Coll Energia S.r.l. Milano, Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Coll Energia S.r.l. Milano, Italia"

Transcript

1 Rev. 2 - OTTOBRE 2010 Coll Energia S.r.l. Milano, Italia Impianto per la Produzione di un Bio-Liquido (Olio di Pirolisi) e Generazione di Energia Elettrica e Termica Colle Val D Elsa (SI) Elaborati di Progetto Descrizione e Dimensionamento Preliminare Impianto Antincendio

2

3 Rev. 2 OTTOBRE 2010 Coll Energia S.r.l. Milano, Italia Impianto per la Produzione di un Bio-Liquido (Olio di Pirolisi) e Generazione di Energia Elettrica e Termica Colle Val D Elsa (SI) Elaborati di Progetto Descrizione e Dimensionamento Preliminare Impianto Antincendio Preparato da Firma Data Bruno Danieli 11 Ottobre 2010 Verificato da Firma Data Tiziana Pezzo 11 Ottobre 2010 Giovanni Uguccioni 11 Ottobre 2010 Approvato da Firma Data Roberto Carpaneto 11 Ottobre 2010 Rev. Descrizione Preparato da Verificato da Approvato da Data 2 Revisione B. Danieli TP/GMU RC Ottobre Revisione B. Danieli TP/GMU RC Settembre Prima Emissione B. Danieli TP/GMU RC Luglio 2010 Tutti i diritti, traduzione inclusa, sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere divulgata a terzi, per scopi diversi da quelli originali, senza il permesso scritto della D'Appolonia.

4

5 Rev. 2 Ottobre 2010 INDICE ELENCO DELLE TABELLE Pagina 1 GENERALITÀ SCOPO DESCRIZIONE DELLE INSTALLAZIONI LIMITI DEL DOCUMENTO DEFINIZIONE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI UNITÀ DI MISURA 3 2 DATI BASE E REQUISITI GENERALI CRITERI GENERALI VALUTAZIONE DEL MASSIMO RISCHIO OPERATIVITÀ DEL SISTEMA CONDIZIONI OPERATIVE LEGISLAZIONE E STANDARD DI RIFERIMENTO PRIORITÀ DI APPLICAZIONE REQUISITI DELLE APPARECCHIATURE E DEI SISTEMI UBICAZIONE CONDIZIONI AMBIENTALI 7 3 SELEZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE ATTIVA AGENTI ESTINGUENTI APPARECCHIATURE E SISTEMI 8 4 SELEZIONE DEI SISTEMI FISSI DI PROTEZIONE ANTINCENDIO IDENTIFICAZIONE DELLE AREE DI INTERVENTO 9 5 SISTEMA ANTINCENDIO MASSIMA RICHIESTA ACQUA ANTINCENDIO Identificazione dello Scenario più Critico Parametri di Dimensionamento Richiesta Acqua Antincendio Calcolo Fabbisogno Idrico Impianti CONDIZIONI DI PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO AD ACQUA E SCHIUMA STAZIONE STOCCAGGIO E POMPAGGIO ACQUA ANTINCENDIO DISTRIBUZIONE GENERALE ACQUA ANTINCENDIO Rete Antincendio Valvole di Sezionamento Apparecchiature Antincendio Protezione Generale di Area SISTEMI FISSI DI PROTEZIONE ATTIVA ANTINCENDIO PER AREA Caratteristiche dei Sistemi Antincendio Fissi Sistema Raffreddamento Serbatoi Sistema a Diluvio Trasformatori a Bagno d Olio SISTEMI SEMIFISSI - NASPI AD ACQUA STAZIONI SCHIUMA LOCALI 26 III Coll Energia S.r.l. Pag. i

6 5.7.1 Stazione Schiuma Alimentazione Sistema Diluvio Sezione Fredda Produzione Pyoil Stazione Schiuma Alimentazione Sistemi Schiuma Serbatoi e Bacini APPARECCHIATURE ANTINCENDIO MOBILI Altre Apparecchiature Mobili SISTEMI A SATURAZIONE DI GAS 29 6 CONCLUSIONI 31 RIFERIMENTI APPENDICE A: SISTEMA ANTINCENDIO PLANIMETRIA GENERALE DISPOSIZIONE IDRANTI ESTERNI E MONITORI A SCHIUMA Coll Energia S.r.l. Pag. ii

7 ELENCO DELLE TABELLE Tabella No. Pagina Tabella 5-1 Sistema Fisso Diluvio a Schiuma 13 Tabella 5-2 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Sezione Fredda Pyoil 13 Tabella 5-3 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Sezione Calda Pyoil 14 Tabella 5-4 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Stoccaggio Pyoil e Gasolio 16 Tabella 5-5 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Trasformatori a Bagno D Olio 17 Tabella 5-6 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Stoccaggio Legno 17 Tabella 5-7 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Altre Aree 18 Tabella 5-8 Massima Richiesta di Acqua Antincendio per Area di Intervento 18 Tabella 5-9 Sistemi di Protezione Antincendio Fissi per Area di Intervento 21 Tabella 5-10 Caratteristiche dei Sistemi Schiuma a Protezione dei Serbatoi 23 Tabella 5-11 Caratteristiche dei Sistemi Schiuma a Protezione dei Bacini dei Serbatoi 24 Tabella 5-12 Edifici Protetti Mediante Naspi 26 Tabella 5-13 Installazione Apparecchiature Mobili 28 Tabella 5-14 Criteri di Installazione Estintori 28 Coll Energia S.r.l. Pag. iii

8 Rev. 2 Ottobre 2010 RAPPORTO IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI UN BIO-LIQUIDO (OLIO DI PIROLISI) E COGENERAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA COLLE VAL D ELSA (SI) DESCRIZIONE E DIMENSIONAMENTO PRELIMINARE IMPIANTO ANTINCENDIO 1 GENERALITÀ 1.1 SCOPO Il presente documento ha come oggetto la definizione dei parametri di progetto che devono essere adottati nella definizione dei sistemi di protezione attiva antincendio, da prevedere per l Impianto per la Produzione di un Bio-Liquido (Olio di Pirolisi 1 ) e Cogenerazione di Energia Elettrica e Termica di Colle Val D Elsa che Coll Energia intende realizzare nel comune di Colle Val d Elsa (SI), in Località Catarelli. 1.2 DESCRIZIONE DELLE INSTALLAZIONI L impianto, oggetto delle protezioni, è costituito essenzialmente dai seguenti impianti ed edifici (D Appolonia, 2010a, b). Impianti di Processo e Servizi: A. Aree Stoccaggio Legno. B. Area Pretrattamento e Movimentazione Biomassa C. Area Sezione di Produzione Pyoil D. Area Stoccaggio Pyoil E. Area Stoccaggio Gasolio F. Area Generatori G. Area Trattamento Fumi H. Stazione Acqua Antincendio I. Area Trattamento Acque J. Trasformatori. 1 Nel seguito denominato anche pyoil. I riferimenti sono riportati alla fine del testo. D'APPOLONIA S.p.A. Via San Nazaro, Genova, Italia Telefono Fax Web Site:

9 Edifici: A. Edificio Pesa e Area Pesa B. Edificio Uffici, Spogliatoi e Sala Controllo C. Edificio Isola di Potenza D. Magazzino e Officina E. Edificio Antincendio F. Locali Compressori G. Edificio Acqua Demi H. Edificio Elettrico I. Edificio Diesel di Emergenza J. Edificio Laboratorio. 1.3 LIMITI DEL DOCUMENTO Questo documento si riferisce al solo sistema di protezione attiva antincendio e quindi non include: criteri di progetto di protezioni passive; criteri di progetto sistemi di rivelazione incendio e gas. I sistemi di rivelazione incendio, ove menzionati, hanno il solo scopo di chiarire la funzionalità dei sistemi di protezione attiva ai quali sono associati; criteri sulle distanze di sicurezza; sistemi di sicurezza di processo (es. sistemi di inertizzazione, sistemi di blocco, sistemi di depressurizzazione ecc.); logiche di interblocco tra sistemi; dispositivi di protezione individuali per il personale. 1.4 DEFINIZIONE In questo documento sono usate le seguenti definizioni. Area di Intervento: si intende la massima estensione di area all interno della quale l incendio di un componente può comportare effetti collaterali sulle altre apparecchiature. Area o Apparecchiatura Adiacente: si intende ogni area o apparecchiatura, adiacente all area di rischio supposta in fuoco e non separata, da questa ultima, da pareti taglia fuoco a da adeguata distanza di sicurezza. Scenario di Incendio di Riferimento: si intende lo scenario che coinvolge l area di rischio supposta in fuoco e le aree di rischio adiacenti più critiche sia come numero che come estensione. Coll Energia S.r.l. Pag. 2

10 Parametri di Progetto: si intendono i dati di base (es. portate specifiche, portate caratteristiche ecc.), applicati nella definizione del sistema di protezione attiva antincendio. Portate Specifiche: si intendono le portate di estinguente, espresse in litri/minuto per m lineare o m 2, applicate nella definizione dei sistemi di protezione attiva antincendio. Portata di Progetto Acqua Antincendio: si intende la massima portata richiesta, per ambedue i sistemi ad acqua e schiuma, al fine di controllare l incendio, relativo allo scenario di riferimento. Portata di Progetto del Sistema Schiuma: si intende la massima portata di miscela schiumogena richiesta, al fine di controllare l incendio, relativo allo scenario di riferimento. Contingency Factor: si intende la quantità di acqua, da prevedere per sicurezza, nella fase preliminare, in aggiunta al valore teorico di portata previsto dai calcoli, per i sistemi ad ugelli. 1.5 ACRONIMI E ABBREVIAZIONI All interno del testo del documento sono stati usati i seguenti acronimi e abbreviazioni: AFFF Aqueous Film Forming Foam F&G Rivelazione Incendio e Gas (Sistema) GRE Glass fibre Reinforced Epoxy GRP Glass fibre Reinforced Plastics NFPA National Fire Protection Association. 1.6 UNITÀ DI MISURA Con riferimento alla materia specifica relativa a questo documento, sono state adottate le seguenti unità di misura: dimensioni lineari: m superfici : m 2 volumi : m 3 diametri linee: diametri attacchi : mm, pollici portate : m 3 /ora portate : litri/minuto portate specifiche : litri/minuto m 2 pressione assoluta : pressione relativa : velocità : bar bar g m/s. Coll Energia S.r.l. Pag. 3

11 2 DATI BASE E REQUISITI GENERALI 2.1 CRITERI GENERALI Criteri Base di Sicurezza e di Buona Ingegneria I sistemi di protezione, previsti al fine di ottenere un elevato grado di sicurezza, sono stati scelti sulla base di quanto richiesto dalle norme, codici, standard di riferimento e da quanto richiesto da criteri di buona ingegneria. I sistemi di protezione attiva previsti sono basati sull assunzione che nell esecuzione dell impianto, oggetto della protezione, siano seguiti i criteri di buona ingegneria per quanto riguarda la progettazione delle apparecchiature di processo, la definizione delle distanze di sicurezza, i sistemi di drenaggio ecc. Quanto sopra si ritiene sia applicato anche nella costruzione degli edifici, per quanto riguarda l installazione di eventuali pareti taglia fuoco, vie di fuga, sistemi di ventilazione ecc. 2.2 VALUTAZIONE DEL MASSIMO RISCHIO Nella valutazione del massimo rischio si è assunto che si possa verificare un solo caso di incendio nello stesso momento, ovvero non sono previsti scenari che prevedano più casi di incendio simultanei. La massima richiesta di acqua antincendio è stata quindi calcolata tenendo conto del singolo caso più gravoso. 2.3 OPERATIVITÀ DEL SISTEMA Il sistema di protezione attiva è stato previsto al fine di un totale controllo della situazione di incendio più gravosa ipotizzata, senza che si renda necessario l intervento di ulteriori mezzi. Al fine di garantirne l operatività in tutte le condizioni, i componenti del sistema antincendio che necessitano di energia elettrica, dovranno essere alimentati da due fonti, completamente diverse ed indipendenti. 2.4 CONDIZIONI OPERATIVE Tutti i sistemi e le apparecchiature antincendio installate nell impianto dovranno essere, sotto tutti gli aspetti, valide per una sicura e continua operatività. I sistemi e le apparecchiature dovranno essere progettati tenendo conto delle condizioni ambientali, in particolare per quanto riguarda i problemi dovuti alla presenza di vento e alla sismicità del luogo. I sistemi e le apparecchiature non dovranno subire danni permanenti dovuti alle condizioni ambientali nelle quali devono operare. Coll Energia S.r.l. Pag. 4

12 2.5 LEGISLAZIONE E STANDARD DI RIFERIMENTO La progettazione del sistema di protezione attiva antincendio dovrà essere basata sulla seguente legislazione e standard di riferimento. Tutta la legislazione Italiana applicabile, includendo: D.L.vo No. 81, 9/4/2008, Attuazione dell Articolo 1 della Legge 3 Agosto 207, No. 123, in Materia di Tutela della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro e s.m.i.. Decreto 22/10/2007, Approvazione della Regola Tecnica di Prevenzione Incendi per la Installazione di Motori a Combustione Interna Accoppiati a Macchina Generatrice Elettrica o a Macchina Operatrice a Servizio di Attività Civili, Agricole, Artigianali, Commerciali e di Servizi. D.L.vo 25/2/2000, No. 93, Attuazione della Direttiva 97/23/CE in Materia di Attrezzature a Pressione (Direttiva PED). D.M. 10 Marzo 1998, Criteri Generali di Sicurezza Antincendio e per la Gestione dell Emergenza nei Luoghi di Lavoro. D.M. 22 Gennaio 2008, No. 37, Regolamento Concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13, lettera a) della Legge n. 248 del 2 Dicembre 2005, Recante Riordino delle Disposizioni in Materia di Attività di Installazione degli Impianti all'interno degli Edifici. D.P.R. No. 126, 23/3/1998, Regolamento Recante Norme per l Attuazione della Direttiva 94/9/CE in Materia di Apparecchi e Sistemi di Protezione Destinati ad Essere Utilizzati in Atmosfera Potenzialmente Esplosiva. D.M. 30/11/1983, Termini, Definizioni Generali e Simboli Grafici di Prevenzione Incendi. D.M. 16/2/1982, Modificazioni al Decreto Ministeriale 27 Settembre 1965, Concernente la Determinazione delle Attività Soggette alle Visite di Prevenzione Incendi. D.P.R. 29/7/1982, No. 577, Approvazione del Regolamento Concernente l'espletamento dei Servizi di Prevenzione e di Vigilanza Antincendio. Legge 1/3/1968, No. 186, Disposizioni Concernenti la Produzione di Materiali, Apparecchiature, Macchinari, Installazioni e Impianti Elettrici. D.M. 31/7/1934, Approvazione delle Norme di Sicurezza per la Lavorazione, l'immagazzinamento, l'impiego o la Vendita di Oli Minerali, e per il Trasporto degli Oli Stessi. Standard: ASME/ANSI B16 Standards of Pipes and Fittings. ASTM Material Specification. CEI EN (CEI 31-30), Costruzioni Elettriche per Atmosfere Esplosive per la Presenza di Gas. Parte 10: Classificazione dei Luoghi Pericolosi. CEI 31-35, Costruzioni Elettriche per Atmosfere Potenzialmente Esplosive per la per la Presenza di Gas. Guida all Applicazione della Norma CEI EN (CEI 31-30) - Classificazione dei Luoghi Pericolosi. Coll Energia S.r.l. Pag. 5

13 CEI 31-33, Costruzioni Elettriche per Atmosfere Potenzialmente Esplosive per la per la Presenza di Gas. - Parte 14: Impianti Elettrici nei Luoghi con Pericolo di Esplosione per la Presenza di Gas (diversi dalle miniere). CE EN , Safety Requirements for Secondary Batteries and Battery Installations Part 2: Stationary Batteries. CEI EN 60529, (70-1), Gradi di Protezione degli Involucri (Codice IP). EN 3, Estintori d Incendio Portatili. UNI/EN 1866, Estintori Carrellati. EN 671, Sistemi Manichette. EN 25923, Specifica per l Anidride Carbonica. NFPA 11, Low Expansion Foam and Combined Agents Systems. NFPA 12, Carbon Dioxide Extinguishing Systems. NFPA 15, Water Spray Fixed Systems for Fire Protection. NFPA 16, Foam/Water Sprinkler and Spray Fixed Systems for Fire Protection. NFPA 20, Standard for the Installation of Stationary Pumps for Fire Protection. NFPA 30, Flammable and Combustible Liquids Codes. NFPA 2001, Clean Agent Extinguishing Systems. NFPA 850, Fire Protection for Fossil Fuelled Steam and Combustion Turbine Electric Generating Plants. UNI Raccordi UNI 11292, Locali Destinati ad Ospitare Gruppi di Pompaggio per Impianti Antincendio, Caratteristiche Costruttive e Funzionali. 2.6 PRIORITÀ DI APPLICAZIONE In caso di conflitto tra i diversi documenti dovrà essere applicata la seguente priorità: legislazione italiana; questa specifica; eventuali standard della società di gestione dell impianto; codici e norme. In caso di conflitto tra documenti allo stesso livello di priorità, dovrà essere applicato il più restrittivo. 2.7 REQUISITI DELLE APPARECCHIATURE E DEI SISTEMI I seguenti requisiti specifici dovranno essere tenuti in considerazione: Coll Energia S.r.l. Pag. 6

14 i sistemi e le apparecchiature dovranno essere conformi alle richieste indicate nei codici di riferimento per quanto riguarda portate specifiche, concentrazioni ecc. ma le caratteristiche costruttive e i materiali saranno in accordo agli standard del Costruttore, cosi come le relative certificazioni saranno quelle del paese di origine; le caratteristiche dei sistemi e delle apparecchiature dovranno essere conformi a quanto indicato negli standard di società, ove applicabili, e a quanto richiesto da questa specifica. 2.8 UBICAZIONE L impianto in oggetto è realizzata sul territorio comunale di Colle Val d Elsa, in un area adiacente allo stabilimento RCR. Gli elaborati di lay out facenti parte del progetto tecnico, riportano la planimetria generale dell area (D Appolonia, 2010b) e le viste laterali. 2.9 CONDIZIONI AMBIENTALI Le condizioni ambientali di riferimento sono riportate di seguito (D Appolonia, 2010a, c): altitudine media del sito 180 m s.l.m. temperatura di riferimento aria ambiente 15 C temperatura minima aria ambiente -10 C temperatura massima aria ambiente 39 C umidità relativa di riferimento 55 % zona sismica: Stato Limite Ultimo T ritorno=712 anni Accelerazione sismica su suolo rigido=0.16g Stato Limite di Servizio T ritorno =75 anni Accelerazione sismica su suolo rigido=0.07g velocità di riferimento del vento 27 m/s carico dovuto a neve : 0,60 kn/m². Relativamente alle condizioni ambientali e di riferimento si rimanda in ogni caso alla documentazione emessa nell ambito del progetto. Coll Energia S.r.l. Pag. 7

15 3 SELEZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE ATTIVA I sistemi di protezione attiva antincendio sono stati previsti tenendo conto, nell ordine, dei seguenti fattori: difesa dell incolumità del personale; tipologia predominante di materiali combustibili o infiammabili presenti; controllo delle perdite di combustibile; specifica protezione di apparecchiature vitali per il funzionamento dell impianto; effetti dell azione di estinzione sul riutilizzo delle apparecchiature protette. 3.1 AGENTI ESTINGUENTI I seguenti agenti estinguenti, in aggiunta all acqua antincendio e in funzione del tipo di rischio, dovranno essere impiegati: liquido schiumogeno a bassa espansione; polvere chimica; anidride carbonica; il tipo di acqua impiegata per il servizio antincendio sarà acqua industriale. 3.2 APPARECCHIATURE E SISTEMI In funzione del tipo di rischio, dovranno essere previsti i seguenti sistemi e apparecchiature antincendio: idranti e cassette idranti; naspi ad acqua; monitori a schiuma; sistemi fissi a schiuma; sistemi fissi di raffreddamento sistemi fissi a diluvio alta velocità; sistemi fissi a diluvio a schiuma; sistemi fissi a saturazione di gas; estintori portatili a polvere; estintori carrellati a polvere; estintori portatili ad anidride carbonica; monitori ad acqua portatili. Coll Energia S.r.l. Pag. 8

16 4 SELEZIONE DEI SISTEMI FISSI DI PROTEZIONE ANTINCENDIO La selezione della tipologia di impianto di protezione è effettuata in considerazione delle diverse aree di rischio/intervento identificate. 4.1 IDENTIFICAZIONE DELLE AREE DI INTERVENTO Sulla base di quanto indicato in precedenza, sono state identificate le seguenti Aree di Intervento: Aree Stoccaggio Legno; Area Pretrattamento e Movimentazione Biomassa; Area Sezione Calda di Produzione Pyoil; Area Sezione Fredda di Produzione Pyoil; Area Stoccaggio Pyoil; Area Stoccaggio Gasolio; Area Recupero Termico e Trattamento Fumi; Stazione Acqua Antincendio; Area Trattamento Acque; Edificio Pesa e Area Pesa; Edificio Antincendio; Edificio Uffici, Spogliatoi e Sala Controllo; Isola di Potenza o Area Generazione Elettrica comprendente motori, ORC e annex elettrico ; Magazzino e Officina; Locali Compressori; Edificio Acqua Demi; Edificio Elettrico, Diesel di Emergenza, Trasformatori; Edificio Laboratorio e Locali Tecnici. Coll Energia S.r.l. Pag. 9

17 5 SISTEMA ANTINCENDIO I sistemi e le apparecchiature da prevedere a protezione dell impianto saranno alimentati da una stazione di stoccaggio e pompaggio e da un sistema di distribuzione acqua antincendio dedicati. 5.1 MASSIMA RICHIESTA ACQUA ANTINCENDIO La massima richiesta di acqua antincendio è definita applicando il seguente metodo: l impianto da proteggere viene suddiviso in Aree di Intervento; per ciascuna Area di Intervento viene identificato lo scenario più critico; sulla base dello scenario più critico di ciascuna Area di Intervento, si definiscono i sistemi che devono intervenire in contemporaneo e si calcola la relativa richiesta di acqua antincendio; il caso più gravoso, tra quelli identificati, definirà la massima richiesta d acqua per le nuove installazioni Identificazione dello Scenario più Critico Lo scenario più critico si verifica, in caso di incendio, in una delle Aree Stoccaggio Legno. Tale scenario prevede l intervento contemporaneo dei seguenti sistemi: No. 3 (tre) cannoni monitori portatili ad acqua ognuno con portata di 1500 litri/minuto; No. 4 lance antincendio ognuna con portata di 500 litri/minuto. Il dimensionamento preliminare è riportato al Paragrafo Richiesta Acqua Antincendio Calcolo Fabbisogno Idrico Impianti Parametri di Dimensionamento In conformità ai codici e agli standard di riferimento dovranno essere adottati i seguenti parametri di dimensionamento. Idranti: - massima distanza tra due idranti successivi 50 m - portata per manichetta 30 m 3 /ora (a 3.5 barg) - cassetta idranti una ogni due (2) idranti Naspi: - massima distanza tra due naspi successivi 25 m - portata per naspo 200 litri/minuto (a 3.5 bar g) Coll Energia S.r.l. Pag. 10

18 Sistemi di Raffreddamento Serbatoi - densità di scarica per serbatoi: 2.0 (litri/minuto) x m 2 (mantello di cui 20% sul tetto) Sistemi a Diluvio ad Acqua - densità di scarica per trasformatori a bagno d olio Sistemi a Diluvio a Schiuma - densità di scarica per serbatoi di processo e scambiatori in accordo NFPA (litri/minuto)x m 2 su inviluppo trafo e 6.1 (litri/minuto)x m 2 su superficie sotto trafo 10.2 (litri/minuto)x m 2 - densità di scarica per pompe e compressori 20.4 (litri/minuto)x m 2 Sistemi a Schiuma a Bassa Espansione - densità di scarica per serbatoi a tetto fisso 4.1 (litri/minuto) x m 2 superficie prodotto - densità di scarica per bacino serbatoi 4.1 (litri/minuto) x m 2 superficie bacino Cannoni Monitori: - portata cannoni monitori a schiuma 2000 litri/minuto (a 7.5 barg) - portata cannoni monitori ad acqua 1500 litri/minuto (a 7.5 barg) Contingency Factor Nel calcolo delle portate dei sistemi fissi ad acqua e schiuma è stato adottato un valore di contingency factor pari al 20% della portata teorica. Pressione di Alimentazione La pressione residua al punto di utilizzo più critico, dal punto di vista idraulico, dovrà essere di 8.0 barg Richiesta Acqua Antincendio Calcolo Fabbisogno Idrico Impianti Nel seguito si effettua una valutazione di base della massima richiesta d acqua antincendio delle diverse utenze; il risultato riportato nel seguito dovrà essere verificato in fase di progettazione di dettaglio. Nelle seguenti tabelle si riportano le richieste di acqua antincendio relativa ad ogni area intervento. Il dimensionamento delle protezioni è preliminare ed è connesso alle dimensioni delle apparecchiature protette. Nel caso in cui le dimensioni siano modificate il dimensionamento dovrà essere aggiornato. Nelle tabelle che seguono è stata usata la seguente simbologia: A o S D e R area o superficie protetta; diametro e raggio serbatoi; Coll Energia S.r.l. Pag. 11

19 H L e W QT QSPC CF altezza; lunghezza e larghezza bacini; portata totale di acqua o miscela schiumogena; portata specifica di acqua o miscela schiumogena; Contingency Factor. Area Sezione Fredda di Produzione Pyoil - Massima Richiesta di Acqua Antincendio A protezione dell Area Sezione Fredda di Produzione Pyoil è previsto l intervento contemporaneo delle seguenti utenze: No. 1 sistema fisso diluvio a schiuma a protezione delle apparecchiature riportate in Tabella 5-1; No. 2 lance manuali di supporto da 500 litri/minuto cadauna. Si evidenzia che in considerazione degli spazi disponili nell edificio entro cui sono collocate le apparecchiature della sezione denominata Area Fredda di Produzione Pyoil si prevede, in questa fase, una protezione che includa tutte le apparecchiature. Con disposizioni impiantistiche ed apparecchiature di maggiori dimensioni la protezione può essere articolata mediante impianto a schiuma a protezione dell apparecchiatura considerata in fiamme e a seconda della localizzazione delle apparecchiature, eventuale raffreddamento mediante acqua antincendio delle apparecchiature esposte. In considerazione degli spazi e delle dimensioni delle apparecchiature, si prevede lo spegnimento di un eventuale incendio ed il raffreddamento/soffocamento dei componenti limitrofi onde evitare il coinvolgimento nell incendio con lo stesso impianto a schiuma. A tale proposito si prevede che l impianto sia progettato in accordo alla norma NFPA 16, che regola gli impianti a schiuma, ma la portata specifica di dimensionamento si prevede sia superiore dell ordine di circa 10.2 l/min/m 2. Si evidenzia che una volta definito il layout di dettaglio delle apparecchiature riportate nell elenco di Tabella 5-1, si potrà valutare se potranno essere protette a gruppi facendo capo a più di una valvola a diluvio. Tale aspetto farà parte di una fase di studio del progetto più avanzata. Coll Energia S.r.l. Pag. 12

20 Tabella 5-1 Sistema Fisso Diluvio a Schiuma APPARECCHIATURE PROTETTE SISTEMA PROTEZIONE ATTIVA ITEM DESCRIZIONE AREA OPERATIVA (m 2 ) PORTATA TEORICA (litri/minuto) PORTATA REALE (m 3 /ora) C 02 A/B Recycle Gas Blowers E 01 A Primary Cooler E 01 B Primary Cooler E 02 Secondary Cooler E 03 Vapor Reheater P 01 A/B Primary Cooler Pumps P 02 Secondary Cooler Pumps P 03 Demister Pump P 04 A/B Fiber Bed Filter Pumps V 05 Primary Quench Tower V 06 Secondary Quench Tower V 07 Demister PORTATA SISTEMA FISSO SCHIUMA (m 3 /ora) 124 La portata massima richiesta sarà quella indicata nella seguente tabella: Tabella 5-2 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Sezione Fredda Pyoil SISTEMI DI PROTEZIONE Sistema fisso diluvio a schiuma a protezione componenti Tabella 5-1 (No. 1) PORTATE PREVISTE PORTATA (litri/minuto) (m 3 /ora) 2067 x 1 = Mezzi manuali di supporto 500 x 2 = PORTATA TOTALE 184 Area Sezione Calda di Produzione Pyoil - Massima Richiesta di Acqua Antincendio A protezione dell Area Sezione Calda di Produzione Pyoil è previsto l intervento contemporaneo delle seguenti utenze: No. 2 cannoni monitori a schiuma da 2000 litri/minuto cadauno; No. 2 lance manuali di supporto da 500 litri/minuto cadauna. Coll Energia S.r.l. Pag. 13

21 La portata massima richiesta sarà quella indicata nella seguente tabella: Tabella 5-3 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Sezione Calda Pyoil SISTEMI DI PROTEZIONE PORTATE PREVISTE PORTATA (litri/minuto) (m 3 /h) Cannoni monitori a schiuma (No. 2) 2000 x 2 = Mezzi manuali di supporto 500 x 2 = PORTATA TOTALE 300 Area Stoccaggio Pyoil e Gasolio Dimensionamento dei Sistemi di Protezione Dedicati Massima Richiesta di Acqua Antincendio Serbatoi Pyoil Sistema di Protezione a Schiuma Ciascun serbatoio considerato a tetto fisso sarà protetto da un sistema a schiuma, dimensionato come di seguito indicato: a. D Serbatoio 12 m, Area Prodotto da Proteggere A = m 2 b. Portata Miscela Schiumogena QT = A x QSPC x CF = x 4.1 x 1.2 = 560 litri/minuto c. si prevede siano installate No. 2 camere a schiuma da 300 litri/minuto cadauna per una portata totale di 600 litri/minuto (36 m 3 /ora). Serbatoi Pyoil Sistema di Raffreddamento Il sistema di raffreddamento di ciascun serbatoio, sarà dimensionato come di seguito indicato: a. D Serbatoio 12 m H Serbatoio 13.5 m, Superficie Mantello S = m 2 b. Portata Acqua di Raffreddamento Q = S x QSPC x CF = x 2.0 x 1.2 = 1222 litri/minuto (74 m 3 /ora) Bacino Serbatoi Pyoil Sistema di Protezione a Schiuma Ciascun bacino sarà protetto da un sistema a schiuma, dimensionato come di seguito indicato: a. L = W = 20 m, Area Bacino A = 400 m 2 b. Portata Miscela Schiumogena QT = A x QSPC x CF = 400 x 4.1 x 1.2 = 1968 litri/minuto c. si prevede siano installate No. 8 lance a schiuma da 250 litri/minuti cadauna per una portata totale di 2000 litri/minuto (120 m 3 /ora). Coll Energia S.r.l. Pag. 14

22 Serbatoi Gasolio Sistema di Protezione a Schiuma Ciascun serbatoio sarà protetto da un sistema a schiuma, dimensionato come di seguito indicato: a. D Serbatoio 6 m, Area Prodotto da Proteggere A = 28 m 2 b. Portata Miscela Schiumogena QT = A x QSPC x CF = 28.0 x 4.1 x 1.2 = 138 litri/minuto c. sarà installata No. 1 camera a schiuma da 150 litri/minuto (9 m 3 /ora). Serbatoi Gasolio Sistema di Raffreddamento Il sistema di raffreddamento di ciascun serbatoio, sarà dimensionato come di seguito indicato: a. D Serbatoio 6 m, H Serbatoio 7 m, Superficie Mantello S = 132 m 2 b. Portata Acqua di Raffreddamento Q = S x QSPC x CF = 132 x 2.0 x 1.2 = 317 litri/minuto (19 m 3 /ora). Sistema Schiuma Protezione Bacino Serbatoi Gasolio Ciascun bacino sarà protetto da un sistema a schiuma, dimensionato come di seguito indicato: a. L = W = 10 m, Area Bacino 100 m 2 b. Portata Miscela Schiumogena QT = A x QSPC x CF = x 4.1 x 1.2 = 492 litri/minuto c. si prevede siano installate No. 2 lance a schiuma da 250 litri/minuto cadauna per una portata totale di 500 litri/minuto (30 m 3 /ora). Massima Richiesta di Acqua Antincendio Lo scenario più critico per questa Area si verifica in caso di fuoriuscita di Pyoil nel bacino a seguito di fessurazione importante del serbatoio di Pyoil installato in posizione centrata ed incendio del prodotto stesso. Lo scenario previsto richiede l intervento contemporaneo delle seguenti utenze: sistema a schiuma a protezione del bacino in fiamme; sistema di raffreddamento del serbatoio Pyoil adiacente; sistemi di raffreddamento dei due serbatoi gasolio adiacenti; No. 2 lance manuali di supporto da 500 litri/minuto cadauna, 60 m 3 /ora totali. La portata massima richiesta sarà quella indicata nella seguente tabella: Coll Energia S.r.l. Pag. 15

23 Tabella 5-4 Massima Richiesta di Acqua Antincendio Area Stoccaggio Pyoil e Gasolio SISTEMI DI PROTEZIONE PORTATA (m 3 /ora) Sistema a schiuma a protezione del bacino in fiamme 120 Sistema di raffreddamento del serbatoio Pyoil adiacente 74 Sistema di raffreddamento del serbatoio gasolio adiacente 19 Sistema di raffreddamento del serbatoio gasolio adiacente 19 Mezzi manuali di supporto 60 PORTATA TOTALE 292 Area Trasformatori a Bagno D Olio Dimensionamento del Sistema di Protezione Dedicato Sistema a Diluvio ad Alta Velocità Ciascun trasformatore a bagno d olio sarà protetto da un sistema a diluvio, dimensionato come di seguito indicato: a. L= 3 m, W = 1.5 m, H = 3 m, Superficie Trasformatore da Proteggere A1 = 31.5 m 2 b. Portata Acqua Antincendio QT1 = A x QSPC x CF = 31.5 x 10.2 x 1.2 = 386 litri/minuto c. Superficie Base Raccolta Olio A2 = L x W = 5.0 x 3.5 = 17.5 m 2 d. Portata Acqua Antincendio QT2 = 17.5 x 6.1 x 1.2 = 128 litri/minuto e. Portata Totale QT = QT1 + QT2 = = 514 litri/minuto (31 m 3 /ora). Massima Richiesta di Acqua Antincendio A protezione di ciascuno dei trasformatori a bagno d olio (situazione di incendio non contemporanea), è previsto l intervento contemporaneo delle seguenti utenze: sistema a diluvio ad alta velocità. No. 2 lance manuali di supporto da 500 litri/minuto cadauna, 60 m 3 /ora totali. La portata massima richiesta sarà quella indicata nella seguente tabella: Coll Energia S.r.l. Pag. 16

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO CAPITOLO 1 - I criteri di difesa antincendio 3 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione» 3» 3 CAPITOLO 2 - I sistemi

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70001730 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti a secco Progettazione, installazione ed esercizio Fire fighting equipment Dry pipe Fire Hydrant systems

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM ESTINTORI A POLVERE La polvere antincendio è composta principalmente da composti salini quali bicarbonato di sodio o potassio con l aggiunta di collante e additivi per migliorarne le qualità di fluidità

Dettagli

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO INDICE 1 GENERALITÀ...2 1.1 Oggetto della relazione...2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 2.1 Impianto di riscaldamento...3 2.2 Impianto idrico-sanitario...5 2.3 Impianto antincendio...5 2.4 Impianto di scarico...6

Dettagli

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

ESSO Italiana s.r.l.

ESSO Italiana s.r.l. ESSO Italiana s.r.l. Generalità Ragione sociale ESSO ITALIANA Deposito costiero idrocarburi liquidi Indirizzo Via Nuova delle Brecce, 127 Comune Napoli Gestore Ing. Mirko Ranieri Recapiti del Gestore Domicilio:

Dettagli

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 2 Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 3 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 4 5 6 Come si spegne un incendio 7 8 9 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Come si spegne

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

ESTINTORI CARRELLATI OMOLOGATI M.I. UNI 9492

ESTINTORI CARRELLATI OMOLOGATI M.I. UNI 9492 Estintori carrellati a pressione permanente, con manometro di controllo, serbatoio separato dalla struttura portante. Ogni serbatoio viene collaudato idraulicamente secondo la normativa europea PED 97/23.

Dettagli

L ANALISI DI RISCHIO VISTA COME STRUMENTO PER LA VERIFICA DI ADEGUATEZZA DEL SISTEMA ANTINCENDIO F.Fazzari*, G.Pinetti, F.Perrone, E.

L ANALISI DI RISCHIO VISTA COME STRUMENTO PER LA VERIFICA DI ADEGUATEZZA DEL SISTEMA ANTINCENDIO F.Fazzari*, G.Pinetti, F.Perrone, E. L ANALISI DI RISCHIO VISTA COME STRUMENTO PER LA VERIFICA DI ADEGUATEZZA DEL SISTEMA ANTINCENDIO F.Fazzari*, G.Pinetti, F.Perrone, E.Avanzi *Ispettorato Regionale Vigili del Fuoco Regione Siciliana Via

Dettagli

IMPIANTI ANTINCENDIO A SCHIUMA

IMPIANTI ANTINCENDIO A SCHIUMA Il premescolatore detto anche a spostamento di liquido, è costituito da un serbatoio in acciaio collaudato, marcato CE. Nel suo interno vi è una membrana in materiale sintetico resistente alla corrosione

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile 34 BC 89 BC. Estintore omologato a polvere, carrellato A B1 C A B1 C A B1 C

Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile 34 BC 89 BC. Estintore omologato a polvere, carrellato A B1 C A B1 C A B1 C antincendio art. 139 Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile ESTINTORI Kg. 6 34 A 233 BC Kg. 9 55 A 233 BC Kg. 12 55 A 233 BC art. 139/A Estintore omologato CO 2, UNI-EN 3-7 portatile Kg. 2

Dettagli

L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) Corso integrato Acquedotti e Fognature e Laboratorio di Acquedotti e Fognature

L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) Corso integrato Acquedotti e Fognature e Laboratorio di Acquedotti e Fognature L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) L'impianto autoclave è un sistema per dare pressione a un impianto idrico

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI... pag. 2. 1.1 Riferimenti Normativi... pag. 2. 1.2 Generalità sull Impianto... pag. 3

1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI... pag. 2. 1.1 Riferimenti Normativi... pag. 2. 1.2 Generalità sull Impianto... pag. 3 INDICE 1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI.................................... pag. 2 1.1 Riferimenti Normativi........................................ pag. 2 1.2 Generalità sull Impianto.......................................

Dettagli

EQUIPMENTS DE PULVERISATION D EAU ETUDE DE DIMENSIONNEMENT/IMPIANTO AD ACQUA NEBULIZZATA RELAZIONE DI CALCOLO

EQUIPMENTS DE PULVERISATION D EAU ETUDE DE DIMENSIONNEMENT/IMPIANTO AD ACQUA NEBULIZZATA RELAZIONE DI CALCOLO 1 INDICE 1 INDICE... 2 2 RESUME/RIASSUNTO... 3 3 DOCUMENTAZIONE APPLICABILE... 4 3.1 Norme funzionali... 4 3.2 Altri documenti di riferimento... 4 4 DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO... 5 4.1 Generalità...

Dettagli

firing SP rin KL er idr Anti Schiuma SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 45

firing SP rin KL er idr Anti Schiuma SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 45 Schiuma firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 45 Impianti schiuma Una soluzione definitiva in applicazioni dove l acqua non basta. Per la progettazione degli

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008 MEZZI DI ESTINZIONE FISSI SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER norma UNI 12845/2009 Specifica i requisiti e fornisce i criteri per la progettazione l installazione e la manutenzione di impianti fissi antincendio

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Definizione di norma tecnica Le norme sono documenti prodotti mediante

Dettagli

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Registro della Sicurezza Antincendio (cod. 300.41) DIMOSTRATIVO MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO Modello di REGISTRO

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO

IMPIANTO ANTINCENDIO IMPIANTO ANTINCENDIO La scuola sarà dotata di impianto idrico antincendio per la protezione interna ossia la protezione contro l incendio che si ottiene mediante idranti a muro, installati in modo da consentire

Dettagli

o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua";

o Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua; Distributori di GPL per autotrazione Sistema di alimentazione: TT, TN-S, Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata

Dettagli

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Tipologie di pompe ammesse: 1. Pompe base-giunto di tipo back Pull-out 2. Pompe base-giunto

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2

INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2 INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2 COMPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI... 2 ALIMENTAZIONE IDRICA... 3 COMPONENTI DEGLI IMPIANTI...

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 2 - ZONA 9 - SCUOLA N 1277 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E CENTRALE TERMICA NELLA

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

Corso Base - Livello A1-01 per operatori volontari di Protezione Civile Edizione 20

Corso Base - Livello A1-01 per operatori volontari di Protezione Civile Edizione 20 Intro.. Estintori fasi di un incendio triangolo del fuoco . Estintori il più immediato dispositivo antincendio attivo.. permette di estinguere un incendio (o principio) eliminando un ʺlatoʺ del triangolo

Dettagli

L obbiettivo vuole essere quello di

L obbiettivo vuole essere quello di ADDETTI ANTINCENDIO CORSO BASE OBIETTIVO L obbiettivo vuole essere quello di informare e formare, tutti coloro che per la prima volta devono conoscere le basi per la lotta antincendio nell emergenza. Imparando

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli

ESTINTORI DI INCENDIO

ESTINTORI DI INCENDIO ESTINTORI DI INCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO NORME TECNICHE E PROCEDURALI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CAPACITÀ ESTINGUENTE E PER L OMOLOGAZIONE DEGLI ESTINTORI CARRELLATI D INCENDIO D.M. 06/03/1992 Art.

Dettagli

NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO

NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La norma UNI 9994-1, in vigore dal 20 Giugno 2013, sostituisce la UNI 9994 del 2003. Essa

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi

Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Gianni Bettini Vicenza, 25 giugno 2005 1di 24 Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Di quali centrali termiche stiamo parlando?

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO 1. TERMINOLOGIA RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Idrante antincendio: apparecchiatura antincendio dotata di un attacco unificato, di valvola di intercettazione ad apertura manuale e collegato ad una

Dettagli

SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio

SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio Potente ed aggiornato strumento di progettazione di reti idranti e sprinkler secondo le norme UNI EN 12845, UNI 10779 e NFPA 13 - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

COSA SONO A COSA SERVONO

COSA SONO A COSA SERVONO 1 MEZZI MOBILI DI ESTINZIONE? COSA SONO A COSA SERVONO PER UN PRONTO INTERVENTO SU UN PRINCIPIO DI INCENDIO 2 TIPOLOGIE IN RELAZIONE AL PESO COMPLESSIVO ESTINTORE PORTATILE DECRETO 7 gennaio 2005 Norme

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione

Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione Sistema di alimentazione: TT, TN-S, Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO Via Braccini, 7 CAP 10070 PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI ROBASSOMERO Via Braccini, 7 CAP 10070 PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI ROBASSOMERO Via Braccini, 7 CAP 10070 PROVINCIA DI TORINO 011/923.44.00 - Fax 011/923.44.22 comune@comune.robassomero.to.it www.comune.robassomero.to.it P.I.V.A. 01381880010 C.F. 83001550017

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo.

L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo. Oggetto dell intervento L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo. Il palazzo Municipale sarà dotato dei seguenti

Dettagli

Unità automatica di scarico e pompaggio APT14, APT14HC e APT14SHC

Unità automatica di scarico e pompaggio APT14, APT14HC e APT14SHC Pagina 1 di 5 TI-P612-02 ST Ed. 7 IT - 2009, HC e SHC Descrizione Le unità automatiche di scarico e pompaggio Spirax Sarco, HC e SHC funzionano come pompe volumetriche e hanno attacchi filettati o flangiati

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

CODICE DN USCITE UNI PROFONDITA INTERRATA

CODICE DN USCITE UNI PROFONDITA INTERRATA Antincendio Idranti Idrante soprasuolo prodotto Descrizione : I16 Idrante soprasuolo a colonna con apertura dall alto con apposita chiave Accessori : - Scarico automatico antigelo - Dispositivo di rottura

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI - IMPIANTI IDRICI ANTINCENDIO - NASPI ANTINCENDIO - IDRANTI ANTINCENDIO - SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI - IMPIANTI IDRICI ANTINCENDIO - NASPI ANTINCENDIO - IDRANTI ANTINCENDIO - SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER MEZZI DI ESTINZIONE FISSI - IMPIANTI IDRICI ANTINCENDIO - NASPI ANTINCENDIO - IDRANTI ANTINCENDIO - SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER - IMPIANTI AD ESTINGUENTI GASSOSI RETI AD IDRANTI - RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti Sprinkler Caratteristiche Comprendono almeno una rete di tubazioni di distribuzione ad uso esclusivo antincendio, un insieme

Dettagli

Misure di protezione attiva

Misure di protezione attiva Misure di protezione attiva Attrezzature ed impianti di estinzione degli incendi Estintori Gli estintori sono in molti casi i mezzi di primo intervento più impiegati per spegnere i principi di incendio.

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

SINERGIA DI GRUPPO 2

SINERGIA DI GRUPPO 2 Water Mist 1 SINERGIA DI GRUPPO 2 La Società del Gruppo che si occupa della ricerca e dello sviluppo di nuovi prodotti e tecnologie antincendio per: A R C H I V I E M A G A Z Z I N I A L B E R G H I ED

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

MANUTENZIONE ESTINTORI

MANUTENZIONE ESTINTORI MANUTENZIONE ESTINTORI Fra tutti gli strumenti a disposizione dell uomo per combattere gli incendi, l estintore è quello più diffuso, immediato e facile da usare per la sicurezza di qualsiasi edificio

Dettagli

FORUM di PREVENZIONE INCENDI 2011 Milano 26 27 Ottobre

FORUM di PREVENZIONE INCENDI 2011 Milano 26 27 Ottobre FORUM di PREVENZIONE INCENDI 2011 Milano 26 27 Ottobre Esperienza maturata in ambito ferroviario sulla protezione di carrozze passeggeri con il sistema Presidente: Roberto Borraccino 1 Sistema di spegnimento

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l.

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l. Prove, collaudi e certificazioni nel campo antincendio; formazione; consulenze tecniche; verifiche ascensori. ATTIVITÀ DI Tecnologie Sviluppo Industriale S.r.l. (TE.S.I.) é un'azienda articolata in più

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI...

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... Pagina 1 di 6 1. PREMESSA La presente relazione intende

Dettagli

MODELLO: MONOBLOCK MINI BOX VTP

MODELLO: MONOBLOCK MINI BOX VTP MODELLO: MONOBLOCK MINI BOX VTP Stazione di stoccaggio e pressurizzazione idrica per impianti antincendio IBRIDA composto da riserva idrica da interro vano tecnico con installato gruppo di pressurizzazione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Gruppi Antincendio.com

Gruppi Antincendio.com GRUPPI ANTINCENDIO EN12845 Base giunto I gruppi antincendio sono preassemblati su un robusto basamento zincato a caldo comprendente anche la struttura dei quadri elettrici. Mod. P1E Elettropompa principale

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

Una gamma completa. di serie fino a -15 C (modelli AG).

Una gamma completa. di serie fino a -15 C (modelli AG). Meteo Meteo è una gamma completa di caldaie specifiche per esterni. Gli elevati contenuti tecnologici ne esaltano al massimo le caratteristiche specifiche: dimensioni, pannello comandi remoto di serie,

Dettagli

Bettati antincendio srl. Forum di prevenzione incendi

Bettati antincendio srl. Forum di prevenzione incendi SISTEMI WATERMIST: LE POTENZIALITA DELLA BASSA PRESSIONE Bettati antincendio srl Forum di prevenzione incendi Sala C - 02/10/2014 Ore 12.35 Agenda 1. INTRODUZIONE a) Le aziende del gruppo Bettati holding

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria Regione Calabria Unione Europea POR CALABRIA FESR 2007-2013 ASSE V RISORSE NATURALI,

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI della rispondenza della posizione delle porte REI al progetto di

Dettagli

GRUPPI DI ALLARME. - Campana idraulica di allarme - art.902. - Camera di ritardo - art.901 (solo per impianti a pressione variabile)

GRUPPI DI ALLARME. - Campana idraulica di allarme - art.902. - Camera di ritardo - art.901 (solo per impianti a pressione variabile) GRUPPI DI ALLARME Art. 925 Gruppo di allarme ad UMIDO Firelock serie 751 preassemblato omologato VdS/CE/LPCB per impianti antincendio a sprinkler ove non sussiste il rischio di gelo, applicazioni tipiche:

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO

RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO PROGETTO GESTIONE ORDINARIA EDIFICI SCOLASTICI II Codice Edificio: 2008 RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO OGGETTO: L.S. BRUNO, TORINO - INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Premessa Attualmente all interno della struttura è già presente un impianto di estinzione incendi costituito da idranti UNI45; si provvederà ad

Dettagli

CENTRALE TERMICA A GAS METANO O GPL (riscaldamento, produzione acqua calda, grandi cucine, forni da pane, etc.)

CENTRALE TERMICA A GAS METANO O GPL (riscaldamento, produzione acqua calda, grandi cucine, forni da pane, etc.) CENTRALE TERMICA A GAS METANO O (riscaldamento, produzione acqua calda, grandi cucine, forni da pane, etc.) Sistema di alimentazione: TT Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO Ing. Pietro Marco SIMONI Via Roncari, 39/A 21023 BESOZZO (VA) Tel/fax 0332-970793 PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (ai sensi

Dettagli

DECRETO 22 ottobre 2007

DECRETO 22 ottobre 2007 DECRETO 22 ottobre 2007 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina operatrice

Dettagli

MONOSTADIO PLUS DI PRODOTTO. monostadio a basse emissioni inquinanti

MONOSTADIO PLUS DI PRODOTTO. monostadio a basse emissioni inquinanti MONOSTADIO monostadio a basse emissioni inquinanti Bruciatori di gasolio monostadio a basse emissioni di NOx (< 90 mg/kwh) e sonore (< 60 dba). Sono dotati di corpo in alluminio, struttura con un sistema

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Spett.le Comando dei VVF Corso Ivrea n. 133 11100 AOSTA RELAZIONE ILLUSTRATIVA OGGETTO: Richiesta di parere di conformità antincendio per centrale termica a servizio del palazzetto sportivo Sport Haus

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Croce Rossa Italiana Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Rovereto, 24 maggio 2012 Istruttore PC Massimiliano (Max) Morari Sommario I Vigili del Fuoco Sicurezza

Dettagli

firing SP rin KL er idr Anti SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi Sprinkler giunti StAffAggio 25

firing SP rin KL er idr Anti SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi Sprinkler giunti StAffAggio 25 Sprinkler firing IDRANTI SCHIUMA watermist GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 25 Valvola AD UMIDO I sistemi sprinkler ad umido sono progettati per essere utilizzati in applicazioni dove la temperatura

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti -

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - P.S.R. 2007/2013 Misura 226 Azione d) (Acquisto di attrezzature e mezzi innovativi per il potenziamento degli interventi di prevenzione

Dettagli

Decreto del Ministero dell interno

Decreto del Ministero dell interno Decreto del Ministero dell interno Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina

Dettagli

Novità per la classificazione delle centrali termiche a metano

Novità per la classificazione delle centrali termiche a metano Novità per la classificazione delle centrali termiche a metano Pubblicato il: 03/07/2007 Aggiornato al: 03/07/2007 di Gianfranco Ceresini 1. Generalità Con la pubblicazione della nuova guida CEI 31-35/A,

Dettagli

IMPIANTI SPRINKLERS. impianti a umido. impianti a secco

IMPIANTI SPRINKLERS. impianti a umido. impianti a secco IMPIANTI SPRINKLERS impianti a umido Quello a umido è il sistema sprinkler più semplice e diffuso. E installato di frequente in stabilimenti, depositi e centri direzionali dove non esiste alcun rischio

Dettagli

Riparazione e Manutenzione

Riparazione e Manutenzione Riparazione e Manutenzione Ampia selezione in una singola marca. Esclusivi design duraturi. Prestazioni rapide e affidabili. Descrizione Versioni Pagina Pompe prova impianti 2 9.2 Congelatubi 2 9.3 Pompe

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO SEZIONE PROVINCIALE DI ROMA SERVIZIO IMPIANTI E RISCHI INDUSTRIALI VIA BONCOMPAGNI, 101 00187 ROMA AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre

Dettagli

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici.

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici. TERMOIDRAULICA: PROGRAMMA FORMAZIONE 2010 Con l obiettivo di fornire costante informazione alle imprese termoidrauliche che operano nel settore degli impianti tecnologici, il programma di aggiornamento

Dettagli

ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova regola tecnica

ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova regola tecnica GRANDI RISCHI COMMENTO 58 N. 2-29 gennaio 2013 IL SOLE 24 ORE www.ambientesicurezza24.com Dal MinInterno nuove disposizioni con il D.M. 20 dicembre 2012 ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova

Dettagli