Presentata da: Fabio Gagliardi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentata da: Fabio Gagliardi"

Transcript

1 Anno Accademico 25/6 Tesi di Laurea LA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DEL TRAINING DI RINFORZO MUSCOLARE NEI PAZIENTI CON ESITI DI STROKE: REVISIONE DELLA LETTERATURA Presentata da: Fabio Gagliardi Relatore: FT. Lucia Bertozzi Correlatore: FT. Davide Mazzoli

2 Università di Bologna- sezione di Cesena Obiettivi dello studio Valutare gli effetti del rinforzo muscolare: sulla menomazione sulla limitazione dell attivit attività sulla partecipazione sociale nel paziente con esiti di stroke

3 Introduzione Stroke: malattia cerebro-vascolare acuta con segni clinici derivanti dalla lesione focale cerebrale, di durata superiore alle 24 ore (OMS 1989). Dati epidemiologici: In Italia è la terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie, provoca il 1-12% 12% dei decessi annui. Principale causa di invalidità. Ad un anno dall evento acuto un terzo dei pazienti presenta un elevato grado di disabilità che li rende totalmente dipendenti (Spread ( 25).

4 Rinforzo muscolare Introduzione allenamenti con progressivo incremento del carico di resistenza. Weiss, Suzuki, Bean, Fielding. High intensity strength training improves strength and functional l performance after training. Am. J. Phys. Med. Rehabil., 2; 79(4): Fielding sostiene che negli nel paziente con stroke anziani produce dei potrebbe essere utilizzato miglioramenti nella forza, per combattere la debolezza nell ipertrofia e nella mobilità muscolare funzionale. Fielding, LeBrasseur, Cuoco,, Bean, Mizer, Fiatarone. High-Velocity resistance training increases skeletal muscle peak power in older women. American Geritric Society, 22; 5: a cui si associano limitazioni nel cammino, nei passaggi posturali R. Macko afferma che il rinforzo Bourbonnais, Bilodeau, Lepage, Beaudoin, Gravel muscolare migliora l assorbimento l di Effect of force-feedback feedback treatments in patiens motor deficits after a stroke. Am.. J. Phys. Med insulina. 22; 81: Gravel, Forget, patiens with chronic Med. Rehabil.,

5 Introduzione Bobath afferma che gli esercizi ad alta resistenza devono essere evitati nei pazienti con le lesioni del primo motoneurone perché la pratica degli sforzi rinforzerebbe solo i riflessi anormali ed aumenterebbe la spasticità. Bobath B. Adult hemiplegia: evalutation and treatment. II edition. Heinemann Medical Books, 1978; 6-1. Il rinforzo muscolare viene scarsamente utilizzato nei programmi riabilitativi dei pazienti con esiti di stroke.

6 Set up di lavoro RICERCA BIBLIOGRAFICA DEL MATERIALE SELEZIONE DEGLI STUDI VALUTAZIONE DELLA QUALITA DEGLI STUDI DOCUMENTAZIONE DEI RISULTATI CONCLUSIONI

7 Ricerca su Medline, PEDro, Cochrane Library Ricerca bibliografica del materiale Ricerca sulle bibliografie degli articoli rinvenuti. Key Words: stroke, cerebrovascular accident, muscle strength, progressive resistance training 51 articoli potenzialmente utili per la revisione

8 Criteri d inclusione: d Articoli pubblicati e revisionati; Popolazione: età superiore ai 21 anni e con esiti di stroke; Intervento basato sul rinforzo muscolare; Selezione degli studi Outcome: misure di menomazione, limitazione dell attivit attività e partecipazione sociale. Tipologia degli articoli 17 articoli idonei Num ero di articoli RCT 4 Non randomized self controlled 3 2 Case report Review Risultati positivi Negativi

9 La qualità metodologica degli studi è garantita: Qualità degli studi 1. dalla pubblicazione degli studi su periodici scientifici indicizzati; zati; 2. dal fatto che gli articoli sono revisionati; 3. dai punteggi della scala di PEDro; 4. dall impact factor delle riviste. L'impact factor di una rivista misura la frequenza con cui la rivista é stata citata mediamente in un anno. Range:,494-8,63. La scala di PEDro valuta con 11 item la validità interna ed esterna dello studio, conferendo un punto per ogni parametro rispettato per un massimo di 1. Range:

10 Il numero totale dei soggetti degli studi è di 411 individui Caratteristiche degli studi 138 acuti (T dallo stroke 16,2 giorni); 12 subacuti (T dallo stroke 73,5 giorni); 153 cronici (T dallo stroke 36,7 mesi). Stroke di grado leggero-moderato; Deambulano con o senza ausili (eccetto gli acuti); Comprendono ed eseguono comandi verbali; Assenza di problematiche che interferiscono con la partecipazione allo studio; Assenza di disabilità secondarie ad altre malattie; Assenza di disturbi neuropsicologici; Non partecipano ad altri interventi riabilitativi.

11 Caratteristiche degli studi Dati demografici dei soggetti Numero dei soggetti Numero 69, , Età media (anni) Maschi Femmine Acuti Sub-acuti Cronici Il numero dei soggetti è ben proporzionato nei tre stadi di recupero L età media dei soggetti acuti è un po troppo bassa I maschi sono più colpiti dallo stroke rispetto alle femmine

12 Puro o combinato con esercizi di riscaldamento e stretching. Caratteristiche degli studi Tipologie di rinforzo muscolare degli studi Mezzi utilizzati: : macchine isocinetiche, dinamometri, pesi, elastici, esercizi a corpo libero. Gruppi muscolari trattati: dei 4 arti, solo degli arti superiori o inferiori, solo dell arto inferiore paretico. Eterogeneità degli interventi di rafforzamento muscolare. Numero di sessioni: da 12 a 36. Frequenza: : 2 o 3 volte alla settimana. Durata delle sessioni: dai 3 ai 9 minuti.

13 Documentazione dei risultati Effetti del rinforzo muscolare sulla menomazione Numero soggetti Forza Spasticità Equilibrio (Berg Balance) 7 25 Recupero Motorio (Fugl- Meyer) 49 Depressione (Geriatric Depression) Nel grafico sono riportati il numero dei soggetti sottoposti a rinforzo muscolare con risultati migliori rispetto ai gruppi di controllo (verde) e quello dei soggetti con risultati simili ai gruppi di controllo (rosso). Numero dei soggetti con miglioramenti Numero di soggetti con effetti simili al trattamento di controllo

14 Documentazione dei risultati Forza Numero soggetti Effetti del rinforzo muscolare sulla forza Forza Numero dei soggetti con miglioramenti Numero di soggetti con effetti simili al trattamento di controllo La forza è stata calcolata in base alla variazione dei kilogrammi sollevati, alla resistenza degli elastici o tramite dinamometri. In tutti i soggetti trattati con il rinforzo muscolare la forza ha ottenuto dei risultati migliori rispetto ai gruppi di controllo di ogni studio indipendentemente dal loro stadio di recupero.

15 Documentazione dei risultati Forza Miglioramenti percentuali forza 1% 8% 6% 4% 2% % Grafico forza-sessioni di trattamento 8% 56% 58% 53% 35% 18% Numero di sessioni di rinforzo muscolare Dal grafico si evidenzia che i miglioramenti della forza, dopo il training di rinforzo muscolare, aumentano fino la ventesima sessione, dopodichè questo parametro non aumenta più e si mantiene costante.

16 Documentazione dei risultati Spasticità Numero soggetti Effetti del rinforzo sulla spasticità 85 Spasticità Numero dei soggetti con miglioramenti Numero di soggetti con spasticità inalterata La spasticità è stata valutata con la scala di Ashworth ed in uno studio con il test del pendolo. Gli effetti del rinforzo muscolare sulla spasticità sono stati analizzati in 84 pazienti cronici ed in 1 acuto: in nessun soggetto il grado di spasticità si è ridotto ma si è osservato che il training non altera il tono muscolare in nessun paziente.

17 Documentazione dei risultati Equilibrio 4 35 Effetti del rinforzo sull equilibrio L equilibrio è stato valutato con la Berg Balance Scale. Numero soggetti subacuti trattati con il rinforzo hanno mostrato risultati migliori rispetto ai gruppi di controllo degli studi, mentre 7 cronici risultati simili. 5 7 Equilibrio (Berg Balance) Numero dei soggetti con miglioramenti Numero di soggetti con risultati simili al controllo

18 Documentazione dei risultati Recupero motorio Effetti del rinforzo sul recupero motorio 4 35 Il recupero motorio è stato valutato con la scala Fugl-Meyer. Numero soggetti Recupero Motorio (Fugl-Meyer) Numero dei soggetti con miglioramenti Numero di soggetti con risultati simili al controllo Tutti i soggetti analizzati e sottoposti al rinforzo hanno ottenuto dei risultati migliori rispetto ai gruppi di controllo degli studi, indipendentemente dal tempo trascorso dallo stroke.

19 Documentazione dei risultati Depressione Numero soggetti Effetti del rinforzo sulla depressione 49 Depressione (Geriatric Depression) La depressione è stata valutata con la Geriatric Depression Scale ed in un campione piuttosto ristretto. Nessun soggetto degli studi, trattato con il rinforzo ha riportato risultati migliori rispetto ai gruppi di controllo, mentre 49 cronici hanno avuto risultati simili. Numero dei soggetti con miglioramenti Numero di soggetti con risultati simili al controllo

20 Documentazione dei risultati Effetti del rinforzo sulla limitazione dell attività N umero dei soggetti Test del cammino (6'WT) 24 Velocità del cammino Salita delle scale Alzata dalla sedia Scale della limitazione dell'attività Numero dei soggetti con miglioramenti Numero dei soggetti con effetti simili al trattamento di controllo La limitazione dell attivit attività è stata valutata con l esecuzione l di alcune prestazioni funzionali e somministrando delle scale di valutazione. In tutte le prove i soggetti trattati con il rinforzo hanno riportato risultati migliori rispetto a quelli dei gruppi di controllo.

21 Documentazione dei risultati Cammino Effetti del rinforzo sui test e la velocità del cammino N umero dei soggetti Test del cammino (6'WT) Velocità del cammino Numero dei soggetti con miglioramenti Numero dei soggetti con effetti simili al trattamento di controllo Il cammino è stato valutato con i 2 2 o 6 6 walking test e con la velocità della deambulazione. I soggetti degli studi, trattati con il rinforzo, che hanno riportato risultati migliori rispetto ai gruppi di controllo degli studi sono soprattutto subacuti e cronici, mentre quelli con effetti simili sono tutti cronici.

22 Documentazione dei risultati Alzata dalla sedia e percorrenza scale Numero dei soggetti Effetti del rinforzo sull alzata dalla sedia e sulla percorrenza delle scale 77 2 Salita delle scale Alzata dalla sedia Numero dei soggetti con miglioramenti Numero dei soggetti con effetti simili al trattamento di controllo Queste attività sono state valutate in un campione piuttosto ristretto e di soli soggetti cronici. Il numero dei pazienti, trattati con rinforzo muscolare, e con risultati migliori rispetto ai gruppi di controllo è comunque superiore a quello dei soggetti con risultati simili.

23 Documentazione dei risultati Scale della limitazione dell attivit attività N u m e ro d e i s o g g e tti Effetti del rinforzo sulle scale della limitazione dell attivit attività Scale della limitazione dell'attività Numero dei soggetti con miglioramenti Numero dei soggetti con effetti simili al trattamento di controllo Le scale di valutazione utilizzate sono la FIM, l Indice di Barthel, il TEMPA, il Wolf Motor Function, LLDFI. Gran parte dei soggetti trattati con il rinforzo muscolare hanno riportato risultati migliori rispetto a quelli dei gruppi di controllo nei punteggi delle scale di valutazione: gli individui valutati erano sia acuti, che subacuti e cronici.

24 Documentazione dei risultati Scale della partecipazione sociale Numero soggetti Effetti del rinforzo sulle scale della partecipazione sociale Stadio acuto Stadio subacuto Numero di soggetti con effetti positivi 97 Stadio cronico Numero di soggetti che ebbero effetti simili a quelli del controllo L Human Activity Profile, il Nottingham Health Profile, la Self-Efficacy Scale sono le scale che si sono utilizzate per valutare la partecipazione sociale. I risultati ottenuti sono favorevoli al rinforzo muscolare, ma sono stati analizzati in un campione troppo ristretto e di soli pazienti cronici.

25 Criticità dello studio Principali limitazioni dello studio: Il campione dei soggetti dello studio ha caratteristiche eterogenee; Il training di rinforzo muscolare sono molto diversificati; alcune misure di outcome sono state valutate in campioni di soggetti troppo ristretti; non è stata valutata la permanenza degli effetti del rinforzo muscolare nel lungo termine; i dati degli articoli non sono supportati da una specifica analisi statistica.

26 Dagli studi analizzati in questa revisione della letteratura si deduce che il rinforzo muscolare nel paziente con esiti di stroke: riduce la menomazione; migliora l esecuzione l di alcune prestazioni funzionali; facilita la partecipazione ed il reinserimento sociale; NON ALTERA LA SPASTICITA. Conclusioni Considerando le criticità dello studio e queste conclusioni, sono necessari ulteriori studi clinici per approfondire maggiormente l argomento rinforzo muscolare nel paziente con stroke.

27 Ringraziamenti Lucia Bertozzi & Davide Mazzoli La mia famiglia L Ospedale Privato Tutti quelli che sanno di meritarsi un bel grazie! Una vita senza ricerca non è degna di essere vissuta Socrate

Chi sono i nostri utenti

Chi sono i nostri utenti Chi sono i nostri utenti anziani con età > 65/70 anni Con polipatologie Con cadute ripetute in anamnesi Già con storia di fr. di femore Con accidenti del sistema cardiovascolare Con esiti di ictus cerebri

Dettagli

ESERCIZIO TERAPEUTICO E TERAPIA MANUALE PER L OSTEOARTROSI DELL ANCA REVISIONE DELLA LETTERATURA

ESERCIZIO TERAPEUTICO E TERAPIA MANUALE PER L OSTEOARTROSI DELL ANCA REVISIONE DELLA LETTERATURA ESERCIZIO TERAPEUTICO E TERAPIA MANUALE PER L OSTEOARTROSI DELL ANCA REVISIONE DELLA LETTERATURA Parazza Sergio FT, Fisioterapista Romeo Antonio FT, Master in T.M. e Riabilitazione Muscoloscheletrica UNIPD

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con Il sottoscritto BERTOLIN ANNALISA ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara X che negli ultimi due anni NON

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena INSEGNAMENTO: SCIENZE INFERMIERISTICHE DELLA COMUNITA MODULO: INFERMIERISTICA CLINICA E RIABILITATIVA NELLA CRONICITA n. 2 CFU / n. ore 24 Docente:

Dettagli

Questionario Aziende Sanitarie 2006

Questionario Aziende Sanitarie 2006 Progetto STARTER - OR 1-21 Risultati R 1.1.1 e R 2.1.1 Acura di: Maria Grazia Benedetti, IOR Bologna Collaborazione alla stesura delquestionario eall invio alle aziende: Alberto Leardini, IOR Bologna Lisa

Dettagli

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Riabilitazione Respiratoria Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Definizione (American Thoracic Society) La riabilitazione polmonare è attività terapeutica multidisciplinare basata EBM, rivolta

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELLA SPASTICITA

IL TRATTAMENTO DELLA SPASTICITA IL TRATTAMENTO DELLA SPASTICITA Anna Vagnetti LAVORO DI EQUIPE SVOLTO DAI FISIOTERAPISTI DELL UNITA SPINALE DELL OSPEDALE S. CORONA DI PIETRA LIGURE: BERNARDIS E., DELL ANNO F., FIRPO L., MANDRACCIA S.,

Dettagli

GLI ASPETTI COGNITIVI LEGATI ALLA SCLEROSI MULTIPLA

GLI ASPETTI COGNITIVI LEGATI ALLA SCLEROSI MULTIPLA GLI ASPETTI COGNITIVI LEGATI ALLA SCLEROSI MULTIPLA «FUNZIONE RESPIRATORIA ED EFFETTI DEL TRAINING AEROBICO IN ACQUA IN PAZIENTI CON SCLEROSI MULTIPLA A BASSA DISABILITÀ AFFETTI DA FATIGUE» Firenze, 13

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE Maria Francesca de Pandis

LA RIABILITAZIONE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE Maria Francesca de Pandis LA RIABILITAZIONE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE Maria Francesca de Pandis Unità Operativa Riabilitazione Parkinson - San Raffaele, Cassino (FR) Nonostante gli sforzi fatti dalla ricerca in ambito farmacologico

Dettagli

OBSERVATION TREATMENT (AOT)

OBSERVATION TREATMENT (AOT) ABSTRACT Valutazione dell efficacia dell ACTION OBSERVATION TREATMENT (AOT) sull impairment funzionale in pazienti con Demenza di Alzheimer di grado lieve-moderato - Studio randomizzato e controllato Il

Dettagli

Massimo Majocchi, BSc, Kabiria Donati, BSc Luca Scascighini, MPtSc, BSc

Massimo Majocchi, BSc, Kabiria Donati, BSc Luca Scascighini, MPtSc, BSc VALUTAZIONE FUNZIONALE DEGLI ARTI INFERIORI CON LO STAR EXCURSION BALANCE TEST (SEBT) IN SOGGETTI CON UNA DISTORSIONE DELLA CAVIGLIA E SOGGETTI SANI: UN ANALISI CROSS-SECTIONAL Massimo Majocchi, BSc, Kabiria

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE COGNOME NOME FEGGI ERALDA Professione : CPSE FISIOTERAPISTA Sede lavorativa AZ. OSPEDALIERA MAGGIORE Tel.: 03213733303 CURRICULUM CURRICULUM PROFESSIONALE La sottoscritta FEGGI ERALDA in servizio presso

Dettagli

Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer

Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer FT Anita Birignani ASP Montedomini Firenze Centro Diurno Alzheimer custodia o cura Uno sguardo alla letteratura Criticità La teoria applicata alla

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile La prevenzione della disabilità nell anziano fragile: sperimentazione di un modello in due Società della Salute Firenze - 4 maggio 2011 I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano

Dettagli

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich Attività Adattata Lezione 1 a.a. 2013-2014 Monica Emma Liubicich Secondo le Nazioni Unite i disabili nel mondo sono 650 milioni: 10% della popolazione In Italia circa 3.000.000, il 4,8% della popolazione

Dettagli

ROMA 27-28 marzo 2014

ROMA 27-28 marzo 2014 ROMA 27-28 marzo 2014 Fragilità, disfunzione muscolare e ruolo dell esercizio nella CKD come adiuvante al supporto nutrizionale Giuliano Brunori S.C. di Nefrologia e Dialisi, Ospedale Santa Chiara, Trento

Dettagli

muscolo-scheletrichescheletriche

muscolo-scheletrichescheletriche Abilità motorie e problematiche muscolo-scheletrichescheletriche Dr. Ilaria Baroncini Dr. Silvia Olivi Abilità motorie La lesione midollare (SCI) accentua il calo fisiologico dei diversi apparati causati

Dettagli

Efficacia degli interventi per la prevenzione della disabilità nell anziano fragile Revisione sistematica della letteratura.

Efficacia degli interventi per la prevenzione della disabilità nell anziano fragile Revisione sistematica della letteratura. Efficacia degli interventi per la prevenzione della disabilità nell anziano fragile Revisione sistematica della letteratura Claudia Dellisanti Università degli Studi di Firenze Firenze 04052011 Progetto

Dettagli

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi G Ital Nefrol 2011; 28 (5): 531-536 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA LE META-ANALISI Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi CNR-IBIM, Unità di Ricerca di

Dettagli

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS Dott. Maurizio Ricci U. O. Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero- Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona

Dettagli

La malattia di Parkinson (mp) è una malattia

La malattia di Parkinson (mp) è una malattia Malattia di Parkinson: il treadmill plus nella riabilitazione del cammino Giuseppe Frazzitta Gabriella Bertotti La malattia di Parkinson (mp) è una malattia degenerativa che interessa i neuroni dopaminergici

Dettagli

Dott. ALESSANDRO PICELLI Curriculum vitae et studiorum

Dott. ALESSANDRO PICELLI Curriculum vitae et studiorum Dott. ALESSANDRO PICELLI Curriculum vitae et studiorum Data di nascita: 18 luglio 1978 Luogo di nascita: Rovigo (Ro) TITOLI Maturità Scientifica conseguita presso il Liceo Scientifico P. Paleocapa di Rovigo

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA - SEDE FORMATIVA DI NOVARA ANNO ACCADEMICO 2015/16 PERSONALE DIRIGENTE

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA - SEDE FORMATIVA DI NOVARA ANNO ACCADEMICO 2015/16 PERSONALE DIRIGENTE Anno di 1 I 1 I ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA - SEDE FORMATIVA DI NOVARA Semestre Attività di Complemento richiesta n ore Prof ilo professionale richiesto Esercitazioni

Dettagli

scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento

scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento Cos è L ambulatorio dedicato ai pazienti affetti da malattia di Parkinson e disordini del

Dettagli

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Roma, 15 luglio 2005 La Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

Scaricato da Sunhope.it ATTACCO ISCHEMICO TRANSITORIO DIAGNOSI ICTUS

Scaricato da Sunhope.it ATTACCO ISCHEMICO TRANSITORIO DIAGNOSI ICTUS ICTUS improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit focale e/o globale (coma) delle funzioni cerebrali, di durata superiore alle 24 ore o ad esito infausto, non attribuibile ad altra causa

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA Ft GABRIELLA PISU Dipartimento Recupero e Riabilitazione Funzionale A.S.O. CTO-M.Adelaide Direttore: Dott.ssa M.V. Actis 2 Corso

Dettagli

Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00

Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00 Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00 1 Sicurezza domiciliare tra domotica e superamento delle barriere architettoniche Dr. Angelo Montesano, Responsabile Servizio

Dettagli

Disturbi dell equilibrio nell anziano: aspetti riabilitativi

Disturbi dell equilibrio nell anziano: aspetti riabilitativi Arcispedale S. Anna Dipartimento Neuroscienze/Riabilitazione Settore di Medicina Riabilitativa San Giorgio Referente: Prof. Nino Basaglia Disturbi dell equilibrio nell anziano: aspetti riabilitativi Lavezzi

Dettagli

L intervento riabilitativo nel paziente con SLA SLA 2010 DALLA RICERCA ALLE CURE PALLIATIVE -30 ottobre 2010- Livia Colla SOC Medicina Riabilitativa-P.O.Casale M.to- ASLAL Riabilitazione un processo di

Dettagli

Ft. dott. G. Belgiovine Case Manager geriatrico

Ft. dott. G. Belgiovine Case Manager geriatrico Direzione Sanitaria 800. 49. 49. 49 www.consorziosanraffaele.it Distretto Sanitario 2 Ft. dott. G. Belgiovine Case Manager geriatrico Noicattaro (BA) 31 gennaio, 1 2 febbraio 2013 SCOPO: La valutazione

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER)

Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER) Ricerca corrente 2014 Titolo: Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER) Anagrafica progetto: Responsabile Progetto:

Dettagli

Attività fisica e prevenzione dei processi di invecchiamento. A.Zadini

Attività fisica e prevenzione dei processi di invecchiamento. A.Zadini Attività fisica e prevenzione dei processi di invecchiamento A.Zadini Exercise and Life-Satisfactory-Fitness: Complementary Strategies in the Prevention and Rehabilitation of Illnesses.( Jennen, Uhlenbruck,

Dettagli

PROGETTI DI SETTORE - ANNO 2012 Analisi consuntiva

PROGETTI DI SETTORE - ANNO 2012 Analisi consuntiva Istituto delle Suore Francescane di Cristo Re Casa di Riposo Villa Bianca Via Bellavista, 8 31020 Tarzo (TV) Tel. 0438/587101 Fax 0438/587617 PROGETTI DI SETTORE - ANNO 2012 Analisi consuntiva Area: FISIOTERAPIA

Dettagli

Quante sono le persone con disabilità psichica in Italia?

Quante sono le persone con disabilità psichica in Italia? Quante sono le persone con disabilità psichica in Italia? E. De Palma, A. Battisti, A. Solipaca Istat Convegno «L inserimento socio-lavorativo delle persone con disturbo psichico» 3 giugno 2015 I numeri

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS

LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS E SUL PIU BELLO ARRIVA L ICTUS L MA L ANZIANO, PER FORTUNA E E SANO COME UN PESCE. SARA SANO MA L ESSERE L ANZIANO COMPORTA DI PER SE QUALCHE MODIFICA DI

Dettagli

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Corso di Formazione ATTIVITÀ MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI Milano, 5 Ottobre 2013 L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Filippini Federico Dottore Magistrale

Dettagli

Pusher Behavior Quale Riabilitazione?

Pusher Behavior Quale Riabilitazione? Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico-assistenziale Centro Studi EBN Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola - Malpighi Pusher Behavior Quale

Dettagli

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Gemona del Friuli, 11 Maggio 2010 Giancarlo Miglio I DETERMINANTI DELL EVOLUZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI SANITARI CAMBIAMENTI EPIDEMIOLOGICI RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

IL RE-INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE DA LAVORO: ATTUALITA E PROSPETTIVE. L UTILIZZO DELLA CLASSIFICAZIONE ICF DELL OMS

IL RE-INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE DA LAVORO: ATTUALITA E PROSPETTIVE. L UTILIZZO DELLA CLASSIFICAZIONE ICF DELL OMS Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus IRCCS S.Maria Nascente, Milano. DISABILITA E ACCOMODAMENTO RAGIONEVOLE: DAGLI AMBIENTI DI VITA AI LUOGHI DI LAVORO IL RE-INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE DA LAVORO:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Verona Effetti della musicoterapia nella gestione del dolore da cancro: revisione della letteratura Relatore:Assunta Biasi Laureanda:

Dettagli

Attività Fisica Adattata(AFA) un opportunità per promuovere la salute nella disabilità:

Attività Fisica Adattata(AFA) un opportunità per promuovere la salute nella disabilità: Attività Fisica Adattata(AFA) un opportunità per promuovere la salute nella disabilità: il progetto veneziano Giampietro Bonivento Direttore UO Medicina Riabilitativa Ospedale Classificato «Villa Salus»

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON

LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON Emanuela Bartolomucci terapista occupazionale Angela Parlapiano logopedista Isabella Valenza fisioterapista Alberto Busetto fisioterapista RIABILITAZIONE Processo

Dettagli

Evento formativo: Corso Bobath Livello base Sala Meeting Centro Le Querciole - Ghezzano, Pisa gennaio aprile 2014

Evento formativo: Corso Bobath Livello base Sala Meeting Centro Le Querciole - Ghezzano, Pisa gennaio aprile 2014 Responsabile Scientifico/ Docente: Dott.ssa Claudia Biricolti Fisioterapista Codice Fiscale BRC CLD 69P55 D612 W Razionale Scientifico / Finalità del Corso Evento formativo: Corso Bobath Livello base Sala

Dettagli

Gloreha: Domande Frequenti

Gloreha: Domande Frequenti Gloreha: Domande Frequenti 1. Come lavora Gloreha?... 2 2. Perché Gloreha è diverso da un semplice mobilizzatore passivo?... 2 3. Quali sono i benefici che l utilizzo di Gloreha può portare?... 3 4. Quali

Dettagli

Cifosi, mobilità, equilibrio e disabilità

Cifosi, mobilità, equilibrio e disabilità Cifosi, mobilità, equilibrio e disabilità Is kyphosis related to mobility, balance, and disability? Eum R, Leveille SG, Kiely DK, Kiel DP, Samelson EJ, Bean JF Am J Phys Med Rehabil. 2013 Nov;92(11):980-9.

Dettagli

ABSTRACT DI UNA RICERCA SPERIMENTALE SU: IL METODO FELDENKRAIS NEL TRATTAMENTO DELLA LOMBALGIA E CERVICALGIA

ABSTRACT DI UNA RICERCA SPERIMENTALE SU: IL METODO FELDENKRAIS NEL TRATTAMENTO DELLA LOMBALGIA E CERVICALGIA ABSTRACT DI UNA RICERCA SPERIMENTALE SU: IL METODO FELDENKRAIS NEL TRATTAMENTO DELLA LOMBALGIA E CERVICALGIA Abbiamo sentito l esigenza di sottoporre alla vostra attenzione i risultati di questa ricerca

Dettagli

TRATTAMENTI RIABILITATIVI NELLA SCLEROSI MULTIPLA: A CHE PUNTO SIAMO?

TRATTAMENTI RIABILITATIVI NELLA SCLEROSI MULTIPLA: A CHE PUNTO SIAMO? TRATTAMENTI RIABILITATIVI NELLA SCLEROSI MULTIPLA: A CHE PUNTO SIAMO? Marco Rovaris Centro SM UO Riabilitazione Neuromotoria IRCCS Santa Maria Nascente Fondazione Don Gnocchi - Milano Riduzione dei sintomi

Dettagli

LA VALUTAZIONE IN TO

LA VALUTAZIONE IN TO Schedule LA VALUTAZIONE IN TO T.O. Ciol Francesca Ass. La Nostra Famiglia S. Vito al T. (Pn) Docente e Tutor Corso di Laurea di T.O. Padova - Conegliano Milano, 23 maggio 2009 VALUTAZIONE Processo di osservazione

Dettagli

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Tesi di laurea La Sclerosi Multipla: disturbi cognitivi, dell'umore e d'ansia Relatore Prof.ssa

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE DELLA DOTT.SSA LUCIANA LEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome LUCIANA Cognome LEO Nata a COSENZA il 24/12/1956 Residente in VIALE RESISTENZA 114, 87040 CASTROLIBERO ( CS ) Tel. Ab. 0984/852875

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Consegue la Maturità Scientifica nell anno 1989 presso il Liceo Scientifico L. Da Vinci di Crema.

CURRICULUM VITAE. Consegue la Maturità Scientifica nell anno 1989 presso il Liceo Scientifico L. Da Vinci di Crema. CURRICULUM VITAE ELIANA ROVEDA Ricercatore Confermato in Scienze Tecniche Mediche Applicate - MED 50 Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTESANO MARIA Indirizzo VIA privata G.B.Prandina, 33 20128 Milano Telefono +39 333 6466438 Fax E-mail mariamontesano.ft@gmail.com

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE «ERICA» Programmi di Educazione, Riabilitazione, Integrata, Comunitaria Adattata

PROGETTO SPERIMENTALE «ERICA» Programmi di Educazione, Riabilitazione, Integrata, Comunitaria Adattata PROGETTO SPERIMENTALE «ERICA» Programmi di Educazione, Riabilitazione, Integrata, Comunitaria Adattata Promozione della salute del Dipartimento di Prevenzione Progetto sperimentale «ERICA» Si caratterizza

Dettagli

Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno

Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno La perdita del seno comporta per la Donna un grave danno psicologico con le conseguenze che nella sua vita di relazione tutto si sconvolge, e spesso

Dettagli

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente l assenza di malattia

Dettagli

TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 3 SU EBM

TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 3 SU EBM TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 3 SU EBM 3.1 Test di conoscenza sulla EBM 1) Quali sono i due modi principali in cui viene tradotto in italiano Evidence-Based medicine?: a) b) 2) Quali sono

Dettagli

Qualità di vita e ICF in pazienti oncologici ICF (International Classification of Functioning Disability and Health)

Qualità di vita e ICF in pazienti oncologici ICF (International Classification of Functioning Disability and Health) Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico-assistenziale Centro Studi EBN Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola - Malpighi Qualità di vita e ICF

Dettagli

Daniele Migliarini, Fisioterapista. U.O. Servizio Recupero e Rieducazione Funzionale Domus Salutis - Brescia

Daniele Migliarini, Fisioterapista. U.O. Servizio Recupero e Rieducazione Funzionale Domus Salutis - Brescia Daniele Migliarini, Fisioterapista U.O. Servizio Recupero e Rieducazione Funzionale Domus Salutis - Brescia Definizione di Riabilitazione cardiologica Somma degli interventi richiesti per garantire le

Dettagli

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA L alunno disabile chi è, com è, cosa fare 21 novembre 2013 DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA FT Dott. Andrea Menon Ass. La Nostra Famiglia _ Padova Definizione di funzione: Soluzione operativa

Dettagli

QUADRO EPIDEMIOLOGICO DELLA MALATTIA DI CREUTZFELDT- JAKOB E SINDROMI CORRELATE

QUADRO EPIDEMIOLOGICO DELLA MALATTIA DI CREUTZFELDT- JAKOB E SINDROMI CORRELATE QUADRO EPIDEMIOLOGICO DELLA MALATTIA DI CREUTZFELDT- JAKOB E SIDROMI CORRELATE EMILIA-ROMAGA, 1 GEAIO 2010-31 DICEMBRE 2012 Segnalazioni di MCJ el periodo 2010-2012 sono pervenute al Sevizio Sanità pubblica

Dettagli

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Promuovere il movimento per guadagnare salute Daniela Galeone Programma Ministero In Forma 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Le malattie croniche: un allarme mondiale - 57 milioni di

Dettagli

GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area

GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area Unità di Riabilitazione Gravi Disabilità dell Età Evolutiva Az.Osp. S.Maria Nuova Reggio Emilia Direttore prof. Adriano Ferrari In riabilitazione

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

S. Vecchi, AM. Bargagli, M. Leone, P. Michelozzi AIE- Bari 29-31 ottobre 2012

S. Vecchi, AM. Bargagli, M. Leone, P. Michelozzi AIE- Bari 29-31 ottobre 2012 UNO STUDIO CASE-CROSSOVER PER L IDENTIFICAZIONE DEI FATTORI DI SUSCETTIBILITÀ ALLE ONDATE DI CALORE NELLA POPOLAZIONE ANZIANA A ROMA NEGLI ANNI 2007-2011 S. Vecchi, AM. Bargagli, M. Leone, P. Michelozzi

Dettagli

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE

Dettagli

Il sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica a Trieste

Il sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica a Trieste Il sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica a Trieste Struttura Complessa Servizio Infermieristico Aziendale Strutture Operative Distretto 1-2 - 3-4 Mislej M, Trabona R, Ballarin

Dettagli

ESPERIENZA LAVORATIVA

ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CHENDI ROSALIA Indirizzo Via Marconi 48 21054 FAGNANO OLONA (VARESE) -ITALIA Telefono 338-7432276 C.F. CHN RSL 52A43 D467E E-mail r.chendi@alice.it

Dettagli

Fosero Elena CF FSRLNE70E56B841O

Fosero Elena CF FSRLNE70E56B841O Strada Benevagienna 12 12061 Carrù (cn) Tel.: 3332614211 E-mail: elenafosero@libero.it Fosero Elena CF FSRLNE70E56B841O Informazioni personali Stato civile: Coniugata Nazionalità: Italiana Data di nascita:

Dettagli

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano Ernesto Palummeri Dipartimento Interaziendale di Gerontologia e Geriatria ASL 3 Genovese

Dettagli

Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). 57 Congresso Nazionale SIGG Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Milano, 21-24 Novembre 2012 Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da

Dettagli

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE.

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. Premesse teoriche Nella letteratura recente si trovano

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM

ALMA MATER STUDIORUM ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE DELLA TERAPIA INTRATECALE (T.I.T.) NEL BAMBINO AFFETTO

Dettagli

Valutazione dell outcome riabilitativo nell ictus ischemico ed emorragico in termini di efficacia ed efficienza del trattamento

Valutazione dell outcome riabilitativo nell ictus ischemico ed emorragico in termini di efficacia ed efficienza del trattamento L Unità Operativa di Medicina Riabilitativa della nostra Casa di Cura Lay di Cagliari ha presentato nell ambito della Conferenza Nazionale sull Ictus Cerebrale STROKE 2009 tenutasi a Firenze Fiera il 12

Dettagli

La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA

La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA Carlo Fiori Elisa De Maestri Maria Teresa Parolini Rita Bormolini I dati oggetto del nostro studio si riferiscono al quinquennio 2006-2010 e riguardano un campione

Dettagli

benefici e rischi Bissolotti L., Passeri E.W., Calabretto C.,Chiari S. Domus Salutis Brescia

benefici e rischi Bissolotti L., Passeri E.W., Calabretto C.,Chiari S. Domus Salutis Brescia L attività fisica adattata: analisi dei benefici e rischi Bissolotti L., Passeri E.W., Calabretto C.,Chiari S. Domus Salutis Brescia Figura sanitaria Gestore risorse Attività fisica adattata Pubblico Paziente

Dettagli

ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI. critical appraisal BOSCARO GIANNI 1

ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI. critical appraisal BOSCARO GIANNI 1 ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI critical appraisal BOSCARO GIANNI 1 BOSCARO GIANNI 2 Analisi Statistica analisi descrittiva: descrizione dei dati campionari con grafici,

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta Zanetti E*., Zani M*., Negri E.^, Trabucchi M.* *Gruppo

Dettagli

M O D E L L O P E R I L

M O D E L L O P E R I L M O D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome AIRAGHI BARBARA Data di nascita 12/08/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Medico fisiatra Numero telefonico

Dettagli

La riabilitazione neuromotoria nel Parkinson e nei Parkinsonismi Riabilitazione individuale e di gruppo

La riabilitazione neuromotoria nel Parkinson e nei Parkinsonismi Riabilitazione individuale e di gruppo La malattia di Parkinson e i Parkinsonismi. Dalla corretta diagnosi ai modelli assistenziali Fondazione Madre Cabrini ONLUS Sant Angelo Lodigiano (LO) 12-13 ottobre 2006 La riabilitazione neuromotoria

Dettagli

9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e Innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica

9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e Innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica 9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e Innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 14 marzo 2014 Health Technology Assessment per la riorganizzazione dei servizi: il caso del Day

Dettagli

L ospedalizzazione ed i percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con ictus in Toscana

L ospedalizzazione ed i percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con ictus in Toscana Volterra, 17 maggio 2007 L ospedalizzazione ed i percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con ictus in Toscana Paolo Francesconi ARS Osservatorio Epidemiologia 1. L Ospedalizzazione nella fase

Dettagli

Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica. www.gstmonline.it

Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica. www.gstmonline.it Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica www.gstmonline.it La Scuola di Formazione Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica GSTM è un percorso quadriennale in Terapia Manuale e Fisioterapia

Dettagli

Ionorisonanza Ciclotronica e Sclerosi Multipla. 10 anni di esperienza al Centro Franca Martini di Trento

Ionorisonanza Ciclotronica e Sclerosi Multipla. 10 anni di esperienza al Centro Franca Martini di Trento S.I.B.E. ATTI III CONVEGNO NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA BIOFISICA ELETTRODINAMICA BOLOGNA, 20 NOVEMBRE 2010 Ionorisonanza Ciclotronica e Sclerosi Multipla. 10 anni di esperienza al Centro Franca Martini

Dettagli

Dr. Francesca Bertolin Cardiologia Riabilitativa Fondazione Salvatore Maugeri Presidio Major Torino

Dr. Francesca Bertolin Cardiologia Riabilitativa Fondazione Salvatore Maugeri Presidio Major Torino RIABILITAZIONE CARDIOLOGICA DEGENZIALE (CR) IN PAZIENTI SOTTOPOSTI AD IMPIANTO TRANSCATETERE DI VALVOLA AORTICA (TAVI) CONFRONTATI CON PAZIENTI SOTTOPOSTI A SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA PER VIA CHIRURGICA

Dettagli

Cosa intendiamo per fragilità

Cosa intendiamo per fragilità Fragilità in Toscana: linee guida e esperienze Pisa, 10 novembre 2012 Cosa intendiamo per fragilità Enrico Mossello Unità Funzionale di Gerontologia e Geriatria Università degli Studi di Firenze Aspettativa

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI Cognome e nome Boccignone Alessandro Data di nascita 06-03-1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Medico Azienda U.L.S.S. 10 Veneto Orientale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO A cura di: dr Luciano Bissolotti Prima di prescrivere un programma d allenamento è necessaria una accurata valutazione clinica. In particolare, la

Dettagli

In memoria di Silvia Ciairano

In memoria di Silvia Ciairano 5 Marzo 2014 Consiglio dei Seniores Città di Torino Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Torino IL PROGETTO «ACT ON AGEING» INVECCHIARE ATTIVAMENTE Una potenziale strategia per affrontare

Dettagli

I GRUPPI DI CAMMINO. Promozione dell attività fisica negli anziani a Torino. Rosa D Ambrosio

I GRUPPI DI CAMMINO. Promozione dell attività fisica negli anziani a Torino. Rosa D Ambrosio I GRUPPI DI CAMMINO Promozione dell attività fisica negli anziani a Torino Rosa D Ambrosio GLI STILI DI VITA Gli stili di vita rappresentano un fattore determinante della salute che può essere modificato

Dettagli

Scrivanie regolabili in altezza

Scrivanie regolabili in altezza Scrivanie regolabili in altezza - aggiungi benessere, attività fisica e comfort alla tua giornata lavorativa LINEAR ACTUATOR TECHNOLOGY Negli ambienti di lavoro moderni l ufficio è diventato molto più

Dettagli

Gestione riabilitativa dell ictus cerebrale

Gestione riabilitativa dell ictus cerebrale AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI UOC Medicina Fisica e Riabilitativa Gestione riabilitativa dell ictus cerebrale Revisione 2009 Ictus ICD9: 436-438.9 Improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili

Dettagli