SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9"

Transcript

1

2 SOMMARIO Premessa Riferimenti normativi Caratteristiche generali dell impianto e prestazioni garantite Caratteristiche generali della rete Progettazione ed autonomia della rete Calcolo diametri e perdite distribuite Alimentazione degli idranti: ipotesi di calcolo Ipotesi Ipotesi Ipotesi Calcolo nelle condizioni ordinarie di funzionamento Collaudo dell impianto EIDRT004 VVF.doc 1/9

3 RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DIMENSIONAMENTO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO 1.1 Premessa La presente capitolo si riferisce alla definizione delle caratteristiche della rete di distribuzione antincendio che provvede ad alimentare l'impianto a protezione dell'edificio in oggetto. La destinazione d'uso dello stabile è attività soggetta perché risulta compreso nel D.M. del 16/02/82 come attività n 85 e l'impianto sarà realizzato secondo il progetto approvato dai VV.F. L'impianto, trarrà origine dalla rete municipale di distribuzione antincendio (con il relativo blocco valvole di non ritorno) situata all interno del Parco della Certosa DN200, (circa 50 m esterna), con una presa ad uso esclusivo antincendio DN 125, derivata dalla condotta stradale magliata. Per la definizione dell Area di Rischio ci si riferisce alla UNI 9489 così come previsto dalla UNI Appendice B, che accomuna la Classe A al Livello 1 (carico d incendio limitato, scarsa probabilità d innesco e ridotta velocità di propagazione di un eventuale incendio). 1.2 Riferimenti normativi Il dimensionamento degli impianti è stato eseguito tenendo presenti le specifiche di cui al punto 9 del D.M. del 26/08/1992 ( Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica ), Lettera Circolare del M.I. 30/10/96 Prot. P2244/4122 e delle Norme UNI 10779, UNI EN 671-2, UNI 12845, UNI 9489, UNI 9485 ed UNI Le sopracitate norme fiscalizzano le caratteristiche tecnico distributive e funzionali degli impianti di estinzione previsti dal D.M. del 26/08/92. Le sopraccitate norme stabiliscono inoltre i valori della portata e della pressione residua minima che l'impianto deve essere in grado di garantire all idrante idraulicamente più sfavorito, l'indice di contemporaneità complessivo dell'impianto e lo schema distributivo dello stesso. 1.3 Caratteristiche generali dell impianto e prestazioni garantite Ai fini della protezione interna, le sopraccitate Norme prevedono una rete di naspi interni e idranti soprassuolo esterni, alimentati a mezzo di anello secondo le disposizione indicata sulle tavole allegate e schematizzata nella rappresentazione dello sviluppo verticale dell'impianto. 44-EIDRT004 VVF.doc 2/9

4 Ciascun naspo sarà alimentato direttamente dall anello di diametro costante DN100-UNI 8863 collegato al punto di presa mediante tubazione in PEad312/125 PN16 UNI7611 interrata in controtubo PVC-U DN/OD 200 UNI EN attraverso un attacco flangiato. L anello sarà realizzato in acciaio conforme alla norma UNI 8863 serie media per quanto attiene alle parti correnti all interno dell edificio e in polietilene pesante 312/110 PN16 UNI 7611 per quanto attiene alle parti posizionate in cavedio esterno provenienti dall attacco acquedotto. In ogni caso dovrà essere protetto dal gelo al fine di garantire la funzionalità anche in inverno. Le colonne sopra definite, serviranno 15 naspi a muro in configurazione da incasso e solo cui uno esterno (I.2) nell atrio di ingresso, disposti secondo la schematizzazione allegata. In particolare: - Piano rialzato: 5 naspi DN25 orientabili da interno UNI EN marcati CE, denominati rispettivamente: -- N.A1, N.A2 e N.A3 afferenti alla colonna montante A (N.A3 non incassato); -- N.B1 e N.B2 afferenti alla colonna montante B. - Piano primo: 5 naspi DN25 orientabili da interno UNI EN marcati CE, denominati rispettivamente: -- N.A4, N.A5 e N.A6 afferenti alla colonna montante A; -- N.B3 e N.B4 afferenti alla colonna montante B. 44-EIDRT004 VVF.doc 3/9

5 - Piano secondo: 5 naspi DN25 orientabili da interno UNI EN marcati CE, denominati rispettivamente: -- N.A7, N.A8 e N.A9 afferenti alla colonna montante A; -- N.B5 e N.B6 afferenti alla colonna montante B. - Protezione esterna: -- idrante soprassuolo denominato IS.1 (lato EST) del tipo UNI AR(2/70-1/100)1000 per il quale il collegamento avverrà mediante tubo in polietilene pesante 312/110 PN16 UNI 7611 in contro tubo PVC-U 200 ; -- idrante soprassuolo denominato IS.2 (lato OVEST) del tipo UNI AR(2/70-1/100)1000 per il quale il collegamento avverrà mediante tubo in polietilene pesante 312/110 PN16 UNI 7611 in contro tubo PVC-U 312/200 PN16 UNI 7611; -- idrante soprassuolo denominato IS.1 (lato EST) del tipo UNI AR(2/70-1/100)1000 per il quale il collegamento avverrà mediante tubo in polietilene pesante 312/110 PN16 UNI 7611 in contro tubo PVC-U 312/200 PN16 UNI 7611; -- attacco motopompa denominato AM.1 (lato EST) del tipo UNI 70 a norma UNI 808, saracinesca e valvola di ritegno a Clapet in ottone, valvola di sicurezza per scarico sovrappressione pretarata a 12 bar, conforme alle norme UNI Completo di flangia e cassetta da esterno sigillabile con lastra in acciaio inox AISI304 verniciato RAL 3000, telaio portavetro in alluminio anodizzato, per il quale il collegamento avverrà mediante tubo in acciaio UNI 8863; -- attacco motopompa denominato AM.2 (lato OVEST) del tipo UNI 70 a norma UNI 808, saracinesca e valvola di ritegno a Clapet in ottone, valvola di sicurezza per scarico sovrappressione pretarata a 12 bar, conforme alle norme UNI Completo di flangia e cassetta da esterno sigillabile con lastra in acciaio inox AISI304 verniciato RAL 3000, telaio portavetro in alluminio anodizzato, per il quale il collegamento avverrà mediante tubo in acciaio UNI 8863; In corrispondenza del punto di presa sono previsti, a valle di questo, un rubinetto di scarico e prova, flangiato sulla tubazione con attacco dello stesso diametro e valvola di non ritorno, sempre di idoneo diametro; l'allacciamento alla rete municipale per l'alimentazione dell impianto è comunque realizzato in conformità a quanto previsto dall'ente fornitore e alla Legge n 319 del 10/05/76. (come da documentazione allegata). Per segnalare in sorveglianza l'efficienza dell'alimentazione idrica è prevista l'installazione di pressostato di controllo che azionerà l'allarme di mancanza pressione. 44-EIDRT004 VVF.doc 4/9

6 Sono soddisfatte le seguenti prescrizioni dell'impianto (UNI prestazione elevata): a) al bocchiello della lancia dei 4 naspi posizionati nelle condizioni più sfavorevoli di altimetria e distanza, è garantita una portata non inferiore a 60 l/min cadauno ed una pressione minima all ingresso di almeno 3,0 bar; b) il numero e la posizione degli idranti sono prescelti in modo da consentire il raggiungimento, con il getto, di ogni punto dell'area protetta (20 m di manichetta e 5 di getto); c) l'impianto idraulico è dimensionato in modo da garantire una portata minima di 360 l/min per ogni colonna montante e il funzionamento contemporaneo di almeno due. Esso è in grado di garantire l'erogazione ai sei idranti in posizione idraulica più sfavorita, assicurando a ciascuno di essi la portata e pressione sopra indicate; d) gli idranti sono ubicati in posizioni utili all'accessibilità ed operatività in caso di incendio; e) l'impianto è tenuto costantemente in pressione; f) le tubazioni di alimentazione e quelle costituenti la rete sono protette dal gelo, dagli urti e dal fuoco. g) agli idranti soprassuolo è garantita una portata non inferiore a 300 l/min cadauno ed una pressione residua non inferiore 3,0 bar. 1.4 Caratteristiche generali della rete. La rete antincendio municipale è in grado di garantire in portata ed in pressione il funzionamento e l efficacia dell impianto prevista per la tipologia dell intervento. La rete di idranti, in osservanza alla regola tecnica antincendio, prevede le colonne montanti in corrispondenza dei vani scala o in vani comunque protetti mediante strutture REI 60. Nel caso in esame i naspi sono stati posti in zone vicine alle vie di accesso/fuga e sono disposti in maniera tale da garantire ampia copertura della superficie Tutti i naspi sono alimentati mediante stacchi UNI 8863 DN 40 che traggono origine dall anello corrente al piano sottotetto (DN UNI 8863, serie media) e in cavedio esterno per l alimentazione dell anello stesso (PEad 312/110-PN16, UNI 7611). Per le parti a vista dell anello si prevede un fissaggio a soffitto e/o in parete e/o a pavimento tramite sostegni conformi alla UNI Al piano seminterrato, le due colonne sono derivate con interposta valvola di non ritorno poiché i piani serviti sono in numero di tre. Il collegamento con gli attacchi motopompa dovrà pertanto essere eseguito a valle di tale valvola. In corrispondenza di ogni orizzontamento, per 44-EIDRT004 VVF.doc 5/9

7 alimentare i vari naspi saranno derivate, senza organi di intercettazione, tubazioni di acciaio zincato conformi alla Norma UNI 8863 serie media ed i raccordi o le giunzioni ed i pezzi speciali conformi alle rispettive norme vigenti. L attraversamento degli orizzontamenti verrà sigillato a mezzo di appositi collarini REI 120. L anello nel sottotetto e nel seminterrato sarà protetto dal gelo mediante coppelle in lana di roccia rivestita con lamierino rivettato Tutte le tubazioni dovranno essere colorate di rosso RAL Progettazione ed autonomia della rete La rete antincendio municipale è in grado di garantire in portata ed in pressione la funzionalità prevista per la tipologia dell intervento. A tale scopo è stato previsto un attacco flangiato alla linea esistente dell acquedotto antincendio e per ridurre le perdite di carico distribuite e concentrate si sono previste tubazioni di grande diametro e linearità di sviluppo dell anello. 1.6 Calcolo diametri e perdite distribuite Come si evince dalla documentazione allegata la rete si sviluppa secondo uno schema ad anello; la ridondanza propria di tale sistema di distribuzione ne conferisce una notevole affidabilità poiché una colonna può essere alimentata oltre che da entrambi i semianelli verticali anche da un solo semianello in caso di minor resistenza dello stesso o di interruzione dell altro. Il calcolo, con riferimento allo schema impiantistico riportato in allegato, per quanto riguarda le perdite distribuite è stato eseguito con la formula di Hazen-Williams (UNI Appendice C) assumendo un coefficiente c=120 per le tubazioni di acciaio e c=130 per quelle in polietilene. Per cui la perdita per unità di lunghezza è data dalla formula: dove: J= B hw x Q 1,85 x C -1,85 x D -4,87 B e C = coefficienti di Hazen-Williams Q= portata di progetto D= diametro tubazione nel tratto considerato Al fine di calcolare le peggiori ipotesi di funzionamento dell impianto e garantirne ancora il funzionamento con le prestazioni richieste dalla Normativa si ricavano le tabelle riportate in Allegato, (riferite ai quattro naspi posti in posizione più sfavorevole) dove per quanto 44-EIDRT004 VVF.doc 6/9

8 concerne il valore indicato come Le (lunghezza equivalente), esso esprime in una lunghezza maggiorata della tubazione la presenza di eventuali raccordi a T, curve a gomito attraverso i quali la direzione di flusso subisce una variazione di 45 o maggiore (UNI prospetto C.1.). Tuttavia quando il flusso attraversa un T o un raccordo a croce senza cambio di direzione, le relative perdite di carico possono essere trascurate. 1.7 Alimentazione degli idranti: ipotesi di calcolo Il calcolo verrà eseguito nell'ipotesi di differenti condizioni di funzionamento ed in prima approssimazione i diametri verranno calcolati posizionando delle interruzioni in modo che il percorso dell acqua per raggiungere i nodi sia il più breve possibile (minor resistenza al moto): -ipotesi 1: anello funzionanti con 2 naspi; -ipotesi 2: anello funzionante con i 4 naspi; -ipotesi 3: anello funzionante solo per idrante soprassuolo; Successivamente si procederà alla verifica idraulica della rete in condizioni di normale esercizio, bilanciando la rete e verificandone poi la rispondenza alle prestazioni fissate dalla Normativa Ipotesi 1 Dai calcoli sintetizzati in Allegato si ottiene che la condizione di carico più sfavorevole si registra sul naspo NA.9 per un valore di Pd = 1,598 bar. In rispetto della Norma di Legge, che richiede una pressione residua (Pu) ssul naspo idraulicamente più sfavorito di 3,0 bar (ed una portata minima di 120 l/min); si avrà pertanto: Pu= 3,0 bar (30 m c.a.) Le perdite totali vengono quindi espresse dalla formula: Ipotesi 2 ΔPt= Pd+ Pc+Pb+Pg= 4,598 bar (45,98 m c.a.) Dai calcoli sintetizzati in Allegato si ottiene che la condizione di carico più sfavorevole si registra sul naspo NA.9, per un valore di Pd = 1,652 bar. In rispetto della Norma di Legge, che richiede una pressione residua (Pu) sul naspo idraulicamente più sfavorito di 2,0 bar (ed una portata minima di 120 l/min); si avrà pertanto: Pu= 3,0 bar (30 m c.a.) 44-EIDRT004 VVF.doc 7/9

9 Le perdite totali vengono quindi espresse dalla formula: Ipotesi 3 ΔPt= Pd+ Pc+Pb+Pg= 4,652 bar (46,52 m c.a.) Dai calcoli sintetizzati in Allegato II si ottiene che la condizione di carico più sfavorevole si registra sull idrante soprasuolo IS.2, valore di Pd = 0,635 bar. In rispetto della Norma di Legge, che richiede una pressione residua (Pu) sull idrante idraulicamente più sfavorito di 2,0 bar (ed una portata minima di 340 l/min); si avrà pertanto: Pu= 3,0 bar (30 m c.a.) Le perdite totali vengono quindi espresse dalla formula: ΔPt= Pd+ Pc+Pb+Pg= 3,635 bar (36,35 m c.a.) 1.8 Calcolo nelle condizioni ordinarie di funzionamento Nelle condizioni ordinarie si avrà un funzionamento della rete a maglia chiusa. E' necessario pertanto verificare le prestazioni dell'impianto nelle condizioni ordinarie d'esercizio; il calcolo verrà eseguito mediante l'ipotesi che le portate dei singoli tronchi saranno ritarate verificando la congruità dei nodi Trovato l'equilibrio (o la convergenza) della rete si verificherà che l'equilibrio ai nodi soddisfi i parametri di progetto. Possiamo definire infatti delle curve di domanda passanti per valori calcolati secondo la relazione seguente prevista dalla normativa UNI 12845: h h Q P = + P Q0 applicando la formula sopra esposta si ottengono i seguenti valori di pressione: 2 P 1,1 = 4,598 bar P 1,2 = 4,652 bar P 1,3 = 4,759 bar P 2,1 = 4,347 bar P 2,2 = 4,402bar P 2,3 = 4,975 bar P 1,medio = 4,473 bar P 2,medio = 4,527 bar P 3,medio = 4,867 bar Tramite questo valore medio è possibile ora dare una più' precisa valutazione delle portate che realmente interesseranno le varie tubazioni considerando che nell anello si dovrà avere l equilibrio ai nodi,, si avrà: 44-EIDRT004 VVF.doc 8/9

10 Q i,n = Q 01 * P m,1 / P i,n (formula 1) Q 1,1 = 785,342 l/m Q 1,2 = 791,854 l/m Q 1,3 = 787,568 l/m Ora, si può verificare che a partire da questi valori di portata, reinserendoli nella formula sopra definita (formula 1) e processandoli alcune volte si raggiunge la convergenza della rete che porta ad avere le seguenti perdite di carico agli ultimi naspi più sfavoriti N.A9, N.A8, N.A7 e N.B6: P N.A9 = 4,652 bar P N.A8 = 4,555 bar P N.A7 = 4,447 bar P N.B6 = 4,324 bar Ne consegue che l'impianto, per come è stato dimensionato risulta equilibrato nel suo sviluppo globale e congruo con le prestazioni sotto riportate 1.9 Collaudo dell impianto Al fine del collaudo si segnala che i quattro naspi idraulicamente più sfavoriti sono: N.A9, N.A8, N.A7 e N.B6 Questi in fase di collaudo, con funzionamento contemporaneo, saranno in grado di fornire una pressione residua al bocchiello di 3 bar ed una portata minima di 60 l/min. Carmagnola, Novembre 2008 Il progettista Dott. Ing. Stefano Benelli 44-EIDRT004 VVF.doc 9/9

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO REALIZZAZIONE DEL NUOVO MAGAZZINO COMUNALE IN REGIONE DENTE RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA E CALCOLI ESECUTIVI (articolo 37 e 39 del Decreto

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO 1. TERMINOLOGIA RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Idrante antincendio: apparecchiatura antincendio dotata di un attacco unificato, di valvola di intercettazione ad apertura manuale e collegato ad una

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Premessa Attualmente all interno della struttura è già presente un impianto di estinzione incendi costituito da idranti UNI45; si provvederà ad

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto)

ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto) ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO NEGLI IMMOBILI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE ELENCO PREZZI UNITARI

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE Elenco dei Corpi d'opera 03 OPERE IMPIANTISTICHE Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE Unità tecnologiche 01 Impianto riscaldamento 02 Impianto smaltimento acque usate e meteoriche 03 Impianto antincendio

Dettagli

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI Tutti i materiali, le apparecchiature, di seguito elencati, si intendono dati in opera con ogni lavorazione, con la sola esclusione delle opere in muratura

Dettagli

NORME DI RIFERIMENTO

NORME DI RIFERIMENTO NORME DI RIFERIMENTO Gli impianti e i relativi componenti devono rispettare, ove di pertinenza, le prescrizioni contenute nelle seguenti norme di riferimento, comprese eventuali varianti, aggiornamenti

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO Comune di Offida Lavori di: Legge 27 dicembre 2002 n. 289, art. 21 comma 80 PIANO STRAORDINARIO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Delibera CIPE n. 143/2006 di approvazione del II programma

Dettagli

L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Progettazione a cura di:

L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Progettazione a cura di: Pag. 1 RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Proprietà: Timbro e Firma del legale rappresentante della proprietà:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO Il gas metano sarà addotto, per ogni piano, con tubazione come le tavole allegate mostrano esterne al fabbricato e ad esso ancorate a vista. La rete principale sarà

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

MICHELE BATTEZZATI MICHELE BATTEZZATI. Forniture generali per acquedotti e fognature ANTINCENDIO

MICHELE BATTEZZATI MICHELE BATTEZZATI. Forniture generali per acquedotti e fognature ANTINCENDIO MICHELE ATTEZZATI ANTINCENDIO ANTINCENDIO CASSETTE COMPLETE Art. 55A - 55-55C CASSETTA ANTINCENDIO PER ESTERNI IN LAMIERA Il sistema è composto da: Cassetta da esterni in lamiera verniciata rossa. Lastra

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

1. Premessa. 2. Descrizione degli impianti antincendio

1. Premessa. 2. Descrizione degli impianti antincendio Sommario 1. Premessa...2 2. Descrizione degli impianti antincendio...2 3. Centrali antincendio...4 4. Locali destinati ad ospitare i gruppi di pressurizzazione (Osservanza della norma UNI 11292 - Agosto

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO I AGGIORNAMENTO 14/12/2013 GENERALITÀ L impianto idrico-sanitario comprende:

Dettagli

1. RIFERIMENTI NORMATIVI

1. RIFERIMENTI NORMATIVI Pag. 1 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Agli impianti idrici antincendio si applicano le seguenti norme tecniche: Norma UNI 10779 "Impianti di estinzione incendi: Reti di Idranti" (Luglio 2007) Norma UNI EN 12845

Dettagli

Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio

Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio NORMA ITALIANA Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio UNI 10779 Fire fighting equipment Hydrants systems - Design, installation and operation SETTEMBRE

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO. Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte.

RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO. Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte. RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO MEZZI ED IMPIANTI DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI Generalità Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte. Estintori

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1 1 Edilizia scolastica e sicurezza nella scuola: lo stato degli adempimenti Le 10.798 scuole statali sono dislocate in 41.328 edifici ove studiano e lavorano oltre 10 milioni di persone. Come si sa, ai

Dettagli

PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I...

PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I... CAPITOLATO SPECIALE PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I.... 1 1.1.1) TIPO DI IMPIANTO... 1 1.1.2) UBICAZIONE

Dettagli

ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura

ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura Direzione Generale Servizio antinceno, protezione civile e infrastrutture ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura Procedura negoziata per l'affidamento della fornitura Manichette, tubazioni e

Dettagli

M A T E R I A L E POMPIERISTICO

M A T E R I A L E POMPIERISTICO L A N C E U NI 25 / 4 5 A N O R M A U NI 671/1-2 NOTE GENERALI: Portata minima per idranti a muro con tubazioni flessibili fino a DN52 secondo UNI EN 671-2. I valori di portata sia nella posizione a getto

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

sig. Pietro Tamburrino

sig. Pietro Tamburrino Pag. 1 COMUNE dii PONTELATONE CE RELAZIONE TECNICA e dii CALCOLO IMPIANTO dii SPEGNIMENTO IDRICO ad IDRANTI UNI 45 L impianto sarà a servizio di: Sita in: STRUTTURA COMMERCIALE PONTELATONE CE - Località

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

TECHNOLOGIES 2000 S.r.l. via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2

TECHNOLOGIES 2000 S.r.l. via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2 via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2 D E S C R I Z I O N E D E L L' A R T I C O L O di misura P R E Z Z O UNITARIO Nr. 1 Fornitura e posa in opera di nr. 1 GRUPPO PRESSURIZZAZIONE ANTINCENDIO a norma

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI Pag. 1 RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI L impianto è a servizio dell attività: Albergo Sita in: Via Rivoltana 98 - Segrate (MI) Proprietà: Car Touring S.r.l.

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti meccanici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

accessori acquedotti accessori acquedotti idranti saracinesche saracinescheantincendio saracinesche

accessori acquedotti accessori acquedotti idranti saracinesche saracinescheantincendio saracinesche NASTRO SEGNALATORE collari collari /cad 14,00 RETE DI SEGNALAZIONE ACCESSORI ACQUEDOTTI ED ANTINCENDIO,,, collari SCRIZIONE /cad RETE GIALLA TUBO GAS DIM h.250x250 mt. CON FILO RILEVATORE IN 168,90 RETE

Dettagli

NASPI DN 25 E DN 19 CE BASIC LINE

NASPI DN 25 E DN 19 CE BASIC LINE NASPI DN 25 E DN 19 CE BASIC LINE Art. 80/A - Cassetta a parete a bordi arrotondati Basic Line e bobina in acciaio al carbonio, verniciate in poliestere rosso RAL 3000. Dim. cassetta mm H 650 x 700; profondità

Dettagli

PORTELLI PER RIVESTIMENTO IDRANTI A MURO E NASPI

PORTELLI PER RIVESTIMENTO IDRANTI A MURO E NASPI PORTELLI PER RIVESTIMENTO IDRANTI A MURO E NASPI Art. 715/A Portello uniform New Basic sigillabile per rivestimento idranti a muro Per installazione idranti a muro in nicchia - forma A secondo UNI EN 671-2

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO RISCALDAMENTO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare srl - Via Trieste n 21-60124 Ancona - tel 071 3580027 PROGETTO

Dettagli

CATALOGO LISTINO 2014

CATALOGO LISTINO 2014 CATALOGO LISTINO 2014 Articoli per antincendio INDICE 3 Lance certificate 66 Gruppi autopompa in linea 67 Gruppi autopompa di mandata 4 Naspi DN 25 CE 68 Gruppi autopompa e valvole di sicurezza 8 Naspi

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli Programma Operativo Interregionale

Dettagli

CITTA di TORINO DIREZIONE SERVIZI TECNICI PER L EDILIZIAPUBBLICA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA OGGETTO DEI LAVORI

CITTA di TORINO DIREZIONE SERVIZI TECNICI PER L EDILIZIAPUBBLICA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA OGGETTO DEI LAVORI Agg. 14.10.2014 CITTA di TORINO DIREZIONE SERVIZI TECNICI PER L EDILIZIAPUBBLICA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA via BAZZI n. 4 telefono 011/442.6260 telefax 011/442.6177 OGGETTO DEI LAVORI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

Reti Idranti Antincendio

Reti Idranti Antincendio Reti Idranti Antincendio Progettazione (installazione) collaudo e verifica alla luce dell edizione 2014 Ing. Luciano Nigro Rete Idranti Principale e più elementare presidio antincendio fisso Richiesta

Dettagli

RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO

RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO INDICE 1 PREMESSE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 GENERALITA SULL IMPIANTO... 6 4 CONDOTTE... 6 4.1 Rete idrica-antincendio ed allacciamenti secondari...

Dettagli

COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA ANDREA ARCHITETTO NADALINI COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA PROGETTO ESECUTIVO SCUOLA DI VIA DIAZ INTEGRAZIONE RETE IDRANTI MILANO

Dettagli

AREA FUNZIONALE TECNICA U.O. NUOVE OPERE Piazza Giovanni XXIII 51100 PISTOIA Telefono 0573/3521 352070 Fax 352059 E mail: e.tesi@usl3.toscana.

AREA FUNZIONALE TECNICA U.O. NUOVE OPERE Piazza Giovanni XXIII 51100 PISTOIA Telefono 0573/3521 352070 Fax 352059 E mail: e.tesi@usl3.toscana. Opere per adeguamento normativo ai fini della prevenzione incendi del fabbricato uso uffici e ambulatori dell Azienda Usl. 3 di Pistoia ubicato in viale Matteotti nc. 19 Pistoia di Progetto rete idrica

Dettagli

Argomento Idranti. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it

Argomento Idranti. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» Argomento Idranti Docente n.marotta@ing.unipi.it Impianti di protezione attiva antincendi Gli impianti di protezione

Dettagli

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO CITTÀ DI MELISSANO Provincia di Lecce RISTRUTTURAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELL'EDIFICIO SCOLASTICO "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - SCUOLA SECONDARIA I GRADO" DI VIA FELLINE - MELISSANO (LE) PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS

RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS Via della Madonna n 105, 51100 Pistoia Tel/fax 0573.977477 0573.25014 RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS S. Domenico ASP Via Colle dei Fabbri n 8 51017 Pescia (PT) Premessa di carattere generale La presente

Dettagli

Provincia di Torino Area Edilizia- Servizio Impianti Tecnologici e Gestione Energia. Impianti meccanici

Provincia di Torino Area Edilizia- Servizio Impianti Tecnologici e Gestione Energia. Impianti meccanici Impianti meccanici La presente relazione tecnica accompagna il progetto definitivo-esecutivo relativo ad interventi di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza da realizzarsi presso l IIS Gobetti

Dettagli

SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio

SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio Potente ed aggiornato strumento di progettazione di reti idranti e sprinkler secondo le norme UNI EN 12845, UNI 10779 e NFPA 13 - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

CATALOGO - LISTINO 2014 FIRE TRADE CATALOGO - LISTINO 2014

CATALOGO - LISTINO 2014 FIRE TRADE CATALOGO - LISTINO 2014 CATALOGO - LISTINO 2014 n t i n c e n d i o A i s t e m i S e r t i c o l i A FIRE TRADE LBL Sales & Promotion (FIRE TRADE) Via Cairoli, 5-20010 Cornaredo MI - Italy Tel.: + 39 02 93563681 - Fax: + 39

Dettagli

DIMENSIONAMENTO IMPIANTO ANTINCENDIO D.2

DIMENSIONAMENTO IMPIANTO ANTINCENDIO D.2 PROGETTAZIONE ESECUTIVA PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO MECCANICO E BIOLOGICO DELLA FRAZIONE RESIDUALE E DELLA FRAZIONE ORGANICA DEI RIFIUTI URBANI DA REALIZZARE

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70001730 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti a secco Progettazione, installazione ed esercizio Fire fighting equipment Dry pipe Fire Hydrant systems

Dettagli

EQUIPMENTS DE PULVERISATION D EAU ETUDE DE DIMENSIONNEMENT/IMPIANTO AD ACQUA NEBULIZZATA RELAZIONE DI CALCOLO

EQUIPMENTS DE PULVERISATION D EAU ETUDE DE DIMENSIONNEMENT/IMPIANTO AD ACQUA NEBULIZZATA RELAZIONE DI CALCOLO 1 INDICE 1 INDICE... 2 2 RESUME/RIASSUNTO... 3 3 DOCUMENTAZIONE APPLICABILE... 4 3.1 Norme funzionali... 4 3.2 Altri documenti di riferimento... 4 4 DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO... 5 4.1 Generalità...

Dettagli

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli.

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli. Relazione tecnica relativa alla realizzazione di autorimessa annessa a nuovo edificio di civile abitazione (DM 1 febbraio 1986 G.U. n. 38 del 15 febbraio 1986) 1.1 Classificazione Trattasi di autorimessa

Dettagli

ATTACCO DI MANDATA PER AUTOMPOMPA Pressione massima 1.2 MPa RETE

ATTACCO DI MANDATA PER AUTOMPOMPA Pressione massima 1.2 MPa RETE 2.3 TUBAZIONI PER IDRANTI E NASPI Le tubazioni flessibili antincendio saranno conformi alla UNI EN 14540 (DN 45) e alla UNI 9487 (DN 70). 2.4 ATTACCHI DI MANDATA PER AUTOPOMPA Ogni attacco per autopompa

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

TESTO COORDINATO E COMMENTATO EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE TESTO COORDINATO E COMMENTATO EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE D.M. 16 maggio 1987 n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) Legenda: - In corsivo

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

www.buildingthefuture.it

www.buildingthefuture.it Oggetto via Orly, n. 327 Campi Bisenzio Impianti di riscaldamento, condizionamento, idrico sanitario, adduzione EDIFICIO INDUSTRIALE Zona Lavori L'offerta comprende la fornitura e posa in opera di : A

Dettagli

Roma 27 Maggio 2009. Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI

Roma 27 Maggio 2009. Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI Forum di Prevenzione Incendi Roma 27 Maggio 2009 Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI 1 Parte I : Progettazione dei sistemi antincendio

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

INDICE. APPARECCHIATURE PER PROFESSIONISTI Pag. 3. LINEA RODI GIUGIARO DESIGN Pag. 4

INDICE. APPARECCHIATURE PER PROFESSIONISTI Pag. 3. LINEA RODI GIUGIARO DESIGN Pag. 4 INDICE APPARECCHIATURE PER PROFESSIONISTI Pag. 3 LINEA RODI GIUGIARO DESIGN Pag. 4 NASPI Naspi orientabili a parete con lastra Naspi orientabili da incasso con lastra Naspi orientabili a portello pieno

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO DELLA CENTRALE TERMICA E DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO "ALESSANDRO MANZONI" - PLESSO A. MANZONI ANALISI

Dettagli

CATEGORIE DI LAVORO RIFERITE. PREZZO UNITARIO [ ] N. Codice ALL'ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI U.M. Q.tà

CATEGORIE DI LAVORO RIFERITE. PREZZO UNITARIO [ ] N. Codice ALL'ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI U.M. Q.tà IMPIANTO ANTINCENDIO, DI ACCUMULO E PRESSURIZZAZIONE Fornitura e posa in opera di rete di idranti con sviluppo planimetrico come risulta dalle tavole di progetto allegate, da realizzarsi conformemente

Dettagli

INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI 2 GENERALITA SULL IMPIANTO. 2.1 Componenti dell impianto. 2.2 Tubazioni antincendio

INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI 2 GENERALITA SULL IMPIANTO. 2.1 Componenti dell impianto. 2.2 Tubazioni antincendio INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI 2 GENERALITA SULL IMPIANTO 2.1 Componenti dell impianto 2.2 Tubazioni antincendio 2.3 Attacchi per mandata per motopompa 2.4 Custodia delle bocche di incendio 2.5 Estintori

Dettagli

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Codice Sub Descrizione UNM Prezzo Sicurezza 16 IMPIANTI DI SICUREZZA 16.01 Impianti ed apparecchiature antincendio 16.01.001 Cassetta da

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI

CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI L'AZIENDA NASCE NEL 1990 SU INIZIATIVA DEI SOCI ARGIOLAS MARCO E DENACI ANTONIO ED È STATA LA PRIMA AZIENDA IN SARDEGNA AD OTTENERE LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ ISO 9001: 2000.

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Portate l/h. Perdite di carico lineari Pa/m. 54x2. 16,0 m/s. 14,0 m/s. 42x1,5. 12,0 m/s. 10,0 m/s. 35x1,5. 8,0 m/s. 6,0 m/s. 28x1,5. 5,0 m/s.

Portate l/h. Perdite di carico lineari Pa/m. 54x2. 16,0 m/s. 14,0 m/s. 42x1,5. 12,0 m/s. 10,0 m/s. 35x1,5. 8,0 m/s. 6,0 m/s. 28x1,5. 5,0 m/s. Portate l/h Appendice 1 Diagramma per la determinazione delle perdite di carico lineari OSSIGENO A 15 C Perdite di carico lineari Pa/m 3,0 m/s 4,0 m/s 54x2 5,0 m/s 42x1,5 6,0 m/s 35x1,5 28x1,5 8,0 m/s

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

53 - IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ANTINCENDIO

53 - IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ANTINCENDIO pag. 124 53 - IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ANTINCENDIO Nr. 780 S53.A10.001 Nr. 781 S53.A10.002 Nr. 782 S53.A10.004 Nr. 783 S53.A10.006 Nr. 784 S53.A10.009 Estintore portatile a polvere polivalente - Kg

Dettagli

PREZZO UNITARIO [ ] in cifre. Articolo CATEGORIE DI LAVORO RIFERITE ALL'ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI. PRODOTTO [ ] (quantità x prezzo) N.

PREZZO UNITARIO [ ] in cifre. Articolo CATEGORIE DI LAVORO RIFERITE ALL'ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI. PRODOTTO [ ] (quantità x prezzo) N. N. Codice U.M. Q.tà in cifre IMPIANTO ANTINCENDIO, DI ACCUMULO E PRESSURIZZAZIONE I.S.I.S. MOZZALI "SEZIONE E SEDE" Fornitura e posa in opera di rete di idranti con sviluppo planimetrico come risulta dalle

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI PROGETTO DEFINITIVO EX FILAN D A D I MALVAGLIO _ OFFICIN A D I CREATIVITÀ E CULTURA COMUN E D I ROBECHETTO CON IN D UN O (MI) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI Settembre 2010 Sommario PROGETTO

Dettagli

AGENZIA INPS DI GROSSETO - via Trento Installazione centrale termofrigorifera palazzina A

AGENZIA INPS DI GROSSETO - via Trento Installazione centrale termofrigorifera palazzina A quadro incidenza lavorazione OPERE DA IDRAULICO 1 Fornitura in opera di moduli a pompa di calore (tipo ROBUR RTAR 300-600) della potenzialità di kwf. 4,50 E kwc. 176,50 complessivi (n. 5 moduli), compreso

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO Adeguamento alle norme di sicurezza Scuola elementare Domenico Nardone Gravina in Puglia (BA) Il tecnico Ing. Vincenzo Grassi Indice 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DELLE

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Quesiti Impianti antincendio - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Quesiti Impianti antincendio - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno Quesiti Impianti antincendio v3 IMPIANTI ANTINCENDIO - RACCOLTA DI QUESITI E CHIARIMENTI Quesiti di prevenzione incendi relativi a dispositivi, impianti e sistemi antincendio in genere, Impianti idrici

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI GRANDI STAZIONI S.p.A. Via Giolitti, 34 00185 - Roma LAVORI- - Impianti Meccanici - Edificio 5 - Piano Terra - Opere Propedeutiche per riallocazione di terzi utilizzatori in sedi provvisorie o definitive.

Dettagli

COMUNE DIMESSINA AREA TECNICA DIPARTIMENTO MANUTf,NZIONE IMMOBILICOMUNALI

COMUNE DIMESSINA AREA TECNICA DIPARTIMENTO MANUTf,NZIONE IMMOBILICOMUNALI COMUNE DIMESSINA AREA TECNICA DIPARTIMENTO MANUTf,NZIONE IMMOBILICOMUNALI PROGETTO ESECUTIVO Adeguamento dei locali archivio degli uffici comunali ubicati nel Real Convitto Dante Alishrerl RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche FOGNATURA SANITARIO VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO RADIANTE ADDUZIONE RECUPERO Sistema Multistrato Fluxo Gas Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli