PROGETTO DEFINITIVO DEGLI IMPIANTI IDRICO SANITARI E ANTINCENDIO I LOTTO EDIFICI PIASTRA E STECCA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DEFINITIVO DEGLI IMPIANTI IDRICO SANITARI E ANTINCENDIO I LOTTO EDIFICI PIASTRA E STECCA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO"

Transcript

1 PROGETTO DEFINITIVO DEGLI IMPIANTI IDRICO SANITARI E ANTINCENDIO I LOTTO EDIFICI PIASTRA E STECCA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

2 INDICE 1. CONDIZIONI DI APPALTO OGGETTO DELLE OPERE DA ESEGUIRE INDIVIDUAZIONE DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE SITUAZIONE ESISTENTE RIFERIMENTI NORMATIVI ONERI A CARICO DELL IMPRESA GESTIONE DEI LAVORI CRITERI DI PROGETTAZIONE CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO DATI GENERALI DI PROGETTAZIONE DATI AMBIENTALI E METEOROLOGICI LIVELLO SONORO DATI SPECIFICI DI PROGETTAZIONE ACQUA DI UTILIZZO Ripartizione acque di utilizzo: Portate e pressioni acque di utilizzo Contemporaneità di esercizio acque di utilizzo Consumi e stoccaggi acque di utilizzo IMPIANTI DI SCARICO ACQUE USATE Ripartizione acque usate Caratteristiche acque usate Portate acque usate Contemporaneità di esercizio acque usate DESCRIZIONE E CONSISTENZA DEGLI IMPIANTI INDIVIDUAZIONE DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE MECCANICHE IMPIANTI ANTINCENDIO Impianto antincendio manuale ad acqua IMPIANTI IDRICO-SANITARI Impianto di alimentazione e distribuzione acqua fredda e calda sanitaria Impianto di alimentazione e distribuzione acqua fredda per cassette wc IMPIANTI DI ADDUZIONE GAS METANO IMPIANTI DI SCARICO ACQUE NERE E METEORICHE NORME TECNICHE DI ESECUZIONE PREMESSA TUBAZIONI TUBAZIONI IN ACCIAIO Tubazioni in acciaio zincato Zincatura Raccorderia TUBAZIONI IN ACCIAIO NERO Giunzioni, Derivazioni, Curve Flange Bulloni Curve Modalità di posa Supporti, sostegni, ancoraggi COLLETTORI TUBAZIONI IN RAME...17 Pag. 1 dell indice

3 Giunzioni, Derivazioni, Curve Cartelle Supporti, sostegni, ancoraggi TUBAZIONI IN POLIPROPILENE TUBI IN POLIETILENE A.D TUBAZIONI IN PVC RIVESTIMENTO COIBENTE DI TUBAZIONI FINITURE PER COIBENTAZIONI DI TUBAZIONI NELLE CENTRALI TECNOLOGICHE O IN VISTA FINITURE PER COIBENTAZIONI DI VALVOLE VALVOLE E SARACINESCHE COMPENSATORI DI DILATAZIONE APPARECCHIATURE PER LO SCARICO POZZETTO DI SOLLEVAMENTO ACQUE NERE POZZETTO DI SOLLEVAMENTO ACQUE METEORICHE APPARECCHI SANITARI, RUBINETTERIE VASO IGIENICO A SEDILE VASO IGIENICO PER PORTATORI DI HANDICAP CASSETTA DI SCARICO BIDET A PIANTA OVALE LAVABO IN PORCELLANA LAVABO PER PORTATORI DI HANDICAP DOCCIA IN GRÈS LAVELLO INOX DA CUCINA APPARECCHI ANTINCENDIO CASSETTE UNI ESTINTORI A POLVERE ESTINTORI A CO SEGNALETICA ATTACCO MOTOPOMPA VV.F IDRANTE SOPRASUOLO UNI MODALITÀ DI POSA E METODI DI LAVORAZIONE RETI IDRAULICHE Posa delle tubazioni Saldature Prova idraulica e lavaggio tubazioni Verniciatura antiruggine SCARICHI COMPENSAZIONE DELLE DILATAZIONI VERIFICHE E PROVE COLLAUDI FUNZIONALI DEGLI IMPIANTI COLLAUDI DEFINITIVI DEGLI IMPIANTI IMPIANTI DI ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE D ACQUA FREDDA E CALDA SANITARIA IMPIANTI E SISTEMI DI SCARICO DELLE ACQUE USATE BIOLOGICHE IMPIANTI E SISTEMI DI SCARICO DELLE ACQUE USATE METEORICHE.30 Pag. 2 dell indice

4 1. CONDIZIONI DI APPALTO 1.1 OGGETTO DELLE OPERE DA ESEGUIRE L appalto integrato delle opere comprende la progettazione esecutiva delle stesse, la fornitura in opera di tutti i materiali, e l esecuzione di tutti i lavori, la taratura e l avviamento per consegnare funzionanti e funzionali gli impianti idrico sanitari, antincendio, irrigazione e gas, necessari alla ristrutturazione e ampliamento dell ACC di Ciampino dell ENAV. L appalto è caratterizzato dalla realizzazione di due lotti costruttivi a completamento delle intere opere. Tali lotti funzionali riguardano la ristrutturazione e l ampliamento degli edifici denominati piastra, stecca, centro servizi e CRAV. La definizione delle opere da eseguire nei due lotti viene meglio descritta nel successivo paragrafo. Il complesso di edifici, è articolato in cinque corpi di fabbrica, in parte nuovi e in parte esistenti, situati a ridosso dell aeroporto di Ciampino, e così identificati: A : edificio Stecca esistente, da ampliare di un piano, e da ristrutturare; B : edificio Piastra esistente, da ristrutturare; C : edificio Centro Servizi (ex centrali) da ristrutturare e ampliare; D : edificio per ACC da ampliare con la sala conferenze, e da ristrutturare in piccola parte; E : parcheggi interrati di nuova realizzazione e zone esterne in genere. IN QUESTO PRIMO APPALTO ANDRANNO REALIZZATE LE OPERE INTERNE RELATIVE AGLI EDIFICI PIASTRA E STECCA, E QUELLE ESTERNE PER LE CONNESSIONI CON LE RETI ORIZZONTALI. 1.2 INDIVIDUAZIONE DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE La forma, le dimensioni, l orientamento e gli elementi tecnici e costruttivi dei fabbricati, risultano dai disegni e dagli elaborati del progetto architettonico che fanno parte integrante del progetto definitivo. Gli impianti, oltre che dal presente capitolato, sono descritti dagli elaborati grafici di cui al documento allegato. L oggetto della ristrutturazione ed ampliamento prevede sostanzialmente l intervento diviso nei rispettivi lotti sui seguenti edifici: I LOTTO a) Ristrutturazione edilizia e nuovi impianti tecnologici per l edificio piastra ( B ), composto da quattro piani fuori terra (uno dei quali parzialmente in appalto) e da un terrazzo di copertura ospitante la centrale tecnologica primaria; b) Ristrutturazione edilizia e nuovi impianti tecnologici per l edificio stecca ( A ), composto da due piani fuori terra ed un terrazzo di copertura; c) Realizzazione del Centro Servizi ( C ) e relativi impianti tecnologici, composto da due piani interrati destinati a parcheggi, un piano fuori terra in copertura parziale del piano parcheggi, destinato a mensa e cucina, e un piano copertura destinato ad ospitare la relativa centrale tecnologica; Pag. 1 di 30

5 d) Ristrutturazione dell edificio guardiania (nelle aree esterne) e relativi impianti tecnologici; e) Realizzazione di due piani interrati da adibire a parcheggi ( E ), sotto il piazzale di accesso; intervento da realizzarsi in due fasi distinte; f) Ristrutturazione interna della zona foresteria e relativo adeguamento funzionale degli impianti tecnologici, relativi agli alloggi del primo piano e degli uffici al terzo piano dell edificio CRAV ( D ). II LOTTO a) Sopraelevazione dell edificio stecca ( A ) per la creazione di un terzo piano fuori terra e nuovi impianti tecnologici; b) Realizzazione di una nuova sala conferenze, adiacente all edificio Stecca e relativi impianti tecnologici nell edificio CRAV ( D ); c) Realizzazione di una Nuova Hall adiacente all edificio Stecca e relativi impianti tecnologici; d) Completamento dell edificio servizi con incremento di superficie dei due piani adibiti a parcheggi, ampliamento del primo piano con variazione di destinazione d uso da cucina-mensa ad asilo-palestra, realizzazione di un nuovo piano adibito a cucina-mensa ed infine realizzazione di un secondo piano con copertura parziale rispetto il precedente, con ubicazione della centrale tecnologica relativa all intero nuovo fabbricato. e) Opere di smantellamento (o spostamento) di alcuni impianti realizzati per il I lotto, e non più necessari o in posizione tale da intralciare le nuove opere del II lotto. 1.3 SITUAZIONE ESISTENTE L intervento sarà realizzato in un complesso esistente, sede del centro regionale di assistenza al volo (CRAV) dell ENAV, attualmente operativo nell edificio D. Tale situazione deve essere tenuta in considerazione dall impresa nella realizzazione dell appalto, soprattutto negli interventi che interesseranno l edificio in questione, in quanto le attività condotte dal CRAV necessitano della massima sicurezza e continuità. L impresa aggiudicataria dovrà verificare con gli enti concessori la reale disponibilità di ogni forma di energia e/o servizio nelle caratteristiche ed ubicazioni funzionali al progetto esecutivo. Saranno pertanto a carico dell impresa aggiudicataria tutti gli oneri materiali, (professionali, amministrativi, legali, ecc.) per l effettuazione delle pratiche presso gli indicati uffici, anche se effettuate per nome e conto della committente, restando a carico della stessa solo i materiali pagamenti dei diritti dei richiamati enti. 1.4 RIFERIMENTI NORMATIVI L impianto oggetto dell Appalto ed i suoi componenti dovranno essere conformi in tutto alle prescrizioni delle leggi o dei regolamenti in vigore, o che siano emanati in corso d opera, in particolare: - legge 109/1994 e s.m.i. e relativo regolamento attuativo DPR 554/1999 e s.m.i.; - capitolato speciale d appalto per lavori pubblici; - legge n. 10/91 e relativi regolamenti e decreti attuativi; Pag. 2 di 30

6 - prescrizioni ISPESL (ex Ente Nazionale Prevenzione Infortuni ed ex A.N.C.C.); - norme UNI (unificazione Italiana); - norme CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano); - prescrizioni e raccomandazioni dei Vigili del Fuoco; - norme relative ai singoli componenti. 1.5 ONERI A CARICO DELL IMPRESA Sarà a carico dell'impresa appaltatrice, in quanto compreso nell importo dell appalto, qualunque onere per la realizzazione degli impianti nessuno escluso, in particolare: redazione del progetto esecutivo (nel caso di appalto integrato); redazione del piano particolareggiato delle procedure di sicurezza; redazione di una pianificazione della logistica del cantiere, indicando in una planimetria da far approvare dalla D.L. prima dell avvio dei lavori, la posizione e la composizione dei locali e delle zone di stoccaggio dei materiali, eventualmente articolati per fase di lavorazione; elaborazione di un cronoprogramma di dettaglio dei lavori, riportante le operazioni svolte da ogni singola squadra (due persone) di addetti, comprensiva dei tempi e delle modalità relative alle tarature e messe in esercizio degli impianti; fornitura a piè d opera di materiali a macchine; impiego di mano d opera specializzata ed in regola con le vigenti norme in materia di sicurezza e prevenzione infortuni; impiego delle attrezzature idonee ad una razionale esecuzione delle opere; mezzi d opera, attrezzature di cantiere; opere provvisionali ed assistenze murarie, intese come opere accessorie temporanee e definitive, necessarie alla realizzazione dei lavori (apertura e chiusura tracce per passaggio tubazioni e condotte all interno di pareti, fori passanti nelle pareti e nei solai, annegamento di controtubi, manicotti e controcondotte nei fori predisposti, sigillatura dei passaggi, realizzazione dei basamenti di appoggio delle apparecchiature, utilizzo, anche mediante noleggio, di trabattelli, ponteggi, piattaforme fisse, piattaforme idrauliche, gru, mezzi di trasporto e così via); realizzazione di nicchie e fori nelle pareti e nei solai per l'alloggiamento dei componenti degli impianti; pulizia e sgombero delle macerie e dei residui delle lavorazioni di competenza a fine di ogni giornata di lavoro in maniera da lasciare il cantiere in ordine ed esente da residui. redazione e produzione di particolari costruttivi o di montaggio o schematici su richiesta della D.L.; fornitura di schede tecniche delle apparecchiature per l approvazione preliminare da parte della D.L. in tempo utile per la loro eventuale sostituzione in caso di non gradimento della stessa; fornitura di mezzi, accorgimenti di installazione ed apparecchiature di contenimento per compensare le dilatazioni in tutte le reti dei fluidi e dei gas installate, compresa la redazione della documentazione di calcolo da sottoporre per l approvazione da parte della D.L. in tempo utile per una eventuale modifica in caso di non gradimento della stessa; magazzinaggio e guardiania in cantiere di materiali ed apparecchiature, anche di quelli forniti dalla Committenza; supervisione dei lavori di montaggio; prove e collaudi degli impianti in corso d opera e una volta ultimati; messa a punto, bilanciamento, taratura e messa in funzione degli impianti realizzati che saranno collaudati nel corso del loro regolare funzionamento. Pag. 3 di 30

7 redazione dei Manuali d uso e Manutenzione (consegna su supporto informatico e cartaceo); redazione dei disegni di progetto as-built (consegna su supporto informatico e cartaceo); istruzione del personale della Committenza nell uso e manutenzione degli impianti; redazione e rilascio delle certificazioni di conformità ex legge 46/90, complete degli allegati obbligatori e dei progetti; pulizia e sgombero, per il materiale di competenza, degli ambienti interessati dai lavori al termine dell intervento. L impresa assume la completa responsabilità per tutti i lavori eseguiti, nonché per le prestazioni ed il funzionamento delle apparecchiature utilizzate. Risponde inoltre completamente di eventuali danni provocati a persone o cose durante la realizzazione dei lavori, sollevando la Committenza di qualsiasi responsabilità in merito. 1.6 GESTIONE DEI LAVORI Per quanto riguarda la gestione dei lavori, dalla consegna al collaudo, si farà riferimento alle disposizioni dettate al riguardo dalla legge 109/1994 e dal regolamento attuativo 554/1999 e successive integrazioni e modificazioni, nonché al capitolato generale per gli appalti delle opere dipendenti dal Ministero dei Lavori Pubblici vigente all'atto dell'appalto. Tutti i lavori devono essere eseguiti secondo le migliori regola d arte e le prescrizioni della direzione, in modo che l impianto risponda perfettamente a tutte le condizioni stabilite nel Capitolato Speciale d Appalto e al progetto definitivo. L esecuzione dei lavori deve essere coordinata secondo le prescrizioni della Direzione dei Lavori e con le esigenze che possano sorgere dal contemporaneo eseguimento di opere affidate ad altre ditte. La Ditta assuntrice è pienamente responsabile degli eventuali danni arrecati, per fatto proprio e dei propri dipendenti, alle opere dell edificio. La Ditta assuntrice ha facoltà di svolgere l esecuzione dei lavori nei modi che riterrà più opportuni per darli finiti e completati a regola d arte nel termine contrattuale. La Direzione dei Lavori potrà però, a suo insindacabile giudizio, prescrivere un diverso ordine nella esecuzione dei lavori senza che per questo la ditta possa chiedere compensi od indennità di sorta. Al fine di permettere l organizzazione dei servizi di manutenzione, sarà onere della Ditta assuntrice la segnalazione di quelle parti dell impianto dovranno essere sottoposte a manutenzione preventiva, o eventualmente predittiva vista la destinazione d uso del complesso, ed a dare le informazioni necessarie, ad esempio il quando o quanto spesso, per effettuare quel tipo di intervento. Tali indicazioni andranno integrate con i manuali d uso e le sequenze di controllo delle apparecchiature, informazioni tecniche su pezzi di ricambio e accessori da acquisire dai fornitori, elaborati as-built e certificazioni di legge per formare, unitamente ai dati progettuali, il materiale basilare a disposizione del personale per qualsiasi tipo di intervento. Pag. 4 di 30

8 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE 2.1 CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO All interno degli elaborati richiesti dalla legge 109, dovranno essere riportate, in fase esecutiva, almeno i seguenti elementi: - schemature di dettaglio; - sketch funzionali particolareggiati; - schemi altimetrici delle reti idriche, di scarico e antincendio. 2.2 DATI GENERALI DI PROGETTAZIONE Vengono riportate nel seguito le grandezze principali che sono state prese a base della progettazione, sul cui rispetto e sulla cui conformità sono definite le prestazioni che gli impianti in oggetto dovranno fornire e che l impresa aggiudicataria si impegna ad assicurare con la sottoscrizione del contratto DATI AMBIENTALI E METEOROLOGICI Località: ROMA, CIAMPINO Piovosità Altezza di pioggia massima 120 mm Periodo di riferimento 1 h Prescrizioni acque meteoriche Raccolta acque prima pioggia Prescrizioni acque usate Acque nere: separate nel complesso da quelle meteoriche e confluenti nel fosso, previo trattamento tramite depurazione in conformità alla tabella A, sezione per effluenti, del regolamento specifico LIVELLO SONORO Il livello sonoro da rilevare negli ambienti dovrà rispettare i limiti indicati nella norma UNI 9182, capitolo 23. Indicativamente negli ambienti da proteggere, il livello di rumore durante il funzionamento degli impianti non deve superare il valore di 40 db (A). Sono ammessi valori più elevati, sino a 50 db (A), soltanto per rumori di durata molto breve, quali quelli generati da scarichi, flussometri, etc. Gli ambienti nei quali si deve verificare che i requisiti richiesti sono soddisfatti, sono tutti gli ambienti attigui ai servizi igienici ed alle centrali relative a detti impianti. 2.3 DATI SPECIFICI DI PROGETTAZIONE ACQUA DI UTILIZZO Ripartizione acque di utilizzo: Le acque di utilizzo del complesso edilizio saranno articolate secondo le seguenti tipologie: Acquedotto Acqua fredda potabile Acqua fredda non potabile Acqua calda Acqua trattata addolcita Pag. 5 di 30

9 Acqua per innaffiamento Acqua spegnimento incendi a idranti La tabella successiva indica per ogni acqua di utilizzo le sorgenti, tipologie e destinazioni: Sorgente Tipologia Destinazioni Acquedotto Acqua fredda potabile, previa Apparecchi sanitari con contatto acquautenti (escluso vasi); filtrazione generale Acqua addolcita per produzione acqua calda Rete consortile acqua industriale, Acqua di pozzo Acqua fredda non potabile, previa filtrazione generale sanitaria; Apparecchi sanitari senza contatto acquautenti (vasi, orinatoi); Irrigazione; Lavaggi industriali; Acqua addolcita tecnologica; Acqua fredda potabile Acqua addolcita sanitaria Produzione acqua calda sanitaria; Acqua calda sanitaria Acqua calda addolcita Apparecchi sanitari con contatto acquautenti, previo dosaggio ortopolifosfati; Rete ricircolo; Acqua fredda non potabile Acqua addolcita tecnologica Riempimento e reintegro impianti termofluidici, previo dosaggio poliammine filmanti; Portate e pressioni acque di utilizzo Le portate di acqua e le minime pressioni che l impianto dovrà garantire singolarmente agli apparecchi utilizzatori, secondo le norme UNI 9182 e le indicazioni di funzionamento dei costruttori sono: Apparecchiature sanitarie APPARECCHIO Pressione min kpa Portata l/s Lavabo 50 0,10 Lavabo disabili 50 0,10 Lavello cucina 50 0,20 Vaso con cassetta 50 0,10 Vaso disabili 50 0,10 Miscelatore termostatico disabili 50 0,10 Idrogetto pulizia vaso 150 0,05 Vaso con flussometro 150 1,50 Bidè 50 0,10 Vuotatoio con cassetta 50 0,15 Doccia 50 0,15 Vasca 50 0,20 Vuotatoio 50 0,15 Lavapiedi 50 0,15 Beverino 50 0,05 Orinatoio 50 0,10 Pilozzo lavastracci 50 0,15 Idrantino ø1/2" 100 0,40 Idrante ø3/4" 100 0,60 La pressione massima ammessa ad ogni rubinetteria e/o apparecchio sarà di 500 kpa, valore da ridurre puntualmente a 300 kpa in relazione ad eventuali precipue indicazioni del costruttore dell apparecchio. Pag. 6 di 30

10 Contemporaneità di esercizio acque di utilizzo Secondo norme UNI 9182 per edifici ad uso pubblico e collettivo, armonizzate con il progetto di norma Europea pren per la specifica destinazione Consumi e stoccaggi acque di utilizzo Si prevede una dotazione giornaliera complessiva e generalizzata di 50 l per persona, essendo un complesso con tipologia di lavoro paragonabile a quella di uffici IMPIANTI DI SCARICO ACQUE USATE Ripartizione acque usate Le acque usate di scarico e quelle meteoriche del complesso edilizio saranno articolate secondo le seguenti tipologie: Scarico acque meteoriche Scarico acque nere Scarico acque di cucina Ventilazione primaria, colonne e collettori Ventilazione secondaria, singole derivazioni Fognatura comunale Fognatura acque nere Fognatura acque meteoriche Pozzetto acque usate Pozzetto acque meteoriche Pozzetto di ispezione Le acque usate del complesso edilizio saranno articolate secondo le seguenti sorgenti, tipologie e destinazioni: Sorgente Tipologia Destinazioni Apparecchi sanitari usuali Scarico acque nere Punto di recapito alla fognatura. Scarico acque nere Scarico servizi igienici Depuratore ad ossidazione totale, quindi recapito al fosso previa clorazione. Scarico acque di cucina Scarico cucina Attestazione al pozzetto di separazione delle sostanze grasse. Drenaggio piazzali e parcheggi Scarico zone autorimesse Attestazione al pozzetto di separazione delle sostanze grasse e degli oli minerali. Scarichi addolcitori e demineralizzatori a scambio di resine Scarichi speciali Resine Neutralizzatore, successivo recapito nelle acque nere. Acque meteoriche Drenaggio acque meteoriche Punto di recapito comune alle acque nere, ovvero, corso d acqua superficiale Caratteristiche acque usate Le acque usate di scarico del complesso edilizio saranno recapitate nel depuratore comprensoriale, per essere successivamente avviate ad un vicino fosso con caratteristiche conformi alla tabella A delle leggi 319 e 615; Le acque meteoriche provenienti dai tetti saranno recapitate senza subire alcun trattamento; Le acque meteoriche provenienti dai piazzali subiranno un trattamento di scolmatura della prima pioggia che verrà inviata ad un pozzetto di separazione degli oli minerali, mentre la restante parte sarà convogliata con le acque meteoriche provenienti dai tetti direttamente al fosso. Pag. 7 di 30

11 Portate acque usate Le portate di acqua usata, espresse in l/s, di cui l impianto dovrà garantire singolarmente lo smaltimento dagli utilizzatori, secondo le norme UNI EN sono elencate nell apposito schema secondo i quattro tipi di sistema: - Sistema I: sistema di scarico con colonna unica e diramazioni di scarico riempite parzialmente - Sistema II: sistema di scarico con colonna unica e diramazioni di scarico di piccolo diametro - Sistema III: sistema di scarico con colonna unica e diramazioni di scarico riempite a piena sezione - Sistema IV: Sistema di scarico con colonne separate. Apparecchi sanitari APPARECCHIO Sistema I Sistema II Sistema III Sistema IV DU (l/s) DU (l/s) DU (l/s) DU (l/s) Lavabo, bidè 0,5 0,3 0,3 0,3 Doccia senza tappo 0,6 0,4 0,4 0,4 Doccia con tappo 0,8 0,5 1,3 0,5 Orinatoio a parete 0,2* 0,2* 0,2* 0,2* Vasca da bagno 0,8 0,6 1,3 0,5 Lavello da cucina 0,8 0,6 1,3 0,5 Lavastoviglie (domestica) 0,8 0,6 0,2 0,5 Lavatrice, carico max. 6 kg 0,8 0,6 0,6 0,5 Lavatrice, carico max. 12 kg 1,5 1,2 1,2 1,0 WC, capacità cassetta 4,0 l ** 1,8 ** ** WC, capacità cassetta 6,0 l 2,0 1,8 da 1,2 a 1,7*** 2,0 WC, capacità cassetta 7,5 l 2,0 1,8 da 1,4 a 1,8*** 2,0 WC, capacità cassetta 9,0 l 2,5 2,0 da 1,6 a 2,0*** 2,5 Pozzetto a terra DN50 0,8 0,9-0,6 Pozzetto a terra DN70 1,5 0,9-1,0 Pozzetto a terra DN100 2,0 1,2-1,3 * Per persona ** Non ammesso *** A seconda del tipo di cassetta (valido unicamente per WC a cacciata con cassetta e sifone - Non utilizzata o dati mancanti Le portate di acqua meteorica di cui l impianto dovrà garantire singolarmente lo smaltimento dai recettori sono determinate secondo l indice di piovosità del sito in esame Contemporaneità di esercizio acque usate Per lo scarico delle acque nere verranno utilizzati i coefficienti di frequenza secondo norme UNI EN a seconda della seguente utilizzazione: Utilizzo degli apparecchi Coefficiente di frequenza (K) Uso intermittente, per esempio in abitazioni, locande, uffici 0,5 Uso frequente, per esempio in ospedali, scuole, ristoranti, alberghi 0,7 Uso molto frequente, per esempio in bagni e/o docce pubbliche 1,0 Uso speciale, per esempio laboratori 1,2 Per lo scarico delle acque meteoriche verranno adottati i seguenti fattori di rischio come moltiplicatori dell are effettiva di copertura secondo norme UNI EN : SUPERFICIE Coefficiente di rischio (R) Cornicioni di gronda 1 Cornicioni di gronda situati in punti in cui la tracimazione dell acqua 1,5 causerebbe disagi particolari, per esempio sopra l ingresso di un Pag. 8 di 30

12 edificio pubblico Canali di gronda interni e nel caso in cui piogge straordinariamente abbondanti o ostruzioni del pluviale potrebbero provocare un infiltrazione d acqua all interno dell edificio Canali di gronda interni di edifici per i quali si richiede un grado di protezione eccezionale, per esempio: - ospedali/teatri - impianti di telecomunicazione - depositi di sostanze che danno origine a emissione tossiche o infiammabili se bagnate con acqua - edifici nei quali sono conservate opere d arte di valore eccezionale 2,0 3,0 Pag. 9 di 30

13 3. DESCRIZIONE E CONSISTENZA DEGLI IMPIANTI 3.1 INDIVIDUAZIONE DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE MECCANICHE Le opere meccaniche sono articolate nelle seguenti tipologie di impianti: - impianti antincendio; - impianti idrico-sanitari; - impianti di adduzione gas metano; - impianti di scarico acque nere e meteoriche; - impianti di depurazione acque IMPIANTI ANTINCENDIO Gli impianti antincendio sono concepiti in relazione alle specifiche esigenze dei luoghi e delle apparecchiature, pertanto sono finalizzati alla sicurezza del personale addetto e del pubblico e dimensionati con particolare riferimento alle vigenti norme UNI e ad altre normative autorevoli (NFPA). Gli impianti antincendio saranno costituiti dai seguenti principali elementi: - rete di distribuzione e di alimentazione degli impianti, interrata all esterno; - reti di distribuzione e di alimentazione degli idranti all interno dei fabbricati; Impianto antincendio manuale ad acqua L impianto antincendio è costituito generalmente, per ogni singolo edificio, da un sistema di colonne che, traendo origine da una rete interrata esterna di distribuzione ad anello in PEAD PN 16 NORMA UNI EN 12201, alimenta una serie di cassette antincendio UNI 45 in acciaio verniciato e con portello realizzato con telaio in acciaio e lastra trasparente in materiale plastico preformato per la rottura (safe crash), manichetta e lancia, secondo i criteri correnti (in prossimità delle vie d esodo) o comunque dove richiesto o prescritto dai VVF all interno dei fabbricati. Le colonne poste in cavedi saranno in acciaio zincato ed alimenteranno le cassette con stacco diretto o tramite diramazione passante nel controsoffitto sempre in acciao zincato. Le tubazioni saranno protette con una o più mani di antiruggine e strato finale in vernice di color rosso. Gli idranti, all interno dei fabbricati, saranno collegati ad una rete che farà capo a una riserva idrica esistente tale da consentire il funzionamento autonomo dell impianto con durata e contemporaneità richiesti dal D.M. Int. 18/09/2002. Ove previsto verranno posizionati degli estintori a polvere di tipo omologato 21, 89BC da 6 kg completi di relativa segnaletica mentre, a protezione delle apparecchiature elettriche verranno installati estintori ad anidride carbonica. Pag. 10 di 30

14 3.1.2 IMPIANTI IDRICO-SANITARI Gli impianti idrico-sanitari saranno concepiti in relazione ai distributivi architettonici, alle specifiche esigenze dei singoli luoghi e saranno dimensionati con particolare riferimento alle vigenti normative UNI. Gli impianti idrico-sanitari sono costituiti dai seguenti principali elementi: - impianto di alimentazione e distribuzione acqua fredda e calda sanitaria; - impianto di alimentazione e distribuzione acqua fredda per cassette wc; Impianto di alimentazione e distribuzione acqua fredda e calda sanitaria L impianto sarà essenzialmente costituito da un sistema di alimentazione dell acqua proveniente dall acquedotto e da un sistema di produzione di acqua calda. La distribuzione dell acqua fredda, all esterno dei fabbricati, avverrà mediante tubazioni in Polietilene ad alta densità PN10 interrate per il tratto di collegamento tra il contatore generale e gli ingressi agli edifici, dopodiché, tramite tubazioni in acciaio zincato a norma UNI EN serie media adeguatamente coibentate (vedi tabelle relative), verranno alimentati i servizi igienici, la cucina, i lavaggi, ecc. Le tubazioni in acciaio zincato si attesteranno su valvole di intercettazione a cappuccio cromato per ogni servizio (o gruppi di servizi) o intercettazioni a sfera nel caso della cucina. Dalle intercettazioni sopra descritte, si dirameranno le microschemature delle varie utenze realizzate con tubazioni in multistrato anch esse adeguatamente coibentate. Verranno installate tubazioni, in conformità a quanto specificato precedentemente, anche per il circuito di ricircolo dell acqua calda sanitaria. Il sistema di produzione di acqua calda sarà costituito da: - un addolcitore a scambio ionico; - uno o più serbatoi di stoccaggio con pompe di circolazione e scambiatore di calore alimentato dal circuito di acqua calda; - valvola miscelatrice per l immissione in rete a temperatura controllata; - pompa di ricircolo. Sono comprese le forniture e le installazione degli apparecchi sanitari ordinari. Gli interventi di cui alla presente relazione constano nella fornitura e posa di: - tubazioni di adduzione per acqua fredda, calda e ricircolo, colone e diramazioni interne agli edifici ; - le schemature interne dei servizi; - organi di intercettazione sulle reti ed interne ai fabbricati; - la coibentazione di tutte le tubazioni secondo norma (colonne,diramazioni schemature, valvolame, ecc.) Impianto di alimentazione e distribuzione acqua fredda per cassette wc L impianto sarà in tutto e per tutto conforme all impianto descritto nel precedente paragrafo, con tubazioni, isolamenti, ecc. identici all impianto di alimentazione acqua sanitaria. Le cassette di scarico acqua dei wc saranno alimentate con acqua di tipo non potabile, o proveniente dal pozzo, mediante tubazioni facenti parte di un circuito dedicato a questa tipologia di utenza. Gli interventi di cui alla presente relazione constano nella fornitura e posa di: - tubazioni di adduzione per acqua fredda, diramazioni interne agli edifici ; - le shemature interne dei servizi; - organi di intercettazione sulle reti ed interne ai fabbricati; Pag. 11 di 30

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti tecnici Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti idrici Requisiti - Coibentazione: riferimento ai requisiti di legge per le tubazioni di acqua calda; - Protezione dalla condensa; - Protezione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE IMPIANTO FOGNARIO ACQUE NERE E BIANCHE 1. Oggetto La presente relazione riguarda l impianto di smaltimento delle acque bianche

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Sommario PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Tipologie d impianto... 4 1 - Impianto riscaldamento a pannelli

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

www.buildingthefuture.it

www.buildingthefuture.it Oggetto via Orly, n. 327 Campi Bisenzio Impianti di riscaldamento, condizionamento, idrico sanitario, adduzione EDIFICIO INDUSTRIALE Zona Lavori L'offerta comprende la fornitura e posa in opera di : A

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO Comune di Offida Lavori di: Legge 27 dicembre 2002 n. 289, art. 21 comma 80 PIANO STRAORDINARIO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Delibera CIPE n. 143/2006 di approvazione del II programma

Dettagli

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO I AGGIORNAMENTO 14/12/2013 GENERALITÀ L impianto idrico-sanitario comprende:

Dettagli

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO REALIZZAZIONE DEL NUOVO MAGAZZINO COMUNALE IN REGIONE DENTE RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA E CALCOLI ESECUTIVI (articolo 37 e 39 del Decreto

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE Elenco dei Corpi d'opera 03 OPERE IMPIANTISTICHE Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE Unità tecnologiche 01 Impianto riscaldamento 02 Impianto smaltimento acque usate e meteoriche 03 Impianto antincendio

Dettagli

Formazione 2013. Progettare un bagno. Facoltà Architettura Firenze 23.05.2013

Formazione 2013. Progettare un bagno. Facoltà Architettura Firenze 23.05.2013 Formazione 2013 Progettare un bagno Facoltà Architettura Firenze 23.05.2013 Un Gruppo internazionale Progettare un bagno Corso Progettare un bagno Corso Geberit Marketing e Distribuzione In Italia da

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata Premessa La presente relazione specialistica riguarda la progettazione dell impianto idrico-fognante a servizio di un centro comunale per la raccolta differenziata (CCR) dei rifiuti solidi urbani ed assimilati

Dettagli

IMPIANTI IDROSANITARI ED ANTINCENDIO

IMPIANTI IDROSANITARI ED ANTINCENDIO CAPITOLO 17 IMPIANTI IDROSANITARI ED ANTINCENDIO CODICE DESCRIZIONE DELL ARTICOLO UNITA DI MISURA PREZZO IN EURO 17.1 17.1.1 17.1.2 17.1.3 17.1.4 17.1.5 17.1.6 Fornitura di vasca da bagno sul luogo di

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO RISCALDAMENTO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare srl - Via Trieste n 21-60124 Ancona - tel 071 3580027 PROGETTO

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI PROGETTO DEFINITIVO EX FILAN D A D I MALVAGLIO _ OFFICIN A D I CREATIVITÀ E CULTURA COMUN E D I ROBECHETTO CON IN D UN O (MI) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI Settembre 2010 Sommario PROGETTO

Dettagli

REGIONE PIEMONTE. Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO

REGIONE PIEMONTE. Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO REGIONE PIEMONTE Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO REALIZZAZIONE DI IMPIANTO FOTOVOLTAICO ED ADEGUAMENTO CUCINA PRESSO L'EDIFICIO DENOMINATO "EX MERCATO COPERTO" COMMITTENTI: PROGETTO ESECUTIVO COMUNE

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Provincia di Milano RISTRUTTURAZIONE VILLA BESOZZI Piazza Manzoni, 2 Proprietà: ASF & Servizi alla Persona - Carugate Rif. COMPUTO METRICO Unità di misura Quantità Prezzo Un.

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI GRANDI STAZIONI S.p.A. Via Giolitti, 34 00185 - Roma LAVORI- - Impianti Meccanici - Edificio 5 - Piano Terra - Opere Propedeutiche per riallocazione di terzi utilizzatori in sedi provvisorie o definitive.

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

Auchan Bussolengo Ampliamento Progetto di ampliamento dell Auchan di Bussolengo (VR) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI

Auchan Bussolengo Ampliamento Progetto di ampliamento dell Auchan di Bussolengo (VR) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI INDICE 1 OGGETTO 3 2 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO PER GLI IMPIANTI E I COMPONENTI 4 3 RIEPILOGO DEGLI IMPIANTI PREVISTI 8 4 DATI GENERALI 8 4.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO OGGETTO DELL INTERVENTO...8 5

Dettagli

IMPIANTI IDRICO-SANITARI

IMPIANTI IDRICO-SANITARI IMPIANTI IDRICO-SANITARI 1 Un impianto idrico-sanitario ha il compito di addurre e distribuire l acqua fredda e/o calda alle utenze e di allontanare la stessa una volta usata. E composto essenzialmente

Dettagli

LISTINO DEI PREZZI DELLE OPERE IMPIANTISTICHE IN PROVINCIA DI BIELLA

LISTINO DEI PREZZI DELLE OPERE IMPIANTISTICHE IN PROVINCIA DI BIELLA Supplemento al Listino dei prezzi all ingrosso dei materiali da costruzione LISTINO DEI DELLE OPERE IMPIANTISTICHE IN PROVINCIA DI BIELLA N 1/2002 1 semestre AVVERTENZE I prezzi riportati nel presente

Dettagli

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9 SOMMARIO... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 1.3 Caratteristiche generali dell impianto e prestazioni garantite... 2 1.4 Caratteristiche generali della rete.... 5 1.5 Progettazione ed

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa pag. 1 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OGGETTO: COMMITTENTE: Recupero e ristrutturazione del campo sportivo posto in via Garibaldi a Pomarance Stralcio n. 2 : "Installazione

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti meccanici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO DELLA CENTRALE TERMICA E DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO "ALESSANDRO MANZONI" - PLESSO A. MANZONI ANALISI

Dettagli

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche FOGNATURA SANITARIO VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO RADIANTE ADDUZIONE RECUPERO Sistema Multistrato Fluxo Gas Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Relazione impianto idrico - fognario

Relazione impianto idrico - fognario COMUNE DI LEVERANO PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA INTEGRATO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FSC - FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DI CELLULE ABITATIVE DI

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

. Pagina 20. P R E Z Z O Euro D E S C R I Z I O N E D E L L ' A N A L I S I

. Pagina 20. P R E Z Z O Euro D E S C R I Z I O N E D E L L ' A N A L I S I . Pagina 20 D1.02.001.02 Fornitura e Posa in Opera di sanitario ergonometrico monoblocco con scarico a pavimento, con cassetta a zaino di colore bianco 57x38, completo di fissaggi e curva tecnica. Sono

Dettagli

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE IN GAS IN GAS Rubinetto a sfera per gas da incasso VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE DADI DI FISSAGGIO SEDI LATERALI CODOLI PER SALDATURA O-RINGS GUARNIZIONI METALLICHE ROSONE DI COPERTURA LEVA VITI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO Il gas metano sarà addotto, per ogni piano, con tubazione come le tavole allegate mostrano esterne al fabbricato e ad esso ancorate a vista. La rete principale sarà

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I...

PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I... CAPITOLATO SPECIALE PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I.... 1 1.1.1) TIPO DI IMPIANTO... 1 1.1.2) UBICAZIONE

Dettagli

ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto)

ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto) ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO NEGLI IMMOBILI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE ELENCO PREZZI UNITARI

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO 1. TERMINOLOGIA RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Idrante antincendio: apparecchiatura antincendio dotata di un attacco unificato, di valvola di intercettazione ad apertura manuale e collegato ad una

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale zaccari. Progetto Esecutivo. Capitolato tecnico impianti

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale zaccari. Progetto Esecutivo. Capitolato tecnico impianti Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Codice Sub Descrizione UNM Prezzo Sicurezza 13 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, DI CONDIZIONAMENTO, DI VENTILAZIONE 13.01 Prezzi a corpo di impianti

Dettagli

Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita

Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita IN GAS DOPPIO IN GAS DOPPIO Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita VALVOLA A SFERA CW 617 N UNI EN 5-4 CESTELLO DI ISPEZIONE Plastica DADI DI FISSAGGIO CW 6 N UNI EN 4 SEDI LATERALI P.T.F.E.

Dettagli

Codice Codice Fornitore Descrizione u.m Prezzo

Codice Codice Fornitore Descrizione u.m Prezzo VALVOLA DI SICUREZZA QUALIFICATA E TARATA (527) CALE0001 527430 VALVOLA DI SICUREZZA 3 BAR 1/2 F. x 3/4 F. PZ 53,550 CALE0120 527460 VALVOLA DI SICUREZZA 6 BAR 1/2 F. x 3/4 F. PZ 53,550 CALE0002 527530

Dettagli

Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme

Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme MANUALE D'USO 1 Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme degli elementi di raccolta, convogliamento,

Dettagli

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI Tutti i materiali, le apparecchiature, di seguito elencati, si intendono dati in opera con ogni lavorazione, con la sola esclusione delle opere in muratura

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE)

10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE) 10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE) Per la determinazione delle portate massime contemporanee, necessarie per il dimensionamento delle reti

Dettagli

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione Scopo La presente norma ha lo scopo di fissare i criteri per la progettazione,

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO. (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE A.

COMUNE DI LIZZANO. (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE A. COMUNE DI LIZZANO (Provincia di Taranto) Progetto di ristrutturazione edilizia per la realizzazione di una casa alloggio PROGETTO ETNICAMENTE PROGETTO ARCHITETTONICO: ARCH. Vincenzo La Gioia PROGETTO IMPIANTI:

Dettagli

ATTACCO FLESSIBILE Trecciatura in Similinox a 7 fili. Pressione di esercizio 10 bar. Passaggio acqua ø 7 mm. Temperatura max. 100 C.

ATTACCO FLESSIBILE Trecciatura in Similinox a 7 fili. Pressione di esercizio 10 bar. Passaggio acqua ø 7 mm. Temperatura max. 100 C. 6 TUBI FLESSIBILI ANTIVIBRANTI Adatti per acqua liquidi e non corrosivi. Costruiti con tubo di gomma a base EPDM ricoperto con maglia di filo di acciaio zincato. Raccordi in acciaio zincato bloccati con

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA

SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Aprile 2005 Sommario 1. Prescrizioni tecniche per la realizzazione del collettamento dei sistemi privati

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEI LAVORI DI RIFACIMENTO IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELLA PALAZZINA SPOGLIATOI BAR TENNIS MODULO DELL OFFERTA

PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEI LAVORI DI RIFACIMENTO IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELLA PALAZZINA SPOGLIATOI BAR TENNIS MODULO DELL OFFERTA COMUNE DI BARZIO PROVINCIA DI LECCO VIA A. MANZONI,12-23816 BARZIO Tel. 0341996125 - Fax 0341999161 E-mail: ufficiotecnico@comune.barzio.lc.it amministrativoufficiotecnico@comune.barzio.lc.it ALLEGATO

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI Sommario 1 PREMESSE... 2 2 IMPIANTO DI RISCALDAMENTO... 2 2.1 Descrizione generale dell impianto... 2 2.2 Rete di distribuzione acqua calda... 3 2.3 Regolazione... 3 3 IMPIANTO IDRICO SANITARIO E FOGNATE...

Dettagli

Supporti per impianti tecnologici

Supporti per impianti tecnologici Schede Tecniche MT 00/00 Supporti per impianti tecnologici Telaio di supporto WC sospeso MT 00 Telaio di supporto lavabo MT 0 Telaio di supporto bidet sospeso MT 0 Traversa per soffione doccia MT 00 Telaio

Dettagli

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124 Tubi e raccordi in ghisa sferoidale per acquedotti norma EN 545 CLASSE K9 e per fognature norma EN 598 CLASSE K9 - prodotti da azienda certificata ISO 9001 DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1988 REVISIONE DAL 1994 COMUNE DI VIGGIANO Periodo di validità: I corrispettivi indicati nel

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL UNITA IMMOBILIARE SITA IN OLGINATE, VIA RONCO PRADERIGO 12_ FG, 3 MAPP.174, SUB 40

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL UNITA IMMOBILIARE SITA IN OLGINATE, VIA RONCO PRADERIGO 12_ FG, 3 MAPP.174, SUB 40 COMMITTENTE: ASSOCIAZIONE ONLUS L ALTRA META DEL CIELO TELEFONO DONNA DI MERATE Via S. Ambrogio, 17 23807 MERATE C.F.94027160137 Comune di Olginate Provincia di Lecco OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

POSA IN OPERA DI TUBAZIONI, PEZZI SPECIALI ED APPARECCHIATURE IDRAULICHE

POSA IN OPERA DI TUBAZIONI, PEZZI SPECIALI ED APPARECCHIATURE IDRAULICHE POSA IN OPERA DI TUBAZIONI, PEZZI SPECIALI ED APPARECCHIATURE IDRAULICHE N 01 Posa in opera di tubi in ghisa sferoidale di qualsiasi lunghezza, e di pezzi speciali di qualsiasi genere, con giunto elastico

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

SERBATOI PER IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

SERBATOI PER IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO SERBATOI PER IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 INDICE - Caratteristiche funzionali - costruttive. Pag. 4 - Caratteristiche tecniche coibentazioni. Pag. 5 - Caratteristiche dimensionali. Pag. 6 - Dimensionamento

Dettagli

REGIONE CAMPANIA IMPIANTI TECNOLOGICI

REGIONE CAMPANIA IMPIANTI TECNOLOGICI REGIONE CAMPANIA IMPIANTI TECNOLOGICI CAPITOLO N 1 Impianti idrico sanitari AVVERTENZE I prezzi riportati nel presente capitolo comprendono e compensano gli assistenza di tutti gli impianti e prevedono

Dettagli

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 1 di 8 Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 2 di 8 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente capitolato disciplina la fornitura di tubazioni in acciaio per la costruzione delle reti ed allacci

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2. 3. Tipologia dell impianto pag. 3

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2. 3. Tipologia dell impianto pag. 3 INDICE 1. Premessa pag. 2 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2 3. Tipologia dell impianto pag. 3 3.1 Descrizione generale dell impianto di un appartamento tipo pag. 4 3.2 Caratteristiche tecniche

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IMPIANTI IDRICI-IGIENICO-SANITARI

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IMPIANTI IDRICI-IGIENICO-SANITARI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IMPIANTI IDRICI-IGIENICO-SANITARI INDICE 1. CARATTERISTICHE TECNICHE...3 1.1. SISTEMI PER LA SOMMINISTRAZIONE DELL'ACQUA...3 1.2. RISERVA IDRICA...3 1.3. IMPIANTO DI

Dettagli

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO 4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Dichiarazione di conformità n Committente Punto di riconsegna (PDR) (1) Impresa / Ditta Responsabile Tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

08/04/2014. Gli scarichi idrici

08/04/2014. Gli scarichi idrici Gli scarichi idrici A seconda della loro origine, le acque di scarico domestiche possono essere: acque nere, quelle provenienti dai servizi igienici; acque grigie, quelle provenienti da lavandini, docce

Dettagli

COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA ANDREA ARCHITETTO NADALINI COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA PROGETTO ESECUTIVO SCUOLA DI VIA DIAZ INTEGRAZIONE RETE IDRANTI MILANO

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008 Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*)=............

Dettagli

I N D I C E GENERALITÀ... 2

I N D I C E GENERALITÀ... 2 INDICE 1. GENERALITÀ... 2 1.1 PREMESSA... 2 1.2 OGGETTO DEI LAVORI... 2 1.3 NORME E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 3 1.4 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 5 1.5 PROVE E VERIFICHE SUGLI... 5 1.6 DOCUMENTAZIONE

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

1 321/000000 info@iltubo.it 01234567890 Roma n. 181251 RM 54874

1 321/000000 info@iltubo.it 01234567890 Roma n. 181251 RM 54874 Allegato I/40 ATTESTAZIONE DI CORRETTA ESECUZIONE DELL'IMPIANTO (rilasciata ai sensi della Deliberazione n. 40/2014/R/gas dell Autorità per l Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico) Sezione da compilarsi

Dettagli

OGGETTO E SCOPO DELL OPERA...

OGGETTO E SCOPO DELL OPERA... Sommario 1. OGGETTO E SCOPO DELL OPERA... 2 2. RETE DI DISTRIBUZIONE TERMO FLUIDICA... 2 3. RETE ADDUZIONE ACQUA SANITARIA... 5 4. RETE DI DISTRIBUZIONE AERAULICA... 14 1 1. OGGETTO E SCOPO DELL OPERA

Dettagli

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA Modulo predisposto dal CIG ESEMPIO DI COMPILAZIONE L esempio di compilazione degli allegati tecnici secondo il nuovo modulo predisposto dal CIG e dall

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Foglio n... Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*) =.

Dettagli

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o.

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o. I IDRICO SANITARIO I.01 IMPIANTI E SANITARI I.01.10 IMPIANTI DI CARICO E SCARICO I.01.10.10 Allaccio di apparecchi igienico-sanitari con alimentazione a linea continua, fornito e posto in opera all'interno

Dettagli

Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano

Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano Tutti i contatori per gas combustibile sono strumenti di misura di precisionee pertanto vanno movimentati con le dovute cautele, sia durante le

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROVINCIA DI TRENTO OPERE DA TERMOIDRAULICO COMUNE DI LASINO. COMUNE DI LASINO Lasino (Trento) OGGETTO:

RELAZIONE TECNICA PROVINCIA DI TRENTO OPERE DA TERMOIDRAULICO COMUNE DI LASINO. COMUNE DI LASINO Lasino (Trento) OGGETTO: COMUNE DI LASINO PROVINCIA DI TRENTO RELAZIONE TECNICA OPERE DA TERMOIDRAULICO OGGETTO: SOSTITUZIONE GENERATORI DI CALORE E TRASFORMAZIONE ALIMENTAZIONE COMBUSTIBILE DA GASOLIO A GAS METANO PER MUNICIPIO

Dettagli

Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. )

Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. ) MARCA DA BOLLO Spett.le I.S.P.E.S.L. DIPARTIMENTO DI. via via cap. città Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. ) Il sottoscritto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Gestore del Servizio Idrico Integrato all interno dell Ambito Territoriale n. 2 Marche Centro Ancona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Fognatura e Depurazione ALLEGATO N. 3/A Prescrizioni

Dettagli