NORME PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORME PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE"

Transcript

1 ORM R BBTTIMTO BRRIR RHITTTOIH ORM GGI I RIFRIMTO - GG 13 9 GIO 1989 (TTUT M GIUGO 1989) - R UGIO 1996 (H H BROGTO I VHIO R RI 1978 STO I MO I IZIO GG 13 H GI IFII UBBII RIVTI RTI UBBIO). - n81-70 (Standard uropeo). orme di sicurezza per la costruzione e l'installazione di ascensori - arte 70: pplicazioni particolari per ascensori e montacarichi - ccessibilità agli ascensori per persone, inclusi gli invalidi. SGUTI TB OSTOO I ORITRSI VOMT R ST TIO I IMITO H È OSSIBI ISTR. IBIITÀ IMITI ORM M 236/89 IMSIOI BI U ORT ORTT [KG] IZ ITTFORM MIIM TRIORMT ORT IFII RSISTTI 0,8 X 1,2 0,75 X RSO 1,4 X 1,4 IFII RSIZII 0,95 X 1,3 0,8 X RSO 1,5 X 1,5 UOVI IFII UOVI O RSIZII 1,1 X 1,4 0,8 X RSO 1,5 X 1,5 IBIITÀ Trasporto di una persona con sedia a rotelle. Trasporto di una persona con sedia a rotelle e un altro passeggero. Trasporto di una persona con sedia a rotelle e più passeggeri. ermette alla sedia a rotelle di ruotare. IMSIOI BI (*) U ORT ORTT [KG] IZ ITTFORM MIIM 1 X 1,25 0,8 X RSO 1,5 X 1,5 TRIORMT ORT 1,1 X 1,4 0,8 X RSO 1,5 X 1,5 2 X 1,4 0,9 X RSO 1,5 X 1,5 (*) 81-70, GIÀIZIT, SOO I TTS I UBBIZIO SU GZZTT UFFII OMUITÀ URO. ITI OVRÀ BRV GURSI QUSTO STR UROO.

2 ORMTIV TI IIO 1- IFII I IVI BITZIO O TZZ TII MIOR I 12 MTRI I T SO SOO IBII SOO I OTUTI ORM TIH RMOIZZT UI 81.1/2:1999 (RGO I SIURZZ R OSTRUZIO ISTZIO GI SSORI I MOTRIHI). TI ORM RSRIVOO H: ) I VO I ORS V SSR OVITMT VTITO. SSO O V SSR UTIIZZTO R SSIURR RZIO I OI STRI SRVIZIO GI SSORI. I MZ I RTIV ORM O RGOMTI, SI ROMO RTUR I VTIZIO SOMMITÀ VO O R O MIOR 1% SZIO ORIZZOT VO I ORS (UI 81.1/2 R ). B) I OI MHIRIO VOO SSR OVITMT VTITI. QUO I VO È VTITO TTRVRSO I O MHIRIO, S V TR OTO, RI VIZIT ROVIT OI STRI GI SSORI O V SSR OVOGIT IRTTMT I OI MHIRIO. SSI VOO SSR RIZZTI I MOO H I MOTORI, RHITUR, I VI TTRII,., SIO I IÙ RGIOVOMT OSSIBI RIRTI OVR, SZIOI OIV UMIITÀ (UI 81.1/2 R ). 2- IFII I IVI BITZIO O TZZ TII MGGIOR O UGU 12 MTRI I RTO 16 MGGIO H R OGGTTO I RITRI I SIURZZ TII IR GI IFII STITI IVI BITZIO, O TZZ TII UGU O SURIOR 12. ORM SI I GI IFII I UOV OSTRUZIO O GI IFII SISTTI I SO I RISTRUTTURZIO H OMORTIO MOIFIH SOSTZII (OV R MOFIFIH SOSTZII SI IT: I RIFIMTO I OTR I 50% I SOI O I RIFIMTO STRUTTUR S O UMTO I TZZ). I RGRFO 2.0 SUTTO RTO RIORT SSIFIZIO GI IFII I BS TZZ TII, MSSIM SURFII OMRTIMTO I MQ, MSSIM SURFII I OMTZ I OGI S R IO, I TII I VI S I MO U VO SSOR I BS RTTRISTIH RI I VI S SSORI, FITRI, ORT, MTI I SUIVISIO I OMRTI (TB ).IFUZ SU RTTRISTIH I VI S, QUII, I VI I ORS GI SSORI H H OSSIBIITÀ O MO I OSTMTO UTOS I VV.FF.. R QUTO RIGUR OMUIZIOI O R RISHIO RIFRIRSI, SO TIO I IFIIO, TB B SUTTO RTO. ) VO ORS. I VO ORS V VR STSS RTTRISTIH RI VO S. SOO MMSS SGUTI RTUR: - SSI ORT I IO; - RTUR RMTI OSTIT SIFIH ORMTIV TR I VO I ORS I O MHI /O UGG I RIVIO; - ORTI ISZIO /O ORT I SOORS O STSS RTTRISTIH I RSISTZ FUOO VO SI ORS; - RTUR I RZIO I SRIO I ROOTTI I OMBUSTIO OM I SGUITO IITO. I VO I ORS V VR SURFII TT I RZIO RMT I SOMMITÀ O IFRIOR 3% R SZIO ORIZZOT VO STSSO, OMUQU, O IFRIOR 0,2 MQ. T RZIO UÒ SSR OTTUT H MIT MII H OSSOO TTRVRSR I O MHI, URHÉ RIZZTI O MTI I RSISTZ FUOO QUIVT VO I ORS. VO I RZIO È OSTIT ISTZIO I ISOSITIVI R ROTZIO GI GTI TMOSFRII. VO I ORS O OSSOO SSR OST FUMRI, OUTTUR O TUBZIOI H O RTGOO IMITO SSOR. I FITRO ROV I FUMO R VO S VO ORS SSOR UÒ SSR OMU. B) O MHI. I O MHI V SSR SRTO GI TRI MBITI IFIIO O STRUTTUR I RSISTZ FUOO QUIVT QU VO I ORS. SSO O MHI V VR STSS RTTRISTIH VO I ORS; QUOR I O MHI SI UBITO SU TRRZZO, SSO UÒ VVIR H TTRVRSO VO MUITO I ORT MTI. I O MHI V VR U SURFII TT I RZIO RMT O IFRIOR 3% SURFII VIMTO, O U MIIMO I 0,05 MQ, RIZZT O FISTR /O MII VTI SZIO O IFRIOR QU SOR RIST SFOIT RTO U TZZ MO RI QU RTUR I RZIO VO I ORS. 3- IMITI O ORS > 20M TZZ I GRO > 24M, IFII IUSTRII O O RTIOR STIZIO (*) VOO VR UBIZIO ROTZIO TIIO RISOTI I RGOMTI O OMO I VV.FF. O IRZIO GR I SRVIZI TIIO. I QUSTI IMITI I VO I ORS I O MHIRIO VOO SSR ISOTI GI TRI MBITI ITRI IFIIO R MZZO I RTI IH I MTRI IOMBUSTIBI I ORT IH, VOO VR I TO U RTUR O U MIO R SRIR, RI IBR, I FUMO H SI FORMSS I SSI US I U VTU IIO (R 29 MGGIO RT.9). I OMI ROVIII I VV.FF. STBIISOO IMSIOI R RTUR I VTIZIO VRSO STRO R I VO I ORS R I O MHI (I GR RI 5% SURFII I IT). RTI VO ORT VOO VR U RSISTZ FUOO O IFRIOR UTORIMSS SIMIRI R UTORIMSS SITUT I IFII VTI TZZ TII MGGIOR I 32 M, S GI SSORI VOO SSR ROV I FUMO, MTR R UTORIMSS SITUT I IFII I TZZ TII IFRIOR 32 M SOO MMSS S SSORI I TIO ROTTTO (M 1 FBBRIO 1986 R ) 5- OI I ITRTTIMTO I UBBIO STTOO GI SSORI I MOTRIHI VOO RISTTR ISOSIZIOI TIIO RVIST UTO 2.5 RTO 16 MGGIO GI SSORI I MOTRIHI O VOO SSR UTIIZZTI I SO I IIO ZIO GI SSORI TIIO. GI IFII O TZZ TIIO SURIOR 24 M, V SSR RVISTO MO U SSOR TIIO RIZZRSI SOO QUTO ISOSTO UTO 6.8 RTO MIISTRO ITRO 9 RI VTUI S MOBII O VO OMUTT FI IMSIOMTO VI I USIT. OORR RVR U SISTM UTOMTIO H OMI I BOO S MOBII OHÉ I RIORTO IO I USIT H OMI I BOO S MOBII OHÉ I RIORTO IO I USIT GI SSORI I SO I IIO. (*) BRGHI, OGI, SUO, OSI, S I UR, S BRGO, GRI MGZZII I VIT, SOSIZIOI IFII I GR STITI OTTIVITÀ O FRQUTTI UBBIO, O QUO HO UITÀ IMMOBIIRI O ROSTTTI SU STR IO SSO I MZZI I SOORSO I VV.FF.. OT B. R QUUQU TR SSITÀ QUI O OTMT OTTTR I OMO O I VIGII FUOO.

3 SSORI IRUII Ventilazione o Sfogo fumi Vano corsa (Vedere ormativa nti Incendio) TSTT STR = 345 M FOSS STR = 140 M

4 SSORI IRUII SIGOO SSO I M I T O K g / 4 [ K G ] B H S HM K g / K g / K g / K g /

5 SSORI IRUII OIO SSO OOSTO I M I T O K g / 4 [ K G ] B H S HM K g / K g / K g / K g /

6 SSORI IRUII OIO SSO IT I M I T O K g. / K g. / K g. / 9 [ K G ] H 1 S 1 2 S HM K g. / K g. /

7 MOTRIHI MOTTTIGH IRUII IMITO [Kg] B H S HM Fossa

SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK R 290 31 R 290 31

SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK R 290 31 R 290 31 SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK R 290 31 R 290 31 Sgnli i siurzz pr fontnll o i mrgnz pr l ontminzion UNI 7546/3. Symols for sfty signs-ys wshing - mrgny showr. 332 Normtiv in mtri i tutl ll slut siurzz

Dettagli

Riviste della prevenzione ABBONANTO 2013 RT P X III Trimestre 2012 anno XXV n 99 25 Abbonamento a: 1987-2012 carta riciclata 100% *ISSN 1825-5396 Direttore Rino Pavanello Trimestrale della Associazione

Dettagli

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica U NIVERSITÀ DEGLI STUDI DI F ACOLTÀ D IPARTIMENTO DI DI P ALERMO I NGEGNERIA I NGEGNERIA I NFORMATICA CORSO DI I N GEG N ERIA AT GE GN ERI A I N FORM FO RMA TIICA CA LAUREA PER PE R I IN S I ST EMI LIIG

Dettagli

QUATTRO PASSI PER RISCOPRIRE LA CITTÀ Percorsi ed itinerari per una Firenze in forma

QUATTRO PASSI PER RISCOPRIRE LA CITTÀ Percorsi ed itinerari per una Firenze in forma u / h O Iu u h ff, u Nu 00 I ION I HI IN UTOU yz - T Tu 0//9 O u - I u u u T -u/ - Nu INTOOI u O INTITUT u u, Nu 00 T 0/099 @u wwwu QUTTO I IOI ITTÀ u f QUTTO I IOI ITTÀ u f I T ONI, UN IO INZ N f j? h

Dettagli

DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE

DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE Cosa è Digicult Il portale web Il magazine online Il podcast e la newsletter L'agenzia D i gi C U L T è u n a p i a t t a f o r m a c u l t u r al e It alia n a o n li

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

Campi elettromagnetici e salute

Campi elettromagnetici e salute Campi elettromagnetici e salute F r Pol pol @t n. t 1 Introduzione ``El ttrosmo '': nqu n m nto pro otto mp l ttr m n t n r t ll r z on pp rt n nt ll s z on non on zz nt (NIR) llo sp ttro l ttrom n t o;

Dettagli

Mobilità URBANA: il nuovo futuro possibile

Mobilità URBANA: il nuovo futuro possibile Mobilità URBANA: il nuovo futuro possibile LITE MOT IVE: SMART URBAN MOBILITY ( versione in Progress - richiedere aggiornamenti ) 0 1 07 2012 A B S T R A C T I l P r o g r e s s o è u s c i t o d a i b

Dettagli

Incentivi finanziari alle imprese

Incentivi finanziari alle imprese Incentivi finanziari alle imprese Delibera della Giunta regionale n. 208 del 2 aprile 2012 Programma Attuativo Regionale (PAR) a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

BOMBOLO UNOTEATRO IL DOTTOR BOSTIK. testo e regia. con. musiche. scenografie. disegno luci. collaborazione allestimento. tecnico luci/suono.

BOMBOLO UNOTEATRO IL DOTTOR BOSTIK. testo e regia. con. musiche. scenografie. disegno luci. collaborazione allestimento. tecnico luci/suono. BOMBOLO UNOTEATRO IL DOTTOR BOSTIK testo e regia Dino Arru con Dino e Raffaele Arru musiche Bruno Pochettino scenografie Raffaele Arru disegno luci Marco Zicca collaborazione allestimento Stefano Dell

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO SERVIZIO LOGISTICA PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO

PROVINCIA DI TORINO SERVIZIO LOGISTICA PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO ALLEGATO: N. 1 PROVINCIA DI TORINO SERVIZIO LOGISTICA PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO MANUTENZIONE ORDINARIA E RIPARATIVA DEGLI EDIFICI PATRIMONIALI DESTINATI AD UFFICI DELLA PROVINCIA. IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

OPEN GOVERNMENT PLATFORM Una piattaforma Web per lo sviluppo di Iniziative di Cittadini in modalità innovative

OPEN GOVERNMENT PLATFORM Una piattaforma Web per lo sviluppo di Iniziative di Cittadini in modalità innovative OPEN GOVERNMENT PLATFORM Una piattaforma Web per lo sviluppo di Iniziative di Cittadini in modalità innovative - brochure - i n i z i a t i v a r i f o r m a d a l b a sso.blogspot.it - i n i z i at i

Dettagli

Bilancio di Previsione IV direttiva CEE

Bilancio di Previsione IV direttiva CEE OMUNIT' OLLINR L FRIULI ilancio di Previsione IV direttiva Pag. 1 ONTO ONOMIO odice escrizione 2014 ettaglio VLOR LL PROUZION 4.352.723,65 1 RIVI 2.249.623,72 1 a LL VNIT LL PRSTZIONI 1.924.363,18 402000

Dettagli

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1 1 Consultazione con il mondo del lavoro Proposta della Facoltà Nucleo di Valutazione Senato accademico Comitato di coordinamento regionale Consiglio di amministrazione 2 Raggiungere un MODELLO EUROPEO

Dettagli

Prova scritta di Analisi Matematica I - 1 febbraio 2011 Proff. B. CIFRA F. ILARI. Compito A

Prova scritta di Analisi Matematica I - 1 febbraio 2011 Proff. B. CIFRA F. ILARI. Compito A SEDE DISTACCATA DI LATINA a.a. / Prova sritta di Aalisi Matmatia I - fbbraio Proff. B. CIFRA F. ILARI Compito A COGNOME...... NOME. Matr... Corso di Laura o o o Ambit Trritorio Risors Iformazio Maia firma

Dettagli

RIDUTTORI TIPO 65 TIPO. Numero stadi Tipo entrata Giri Max entrata n1 (min -1 ) VERSIONE LINEARE MASCHIO RR 65 M... - RR 65D M... - RR 65T M...

RIDUTTORI TIPO 65 TIPO. Numero stadi Tipo entrata Giri Max entrata n1 (min -1 ) VERSIONE LINEARE MASCHIO RR 65 M... - RR 65D M... - RR 65T M... RIUTTORI 65 Numero stadi Tipo entrata Giri Max entrata n1 (min 1 ) Tab. RR 65 M... RR 65 M... RR 65T M... RR 65 FS RR 65 FS RR 65T FS 1 2 3 35 35 35 VRSION INR HIO RR 65 M... RR 65 M... RR 65T M... UNI

Dettagli

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica POR FESR 2 0 0 7-2 0 1 3 A r t.ii.1.1 Prod e n e r g ie rinn (M isura 2 ) "INCENTIVAZIONI ALL'INSEDIAMENTO DI LINEE DI PRODUZIONE DI SISTEM I E COMPONENTI

Dettagli

callneet CATALOGO FORMATIVO www.callneet.it - info@callneet.it via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184

callneet CATALOGO FORMATIVO www.callneet.it - info@callneet.it via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184 assicuriamo ascolto,garantiamo opportunità. via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184 www.callneet.it - info@callneet.it CATALOGO FORMATIVO ti N. B. Il catalogo formativo potrà subire delle modifiche a

Dettagli

SPERIMENTAZIONE PROGETTO TELELAVORO CUSTOMER SERVICES

SPERIMENTAZIONE PROGETTO TELELAVORO CUSTOMER SERVICES 1 SPERIMENTAZIONE PROGETTO TELELAVORO CUSTOMER SERVICES 21 Luglio 2008 2 SPERIMENTAZIONE TELELAVORO Contct Cntr coinvolti: Rom (2 prson) Npoli (8 prson) Srvizi gstiti in tllvoro: 186 Rom Off Lin Npoli

Dettagli

prossima fattura 2014 codice Cliente

prossima fattura 2014 codice Cliente Intestatario del Contratto importo in euro 19,90 periodo 21 agosto 2014-09 ottobre 2014 fattura del 15 ottobre 2014 A b b ona mento Dat i N u m e ro Contr ibut o Bi me st ral e Imp o rti i n e ur o Se

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

La velocità massima espressa in metri al secondo e l accelerazione voluta sono: 1000

La velocità massima espressa in metri al secondo e l accelerazione voluta sono: 1000 Diesioeto di ssi di otore correte cotiu Si idividuio i pretri pricipli di u cchi correte cotiu eccitzioe idipedete i rdo di uovere u tr veloce ote che sio le seueti specifiche: Tesioe di lietzioe dell

Dettagli

Costruiamo un aquilone SLED

Costruiamo un aquilone SLED Costruimo un quon SLED Sgnr sul sgmnto cod du rifrimnti 3 cm dgli spigoli (vrso l'trno) poi sul bordo ntrior dll du li 11 cm dgli spigoli (vrso l'strno); qusto punto si dvono pplicr l du mnich sul bordo

Dettagli

1. Condizioni di arbitraggio internazionale delle merci e dei titoli. Le teorie de la Parità dei poteri d acquisto la Parità dei tassi d interesse

1. Condizioni di arbitraggio internazionale delle merci e dei titoli. Le teorie de la Parità dei poteri d acquisto la Parità dei tassi d interesse . Condizioni di arbitraggio intrnazional dll rci di titoli L tori d la Parità di otri d acuisto la Parità di tassi d intrss 5_Andic_G.GAROFALO L arbitraggio è un'orazion ch consist nll'acuistar un bn o

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

CATALOGO OGGETTISTICA

CATALOGO OGGETTISTICA TLOGO OGGTTISTI 2013-2014 SMUL - Società ooperativa Sociale - www.samuele.vsi.it Sede: Via delle Laste, 22-38121 Trento - Tel 0461 230888 Fax 0461 260820 Negozio: Via S. Marco, 18-38121 Trento - Tel. 0461

Dettagli

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1 C O M U N E D I C H I O G G IA REGOLAMENTO PER L "APPLICAZIONE DELLA TAR FA DI IGL NE AMB1-ENTALE Approvato con deli'bera delcommissario STR IORDINARIO assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69

Dettagli

MACCHINE TRACCIALINEE ED ACCESSORI

MACCHINE TRACCIALINEE ED ACCESSORI MHIN TRILIN D SSORI D M PR SGNLTI ORIZZONTL G G N H I L F F ON MISURTOR STRDL INORPORTO FIGUR QT'. 2400MTRMT000 MHIN TRILIN 2400MTRMT0002 MHIN TRILIN 2400MTRMT0003 MHIN TRILIN D 2400MTRPM0005 PISTOL MNUL

Dettagli

Rivelazione incendi e prevenzione incendi. Dott.Ing. Annalicia Vitullo - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Parma

Rivelazione incendi e prevenzione incendi. Dott.Ing. Annalicia Vitullo - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Parma Rivelazione incendi e prevenzione incendi Di cosa parliamo? 1. Il quadro normativo: DM 37/2008 2. La normativa di prevenzione incendi: certificazione 3. La regola dell arte: UNI 9795 EN 54 4. Rivelazione

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Libera Università degli Studi per l Innovazione e le Organizzazioni Via Cristoforo Colombo, 200 00145 Roma T +39 06 510.777.1 F

Dettagli

Scheda Prodotto Prestito Personale. Agenti e Mediatori. Luglio 2009. Marketing Department (Ver. 1 PP 07/2009) 1

Scheda Prodotto Prestito Personale. Agenti e Mediatori. Luglio 2009. Marketing Department (Ver. 1 PP 07/2009) 1 Schd Prdtt Prstit Prsn Agnti Mtri Lugli 2009 Mrkting Dprtmnt (Vr. 1 PP 07/2009) 1 INDICE Prdtt Prfil Richidnt Prfil d Età Richidnt Ctgri Finnzibili Richidnt Ctgri nn Finnzibili Evntu Cbbligzin Dcumntzin

Dettagli

Risposta in Frequenza

Risposta in Frequenza Risposta i Frquza Ipdza L ipdza di u bipolo è il uro coplsso dato dal rapporto tra il fasor tsio il fasor corrt: jφ V V V V j( ΦV ΦI ) Z = = I I jφ L attza è il uro coplsso: Z Y soo i gral fuzioi dlla

Dettagli

ELENCO PREZZI AREE VERDI

ELENCO PREZZI AREE VERDI ALLEGATO B) AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ELENCO PREZZI AREE VERDI MANO D OPERA I przzi ll no opr pplir sono qulli i sguito lnti sunti l Przzirio ll Assoizion Itlin Costruttori l Vr (www.ssovr.it) Dsrizion

Dettagli

Principi e Metodologie della Progettazione Meccanica

Principi e Metodologie della Progettazione Meccanica Priipi Mtodologi dll Progttzio Mi Corso dl II o dll lur spilisti i iggri i ig. F. Cp Vlutzio di opt Dsig Rviw Priipi Mtodologi dll progttzio i Vlutzio di opt U volt rlizzti gli shi di priipio è opportuo

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE FINANZIARIA AL 31 DICEMBRE 213 PAGINA BIANCA 3/58 Indice Organi Sociali... 6 Consiglio di Amministrazione... 6 Collegio Sindacale... 6 Società di Revisione... 6 Specialist... 6 Nomad... 6 Struttura

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT

CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT INDICE Caratteristiche principali pag. 3 Riferimenti normativi abbattimento delle barriere architettoniche pag. 4 Riferimenti

Dettagli

TRASFORMATE DI LAPLACE

TRASFORMATE DI LAPLACE TASOMATE D APACE rorm lc co rormr l quzo rzl quzo lgbrch mlco l l crcu mc lr. l moo ll rorm lc grlzz l moo or: zché clcolr l ro rm gr uol, co l rorm lc omo rcvr l ro coml u cl gr molo ù grl ch olr ll uo

Dettagli

Domenica, 26 agosto 2012 LA VERA RELIGIO N E

Domenica, 26 agosto 2012 LA VERA RELIGIO N E Domenica, 26 agosto 2012 LA VERA RELIGIO N E Ge n e s i 4:3-7- Avvenne, dopo qualche tempo, che Caino fece un offerta di frutti della terra al Signore. Abele offrì anch egli dei primogeniti del suo gregge

Dettagli

Ratto al ballo. AESS Archivio di Etnografia e Storia Sociale

Ratto al ballo. AESS Archivio di Etnografia e Storia Sociale Ratto al ballo Esecuzione di Eva Tagliani Colleri (PV), 1984 registrazione di Aurelio Citelli e Giuliano Grasso Maggio 2005 Temi/Aspetti 3 Personaggi 5 Luoghi 7 Storia 9 Trascrizione fonetica 11 Esercizi

Dettagli

STEFANO PASTINE Via Cerc hi o, 10 Orto n o v o (SP)

STEFANO PASTINE Via Cerc hi o, 10 Orto n o v o (SP) C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI No m e Indirizz o STEFANO PASTINE Via Cerc hi o, 10 Orto n o v o (SP) E- m a il stepastine@libero.it Nazio n a lit à Italiana Data di nas cita Profe

Dettagli

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di PALERMO

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di PALERMO Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di PALERMO Documento n. A C2052270428940017568 estratto dal Registro Imprese in data 26/09/2012 Visura ordinaria societa' di capitale Denominazione:

Dettagli

Provincia di Cuneo - Settore Tutela Flora e Fauna

Provincia di Cuneo - Settore Tutela Flora e Fauna Provincia di Cuneo - Settore Tutela Flora e Fauna Monitorag gio dei siti di resenza del Gambero di fiume (Austrootamobius allies) in Provincia di Cuneo e loro caratterizzazione Provincia di Cuneo - Settore

Dettagli

Questo materiale è stato prodotto dal progetto Programma di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare Salute del

Questo materiale è stato prodotto dal progetto Programma di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare Salute del Questo mterile è stto prodotto dl progetto Progrmm di informzione e omunizione sostegno degli oiettivi di Gudgnre Slute del Ministero dell Slute /CCM, in ollorzione ol Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

Prezzi e specifiche EUR. Edizione Eurobike

Prezzi e specifiche EUR. Edizione Eurobike 2016 Przzi spifih EUR Eizion Euroik IT Ini Sri C I 4 Sri T I 5 Sri B I 6 Sri TX I 7 Tnm I 8 Fogo I 10 Puto I 11 Sri RS I 12 Sri TS I 13 Upro6 I 14 Upro3 I 15 Goro I 16 Gomtri tio I 18 Bttri rittri Pnsoni

Dettagli

Valigia rigida: Sacca in tela: Fig. 35 Mod. 6/b

Valigia rigida: Sacca in tela: Fig. 35 Mod. 6/b t cchitu o uò mltit com ifiuto ubo (D 250705; Rv 02 dl 0072006 Codic: 909020006 Dcizio: Mii kit di oto itvto Scific mtil Vligi igid comto uico, co cochio otbil, lizzt co lli i fib di lgo ivtiti tmt i ylo

Dettagli

Finanziamenti Le principali operazioni realizzate 1/5

Finanziamenti Le principali operazioni realizzate 1/5 Le principali operazioni realizzate 1/5 EQU ITA LIA S.P.A FERROV IE DELLO STATO C OM U N E D I R OM A FERROV IE DELLO STATO F ON D A Z ION E F IER A M ILA N O N U OV O POLO F IER IST IC O D I M ILA N O

Dettagli

Aeroporto di Catania

Aeroporto di Catania Senato della Repubblica -1-33 - Camera dei deputati XVn LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI Aeroporto di Catania Passeggeri totali anno 211 : Cargo 211 : 6.774.782 tonnellate 8.965 Aeroporto

Dettagli

Vendita Assistenza - Grandi Impianti Cucine - Attrezzature alberghiere - Celle frigorifere

Vendita Assistenza - Grandi Impianti Cucine - Attrezzature alberghiere - Celle frigorifere Vendita Assistenza - Prodotti selezionati da professionisti del settore con straordinario rapporto qualità prezzo. CAGIF con i suoi grandi marchi è il partner che ti offre un servizio di Eccellenza. CONSULENZA

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

summary del documento:

summary del documento: summary del documento: Uno smart-approach per le Smart Cities: un nuovo percorso di innovazione della la Città [ i l d oc u m e n t o è d i sp o n i bi l e s ul s i to l u c a b o ttazzi.com ] w w w. l

Dettagli

Gr. Merc. Codice. Pagina Catalogo

Gr. Merc. Codice. Pagina Catalogo Indice Cavi Sicurezza Formazione Gr. Merc. Pagina Catalogo Gr. Merc. Pagina Catalogo Gr. Merc. Pagina Catalogo 510 CAVO ALLARME C-4 (U0=400 V) 512 514 516 2x0.22 I034IT 086 I078IT 086 I225IT 086 4x0.22

Dettagli

Fo glio d in stal la zio ne

Fo glio d in stal la zio ne Fo glio d in stal la zio ne Ma nua le n 18682 Rev. - Questo apparecchio è studiato per funzionare con impianti elettrici da 12Vcc con Negativo a massa. Prima di installarlo controllare la tensione della

Dettagli

COMUNE. CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Comando E ATTI ASSIMILATI DELL' ETILOMETRO }4ARCA LION AI{NUAJ,E IMPEGNI DI SPESA E DI LIQUIDAZIONE.

COMUNE. CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Comando E ATTI ASSIMILATI DELL' ETILOMETRO }4ARCA LION AI{NUAJ,E IMPEGNI DI SPESA E DI LIQUIDAZIONE. COMUN DI COMACCHIO CORPO DI POLIZIA MUNICIPAL Comando RGISTRO DLL DTRMIN DTRMINAZION N. LLAO ATTI ASSIMILATI DL 25/06/2OLs OGGTTO: RVISION LABORJA.TORIS LTD. U. K, AI{NUAJ, IMPGNI DLL' TILOMTRO }4ARCA

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

V ILLAL AURIN GESTIONE VENDITE. Villa Laurin è una iniziativa: GIORGIONE COSTRUZIONI s.r.l via Sile n. 31 - Castelfranco Veneto (TV)

V ILLAL AURIN GESTIONE VENDITE. Villa Laurin è una iniziativa: GIORGIONE COSTRUZIONI s.r.l via Sile n. 31 - Castelfranco Veneto (TV) A ge nz i a di Int e r me di az i o ne Immo b i li ar e Piaz z et t a Ser gio Sav i ane, 1 - Cas t elf r anco V enet o (TV) Tel. 0 4 23 7 2 4 0 18 - inf o@oliv et t oinv est iment i.it V IL L A L A UR

Dettagli

GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Indice GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Scopo della ''Guida Alla Progettazione...2 Organizzazione della Guida...2 Campo di Applicazione della Guida...3 Riferimenti Legislativi...3 Elenco

Dettagli

CONSIGLIO DIRETTIVO PRESIDENTE... LORENZO SALVA CONSIGLIO DIRETTIVO: LORENZO SALVÀ, VALERIA DAMI, LORETTA GRANETTO, MARCELLO TOLU, EZIO CUM

CONSIGLIO DIRETTIVO PRESIDENTE... LORENZO SALVA CONSIGLIO DIRETTIVO: LORENZO SALVÀ, VALERIA DAMI, LORETTA GRANETTO, MARCELLO TOLU, EZIO CUM SCHERMA 52 53 CONSIGLIO DIRETTIVO PRESIDENTE... LORENZO SALVA CONSIGLIO DIRETTIVO: LORENZO SALVÀ, VALERIA DAMI, LORETTA GRANETTO, MARCELLO TOLU, EZIO CUM I PRESIDENTI NELLA STORIA: ORLANDO FOSCHI; FRANCESCO

Dettagli

Oggetto: Busta paga > ufficiali giudiziari C1 < nuovi assunti

Oggetto: Busta paga > ufficiali giudiziari C1 < nuovi assunti Associzio fficili Gidiziri i rop < www.g.i < g@g.i > 1 Associzio fficili Gidiziri i rop Sd ziol < Vi dl Poggio 329 > 47032 Brioro (FC) > prsso Aror > 347.23.58.950 www.g.i g@g.i li, 5 gio 2006 Ai collghi

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA CAP. 14 20

MATEMATICA FINANZIARIA CAP. 14 20 MTEMTIC FINNZIRI CP. 42 pputi di estimo INTERESSE SEMPLICE Iteesse semplice I C M C ( ) = fzioe di o [] C M G F M M G L S O N D Motte semplice di te costti 2 3 M R R R... R [2] 2 2 2 2 Poiché l fomul è

Dettagli

Obiettivi e struttura della lezione

Obiettivi e struttura della lezione Valutazione estimativa del progetto Procedimenti estimativi e fasi del progetto P R O F. R A F F A E L L A L I O C E C O L L. R O B E R T A G A L L I Obiettivi e struttura della lezione Obiettivo: conoscere

Dettagli

Indice GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Scopo della ''Guida Alla Progettazione...2 Organizzazione della Guida...2 Campo di Applicazione della Guida...3 Riferimenti Legislativi...3 Elenco Schede Tecniche...4 Sezione

Dettagli

Ciò che siamo... ciò che facciamo

Ciò che siamo... ciò che facciamo Siamo Glanbia Cheese Ciò che siamo... ciò che facciamo Siamo il principale produttore di mozzarella in Europa e lavoriamo con molte delle aziende alimentari più rinomate del mondo. Ma siamo di più di un

Dettagli

c o l l i n a p a rk m o n t a g n o l a

c o l l i n a p a rk m o n t a g n o l a c o l l i n a p a rk m o n t a g n o l a c o l l i n a p a r k b e n v e n u t i a c o l l i n a p a r k Situazione: l complesso sorge nel prestigioso e rinomato omune di ollina d'oro, nella frazione di

Dettagli

Guida Alla Progettazione

Guida Alla Progettazione Guida Alla Progettazione GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Indice SCOPO DELLA GUIDA ALLA PROGETTAZIONE...2 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA...2 CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA GUIDA...3 RIFERIMENTI LEGISLATIVI...3 ELENCO

Dettagli

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]*

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* Eleonora Berti & Tommaso Dall Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* L'approfondimento mira ad analizzare il rapporto tra padri e figli ieri e oggi, valutando

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile INDUCTIVE COMPONENTS I 0 I 0 IBK ELETTROMAGNETI IBK Elettomneti e l utomzione flessibile Ctloo eli elettomneti IBK e l zionmento ei sistemi oscillnti Eizione Mio 2004 www.eoitli.it/ootti/feee.tml Elettomneti

Dettagli

WHITE PAPER. / Guida alla scelta e all acquisto di sistemi di ricarica per veicoli elettrici per trasporti interni

WHITE PAPER. / Guida alla scelta e all acquisto di sistemi di ricarica per veicoli elettrici per trasporti interni / Sistemi caricabatterie / Tecniche di saldatura / Energia solare WHITE PAPER / Guida alla scelta e all acquisto di sistemi di ricarica per veicoli elettrici per trasporti interni 2 INDICE Le odierne sfide

Dettagli

-LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI - MERCATI FINANZIARI E BASE ASPETTATIVE

-LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI - MERCATI FINANZIARI E BASE ASPETTATIVE 1 -LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI BASE - MERCATI FINANZIARI E ASPETTATIVE DUE DEFINIZIONI PER IL TASSO DI INTERESSE Il tasso di intrss in trmini di monta è chiamato tasso di intrss nominal (i). Il tasso di

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI - Ufficio Servizi Sociali. L. 431/98 art. 11 - BENEFICIARI ANNO 2015 N. COGNOME E NOME INDIRIZZO FASCIA

COMUNE DI ASSEMINI - Ufficio Servizi Sociali. L. 431/98 art. 11 - BENEFICIARI ANNO 2015 N. COGNOME E NOME INDIRIZZO FASCIA OUE I EII - Ufficio ervizi ociali. 431/98 art. 11 - EEIII O 2015. OOE E OE IIIO I 1 I EO VI OI n. 13 p. 2 U O VI OE n. 32 p. 1 3 OIO IEE VI II n. 380 p. 2 4 IOI EO VI IU n. 1 p. 2 5 QUII OIO Q VI I n.

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri Superiore Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

BENEDIRE Benedire è il segreto per vivere con serenità

BENEDIRE Benedire è il segreto per vivere con serenità La collana di Neri Flavi BENEDIRE Benedire è il segreto per vivere con serenità La Collana di Neri n.1: Benedire Prima edizione: Aprile 2010 Centro Il Sentiero di Neri Flavi Schignano (Vaiano-PO) LA COLLANA

Dettagli

Un computer per amico

Un computer per amico Un computer per amico COGNOME DATA: NOME CLASSE: COSA RICORDI DEL COMPUTER? 1. Come si chiamano le parti della casa di Chip? Scrivi i nomi nelle caselle. 2. A cosa serve il programma Paint? 3. A cosa serve

Dettagli

Bilancio sociale e di missione: il sostegno alla comunità ed al territorio

Bilancio sociale e di missione: il sostegno alla comunità ed al territorio Sttmbr 20 2 m ogni nno, momnto mim oortiv, font u riio tt, Amb è tt oion r rizio, r imortnti ibr mbri, tmnto rnovo rih oii t nz mnto. L Amb è i r nnivrrio 0 nni bn, gi Vigi, oitmnt orgnizzto r Cri oi,

Dettagli

Processo "Sussidi F.A.F. " Ilicezione dell'!startza di sttssidio da parte dci militarc itttcressato, trarnitc lettera del propt'io Cornatrdo.

Processo Sussidi F.A.F.  Ilicezione dell'!startza di sttssidio da parte dci militarc itttcressato, trarnitc lettera del propt'io Cornatrdo. COMANDO GBNBRALE DBLLA GUARDA D FNANZA - Nucleo per la reingegnerizzazione dei processi lavorativi indiretti - ANALS DE PROCESS D LAVORO UFFCO COMANDO - SEZONE AMMNSTRAZONE, NUCLE,O RE,GONALE, P.T. NAPOL

Dettagli

La Certificazione di Qualità nei piccoli Comuni

La Certificazione di Qualità nei piccoli Comuni La Certificazione di Qualità nei piccoli Comuni Franco Tagliabue Sindaco di Cirimido Sergio Castelli Sindaco di Limido Comasco Premessa Accentramento del lavoro e poca chiarezza sui ruoli e responsabilità

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

LEGGE 26 APRILE 1982 N 181 (LEGGE FINANZIARIA 1982)

LEGGE 26 APRILE 1982 N 181 (LEGGE FINANZIARIA 1982) LEGGE 26 APRILE 1982 N 181 (LEGGE FINANZIARIA 1982) DISPOSIZIO NI DI C AR ATTER E FINANZIARIO Art. 1. Il limite massimo del saldo netto da finanziare per l anno 1982 resta determinato, in te rm ini di

Dettagli

I l p re se n te p ro s petto a d i s po s i z ion e d e l pu bb l ico g ra tu i tame n te p re s s o la S e d e Lega l e e p re sso

I l p re se n te p ro s petto a d i s po s i z ion e d e l pu bb l ico g ra tu i tame n te p re s s o la S e d e Lega l e e p re sso BAN CA D I C R E D I TO CO O P E R AT I VO D I A L B E R O B E L LO E SAMMICH E L E D I BAR I Sed e le ga le e a m m i n i s t ra t iva i n A l be ro b e l lo V i a l e Ba r i n. 1 0 I sc r i t ta a l

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA ROBERTO MEDEGHINI - Pedagogista Gruppo di Ricerca Inclusione e Disability Studies gridsitaly.com milieu.it IN S E G N A

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

UBICAZIONE: Comune... località... Residenza... CAP posta...

UBICAZIONE: Comune... località... Residenza... CAP posta... OMPILR PRT LL UTORIT' FISLI Numero progressive della lista delle dichiarazioni ricevute IHIRZION I FINI LL TRMINZION LL IMPOST SUL PTRIMONIO - unità di abitazione o alloggi, locali destinati al tempo libero

Dettagli

PEDIATRICA. dott.ssa Maria Luisa Moleti

PEDIATRICA. dott.ssa Maria Luisa Moleti L ASSISTENZA LASSISTENZA DOMICILIARE PEDIATRICA dott.ssa Maria Luisa Moleti Grazie ai progressi terapeutici negli ultimi decenni sempre più numerosi i bambini e adolescenti guariti da patologie oncoematologiche

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Ua fuzioe reale di ua variabile reale f di domiio A è ua legge che ad ogi x A associa u umero reale che deotiamo co f(x). Se A = N, la f è detta successioe di umeri reali. Se co si

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze Mo d ulo 2 Valutare gli apprendimenti o valutare l apprendimento? Il senso della relazione educativa tra curricolo

Dettagli

Cu rricu lu m p ro fe ssio n ale d i CARLO BALDASSI

Cu rricu lu m p ro fe ssio n ale d i CARLO BALDASSI Cu rricu lu m p ro fe ssio n ale d i CARLO BALDASSI Carlo Bald assi (Ud in e, 1 9 5 1 ) d o p o la la u r ea in Scien ze Po lit ich e a ll Un iver sit à d i Mila n o (1 1 0 / 1 1 0 ), h a svilu p p a t

Dettagli

CentroMarca Banca - Credito Cooperativo

CentroMarca Banca - Credito Cooperativo CentroMarca Banca - Credito Cooperativo S o ci età Coo p e ra t i va co n sed e l eg a l e i n Vi a D. A l i g h i e r i n. 2-3 1 0 2 2 P rega n z i o l (TV ), i sc ri tta a l l 'A l bo d e l l e B a n

Dettagli

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Armonizzazione della documentazione dei Dipartimenti ACCREDIA Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici Adelina Leka - Funzionario

Dettagli

T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O 2 0 1 0

T R E N I T A L I A > > > D I V I S I O N E C A R G O > L I S T I N O P R E Z Z I I N V I G O R E D A L 1 M A R Z O 2 0 1 0 Listino Prezzi Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia In vigore dal 1 marzo 2010 Listino Prezzi Condizioni Generali di Contratto per il Trasporto delle Merci per Ferrovia

Dettagli

An italian story. La creatività dei miei gioielli è fortemente legata alle. The inspiration behind the creation of my jewels is

An italian story. La creatività dei miei gioielli è fortemente legata alle. The inspiration behind the creation of my jewels is An itlin story L rtività i mii gioilli è ortmnt lgt ll mi origini ll ntur l mio trritorio. Ho smpr ruto nll qulità ni sgrti ll gioillri itlin. Il mrhio Mro Bigo oniug trizion sign ontmporno port vnti on

Dettagli

Il test parametrico si costruisce in tre passi:

Il test parametrico si costruisce in tre passi: R. Lombardo I. Cammiatiello Dipartimeto di Ecoomia Secoda Uiversità degli studi Napoli Facoltà di Ecoomia Ifereza Statistica La Verifica delle Ipotesi Obiettivo Verifica (test) di u ipotesi statistica

Dettagli

SBARRETTA E LA RICETTA TRAFUGATA

SBARRETTA E LA RICETTA TRAFUGATA I gialli del Lemoncello SBARRETTA E LA RICETTA TRAFUGATA L e lab br a si serr ar o n o ripie g a n d o s i leg g e r m e n t e all int er n o las ci a n d o nel co nt e m p o un a min u s c o l a fes s

Dettagli

RICEVITORE TELEFONICO A 2 LINEE SD-T2

RICEVITORE TELEFONICO A 2 LINEE SD-T2 RICEVITORE TELEFONICO A 2 LINEE SD-T2 Ma nua le di IN STAL LA ZIO NE ED USO Ma nua le N 12110 Rev. B spa Le informazioni presenti in questo manuale sostituiscono quanto in precedenza pubblicato. Sicep

Dettagli

LCA1-modulo di Estimo

LCA1-modulo di Estimo LCA1-modulo di Estimo La Stima analitica del costo di costruzione Proff. Valentina Cosmi, Raffaella Lioce, Giorgia Zoboli Il costo di costruzione CC = CTC + SG+ UtC IL COSTO DI COSTRUZIONE CC è dato dalla

Dettagli

REGOLE TECNICHE VERTICALI Attività ricettive turistico - alberghiere

REGOLE TECNICHE VERTICALI Attività ricettive turistico - alberghiere Capitolo V 6 REGOLE TECNICHE VERTICALI ricettive turistico - alberghiere Scopo e campo di applicazione...2 Classificazioni...2 Profili di rischio...3 Strategia antincendio...3 Vani degli ascensori..6 Capitolo

Dettagli