LE TECNOLOGIE DISPONIBILI PER LA SUPPORTAZIONE DEI SISTEMI DI TUBAZIONI NELLE AREE SOGGETTE A RISCHIO SISMICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE TECNOLOGIE DISPONIBILI PER LA SUPPORTAZIONE DEI SISTEMI DI TUBAZIONI NELLE AREE SOGGETTE A RISCHIO SISMICO"

Transcript

1 LE TECNOLOGIE DISPONIBILI PER LA SUPPORTAZIONE DEI SISTEMI DI TUBAZIONI NELLE AREE SOGGETTE A RISCHIO SISMICO Milano, Italia 7 Novembre 2012

2 Obiettivi di questa presentazione Fornire delle informazioni pratiche relative a: Le tecniche disponibili per l installazione di staffaggi antisismici per impianti antincendio a sprinkler Gli enti di controllo esistenti che certificano e approvano i prodotti Gli strumenti di progettazione esistenti Le soluzioni CADDY per rispondere alle esigenze di progettazione e di installazione antisismiche dei sistemi antincendio a sprinkler Dimostrare che è disponibile tutto il necessario per progettare ancoraggi antisismici efficaci per impianti antincendio a sprinkler

3 Agenda / Argomenti Le tecniche disponibili Come funziona l ancoraggio sismico I componenti involti Sistemi rigidi / con cavi Sistemi calcolati / sistemi pre-approvati I requisiti che prodotti devono soddisfare a secondo dei due standard / gli organismi che testano e approvano Gli strumenti disponibili Mappe per decidere quando e quanto ancorare Software di calcolo Prodotti listati / approvati

4 Agenda / Argomenti Le tecniche disponibili per l installazione di staffaggi antisismici per impianti antincendio a sprinkler

5 Come funziona lo staffaggio antisismico? Lo staffaggio antisismico unisce il sistema sprinkler alla struttura dell'edificio permettendo all impianto sprinkler di muoversi con la costruzione nel corso di un evento sismico. Evita l oscillazione dell impianto sul piano orizzontale grazie a una combinazione di: Ancoraggi laterali, e Ancoraggi longitudinali

6 Componenti dello staffaggio antisismico Lo staffaggio antisismico si costituisce da tre componenti: L elemento di rinforzo I componenti d attacco alla tubazione e al edificio Gli elementi di fissaggio collegati

7 Tecniche disponibili per la sopportazione di tubazioni Ci sono due tipi principali di staffaggio per la supportazione delle tubazioni dei sistemi antincendio a sprinkler in aree soggette al rischio sismico: I sistemi rigidi (la maggioranza) I sistemi con cavi (applicazioni speciali)

8 Esempio di ancoraggio rigido

9 Esempio di ancoraggio con cavo

10 Tecniche disponibili per la supportazione di tubazioni L attuazione di questi staffaggi comprende: L uso di montaggi speciali calcolati individualmente a secondo di un analisi sismica certificata da un ingegnere abilitato. L assemblaggio di componenti standardizzati pre-approvati (listati), fabbricati specificatamente per quest applicazione.

11 Componenti fabbricati specialmente Esempi di prodotti fabbricati specificatamente per la supportazione di tubazioni di sistemi antincendio a sprinkler includono: Tasselli Attacchi strutturali Attacchi alla tubazione Cavi Ganci

12 Agenda / Argomenti Prodotti LISTATI

13 Definizione di listati Materiali (prodotti) elencati da un organismo, in una lista pubblica, con lo scopo di : Valutare con test i prodotti Effettuare ispezioni periodiche sulla produzione degli stessi, con test a campione Dichiarare e certificare i requisiti e gli standard operativi del prodotto per l uso da farsi. Devono essere accettati dall organismo vigilante

14 Categorie nell elenco Ogni componente listato può esserlo in una di due categorie: Come ancoraggio, o Come bloccaggio (restraint) minor grado di resistenza rispetto a un ancoraggio, requisito da NFPA 13 sulle diramazioni di meno di 65mm

15 Requisiti NFPA 13 relativi ai prodotti listati I montaggi anti-oscillazione devono essere listati Se il tubo di rinforzo è listato da NFPA 13, solo gli attacchi e le connessioni dovranno essere listati Tubo Piastre ad angolo Piastre piane Barre filettate

16 Componenti listati per gli ancoraggi anti-oscillazione Relativamente all ancoraggio, i componenti listati sono: Attacchi strutturali Adattatori per travetti a L Adattatori per travi tipo IPE o HEA Attacchi per superfici piane (cls legno o acciaio tramitte adattatori) Attacchi alla tubazione Sprinkler Collare per ancoraggio laterale Collare universale per ancoraggio : Laterale Longitudinale

17 CSBUNIV Attacco universale alla struttura CSBMA Attacco multiplo alla struttura Attacchi Strutturali CSBBARJ - Adattatore per travetti a L CSBIB Adattatore per travi tipo IPE o HEA

18 Attacchi per la tubazione Sprinkler CSBQIKCL Collare laterale fino a 2 ½ Quick Grip Junior CSBQG Collare laterale da 2 ½ a 8 Quick Grip Collare universale, longitudinale o laterale CSBEZU e CSBSTU

19 Agenda / Argomenti Organismi indipendenti che testano, approvano e inseriscono i vari materiali in elenchi / Procedure di test

20 Organismi che testano gli staffaggi antisismici I componenti degli staffaggi antisismici sono testati da due organismi - indipendenti dai fabbricanti - che certificano l adeguatezza di tali prodotti ai requisiti delle normative: Underwriters Laboratories (UL) Factory Mutual (FM)

21 Listato da UL / Approvato da FM UL 203A (2009) Linee guida per la prova di staffaggi antioscillazione per tubazione antincendio a Sprinkler FM 1950 (2010) Standard di approvazione di staffaggi antioscillazione sismica per sistemi automatici a Sprinkler

22 Test secondo UL UL 230A del 2009

23 UL 203A del 2009 Per collari antisismici e attacchi strutturali, avremo dei carichi specifici minimi a seconda del diametro della tubazione, anche se possiamo ottenere carichi di utilizzo maggiori Per tubazioni < 2 (50mm), avremo un elenco di bloccaggi antisismici e non di ancoraggi antisismici

24 UL 203A del 2009 Il test di carico di UL è semi-statico e articolato in 2 fasi

25 Fase 1 Prova di compressione / trazione al carico nominale minimo richiesto da UL 203A : Consiste nel sostenere il carico per 1 minuto in ogni direzione Se il carico minimo non è sostenuto, il componente non è listato Dopo tale prova, si ispezionano i componenti e le tubazioni del impianto cercando deformazioni permanenti >3,2 mm Procedere alla fase 2 se : non ci sono deformazioni permanenti, e Il carico minimo / testato è garantito

26 Fase 2 Prova di compressione e trazione a 1,5 volte il carico nominale minimo richiesto da UL 203A Gli ancoraggi devono sostenere il carico 1 minuto in ogni direzione Dopo tale prova, ispezionare i componenti e le tubazioni e verificare che non ci siano slittamenti nelle tubazioni Se non troviamo slittamenti, ai componenti si assegna una valutazione uguale al carico nominale testato o a quello minimo richiesto dalla prova Se troviamo slittamenti, i componenti non superano la prova I componenti per tubi > 2 ½ (65mm) non passano UL 203A e risultano in non idonei (non sono listati) I componenti per tubi < 2" (50mm) possono essere riesaminati ad un carico inferiore che passa le fasi 1 e 2, ma diventano bloccaggi e non ancoraggi

27 Carichi assegnati a secondo di UL 203A Carico unico assegnato ad ogni componente I carichi assegnati variano per diametro e spessore del tubo (effettivo in giugno del 2011, UL 203A ha aumentato i suoi requisiti di carico minimo per le tubazioni di diametro > 150mm) I valori di carico sono forniti parallelamente all ancoraggio Devono essere diminuiti per determinare il carico orizzontale assegnato a seconda dell angolo del tubo di rinforzo con la verticale (la progettazione si attua per i carichi sismici orizzontali)

28 CSBBARJ e CSBUNIV

29 CSIB e CSBUNIV

30 CSBQIKCL

31 CSBQG

32 CSBEZU e CSBSTU

33 Lista parziale UL

34 Test secondo Factory Mutual FM

35 FM Test continuo con un aumento di carico fino a rottura

36 FM Per i primi 15 cicli abbiamo un carico costante 250 lbs (1,14 kn) sino ad arrivare ad un valore inferiore alle lbs (4,6 kn) Per prodotti con carichi certificati superiori alle lbs (4,6 kn) il test parte da questo valore Il test termina quando Il campione si rompe, o Viene rilevata una deformazione superiore ai limiti accettabili in funzione dell angolo di prova usato

37 FM Si prova 3 campioni di ogni componente Determinazione del carico nominale: Si identifica il carico minore che ha rotto o deformato uno dei campioni Dal grafico della tabella di prova, si mantiene valido il valore di carico dettato dal ciclo precedente alla rottura Si divide questo valore per 1,5 e si ottiene il carico nominale con coefficiente di sicurezza dettato dall angolo d uso

38 FM : Commenti I carichi sono specifici per ogni diametro e spessore di tubo Dal 2010, i carichi nominali si intendono per il movimento orizzontale con un range dettato da un angolo di applicazione variabile rispetto alla tubazione Da 30 a 44 gradi Da 45 a 59 gradi Da 60 a 74 gradi Da 75 a 90 gradi Quindi la nuova tabella di carichi non somiglia alla vecchia

39 CSBBARJ e CSBUNIV Movimenti orizzontali

40 CSBIB e CSBUNIV

41 CSBQIKCL

42 CSBQG

43 CSBEZU e CSBSTU

44 FM 1950 Old Load Table Setup

45 FM 1950 New Load Table Setup

46 FM 1950 New Load Table Setup

47 Approvazioni FM parziali

48 Riassunto per UL 203A e FM 1950 Tipo di test UL semi statico FM ciclico Carichi FM carico già dato per l orizzontale per diversi angoli con la verticale UL carico per l orizzontale deve essere calcolato in funzione dell angolo di montaggio I due standard forniscono componenti listati per lo staffaggio antisismico negli impianti antincendio a sprinkler

49 Agenda / Argomenti Definizioni dei termini comunemente usati

50 Definizioni Alimentazioni principali Tubazioni di alimentazione di dorsali principali direttamente o tramite montanti Dorsali principali Tubazioni di alimentazione di linee secondarie (diramazioni) direttamente o tramite montanti Montanti - tubazioni di alimentazione verticale Diramazioni Linee secondarie, tubazioni di alimentazione sprinkler, direttamente o attraverso stacchi, curve ridotte o terminali

51 Definizioni Ancoraggio anti-oscillazione - Un sistema di fissaggio collegato alla tubazione per resistere ai carichi orizzontali di terremoti Ancoraggio laterale - Sistema di fissaggio resistente a movimenti perpendicolari all'asse del tubo Ancoraggio longitudinale - Sistema di fissaggio resistente a movimenti paralleli all'asse del tubo Ancoraggio 4-vie Sistema di fissaggio resistente a movimenti orizzontali e laterali, in tutte le direzioni Bloccaggio Sistema di staffaggio con minor grado di resistenza a carichi, rispetto a un ancoraggio

52 Altri Termini Importanti Zona di influenza (ZOI) - Tutte le tubazioni sorrette dallo staffaggio ZOI degli ancoraggi laterali Tutte le linee principali e secondarie sorrette dallo staffaggio, ad eccezione delle diramazioni che sono controventate longitudinalmente ZOI degli ancoraggi longitudinali Tutti i collettori sostenuti dallo staffaggio

53 Zona d Influenza Ancoraggi Tubazione 8 polici Tubazione 4 polici Tubazione 6 polici Edificio Tubazione Sprinkler

54 Altri termini comunemente usati Cp - coefficiente sismico Combina il movimento del suolo e i fattori di risposta sismica da ASCE 7-05 "Carichi minimi di progettazione per l'edilizia e le altre strutture " A seconda della S s Ss Accelerazione della risposta spettrale per 0,2 secondi Sulla base del terremoto massimale considerato (MCE) con il 2% di probabilità di essere superato entro 50 anni

55 Agenda / Argomenti Gli strumenti di progettazione

56 Gli strumenti di progettazione In Italia, a questo momento, si incontrano principalmente due linee guide per progettare gli impianti a sprinkler: La NFPA 13 La scheda tecnica DS 2-8 del 2010 di Factory Mutual Ci sono alcune differenzi notevole tra le due

57 Gli strumenti di progettazione Le Mappe

58 1- il calcolo della forza sismica orizzontale (F pw ) Fpw = Cp * Wp dove: Fpw = Forza orizzontale agendo sull'ancoraggio Cp = Coefficiente sismico Wp = 1,15 * peso dei tubi riempiti di acqua

59 Valori del coefficiente sismico Cp a secondo della NFPA 13 A secondo della NFPA 13, C p dipende: dalla Ss ottenibile dal sito USGS dalla tabella di corrispondenza (0,5 per impostazione predefinita se Ss non è dato né raggiungibile)

60 Per ottenere S s Andare a : https://geohazards.usgs.gov/secure/designmaps/ww /signup.php Sottoscrivere con l ottenere S s via Latitudine e longitudine nome della città

61 C p & S s

62 C p & S s

63 Rapporto tra S s e C p NPFA - 13 del 2007 NPFA - 13 del 2010 (2013) S s C p S s C p S s C p < <

64 Valori del coefficiente sismico Cp a secondo di FM C p = 0,75 per zone classificate 50 anni 0,50 per zone classificate 100 anni 0,40 per zone classificate 250/500 anni 0,00 per zone classificate > 500 anni Le Mappe delle zone sismiche di FM si trovano nelle schede FM DS 1-2

65 Zona FM - Italia

66 Confrontiamo FM e NFPA per Roma

67 Confrontiamo FM e NFPA per Roma 2007 NFPA 13 Da USGS, Roma S s = 0.90, pertanto utilizzare C p = 0.50

68 Mappa della Zona FM - Roma Roma = Zona 500 anni Cp = 0.40

69 Confrontiamo FM e NFPA per Roma FM 2-8 F pw = C p * (1.15 * W p ) = 0.40 * (1.15 * W p ) = 0.46 * W p NFPA C p = impostazione predefinita fuori dagli USA = 0.5 C p = 0.5 dalla mappa USGS per S s F pw = C p * (1.15 * W p ) = 0.50 * (1.15 * W p ) = 0.58 * W p carico maggiore da 26% rispetto a FM

70 Gli strumenti di progettazione Le linee guide

71 2- Principali eccezioni della DS 2-8 (2010) con NFPA 13 FM consente l'uso di NFPA con 12 eccezioni, le cui principali sono: Ancoraggi longitudinali sono richiesti per diramazioni di diametro > 2 ½ "(65mm) Alimentazioni principali, dorsali principali e diramazioni > 4" (100mm) devono essere ancorate lateralmente quando sono supportate da barre filettate corte di 6 " (150mm) La lunghezza del tubo di rinforzo è limitata ad un rapporto snellezza (KL / r) 200 per la compressione non 300 Controventi con cavi non sono permessi

72 Altre differenze notevole della DS 2-8 (2010) con NFPA 13 Per quanto riguarda lo spostamento verticale a causa del carico del ancoraggio: FM richiede di sempre calcolare la forza netta Quando c è un sollevamento, si deve prevedere una resistenza (asta di rinforzo). Questo è generalmente un problema quando Cp> 0,5 Valori del coefficiente sismico Cp: NFPA 13: Cp dipende dal Ss e dalla tabella di corrispondenze Ss-Cp 0,5 se non si può trovare il Ss DS 2-8 (2010): 4 valori a secondo della classificazione dell area (0,75 0,50 0,40 e 0)

73 Altre differenze della DS 2-8 con NFPA 13 Bloccaggi per diramazioni NFPA 13 richiede bloccaggi sulle tubazioni < 2 (50mm) di diametro: Alla fine delle diramazioni Su diramazioni lunghe con intervalli da 9,1 a 16,1mt a secondo delle edizioni di NFPA 13. L angolo determinato dal sostegno colla verticale, non deve essere inferiore a 45º Si può utilizzare prodotti d ancoraggio elencati tradizionali o impiegare i nuovi controventi CADDY FM non richiede lo staffaggio antisismico sulle diramazioni <50mm

74 Intervalli tra bloccaggi NFPA 13 del 2007 NFPA 13 del 2010 Diramazzione Intervallo massimo (ft) Diramazzione Intervallo massimo (ft) (in) Cp < < Cp < 0.71 Cp > 0.71 (in) Cp < < Cp < 0.71 Cp > / / / / NFPA 13 del 2007 NFPA 13 del 2010 Diramazzione Intervallo massimo (m) Diramazzione Intervallo massimo (m) (mm) Cp < < Cp < 0.71 Cp > 0.71 (mm) Cp < < Cp < 0.71 Cp >

75 Gli strumenti di progettazione Il software di calcolo

76 Pagina NFPA 13 riepilogativa di un calcolo sismico

77 Progetto di un sostegno antisismico ottenuto con software CADDY Bracing Systems Calculator

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88 Scelta degli sezioni di tubi per gli ancoraggi sismici

89 Presentazione del progetto di un ancoraggio antisismico con impiego di tubo

90 Scelta del cavo per ancoraggi sismici

91 Presentazione del progetto di ancoraggi antisismici con cavo

92 Agenda / Argomenti Vista panoramica dei componenti

93 Attacco strutturale universale Attacco strutturale universale

94 Attacco strutturale universale Video

95 Attacco diretto al calcestruzzo

96 Utilizzo della piastra multi-attacco (No FM)

97 Multi-Attacco

98 Attacco con adattatore per IPE o HEA

99 Attacco con adattatore per travetti a L

100 Attacco strutturale universale Caratteristiche e vantaggi Disegno universale unico, un solo prodotto che può essere collegato a cemento, travetti, travi e ai rispettivi adattatori Bulloni con teste a rottura programmata eliminando l utilizzo di una chiave dinamometrica Tutta la gamma progettata per ancoraggi sia laterali che longitudinali da utilizzarsi con tubi di rinforzo da 1"-2, riducendo il materiale in magazzino e in cantiere

101 Adattatore per travetti a L

102 Video - Adattatore per travetti a L

103 Adattatore per travetti a L

104 Adattatore per travetti a L Caratteristiche e vantaggi Un ritegno unico ad incastro con molla in acciaio armonico per un ritegno immediato. Il posizionamento avviene con una sola mano al travetto prima del serraggio finale Bulloni con teste a rottura programmata. Si elimina l utilizzo di una chiave dinamometrica e verifica la coretta applicazione Progettato per ancoraggi laterali e longitudinali riducendo scorte di magazzino e di materiale in cantiere

105 Adattatore per travi IPE e HEA

106 Video - Adattatore per travi IPE e HEA

107 Adattatore per travi IPE e HEA

108 Adattatore per travi IPE e HEA Fase 4: Si monta l attacco universale per attaccare il tubo di rinforzo

109

110 Adattatore per travi IPE e HEA Caratteristiche e vantaggi Disegno unico, regolabile per accogliere diversi spessori e larghezze di trave, riducendo il numero di prodotti necessari Bulloni con teste a rottura programmata elimina l utilizzo di una chiave dinamometrica Prodotto interamente assemblato Gli elementi, indipendenti tra loro, permettono anche il montaggio efficace su travi con ali non perfettamente piane Progettato per applicazioni di ancoraggio laterali e longitudinali, contribuendo a ridurre il magazzino e il materiale in cantiere

111 Ancoraggi paralleli e perpendicolari alla trave

112 Sostegni laterali a fissaggio rapido Jr. (1 2, 25mm 50mm) QG (2½ 8, 65mm 200mm)

113 Ancorraggio laterale Quick Grip Jr Per tubi 1 2 (25mm 50mm)

114 Sostegno laterale Quick Grip Per tubi 2 ½, 3, 4 8 (65mm, 80mm, 100mm 200mm)

115 Video - Sostegni laterali a fissaggio rapido

116 Sostegno laterale Quick Grip

117

118 Quick Grip ancoraggio laterale

119 Sostegni laterali e longitudinali Sostegno facile Sostegno standard

120 Sostegno universale facile Ancorraggi laterali e longitudinali Per tubi 1 8 (25mm 200mm)

121 Video EZ (easy) Universal

122 Risultato finale

123 Sostegno universale standard Ancorraggi laterali e longitudinali Per tubi 1 10 (25mm 250mm)

124 Sostegno universale standard Ancorraggi laterali e longitudinali

125 Sostegno universale standard Fase 1: Posizionare I componenti intorno alla tubazione dell impianto, serrare I bulloni a mano e girare il collare a seconda dell orientamento desiderato (verticalmente per un ancorraggio longitudinale, trasversalmente per un ancoraggio laterale) Fase 2: Inserire il tubo di rinforzo nell attacco e serrare i bulloni fino a quando si rompono le teste

126 Sostegno universale standard Fase 3: serrare I bulloni del collare

127 Risultato finale

128 Rivista dei prodotti per ancoraggio con cavi

129 Cavo in bobina

130 Cavo in kit con occhiali di fissagio

131 Cavo in kit con morsetti a pressione

132 Gancio di fissaggio universale (URC)

133 Gancio di fissaggio universale Removibile (URCR)

134 Gancio di scorrimento (NPC)

135 Morsetti a pressione

136 Collare di rinforzo per barra fillettata

137 Taglia cavi

138 Pinza per morsetti - manuale

139 Pinza per morsetti elettrica

140 Installazioni con cavi

141 Attacco diretto al tubo e/o canale

142 Ancoraggio laterale del tubo e/o canale

143 Ancoraggio longitudinale del tubo e/o canale

144 Ancoraggio 4-vie del tubo e/o canale

145 Controventatura canale quadro

146 Controventatura canale circolare

147 Controventatura per impianti elettrici

148 Controventatura per impianti meccanici

149

150

151

152

153

154

155

156

157

158

159

160

161

162 Bloccaggi CADDY per diramazioni

163 Installazione

164 Vista panoramica dei componenti CSBBRS1EG CSBBRS2EG CSBBRS3EG Diramazioni P/N 1" CSBBRP0100EG 1 1/4" CSBBRP0125EG 1 1/2" CSBBRP0150EG 2" CSBBRP0200EG

165 CSBBRS1EG & CSBBRS1MEG Per uso con barre fillettate M 10 e M 12 Utilizza vite autoforante Impiegabile per flange di spessore compreso da 2,7 a 12,5 mm Utilizzabile anche verticalmente

166 CSBBRS2EG & CSBBRS2MEG Per uso con barre fillettate M 10 e M 12 Utilizza vite autofilettante per legno Vite utilizzabile nel calcestruzzo non fissurato, previa foratura Applicazione su legno Applicazione su cls

167 CSBBRS3EG & CSBBRS3MEG Da utilizzarsi con barre fillettate M 10 e M 12 Bulloni maschio M 10 da uttilizzarsi per il fissaggio, con tassello femmina nel calcestruzzo Utilizzo con vite dado esagonale e rondella non inclusi Utilizzo con cls e tassello Utilizzo con morsetti da agganciare alle T delle travi

168 Collari per diramazioni Per uso con barre fillettate M 10 e M 12 Collare che facilita l utilizzo della barra fillettata, compresa la misurazione Utilizzabile anche con barre non sbavate Bulloni di chiusura a rottura programmata anche per una rapida ispezione di montaggio eseguito a regola d arte Diametro del tubo P/N 1" CSBBRP0100EG 1 1/4" CSBBRP0125EG 1 1/2" CSBBRP0150EG 2" CSBBRP0200EG

169 Riassunto Elevati carichi e quindi idonei alle applicazioni antisismiche Incontra i requisiti NFPA 13 e FM DS 2-8 per applicazioni sismiche Prodotti Listati UL, Approvati FM La gamma CADDY risulta completa e innovativa, garantendo facilità d installazione e risparmio di denaro Soluzione per lo staffaggio antisismico

170 Riassunto Esistono mappe USGS e FM per decidere dove intervenire per utilizzare lo staffaggio antisismico (zone a rischi) Esistono 2 standard che spiegano: Come calcolare quanto staffaggio si deve impiegare Cosa usare per ancorare e quali prodotti si devono utilizzare Come creare lo staffaggio Esistono 2 liste su cui fare riferimento per selezionare i prodotti Esiste un software per effettuare i calcoli Esistono prodotti listati

171 Conclusione Pertanto, è disponibile tutto il necessario per progettare ancoraggi antisismici efficaci per impianti antincendio a sprinkler

172 DOMANDE??

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari Profilati in alluminio a disegno/standard/speciali Dissipatori di calore in barre Dissipatori di calore ad ALTO RENDIMENTO Dissipatori di calore per LED Dissipatori di calore lavorati a disegno e anodizzati

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

E.P. VIT s.r.l. 004 02 048 025 ZB FINITURA LUNGHEZZA DIAMETRO MATERIALE TIPOLOGIA PRODOTTO

E.P. VIT s.r.l. 004 02 048 025 ZB FINITURA LUNGHEZZA DIAMETRO MATERIALE TIPOLOGIA PRODOTTO LISTINO PREZZI E.P. VIT s.r.l. opera da oltre un decennio nel mercato della commercializzazione di VITERIA, BULLONERIA E SISTEMI DI FISSAGGIO MECCANICI. L azienda si pone quale obiettivo l offerta di prodotti

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv )

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv ) SIVIERA GIREVOLE A RIBALTAMENTO IDRAULICO BREVETTATA TRASPORTABILE CON MULETTO MODELLO S.A.F.-SIV-R-G SIVIERA A RIBALTAMENTO MANUALE MODELLO S.A.F. SIV-R1-R2 1 DESCRIZIONE DELLA SIVIERA Si è sempre pensato

Dettagli

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Sommario Kit di assemblaggio InnoTech 2-3 Guida Quadro 6-7 Guide su sfere 8-11 Guide su rotelle 12-13 Portatastiere

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Misura di portata Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Scheda tecnica WIKA FL 10.05 FloTec Applicazioni Produzione di petrolio e raffinazione Trattamento

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

Fissaggio meccanico degli angoli nei serramenti in legno, con l'innovativo sistema MC della SFS intec. nuovo senza colla.

Fissaggio meccanico degli angoli nei serramenti in legno, con l'innovativo sistema MC della SFS intec. nuovo senza colla. Fissaggio meccanico degli angoli nei serramenti in legno, con l'innovativo sistema MC della SFS intec nuovo senza colla senza tasselli Benefici del fissaggio meccanico degli angoli con il sistema MC Con

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

SEZIONE 22 PAGINA 01

SEZIONE 22 PAGINA 01 TUBO ARIA COMPRESSA GOMMA 20 BAR 22 100 102 Tubo per aria compressa 8x17 22 100 104 Tubo per aria compressa 10x19 22 100 106 Tubo per aria compressa 13x23 22 100 110 Tubo per aria compressa 19x30 Tubo

Dettagli

LINEE VITA UNI EN 795 - SISTEMI ANTICADUTA - DPI LINEE VITA QUALITÀ, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA

LINEE VITA UNI EN 795 - SISTEMI ANTICADUTA - DPI LINEE VITA QUALITÀ, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA LINEE VITA UNI EN 795 - SISTEMI ANTICADUTA - DPI LINEE VITA QUALITÀ, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA LINEE VITA E LE CADUTE DALL ALTO In Italia le cadute dall alto costituiscono il

Dettagli

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7.

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Guida agli Oblo e Osteriggi

Guida agli Oblo e Osteriggi Guida agli Oblo e Osteriggi www.lewmar.com Introduzione L installazione o la sostituzione di un boccaporto o oblò può rivelarsi una procedura semplice e gratificante. Seguendo queste chiare istruzioni,

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali

Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali Bloccaggi a doppio tirante orizzontali e verticali Caratteristiche: i bloccaggi sono disponibili in due configurazioni: orizzontali, come raffigurati in bassoa nella foto, con il bloccaggio e la staffa

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore.

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Tecnica chirurgica Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Sommario Principi AO ASIF 4 Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE La soluzione in nero La soluzione Comax La soluzione Quadmax La soluzione universale La soluzione estetica La soluzione Utility Il modulo Honey Versione IEC TSM_IEC_IM_2011_RevA

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 Emerson Power Transmission KOP-FLEX, INC., P.O. BOX 1696 BALTIMORE MARYLAND 21203, (419) 768 2000 KOP-FLEX

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Burj al-arab. Tom Wright and Atkins

Burj al-arab. Tom Wright and Atkins Tom Wright and Atkins Esterni e dettagli costruttivi L esterno della struttura è caratterizzato da tre elementi: la pianta triangolare; l esoscheletro in acciaio; la tenda in teflon. La sagoma è poi interrotta

Dettagli

VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME MISURA PREZZO CODICE PZ/CF SQUADRO 3/8" 10,23 RFAR0001 10 SQUADRO 1/2" 12,93 RFAR0011 10

VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME MISURA PREZZO CODICE PZ/CF SQUADRO 3/8 10,23 RFAR0001 10 SQUADRO 1/2 12,93 RFAR0011 10 VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME SQUADRO 3/8" 10,23 R0001 10 SQUADRO 1/2" 12,93 R0011 10 DIRITTA 3/8" 12,87 R0031 10 DIRITTA 1/2" 13,98 R0041 10 VALVOLA TERMOSTATIZZABILE ATTACCO RAME SQUADRO 3/8" 15,36 R0031

Dettagli

dove appoggiano le macchine Installazione delle macchine Tecnica delle vibrazioni 4.1

dove appoggiano le macchine Installazione delle macchine Tecnica delle vibrazioni 4.1 dove appoggiano le macchine Installazione delle macchine Tecnica delle vibrazioni 4.1 Indice Qualsiasi soluzione tecnica.? A Vostra disposizione e scelta, in questo Dei cunei di precisione, degli elementi

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

strutture legate non autoportanti

strutture legate non autoportanti Il comportamento sotto sisma delle strutture metalliche dedicate a vano corsa ascensore, legate ad edifici esistenti: problemi e soluzioni. - 1 a parte - abstract Le strutture metalliche che costituiscono

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2...

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... CB 1 CB 2 Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... 1 Indice Note importanti Pagina Corretto impiego...8 Note di sicurezza...8 Pericolo...8 Applicabilità secondo articolo

Dettagli

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Scatole da incasso Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Principali caratteristiche tecnopolimero ad alta resistenza e indeformabilità temperatura durante l installazione

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali.

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili di protezione contro le frane superficiali in pendii instabili: -

Dettagli

"A1" 795 795 - "A2").

A1 795 795 - A2). manuale d'uso LINEA VITA Linee di ancoraggio flessibili orizzontali (EN 795 Classe "C"). Ancoraggi strutturali (EN 795 Classe "A1" - "A2"). Componenti testati e certificati da organismo notificato di certificazione.

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

di SolarWorld Sistema di montaggio per impianti fotovoltaici su tetti inclinati Progettazione ed esecuzione

di SolarWorld Sistema di montaggio per impianti fotovoltaici su tetti inclinati Progettazione ed esecuzione di SolarWorld Sistema di montaggio per impianti fotovoltaici su tetti inclinati Progettazione ed esecuzione Traduzione delle istruzioni per il montaggio originali per installatori 05/01 www.solarworld.com

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

PI.EFFE.CI. Oltre 40 anni di esperienza

PI.EFFE.CI. Oltre 40 anni di esperienza Oltre 40 anni di esperienza mette a disposizione della propria clientela i 40 anni della sua esperienza nel mercato dei prodotti per il fissaggio delle tubazioni, utilizzati negli innumerevoli settori

Dettagli