Comando Rieti, maggio 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comando Rieti, maggio 2010"

Transcript

1 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

2 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Acquedotto Eventuale Riserva idrica + Gruppo Pompe Reti di idranti Protezione attiva

3 Posizionamento degli apparecchi Classificazione del livello di pericolosità Interni e/o esterni Scelta delle apparecchiature Calcolo Idraulico Definizione dell alimentazione idrica Lay out Tubazioni interne e/o esterne La progettazione Maggio /

4 Aree di livello Aree di livello 1 Le aree di livello 1 corrispondono in buona parte a quelle definite di classe LH e OH 1 dalla UNI EN12845, PROTEZIONE INTERNA 2 IDRANTI CON 120 L/MIN CAD E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,2 MPa OPPURE 4 NASPI CON 35 L/MIN CAD E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,2 MPa PROTEZIONE ESTERNA GENERALMENTE NON PREVISTA Il livello di pericolosità DURATA 30MIN Maggio /

5 Aree di livello 2 Le aree di livello 2 corrispondono in buona parte a quelle definite di classe OH 2, 3 e 4 dalla UNI EN PROTEZIONE INTERNA 3 IDRANTI CON 120 L/MIN CAD E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,2 MPa OPPURE 4 NASPI CON 60 L/MIN CAD E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,3 MPa PROTEZIONE ESTERNA 4 ATTACCHI DN 70 CON 300 L/MIN CADAUNO E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,3MPa Il livello di pericolosità DURATA 60MIN Maggio /

6 Aree di livello 3 OPPURE 6 NASPI CON 60 L/MIN CAD E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,3 MPa 6 ATTACCHI DN 70 CON 300 L/MIN CADAUNO E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,4MPa Il livello di pericolosità Nota Le aree di livello 3 corrispondono in buona parte a quelle definite di classe HH dalla UNI EN 12845, PROTEZIONE INTERNA 4 IDRANTI CON 120 L/MIN CAD E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,2 MPa PROTEZIONE ESTERNA DURATA 120MIN Maggio /

7 Devono coprire ogni parte dell attività Posizionamento degli apparecchi IDRANTI A MURO E NASPI Ogni apparecchio non protegga più di 1000 m 2 Ogni punto dell area protetta disti al massimo 20 m per idranti a muro e 30 m per naspi. Posizionati in punti visibili e facilmente accessibili 5.3 Lunghezza massima (da UNI EN 671/2) La lunghezza elementare di tubazione non deve essere maggiore di 20 m, tranne nei casi in cui i regolamenti permettono lunghezze maggiori Maggio /

8 Posizionamento degli apparecchi IDRANTI A COLONNA Distanza Massima Fra Loro = 60 m Installati, Se Possibile In Corrispondenza Degli Ingressi Distanza Dalle Pareti Perimetrali Dell edificio, Fra i 5 e i 10 m Maggio /

9 COPIA STUDIO CORSO 818 Posizionamento degli apparecchi Maggio / Protezione attiva

10 Posizionamento degli apparecchi La caratteristica più importante è l affidabilità dell impianto. - L anello è sempre preferibile, con almeno 3 valvole -La rete esterna dovrebbe essere distinta da quella interna, per poter essere sezionata in caso di danneggiamento. -Le tubazioni devono tenere conto di problemi di gelo, area sismica,attraversamento di pareti tagliafuoco, ecc. Maggio /

11 Scelta degli apparecchi Dal 1 Aprile 2004 possono essere commercializzati soltanto prodotti marcati CE con i seguenti obblighi per gli attori coinvolti nelle diverse fasi del processo: I committenti dovranno chiedere l impiego di prodotti marcati CE; I produttori dovranno immettere sul mercato solo prodotti marcati CE; I progettisti dovranno prescrivere solo prodotti marcati CE Le imprese di costruzione dovranno realizzare opere impiegando prodotti marcati CE Maggio /

12 Scelta degli apparecchi Numero identificativo Organismo notificato Numero identificativo produttore Valori pressione portata, da cui si ricava K minimo Maggio /

13 Scelta degli apparecchi La Norma definisce i requisiti necessari affinché un idrante/naspo possa: Essere utilizzato efficacemente da un solo operatore Abbia una lunga durata di esercizio Non necessiti di un eccessiva manutenzione Eroghi un getto continuo immediatamente disponibile Maggio /

14 La scelta dell idrante a muro /naspo/ È fatto su due parametri Scelta degli apparecchi 1) Idraulico, in relazione del livello di pericolosità scegliendo il prodotto in funzione del K fornito (al punto d attacco) 2) Funzionale, in relazione al luogo dove si intende posizionarlo Maggio /

15 punto di attacco dell idrante /naspo/ Scelta degli apparecchi Maggio /

16 Scelta degli apparecchi La legislazione italiana attuale prevede per i naspi delle portate di 35 l/min e 60 l/min a seconda delle aree di rischio e per gli idranti a muro delle portate di 120 l/min. E indispensabile pertanto richiedere al fornitore e specificare nei capitolati tecnici di appalto il coefficiente caratteristico di erogazione K. Tenendo conto della formula che correla la portata Q alla pressione residua P all ingresso, sarà facile determinare la corretta funzionalità dell attrezzatura. Maggio /

17 Scelta degli apparecchi Portate minime e valore K minimo in funzione della pressione UNI EN 671-1:2003 1: Sistemi equipaggiati con tubazioni Naspi antincendio con tubazioni semirigide Diametro dell ugello o diametro equivalente Portata minima Ql/min Coefficiente K (mm) P = 0,2 MPa P = 0,4 MPa P = 0,6 MPa Maggio /

18 PRESTAZIONE NORMALE Q=35 L/MIN min A 2 BAR min. K =24,75= Scelta degli apparecchi K PER NASPI ANTINCENDIO PRESTAZIONE ELEVATA Q = 60 L/MIN min. A 3 BAR min. K = 34,65 Maggio /

19 Scelta degli apparecchi Portate minime e valore K minimo in funzione della pressione UNI EN 671-2: Sistemi equipaggiati con tubazioni Idranti a muro con tubazioni flessibili * Diametro equivalente Portata minima Ql/min Coefficiente K (mm) P = 0,2 MPa P = 0,4 MPa P = 0,6 MPa * * * * * * * Valori portata minima rettificati secondo edizione 2006 Maggio /

20 Scelta degli apparecchi K MINIMO PER IDRANTI A MURO Q = 120 L/MIN min. A 2 BAR min. K MINIMO 85 Maggio /

21 DN 9 DN 10 IDRANTI A MURO: TABELLA DN DELLA LANCIA - PRESSIONI MINIME ALLA VALVOLA DI INTERCETTAZIONE PER OTTENERE 120 L/MIN DN 11 DN 12 DN 13 0,68 MPa 0,48 MPa 0,31 MPa 0,27 MPa 0,20 MPa Scelta degli apparecchi Maggio /

22 8 1 8 Protezione attiva Considerazione sugli apparecchi O O I S D R U O T S C A I P O C Maggio /

23 IDRANTI SOPRASUOLO E SOTTOSUOLO Le apparecchiature delle reti Idranti soprasuolo devono essere conformi alla UNI-EN Idranti sottosuolo devono essere conformi alla UNI- EN Cassette corredo idrante complete delle attrezzature minime per il funzionamento dell idrante stesso (UNI( ) Maggio /

24 IDRANTI A COLONNA SOPRASUOLO Le apparecchiature delle reti La norma specifica i requisiti minimi, i metodi di prova, e la valutazione di conformità per gli Idranti a colonna soprasuolo per antincendio: Da installarsi in reti di distribuzione dell acqua Aventi dimensioni DN 80,DN 100,DN150 Per pressioni massime di esercizio pari a PN16. Dotati di attacco di alimentazione verticale oppure orizzontale, Forniti di attacchi di presa con uscite conformi alle normative nazionali I requisiti nazionali sono indicati nell appendice NA Maggio /

25 IDRANTI A COLONNA SOPRASUOLO Le apparecchiature delle reti Maggio /

26 Le apparecchiature delle reti IDRANTI A COLONNA SOPRASUOLO Termini e definizioni dall allegato Nazionale NA profondità di interro: : Distanza tra l indicazione del livello del suolo e l asse del foro del sistema di scarico. NA attacco di prelievo: : Attacco dell idrante preposto solitamente alla connessione dell autocisterna, dal quale viene prelevata acqua dall idrante allo scopo di riempire l autocisterna di acqua. NA attacco di uscita: : Attacco dell idrante preposto solitamente alla connessione delle manichette antincendio,dal quale viene prelevata acqua dall idrante per alimentare le lance antincendio Maggio /

27 Dimensioni: La profondità di interro dell idrante deve essere definita dal progettista sulla base di oggettive valutazioni relative alle condizioni ambientali onde evitare il pericolo di gelo. Le apparecchiature delle reti La profondità di interro minima deve essere di 300 mm. Riferimenti normativi: UNI 810 : per gli attacchi a vite UNI 7421: Tappi per valvole e raccordi 300 mm minima Maggio /

28 7.1.8 Tubazioni interrate Le tubazioni interrate devono essere installate in conformità alla specifica normativa di riferimento, ove disponibile. Devono essere seguite almeno le indicazioni seguenti: -Le tubazioni interrate devono essere installate tenendo conto della necessità di protezione dal gelo e da possibili danni meccanici; in generale la profondità di posa non deve essere minore di 0,8 m dalla generatrice superiore della tubazione. Le apparecchiature delle reti -Laddove ciò non fosse possibile, occorrerà adottare protezioni meccaniche e dal gelo appositamente studiate. In ogni caso, deve essere prestata particolare attenzione nel caso di tubazioni di materiale non ferroso. Maggio /

29 Dotazione minima cassette corredo idrante soprasuolo Le apparecchiature delle reti In prossimità di ciascun idrante deve essere prevista almeno una dotazione a corredo. Tali dotazioni devono essere ubicate in prossimità degli idranti,in apposite cassette di contenimento, o conservate in una o più postazioni accessibili in sicurezza. Maggio /

30 Le apparecchiature delle reti Dotazione minima cassette corredo idrante soprasuolo Tratto di tubazione DN 70 a norma UNI completa di raccordi UNI 804. Lancia erogazione a controllo di getto Chiave di manovra pentagonale Chiave per raccordi Sella di sostegno Maggio /

31 ATTACCHI DI MANDATA PER AUTOPOMPA in Linea Le apparecchiature delle reti in Derivazione Tipo Conforme alla Norma Solo per immissione acqua Maggio /

32 ATTACCHI DI MANDATA PER AUTOPOMPA Le apparecchiature delle reti Attacco di immissione con girello con diametro non minore di DN 70 protette a mezzo di tappi maschio fil. UNI 810 contro l ingresso di corpi estranei nel sistema. Nel caso di più attacchi prevedere una valvola di sezionamento per ogni attacco. Valvola di sicurezza tarata a 1,2 MPa Valvola di non ritorno Valvola di intercettazione Segnaletica ( par. 7.7) Importante: in caso di possibilità di gelo prevedere dispositivo di drenaggio Maggio /

33 Le apparecchiature delle reti PROTEZIONI PER ATTACCHI DI MANDATA PER AUTOPOMPA E consigliato proteggere da urti e da altri danni meccanici l attacco di mandata per autopompa con una cassetta di dimensioni adeguate accessibile in modo agevole e sicuro. Maggio /

34 Tubazioni Fuori terra Le apparecchiature delle reti Devono essere metalliche UNI EN serie L senza asportazione di materiale (es. saldatura) UNI EN serie M se si vuole usare giunzioni filettate Se DN > 100 EN ma con spessori minimi Maggio /

35 Le apparecchiature delle reti Ammesse altri tipi di tubazione purchè garantiscano resistenza meccanica e alla corrosione. Inoltre devono rispettare gli spessori minimi del prospetto 2. Maggio /

36 Tubazioni interrate Le apparecchiature delle reti Il requisito comune è la resistenza alla corrosione, oltre quella meccanica. Acciaio: : UNI EN per DN >= 100 e spessori minimi del prospetto III UNI EN serie M per DN < 100 ma PROTETTE. Maggio /

37 Le apparecchiature delle reti Plastica: : PN min 1.2 MPa e conformi a UNI EN 1220, UNI EN 13244, UNI EN ISO 15494, UNI EN 1452, UNI EN ISO 15493, UNI 9032, UNI EN ISO Ghisa: : PN min 1.2 MPa e conformi a UNI EN 545 Maggio /

38 Installazione delle tubazioni Le apparecchiature delle reti 1. Garantire la possibilità di manutenere l impianto senza mettere fuori uso tutti i terminali (obbligatorio per impianti oltre 4 idranti/naspi) rete ad anello, valvole di intercettazione appositamente predisposte. 2. Tenere conto della sismicità del territorio: giunti flessibili, passaggio attraverso strutture che garantiscano gioco sufficiente, impedire comunque che i movimenti siano tali da determinare la rottura dell impianto. 3. Considerare il pericolo di gelo: prevedere serpentine, coibentazioni o liquido antigelo nel caso di tubazioni fuori terra in ambienti dove è possibile la formazione di ghiaccio all interno delle tubazioni (min. 4 C). Maggio /

39 Le apparecchiature delle reti 4. Fare in modo che le tubazioni siano il più possibile raggiungibili per manutenzione, ma allo stesso tempo non siano alla portata di danneggiamenti per passaggio di macchine o attrezzature. Evitare il passaggio in locali ad alto pericolo di incendio, evitare quanto più possibile l attraversamento di strutture di compartimentazione: nel caso la compartimentazione REI deve essere mantenuta (collari, schiume isolanti, ecc.) 5. Stare attenti alla tenuta strutturale dei pesi derivanti (a tubo pieno). 6. Le tubazioni interrate devono avere una profondità di posa dal terreno di almeno 0.8 m. Normalmente si usano tubazioni in materiale non ferroso (es. polietilene UN 10910). Maggio /

40 Sostegni tubazioni Le apparecchiature delle reti I sostegni devono garantire la stabilità dell impianto in qualunque condizione, a impianto fermo oppure attivo. - No sostegni aperti; - No graffe elastiche; - No sostegni saldati o ancorati direttamente alle giunzioni; Esistono diversi tipi di sostegni, da utilizzare secondo le esigenze di staffaggio al soffitto o comunque a strutture presenti nei locali. Il prospetto 1 della norma UNI ci dice le caratteristiche geometriche minime dei sostegni per garantire stabilità all impianto, in funzione del diametro supportato. Maggio /

41 Le apparecchiature delle reti IN GENERALE OCCORRE INSERIRE UN SOSTEGNO OGNI 4 M. PER TUBI FINO A DN 65 E OGNI 6 M. PER DIAMETRI SUPERIORI. ECCEZIONE I TUBI FINO A 0.60 m E LE VERTICALI FINO AD 1 m Maggio /

42 Valvole Intercettazione Le apparecchiature delle reti Valvole di intercettazione conformi alla UNI 6884 (a saracinesca alla UNI 7125), indicante posizione aperta/chiusa. Esse devono essere posizionate in modo tale che siano: 1. ACCESSIBILI E SEGNALATE ADEGUATAMENTE. 2. SE IN POZZETTO, NON OSTACOLATE NELL UTILIZZO 3. SEMPRE APERTE (BLOCCATE O CONTROLLATE CON DISPOSITIVI A DISTANZA (es. ELETTRICI) Maggio /

43 LANCE EROGATRICI Ogni lancia deve permettere le seguenti regolazioni di getto: Chiusura getto Le apparecchiature delle reti Getto frazionato e/o Getto pieno Maggio /

44 Le lance possono essere: a leva Le apparecchiature delle reti a rotazione Maggio /

45 Le apparecchiature delle reti Le lance possono essere a leva o a rotazione e l erogazione del getto frazionato può essere: A velo diffuso (laminare) con angolo di erogazione fisso di 90 ± 5 (solo in Francia) A forma di cono con angolo di erogazione non minore di 45 La norma stabilisce inoltre la gittata effettiva minima: Getto pieno: 10 m Getto frazionato a velo diffuso: 6 m Getto frazionato a forma di cono: 3 m Maggio /

46 Le apparecchiature delle reti Tubazione flessibile DN 45 La tubazione flessibile deve essere conforme alla EN 14540:04 (UNI EN 14540:06), il diametro della tubazione non può essere maggiore di 52 mm, Maggio /

47 PARAMETRO Pressione di scoppio Pressione di collaudo Resistenza al distacco (tra il rivestimento impermeabilizzante e la calza tessile) Le apparecchiature delle reti Invecchiamento Resistenza al distacco dopo l invecchiamento Resistenza allo scoppio dopo l invecchiamento Angolo di torsione sotto pressione EN ,5 MPa 2,25 MPa 25 N 14 gg. 22,5 N 3,375 MPa e comunque non decrescere oltre il 25 % del valore di scoppio No antioraria e max 100 /m UNI ,2 MPa 2,4 MPa 15 N 7 gg. 12 N 3,2 MPa No antioraria Maggio /

48 Le apparecchiature delle reti Vengono modificate inoltre le metodologie di prova relative a: - Resistenza alle alte temperature - Resistenza alle basse temperature E stata inserita una prova di resistenza allo scoppio con piegatura strozzata. Maggio /

49 Le apparecchiature delle reti MARCATURA TUBAZIONE FLESSIBILE DN 45 Ogni lunghezza di tubazione deve riportare in modo leggibile ed indelebile le seguenti informazioni minime, almeno due volte, alle estremità: Nome e/o marchio del fabbricante Numero e data della presente norma europea Il diametro interno La pressione massima di esercizio in MPa (bar) Trimestre ed anno di fabbricazione Temperatura di prova se minore di -20 C Il numero di approvazione e l ente certificatore o il suo riferimento,dove applicabile Maggio /

50 TUBAZIONE FLESSIBILE DN 70 Nuova edizione della UNI Le apparecchiature delle reti per Tubazioni flessibili antincendio DN 70 per pressioni di esercizio fino a 1,2 MPa, da impiegarsi nelle reti idriche antincendio. Maggio /

51 Marcatura TUBAZIONE flessibile DN 70 Le apparecchiature delle reti Ogni tubazione flessibile deve riportare, in modo leggibile ed indelebile, i seguenti dati di identificazione: Nome del costruttore; Riferimento alla presente norma; Diametro nominale; Lunghezza; Anno di costruzione. Maggio /

52 UNI-EN 671/2 : IDRANTI A MURO Marcati CE possono essere: FORMA A Le apparecchiature delle reti in una nicchia con portello di protezione Maggio /

53 UNI-EN 671/2 : IDRANTI A MURO Marcati CE possono essere: FORMA B in una cassetta incassata Le apparecchiature delle reti Maggio /

54 UNI-EN 671/2 : IDRANTI A MURO Marcati CE possono essere: FORMA C Le apparecchiature delle reti in una cassetta per montaggio a parete Maggio /

55 Le apparecchiature delle reti UNI-EN 671/2 : IDRANTI A MURO SOSTEGNO DELLA TUBAZIONE TIPO 1 Rullo rotante Maggio /

56 UNI-EN 671/2 : IDRANTI A MURO Le apparecchiature delle reti SOSTEGNO DELLA TUBAZIONE TIPO 2 Sella con tubazione avvolta in doppio Maggio /

57 UNI-EN 671/2 : IDRANTI A MURO Le apparecchiature delle reti SOSTEGNO DELLA TUBAZIONE TIPO 3 Contenitore con la tubazione faldata a zig-zag Maggio /

58 Fissi UNI-EN 671/1 NASPI CE I naspi possono essere: od orientabili Le apparecchiature delle reti Maggio /

59 Le apparecchiature delle reti UNI-EN 671/2 : IDRANTI A MURO RUBINETTI IDRANTE : PN12 Filettatura attacco ISO 7-1 (1994) TUBAZIONE COMPLETA DI RACCORDI: Diametro 52mm Lunghezza 20m (lunghezze maggiori per specifiche applicazioni) a norma EN (UNI EN ) Raccordi UNI 804 salvo prescrizioni delle autorità locali Legature a norma UNI 7422 Maggio /

60 In appendice C.1 della Il calcolo idraulico Tenendo in considerazione le UNI EN e UNI EN 671-2, che definiscono la portate degli idranti a muro e dei naspi solo in funzione della caratteristica di erogazione dell idrante/naspo e della pressione al punto di attacco dell idrante/naspo stesso alla rete di tubazioni, non occorre preoccuparsi di verificare le portate al bocchello, né di tenere conto delle perdite di carico nelle tubazioni flessibili, ecc., ma è sufficiente conoscere la caratteristica di erogazione dell idrante o naspo (in termini di coefficiente caratteristico di erogazione K dell apparecchiatura,che deve essere stabilito dal costruttore dell idrante o naspo). La portata dell idrante/naspo è univocamente definita dalla pressione al punto di attacco secondo l espressione: Q = K (10P) Maggio /

61 Q = K * (10 P) K = coefficiente di efflusso P = MPa Q = l/min Il calcolo idraulico Esso è la misura della capacità di far uscire acqua, data una determinata pressione. A parità di Pressione, infatti, un K più elevato garantisce una scarica di fluido maggiore. Quindi, tutti gli idranti o i naspi sono caratterizzati da un K rigorosamente dichiarato dal produttore e certificato da un Ente notificato, comunque facilmente misurabile tramite la Q e la P rilevata al punto di attacco. Maggio /

62 Il calcolo idraulico Conoscere il K significa poter calcolare la giusta portata minima, la giusta pressione alla pompa e infine la giusta riserva idrica minima per il corretto funzionamento dell impianto. Maggio /

63 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 K MINIMI Il calcolo idraulico Protezione attiva

64 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Il calcolo idraulico Protezione attiva

65 HAZEN-WILLIAMS per il calcolo delle perdite distribuite P = Perdita di Pressione per metro lineare Q = Portata presente nel tubo D = Diametro INTERNO della tubazione (in mm) Il calcolo idraulico C = coefficiente di scabrezza, misura inversa della rugosità interna della tubazione C = 100 GHISA C = 120 ACCIAIO C = 140 ACCIAIO INOX, RAME, GHISA RIVESTITA C = 150 PLASTICA E SIMILI circa 30% in meno nel caso di tubi usati (5-10 anni) Maggio /

66 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Il calcolo idraulico Protezione attiva

67 Il calcolo idraulico VELOCITA unico parametro di dimensionamento delle tubazioni. Tutte le norme Vmax = 10 m/sec. Il buon senso dice al massimo 3 m/sec, e facendo comunque in modo di rispettare anche le condizioni minime di diametro imposte dalla norma stessa: 1. I DN delle tubazioni non devono MAI essere inferiori a quello dei terminali che essi alimentano. 2. I DN delle tubazioni devono rispettare anche i seguenti limiti minimi. Maggio /

68 PERDITE CONCENTRATE Il calcolo idraulico Le perdite dovute a pezzi speciali si traducono in perdite distribuite attraverso lunghezze di tubo predeterminate (EQUIVALENTI) secondo il prospetto C.1, applicando ancora una volta la formula di Hazen-Williams. Maggio /

69 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Il calcolo idraulico Protezione attiva

70 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Il calcolo idraulico Protezione attiva

71 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Otteniamo la pressione all alimentazione Il calcolo idraulico Protezione attiva

72 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Il calcolo idraulico Protezione attiva

73 Q = K * (P/1000) Q3, H3 Real Q3, H3 min Q5, H5 Real Q3, H3 min Q6, H6 Real Q3, H3 min Il calcolo idraulico Maggio /

74 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Q = L/min H = KPa Il calcolo idraulico Protezione attiva

75 Testo: Primo livello; Secondo livello; Terzo livello;» Quarto livello. Reti di idranti Maggio /

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Valvole KSB a flusso avviato

Valvole KSB a flusso avviato Valvole Valvole KSB a flusso avviato Valvole KSB di ritegno Valvole Idrocentro Valvole a farfalla Valvole a sfera Valvoleintercettazionesaracinesca Valvole di ritegno Giunti elastici in gomma Compensatori

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 3.347.5275.106 IM-P148-39 ST Ed. 1 IT - 2004 Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 1. Informazioni generali per la sicurezza

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO Nel rispetto dei diritti di copyright che tutelano le norme tecniche UNI la presente versione della Linea Guida è stata redatta in forma

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Il sistema più avanzato per un'esatta misurazione del calore

Il sistema più avanzato per un'esatta misurazione del calore Il sistema più avanzato per un'esatta misurazione del calore sensonic II Contatori di calore 2 Indice sensonic II Tecnologia innovativa orientata al futuro 4 Scelta del contatore versione orizzontale 6

Dettagli

Valvole di controllo. per ogni tipo di servizio

Valvole di controllo. per ogni tipo di servizio Valvole di controllo per ogni tipo di servizio v a l v o l e d i c o n t r o l l o Valvole di controllo per ogni tipo di servizio Spirax Sarco è in grado di fornire una gamma completa di valvole di controllo

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Misura di portata Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Scheda tecnica WIKA FL 10.05 FloTec Applicazioni Produzione di petrolio e raffinazione Trattamento

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

SEZIONE 22 PAGINA 01

SEZIONE 22 PAGINA 01 TUBO ARIA COMPRESSA GOMMA 20 BAR 22 100 102 Tubo per aria compressa 8x17 22 100 104 Tubo per aria compressa 10x19 22 100 106 Tubo per aria compressa 13x23 22 100 110 Tubo per aria compressa 19x30 Tubo

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2...

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... CB 1 CB 2 Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... 1 Indice Note importanti Pagina Corretto impiego...8 Note di sicurezza...8 Pericolo...8 Applicabilità secondo articolo

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web:

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web: Via C. Marrocco, 13 93100 Caltanissetta (CL) Tel.: 338.8233126 388.1832953 Fax: 36.338.8233126 E-mail:edil-serv@alice.it Web: www.webalice.it/edil-serv Alla cortese attenzione del Titolare di codesta Spett.le

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non 2 Soluzioni Antigelo Ensto, niente ghiaccio anche in caso di temperature molto basse. I sistemi elettrici Ensto per la protezione dal

Dettagli

Turbine I-20 Ultra 2 N E I. l t. R r. Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni

Turbine I-20 Ultra 2 N E I. l t. R r. Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni R r INFORMAZIONE PRODOTTO Turbine I-20 Ultra Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni E I - 2 0 N I B U l t U a T a PRESENTAZIONE DEL PRODOTTO L

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Acquedotti in Polietilene a.d.

Acquedotti in Polietilene a.d. Normative materiali Acquedotti in Polietilene a.d. Raccomandazioni dell Istituto Italiano dei Plastici Attenzione: Alcune delle normative citate in questo testo sono state sostituite da altre più recenti

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo.

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo. Decreto Ministeriale 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi.

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME MISURA PREZZO CODICE PZ/CF SQUADRO 3/8" 10,23 RFAR0001 10 SQUADRO 1/2" 12,93 RFAR0011 10

VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME MISURA PREZZO CODICE PZ/CF SQUADRO 3/8 10,23 RFAR0001 10 SQUADRO 1/2 12,93 RFAR0011 10 VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME SQUADRO 3/8" 10,23 R0001 10 SQUADRO 1/2" 12,93 R0011 10 DIRITTA 3/8" 12,87 R0031 10 DIRITTA 1/2" 13,98 R0041 10 VALVOLA TERMOSTATIZZABILE ATTACCO RAME SQUADRO 3/8" 15,36 R0031

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

Valvola di strozzamento e non ritorno

Valvola di strozzamento e non ritorno Valvola di strozzamento e non ritorno RI 79/0.09 Sostituisce: 0.06 /6 Tipi MG e MK Grandezze nominali da 6 a 0 Serie X Pressione d'esercizio massima 5 bar Portata max. 400 l/min. K564- Sommario Indice

Dettagli

POMPE PERISTALTICHE PER OGNI ESIGENZA DI PROCESSO

POMPE PERISTALTICHE PER OGNI ESIGENZA DI PROCESSO POMPE PERISTALTICHE PER OGNI ESIGENZA DI PROCESSO altezza di aspirazione: fino a 9 metri capacità di funzionamento a secco autoadescante senso di rotazione reversibile senza dispositivi di tenuta monitoraggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

INOX SOL 200 TOP Pacchetto solare con 1 Collettore Piano CP4 XL e Unità Bollitore INOXSTOR da 200 litri

INOX SOL 200 TOP Pacchetto solare con 1 Collettore Piano CP4 XL e Unità Bollitore INOXSTOR da 200 litri INOX SOL 200 TOP Pacchetto solare con 1 Collettore Piano CP4 XL e Unità Bollitore INOXSTOR da 200 litri 1 Pacchetto Solare INOX SOL 200 TOP (cod. 3.022124) 1 Collettore Piano + boiler INOX 200 litri +

Dettagli

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv )

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv ) SIVIERA GIREVOLE A RIBALTAMENTO IDRAULICO BREVETTATA TRASPORTABILE CON MULETTO MODELLO S.A.F.-SIV-R-G SIVIERA A RIBALTAMENTO MANUALE MODELLO S.A.F. SIV-R1-R2 1 DESCRIZIONE DELLA SIVIERA Si è sempre pensato

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

LINEE VITA UNI EN 795 - SISTEMI ANTICADUTA - DPI LINEE VITA QUALITÀ, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA

LINEE VITA UNI EN 795 - SISTEMI ANTICADUTA - DPI LINEE VITA QUALITÀ, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA LINEE VITA UNI EN 795 - SISTEMI ANTICADUTA - DPI LINEE VITA QUALITÀ, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA LINEE VITA E LE CADUTE DALL ALTO In Italia le cadute dall alto costituiscono il

Dettagli

Principi di idraulica

Principi di idraulica Manuale di formazione di base in materia di incendi boschivi Principi di idraulica Direzione Foreste ed Economia Montana Servizio Antincendi Boschivi 9a Direzione Regionale Foreste ed Economia Montana

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

2/2 NC, 3/2 NC, 2/2 NO, 3/2 NO

2/2 NC, 3/2 NC, 2/2 NO, 3/2 NO I JET serie JET - ompatte e leggere (dimensioni ridotte) - Minimo sforzo di azionamento e alta velocità di risposta - ttacchi filettati o raccordo rapido - mpia gamma di attuatori e azionamenti manuali

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli