Comando Rieti, maggio 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comando Rieti, maggio 2010"

Transcript

1 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

2 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Acquedotto Eventuale Riserva idrica + Gruppo Pompe Reti di idranti Protezione attiva

3 Posizionamento degli apparecchi Classificazione del livello di pericolosità Interni e/o esterni Scelta delle apparecchiature Calcolo Idraulico Definizione dell alimentazione idrica Lay out Tubazioni interne e/o esterne La progettazione Maggio /

4 Aree di livello Aree di livello 1 Le aree di livello 1 corrispondono in buona parte a quelle definite di classe LH e OH 1 dalla UNI EN12845, PROTEZIONE INTERNA 2 IDRANTI CON 120 L/MIN CAD E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,2 MPa OPPURE 4 NASPI CON 35 L/MIN CAD E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,2 MPa PROTEZIONE ESTERNA GENERALMENTE NON PREVISTA Il livello di pericolosità DURATA 30MIN Maggio /

5 Aree di livello 2 Le aree di livello 2 corrispondono in buona parte a quelle definite di classe OH 2, 3 e 4 dalla UNI EN PROTEZIONE INTERNA 3 IDRANTI CON 120 L/MIN CAD E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,2 MPa OPPURE 4 NASPI CON 60 L/MIN CAD E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,3 MPa PROTEZIONE ESTERNA 4 ATTACCHI DN 70 CON 300 L/MIN CADAUNO E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,3MPa Il livello di pericolosità DURATA 60MIN Maggio /

6 Aree di livello 3 OPPURE 6 NASPI CON 60 L/MIN CAD E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,3 MPa 6 ATTACCHI DN 70 CON 300 L/MIN CADAUNO E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,4MPa Il livello di pericolosità Nota Le aree di livello 3 corrispondono in buona parte a quelle definite di classe HH dalla UNI EN 12845, PROTEZIONE INTERNA 4 IDRANTI CON 120 L/MIN CAD E PRESSIONE RESIDUA NON MINORE DI 0,2 MPa PROTEZIONE ESTERNA DURATA 120MIN Maggio /

7 Devono coprire ogni parte dell attività Posizionamento degli apparecchi IDRANTI A MURO E NASPI Ogni apparecchio non protegga più di 1000 m 2 Ogni punto dell area protetta disti al massimo 20 m per idranti a muro e 30 m per naspi. Posizionati in punti visibili e facilmente accessibili 5.3 Lunghezza massima (da UNI EN 671/2) La lunghezza elementare di tubazione non deve essere maggiore di 20 m, tranne nei casi in cui i regolamenti permettono lunghezze maggiori Maggio /

8 Posizionamento degli apparecchi IDRANTI A COLONNA Distanza Massima Fra Loro = 60 m Installati, Se Possibile In Corrispondenza Degli Ingressi Distanza Dalle Pareti Perimetrali Dell edificio, Fra i 5 e i 10 m Maggio /

9 COPIA STUDIO CORSO 818 Posizionamento degli apparecchi Maggio / Protezione attiva

10 Posizionamento degli apparecchi La caratteristica più importante è l affidabilità dell impianto. - L anello è sempre preferibile, con almeno 3 valvole -La rete esterna dovrebbe essere distinta da quella interna, per poter essere sezionata in caso di danneggiamento. -Le tubazioni devono tenere conto di problemi di gelo, area sismica,attraversamento di pareti tagliafuoco, ecc. Maggio /

11 Scelta degli apparecchi Dal 1 Aprile 2004 possono essere commercializzati soltanto prodotti marcati CE con i seguenti obblighi per gli attori coinvolti nelle diverse fasi del processo: I committenti dovranno chiedere l impiego di prodotti marcati CE; I produttori dovranno immettere sul mercato solo prodotti marcati CE; I progettisti dovranno prescrivere solo prodotti marcati CE Le imprese di costruzione dovranno realizzare opere impiegando prodotti marcati CE Maggio /

12 Scelta degli apparecchi Numero identificativo Organismo notificato Numero identificativo produttore Valori pressione portata, da cui si ricava K minimo Maggio /

13 Scelta degli apparecchi La Norma definisce i requisiti necessari affinché un idrante/naspo possa: Essere utilizzato efficacemente da un solo operatore Abbia una lunga durata di esercizio Non necessiti di un eccessiva manutenzione Eroghi un getto continuo immediatamente disponibile Maggio /

14 La scelta dell idrante a muro /naspo/ È fatto su due parametri Scelta degli apparecchi 1) Idraulico, in relazione del livello di pericolosità scegliendo il prodotto in funzione del K fornito (al punto d attacco) 2) Funzionale, in relazione al luogo dove si intende posizionarlo Maggio /

15 punto di attacco dell idrante /naspo/ Scelta degli apparecchi Maggio /

16 Scelta degli apparecchi La legislazione italiana attuale prevede per i naspi delle portate di 35 l/min e 60 l/min a seconda delle aree di rischio e per gli idranti a muro delle portate di 120 l/min. E indispensabile pertanto richiedere al fornitore e specificare nei capitolati tecnici di appalto il coefficiente caratteristico di erogazione K. Tenendo conto della formula che correla la portata Q alla pressione residua P all ingresso, sarà facile determinare la corretta funzionalità dell attrezzatura. Maggio /

17 Scelta degli apparecchi Portate minime e valore K minimo in funzione della pressione UNI EN 671-1:2003 1: Sistemi equipaggiati con tubazioni Naspi antincendio con tubazioni semirigide Diametro dell ugello o diametro equivalente Portata minima Ql/min Coefficiente K (mm) P = 0,2 MPa P = 0,4 MPa P = 0,6 MPa Maggio /

18 PRESTAZIONE NORMALE Q=35 L/MIN min A 2 BAR min. K =24,75= Scelta degli apparecchi K PER NASPI ANTINCENDIO PRESTAZIONE ELEVATA Q = 60 L/MIN min. A 3 BAR min. K = 34,65 Maggio /

19 Scelta degli apparecchi Portate minime e valore K minimo in funzione della pressione UNI EN 671-2: Sistemi equipaggiati con tubazioni Idranti a muro con tubazioni flessibili * Diametro equivalente Portata minima Ql/min Coefficiente K (mm) P = 0,2 MPa P = 0,4 MPa P = 0,6 MPa * * * * * * * Valori portata minima rettificati secondo edizione 2006 Maggio /

20 Scelta degli apparecchi K MINIMO PER IDRANTI A MURO Q = 120 L/MIN min. A 2 BAR min. K MINIMO 85 Maggio /

21 DN 9 DN 10 IDRANTI A MURO: TABELLA DN DELLA LANCIA - PRESSIONI MINIME ALLA VALVOLA DI INTERCETTAZIONE PER OTTENERE 120 L/MIN DN 11 DN 12 DN 13 0,68 MPa 0,48 MPa 0,31 MPa 0,27 MPa 0,20 MPa Scelta degli apparecchi Maggio /

22 8 1 8 Protezione attiva Considerazione sugli apparecchi O O I S D R U O T S C A I P O C Maggio /

23 IDRANTI SOPRASUOLO E SOTTOSUOLO Le apparecchiature delle reti Idranti soprasuolo devono essere conformi alla UNI-EN Idranti sottosuolo devono essere conformi alla UNI- EN Cassette corredo idrante complete delle attrezzature minime per il funzionamento dell idrante stesso (UNI( ) Maggio /

24 IDRANTI A COLONNA SOPRASUOLO Le apparecchiature delle reti La norma specifica i requisiti minimi, i metodi di prova, e la valutazione di conformità per gli Idranti a colonna soprasuolo per antincendio: Da installarsi in reti di distribuzione dell acqua Aventi dimensioni DN 80,DN 100,DN150 Per pressioni massime di esercizio pari a PN16. Dotati di attacco di alimentazione verticale oppure orizzontale, Forniti di attacchi di presa con uscite conformi alle normative nazionali I requisiti nazionali sono indicati nell appendice NA Maggio /

25 IDRANTI A COLONNA SOPRASUOLO Le apparecchiature delle reti Maggio /

26 Le apparecchiature delle reti IDRANTI A COLONNA SOPRASUOLO Termini e definizioni dall allegato Nazionale NA profondità di interro: : Distanza tra l indicazione del livello del suolo e l asse del foro del sistema di scarico. NA attacco di prelievo: : Attacco dell idrante preposto solitamente alla connessione dell autocisterna, dal quale viene prelevata acqua dall idrante allo scopo di riempire l autocisterna di acqua. NA attacco di uscita: : Attacco dell idrante preposto solitamente alla connessione delle manichette antincendio,dal quale viene prelevata acqua dall idrante per alimentare le lance antincendio Maggio /

27 Dimensioni: La profondità di interro dell idrante deve essere definita dal progettista sulla base di oggettive valutazioni relative alle condizioni ambientali onde evitare il pericolo di gelo. Le apparecchiature delle reti La profondità di interro minima deve essere di 300 mm. Riferimenti normativi: UNI 810 : per gli attacchi a vite UNI 7421: Tappi per valvole e raccordi 300 mm minima Maggio /

28 7.1.8 Tubazioni interrate Le tubazioni interrate devono essere installate in conformità alla specifica normativa di riferimento, ove disponibile. Devono essere seguite almeno le indicazioni seguenti: -Le tubazioni interrate devono essere installate tenendo conto della necessità di protezione dal gelo e da possibili danni meccanici; in generale la profondità di posa non deve essere minore di 0,8 m dalla generatrice superiore della tubazione. Le apparecchiature delle reti -Laddove ciò non fosse possibile, occorrerà adottare protezioni meccaniche e dal gelo appositamente studiate. In ogni caso, deve essere prestata particolare attenzione nel caso di tubazioni di materiale non ferroso. Maggio /

29 Dotazione minima cassette corredo idrante soprasuolo Le apparecchiature delle reti In prossimità di ciascun idrante deve essere prevista almeno una dotazione a corredo. Tali dotazioni devono essere ubicate in prossimità degli idranti,in apposite cassette di contenimento, o conservate in una o più postazioni accessibili in sicurezza. Maggio /

30 Le apparecchiature delle reti Dotazione minima cassette corredo idrante soprasuolo Tratto di tubazione DN 70 a norma UNI completa di raccordi UNI 804. Lancia erogazione a controllo di getto Chiave di manovra pentagonale Chiave per raccordi Sella di sostegno Maggio /

31 ATTACCHI DI MANDATA PER AUTOPOMPA in Linea Le apparecchiature delle reti in Derivazione Tipo Conforme alla Norma Solo per immissione acqua Maggio /

32 ATTACCHI DI MANDATA PER AUTOPOMPA Le apparecchiature delle reti Attacco di immissione con girello con diametro non minore di DN 70 protette a mezzo di tappi maschio fil. UNI 810 contro l ingresso di corpi estranei nel sistema. Nel caso di più attacchi prevedere una valvola di sezionamento per ogni attacco. Valvola di sicurezza tarata a 1,2 MPa Valvola di non ritorno Valvola di intercettazione Segnaletica ( par. 7.7) Importante: in caso di possibilità di gelo prevedere dispositivo di drenaggio Maggio /

33 Le apparecchiature delle reti PROTEZIONI PER ATTACCHI DI MANDATA PER AUTOPOMPA E consigliato proteggere da urti e da altri danni meccanici l attacco di mandata per autopompa con una cassetta di dimensioni adeguate accessibile in modo agevole e sicuro. Maggio /

34 Tubazioni Fuori terra Le apparecchiature delle reti Devono essere metalliche UNI EN serie L senza asportazione di materiale (es. saldatura) UNI EN serie M se si vuole usare giunzioni filettate Se DN > 100 EN ma con spessori minimi Maggio /

35 Le apparecchiature delle reti Ammesse altri tipi di tubazione purchè garantiscano resistenza meccanica e alla corrosione. Inoltre devono rispettare gli spessori minimi del prospetto 2. Maggio /

36 Tubazioni interrate Le apparecchiature delle reti Il requisito comune è la resistenza alla corrosione, oltre quella meccanica. Acciaio: : UNI EN per DN >= 100 e spessori minimi del prospetto III UNI EN serie M per DN < 100 ma PROTETTE. Maggio /

37 Le apparecchiature delle reti Plastica: : PN min 1.2 MPa e conformi a UNI EN 1220, UNI EN 13244, UNI EN ISO 15494, UNI EN 1452, UNI EN ISO 15493, UNI 9032, UNI EN ISO Ghisa: : PN min 1.2 MPa e conformi a UNI EN 545 Maggio /

38 Installazione delle tubazioni Le apparecchiature delle reti 1. Garantire la possibilità di manutenere l impianto senza mettere fuori uso tutti i terminali (obbligatorio per impianti oltre 4 idranti/naspi) rete ad anello, valvole di intercettazione appositamente predisposte. 2. Tenere conto della sismicità del territorio: giunti flessibili, passaggio attraverso strutture che garantiscano gioco sufficiente, impedire comunque che i movimenti siano tali da determinare la rottura dell impianto. 3. Considerare il pericolo di gelo: prevedere serpentine, coibentazioni o liquido antigelo nel caso di tubazioni fuori terra in ambienti dove è possibile la formazione di ghiaccio all interno delle tubazioni (min. 4 C). Maggio /

39 Le apparecchiature delle reti 4. Fare in modo che le tubazioni siano il più possibile raggiungibili per manutenzione, ma allo stesso tempo non siano alla portata di danneggiamenti per passaggio di macchine o attrezzature. Evitare il passaggio in locali ad alto pericolo di incendio, evitare quanto più possibile l attraversamento di strutture di compartimentazione: nel caso la compartimentazione REI deve essere mantenuta (collari, schiume isolanti, ecc.) 5. Stare attenti alla tenuta strutturale dei pesi derivanti (a tubo pieno). 6. Le tubazioni interrate devono avere una profondità di posa dal terreno di almeno 0.8 m. Normalmente si usano tubazioni in materiale non ferroso (es. polietilene UN 10910). Maggio /

40 Sostegni tubazioni Le apparecchiature delle reti I sostegni devono garantire la stabilità dell impianto in qualunque condizione, a impianto fermo oppure attivo. - No sostegni aperti; - No graffe elastiche; - No sostegni saldati o ancorati direttamente alle giunzioni; Esistono diversi tipi di sostegni, da utilizzare secondo le esigenze di staffaggio al soffitto o comunque a strutture presenti nei locali. Il prospetto 1 della norma UNI ci dice le caratteristiche geometriche minime dei sostegni per garantire stabilità all impianto, in funzione del diametro supportato. Maggio /

41 Le apparecchiature delle reti IN GENERALE OCCORRE INSERIRE UN SOSTEGNO OGNI 4 M. PER TUBI FINO A DN 65 E OGNI 6 M. PER DIAMETRI SUPERIORI. ECCEZIONE I TUBI FINO A 0.60 m E LE VERTICALI FINO AD 1 m Maggio /

42 Valvole Intercettazione Le apparecchiature delle reti Valvole di intercettazione conformi alla UNI 6884 (a saracinesca alla UNI 7125), indicante posizione aperta/chiusa. Esse devono essere posizionate in modo tale che siano: 1. ACCESSIBILI E SEGNALATE ADEGUATAMENTE. 2. SE IN POZZETTO, NON OSTACOLATE NELL UTILIZZO 3. SEMPRE APERTE (BLOCCATE O CONTROLLATE CON DISPOSITIVI A DISTANZA (es. ELETTRICI) Maggio /

43 LANCE EROGATRICI Ogni lancia deve permettere le seguenti regolazioni di getto: Chiusura getto Le apparecchiature delle reti Getto frazionato e/o Getto pieno Maggio /

44 Le lance possono essere: a leva Le apparecchiature delle reti a rotazione Maggio /

45 Le apparecchiature delle reti Le lance possono essere a leva o a rotazione e l erogazione del getto frazionato può essere: A velo diffuso (laminare) con angolo di erogazione fisso di 90 ± 5 (solo in Francia) A forma di cono con angolo di erogazione non minore di 45 La norma stabilisce inoltre la gittata effettiva minima: Getto pieno: 10 m Getto frazionato a velo diffuso: 6 m Getto frazionato a forma di cono: 3 m Maggio /

46 Le apparecchiature delle reti Tubazione flessibile DN 45 La tubazione flessibile deve essere conforme alla EN 14540:04 (UNI EN 14540:06), il diametro della tubazione non può essere maggiore di 52 mm, Maggio /

47 PARAMETRO Pressione di scoppio Pressione di collaudo Resistenza al distacco (tra il rivestimento impermeabilizzante e la calza tessile) Le apparecchiature delle reti Invecchiamento Resistenza al distacco dopo l invecchiamento Resistenza allo scoppio dopo l invecchiamento Angolo di torsione sotto pressione EN ,5 MPa 2,25 MPa 25 N 14 gg. 22,5 N 3,375 MPa e comunque non decrescere oltre il 25 % del valore di scoppio No antioraria e max 100 /m UNI ,2 MPa 2,4 MPa 15 N 7 gg. 12 N 3,2 MPa No antioraria Maggio /

48 Le apparecchiature delle reti Vengono modificate inoltre le metodologie di prova relative a: - Resistenza alle alte temperature - Resistenza alle basse temperature E stata inserita una prova di resistenza allo scoppio con piegatura strozzata. Maggio /

49 Le apparecchiature delle reti MARCATURA TUBAZIONE FLESSIBILE DN 45 Ogni lunghezza di tubazione deve riportare in modo leggibile ed indelebile le seguenti informazioni minime, almeno due volte, alle estremità: Nome e/o marchio del fabbricante Numero e data della presente norma europea Il diametro interno La pressione massima di esercizio in MPa (bar) Trimestre ed anno di fabbricazione Temperatura di prova se minore di -20 C Il numero di approvazione e l ente certificatore o il suo riferimento,dove applicabile Maggio /

50 TUBAZIONE FLESSIBILE DN 70 Nuova edizione della UNI Le apparecchiature delle reti per Tubazioni flessibili antincendio DN 70 per pressioni di esercizio fino a 1,2 MPa, da impiegarsi nelle reti idriche antincendio. Maggio /

51 Marcatura TUBAZIONE flessibile DN 70 Le apparecchiature delle reti Ogni tubazione flessibile deve riportare, in modo leggibile ed indelebile, i seguenti dati di identificazione: Nome del costruttore; Riferimento alla presente norma; Diametro nominale; Lunghezza; Anno di costruzione. Maggio /

52 UNI-EN 671/2 : IDRANTI A MURO Marcati CE possono essere: FORMA A Le apparecchiature delle reti in una nicchia con portello di protezione Maggio /

53 UNI-EN 671/2 : IDRANTI A MURO Marcati CE possono essere: FORMA B in una cassetta incassata Le apparecchiature delle reti Maggio /

54 UNI-EN 671/2 : IDRANTI A MURO Marcati CE possono essere: FORMA C Le apparecchiature delle reti in una cassetta per montaggio a parete Maggio /

55 Le apparecchiature delle reti UNI-EN 671/2 : IDRANTI A MURO SOSTEGNO DELLA TUBAZIONE TIPO 1 Rullo rotante Maggio /

56 UNI-EN 671/2 : IDRANTI A MURO Le apparecchiature delle reti SOSTEGNO DELLA TUBAZIONE TIPO 2 Sella con tubazione avvolta in doppio Maggio /

57 UNI-EN 671/2 : IDRANTI A MURO Le apparecchiature delle reti SOSTEGNO DELLA TUBAZIONE TIPO 3 Contenitore con la tubazione faldata a zig-zag Maggio /

58 Fissi UNI-EN 671/1 NASPI CE I naspi possono essere: od orientabili Le apparecchiature delle reti Maggio /

59 Le apparecchiature delle reti UNI-EN 671/2 : IDRANTI A MURO RUBINETTI IDRANTE : PN12 Filettatura attacco ISO 7-1 (1994) TUBAZIONE COMPLETA DI RACCORDI: Diametro 52mm Lunghezza 20m (lunghezze maggiori per specifiche applicazioni) a norma EN (UNI EN ) Raccordi UNI 804 salvo prescrizioni delle autorità locali Legature a norma UNI 7422 Maggio /

60 In appendice C.1 della Il calcolo idraulico Tenendo in considerazione le UNI EN e UNI EN 671-2, che definiscono la portate degli idranti a muro e dei naspi solo in funzione della caratteristica di erogazione dell idrante/naspo e della pressione al punto di attacco dell idrante/naspo stesso alla rete di tubazioni, non occorre preoccuparsi di verificare le portate al bocchello, né di tenere conto delle perdite di carico nelle tubazioni flessibili, ecc., ma è sufficiente conoscere la caratteristica di erogazione dell idrante o naspo (in termini di coefficiente caratteristico di erogazione K dell apparecchiatura,che deve essere stabilito dal costruttore dell idrante o naspo). La portata dell idrante/naspo è univocamente definita dalla pressione al punto di attacco secondo l espressione: Q = K (10P) Maggio /

61 Q = K * (10 P) K = coefficiente di efflusso P = MPa Q = l/min Il calcolo idraulico Esso è la misura della capacità di far uscire acqua, data una determinata pressione. A parità di Pressione, infatti, un K più elevato garantisce una scarica di fluido maggiore. Quindi, tutti gli idranti o i naspi sono caratterizzati da un K rigorosamente dichiarato dal produttore e certificato da un Ente notificato, comunque facilmente misurabile tramite la Q e la P rilevata al punto di attacco. Maggio /

62 Il calcolo idraulico Conoscere il K significa poter calcolare la giusta portata minima, la giusta pressione alla pompa e infine la giusta riserva idrica minima per il corretto funzionamento dell impianto. Maggio /

63 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 K MINIMI Il calcolo idraulico Protezione attiva

64 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Il calcolo idraulico Protezione attiva

65 HAZEN-WILLIAMS per il calcolo delle perdite distribuite P = Perdita di Pressione per metro lineare Q = Portata presente nel tubo D = Diametro INTERNO della tubazione (in mm) Il calcolo idraulico C = coefficiente di scabrezza, misura inversa della rugosità interna della tubazione C = 100 GHISA C = 120 ACCIAIO C = 140 ACCIAIO INOX, RAME, GHISA RIVESTITA C = 150 PLASTICA E SIMILI circa 30% in meno nel caso di tubi usati (5-10 anni) Maggio /

66 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Il calcolo idraulico Protezione attiva

67 Il calcolo idraulico VELOCITA unico parametro di dimensionamento delle tubazioni. Tutte le norme Vmax = 10 m/sec. Il buon senso dice al massimo 3 m/sec, e facendo comunque in modo di rispettare anche le condizioni minime di diametro imposte dalla norma stessa: 1. I DN delle tubazioni non devono MAI essere inferiori a quello dei terminali che essi alimentano. 2. I DN delle tubazioni devono rispettare anche i seguenti limiti minimi. Maggio /

68 PERDITE CONCENTRATE Il calcolo idraulico Le perdite dovute a pezzi speciali si traducono in perdite distribuite attraverso lunghezze di tubo predeterminate (EQUIVALENTI) secondo il prospetto C.1, applicando ancora una volta la formula di Hazen-Williams. Maggio /

69 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Il calcolo idraulico Protezione attiva

70 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Il calcolo idraulico Protezione attiva

71 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Otteniamo la pressione all alimentazione Il calcolo idraulico Protezione attiva

72 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Il calcolo idraulico Protezione attiva

73 Q = K * (P/1000) Q3, H3 Real Q3, H3 min Q5, H5 Real Q3, H3 min Q6, H6 Real Q3, H3 min Il calcolo idraulico Maggio /

74 Maggio / COPIA STUDIO CORSO 818 Q = L/min H = KPa Il calcolo idraulico Protezione attiva

75 Testo: Primo livello; Secondo livello; Terzo livello;» Quarto livello. Reti di idranti Maggio /

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO 1. TERMINOLOGIA RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Idrante antincendio: apparecchiatura antincendio dotata di un attacco unificato, di valvola di intercettazione ad apertura manuale e collegato ad una

Dettagli

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio

Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio NORMA ITALIANA Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio UNI 10779 Fire fighting equipment Hydrants systems - Design, installation and operation SETTEMBRE

Dettagli

1. RIFERIMENTI NORMATIVI

1. RIFERIMENTI NORMATIVI Pag. 1 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Agli impianti idrici antincendio si applicano le seguenti norme tecniche: Norma UNI 10779 "Impianti di estinzione incendi: Reti di Idranti" (Luglio 2007) Norma UNI EN 12845

Dettagli

M A T E R I A L E POMPIERISTICO

M A T E R I A L E POMPIERISTICO L A N C E U NI 25 / 4 5 A N O R M A U NI 671/1-2 NOTE GENERALI: Portata minima per idranti a muro con tubazioni flessibili fino a DN52 secondo UNI EN 671-2. I valori di portata sia nella posizione a getto

Dettagli

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9 SOMMARIO... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 1.3 Caratteristiche generali dell impianto e prestazioni garantite... 2 1.4 Caratteristiche generali della rete.... 5 1.5 Progettazione ed

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Premessa Attualmente all interno della struttura è già presente un impianto di estinzione incendi costituito da idranti UNI45; si provvederà ad

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

MICHELE BATTEZZATI MICHELE BATTEZZATI. Forniture generali per acquedotti e fognature ANTINCENDIO

MICHELE BATTEZZATI MICHELE BATTEZZATI. Forniture generali per acquedotti e fognature ANTINCENDIO MICHELE ATTEZZATI ANTINCENDIO ANTINCENDIO CASSETTE COMPLETE Art. 55A - 55-55C CASSETTA ANTINCENDIO PER ESTERNI IN LAMIERA Il sistema è composto da: Cassetta da esterni in lamiera verniciata rossa. Lastra

Dettagli

AREA FUNZIONALE TECNICA U.O. NUOVE OPERE Piazza Giovanni XXIII 51100 PISTOIA Telefono 0573/3521 352070 Fax 352059 E mail: e.tesi@usl3.toscana.

AREA FUNZIONALE TECNICA U.O. NUOVE OPERE Piazza Giovanni XXIII 51100 PISTOIA Telefono 0573/3521 352070 Fax 352059 E mail: e.tesi@usl3.toscana. Opere per adeguamento normativo ai fini della prevenzione incendi del fabbricato uso uffici e ambulatori dell Azienda Usl. 3 di Pistoia ubicato in viale Matteotti nc. 19 Pistoia di Progetto rete idrica

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

NORME DI RIFERIMENTO

NORME DI RIFERIMENTO NORME DI RIFERIMENTO Gli impianti e i relativi componenti devono rispettare, ove di pertinenza, le prescrizioni contenute nelle seguenti norme di riferimento, comprese eventuali varianti, aggiornamenti

Dettagli

L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Progettazione a cura di:

L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Progettazione a cura di: Pag. 1 RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Proprietà: Timbro e Firma del legale rappresentante della proprietà:

Dettagli

Argomento Idranti. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it

Argomento Idranti. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» Argomento Idranti Docente n.marotta@ing.unipi.it Impianti di protezione attiva antincendi Gli impianti di protezione

Dettagli

Roma 27 Maggio 2009. Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI

Roma 27 Maggio 2009. Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI Forum di Prevenzione Incendi Roma 27 Maggio 2009 Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI 1 Parte I : Progettazione dei sistemi antincendio

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura

ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura Direzione Generale Servizio antinceno, protezione civile e infrastrutture ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura Procedura negoziata per l'affidamento della fornitura Manichette, tubazioni e

Dettagli

RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO

RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO INDICE 1 PREMESSE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 GENERALITA SULL IMPIANTO... 6 4 CONDOTTE... 6 4.1 Rete idrica-antincendio ed allacciamenti secondari...

Dettagli

CATALOGO - LISTINO 2014 FIRE TRADE CATALOGO - LISTINO 2014

CATALOGO - LISTINO 2014 FIRE TRADE CATALOGO - LISTINO 2014 CATALOGO - LISTINO 2014 n t i n c e n d i o A i s t e m i S e r t i c o l i A FIRE TRADE LBL Sales & Promotion (FIRE TRADE) Via Cairoli, 5-20010 Cornaredo MI - Italy Tel.: + 39 02 93563681 - Fax: + 39

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO REALIZZAZIONE DEL NUOVO MAGAZZINO COMUNALE IN REGIONE DENTE RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA E CALCOLI ESECUTIVI (articolo 37 e 39 del Decreto

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE 1 Associazione M. A. I. A. Autore: Giuseppe Macchi Introduzione L evoluzione legislativa ed ancora di più quella normativa sia nazionale che europea nel

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche FOGNATURA SANITARIO VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO RADIANTE ADDUZIONE RECUPERO Sistema Multistrato Fluxo Gas Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI Pag. 1 RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI L impianto è a servizio dell attività: Albergo Sita in: Via Rivoltana 98 - Segrate (MI) Proprietà: Car Touring S.r.l.

Dettagli

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE IN GAS IN GAS Rubinetto a sfera per gas da incasso VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE DADI DI FISSAGGIO SEDI LATERALI CODOLI PER SALDATURA O-RINGS GUARNIZIONI METALLICHE ROSONE DI COPERTURA LEVA VITI

Dettagli

IDRAULICA c) non hanno di forma propria a) riempiono soltanto la parte inferiore del recipiente c) sono poco o nulla comprimibili a) 9806 N/m3

IDRAULICA c) non hanno di forma propria a) riempiono soltanto la parte inferiore del recipiente c) sono poco o nulla comprimibili a) 9806 N/m3 IDRAULICA 1) I fluidi: a) hanno forma propria e volume proprio b) hanno forma propria ma non hanno volume proprio c) non hanno di forma propria 2) I liquidi posti in idonei recipienti aperti: a) riempiono

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI MANUTENTORI DI COMPONENTI DI RETI IDRANTI ANTINCENDIO

CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI MANUTENTORI DI COMPONENTI DI RETI IDRANTI ANTINCENDIO IL CORSO E DESTINATO AI MANUTENTORI CHE ESERCITANO QUESTA PROFESSIONE E FA PARTE DI UN PROGETTO DI FORMAZIONE A MEDIO TERMINE ATTRAVERSO IL QUALE IL MANUTENTORE AVRA LA POSSIBILITA DI ACCRESCERE LE SUE

Dettagli

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI Tutti i materiali, le apparecchiature, di seguito elencati, si intendono dati in opera con ogni lavorazione, con la sola esclusione delle opere in muratura

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA ANDREA ARCHITETTO NADALINI COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA PROGETTO ESECUTIVO SCUOLA DI VIA DIAZ INTEGRAZIONE RETE IDRANTI MILANO

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO. Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte.

RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO. Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte. RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO MEZZI ED IMPIANTI DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI Generalità Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte. Estintori

Dettagli

DIMENSIONAMENTO IMPIANTO ANTINCENDIO D.2

DIMENSIONAMENTO IMPIANTO ANTINCENDIO D.2 PROGETTAZIONE ESECUTIVA PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO MECCANICO E BIOLOGICO DELLA FRAZIONE RESIDUALE E DELLA FRAZIONE ORGANICA DEI RIFIUTI URBANI DA REALIZZARE

Dettagli

sig. Pietro Tamburrino

sig. Pietro Tamburrino Pag. 1 COMUNE dii PONTELATONE CE RELAZIONE TECNICA e dii CALCOLO IMPIANTO dii SPEGNIMENTO IDRICO ad IDRANTI UNI 45 L impianto sarà a servizio di: Sita in: STRUTTURA COMMERCIALE PONTELATONE CE - Località

Dettagli

ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto)

ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto) ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO NEGLI IMMOBILI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE ELENCO PREZZI UNITARI

Dettagli

TECHNOLOGIES 2000 S.r.l. via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2

TECHNOLOGIES 2000 S.r.l. via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2 via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2 D E S C R I Z I O N E D E L L' A R T I C O L O di misura P R E Z Z O UNITARIO Nr. 1 Fornitura e posa in opera di nr. 1 GRUPPO PRESSURIZZAZIONE ANTINCENDIO a norma

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70001730 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti a secco Progettazione, installazione ed esercizio Fire fighting equipment Dry pipe Fire Hydrant systems

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008 MEZZI DI ESTINZIONE FISSI SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER norma UNI 12845/2009 Specifica i requisiti e fornisce i criteri per la progettazione l installazione e la manutenzione di impianti fissi antincendio

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

accessori acquedotti accessori acquedotti idranti saracinesche saracinescheantincendio saracinesche

accessori acquedotti accessori acquedotti idranti saracinesche saracinescheantincendio saracinesche NASTRO SEGNALATORE collari collari /cad 14,00 RETE DI SEGNALAZIONE ACCESSORI ACQUEDOTTI ED ANTINCENDIO,,, collari SCRIZIONE /cad RETE GIALLA TUBO GAS DIM h.250x250 mt. CON FILO RILEVATORE IN 168,90 RETE

Dettagli

CATALOGO LISTINO 2014

CATALOGO LISTINO 2014 CATALOGO LISTINO 2014 Articoli per antincendio INDICE 3 Lance certificate 66 Gruppi autopompa in linea 67 Gruppi autopompa di mandata 4 Naspi DN 25 CE 68 Gruppi autopompa e valvole di sicurezza 8 Naspi

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA PORTE DI USCITA DI SICUREZZA (fire safety exits) Per uscita (di sicurezza) il decreto 30/11/1983 intende: Apertura atta a consentire il deflusso di persone verso un luogo sicuro avente altezza non inferiore

Dettagli

PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I...

PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I... CAPITOLATO SPECIALE PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I.... 1 1.1.1) TIPO DI IMPIANTO... 1 1.1.2) UBICAZIONE

Dettagli

Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita

Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita IN GAS DOPPIO IN GAS DOPPIO Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita VALVOLA A SFERA CW 617 N UNI EN 5-4 CESTELLO DI ISPEZIONE Plastica DADI DI FISSAGGIO CW 6 N UNI EN 4 SEDI LATERALI P.T.F.E.

Dettagli

Raccordi e valvole in PE a saldare. condotte gas, antincendio e acqua in pressione

Raccordi e valvole in PE a saldare. condotte gas, antincendio e acqua in pressione Raccordi e valvole in PE a saldare condotte gas, antincendio e acqua in pressione Listino GIALLO 11-6 Marzo 2011 Indice INTRODUZIONE LISTINO PREZZI Indice............................................ Pag.

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

Raccordi e valvole in PE a saldare. condotte gas, antincendio e acqua in pressione

Raccordi e valvole in PE a saldare. condotte gas, antincendio e acqua in pressione Raccordi e valvole in PE a saldare condotte gas, antincendio e acqua in pressione Listino GIALLO 12-3 Aprile 2012 Indice INTRODUZIONE LISTINO PREZZI Indice.... Pag. 3 Elenco prodotti... Pag. 4 Simboli

Dettagli

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti Sprinkler Caratteristiche Comprendono almeno una rete di tubazioni di distribuzione ad uso esclusivo antincendio, un insieme

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO I AGGIORNAMENTO 14/12/2013 GENERALITÀ L impianto idrico-sanitario comprende:

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO DELLA CENTRALE TERMICA E DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO "ALESSANDRO MANZONI" - PLESSO A. MANZONI ANALISI

Dettagli

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE Elenco dei Corpi d'opera 03 OPERE IMPIANTISTICHE Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE Unità tecnologiche 01 Impianto riscaldamento 02 Impianto smaltimento acque usate e meteoriche 03 Impianto antincendio

Dettagli

1. Premessa. 2. Descrizione degli impianti antincendio

1. Premessa. 2. Descrizione degli impianti antincendio Sommario 1. Premessa...2 2. Descrizione degli impianti antincendio...2 3. Centrali antincendio...4 4. Locali destinati ad ospitare i gruppi di pressurizzazione (Osservanza della norma UNI 11292 - Agosto

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO Comune di Offida Lavori di: Legge 27 dicembre 2002 n. 289, art. 21 comma 80 PIANO STRAORDINARIO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Delibera CIPE n. 143/2006 di approvazione del II programma

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO UNI UNI EN EN 1264/1-2-3-4 Presentazione a cura di: RDZ S.p.A. Configurazione della norma Configurazione della norma UNI UNI EN

Dettagli

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione Scopo La presente norma ha lo scopo di fissare i criteri per la progettazione,

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE IMPIANTO FOGNARIO ACQUE NERE E BIANCHE 1. Oggetto La presente relazione riguarda l impianto di smaltimento delle acque bianche

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Foglio n... Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*) =.

Dettagli

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO CITTÀ DI MELISSANO Provincia di Lecce RISTRUTTURAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELL'EDIFICIO SCOLASTICO "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - SCUOLA SECONDARIA I GRADO" DI VIA FELLINE - MELISSANO (LE) PROGETTO

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO 4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Dichiarazione di conformità n Committente Punto di riconsegna (PDR) (1) Impresa / Ditta Responsabile Tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla

Dettagli

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO Il gas metano sarà addotto, per ogni piano, con tubazione come le tavole allegate mostrano esterne al fabbricato e ad esso ancorate a vista. La rete principale sarà

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124 Tubi e raccordi in ghisa sferoidale per acquedotti norma EN 545 CLASSE K9 e per fognature norma EN 598 CLASSE K9 - prodotti da azienda certificata ISO 9001 DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 1 di 8 Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 2 di 8 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente capitolato disciplina la fornitura di tubazioni in acciaio per la costruzione delle reti ed allacci

Dettagli

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA Aggiornamento settembre 2012 A) NORMATIVA SULLE CONDOTTE

Dettagli

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12.

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12. 12 Prove di collaudo S copo del collaudo è quello di verificare l efficienza e la funzionalità idraulica di un collettore posato in opera. In particolare si dovrà verificare: n la deformazione diametrale;

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni) SEZIONE 1 Quadro A: dati dell impresa installatore IMPRESA / DITTA

Dettagli

EQUIPMENTS DE PULVERISATION D EAU ETUDE DE DIMENSIONNEMENT/IMPIANTO AD ACQUA NEBULIZZATA RELAZIONE DI CALCOLO

EQUIPMENTS DE PULVERISATION D EAU ETUDE DE DIMENSIONNEMENT/IMPIANTO AD ACQUA NEBULIZZATA RELAZIONE DI CALCOLO 1 INDICE 1 INDICE... 2 2 RESUME/RIASSUNTO... 3 3 DOCUMENTAZIONE APPLICABILE... 4 3.1 Norme funzionali... 4 3.2 Altri documenti di riferimento... 4 4 DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO... 5 4.1 Generalità...

Dettagli

SISTEMA IN GHISA PER LA RACCOLTA ACQUE REFLUE DA PARCHEGGI INTERRATI

SISTEMA IN GHISA PER LA RACCOLTA ACQUE REFLUE DA PARCHEGGI INTERRATI SISTEMA IN GHISA PER LA RACCOLTA ACQUE REFLUE DA PARCHEGGI INTERRATI Criteri ecosostenibili di progettazione e realizzazione di infrastrutture idriche Arrigo Domaschio Resp. Mercato Edilizia Saint-Gobain

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008 Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*)=............

Dettagli

Tubazioni preisolate TECNOTHERM. La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT

Tubazioni preisolate TECNOTHERM. La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT Tubazioni preisolate TECNOTHERM La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT Il Gruppo Amenduni Tubi Acciaio è l unica azienda del settore delle tubazioni preisolate da teleriscaldamento a produrre

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

Serie 4100 RACCORDI A COMPRESSIONE PER TUBO POLIETILENE AD ALTA (PE-AD) E A BASSA DENSITA (PE-BD) APPLICAZIONI E SETTORI DI IMPIEGO

Serie 4100 RACCORDI A COMPRESSIONE PER TUBO POLIETILENE AD ALTA (PE-AD) E A BASSA DENSITA (PE-BD) APPLICAZIONI E SETTORI DI IMPIEGO SISTEMA APPLICAZIONI E SETTORI DI IMPIEGO Principalmente utilizzati per la realizzazione di impianti irrigazione (bassa densita ) e di distribuzione dell acqua potabile, negli impianti sanitari (alta densita

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA:

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA: MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 30 NOVEMBRE 1983 (G.U. n. 339 del 12 dicembre 1983) Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO VISTA la

Dettagli

RIUNIONE PROGETTISTI 2012

RIUNIONE PROGETTISTI 2012 RIUNIONE PROGETTISTI 2012 Sistemi antincendio Le attuali prescrizioni Cenni UNI EN 12845 (Maggio 2009) UNI 11292 (Agosto 2008) UNI/TR 11438 (Febbraio 2012) Gruppi di pressurizzazione Situazione Normativa

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

ATTACCO DI MANDATA PER AUTOMPOMPA Pressione massima 1.2 MPa RETE

ATTACCO DI MANDATA PER AUTOMPOMPA Pressione massima 1.2 MPa RETE 2.3 TUBAZIONI PER IDRANTI E NASPI Le tubazioni flessibili antincendio saranno conformi alla UNI EN 14540 (DN 45) e alla UNI 9487 (DN 70). 2.4 ATTACCHI DI MANDATA PER AUTOPOMPA Ogni attacco per autopompa

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli