PRINCIPALIRIFERIMENTILEGISLATIVIE NORMATIVIIN CAMPO ANTINCENDIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRINCIPALIRIFERIMENTILEGISLATIVIE NORMATIVIIN CAMPO ANTINCENDIO"

Transcript

1 , t I D.P.R.27 aprile 1955, n Norme per la prevenzionedegli infortuni sul rl lavoro. - Allontanamento Art.34. Divieti- Mezzidi estinzione dei lavoratori c) devonoesserepredispostimezzidi estinzioneidoneiin rapportoalle particolari condizioniin cui possonoessere usati, in essi compresigli apparecchiestintori portatilidi primointervento. Detti mezzi devono essere mantenuti in efficienzae controllati almeno una volta ogni sei da personaleespefto; Art. 35. L'acquanon deve essereusataper lo spegnimento di incendi,quandole materiecon le quali verrebbea contattopossonoreagirein modo da aumentare di temperatura o da svolgeregas infiammabili,notevolmente o nocivi. Parimenti l'acqua, a meno che non si tratti di acqua nebulizzata,e le altre sostanzeconduttricinon devonoessereusatein prossimitàdi conduttori, macchine e apparecchi elettricisottotensione.i divietidi cui al presentearticolodevonoessere resinotial personalemedianteawisi. Atl' 377, 379,385 - Mezzidi protezione appropriati ai rischi,idoneistrumentidi protezione, idoneimezzidi difesacontrorischiparticolarí. D.M. n. 5 del G.u. n. 19 det 20 gennaiotg8g - Normetecnichee proceduralirelativeagli estintori portatili d'incendio,soggetti all'approvazione del tipo da partedel Ministerodell,lnterno. Un estintoreportatileè un estintoreche è concepitoper essereportatoed utilizzato a manoe che,prontoall'uso,ha unamassaminoreo ugualea 20 kg. Un estintoreè designatodall'agente estinguenteche essocontiene. Gli estintoriattualmente si dividonoin estintoriad acqua,estintoria schiuma, estintoria polvere,estintoriad anidridecarbonica, estintoria idrocarburi alogenati - Decretoministeriale12 novembre1gg0art.4. Decorsisedicianni dalladata di emanazione del decretoministeriale 20 dicembre 1982,potrannoessereutilizzatisoloestintoridi incendioportatiliiòuiprototipisiano stati dichiaratidi tipo approvatoa normadell'anzidetto prowedimento.decorsoil suddettoterminegli estintorii cui prototipinon siano stati approvatiaí sensi del decretoministeriale 20 dicembre1982 dovrannoessereritiratidall'esercizio e resi inutilizzabili a curadel proprietario o dell'esercente. Talidecretisonoabrogatidal seguente: D.M.def G.u. n. 28 det4 febbraio2005- Normetecnichee procedurati per la classificazioneed omologazionedi estintoriportatili. ll decretodel è statoabrogatocol D.M.del 7 gennaio2005,pubblicato sullagazzettaufficialen. 28 del 4 febbraio2005,secondocui la classificazione degli estintoriportatilidi incendiosi effettuain basea quantospecificato nellanormauni EN3-7. ll nuovodeòretoentra in vigoredopo centottanta giornidalla pubblicazione (4 febbraio2005)nellagazzeltaufficiate dellarepubblica ttatiana. Gli estintoriportatiliprodottisecondoil D.M. 20 dicembre1gg2 potrannoessere commercializzati ancoraper 18 dalladata di entratain vigoredel decretoed ulilizzaliper 18 annidalladatadi produzione punzonata sul serbatoio. Di particolareimportanzarivesteil fatto che tutti i nuoviestintoridovrannoessere dotatiper ogniesemplaredi un librettodi uso e manutenzione riportantele istruzioni d'usoed i dati tecniciindispensabili per una correttamanutenzione, le cui modalità noncambianorispettoallanormauni9994/2003. Per gli estintori"idrici",megliodefinibilicome base acqua,sarà infinepossibile I'utilizzo su apparecchiature in tensioneelettrica, con un massimodi 1.000Voltad unadistanza di un metro.

2 unl EN 671-l aprile sistemi fissi di estinzione incendi. sistemi equipaggiaticon tubazioni.naspicon tubazionisemirigide. La normaspecificai requisitied i metodidi provaper la costruzione e la funzionalità dei naspi contubazioni semirigide. La bobinadeveruotareattornoad un oerno. La bobinaè compostada due circolaridi diametromassimonon maggioredi g00 mmcollegati da settoriinternio da un tamburodi diametro minimononminoredi 200 mm perle tubazioni da 19 mm e 25 mm,e nonminoredi 290mm perle tubazioni da 33 mm. ll coloredei dischidellabobinadeveessererosso. La rotazionedella bobinadeve arrestarsinel limitedi un giro quandoil naspoè sottoposto allaprovadi frenaturadinamica. La lunghezza elementare dellatubazione nondevesuperare i 30 metri. La tubazionedeve esseresemirigida,conformealla norma EN 6g4:2005e deve essere dotataall'estremità di una lanciaerogatriceche permettale seguenti regolazionidel getto:chiusuragetto,e getto frazionatoe/o getto pieno.ll portello dellacassettadeve poteraprirsidi circa 180"per permetterelo srotolamento della tubazione in ognidirezione. UNIEN 671-2settembre2004- Sistemifissi di estinzioneincendi. Sistemiequipaggiaticon tubazioni. ldranti a muro con tubazioni La normaspecificai requisitied i metodidi provaper la costruzione e la funzionalità degliidrantia murocontubazioni La tubazionedeveessereappiattibile e conformealla normaen 14540,il diametro nominaledella tubazionenon deve esseremaggioredi s2 mm, la lunghezza elementare di tubazionenondeveesseremaggioredi 20 metri. La tubazionedeveesseredotataall'estremitàdi una lanciaerogatriceche permetta le seguentiregolazioni del getto:chiusuragetto,e gettofrazionato, e/o gettopieno. La valvoladi intercettazione deve essereposizionatain modo tale che ci siano almeno35 mm tra ogni latodellacassettaed il diametroesterrodel volantino,sia in posizionedi aperturatotaleche di chiusura. Le cassettedevonoesseremunitedi poftelloe possonoesserechrusecon una serratura. Le cassettedotatedi serraturadevonoessereprowistedi un dispositivo di apertura d'emergenza che puòessereprotettosolocon materialifrangibilie trasparenti. Un dispositivo di aperturadeveessereprevistoper permetterei'ispezlone periodica e Ia manutenzione. ll dispositivo di aperturadeve prevederela possibilitàdi essere munitodi sigillodi sicurezza. Resistenzaalla corrosionedi parti rivestite:deve superarela provadi 240 ore in nebbiasalinacomespecificato nellaisog227. ll coloredel supporto(sellasalvamanichetta) dellatubazionedeveessererosso. unl EN aprile sistemi fissi di estinzione incendi: sistemi equipaggiaticon tubazioni. Manutenzione dei naspicon tubazionisemirigideed idrantia muro con tubazionif lessibili. controlloe verificaannuale,eseguitida personacompetente allapressione di rete; ricordiamo tuttaviache la scadenzasuddettaderivadallanormativaeuropea,mentre in ltaliacontinuaa rimanerein vigoreil controllosemestrale secondon D.p.R.27 aprile1955,n Ogni 5 annitutte le tubazionidevonoesseresottopostealla massimapressionedi esercizio comespecificato nellenorme671-1elo 621-2(12barperun minuto).

3 D.M G.U.n. 66 del 19 marzo1992- Normetecnichee proceduraliper la classificazionedella capacità estinguentee per l'omologazionedegli estintoricarrellatid'incendio Gli estintoricarrellatidi incendioda impiegarsinelleattività Arl.2. Utilizzazione soggettealle norme di prevenzioneincendidevonoessereomologati.ll termine ultimodi dismissione dei carrellatinonomologatiè fissatoentroil 20/ UNI9492aprile Estintoricarrellatid'incendio.Requisitidi costruzionee tecnichedi prova estintorecarrellato: Estintoretrasportato su ruotedi massatotalemaggioredi 20 kg e contenuto diestinguente finoa 150kg. UNI9994novembre2003- Apparecchiatureper estinzioneincendi. Estintorid'incendio,Manutenzione. 5. Fasidella manutenzione 5.1. Sorveglianza,misura di prevenzioneatta a controllare,con costante e particolare attenzione,l'estintorenella posizionein cui è collocato,tramite I'effettuazione di unaseriedi accertamenti. può essereeffettuatadal personalenormalmentepresentenelle La sorveglianza areeprotettedopoaverricevutoadeguateistruzioni Controllo, misuradi prevenzioneatta a verificare,con frequenza almeno semestrale,i'efficienza dell'estintore, di alcuniacceftamenti. tramitei'effettuazione ll servizio di controllo, revisionee collaudo deve essere svolto da personale esperto Revisione,misuradi prevenzione, di frequenzaalmenopari a quellaindicata nel prospetto, attaa verificare, e rendereperfettamente efficientel'estintore. ll prospettostabiliscela frequenzadi revisione,con ricarica e/o sostituzione dell'agente estinguente secondole seguentiscadenze: Tipo di estintore A polvere Adacquaoaschiuma A COz Ad idrocarburialogenati Tempomassimodi revisione con sostituzionedella carica Collaudonmisura di prevenzioneatta a verificare,con una frequenza specificata, la stabilitàdel serbatoioo dellabomboladell'estintore, in quantofacenti partedi apparecchia pressione.gli estintoria COee le bomboledi gas ausiliario devonorispettarele scadenzeindicatedalla legislazione vigentein materiadi gas compressie liquefatti.gli estintoriche non sianogià soggettia verificheperiodiche secondola legislazione vigentee costruitiin conformità alladirettiva97l23lce(dlgs 93/2000),devonoesserecollaudatiogni 12 anni medianteuna provaidraulicadella duratadi 30 secondiallapressionedi prova(pt)indicatasul serbatoio. n Gli estintoriche non sianogià soggettia verificheperiodiche secondola legislazion",*l vigentee nonconformialla Direttiva97123/CE, devonoesserecollaudatiogni6 anni, medianteuna provaidraulicadelladuratadi 1 minutoa una pressione di 3,5 MPa,o comeda valorepunzonato sulserbatoio se maggiore. D. Lgs. 626 settembre1994- Salutee sicurezzadei lavoratori. ll D.Lgs626/94recepisce ottodirettivecee. Art. 1, c.1 - ll decretoprescrivemisureper la tuteladellasalutee per la sicurezzadei lavoratori... In tuttii settoridi attivitàprivatio pubblici. Capitolo3 - L'informazione e formazione Capitolo6 - Titolo lv (DirettivaCEE 89/656)- Uso dei dispositividi prolezione (DPl) individuale

4 UNf maggio 2OO2- lmpianti di estinzione incendi. Reti di idranti. Progettazione, installazioneed esercizio. La normaspecifica i requisiti minimida soddisfare nellaprogettazione, installazione, ed esercizio permanentemente degliimpiantiidrici in pressione, destinati all'alimentazione di idrantie naspi. Gliidrantia colonnasoprassuolo devonoessereconformi allauni9485. Per ciascun idrantedeve essere previstaalmeno una dotazione,ubicatain prossimitàdell'idrante, in appositacassettadi contenimento, di una lunghezza normalizzata di tubazioneflessibile, completadi raccordie lanciadi erogazione. Gli idrantisottosuolo devonoessereconformiallauni9486. Gliidrantia murodevonoessereconformialla UNIEN I naspidevonoessereconformi allaunien671-1 Le tubazioni flessibili devonoessereconformi allauni9487. Perraccordi ed attacchi UNI804,805,807,808,810,7421. Le legaturedevonoessereconformiallaunl7422. D.P.R.n. 37 del 12 gennaio1998- ll nuovoregolamento di prevenzione incendi. Art.5 - Obblighi connessi coni'esercizio dell'attività. 1. Gli enti e i privatiresponsabili di attivitàsoggette ai controlli di prevenzione incendihannoi'obbligo di mantenere in statodi efficienza i sistemi,i dispositivi, le attrezzaturee le altre misure di sicurezzaadottatee di effettuare verifichedi controlloed interventi di manutenzione secondole cadenzetemporaliche sonoindicatedal comandonelcerlificato di prevenzione, Essi prowedono,in particolare,ad assicurareuna adeguatainformazione e formazione del personaledipendente sui rischidi incendioconnessicon la specifica attività,sulle misuredi prevenzionee protezioneadottate,sulle precauzionida osservareper evitarel'insorgere di un incendioe sulleprocedureda attuarein caso di incendio. 2. I controlli,le verifiche,gli interventidi manutenzione, l'informazione e la formazionedel personale,che vengonoeffettuati,devono essere annotati in un apposito registro a cura dei responsabilidell'attività.tale registrodeve essere mantenutoaggiornatoe reso disponibile ai fini dei controllidi competenzadel comando. D.M.n. 64 del 10 marzo 1998G.U.n. 81 del 7 aprile Criterigeneratidi sicurezzae per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro. Art.4. - Controlloe manutenzione degliimpiantie delleallrezzalure 1. Gli interventi di manutenzione ed i controllisugliimpiantie sulleattrezzature di protezionesono effettuatinel rispettodelle disposizionileeislativee regolamentari vigenti,delle normedi buonatecnicaemanatedagli organismidi normalizzazione nazionalio europeio, in assenzadi dettenormedi buonatecnica, delleistruzioni fornitedal fabbricante e/o dall'installatore. Allegato - Lineeguidaperla valutazione dei rischidi incendio neiluoghidi lavoro. Allegatoll - Misureintesea ridurrela probabilità di insorgenza degliincendi. Allegatolll ' Misurerelative alleviedi uscitain casodi incendio. AllegatolV - MisureperIa rivelazione e I'allarme in casodi incendio. AllegatoV - Attrezzature ed impiantidi estinzione degliincendi. AllegatoVl - Controllie manutenzione sulle misuredi protezione. L'attivitàdi controlloperiodicae la manutenzione deveessereeseguitada personale competente e qualificato. Allegato Vll - Informazione e formazione. AllegatolX - Contenutiminimidei corsidi formazioneper addettialla prevenzione incendi,lotta e gestione delleemergenze, in relazione al livellodi rischio dell'attività.

5 Direttiva97l23lCE(PED)det PartamentoEuropeo. La direttiva97/23/cedel Parlamento Europeo,accoltadal Parlamento ltalianocon il DecretoLegislativon. 93 del 2s/02/2000,meglioconosciutacome ped (pressure EquipmentDirective), è la nuovadirettivache dal 30 Maggio2002 governala costruzionee il commerciodi apparecchiature a pressionein tutti gli stati membri della comunità Europea.Da questadata tutti gli apparecchisoggettia pressioni superioria 0,5 bardevonoassoggettarsi a questanuovanormativa. La normativasi applicaa tuttigli apparecchi(o componenti di macchinario insiemi di apparecchi)in cui la pressioneè la grandezzafondamentale per la valutazione dellastabilità,dellasicurezzae dell'integrità del componente. In particolare interessa i recipienti,le tubazioni,gli accessoridi sicurezzae gli elementiaccessoria pressione. La filosofia della direttiva in oggetto è quella di garantire la sicurezza del prodottoa livello europeo. GazzettaUfficiale ne95 del 23 aprile 2O04 Nella GazzettaUfficialene95 del 23 aprile2oo4 tl MinisterodelleAttivitàProduttive ha recepitole norme armonizzateeuropeerelativeai sistemieqipaggiaticon tubazionie ha daro attuazioneanche in ltalia alla direttivab9/106/cee,(cpd, direttivasui prodottida costruzione). L'ampiagammadi prodotticertificatie marcatice,si raggruppa in duefamiglie: - Famiglia1 "Naspi manualiorientabili", rispondente previsti ai requisiti dallaunien67111: Famiglia2 "ldrantia murotipo 2", rispondente ai requisitiprevistidallauni EN 671/2:2004 Altri riferimentinormativi- Requisitidei prodotti D. Lgs. n 493 del 14 agosto Segnaletica di sicurezza. - Tubazioni - Tubazioni EN 14540:2004 perimpianti appiattibili fissi. unl 804 luglio Apparecchiature per estinzioneincendi.raccordiper tubazioni UNI 7422 luglio Apparecchiature per estinzioneincendi.requisitidelle legature pertubazioni UNI 9485aprile Apparecchiature per estinzione incendi.ldrantia colonna soprassuolo di ghisa. UNI9486aprile Apparecchiature per estinzioneincendi.ldrantisottosuolodi ghisa. UNI 9487aprile Apparecchiature per estinzione incendi.tubazionl flessibili di DN45 e 70 perpressioni di esercizio finoa 1,2Mpa.(12barl. Relativamente alle tubazionidn 45, la nuova norma di riferimentoè la EN 14540:2O04. UNI9488aprile1989- Apparecchiature perestinzione incendi. Tubazioni semirigide di DN 20 e 25 per naspi. Normaradiatain data 01/04/2OOE e sostituita - Tubazionisemirioide dallanormaunien 694:2005daltitoloTubazioni persistemifissi.

D. Lgs n 81 del 9 aprile 2008 - Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

D. Lgs n 81 del 9 aprile 2008 - Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei D. Lgs n 81 del 9 aprile 2008 - Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. (TESTO UNICO) Art. 304 - Abrogazioni

Dettagli

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE 1 Associazione M. A. I. A. Autore: Giuseppe Macchi Introduzione L evoluzione legislativa ed ancora di più quella normativa sia nazionale che europea nel

Dettagli

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO 1) Scopo La presente procedura descrive le modalità operative per eseguire gli interventi di manutenzione periodica dei presidi antincendio presenti

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l.

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l. Prove, collaudi e certificazioni nel campo antincendio; formazione; consulenze tecniche; verifiche ascensori. ATTIVITÀ DI Tecnologie Sviluppo Industriale S.r.l. (TE.S.I.) é un'azienda articolata in più

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

LA PROTEZIONE ATTIVA : (Sostanze estinguenti Estintori - Rete idranti Impianti di spegnimento automatici) Dott.Ing. Michele DE VINCENTIS

LA PROTEZIONE ATTIVA : (Sostanze estinguenti Estintori - Rete idranti Impianti di spegnimento automatici) Dott.Ing. Michele DE VINCENTIS LA PROTEZIONE ATTIVA : (Sostanze estinguenti Estintori - Rete idranti Impianti di spegnimento automatici) Dott.Ing. Michele DE VINCENTIS Le fondamentali funzioni da assolvere in caso di incendio sono la

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

(D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni)

(D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni) Catalogo Corsi di Formazione in materia di Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni) Per ulteriori informazioni e per conoscere le date dei corsi pianificati scrivere

Dettagli

Sicurezza impianti di riscaldamento - Norme generali di attuazione degli impianti - Riferimenti legislativi

Sicurezza impianti di riscaldamento - Norme generali di attuazione degli impianti - Riferimenti legislativi Principali riferimenti normativi per la progettazione degli impianti termomeccanici e tecnici in genere, norme di sicurezza, di esercizio, di controllo e manutenzione degli impianti Elenco delle principali

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

ANTINCENDIO. COMUNE DI Località. Piano Organizzativo di Sicurezza LAVORI DI MANUTENZIONE ANTINCENDIO PROVINCIA :..

ANTINCENDIO. COMUNE DI Località. Piano Organizzativo di Sicurezza LAVORI DI MANUTENZIONE ANTINCENDIO PROVINCIA :.. Via di Torre Spaccata 224/A 00169 - ROMA - Tel. 06/2382342 Fax. 06/2382340 COMUNE DI Località LAVORI DI MANUTENZIONE.. PROVINCIA :.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA PER I LAVORI DI MANUTENZIONE (Titolo IV

Dettagli

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA PORTE DI USCITA DI SICUREZZA (fire safety exits) Per uscita (di sicurezza) il decreto 30/11/1983 intende: Apertura atta a consentire il deflusso di persone verso un luogo sicuro avente altezza non inferiore

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DI ESTINTORI, COMPONENTI DELLE RETI DI IDRANTI, PORTE TAGLIAFUOCO ED USCITE DI EMERGENZA

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DI ESTINTORI, COMPONENTI DELLE RETI DI IDRANTI, PORTE TAGLIAFUOCO ED USCITE DI EMERGENZA LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DI ESTINTORI, COMPONENTI DELLE RETI DI IDRANTI, PORTE TAGLIAFUOCO ED USCITE DI EMERGENZA ASSOCIAZIONE NAZIONALE AZIENDE SICUREZZA E ANTINCENDIO FEDERATA FEDERAZIONE

Dettagli

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI Tutti i materiali, le apparecchiature, di seguito elencati, si intendono dati in opera con ogni lavorazione, con la sola esclusione delle opere in muratura

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI MANUTENTORI DI COMPONENTI DI RETI IDRANTI ANTINCENDIO

CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI MANUTENTORI DI COMPONENTI DI RETI IDRANTI ANTINCENDIO IL CORSO E DESTINATO AI MANUTENTORI CHE ESERCITANO QUESTA PROFESSIONE E FA PARTE DI UN PROGETTO DI FORMAZIONE A MEDIO TERMINE ATTRAVERSO IL QUALE IL MANUTENTORE AVRA LA POSSIBILITA DI ACCRESCERE LE SUE

Dettagli

UNI EN 671-3 NORMA ITALIANA APRILE 2001

UNI EN 671-3 NORMA ITALIANA APRILE 2001 NORMA ITALIANA Sistemi fissi di estinzione incendi Sistemi equipaggiati con tubazioni Manutenzione dei naspi antincendio con tubazioni semirigide ed idranti a muro con tubazioni flessibili Fixed firefighting

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

Arechi Multiservice Spa Viale Andrea De Luca, 22/I 84131 Salerno

Arechi Multiservice Spa Viale Andrea De Luca, 22/I 84131 Salerno Capitolato speciale di appalto: MANUTENZIONE DEGLI ESTINTORI, DEI SISTEMI FISSI DI ESTINZIONE INCENDI, PORTE TAGLIAFUOCO E DELLE RELATIVE FORNITURE ACCESSORIE Arechi Multiservice Spa Viale Andrea De Luca,

Dettagli

- Classe "A": fuochi da materiali solidi, generalmente di natura organica, la cui combustione avviene con formazione di braci.

- Classe A: fuochi da materiali solidi, generalmente di natura organica, la cui combustione avviene con formazione di braci. IMPIEGO DEGLI ESTINTORI Gli estintori debbono essere eseguiti secondo precise norme tecniche179 stabilite nel già citato decreto 20 no re 1982 (S.O.G.U. n. 19 del 20/1/1983).Gli estintori del vecchio tipo

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

INDICE CATEGORIE MERCEOLOGICHE

INDICE CATEGORIE MERCEOLOGICHE INDICE CATEGORIE MERCEOLOGICHE ESTINTORI PORTATILI, CARRELLATI, AUTOMATICI Pag. 5 RICAMBI PER ESTINTORI Pag. 29 ACCESSORI PER ESTINTORI Pag. 35 ACCESSORI PER MANUTENZIONE ESTINTORI Pag. 39 MACCHINE RIEMPIMENTO

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70001730 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti a secco Progettazione, installazione ed esercizio Fire fighting equipment Dry pipe Fire Hydrant systems

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO 1. TERMINOLOGIA RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Idrante antincendio: apparecchiatura antincendio dotata di un attacco unificato, di valvola di intercettazione ad apertura manuale e collegato ad una

Dettagli

Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio

Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio NORMA ITALIANA Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio UNI 10779 Fire fighting equipment Hydrants systems - Design, installation and operation SETTEMBRE

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO SEZIONE PROVINCIALE DI ROMA SERVIZIO IMPIANTI E RISCHI INDUSTRIALI VIA BONCOMPAGNI, 101 00187 ROMA AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

ESTINTORI IDRANTI E NASPI

ESTINTORI IDRANTI E NASPI ESTINTORI La norma di riferimento per la manutenzione degli estintori portatili e carrellati è la UNI 9994 rev. 11/03. Tale norma indica le periodicità degli interventi e le modalità d'esecuzione. Le principali

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI

CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI L'AZIENDA NASCE NEL 1990 SU INIZIATIVA DEI SOCI ARGIOLAS MARCO E DENACI ANTONIO ED È STATA LA PRIMA AZIENDA IN SARDEGNA AD OTTENERE LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ ISO 9001: 2000.

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Argomento Estintori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it

Argomento Estintori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» Argomento Estintori Docente n.marotta@ing.unipi.it Estintori Un estintore è un apparecchio contenente un agente

Dettagli

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA:

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA: MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 30 NOVEMBRE 1983 (G.U. n. 339 del 12 dicembre 1983) Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO VISTA la

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 110 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 110 EUR Località : Da definire PREISCRIZIONE AL CORSO DI AGGIORNAMENTO DELLA FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA LOTTA E P Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 110 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato

Dettagli

Guida pratica all antincendio Prevenzione e protezione incendi in azienda

Guida pratica all antincendio Prevenzione e protezione incendi in azienda guida pratica all antincendio - E. Lavè, P. Lavè PREVENZIONE INCENDI Edmondo Lavè Paolo Lavè guida pratica all antincendio prevenzione e protezione incendi in azienda II edizione Guida pratica all antincendio

Dettagli

Manutenzioni e verifiche. Listino Servizi

Manutenzioni e verifiche. Listino Servizi Manutenzioni e verifiche Listino Servizi CODICE DESCRIZIONE ARTICOLO A VISITA COSTO ANNUO 2 VISITE NORMA UNI 9994 5.1 E 5.2 per estintori portatili e carrellati CON da 1 a 5 estintori CON da 6 a 10 estintori

Dettagli

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Codice Sub Descrizione UNM Prezzo Sicurezza 16 IMPIANTI DI SICUREZZA 16.01 Impianti ed apparecchiature antincendio 16.01.001 Cassetta da

Dettagli

MICHELE BATTEZZATI MICHELE BATTEZZATI. Forniture generali per acquedotti e fognature ANTINCENDIO

MICHELE BATTEZZATI MICHELE BATTEZZATI. Forniture generali per acquedotti e fognature ANTINCENDIO MICHELE ATTEZZATI ANTINCENDIO ANTINCENDIO CASSETTE COMPLETE Art. 55A - 55-55C CASSETTA ANTINCENDIO PER ESTERNI IN LAMIERA Il sistema è composto da: Cassetta da esterni in lamiera verniciata rossa. Lastra

Dettagli

Roma 27 Maggio 2009. Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI

Roma 27 Maggio 2009. Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI Forum di Prevenzione Incendi Roma 27 Maggio 2009 Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI 1 Parte I : Progettazione dei sistemi antincendio

Dettagli

PRESENTAZIONE ESTINTORE IDRICO A BOMBOLA INTERNA

PRESENTAZIONE ESTINTORE IDRICO A BOMBOLA INTERNA PRESENTAZIONE ESTINTORE IDRICO A BOMBOLA INTERNA 1 SITUAZIONE ATTUALE MERCATO ESTINTORI Per capire l odierna situazione del mercato, è necessario conoscere i pregressi che ci hanno portato all attuale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Premessa Attualmente all interno della struttura è già presente un impianto di estinzione incendi costituito da idranti UNI45; si provvederà ad

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

Dott. Ing. Paolo PALOMBO

Dott. Ing. Paolo PALOMBO INCENDIO PREVENZIONE - PROTEZIONE Dott. Ing. Paolo PALOMBO Ordine dei Medici della provincia di Latina Incontro di aggiornamento STUDI SICURI 2012 E Obbligo del datore di lavoro l assicurare gli adempimenti

Dettagli

CONTENUTI E MODALITA DI GESTIONE DEL REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO

CONTENUTI E MODALITA DI GESTIONE DEL REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO Il presente documento è in formato MS Word e solo per motivi di protezione fornito in questa sede in pdf COMUNE DI BATTIPAGLIA Provincia SA Azienda Casa di Riposo per ANZIANI CASTELLUCCIO Datore di Lavoro

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA

CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA Informativa del 11/09/2012 CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA AMBITO SEGNALAZIONE PAG. Sicurezza Corso Addetti Antincendio 2 Sicurezza Corso Aggiornamento Addetti Antincendio 4 Bucciarelli Engineering S.r.l.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

NORME DI RIFERIMENTO

NORME DI RIFERIMENTO NORME DI RIFERIMENTO Gli impianti e i relativi componenti devono rispettare, ove di pertinenza, le prescrizioni contenute nelle seguenti norme di riferimento, comprese eventuali varianti, aggiornamenti

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

Registro della Sicurezza Antincendio

Registro della Sicurezza Antincendio LA SICURAPIDA s.r.l. Servizio Prevenzione e Protezione Via Lazio, 23-00199 Roma tel. 069457881/2 - fax 069457887 e-mail: rspp@asrm.it Registro della Sicurezza Antincendio art. 6 comma 2 DPR 151/11 CONTROLLI,

Dettagli

RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO

RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO INDICE 1 PREMESSE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 GENERALITA SULL IMPIANTO... 6 4 CONDOTTE... 6 4.1 Rete idrica-antincendio ed allacciamenti secondari...

Dettagli

AREA FUNZIONALE TECNICA U.O. NUOVE OPERE Piazza Giovanni XXIII 51100 PISTOIA Telefono 0573/3521 352070 Fax 352059 E mail: e.tesi@usl3.toscana.

AREA FUNZIONALE TECNICA U.O. NUOVE OPERE Piazza Giovanni XXIII 51100 PISTOIA Telefono 0573/3521 352070 Fax 352059 E mail: e.tesi@usl3.toscana. Opere per adeguamento normativo ai fini della prevenzione incendi del fabbricato uso uffici e ambulatori dell Azienda Usl. 3 di Pistoia ubicato in viale Matteotti nc. 19 Pistoia di Progetto rete idrica

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

Registro della Sicurezza Antincendio

Registro della Sicurezza Antincendio Istituto Comprensivo Statale L. Acquaviva di Catignano Via Madonna Delle Grazie s.n. Telefono 085841408-fax 085841238 Codice fiscale 91100520682 posta elettronica peic819009@istruzione.it sito web: www.istitutoacquaviva.com

Dettagli

I S P E S L. Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro. Dott. Sergio Morelli 1

I S P E S L. Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro. Dott. Sergio Morelli 1 I S P E S L Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dott. Sergio Morelli 1 Chi è L I.S.P.E.S.L L'Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro ISPESL e' ente di

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO. Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte.

RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO. Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte. RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO MEZZI ED IMPIANTI DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI Generalità Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte. Estintori

Dettagli

Impianti e dispositivi antincendio

Impianti e dispositivi antincendio Gestione ambientale Impianti e dispositivi antincendio 1/2 Concetti base sugli incendi classificazione e cinetica degli incendi carico d incendio e REI 2 2005 Politecnico Torino 1 2/2 Interventi preventivi

Dettagli

ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura

ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura Direzione Generale Servizio antinceno, protezione civile e infrastrutture ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura Procedura negoziata per l'affidamento della fornitura Manichette, tubazioni e

Dettagli

DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE 2015

DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE 2015 DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE Formazione sulla sicurezza negli ambienti di lavoro (D.Lgs 81/2008) e s.m.i PRESENTAZIONE Con il presente catalogo intendiamo sintetizzare le principali opportunità

Dettagli

L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Progettazione a cura di:

L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Progettazione a cura di: Pag. 1 RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Proprietà: Timbro e Firma del legale rappresentante della proprietà:

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

Dispositivi di spegnimento

Dispositivi di spegnimento Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Dispositivi di spegnimento 26.03.2003

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire PREISCRIZIONE AL CORSO DI AGGIORNAMENTO DELLA FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA LOTTA E P Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato

Dettagli

Impianti di rivelazione incendi Guida alla progettazione secondo la UNI 9795:2010 e aggiornata con le disposizioni del D.P.R. n.

Impianti di rivelazione incendi Guida alla progettazione secondo la UNI 9795:2010 e aggiornata con le disposizioni del D.P.R. n. Spaziani - PROVA 2:Copia di Legge 10.qxp N T Q u a d e r n i I N C p e r l a E 16.32 N Pagina 1 D I O ANTINCENDIO p r o g e t t a z i o n e altri titoli l'autore Guida alla progettazione secondo la UNI

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO. SEICOM SRL - Via Tevere, 50/5 Senigallia (AN) Tel/Fax: 071 63362 www.seicomsrl.it info@seicomsrl.it

CATALOGO FORMATIVO. SEICOM SRL - Via Tevere, 50/5 Senigallia (AN) Tel/Fax: 071 63362 www.seicomsrl.it info@seicomsrl.it CATALOGO FORMATIVO SEICOM SRL - Via Tevere, 50/5 Senigallia (AN) Tel/Fax: 071 63362 www.seicomsrl.it info@seicomsrl.it INDICE Corso per Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione - Datore di

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

ALLEGATO A INDICAZIONI E PRESCRIZIONI GENERALI DEGLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA

ALLEGATO A INDICAZIONI E PRESCRIZIONI GENERALI DEGLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA ALLEGATO A INDICAZIONI E PRESCRIZIONI GENERALI DEGLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA 1 Gli impianti, i manufatti ed i sistemi tecnologici presenti, sinteticamente descritti nell allegato B, dovranno

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Argomento Idranti. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it

Argomento Idranti. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» Argomento Idranti Docente n.marotta@ing.unipi.it Impianti di protezione attiva antincendi Gli impianti di protezione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I...

PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I... CAPITOLATO SPECIALE PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I.... 1 1.1.1) TIPO DI IMPIANTO... 1 1.1.2) UBICAZIONE

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS

RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS Via della Madonna n 105, 51100 Pistoia Tel/fax 0573.977477 0573.25014 RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS S. Domenico ASP Via Colle dei Fabbri n 8 51017 Pescia (PT) Premessa di carattere generale La presente

Dettagli

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI INCENDIO NEI CONDOMINI FILMATO ANACI ROMA TRIANGOLO DEL FUOCO PRIMA DOMANDA... L incendio scoppia nei condomini moderni... o anche nei condomini antichi? L incendio non ha età! ANACI ROMA Dove può scoppiare

Dettagli

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO REALIZZAZIONE DEL NUOVO MAGAZZINO COMUNALE IN REGIONE DENTE RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA E CALCOLI ESECUTIVI (articolo 37 e 39 del Decreto

Dettagli

IDRAULICA c) non hanno di forma propria a) riempiono soltanto la parte inferiore del recipiente c) sono poco o nulla comprimibili a) 9806 N/m3

IDRAULICA c) non hanno di forma propria a) riempiono soltanto la parte inferiore del recipiente c) sono poco o nulla comprimibili a) 9806 N/m3 IDRAULICA 1) I fluidi: a) hanno forma propria e volume proprio b) hanno forma propria ma non hanno volume proprio c) non hanno di forma propria 2) I liquidi posti in idonei recipienti aperti: a) riempiono

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

Direttiva PED 97/23/CE

Direttiva PED 97/23/CE Direttiva PED 97/23/CE La Direttiva Attrezzature a Pressione, 97/23/CE, comunemente nota come Direttiva PED, è una direttiva emanata dall Unione Europea, recepita in Italia con il D.Lgs N. 93/2000. Essa

Dettagli

Reti Idranti Antincendio

Reti Idranti Antincendio Reti Idranti Antincendio Progettazione (installazione) collaudo e verifica alla luce dell edizione 2014 Ing. Luciano Nigro Rete Idranti Principale e più elementare presidio antincendio fisso Richiesta

Dettagli

RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata

RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata RISCHIO INCENDIO MEDIO Il DLgs 81/2008 Il DM 10.03.1998 è la Legge di che tratta Criteri generali di sicurezza antincendio per la gestione

Dettagli

Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo

Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo LA DECONTAMINAZIONE NBCR 30/03/2012 ing. V. Nocente- VVF 1 parleremo di: Misure di protezione contro gli incendi Vie di esodo Procedure da adottare

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto)

ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto) ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO NEGLI IMMOBILI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE ELENCO PREZZI UNITARI

Dettagli

Documentazione di supporto: Il piano di emergenza in uso, comprensivo di tutti i suoi allegati vedi B.2 - Note eventuali. sostituto.

Documentazione di supporto: Il piano di emergenza in uso, comprensivo di tutti i suoi allegati vedi B.2 - Note eventuali. sostituto. REGISTRO DEGLI ADEMPIMENTI ANTINCENDIO - (art. 5 d.p.r. n. 37 del 12-01-1998) _ A.S. 2014-2015 Denominazione della ditta, azienda, attività POLO PROFESSIONALE L. SCARAMBONE I.S.I.S.S. Ubicazione degli

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI DESCRIZIONE SINTETICA ARGOMENTI INCONTRI: 1a 1b 1c 1d 1e reti idranti Componenti reti idranti: scelta, utilizzo e manutenzione UNI 10779 2007 estintori

Dettagli

Martedì 26 Luglio 2011 06:15 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Luglio 2011 06:25

Martedì 26 Luglio 2011 06:15 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Luglio 2011 06:25 Ministero dell'interno - Dip. Vigili del Fuoco, circ. 23 febbraio 2011, n. 12653 - Formazione addetti alla prev Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile COM-RM REGISTRO

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli