sedi di istituti e scuole di istruzione secondaria superiore, licei artistici, istituti d'arte, ecc, così come in generale

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO San Nicolo Politi Via dei Diritti del Fanciullo, 45 95031 - ADRANO (CT) Tel./Fax 095/7695676 Codice fiscale 93067380878 e-mail ctee09000v@istruzione.it Prot. n 1585/A7

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs)

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART.28 DLgs 81/2008) S C H E D A N. 2 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs) EDIFICIO SCOLASTICO Dante Alighieri ( SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA

Dettagli

Protocollo n. 5050/A23 Caselle T.se, 8 novembre 2013

Protocollo n. 5050/A23 Caselle T.se, 8 novembre 2013 Protocollo n. 5050/A23 Caselle T.se, 8 novembre 2013 Al Comune di Caselle T.se Ufficio Tecnico Via Cravero Caselle T.se c.a Geometra Rognone al Sig. Sindaco Dr Luca Baracco c.a. Assessore Istruzione Geometra

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO IIS Leonardo da Vinci, Via Alcide de Gasperi, 1 20841 Carate Brianza Tel: 0362903597 - Fax: 0362903684 http://www.iticarate.gov.it email icarate@iticarate.it PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto di Istruzione Superiore Guglielmo Oberdan Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica viale Merisio n. 14-24047 TREVIGLIO (BG)

Dettagli

Guida alla pesata. Pesare correttamente con le bilance da laboratorio. Guida. Esperienza Pesate migliori Utilizzo senza errori Risultati precisi

Guida alla pesata. Pesare correttamente con le bilance da laboratorio. Guida. Esperienza Pesate migliori Utilizzo senza errori Risultati precisi Guida alla pesata Esperienza Pesate migliori Utilizzo senza errori Risultati precisi Guida Pesare correttamente con le bilance da laboratorio 2 METTLER TOLEDO Guida alla pesata Pesare correttamente con

Dettagli

COMUNE DI FIANO ROMANO Provincia Rm REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI

COMUNE DI FIANO ROMANO Provincia Rm REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI Pagina 1 di 17 COMUNE DI FIANO ROMANO Provincia Rm ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Luigi Giustiniani n.20 00065 Fiano Romano (RM) Datore di Lavoro: REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI RSPP: Data: /

Dettagli

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 QT_EFC_03 I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 Il presente documento è stato realizzato dall ufficio tecnico Zenital, coordinato

Dettagli

HD32.3 WBGT-PMV-PPD HD 32.3

HD32.3 WBGT-PMV-PPD HD 32.3 HD32.3 WBGT-PMV-PPD L unità di misura delle grandezze di temperatura visualizzate C, F, K. La data e l ora del sistema. La visualizzazione dei parametri statistici massimo, minimo, media e la loro cancellazione.

Dettagli

STRALCIO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COPERTE DA PARTE DI ENTI ESTERNI

STRALCIO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COPERTE DA PARTE DI ENTI ESTERNI PS 11 Ed.0 Rev.1 Pagina 1 di 5 COMUNE DI MONTESARCHIO (BN) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Enrico Fermi Datore di Lavoro: Dirigente Scolastico DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D. Lgs. 81/2008 STRALCIO

Dettagli

Scuola: Classe: Data:

Scuola: Classe: Data: L Agenda 21 Locale dei Comuni di Gorle, Nembro, Ranica e Torre Boldone Questionario di indagine ambientale Scuola: Classe: Data: Di solito in che modo o con che mezzo vieni a scuola? (scegliere max 1 risposta)

Dettagli

Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008

Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008 a.s. 2013/2014 Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008 Gli istituti scolastici di ogni ordine e grado sono AMBIENTI DI LAVORO I lavoratori della scuola sono il personale docente e ATA e gli

Dettagli

Il fenomeno condensa

Il fenomeno condensa Il fenomeno condensa La condensa è un fenomeno naturale molto frequente e presente in vari tipi di abitazioni; è un fenomeno piuttosto fastidioso ed insidioso, anche perché comporta effetti negativi dannosi

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

Collaboratore Scolastico

Collaboratore Scolastico A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Collaboratore Scolastico Vengono

Dettagli

Sostituzione serramenti scuola secondaria di I grado N.Sauro. Progetto preliminare

Sostituzione serramenti scuola secondaria di I grado N.Sauro. Progetto preliminare Sostituzione serramenti scuola secondaria di I grado N.Sauro Progetto preliminare Giugno 2014 1 PREMESSA Il presente progetto preliminare ha per oggetto il completamento dell intervento di messa in sicurezza

Dettagli

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti ALLEGATO J) Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti Pavimenti piastrelle, linoleum, di tutti gli ambienti materiale versato sul pavimento. Lavaggio manuale con prodotti detergenti

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO Edifici comunali in rete CENTRO CULTURALE MUNICIPIO SCUOLA CINEMA PALESTRA SCUOLA ALLOGGI SOCIALI SCUOLA CASA PROTETTA La riqualificazione

Dettagli

RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

RISCALDAMENTO A PAVIMENTO RISCALDAMENTO A PAVIMENTO BETONCLIMA srl è un'azienda che opera nel settore termoidraulico dal 1994 ed è specializzata nella commercializzazione di componenti per impianti civili e industriali di riscaldamento

Dettagli