Nel mondo delle parole

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nel mondo delle parole"

Transcript

1 Nel mondo delle parole S in dai primi anni di scolarità, i bambini hanno una naturale predisposizione a riflettere sulla lingua. È su queste attitudini che l insegnante si può basare per condurre gradualmente l allievo verso forme di grammatica esplicita. Si tratta di un affermazione importante delle Indicazioni nazionali per il curricolo: all inizio della scuola primaria, infatti, spesso la riflessione linguistica viene tralasciata in quanto si è molto preoccupati di insegnare a leggere e scrivere. Occorre invece abituare i bambini a riflettere, privilegiando il livello lessicale-semantico. Classificare le parole Proponiamo la filastrocca La frutta con sbaglio per avviare un percorso sulla classificazione con le parole. Prima di leggerla prepariamo il materiale utile: circa cinquanta cartoncini, completi di immagine e parola, relativi ai ventisei frutti e all aglio nominati nella filastrocca, e a ortaggi vari (questi ultimi serviranno anche per un attività successiva). Mescoliamo i cartoncini e distribuiamoli agli alunni suddivisi in tre gruppi. La frutta con sbaglio Mandarino, Pompelmo, Lampone, Fragola, Arancia, Limone, Cocomero, Mela, Melone. Mela cotogna, Melagrana, Fico, Pesca, Banana. Ciliegia, Marasca, Pera, Uva Bianca, Uva Nera. Noce, Nocciola, Nocciolina, Castagna, Loto, Susina, Albicocca, Aglio. Però c è uno sbaglio. Grossi L. (1980). Giocare con le parole. Roma: Armando 8 I quaderni di La Vita Scolastica Leggiamo la filastrocca e chiediamo di ascoltare attentamente. A mano a mano, i bambini devono pescare, dal mucchietto di cartoncini in possesso del gruppo, quelli di cui sentono il nome. Alla fine ogni bambino avrà almeno un cartoncino (qualcuno ne avrà due, se la classe ha meno di ventisei alunni). È probabile che alcuni frutti non siano conosciuti, occasione utile per arricchire il lessico: spieghiamo, per esempio, che susina è un altro nome con cui viene chiamata la prugna; così come loto è un altro nome usato per indicare il caco. Della marasca diciamo che si tratta di una varietà di ciliegia dalla polpa succosa e acidula, da cui si ottiene un liquore (il maraschino). E, a proposito della mela cotogna, chiediamo ai bambini se, tra ottobre e novembre, hanno visto dal fruttivendolo una sorta di strano frutto, simile a un misto tra pera e mela, da cui si fa la cotognata, e il cui albero è il cotogno. Poi invitiamo i bambini a rispondere ad alcune domande: Perché nella filastrocca si dice che c è uno sbaglio? Le parole che avete ascoltato suonano bene tra loro? Se volessimo scrivere su un foglio le parole della filastrocca accompagnate dal disegno, potremmo metterle tutte insieme in un grande cerchio? Starebbero bene? O invece c è qualche parola (e relativo disegno) che non va d accordo con tutte le altre? Perché?.

2 class e 1 Forma e significato La generalizzazione Conduciamo gli alunni, con le nostre domande, a esprimersi facendo osservazioni relative a due aspetti delle parole della filastrocca, la forma e il significato: suonano tutte bene perché sono in rima (finiscono con gli stessi suoni nella parte finale); tranne una, si riferiscono tutte a nomi di frutti. L aglio, infatti, non è un frutto, perciò non possiamo mettere aglio nel grande cerchio delle parole che indicano i frutti. Attacchiamo i cartoncini con i nomi dei frutti a un cartellone appeso al muro. Invitiamo i bambini a proseguire con le esercitazioni sul quaderno: possono scrivere autonomamente (o copiare) le parole in diversi cerchi, in base a specifiche consegne. Il criterio di raggruppamento può essere la lettera iniziale, quella finale, le lettere doppie contenute in alcune parole ecc. Lavoriamo ancora con i cartoncini, con le parole e i disegni degli ortaggi. Fissiamo alla parete un cartellone e attacchiamo i cartoncini. Leggiamo insieme le parole, poi chiediamo: Perché abbiamo messo insieme questi cartoncini? Che cosa rappresentano? Dove si coltivano? A che cosa servono?. SCRIVI I NOMI DEI FRUTTI CHE FINISCONO CON A SCRIVI I NOMI DEI FRUTTI CHE FINISCONO CON E Tutti insieme, proviamo a dare un unico nome all intero gruppo. Potrà venir fuori il termine verdure ; cerchiamo di insistere sul fatto che queste verdure sono coltivate negli orti, per far emergere la parola ortaggi come termine generale rispetto a quello specifico di ogni oggetto contenuto nel cerchio. Chiediamo ai bambini di copiare sul quaderno disegni e nomi, racchiudendoli in un insieme di colore rosso. L attività può continuare in vari modi. Per esempio: facciamo disegnare sul quaderno gli spinaci, poi domandiamo: Possiamo disegnarli nel cerchio? Perché? ; facciamo disegnare una banana e, prima di farlo, domandiamo di nuovo se è possibile inserirla nel cerchio o no. Alla stessa maniera i bambini potranno disegnare una mela, un panino L esercizio è funzionale a un ulteriore attività di W la grammatica! 9

3 Nel mondo delle parole classificazione e generalizzazione: chiediamo di tracciare, con il colore verde, un cerchio grande che racchiuda tutti i disegni e le parole. Domandiamo: Che nome possiamo dare a ciò che è contenuto nel cerchio verde?. Emergerà probabilmente Cibi o Cose che si mangiano. Concordiamo la parola da scrivere nel cerchio grande come se si trattasse di un etichetta, portando i bambini a conoscere e usare il termine generale Alimenti, che ha lo stesso significato di Cibi. ALIMENTI ORTAGGI Parole come etichette Discutiamo con i bambini chiedendo perché è necessario usare le parole più generali che ne comprendono altre, e quando è necessario farlo. Per aiutarli a rispondere, ipotizziamo una scenetta: il signor Bianchi entra da un fioraio a comprare delle rose da regalare alla moglie per il suo compleanno. Ne ha viste in vetrina alcune rosse molto belle. Facciamo impersonare a due bambini l acquirente e il negoziante: che cosa chiederà il signor Bianchi? Dirà: Vorrei dei fiori oppure: Vorrei delle rose? O, ancora: Vorrei quelle rose rosse che sono in vetrina?. Un altra scena può essere interpretata da una bambina che riferisce all insegnante di aver cambiato casa, e descrive la situazione del trasloco. Chiediamo: Secondo voi dirà: Ieri è venuto il camion dei traslochi e gli operai hanno caricato i 10 I quaderni di La Vita Scolastica mobili ; oppure: Ieri è venuto il camion dei traslochi e gli operai hanno caricato il letto, i comodini, gli armadi, il tavolo, le sedie ecc., con un elenco che non finisce più?. Facciamo insieme varie ipotesi e, alla fine, concordiamo sul fatto che, a volte, è necessario utilizzare le parole specifiche, per essere precisi e consentire agli altri di capire (come farebbe altrimenti il fioraio a sapere quali fiori vuole comprare il signor Bianchi?). Altre volte, invece, è utile usare le parole più generali. Lavoriamo ancora sul piano dei significati con il supporto della scheda 1, nella quale sono illustrati alcuni prodotti del banco salumi e formaggi di un negozio. Discutiamo insieme per descrivere che cosa è disegnato e quali parole possiamo usare. La parola formaggio è sicuramente più familiare rispetto a salumi, ma non è difficile capire e usare il termine salumi perché imparentato con salame, noto ai bambini. Diamo quindi ai bambini la scheda 2 e individuiamo il nome latticini per tutti i prodotti ricavati dal latte. Osserviamo infatti che nel banco del negozio ci sono formaggi a pasta dura e molle, il parmigiano e il pecorino, ma anche la mozzarella; e ci sono la ricotta e il burro, che si ricavano sempre dal latte, ma con un diverso procedimento. Ampliamo poi l attività con un esercizio di partizione relativo alla forma delle parole. Stimoliamo i bambini a osservare che, nell intersezione, c è una parola, burro, che finisce con la lettera O e contiene le lettere doppie.

4 class e 1 scheda 1 tanti nomi diversi OSSERVA L IMMAGINE. CHE COSA SI VENDE IN QUESTO NEGOZIO? COMPLETA le due etichette CON UN NOME GENERALE scheda 2 parole amiche del latte Scrivi sull etichetta il nome che comprende tutti i prodotti ricavati dal latte. cerchia con Il rosso le parole che contengono le lettere doppie E CoN Il verde QUELLE che finiscono in O. BURRO RICOTTA... PECORINO CACIOTTA PARMIGIANO MOZZARELLA W la grammatica! 11

5 I pezzi delle parole Abbiamo svolto finora attività di riflessione sulla lingua mirate allo sviluppo della capacità dei bambini di compiere operazioni cognitive di diverso tipo. E ciò nell ottica di una interconnessione tra linguaggio e pensiero, rapporto stretto e di natura circolare. Proseguiamo adesso utilizzando il gioco linguistico. Dopo i primi mesi di scuola i bambini cominciano a conoscere e usare le lettere e i suoni dell alfabeto. Proponiamo attività finalizzate a farli giocare con tali lettere e suoni come se fossero pezzi di un gioco, che possono essere combinati in modo diverso per ottenere oggetti diversi costituiti dalle parole. Scomporre e ricomporre Fotocopiamo su un cartoncino la scheda 3 della pagina accanto e facciamo ritagliare i quattro pezzi. Invitiamo ogni bambino a provare le possibili combinazioni: ROSA RASO ORSA ARSO SARO. Il fenomeno che gli alunni cominciano a intuire è di estrema importanza: le singole unità /r/, /o/, /s/, /a/ non hanno alcun significato se prese a sé. Se combinate tra loro, invece, formano parole. Ogni parola avrà un determinato significato in relazione a come i pezzi sono stati mescolati. Gli alunni possono così scoprire le innumerevoli possibilità espressive della nostra lingua. Quando troviamo parole non note forniamo spiegazioni e facciamo conoscere nuovi significati. Incontrando arso, per esempio, diciamo che significa bruciato dal fuoco, e proponiamo una frase del tipo: Il fuoco ha arso una capanna di paglia nel bosco. Possiamo anche aggiungere che si dice Il sole ha arso le piante per indicare che il calore le ha fatte seccare. Alla stessa maniera spieghiamo che molti abiti da sposa sono fatti di raso, che è una stoffa liscia e lucente. La parola orsa, invece, che indica la femmina dell orso, non dovrebbe dare problemi perché si tratta di un animale molto conosciuto. Possiamo approfittarne per chiedere ai bambini che cosa sanno di questo animale e farne esplicitare le caratteristiche. Ma soprattutto abbiamo l occasione per riflettere insieme sull uso figurato della parola. Chiediamo perché a volte si dice: Quando cammini mi sembri un orso oppure: Non vuoi mai venire al parco con noi. Resti sempre a casa. Sei proprio un orso!. Discutiamone con i bambini facendo varie ipotesi e poi tiriamo le somme: le due persone e l orso hanno caratteristiche comuni, si somigliano. Infatti nel primo caso ci riferiamo a una persona goffa e impacciata nel camminare; nel secondo caso, invece, a una persona scorbutica e scontrosa: si sa che l orso passa molto tempo da solo, infatti ama dormire a lungo nella sua caverna quando va in letargo. 12 I quaderni di La Vita Scolastica

6 classe 1 Il puzzle delle parole scheda 3 Ritaglia i quattro pezzi e mettili insieme in tanti modi diversi. Quali parole ottieni? o S A R Continuiamo il lavoro con altri cartoncini da manipolare, con lettere adesive da spostare sulla lavagna magnetica, con esercizi su scheda e con le lettere di semplici parole quali, per esempio, Remo More, Nodo Dono, Nave Vena, Toro, Orto, Mela Lame. Ogni volta, dopo aver scoperto le diverse parole, discutiamo sul significato e proviamo a far produrre delle frasi in cui sia inserita la parola trovata. Nella scheda 4, per esempio, le diverse combinazioni portano a Ramo, Roma, Omar e Mora. I bambini potranno scrivere: Roma è una città, Omar è il nome di un bambino ecc. W la grammatica! 13

7 I pezzi delle parole Parole misteriose Segui i fili di ogni lettera e forma le parole. scheda 4 A R O M A R O M A R O M A R O M 14 I quaderni di La Vita Scolastica

8 classe 1 Il gioco di sostituzione I bambini provano un gusto particolare a giocare con i suoni delle parole: assonanze, consonanze e rime create dalla fantasia degli scrittori producono allegria. Leggiamo una filastrocca. L autrice ha utilizzato in rima le parole patto, gatto e matto, ottenute con il cambio del suono iniziale. Facciamo ascoltare la filastrocca e, nel contempo, scriviamo le tre parole alla lavagna. Chiediamo: Che cosa possiamo osservare confrontando le parole patto, gatto, matto?. Stimoliamo osservazioni. Ho fatto un patto con il mio gatto che nel salotto non faccia il matto. Se come un matto graffia il salotto mai più biscotto, anzi lo sfratto. Cella L. (2006). Un monello sul cammello. Trieste: EL Facciamo ascoltare un altra filastrocca, che ha due parole incomplete. Diciamo ai bambini di prestare attenzione ai due suoni che mancano e facciamo dire quali sono. L omino dei palloni L omino dei palloni Ne aveva sette tutti arancioni. Uno s è sgonfiato: che peccato. Uno ha fatto un BOTTO e s è -OTTO. Gli altri col vento prendono il VOLO. E l omino? Rimane -OLO. Martini L. (2010). in AA.VV. Tutto Filastrocche. Firenze: Giunti Junior Scriviamo le parole alla lavagna per far osservare che quelle utili a fare rima con botto e con volo si ottengono mediante un gioco del cambio della lettera iniziale. Giocando a sostituire le lettere, i bambini intuiscono un fenomeno molto importante della nostra lingua: la coppia gatto-matto della prima filastrocca, per esempio, si differenzia per la presenza di un fonema al posto di un altro nella stessa posizione. Questa commutazione produce parole diverse, con una differenza anche sul piano del significato. Facciamo giocare i bambini a sostituire i suoni delle parole, in modo che prendano operativamente consapevolezza di questo fenomeno linguistico (scheda 5, scheda 6 e scheda 7). Utilizziamo le parole ottenute per costruire alcune frasi, per esempio: Ho messo i fiori nel vaso. Ho il naso rosso per il raffreddore. W la grammatica! 15

9 I pezzi delle parole Giocare con i suoni/1 scheda 5 CAMBIA LA PRIMA LETTERA DI OGNI PAROLA. CHE COSA OTTIENI? MELA PORTA RAGNO PANE TETTO ELA ORTA AGNO ANE ETTO VASO DENTI BOTTE moto collo aso enti otte oto ollo tana cuoco festa SACCO GONNA ana uoco esta ACCO ONNA LAGO TAVOLA ROCCIA FOGLIE BALLO AGO AVOLA OCCIA OGLIE ALLO 16 I quaderni di La Vita Scolastica

10 classe 1 scheda 6 Giocare con i suoni/2 CAMBIA LA LETTERA EVIDENZIATA IN OGNI PAROLA. CHE COSA OTTIENI? MORE ORTO ELEGANTE TOPO BARCA M RE OR O ELE ANTE TO O BAR A LANA SALE FOGLIA NAVE PAZZA L NA S LE F GLIA N VE P ZZA FAI LO STESSO GIOCO CAMBIANDO LE LETTERE DOPPIE. PAPPA GATTO ROSSO PELLE SACCO PA A GA O RO O PE E SA O scheda 7 Giocare con i suoni/3 LEGGI GLI INDOVINELLI E POI COMPLETA SCRIVENDO LE PAROLE GIUSTE. Qual è la differenza tra una scarpa e l albero di Natale? sotto la scarpa c è il TACCO Sotto l albero c è il... Qual è la differenza tra il banco della scuola e il gelato? Sul banco c è la PENNA Sul gelato c è la... W la grammatica! 17

Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013. Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE

Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013. Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013 Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE GRUPPO: intersezione bambini 5 anni UNITÀ DI APPRENDIMENTO TITOLO/OF OO FF Titolo: GIOCO CON LE PAROLE

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Frutta in tutti i sensi

Frutta in tutti i sensi Frutta in tutti i sensi Stefano Predieri e Massimiliano Magli Istituto di Biometeorologia del CNR http://www.bo.ibimet.cnr.it Fragole e ciliege vincono al gusto e alla vista: sono considerati i frutti

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Gavorrano Scuola dell Infanzia GIANNI RODARI Scarlino Scalo sez. C

Istituto Comprensivo di Gavorrano Scuola dell Infanzia GIANNI RODARI Scarlino Scalo sez. C Istituto Comprensivo di Gavorrano Scuola dell Infanzia GIANNI RODARI Scarlino Scalo sez. C L obiettivo generale del progetto è quello di potenziare la capacità di osservazione dei bambini per avvicinarli

Dettagli

Raccolta ricette Nr. 6 La qualità è la miglior ricetta

Raccolta ricette Nr. 6 La qualità è la miglior ricetta Tanti frutti per un unica passione. La Marmellata Raccolta ricette Nr. 6 La qualità è la miglior ricetta Cara amica, siamo lieti di proporti una raccolta delle confetture più richieste e amate dalle nostre

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

Attività didattiche. Piante e foglie

Attività didattiche. Piante e foglie Attività didattiche Piante e foglie w w w. f o n d a z i o n e s l o w f o o d. i t Premessa Qui di seguito trovi tre proposte di attività relative al tema dell identificazione delle piante e delle loro

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

LIBRI IN FILASTROCCA

LIBRI IN FILASTROCCA SST SILENZIO PARLANO I LIBRI MOTIVAZIONE: LIBRI IN FILASTROCCA I miei libri sanno a memoria Qualsiasi storia. Loro sanno tutti i perché: perché la luna c è e non c è, perché il sole scompare in fondo al

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIO POMODORO ORCIANO DI PESARO. PROGETTO: leggere

ISTITUTO COMPRENSIVO GIO POMODORO ORCIANO DI PESARO. PROGETTO: leggere ISTITUTO COMPRENSIVO GIO POMODORO ORCIANO DI PESARO Legger mente PROGETTO: leggere Prevenzione, potenziamento e sviluppo delle autonomie scolastiche nell apprendimento: dalla scuola dell infanzia alla

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

I colori del mondo a Scuola

I colori del mondo a Scuola Progetto aree a rischio Polo Alto Polesine Gruppo Scuola Primaria I colori del mondo a Scuola Test d ingresso di lingua italiana come L2 livello A 2 Anno Scolastico 2007/2008 Premessa Il gruppo di lavoro

Dettagli

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 1 Programmazione educativo didattica Premessa Il contesto scolastico rappresenta un ambito formativo

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

Prove d ingresso. Scuola primaria classi 1 a, 2 a e 3 a. Indicazioni per l insegnante. Ascoltare

Prove d ingresso. Scuola primaria classi 1 a, 2 a e 3 a. Indicazioni per l insegnante. Ascoltare 0 Giunti Scuola S.r.l., Firenze CLASSI A - A - A Prove d ingresso Scuola primaria classi a, a e a Ascoltare 6 Prova n. Consegne da dare Prova n. scheda p. 9 Frasi da leggere Indicazioni per l insegnante

Dettagli

ITALIANO L2 E INFANZIA Percorso di ricerca-azione

ITALIANO L2 E INFANZIA Percorso di ricerca-azione 1. IL PROGETTO Finalità Il nostro istituto è caratterizzato da una massiccia presenza di alunni non italofoni, provenienti in particolar modo da contesti linguistici estremamente distanti. La didattica

Dettagli

CORSO DI ITALIANO PER STRANIERI VIGEVANO I CIRCOLO A.S.2011-2012

CORSO DI ITALIANO PER STRANIERI VIGEVANO I CIRCOLO A.S.2011-2012 CORSO DI ITALIANO PER STRANIERI VIGEVANO I CIRCOLO A.S.2011-2012 GRAMMATICA ITALIANA BASE ALFABETO: A B C D E F G H I K L M N O P Q R S T U V Z a b c d e f g h i k l m n o p q r s t u v z PRONOMI PERSONALI

Dettagli

Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura

Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura Suggerimenti per le insegnanti Ins. Formatore Orfei Carla OBIETTIVI GENERALI: Esplorare e conoscere l ambiente

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab Alessia Consolaro TIAMI 180 Spirelab ALESSIA CONSOLARO 23-10-2012 T2085 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 5% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab Elvira Khakimova Finder 184 Spirelab ELVIRA KHAKIMOVA 23-01-2012 F1954 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 9% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Erice Anno Scolastico 2013/2014 Ideato e diretto dalle insegnanti: Miceli Giovanna Mancuso Benedetta Tortorici Francesca Martino Giuseppa Daidone Carmela Perticone Maria

Dettagli

Il peperone. A un peperone aggiungete le ali: una libellula rossa. Fase 2 Obiettivo: esprimere sensazioni in relazione alla lettura di una poesia.

Il peperone. A un peperone aggiungete le ali: una libellula rossa. Fase 2 Obiettivo: esprimere sensazioni in relazione alla lettura di una poesia. SCUOLA DELL INFANZIA _ MONTE SAN VITO Scuola dell infanzia F.lli Grimm Monte San Vito Gruppo bambini di 4 anni Insegnanti: Filipponi Fiammetta; Gambadori Giordana gambadorig@virgilio.it Fase 1 Obiettivo:

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE TITOLO: I bisogni BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole introdurre la classificazione dei bisogni dell uomo DIDATTIZZAZIONE

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA. Emidio Tribulato. Centro studi LOGOS - Messina

SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA. Emidio Tribulato. Centro studi LOGOS - Messina SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA Emidio Tribulato Centro studi LOGOS - Messina 1 Emidio Tribulato SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA C 2010- Tutti i diritti

Dettagli

Esempi di didattica laboratoriale

Esempi di didattica laboratoriale Esempi di didattica laboratoriale Il curricolo di matematica nella scuola primaria e secondaria di primo grado Abbiamo visto che I nostri allievi non sanno applicare le abilità apprese a scuola ad un contesto

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI TEATRO LEGGIAMO CON IL RAGNETTO PUC

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI TEATRO LEGGIAMO CON IL RAGNETTO PUC SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI TEATRO Bambini di 4/5 anni LEGGIAMO CON IL RAGNETTO PUC ANNO SCOLASTICO 2011-12 1/10 SCUOLA DELL INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

------------------------------------ Eye To Food Peso attuale 84 Kg Altezza 175 cm. Età 25 anni ------------------------------------

------------------------------------ Eye To Food Peso attuale 84 Kg Altezza 175 cm. Età 25 anni ------------------------------------ mercoledì 7 agosto 2013 12:28:27 Dieta semplice Apporto calorico per circa (1705) Kcalorie ------------------------------------ Eye To Food Peso attuale 84 Kg Altezza 175 cm. Età 25 anni ------------------------------------

Dettagli

La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA

La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA Informazioni e suggerimenti per la scuola Giuliana Nova Rezzonico Associazione AFORISMA Associazione accreditata dal MIUR per la

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Modulo: III. Il lavoro

Modulo: III. Il lavoro Argomento: 1. I mestieri Competenza: Imparare a conoscere i mestieri più comuni Lessico: I nomi dei mestieri Grammatica : Articoli determinativi, indeterminativi e partitivi 2 fotocopie per ogni studente

Dettagli

più o meno rifiuti Mostra interattiva itinerante In collaborazione con l'agenzia provinciale per l'ambiente della Provincia autonoma di Bolzano

più o meno rifiuti Mostra interattiva itinerante In collaborazione con l'agenzia provinciale per l'ambiente della Provincia autonoma di Bolzano Guida 2004 10.09.2004 17:03 Uhr Seite 1 In collaborazione con l'agenzia provinciale per l'ambiente della Provincia autonoma di Bolzano Ufficio gestione rifiuti Dr. Antonella Vidoni Guida alla mostra Assessorato

Dettagli

Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN

Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN Amici dall'orto e dal frutteto che ci aiutano a mangiare bene e vivere meglio. Non li avete mai visti ammiccare dai banche

Dettagli

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti.

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti. MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

Curricolo Inglese 6 + 9 Circolo Didattico Sassari

Curricolo Inglese 6 + 9 Circolo Didattico Sassari Curricolo Inglese 6 + 9 Circolo Didattico Sassari C L A S S E P R I M A OBIETTIVI FORMATIVI CONOSCENZE ABILITA Ascoltare e comprendere semplici messaggi Conoscere e utilizzare parole e frasi per comunicare

Dettagli

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere.

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere. ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 1. CONOSCENZE PREGRESSE:CHI E PETER PAN? Perché 2. DISEGNO narrare DEI PERSONAGGI: la fiaba di PETER Peter

Dettagli

ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE

ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE 1 ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE Colora i disegni. Ti accorgerai che in ogni immagine manca un particolare. Spiega che cosa manca e disegnalo. Obiettivo: individuare gli elementi essenziali di immagini date

Dettagli

Tanti nuovi amici. Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi

Tanti nuovi amici. Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi Comprendere e scrivere un breve post Comprendere e raccontare esperienze personali Parlare dei propri progetti futuri Consolidamento e sviluppo del lessico presentato

Dettagli

Si propongono quindi esercizi di:

Si propongono quindi esercizi di: PERCORSO FONOLOGICO PER LIVELLI DI ACQUISIZIONE DELLA SCRITTURA In ogni attività, per ogni livello, è importante valutare la gradualità delle proposte e i fattori di complessità delle parole. Quindi la

Dettagli

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la carne, ma contengono una certa quantità di materia non

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni

ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni Questo percorso scientifico è stato sperimentato più volte nel corso degli

Dettagli

Progetto anno scolastico 2014/2015

Progetto anno scolastico 2014/2015 Progetto anno scolastico 2014/2015 Premessa L incontro con il racconto è molto stimolante per i bambini perché sollecita in essi esperienze altamente educative sul piano cognitivo, affettivo, linguistico

Dettagli

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc. Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.it Numero Verde 800.350.350 - Coordinamento redazionale: Patrizia Brovelli

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Ciao! Questo è un libro molto speciale che ti farà fare il giro del mondo. Si chiama IL GIRO DEI COMPITI IN 80 GIORNI.

Ciao! Questo è un libro molto speciale che ti farà fare il giro del mondo. Si chiama IL GIRO DEI COMPITI IN 80 GIORNI. Ciao! Questo è un libro molto speciale che ti farà fare il giro del mondo. Si chiama IL GIRO DEI COMPITI IN 80 GIORNI. Ogni giorno delle tue vacanze farai un pezzetto di viaggio e scoprirai cose nuove

Dettagli

Istituto Comprensivo di Castellucchio. Scuola dell infanzia di Campitello

Istituto Comprensivo di Castellucchio. Scuola dell infanzia di Campitello Istituto Comprensivo di Castellucchio Scuola dell infanzia di Campitello PROGETTO INTERCULTURA Diversi amici diversi anno scolastico 2014-2015 Diversi amici diversi Da cinque semi diversi nacquero cinque

Dettagli

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO CLASSI II A.S. 2012-2013

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO CLASSI II A.S. 2012-2013 I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO CLASSI II A.S. 2012-2013 INDICAZIONI PER IL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE Il metodo di lavoro sarà di tipo fenomenologicooperativo,

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE CON LADY BUTTERFLY

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE CON LADY BUTTERFLY SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE Bambini di 5/6 anni CON LADY BUTTERFLY ANNO SCOLASTICO 2011-12 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO D INGLESE CON LADY

Dettagli

il CRA per i 150 anni dell'unitàd'italia FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO

il CRA per i 150 anni dell'unitàd'italia FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO Una sana alimentazione deve prevedere un importante consumo di frutta e verdura, che danno al nostro organismo

Dettagli

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi UN DISEGNO PER DIRE Terza tappa Il percorso Fiori per dire e raccontare prende avvio dal dono di un fiore che ogni bambino della

Dettagli

Le 4 fasi della dieta Dukan

Le 4 fasi della dieta Dukan Assistente Virtuale Le 4 fasi della dieta Dukan 1 L'introduzione alla Dieta Dukan: la Bibbia di chi vuole dimagrire Menu tipo della Dukan per la prima e la seconda settimana Fase 1 : Attacco La dieta Dukan

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LINGUISTICO CON IL GUFO RONFO

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LINGUISTICO CON IL GUFO RONFO SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LINGUISTICO Bambini di 4/5 e 5/6 anni CON IL GUFO RONFO ANNO SCOLASTICO 2011-12 Scuola dell infanzia ad onore degli eroi Anno

Dettagli

Prima tappa: Puffo Selvaggio e gli animali della terra

Prima tappa: Puffo Selvaggio e gli animali della terra Prima tappa: Puffo Selvaggio e gli animali della terra Puffo Selvaggio adora la natura e ama gli animali più di ogni altra cosa al mondo! Questo puffo si veste stranamente, infatti, il vestito è molto

Dettagli

Scuola dell infanzia. A. Monti. - I.C. COAZZE - a. s 2008/09

Scuola dell infanzia. A. Monti. - I.C. COAZZE - a. s 2008/09 Scuola dell infanzia - I.C. COAZZE - a. s 2008/09 A. Monti Titolo attività : Giocare con le PAROLE Le attività sono rivolte ad un gruppo di 17 bambini all ultimo anno di frequenza della scuola dell infanzia,

Dettagli

DAI DIRITTI DEI BAMBINI...AL PROGETTO ALIMENTAZIONE

DAI DIRITTI DEI BAMBINI...AL PROGETTO ALIMENTAZIONE Scuola dell'infanzia Rodari A.S. 2013/2014 DAI DIRITTI DEI BAMBINI...AL PROGETTO ALIMENTAZIONE Gruppo Delfini -n 40 alunni di 5 anni - Insegnanti di riferimento: Domenica, Silvia, Fortunata DURATA DEL

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA DI LABORATORIO FONOLOGICO E METAFONOLOGICO ATTRAVERSO L UTILIZZO DI UNA FIABA

PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA DI LABORATORIO FONOLOGICO E METAFONOLOGICO ATTRAVERSO L UTILIZZO DI UNA FIABA Patrizia Gariazzo Elena Dal Pio Luogo Istituto Comprensivo C.Pavese Candelo-Sandigliano PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA DI LABORATORIO FONOLOGICO E METAFONOLOGICO ATTRAVERSO L UTILIZZO DI UNA FIABA PERCHÉ

Dettagli

Avete contato bene le dita?

Avete contato bene le dita? Gino Nebiolo Avete contato bene le dita? Confessioni semiserie di un nonno alle prime armi Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A. Milano ISBN 978-88-17-08037-8 Prima edizione: marzo

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: C era una volta IL MAGO DI OZ

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: C era una volta IL MAGO DI OZ Scuola dell'infanzia "Ad Onore degli Eroi" UNITÀ DI APPRENDIMENTO: C era una volta IL MAGO DI OZ LABORATORIO LINGUISTICO PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 ANNO SCOLASTICO 2013-2014

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA

Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA Il progetto nasce dal desiderio di accompagnare il bambino/a dell ultimo anno della Scuola dell Infanzia

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Progetto didattico Annuale

Progetto didattico Annuale ISTITUTO COMPRENSIVO P. RUFFINI VALENTANO Scuola dell Infanzia di Marta Anno Scolastico 2012/2013 Progetto didattico Annuale TRACCE DAL PASSATO SEZIONE F Alessandrini Paola Giraldo Ornella Bonini Amanda

Dettagli

OBIETTIVI DELL UNITÀ:

OBIETTIVI DELL UNITÀ: Che cosa mi metto? Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi Comprendere e dare informazioni sull abbigliamento di una persona Chiedere e dire la data del com pleanno (Quando è il tuo compleanno?, Il

Dettagli

IL PROGETTO DIDATTICO: La vecchia fattoria

IL PROGETTO DIDATTICO: La vecchia fattoria IL PROGETTO DIDATTICO: Le educatrici del nido, nel corso dell anno 2011-2012, proporranno ai bambini un percorso didattico intitolato, finalizzato alla conoscenza degli animali, della loro alimentazione,

Dettagli

IO PROTAGONISTA AL COMPUTER. Scuola dell Infanzia Statale B.Munari Romano di Lombardia Anno scolastico 2014-2015

IO PROTAGONISTA AL COMPUTER. Scuola dell Infanzia Statale B.Munari Romano di Lombardia Anno scolastico 2014-2015 IO PROTAGONISTA AL COMPUTER Scuola dell Infanzia Statale B.Munari Romano di Lombardia Anno scolastico 2014-2015 IO al lavoro Il progetto è stato proposto a tutti i bambini grandi della scuola da o novembre

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

Menù espresso per 14 giorni GF 1

Menù espresso per 14 giorni GF 1 Menù espresso per 14 giorni GF 1 Introduzione La tabella di pasti per 14 giorni è un ottimo punto di partenza che può aiutarti a capire rapidamente i cibi sani e gustosi che il programma dietetico ti propone

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

Gruppo bambini di 5 anni Ins. VISIBELLI Maria, CHESI Carla, VALENTE Debora, NALDI Grazia, AGLIETTI Brunella

Gruppo bambini di 5 anni Ins. VISIBELLI Maria, CHESI Carla, VALENTE Debora, NALDI Grazia, AGLIETTI Brunella D.D.1 CIRCOLO ROSIGNANO SCUOLA DELL INFANZIA «GIAN BURRASCA» Gruppo bambini di 5 anni Ins. VISIBELLI Maria, CHESI Carla, VALENTE Debora, NALDI Grazia, AGLIETTI Brunella Da alcuni anni nelle scuole dell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

CATERING catalog. VintageBAKERY SAS Via Tahon di Revel n 28 (di fronte al 21) www.vintagebakery.it info@vintagebakery.

CATERING catalog. VintageBAKERY SAS Via Tahon di Revel n 28 (di fronte al 21) www.vintagebakery.it info@vintagebakery. CATERING catalog 2013 CHI SIAMO Vintage Bakery è una pasticceria americana a conduzione familiare, situatanelcuoredel quartiereisola, a Milano. Ognigiornorealizziamocupcakes, brownies, cheesecakee tantialtridolcie

Dettagli

Il Sapore delle Fiabe

Il Sapore delle Fiabe Il Sapore delle Fiabe Scuola dell infanzia statale Filzi-Grego sez.a/stanza Verde Trieste Dal Progetto Lettura d Istituto.Ancora prima di leggere (le parole) La partecipazione al Concorso nazionale L Italia

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

ARANCIAMO ARANCIAMO PROGETTO PER L UTILIZZO DEL LABORATORIO FINALIZZATO ALLA DIFFUSIONE DEL LINGUAGGIO SCIENTIFICO :

ARANCIAMO ARANCIAMO PROGETTO PER L UTILIZZO DEL LABORATORIO FINALIZZATO ALLA DIFFUSIONE DEL LINGUAGGIO SCIENTIFICO : ARANCIAMO Scuola dell Infanzia Gavorrano (GR) ARANCIAMO PROGETTO PER L UTILIZZO DEL LABORATORIO FINALIZZATO ALLA DIFFUSIONE DEL LINGUAGGIO SCIENTIFICO : FRUIZIONE, CONOSCENZA ED USO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

METAFONOLOGICO: correlato con

METAFONOLOGICO: correlato con Proposte didattiche per i bambini della scuola dell infanzia Laives, 30 settembre 2010 Graziella Tarter Centro Studi Erickson - Trento Progetto Il mondo delle parole Ago-set 2010 Set 10 formazione teorica

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA «G.PASCOLI» A.S.2012/13 SEZIONE TRE ANNI STORIE A COLORI

SCUOLA DELL INFANZIA «G.PASCOLI» A.S.2012/13 SEZIONE TRE ANNI STORIE A COLORI SCUOLA DELL INFANZIA «G.PASCOLI» A.S.2012/13 SEZIONE TRE ANNI STORIE A COLORI Scuola dell infanzia «G.Pascoli» a.s. 2012/13 sezione tre anni primi giorni di scuola..prima storia: «LA RANA DALLA BOCCA LARGA»

Dettagli

Un regalo per un amico

Un regalo per un amico Unità didattica 4 Piante nell arte Un regalo per un amico Durata 2 parti da 40 minuti Materiali - ampia gamma di semi (da frutti di stagione) - utensili di creta o di vetro - vasi - aghi e fili - colla

Dettagli