INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI 2 GENERALITA SULL IMPIANTO. 2.1 Componenti dell impianto. 2.2 Tubazioni antincendio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI 2 GENERALITA SULL IMPIANTO. 2.1 Componenti dell impianto. 2.2 Tubazioni antincendio"

Transcript

1

2 INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI 2 GENERALITA SULL IMPIANTO 2.1 Componenti dell impianto 2.2 Tubazioni antincendio 2.3 Attacchi per mandata per motopompa 2.4 Custodia delle bocche di incendio 2.5 Estintori 2.6 Segnaletica di sicurezza 3 PROGETTAZIONE DELL IMPIANTO 3.1 Ubicazione 3.2 Strutture e materiali 3.3 Superfici e destinazione dei locali 4 AREE A RISCHIO SPECIFICO 5 AFFOLLAMENTO E VIE D USCITA 6 SCHEDE CARICO INCENDIO 7 DIMENSIONAMENTO IMPIANTO 7.1 Perdite di carico distribuite 7.2 Perdite di carico localizzate 8 CALCOLO DELLA RETE 9 IMPIANTI NELL EDIFICIO 10 SCHEMA RILEVATORI INCENDIO 11 INSTALLAZIONE GRUPPO DI POMPAGGIO 11.1 Alimentazioni 11.2 Caratteristiche gruppo pompe 11.3 Requisiti funzionali di prestazioni 11.4 Posizionamento delle pompe 12 INSTALLAZIONI VARIE 1

3 12.1 Ancoraggio 12.2 Drenaggi 12.3 Alloggiamento delle tubazioni fuori terra 12.4 Attraversamento di strutture verticali e orizzontali 12.5 Sostegni 12.6 Valvole di intercettazione 12.7 UNI Segnalazione 12.9 Misuratori di pressione Misuratori di portata delle alimentazioni Indicatori di livello 13 COLLAUDI E VERIFICHE PERIODICHE 13.1 Collaudi degli impianti 13.2 Operazioni preliminari 13.3 Esecuzione del collaudo 13.4 Prova delle alimentazioni 13.5 Esercizio e verifica dell impianto 14 CONCLUSIONI 2

4 1 - RIFERIMENTI NORMATIVI Agli impianti idrici antincendio si applicano le seguenti norme tecniche: - Norma UNI "Impianti di estinzione incendi: reti di idranti" - Norma UNI 9490 "Apparecchiature per estinzione incendi. Alimentazioni idriche per impianti automatici antincendio" - Circolare del Ministero dell'interno n 24 MI.SA. del 26/1/1993. Impianti di protezione attiva antincendio. - D.M. 30/11/1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi. - Legge n. 46 del 5/3/1990 norme per la sicurezza degli impianti - D.P.R. n Regolamento di attuazione della Legge n 46 del 5/3/1990 in materia di sicurezza degli impianti. Sono state considerate inoltre le seguenti norme tecniche emanate dall UNI - UNI 802 : Apparecchiature per estinzione incendi - Prospetto di tipi unificati - UNI 804 : Apparecchiature per estinzione incendi - Raccordi per tubazioni flessibili - UNI 805 : Apparecchiature per estinzione incendi - Cannotti filettati per raccordi per tubazioni flessibili - UNI 807 : Apparecchiature per estinzione incendi - Cannotti non filettati per raccordi per tubazioni flessibili - UNI 808 : Apparecchiature per estinzione incendi - Girelli per raccordi per tubazioni flessibili - UNI 810 : Apparecchiature per estinzione incendi - Attacchi a vite - UNI 811 : Apparecchiature per estinzione incendi - Attacchi a madrevite - UNI 813 : Apparecchiature per estinzione incendi - Guarnizioni per raccordi e attacchi per tubazioni flessibili - UNI 814 : Apparecchiature per estinzione incendi - Chiavi per la manovra dei raccordi, attacchi e tappi per tubazioni flessibili 3

5 - UNI 6363 : Tubi di acciaio, senza saldatura e saldati, per condotti di acqua - UNI 7125 : Saracinesche flangiate per condotti di acqua. Condizioni tecniche di fornitura - UNI 7145 : Gaffe per tubazioni a bordo di navi - Prospetto dei tipi unificati - UNI 7421 : Apparecchiature per estinzione incendi - Tappi per valvole e raccordi per tubazioni flessibili - UNI 7422 : Apparecchiature per estinzione incendi - Requisiti delle legature per tubazioni flessibili - UNI 8478 : Apparecchiature per estinzione incendi Lance a getto pieno dimensioni requisiti e prove - UNI 8863 : Tubi senza saldatura e saldati, di acciaio non legato filettabili secondo UNI-ISO UNI 9485 : Apparecchiature per estinzione incendi Idranti a colonna soprasuolo di ghisa - UNI 9486 : Apparecchiature per estinzione incendi Idranti sottosuolo di ghisa - UNI 9487 : Apparecchiature per estinzione incendi Tubazioni flessibili antincendio du DN 45 e 70 per pressioni di esercizio fino a 1.2 MPa - UNI 9488 : Apparecchiature per estinzione incendi Tubazioni semirigida di DN 20 e 25 per naspi antincendio - UNI 9490 : Apparecchiature per estinzione incendi Alimentazioni idriche per impianti automatici antincendio - UNI EN : Sistemi fissi di estinzione incendi Sistemi equipaggiati con tubazioni Naspi antincendio con tubazioni semirigide - UNI EN : Sistemi fissi di estinzione incendi Sistemi equipaggiati con tubazioni Idranti a muro con tubazioni flessibili 4

6 2 GENERALITA DELL IMPIANTO La prevenzione incendi in questo complesso scolastico è individuata dall attività art. 85, scuole di ogni ordine e grado TIPO 5 con oltre 1200 presenze, riportata nel D.M. 16/02/1982. La rete idrica antincendio sarà asservita ad un gruppo di pressurizzazione dal quale si dipartirà una condotta in acciaio zincato del diametro nominale 100 La condotta prevederà un attacco per autopompa da mm 70 conforme UNI esterno al volume protetto ed una rete costituita da un anello al piano terra e da tre montanti del diametro nominale 80. Le derivazioni dal diametro nominale 40 collegheanno gli anelli agli idranti da 45 mm conformi a UNI. Saranno previste tre cassette portaidranti per piano, ubicate in prossimità delle scale. 2.1 COMPONENTI DELL IMPIANTO I componenti dell impianto saranno costruiti, collaudati ed installati in conformità alla specifica normativa vigente. La pressione nominale dei componenti del sistema è superiore alla pressione massima che il sistema può raggiungere in ogni circostanza e comunque non minore a 1.2 MPa. 2.2 TUBAZIONI ANTINCENDIO Le tubazioni flessibili antincendio saranno conformi alla UNI 9487 e quelle semirigide alla UNI 9488 ed avranno una lunghezza non inferiore a 30 metri, ed il complesso lancia - tubazione flessibile stesso sarà tale da consentire di raggiungere con il getto ogni punto dell'area protetta dall'idrante. 2.3 ATTACCHI PER MANDATA PER AUTOPOMPA L attacco per autopompa comprenderà i seguenti elementi: Bocchetta di immissione conforme alla specifica normativa di riferimento, con diametro non inferiore a DN 70, dotati di attacchi a vite con girello (UNI ) protetti contro l ingresso di corpi estranei nel sistema; 5

7 Valvola di intercettazione che consenta l intervento sui componenti senza vuotare l impianto; Valvola di non ritorrno o altro dispositivo atto ad evitare fuoriuscita d acqua dall impianto in pressione; Valvola di sicurezza tarata a 12 bar, per sfogare l eventuale sovrapressione dell autopompa. L impianto sarà dotato di attacchi per autopompe con le seguenti caratteristiche: Accessibili alle autopompe, in modo agevole e sicuro, in ogni tempo anche durante l incendio; Adeguatamente protetti da urti, o altri danni meccanici e dal gelo; Opportunamente ancorati al suolo o ai fabbricati; Dotati di tappo di protezione a chiusura rapida con catenelle di ancoraggio. Gli attacchi saranno contrassegnati in modo da permettere l immediata individuazione dell impianto che alimentano e saranno segnalati mediante cartelli o iscizioni riportanti la seguente targa Pressione massima 12 bar ATTACCO PER AUTOPOMPA VV.F Impianto. 2.4 CUSTODIA DELLE BOCCHE DI INCENDIO Le custodie delle Bocche da incendio, installate in punti ben visibili, saranno munite di sportello in vetro trasparente facilmente frangibile e avranno dimensioni tali da consentire di tenere a sportello chiuso tubazione flessibile e lancia permanentemente collegate. 6

8 2.5 ESTINTORI Come attrezzature mobili di estinzione saranno installati a parete, distribuiti nei locali dell'edificio e nelle aree a rischio specifico, in prossimità degli accessi, lungo i corridoi e nei disimpegni estintori portatili del tipo approvato dal Ministero dell'interno, disposti come nei disegni di progetto. 2.6 SEGNALETICA DI SICUREZZA Verranno installati, distribuiti nei locali dell'edificio e nelle aree a rischio specifico, un congruo numero di cartelli segnaletici di sicurezza di cui al D.P.R n 524, indicanti la posizione degli estintori e degli idranti, le vie d'esodo, di uscita e l'ubicazione degli interruttori generali dell'impianto elettrico. 7

9 3 - PROGETTAZIONE DELL IMPIANTO UBICAZIONE Il Liceo Scientifico Statale Archimede di Acireale occupa i locali di un immobile realizzato nel 1976 dall Impresa Geom. Michele Scuto su progetto dell Ing. Agatino Musumeci ed è stato progettato esclusivamente per assolvere a tale destinazione Era costituito da tre corpi di fabbrica non collegati tra di loro dove trovavano posto in uno le aule, i servizi e le aule speciali, in un altro le due palestre con i servizi e gli spogliatoi e nell ultimo l alloggio del custode. L edificio che ospita le aule, ( Corpo A ), è costituito da tre livelli ed ha l ingresso principale al piano terra, anche se attualmente si utilizza anche l uscita di sicurezza posta al primo piano di fronte al cancello che consente l accesso all intera struttura. 8

10 Nell ampio atrio d ingresso sono ubicati l ascensore e due scale che consentono i collegamenti verticali. L edificio ( Corpo B ) ospita le due palestre, i servizi ed il locale caldaia che ha un ingresso esterno. L edificio è ad una sola elevazione. Recentemente sono stati aggiunti altri due corpi fabbrica posizionati vicino alla palestra ( Corpo D E ) e sono in corso, anche, dei lavori di ristrutturazione per convertire il locale alloggio custode ( Corpo C ) in locale aule. Questi tre corpi sono ad una sola elevazione e non fanno parte di questo adeguamento. Il complesso Archimede è servito da accessi pedonali e carrabili direttamente dalla pubblica Via Ludovico Ariosto e Via Cecilia Deni. Questi accessi immettono nell ampio cortile adibito a parcheggio. Recentemente si è cercato di regolamentare gli ingressi pedonali e veicolari. Infatti dalla Via Ludovico Ariosto ora sono stati aperti tre ingressi pedonale e uno veicolare per i docenti, mentre da Via Cecilia Deni è consentito l ingresso ai soli motoveicoli degli alunni. La rete viaria che circonda il complesso scolastico consente l'avvicinamento dei mezzi di soccorso dei VV. F. in tutte le sue zone facilmente STRUTTURE E MATERIALI L'edificio presenta una struttura portante del tipo intelaiata in c.a., con solai misti eseguiti in opera, coperture piane praticabili, tamponamenti esterni del tipo prefabbricati in cemento vibrato e tramezzature interne con mattoni forati. E costituito da un piano terra e due elevazioni. Per quanto riguarda i materiali impiegati, in particolare negli atri, nei corridoi, nei disimpegni, nelle scale e nei passaggi in genere non esistono arredi particolari, tendaggi o rifiniture con materiali combustibili. L'arredamento dei locali è limitato a quello tipico della destinazione scolastica e degli uffici, con scrivanie, sedie, poltroncine, armadi metallici, classificatori ecc SUPERFICI E DESTINAZIONE DEI LOCALI 9

11 Alle misurazioni effettuate il CORPO A sviluppa: un volume totale di circa mc una superficie coperta di mq una superficie complessiva di mq dei quali: Piano terra mq x 3.13 = mc Piano primo mq x 3.13 = mc Piano Secondo mq x 3.13 = mc Copertura mq x 2.65 = mc mq x 2.65 = mc Il CORPO B sviluppa: un volume totale di circa mc una superficie complessiva di mq dei quali: zona palestre zona servizi mq x 5.76 = mc mq x 3.21 = mc Il volume totale dei Corpi A e B è di mc per una superficie complessiva di mq Le destinazioni di ciascun ambiente sono riportate nei disegni allegati. 10

12 4 - AREE A RISCHIO SPECIFICO All interno del complesso adibito a scuola si individua un area a rischio specifico, l aula magna, dotata di posti fissi ma ha una capienza certamente superiore a 100 posti ed è servita attualmente da una sola via di fuga. Trattasi di una sala di mq lordi che occupa l'ala Sud al secondo piano del CORPO A e viene destinata alle riunioni assembleari o rappresentazioni teatrali. Si prevede di renderla agibile per un numero massimo di 250 posti. Il locale è con pavimento piano e verrà dotato di un sistema indipendente di vie d esodo con la realizzazione di una scala d emergenza posizionata nelle vicinanze della zona palco. 11

13 5 - AFFOLLAMENTO E VIE D'USCITA Attualmente l edificio ospita 49 aule con una presenza di 1274 alunni e si è rilevata inoltre la presenza di 40 persone per i servizi d ufficio e 80 professori per un totale di 1394 persone. Nel caso di utilizzo dell aula magna si ipotizza un affollamento di 250 persone e l utilizzo in ore serali o distinte dall attività didattica. La distinta dell affollamento per piano è così ipotizzata: Piano terra 19 aule x 26 = 494 Docenti e non = 40 Totale = 534 Piano primo 18 aule x 26 = 468 Docenti e non = 60 Totale = 528 Piano Secondo 12 aule x 26 = 312 Docenti e non = 30 Aule Magna = 250 Totale = 592 Per quanto riguarda i percorsi d'uscita la distribuzione degli ambienti lungo due corridoi con al centro il vano scala consente che essi non siano superiori a circa 40 metri e facilmente individuabili. La scale interne sono una del tipo "a giorno" ed una del tipo protetta costituite da rampe rettilinee con gradini a pianta rettangolare, aventi alzata di 17 cm e pedata di 30 cm mentre i corridoi sono larghi circa 3.60 metri. Le uscite di sicurezza ed i relativi moduli sono così distinti per ogni piano: Piano terra (5x 2) = 10 moduli e si ha quindi 534/10 = 53,40 < 60 Piano primo (3 x 2) + (1 x 3) = 9 moduli e si ha quindi 528/9 = 58,66 < 60 Piano Secondo (4 x 2) + (1 x 3) = 11 moduli e si ha quindi 592/11 = 53,82 < 60 12

14 A vantaggio di sicurezza non sono state considerate vie d esodo una scala interna perché non a prova di fumo. Le porte delle uscite d emergenza sono quindi sufficienti per modulo e numero alle esigenze dell'affollamento ipotizzabile. I percorsi e le vie d'uscita sono segnalati e dotati di punti luce d'emergenza che li rendono facilmente individuabili. Le vie d esodo sono state dimensionate per due situazioni diverse che sono quelle relative al normale affollamento della scuola e quella relativa all esercizio dell Aula Magna. Si avranno pertanto due sistemi di vie d esodo. 13

15 6 - SCHEDE CARICO INCENDIO Aula Tipo da mq 25,00 N Materiali di arredo presenti Kcal Kcal Totali 1 Scrivania di metallo Sedie non imbottite Armadio con classificatore Tavolino con piedi in metallo TOTALE Q = / 25,00 = ,84 Kcal/mq Q = ,84 / 4400 = 22,05 Kcal/mq Archivio Documenti da mq 16,00 N Materiali di arredo presenti Kcal Kcal Totali 2 Armadio con classificatore Casellario per archivio Scrivania piccola Sedia non imbottita TOTALE Q = / 16,00 = ,88 Kcal/mq Q = ,88 / 4400 = 28,75 Kcal/mq Aula Magna N Materiali di arredo presenti Kcal Kcal Totali 3 Banco da lavoro Sedie non imbottite Apparecchio radio Poltrone TOTALE

16 Q = / 284,00 = ,53 Kcal/mq 1 Teatro ( mq 94,00 ) = ,00 Kcal/mq Totale ,53 Kcal/mq Q = ,53 / 4400 = 22,84 Kcal/mq 15

17 7 - DIMENSIONAMENTO DELL'IMPIANTO L'impianto idrico antincendio è stato progettato con caratteristiche idrauliche tali da garantire una portata minima di 360 l/min. per ogni colonna ed il funzionamento di almeno due colonne. L alimentazione idrica è in grado di assicurare l erogazione ai tre idranti più sfavoriti di una portata minima pari a 120 l/min. con una pressione al bocchello non inferiore a 1,5 bar per una durata di almeno 60 min. L'impianto sarà alimentato da riserva idrica con apposito impianto di pompaggio idonei a conferire permanentemente alla rete le caratteristiche idrauliche sopra citate. In particolare, sono stati previsti serbatoi avente la capacità utile di 34 mc, uno esistente realizzato in calcestruzzo ed interrato nell'area esterna della capacità di 24 mc ed un serbatoio esterno della capacotà di 10 mc, un gruppo di pressurizzazione composto da motopompa, una elettropompa principale accoppiata a motore elettrico, una elettropompa pilota, un pressurizzatore da 24 lit. e due pacchi batterie per l avviamento del motore diesel. due elettropompe, una di riserva all'altra, aventi la portata di 720 l/min e la prevalenza di 53 m.c.a. alimentate con linea preferenziale direttamente dal punto consegna ENEL. Per maggior dettagli vedi voce di Analisi Prezzi La rete antincendio è costruita da una maglia chiusa in acciaio zincato, diametro nominale 80 mm, che si sviluppa ad anello internamente all edificio. La maglia è collegata al serbatoio di alimentazione tramite una condotta di adduzione sempre in acciaio zincato DN 100. Dalla maglia staccano 3 colonne, ciascuno a servizio dei piani superiori, collegate tramite una tubazione DN 50. Il collegamento agli idranti è realizzato tramite tubazione DN 40 in acciaio zincato. Il dimensionamento dell anello è stato effettuato con il metodo dei percorsi ; il metodo è iterativo e in sintesi consiste in quanto segue: posta la condizione di progetto di contemporaneo funzionamento dei tre idranti, scelti fra quelli idraulicamente più sfavoriti, conosciamo il valore di portata richiesto; si sconnette 16

18 la maglia e si fa una prima ipotesi di distribuzione della portata nei semi anelli; si calcolano le perdite distribuite; le iterazioni procedono variando la distribuzione della portata fino a verificare la continuità nel punto di sconnessione, garantendo che le perdite nei due semi anelli differiscano per un prefissato. 7.1 PERDITE DI CARICO DISTRIBUITE Per il calcolo delle perdite distribuite abbiamo utilizzato la formula di Hazen Williams: Q D 1,85 8 H 0,605 L 10, ,87 c essendo: H la perdita espressa in Kpa; Q la portata espressa in l/min; c il coefficiente di Strickler espresso in m1/3/s; D il diametro espresso in mm; L la lunghezza del tratto espressa in m. I tre idranti più sfavoriti sono certamente quelli posti al piano secondo, a causa delle loro posizioni geodetiche. 7.2 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Le perdite di carico localizzate sono dovute: Ai raccordi, curve, Ti e raccordi a croce, attraverso i quali la direzione del flusso subisce una variazione di 45 o maggiore; Alle valvole di controllo e allarme (per le quali le perdite ci carico da assumere sono quelle specificate dai costruttori o nei relativi certificati di prova) e a quelle di non ritorno. Le perdite localizzate sono state trasformate in lunghezze di tubazione equivalente come specificato dalla Norma UNI 10779, ed aggiunte aala lunghezza reale della tubazione di uguale diametro e natura. Nella determinazione delle perdite di carico localizzate si è tenuto conto che: 17

19 Quando il flusso attraversa un Ti e un raccordo a croce senza cambio di direzione, le relative perdite di carico possono essere trascurate; Quando il flusso attraversa un Ti e un raccordo a croce in cui, senza cambio di direzione, si ha una riduzione della sezione di passaggio, è stata presa in considerazione la lunghezza equivalente relativa alla sezione di uscita (la minore) del raccordo medesimo; Quando il fusso subisce un cambio di direzione (curva, Ti o raccordo croce), è stata presa in considerazione la lunghezza equivalente relativa alla sezione d uscita. Per il calcolo viene impostata la prevalenza residua minima da assicurare al terminale di erogazione idraulicamente più sfavorito, nell ipotesi che tutti i terminali della rete eroghino simultaneamente una portata minima. 18

20 8 CALCOLO DELLA RETE Calcolo portate e perdite anello tratto lunghezza diametro portata costanti cadente cadente m mm l/min kpa m.c.a ,6 265,3 84 0, ,6 145,3 84 0,898 3-T 15 81,6 25,3 84 0, totale perdite semianello 1,196 0, ,6 94,7 84 1,184 4-T 3 81,6 25,3 84 0, totale perdite semianello 1,194 0,119 Calcolo delle perdite distribuite dell'adduttrice adduttrice , ,277 0,728 curve , ,426 0,243 totale perdite 9,702 0,970 (A) Perdita nella porzione di anello interessata ,6 265,3 84 0,249 0,025 (B) Calcolo perdite colonna e manichetta sfavorita 19

21 2-2' 11 53, ,795 2'-2'' 15 42, ,614 curve 20 53, ,719 tes 16,5 42, ,675 totale perdite addutrice manichetta 56,803 5,680 perdite manichette + efflusso 290,000 29,000 prevalenza geodetica 11,000 totale perdite 346,803 45,680 (C) Perdita di imbocco serbatoio - pompa DN D (mm) 106,2 Q v DH l/min m/s m 360 0, , (D) Prevalenza richiesta alla pompa somma di A B C D 47,802 20

22 9 IMPIANTI NELL EDIFICIO A servizio della scuola e della palestra per riscaldamento ed acqua sanitaria vi è una centrale termica per la quale sono ancora in corso lavori di completamento e che pertanto è esclusa da questo progetto. E stata solo previsto la formazione di un interruttore di sezionamento della linea generale e relativo telecomando di sicurezza ad azione positiva, inseriti nel sottoquadro palestra. L'edificio è dotato di impianto ascensore in vano proprio in c.a. avente una corsa sopra il piano terreno di circa 8 metri. Il locale macchine ascensore è posto nella parte alta del vano corsa, avente accesso tramite porta incombustibile e dotato di finestra di aerazione dall'esterno. In prossimità della porta di accesso alla cabina al piano terra è installato un interruttore elettrico generale. 21

23 10 - SCHEMA RILEVATORI LEGENDA SIMBOLI Centrale allarme incendio Sirena di allarme antincendio O A Pannello ottico acustico Pulsante indirizzato per impianto di allarme Rilevatore ottico 22

24 11 INSTALLAZIONE GRUPPO DI POMPAGGIO Il gruppo di pompaggio e tutto l impianto idrico risultano essere conformi a quanto disposto dalla norma UNI 9490 Apparechiature per estinzione incendi. Alimentazioni idriche per impianti automatici antincendio. Essa definisce le caratteristiche che devono presentare le alimentazioni idriche ad azionamento automatico utilizzate per gli impianti automatici antincendio. In particolare vengono rispettate le prescrizioni che riguardano le seguenti sezioni: 11.1 ALIMENTAZIONI L alimentazione dell impianto idrico antincendio sarà data conformemente a quanto indicato al punto 4.9 della Norma. Tutte le alimentazioni sono situate nella stessa proprietà in cui sono installati gli impianti. Gli impianti sono dotati di attacchi, che ne consentono il rincalzo di emergenza mediante le autopompe dei vigili del fuoco e conformi alle specificazioni di cui al punto 4.5 della Norma. L impianto antincendio ha alimentazione a suo esclusivo servizio CARATTERISTICHE DEL GRUPPO POMPE Il gruppo pompe, le condotte e le relative apparecchiature saranno protetti contro gli urti. Gli spazi disponibili e l ubicazione dei macchinari permetterà le operazioni di manutenzione, anche in loco, e di ispezione senza difficoltà. L accesso ai quadri delle pompe sarà impedito a persone non autorizzate; gli addetti tuttavia potranno accedere senza difficoltà in ogni tempo. Il gruppo pompe sarà ad avviamento automatico e sarà minito di: Una targa inamovibile e chiaramente leggibile indicante i suoi dati caratteristici; Dispositivo per lo spurgo dell aria eventualmente intrappolata nella parte superiore del corpo pompa; 23

25 Dispositivi per il mantenimento di una circolazione continua d acqua attraverso la pompa per evitarne il surriscaldamento quando funziona a mandata chiusa. I motori del pruppo di pompaggio saranno di tipo elettrico e saranno in grado di erogare la potenza assorbita dalla pompa a qualunque portata lungo tutta la sua curba caratteristica. Le caratteristiche costruttive della elettropompa corrispondono a quelle specificate dalla CEI 2-3. L alimentazione di energia elettrica al motore sarà disponibile in ogni tempo. Essa sarà garantira da un gruppo motopompa accoppiato al gruppo pompe. L interruttore sulla linea sarà protetto contro la possibilità di apertura accidentale o di manomissione e chiaramente segnalato mediante cartelli recanti l avviso: ALIMENTAZIONE DELLA POMPA PER GLI IMPIANTI ANTINCENDIO. NON APRIRE L INTERRUTTORE IN CASO DI INCENDIO. La linea di alimentazione del quadro di controllo sarà protetta da fusibili ad alta capacità di rottura. Indicatori luminosi segnaleranno che l energia elettrica è disponibile al motore. Tutte le lampadine spie saranno duplicate. Le linee saranno realizate con cavi resistenti al fuoco almeno 3 h, conformemente alla CEI Il quadro elettrico oltre alle normali apparecchiature necessarie per il funzionamento dei motori, comprende per ognuna di questi: Un amperometro; Un voltpmetro per il controllo della tensione di ciascuna fase; Una lampadina spia gialla indicante eventuali interruzioni di corrente; Un selettore a tre posizioni (automatico-manuale-arresto) con chiavetta di manovra estraibile esclusivamente nella posizione automatco ; Pulsanti di arresto e marcia con le relative lampadine spia; 24

26 Un contattore senza potenziale (una presa con interruttore) liberamente utilizzabile REQUISITI FUNZIONALI DI PRESTAZIONE Le pompe saranno conformi alla UNI ISO La curva caratteristica portata-prevalenza sarà tale che la prevalenza diminuisca costantemente con l aumentare della portata ma con variazione ridotta: la prevalenza a portata nulla è minore della massima di non più del 5% POSIZIONAMENTO DELLE POMPE Il gruppo di pompaggio sarà installato in posizione sottobattente; infatti il loro asse si troverà al di sotto del livello minimo dell acqua di almeno 0,60 m. L imbocco della condotta di aspirazione di ciascuna pompa sarà posizionato come indicato nel punto e delle UNI 9490 rispettivamente. La condotta di aspirazione sarà orizzontale ed avrà pendenza in salita verso la pompa e, comunque, per evitare la formazione di sacche d aria sulla condotta stessa, sarà installato un vuoto-manometro in vicinanza della bocca diaspirazione della pompa. La condotta di mandata di ciascuna pompa sarà direttamente collegata al collettore di alimentazione dell impianto e corredata nell ordine di: Un manometro tra la bocca di mandata della pompa e la valvola di nonritorno; Una valvola di non-ritorno posta nelle vicinanze della pompa, con a monte il relativo rubinetto di prova; un tubo di prova con relativa valvola di prova e misuratore di portata con scarica a vista; saranno inoltre previsti degli attacchi per verificare la taratura dell apparecchio tramite un misuratore portatile; Un collegamento al dispositivo di avviamento automatico della pompa; Una valvola di intercettazione. 25

27 Il dispositivo di avviamento automatico di ciascuna pompa è costituito da un pressostato tarato in modo da avviarla quando la valle si riduce ad un valore compreso tra il 75 e 85% di quella prodotta dalla pressione a pompa funzionante a mandata chiusa. Sarà installato almeno un pressostato per ciascuna pompa. Dovranno essere installati dispositivi per avviamento manuale di ogni pompa mediante simulazione di caduta di pressione nel collettore di alimentazione dell impianto. Ogni caduta di pressione, tale da provocare avviamento di una o più pompe, azionerà contemporaneamente un segnale diallarme acustico e luminoso in locael permanentemente controllato; l avviamento della pompa non provocherà la tracitazione del segnale; l alimentazione elettrica di tale dispositivo di allarme sarùà indipendente da quella delle elettropompe e delle batterie di accumulatori utilizzate per l avviamento delle motopompe di alimentazione dell impianto. 26

28 12 INSTALLAZIONE VARIE Le tubazioni saranno installate tenendo conto dell affidabilità che il sistema deve offrire in qualunque condizione, anche in caso di manutenzione e in modo da non risultare esposte a danneggiamenti per urti meccanici ANCORAGGIO Le tubazioni fuori terra saranno ancorate alle strutture dei fabbricati a mezzo di adeguati sostegni DRENAGGI Tutte le tubazioni saranno svuotabili senza dovere smotare componenti significative dell impianto ALLOGGIMENTO DELLE TUBAZIONI FUORI TERRA Le tubazioni fuori terra saranno installate in modo da essere sempre accessibili per interventi di manutenzioni ATTRAVERSAMENTO DI STRUTTURE VERTICALI E ORIZZONTALI Nell attraversamento d strutture verticali o orizzontali, quali pareti o solai, saranno previste le necessarie precauzioni atte ad evitare la deformazione delle tubazioni o il danneggiamento degli elementi costruttivi derivanti da delimitazioni o da cedimenti strutturali SOSTEGNI Il tipo di materiale ed il sistema di posa dei sostegni delle tubazioni saranno tali da assicurare la stabilità dell impianto nelle più severe condizioni di esercizio ragionevolmente prevedibili. In particolare: I sostegni saranno in grado di assorbire gli sforzi assiali e trasversali in fase di erogazione; 27

29 Il materiale utlizzato per qualunque componente del sostegno sarà non combustibile; I collari saranno chiusi attorno ai tubi; Non saranno utilizzati sostegni aperti (come ganci a uncino o simili); Non saranno utilizzati sostegni ancorati tramite graffe elastiche; Non saranno utilizzati sostegni saldati direttamente alle tubazioni ne avvitati ai relativi raccordi. Ciascun tronco di tubazione sarà supportato da un sostegno, ad eccezione dei tratti di lnghezza minore di 0,5 meri, dei montanti e delle discese di lunghezza minore a 1,0 metro per i quali non sono richiesti sostegni specifici. Il posizionamento dei supporti garantirà la stabilità del sistema, in generale la distanza tra due sostegni non sarà maggiore di 4,0 metri per tubazioni di dimensioni minori a DN 65 e 6,0 metri per quelle di diametro maggiore VALVOLE DI INTERCETTAZIONE Le valvole di intercettazioni della rete di naspi saranno installate in posizione facilmente accessibile e segnalata. La distribuzione delle valvole di intercettazione in un impianto sarà accuratamente studiata in modo da consentire l esclusione di parti di impianto per manutenzione o modifica, senza dovere ogni volta mettere fuori servizio l inetro impianto. Ogni collettore di alimentazione sarà dotato di valvola di intercettazione primaria in modo tale da potere essere selezionato singolarmente. Le valvole di intercettazione saranno bloccate mediante apposito sigillo nella posizione di normale funzionamento, opprure sorvegliate mediante dispositivo di controllo a distanza. Le valvole saranno conformi alla UNI 6884 e, se a saracinesca, alla UNI Le valvole devono avere PN compatibile con le caratteristiche degli impianti. Le valvole saranno costruite in modo che sia possibile individuare con immediatezza se sono aperte o chiuse; su di esse sarà chiaramente indicato il senso di chiusura. 28

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL Circolare n. 74 del 20 settembre 1956 D.P.R. 28 giugno 1955, n. 620 - Decentramento competenze al rilascio di concessioni per depositi di oli minerali

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO Nel rispetto dei diritti di copyright che tutelano le norme tecniche UNI la presente versione della Linea Guida è stata redatta in forma

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Valvole KSB a flusso avviato

Valvole KSB a flusso avviato Valvole Valvole KSB a flusso avviato Valvole KSB di ritegno Valvole Idrocentro Valvole a farfalla Valvole a sfera Valvoleintercettazionesaracinesca Valvole di ritegno Giunti elastici in gomma Compensatori

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

Serie GEN con Motopompe. 50 Hz

Serie GEN con Motopompe. 50 Hz Hz Serie GEN con Motopompe GRUPPI DI PRESSIONE ANTINCENDIO EN 1284, ELETTROPOMPE CON MOTORI AD ALTA EFFICIENZA E MOTOPOMPE CENTRIFUGHE ORIZZONTALI SERIE FHF e SHF Cod. 19146 Rev ev.a.a Ed.11/211 2 SOMMARIO

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo.

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo. Decreto Ministeriale 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi.

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli