PROGETTO DEFINITIVO DEGLI IMPIANTI IDRICO SANITARI E ANTINCENDIO I LOTTO EDIFICI PIASTRA E STECCA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DEFINITIVO DEGLI IMPIANTI IDRICO SANITARI E ANTINCENDIO I LOTTO EDIFICI PIASTRA E STECCA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO"

Transcript

1 PROGETTO DEFINITIVO DEGLI IMPIANTI IDRICO SANITARI E ANTINCENDIO I LOTTO EDIFICI PIASTRA E STECCA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

2 INDICE 1. CONDIZIONI DI APPALTO OGGETTO DELLE OPERE DA ESEGUIRE INDIVIDUAZIONE DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE SITUAZIONE ESISTENTE RIFERIMENTI NORMATIVI ONERI A CARICO DELL IMPRESA GESTIONE DEI LAVORI CRITERI DI PROGETTAZIONE CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO DATI GENERALI DI PROGETTAZIONE DATI AMBIENTALI E METEOROLOGICI LIVELLO SONORO DATI SPECIFICI DI PROGETTAZIONE ACQUA DI UTILIZZO Ripartizione acque di utilizzo: Portate e pressioni acque di utilizzo Contemporaneità di esercizio acque di utilizzo Consumi e stoccaggi acque di utilizzo IMPIANTI DI SCARICO ACQUE USATE Ripartizione acque usate Caratteristiche acque usate Portate acque usate Contemporaneità di esercizio acque usate DESCRIZIONE E CONSISTENZA DEGLI IMPIANTI INDIVIDUAZIONE DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE MECCANICHE IMPIANTI ANTINCENDIO Impianto antincendio manuale ad acqua IMPIANTI IDRICO-SANITARI Impianto di alimentazione e distribuzione acqua fredda e calda sanitaria Impianto di alimentazione e distribuzione acqua fredda per cassette wc IMPIANTI DI ADDUZIONE GAS METANO IMPIANTI DI SCARICO ACQUE NERE E METEORICHE NORME TECNICHE DI ESECUZIONE PREMESSA TUBAZIONI TUBAZIONI IN ACCIAIO Tubazioni in acciaio zincato Zincatura Raccorderia TUBAZIONI IN ACCIAIO NERO Giunzioni, Derivazioni, Curve Flange Bulloni Curve Modalità di posa Supporti, sostegni, ancoraggi COLLETTORI TUBAZIONI IN RAME...17 Pag. 1 dell indice

3 Giunzioni, Derivazioni, Curve Cartelle Supporti, sostegni, ancoraggi TUBAZIONI IN POLIPROPILENE TUBI IN POLIETILENE A.D TUBAZIONI IN PVC RIVESTIMENTO COIBENTE DI TUBAZIONI FINITURE PER COIBENTAZIONI DI TUBAZIONI NELLE CENTRALI TECNOLOGICHE O IN VISTA FINITURE PER COIBENTAZIONI DI VALVOLE VALVOLE E SARACINESCHE COMPENSATORI DI DILATAZIONE APPARECCHIATURE PER LO SCARICO POZZETTO DI SOLLEVAMENTO ACQUE NERE POZZETTO DI SOLLEVAMENTO ACQUE METEORICHE APPARECCHI SANITARI, RUBINETTERIE VASO IGIENICO A SEDILE VASO IGIENICO PER PORTATORI DI HANDICAP CASSETTA DI SCARICO BIDET A PIANTA OVALE LAVABO IN PORCELLANA LAVABO PER PORTATORI DI HANDICAP DOCCIA IN GRÈS LAVELLO INOX DA CUCINA APPARECCHI ANTINCENDIO CASSETTE UNI ESTINTORI A POLVERE ESTINTORI A CO SEGNALETICA ATTACCO MOTOPOMPA VV.F IDRANTE SOPRASUOLO UNI MODALITÀ DI POSA E METODI DI LAVORAZIONE RETI IDRAULICHE Posa delle tubazioni Saldature Prova idraulica e lavaggio tubazioni Verniciatura antiruggine SCARICHI COMPENSAZIONE DELLE DILATAZIONI VERIFICHE E PROVE COLLAUDI FUNZIONALI DEGLI IMPIANTI COLLAUDI DEFINITIVI DEGLI IMPIANTI IMPIANTI DI ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE D ACQUA FREDDA E CALDA SANITARIA IMPIANTI E SISTEMI DI SCARICO DELLE ACQUE USATE BIOLOGICHE IMPIANTI E SISTEMI DI SCARICO DELLE ACQUE USATE METEORICHE.30 Pag. 2 dell indice

4 1. CONDIZIONI DI APPALTO 1.1 OGGETTO DELLE OPERE DA ESEGUIRE L appalto integrato delle opere comprende la progettazione esecutiva delle stesse, la fornitura in opera di tutti i materiali, e l esecuzione di tutti i lavori, la taratura e l avviamento per consegnare funzionanti e funzionali gli impianti idrico sanitari, antincendio, irrigazione e gas, necessari alla ristrutturazione e ampliamento dell ACC di Ciampino dell ENAV. L appalto è caratterizzato dalla realizzazione di due lotti costruttivi a completamento delle intere opere. Tali lotti funzionali riguardano la ristrutturazione e l ampliamento degli edifici denominati piastra, stecca, centro servizi e CRAV. La definizione delle opere da eseguire nei due lotti viene meglio descritta nel successivo paragrafo. Il complesso di edifici, è articolato in cinque corpi di fabbrica, in parte nuovi e in parte esistenti, situati a ridosso dell aeroporto di Ciampino, e così identificati: A : edificio Stecca esistente, da ampliare di un piano, e da ristrutturare; B : edificio Piastra esistente, da ristrutturare; C : edificio Centro Servizi (ex centrali) da ristrutturare e ampliare; D : edificio per ACC da ampliare con la sala conferenze, e da ristrutturare in piccola parte; E : parcheggi interrati di nuova realizzazione e zone esterne in genere. IN QUESTO PRIMO APPALTO ANDRANNO REALIZZATE LE OPERE INTERNE RELATIVE AGLI EDIFICI PIASTRA E STECCA, E QUELLE ESTERNE PER LE CONNESSIONI CON LE RETI ORIZZONTALI. 1.2 INDIVIDUAZIONE DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE La forma, le dimensioni, l orientamento e gli elementi tecnici e costruttivi dei fabbricati, risultano dai disegni e dagli elaborati del progetto architettonico che fanno parte integrante del progetto definitivo. Gli impianti, oltre che dal presente capitolato, sono descritti dagli elaborati grafici di cui al documento allegato. L oggetto della ristrutturazione ed ampliamento prevede sostanzialmente l intervento diviso nei rispettivi lotti sui seguenti edifici: I LOTTO a) Ristrutturazione edilizia e nuovi impianti tecnologici per l edificio piastra ( B ), composto da quattro piani fuori terra (uno dei quali parzialmente in appalto) e da un terrazzo di copertura ospitante la centrale tecnologica primaria; b) Ristrutturazione edilizia e nuovi impianti tecnologici per l edificio stecca ( A ), composto da due piani fuori terra ed un terrazzo di copertura; c) Realizzazione del Centro Servizi ( C ) e relativi impianti tecnologici, composto da due piani interrati destinati a parcheggi, un piano fuori terra in copertura parziale del piano parcheggi, destinato a mensa e cucina, e un piano copertura destinato ad ospitare la relativa centrale tecnologica; Pag. 1 di 30

5 d) Ristrutturazione dell edificio guardiania (nelle aree esterne) e relativi impianti tecnologici; e) Realizzazione di due piani interrati da adibire a parcheggi ( E ), sotto il piazzale di accesso; intervento da realizzarsi in due fasi distinte; f) Ristrutturazione interna della zona foresteria e relativo adeguamento funzionale degli impianti tecnologici, relativi agli alloggi del primo piano e degli uffici al terzo piano dell edificio CRAV ( D ). II LOTTO a) Sopraelevazione dell edificio stecca ( A ) per la creazione di un terzo piano fuori terra e nuovi impianti tecnologici; b) Realizzazione di una nuova sala conferenze, adiacente all edificio Stecca e relativi impianti tecnologici nell edificio CRAV ( D ); c) Realizzazione di una Nuova Hall adiacente all edificio Stecca e relativi impianti tecnologici; d) Completamento dell edificio servizi con incremento di superficie dei due piani adibiti a parcheggi, ampliamento del primo piano con variazione di destinazione d uso da cucina-mensa ad asilo-palestra, realizzazione di un nuovo piano adibito a cucina-mensa ed infine realizzazione di un secondo piano con copertura parziale rispetto il precedente, con ubicazione della centrale tecnologica relativa all intero nuovo fabbricato. e) Opere di smantellamento (o spostamento) di alcuni impianti realizzati per il I lotto, e non più necessari o in posizione tale da intralciare le nuove opere del II lotto. 1.3 SITUAZIONE ESISTENTE L intervento sarà realizzato in un complesso esistente, sede del centro regionale di assistenza al volo (CRAV) dell ENAV, attualmente operativo nell edificio D. Tale situazione deve essere tenuta in considerazione dall impresa nella realizzazione dell appalto, soprattutto negli interventi che interesseranno l edificio in questione, in quanto le attività condotte dal CRAV necessitano della massima sicurezza e continuità. L impresa aggiudicataria dovrà verificare con gli enti concessori la reale disponibilità di ogni forma di energia e/o servizio nelle caratteristiche ed ubicazioni funzionali al progetto esecutivo. Saranno pertanto a carico dell impresa aggiudicataria tutti gli oneri materiali, (professionali, amministrativi, legali, ecc.) per l effettuazione delle pratiche presso gli indicati uffici, anche se effettuate per nome e conto della committente, restando a carico della stessa solo i materiali pagamenti dei diritti dei richiamati enti. 1.4 RIFERIMENTI NORMATIVI L impianto oggetto dell Appalto ed i suoi componenti dovranno essere conformi in tutto alle prescrizioni delle leggi o dei regolamenti in vigore, o che siano emanati in corso d opera, in particolare: - legge 109/1994 e s.m.i. e relativo regolamento attuativo DPR 554/1999 e s.m.i.; - capitolato speciale d appalto per lavori pubblici; - legge n. 10/91 e relativi regolamenti e decreti attuativi; Pag. 2 di 30

6 - prescrizioni ISPESL (ex Ente Nazionale Prevenzione Infortuni ed ex A.N.C.C.); - norme UNI (unificazione Italiana); - norme CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano); - prescrizioni e raccomandazioni dei Vigili del Fuoco; - norme relative ai singoli componenti. 1.5 ONERI A CARICO DELL IMPRESA Sarà a carico dell'impresa appaltatrice, in quanto compreso nell importo dell appalto, qualunque onere per la realizzazione degli impianti nessuno escluso, in particolare: redazione del progetto esecutivo (nel caso di appalto integrato); redazione del piano particolareggiato delle procedure di sicurezza; redazione di una pianificazione della logistica del cantiere, indicando in una planimetria da far approvare dalla D.L. prima dell avvio dei lavori, la posizione e la composizione dei locali e delle zone di stoccaggio dei materiali, eventualmente articolati per fase di lavorazione; elaborazione di un cronoprogramma di dettaglio dei lavori, riportante le operazioni svolte da ogni singola squadra (due persone) di addetti, comprensiva dei tempi e delle modalità relative alle tarature e messe in esercizio degli impianti; fornitura a piè d opera di materiali a macchine; impiego di mano d opera specializzata ed in regola con le vigenti norme in materia di sicurezza e prevenzione infortuni; impiego delle attrezzature idonee ad una razionale esecuzione delle opere; mezzi d opera, attrezzature di cantiere; opere provvisionali ed assistenze murarie, intese come opere accessorie temporanee e definitive, necessarie alla realizzazione dei lavori (apertura e chiusura tracce per passaggio tubazioni e condotte all interno di pareti, fori passanti nelle pareti e nei solai, annegamento di controtubi, manicotti e controcondotte nei fori predisposti, sigillatura dei passaggi, realizzazione dei basamenti di appoggio delle apparecchiature, utilizzo, anche mediante noleggio, di trabattelli, ponteggi, piattaforme fisse, piattaforme idrauliche, gru, mezzi di trasporto e così via); realizzazione di nicchie e fori nelle pareti e nei solai per l'alloggiamento dei componenti degli impianti; pulizia e sgombero delle macerie e dei residui delle lavorazioni di competenza a fine di ogni giornata di lavoro in maniera da lasciare il cantiere in ordine ed esente da residui. redazione e produzione di particolari costruttivi o di montaggio o schematici su richiesta della D.L.; fornitura di schede tecniche delle apparecchiature per l approvazione preliminare da parte della D.L. in tempo utile per la loro eventuale sostituzione in caso di non gradimento della stessa; fornitura di mezzi, accorgimenti di installazione ed apparecchiature di contenimento per compensare le dilatazioni in tutte le reti dei fluidi e dei gas installate, compresa la redazione della documentazione di calcolo da sottoporre per l approvazione da parte della D.L. in tempo utile per una eventuale modifica in caso di non gradimento della stessa; magazzinaggio e guardiania in cantiere di materiali ed apparecchiature, anche di quelli forniti dalla Committenza; supervisione dei lavori di montaggio; prove e collaudi degli impianti in corso d opera e una volta ultimati; messa a punto, bilanciamento, taratura e messa in funzione degli impianti realizzati che saranno collaudati nel corso del loro regolare funzionamento. Pag. 3 di 30

7 redazione dei Manuali d uso e Manutenzione (consegna su supporto informatico e cartaceo); redazione dei disegni di progetto as-built (consegna su supporto informatico e cartaceo); istruzione del personale della Committenza nell uso e manutenzione degli impianti; redazione e rilascio delle certificazioni di conformità ex legge 46/90, complete degli allegati obbligatori e dei progetti; pulizia e sgombero, per il materiale di competenza, degli ambienti interessati dai lavori al termine dell intervento. L impresa assume la completa responsabilità per tutti i lavori eseguiti, nonché per le prestazioni ed il funzionamento delle apparecchiature utilizzate. Risponde inoltre completamente di eventuali danni provocati a persone o cose durante la realizzazione dei lavori, sollevando la Committenza di qualsiasi responsabilità in merito. 1.6 GESTIONE DEI LAVORI Per quanto riguarda la gestione dei lavori, dalla consegna al collaudo, si farà riferimento alle disposizioni dettate al riguardo dalla legge 109/1994 e dal regolamento attuativo 554/1999 e successive integrazioni e modificazioni, nonché al capitolato generale per gli appalti delle opere dipendenti dal Ministero dei Lavori Pubblici vigente all'atto dell'appalto. Tutti i lavori devono essere eseguiti secondo le migliori regola d arte e le prescrizioni della direzione, in modo che l impianto risponda perfettamente a tutte le condizioni stabilite nel Capitolato Speciale d Appalto e al progetto definitivo. L esecuzione dei lavori deve essere coordinata secondo le prescrizioni della Direzione dei Lavori e con le esigenze che possano sorgere dal contemporaneo eseguimento di opere affidate ad altre ditte. La Ditta assuntrice è pienamente responsabile degli eventuali danni arrecati, per fatto proprio e dei propri dipendenti, alle opere dell edificio. La Ditta assuntrice ha facoltà di svolgere l esecuzione dei lavori nei modi che riterrà più opportuni per darli finiti e completati a regola d arte nel termine contrattuale. La Direzione dei Lavori potrà però, a suo insindacabile giudizio, prescrivere un diverso ordine nella esecuzione dei lavori senza che per questo la ditta possa chiedere compensi od indennità di sorta. Al fine di permettere l organizzazione dei servizi di manutenzione, sarà onere della Ditta assuntrice la segnalazione di quelle parti dell impianto dovranno essere sottoposte a manutenzione preventiva, o eventualmente predittiva vista la destinazione d uso del complesso, ed a dare le informazioni necessarie, ad esempio il quando o quanto spesso, per effettuare quel tipo di intervento. Tali indicazioni andranno integrate con i manuali d uso e le sequenze di controllo delle apparecchiature, informazioni tecniche su pezzi di ricambio e accessori da acquisire dai fornitori, elaborati as-built e certificazioni di legge per formare, unitamente ai dati progettuali, il materiale basilare a disposizione del personale per qualsiasi tipo di intervento. Pag. 4 di 30

8 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE 2.1 CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO All interno degli elaborati richiesti dalla legge 109, dovranno essere riportate, in fase esecutiva, almeno i seguenti elementi: - schemature di dettaglio; - sketch funzionali particolareggiati; - schemi altimetrici delle reti idriche, di scarico e antincendio. 2.2 DATI GENERALI DI PROGETTAZIONE Vengono riportate nel seguito le grandezze principali che sono state prese a base della progettazione, sul cui rispetto e sulla cui conformità sono definite le prestazioni che gli impianti in oggetto dovranno fornire e che l impresa aggiudicataria si impegna ad assicurare con la sottoscrizione del contratto DATI AMBIENTALI E METEOROLOGICI Località: ROMA, CIAMPINO Piovosità Altezza di pioggia massima 120 mm Periodo di riferimento 1 h Prescrizioni acque meteoriche Raccolta acque prima pioggia Prescrizioni acque usate Acque nere: separate nel complesso da quelle meteoriche e confluenti nel fosso, previo trattamento tramite depurazione in conformità alla tabella A, sezione per effluenti, del regolamento specifico LIVELLO SONORO Il livello sonoro da rilevare negli ambienti dovrà rispettare i limiti indicati nella norma UNI 9182, capitolo 23. Indicativamente negli ambienti da proteggere, il livello di rumore durante il funzionamento degli impianti non deve superare il valore di 40 db (A). Sono ammessi valori più elevati, sino a 50 db (A), soltanto per rumori di durata molto breve, quali quelli generati da scarichi, flussometri, etc. Gli ambienti nei quali si deve verificare che i requisiti richiesti sono soddisfatti, sono tutti gli ambienti attigui ai servizi igienici ed alle centrali relative a detti impianti. 2.3 DATI SPECIFICI DI PROGETTAZIONE ACQUA DI UTILIZZO Ripartizione acque di utilizzo: Le acque di utilizzo del complesso edilizio saranno articolate secondo le seguenti tipologie: Acquedotto Acqua fredda potabile Acqua fredda non potabile Acqua calda Acqua trattata addolcita Pag. 5 di 30

9 Acqua per innaffiamento Acqua spegnimento incendi a idranti La tabella successiva indica per ogni acqua di utilizzo le sorgenti, tipologie e destinazioni: Sorgente Tipologia Destinazioni Acquedotto Acqua fredda potabile, previa Apparecchi sanitari con contatto acquautenti (escluso vasi); filtrazione generale Acqua addolcita per produzione acqua calda Rete consortile acqua industriale, Acqua di pozzo Acqua fredda non potabile, previa filtrazione generale sanitaria; Apparecchi sanitari senza contatto acquautenti (vasi, orinatoi); Irrigazione; Lavaggi industriali; Acqua addolcita tecnologica; Acqua fredda potabile Acqua addolcita sanitaria Produzione acqua calda sanitaria; Acqua calda sanitaria Acqua calda addolcita Apparecchi sanitari con contatto acquautenti, previo dosaggio ortopolifosfati; Rete ricircolo; Acqua fredda non potabile Acqua addolcita tecnologica Riempimento e reintegro impianti termofluidici, previo dosaggio poliammine filmanti; Portate e pressioni acque di utilizzo Le portate di acqua e le minime pressioni che l impianto dovrà garantire singolarmente agli apparecchi utilizzatori, secondo le norme UNI 9182 e le indicazioni di funzionamento dei costruttori sono: Apparecchiature sanitarie APPARECCHIO Pressione min kpa Portata l/s Lavabo 50 0,10 Lavabo disabili 50 0,10 Lavello cucina 50 0,20 Vaso con cassetta 50 0,10 Vaso disabili 50 0,10 Miscelatore termostatico disabili 50 0,10 Idrogetto pulizia vaso 150 0,05 Vaso con flussometro 150 1,50 Bidè 50 0,10 Vuotatoio con cassetta 50 0,15 Doccia 50 0,15 Vasca 50 0,20 Vuotatoio 50 0,15 Lavapiedi 50 0,15 Beverino 50 0,05 Orinatoio 50 0,10 Pilozzo lavastracci 50 0,15 Idrantino ø1/2" 100 0,40 Idrante ø3/4" 100 0,60 La pressione massima ammessa ad ogni rubinetteria e/o apparecchio sarà di 500 kpa, valore da ridurre puntualmente a 300 kpa in relazione ad eventuali precipue indicazioni del costruttore dell apparecchio. Pag. 6 di 30

10 Contemporaneità di esercizio acque di utilizzo Secondo norme UNI 9182 per edifici ad uso pubblico e collettivo, armonizzate con il progetto di norma Europea pren per la specifica destinazione Consumi e stoccaggi acque di utilizzo Si prevede una dotazione giornaliera complessiva e generalizzata di 50 l per persona, essendo un complesso con tipologia di lavoro paragonabile a quella di uffici IMPIANTI DI SCARICO ACQUE USATE Ripartizione acque usate Le acque usate di scarico e quelle meteoriche del complesso edilizio saranno articolate secondo le seguenti tipologie: Scarico acque meteoriche Scarico acque nere Scarico acque di cucina Ventilazione primaria, colonne e collettori Ventilazione secondaria, singole derivazioni Fognatura comunale Fognatura acque nere Fognatura acque meteoriche Pozzetto acque usate Pozzetto acque meteoriche Pozzetto di ispezione Le acque usate del complesso edilizio saranno articolate secondo le seguenti sorgenti, tipologie e destinazioni: Sorgente Tipologia Destinazioni Apparecchi sanitari usuali Scarico acque nere Punto di recapito alla fognatura. Scarico acque nere Scarico servizi igienici Depuratore ad ossidazione totale, quindi recapito al fosso previa clorazione. Scarico acque di cucina Scarico cucina Attestazione al pozzetto di separazione delle sostanze grasse. Drenaggio piazzali e parcheggi Scarico zone autorimesse Attestazione al pozzetto di separazione delle sostanze grasse e degli oli minerali. Scarichi addolcitori e demineralizzatori a scambio di resine Scarichi speciali Resine Neutralizzatore, successivo recapito nelle acque nere. Acque meteoriche Drenaggio acque meteoriche Punto di recapito comune alle acque nere, ovvero, corso d acqua superficiale Caratteristiche acque usate Le acque usate di scarico del complesso edilizio saranno recapitate nel depuratore comprensoriale, per essere successivamente avviate ad un vicino fosso con caratteristiche conformi alla tabella A delle leggi 319 e 615; Le acque meteoriche provenienti dai tetti saranno recapitate senza subire alcun trattamento; Le acque meteoriche provenienti dai piazzali subiranno un trattamento di scolmatura della prima pioggia che verrà inviata ad un pozzetto di separazione degli oli minerali, mentre la restante parte sarà convogliata con le acque meteoriche provenienti dai tetti direttamente al fosso. Pag. 7 di 30

11 Portate acque usate Le portate di acqua usata, espresse in l/s, di cui l impianto dovrà garantire singolarmente lo smaltimento dagli utilizzatori, secondo le norme UNI EN sono elencate nell apposito schema secondo i quattro tipi di sistema: - Sistema I: sistema di scarico con colonna unica e diramazioni di scarico riempite parzialmente - Sistema II: sistema di scarico con colonna unica e diramazioni di scarico di piccolo diametro - Sistema III: sistema di scarico con colonna unica e diramazioni di scarico riempite a piena sezione - Sistema IV: Sistema di scarico con colonne separate. Apparecchi sanitari APPARECCHIO Sistema I Sistema II Sistema III Sistema IV DU (l/s) DU (l/s) DU (l/s) DU (l/s) Lavabo, bidè 0,5 0,3 0,3 0,3 Doccia senza tappo 0,6 0,4 0,4 0,4 Doccia con tappo 0,8 0,5 1,3 0,5 Orinatoio a parete 0,2* 0,2* 0,2* 0,2* Vasca da bagno 0,8 0,6 1,3 0,5 Lavello da cucina 0,8 0,6 1,3 0,5 Lavastoviglie (domestica) 0,8 0,6 0,2 0,5 Lavatrice, carico max. 6 kg 0,8 0,6 0,6 0,5 Lavatrice, carico max. 12 kg 1,5 1,2 1,2 1,0 WC, capacità cassetta 4,0 l ** 1,8 ** ** WC, capacità cassetta 6,0 l 2,0 1,8 da 1,2 a 1,7*** 2,0 WC, capacità cassetta 7,5 l 2,0 1,8 da 1,4 a 1,8*** 2,0 WC, capacità cassetta 9,0 l 2,5 2,0 da 1,6 a 2,0*** 2,5 Pozzetto a terra DN50 0,8 0,9-0,6 Pozzetto a terra DN70 1,5 0,9-1,0 Pozzetto a terra DN100 2,0 1,2-1,3 * Per persona ** Non ammesso *** A seconda del tipo di cassetta (valido unicamente per WC a cacciata con cassetta e sifone - Non utilizzata o dati mancanti Le portate di acqua meteorica di cui l impianto dovrà garantire singolarmente lo smaltimento dai recettori sono determinate secondo l indice di piovosità del sito in esame Contemporaneità di esercizio acque usate Per lo scarico delle acque nere verranno utilizzati i coefficienti di frequenza secondo norme UNI EN a seconda della seguente utilizzazione: Utilizzo degli apparecchi Coefficiente di frequenza (K) Uso intermittente, per esempio in abitazioni, locande, uffici 0,5 Uso frequente, per esempio in ospedali, scuole, ristoranti, alberghi 0,7 Uso molto frequente, per esempio in bagni e/o docce pubbliche 1,0 Uso speciale, per esempio laboratori 1,2 Per lo scarico delle acque meteoriche verranno adottati i seguenti fattori di rischio come moltiplicatori dell are effettiva di copertura secondo norme UNI EN : SUPERFICIE Coefficiente di rischio (R) Cornicioni di gronda 1 Cornicioni di gronda situati in punti in cui la tracimazione dell acqua 1,5 causerebbe disagi particolari, per esempio sopra l ingresso di un Pag. 8 di 30

12 edificio pubblico Canali di gronda interni e nel caso in cui piogge straordinariamente abbondanti o ostruzioni del pluviale potrebbero provocare un infiltrazione d acqua all interno dell edificio Canali di gronda interni di edifici per i quali si richiede un grado di protezione eccezionale, per esempio: - ospedali/teatri - impianti di telecomunicazione - depositi di sostanze che danno origine a emissione tossiche o infiammabili se bagnate con acqua - edifici nei quali sono conservate opere d arte di valore eccezionale 2,0 3,0 Pag. 9 di 30

13 3. DESCRIZIONE E CONSISTENZA DEGLI IMPIANTI 3.1 INDIVIDUAZIONE DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE MECCANICHE Le opere meccaniche sono articolate nelle seguenti tipologie di impianti: - impianti antincendio; - impianti idrico-sanitari; - impianti di adduzione gas metano; - impianti di scarico acque nere e meteoriche; - impianti di depurazione acque IMPIANTI ANTINCENDIO Gli impianti antincendio sono concepiti in relazione alle specifiche esigenze dei luoghi e delle apparecchiature, pertanto sono finalizzati alla sicurezza del personale addetto e del pubblico e dimensionati con particolare riferimento alle vigenti norme UNI e ad altre normative autorevoli (NFPA). Gli impianti antincendio saranno costituiti dai seguenti principali elementi: - rete di distribuzione e di alimentazione degli impianti, interrata all esterno; - reti di distribuzione e di alimentazione degli idranti all interno dei fabbricati; Impianto antincendio manuale ad acqua L impianto antincendio è costituito generalmente, per ogni singolo edificio, da un sistema di colonne che, traendo origine da una rete interrata esterna di distribuzione ad anello in PEAD PN 16 NORMA UNI EN 12201, alimenta una serie di cassette antincendio UNI 45 in acciaio verniciato e con portello realizzato con telaio in acciaio e lastra trasparente in materiale plastico preformato per la rottura (safe crash), manichetta e lancia, secondo i criteri correnti (in prossimità delle vie d esodo) o comunque dove richiesto o prescritto dai VVF all interno dei fabbricati. Le colonne poste in cavedi saranno in acciaio zincato ed alimenteranno le cassette con stacco diretto o tramite diramazione passante nel controsoffitto sempre in acciao zincato. Le tubazioni saranno protette con una o più mani di antiruggine e strato finale in vernice di color rosso. Gli idranti, all interno dei fabbricati, saranno collegati ad una rete che farà capo a una riserva idrica esistente tale da consentire il funzionamento autonomo dell impianto con durata e contemporaneità richiesti dal D.M. Int. 18/09/2002. Ove previsto verranno posizionati degli estintori a polvere di tipo omologato 21, 89BC da 6 kg completi di relativa segnaletica mentre, a protezione delle apparecchiature elettriche verranno installati estintori ad anidride carbonica. Pag. 10 di 30

14 3.1.2 IMPIANTI IDRICO-SANITARI Gli impianti idrico-sanitari saranno concepiti in relazione ai distributivi architettonici, alle specifiche esigenze dei singoli luoghi e saranno dimensionati con particolare riferimento alle vigenti normative UNI. Gli impianti idrico-sanitari sono costituiti dai seguenti principali elementi: - impianto di alimentazione e distribuzione acqua fredda e calda sanitaria; - impianto di alimentazione e distribuzione acqua fredda per cassette wc; Impianto di alimentazione e distribuzione acqua fredda e calda sanitaria L impianto sarà essenzialmente costituito da un sistema di alimentazione dell acqua proveniente dall acquedotto e da un sistema di produzione di acqua calda. La distribuzione dell acqua fredda, all esterno dei fabbricati, avverrà mediante tubazioni in Polietilene ad alta densità PN10 interrate per il tratto di collegamento tra il contatore generale e gli ingressi agli edifici, dopodiché, tramite tubazioni in acciaio zincato a norma UNI EN serie media adeguatamente coibentate (vedi tabelle relative), verranno alimentati i servizi igienici, la cucina, i lavaggi, ecc. Le tubazioni in acciaio zincato si attesteranno su valvole di intercettazione a cappuccio cromato per ogni servizio (o gruppi di servizi) o intercettazioni a sfera nel caso della cucina. Dalle intercettazioni sopra descritte, si dirameranno le microschemature delle varie utenze realizzate con tubazioni in multistrato anch esse adeguatamente coibentate. Verranno installate tubazioni, in conformità a quanto specificato precedentemente, anche per il circuito di ricircolo dell acqua calda sanitaria. Il sistema di produzione di acqua calda sarà costituito da: - un addolcitore a scambio ionico; - uno o più serbatoi di stoccaggio con pompe di circolazione e scambiatore di calore alimentato dal circuito di acqua calda; - valvola miscelatrice per l immissione in rete a temperatura controllata; - pompa di ricircolo. Sono comprese le forniture e le installazione degli apparecchi sanitari ordinari. Gli interventi di cui alla presente relazione constano nella fornitura e posa di: - tubazioni di adduzione per acqua fredda, calda e ricircolo, colone e diramazioni interne agli edifici ; - le schemature interne dei servizi; - organi di intercettazione sulle reti ed interne ai fabbricati; - la coibentazione di tutte le tubazioni secondo norma (colonne,diramazioni schemature, valvolame, ecc.) Impianto di alimentazione e distribuzione acqua fredda per cassette wc L impianto sarà in tutto e per tutto conforme all impianto descritto nel precedente paragrafo, con tubazioni, isolamenti, ecc. identici all impianto di alimentazione acqua sanitaria. Le cassette di scarico acqua dei wc saranno alimentate con acqua di tipo non potabile, o proveniente dal pozzo, mediante tubazioni facenti parte di un circuito dedicato a questa tipologia di utenza. Gli interventi di cui alla presente relazione constano nella fornitura e posa di: - tubazioni di adduzione per acqua fredda, diramazioni interne agli edifici ; - le shemature interne dei servizi; - organi di intercettazione sulle reti ed interne ai fabbricati; Pag. 11 di 30

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Manuale tecnico di progettazione

Manuale tecnico di progettazione Manuale tecnico di progettazione Informazioni tecniche, tabelle di calcolo, descrizioni di capitolato Adduzione idrica e riscaldamento Scarico e pluviali Indice Impianti di scarico Considerazioni generali

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Valvole KSB a flusso avviato

Valvole KSB a flusso avviato Valvole Valvole KSB a flusso avviato Valvole KSB di ritegno Valvole Idrocentro Valvole a farfalla Valvole a sfera Valvoleintercettazionesaracinesca Valvole di ritegno Giunti elastici in gomma Compensatori

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico

Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico lindab ventilation Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico TÜV ha testato cinque sistemi di canali e documentato i vantaggi delle diverse soluzioni. Cos è TÜV TÜV (Technischer ÜberwachungsVerein

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 3.347.5275.106 IM-P148-39 ST Ed. 1 IT - 2004 Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 1. Informazioni generali per la sicurezza

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web:

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web: Via C. Marrocco, 13 93100 Caltanissetta (CL) Tel.: 338.8233126 388.1832953 Fax: 36.338.8233126 E-mail:edil-serv@alice.it Web: www.webalice.it/edil-serv Alla cortese attenzione del Titolare di codesta Spett.le

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Misura di portata Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Scheda tecnica WIKA FL 10.05 FloTec Applicazioni Produzione di petrolio e raffinazione Trattamento

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Modell 8108.1 H D. Modell 8108.1. Modell 8108.1. Modell 8108.1

Modell 8108.1 H D. Modell 8108.1. Modell 8108.1. Modell 8108.1 ie gelieferten bbildungen sind teilweise in arbe. Nur die Vorschaubilder sind in raustufen. ei ruckdatenerstellung bitte beachten, dass man die ilder ggf. in raustufen umwandelt. 햽 햾 Vielen ank 12.0/2010

Dettagli