Coll Energia S.r.l. Milano, Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Coll Energia S.r.l. Milano, Italia"

Transcript

1 Rev. 2 - OTTOBRE 2010 Coll Energia S.r.l. Milano, Italia Impianto per la Produzione di un Bio-Liquido (Olio di Pirolisi) e Generazione di Energia Elettrica e Termica Colle Val D Elsa (SI) Elaborati di Progetto Descrizione e Dimensionamento Preliminare Impianto Antincendio

2

3 Rev. 2 OTTOBRE 2010 Coll Energia S.r.l. Milano, Italia Impianto per la Produzione di un Bio-Liquido (Olio di Pirolisi) e Generazione di Energia Elettrica e Termica Colle Val D Elsa (SI) Elaborati di Progetto Descrizione e Dimensionamento Preliminare Impianto Antincendio Preparato da Firma Data Bruno Danieli 11 Ottobre 2010 Verificato da Firma Data Tiziana Pezzo 11 Ottobre 2010 Giovanni Uguccioni 11 Ottobre 2010 Approvato da Firma Data Roberto Carpaneto 11 Ottobre 2010 Rev. Descrizione Preparato da Verificato da Approvato da Data 2 Revisione B. Danieli TP/GMU RC Ottobre Revisione B. Danieli TP/GMU RC Settembre Prima Emissione B. Danieli TP/GMU RC Luglio 2010 Tutti i diritti, traduzione inclusa, sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere divulgata a terzi, per scopi diversi da quelli originali, senza il permesso scritto della D'Appolonia.

4

5 Rev. 2 Ottobre 2010 INDICE ELENCO DELLE TABELLE Pagina 1 GENERALITÀ SCOPO DESCRIZIONE DELLE INSTALLAZIONI LIMITI DEL DOCUMENTO DEFINIZIONE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI UNITÀ DI MISURA 3 2 DATI BASE E REQUISITI GENERALI CRITERI GENERALI VALUTAZIONE DEL MASSIMO RISCHIO OPERATIVITÀ DEL SISTEMA CONDIZIONI OPERATIVE LEGISLAZIONE E STANDARD DI RIFERIMENTO PRIORITÀ DI APPLICAZIONE REQUISITI DELLE APPARECCHIATURE E DEI SISTEMI UBICAZIONE CONDIZIONI AMBIENTALI 7 3 SELEZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE ATTIVA AGENTI ESTINGUENTI APPARECCHIATURE E SISTEMI 8 4 SELEZIONE DEI SISTEMI FISSI DI PROTEZIONE ANTINCENDIO IDENTIFICAZIONE DELLE AREE DI INTERVENTO 9 5 SISTEMA ANTINCENDIO MASSIMA RICHIESTA ACQUA ANTINCENDIO Identificazione dello Scenario più Critico Parametri di Dimensionamento Richiesta Acqua Antincendio Calcolo Fabbisogno Idrico Impianti CONDIZIONI DI PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO AD ACQUA E SCHIUMA STAZIONE STOCCAGGIO E POMPAGGIO ACQUA ANTINCENDIO DISTRIBUZIONE GENERALE ACQUA ANTINCENDIO Rete Antincendio Valvole di Sezionamento Apparecchiature Antincendio Protezione Generale di Area SISTEMI FISSI DI PROTEZIONE ATTIVA ANTINCENDIO PER AREA Caratteristiche dei Sistemi Antincendio Fissi Sistema Raffreddamento Serbatoi Sistema a Diluvio Trasformatori a Bagno d Olio SISTEMI SEMIFISSI - NASPI AD ACQUA STAZIONI SCHIUMA LOCALI 26 III Coll Energia S.r.l. Pag. i

6 5.7.1 Stazione Schiuma Alimentazione Sistema Diluvio Sezione Fredda Produzione Pyoil Stazione Schiuma Alimentazione Sistemi Schiuma Serbatoi e Bacini APPARECCHIATURE ANTINCENDIO MOBILI Altre Apparecchiature Mobili SISTEMI A SATURAZIONE DI GAS 29 6 CONCLUSIONI 31 RIFERIMENTI APPENDICE A: SISTEMA ANTINCENDIO PLANIMETRIA GENERALE DISPOSIZIONE IDRANTI ESTERNI E MONITORI A SCHIUMA Coll Energia S.r.l. Pag. ii

7 ELENCO DELLE TABELLE Tabella No. Pagina Tabella 5-1 Sistema Fisso Diluvio a Schiuma 13 Tabella 5-2 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Sezione Fredda Pyoil 13 Tabella 5-3 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Sezione Calda Pyoil 14 Tabella 5-4 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Stoccaggio Pyoil e Gasolio 16 Tabella 5-5 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Trasformatori a Bagno D Olio 17 Tabella 5-6 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Stoccaggio Legno 17 Tabella 5-7 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Altre Aree 18 Tabella 5-8 Massima Richiesta di Acqua Antincendio per Area di Intervento 18 Tabella 5-9 Sistemi di Protezione Antincendio Fissi per Area di Intervento 21 Tabella 5-10 Caratteristiche dei Sistemi Schiuma a Protezione dei Serbatoi 23 Tabella 5-11 Caratteristiche dei Sistemi Schiuma a Protezione dei Bacini dei Serbatoi 24 Tabella 5-12 Edifici Protetti Mediante Naspi 26 Tabella 5-13 Installazione Apparecchiature Mobili 28 Tabella 5-14 Criteri di Installazione Estintori 28 Coll Energia S.r.l. Pag. iii

8 Rev. 2 Ottobre 2010 RAPPORTO IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI UN BIO-LIQUIDO (OLIO DI PIROLISI) E COGENERAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA COLLE VAL D ELSA (SI) DESCRIZIONE E DIMENSIONAMENTO PRELIMINARE IMPIANTO ANTINCENDIO 1 GENERALITÀ 1.1 SCOPO Il presente documento ha come oggetto la definizione dei parametri di progetto che devono essere adottati nella definizione dei sistemi di protezione attiva antincendio, da prevedere per l Impianto per la Produzione di un Bio-Liquido (Olio di Pirolisi 1 ) e Cogenerazione di Energia Elettrica e Termica di Colle Val D Elsa che Coll Energia intende realizzare nel comune di Colle Val d Elsa (SI), in Località Catarelli. 1.2 DESCRIZIONE DELLE INSTALLAZIONI L impianto, oggetto delle protezioni, è costituito essenzialmente dai seguenti impianti ed edifici (D Appolonia, 2010a, b). Impianti di Processo e Servizi: A. Aree Stoccaggio Legno. B. Area Pretrattamento e Movimentazione Biomassa C. Area Sezione di Produzione Pyoil D. Area Stoccaggio Pyoil E. Area Stoccaggio Gasolio F. Area Generatori G. Area Trattamento Fumi H. Stazione Acqua Antincendio I. Area Trattamento Acque J. Trasformatori. 1 Nel seguito denominato anche pyoil. I riferimenti sono riportati alla fine del testo. D'APPOLONIA S.p.A. Via San Nazaro, Genova, Italia Telefono Fax Web Site:

9 Edifici: A. Edificio Pesa e Area Pesa B. Edificio Uffici, Spogliatoi e Sala Controllo C. Edificio Isola di Potenza D. Magazzino e Officina E. Edificio Antincendio F. Locali Compressori G. Edificio Acqua Demi H. Edificio Elettrico I. Edificio Diesel di Emergenza J. Edificio Laboratorio. 1.3 LIMITI DEL DOCUMENTO Questo documento si riferisce al solo sistema di protezione attiva antincendio e quindi non include: criteri di progetto di protezioni passive; criteri di progetto sistemi di rivelazione incendio e gas. I sistemi di rivelazione incendio, ove menzionati, hanno il solo scopo di chiarire la funzionalità dei sistemi di protezione attiva ai quali sono associati; criteri sulle distanze di sicurezza; sistemi di sicurezza di processo (es. sistemi di inertizzazione, sistemi di blocco, sistemi di depressurizzazione ecc.); logiche di interblocco tra sistemi; dispositivi di protezione individuali per il personale. 1.4 DEFINIZIONE In questo documento sono usate le seguenti definizioni. Area di Intervento: si intende la massima estensione di area all interno della quale l incendio di un componente può comportare effetti collaterali sulle altre apparecchiature. Area o Apparecchiatura Adiacente: si intende ogni area o apparecchiatura, adiacente all area di rischio supposta in fuoco e non separata, da questa ultima, da pareti taglia fuoco a da adeguata distanza di sicurezza. Scenario di Incendio di Riferimento: si intende lo scenario che coinvolge l area di rischio supposta in fuoco e le aree di rischio adiacenti più critiche sia come numero che come estensione. Coll Energia S.r.l. Pag. 2

10 Parametri di Progetto: si intendono i dati di base (es. portate specifiche, portate caratteristiche ecc.), applicati nella definizione del sistema di protezione attiva antincendio. Portate Specifiche: si intendono le portate di estinguente, espresse in litri/minuto per m lineare o m 2, applicate nella definizione dei sistemi di protezione attiva antincendio. Portata di Progetto Acqua Antincendio: si intende la massima portata richiesta, per ambedue i sistemi ad acqua e schiuma, al fine di controllare l incendio, relativo allo scenario di riferimento. Portata di Progetto del Sistema Schiuma: si intende la massima portata di miscela schiumogena richiesta, al fine di controllare l incendio, relativo allo scenario di riferimento. Contingency Factor: si intende la quantità di acqua, da prevedere per sicurezza, nella fase preliminare, in aggiunta al valore teorico di portata previsto dai calcoli, per i sistemi ad ugelli. 1.5 ACRONIMI E ABBREVIAZIONI All interno del testo del documento sono stati usati i seguenti acronimi e abbreviazioni: AFFF Aqueous Film Forming Foam F&G Rivelazione Incendio e Gas (Sistema) GRE Glass fibre Reinforced Epoxy GRP Glass fibre Reinforced Plastics NFPA National Fire Protection Association. 1.6 UNITÀ DI MISURA Con riferimento alla materia specifica relativa a questo documento, sono state adottate le seguenti unità di misura: dimensioni lineari: m superfici : m 2 volumi : m 3 diametri linee: diametri attacchi : mm, pollici portate : m 3 /ora portate : litri/minuto portate specifiche : litri/minuto m 2 pressione assoluta : pressione relativa : velocità : bar bar g m/s. Coll Energia S.r.l. Pag. 3

11 2 DATI BASE E REQUISITI GENERALI 2.1 CRITERI GENERALI Criteri Base di Sicurezza e di Buona Ingegneria I sistemi di protezione, previsti al fine di ottenere un elevato grado di sicurezza, sono stati scelti sulla base di quanto richiesto dalle norme, codici, standard di riferimento e da quanto richiesto da criteri di buona ingegneria. I sistemi di protezione attiva previsti sono basati sull assunzione che nell esecuzione dell impianto, oggetto della protezione, siano seguiti i criteri di buona ingegneria per quanto riguarda la progettazione delle apparecchiature di processo, la definizione delle distanze di sicurezza, i sistemi di drenaggio ecc. Quanto sopra si ritiene sia applicato anche nella costruzione degli edifici, per quanto riguarda l installazione di eventuali pareti taglia fuoco, vie di fuga, sistemi di ventilazione ecc. 2.2 VALUTAZIONE DEL MASSIMO RISCHIO Nella valutazione del massimo rischio si è assunto che si possa verificare un solo caso di incendio nello stesso momento, ovvero non sono previsti scenari che prevedano più casi di incendio simultanei. La massima richiesta di acqua antincendio è stata quindi calcolata tenendo conto del singolo caso più gravoso. 2.3 OPERATIVITÀ DEL SISTEMA Il sistema di protezione attiva è stato previsto al fine di un totale controllo della situazione di incendio più gravosa ipotizzata, senza che si renda necessario l intervento di ulteriori mezzi. Al fine di garantirne l operatività in tutte le condizioni, i componenti del sistema antincendio che necessitano di energia elettrica, dovranno essere alimentati da due fonti, completamente diverse ed indipendenti. 2.4 CONDIZIONI OPERATIVE Tutti i sistemi e le apparecchiature antincendio installate nell impianto dovranno essere, sotto tutti gli aspetti, valide per una sicura e continua operatività. I sistemi e le apparecchiature dovranno essere progettati tenendo conto delle condizioni ambientali, in particolare per quanto riguarda i problemi dovuti alla presenza di vento e alla sismicità del luogo. I sistemi e le apparecchiature non dovranno subire danni permanenti dovuti alle condizioni ambientali nelle quali devono operare. Coll Energia S.r.l. Pag. 4

12 2.5 LEGISLAZIONE E STANDARD DI RIFERIMENTO La progettazione del sistema di protezione attiva antincendio dovrà essere basata sulla seguente legislazione e standard di riferimento. Tutta la legislazione Italiana applicabile, includendo: D.L.vo No. 81, 9/4/2008, Attuazione dell Articolo 1 della Legge 3 Agosto 207, No. 123, in Materia di Tutela della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro e s.m.i.. Decreto 22/10/2007, Approvazione della Regola Tecnica di Prevenzione Incendi per la Installazione di Motori a Combustione Interna Accoppiati a Macchina Generatrice Elettrica o a Macchina Operatrice a Servizio di Attività Civili, Agricole, Artigianali, Commerciali e di Servizi. D.L.vo 25/2/2000, No. 93, Attuazione della Direttiva 97/23/CE in Materia di Attrezzature a Pressione (Direttiva PED). D.M. 10 Marzo 1998, Criteri Generali di Sicurezza Antincendio e per la Gestione dell Emergenza nei Luoghi di Lavoro. D.M. 22 Gennaio 2008, No. 37, Regolamento Concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13, lettera a) della Legge n. 248 del 2 Dicembre 2005, Recante Riordino delle Disposizioni in Materia di Attività di Installazione degli Impianti all'interno degli Edifici. D.P.R. No. 126, 23/3/1998, Regolamento Recante Norme per l Attuazione della Direttiva 94/9/CE in Materia di Apparecchi e Sistemi di Protezione Destinati ad Essere Utilizzati in Atmosfera Potenzialmente Esplosiva. D.M. 30/11/1983, Termini, Definizioni Generali e Simboli Grafici di Prevenzione Incendi. D.M. 16/2/1982, Modificazioni al Decreto Ministeriale 27 Settembre 1965, Concernente la Determinazione delle Attività Soggette alle Visite di Prevenzione Incendi. D.P.R. 29/7/1982, No. 577, Approvazione del Regolamento Concernente l'espletamento dei Servizi di Prevenzione e di Vigilanza Antincendio. Legge 1/3/1968, No. 186, Disposizioni Concernenti la Produzione di Materiali, Apparecchiature, Macchinari, Installazioni e Impianti Elettrici. D.M. 31/7/1934, Approvazione delle Norme di Sicurezza per la Lavorazione, l'immagazzinamento, l'impiego o la Vendita di Oli Minerali, e per il Trasporto degli Oli Stessi. Standard: ASME/ANSI B16 Standards of Pipes and Fittings. ASTM Material Specification. CEI EN (CEI 31-30), Costruzioni Elettriche per Atmosfere Esplosive per la Presenza di Gas. Parte 10: Classificazione dei Luoghi Pericolosi. CEI 31-35, Costruzioni Elettriche per Atmosfere Potenzialmente Esplosive per la per la Presenza di Gas. Guida all Applicazione della Norma CEI EN (CEI 31-30) - Classificazione dei Luoghi Pericolosi. Coll Energia S.r.l. Pag. 5

13 CEI 31-33, Costruzioni Elettriche per Atmosfere Potenzialmente Esplosive per la per la Presenza di Gas. - Parte 14: Impianti Elettrici nei Luoghi con Pericolo di Esplosione per la Presenza di Gas (diversi dalle miniere). CE EN , Safety Requirements for Secondary Batteries and Battery Installations Part 2: Stationary Batteries. CEI EN 60529, (70-1), Gradi di Protezione degli Involucri (Codice IP). EN 3, Estintori d Incendio Portatili. UNI/EN 1866, Estintori Carrellati. EN 671, Sistemi Manichette. EN 25923, Specifica per l Anidride Carbonica. NFPA 11, Low Expansion Foam and Combined Agents Systems. NFPA 12, Carbon Dioxide Extinguishing Systems. NFPA 15, Water Spray Fixed Systems for Fire Protection. NFPA 16, Foam/Water Sprinkler and Spray Fixed Systems for Fire Protection. NFPA 20, Standard for the Installation of Stationary Pumps for Fire Protection. NFPA 30, Flammable and Combustible Liquids Codes. NFPA 2001, Clean Agent Extinguishing Systems. NFPA 850, Fire Protection for Fossil Fuelled Steam and Combustion Turbine Electric Generating Plants. UNI Raccordi UNI 11292, Locali Destinati ad Ospitare Gruppi di Pompaggio per Impianti Antincendio, Caratteristiche Costruttive e Funzionali. 2.6 PRIORITÀ DI APPLICAZIONE In caso di conflitto tra i diversi documenti dovrà essere applicata la seguente priorità: legislazione italiana; questa specifica; eventuali standard della società di gestione dell impianto; codici e norme. In caso di conflitto tra documenti allo stesso livello di priorità, dovrà essere applicato il più restrittivo. 2.7 REQUISITI DELLE APPARECCHIATURE E DEI SISTEMI I seguenti requisiti specifici dovranno essere tenuti in considerazione: Coll Energia S.r.l. Pag. 6

14 i sistemi e le apparecchiature dovranno essere conformi alle richieste indicate nei codici di riferimento per quanto riguarda portate specifiche, concentrazioni ecc. ma le caratteristiche costruttive e i materiali saranno in accordo agli standard del Costruttore, cosi come le relative certificazioni saranno quelle del paese di origine; le caratteristiche dei sistemi e delle apparecchiature dovranno essere conformi a quanto indicato negli standard di società, ove applicabili, e a quanto richiesto da questa specifica. 2.8 UBICAZIONE L impianto in oggetto è realizzata sul territorio comunale di Colle Val d Elsa, in un area adiacente allo stabilimento RCR. Gli elaborati di lay out facenti parte del progetto tecnico, riportano la planimetria generale dell area (D Appolonia, 2010b) e le viste laterali. 2.9 CONDIZIONI AMBIENTALI Le condizioni ambientali di riferimento sono riportate di seguito (D Appolonia, 2010a, c): altitudine media del sito 180 m s.l.m. temperatura di riferimento aria ambiente 15 C temperatura minima aria ambiente -10 C temperatura massima aria ambiente 39 C umidità relativa di riferimento 55 % zona sismica: Stato Limite Ultimo T ritorno=712 anni Accelerazione sismica su suolo rigido=0.16g Stato Limite di Servizio T ritorno =75 anni Accelerazione sismica su suolo rigido=0.07g velocità di riferimento del vento 27 m/s carico dovuto a neve : 0,60 kn/m². Relativamente alle condizioni ambientali e di riferimento si rimanda in ogni caso alla documentazione emessa nell ambito del progetto. Coll Energia S.r.l. Pag. 7

15 3 SELEZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE ATTIVA I sistemi di protezione attiva antincendio sono stati previsti tenendo conto, nell ordine, dei seguenti fattori: difesa dell incolumità del personale; tipologia predominante di materiali combustibili o infiammabili presenti; controllo delle perdite di combustibile; specifica protezione di apparecchiature vitali per il funzionamento dell impianto; effetti dell azione di estinzione sul riutilizzo delle apparecchiature protette. 3.1 AGENTI ESTINGUENTI I seguenti agenti estinguenti, in aggiunta all acqua antincendio e in funzione del tipo di rischio, dovranno essere impiegati: liquido schiumogeno a bassa espansione; polvere chimica; anidride carbonica; il tipo di acqua impiegata per il servizio antincendio sarà acqua industriale. 3.2 APPARECCHIATURE E SISTEMI In funzione del tipo di rischio, dovranno essere previsti i seguenti sistemi e apparecchiature antincendio: idranti e cassette idranti; naspi ad acqua; monitori a schiuma; sistemi fissi a schiuma; sistemi fissi di raffreddamento sistemi fissi a diluvio alta velocità; sistemi fissi a diluvio a schiuma; sistemi fissi a saturazione di gas; estintori portatili a polvere; estintori carrellati a polvere; estintori portatili ad anidride carbonica; monitori ad acqua portatili. Coll Energia S.r.l. Pag. 8

16 4 SELEZIONE DEI SISTEMI FISSI DI PROTEZIONE ANTINCENDIO La selezione della tipologia di impianto di protezione è effettuata in considerazione delle diverse aree di rischio/intervento identificate. 4.1 IDENTIFICAZIONE DELLE AREE DI INTERVENTO Sulla base di quanto indicato in precedenza, sono state identificate le seguenti Aree di Intervento: Aree Stoccaggio Legno; Area Pretrattamento e Movimentazione Biomassa; Area Sezione Calda di Produzione Pyoil; Area Sezione Fredda di Produzione Pyoil; Area Stoccaggio Pyoil; Area Stoccaggio Gasolio; Area Recupero Termico e Trattamento Fumi; Stazione Acqua Antincendio; Area Trattamento Acque; Edificio Pesa e Area Pesa; Edificio Antincendio; Edificio Uffici, Spogliatoi e Sala Controllo; Isola di Potenza o Area Generazione Elettrica comprendente motori, ORC e annex elettrico ; Magazzino e Officina; Locali Compressori; Edificio Acqua Demi; Edificio Elettrico, Diesel di Emergenza, Trasformatori; Edificio Laboratorio e Locali Tecnici. Coll Energia S.r.l. Pag. 9

17 5 SISTEMA ANTINCENDIO I sistemi e le apparecchiature da prevedere a protezione dell impianto saranno alimentati da una stazione di stoccaggio e pompaggio e da un sistema di distribuzione acqua antincendio dedicati. 5.1 MASSIMA RICHIESTA ACQUA ANTINCENDIO La massima richiesta di acqua antincendio è definita applicando il seguente metodo: l impianto da proteggere viene suddiviso in Aree di Intervento; per ciascuna Area di Intervento viene identificato lo scenario più critico; sulla base dello scenario più critico di ciascuna Area di Intervento, si definiscono i sistemi che devono intervenire in contemporaneo e si calcola la relativa richiesta di acqua antincendio; il caso più gravoso, tra quelli identificati, definirà la massima richiesta d acqua per le nuove installazioni Identificazione dello Scenario più Critico Lo scenario più critico si verifica, in caso di incendio, in una delle Aree Stoccaggio Legno. Tale scenario prevede l intervento contemporaneo dei seguenti sistemi: No. 3 (tre) cannoni monitori portatili ad acqua ognuno con portata di 1500 litri/minuto; No. 4 lance antincendio ognuna con portata di 500 litri/minuto. Il dimensionamento preliminare è riportato al Paragrafo Richiesta Acqua Antincendio Calcolo Fabbisogno Idrico Impianti Parametri di Dimensionamento In conformità ai codici e agli standard di riferimento dovranno essere adottati i seguenti parametri di dimensionamento. Idranti: - massima distanza tra due idranti successivi 50 m - portata per manichetta 30 m 3 /ora (a 3.5 barg) - cassetta idranti una ogni due (2) idranti Naspi: - massima distanza tra due naspi successivi 25 m - portata per naspo 200 litri/minuto (a 3.5 bar g) Coll Energia S.r.l. Pag. 10

18 Sistemi di Raffreddamento Serbatoi - densità di scarica per serbatoi: 2.0 (litri/minuto) x m 2 (mantello di cui 20% sul tetto) Sistemi a Diluvio ad Acqua - densità di scarica per trasformatori a bagno d olio Sistemi a Diluvio a Schiuma - densità di scarica per serbatoi di processo e scambiatori in accordo NFPA (litri/minuto)x m 2 su inviluppo trafo e 6.1 (litri/minuto)x m 2 su superficie sotto trafo 10.2 (litri/minuto)x m 2 - densità di scarica per pompe e compressori 20.4 (litri/minuto)x m 2 Sistemi a Schiuma a Bassa Espansione - densità di scarica per serbatoi a tetto fisso 4.1 (litri/minuto) x m 2 superficie prodotto - densità di scarica per bacino serbatoi 4.1 (litri/minuto) x m 2 superficie bacino Cannoni Monitori: - portata cannoni monitori a schiuma 2000 litri/minuto (a 7.5 barg) - portata cannoni monitori ad acqua 1500 litri/minuto (a 7.5 barg) Contingency Factor Nel calcolo delle portate dei sistemi fissi ad acqua e schiuma è stato adottato un valore di contingency factor pari al 20% della portata teorica. Pressione di Alimentazione La pressione residua al punto di utilizzo più critico, dal punto di vista idraulico, dovrà essere di 8.0 barg Richiesta Acqua Antincendio Calcolo Fabbisogno Idrico Impianti Nel seguito si effettua una valutazione di base della massima richiesta d acqua antincendio delle diverse utenze; il risultato riportato nel seguito dovrà essere verificato in fase di progettazione di dettaglio. Nelle seguenti tabelle si riportano le richieste di acqua antincendio relativa ad ogni area intervento. Il dimensionamento delle protezioni è preliminare ed è connesso alle dimensioni delle apparecchiature protette. Nel caso in cui le dimensioni siano modificate il dimensionamento dovrà essere aggiornato. Nelle tabelle che seguono è stata usata la seguente simbologia: A o S D e R area o superficie protetta; diametro e raggio serbatoi; Coll Energia S.r.l. Pag. 11

19 H L e W QT QSPC CF altezza; lunghezza e larghezza bacini; portata totale di acqua o miscela schiumogena; portata specifica di acqua o miscela schiumogena; Contingency Factor. Area Sezione Fredda di Produzione Pyoil - Massima Richiesta di Acqua Antincendio A protezione dell Area Sezione Fredda di Produzione Pyoil è previsto l intervento contemporaneo delle seguenti utenze: No. 1 sistema fisso diluvio a schiuma a protezione delle apparecchiature riportate in Tabella 5-1; No. 2 lance manuali di supporto da 500 litri/minuto cadauna. Si evidenzia che in considerazione degli spazi disponili nell edificio entro cui sono collocate le apparecchiature della sezione denominata Area Fredda di Produzione Pyoil si prevede, in questa fase, una protezione che includa tutte le apparecchiature. Con disposizioni impiantistiche ed apparecchiature di maggiori dimensioni la protezione può essere articolata mediante impianto a schiuma a protezione dell apparecchiatura considerata in fiamme e a seconda della localizzazione delle apparecchiature, eventuale raffreddamento mediante acqua antincendio delle apparecchiature esposte. In considerazione degli spazi e delle dimensioni delle apparecchiature, si prevede lo spegnimento di un eventuale incendio ed il raffreddamento/soffocamento dei componenti limitrofi onde evitare il coinvolgimento nell incendio con lo stesso impianto a schiuma. A tale proposito si prevede che l impianto sia progettato in accordo alla norma NFPA 16, che regola gli impianti a schiuma, ma la portata specifica di dimensionamento si prevede sia superiore dell ordine di circa 10.2 l/min/m 2. Si evidenzia che una volta definito il layout di dettaglio delle apparecchiature riportate nell elenco di Tabella 5-1, si potrà valutare se potranno essere protette a gruppi facendo capo a più di una valvola a diluvio. Tale aspetto farà parte di una fase di studio del progetto più avanzata. Coll Energia S.r.l. Pag. 12

20 Tabella 5-1 Sistema Fisso Diluvio a Schiuma APPARECCHIATURE PROTETTE SISTEMA PROTEZIONE ATTIVA ITEM DESCRIZIONE AREA OPERATIVA (m 2 ) PORTATA TEORICA (litri/minuto) PORTATA REALE (m 3 /ora) C 02 A/B Recycle Gas Blowers E 01 A Primary Cooler E 01 B Primary Cooler E 02 Secondary Cooler E 03 Vapor Reheater P 01 A/B Primary Cooler Pumps P 02 Secondary Cooler Pumps P 03 Demister Pump P 04 A/B Fiber Bed Filter Pumps V 05 Primary Quench Tower V 06 Secondary Quench Tower V 07 Demister PORTATA SISTEMA FISSO SCHIUMA (m 3 /ora) 124 La portata massima richiesta sarà quella indicata nella seguente tabella: Tabella 5-2 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Sezione Fredda Pyoil SISTEMI DI PROTEZIONE Sistema fisso diluvio a schiuma a protezione componenti Tabella 5-1 (No. 1) PORTATE PREVISTE PORTATA (litri/minuto) (m 3 /ora) 2067 x 1 = Mezzi manuali di supporto 500 x 2 = PORTATA TOTALE 184 Area Sezione Calda di Produzione Pyoil - Massima Richiesta di Acqua Antincendio A protezione dell Area Sezione Calda di Produzione Pyoil è previsto l intervento contemporaneo delle seguenti utenze: No. 2 cannoni monitori a schiuma da 2000 litri/minuto cadauno; No. 2 lance manuali di supporto da 500 litri/minuto cadauna. Coll Energia S.r.l. Pag. 13

21 La portata massima richiesta sarà quella indicata nella seguente tabella: Tabella 5-3 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Sezione Calda Pyoil SISTEMI DI PROTEZIONE PORTATE PREVISTE PORTATA (litri/minuto) (m 3 /h) Cannoni monitori a schiuma (No. 2) 2000 x 2 = Mezzi manuali di supporto 500 x 2 = PORTATA TOTALE 300 Area Stoccaggio Pyoil e Gasolio Dimensionamento dei Sistemi di Protezione Dedicati Massima Richiesta di Acqua Antincendio Serbatoi Pyoil Sistema di Protezione a Schiuma Ciascun serbatoio considerato a tetto fisso sarà protetto da un sistema a schiuma, dimensionato come di seguito indicato: a. D Serbatoio 12 m, Area Prodotto da Proteggere A = m 2 b. Portata Miscela Schiumogena QT = A x QSPC x CF = x 4.1 x 1.2 = 560 litri/minuto c. si prevede siano installate No. 2 camere a schiuma da 300 litri/minuto cadauna per una portata totale di 600 litri/minuto (36 m 3 /ora). Serbatoi Pyoil Sistema di Raffreddamento Il sistema di raffreddamento di ciascun serbatoio, sarà dimensionato come di seguito indicato: a. D Serbatoio 12 m H Serbatoio 13.5 m, Superficie Mantello S = m 2 b. Portata Acqua di Raffreddamento Q = S x QSPC x CF = x 2.0 x 1.2 = 1222 litri/minuto (74 m 3 /ora) Bacino Serbatoi Pyoil Sistema di Protezione a Schiuma Ciascun bacino sarà protetto da un sistema a schiuma, dimensionato come di seguito indicato: a. L = W = 20 m, Area Bacino A = 400 m 2 b. Portata Miscela Schiumogena QT = A x QSPC x CF = 400 x 4.1 x 1.2 = 1968 litri/minuto c. si prevede siano installate No. 8 lance a schiuma da 250 litri/minuti cadauna per una portata totale di 2000 litri/minuto (120 m 3 /ora). Coll Energia S.r.l. Pag. 14

22 Serbatoi Gasolio Sistema di Protezione a Schiuma Ciascun serbatoio sarà protetto da un sistema a schiuma, dimensionato come di seguito indicato: a. D Serbatoio 6 m, Area Prodotto da Proteggere A = 28 m 2 b. Portata Miscela Schiumogena QT = A x QSPC x CF = 28.0 x 4.1 x 1.2 = 138 litri/minuto c. sarà installata No. 1 camera a schiuma da 150 litri/minuto (9 m 3 /ora). Serbatoi Gasolio Sistema di Raffreddamento Il sistema di raffreddamento di ciascun serbatoio, sarà dimensionato come di seguito indicato: a. D Serbatoio 6 m, H Serbatoio 7 m, Superficie Mantello S = 132 m 2 b. Portata Acqua di Raffreddamento Q = S x QSPC x CF = 132 x 2.0 x 1.2 = 317 litri/minuto (19 m 3 /ora). Sistema Schiuma Protezione Bacino Serbatoi Gasolio Ciascun bacino sarà protetto da un sistema a schiuma, dimensionato come di seguito indicato: a. L = W = 10 m, Area Bacino 100 m 2 b. Portata Miscela Schiumogena QT = A x QSPC x CF = x 4.1 x 1.2 = 492 litri/minuto c. si prevede siano installate No. 2 lance a schiuma da 250 litri/minuto cadauna per una portata totale di 500 litri/minuto (30 m 3 /ora). Massima Richiesta di Acqua Antincendio Lo scenario più critico per questa Area si verifica in caso di fuoriuscita di Pyoil nel bacino a seguito di fessurazione importante del serbatoio di Pyoil installato in posizione centrata ed incendio del prodotto stesso. Lo scenario previsto richiede l intervento contemporaneo delle seguenti utenze: sistema a schiuma a protezione del bacino in fiamme; sistema di raffreddamento del serbatoio Pyoil adiacente; sistemi di raffreddamento dei due serbatoi gasolio adiacenti; No. 2 lance manuali di supporto da 500 litri/minuto cadauna, 60 m 3 /ora totali. La portata massima richiesta sarà quella indicata nella seguente tabella: Coll Energia S.r.l. Pag. 15

23 Tabella 5-4 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Stoccaggio Pyoil e Gasolio SISTEMI DI PROTEZIONE PORTATA (m 3 /ora) Sistema a schiuma a protezione del bacino in fiamme 120 Sistema di raffreddamento del serbatoio Pyoil adiacente 74 Sistema di raffreddamento del serbatoio gasolio adiacente 19 Sistema di raffreddamento del serbatoio gasolio adiacente 19 Mezzi manuali di supporto 60 PORTATA TOTALE 292 Area Trasformatori a Bagno D Olio Dimensionamento del Sistema di Protezione Dedicato Sistema a Diluvio ad Alta Velocità Ciascun trasformatore a bagno d olio sarà protetto da un sistema a diluvio, dimensionato come di seguito indicato: a. L= 3 m, W = 1.5 m, H = 3 m, Superficie Trasformatore da Proteggere A1 = 31.5 m 2 b. Portata Acqua Antincendio QT1 = A x QSPC x CF = 31.5 x 10.2 x 1.2 = 386 litri/minuto c. Superficie Base Raccolta Olio A2 = L x W = 5.0 x 3.5 = 17.5 m 2 d. Portata Acqua Antincendio QT2 = 17.5 x 6.1 x 1.2 = 128 litri/minuto e. Portata Totale QT = QT1 + QT2 = = 514 litri/minuto (31 m 3 /ora). Massima Richiesta di Acqua Antincendio A protezione di ciascuno dei trasformatori a bagno d olio (situazione di incendio non contemporanea), è previsto l intervento contemporaneo delle seguenti utenze: sistema a diluvio ad alta velocità. No. 2 lance manuali di supporto da 500 litri/minuto cadauna, 60 m 3 /ora totali. La portata massima richiesta sarà quella indicata nella seguente tabella: Coll Energia S.r.l. Pag. 16

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO Nel rispetto dei diritti di copyright che tutelano le norme tecniche UNI la presente versione della Linea Guida è stata redatta in forma

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 3.347.5275.106 IM-P148-39 ST Ed. 1 IT - 2004 Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 1. Informazioni generali per la sicurezza

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Valvole KSB a flusso avviato

Valvole KSB a flusso avviato Valvole Valvole KSB a flusso avviato Valvole KSB di ritegno Valvole Idrocentro Valvole a farfalla Valvole a sfera Valvoleintercettazionesaracinesca Valvole di ritegno Giunti elastici in gomma Compensatori

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Valvole di controllo. per ogni tipo di servizio

Valvole di controllo. per ogni tipo di servizio Valvole di controllo per ogni tipo di servizio v a l v o l e d i c o n t r o l l o Valvole di controllo per ogni tipo di servizio Spirax Sarco è in grado di fornire una gamma completa di valvole di controllo

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC Sistemi di presa a vuoto su superfici / Massima flessibilità nei processi di movimentazione automatici Applicazione Movimentazione di pezzi con dimensioni molto diverse e/o posizione non definita Movimentazione

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ESTINTORI PORTATILI. Grafica e stampa a cura del Servizio Documentazione e Relazioni Pubbliche del Dipartimento dei Vigili del Fuoco Roma

ESTINTORI PORTATILI. Grafica e stampa a cura del Servizio Documentazione e Relazioni Pubbliche del Dipartimento dei Vigili del Fuoco Roma Grafica e stampa a cura del Servizio Documentazione e Relazioni Pubbliche del Dipartimento dei Vigili del Fuoco Roma ESTINTORI PORTATILI PROTEZIONE ATTIVA ALL INCENDIO 2 MANUALE PER L USO DEGLI ESTINTORI

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Bollettino tecnico Gennaio 2013 00813-0102-4952, Rev. DC Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Design non intrusivo per una misura di temperatura facile e veloce in applicazioni su tubazioni Sensori

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Tanta visibilità posteriore! Tanto spazio libero sul pianale! Totalmente integrato! Scarrabile in 30 secondi! CITY26-35-52 HP diesel

Tanta visibilità posteriore! Tanto spazio libero sul pianale! Totalmente integrato! Scarrabile in 30 secondi! CITY26-35-52 HP diesel CITY26-35-52 HP diesel Totalmente integrato! Scarrabile in 30 secondi! Tanta visibilità posteriore! Tanto spazio libero sul pianale! Disinfestatrici di Classe Superiore C I T I Z E N CITYPlus Ecology Macchina

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli